Valya

di heliodor
(/viewuser.php?uid=678045)

Disclaimer: Questo testo proprietà del suo autore e degli aventi diritto. La stampa o il salvataggio del testo dà diritto ad un usufrutto personale a scopo di lettura ed esclude ogni forma di sfruttamento commerciale o altri usi improri.


Lista capitoli:
Capitolo 1: *** La figlia del fabbro ***
Capitolo 2: *** Verso l'orizzonte ***
Capitolo 3: *** La spada ***
Capitolo 4: *** Regole ***
Capitolo 5: *** Sangue e acciaio ***
Capitolo 6: *** Un buon affare ***
Capitolo 7: *** Le tue parole puzzano ***
Capitolo 8: *** Una piccola rivincita ***
Capitolo 9: *** Le Vecchie Pietre ***
Capitolo 10: *** Sei nei guai ***
Capitolo 11: *** Nessun prigioniero ***
Capitolo 12: *** Prima lezione ***
Capitolo 13: *** Il figlio del mercante ***
Capitolo 14: *** La lettera ***
Capitolo 15: *** Ferrador ***
Capitolo 16: *** La forgia ***
Capitolo 17: *** Nuovo corso ***
Capitolo 18: *** Aquile ***
Capitolo 19: *** Un rischio da correre ***
Capitolo 20: *** La figlia dell'infame ***
Capitolo 21: *** Ordini della Governatrice ***
Capitolo 22: *** Voglio fare la mia parte ***
Capitolo 23: *** Il figlio dell'eroe ***
Capitolo 24: *** Varnado ***
Capitolo 25: *** Il Signor Baffetto ***
Capitolo 26: *** Il nemico è qui ***
Capitolo 27: *** Un'offerta vantaggiosa ***
Capitolo 28: *** La conoscenza è un'arma ***
Capitolo 29: *** Veri guerrieri ***
Capitolo 30: *** Una grande occasione ***
Capitolo 31: *** Cambiamento ***
Capitolo 32: *** Un dono gradito ***
Capitolo 33: *** La fattoria ***
Capitolo 34: *** Mantelli bianchi ***
Capitolo 35: *** Simboli ***
Capitolo 36: *** Un motivo per combattere ***
Capitolo 37: *** Mossa segreta ***
Capitolo 38: *** Promettimi che sarai prudente ***
Capitolo 39: *** Mi hai dotto il nascio ***
Capitolo 40: *** Ci servono quelle armi ***
Capitolo 41: *** Non sei pronta ***
Capitolo 42: *** Sei fortunata ***
Capitolo 43: *** La mia via ***
Capitolo 44: *** Il ballo ***
Capitolo 45: *** Discorso ***
Capitolo 46: *** E' solo colpa tua ***
Capitolo 47: *** Niente può andare storto ***
Capitolo 48: *** Nella gabbia ***
Capitolo 49: *** Ricordi ***
Capitolo 50: *** Nell'arena ***
Capitolo 51: *** Vittoria ***
Capitolo 52: *** Ultimo scontro per oggi ***
Capitolo 53: *** Giorno di riposo ***
Capitolo 54: *** Un posto sicuro ***
Capitolo 55: *** Che cosa vuoi fare? ***
Capitolo 56: *** Mi arrendo ***
Capitolo 57: *** Attacco a sorpresa ***
Capitolo 58: *** Cambiamo le regole. Di nuovo ***
Capitolo 59: *** Primo Sangue ***
Capitolo 60: *** Un uomo ragionevole ***
Capitolo 61: *** Pugno di fuoco ***
Capitolo 62: *** Perdite importanti ***
Capitolo 63: *** Il segnale ***
Capitolo 64: *** I troll non hanno un cuore ***
Capitolo 65: *** Questo non doveva succedere ***
Capitolo 66: *** Non ho altra scelta ***
Capitolo 67: *** Dimenticare tutto ***
Capitolo 68: *** La lista ***
Capitolo 69: *** Il leone, il serpente e il lupo ***
Capitolo 70: *** L'ultima possibilità ***
Capitolo 71: *** Interrogatorio ***
Capitolo 72: *** Sul mio onore ***
Capitolo 73: *** Colazione ***
Capitolo 74: *** Mantenere una promessa ***
Capitolo 75: *** Giuramento ***
Capitolo 76: *** Vino ***
Capitolo 77: *** L'albero dei corvi ***
Capitolo 78: *** Nel buio ***
Capitolo 79: *** C'è molto di più ***
Capitolo 80: *** Sapevo che mi avresti sorpresa ***
Capitolo 81: *** Città della Forgia ***
Capitolo 82: *** Un ultimo saluto ***
Capitolo 83: *** Assassina ***
Capitolo 84: *** Confessione ***
Capitolo 85: *** Creditore ***
Capitolo 86: *** Fuga ***
Capitolo 87: *** Non c'è un posto sicuro per me ***
Capitolo 88: *** Dove volano le Aquile? ***
Capitolo 89: *** Voltagabbana ***
Capitolo 90: *** Tu stai cercando qualcuno ***
Capitolo 91: *** Sonno Nero ***
Capitolo 92: *** Il prigioniero ***
Capitolo 93: *** Messaggero ***
Capitolo 94: *** Sacrificabile ***
Capitolo 95: *** Origini ***
Capitolo 96: *** Ladra ***
Capitolo 97: *** Il mio vero nome ***
Capitolo 98: *** Mio il comando, mie le regole ***
Capitolo 99: *** Non vi dirò niente ***
Capitolo 100: *** Facciamo uno scambio ***
Capitolo 101: *** Limiti ***
Capitolo 102: *** Guardati le spalle ***
Capitolo 103: *** Cucciolo ***
Capitolo 104: *** Tu sei la chiave ***
Capitolo 105: *** Onorare un sacrificio ***
Capitolo 106: *** Assalto ***
Capitolo 107: *** Tempesta di fulmini ***
Capitolo 108: *** Quattro Lune ***
Capitolo 109: *** Debito ***
Capitolo 110: *** Il battito della forgia ***
Capitolo 111: *** Altro vino ***
Capitolo 112: *** Una morte ridicola ***
Capitolo 113: *** Ostacoli ***
Capitolo 114: *** Seppellire un amico ***
Capitolo 115: *** Voglio solo proteggerti ***
Capitolo 116: *** Destino ***
Capitolo 117: *** Sembra un complimento ***
Capitolo 118: *** Ti sei fidata delle persone sbagliate ***
Capitolo 119: *** Per il comandante Aramil ***
Capitolo 120: *** Tradita e abbandonata ***
Capitolo 121: *** Un nemico nascosto ***
Capitolo 122: *** Nè prigioniera né ospite ***
Capitolo 123: *** Grazie di tutto ***
Capitolo 124: *** Il pozzo ***
Capitolo 125: *** La casa della serenità ***
Capitolo 126: *** Mira con calma ***
Capitolo 127: *** Diffida di chiunque ***
Capitolo 128: *** Abbiamo un accordo ***
Capitolo 129: *** Percorri la strada fino in fondo ***
Capitolo 130: *** Sei mia prigioniera ***
Capitolo 131: *** Sono una guerriera ***
Capitolo 132: *** Non deve piacerti ***
Capitolo 133: *** Vittoria impossibile ***
Capitolo 134: *** Traditore ***
Capitolo 135: *** Due giorni ***
Capitolo 136: *** Cortesia e gentilezza ***
Capitolo 137: *** La lama maledetta ***
Capitolo 138: *** Soffocata ***
Capitolo 139: *** Sei innamorata di lui ***
Capitolo 140: *** L'accademia ***
Capitolo 141: *** Non conosco la chiave ***
Capitolo 142: *** C'è un ordine in tutte le cose ***
Capitolo 143: *** Non più di una volta ***
Capitolo 144: *** Non sei motivata ***
Capitolo 145: *** L'affido a te ***
Capitolo 146: *** Rabbia ***
Capitolo 147: *** La spada è mia ***
Capitolo 148: *** Tu non sei all'altezza ***
Capitolo 149: *** Qualsiasi cosa ***
Capitolo 150: *** Uomini spezzati ***
Capitolo 151: *** Devo vivere ***
Capitolo 152: *** Sono qui per aiutarti ***
Capitolo 153: *** Siamo tutti dannati ***
Capitolo 154: *** Tanto ingenua quanto forte ***
Capitolo 155: *** Scelte ***
Capitolo 156: *** Persone disperate ***
Capitolo 157: *** Niente da perdere ***
Capitolo 158: *** Agguato a metà strada ***
Capitolo 159: *** L'occhio che vede ogni cosa ***
Capitolo 160: *** Io sono la viaggiatrice ***
Capitolo 161: *** Nessuno di voi riuscirà a scappare ***
Capitolo 162: *** Duello nell’oscurità ***
Capitolo 163: *** La situazione non è migliorata ***
Capitolo 164: *** Impara la lezione ***
Capitolo 165: *** Basta bugie ***
Capitolo 166: *** Non mi basta ***
Capitolo 167: *** Il costo della vittoria ***
Capitolo 168: *** Andiamo via ***
Capitolo 169: *** Addio per sempre ***
Capitolo 170: *** Un potere terribile ***
Capitolo 171: *** Siete tutti d'accordo? ***
Capitolo 172: *** Il pericolo più grande ***
Capitolo 173: *** Amica mia ***
Capitolo 174: *** Demone ***
Capitolo 175: *** La cosa peggiore che hai fatto ***
Capitolo 176: *** La Freccia ***
Capitolo 177: *** Sei importante ***
Capitolo 178: *** Condanna a morte ***
Capitolo 179: *** Senza uscita ***
Capitolo 180: *** Trappola sulle montagne ***
Capitolo 181: *** Un piccolo sacrificio ***
Capitolo 182: *** Bestie selvagge ***
Capitolo 183: *** Non ti rivedrò mai più ***
Capitolo 184: *** Salvare i compagni ***
Capitolo 185: *** Dall'altra parte ***
Capitolo 186: *** Benedetto dagli Déi ***
Capitolo 187: *** Barare ***
Capitolo 188: *** Paura ***
Capitolo 189: *** La tua forza, la loro debolezza ***
Capitolo 190: *** Continua a cercare ***
Capitolo 191: *** Non ti ho chiesto il permesso ***
Capitolo 192: *** Leggende ***
Capitolo 193: *** Inseguire i fantasmi ***
Capitolo 194: *** Il cavallo migliore ***
Capitolo 195: *** L'uomo più pericoloso ***
Capitolo 196: *** Saremo tutti maledetti ***
Capitolo 197: *** La prima pietra ***
Capitolo 198: *** Quelli che sopravvivono ***
Capitolo 199: *** Fidati di me ***
Capitolo 200: *** Doni ***
Capitolo 201: *** Fai troppe domande ***
Capitolo 202: *** La statua ***
Capitolo 203: *** Uno sguardo nel buio ***
Capitolo 204: *** La salvezza non è tutto ***
Capitolo 205: *** Testa di serpente ***
Capitolo 206: *** Ho sbagliato a fidarmi di te ***
Capitolo 207: *** Ricordi ***
Capitolo 208: *** Il debito ***
Capitolo 209: *** Non serviamo i nostri poteri ***
Capitolo 210: *** Nemmeno tu mi conosci ***



Capitolo 1
*** La figlia del fabbro ***



Mappa
VALYA
 

 
"La forza non è nella spada, ma nella mano che la regge"
- Margry Mallor
 
 
"Non esistono spade magiche"
- Talita, Decana dell’accademia di Berger
 
 
"Spezza l'incantesimo, trafiggi il cuore del mago" disse Agron il Saggio prima di spirare tra le braccia di Blerian, il Cavaliere Valoroso
- Adenora Stennig, 'La Duchessa Misteriosa'
 
 
"Metterò fine a questa guerra"
- Bellir, prima di sfidare e sconfiggere l'Arcistregone Malag
 

 
C’è stata un’era, dopo la caduta dei Maghi Supremi e prima dell’ascesa di Harak il Re Stregone, in cui il Continente Maggiore era dominato dal sangue e dall’acciaio.
Gli uomini combattevano e morivano nelle loro armature, per la gloria effimera o l’avidità, non faceva molta differenza.
Finché un giorno non apparvero le dodici Lame Supreme.
Dodici fratelli che avevano giurato solennemente di mettere fine allo spargimento di sangue e riportare la pace sul continente.
Armati di altrettante spade magiche, sfidarono e sconfissero i signori della guerra, mettendo fine alle numerose guerre tra i regni.
Ma un tredicesimo fratello, rimasto senza la propria spada e invidioso degli altri, venne corrotto dal risentimento e dall’invidia.
Insinuando il dubbio e la sfiducia tra i suoi fratelli, li spinse ad affrontarsi tra di loro. Ogni volta che uno di essi cadeva, ne raccoglieva la spada magica e la teneva con sé. Quando le avrebbe possedute tutte, sarebbe diventato invincibile.
Nell’ora più buia che il Continente Maggiore avesse mai vissuto, un nobile cavaliere apparve all’improvviso e sfidò il tredicesimo fratello, uccidendolo e mettendo fine al suo dominio. Raccolte le spade, le portò in un luogo sicuro e le distrusse affinché nessuno potesse mai più usarle.
Ma è scritto che un giorno, al termine dell’era della stregoneria, le dodici Lame Supreme torneranno a insanguinare il Continente Maggiore e una nuova guerra si scatenerà per il loro possesso.
 
La figlia del fabbro

C’era un muretto che delimitava i campi, giù a Cambolt, vicino al confine con Lormist, dove un fiume che non aveva nome ma che tutti chiamavano il “Serpente Pigro” per la calma delle sue acque e la dolcezza delle sue anse, piegava deciso verso settentrione dopo aver girato attorno a una collina.
E da questa collina si potevano dominare i campi bene ordinati, divisi da stradine di terra battuta che si incrociavano formando una fitta ragnatela. Su, in cima, un pennacchio di fumo grigio saliva verso il cielo di un azzurro limpido.
Una casa di pietre grigie impastate con malta bianca occupava la cima della collina. Il tetto spiovente di legno era coperto di paglia. Appoggiata al fianco della casupola vi era la forgia, una tettoia sostenuta da tronchi sotto la quale vi era un forno dove ardeva il fuoco e bancali ingombri di pinze e martelli.
“È una magnifica giornata” stava dicendo Valya a suo padre. Lei era una ragazzina minuta, di sedici anni appena compiuti, con lunghi capelli neri e mossi arrangiati in una coda che le scendeva in mezzo alla schiena dritta. Indossava una tunica grigia e pantaloni scuri su stivali marroni dalla punta consumata che lei lucidava ogni giorno prima di metterseli. Seduta al tavolo della cucina, guardava fuori dalla finestra da cui si intravedeva uno scorcio della collina, dei filari di alberi e della valle sottostante, dove la foschia mattutina nascondeva le piccole case di Cambolt.
Suo padre si lasciò sfuggire un brontolio sommesso, lo sguardo fisso sul focolare spento e l’espressione corrucciata.
Simm Keltel era un uomo imponente, dalla folta zazzera marrone e la barba rossiccia che gli copriva la punta del mento.
Valya lo fissò con fare ansioso, mentre con le dita tormentava la pagnotta di pane ignorando il pezzo di formaggio nella ciotola.
“Finisci di mangiare” disse Simm con voce roca.
Valya sbuffò. “Dico solo che è una giornata troppo bella per passarla in casa.”
“Non puoi stare tutto il tempo in giro” disse Simm con tono duro. “Non sta bene. Che cosa farai, poi” fece una pausa. “Vorrei proprio saperlo.”
“Vado in giro” disse Valya. “Mi alleno. A volte tiro con la spada.”
Suo padre le rivolse un’occhiata di sbieco.
“Hagar ne ha fatta una col manico di una scopa” disse Valya.
“Hagar? Quell’idiota? Non dirmi che lo frequenti.”
“Hagar è un bravo ragazzo” protestò.
In verità lo considerava un idiota anche lei, ma non voleva darla vinta a suo padre. Non quella volta.
“Faresti meglio a restare a casa.”
“Ma sono giorni che…”
“Sei stata al villaggio l’altro ieri. E prima ancora hai girovagato per il bosco tutto il giorno. Senza contare che sei andata due volte al lago senza avvertirmi.”
“Ci sono andata con Breye ed Enye” disse subito Valya. “Non ero da sola.”
“Non è questo il punto, Val” disse suo padre. “Non pago le lezioni di cucito della signora Roxley perché tu te ne vada in giro.”
“Cucito” disse Valya alzando gli occhi. “Come se servisse a qualcosa.”
“Quello di sarta è un lavoro onesto” disse Simm guardando altrove. “È una vera fortuna che la signora Roxley ti dia delle lezioni. È la migliore sarta di Cambolt. Con i suoi consigli diventerai abile e richiesta.”
“La signora Roxley non si lava” disse Valya dando un morso deciso al pezzo di formaggio. “E ha un odore sgradevole.”
“E tu tappati il naso quando vai da lei. Quelle lezioni ti serviranno, un giorno.”
“Per cosa?”
“Per trovare un buon marito, sposarti e farmi giocare con qualche nipotino.”
Valya si coprì il viso con le mani. “Smettila di dire queste cose. Mi metti in imbarazzo.”
“Qui ci siamo solo tu e io.”
Valya scosse la testa e si alzò. “Io vado.”
“Dove vai? Oggi non c’è lezione.”
Pensò a una scusa qualsiasi. “È finito il pane. Vado a comprarlo giù al villaggio.”
“Finisci di mangiare.”
Prese il pane rimasto e lo infilò in tasca. Fece per uscire.
“Vai dal fornaio e torna subito a casa” disse suo padre. “Non fermarti per strada e non parlare con nessuno.”
“Come vuoi” rispose con tono annoiato.
 
L’unico fornaio di Cambolt si chiamava Joni ed era un uomo dalla pancia rotonda, l’espressione sorridente e mani e viso sempre sporche di farina.
Almeno era così che Valya lo vedeva più spesso. Non aveva idea di che aspetto avesse Joni quando chiudeva il forno e tornava a casa, posto che uscisse mai dal suo negozio.
In ogni caso non aveva importanza, perché non era Joni a parlare con i clienti, ma la figlia maggiore Talina. A differenza del padre, lei era alta e magra come uno stelo d’erba e aveva l’espressione sempre atteggiata in una smorfia di disgusto.
Ogni volta che la vedeva, Valya aveva l’impressione che la sua smorfia diventasse ancora più intensa, se possibile. Per questo mentre si avvicinava al forno raddrizzava la schiena e assumeva una posa marziale, come se stesse marciando impettita.
Le forme di pane appena sfornato venivano messe in cesti coperti da un panno ed esposti su di un bancone fuori dal forno. Talina sembrava intenta a sorvegliarlo mentre guardava a destra e sinistra, come a voler intercettare un possibile cliente.
“Salve signor Benvir” stava dicendo la donna. “Abbiamo pagnotte appena sfornate. Vuole assaggiarne una?” E ancora. “Buongiorno signora Ravelyn, suo marito si è ripreso dalla caduta da cavallo? Gli faccia dono del buon pane fresco, male non può fargli.”
Quando vide Valya avvicinarsi la sua espressione mutò di colpo. “Di nuovo tu.”
Valya si lasciò sfuggire un mezzo sorriso. “Di nuovo io” disse con tono sfrontato.
“Che vuoi?”
“Due forme di pane. Grazie.”
“E magari anche un bel pezzo di formaggio profumato e del grasso spalmato sopra? Che ne diresti?”
“Non sarebbe una cattiva idea.”
Talina arricciò le labbra. “Che sfrontata. Tu e tuo padre mi dovete ancora pagare dodici forme di pane.”
“Mettete anche queste sul conto.”
“Neanche per idea. Voglio le monete che mi dovete.”
Valya fece per risponderle piccata, quando dall’interno del negozio giunse una voce.
“Talina. Che succede? Stai di nuovo litigando con un cliente?”
 
Talina sbuffò. “No, padre.  Solo un medicante. Lo stavo mandando via.”
“Un mendicante?”
“Signor Joni” disse Valya. “Sono io, Valya. La figlia di Simm Keltel.”
Talina cercò di coprirle la bocca ma lei la evitò scartando di lato e afferrandole il polso. Le bastò tirare un po’ e assecondare il movimento per sbilanciare la donna che quasi scavalcò il bancone finendo a terra.
“Stupida” gridò la donna. “Lasciami subito.”
Valya scattò di lato e nascose le mani dietro la schiena.
In quel momento Joni apparve sulla soglia del negozio, la tunica marrone sporca di farina tesa sul ventre a forma di botte.
“Che stai combinando?” chiese alla figlia.
Talina, ancora piegata sul tavolo, le forme di pane sparpagliate in giro, si raddrizzò con uno scatto. “È stata quella lì” disse indicando Valya. “Mi ha afferrato il braccio e l’ha quasi spezzato” piagnucolò.
Joni si accigliò. “È stata Valya? La nostra Valya? Non dire sciocchezze, Tal. Non lo vedi che è la metà di te?”
“Ma” fece per dire la figlia.
Joni si rivolse a Valya. “Che ti serve, figliola?”
“Mio padre vorrebbe due forme di pane, signor Joni” disse col tono più innocente che poteva. “E mi ha mandata a prenderle.”
“Ma la senti?” fece Talina con tono indispettito. “L’ha mandata a prenderle, non a pagarle.”
Joni fece una smorfia con le labbra. “Prenderle, comprarle, è lo stesso. La figlia di Simm Keltel viene al mio forno per prendere del pane e chi sono io per negarglielo? Incartale subito e mettici pure un paio di quei panini alle noci che ho appena sfornato.”
Valya odiava le noci ma a suo padre piacevano. “E avrebbe anche qualche panino al latte?”
Joni annuì deciso. “Mettici anche due panini al latte” disse alla figlia.
Talina incrociò le braccia sul petto. “Io non incarto proprio niente per quella lì se non mi paga.”
Joni le scoccò un’occhiata severa. “Ti ho dato un ordine, ragazza, o vuoi che te le dia come facevo quando eri più giovane?”
Talina sbuffò. “Ma ci devono almeno cinquanta monete” si lamentò.
“E allora? Simm Keltel è un eroe di guerra” disse Joni. “Gli affari non gli vanno troppo bene, ma si rialzerà. Prepara quel pane, adesso.” Si rivolse a Valya. “La prossima volta vieni direttamente da me. Talina non è brava a trattare con le persone come lo è con gli incassi e le uscite.”
“Mi spiace di non poterla pagare” disse Valya. “Non appena avremo i soldi glieli porterò, lo prometto.”
Joni scosse la testa. “Non dartene pena, Val. c’è sempre tempo per pagare i debiti. Ora prendi quel pane e porta i miei saluti a tuo padre.”
 
La strada che andava da Cambolt alla forgia di Simm Keltel era simile a un serpente attorcigliato attorno a una bassa collina.
Valya passò sotto i filari di alberi, la sacca piena di pane ancora caldo e lo sguardo perso nel vuoto. I suoi occhi non vedevano la strada, la mente che correva al ricordo di come aveva sbilanciato Talina.
Quella mossa gliela aveva insegnata suo padre.
“Ti aiuterà a difenderti” le aveva detto serio.
“Mi difenderei meglio con una spada” aveva risposto lei con tono sfrontato.
“Con una spada rischieresti solo di farti uccidere.”
Valya aveva indicato la rastrelliera piena di lame di acciaio brunito e dall’elsa lavorata. “Con una di quelle saranno i miei nemici a rischiare di essere uccisi.”
“Tu quelle lì non le devi nemmeno guardare” si era affrettato a dire Simm coprendo la rastrelliera con un panno.
Valya però le aveva guardate più di una volta e quasi altrettante, di nascosto dal padre, ne aveva provata qualcuna. Fino a quel momento non ne aveva trovata una che si adattasse alla sua mano da ragazza. Aveva provato a rinforzare i muscoli sollevando pietre e persino a farsi venire i calli per migliorare la presa, ma tutto ciò che aveva ottenuto erano dolori alle braccia e vesciche sui palmi.
Era sicura che se lo avesse voluto, Simm Keltel avrebbe potuto forgiare una spada adatta alla sua mano, perfetta e bilanciata come solo lui sapeva fabbricarle.
Sospirò a quel pensiero e accelerò il passo. Giunta alla sommità della collina, notò i due cavali legati alla staccionata poco fuori dalla forgia.
Ebbe un tuffo al cuore pensando che fossero clienti. Erano i primi da almeno quattro lune, se si escludevano i pochi abitanti di Cambolt che avevano portato padelle e tegami da far riparare.
Quando notò il marchio con la stella a quattro punte sulla sella, il suo umore cambiò di colpo.
“Chernin” sibilò, lo sguardo accigliato.
Marciò decisa verso la forgia, dove un uomo alto e calvo e un altro dal fisico imponente quasi come quello di suo padre sostavano fuori dall’ingresso.
“È una buona offerta” stava dicendo il tizio calvo.
Valya lo conosceva bene. Lo aveva visto più volte al villaggio, mentre si aggirava tronfio per strada quasi aspettandosi la riverenza degli altri abitanti.
La voce di Myron Chernin era bassa e roca, ma poteva udirla senza difficoltà. “Dovresti prenderla in considerazione, Simm.”
“Ti ho già detto che” iniziò a dire suo padre. Gli occhi di lui corsero a Valya. “Per gli inferi, che cosa ci fai lì?”
Valya sobbalzò e quasi fece cadere la sacca piena di pane. “Ero appena tornata.”
Chernin e l’altro le gettarono una rapida occhiata.
“Entra subito in casa” disse Simm.
“Ma io” fece per protestare.
“Vai” disse suo padre alzando la voce.
Valya sbuffò e andò via trascinando i piedi fino a riempire di terriccio gli stivali di cuoi marroni. Appena fu lontana una ventina di passi dalla forgia corse verso casa e spalancò la porta. Gettò la sacca col pane su di una sedia e si arrampicò sulla scala di legno che portava alla soffitta. Da qui spalancò la finestrella che dava sul cortile e con un balzo fu sul tetto di legno coperto di paglia. Muovendosi in bilico sul cornicione balzò verso il muretto della forgia e si arrampicò sulle assi di legno che sporgevano, entrando nel sottotetto attraverso un’apertura dalla quale passava di poco.
Eppure, fino all’anno scorso ci entravo senza problemi, pensò.
Anche la tunica e la gonna leggera che aveva indossato due inverni prima non le andava più e la signora Roxley le aveva insegnato come sfruttare il tessuto in eccesso per allargare quei vestiti e farli durare un altro anno.
“Stai crescendo” le aveva detto durante una delle lezioni di cucito. “Quanti anni hai detto di avere?”
“Quindici” aveva risposto. “Ma fra due lune ne avrò sedici.”
Da quel giorno erano passate cinque Lune e lei aveva compiuto gli anni poco prima della fine dell’inverno, quando le giornate avevano iniziato ad allungarsi.
La voce di Myron Chernin la riportò al presente. “Ti conviene accettare, Simm. Sei pieno di debiti e se non paghi un giorno o l’altro manderanno le guardie da Faerdahm per farti arrestare e tua figlia finirà a fare la serva.”

Note
Ed eccoci qui per una nuova avventura.
Stavolta non vi anticipo niente sulla trama, a parte il fatto che si tratta di una storia ambientata nello stesso universo di Joyce e che si svolge contemporaneamente. Potete leggere Valya senza mai aver letto Joyce e viceversa, ma io vi consiglio ovviamente di leggere prima Joyce perché questa avventura spoilera la prima parte e il finale, ma la scelta spetta a voi.
Buona lettura!

