Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: LollyPop27    16/06/2013    1 recensioni
Rachel Strauss non ha fretta di innamorarsi o trovare un ragazzo, ma la sua migliore amica London la pensa diversamente. Quando la ragazza finisce nei guai dopo essere stata obbligata da London ad andare ad una festa del college di suo fratello per il suo diciannovesimo compleanno a salvarla ci penserà un ragazzo dagli occhi più belli che Rachel abbia mai visto. Ma Nate non è il principe azzurro che Rachel desidera. Certo, è bello come una star di Hollywood, ha un futuro come cantante e chitarrista, ma è anche il migliore amico di suo fratello.
Per non parlare della sua fama da playboy poco incline alle relazione.
No, non è per niente ciò di cui Rachel ha bisogno.
Però quegli occhi... forse è già troppo tardi.
Genere: Drammatico, Romantico, Sentimentale | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Scolastico, Universitario
Capitoli:
 <<    >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Capitolo 1
 
-Oddio, Rachel! Mi dispiace così tanto, è tutta colpa mia! Jason, sono stata io ad obbligarla ad andare a quella stupida festa, io l’ho spinta a parlare con quel… quel mostro.
Le urla disperate della mia migliore amica, interrotte da singhiozzi sempre più profondi, mi riportano alla realtà. Cos’è successo? All’improvviso i ricordi di ieri sera mi assalgono e inizio a tremare.
-London, non è colpa tua. Stephan la pagherà per aver messo le mani su mia sorella! Ma cosa cazzo pensavate di fare da sole a quella festa?!
-Volevo che Rachel si divertisse un po’, almeno il giorno del suo compleanno… e invece…
Altri singhiozzi la percuotono e le si spezza la voce.
-London…- sussurro aprendo gli occhi.
-Rachel!- esclama buttandomi le braccia al collo. –Sono così felice che Nate ti abbia trovata in tempo ieri sera!
-Nate?
-Sì, non so se ti ricordi… Ieri sera dopo averti lasciata con quel bastardo ho esagerato un po’ con il whiskey, ma quando ho iniziato a cercarti e non ti ho più trovata ho capito di essermi comportata come la peggior amica del mondo! Ti ho lasciata ubriaca con uno sconosciuto, cazzo! Per fortuna ho visto tuo fratello e con lui c’era Nate che ha detto di sapere chi era quel ragazzo ed è corso a cercarti… oddio, cosa sarebbe potuto capitare!
E così il ragazzo dagli occhi grigi è il famoso Nate, migliore amico di mio fratello, nonché cantante e chitarrista e sogno di ogni ragazza del campus. Non l’ho mai incontrato di persona, ovviamente senza prendere il considerazione ieri sera, ma Jason parla sempre di lui. Come io parlo sempre di London…
E tante volte mi ha ricordato di non farmi incantare dal suo aspetto come ogni altra ragazza il giorno in cui l’avrei incontrato, perché è davvero un bravo ragazzo… finché non cerchi di entrare nel suo letto.
Naturalmente ogni volta io ripetevo che non ha assolutamente nulla di cui preoccuparsi, non importa quanto sia bello il ragazzo, non sono il tipo da storie di una notte e certamente non con il migliore amico di mio fratello.
-London, va tutto bene. Sto bene, fortunatamente Nate è arrivato in tempo. È inutile preoccuparsi con i e se…   
-No, non va tutto bene Rachel!- dice mio fratello guardandomi come se lo avessi deluso. Il che è vero, ho tradito la sua fiducia ed è la cosa peggiore che mi è capitata nelle ultime 24 ore. Jason è tutto ciò che rimane della mia famiglia.
-Cosa ti è venuto in mente? Ti ho ripetuto milioni di volte che è pericoloso andare a quelle feste da sola!
-Ma è colpa mia…- cerca di intromettersi la mia amica.
-No, London. Rachel è abbastanza grande da prendere le sue decisioni.
-Ma…
-No, ha ragione lui. Avrei dovuto dirti di no…
-Avresti dovuto dirmelo, Rachel. –continua mio fratello. –Se fossi stata con noi tutto questo non sarebbe successo. Per non parlare del fatto che non frequenti ancora quella scuola e che non avresti potuto essere lì. Hai tradito la mia fiducia… pensavo fossi più responsabile di così! Soprattutto dopo ciò che è successo ai nostri genitori…
Al ricordo di mamma e papà, dell’incidente che è costato la vita ad entrambi, le lacrime iniziano a rigare le mie guance.
-Adesso basta, Jason.- esclama una voce maschile entrando nella camera. –Sappiamo entrambi cosa significa fare errori stupidi e penso che Rachel sappia benissimo di aver sbagliato, vero?
