Recensioni per
I Ladri di Makhram
di n3rieko

Questa storia ha ottenuto 11 recensioni.
Positive : 11
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
20/09/17, ore 08:00
Cap. 5:

Nessuno che è intervenuto per far notare il vero colpevole, anche se un sacco di gente l'avrà visto travolgere Yamaric... dinamica comprensibile, ma adesso stanno mandando un 'innocente' in carcere e facendo scappare un colpevole. Il peggio sono quelle guardie, che manco provano a verificare l'alibi!
E Inian ...proprio adesso doveva venirgli una paralisi da trauma?
Maeve ... una ragazza dolce con un forte senso del dovere, ma al contempo piena di incertezze per il futuro. Comprensibile, vista la situazione.
Però con suo fratello ... okay, non so se sono io che ho una mente contorta o se fosse stato intenzionale, ma perché mi sembrano leggermente incestuosi? Seth pensa costantemente alla bellezza della sorella, al suo profumo, ai suoi capelli, sembra indignato all'idea che lei si sposi (okay, lì si può giustificare col fatto che non conosce lo sposo) e quel giuramento di devozione che le fa suona più come qualcosa che si direbbe a un'amante che a una sorella. E lei si associa in questo capitolo, non potendo fare a meno di paragonare il suo misterioso sposo a Seth. Probabilmente sono io che ci leggo troppo, ma la cosa mi ha fatta sorridere. Però i ricordi di quando erano bambini mi sono piaciuti, erano adorabili, realistici e indiscutibilmente fraterni!
Il capo delle guardie sembra la persona più ragionevole che abbiamo incontrato finora, essendo disposta a un vero e proprio interrogatorio con inchiesta, ma anche il povero Yamaric si è difeso bene.
Chissà cosa staranno facendo gli altri ladri?
Complimenti per un altro bel capitolo!

Nuovo recensore
19/09/17, ore 21:59
Cap. 5:

Salve!
Bel capitolo. Yamaric mi fa una tenerezza tale che vederlo in cella mi fa stare male pure me. Mi sono stupita quando ho letto che aveva vent'anni, sinceramente, me lo sarei aspettata più piccolo e invece è pure più vecchio di me😂.
Un altro personaggio che stimo molto è Maeve ( forse sarà per la mia passione per i personaggi femminili). Non è come certe donne che appaiono nei libri fantasy che pensano solo a combattere, combattere e ancora combattere, andando contro tutto e tutti e che a volte escono quasi prive di ogni tipo d'emozione, questo tipo di personaggio femminile è carino e pure molto complicato da gestire però dopo un po, almeno che non lo si riesca a tenere a freno, un carattere troppo forte (pure in un personaggio maschile) rischia di sopraffare tutti gli altri. Tornando a Maeve, lei mi piace perché è quel genere di donna che sa provare degli affetti veri che si preoccupa per le persone che ama e che sa essere dolce e allo stesso tempo sa il fatto suo.
Seth sta iniziando a starmi più simpatico che nei primi capitoli, chissà, forse la febbre lo rende più dolce😂😂

Dopo questa parentesi sui miei amati personaggi, arriviamo alle dolenti note: gli errori. "lo ammanettato, non reagì quando lo colpirono da in sella ai loro cavalli."
La frase presenta due imperfezioni. "Lo ammanettato" ti consiglio di scriverlo con l'apostrofo anche se il computer te lo segna come un errore. "Lo colpirono da in sella ai loro cavalli" non è il massimo della vita, un mio consiglio è di scrivere "lo colpirono dalla cima della sella di uno dei loro cavalli."
Dopo la frase ho trovato due errori di battitura: "un quella cella umida non si era mosso" di sicuro volevi scrivere in e non un ed infine ho trovato da qualche parte, verso la fine, gurdare ti sei mangiata una "a"

Per adesso è tutto, spero di essere stata utile come al solito e di non aver detto stupidaggini. Ci vediamo al prossimo capitolo.
A presto!

Recensore Master
19/09/17, ore 21:56
Cap. 4:

In effetti non avevo pensato alle implicazioni della richiesta del re. Un po' mi dispiace per Seth, non solo è malato ma ha un pessimo genitore.
E sì, lui e Fersi hanno decisamente un legame malsano. Non so neanche da dove cominciare con quei due ... però quel misto di disprezzo, attrazione e desiderio di sopraffazione che il principe prova verso il suo servo è veramente disturbante, così come la completa sottomissione e i sensi di colpa di quest'ultimo. Una situazione molto inquietante, che hai descritto alla perfezione.
Per fortuna che i mitici ladri tornano a farmi sorridere, specie Eden e Jarvis che con i loro siparietti mi fanno davvero morire.
Yamaric è... incredibilmente tenero per essere un ladro. È fortissimo come si impegni a imitare i suoi maestri, tanto più che ha anche avuto successo!
E infatti ha una sfiga epocale. Cioè, me lo immagino: portare a termine con successo il proprio primo furto, e poi farsi arrestare per qualcosa che non si ha fatto! Povero.
Complimenti, un altro capitolo davvero interessante!