Prossimo Capitolo Giovedì 4 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 2
*** Verso l'orizzonte ***


Verso l'orizzonte

Valya strisciò sotto il lucernario, una finestra senza vetri e imposte dalla quale pioveva la luce dall’esterno. Sporgendosi poteva vedere il bancone dove erano allineati i ferri di suo padre, il forno dal quale proveniva una luce intensa e la mola che veniva azionata da un pedale e che era sempre rotta o cigolava quando veniva usata.
Suo padre era in piedi dietro al bancone senza rivolgere lo sguardo verso Chernin, che da quella posizione non riusciva a vedere.
Meglio, si disse Valya. Così nemmeno lui vedrà me.
“Sei venuto qui per minacciarmi?” chiese suo padre mentre gettava un’occhiata ai ferri.
“Minacciarti? No” fece Chernin sicuro. “Avvertirti? Sì. Simm, stai correndo un bel rischio. Non si scherza con i debiti e duemila monete sono una bella cifra.”
“Troverò quei soldi.”
“Come? Quante spade dovrai forgiare, quanti elmi riparare prima di avere quella somma? Io non vedo la fila alla tua forgia.”
Simm afferrò una tenaglia e sembrò saggiarne il peso nella mano destra. “In effetti è strano. Da un momento all’altro sono spariti quasi tutti i miei clienti, persino quelli abituali.”
“È un periodo di crisi” disse Chernin con voce incerta. “Sta capitando a tutti.”
“A tutti, sì. Ma non a te. I tuoi, di affari, vanno sempre bene.”
“Sono solo un uomo fortunato. E prudente.”
“E invece io sarei quello avventato?”
“Tu sei molte cose, Simm Keltel. Un guerriero, un eroe di guerra e un artista, ma non un uomo d’affari. Quello no.”
“Eroe? Non ho mai fatto niente di eroico nella mia vita.”
“Non fare il modesto, Simm. Tutti sanno di Mashiba e di come riuscisti a entrare nella fortezza, tu e i tuoi amici guerrieri neri, Amaril e Yandar e tutti gli altri. Siete leggende da queste parti.”
Simm appoggiò la pinza sul tavolo con calma e prese il martello. “Sono solo leggende, appunto. Dicerie che la gente mette in giro.”
“Krynt” fece Chernin rivolto al guerriero che lo accompagnava. “Tu eri presente a quella battaglia, no? Come andarono le cose?”
Suo padre alzò la testa di scatto. “Tu c’eri?”
Krynt borbottò qualcosa tra i denti. “Non ero proprio alla battaglia, ma arrivai a Mashiba due giorni dopo, quando gli incendi non si errano ancora spenti e i soldati continuavano a scavare corpi dalle macerie.”
“E che cosa vedesti?” lo incalzò Chernin.
“Centinaia di morti. Quasi tutti quelli che si trovavano nella fortezza. Mercenari al soldo di Vulkath l’infame e anche altri che si erano uniti alla rivolta.”
“Rinnegati” disse Chernin con veemenza. “Che ricevettero la loro giusta punizione. Le Quattro Stelle possono anche vantarsi di avere massacrato l’arcistregone, ma fu la conquista di Mashiba a spianare loro la strada. E quella vittoria fu tutto merito tuo, Simm Keltel.”
Simm soppesò il martello nella mano. “Non c’è nessun merito in una vittoria. Si combatte per uccidere e non venire uccisi.”
“Giusto” fece Chernin. “Questo è lo spirito di un vero guerriero.”
“O di un assassino.” Simm posò il martello. “Non ti venderò la forgia, Chernin. Per due motivi. Il primo è che sei già abbastanza ricco e non sapresti che fartene. Il secondo è che sei stato tu ad allontanare tutti i miei clienti.”
“Lo senti, Krynt? Vengo ad offrirgli il mio aiuto e lui mi ricompensa con delle false accuse.”
“Le mie accuse non sono false” disse Simm perentorio. “E se non te ne andrai ti batterò col piatto della mia spada e non potrai sederti per una Luna sui tuoi cuscini di seta e oro.”
“Mi minaccia anche” strepitò Chernin. “Tu non fai niente, Krynt? Ti pago per difendermi o per startene lì fermo senza muoverti? Hai una spada. Usala.”
Krynt emise un suono sommesso. “Mi paghi per difenderti dai briganti e dai criminali, non dalle minacce di un uomo che non vuole più combattere. Finché non estrae la spada e cerca di passarti da parte a parte non farò niente.”
“Sei saggio” disse Simm.
“Ho solo visto quello che hai fatto a Mashiba. La metà di quelle persone.” Esitò. “Ma tu lo sai meglio di me, Simm Keltel. Eri lì.”
“Avrei volentieri fatto a meno di esserci.”
Chernin emise una specie di ringhio. “Perderai la forgia. e anche tua figlia. Farò in modo che tu venga rinchiuso in una lurida prigione e in quanto a quella ragazzina, finirà in mezzo a una strada. Conosco persone che…”
“Portalo via” disse Simm rivolgendosi a Krynt. “O ti costringerò a usare quella spada. E non sarà piacevole per nessuno dei due.”
“È meglio fare come dice” disse Krynt.
“Tornerò, Keltel” sbraitò Chernin, la voce che si affievoliva mentre si allontanava. “E porterò le guardie con me, non questo mezzo mercenario.”
“Attento a come parli” disse Krynt col solito tono pacato.
Valya decise di aver sentito abbastanza.
Tornò sui suoi passi e balzò giù dalla scala, uscendo di corsa dalla casa per fare il giro e rientrare dalla forgia.
Suo padre era tornato alla mola, dove stava affilando una spada in una cascata di scintille. “Quanto hai sentito di quello che ci siamo detti?”
“Abbastanza” rispose. “Non devi vendere a Chernin. Lui e i suoi figli si danno un sacco di arie e sembrano i padroni della città. L’altro giorno il più grande, Rezan…”
“Valya.”
Lei si azzittì.
“Non devi più andare in città. Per nessun motivo. Hai capito?”
“Tu” iniziò a dire.
“È importante” disse suo padre.
Valya ingoiò a vuoto. “Devi davvero così tante monete?”
“Non sono affari che ti riguardano.”
“Potrei aiutarti.”
“No” rispose lui perentorio. “Il tuo aiuto non mi serve. Adesso vai. Non hai qualcosa da fare?”
Valya non voleva arrendersi. Raccolse il coraggio e disse: “E se andassimo via? Se sparissimo senza dire a nessuno dove andiamo?”
Simm alzò la testa di scatto, gli occhi che luccicavano nel bagliore della forgia, lo sguardo accigliato. “Fuggire via senza pagare i nostri debiti? Come dei ladri?” ringhiò. “È questo che ti ho insegnato, piccola ladra ingrata e bugiarda?”
Valya scosse la testa, gli occhi che le pizzicavano.
“Vattene” gridò suo padre. “Fuori di qui prima che mi arrabbi davvero.”
Valya corse via.
 

Raggiunse il muretto che delimitava la strada, superò il tratto che era crollato due anni prima per le piogge arrampicandosi fino in cima e poi lasciandosi scivolare dall’altra parte. Balzò sull’erba alta e solo allora si fermò, il fiato corto per la corsa e gli occhi che le bruciavano.
Strinse i pugni e diede un calcio a una pietra facendola volare verso il muretto crollato.
“Maledetto Chernin” gridò rivolta alla valle sottostante dove si intravedeva uno scorcio di Cambolt, con le casette dal tetto spiovente. Da quella distanza i pochi passanti per strada sembravano delle formiche. “Maledetto villaggio. Maledetta forgia.”
Raccolse un’altra pietra e la lanciò con tutta la forza che aveva. “Maledetti. Maledetti. Maledetti” gridò fino a che non le uscì solo un rantolo soffocato.
Sedette con la schiena appoggiata al muretto, le gambe raccolte contro il petto e gli occhi serrati. Nel buio e nel silenzio poteva illudersi di non essere mai stata lì, ma di trovarsi altrove.
Nel castello dove Margry Mallor, prima donna della storia, veniva nominata cavaliere da re Jeras di Valonde. O al fianco di Bellir, guardandogli le spalle mentre lui sfidava a duello l’arcistregone Malag. Ed era lei a brandire la spada che trafiggeva Elizar Tancaster, l’usurpatore di Malinor, guadagnandosi i complimenti di Lelenia Dundlar, la strega guerriera.
Le immagini delle loro armi danzarono davanti ai suoi occhi. La spada forgiata dagli elfi che Bellir brandiva con sguardo fiero luccicava sotto i raggi del sole. L’elsa tempestata di pietre preziose della spada di Margry risplendeva e la testa di drago che faceva da pomello alla lama di Lelenia, dono del principe delle terre d’oriente per averli liberati dalla minaccia dei draghi rinati, vorticarono mescolandosi tra loro.
Desiderò con tutte le sue forze essere altrove.
Forse se lo desidero davvero, si disse, accadrà.
Valya spalancò gli occhi.
Quelle splendide immagini erano sparite e al loro posto c’era il consueto panorama.
Sospirò affranta.
Bellir, Margry e Lelenia avevano le loro splendide armi. E lei doveva accontentarsi della spada di legno costruita da quell’idiota di Hagen.
Asciugò le lacrime col dorso della mano e raddrizzò la schiena, immaginandosi di ergersi al di sopra del villaggio disteso nella valle, come un gigante delle leggende.
“Andrò via da qui” disse sollevando il pugno chiuso come se volesse minacciare Cambolt e i suoi abitanti. “Non sarò la serva di nessuno. Troverò una spada degna di me e compirò imprese memorabili. Mi senti, Cambolt?” Guardò più lontano, verso l’orizzonte dove si alzavano montagne dai fianchi grigi e affilati. “Mi senti Talmist? Mi senti, Grande Continente? Io sono Valya Keltel e un giorno conoscerete il mio nome.”
 
La forgia era spenta e le ombre si stavano allungando. La vecchia Deyra, la donna più anziana del villaggio, amava radunare attorno a sé i bambini e raccontare loro storie del terrore, come quella di Malvina la Maga Nera o della perduta Telothien, la città di cristallo e ferro che sorgeva nel lontano meridione, la dimora ancestrale dei primi uomini apparsi nel mondo conosciuto. Quella che le piaceva di meno era la leggenda delle Ombre. Secondo Deyra, una volta all’anno le ombre degli alberi prendevano vita e cercavano di afferrare le caviglie delle ragazze che si attardavano per la strada.
“Se le vedete allungarsi verso di voi c’è un motivo” amava dire riducendo la voce a un sussurro roco. A quel punto tutti i bambini si chinavano verso di lei, gli occhi spalancati e il fiato che si faceva corto. “Le Ombre sono fredde e bramano il calore dei giovani corpi. Se le vedete allungarsi verso di voi, correte o vi prenderanno, trascinandovi nel cuore dei boschi, dove gli elfi cattivi danzano attorno al fuoco prima di divorare i cuori delle persone malvagie.”
A quel punto uno degli adulti allontanava i bambini ormai terrorizzati e li rimandava alle loro case, dove avrebbero sognato di elfi danzatori e ombre che ti afferravano.
Valya scosse la testa e puntò dritta verso la casa. La porta era aperta e scivolò all’interno cercando di non fare rumore.
Suo padre sedeva sulla panca sgangherata sotto la finestra, lo sguardo rivolto verso l’esterno. Valya cercò di non fare rumore mentre procedeva oltre.
“Una volta ho rubato del pane da una cesta” disse senza staccare gli occhi dall’esterno.
Valya si immobilizzò.
“Non avevo molti anni più di te, forse un paio di meno, non ricordo” proseguì lui. “Non ne avevo davvero bisogno. Mio padre era un mercenario, lo vedevo poco ma quando tornava a casa tra una campagna e l’altra sul continente antico, portava abbastanza soldi per farci vivere bene fino alla volta successiva. Rubai quel pane perché volevo dimostrare ai miei amici di avere abbastanza coraggio da farlo. Era lì e lo presi, senza pensarci sopra. Qualcuno mi vide e mi riconobbe e qualcun altro lo disse a mio padre. Io pensavo di impressionarlo con la mia audacia. Speravo che mi avrebbe portato con sé in una delle sue campagne. Quando tornai a casa, un paio di giorni dopo quel furtarello, lo trovai seduto sulla sua sedia preferita, lo sguardo torvo. Capii subito che era arrabbiato. No, arrabbiato non è la parola giusta. Mio padre era adirato.” Emise una mezza risata. “Adirato è una parola che imparai quel giorno. Mi afferrò per il colletto e mi sollevò. Già allora ero alto e grosso e lo superavo di una mezza spanna, ma lui mi alzò senza alcuno sforzo. Era un guerriero nero, in battaglia indossava un’armatura che pesava il doppio di me. Per lui non doveva essere un grosso sforzo. ‘Se ti azzardi di nuovo a rubare’ mi disse. ‘Lo verrò a sapere e ti taglierò entrambe le mani.’ Mi rimise a terra e mi diede un pugno. Uno solo, ma mi fece volare per la stanza. Quel giorno persi due denti. ‘Noi Keltel non prendiamo le cose senza pagare’ mi disse prima di ripartire. Non tornò mai più. Alcuni anni dopo venni a sapere che la sua compagnia era stata sorpresa in mare da una tempesta e la sua nave era affondata.” Scosse la testa.
“Mi dispiace” disse Valya. “Volevo solo esserti d’aiuto.”
“Quando mi servirà il tuo aiuto te lo chiederò. Ora mangia qualcosa e poi vai a dormire.”
Valya proseguì verso la cucina, ma non ci entrò. Invece si diresse nella stanza che suo padre aveva ricavato per lei dopo che era diventata troppo grande per dormire con lui in quella principale.
Valya la trovava fredda, ma almeno aveva un po’ di spazio per sé. Adocchiò il giaciglio che la mattina aveva coperto con le pelli e vi si gettò sopra.
Girata sulla schiena, fissò il soffitto.
“Duemila monete” sussurrò nel buio.
Dove posso trovarle? Si chiese. Cosa può valere tanti soldi? C’è qualcosa in questa casa che valga tanto?
Stava per addormentarsi quando ricordò del baule nella soffitta. Il baule che suo padre aveva trascinato e sollevato da solo dopo che erano arrivati a Cambolt anni prima e che da quel giorno non aveva mai aperto davanti a lei.
Il baule, si disse prima di scivolare nel sonno. Domani ci darò un’occhiata.

Prossimo Capitolo Domenica 7 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 3
*** La spada ***


La spada

Attese che suo padre fosse nella forgia prima di uscire dalla stanza. Il sole era già sorto quando uscì nel cortile e si affacciò sull’ingresso.
“Vuoi che scenda al villaggio per qualche commissione?” Gli chiese col tono più gentile che poteva.
Suo padre aveva il braccio sollevato, un martello nella mano mentre con l’altra reggeva le pinze bloccate su di una lama.
“Ti ho detto che da sola non puoi andare al villaggio.”
Valya si era aspettata quella risposta. “Quindi niente lezioni con la signora Roxley?”
“Per un po’ potrai farne a meno” disse lui colpendo la lama col martello. “Ma puoi fare un po’ d’ordine in casa e lavare qualche panno, se non ti pesa troppo” aggiunse in tono sarcastico.
“D’accordo” disse prima di scivolare fuori. Tornò di corsa alla casa e salì dritta in soffitta. Le bastò una rapida occhiata per trovare il baule. Era dove ricordava di averlo visto l’ultima volta. Non c’era un chiavistello o una catena a chiuderlo, solo una serratura a scatto. Trasse un profondo sospiro e l’aprì, sollevando il coperchio con entrambe le mani.
Prima di gettare un’occhiata all’interno si assicurò che non le ricadesse in testa. Pesava così tanto che le avrebbe fatto più che male.
 Il baule era vuoto fatta eccezione per dei panni ammucchiati sul fondo. Per un attimo osservò delusa il fagotto. Non si aspettava di trovare un tesoro, ma nemmeno quello.
Per un attimo fu tentata di richiudere il baule e scordarsi di quello che vi era dentro, ma la curiosità la spinse a prendere il fagotto con entrambe le mani.
All’inizio fu sorpresa del suo peso.
C’è sicuramente qualcosa di valore, si disse. Tutto ciò che pesa vale molto.
Poggiò il fagotto sul pavimento e lo fissò indecisa. Dalla forgia giungeva il regolare martellare del padre sul ferro.
Ne avrà per almeno mezza giornata, pensò. Forse anche di più.
Simm Keltel passava tutta la mattinata e il pomeriggio nella forgia, concedendosi solo un paio di pause per mangiare qualcosa prima di chiudere tutto e cenare.
Valya afferrò il fagotto e sollevò le pezze con un gesto deciso. All’interno, racchiuso tra diversi strati di panno c’era un fodero di cuoio.
Una mano abile aveva ricamato sul cuoio un motivo fatto di spirali e linee che si intrecciavano tra loro. Valya cercò di seguire lo schema ma ci rinunciò.
I suoi occhi vennero attratti dall’elsa che spuntava dal fodero.
Strisce di cuoio erano state arrotolate attorno all’impugnatura. La guardia era rivolta verso l’alto, formando una mezzaluna che racchiudeva la coccia. Il pomolo era una semplice sfera che sporgeva verso l’esterno.
Valya trasse un profondo respiro.
Sembrava una buona spada.
Deve valere almeno mille monete, si disse. Potrei venderla giù al mercato o all’emporio di Semil.
Semil Belor era famoso per comprare e scambiare qualsiasi cosa. Bastava offrirgli un affare vantaggioso e Valya era sicura di spuntare un prezzo alto per quella spada.
Se riuscissi a ricavarne almeno duemila monete potrei saldare tutti i debiti.
Non l’avrebbe detto a suo padre. Lui l’avrebbe messa in punizione per anni se avesse scoperto che aveva venduto quella spada.
Avrebbe pagato con discrezione i creditori, magari chiedendo loro di non farne parola con nessuno. Avrebbero dovuto dire che un misterioso benefattore, un ammiratore di Simm Keltel e delle sue imprese, si era fatto avanti per saldare quei debiti.
Sì, funzionerà, pensò. Deve funzionare.
Prima però doveva vedere la spada.
Non poteva portarla a Semil senza prima assicurarsi che non fosse rotta o danneggiata.
Allungò la mano verso l’elsa e quando a sfiorò con le dita, avvertì un formicolio.
Che ha di strano questa spada? Si chiese.
Strinse la mano sull’elsa, mentre con l’altra teneva fermo il fodero.
Ora lo scoprirò, si disse.
Buio.
 
Aprì gli occhi.
Il soffitto incombeva sopra di lei. Quando cercò di alzare la testa avvertì un crampo alla base del collo. Sentiva dolore in tutti i muscoli, come se avesse corso per tutto il giorno senza fermarsi.
La gola era riarsa e le labbra secche. Persino la lingua aveva perso la sensibilità.
Con uno sforzo sollevò la testa e, puntellandosi sulle braccia, il busto.
La soffitta era inondata di luce ma faticava lo stesso a mettere a fuoco la vista. Il baule era ancora aperto e la spada giaceva lì dove l’aveva appoggiata… quanto tempo prima?
Non lo ricordava.
Guardò fuori dalla finestrella che dava sull’esterno. Il sole non si era mosso di molto da quando era salita in soffitta.
Devo essermi addormentata, si disse.
Era la prima volta che le succedeva.
La spada.
L’ho toccata prima che mi succedesse questa cosa, pensò. No, è solo un caso.
Fissò l’elsa che spuntava dal fodero. Il forte della spada spuntava di quasi mezzo palmo. Non era riuscita a sfoderarla tutta.
Per un attimo fu tentata di riavvolgerla nel panno e ributtarla nel baule.
No, devo portarla al villaggio, ricordò. E venderla a Semil. Lui mi darà le monete di cui abbiamo bisogno e tutti i nostri problemi saranno risolti.
Gattonò fino alla spada e allungò la mano verso l’elsa, fermandola a mezz’aria.
E se accadesse di nuovo? Si chiese.
Trasse un profondo sospiro e afferrò l’elsa con la mano.
Chiuse gli occhi senza sapere che cosa aspettarsi di preciso. Quando li riaprì, la soffitta era ancora al suo posto.
Con un gesto deciso trasse la spada fuori dal fodero e la soppesò nella mano. Era leggera e maneggevole, tanto che sembrava essere stata fatta per lei. La lama rifletté la luce del sole ricordandole che aveva solo mezza giornata per andare e tornare dal villaggio.
Rimise la spada nel fodero e si diresse alle scale. Prima di scendere si assicurò che suo padre fosse ancora nella forgia. Il rumore della mola che ruotava la convinse a scendere. Poggiò la lama sul pavimento e prese una cesta per il bucato. Vi mise dentro la spada e la coprì con un paio di lenzuola e una tunica sgualcita.
Quando uscì sbuffando, si assicurò di passare davanti all’ingresso della forgia.
“Io vado al pozzo” disse gettando una rapida occhiata all’interno. “Devo lavare le lenzuola.”
Suo padre, seduto alla mola, alzò gli occhi e subito li riabbassò. “Non metterci troppo.”
“Potrei fare tardi se c’è troppa gente.”
Suo padre brontolò qualcosa. “Torna prima che cali il sole. E non ti fermare per strada. Capito?”
“Tornerò prima che tu finisca” disse allontanandosi sulle ginocchia che minacciavano di piegarsi per il peso della spada e delle lenzuola.
Appena oltre il muretto che racchiudeva la forgia e la casa, adocchiò un cespuglio e vi poggiò la cesta. Tirò via il fodero con la spada e lo legò alla vita.
La cintura le stava larga e la punta sfiorava il suolo, ma a parte questo non le dava fastidio e non era ingombrante.
Sembra proprio fatta per me, si disse con soddisfazione. Forse potrei tenerla e vendere a Semil un’altra spada… no, non funzionerebbe. Papà ha tutte le altre spade nella forgia e nessuna di quelle lame è bella come questa. Chissà perché la teneva nascosta nel baule invece di esporla per attirare i clienti?
 
Cambolt era come l’aveva lasciata. Le solite stradine ingombre di passanti che si spostavano da un punto all’altro, i soliti carretti che andavano e venivano lungo la strada principale, una striscia di terra battuta che alle prime piogge si sarebbe trasformata in un pantano.
E l’emporio di Semil.
Era uno degli edifici più grandi, di forma rettangolare col lato lungo rivolto verso la strada, le finestre protette da inferriate e l’entrata con l’insegna che ondeggiava al vento.
Emporio di Cambolt, diceva la scritta impressa a fuoco sul legno stinto dalle piogge e dal tempo.
Valya varcò la soglia venendo aggredita dall’odore di stantio emanato dai vecchi scaffali di legno ingombri fino a scoppiare di pentole, tegami, vasi, attrezzi, corde e ogni altro genere di oggetto.
C’erano anche delle bambole di pezza con i vestiti logori e i visi spelacchiati. Un cane dal pelo folto e scuro sonnecchiava in un angolo.
Appena dentro l’animale sollevò la testa di scatto e le rivolse un’occhiata speranzosa di una carezza.
O almeno era ciò che Valya pensava.
Passando davanti agli scaffali rivolse un’occhiata al cane.
Si chiamava Dip, ricordava. Era il diminutivo di un nome più lungo che nessuno sembrava ricordare e per la verità a nessun sembrava nemmeno importare.
Per tutti era Dip, il cane di Semil.
Ogni tanto lo vedevano aggirarsi per le stradine di Cambolt. Era mansueto e non abbaiava mai. I bambini ci giocavano e lui sembrava lieto di ricevere quelle attenzioni.
Forse perché il vecchio Semil lo trascura, si disse.
Anche lei, da bambina, aveva giocato con Dip, ma era accaduto sei o sette anni prima e adesso il cane era invecchiato e giocava di meno con i bambini del villaggio.
“Se vuoi comprare il cane” disse una voce da dietro il bancone. “Possiamo discutere sul prezzo.”
Valya alzò la testa e lanciò una lunga occhiata a Semil. Il vecchio aveva i capelli radi e grigi, il mento allungato e il naso dritto. Le labbra erano sottili ed esangui.
“Il cane non mi interessa” disse sulla difensiva.
“Sei qui per comprare o per vendere?”
“Vendere.”
Semil borbottò qualcosa di incomprensibile. “Posso sapere cosa? Avrei bisogno di piatti e bicchieri. Si parla di nuove famiglie che stanno per trasferirsi qui e avranno bisogno di mangiare come persone civili.”
“In verità, voglio vendere una spada.”
Semil si accigliò. “Non tratto quel genere di articoli, ma posso dare un’occhiata alla merce, se vuoi.” I suoi occhi si assottigliarono. “Il tuo viso non mi è nuovo.”
“Mi chiamo Valya.”
Semil annuì grave. “Dovrebbe dirmi qualcosa?”
“Sono la figlia di Simm Keltel.”
“Ma certo, la figlia dell’armaiolo. Chi meglio di lui può capirne di spade? Ha deciso di separarsi da una delle sue creazioni?”
Valya annuì decisa. “Una delle migliori. Una preziosa lama finemente lavorata” disse cercando di mostrarsi entusiasta.
“Sul serio? E non ha trovato nessuno che gliela comprasse?”
Valya pensò in fretta a una risposta. “Non ha mai pensato di venderla, ma oggi ha deciso di fare spazio in casa. È molto affezionato a quest’arma.”
“Se per lui vale tanto, perché non venderne un’altra se è solo per fare posto?”
Iniziava a spazientirsi per tutte quelle domande.
“Forse ho sbagliato a venire qui” disse rivolgendo un’occhiata incerta all’ingresso. “Forse non è il momento adatto.”
“No, no” si affrettò a dire Semil. “È sempre il momento giusto per concludere un buon affare. Posso vedere la spada?”
Valya soppesò il fagotto tra le braccia. All’improvviso non le sembrava una buona idea che Semil o chiunque altro toccasse quell’arma.
La trasse dal fagotto e l’alzò affinché Semil potesse vederla.
“È nel fodero?”
Annuì.
“Avanti allora, vediamola.”
Valya estrasse la spada e la mise di traverso sul bancone, ma senza lasciarla.
Semil allungò una mano verso la lama e lei la ritrasse subito indietro.
“Sembra di buona fattura” disse il vecchio ritraendosi a sua volta. “E non sembra usurata dal tempo. È ben tenuta. Quanto vuoi per separartene?”
“Io pensavo a duemila monete.”
Semil sorrise. “Duemila? Non è possibile, non vale tanto.”
“Ma hai detto tu che è di ottima fattura e ben tenuta.”
“Ottima, ma non eccellente.”
“Ma vale tanto. Mio padre non l’avrebbe mai venduta se…”
“Lo so, lo so, me l’hai detto, per lui vale molto, ma io non posso dare un prezzo ai sentimenti, figlia del fabbro.”
“Se non puoi darmi duemila, quanto allora? Millecinquecento andrebbero bene per te?”
“Posso dartene cento per la spada” disse Semil accigliato.
Valya si sentì sprofondare. “Cento? È troppo poco.”
“Per me vale questa cifra e tieni conto del fatto che le spade non sono articoli molto richiesti in questo periodo. Non so nemmeno se riuscirò a guadagnarci qualcosa.” Sorrise. “Probabilmente finirà nel magazzino per chissà quanto tempo e toccherà a mio figlio Lemmi venderla.”
“Ma è un’ottima spada.”
“Un’ottima spada che sarà difficile vendere.”
“Non puoi aumentare l’offerta? Diciamo cinquecento monete?”
Semil scosse la testa. “Posso dartene venti in più per il fodero. È molto bello, devo ammetterlo.”
Centoventi, pensò Valya. Me ne mancherebbero quante a duemila?
Non era mai stata abile o veloce con i calcoli, ma la differenza era ancora troppo ampia. Non sarebbe riuscita a ripagare i debiti vendendo quella spada. Avrebbe dovuto venderne molte di più e se quella era la più preziosa…
“Allora?” fece Semil con tono pacato. “Facciamo questo accordo, figlia del fabbro?”

