Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: Lucky_May    12/09/2017    0 recensioni
" Lo sai che le streghe muoiono a 23 anni? "
L'inizio delle scoperte che segnano la vita di Seraphina.
Una maledizione dal passato; la corruzione che diventa una lama a doppio taglio: li salverà o li ucciderà?
Una storia d'amore che va oltre i confini del normale.
Una battaglia che aspetta solo due ragazzi al confine con la terza dimensione.
Genere: Sentimentale, Sovrannaturale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Contesto generale/vago, Sovrannaturale
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Capitolo 11

 

 

«Seraphina?»

 

Lo stregone la seguì con lo sguardo fino a che non sparì dentro lo specchio insieme al ragazzo.

Decise di esplorare un'altra volta la dimensione anche se gli avrebbe portato via altro tempo prezioso.

Sentiva dentro di sè la sensazione che nella dimensione in cui si trovava, c'era qualcuno di importante.

Inoltre quei due stregoni elementali non gli avrebbero permesso di chiudere la dimensione così facilmente.

Ma niente per lui era importante tanto quanto ritrovare la sua famiglia.

Dopo aver viaggiato per più di 20 anni non si sarebbe fatto fermare da due novellini.

 

 

Seraphina si gettò subito sul suo letto, rifiutando la cena di quella sera.

Aveva bisogno di riguadagnare le forze.

 

Seraphina sprofondò nel mondo dei sogni poco dopo.

Adrien riposò il suo corpo sul pavimento accanto al letto, come sempre.

 

Non riusciva a capacitarsi del fatto che anche dopo avergli aperto il suo cuore, lei si comportasse come se nulla fosse accaduto.

Adrien voleva che si voltasse verso di lui, che lo guardasse e che gli riferisse chiaramente ancora una volta i suoi sentimenti.

Ma forse stava diventando pazzo e tutto quello che Seraphina gli aveva detto era solo frutto della sua immaginazione.

Ma lui l'amava.

L'amava ed era reale.

L'amava ed avrebbe fatto di tutto per restare con lei, per sempre.

L'amava ed avrebbe trovato una soluzione.

L'amava e l'avrebbe salvata.

 

 

Amanda le venne in sogno.

Era una bellissima ragazza, molto giovane, com'era d'uso per quei tempi.

Una ragazza dai lunghi capelli biondi e lisci che dondolava una piccola neonata tra le sue braccia.

Quel giorno la bambina non voleva smettere di piangere.

Ma la madre non si arrendeva e continuava a coccolarla cercando di tranquillizzarla.

Fu in quel momento che un uomo entrò nella sua casa.

Indossava un cappotto di pelle rossa e fu per questo che Amanda lo identificò come un nemico.

Norian gli aveva parlato della guerra, per tenerla in guardia da nemici.

Con la bambina in un braccio, tese l'altro per spaventare l'uomo di fronte a lei.

 

«Stai lontano da me o non esiterò un attimo a spedirti in un'altra dimensione distante anni luce.»

«Calma, non ci sono pericoli. Non sono qui per farti del male, sei al sicuro con me.»

 

Il sole stava cominciando a tramontare e Norian sarebbe stato lì da lei a momenti.

Alla vista dello sconosciuto la bambina pianse ancora più forte.

 

"Allora era per questo che non la smettevi di piangere..." -Pensò Amanda.

 

«Chi sei e cosa sei venuto a fare qui?»

«Chi sono è di irrilevante importanza e anche cosa sono venuto a fare qui lo è...

 

Amanda non la smetteva di accarezzare la piccola nonostante il chiaro pericolo davanti ai suoi occhi.

 

...Dal momento che non esisterai mai più in questa linea temporale.»

 

 

Seraphina non potè fare altro che svegliarsi con il battito cardiaco accelerato durante la notte.

Trovò Adrien a pochi centimetri dal suo viso.

Le stava accarezzando la testa, per quello che poteva.

 

«Hai avuto un incubo?»

 

Seraphina si mise seduta sul suo letto rivolta verso Adrien che era ancora seduto accanto al suo letto.

 

«Adrien, voglio salvare Amanda. So che dovremmo pensare a salvare il mondo, ma sento che Amanda si trova nella terza dimensione, forse possiamo aiutarla!»

 

Gli occhi di Seraphina brillavano e Adrien non ci aveva capito nulla.

Ma non riuscì a dirle di no.

 

«A patto che mi spieghi chi è quest'Amanda.»

 

Seraphina raccontò ad Adrien tutto ciò che aveva visto nella sua visione e nel suo sogno.

Adrien pendeva letteralmente dalle sue labbra.

Ascoltava ogni parola che Seraphina proferiva.

La sua voce era tutto ciò che gli rimaneva di quella ragazza.

Ma si perdeva nei suoi discorsi, troppo distratto dai suoi occhi.

 

Seraphina scese dal suo letto e si appoggiò sulle sue ginocchia per essere alla stessa altezza di Adrien.

Voleva sentirlo più vicino senza interrompere il magico contatto visivo che si era instaurato tra loro.

 

«Io.. voglio aiutarli...» Sussurrava Seraphina.

«Perchè so cosa significa non poter stare con la persona che si desidera.»

 

Mai Adrien aveva immaginato che Seraphina potesse pronunciare parole cariche di sentimenti e dolore.

 

Era passato ormai un anno da quando si erano incontrati la prima volta e non era mai riuscito ad avere una conversazione di tale importanza con lei.

Nemmeno quando le aveva spiegato del motivo della sua apparizione.

 

Adrien le sorrise.

 

«Allora troviamola.»

 

Anche Seraphina sorrise.

 

«Ma domani. Devi ancora riguadagnare tutte le tue forze. Dai su, vai a dormire.»

 

Seraphina annuì e si distese sul suo letto, cercando di riprendere sonno.

 

 

 

La mattina Seraphina fu risvegliata da uno strano rumore.

Non appena aprì gli occhi, lamentandosi del chiasso, vide Adrien davanti il suo specchio.

Lo stava guardando come se potesse vederci attraverso qualcos'altro oltre il suo riflesso.

Ma la figura di Adrien copriva lo specchio e non riusciva a vedere ciò che stava realmente accadendo.

Si alzò in piedi ma aspettò prima di muoversi verso di lui.

 

«Adrien... cos'è questo rumore?»

 

Adrien si voltò verso Seraphina alle sue spalle.

Il suo volto era più pallido del solito e il terrore aveva preso controllo del suo corpo.

 

Seraphina si copriva le orecchie per il forte rumore.

Si sentiva stordita.

 

Quando si avvicinò allo specchio anche lei ne fu terrorizzata.

Non vedeva il riflesso di Adrien, bensì la terza dimensone.

Ed un uomo dalle vesti nere al centro di essa.

 

«Che succede? Perchè lo specchio ci permette di vedere la terza dimensione?»

«Quell'uomo sta usando i suoi poteri per chiudere la terza dimensione.»



Angolo scrittrice-
WHOOPS, scusate ma ogni tanto ci vuole un po' il fiato sospeso, no?
Ma che succederà dopo? Perchè il mio amato Adrien è così spaventato? DOBBIAMO PROTEGGERLO

Lasciatemi una recensione per eventuali chiarimenti, se non è spoiler vi rispondo volentieri ♥
Fatemi anche sapere che ne pensate, bye ♥

Lucky_May

  
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: Lucky_May