Storie originali > Noir
Ricorda la storia  |      
Autore: Angelo della Morte    20/08/2017    0 recensioni
Un uomo stolto e ambizioso, una potente fattucchiera e la casualità dell'universo. La loro unione può dar luogo a particolari situazioni.
~
Promt scartato del contest "Il Cantastorie" indetto da Little_Rock_Angel5
Genere: Mistero | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
- Questa storia fa parte della serie 'Il Kantastorie'
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Un posto maledettamente complicato



  In una piccola fetida roulotte, la televisione ritrasmetteva una vecchia partita. Chiazze di birra e vomito formavano grotteschi decori sulla moquette, e moschini giravano sopra vecchi avanzi di cibo d’asporto. Sulla poltrona stava spaparanzato un grosso uomo in canotta unta e mutandoni.

  Dalla porta arrivò una donna, pesantemente truccata e dai vestiti succinti -Caro, guardami. Sono tornata.

  -Che c’è, donna? Hai preso il latte?

  -Non noti niente di diverso in me?

  L’uomo abbandonò per un attimo la partita, e si girò verso la moglie -Sei sempre la solita, grossa manzona che ho sposato.

  -Non mi trovi più attraente? Guarda questa bella collana.- prese tra le mani il ciondolo che portava al collo, per mostrarlo meglio.

  -Più bella? Dove hai preso quella collana?

  -Niente, nessun effetto. Maledetta ciarlatana, diceva che questa collana avrebbe fatto ardere di passione gli uomini per me.- strappò il pendaglio e lo buttò a terra, facendolo atterrare tra briciole stantie ed escrementi di ratto.

  -La collana era stregata?

  -Me l’ha venduta una donna in un carrozzone che ho incontrato stamattina. Ma mi ha mentito, quella truffatrice.

  -Aspetta aspetta. Io so perché quella collana non ha funzionato. Io sono immune ad ogni tipo di incantesimo.

  -Davvero caro? Come fai, dimmelo.

  -Ho questa.- l’uomo mostrò il monile che portava al collo, una collanina di finto argento con attaccato un vecchio portachiavi di una vecchia squadra.

  -Incredibile, dove l’hai presa?

  -Me l’ha venduta un strega nomade in carrozzone.



  Dentro ad un carro riempito di oggettame e paccottiglia varia e di dubbia natura, seduti attorno ad un tavolino con una sfera di cristallo c’erano una donna avanti con l’età ed un ragazzino, intenti a studiare l’arte della lettura delle carte.

  L’unica porta si spalanca di colpo, violentemente sbattuta da un uomo stempiato e grosso.

  -Signor Conan, la pregherei di non far rumore. Qui c’è chi deve insegnare.

  -Fattucchiera, ti ho scoperta. Rivelaci i tuoi segreti altrimenti… ey, è più grande all’interno.

  -Un’ordinata disposizione degli oggetti può aiutare. Volete altro, o rimaniamo così a parlare per ore?

  -Non cambiare gioco con me, vecchia strega. Voglio una delle tue macumbe per diventare ricco e potente.

  -Stolto, tu agogni il potere, ma oltre il tuo naso non sai vedere. Io non ti verrò ad aiutare nel tuo piano criminale.

  -Come osi? Io non sono un criminale! E se ora non mi dai quello che ho ti chiesto, ti concio di brutto.

  -Grosso stupido rozzo omuncolo, hai superato un limite che non dovevi passare. Retrocedi se non vuoi rischiare, se non vuoi far la fine di un grosso foruncolo.

  Conan non si fece intimorire, e avanzò minacciosamente verso la cartomante.

  -Ti avevo avvertito, stolto umano, di sparire prima di un soffio. Ma tu non mi ha sentito, e sei rimasto qui a minacciarmi come un raffio.- la strega si rivolse poi al suo adepto -Ora vai via, piccolo allievo, nasconditi oltre la ferrovia, dove troverai sollievo.- il bambino sgattaiolò subito fuori dopo aver ricevuto l’ordine, passando da una botola nascosta in una qualche statua rituale.

  -Ora i piccoli sono andati, rozzo cliente. Da te io non voglio niente, ma i prezzi da pagare saranno molto salati.

  -Quanto vuoi, venti? Trenta?

  -Qui non si usa il vile denaro, si paga in altro modo. La tua richiesta ti si ritorcerà contro come un nodo, e le tue carni finiranno sul desco di un coguaro. Prendi questa, e sparisci con la tua moglie lesta.

  Conan prese l’oggetto che l’anziana gli porgeva -Ma questa è solo una mazza. Ne ho mille anch’io  così.

  -Questo oggetto di porterà alla tua elevazione, ma sarà anche la tua dannazione. Chi colpirai con questa sarà perduto, e il suo posto tu avrai avuto.

  -Fantastico. Vado subito a provarla.



  -Capo, ci sono novità sul caso Keeps.

  -Quello del guardiano dei garage morto colpito da una mazza?

  -Sì. Abbiamo scoperto il colpevole.

  -Bene. Lo avete arrestato?

  -No. Purtroppo è stato trovato morto, colpito dalla stessa mazza che aveva usato per compiere il suo crimine. Probabilmente era su uno scaffale in alto, e cadendo gli ha spaccato la testa.

  -Il mondo è un posto maledettamente complicato, Bitz. Archivia il caso.
  
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Noir / Vai alla pagina dell'autore: Angelo della Morte