Prossimo Capitolo Giovedì 11 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 4
*** Regole ***


Regole
 
Valya arrancò per il sentiero, la testa bassa e gli occhi rivolti al suolo. Nella mente aveva ancora le parole di Semil e la sua offerta.
Cento monete, si disse. Centoventi al massimo. Non ci faccio niente con così poco.
Tirò un calcio alla prima pietra che incrociò sul sentiero, facendola rimbalzare a una ventina di passi di distanza. Il ciottolo rotolò fermandosi davanti alla punta di uno stivale nero.
Sollevò gli occhi incrociando lo sguardo divertito e irriverente di Rezan Chernin.
“Guarda un po’ chi si vede” disse il ragazzo divertito. “Pensavo che i guaritori avessero disinfestato il villaggio una Luna fa, ma si vede che non sono stati così accurati come avevano promesso e uno di quei dannati topi è riuscito a scappare lo stesso.”
Rezan era alto e muscoloso. Aveva due anni più di Valya e la superava di almeno una testa e mezzo. Al suo fianco, un passo più indietro, c’erano altri due ragazzi.
Blenn Chernin era più basso del fratello e di un anno più giovane, ma più tarchiato e grosso. Leyan Chernin era alto e magro ed aveva un anno in più di Rezan.
Tutti e tre indossavano tuniche chiare sopra pantaloni scuri e stivali marroni o neri. Rezan aveva legata in vita una spada che gli sbatteva sul fianco sinistro. Un’elsa d’argento decorato spuntava dal fodero di cuoio brunito.
Valya rivolse loro una rapida occhiata e proseguì a testa bassa.
La bocca di Rezan si piegò verso il basso. “Sto parlando con te, figlia del fabbro. Testa di ferro.”
“Testa di ferro” disse Blenn divertito.
Leyann si limitò a grugnire qualcosa.
Valya sbuffò senza fermarsi.
Rezan si piazzò davanti a lei bloccandole il passo. “Dove te ne vai così di fretta?”
Valya respirò a fondo. “Non sono affari che ti riguardano.”
“Invece sì, visto che tra poco lavorerai per noi” rispose il ragazzo.
Valya sii accigliò.
“Ieri mio padre ha fatto un’offerta al fabbro e lui l’ha rifiutata” disse Rezan. “Così il vecchio ha deciso di mandare un messaggero a Faerdahm per denunciare tuo padre. Tra meno di una Luna manderanno qui un ufficiale della guarnigione e se per allora non potrà saldare i suoi debiti…”
“Avremo quei soldi” disse Valya sicura.
“Come? Ormai non ci sono più pentole da riparare giù al villaggio” disse Rezan divertito. “No, testa di ferro, tuo padre non pagherà mai i suoi debiti. Finirà in una miniera se sarà fortunato e tu a fare la serva.”
“A fare la serva” ripeté Blenn.
Valya strinse i pugni.
“È meglio se ti abitui già da adesso, testa di ferro” disse Rezan divertito. “Potresti pulire gli stivali di Blenn, tanto per cominciare.”
“Sì, per cominciare” disse il fratello minore.
“Stamattina ha anche pestato del letame per sbaglio, non è vero? Alza quello stivale, Blenn, così testa di ferro può vedere meglio.”
Valya tentò di aggirare Rezan ma lui la bloccò.
“Non ho ancora finito.”
Valya lo allontanò con una spinta. “Fammi passare.”
Rezan fece un passo indietro. “Osi anche toccarmi, testa di ferro?”
“Ti farò di peggio se non ti levi di mezzo.”
Il ragazzo si accigliò. “È una minaccia la tua?”
“È una promessa.”
“Promessa” fece Blenn.
Leyan emise un profondo grugnito.
“A me sembra proprio una minaccia” disse Rezan scoprendo i denti in una specie di ringhio. “E tu non mi puoi minacciare, testa di ferro.”
“Vattene Rezan Chernin” disse Valya a denti stretti.
“E se non volessi andarmene?” fece lui con tono di sfida.
Valya sciolse il nodo che legava il fagotto e afferrò la spada, estraendola con un movimento fluido. Era così leggera e maneggevole che quel gesto le venne naturale, come se lo avesse sempre fatto da anni, se non da prima ancora che fosse nata.
Blenn e Leyan fecero un balzo indietro.
“È armata, Rez” disse il fratello minore.
Rezan fissò Valya con sguardo accigliato. “È una delle spade di tuo padre quella?”
Valya fendette l’aria per saggiarne il bilanciamento. Non era come impugnare la spada di legno di Hagen. Quella era una vera spada e per una volta lei si sentiva una vera guerriera.
“È la mia spada” disse con tono spavaldo.
Rezan annuì e arretrò di un passo. La sua mano si posò sull’elsa della spada che portava al fianco e al sguainò con un gesto rapido. “Sai cosa dice il mio maestro d’armi? ‘Se sguaini la spada devi anche essere pronto a usarla’.” La fece roteare con un rapido movimento del polso. “Tu sei pronta a usare la tua, testa di ferro? Perché io sono pronto a usare la mia.”
Valya strinse l’elsa fino a sbiancare le nocche. “Io sono pronta, Rezan Chernin. E mi chiamo Valya Keltel.”
Rezan fece un passo indietro, posizionando la spada davanti a sé e il piede destro indietro.
Valya sollevò l’arma con entrambe le mani per avere una presa più salda.
“Almeno la sai usare, testa di ferro?” fece Rezan ironico. “Sembra che tu stia tenendo in mano una zappa, non una spada.”
Valya si mosse di lato per assecondare il movimento dell’altro. Sapeva di non doverlo ascoltare per non distrarsi, ma non riusciva ad azzittire la voce di Rezan.
“O una scopa” disse il ragazzo ghignando.
Valya decise che ne aveva abbastanza. “Parli troppo.” Sollevò a spada sopra le spalle e la calò per un fendente dall’alto in basso.
Rezan fece un passo avanti e alzò la spada, intercettando il fendente con il piatto. Fece ruotare il bacino in modo che le due lame scivolassero l’una sull’altra e diede un colpo deciso.
Valya sentì la botta riverberarsi nelle ossa delle spalle e del petto. Fece un passo indietro per non perdere l’equilibrio.
Rezan avanzò ruotando la spada da un lato all’altro. “Tieni bassa la guardia o ti taglierò una gamba, testa di ferro.”
Valya abbassò la spada per intercettare il suo attacco, ma Rezan ruotò il polso sollevando la sua arma per superare la sua difesa.
Valya vide danzare il metallo davanti ai suoi occhi e si ritrasse di lato per evitare la punta della spada.
Rezan l’abbassò con una mossa veloce e mentre lei lottava per restare in piedi, scivolò di lato e la colpì col piatto al ginocchio sinistro.
Valya sentì il dolore avvampare, ma trattenne un grido di dolore e scartò di lato per evitare l’attacco successivo.
Rezan ghignò. “Come immaginavo, non sei capace di difenderti. Vattene a casa prima di farti male sul serio.”
Valya sentì la rabbia crescere e la spada diventare più leggera nelle sue mani.
Non ha il diritto di trattarmi così, pensò. Nessuno ha il diritto di farlo.
Sollevò la spada preparandosi a un nuovo affondo.
“Sei proprio stupida, testa di ferro.”
Le ultime parole le giunsero ovattate, come se Rezan si trovasse dietro a un velo. Valya avanzò decisa verso di lui e Rezan si mosse di lato, ma fu più lento di prima.
Molto più lento.
Valya ebbe l’impressione che si muovesse nella melassa.
O sono io più veloce? Si chiese.
Anche Blenn e Leyan sembravano più lenti, lo sguardo fisso su di lei. Il minore dei tre stava dicendo qualcosa, ma le sue labbra si muovevano lente e la voce che ne usciva era deformata.
Gli occhi di Valya scivolarono su Rezan, il cui sguardo era ancora puntato su di lei. Stava muovendo un piede di lato e nello stesso tempo stava alzando la spada per intercettare il suo attacco.
Sei lento, pensò Valya trionfante.
Invece di affondare il fendente, mise la spada di piatto e scartò di lato aggirando la difesa dell’avversario.
Rezan sgranò gli occhi mentre cercava di ruotare il bacino per fronteggiarla, ma Valya cambiò di nuovo direzione e fece ruotare la spada sul lato opposto del corpo.
L’altro cercò di tornare nella posizione precedente, ma Valya decise di attaccare in quel momento. Affondò la spada con decisione, colpendo l’avversario all’addome col piatto della spada.
Rezan si piegò in due sputando tutto il fiato che aveva in corpo. Valya danzò sulle gambe aggirandolo e alzò di nuovo la spada per poi abbassarla verso la sua schiena.
Rezan emise un gemito di dolore e quasi cadde in avanti, la mano che perdeva la presa sulla spada.
Valya lo vide arrancare per recuperare l’arma.
Rezan la fissò con astio. “Sei” esitò. “Veloce.”
Valya respirò a fondo. Sentiva dolore in tutto il corpo ed era stanca come se avesse corso per dieci miglia, ma non voleva crollare in quel momento.
Non poteva.
Gli mostrò la spada.
“Che vuoi fare?”
“Raccoglila” disse. “Non colpisco un avversario disarmato.”
Rezan scosse la testa e ghignò. “Sei proprio stupida, testa di ferro.”
“Ti arrendi?”
Voleva sentiglielo dire. E poi voleva le sue scuse. No, prima avrebbe dovuto implorare che lei gli concedesse il suo perdono e solo dopo avrebbe accettato le sue scuse. Sì, avrebbe fatto così.
Qualcosa la colpì al fianco e lei cadde al suolo e perse la presa sulla spada.
Blenn quasi le crollò addosso, ma rimase in piedi mentre lei ruzzolava sul sentiero. Le diede un paio di calci negli stinchi che le strapparono un grido di dolore misto a rabbia.
“Riprendi la spada, Rezan” disse il minore dei tre. “Dai una lezione a testa di ferro.”
Rezan raccolse l’arma e la puntò contro Valya. “Sei una stupida, te l’ho detto, no? Ora dovrai strisciare ai miei piedi se non vuoi che si faccia una bella cicatrice sulla tua faccia.”
Valya, ancora a terra, gli rivolse un mezzo ringhio. “Io sarò stupida, ma tu sei un vigliacco.”
“Io sono il figlio di Myron Chernin” disse lui con disprezzo. “E tu… tu non sei niente.”
Valya guardò la spada a una decina di passi. Se fosse riuscita a prenderla…
“Se non vuoi implorare perdono” disse Rezan. “Ci accontenteremo della tua spada. A Leyan ne serve giusto una. Giusto?”
Leyan grugnì.
“Blenn, prendila.”
Blenn si avvicinò alla spada.
Un’ombra torreggiò sopra il ragazzo.
“Io ti consiglio di non toccarla, ragazzo” disse una voce proveniente dall’alto.
Valya sollevò gli occhi e incrociò lo sguardo di un cavaliere. Indossava una tunica azzurra sopra la quale aveva gettato un mantello bianco con fregi dorati. I capelli di un castano scuro erano lunghi e gli scendevano in mezzo alle spalle.
Dietro di lui vi erano altri tre cavalieri, due uomini e una donna dalla pelle scura.
Uno degli uomini indossava il mantello azzurro sotto una stola dal pelo arruffato, l’altro una cotta di maglia con sopra un mantello rosso fuoco. La donna invece indossava il mantello color celeste chiaro.
O forse era solo stinto e consunto dal tempo.
Tutti e quattro li osservavano divertiti.
“Se prendi le cose degli altri” proseguì il cavaliere col mantello bianco. “Qualcuno potrebbe pensare che sei un ladro.”
Blenn guardò Rezan con espressione incerta.
“E voi chi siete? Che volete?” domandò il ragazzo con arroganza.
Il cavaliere gli gettò un’occhiata divertita. “Ti ho forse dato il permesso di parlare?”
Rezan strinse la spada. “Io il permesso me lo prendo. Tu, piuttosto, sei uno straniero e devi portare rispetto.”
“Il mio rispetto te lo devi guadagnare, ragazzino.”
“Io non…”
Il cavaliere gli mostrò il palmo della mano, al centro del quale brillava qualcosa a forma di punta. Valya non aveva mai visto niente del genere, ma ne aveva sentito parlare.
Dardo magico, pensò. Chi sono queste persone?
Rezan dovette pensare la stessa cosa. “Siete stregoni?” chiese dopo aver deglutito a vuoto.
Il cavaliere sorrise. “No, ragazzo. Siamo stranieri e tu non ci hai mai visti, capito?”
Rezan annuì.
“E nemmeno voi” disse rivolto agli altri due.
Blenn e Leyan si scambiarono un’occhiata perplessa.
“E in quanto a te” disse il cavaliere rivolto a Valya. “Rimettiti in piedi.”
Valya ubbidì.
“Perché questi qui ti hanno aggredita?” le chiese.
Valya si chinò per raccogliere la spada.
“È stata lei ad aggredire noi” disse Rezan. “Stavamo camminando per i fatti nostri, quando ha iniziato a offenderci e ha sguainato la spada.”
“E tu hai sguainato la tua” disse il cavaliere. “E poi cos’è successo?”
Rezan distolse lo sguardo.
“Avanti Ryde” disse il tizio con la stola. “Stiamo perdendo tempo qui. È solo un bisticcio tra ragazzini.”
“No, no” fece il cavaliere di nome Ryde. “Qui non si tratta di un semplice bisticcio, Falgan. Questo era un duello vero e proprio e ci sono delle regole in un duello. Per esempio, bisogna essere leali con l’avversario e non colpirlo alle spalle.” Guardò la donna dalla pelle scura. “Dico bene, Nara?”
La donna scrollò le spalle. “Se lo dici tu, Ryde. Basta che fai in fretta.”
“Farò in un attimo.” Tornò a guardare Rezan. “Cosa stavo dicendo? Regole, ecco di cosa volevo parlare. Regole.” La sua espressione si fece seria. “Regole, leggi, tradizioni. Voi giovani non sembrate pensare ad altro che a ignorarle. Ma sono importanti. Le regole ci rendono diversI dagli animali. Dalle bestie. È giusto, ragazzo?”
Rezan lo guardò interdetto.
“Giusto?” lo incalzò Ryde.
“Credo” disse il ragazzo. “Credo di sì, signore.”
Ryde guardò Nara. “Mi ha chiamato signore. Lo senti, Nara? Un attimo fa mi chiamava straniero e adesso signore. Lo vedi che il mio discorso funziona?”
Nara sospirò. “Ne hai ancora per molto? Io cominciò a stancarmi.”
“Solo un attimo” disse Ryde tornando a guardare Rezan. “Regole, dicevo. Ecco, servono appunto quelle. Regole. Ora, sai qual è la regola base di un buon duello?”
Rezan scosse la testa.
“La lealtà, ragazzo. La lealtà. Ecco, ora credo che tu sia stato molto sleale nei riguardi di quella ragazza, giusto?”
“Io” fece Rezan indeciso.
“Giusto?”
“Non era nemmeno un vero duello” disse. “Noi stavamo solo giocando.”
L’espressione di Ryde mutò di colpo. I suoi occhi si assottigliarono e la sua bocca si piegò verso il basso. “Mi prendi in giro, ragazzo? Voi stavate duellando, non mentire. E tu hai commesso un’azione sleale. E questo, a mio parere, merita una compensazione.”
Nella mano si accese un bagliore che prese la forma di una lama. Valya guardò affascinata la spada dai bordi frastagliati e lucenti che brillava tra le mani di Ryde. Lui la manovrava come una vera spada, facendole fendere l’aria. Con un guizzo veloce l’avvicinò alla gola di Rezan, che fece un balzo indietro.
“Niente movimenti bruschi, ragazzo” disse Ryde divertito. “Non sono bravo con le lame spettrali e potrei tagliarti dove ti farebbe davvero male. Ora, riguardo quella compensazione…”
Rezan deglutì a vuoto. “Mi spiace signore.”
Ryde si accigliò. “Ho forse chiesto le tue scuse?”
“No, signore. Io” Esitò. “Io credo di essere stato sleale.”
Ryde annuì soddisfatto. “È un primo passo il tuo. Un buon primo passo. Vedo che hai capito la lezione. Lealtà, ricordalo. È la prima regola.”
“Sì, signore.”
“Tienilo bene a mente.”
“Lo farò, signore.”
Ryde ritirò la spada e chiudendo di scatto la mano la fece sparire. “Ora sparite, tu e quegli altri due.”
Rezan gettò una rapida occhiata ai fratelli. “Sentito? Andiamocene a casa.”
Valya guardò i Chernin allontanarsi per il sentiero. Blenn si voltò un paio di volte prima di sparire dietro un angolo.
“E in quanto a te” disse Ryde rivolgendosi a Valya. “Hai imparato la lezione?”
Valya lo guardò con aria di sfida.
Ryde indicò la spada. “Quando usi una di quelle, devi colpire per uccidere, non per umiliare l’avversario. Hai capito?”
Valya fece di sì con la testa.
“Vogliamo andare ora?” fece Nara impaziente.
Ryde annuì. “Sai per caso la via per la forgia?” Chiese rivolto a Valya.
Lei esitò. “Forse.”
“La sai o no?”
“Che cosa cercate alla forgia?” domandò prudente.
Ryde sorrise. “Non è educato rispondere a una domanda con un’altra domanda. Voi giovani…”
“Per gli Dei, Ryde” fece l’uomo con la stola. “Non ricominciare adesso. Ragazzina, stiamo cercando il fabbro di questo buco di pezzenti. Si chiama Keltel. Simm Keltel. Lo conosci?”
Valya valutò in fretta la risposta da dargli. Quei tipi non le piacevano, ma potevano essere dei clienti. Se li avesse mandati fuori strada avrebbero perso una buona occasione.
“È mio padre.”

Prossimo Capitolo Domenica 14 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 5
*** Sangue e acciaio ***


Sangue e acciaio
 
Aggrappata alla schiena di Nara, Valya vide sfilare il sentiero sotto di lei.
“La figlia del fabbro” stava dicendo Falgan con tono divertito. “Non sapevo che Simm avesse una figlia. Tua madre?”
“È morta poco dopo che sono nata.”
Falgan grugnì qualcosa. “Non ti sei persa niente. Mia madre è ancora viva ma vorrei tanto che fosse morta.”
Valya valutò se rispondergli. Il suo sembrava più uno sfogo che un tentativo di fare conversazione.
“La tua spada è moto bella” disse Nara sorridendole a labbra serrate. “L’ha fatta tuo padre?”
“Sì” disse.
Aveva riavvolto la spada nel fagotto chiudendolo con dei lacci.
“Falle posto sulla sella” aveva detto Falgan alla donna. “Siete entrambe leggere.”
Nara l’aveva aiutata a salire.
“Cosa volevano da te quei tre?”
Valya scrollò le spalle. “Rezan e i suoi fratelli sono degli idioti” rispose. “Gli piace provocare. E io sono stata una stupida a cascarci.” Il pensiero di cosa le avrebbe fatto suo padre una volta tornata a casa la tormentava.
L’unica consolazione era che Falgan e i suoi gli affidassero abbastanza lavoro da essere troppo occupato nella forgia per pensare alla sua punizione.
“Non prendertela con te stessa” disse Nara. “Hai tutto il diritto di difenderti. Al tuo posto io avrei fatto lo stesso.”
“Grazie” disse Valya.
“Al suo posto” disse l’uomo alto e magro che li seguiva. “Tu avresti azzannato quei tre e strappato un braccio all’idiota con la spada.”
Nara spalancò la bocca per sorridere e solo allora Valya notò le due file di denti aguzzi. A quella vista trasalì per la sorpresa.
Nara le scoccò un’occhiata. “Che hai da guardare?”
“Sei nata così?”
“Certo che no, sciocca. Dalle mie parti tutte le donne si limano i denti per sembrare più belle e affascinanti.” Rise di nuovo.
A Valya non sembrava più bella e affascinante. Distolse lo sguardo dai denti di Nara sperando di dimenticarli.
In vista della casa rallentarono fino a fermarsi.
Valya saltò giù per prima e indicò la forgia. “È quella.”
“Non l’avrei mai detto” fece Falgan mettendo un piede a terra. “Ryde. Lascia parlare solo me, capito?”
L’uomo annuì solenne.
“Non fate entrare nessuno. Ci voglio parlare da solo.”
Nara e gli altri si fermarono davanti all’ingresso.
“Simm Keltel” esclamò Falgan affacciandosi sulla soglia della forgia.
Valya avrebbe voluto stare lì ad ascoltare, ma prima voleva rimettere a posto la spada. Se suo padre si fosse accorto che l’aveva presa sarebbero stati guai peggiori per lei, ne era certa.
Corse in casa e salì le scale arrampicandosi, trovò il baule ancora chiuso e l’aprì, gettandovi dentro il fagotto con la spada.
Dominando a stento il tremore, si lasciò cadere con la schiena appoggiata al baule. Solo ora si rendeva conto di quanto era stata stupida e ingenua a pensare di poter vendere quell’arma.
E di quanto fosse stanca.
Era esausta, come se avesse fatto di corsa il tratto tra il villaggio e la casa. La cavalcata con Nara aveva solo nascosto la sua stanchezza.
Le ossa e i muscoli le facevano male e faticò a rialzarsi, ma dovette sforzarsi. Era curiosa di ascoltare cosa si stavano dicendo Falgan e suo padre.
Forse gli sta ordinando spade e scudi per dieci o ventimila monete, come minimo, si disse. Risolverebbe tutti i nostri problemi.
Si affacciò dalla piccola finestra che dava sull’esterno, da dove poteva vedere uno scorcio della forgia. quando vide i cavalli allontanarsi sgranò gli occhi.
Hanno già finito? Si chiese. Hanno fatto in fretta. Forse Falgan e i suoi volevano tornare al villaggio prima che facesse buio, ma se avevano parlato così poco allora l’affare era saltato? O suo padre aveva rifiutato come a volta faceva?
Si precipitò giù per le scale e poi dal cortile di corsa alla forgia. Suo padre sostava sull’ingresso, le braccia incrociate sul torace ampio e l’espressione corrucciata.
Valya si fermò davanti a lui e lo fissò senza parlare per qualche istante. “Allora? Di che avete parlato?”
Simm Keltel allungò un braccio così veloce che Valya se ne rese conto solo quando il palmo della mano le colpì la guancia.
Sentì il dolore avvampare all’istante mentre gli occhi si riempivano di lacrime. “Perché?” riuscì a dire singhiozzando.
“Hai portato delle persone alla forgia” ringhiò suo padre facendola trasalire. “Hai scordato che abbiamo delle regole?”
“Erano clienti” annaspò alla ricerca di una scusa valida.
“Clienti o no, non dovevi. Sei una stupida.”
“Mi spiace” disse cercando di ricacciare indietro le lacrime.
Suo padre fece per rientrare nella forgia.
“Almeno” disse Valya facendosi coraggio. “Almeno hanno ordinato delle spade?”
Suo padre grugnì qualcosa senza voltarsi.
“Quante? Dieci? Venti?”
O magari trenta? Si chiese. Con trenta potremmo pagare tutti i debiti e ne avanzerebbe anche qualcosa.
“Diecimila” rispose Simm Keltel.
Per un attimo Valya pensò di avere capito male. “Diecimila?”
“Sei sorda oltre che stupida? Ho detto diecimila.”
Valya voleva mettersi a esultare. “Ma è stupendo” esclamò. “Risolveremo tutti i nostri problemi.”
Suo padre afferrò una pinza e la scagliò contro il muro. “No, non lo è affatto. E i nostri problemi sono appena iniziati. Prepara la tua roba. Partiamo tra due giorni.”
Valya lo guardò incredulo. “Partiamo? Per dove?”
“Ferrador.”
Aveva già sentito quel nome. Era una grande città a oriente di Cambolt.
Una città, si disse. Una vera città, non un semplice villaggio.
“Che cosa c’è a Ferrador?”
“Sangue e acciaio” rispose suo padre.
 
***
 
Battere il metallo era l’unica cosa che lo distraesse dai suoi pensieri. E dai ricordi. Almeno per un po’, finché non tornavano alla carica e lui si sentiva vacillare.
Allora nemmeno la quiete della forgia riusciva a calmare la sua inquietudine e il tremore delle mani che aumentava insieme al sudore che gli scendeva copioso bagnandogli a schiena.
In quel caso, abbandonava la mola e i martelli e frugava tra le pinze appese sopra il forno, sullo scaffale dove, in un incavo ricavato togliendo un paio di mattoni, aveva nascosto la bottiglia colma di liquido lattiginoso.
Gli bastava un sorso, a volte anche solo la sensazione del liquido che scorreva nella sua gola, per dargli sollievo e allontanare pensieri e ricordi.
Rimise la bottiglia al suo posto. Era costata parecchie monete che aveva passato al guaritore per averla, ma ne era valsa la pena.
Stava per tornare alla mola quando udì lo scalpiccio degli zoccoli.
Cavalieri, si disse, i sensi all’erta. Quattro. Tre grossi, uno leggero. Vengono qui.
Il primo istinto fu quello di afferrare la mazza ferrata che teneva vicino al banco di lavoro. Aveva anche una spada a due mani e lo scudo, ma per qualche motivo quella volta scelse la mazza.
Udì passi che si avvicinavano alla forgia e una voce che lo fece trasalire.
“Da solo” stava dicendo.
Un viso dal naso schiacciato e la mascella squadrata si affacciò all’ingresso. “Simm Keltel” disse l’uomo, la stola spelacchiata e unta avvolta attorno al collo. “Che io sia dannato. Sei proprio tu. Le voci dicevano il vero.”
“Falgan” rispose a denti stretti. “Pensavo fossi morto.”
Falgan mise un piede dentro la forgia e indicò la mazza. “Ho scelto un brutto momento? Vuoi che ripassi più tardi?”
Simm poggiò la mazza vicino al bancone. “Ormai sei qui, dimmi che cosa vuoi e vattene.”
“È questa la maniera di accogliere un vecchio amico?”
“Noi non siamo amici” disse Simm cupo. “Non lo siamo mai stati.”
“Alleati? Eravamo a Mashiba insieme, ricordi?”
“Purtroppo sì.”
Mashiba, pensò Simm. Udendo quel nome si sentì schiacciare dal peso del ricordo. Lo ricacciò nel buio con uno sforzo di volontà. Se gli avesse permesso di restare, la rabbia e il risentimento l’avrebbero sopraffatto.
“È stato il nostro momento più glorioso.”
“Forse per te.”
“Per tutti.”
“Ho del lavoro da completare. Sbrigati a dirmi quello che devi e vattene.”
“Non ci metterò molto. Ho fatto un viaggio di quattromila miglia per raggiungerti. Non avevo idea che ti fossi nascosto in un buco puzzolente come questo Cambell.”
“Si chiama Cambolt.”
Falgan sorrise mostrando i denti come un cane. “Quello che è. Molti ti davano per morto, ma io non ho voluto crederci. Dovevo vedere con i miei occhi la tua tomba, così ho preso una nave e da Valonde sono venuto qui.”
“Valonde” disse Simm con un mezzo sorriso. “Ti sei messo al servizio dei mantelli blu adesso?”
“Pagano bene e re Andew è una persona ragionevole.”
“Perché non sa che persona sei davvero. Andew è ingenuo, non come suo fratello Gurran. Doveva diventare lui re.”
“I morti non possono ereditare la corona” disse Falgan.
Simm annuì grave. “Continua.”
Una donna dalla pelle nera fece capolino sulla soglia. Lui le rivolse un’occhiata veloce e tornò a concentrarsi su Falgan.
La donna fiutò l’aria come un cane. “Puzza di latte dei sogni qui dentro.”
Simm si accigliò.
“Cerchi di parlare con gli spiriti, Simm Keltel? O sono i demoni che ti perseguitano e cerchi un po’ di pace?”
“Ti avevo detto di restare fuori” ringhiò Falgan.
La donna scrollò le spalle e andò via.
“Allora?” fece Simm impaziente.
“È stato un viaggio lungo e stavo quasi per rinunciare, quando a Lormist venni a sapere di un fabbro molto abile che si nascondeva vicino al confine e decisi di venire qui. Per mezza Luna abbiamo vagato per le campagne chiedendo un giro, ma nessuno sembrava conoscerti, né sapere dove ti trovavi. Ammetto che stavo per perdere le speranze, quando ho incontrato quella ragazzina dai capelli ricci.” Fece una pausa. “È davvero tua figlia, quella?”
“Purtroppo, sì” fece Simm con tono rassegnato.
“Non l’avrei mai detto” disse Falgan con un mezzo sorriso. “In ogni caso, è stata lei a portarci qui.”
“L’ennesimo fastidio che mi ha procurato. Più tardi le darò quello che merita.”
“Dovresti ringraziarla, piuttosto. Ha capito subito che volevamo proporti un buon affare.”
“I tuoi affari non mi interessano.”
“Simm…”
“Prima che tu vada avanti, sappi che la mia risposta sarà no in ogni caso.”
“Non ti è permesso di scegliere. Non più.”
Simm lo squadrò dall’alto in basso. “Se intendete costringermi” disse indicando la mazza appoggiata al tavolo da lavoro.
“Non ce ne sarà bisogno. Sarai tu stesso a seguirci quando ti dirò quello che è successo poco prima che lasciassimo Valonde.”
Simm attese che proseguisse.
“C’è una nuova guerra” disse Falgan.
“Non mi interessa.”
“Non è come tutte le altre.”
“Non importa.”
“È Malag” disse Falgan.
Simm sobbalzò. “L’arcistregone?”
“Proprio lui.”
“Che sciocchezza. È morto più di cento anni fa. Bellir lo ha ucciso.”
“Ma è tornato. Lo hanno visto, Simm. Nelle città orientali la voce corre incontrollata. Si dice che l’arcistregone stia ammassando un’armata per marciare sul continente maggiore. Se non verrà fermato, ci travolgerà, come cento anni fa.”
“Allora venne sconfitto.”
“Da Bellir e dagli altri eroi, ma era un’altra era. Adesso quegli eroi non esistono più. Tocca a noi affrontarlo, Simm. Che tu lo voglia o meno.”
Simm scosse la testa. “Che cosa posso fare io? Sono solo un fabbro e per l’arcistregone servono mantelli e incantesimi.”
“Serve anche un esercito che li accompagni” disse Falgan. “Ho una lettera firmata da Arabel di Talmist in persona che mi autorizza a reclutare chiunque sia utile alla nostra causa. E tu sei quasi in cima alla mia lista.”
“Non vi sarò di alcuna utilità. Non prendo in mano una spada da anni.”
“Non ci servono altri guerrieri. Ne abbiamo più di cinquantamila e altrettanti ne troveremo. Ma ci servono spade, lance, scudi e armature. La regina sta radunando i migliori armaioli del regno.”
“Dove?”
“Ferrador.”
Simm si accigliò. “E Città della Forgia?”
“Ci fornirà tutto l’acciaio che ci serve. I minatori stanno scavando senza sosta per rifornire l’esercito.”
“Chi si unirà alla guerra?”
“Tutti, Simm. Valonde guida un’alleanza nella parte occidentale del continente. Belliron sta radunando i suoi alleati nel nord e Oldorak e Lormist saranno al nostro fianco.” Falgan si lasciò sfuggire un mezzo sorriso. “Stavolta l’arcistregone ha commesso un errore. Lo distruggeremo a saremo ricordati come eroi.”
“Gli eroi muoiono.”
“Tutti dobbiamo morire. Meglio farlo da ricchi, no?”
Simm cercò di pensarci sopra. Poteva promettere a Falgan di seguirlo e approfittare della prima occasione per scappare con Valya. Con un po’ di fortuna potevano raggiungere una città sulla costa settentrionale e trovare un passaggio verso il continente antico.
E poi? Si chiese. Se Falgan non aveva mentito e se la regina aveva davvero ordinato di radunare tutti i fabbri a Ferrador, la sua fuga poteva essere considerata una diserzione. Sarebbe diventato un rinnegato e con lui Valya.
Si accorse che Falgan lo stava fissando con gli occhi socchiusi. “Sangue e acciaio, Simm. Come ai vecchi tempi.”