Alzo lo sguardo verso il ragazzo e incontro due occhi inconfondibili. Non pensavo esistesse un colore così chiaro…
Pian piano annuisco. Il ragazzo, Nate a quanto pare, mi sorride incoraggiante e non posso fare a meno di ricambiare con un debole sorriso. Ora capisco perché sia così conosciuto fra la popolazione femminile del college. È alto, molto alto, ma nonostante abbia un corpo imponente e dei muscoli niente male, per quel che posso vedere, il suo aspetto non è per niente minaccioso. Solo molto sexy. E quei capelli neri spettinati lo rendono quasi tenero, una caratteristica che sono certa faccia impazzire tutte le ragazze, e le donne, nel raggio di 10 kilometri. E gli occhi… quelli sono forse la sua caratteristica migliore, il che è tutto dire. È troppo perfetto per essere vero, sembra uscito da Hollywood, e a quanto dicono ha una voce meravigliosa. Capisco perfettamente perché le ragazze decidano di infilarsi nel suo letto senza promesse per il futuro, cazzo persino senza promesse per il giorno dopo! Peccato che io non potrò mai godere di questa meraviglia, perché amico o no di Jason, non sono quel tipo di ragazza. E non penso nemmeno che sia interessato alla sorellina del suo migliore amico…
-Io sono Nathaniel Herrington.- dice allungando una mano. Esitante la stringo.
-Mio fratello mi ha parlato molto di te. Io sono Rachel Strauss.
Mi maledico silenziosamente. Come se non lo sapesse!
-Piacere di conoscerti, Rachel.
Perché il mio cuore batte così forte? È solo un ragazzo, l’amico di mio fratello, bello come una star del cinema, ma chiaramente off-limits.
-Grazie per ieri sera, non so cosa sarebbe potuto succedere se non fossi arrivato in tempo.
-Di niente, tesoro. Mi piace salvare le belle damigelle in pericolo.
Penso che le mie gambe non riescano a reggermi, ma è l’alcool di ieri sera non l’occhiolino che mi ha appena rivolto Nate, non il fatto che mi abbia chiamata tesoro, non il fatto che mi abbia definita bella.
Tesoro… penso che lo dica a tutte le ragazze, abituato com’è ad averle ai suoi piedi, ma vorrei poter fingere che sia solo per me. Quanto sono stupida?
Non ci conosciamo nemmeno e sono qui a desiderare che mi veda diversamente da tutte le bellissime ragazze con il quale è stato o starà, questa sera, domani, nel futuro.
 Certo che mi vede in modo diverso… sono la sorellina del suo amico.
Per non parlare del fatto che ieri è dovuto correre a salvarmi, dopo che sono stata talmente stupida da seguire uno sconosciuto. Ed ero ubriaca. Oddio, che vergogna. Chissà cosa pensa di me?
-Via tutti!- esclama London. –Lasciatela riposare.
-Sono contento che tu stia bene.- dice Jason sforzandosi di sorridere, prima di uscire dalla stanza.
-È solo preoccupato per te.- mi assicura Nate facendo un cenno verso la porta da cui è uscito mio fratello. –Vedrai che gli passerà.
Con un ultimo sorriso nella mia direzione e un cenno del capo a London lascia la stanza. Resto a fissare la porta per alcuni secondi dopo che se ne è andato cercando di capire perché il mio corpo reagisce in questo modo alla sua presenza dopo dieci minuti che ci siamo conosciuti. Non è una bella cosa, proprio per niente.
-Oddio, Rachel hai visto quel ragazzo?!
Spalancando gli occhi le faccio cenno di abbassare la voce. Dov’è finita London piangente per l’accaduto?
-Difficile non notarlo…
-Gli piaci! Gli piaci!
-Sei impazzita, London?! Esattamente quanto hai bevuto ieri sera?
-Solo tre bicchieri e sono quasi sicura di non essere pazza, non del tutto almeno. E ti assicuro che piaci a quel ragazzo.
-Non metto in dubbio la tua sanità mentale, ma l’hai visto? È il ragazzo più figo del college, persino della città intera! È un cantante bravissimo a quanto dicono e Jason mi ha raccontato che ci sono già case discografiche interessate. È abituato ad avere ragazze, donne, che cadono ai suoi piedi! È famoso per essere andato a letto con metà scuola, cazzo! Come puoi pensare che gli piaccio?!
London si limita a ridere. –Almeno ora sono sicura che lui ti piace!
Non mi prendo nemmeno la briga di correggerla. –Certo che mi piace, non sono cieca, ma non c’è verso che lui possa essere interessato a me!
-Non hai visto il modo in cui ti guardava, il suo sorriso… era così romantico!!
La guardo scuotendo la testa. London May vede amore ovunque.
-Okay, mi sorrideva. Probabilmente mi vede come una sorellina dal momento che Jason deve avergli parlato molto di me.
-Fidati, l’ultima cosa che vuole è essere tuo fratello.
-Allora forse sono una specie di sfida… la sorella del suo migliore amico, quella che non può avere, che oltre tutto si dimostra anche essere una ragazzina che non riesce nemmeno ad andare ad una festa senza rischiare di essere violentata!
-Basta, Rachel. Non volevo farti arrabbiare, forse hai ragione tu. Comunque, meglio così no? Nate non sembra il tipo da relazioni esclusive e tu non sei certo una ragazza da portare a letto e poi lasciare da parte.
Ecco, finalmente un po’ di senso è entrato nella testolina della mia amica, penso.
Però quanto vorrei sbagliarmi…
  
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: LollyPop27