Storie originali > Fantascienza
Segui la storia  |       
Autore: CreepyBrook    11/09/2017    0 recensioni
In una Terra parallela alla nostra,vivono altre tre specie terrestri : Nova,Zimbionti ed Exo; durante la storia ci sono state guerre e rivolte per pretendere il potere assoluto,ma tutto si risolse nel 2005 con l'accordo Peace Breeds. Nel 2020 Lucy Taylor,una ragazza diciassettenne,si trasferisce con sua madre da Detroit a Boston. La ragazza,spinta dal la curiosità di visitare la nuova città,decide di uscire a fare una passeggiata,ma soccorre un ragazzo per strada con una grave ferita; e nel di cercare i soccorsi,viene aggredita da dei ragazzacci con l'intento di rapirla. Ma quando la situazione diventa sempre più drastica,arriva qualcuno in soccorso della ragazza.
Genere: Science-fiction, Slice of life | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Andrew era steso sul divano a torso nudo a guardare la televisione, Julie invece stava dormendo. Ad un certo punto la porta di casa si aprì e permise a Brook di entrare, suo fratello si alzò e gli chiese ghignando il ragazzo rispose cercando di sviare l'argomento Andrew rispose per poi vedere suo fratello evitare il suo sguardo e rispondere per poi congedarsi in camera sua. In realtà la serata era andata benissimo, il finale fu un fiasco : un ragazzo si avvicinò verso di loro e se la prese con Brook prendendolo per il collo, lo stava soffocando e la sua presa era molto fredda, la sua mano era talmente fredda che sembrava fatta di ghiaccio, però a salvare la situazione fu l'intervento di due poliziotti che fecero allontanare il ragazzo, e per sicurezza, il ragazzo accompagnò Lucy a casa. La ragazza gli spiegò che quel ragazzo era il secondo motivo per cui si era trasferito, Silver Smith, Elemental Nova del ghiaccio, ex ragazzo di Lucy; dopo qualche mese di relazione con quest'ultima è iniziato a diventare sempre più possessivo ed aggressivo, Lucy ha anche provato a farlo calmare, ma fu tutto inutile; pochi giorni dopo trovò delle siringhe e delle pillole sotto il sedile della macchina, era sotto effetto di droghe. Dopo quella scoperta non esitò a lasciarlo, per poi fuggire via da Detroit cercando di dimenticarlo, ma questo non fu sufficiente. La mattina seguente Brook si svegliò presto per accompagnare Lucy a scuola, non poteva permettersi che quel ragazzo tornasse ad infastidirla; la ragazza invece voleva che Brook se ne andasse, non voleva che si facesse male per lei, era imbarazzante e la ragazza si sarebbe sentita in colpa. In classe Qasim si avvicinò ai due e chiese Lucy distolse lo sguardo mentre Brook rispose con un sorriso teso <È andata tutto bene, magnificamente direi> ma il Zimbionte capì che i due stavano nascondendo qualcosa, così fece un cenno ad Amber, la quale si alzò gli occhiali ed iniziò a concentrarsi; la ragazza stava usando la telepatia. disse la ragazza ad alta voce in modo del tutto naturale e schietto, Lucy e Brook sussultarono a quell'affermazione ed il ragazzo aggiunse la quattr'occhi agitò la mano al vento e ribatté sbuffando chiese il ragazzo esasperato, Amber si mise un dito sulle labbra e rispose facendo l'occhiolino . La campanella suonò e gli studenti si sedettero ai propri posti, poco dopo entrò un giovane uomo dai capelli castani, lunghi e ricci con degli occhi verdi, portava con sé uno stereo ed una borsa con vari CD al suo interno, posò lo stereo e la borsa sulla cattedra per poi dirigersi alla lavagna e scrivere qualcosa. "Oggi ascolteremo una melodia allo stereo, voi dovete ascoltarla e nominare gli strumenti utilizzati" scrisse, quell'uomo era un Nova e non poteva parlare, perché ogni suono che sarebbe uscito dalla sua bocca diventava il suono di uno strumento musicale. L'uomo inserì all'interno dello stereo un CD ed accese l'apparecchio elettronico, il quale emise inizialmente il suono di un flauto dolce, pian piano si aggiunsero anche un violino ed una chitarra acustica; degli studenti nominarono i tre strumenti ,il