Prossimo Capitolo Giovedì 18 Giugno

 

Ritorna all'indice


Capitolo 6
*** Un buon affare ***


Un buon affare
 
Gryf si lasciò scivolare con la schiena attaccata al muro. Sopra di lui, le guardie vestite di grigio e azzurro passarono guardandosi attorno.
Attese che si fossero allontanate prima di riemergere dalle ombre, si passò la mano sui vestiti per rimuovere lo sporco e gettò una rapida occhiata alla strada.
Il vicolo era immerso nel buio, fatta eccezione per un paio di finestre illuminate. Poteva immaginare una famiglia al suo interno che consumava la cena.
Sospirò.
Dalla parte opposta, vi era un edificio a due livelli, di cui solo il primo era di pietre impastate con la malta. Quello superiore era di tronchi sovrapposti, compreso il tetto.
Si avvicinò con prudenza, gettando rapide occhiate a destra e sinistra. Giunto davanti alla porta bussò due volte.
Contò fino a trenta prima che una voce dall’interno dicesse: “Chi siete? Siamo chiusi a quest’ora.”
“Sono un amico.”
Pausa.
“Gli amici non si presentano a quest’ora.”
Altra pausa.
“I ladri girano con le tenebre.”
Gryf si appoggiò alla porta. “Andiamo, Mydred. Non sono un ladro. Sono Gryf.”
Nella porta si aprì uno spiraglio e dall’altra parte fece capolino il viso di una donna minuta, i capelli grigi e le rughe attorno alla bocca. “Gryf? Non conosco nessun Gryf, io.”
“Sei così vecchia da aver perso la memoria?” fece lui con tono canzonatorio.
“Una volta conoscevo un Cederic che aveva quella faccia” disse Mydred. “Era un ragazzino buono e dolce che preparava i pasticcini con la vecchia Myd e ascoltava le sue storie.”
“Sono io quel ragazzino.”
“No, tu sei solo un ladruncolo di strada.”
Gryf si guardò attorno.
Se le guardie tornano indietro proprio adesso, pensò, si insospettiranno.
“Sono intere Lune che non rubo, Myd. Sono diventato onesto.”
“Se tu sei diventato onesto, allora il mare è diventato dolce.”
“Non ne ho idea, è tanto che non bevo acqua di mare, ma potresti avere ragione. Mi fai entrare ora? Fa freddo qui fuori e vorrei scaldarmi.”
Mydred trasse un profondo sospiro. La porta si aprì quel tanto che bastava per consentire a Gryf di passarci.
L’anziana gettò un’occhiata veloce alla strada. “La ronda non passava per tua fortuna” disse chiudendo la porta.
Solo allora Gryf riprese a respirare con calma. “Le guardie? Perché pensi che debba preoccuparmi di loro?”
“Ti conosco, Gryf” disse l’anziana zoppicando verso il tavolo.
A parte questo, c’era poco altro nell’ingresso. Un vaso pieno di fiori di colore viola, una credenza sgangherata che occupava una delle pareti e un vecchio tappeto consunto usato per nascondere le assi marcite del pavimento.
Gryf ricordò con un velo di nostalgia le volte che si era rotolato su quel pavimento inseguendo qualche scarafaggio da portare in dono alla sua amica Ninny per farla sobbalzare dalla paura e indignazione.
“Sei un mostro, Cederic” esclamava la bambina. “Non voglio più rivederti.
E così era stato.
Un’epidemia di febbre spaccapetto aveva ucciso Ninny e altre migliaia di persone dieci anni prima.
Scacciò quel pensiero. “Sono cambiato Myd. Dico sul serio. Non sono più quello di una volta.” Sedette su una delle panche piazzate davanti al tavolo. Anche quella era stata consumata dal tempo e dalle centinaia di bambini e bambine che vi si erano seduti per mangiare.
Mydred gli rivolse un’occhiata rassegnata. “Se sei cambiato, spiegami perché ti nascondi dalle guardie.”
Gryf si era aspettato quella domanda e aveva preparato una risposta. “È per via della mia vecchia attività.”
“Quale attività? I furti al mercato o i raggiri?”
“Ho smesso di fare quelle cose. Le guardie ce l’hanno con me perché non lo sanno ancora. Ora sono una persona onesta. Ho anche un nuovo lavoro.”
“Quale?”
“Gestisco il magazzino di un mercante.”
“Chi?” fece Mydred con tono inquisitorio.
“Non lo conosci.”
“Zep l’Orbo? Fernel? Yassador di Mar Shedda?”
Gryf esitò. “Quintis.”
“Quintis” fece Mydred ritraendosi inorridita. “È una mercante di schiavi.”
“Non è vero” disse Gryf con tono offeso. “Si occupa solo di trovare lavoro a chi non ce l’ha.”
“Rapisce i mendicanti e i poveri che si nascondono nei vicoli della città vecchia” disse Mydred. “E li vende agli schiavisti di Chorlen o li manda a Città della Forgia per farli lavorare nelle miniere.”
“È un lavoro come un altro, no?”
“Nessuno sopravvive più di due o tre anni in quelle miniere, Gryf.”
“Non ce li mando io” disse sulla difensiva. “Io mi occupo solo di farli mangiare per tutto il viaggio.”
“Se ora sei una persona onesta, perché sei venuto qui a quest’ora della notte?”
Gryf stava per risponderle, quando dall’angolo della stanza colse un movimento furtivo. Si irrigidì, ma tornò a rilassarsi quando si accorse che era solo una bambina.
“Chi è lui?” domandò con voce assonnata. Indossava una vestaglia logora con numerose toppe.
Potrei averla indossata anche io, qualche volta, pensò Gryf.
Mydred e le altre donne che si occupavano di quel posto erano delle sarte e cucivano abiti che andassero bene sia per i maschi che per le femmine.
Mydred la raggiunse. “Nessuno. Lui non è nessuno.”
“Mi chiamo Gryf” disse con tono amichevole.
Mydred le prese la manina. “Non parlare con lei.”
“Le ho solo detto il mio nome.”
“Non voglio che lo impari.”
Scrollò le spalle.
“La porto di sopra. Tu aspettami qui” disse l’anziana.
Gryf attese e quando Mydred tornò, sembrava più serena.
“Anche io mi svegliavo spesso di notte perché avevo fame” disse.
“Per fortuna, Levina e gli altri bambini adesso hanno abbastanza cibo.”
“Davvero?” fece Gryf interessato.
Mydred annuì decisa. “Riceviamo parecchie donazioni ultimamente. Alcune persino anonime.”
“È meraviglioso.”
“Lo è, ma tu rischi di rovinare tutto. Se le guardie sapessero che sei qui, potrebbero farci chiudere e i bambini finirebbero chissà dove. Te ne devi andare.”
“Myd” iniziò a dire. “Ho bisogno di stare qui. Solo per stanotte. Per favore.”
Lei lo guardò preoccupata. “Che cosa hai combinato?”
“Niente, lo giuro, ma c’è stato un incidente, ai magazzini.”
Mydred spalancò gli occhi. “Si è fatto male qualcuno? Ci sono stati dei morti? Tu hai…”
Gryf scosse la testa. “No, no, te l’assicuro, io non c’entro niente, ma gestivo uno di quei magazzini e ora per me non è sicuro andare in giro per strada. Mi serve un posto sicuro perché sanno dove abito.”
“Per l’Unico e gli antichi Dei, Gryf. Ti stanno dando la caccia?”
“Cerco solo di essere prudente. Devo aspettare che le acque si calmino e poi ne parlerò con Quintis e sistemerò tutto. Si tratta solo di un grosso malinteso.”
Mydred sospirò. “Sei un maledetto pazzo, Gryf. Non sei cambiato affatto e non lo farai mai.”
“Ti prego, Myd. Fammi restare solo per stanotte.”
L’anziana chiuse gli occhi per qualche istante e quando li riaprì, erano coperti da un velo di tristezza. “Solo fino a domani mattina. E quando te ne sarai andato non tornerai mai più.”
“Te lo prometto. Lascerò anche la città per qualche giorno.”
“Non ti faccio dormire nel livello dove alloggiamo noi. Te ne starai nel magazzino degli stracci.”
“Andrà benissimo.”
“Sistemati come vuoi, ma domani mattina, prima dell’ora del pasto, devi andare via. Non voglio che i bambini ti vedano. È chiaro?”
“Sì” disse annuendo con decisione.
“E se non andrai via chiamerò le guardie.”
“Sparirò, te lo prometto.”
 
Il mattino dopo, Gryf aveva le ossa e i muscoli doloranti. Aveva trascorso la prima parte della notte con i sensi tesi a cogliere qualsiasi rumore provenisse dall’esterno.
Il ripostiglio era vicino alla strada, separato solo dal muro di pietre. I rumori giungevano attraverso la finestrella in alto, dalla quale pioveva un tenue chiarore notturno.
Prima di dirigersi all’orfanotrofio, aveva lanciato una rapida occhiata al cielo. Andivalir, la piccola luna gialla e dalla forma irregolare, era appena sorta mentre Takriri, la maggiore, si trovava oltre l’orizzonte.
A poco a poco la stanchezza aveva prevalso e si era addormentato. Anni passati vivendo nei bassifondi avevano allenato il suo istinto. Ancora prima che il sole sorgesse a occidente era già sveglio e in piedi.
Aveva sistemato i panni usati come giaciglio ed era sgattaiolato fuori. Mydred e le altre donne dormivano ancora, ma sapeva che tra poco sarebbero state sveglie anche loro. Non voleva metterle in allarme così decise di andarsene senza salutarle.
Aprì la porta d’ingresso e gettò una rapida occhiata nella strada. Nel tenue chiarore dell’alba che stava per avvenire, l’acciottolato luccicava per l’umidità che ancora persisteva. Non vide passanti o guardie camminare nelle vicinanze.
Fece un passo prudente oltre la soglia e chiuse la porta senza sbatterla. Inspirò l’aria fresca del mattino, rabbrividendo nella casacca leggera e i pantaloni di lino che aveva indossato. Legato al fianco destro aveva lo stiletto che portava per difendersi nei bassifondi. Era un’arma leggera e maneggevole e si notava poco. L’aveva salvato almeno una decina di volte.
Sull’altro fianco aveva assicurato una sacca che aveva riempito con una trentina di monete, dieci strisce di carne secca e un paio forcine che usava per far scattare le serrature.
Trenta monete, si disse. Dove posso arrivare con quelle? Non oltre Lormist, ma non è abbastanza lontana. Quintis e la sua banda mi troveranno se non mi allontano di almeno mille miglia.
Camminò lungo la strada, assorto nei suoi pensieri, fino a raggiungere il Ponte della Maga, un arco di pietra che si tendeva verso l’isola che sorgeva al centro del fiume Tal. Lì un paio di guardie sorvegliavano l’ingresso all’isolotto, sede di un tempio dedicato all’Unico.
Fece per cambiare direzione andando quasi a sbattere contro un tizio un passo dietro di lui.
“Chiedo scusa” disse senza alzare la testa.
“Almeno sei educato, Gryf Manodolce.”
Gettò una rapida occhiata all’uomo. Vestiva con una tunica leggera colorata di verde tenue. La testa pelata era lucida e rifletteva i raggi del sole che stava sorgendo.
“Giusto?” fece con un mezzo sorriso.
“Mi confondi con qualcun altro. Non so di chi parli.”
Fece per superarlo ma l’uomo gli bloccò il passo. Era alto almeno due teste più di lui e doveva pesare il doppio, a giudicare dai massicci bicipiti che tendevano il tessuto della tunica.
“Levati, per favore. Vado di fretta.”
“Lo so, stai scappando. Da Quintis.”
“Non so…”
“Ha messo una taglia sulla tua testa. Duemila monete. È una cifra importante, che hai fatto per meritartela?”
“Davvero non so di cosa stai parlando, amico.”
L’uomo sorrise. “Certo che lo sai.”
“No e se non ti levi di mezzo chiamerò le guardie.”
L’uomo allargò le braccia. “E chiamale, dai. Sono proprio lì vicino al ponte. Se vuoi lo faccio io.”
Gryf si sentì trasalire. Fu tentato di estrarre lo stiletto che tante volte aveva funzionato, ma l’elsa della spada che spuntava dal fodero legato alla vita dell’uomo lo costrinse a rinunciare.
E c’era un altro particolare che non aveva notato. Lungo la schiena del tizio scendeva un mantello di colore arancione scuro con fregi rossi e bianchi.
Stregone, sussurrò una voce nella sua testa.
Quello non era un cacciatore di taglie come tanti, il che sarebbe già stato un grosso problema.
Era uno stregone cacciatore di taglie.
Un Vigilante? Si chiese sgomento. Che ho fatto di così terribile da scomodarne uno?
Non voleva scoprirlo.
“Scusa ma vado di fretta” disse gettandosi contro l’uomo con tutto il suo peso.
L’altro fece un passo indietro lasciandogli uno spiraglio libero che Gryf usò per superarlo e mettersi a correre.
“Non rendermi le cose difficili, Gryf” gridò il tizio.
Lo ignorò e proseguì nella corsa.
Non posso batterlo nella lotta, ma forse non è veloce. Se arrivo ai bassifondi posso seminarlo. Tra i vicoli della città bassa non mi troverà mai, è sicuro. Devo solo arrivarci.
Qualcosa gli morse la caviglia e Gryf gridò per il dolore e la sorpresa. Inciampò in un ostacolo ma riuscì a raddrizzarsi. Con la coda dell’occhio guardò in basso. Qualcosa, simile a un viticcio, si stava attorcigliando attorno alla sua caviglia e alla gamba.
Ragnatela spettrale, pensò sgomento.
Saltò verso un muretto e lo superò con un balzo. Il viticcio si spezzò e dissolse nell’aria come se fosse fatto di fumo.
Adocchiò una stradina laterale e vi si gettò a testa bassa, ignorando i passanti che si scansavano al suo passaggio urlandogli contro delle maledizioni.
Se riesco a raggiungere la zona del mercato non mi troverà più, si disse. È solo mezzo miglio, è solo…
Un raggio di luce cangiante lo accecò per un istante, seguito da un dolore bruciante all’addome. Una forza lo spinse contro il muro al suo fianco, facendolo sbattere con la spalla.
Emise un gemito mentre ricadeva sulle ginocchia e con un gesto fluido si rimetteva in piedi. Una mano gli si posò sulla spalla e dita forti gli artigliarono i muscoli e le ossa, strappandogli un grido di dolore.
“Se non la smetti di scappare ti farai male” disse una voce profonda sopra di lui.
Gryf lottò contro la presa e con la mano cercò a tentoni lo stiletto al suo fianco.
“Io te lo sconsiglio amico mio.”
Una mano si posò sul polso e lo strinse, facendolo urlare.
“Lasciamo o chiamo le guardie” gridò scalciando.
L’uomo dalla testa calva lo afferrò per il bavero sollevandolo senza alcuno sforzo. “Vuoi calmarti o no? Col baccano che stai facendo attirerai davvero le guardie e allora nemmeno io potrò levarti dai guai.”
“Che vuoi?”
L’uomo lo sbatté contro il muro. “Sei calmo ora? Non voglio farti del male.”
“Senti” disse con voce affannata. “Se è per la taglia, posso offrirti duemila e cinquecento monete.”
L’uomo scosse la testa.
“Tremila.”
Il tizio calco si guardò attorno.
“Quattromila, ultima offerta. Quintis non ti darà mai di più per la mia testa. Andiamo, è un buon affare.”
Il tizio scosse la testa. “Dubito che tu abbia tutti quei soldi, Gryf. Secondo me nemmeno ce li hai mai avuti tutti assieme, o sbaglio?”
“Che vuoi allora? Ti darò tutto quello che voglio.”
“Ciò che voglio” disse con calma. “È un posto dove parlare e proporti un affare vantaggioso per entrambi.”
Gryf deglutì a fatica. “Tu vuoi proporre un affare a me?”
L’altro annuì deciso. “Un buon affare. Ottimo, vista la situazione in cui ti trovi. E forse potresti anche guadagnarci di che vivere tranquillo per il resto della tua vita.”
Allentò la presa sul collo e Gryf riprese a respirare come prima.
“Un affare” disse con tono incerto.
“Sì. A patto che tu voglia stare a sentirmi invece di scappare per il resto della giornata. Ho la tua attenzione, Gryf?”

Prossimo Capitolo Domenica 21 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 7
*** Le tue parole puzzano ***


Le tue parole puzzano
 
La porta della cella si aprì e lei ci venne scaraventata dentro.
“Ecco” disse la guardia alle sue spalle con tono divertito. “Qui è dove starai per un bel po’, selvaggia.”
La porta si chiuse con un tonfo e Shi’Larra guardò rassegnata il giaciglio di paglia rinsecchita e la ciotola con la zuppa incrostata gettata in un angolo.
Non c’era paragone con la vita al villaggio, sulle montagne. Lì almeno non l’avevano rinchiusa in una cella, ma se l’avessero presa, le avrebbero fatto molto di peggio.
Na’Vira era stata chiara con le sue accuse.
“Divinazione” aveva detto davanti agli anziani del villaggio, quando Shi’Larra era stata condotta da loro per il giudizio, legata e imbavagliata.
E tutto perché aveva letto il futuro di Mi’Lore per fargli cosa gradita. E perché le piaceva, non solo perché era il ragazzo più bello del villaggio, con i capelli più lunghi e le trecce meglio curate, o con i muscoli più scolpiti o…
Dall’accusa alla condanna era passata solo mezza giornata.
“Esilio” avevano sentenziato gli anziani.
Il che voleva dire morte.
Shi’Larra non poteva andare in un altro villaggio. Quelli del suo avrebbero avvertito gli altri che si trovavano sull’altopiano e forse anche oltre, giungendo alle montagne e alla grande distesa d’acqua che una volta suo zio To’Garri aveva chiamato “mare”.
A meridione c’erano le terre abitate dagli spiriti dei guerrieri morti, sempre adirati con i vivi per ciò che avevano perso. A occidente, verso la terra del sole nascente, vi erano i regni civilizzati, dove si diceva che uccidessero o riducessero in schiavitù i selvaggi come lei. A oriente quella cosa chiamata mare che non voleva vedere per niente al mondo e a settentrione…
Che cosa c’era a settentrione?
Altri regni civilizzati, le avevano detto.
Schiavisti, aveva pensato Shi’Larra rassegnata quando si era messa in marcia con viveri per sei giorni nella borsa, tutto ciò che le era stato concesso di portare con sé.
Mi’Lore nemmeno era andato a salutarla.
Forse è anche lui nei guai, aveva pensato. O forse non gli importa e preferisce farsi i fatti suoi e non far adirare gli anziani.
Esaminò il giaciglio alla ricerca di cimici e altri insetti. Dopo l’ispezione sedette sulla paglia con le gambe incrociate, lo sguardo fisso sulla cella.
Quando aveva raggiuto le pianure aveva già terminato da tempo il cibo. L’acqua l’aveva raccolta dai numerosi ruscelli, ma anche quelli scarseggiavano. In quella parte di mondo non c’erano fiumi e laghi come sull’altopiano.
Shi sapeva che vi erano città e nazioni che si estendevano dalle montagne fino a quella cosa misteriosa chiamata mare.
Un paio di volte all’anno giungevano al villaggio mercanti e pellegrini provenienti dalle zone a valle. I primi cercavano sempre di scambiare collanine e monili di fattura dozzinale e chiedevano in cambio oro e argento.
Una volta sua zia Ra’Dora aveva raccontato che da bambina un mercante era giunto al villaggio sicuro di trovarvi tesori nascosti nei santuari di qualche mago.
Gli anziani avevano cercato di convincerlo che lì attorno non esisteva niente del genere, che loro non avevano oro e che non avevano mai visto un mago.
Il mercante era andato via deluso un paio di lune dopo, con le tasche più vuote di prima. Nel frattempo aveva scambiato il suo oro e l’argento col cibo che gli era stato venduto.
“Valeva molto di meno” amava dire sua zia Ra’Dora. “Ma lui sembrava così felice di separarsi dal suo oro, che ci sembrò educato aiutarlo” concludeva prima di farsi una bela risata.
Una volta era anche arrivato un erudito, quando Shi aveva sette o otto anni. Ricordava ancora quel tizio alto e dinoccolato che si guardava attorno con espressione contrariata.
“Siete proprio sicuri che il santuario non sia da queste parti?” aveva chiesto agli anziani.
Quando loro avevano risposto di no era andato via e nessuno lo aveva più rivisto dopo di allora.
Shi si distese sul giaciglio e cercò di dormire.
Col sonno giunsero le visioni.
Iniziavano sempre con lei che camminava nella foschia. Era solida e consistente e sembrava volerla avvolgere, ma sapeva che doveva continuare a muoversi se voleva scoprire che cosa avrebbe visto.
Di solito, quando la visione arrivava, poi le era concesso di svegliarsi.
Una volta, solo per provare, si era seduta a terra e aveva atteso che il sogno terminasse. Mentre attendeva aveva canticchiato un motivo che sua madre le aveva insegnato.
Alla sesta ripetizione aveva ripreso ad avanzare.
Nelle visioni di solito camminava lungo un sentiero di terra battuta o costeggiando le sponde di un lago. Una volta aveva sognato di muoversi per le stradine del suo villaggio e quando si era fermata davanti alla casa di Go’Narri, il sogno era terminato.
Una Luna dopo Go era annegato mentre cercava di attraversare a nuoto il lago.
Shi si era molto spaventata e aveva smesso di raccontare i suoi sogni a quelli che conosceva.
Non era bastato per impedire a Na’Vira di accusarla.
Nella visione che stava avendo adesso, camminava per una strada lastricata di rocce, tra case che avevano pareti di pietra grigia.
È una città delle pianure, si disse.
Sfiorò col palmo della mano una delle pietre. Era calda nonostante la foschia e il freddo che la faceva rabbrividire.
No, si disse, non è calda. È rovente.
Tirò via la mano di scatto.
Sul palmo arrosato era apparso un simbolo impresso nella pelle rosea della mano. La testa di un lupo e, accanto a essa, quella di una donna dai capelli lunghi.
Chi sei? Si chiese.
Dal fondo della strada le giunse un rumore metallico che si ripeteva con ritmo costante.
A ogni colpo il suono aumentava, finché non divenne assordante. Coprì le orecchie con le mani, ma il frastuono non diminuì.
“Smettila” gridò a nessuno in particolare.
Sentì l’angoscia pervaderla e poi la rabbia, il risentimento per un torto subito.
Lacrime.
Sei la cosa peggiore che mi sia mai accaduta, disse una voce.
Perché?
Ho perso di vista ciò a cui tenevo davvero.
E ho perso tutto.
Tutto.
Tutto.
Shi spalancò gli occhi. Ci mise qualche istante a mettere a fuoco.
Dall’altra parte delle sbarre, una ragazzina dai capelli neri e lisci raccolti in una coda di cavallo la stava fissando con espressione accigliata.
Shi stava per dire qualcosa quando la ragazzina disse: “Maestra Nimlothien, c’è una viva qui sotto. Dovresti venire a vedere.”
 