Recensore Master
19/09/17, ore 18:58
Cap. 3:

E così vediamo anche un altro lato del principe stronzo: il suo affetto e il suo desiderio di protezione nei confronti della sorella. Ottimo, lo rende un personaggio ancora più sfaccettato. La principessa Maeve mi sembra anche lei una persona molto dedita agli affetti familiari, fratello in particolar modo per come cerca di impedirgli di irritare il padre; quanto a quest'ultimo, mi sembra un uomo freddo e distante, più interessato alla ragion di Stato che ai figli. Bella famigliola disfunzionale!
Messi molto meglio sembrano i ladri. Certo, Yamaric si sente incredibilmente inadeguato, ma ci sarà un motivo per cui se lo portano a dietro, e nel complesso il loro mi è parso un gruppo allegro e rilassato.
Il loro covo é una figata! Ma a parte questo, suppongo che l'elemento più importante siano le maschere cremisi. A quanto pare, sta succedendo qualcosa di grosso che non riguarda l'assemblea. Promette guai per tutti ...
Complimenti per un altro bel capitolo!

Recensore Master
19/09/17, ore 17:40
Cap. 2:

Mi piace l'inizio: presenta molto bene questo gruppetto di ladri. Riesce a dare una buona idea sul carattere di tutti e ci introduce sia alla situazione politica di questo mondo, sia alla maledizione del principe. Inoltre l'atmosfera allegra e amichevole del gruppetto, fatta di prese in giro affettuose, discussioni strampalate e piccole scommesse, è resa molto bene. C'è solo un piccolo problema in quella parte: il nome è Jarvi o Javis? O il secondo è un soprannome?
A palazzo direi che c'è una situazione complicata. Il principe Seth ... si comporta malissimo verso il povero Fersi, usandolo come valvola di sfogo emotivo e sessuale, ma si capisce che ha avuto una vita difficile, essendo perennemente malato e quasi prigioniero della sua maledizione, costretto a guardare chiunque altro libero di muoversi a piacimento e a quanto pare disprezzato dal padre. Una vita isolata, passata a rodersi dalla gelosia e ad essere consapevole di non essere quello di cui il regno ha bisogno: ironicamente, i ladri a inizio capitolo se la stanno passando molto meglio del principe.
Fersi è un po' patetico: sembra che sia devoto e grato al principe per i benefici che gli concede, ma al contempo che ne tema gli scatti d'ira. Neanche per lui è tutto rose e fiori ...
Il primo capitolo vero e proprio riconferma questa storia come molto promettente, piena di personaggi ben delineati. Complimenti!

Recensore Master
19/09/17, ore 14:55
Cap. 1:

Un prologo davvero eccellente!
Innanzitutto, l'atmosfera cupa in cui si muove il protagonista è descritta magnificamente, così come la costante sensazione di irrealtà del poverino.
Poi, fa sorgere un bel po' di domande, che è quello che ogni prologo dovrebbe fare. Perché questo villaggio è stato attaccato? È una cosa frequente da quelle parti? Perché i tizi a cavallo erano così ossessionati dal recuperare proprio quella pover'anima del protagonista? Cosa farà ora lui, rimasto senza famiglia?
Questo primissimo capitolo promette una storia davvero interessante: complimenti!

Nuovo recensore
18/09/17, ore 15:00
Cap. 3:

Ehila bella fanciulla delle terre del Nord,
con un migliaiaio di anni di ritardo, mi metto a recensire questa intrigantissima storia :3 Parto subito a bomba con il prologo, che mi ha affascinata veramente molto. In un singolo capitolo sei riuscita a creare un'atmosfera che il mio cervello ha inconsciamente associato al Signore degli Anelli. In pochi paragrafi hai tratteggiato un panorama in modo così chiaro e realistico, da renderlo quasi tangibile. Ho sentito l'odore del fumo penetrarmi nelle narici, giuro. La scena in cui l'uomo si accovaccia per non essere scorto dai cavalieri mascherati, sebbene molto breve, mi ha fatto provare un'ansia fuori dall'ordinario. Insomma, con un prologo così denso di misteri e suspense, come sottrarsi alla lettura dei capitoli successivi?
Ecco che mi appresto a leggere il secondo cap, curiosa di scoprire un po' di più sul presunto protagonista, e, del tutto inaspettatamente, mi trovo immersa in un ambiente totalmente diverso. Anche stavolta ci sono tutti i presupposti per una storia fantasy in regola: un gruppo di ladri nomadi , una leggenda, un re affetto da un'incurabile malattia. I personaggi che fanno la loro prima apparizione sono assolutamente irresistibili. Mi piacciono le dinamiche del gruppo di quelli che all'apparenza potrebbero sembrare banditi, ma che in realtà sono ragazzi sprovveduti capitanati da un seducente giovane dal fascino irresistibile, Kai. Sarò onesta con te: la parte che mi è piaciuta di più, è stata quella del principe. Seth è qualcosa di illegalmente bello (nella mia immaginazione almeno), e la 'maledizione' che lo obbliga a rimanere perennemente nell'ombra, ha un che di vampiresco. Sai bene che io adoro tutto ciò che è pallido, elegante, raffinato. E Seth mi è sembrato una sorta di statua di cristallo che potrebbe frantumarsi da un momento all'altro.
Questa sua malattia non indebolisce solo il suo corpo, ma lo rende frustrato a tal punto, da spingerlo a sfogare la propria ira su chi non c'entra nulla (RIP in pepperoni Fersi...). Ma passiamo ad un altro pezzo di manz-...personaggio. Tooran. Ok, va bene che è un uomo maturo...ma...è normale che lo trovi sexy...? Cioè, boh, il solo dettaglio dei capelli striati di bianco all'altezza delle tempie m'ha fatto partire l'ormone. Magari ha sessant'anni. But still.
Il terzo capitolo inizia con un'ambientazione medievaleggiante (scusa, sto dicendo un mucchio di cavolate, ma non so perché, l'idea dell'unione dei regni con il matrimonio mi ha fatto subito pensare alle infelici pratiche di quel periodo). Mi è piaciuto molto come hai reso il rapporto fra i due fratelli, Seth e Maeve. Quest'ultima si è già rassegnata al suo destino di 'pegno' in cambio di un'alleanza favorevole, ma Seth non è d'accordo con quel retrogrado di suo padre, che non permette alla sorella nemmeno di incontrare il suo futuro sposo prima di celebrare le nozze. Vai così Seth, ci piaci coi controcazzi. Nella seconda parte del capitolo ho cominciato a provare istinti materni nei confronti di Yamaric (e dei suoi capelli arruffati). Cioè, è un cipollino così grazioso che non si può non amarlo! Ho come l'impressione che desideri ardentemente le attenzioni di Kai, e spero che quest'ultimo ricambi, nonostante la sua fama di donnaiolo ;)
La storia è scritta veramente bene, lo stile di scrittura è fluido e scorrevole e la descrizione degli ambienti ha un ché di pittoresco. È come se riuscissi a rendere ogni luce e ogni punto d'ombra, lasciando comunque spazio all'immaginazione del lettore, che completa il quadro con la sua fantasia. Hai fatto un lavoro veramente stupendo bubs <3
Un bacino timido
Ems

Nuovo recensore
15/09/17, ore 23:13
Cap. 4:

Ed eccomi un'altra volta. Come hai potuto? Hai fatto arrestare Yamaric. Povero piccolo! Un altro personaggio sfortunato è quel poveraccio di Fersi (spero di averlo scritto bene) che fa di tutto e di più per far felice il suo principe, ma, al posto di un gentile grazie, ottiene come unico risultato di essere maltrattato ancor di più, però si vede che Seth, anche se fa un po il tiranno con il suo servo diligente, oltre all'invidia prova dei sentimenti più profondi nei suoi confronti. Poi c'è stata la scena di Eden e Jarvi nella quale la ragazzina era praticamente appesa all'uomo e cercava di rubargli la colazione. La punteggiatura è un po confusa, però su questo pure io ho qualche problema quindi non posso aiutarti, però ti consiglio di leggere lentamente le frasi a bassa voce, questo metodo mi aiuta molto quando ho qualche insicurezza sull'utilizzo di qualche punto e di qualche virgola. Anche qui, ho trovato due frasi un pochino stonate. La prima, è verso l'inizio ed è questa: "...coppa d'argento colma fichi..." io metterei colma di fichi o piena di fichi. La seconda, più che essere stonata mi ha lasciata un po perplessa, però cerco di darti una mano con quello che ho compreso. La frase è questa: "...anche se probabilmente in Vjor lei non sapeva che qualche parola, sicuramente imprecazioni che scappavano a Jarvi ogni tanto." Personalmente io avrei modificato un po la disposizione delle parole, cioè avrei scritto: "anche se lei probabilmente sapeva solo qualche parola in Vjor, quello dovevano essere sicuramente le imprecazioni che scappavano a Jarvi" (però non so se questo era il significato che volevi darle tu, se mi sono sbagliata chiedo venia) Spero che la recensione sia stata utile e alla prossima.

