Storie originali > Generale
Segui la storia  |       
Autore: Maya Mendler1    09/09/2017    1 recensioni
Eleanor Carter è una ragazza di 19 anni, nata e cresciuta a Los Angeles.
Ragazza di una dolcezza infinita, la sua più grande passione è il canto, infatti sogna di diventare una cantante.
Costretta a traferirsi a New York, per il lavoro del padre, riceverà una inaspettata proposta di far parte della New York Academy Of Arts, una affermata accademia musicale per giovani futuri artisti.
Lì incontrerà l'amore, nuovi amici e anche qualcuno che le metterà il bastone fra le ruote.
Genere: Generale, Sentimentale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Le parole che mi aveva appena detto Veronika mi avevo a dir poco sconvolta. Perchè trattarmi così? Stavo solo cercando di fare amicizia.

-"Va tutto bene?" il ragazzo che doveva chiamarsi Lucas, si rivolse a noi un pò preoccupato.

-"Ma certo, stavamo solo chiaccherando. Volevo conoscere meglio la nuova arrivata!" gli rispose Veronika.

-"Ciao, Eleanor giusto? Benvenuta!" gli sguardi tra me e Lucas si fecero intensi, come se fosse già nata una scintilla tra noi, e questo provocò la gelosia di Veronika che lo trascinò via con sè.

-"Che cosa ti ha detto? Ti ho vista tesa mentre ti parlava... Ti ha forse minacciata? Se è così io la ammazzo!" Marisol mi raggiunse e mi riempii di domande, ma io la rassicurai che non era successo niente, sperando che le cose con Veronika si sarebbero risolte al più presto.

L'accademia era grandiosa e i miei compagni tutto sommato erano simpatici. 
Avevo già fatto amicizia con molti di loro e piano piano stavo imparando i loro nomi.

-"Ragazzi, la mia nuova socia ha una voce meravigliosa, ed è un peccato non farvela sentire! Ele, ci canti una canzone?" Noah mi avvolse un braccio sulla spalla e approfittando dell'assenza dell'insegnante mi chiese di cantare.

-"Meglio di no... Magari un' altra volta..." risposi timidamente, ero un pò a disagio dalla situazione.

I miei compagni, allora, cominciarono a battere le mani e gridare il mio nome, per spronarmi a salire sul palco e cantare.
Così mi convinsi e salii sul palco, cantando la colonna sonora di Titanic, il mio film preferito.
In un istante l'aula fu invasa dal rumore degli applausi dei miei compagni, ed io sorrisi scendendo dal palco e prendendo i complimenti di tutti.

-"Wow, aveva ragione il tuo amico... Hai una voce meravigliosa... Cioè... Sono rimasto senza parole..." mi disse Lucas, sfiorandomi la mano e facendomi arrossire.

-"Grazie... Adesso sono curiosa di ascoltare te!" gli risposi senza smettere di sorridere.

-"Certo, magari questa sera. Voglio invitarti ad uscire, ti va?" mi chiese speranzoso di ricevere una risposta positiva.

La sua richiesta mi spiazzò, ma da una parte lo speravo che me lo chiedesse.

-"Certo, ti lascio il mio numero così ci mettiamo d'accordo" gli risposi e lui mi diede il suo cellulare affinchè gli salvassi il mio numero.


***

."Com'è andato il tuo primo giorno, tesoro?" mi chiese mia madre, mentre eravamo a tavola.

-"Direi benissimo, ho già fatto un sacco di amicizie!" dissi entusiasta, quasi non me lo aspettavo, per via della mia timidezza.

-"Non c'è da stupirsi, sei adorabile" aggiunse mio padre e tutti e tre scoppiammo a ridere.

-"Questa sera uscirò con un ragazzo che frequenta l'accademia" confessai.

-"R-ragazzo? Hai già un appuntamento?!" mio padre quasi si soffocava.

-"Cosa? Oh no, tranquillo... E' solo un'uscita fra amici... Poi mi sembra un pò presto, ci siamo appena conosciuti..." lo rassicurai, sapendo che era geloso e protettivo nei miei confronti, sua unica figlia.

Così alla mia affermazione, si tranquillizzò un pò.


Nel frattempo...

-"Ragazze, giuro, quella lì non la tollero proprio! Con che faccia tosta accetta di uscire con il MIO Lucas?! Veronika si rivolse alle sue due "tirapiedi", in preda alla disperazione.

-"Hai perfettamente ragione, ma chi si crede di essere?" una di loro l'appoggiò completamente.

-"Gliela farai pagare, vero?" chiese l'altra.

-"Ci puoi scommettere, non la passerà liscia. Si pentirà di essersi iscritta all'accademia e si pentirà di avermi sfidata! Se mi voleva come nemica, ci è riuscita, e vi assicuro che le renderò la vita un inferno!" disse Veronika con tono diabolico.



// ANGOLO AUTRICE
ECCO QUI IL TERZO CAPITOLO (SCUSATE SE E' BREVE)
LUCAS SI E' GIA' FATTO AVANTI CON ELEANOR (GIUSTAMENTE, ANCORA GLIELA SOFFIANO SOTTO IL NASO XD) E VERONIKA COMPLOTTA CONTRO DI LEI
OVVIAMENTE, LA CATTIVA DIVA E PRESUNTUOSA NON POTEVA MANCARE, IN UN COLLEGE AMERICANO U.U
COMUUNQUE, FATEMI SAPERE CHE NE PENSATE EEE, NIENTE... A PRESTO CON IL PROSSIMO CAPITOLO... CIAOO
MAYA//

   
 
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Generale / Vai alla pagina dell'autore: Maya Mendler1