Tre giorni, si disse Shi trascinandosi fuori dalla cella. La visione è durata tre interi giorni.
Mai prima di allora aveva passato tanto tempo nel sonno profondo. Sapeva che a volte aveva dormito ben oltre l’alba e che ogni tentativo di svegliarla era stato inutile, ma quello…
Era affamata. E assetata. E l’odore di urina e feci che aveva addosso le diceva che nel frattempo il suo corpo aveva continuato a funzionare come prima.
Devo avere un aspetto terribile, si disse. E l’odore deve essere anche peggio. Forse per questo quella ragazzina sembra così disgustata.
La ragazzina aveva atteso paziente la persona che aveva chiamato.
Vedendola, Shi aveva avuto un tuffo al cuore.
“Chi sei?” le aveva chiesto.
“Mi chiamo Dyna” aveva risposto lei.
Shi aveva soppesato se le convenisse rivelare il suo vero nome. “Io mi chiamo Lo’Jari.”
La ragazzina aveva fatto una smorfia. “Puzzi.”
“Scusa?” aveva chiesto lei.
“Puzzi. Le tue parole. Puzzano.”
“Le mie parole?”
Dyna aveva annuito convinta.
Shi aveva atteso paziente che questa Nimlothien si facesse vedere e dopo un po’ una donna dai capelli bianchi e lunghi e il viso scavato si affacciò alla cella.
“Che hai trovato, Dyna?”
La ragazza la indicò col braccio. “Lei.”
Nimlothien le gettò un’occhiata corrucciata. “E tu come ci sei finita lì dentro?”
“Per sbaglio” si affrettò a dire. “Non dovrei essere in questa cella. Perché non mi fai uscire?”
Nimlothien sorrise, ma non c’era niente di gentile in quella espressione. Somigliava più a un ghigno. “Questo lo stabiliremo con calma. Dyna?”
La ragazzina annuì.
“Sai già cosa devi fare, vero?”
“Sì, maestra Nimlothien.”
“Bene.” Le rivolse un’occhiata. “Come ti chiami?”
“L’ho già detto alla ragazzina” disse Shi. “Il mio nome è Lo’Jari.”
Nimlothien guardò Dyna e lei arricciò il naso in una smorfia di disgusto.
“Puzza molto, maestra Nimlothien.”
La donna scosse la testa. “Siamo partiti male. Si vede che la nostra ospite vuole restare un altro po’ in cella.” Picchiettò con le dita sulle sbarre. “Magari ci vuole morire, qui dentro.”
“No” esclamò Shi. “Non lasciatemi qui dentro.”
“Allora dicci come ti chiami” ringhiò Nimlothien.
“Te l’ho detto, mi chiamo Lo’Jari.”
“È inutile” fece la donna. “Resterai lì dentro.” Fece per andarsene.
“Aspetta” esclamò Shi. “Mi chiamo Shi’Larra.”
Dyna scosse la testa. “Non puzza.”
Nimlothien sorrise. “Bene. Proseguiamo. Da dove vieni?”
La ragazzina riesce a capire se sto mentendo? Si chiese Shi. Come ci riesce? È un potere o un trucco?
“Dall’altopiano” disse prudente. “Da un villaggio lontano parecchi giorni a piedi da qui.”
“E come ci sei arrivata qui?”
“A piedi?”
Nimlothien ghignò. “Stavi andando così bene, Shi’Larra. Si vede che proprio non vuoi rivedere il bel sole di Rediron.”
“È questo il nome del villaggio?” chiese alla donna.
Nimlothien si accigliò. “Non sai nemmeno dove ti trovi?”
“La vostra città di pietra è grande” disse rassegnata. “E i soldati che mi hanno portata qui non parlavano molto.”
“Non era la mia città quando sei arrivata” disse la donna. “Ma adesso lo è. Quelle guardie ora saranno morte o in fuga.”
Shi si accigliò.
“Non sai nemmeno che c’è stata una battaglia? Abbiamo preso la fortezza quasi senza combattere” disse con una punta di orgoglio. “Re Nestarin sembrava quasi felice di aprirci le porte del suo regno. Tutto purché non devastassimo la sua reggia o bruciassimo le sue belle piantagioni di arance e mele.”
Shi scosse la testa. “Ho dormito per tutto il tempo.”
“Tre giorni?” fece Nimlothien sorpresa. Guardò Dyna.
La ragazza annuì. “Le sue parole non puzzano.
Nimlothien sorrise. “Dovevi essere proprio stanca. Perché sei andata via dal tuo villaggio?”
“Mi hanno scacciata.”
“Esiliata? Per quale motivo?”
Shi ingoiò un groppo in gola. Le poche volte che aveva sentito parlare delle leggi degli abitanti della valle, aveva appreso che nemmeno loro sopportavano quelli con il suo potere.
“Quando dormo a volte faccio dei sogni” disse. “E vedo delle cose. Sento voci.”
“Che genere di visioni?” chiese la donna interessata.
Shi si strinse nelle spalle. “Sono sempre molto confuse e mi sveglio quando qualcosa di davvero spiacevole sta per accadere.”
La donna annuì solenne. “È per questo che le guardie ti hanno rinchiusa qui?”
“A loro non ho detto delle visioni.”
“Hai fatto bene o ti avrebbero uccisa. Probabilmente ti hanno scambiato per una spia dell’orda. Sei stata fortunata a essere stata trovata da Dyna. Noi ti tratteremo meglio di quelli lì.”
Shi si ritrovò ad annuire.
“Tanto per iniziare, ti faccio uscire” disse Nimlothien infilando una grossa chiave nella serratura della cella.
Shi si trascinò fuori a fatica.
La donna fece una smorfia. “Sei conciata peggio di quanto pensassi, ma ti rimetterai, non temere. Ora sei tra amici.” Guardò Dyna. “Qui troverai molti con poteri strani e sgraditi. Non sarai più sola.”
“Ma voi chi siete?” chiese Shi.
“Parleremo anche di questo, ma prima devi fare un bagno o Gauwalt impazzirà.”
Shi non aveva idea di chi fosse l’ultimo tizio che aveva citato e si chiese cosa potesse mai fare per farlo impazzire.
“Ti ringrazio” disse con voce incerta.
Nimlothien esibì un mezzo sorriso. “Vedrai, starai molto meglio. E forse troveremo un modo per renderti anche utile per la nostra causa.”

Prossimo Capitolo Giovedì 25 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 8
*** Una piccola rivincita ***


Una piccola rivincita
 
“Hai salutato le tue amiche?” le chiese suo padre mentre sistemava l’ultimo di dodici sacchi sul carretto. Era piccolo e stipato di roba non aveva più spazio all’interno, anche se avevano ricavato un paio di giacigli sulle case piene di ferri per forgiare le armi.
Valya si strinse nelle spalle. “Breye è andata a Palen a trovare una zia che sta male ed Enye da quando lavora alla conceria degli Allard ha pochissimo tempo.”
In realtà erano almeno cinque o sei Lune che l’amica la evitava. Ora che sapeva dei Chernin sospettava che avessero ordinato alla ragazza di non frequentarla più.
Il padre di Enye lavorava per i Garvin alla segheria e loro erano in affari con Myron Chernin.
Dannati Chernin, pensò Valya mentre buttava il sacco sul carro.
Mentre suo padre era voltato gettò una rapida occhiata all’interno per assicurarsi che il baule in soffitta fosse stato portato giù.
Riconobbe subito le pensanti borchie di acciaio e il lucchetto a cerniera che non era mai davvero chiuso e si sentì rassicurata.
Per un attimo ebbe un fugace ricordo di quando aveva impugnato quella spada, della sensazione di forza a potenza che le aveva trasmesso e del duello con Razen e di come lo aveva atterrato, per poi farsi cogliere alle spalle da quell’idiota di Brenn.
La prossima volta starò più attenta, si disse. Non mi coglierà di nuovo di sorpresa. Nessuno lo farò. Non se avrò quella spada.
La spada.
Per due giorni l’aveva desiderata e sognata. Si era svegliata di notte pensando che qualcuno l’avesse rubata o che fossero tornati i Chernin per prenderglielo.
In preda all’inquietudine era salita in soffitta e aveva controllato che fosse tutto al suo posto. Quando era tornata a letto si era riaddormentata serena.
Per un po’.
Il giorno dopo c’erano state troppe cose da fare per pensare alla spada. Suo padre aveva deciso di portare con sé tutti i ferri della forgia.
“A che serve portarceli dietro?” aveva chiesto Valya. “A Ferrador te ne daranno sicuramente di nuovi e migliori.”
Simm Keltel aveva brontolato qualcosa. “I miei ferri sono solo miei. Non li lascerò qui perché qualcuno li rubi e li usi per sellare i cavalli o estrarre qualche dente” aveva detto. “Sarebbe uno spreco inutile. Senza contare che ormai le mie mani si sono adattate a quelle pinze e a quei martelli. Ci metterei troppo a trovarne altri di simili e il tempo è quello che ci manca.”
L’altro pensiero che tormentava Valya era la guerra.
Da quando suo padre gliene aveva parlato non aveva pensato ad altro.
“Che cos’è l’orda? Chi è Malag? E cosa vuole da noi? Non era morto?”
Suo padre brontolava a ogni domanda.
“Ci sono state delle battaglie? Con dei morti? Hanno messo sotto assedio qualche città?”
“Senti Valya” disse suo padre spazientito. “Non lo so. Non so che cosa vuole Malag da noi. Probabilmente anche lui vuole la mia forgia.”
“Ma Bellir non lo aveva ucciso?”
Era una storia che tutti conoscevano e che le era stata raccontata molte volte. Malag era un arcistregone che si era ribellato e aveva radunato un esercito, ma poi era stato sconfitto da Bellir, il più grande eroe di tutti i tempi. Lui aveva affrontato Malag armato della spada forgiata dagli elfi e l’armatura costruita dai nani.
A Valya tutta la storia faceva ridere e le sembrava una favola da raccontare ai bambini, ma una cosa era certa: Bellir era esistito e aveva sconfitto l’arcistregone, che da allora era sparito per ritornare cento anni dopo.
Simm Keltel sospirò. “Si vede che non ha colpito bene” disse scuotendo la testa.
“Ma Bellir…”
“Quei sacchi non si porteranno da soli fino al carro” disse suo padre con tono perentorio.
Valya però voleva sapere e quando si fermarono per mangiare qualcosa, sedette a tavola e fissò suo padre con sguardo inquisitorio.
Simm inspirò una boccata d’aria. “Senti, io non ero nato all’epoca. Nessuno che incontrerai oggi lo era, ma il nonno di mio nonno sì, lui c’era.”
Valya si fece attenta.
“Non è andata proprio come raccontano le storie che girano” proseguì suo padre assorto. “Malag scatenò una rivolta nel continente antico. Città si sollevarono contro i loro governanti e li uccisero o esiliarono. Poi radunarono gli eserciti e marciarono verso le città vicine. Per liberarle, dicevano i ribelli. Per conquistarle e devastarle, fu quello che accadde in realtà. Fu allora che i mantelli neri di Malinor, quelli verdi di Nazedir e molti altri, si unirono in un’alleanza che non si vedeva dai tempi dei tiranni di Berger. Combatterono contro Malag e la sua orda e morirono. Quando tutto sembrava perso, apparve Bellir.”
“Bellir” esclamò Gladia. “Il più grande guerriero di tutti i tempi. Dopo Ambar il Nero e Margry Mallor.”
“Nessuno di loro è mai esistito. Sono leggende.”
“Ma Bellir era reale, no? Lo sanno tutti.”
“Tutti non sanno niente” disse suo padre alzandosi.
“E poi che cosa accadde?”
Simm scrollò le spalle. “Bellir sfidò Malag a duello e lo sconfisse. Fine della storia.”
Non era finita affatto, si disse Valya, se Malag è ancora vivo.
“Aspetta” disse rivolta al padre. “Devi raccontarmi il resto.”
“Il resto di cosa? È tutto qui.”
“No” fece Valya. “Cosa successe a Bellir dopo il duello?”
“Scomparve subito dopo. Alcuni dicono che morì.”
“Ma…” tentò di protestare.
“Ti ho detto tutto quello che so di lui” disse Simm tagliando corto. “Ma quando saremo a Ferrador potrai chiedere a un erudito di corte se ne sa di più. Loro sanno tutto.”
“Un erudito” disse Valya. “Glielo chiederò, se ne troverò uno.”
“Bene” fece Simm soddisfatto. “Ora trova il tempo per portare le lenzuola al pozzo e lavarle per bene. A proposito, dove hai messo quelle che hai lavato l’altro giorno?”
Valya si alzò di scatto. “Ci vado subito” disse correndo verso la porta.
 
Per tutto il tragitto verso il pozzo pensò a Bellir e alla sua impresa. Immaginò l’eroe nella sua armatura scintillante, la spada magica degli elfi nella mano destra e uno scudo nell’altra.
La spada degli elfi, si disse. Ovvio che Bellir abbia ucciso Malag. Il più forte degli stregoni non poteva niente contro una spada magica. Malag però è ancora vivo. Se avessi anche io una spada magica potrei sfidarlo a duello e ucciderlo.
Immaginò lei stessa nell’armatura scintillante che era stata d Bellir, la spada nella mano. Solo che non era la spada dell’eroe, ma quella che aveva trovato in soffitta.
Chissà se è ancora nel baule? Si disse. Appena tornata a casa troverò una scusa per dare un’occhiata al carro e…
Era quasi arrivata al pozzo e le braccia le facevano male per il peso del cesto di lenzuola. Aveva recuperato quello abbandonato per strada due giorni prima e lo aveva aggiunto a quello.
Li laverò tutti e due, pensò Valya. Così mio padre non si accorgerà che li avevo lasciati per strada.
Il pozzo era un foro scavato nel terreno sopra il quale era stata eretta una struttura di tronchi di legno a cui era arrotolata una carrucola che terminava con un secchio.
Afferrò il secchio con la mano destra mentre con l’altra si reggeva alla struttura per non rischiare di cadere di sotto. Non era moto profondo, ma una volta il figlio degli Allard vi era precipitato per gioco e si era fratturato una gamba.
Manovrando la carrucola fece per posizionare il secchio sopra il pozzo, quando con la coda dell’occhio notò un’ombra che le scivolava al fianco.
Fece per girarsi di scatto perdendo la presa sulla struttura di legno. Per un attimo rimase in equilibrio sul pozzo, il baratro nero sotto di lei che sembrava un enorme animale pronto a divorarla.
Ecco, si disse. Adesso ci cadrò dentro e mi farò male. Papà si arrabbierà moltissimo perché non potrà andare a Ferrador come aveva progettato, il debito non sarà pagato e io finirò a fare la serva per…
Una mano l’afferrò per il braccio e lei smise di essere in bilico sul pozzo. Valya si aggrappò alla mano e con una spinta decisa riguadagnò il solido terreno.
Si concesse un sospiro di sollievo prima di alzare gli occhi verso il suo salvatore e corrucciarsi.
Il viso rotondo di Ros Chernin, l’espressione imbarazzata, lo fissava accigliato. “Stavi per cadere” disse con voce appena udibile.
“Per colpa tua” ringhiò Valya. “Che vuoi? Perché mi segui?”
 Ros impallidì. “Non ti stavo seguendo, lo giuro. Passavo per il sentiero e ti ho vista per caso che stavi andando al pozzo.”
“Quindi mi spiavi?” gli chiese con tono accusatore.
“No” esclamò Ros. “Non lo farei mai.”
“Sei un Chernin. Saresti capace di tutto.”
Ros abbassò gli occhi. “Mi spiace che la pensi così.”
“Che vuoi? Ho da fare.”
Lui risollevò la testa. “Stavo proprio venendo da te. Da tuo padre. Da voi. Alla forgia, insomma” disse annaspando.
“Non abbiamo niente per te alla forgia. Nemmeno porti la spada.”
“Non saprei come usarla” ammise lui. Sollevò un braccio. “Non sono molto forte. Non come Rezan e Blenn.”
Valya si innervosì sentendo i loro nomi. “Non mi parlare di loro. Lo sai che mi hanno aggredita l’altro giorno?”
“Rezan dice che ti ha sconfitta a duello. Ha detto che ti avrebbe tagliato un orecchio se degli stranieri non ti avessero aiutata.”
“Non è vero” esclamò Valya con veemenza. “Io ho sconfitto lui e lo avrei umiliato come meritava se Blenn non mi avesse colpita alle spalle.”
Ros la guardò stupito. “Tu hai battuto Rezan?”
“Ti sorprende?” fece Valya compiaciuta. “Sono diventata forte con la spada.”
“Rezan è stato addestrato da Elyas Kroft” esclamò Ros come se quello spiegasse tutto.
“Non ho idea di chi sia.”
“È uno dei migliori maestri di spada di Talmist. Mio padre gli ha dato più di mille monete per le lezioni di spada di Rezan.”
“Ha sprecato i suoi soldi” disse Valya sempre più compiaciuta. “Maestro o no, io l’ho battuto.”
“Ti credo” disse Ros.
Valya si accigliò. Si era aspettata una protesta da parte sua o che avesse preso le difese del fratello. “Tu mi credi?”
Ros annuì deciso. “Rezan è un bugiardo, ma è anche maldestro quando mente. Scommetto che potrei smascherarlo facilmente, ma” scosse la testa. “Non so se mi converrebbe mettermi contro di lui.”
“Non mi interessano le vostre faccende” disse Valya spazientita. “Venivi alla forgia per minacciarci come ha fatto tuo padre l’altro giorno?”
Ros scosse la testa con vigore. “No, io” esitò. “So che cosa ha fatto mio padre. Ha minacciato metà Cambolt di chiudere le sue attività se avessero continuato a dargli lavoro. E una volta l’ho sentito parlare con Fen Allard riguardo al padre di Enye.”
“Lo immaginavo” disse Valya con rabbia. “Quell’uomo ce l’ha con noi. Ma non durerà a lungo.”
“Io non lo trovo giusto” si affrettò a dire Ros. “Tuo padre è una brava persona e non merita di perdere la forgia.”
“È una questione che non ti riguarda e che risolveremo da soli, come abbiamo sempre fatto.”
“Lo so.”
“Se lo sai perché sei qui?”
Ros arrossì.
Valya lo fissò con astio. “Allora che vuoi da me, Chernin?”
Ros infilò una mano sotto la tunica e ne tirò fuori un sacchetto. Dopo un istante di incertezza glielo offrì.
Valya guadò il sacchetto con sospetto. “Che c’è lì dentro?”
Ros deglutì a vuoto. “Duecento monete.”
Valya si accigliò.
“Prendile” disse il ragazzo. “Le avevo messe da parte un po’ alla volta, ma sto per partire e dove andrò non mi serviranno.”
“Perché me le stai offrendo?”
“Con queste potrete pagare parte dei debiti. Non è molto ma è tutto quello che posso darvi. Per scusarmi con voi per quello che ha fatto mio padre.”
Valya fissò il sacchetto con gli occhi socchiusi, la rabbia che le montava dentro e le faceva battere forte il cuore. Lo strappò di mano a Ros.
Lui la fissò sorpreso e fece un passo indietro. “Accetti le mie scuse, Valya?”
“Le accetto, sì” disse lei soppesando il sacchetto nella mano. La stessa che aveva usato per duellare con Rezan e batterlo. “Ma non i tuoi sporchi soldi, Chernin.” Era un’occasione unica per prendersi una piccola rivincita su quelle persone e non voleva sprecarla. Con un gesto studiato e plateale tese la mano verso il pozzo e vi gettò dentro il sacchetto.
Ros aprì la bocca per dire qualcosa ma sembrò ripensarci. Scosse la testa. “Perché lo hai fatto?”
“Tornatene a casa, Chernin e dì a Rezan, ai tuoi fratelli e a tuo padre che la prossima volta che mi vedranno dovranno trattarci con il rispetto che meritiamo. Noi Keltel siamo fatti così.”
Non attese la risposta di Ros. Prese il cesto con le lenzuola e si allontanò dal pozzo. A suo padre avrebbe detto che c’era troppa folla. In quel momento voleva solo godersi la magnifica sensazione che stava provando.
Avrebbe ricordato a lungo l’espressione sconcertata di Ros Chernin.

Prossimo Capitolo Domenica 28 Giugno

Ritorna all'indice


Capitolo 9
*** Le Vecchie Pietre ***


Le Vecchie Pietre
 
“Che hai?” le chiese suo padre. “È da quando sei tornata dal pozzo che sembri strana.”
Valya scosse la testa. Sedeva sulla panca vicino all’ingresso della forgia, dove suo padre stava sbarrando la porta con delle assi di legno.
Il sole era appena sorto e il cavallo era stato attaccato al carretto. Suo padre l’aveva acquistato da Ivraim, un allevatore che viveva a un paio di miglia di distanza e non andava quasi mai al villaggio.
Valya sospirò. “Voglio solo andarmene da questo posto” disse. “E non rivederlo mai più.”
“Pensavo ti piacesse Cambolt. È più sicuro di una grande città sporca e affollata.”
“Una città” disse Valya. “Non so nemmeno come è fatta. Ferrador è grande?”
“L’ultima volta che ci sono stato, traboccava di persone” disse suo padre.
“Ci sono maestri di spada dove stiamo andando?”
Suo padre smise di inchiodare le assi e si accigliò. “Perché me lo chiedi?”
Valya scrollò le spalle. “È solo una domanda.”
Suo padre sembrò pensarci su. “Ci sono. Come in tutte le grandi città.”
“Anche un certo Elyas Kroft?”
Stavolta Simm Keltel socchiuse gli occhi. “Dove hai sentito quel nome?”
“Da nessuna parte. In giro, credo. Lo conosci?”
Suo padre annuì grave. “Purtroppo sì.”
“È abile?”
“Più con la bocca che con la spada, anche se ai miei tempi diceva di voler sposare una ricca vedova e ritirarsi. Sembri delusa.”
“No, affatto” rispose lei alzandosi di scatto. “Hai finito? Possiamo andare adesso?”
“Sali sul carro.”
“E tu dove vai?”
“Devo controllare che sia tutto a posto” disse con tono vago.
Simm Keltel fece il giro della forgia e quando tornò sembrava soddisfatto.
A Valya parve che fosse compiaciuto.
Suo padre afferrò le redini e le schioccò con gentilezza. “Andiamo, su” disse rivolto al cavallo.
Quando lo aveva portato alla forgia Valya gli aveva chiesto come si chiamava.
“Non lo so. Ivraim non me l’ha detto. Forse nemmeno ce l’ha un nome.”
“Ma deve averne uno” aveva protestato Valya.
“Che differenza fa?”
Valya lo aveva chiamato Bel.
“Bel?” le aveva chiesto suo padre.
“È il diminutivo di Bellir” gli aveva risposto.
Suo padre aveva scosso la testa affranto.
A due o tre miglia di distanza dalla forgia, lo vide girare la testa tre o quattro volte e fare un mezzo sorriso.
Valya sedeva accanto a lui sul cassone, godendosi il sole della tarda mattinata e il vento fresco che spirava da settentrione.
“Che hai da ridere?” gli chiese.
“Niente” rispose lui ghignando.
“Voglio ridere anche io.”
Simm Keltel serrò le labbra.
Valya si alzò di scatto e guardò dietro al carro. La collina era alle loro spalle con essa il bosco che la circondava. Vicino alla sommità si alzava un pennacchio di fumo che velava il cielo altrimenti di un azzurro limpido.
“Un incendio?” domandò. Il pensiero la colpì all’improvviso. “La forgia” esclamò rivolta al padre. “Sta andando a fuoco.”
Simm emise un brontolio sommesso.
“Dobbiamo tornare indietro o brucerà anche la casa.”
“Torna a sedere” disse lui con tono perentorio.
“Ma…”
“Siedi e goditi il viaggio.”
Valya ubbidì.
Suo padre continuò a stare zitto per qualche minuto, poi disse: “Anche io ne avevo abbastanza di Cambolt” disse con tono sommesso. “Non ci torneremo. La forgia non serve più. E quell’idiota di Chernin avrà solo delle macerie fumanti.”
Valya incrociò le braccia sul petto. “Credevo che i Keltel non fuggissero senza pagare i loro debiti.”
“Non stiamo scappando” rispose lui. “E chi ti dice che quei debiti non siano stati saldati?”
“Con quali soldi?” domandò Valya allarmata.
“Ci ha pensato Falgan. Fa parte del nostro accordo.”
“Voi due avete un accordo?”
“Più o meno” disse suo padre scrollando le spalle.
“Quando volevi dirmelo?”
“Non è necessario che tu sappia tutto.”
Valya sbuffò e guardò altrove. Dopo che ebbero superato il vecchio ponte che collegava le due sponde del Serpente Pigro, le campagne e i boschi lasciarono il posto a una pianura coperta da erba di colore giallo e verde scuro punteggiata da macchie di alberi.
Sulla sinistra, verso settentrione, si innalzava la cima solitaria e grigia di una montagna. “Che posto è questo?”
“Siamo ancora nei dintorni di Cambolt” rispose suo padre annoiato.
“E quella montagna?”
“È il Picco dell’Esilio.”
Valya lo fissò interdetta.
“Che c’è?” fece suo padre.
“Si chiama proprio così?”
Lui scrollò le spalle.
“È un nome stupido. Chi glielo ha dato?”
“Che vuoi che ne sappia io? Si chiamava già così da prima che nascessi.” Fece una pausa. “E perché sarebbe stupido?”
“A me sembra un nome stupido. Picco dell’Esilio. Che dovrebbe voler dire seconde te?”
Suo padre sbuffò. “Non lo so. Perché sei di cattivo umore? Pensavo fossi contenta di andare via da Cambolt.”
“Lo sono. Chi ti dice che sono di cattivo umore? Ti ho fatto solo una domanda. Potresti anche dirmi qualcosa, ogni tanto.”
Simm Keltel sbuffò. “È per non farti preoccupare di cose inutili. Lo faccio per te.”
Valya andò dietro, sedendo tra le casse piene di martelli e pinze e vecchie coperte di lana piena di tarme. Per caso lo sguardo le cadde sul baule con la spada.
La spada.
Chissà se è ancora lì dentro? Si chiese. Certo che lo è, ho controllato prima di partire. Ma se non ci fosse più? Se per qualche motivo papà l’avesse tolta e lasciata da qualche parte in casa, dimenticandosene? Potrebbe essere bruciata nella forgia. forse dovrei tornare indietro e…
“Stai già dormendo?”
La voce di suo padre la riportò alla realtà.
Da quanto sto fissando la cassa? Si chiese.
Il sole era alto nel cielo e stava iniziando a calare verso oriente.
“Vuoi vedere qualcosa di interessante?” le chiese.
Valya annuì e dimenticò la spada.
Suo padre indicò un punto all’orizzonte, dove i particolari erano sfumati dalla foschia. “La vedi?”
“Che cosa dovrei vedere?”
“La collina. È proprio lì.”
C’era una leggera irregolarità nel terreno dove suo padre le aveva detto di guardare.
“Cos’è?”
“Le Vecchie Pietre” disse lui.
Valya si accigliò.
“Ci siamo passati la prima volta che siamo venuti qui.”
“Avevo cinque anni.”
Simm Keltel sospirò.
“Che ha di così speciale?”
“Niente” rispose lui. “A parte il fatto che è il ritrovo di fuggiaschi e rinnegati di mezzo continente.”
Valya sgranò gli occhi. “E ci passeremo molto vicino?”
Lui le rivolse un’occhiata di traverso. “Ti spaventa?”
“Affatto” rispose raddrizzando la schiena.
“Dovrebbe. Quella feccia sarebbe ben lieta di scannarci nel sonno e prendersi il poco che abbiamo.”
Valya deglutì a vuoto. “Allora giriamoci attorno.”
“La via per la Strada dei Re è questa. Dall’altra parte ci sono paludi per decine di miglia e io non ho voglia di sporcarmi gli stivali. No, non ci passeremo vicino, ma proprio in mezzo, come la prima volta che sono passato di qui.”
 
