Fumetti/Cartoni americani > Ninjago
Segui la storia  |       
Autore: Alex Ally    14/09/2017    0 recensioni
Com'è nato Ninjago? Chi sono i primi maestri elementari? E sopratutto chi è veramente il primo maestro di Spinjitzu?
In questa mia nuova fanfiction(piena di personaggi completamente inventati)cercherò di dare una risposta a queste mie domande.
Piccola anticipazione: la storia di due amici che affronterano insiemme un viaggio che gli condurrà verso una nuova vita.
Genere: Avventura, Drammatico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Shonen-ai
Note: Missing Moments, OOC, What if? | Avvertimenti: Tematiche delicate, Violenza
Capitoli:
 <<    >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Montgomery avrebbe datto di tutto per far soridere nuovamente la madre, ma si guardava bene da tenere questo suo desiderio nascosto all'amico che di sicuro l'avrebbe preso in giro visto che nelle intenzioni di Montgomery non c'era neanche la più piccola traccia di egoismo. “Dove vai?” chiese Mary vedendo il figlio uscire. “ Da Leonard, per favore... solo per oggi.” supplico Monty, Mary abbaso il capo per un secondo e poi torno a puntare i suoi freddi occhi azzurri sul figlio. “E va bene, vai!” disse gelida. Monty sorrise ed usci senza fare la minima attenzione al fato che la madre non gli avesse nemmeno chiesto a che ora pensava di tornare. “Buongiorno, Monty!” disse Nicolas vedendolo arrivare e utilizando il sopranome che il nipote aveva datto all'amico e che ormai per tutti era diventato il suo nome tranne che per Mary. Leonard nel fratempo era in camera sua a leggere; nel profondo Leonard odiava quell'attività che trovava inutile, ma sua madre si era imposta: voleva che suo figlio avesse almeno un minimo d'istruzione. “Ciao Leonard.” disse Monty entrando in camera dell'amico che supido si disfo del libro e prendendo brutalmente Monty per un braccio lo trascino fuogi casa verso il sentiro che conduceva al vilaggio. Il sogno di entrambi era andarsene da li per poter vedere il mondo, ma nessuno dei due poteva infatti mentre Leonard doveva aiutare la famiglia Monty non sarebbe mai stato lasciato libero dalla madre. “Ci crede che tua madre non si sia mai sposata con il carateraccio che ha!” borbotto Leonard che riusciva sempre a trovare la giusta situazione per insultare Mary. “Non dire cosi... mia madre soffre ancora per mio padre.” “Sono passati diciotto anni! Mia madre si è risposata quando di anni n'è avevo dieci.” disse Leonard sorridendo orgoglioso; il suo patrigno era un cacciatore molto abile e una persona alla mano che si occupava di lui come se fosse davvero suo figlio. “Mia madre dice che la tua è una poco di buono per aver fatto qualcosa del genere.” disse Monty. L'amico lo fulmino con lo sguardo “Una poco di buona sarà lei che ti picchia solo per la sua gioia personale! Mia madre non ha fatto niente di sbagliato! È solo andata avanti e si è innmorata di nuovo, non mi sembra un reato!” grido accanendosi contro l'amico che inizio a tremare spaventato come ogni volta in qui Leonard aveva una di questi crisi di rabbia che diventavano sempre più frequenti. “Scusa, non è colpa tua se tua madre è una pazza.” disse Leonard tornando calmo senza sapere che era porpio questo suo modo di tornare completamente calmo all'improvisso come se non fosse sucesso nulla a spaventare cosi tanto l'amico. I due continuarono a parlare ingari che su nel ciel al di sopra delle nuvole e forse anche della realtà qualcuno gli stava osservando. “Sei sicuro? Ci sono solo altri due posti liberi e non credo che siano adatti.” disse una voce carvenossa provenienta da un'essere con due occhi rossi come il sangue e brillanti come rubini e la pelle nera come la pece dai riflessi violeti. “Dubiti forse di me? Fidati nel cuore di quei due ragazzi c'è esattamente quello che cerchiamo e nel caso mi sbagliassi... bè non sarebbero di certo gli unici a morire, non trovi?” rispose una voce di un'essere con due occhi di smeraldo e corpo che brillava di sfumature dorate. “Tra i cento che abbiamo scelto solo vent'uno sopraviverano. E sia! Ora gli abbiamo trovati tutti.” “Non ci resta che contatargli e dare inizio alla gara.” Angolo dell'autrice: buongiorno e bentrovati. La tramma sta entrando nel vivo con qualche indizio in più sulla storia in se. Spero di avervi incuriossiti e alla prossima.
   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Fumetti/Cartoni americani > Ninjago / Vai alla pagina dell'autore: Alex Ally