professore annuì poi fece segno di "due" con l'indice ed il medio, Violet chiese ed il prof annuì accennando un sorriso. Gli studenti rimasero in silenzio assoluto concentrandosi su quella melodia cercando di trovare i due strumenti mancanti, nel mentre nella classe iniziò ad aleggiare quella melodia che si ripeteva in loop, una melodia allegra e spensierata, alcuni degli studenti seguivano il ritmo battendo leggermente il piede per terra, altri la canticchiavano sottovoce. Si era creata una bella atmosfera, ma ad interrompere quel loop continuo fu Lucy che disse convinta il professore la guardò sorridendo ed annuì, mentre Brook disse facendo sì che il prof interrompesse la melodia ed applaudire per poi fischiare una nota, "Si". Gli alunni risero, era una cosa ironica che il prof faceva spesso : associare l'affermazione "si" alla nota prima del Do alto. Ore dopo, le lezioni finirono e gli alunni si prepararono per uscire, Brook aveva ancora intenzione di accompagnare Lucy a casa per via di ciò che successe la sera prima, la ragazza era abbastanza imbarazzata dagli sguardi che buttarono gli altri studenti su loro due, sembravano una vera e propria coppia. E non furono gli unici a pensarlo. Dagli studenti un ragazzo corse verso di Brook e gli mollò un pugno sul viso era Silver, aveva varcato la soglia della scuola pur per riprendersi Lucy, la quale iniziò a tremare dalla paura, l'ombra del suo passato a Detroit era tornata, pronta per portarla sulla cattiva strada. Brook si riprese da quell'attacco per poi lasciare la cartella per terra e schioccarsi le nocche Silver ribatté evocando tra le sue mani due tirapugni di ghiaccio per poi far innalzare una barriera di ghiaccio attorno a loro, senza che gli altri li potessero disturbare, i quali, dall'esterno, vedevano a stento tre figure. I due Nova iniziarono a combattere dandosele di santa ragione, Brook non cambiò neanche le sue braccia pensando che sarebbe stata una passeggiata ,ma in realtà fu l'esatto contrario : Silver era molto veloce ed abile a sferrare i colpi, ed ogni volta che colpiva il suo bersaglio il suo ghiaccio diventava sempre più duro e freddo ,indebolendo Brook. Ad un certo punto Silver evocò nella sua mano destra un pugnale che venne usato per sferrare attacchi a raffica contro il suo avversario ,il quale riusciva a stento a schivarli, la cupola di ghiaccio stava trasmettendo il suo freddo a coloro che sono al suo interno, l'aria li si stava facendo gelida, ed anche Lucy se ne accorse; ad un tratto Silver fece un rapido scatto e lacerò il petto di Brook, del sangue andò a finire anche sulla guancia di Lucy, che assisté alla scena con shock e tristezza. Il corpo freddo e debole del ragazzo cadde ai piedi della ragazza che si abbassò per tentare farlo restare sveglio dicendo con le lacrime che le rigarono sulle guance rosse ma il ragazzo scosse la testa, per un motivo molto importante non poté eseguire quell'ordine; si sentì stanco, era esausto, così chiuse gli occhi. Lucy temette il peggio ed urlò dal dolore, non sapeva che fare per aiutarlo; nel mentre la ragazza si disperava Silver assisté alla scena con gusto, era soddisfatto del lavoro che aveva fatto disse porgendole la mano, ma la ragazza spinse via la mano arrabbiata, non voleva più vederlo per ciò che aveva fatto, era imperdonabile, e senza rendersi conto attorno a lei comparve un'aura bianca e radiosa, la quale rilasciava delle piccole scintille che cadendo sulle ferite di Brook, le cicatrizzava. Il ragazzo si riprese aprendo gli occhi per via della forte luce e vide una scena che lo incuriosì parecchio : Lucy aveva creato tra le sue mani una sfera di energia bianca che venne scagliata contro Silver facendolo sbattere contro la sua stessa cupola, l'impatto era talmente forte che il ghiaccio si ruppe rivelando agli studenti una cosa straordinaria : gli Alpha Human esistevano realmente!
   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantascienza / Vai alla pagina dell'autore: CreepyBrook