Le Vecchie Pietre, proprio come aveva detto suo padre, dovevano quel nome al fatto che fossero antiche.
Prima ancora di arrivare alla collina vera e propria si imbatterono nei resti di colonne spezzate e disseminate in giro come ossa spolpate dai predatori e lasciate a cuocere al sole.
Un cerchio di pietre grigie delimitava quello che doveva essere stato un tempio o un’abitazione, Valya non avrebbe saputo dirlo e, proprio lì in mezzo, sorgeva una tenda.
Un uomo dai capelli rossicci e la pelle abbronzata sedeva all’ombra di una colonna spezzata e li fissò con sguardo accigliato mentre si avvicinavano.
Suo padre lo salutò con un cenno della testa. “Che si dice alle Vecchie Pietre?”
L’uomo lo guardò con sospetto. “Chi lo vuole sapere?”
“Un viandante” rispose suo padre.
“Questo viandante ha un paio di monete da darmi? Parlare è faticoso sotto questo sole.”
“Posso darti una moneta” disse Simm Keltel. “E un paio di strisce di carne secca.”
L’uomo si umettò le labbra e venne verso di loro.
Suo padre gli puntò contro l’indice. “Non avvicinarti oltre, per favore.”
L’uomo si fermò. “Sei un tipo prudente.”
“Non voglio affaticarti con una camminata inutile. Allora?” Lui gli gettò una striscia di carne secca che cadde nell’erba alta davanti ai piedi dell’uomo.
“Mi chiamo Bradis” disse dopo essersi chinato.
“Non ti ho chiesto il tuo nome.”
Bradis scrollò le spalle. “Fammi una domanda allora.”
“Chi è che comanda a Vecchie Pietre? Rod Tarrin è ancora seduto sul suo trono?”
L’uomo scosse la testa. “Manchi da molto, viandante. Tarrin è morto otto anni fa. Adesso comanda Fas Marden, il suo vecchio aiutante di campo.”
“Che tipo di persona è questo Marden?”
Bradis si strinse nelle spalle. “Non lo conosco bene” disse con voce incerta.
Simm gli gettò un’altra striscia di carne secca.
“Ma spesso i suoi ragazzi passando di qui e mi raccontano di quello che fa Marden alle Vecchie Pietre. Non sembra una cattiva persona. Mantiene l’ordine, insieme ai suoi ragazzi e in cambio chiede solo qualche moneta. Per la protezione, non so se mi spiego.”
“Ti sei spiegato benissimo” disse suo padre facendo schioccare le redini.
Bradis si accigliò. “Dove vai? E la mia moneta?”
“Te la darò a prossima volta. Quella carne vale molto di più.”
Valya rivolse una rapida occhiata a Bradis. L’uomo stava ritornando a testa bassa verso la sua tenda.
“Potevi dargli quella moneta” disse a suo padre. “Ora ci starà lanciando le sue maledizioni.”
“Che faccia pure” rispose lui. “E se volevi dargli una moneta, potevi dargliene una delle tue.”
“Io non ho monete” protestò Valya.
“Forse perché le hai date tutte agli sconosciuti.”
“Non è vero” disse con veemenza.
Potevo averne duecento a quest’ora, se avessi accettato i dannati soldi di Ros, si disse. Chissà che cosa stanno facendo lui e i suoi fratelli, ora. Avranno già visto l’incendio della forgia e Myron sarà andato su tutte le furie?
Quel pensiero la consolava e la distraeva dalle fatiche del viaggio.
Un sentiero di terra battuta avvolgeva la collina sulla cui sommità era stato eretto un villaggio di tende e baracche di legno. Valya notò giovani e adulti mescolati tra loro. Cera anche qualche ragazza e un paio di donne le rivolsero un’occhiata distratta mentre col carro si facevano strada tra la piccola folla che sostava vicino alle bancarelle di legno.
Un uomo dal ventre enorme richiamava l’attenzione delle persone indicando la merce stesa ai suoi piedi su di un tappeto sbrindellato.
Valya gettò una rapida occhiata alle pentole e ai piatti allineati. Non ce n’era uno che non fosse ammaccato, graffiato o con qualche parte mancante. Un piatto era stato ricucito con del filo di ferro.
Una ragazza dalla pelle nera invitava i passanti ad esaminare i vestiti esposti su di una stampella.
“Vieni, signora. Da questa parte, ho sicuramente la taglia giusta per te. Lino di Chazan e broccati di Nazedir. Con uno di questi addosso il tuo uomo sarà felice. E se non hai un uomo, te lo farà trovare.”
Un tizio dall’aria assonnata esponeva degli animali spellati si un’asta di legno. Ogni tanto muoveva un braccio per scacciare un nugolo di mosche ci ronzava attorno.
Valya distolse lo sguardo. “Che posto è questo? Perché siamo venuti qui?”
“Devo sbrigare una commissione” rispose suo padre con aria assorta.
“Che genere di commissione?”
“Del genere che non mi devi chiedere niente al riguardo.”
Valya serrò le labbra. “Perché questa gente vive qui?”
“Forse gli piace il posto.”
“A chi può piacere vivere in un posto del genere?” gli chiese sconcertata.
“A uno che non ha altro posto in cui vivere” rispose suo padre. “Qui è tranquillo. Non ci sono guardie o Vigilanti.”
“Vigilanti?”
“Stregoni che danno la caccia ai rinnegati.”
Valya fece una smorfia di disgusto. “C’è una puzza tremenda. Dovevamo andare a Ferrador senza passare di qui. Quanto ci fermeremo?”
“Lo stretto necessario per quella commissione.”
“Ma cosa devi fare di così importante” iniziò a dire.
“Basta domande” disse suo padre con tono perentorio.
Valya si azzittì.
Suo padre strinse le redini. “Scusa. Non ti volevo urlare contro.”
“Lo fai sempre.”
“Ti ho chiesto scusa, no?”
Suo padre fermò il carretto in uno spiazzo libero dalle tende e lontano dal mercato a cielo aperto. Saltò giù con un gesto agile e legò le redini al cassone. “Non muoverti di qui. Resta nel carro, hai capito?”
Valya annuì.
“Non uscire per nessun motivo, nemmeno se senti delle grida.”
Lei lo guardò accigliata.
“A volte scoppiano delle risse. Di solito si risolve tutto con un paio di ossa rotte e qualche pugnalata.”
Valya fece per dire qualcosa.
“Tu fatti gli affari tuoi e non immischiarti in quelle faccende, chiaro? È importante.”
Valya annuì decisa.
Suo padre si guardò attorno con fare agitato. “Io torno subito, non ci metterò molto.”
“E se qualcuno tenta di entrare nel carro e prendere la nostra roba?”
“Non lo faranno.”
“Ma…”
“Ascoltami, Valya” disse suo padre con voce agitata. “Devo fare questa commissione, è davvero importante. Devi stare qui per un po’, senza uscire e senza muoverti. Possibile che sia così difficile da capire?”
“E se ti succede qualcosa?”
“Non mi succederà niente. Ora vado. Resta dentro il carro.”
Suo padre le voltò le spalle e si avviò verso il mercato. Valya lo seguì con lo sguardo finché non sparì tra la folla. Un attimo dopo si gettò nel retro del carro.

Prossimo Capitolo Giovedì 2 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 10
*** Sei nei guai ***


Sei nei guai
 
Il primo istinto fu di aprire il baule e prendere la spada.
La spada, pensò. Devo assicurarmi che sia ancora al suo posto. Qualcuno potrebbe cercare di prenderla. Se ci provassero, dovrei difendermi. Dovrei usarla.
Con Razen aveva funzionato, per un po’. La spada le aveva dato la forza per sovrastarlo, lei che a malapena riusciva a tenere in mano un’arma.
Si inginocchiò davanti al baule, come un penitente davanti alla sua divinità, le mani appoggiate sulla superficie di legno ruvido e macchiato dal tempo e dall’umidità.
Chissà quante cose ha visto, pensò. Quante avventure avrà vissuto, in quanti posti sarà stata, quanti nemici avrà ucciso quella spada?
Respirò a fondo per calmarsi. Le mani le tremavano, non sapeva dire se per la paura, l’emozione o la posizione scomoda.
“Basta, calmati” disse a voce bassa. “Andrà tutto bene. Papà tornerà qui a breve e ce ne andremo. Non avrò bisogno di aprire il baule e prendere la spada.”
Prendere la spada
Prendila.
Ora.
Valya strisciò col sedere sul pavimento e si rannicchiò in un angolo, tra due sacchi pieni di lenzuola e vestiti che avevano portato via dalla forgia.
Che non esisteva più.
Pensa alla forgia, si disse. Pensa ai bei giorni passati a giocare nei boschi con Hagen ed Enye. Tre anni prima avevano esplorato le terre attorno a Cambolt, spingendosi fin quasi al Bosco delle Lacrime.
Era stata una bella avventura e per tutto il viaggio, anche se non era successo niente, aveva immaginato di essere una coraggiosa guerriera che andava ad affrontare il mostro che aveva occupato la foresta.
Quella volta era un mostro e la volta prima una maga o una strega rinnegata o un guerriero che l’aveva sfidata mettendo in dubbio il suo valore.
Quando erano tornati a casa era già buio e suo padre l’aveva sgridata. Per un’intera Luna le aveva impedito di andare al villaggio o vedere i suoi amici e si era persa gran parte della bella stagione.
Ricordava ancora il brivido lungo la schiena quando erano arrivati ai confini delle terre di Cambolt e la foresta si era fatta più fitta.
E minacciosa.
Nei racconti della vecchia Derya c’erano sempre degli elfi cattivi in agguato nelle foreste. Gli elfi catturavano i ragazzi più intraprendenti e ne facevano degli schiavi.
Ma non c’erano solo loro.
Le foreste a volte erano il rifugio di rinegati e briganti che volevano sfuggire alla legge. Tutti al villaggio mettevano in guardia i ragazzi di non allontanarsi troppo e di non inoltrarsi nella foresta.
Quel giorno, con Hagen ed Enye, avevano camminato fino a raggiungere un punto dove avanzare era molto difficile. Gli alberi erano così fitti che non vedevano più il sentiero.
Valya ricordava l’emozione che aveva provato guardando tra gli alberi, quasi desiderando che una fiera o un elfo malvagio li attaccasse.
Se avesse avuto una spada con lei li avrebbe affrontati e sconfitti, perché nella sua fantasia lei trionfava sempre.
Respirò a fondo.
Nella penombra faticò a mettere a fuoco i particolari del carro e delle casse.
Da quanto sono qui? Si chiese allarmata. È quasi buio fuori.
Non uscire, le aveva detto suo padre.
Esitò.
Mi ha anche detto che sarebbe tornato subito e invece è passata quasi mezza giornata, pensò. Deve essergli successo qualcosa.
Qualcosa di brutto.
Già altre volte era andato via di casa dicendole di non aspettarlo alzata e che avrebbe fatto tardi. Di solito tornava entro la sera. Solo una volta, due anni prima, era tornato la mattina dopo.
Lei lo aveva atteso sveglia, indecisa se andare al villaggio e dare l’allarme.
“Se lo avessi fatto” le aveva risposto suo padre. “Mi sarei arrabbiato sul serio.”
“Dove sei andato?”
“È meglio che tu non lo sappia.”
Valya aveva scosso la testa.
“È per il tuo bene.”
Non aveva mai scoperto dove andava quando restava fuori così tanto. Un paio di volte aveva cercato di seguirlo, ma lo aveva perso di vista un paio di miglia dopo aver lasciato Cambolt, quando si inoltrava nelle campagne.
Dovevo andare con lui, si disse scuotendosi dal torpore che l’aveva afferrata. Gli è successo qualcosa di brutto e io me ne sto qui seduta a tremare in un angolo. Margry Mallor non avrebbe mai fatto così. Lei ha affrontato troll e giganti di pietra e ha combattuto contro i Trenta Tiranno sul continente antico. Non ha mai avuto paura e nemmeno io devo averla.
Respirò a fondo e strisciò verso il fondo del carro. Stava per mettere la testa fuori quando ricordò di non aver preso la spada.
E dove volevo andare senza quella? Si chiese divertita.
Stava per girarsi e tornare indietro quando il velo che chiudeva l’entrata si mosse e dietro di esso apparve il viso di un uomo.
Valya trasalì e scattò all’indietro, lasciandosi sfuggire un’esclamazione di sorpresa.
L’uomo si guardò attorno allarmato. La pelle del viso era lucida e tirata sulle ossa, il mento e gli zigomi pronunciati e un velo di barba ispida e nera gli copriva le guance scavate.
“Non gridare, non gridare per piacere” disse facendole un gesto rapido con la mano.
“Che vuoi?” gli chiese Valya tirandosi indietro.
L’uomo fece per tirarsi su ed entrò nel carro. “Non credevo ci fosse qualcuno qui dentro. Stavo girando qui attorno e ho visto il carro. Credevo fosse stato abbandonato così ho deciso di dare un’occhiata.”
Il suo sguardo cadde su uno dei sacchi allineati contro la parete del carro. “Posso prenderne uno?”
Valya si accigliò.
“C’è dentro da mangiare? Monete per caso?”
Scosse la testa. “Lenzuola. E vestiti. Vecchi, per lo più.”
L’uomo ridacchiò. “Lenzuola.” Allungò una mano dalle dita scheletriche e afferrò il sacco. “Prendo solo questo, va bene? Tu però non devi urlare. Ora esco e sparirò e non mi vedrai mai più.” Mentre parlava tremava e si guardava attorno. “È che mi servono delle monete per pagare un debito o i ragazzi di Marden mi appenderanno a testa in giù. Hanno fatto lo stesso con Juk una Luna fa e lui aveva un debito più piccolo del mio.”
Valya ebbe l’impressione che stesse per mettersi a piangere.
“Ti pare giusto che uno debba essere appeso a testa in giù per un debito di qualche moneta? Non è giusto” disse scuotendo la testa. “Non è giusto” ripeté, gli occhi fissi nel vuoto come se stesse ricordando qualcosa.
Valya deglutì a vuoto. Voleva gettarsi sul baule e prendere la spada, ma non riusciva a muovere le gambe e le braccia. Ogni volta che immaginava la scena, terminava con lei che veniva picchiata o accoltellata da quel tizio.
Ripensò alle parole del padre.
A volte scoppiano risse.
Che si concludono con qualche pugnalata.
Quell’uomo sarebbe capace di attaccarmi? Si chiese. Se avessi la spada con me. Io…
L’uomo sembrò scuotersi dal torpore che lo aveva immobilizzato. “È meglio che vada ora. O potrei mettermi nei guai.”
“Ci sei già nei guai.”
Il tizio volò all’indietro, come se una forza misteriosa lo avesse afferrato e tirato via. Valya lo vide spalancare gli occhi per la sorpresa e poi sparire oltre il velo che chiudeva il carro.
Dopo l’iniziale sorpresa strisciò fino all’entrata e scostò il velo, mettendo la testa fuori.
Il tizio che era entrato nel carro giaceva in ginocchio, la gola stretta dalla mano di suo padre, che le rivolse un’occhiata furiosa. “Rimani dentro al carro.”
Valya aprì la bocca per dire qualcosa.
“Ubbidisci” gridò suo padre.
“No” fece lei e saltò giù.
Una piccola folla si era radunata attorno al carro e osservava suo padre tenere il tizio per la gola.
“Che ci facevi lì dentro?” gli ringhiò contro. “Che volevi fare?”
Il tizio balbettò qualcosa.
“Parla” gli intimò suo padre.
“Debito” riuscì a dire il tizio. “Aria.”
Suo padre dovette allentare la presa perché il tizio inspirò rantolando.
“Potevi spezzarmi il collo” si lamentò l’uomo.
“Chi ti dice che non lo farò? Dimmi che ci facevi lì dentro.”
L’uomo esitò.
Suo padre afferrò il sacco con le lenzuola e lo agitò perché la folla potesse vederlo. “Stavi rubando le mie cose?”
“No” disse l’uomo con vigore. “No, te lo giuro.”
Il pugno di Simm Keltel si abbatté sul volto dell’uomo.
Valya sussultò vedendolo crollare a terra. Suo padre lo afferrò per i capelli raddrizzandolo. Il viso dell’uomo era imbrattato di sangue, il labbro che pendeva da un lato.
“Non giurare” gli intimò suo padre.
“Aspetta” fece per dire l’uomo.
Suo padre lo colpì al mento mandandolo di nuovo a mordere la terra. Come prima lo sollevò tenendolo per i capelli.
Quando si girò verso di lei, trasalì alla vista degli occhi iniettati di sangue del padre. “Ti ha fatto qualcosa?”
Valya scosse la testa con vigore.
“Ha preso solo questa sacca?”
“Sì” fece lei, gli occhi puntati sul viso devastato del tizio.
Suo padre lo lasciò andare. “È il tuo giorno fortunato.”
“Aspetta a dirlo” fece una voce proveniente dalla folla. Tra le fila si mosse qualcuno, formando un varco per lasciar passare un uomo basso e muscoloso dai capelli neri. Al suo fianco, due ragazzi si guardavano attorno lanciando occhiate ostili verso quelli che si accalcavano attorno al nuovo venuto.
“Indietro” stata dicendo uno dei due. Indossava un’armatura di cuoio e al fianco portava legata una spada dalla lama ricurva.
L’altro era più alto di una spanna e aveva lunghi capelli grigi legati in una traccia. Nonostante il colore che poteva farlo passare per anziano, il suo viso era quello di un giovane che non poteva avere più di venti anni.
“Fate passare” disse quello con l’armatura. “Lasciate spazio al governatore di Vecchie Pietre.”
Governatore? Si chiese Valya. Questo posto ha anche un governatore?
Il nuovo arrivato marciò deciso verso suo padre. “Che succede qui?” chiese ad alta voce, come se volesse farsi sentire da tutti.
Suo padre grugnì qualcosa prima di dire: “Niente. Solo un malinteso.”
Il governatore gettò un’occhiata al tizio sanguinante. “Tu sei Bolk?” chiese accigliato.
L’uomo annuì.
“Che hai combinato stavolta?”
Bolk tacque.
“Tu che hai da dire?” chiese il governatore a suo padre.
“Te l’ho detto. È stato un malinteso.”
“Sai chi sono io?”
La mascella di Simm Keltel si serrò. “Sei Fas Marden.”
L’altro annuì solenne. “Lo sai che abbiamo delle regole, qui a Vecchie Pietre? Le persone che vedi non sono selvagge e sono tenute a rispettarle se vogliono restare qui.”
“Ci sono regole contro i malintesi?”
“No” rispose Marden severo. “Ma contro le risse e le aggressioni, sì. Stavi aggredendo quest’uomo?”
Simm Keltel scosse la testa. Valya notò che si stava muovendo verso il carro, mettendosi tra questo e il governatore.
Nel frattempo, il ragazzo con il corpetto di cuoio e quello con i capelli grigi si erano mossi di qualche passo affiancando Marden.
“Allora stavate discutendo? Posso sapere per cosa? E per quale motivo hai ridotto in quel modo la faccia del povero Bolk?”
Suo padre gli mostrò la sacca con le lenzuola. “Mia figlia l’ha fatta cadere dal carro e quello lì l’ha raccolta” disse indicando Bolk ancora inginocchiato ai suoi piedi. “Gliela voleva restituire, ma io ho pensato che la stesse prendendo e l’ho afferrato per il collo. Lui ha cercato di divincolarsi senza darmi il tempo di spiegare e senza volere devo averlo colpito al volto.”
Marden annuì grave. “Capisco. In effetti mi sembra tutto chiaro. Perry” disse alzando una mano.
Il ragazzo con i capelli grigi fece un passo avanti.
“Dai una mano a Bolk a rialzarsi.”
Perry annuì e afferrò l’uomo per un braccio rimettendolo in piedi.
Marden lo fissò con sguardo annoiato. “Hai dato problemi fin dal giorno in cui sei arrivato.”
Bolk, gli occhi bassi, tirò su col naso. “Mi spiace, Fas. Lo straniero dice il vero, è stato un malinteso. Un errore.”
“L’errore l’ho fatto io” disse Marden. Guardò Perry. “Sai cosa fare.”
Perry annuì e lasciò andare Bolk, che barcollò per un paio di passi. Il ragazzo dai capelli grigi estrasse la spada ricurva e con un rapido movimento del polso aprì uno squarcio nella gola di Bolk.
Valya sussultò alla vista dell’uomo che crollava in ginocchio boccheggiante, le mani strette attorno alla gola. Il sangue eruppe dalla ferita mentre cercava di arrestare l’emorragia.
Marden lo fissò severo. “Nessuno ruba a Vecchie Pietre” disse rivolto alla folla mentre Bolk emetteva un ultimo rantolo prima di crollare ai suoi piedi.
Valya trattenne il fiato.
Aveva già visto morire qualcuno, giù al villaggio. Era accaduto due anni prima, quando la signora Erlin era stata travolta da un cavallo imbizzarrito. Era accaduto proprio davanti al mercato e lei aveva colto il momento in cui la povera donna era stata colpita e poi calpestata dall’animale.
La folla che si era raccolta per soccorrerla aveva coperto il resto e lei non aveva assistito all’agonia della Erlin, ma aveva udito i suoi lamenti finché non si erano affievoliti e poi spenti.
Ma quello era diverso.
Bolk non era morto per un incidente. Era stato ucciso proprio davanti a lei.
Assassinato, le venne in mente.
Cercò conforto nello sguardo di suo padre, ma lui era voltato verso Marden e lo fissava con sguardo accigliato.
“Non era necessario” disse.
Marden fece una smorfia. “La gente di Vecchie Pietre mi ha nominato governatore perché faccio rispettare le regole. Forse tu sei rimasto ancora ai tempi in cui governava Terrin, ma quello è il passato.” Lanciò un’occhiata al carro. “Ora tua e tua figlia dovete andare via. Aveva portato già troppo scompiglio a Vecchie Pietre.”
Suo padre sembrò sul punto di fare un passo avanti, ma voltò le spalle a Marden. “Stavamo andando via lo stesso.”

Prossimo Capitolo Domenica 5 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 11
*** Nessun prigioniero ***


Nessun prigioniero
 
“Bolk meritava di morire?” gli chiese Valya mentre si sporgeva in avanti. Era buio quando erano discesi dalla collina delle Vecchie Pietre ed era ancora buio mentre attraversavano la pianura coperta di erba giallo oro.
Simm grugnì. “Che vuoi che ne sappia?”
“Non sembrava cattivo.”
“Ha provato a rubare le nostre cose” disse fissando un punto davanti a sé. “Poteva farti del male.”
“Lo hai picchiato per difendermi?”
“No” disse suo padre. “E ora torna nel carro e restaci.”
“È buio” disse Valya.
“Lo vedo anche io.”
“Non ci fermiamo?”
“No.”
“Non è pericoloso viaggiare di notte? Bel potrebbe inciampare in una buca e azzopparsi. Una volta ho sentito dire che il cavallo del signor Garl…”
“Per una volta” disse faticando a mantenere la calma. “Potresti fare come dico io? Ho un terribile mal di testa e non ho voglia di discutere.”
E soprattutto non voleva fermarsi per nessun motivo. Da quando Marden li aveva di fatto scacciati via si era guardato alle spalle. Ogni tanto lanciava un’occhiata furtiva alla strada che si stavano lasciando dietro di loro aspettandosi di intravedere dei cavalieri che si avvicinavano.
Valya sedette con le braccia incrociate sul petto e gli occhi bassi, lo sguardo imbronciato. Anche se aveva sedici anni compiuti era ancora ingenua e non aveva visto tante cose.
Sono stato io a volere così, si disse.
“Non avevo mai visto un uomo morire in quel modo” disse Valya.
Simm strinse la mascella. “Io invece ne ho visti troppi” disse a voce bassa.
“Durante la rivolta di Vulkath?”
Annuì. “E anche prima e dopo. La gente muore in continuazione e per i motivi più stupidi.”
“Bolk voleva solo pagare un debito.”
“Ti ha detto una bugia.”
“Sembrava sincero.”
“Allora era molto abile come bugiardo.”
“Diceva di dovere dei soldi ai ragazzi di Marden.”
Simm si accigliò. “Te l’ha detto lui?”
Sua figlia annuì. “È importante?”
“No” si affrettò a dire. “Ora entra nel carro e cerca di dormire un po’. Viaggeremo per tutta la notte.”
“Senza fermarci?”
“Solo un paio di volte per far mangiare questa bestiaccia” disse dando una pazza al cavallo.
“Lascia stare Bel” disse Valya indignata. “Lui è quello che fa il lavoro più pesante.”
“Vai” disse Simm perentorio.
Valya entrò nel carro. La guardò cercare un posto dove sistemare il giaciglio di pelli imbottite e distendersi sul fondo di assi di legno.
Attese finché non vide il suo respiro diventare regolare, infilò la mano nella tunica sgualcita e ne tirò fuori una boccetta piena di liquido bianco.
A prima vista sarebbe sembrato latte.
Latte dei sogni, si disse. Ma in realtà deve scacciare gli incubi.
Tolse il tappo di sughero dominando a stento il tremore delle mani e ne bevve una breve sorsata, mandandola giù a occhi chiusi.
Il liquido gli arse la gola mentre si faceva strada attraverso l’esofago. Rimise al suo posto il tappo e infilò la boccetta nella tasca interna della tunica.
L’aveva cucita lui stesso per avere un luogo riservato dove tenere il latte dei sogni.
Mi sei costato parecchio, pensò. E il povero Bolk ci ha rimesso tutto quanto aveva. Poco male.
Concesse al liquido qualche istante per fare effetto, ma sapeva che era in quei momenti che precedevano la pace che gli incubi si facevano più intensi e vividi.
Un volto gli apparve nella nebbia che era calata attorno a lui. Sentiva il freddo penetrargli nelle ossa, ma a quella vista sentì il calore aumentare.
Cercò di pronunciare il suo nome, ma le parole gli morirono in gola. La sua bocca era paralizzata, come se le sue labbra pesassero come macigni.
L’odore del sangue e del metallo permeava l’aria. In lontananza udiva lo stridore delle spade che cozzavano contro scudi e armature.
Persone stavano morendo nella nebbia, ma lui non poteva vederle.
“Perché siamo ancora qui?” chiese una voce.
“La sua stretta è forte” gli rispose un’altra che sembrava provenire da un abisso insondabile che aveva cercato di colmare in qualche modo.
“Gettala via. Gettala via ora.”
“Guarda, Simm. È lì sotto.”
“Non è giusto.”
“La sua stretta è forte.”
“Non…”
Il dardo si piantò nel legno del carro con un tonfo sordo. Simm aprì gli occhi e sobbalzò nel vederlo spuntare dal sedile, come se fosse cresciuto lì invece di esserci stato piantato.
Da chi? Si chiese ridestandosi come da un sogno.
Girò la testa a destra e poi a sinistra e nello stesso momento diede una spinta con la schiena all’indietro, cadendo nel carro.
Due dardi sibilarono sopra la sua testa attraversando il sottile tessuto che copriva il carro. Allungò la mano verso la mazza ferrata appoggiata sul fondo di legno e la strinse forte.
“Succede?” chiese Valya con voce impastata.
“Niente. Torna a dormire. Mi occupo io della faccenda.”
Sua figlia socchiuse gli occhi. “Perché hai preso la…”
Qualcosa sibilò sopra le loro teste e atterrò sul tetto di tessuto. Il fuoco si sprigionò all’istante iniziando a divorare la parte superiore del carro.
Valya sobbalzò. “Ma che succede?”
Simm strisciò verso la parte posteriore del carro. “Niente. Stai zitta e rimani dietro di me.”
Valya guardò in alto. “Brucerà tutto.”
“Ma non noi. Andiamo.”
Afferrò lo scudo di legno borchiato che aveva riparato poco prima di partire e aveva messo vicino alla cassa con gli attrezzi per un’evenienza come quella. Infilò il braccio sinistro nelle fibbie di cuoio dell’impugnatura e strinse il legaccio per farlo aderire.
Gli bastò quel contatto per sentirsi più sicuro. Strinse la mazza ferrata nell’altra mano, come a volerne saggiare la consistenza e il peso.
Il carro si stava riempiendo di fumo.
“Resta dietro di me” disse a Valya.
Prima che lei potesse rispondere si lanciò giù dal carro, lo scudo alzato di fronte a sé.
Atterrò sui tacchi affondando nel terreno reso molle dalle piogge recenti e piegato sulle ginocchia attese che Valya scivolasse giù dal carro.
“Stai giù” le disse con tono calmo.
“Ma chi sono?”
“Amici di Bolk? Oppure i suoi creditori.”
“Che cosa vogliono da noi?”
“Il carro e quello che c’è dentro.”
Valya guardò in alto, il viso illuminato dalle fiamme che stavano divorando la parte superiore del carro, quella fatta di stoffa.
“Brucerà tutto” disse in tono lamentoso.
“Non se spegniamo l’incendio in fretta.” Indicò un punto in basso vicino al terreno. “Nasconditi lì sotto.”
“Ma sta andando a fuoco.”
“Il legno è umido. Ci metterà un po’ a raggiungerti. Per allora avrò risolto il problema.”
“Voglio aiutarti” disse Valya.
“Come?” chiese esasperato.
“Posso combattere. Dammi una spada.”
“No.”
“Ma…”
“Non ho tempo per queste cose. Infilati lì sotto e restaci finché non torno.”
“E se non torni?”
Lui la ignorò avanzando nel buio. Sentiva lo scalpiccio dei cavali di chi li stava attaccando, ma nel bagliore dell’incendio i suoi occhi faticavano ad adattarsi all’oscurità.
Se non puoi vedere allora ascolta, ricordò le parole che aveva udito anni prima. L’uomo che le aveva pronunciate era morto da tempo, ucciso in un duello.
Ascolta.
Calma il respiro.
Rallenta i battiti del cuore.
Un dardo si conficcò nel terreno a due o tre passi dai suoi piedi facendolo sobbalzare.
Dannazione, pensò. Mi possono scorgere con le fiamme sullo sfondo.
Muovendosi acquattato nell’erba si spostò di una decina di passi descrivendo un ampio cerchio attorno al carro.
Ogni tanto guardava in quella direzione con la coda dell’occhio per assicurarsi che nessuno degli aggressori attaccasse con le fiamme alle spalle.
Piantò lo scudo nel terreno mentre con gli occhi scrutava nel buio per cogliere un movimento o un’ombra. Un paio di volte trasalì pensando di aver individuato uno degli aggressori, ma si rilassò subito dopo quando capì che si era sbagliato.
Sono due, pensò. Entrambi senza armatura a giudicare dal rumore degli zoccoli. A parte la balestra che armi hanno? Spade? Pugnali? Bastoni?
“Secondo me è morto, Perry” disse una voce nel buio.
Simm cercò di individuarla.
“Taci, idiota” rispose una seconda voce.
Alla mia destra, pensò Simm. Si muove lentamente. Sento i passi nell’erba. Deve essere smontato da cavallo per venire a dare un’occhiata da vicino. Pessima mossa.
“Ma Perry” disse la prima voce con tono lamentoso.
“Zitto ho detto” fece l’altra con tono stizzito.
Simm si mosse in fretta, i piedi che sembravano volare sull’erba umida. Nel buio individuò la sagoma netta di un uomo alto forse una mezza testa più di lui. Dal profilo notò che aveva estratto la spada e la teneva puntava verso il terreno.
Sembrava si stesse guardando attorno. Se avesse rivolto il suo sguardo verso Simm, avrebbe visto una sagoma nera che si stagliava sullo sfondo del carro che stava bruciando.
“Glem?” chiese una voce con tono incerto.
Non sono Glem, pensò Simm Keltel sollevando la mazza sopra la testa. Sono la morte.
Fece roteare la mazza sopra la testa facendo leva con la spalla. Nel buio apparve il viso dall’espressione sorpresa di un ragazzo dai capelli castani, la spada ricurva nella mano destra che si stava sollevando.
Alla seconda rotazione della mazza il bulbo di acciaio pieno che aveva saldato su una delle estremità incontrò la mascella dell’altro.
Simm sentì con soddisfazione il rumore delle ossa e dei denti che si spezzavano e la molle consistenza della carne che cedeva sotto la mostruosa spinta di quel colpo.
Schizzi di sangue lo raggiunsero imbrattandogli la tunica e i pantaloni. Gocce di cui si rese conto appena lo colpirono al viso.
Diede un secondo colpo all’avversario aprendogli una profonda ferita alla testa, proprio dietro la nuca. L’uomo sussultò per qualche istante e giacque immobile dopo aver esalato un rantolo profondo.
“Perry?” domandò la voce di prima.
Simm respirò a fondo.
“Il tuo amico è morto.”
Rumore di passi che si avvicinavano.
Idiota, pensò Simm. Ti ho dato la possibilità di andartene.
Corse verso il rumore di passi, incurante se fosse coperto o meno. In quel momento desiderava solo finire in fretta quella storia e tornare al suo sonno senza sogni.
Glem, questo doveva essere il suo nome, apparve sullo sfondo del carro che stava bruciando. Aveva sollevato la balestra, il dardo incoccato.
“Lo hai ammazzato” stava dicendo. “Dannato bastardo, lo hai ucciso.”
“Sì. E ora ucciderò anche te” ringhiò prima di gettarsi in avanti roteando la mazza.
Glem sollevò la balestra e gliela puntò contro. “Ti ammazzo” gridò.
Sì, sì, sì pensò Simm con foga. Scocca quel dardo, dannato idiota e cerca di non mancarmi. Metti fine alla mia lunga veglia senza sogni.
Un urlo squarciò l’aria e una figura apparve al fianco di Glem. Reggeva tra le mani qualcosa di rotondo e largo e l’aveva sollevato sopra la testa.
Glem si girò di scatto, la balestra ancora puntata in avanti.
Valya calò lo scudo sopra il braccio di Glem. Il dardo partì conficcandosi nell’erba con un tonfo sordo.
Glem gettò via la balestra ed estrasse la spada ricurva. “Prima ammazzo te” disse sollevandola sopra la testa.
Valya alzò lo scudo e intercettò il fendente calato dall’alto verso il basso. Simm la vide spostarsi di lato per parare il secondo assalto di Glem.
Coprì la distanza che lo separava dall’uomo con una mezza dozzina di balzi e gli fu addosso. La mazza calò sulla spalla dell’uomo, spaccando le ossa che si trovavano al di sotto.
Glem gridò come un animale ferito e lasciò cadere la spada.
Simm ne approfittò per colpirlo al petto e costringerlo in ginocchio.
Glem rantolò qualcosa di incomprensibile e alzò il braccio sano. “Basta, hai vinto, mi arrendo.”
Simm rimase con la mazza sollevata sopra la testa per qualche istante.
Glem, la mano stretta al petto, stava sputando sangue che nella penombra sembrava nero.
“Mi arrendo” disse con voce roca.
Simm alzò la mazza. “Nessun prigioniero stanotte.”