Nuovo recensore
14/09/17, ore 15:28
Cap. 3:

Buongiorno.
Oggi ho trovato un po di tempo libero per finire di leggere il capitolo e per recensire ad un'ora decente.
Bene, iniziamo. Non ho trovato errori di battitura, lo stile è sempre buono e a parte una frase stonata ( te la segnalo in fondo alla recensione ) la storia è scritta bene.
I tizi con le maschere mi fanno venire un po d'ansia e di curiosità, mi chiedo a) che cosa sono? b) perché fanno così paura alla gente? c) cos'hanno di così diverso dalle altre guardie? Cosa che spiegherai sicuramente più avanti.

Benissimo, ho visto che i capitoli si dividono molto spesso in varie scene, cioè avvengono, non so se in contemporanea, in luoghi differenti. Tu li dividi con una linea. Io ti consiglio di rendere questa divisione più visibile anche ad una persona distratta come me. Io di solito quando faccio questi cambiamenti, metto il nome del luogo in cui si svolge la vicenda e la data o l'ora ( ma questo è solo un esempio, per te potrebbe pure non andare bene )

"Il gruppo si chiese cosa avesse mai potuto offrire Kai di così entusiasmante per lo stalliere per farlo sorridere così a quell'ora della sera" questa è la famosa frase di cui ti parlavo prima, allora, il problema sono i "per" il primo ti consiglio di sostituirlo con un "allo", togliendo l'articolo "lo", e, invece, il secondo ti consiglio di sostituirlo con un "da".
Per ora è tutto e al prossimo capitolo.
Ti auguro un buon proseguimento di giornata.

Nuovo recensore
14/09/17, ore 00:44
Cap. 2:

Ed eccomi di nuovo qui!
Ho letto fino a qui e devo dire che i personaggi del primo pezzo del racconto sono i miei preferiti. Adoro il fatto che hai dato ad ognuno di loro una caratteristica differente. Il principe per essere la sua prima entrata sulla scena ha dato il peggio di sé. Certo potrebbe essere un pochino cattivo ed acido per colpa della sua misteriosa maledizione/ malattia che non gli permette di mettere il naso fuori dal proprio palazzo, o potrebbe pure essere così di natura, ma tutto può accadere, quindi non pensare troppo alla mia iniziale antipatia per il nostro caro Seth.

Ora passiamo all'angolo errori non ne ho trovati molti. Il primo è questo: visò errore di battitura mi sa che volevi dire viso. Allora il secondo non è un errore, ma solo una frase un po stonata che è questa: "Ma la malattia del principe aveva costretto loro a passare tempo assieme" io metterei li aveva costretti a passare del tempo assieme (potrei sbagliarmi pure io in questo). Per il resto non ho visto altri errori di battitura o frasi stonate.
Alla prossima recensione.

Nuovo recensore
13/09/17, ore 00:23
Cap. 1:

Allora, devo dire che è da qualche giorno che volevo recensire, ma, come al solito, mi riduco a fare la mia bella recensione di mezzanotte.
Mettendo da parte i miei problemi, lo stile è molto buono e fluido, cosa che rende la lettura molto piacevole. La trama iniziale incuriosisce molto il lettore e le descrizioni sono ben fatte, a tal punto che fanno immaginare al lettore l'ambientazione, ma senza diventare troppo lunghe e piene di particolari inutili, cosa che rende lento e noioso il testo.
Sono curiosa di sapere come continua la storia e soprattutto voglio sapere chi è l'uomo misterioso che è scappato dal proprio villaggio in fiamme e anche perché il villaggio è stato raso al suolo.

Comunque, ho trovato un piccolissimo errore di battitura alla fine nella frase " ora sorgeva una pira su cui decine di corpi bruciavano gettati gli uni sogli altri "
Sicuramente al posto di sogli volevi scrivere sugli.
Mi farò risentire con un'altra recensione sugli altri capitoli.
A presto