Storie originali > Romantico
Ricorda la storia  |       
Autore: LollyPop27    18/07/2013    4 recensioni
Nessuno sa chi sia davvero Julia Bennett. Tutti credono di conoscerla: pensano che la sua vita sia perfetta, che passi i suoi pomeriggi a studiare, che abbia una famiglia felice, ma non è vero. Nessuno la conosce davvero tranne la sua migliore amica Lizzie.
Jude Wayne è un cattivo ragazzo. Pensa che Julia sia bella, ma crede anche che sia una principessina.
A Julia non importa cosa pensano gli altri, anche se si sbagliano.
Jude è convinto che Julia non faccia per lui, ma si sbaglia.
Cosa succede se uno stupido compito di scienze li costringe a passare del tempo insieme?
Nessuno lo sa.
Genere: Comico, Romantico | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Scolastico
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Prologo
 
Lei: una ragazza intelligente e fuori moda.
Lui: il ragazzo perfetto, capitano della squadra di football e con una cheerleader per ex.
Okay, questo film fa schifo, penso fra me e me spegnendo la tv.
Possibile che alcune persone siano talmente stupide da credere che la propria vita possa finire come quel film? Perché non ho bisogno nemmeno di guardarlo per sapere come andrà. Prendi una ragazza con i migliori voti e un solo obbiettivo: l’università dei suoi sogni. Ovviamente a questa ragazza non interesseranno i vestiti firmati ed il trucco perfetto, ma in qualche modo riuscirà lo stesso ad attrarre l’attenzione di Mr. Popolarità. Penserà che lui la stia usando, perché sinceramente cosa ci trova uno come lui in una come lei?! E non dimentichiamo la stronza di turno, reginetta della scuola convinta che Mr. Popolarità le spetti di diritto. Ma ovviamente alla fine la ragazza dimenticherà per un po’ i suoi voti e Mr. Popolarità le giurerà amore eterno divenendo cieco all’improvviso di tutte le altre ragazze.
Non ho niente contro queste storie, anzi ogni tanto mi piace perdermi in questo universo parallelo dove cose impossibili accadono, ma in diciassette anni di vita non ho mai visto una cosa del genere nella realtà.
Prendete me per esempio: ho buoni voti anche se non mi impegno certo per ottenerli, adoro fare shopping e comprare vestiti alla moda, non mi ritengo brutta anche se so di non essere uno schianto, non sono una troia e non farei mai soffrire qualcuno se potessi, eppure i ragazzi non guardano mai nella mia direzione. Quelli fighi intendo, ogni tanto ce n’è qualcuno ma non mi piacciono e come ho già detto odio far soffrire la gente, perché poi mi sento in colpa, quindi non gli do false speranze.
Ho una migliore amica, Lizzie, e altre amiche con le quali sono meno unita. Non sono popolare, ma non sono nemmeno la sfigata della classe. La prima sì, non ho problemi ad essere considerata una secchiona, ma come ho già detto non mi impegno più di tanto. Eppure tutti pensano che io sia perfetta, i genitori vorrebbero avere una figlia come me, i professori si aspettano sempre il meglio e questo a volte è davvero stressante, tutti credono che io abbia una famiglia perfetta, e questo non è per niente vero, e che io sia una specie di santa, niente di più lontano dalla realtà. Sono brava a fingere che sia così, forse sarà anche colpa mia se tutti credono questo, ma lo odio. Pensano che io sia timida, la verità è che se non parlo con una persona è perché non mi va, non perché mi vergogno. Solo Lizzie mi capisce davvero e con lei sono me stessa.
Non mi importa cosa pensano di me, che vadano tutti al diavolo, ma nessuno può toccare la mia migliore amica.
La gente giudica senza sapere niente, solo perché sono una persona tranquilla e brava a scuola si fanno un’idea sbagliata di me, il fatto è che non mi importa di cambiare quell’immagine perché non avrebbe senso. A quel punto si farebbero un’altra idea ancora, perché hanno bisogno di etichettarci tutti.
In quello stupido film la ragazza con la sua candida innocenza attira il ragazzo più desiderato della scuola, nella realtà quel ragazzo sarebbe a letto con la cheerleader.
Un’altra cosa su di me: io non giudico mai gli altri per ciò che fanno. Avranno le loro ragioni, per quanto possano essere sbagliate, e come posso essere certa di non essere io nel torto?
Se vogliono credere questo di me, che lo facciano. Se non vogliono sforzarsi abbastanza da vedere al di là delle apparenza non è un mio problema.
Mentirei se dicessi che non voglio un ragazzo, certo che lo voglio! Ma voglio qualcuno interessato davvero, non in cerca di un’altra vittima da aggiungere alla collezione. Voglio per forza una storia seria con un ragazzo che amo? No. Mi basta che qualcuno si interessi davvero a me, poi può durare o no, vedrò con il tempo.
Mi sembra di essere abbastanza aperta ad ogni situazione, perché è così difficile capirmi?
  
Leggi le 4 recensioni
Ricorda la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: LollyPop27