Prossimo Capitolo Giovedì 9 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 12
*** Prima lezione ***


Prima lezione
 
“Abbiamo vinto” disse Valya. “Li abbiamo uccisi.”
Aveva ancora lo scudo tra le mani e respirava a fatica. I colpi di Glem erano stati così forti che per un attimo aveva temuto che le spezzassero le braccia, ma aveva resistito.
Suo padre respirò a fondo, marciò verso di lei scuro in viso e le strappò lo scudo dalle mani.
“Per gli antichi Dei e tutti i demoni, che cosa pensavi di fare?”
Valya indietreggiò di un passo. “Volevo solo aiutarti.”
“Sei una stupida” disse dandole uno strattone così forte da buttarla a terra.
Valya gridò per il dolore e la sorpresa. Stava per protestare, quando vide suo padre correre verso il carro.
Il fuoco aveva raggiunto il legno e lo stava consumando. Simm Keltel si gettò contro le fiamme e strappò ciò che restava del telone di copertura gettandolo lontano.
Con una vecchia coperta soffocò le fiamme che stavano divampando sbattendola sopra con vigore. “Vieni a darmi una mano” le disse. “Svelta.”
Valya corse verso il carro e lo aiutò a portare giù quello che non era stato divorato dalle fiamme. Quasi tutte le casse erano intatte e persino qualche sacca, ma avevano perso tutte le scorte di cibo tranne quelle che avevano in un barile sul fondo del carro e i vestiti.
Quelli erano tutti bruciati. Non che fossero mai stati preziosi o eleganti, ma le seccava doverne fare a meno. Iniziava ad averne abbastanza della solita tunica chiara.
Il baule con la spada era sopravvissuto. Valya si accertò con delle rapide occhiate di nascosto che fosse intatto. C’erano solo delle leggere bruciature lì dove le fiamme avevano morso il legno, ma aveva resistito bene.
Anche Bel stava bene. Il cavallo era così mansueto che nemmeno le fiamme alte lo avevano spaventato.
Beato lui, pensò Valya.
Il sole stava sorgendo quando si concessero una pausa.
Simm sedette accovacciato nell’erba, lo sguardo fisso su Glem che ancora giaceva nell’erba.
“Sono i ragazzi di Marden” disse Valya.
Suo padre grugnì.
“Perché ci hanno attaccati? Che volevano da noi?”
“Bolk aveva un debito con loro” disse suo padre. “Forse il furto era solo una scusa per fargli dare un’occhiata all’interno.”
Valya si avvicinò al corpo di Perry, il ragazzo dai capelli grigi che aveva ucciso Bolk. Il viso era nascosto dai folti capelli che formavano una massa arruffata e sporca.
“Non fissarlo troppo” disse suo padre scalciando il cadavere. “O i demoni ti trascineranno negli inferi insieme a lui.”
Valya distolse lo sguardo. “Che facciamo adesso?”
“Ci rimettiamo in marcia.”
“Ma il carro è bruciato” protestò lei.
“Lo rimetterò a posto. Se starai zitta e farai quello che ti dico di fare.”
Valya serrò le labbra. “Tu sapevi che stavano arrivando, vero?”
Aveta notato il suo nervosismo dopo che avevano lasciato le Vecchie Pietre.
Suo padre grugnì.
“Dimmelo. Ho il diritto di saperlo.”
Simm Keltel si voltò di scatto, lo sguardo accigliato. “Tu non hai il diritto di sapere proprio niente.”
“Invece sì.” Indicò il cadavere di Glem. “Ti ho salvato io. Se non lo avessi colpito, ora saresti morto.”
“Se io non li avessi uccisi, saremmo morti entrambi. E anche quel dannato cavallo.”
Bel continuò a ruminare.
Suo padre marciò verso il carro e Valya lo seguì.
“Perché non mi dici mai niente?” gli urlò contro.
Simm Keltel appoggiò le mani sulla ruota annerita dal fuoco, come a volerne saggiare la consistenza.
“Se ti avessero ucciso che cosa avrei fatto io?” gli domandò, le lacrime agli occhi.
“Saresti andata avanti” disse suo padre senza voltarsi.
“Posso aiutarti, se mi insegni.”
Lui chinò il capo. “Non sei abbastanza forte.”
“Come fai a dirlo?”
“Lo so.”
“Riesco a reggere la spada. E se tu mi insegnassi…”
“No” esclamò suo padre con tono esasperato. “Non ti insegnerò niente. Discorso chiuso.”
“Ti odio” gridò Valya.
“Me ne farò una ragione.”
“Tu credi che io sia debole.”
“Lo sei” fece Simm senza guardarla.
“Se tu mi dessi una spada, una delle tue, potrei diventare forte.”
“Le mie spade sono per veri guerrieri. Non per quelli come te.”
“Ma tu ne hai tante, in quei bauli. Potrei prenderne una…”
Suo padre si voltò di scatto e le afferrò la gola. “Hai preso una delle mie spade? Le hai toccate? Dimmelo.”
“No” disse liberandosi con uno strattone. “Non ho mai toccato le tue maledette spade” mentì.
Ne ho usata una, pensò. E se ora l’avessi tra le mie mani, ti farei vedere di cosa sono capace.
“Meglio per te” disse suo padre tornando a concentrarsi sulla ruota.
Valya corse al corpo di Glem e gli sfilò la spada ricurva dalla mano vincendo la repulsione. Strinse l’elsa fino a sentire dolore e tornò verso suo padre coprendo la distanza che li separava con passi lunghi.
“So usarla questa spada” gridò prima di tirare un fendente al fondo del carro. La spada scheggiò il legno strappandone via un pezzo.
Suo padre la guardò senza mutare espressione. “Sei contenta adesso? Ora mettila giù o ti farai del male.”
“No” gridò Valya. Gli puntò contro la spada. “Prendi la tua arma e ti dimostrerò che la so usare.”
Suo padre la fissò con aria divertita. “La mia arma?”
“Ne hai una in quel carro o no?”
“Per te non servono quelle spade. Come ti ho detto, sono per veri guerrieri.”
Valya agitò la spada nell’aria. “Allora ti farai molto male, Simm Keltel.”
Lui annuì annoiato e fece due passi di lato, chinandosi. Quando si rialzò aveva tra le mani lo scudo col quale Valya aveva colpito Glem. “Questo basterà per te.”
Valya grugnì. “Se è quello che vuoi, bene.” Alzò la spada sopra la spalla e spostò il peso sul piede sinistro, quello più avanzato.
Suo padre alzò lo scudo. “Allora? La spada ce l’hai tu. Penso che tocchi a te attaccarmi.”
“Sto valutando la tua difesa” disse Valya.
“Valutala in fretta perché ho voglia di rimettermi in viaggio per Ferrador.”
Il suo avversario si limitava a tenere lo scudo sollevato in modo da proteggere la spalla sinistra, ma quella destra sembrava scoperta.
Valya decise di attaccare da quel lato. Roteando la spada sopra la testa avanzò decisa e con un balzo tirò un fendente che tagliò in due l’aria.
Suo padre scivolò di lato evitando l’attacco.
“Tutto qui?”
Valya ruotò col busto e l’attaccò col taglio della spada. Suo padre deviò il colpo con lo scudo. L’impatto fu così forte che gli riverberò nel braccio.
Strinse i denti e cercò di aggirare suo padre sul fianco sinistro, ma lui assecondava le sue mosse proteggendosi con lo scudo.
“Così non vale” protestò Valya. “Non stai combattendo secondo le regole.”
“Regole? Quali sarebbero?”
Valya si lanciò in avanti e calò un fendente diretto al collo dell’avversario. Suo padre fece un passo di lato e deviò il colpo inclinando lo scudo.
Valya perse l’equilibrio a causa dello slancio eccessivo e quasi ruzzolò a terra. Fece due o tre passi a vuoto prima di raddrizzarsi a voltarsi.
Suo padre non si era mosso.
“Le regole” disse Valya col fiatone. “Dobbiamo combattere, altrimenti che duello è?”
“Stiamo combattendo, no? Tu attacchi e io mi difendo.”
“Tu non ti difendi affatto. Non ci provi nemmeno.”
“Vuoi che faccia sul serio?”
Valya sentì la rabbia crescere. “Voglio che tu stia zitto una buona volta.” Si lanciò verso suo padre mulinando la spada a destra e sinistra.
Lui fece un passo indietro evitando il primo fendente e poi un rapido passo in avanti. Valya aveva alzato di nuovo la spada e non poté evitare l’impatto tra lo scudo e il suo petto.
La forza fu tale che le tolse il fiato. Le gambe cedettero di schianto e lei si ritrovò con la schiena a terra a fissare il cielo.
Si concesse due respiri prima di alzarsi.
“Resta giù” disse suo padre con tono annoiato.
“No.”
“È meglio per te.”
“Lo so io cosa è meglio per me.”
“Sono tuo padre.”
“Te ne ricordi solo quando devi sgridarmi.”
Suo padre ghignò. “È perché passi la maggior parte del tuo tempo a fare qualcosa che ti fa meritare quei rimproveri.”
Valya si accigliò. “Idiota.”
“Provocarmi non ti servirà.”
Scattò in avanti, la spada abbassata e quando fu a un passo da suo padre tirò un fendente a mezza altezza con tutta la forza che aveva.
L’avversario intercettò il colpo con lo scudo, ma la lama penetrò per un palmo nel legno. Per un istante rimasero immobili, lei con il braccio alzato e suo padre con lo scudo retto da entrambe le mani.
Valya fece per tirare, ma la spada si era conficcata in profondità nel legno.
Suo padre ghignò e con uno strattone deciso gliela strappò di mano.
“Sembra che il nostro duello sia terminato.”
Valya urlò e corse verso di lui. In quel momento voleva solo afferrarlo e scaraventarlo a terra. Aveva dimenticato perché era arrabbiata con lui. Qualunque fosse stato il motivo, ora non le importava più. Voleva solo che la smettesse di prendersi gioco di lei.
Simm Keltel mosse un passo di lato e con una mossa veloce le afferrò il polso, tirando dopo aver fatto leva sul bacino.
Valya perse l’equilibrio e inciampò nei suoi piedi, ruzzolando a terra. Quando tentò di rialzarsi, si ritrovò a fissare la punta della spada di Glem.
Suo padre la fissava perplesso. “Sei morta.”
Valya fece per dire qualcosa ma lui l’anticipò chinandosi e prendendo il suo naso tra l’indice e il pollice. Lei allontanò la mano stizzita e cercò di rialzarsi ma le gambe le cedettero e ricadde sulla schiena.
Era esausta e faticava persino ad alzare la testa.
“Hai finito?” chiese lui annoiato.
“No.”
Suo padre grugnì.
“Insegnami a tirare di spada.”
Lui scosse la testa.
“Solo qualche mossa.”
“No.”
“Una sola. Myron Chernin ha pagato per far dare lezioni a Rezan.”
“Paragonarmi a quello lì non ti aiuta” disse lui divertito.
Valya si mise a sedere con e gambe incrociate. “Perché non vuoi insegnarmi?”
“Non ho niente da insegnarti. E sono un pessimo maestro.”
“Ma tu sei un grande guerriero. Tutti parlano della tua impresa a Mashiba, con Yander, Aramil, la Stella Nera e tutti gli altri.”
Suo padre scrollò le spalle. “Sono solo leggende. Non ho mai compiuto quelle imprese.”
“Non è vero.”
Lui andò verso il carro e iniziò a sciogliere le redini di Bel.
Valya lo seguì. “Che fai adesso?”
“Libero questa povera bestia.”
“Perché?”
Suo padre indicò il cavallo di Glem. “Quella lì è meglio. Ci porterà a Ferrador più in fretta.”
“E Bel?”
“Lo lasciamo qui.”
Valya lo guardò inorridita. “Non puoi farlo.”
“Lo sto già facendo” disse suo padre arrotolando le redini.
“No” protestò. “Morirà se lo abbandoniamo qui in mezzo alla pianura.”
“C’è tanta erba da mangiare. E tornerà a casa da solo.”
Valya si frappose tra lui e il cavallo. “Non te lo permetterò.”
“Gli sto facendo un favore.”
“Portiamolo con noi” disse Valya pensando in fretta a una soluzione.
Suo padre scosse la testa. “Sarebbe un peso. Ed è inutile.”
“Invece no” disse Valya. “Bel ci ha portati fin qui. È un buon cavallo.”
“Quello di Glem è migliore.”
“Sì, ma è meglio averne uno di riserva. Se dovesse succedergli qualcosa, potremmo tornare a usare Bel.”
Suo padre emise un sospiro rassegnato. “Ti occuperai tu di lui. E quando arriveremo a Ferrador ce ne libereremo.”
“Gli troveremo un buon posto dove stare” disse Valya accarezzando la schiena del cavallo.

Prossimo Capitolo Domenica 12 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 13
*** Il figlio del mercante ***


Il figlio del mercante
 
Prima di entrare in casa si assicurò di aver asciugato gli stivali. Suo padre sarebbe stato capace di picchiarlo o rinchiuderlo nella stalla, se avesse saputo che con il fango aveva rovinato il suo prezioso pavimento di legno laccato. E Cormie e le altre serve che lavoravano al suo servizio sarebbero state ben liete di riferirgli tutto, fosse solo per compiacerlo.
Cercando di fare meno rumore possibile salì le scale fino al secondo livello destreggiandosi tra i mobili di ogni fattura che riempivano le sale al livello inferiore.
Solo quando arrivò davanti alla porta della sua stanza, nella parte più buia e isolata della magione, si concesse un attimo per riflettere sulle ultime cose che erano accadute quel giorno.
La mattina era iniziata come tante altre, alzandosi poco dopo l’alba e scendendo di sotto per fare colazione. I suoi fratelli erano già usciti e nessuno sapeva dirgli per dove e suo padre era in già in giro per trattare i suoi affari con i fornitori al mercato.
C’erano solo lui e le serve in casa. Cormie, la più giovane una ragazza sui ventidue anni e altre tre donne più anziane che erano con loro da quanto potesse ricordare.
Rose aveva mangiato senza entusiasmo il pane avanzato dal giorno prima e bevuto un bicchiere di latte. In quel momento desiderava solo tornare nella sua stanza per proseguire la lettura che aveva iniziato la sera prima.
Il Trattato sulla storia di Valonde e dei suoi primi Re, di Loran Colvin era rimasto per troppo tempo su quello scaffale. Ogni tanto lo osservava da lontano, come se volesse sfidarlo e alla fine, come spesso gli accadeva, aveva accettato quella sfida e l’aveva iniziato.
E come altrettanto spesso gli accadeva, la lettura lo aveva assorbito a tal punto da fargli dimenticare qualsiasi cosa.
Persino l’appuntamento che aveva quel giorno alla locanda del Serpente Morto, l’unico posto di Cambolt in grado di accogliere in maniera dignitosa un visitatore venuto dall’esterno.
E il visitatore che lì lo attendeva quella mattina veniva davvero da lontano.
La lettera che lo aveva preceduto recava il sigillo dell’Accademia di Valonde.
Valonde.
Aveva fissato a lungo la stella a cinque punte impressa nella ceralacca, chiedendosi se non fosse tutto un sogno.
O uno scherzo dei suoi fratelli maggiori.
A volte capitava che gliene facessero, ma erano davvero poco elaborati, poco più di marachelle da bambini. Quello sarebbe stato troppo anche per loro.
No, si era detto rigirando la lettera tra le mani. È vera. Deve essere vera.
Una lettera con quel sigillo poteva voler dire una cosa sola. Che qualcuno aveva deciso di dargli la possibilità che da tanto attendeva.
Era raro che un’accademia così prestigiosa convocasse un questuante sconosciuto come lui, ma aveva passato l’ultimo anno a inviare missive a tutte le accademie del Grande Continente e anche qualcuna di quello Antico.
Valonde era solo una di queste, insieme a Taloras, Belliron, Luska, Akrodar e tante altre minori.
Quella mattina era uscito dopo avere indossato una mantellina leggera per proteggersi dal vento che si era alzato, insolito per quella stagione e si era diretto alla locanda del Serpente Morto.
Anche se vi era stato poche volte, conosceva bene l’edificio. Come tanti altri di Cambolt, aveva due livelli, di cui uno di pietra e l’altro, di solito quello superiore, in legno.
Davanti alla locanda c’erano pochi avventori, un paio di donne e tre uomini che parlavano tra di loro e non lo notarono passare con un mezzo sorriso sulle labbra.
Nessuno notò nemmeno il leggero tremore delle mani quando varcò la soglia e gettò un’occhiata ai tavoli pieni solo a metà.
Nella lettera era indicato il nome della persona che doveva incontrare e una sommaria descrizione del suo aspetto, compresi i vestiti che avrebbe indossato quel giorno.
Aveva osservato ogni tavolo con attenzione, cercando tra quei visi anonimi uno che rispondesse alla descrizione che aveva, ma non ne aveva trovato nessuno.
Forse non è ancora sceso per pranzare, si era detto.
Ros si era diretto al bancone, dove un ometto di mezza età stava pulendo la superficie di legno con uno straccio lurido.
Conosceva bene quell’uomo. Si chiamava Nilus Neelstrom e la sua locanda era una delle poche attività che suo padre non aveva ancora comprato.
E sapeva che Myron Chernin non gli era simpatico e il sentimento era reciproco.
“Io vi saluto, signor Neelstrom” aveva detto avvicinandosi.
Nilus gli aveva rivolto un’occhiata fugace. “E io saluto te, Ros. L’unico Chernin che non mi fa vomitare quando lo vedo. Sei qui perché tuo padre ti ha cacciato di casa o te ne sei andato tu?”
“Nessuna delle due cose.”
“Strano, avrei giurato che quell’idiota di Myron ti avesse messo fuori dalla porta. È da un po’ di tempo che va in giro dicendo che vuole liberarsi di te.”
Ros sapeva bene cosa dicesse suo padre sul suo conto, ma in quel momento non aveva voluto parlarne con Nilus. “Sto cercando una persona” aveva detto.
“E la stai cercando qui?”
“So che ha preso alloggio alla tua locanda. Il suo arrivo era previsto per ieri.”
“Ieri sono arrivate sei persone e cinque sono andate via.”
“Quella che sto cercando io è un uomo di mezza età, alto poco più di me e con folti capelli neri. Indossa una tunica grigia e una mantellina blu e ha l’accento di Valonde.”
Il viso di Nilus si era illuminato. “Ma certo, l’erudito. È arrivato proprio ieri.”
“E sa dove è adesso? È nella sua stanza?”
“Non ha dormito qui” aveva risposto Nilus. “È arrivato e se ne è andato subito dopo.”
“Dove era diretto?”
Nilus si era stretto tra le spalle. “Non ha lasciato detto niente. A parte una cosa.”
Si era chinato e aveva preso qualcosa da sotto il bancone. Tra le mani aveva una busta sigillata con della ceralacca. L’aveva messa sul bancone.
Ros aveva riconosciuto subito il sigillo di Valonde. Ed era intatto, prova che Nilus non l’aveva toccata.
“È per me?” aveva chiesto?
Nilus aveva annuito. “Mi ha detto di consegnartela quando saresti venuto a cercarlo.”
Ros non riusciva a spiegarsi quel comportamento. Sapeva che gli eruditi erano persone strane, a volte bizzarre e quasi mai del tutto comprensibili, ma non si era aspettato quello.
Aveva allungato una mano verso la lettera ma Nilus l’aveva ritratta.
“Sono dieci monete” aveva detto il locandiere.
“Devo pagare per la mia corrispondenza?”
“È la tassa per la custodia della lettera, figliolo. So che te le puoi permettere.”
Rose aveva tirato fuori un sacchetto pieno di monete e ne aveva contate dieci. Le aveva messe sul bancone allungando la mano verso la lettera, ma Nilus si era ritratto di nuovo.
“Cosa c’è adesso?”
“Sono altre dieci monete. Per la camera.”
“Io non ho alloggiato qui.”
“Ma l’erudito sì.”
“Hai detto che è andato via subito.”
“È vero, ma ha affittato una camera fino a domani mattina. Ha detto che avrebbe pagato la persona a cui avrei consegnato la sua lettera.”
“Non è giusto” aveva protestato.
“Niente monete, niente lettera.”
Ros aveva tirato fuori altre dieci monete e le aveva messe sul bancone.
Nilus le aveva fatte sparire con un gesto veloce della mano e gli aveva consegnato la lettera.
“Spero che ne sia valsa la pena” aveva detto uscendo dalla locanda.
 
