Recensioni per
Nocturnal ghost
di Watashiwa

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Nuovo recensore
16/09/17, ore 01:40

Dopo la lettura di questa tua poesia, rischio di dire cose insensate e al tempo stesso poco convincenti, quindi nel caso trovassi questa recensione strana, metto già le mani avanti.
Quando ero soprattutto adolescente (quand'avevo 14-15 anni per capirci), ho amato profondamente "Ghost" come film, nel senso che è riuscito a entrarmi dentro come nessun altro ha fatto, forse per via della storia soprannaturale e che supera ogni barriera, descrivendo un amore che non può finire e che sarà per l'eterno, a discapito dei luoghi in cui ci si trova.
Questa poesia mi ha rievocato il film (per esempio con il finale, con il concetto dell'amore eterno) ma sotto una luce completamente diversa, probabilmente più generalizzata in quanto è difficile essere profondamente narrativi in poetica ma a sorpresa più descrittiva dal punto di vista delle sensazioni.
I fantasmi perdono memorie ma possiedono come delle reminescenze, questo porta loro a concentrarsi su qualcuno che cattura la loro attenzione e a provare quasi malinconia per la realtà quotidiana, forse in quanto risulta essere meglio di quel limbo grigio ma non sanno spiegarsi il perché della preferenza...
La parte centrale del componimento è assolutamente deliziosa e per me ha fatto tutto questo scritto in versi, in quanto c'è una visione forte, poi delicata, cruda, ancora determinata...
Denota quanto lo spiritello sia privo di qualunque paura nell'affacciarsi negli occhi della persona amata, vorrebbe gettarsi a capofitto e spera che quest'ultima possa fare altrettanto.
Ma con le luci dell'alba è tutto destinato a morire, forse a ripetersi in un ciclo infinito che ricorda quasi le gesta epiche, quelle maledette.
La citazione iniziale lo conferma esplicitamente (o implicitamente?) e il concetto funziona, spiega questo amore tormentato da entrambe le parti ma che rimane a forza di cose incidente e mai parallelo.
Difatti lo spirito prova affetto perché è la fragilità umana della persona a colpirlo e fargli fare quel viaggio che raggiunge fino a un certo punto e l'amat* poichè non si sente in solitudine mai durante una determinata parte della giornata, dato che non può vivere con l'idea che questo fantasma vada via, presumibilmente erano molto uniti quando erano entrambi vivi.
Mi ha emozionata particolarmente per il suo lato malinconico, per la crescente descrittività del sentimento da parte del protagonista, la sua dolcezza è incomparabilmente struggente e limitata, levigata da una totalità che mai potrà più sfiorare, anche se cerca di mostrare tutto questo per il bene suo, loro.
Ottimo lavoro dunque, i miei complimenti!
Sei riuscito a rievocare l'amore che avevo per un'idea che amavo fin da ragazzina ma sotto una personale visione più realista e a tratti molto più minuziosa IN POESIA.
Ti saluto e alla prossima

Recensore Veterano
13/09/17, ore 13:23

Bellissima ♥ E' molto profonda ed il sentimento traspare con molta delicatezza dai versi. L'idea mi piace davvero molto e non solo stata ben strutturata ma stata realizzata splendidamente. Complimenti ☆☆☆ Una poesia degna di essere letta :) Adoro le opere introspettive, anche se presente un leggero velo di malinconia (che, se utilizzato bene, non guasta mai).