Mentre tornava a casa aveva incrociato Rezan, Blenn e Loyan. Tutti e tre erano scuri in volto e parlottavano tra di loro.
Rezan in particolare sembrava infuriato e un paio di volte aveva addirittura mimato un affondo con la spada. L’arma era legata alla sua cintura e da quando l’aveva ricevuta in dono da loro padre non aveva fatto altro che vantarsene con gli altri fratelli.
Ros in particolare.
“Tu questa non la potrai mai avere” gli aveva detto Rezan agitandogliela sotto il naso.
Ros si era ritratto e lui aveva riso.
“Tranquillo, non la userò con te” aveva detto suo fratello. “Sarebbe sprecata.”
“Con chi allora?”
“Ci sto ancora pensando, ma non sono affari tuoi. A proposito, che ci fa ancora qui?”
Ros si era stretto nelle spalle. “Vivo qui.”
“Lo sai cosa voglio dire, idiota” aveva risposto Rezan con tono sgarbato. “Sarai anche nostro fratello, ma non sei uno di noi. Stai sempre nella tua stanza a leggere o fare di conto, almeno potresti renderti utile nel tenere i registri.”
Era più o meno la stessa cosa che gli ripeteva suo padre da quando aveva scoperto la sua abilità con i calcoli. Non c’era problema con i numeri che Ros non fosse in grado di risolvere e glielo aveva dimostrato.
“Forse non sei del tutto inutile come temevo” aveva detto Myron Chernin prima di dargli i registri della sua attività.
Ma a Ros non interessavano quel tipo di calcoli e trovava noioso dover fare di conto per amministrare le entrate e le uscite dell’azienda di famiglia.
Così era successo che il suo breve momento di considerazione e rispetto da parte del padre era arrivato e passato in fretta.
Rezan aveva marciato deciso verso casa lasciando indietro Blenn e Leyan.
Ros si era avvicinato con cautela. “Che succede?”
“È meglio per te se stai lontano da Rezan” aveva detto Blenn. “È di cattivo umore.”
Ros aveva seguito il suo consiglio e si era tenuto in disparte mentre Rezan parlava col padre e gli raccontava che cosa era accaduto.
“Testa di ferro” aveva detto suo fratello con voce irata. “Mi ha aggredito e io mi sono difeso. Non le volevo fare niente, a parte dare una piccola lezione, ma poi sono arrivati dei tizi con delle facce terribili e ci hanno minacciato.”
“Dei tizi?” aveva chiesto Myron Chernin.
“Mantelli” aveva detto Blenn.
Mantelli, aveva pensato Ros. Vuol dire stregoni.
A Cambolt non se ne vedevano spesso, ma a volte passavano da lì mentre erano diretti a Ferrador o, nel percorso inverso, andavano a Belliron.
“Amici del fabbro” aveva ringhiato Rezan. “Devi dargli una lezione a quello lì.”
“Lo farò quando sarà il momento” aveva risposto suo padre. “Per ora lasciamo le cose come stanno. I suoi debiti non si pagheranno da soli.”
“E il mio orgoglio?” aveva detto Rezan.
“Anche per quello dovrai aspettare” aveva risposto suo padre.
Rezan aveva colpito col pugno il tavolo ed era andato via scuro in viso.
Ros si era fatto avanti. “Di che debiti parlavate?” chiese a suo padre.
“Quelli del fabbro” aveva risposto lui passando una mano nel punto in cui Rezan aveva colpito il tavolo.
“Credevo che la forgia andasse bene.”
“Invece ti sbagliavi. Gli affari non vanno bene per Simm Keltel.”
Ros conosceva solo di fama il fabbro. Per lui e gli altri ragazzini del villaggio era solo lo sgarbato padre di Valya. Lei non ne parlava spesso e preferiva starsene in disparte con le sue amiche. A volte l’aveva vista impugnare un ramo caduto e fare finta di tirare con la spada.
“Se i Keltel hanno dei debiti potresti prestargli tu i soldi che gli servono.”
Suo padre aveva scosso la testa. “Proprio non capisci niente di affari, Ros. Persino quell’idiota di Leyan ne sa più di te.”
Ros aveva ingoiato l’offesa senza replicare. “Che cosa ho detto di sbagliato?”
Myron Chernin aveva sospirato. “L’errore è stato mio quando ho imposto a tua madre di partorire un altro figlio io volevo una femmina che ci desse una mano in casa dopo tre figli maschi e invece sei arrivato tu.” Aveva fatto un altro sospiro. “E ti sei portato via tua madre.” A quel punto, come sempre accadeva in quei casi, aveva scosso la testa affranto. “Non doveva andare così. Gli Dei sono stati ingiusti con me.”
Ros era scivolato fuori dalla stanza e si era diretto alla sua camera. Dopo aver chiuso la porta a chiave, aveva rotto il sigillo che la chiudeva e l’aveva spiegata. L’entusiasmo e l’emozione che aveva provato scemarono all’istante.
Per tutta la strada dalla locanda a casa aveva sperato che quella lettera fosse la conferma della sua ammissione all’accademia. Aveva immaginato che la persona inviata a reclutarlo avesse avuto un impegno improvviso e fosse stata costretta a ripartire subito, lasciandogli quella missiva.
Era improbabile, ma non impossibile.
Ma quello era inspiegabile.
La lettera era vuota. C’era solo la pergamena intonsa e liscia, di un bianco perlato che rifletteva la luce delle lampade a olio.
Aveva girato la lettera più volte, l’aveva messa davanti a una luce intensa nella speranza che vi fosse un messaggio segreto nascosto.
L’idea di uno scherzo crudele da parte dei suoi fratelli si affacciò nella sua mente ma subito la represse.
No, non può essere quello. Sarebbe troppo elaborato e la lettera è autentica. Nilus non si sarebbe mai prestato per uno scherzo simile.
Rifletti, si era detto. Hai ricevuto una lettera vuota da parte di una persona che ha affrontato un viaggio lungo e pericoloso per consegnartela. Non ha senso. Niente di tutto questo ha senso.
Doveva sapere. Essere certo che non fosse uno scherzo o un errore. Forse, se avesse mostrato la lettera e Blenn o Leyan, con le parole giuste, avrebbe potuto farli tradire e confessare ciò che avevano fatto.
E se non erano stati loro, chi gli aveva tirato quel colpo? Una delle serve? Suo padre?
Non lo credeva capace di tanto.
Era uscito dalla stanza sicuro di poter trovare una risposa e aveva raggiunto le scale. Stava per mettere il piede sul primo gradino, quando aveva udito la voce bassa e roca di suo padre provenire da sotto.
“… non cederà nemmeno alle minacce.”
“Forse” aveva detto un’altra voce, più pacata. “Sarebbe il caso di lasciarlo in pace e farlo riflettere sulla vostra offerta, signor Chernin.”
“Forse tu pensi che il fabbro sia una persona ragionevole, ma non lo è, Krynt. Girano certe voci su di lui…”
“Quelle voci sono vere. In parte. Simm Keltel non accetterà la vostra offerta se pensa che lo stiate minacciando. O che siate responsabile delle sue disgrazie in affari.”
“Vuol dire che stringerò ancora di più la corda sul suo collo” aveva detto suo padre rabbioso. “L’altro giorno Joni, quel maiale che gestisce il forno, ha fatto credito a quella ragazzina. Lo so perché la figlia di Joni si è lamentata della cosa con una delle mie serve. In ogni caso, deve smetterla di fare credito a quei due. Domani andrai a parlare con quel ciccione e gli farai capire che non è una buona idea.”
“Vi costerà qualche moneta in più, signor Chernin.”
Suo padre aveva sospirato affranto. “Mi chiedo quanto mi verrà a costare tutto questo. Mi conforta sapere che lo faccio per i miei figli, non certo per me.”
“Certo, certo” aveva risposto la voce ironica.
“Non mi credi?”
“Io credo solo a una cosa, signor Chernin e quando cade fa un bel suono metallico.”
“Penso che ci intenderemo noi due.”
Ros aveva atteso che si allontanassero ed era rientrato nella sua camera.

Prossimo Capitolo Giovedì 16 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 14
*** La lettera ***


La lettera
 
Aveva atteso il pomeriggio, poco dopo pranzo prima di uscire di casa e avviarsi verso la strada che portava alla collina.
I suoi fratelli erano in giro a combinare chissà quale guaio, suo padre si era rinchiuso nello studio a contare monete o aggiornare registri e la servitù era sparita per non dover attendere alle faccende di casa.
Nessuno si sarebbe accoro che era uscito.
Nessuno si accorge mai che non ci sono, si era detto mentre imboccava il sentiero lungo il fianco della collina.
Non era alta quanto una vera montagna, ma da lì sopra si poteva dominare la valle e Cambolt sotto di essa. Da piccolo amava percorrere i sentieri più isolati, quelli che le persone evitavano non perché pericolosi, ma solo più lunghi o tortuoso.
A Ros piaceva aggirarsi tra gli alberi, mentre osservava gli animali nel sottobosco agitarsi. A volte si incantava a osservare la danza di due insetti che si accoppiavano o gli uccelli che costruivano il loro nido.
Era stato un bel periodo e persino i suoi fratelli, con i quali a volte faceva quei percorsi, sembravano contenti di accompagnarlo.
Col tempo le cose erano cambiate.
“Sei strano” gli diceva a volte Blenn, che tra i tre era quello che gli rivolgeva la parola più spesso, forse perché era il secondo genito e sentiva di avere qualche responsabilità verso di lui. “Non giochi mai con noi, te ne vai sempre in giro da solo. Che hai?”
“Mi piace” rispondeva. “Osservare gli animali. Gli alberi.”
“Che hanno di tanto speciale?”
“Sono interessanti.”
 Nonostante sembrasse strano, lo avevano tollerato nei loro giochi e le passeggiate, finché un paio d’anni prima Rezan non lo aveva scacciato via.
“Vattene, non venire più con noi” gli aveva detto suo fratello. “La gente parla male. Dice cose strane su di te. Non voglio che dicano lo stesso anche di noi.”
Una volta gli aveva dato anche un pugno.
Era successo l’anno prima, quando Ros era passato per caso dalle parti dove si riunivano con gli altri ragazzi del villaggio.
Rezan, che all’epoca prendeva lezioni di spada da un maestro d’armi, aveva sfidato Hagen a duello ma era stato battuto.
Ros aveva assistito solo alle battute finali del duello, quando suo fratello era andato via adirato. Quando se lo era ritrovato di fronte, i suoi occhi si erano incupiti e lo sguardo si era fatto aggressivo.
“Che ci fai tu qui?” gli aveva urlato contro. “Non ti avevo detto di sparire?”
Ros avrebbe voluto rispondere, ma Rezan lo aveva afferrato per il bavero.
“Mi hai portato sfortuna” gli aveva urlato contro. “È colpa tua se ho perso il duello.”
E poi gli aveva dato un pugno nello stomaco, facendolo piegare in due.
Ros era crollato in ginocchio ai suoi piedi, come un innamorato che stesse facendo la dichiarazione d’amore alla sua donna.
“Idiota” aveva detto Rezan marciando oltre.
Ros ricordava ancora quel pugno. Da allora faceva attenzione a evitare i sentieri e le zone che i suoi fratelli e gli altri potevano frequentare.
Non gli dispiaceva stare da solo, ma a volte avrebbe voluto scambiare qualche parola con gli altri ragazzi. E le ragazze.
Nessuna di quelle che abitavano a Cambolt sembrava interessata alle passeggiate per i sentieri.
A parte una.
La figlia del fabbro.
Un paio di volte gli era successo di incontrarla per caso mentre si aggirava per il bosco come in cerca di qualcosa. Di solito faceva di tutto per evitarla, ma una volta, spinto dalla curiosità, l’aveva seguita fino a una radura.
Valya si era guardata attorno e poi aveva infilato il braccio in un tronco cavo, dal quale aveva tirato fuori una spada.
Era vecchia e arrugginita, con la lama storta e ammaccata, ma lei l’aveva maneggiata come se fosse la cosa più preziosa del mondo.
Si era piazzata al centro della radura, l’espressione concentrata.
“D’accordo, cominciamo” aveva detto ad alta voce. “Difesa alta” aveva detto mettendo il piede sinistro in avanti e quello destro indietro, la spada sollevata con entrambe le mani sopra le spalle.
“Affondo” aveva aggiunto facendo un passo avanti e calando la spada con un movimento deciso.
Aveva proseguito per quasi tutto il pomeriggio prima di riporre la spada nell’albero e andare via.
Ros era tornato più volte nella radura ma non l’aveva ritrovata, fino al giorno in cui stava andando via e si era imbattuto per caso nella ragazza, finendole quasi addosso.
Lei aveva fatto un balzo indietro. “Che vuoi?”
“Niente” aveva risposto.
“Mi hai vista usare la spada?”
“No” aveva detto.
“Non dire a mio padre che mi hai vista, per favore.”
“Il fabbro?”
Lei aveva annuito con decisione. “Se lo viene a sapere mi sgriderà. Ti prego.”
Ros aveva esitato davanti a quella preghiera, poi aveva detto: “Posso farti una domanda?”
Lei lo aveva guardato con sospetto. “Una sola. E non so se ti risponderò.”
“Perché vieni qui a usare la spada?”
“Mio padre non vuole. Dice che le armi sono pericolose.”
Ros aveva udito le voci che giravano su Simm Keltel e sul suo passato da eroe nella guerra contro Vulkath. “Ma lui è un grande guerriero. Perché è così spaventato dalle armi?”
“Non lo so, ma è così da sempre. Promettimi solo che non gli dirai niente.”
“Te lo prometto” aveva risposto.
“Grazie” aveva risposto lei prima di andare via.
Ros era tornato un paio di volte nella radura, ma non aveva più rivisto Valya allenarsi, né fare qualsiasi altra cosa.
Non fino alla bella stagione, quando Ros aveva ripreso a girovagare per i sentieri e si era spinto fin quasi sull’altro lato della collina, finendo in mezzo alle terrazze usate per coltivare il vino.
Distratto dal sentiero e da una volpe che voleva seguire fino alla tana, non si era accorto di aver raggiunto una delle zone dove i suoi fratelli e gli altri ragazzi si riunivano. Ed era stato visto.
Aveva subito cambiato strada, ma voltandosi aveva scorto Blenn e Rezan che risalivano le terrazze verso di lui.
“Gli avevo detto di stare lontano” stava dicendo suo fratello con tono adirato. “Ma proprio non capisce. Ora gli darò una lezione e forse capirà.”
Ros aveva accelerato il passo per tentare di distanziarli, ma i tre fratelli non lo perdevano di vista.
“Lo so che stai scappando” aveva gridato Rezan. “Ma ti prenderò lo stesso, idiota.”
Ros aveva lasciato il sentiero iniziando a risalire per il fianco della montagna, incurante del terreno reso friabile dal caldo che minacciava di farlo scivolare a ogni passo.
Era quasi arrivato in cima quando, esausto, si era accovacciato dietro un albero.
“Che mi prendano pure” aveva detto con voce affannata.
Non aveva più forze e sentiva i passi di Rezan e gli altri avvicinarsi, quando dal denso fogliame che circondava la cima della collina era emersa la figura di Valya.
La ragazza gli aveva rivolto un’occhiata incuriosita. “Che ci fai qui?”
Ros stava per dire qualcosa, quando dal basso era arrivata la voce di Rezan. “Aspetta che ti prenda, dannato idiota. Ho gli stivali pieni di polvere a causa tua.”
Valya aveva guardato in basso e si era accigliata.
“E tu che ci fai qui, testa di ferro?” aveva esclamato Rezan.
“Che ci fai tu” aveva riposo Valya. “Questa è la nostra zona e tu non puoi stare qui.”
“E chi lo dice?” aveva ridacchiato Rezan.
“Noi.”
Dal fogliamo erano emersi Hagen e le ragazze di none Enye e Breye, oltre a un’altra mezza dozzina che non conosceva.
Rezan aveva brontolato qualcosa. “Sto cercando l’idiota, mio fratello Rosen. L’hai visto per caso?”
Valya aveva scosso la testa. “Vedo un solo idiota qui attorno.”
“Attenta a come parli.”
“Nella nostra zona parliamo come ci pare” aveva risposto Hagen.
“Prima o poi darò una lezione anche a te” lo aveva minacciato Rezan.
“Io sono qui” aveva risposto l’altro.
Rezan e i suoi fratelli avevano ridisceso la collina mentre il gruppo di Hagen era risalito.
“Voi andate” aveva detto Valya. “Vi raggiungo subito.”
Ros l’aveva vista tornare con un mezzo sorriso sulle labbra. “Sono andati via” gli aveva detto.
Ros si era rialzato. “Grazie.”
“Ti chiami davvero Rosen?”
Lui aveva annuito.
“Come il cavallo di Margry Mallor” aveva fatto Valya sorpresa e divertita.
Ros aveva scosso le spalle. “Lo ha scelto mio padre il nome.”
Valya aveva scosso la testa e ancora divertita era andata via.
Da quel giorno aveva pensato a un modo per ringraziare Valya, ma non l’aveva mai trovato. Sapeva che qualsiasi cosa avesse pensato sarebbe stata ridicola e inopportuna, ma non poteva impedirsi di farlo.
Ma forse ora ho trovato il modo, si era detto soppesando la borsa piena di monete nella mano.
Aveva racimolato quelle monete un po’ alla volta, mettendole da parte nella speranza che gli potessero essere utili nel viaggio verso l’accademia che lo avrebbe scelto. Ma ora che quella speranza era svanita, forse poteva farne un uso migliore.
Le darò a Valya e suo padre, si era detto. Lei mi ha aiutato quando ne avevo bisogno e ora posso ricambiare. Non è così che fanno gli amici?
Anche se dubitava che Valya lo considerasse un amico o anche solo un conoscente.
Non importa, si era detto. Mio padre ha combinato questo guaio e se posso aiutarla…
Mentre passava vicino al pozzo dove le donne del villaggio salivano a lavare i panni, aveva scorto una figura minuta trascinarsi dietro una cesta.
È lei, si era detto con un leggero tuffo al cuore. Bene, almeno non dovrò fare tutta la salita fino alla forgia.
Si era avvicinato quasi in punta di piedi per non spaventarla e per un attimo era stato tentato di andarsene, pentendosi anche solo di aver pensato di offrirle quei soldi. Ma poi l’aveva vista sporgersi oltre l’orlo del pozzo e mettere un piede in fallo.
Cadrà se non faccio qualcosa, si era detto. E nell’attimo stesso era balzato in avanti, afferrandola con la mano. Non si aspettava che lo ringraziasse ma nemmeno si aspettava che Valya buttasse le monete nel pozzo quando gliele aveva offerte.
E dopo che lei era andata via, era rimasto a fissare in silenzio l’oscurità, chiedendosi dove avesse sbagliato.
Se lo era domandato per tutta la strada fino a casa Chernin e anche dopo essere rientrato nella sua camera ed essersi tolto di dossi i vestiti e gli stivali.
Si era buttato sul letto, gli occhi fissi al soffitto.
Che giornata terribile, si disse mentre cercava di prendere sonno. Prima la lettera, poi suo padre e i suoi fratelli e infine l’incontro con Valya. Cos’altro poteva andarmi male?
La lettera.
Era ancora sullo scrittoio, aperta, col sigillo spezzato.
La lettera.
Ros si alzò e la prese, rigirandosela tra le mani.
Perché consegnarmi una lettera vuota? Si chiese. Che senso ha?
E poi una seconda domanda affiorò nella sua testa.
Perché affittare una stanza vuota? Si chiese. Che senso ha?
Camera vuota.
Lettera vuota.
Ho aperto la lettera, si disse. Ma non la camera.
La camera, gridò una voce dentro la sua testa. Non hai aperto la camera.
 
Nilus lo guardò con espressione sorpresa mentre si precipitava nella locanda, la mantella gettata in fretta sulle spalle e gli stivali mezzi slacciati.
“La camera” disse Ros respirando a fatica. “È ancora occupata?”
“Certo” rispose Nilus. “Fino a domani mattina. Sono un locandiere onesto, io.”
“Non lo mettevo in dubbio” disse Ros. “La chiave? Vorrei controllare una cosa.”
Il locandiere lo guardò perplesso. “È la camera dell’erudito, non la tua. Non posso farti entrare.”
Ros pensò in fretta a una risposta da dargli. “Mie le monete per pagarle, mia la camera. La chiave, per favore” disse tendendo una mano.
Nilus sembrò rifletterci. “In effetti, hai pagato tu per la camera penso di poter fare un’eccezione, per stavolta.” Gli porse la chiave. “Secondo livello, terza porta del corridoio di destra, ma ricorda, entro domani mattina devi liberarla, a meno che tu non voglia prolungare l’affitto.”
“Mi basterà poco” disse correndo alle scale.
All’improvviso aveva urgenza di entrare in quella camera e chiudersi dentro per…
Spalancò la porta e si precipitò all’interno. Era buio e quasi inciampò prima di individuare nella penombra una finestra e aprirla.
Il chiarore della luna illuminò la stanza. A parte un giaciglio e un armadio con baule, era vuota. Ros si guardò attorno deluso.
Si era aspettato di trovare qualcosa.
Qualsiasi cosa.
Ma non quel vuoto.
Lettera vuota, camera vuota, si disse. Ha senso. Ma non per me. Deve esserci qualcosa. L’erudito deve aver lasciato un indizio, un’indicazione, una…
Le tracce partivano dal centro della stanza e finivano sotto il baule.
Qualcuno l’ha trascinato fin lì, si disse.
Andò al baule e lo aprì facendo scattare le due cerniere che lo tenevano chiuso. Quando gettò un’occhiata all’interno, trattenne il fiato.
Vuoto.
Infilò una mano nel baule e ne esplorò i lati, sicuro di trovarvi un incavo o una lettera attaccata in modo che non si vedesse, ma le sue unghie raschiarono il legno fino a scheggiarsi senza trovare niente.
Chiuse il baule con un gesto stizzito e marciò fino al centro della stanza.
Non può essere, si disse. Qualcuno deve aver trascinato il baule fin lì sotto per qualche motivo, non può esserci finito da solo. E l’ultima persona ad aver occupato questa stanza è stato l’erudito.
Tornò al baule e lo esaminò di nuovo, lo rovesciò sul lato sbuffando e sudando per guardare sotto, pensò anche a un modo per smontarlo.
Sarebbe dovuto correre a casa e rovistare tra gli attrezzi dei suoi fratelli per trovare quello che gli serviva. E avrebbe smontato anche gli altri mobili se necessario.
Oppure potrei portare il baule a casa, pensò. È pesante e scomodo ma posso dare qualche moneta a Nilus per un aiuto. O magari potrei comprare il baule e trascinarlo fino a…
Si fermò al centro della stanza, gli occhi fissi sui solchi incisi nel legno che formavano due linee parallele che partivano dal centro e arrivavano sotto il baule.
No, si disse. Partono dal baule e arrivano al centro della stanza. L’erudito ha spostato il baule la prima volta e poi l’ha rimesso al suo posto. Perché lo ha fatto? Cosa non poteva prendere senza spostarlo? O forse ha usato il baule per fare qualche altra cosa?
Guardò in alto, proprio al centro del soffitto, dove le travi si incrociavano formando un piccolo incavo a forma di piramide. Proprio lì, sospesa sopra la sua testa e attaccata alla trave da un cordoncino, ondeggiava pigra una lettera col sigillo azzurro di Valonde.
 
Aprì la lettera con mani che tremavano come se avesse la febbre. Spaccò in due il sigillo di Valonde e lo gettò via con un gesto stizzito e poi spiegò l’unico foglio di pergamena bianca.
Una mano aveva scritto poche parole che lesse ad alta voce per essere sicuro che stesse avvenendo davvero e che non lo stesse solo immaginando o sognando.
“Se sei arrivato fin qui, hai solo fatto il tuo primo passo. Ora ti chiedo di farne uno più grande. Raggiungimi a Ferrador e ti dirò come fare. Varnado.”
Varnado.
Non c’era altra firma.
È un nome o un cognome? Si chiese. Non ha importanza. Quando arriverò a Ferrador chiederò di lui.
Spinse il baule su cui era salito per prendere la lettera e si assicurò che fosse tutto in ordine. Mise la lettera in una tasca della mantellina e uscì chiudendosi la porta alle spalle.
“Te ne vai di già?” Gli chiese Nilus.
Ros annuì distratto e uscì dalla locanda. Mentre rifaceva la strada per casa pensò alle sue prossime mosse. Doveva procurarsi un passaggio per Ferrador, tanto per iniziare.
Posso chiedere a uno dei mercanti da cui si rifornisce mio padre, si disse. Pagando qualche moneta potrei viaggiare su uno dei carri.
Doveva anche parlarne con suo padre.
Aveva diciassette anni, ormai era un uomo e poteva prendere da solo certe decisioni. Ed era quasi certo che Myron Chernin l’avrebbe lasciato partire più che volentieri. Anzi, avrebbe persino pagato di tasca proprio il passaggio verso Ferrador una volta che…
Una mano emerse dal buio e lo colpì al volto, sbilanciandolo. Una seconda mano gli afferrò la spalla destra e lo costrinse a piegarsi sulle ginocchia. Prima ancora di avere il tempo di reagire, qualcosa lo colpì al ventre facendolo piegare in due e infine le stesse mani di prima lo spinsero a terra.
Batté col mento sul selciato mordendosi la lingua.
“Ora” disse la voce rabbiosa di Rezan. “Io e te faremo due chiacchiere, idiota.”
Ros fece per rialzarsi ma lui poggiò lo stivale sulla sua schiena e con una pressione lo costrinse ad abbassarsi di nuovo ventre a terra.
“Devi stare giù come i vermi” disse suo fratello.
“Rezan, ma cosa ti prende?” gli chiese. “Non ho fatto niente.”
Rezan gli sferrò un calcio nelle costole. “Bugiardo” gridò. “Ti hanno visto.”
Ros tossì. “Non sono venuto nella vostra zona. Sono anni che la evito.”
Altro calcio nelle costole.
Ros sentì il dolore avvampargli nel petto come un fuoco.
“Hai offerto dei soldi alla figlia del fabbro” disse Rezan. “Ti hanno visto le serve e sono venute a dirmelo. Ridevano di te. Ridevano di noi. Di me.”
Gli sferrò un altro calcio, stavolta nella coscia destra.
“Così gli fai davvero male, Rez” udì la voce di Blenn.
In lontananza gli fece eco il grugnito di Loyan.
Sono tutti qui, pensò Ros.
“Niente è troppo per questo qui” disse Rezan schiacciandogli il collo col tacco dello stivale. “Mi senti, idiota? Farai meglio a sparire o giuro sul mio onore che ti romperò un osso per ogni giorno che resterai qui.”
“Me ne andrò” gemette Ros. “Non mi vedrai mai più.”
“Non prenderti gioco di me” disse suo fratello aumentando la pressione del tacco.
“È vero” disse Ros. “Parto domani stesso.”
Rezan sembrò esitare. “Meglio per te se non ti ai trovare. Vattene dove vuoi, ma non stare più qui, hai capito?”
“Sì” disse Ros.
Rezan alzò lo stivale.
Ros li sentì allontanarsi ma non si mosse. Invece restò con il viso immerso nel fango, gli occhi chiusi, il dolore pulsante al petto e alla gamba che stavano scemando.

Prossimo Capitolo Domenica 19 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 15
*** Ferrador ***


Ferrador
 
Valya controllò per la terza volta che la corda fosse bene assicurata al carro. Al capo opposto, c’era Bel che li seguiva mansueto.
Il cavallo si era limitato a lanciare un debole nitrito e sembrava avere accettato il suo nuovo ruolo di cavallo di riserva.
“Però si dovrà rendere utile” aveva detto suo padre.
Valya si era accigliata e poi allarmata quando lo aveva visto caricare i corpi di Glem e Perry sulla schiena di Bel.
“Perché non li lasciamo qui?” gli aveva chiesto.
“Qualcosa mi dice che portarceli dietro per un po’ potrebbe essere una buona idea.”
“Ma li deve portare per forza Bel?”
“Volevi che li sistemassi sul carro? Magari vicino al giaciglio sui cui dormi, così il tuo amato cavallo farà meno fatica?”
Valya aveva sbuffato esasperata.
Lui aveva riso prima di far schioccare le redini.
Il viaggio era ripreso e si erano lasciati alle spalle le Vecchie Pietre.
Ogni tanto Valya guardava indietro. “E se ci attaccassero di nuovo?”
“Non credo che Marden ci riproverà.”
“Secondo te li ha mandati lui?”
“O così o ci sono venuti da soli. In ogni caso nessuno li seguirà quando non li vedranno tornare.”
“Come fai a saperlo?”
“Il codice dei rinnegati.”
Valya si accigliò.
“Non conosci il codice?” Suo padre scosse la testa. “Come potresti?”
“I rinnegati hanno un codice?”
Lui annuì.
Valya stava per chiedergli di quel codice, quando un riflesso del sole attirò la sua attenzione verso l’orizzonte. La mano di suo padre corse alla mazza ferrata appoggiata tra i piedi.
“Chi sono?” domandò scorgendo i tre cavalieri avanzare a galoppo verso di loro.
“Non lo so” rispose suo padre socchiudendo gli occhi.
“Altri uomini di Marden?”
“Direi di no. Vengono dalla parte opposta rispetto a Vecchie Pietre. Rimani nel carro. Riesci a stare zitta per un po’?”
Valya si trasferì in mezzo alle casse e ai sacchi. In un angolo avevano gettato la balestra di Glem. Il colpo di scudo che gli aveva dato l’aveva danneggiata e suo padre non aveva trovato il tempo per ripararla, sempre che fosse possibile.
I tre cavalieri rallentarono quando giunsero a una cinquantina di passi di distanza dal carro, per poi avanzare al piccolo trotto.
“Io vi saluto” disse suo padre alzando un braccio.
Da vicino, i tre cavalieri indossavano armature tirate a lucido. Sopra gli scudi legati sul fianco dei cavalli vi era una rosa rossa su sfondo azzurro.
“Io saluto te” disse il cavaliere che procedeva in testa al terzetto. Gli altri due avevano visi giovani, mentre sul suo si scorgevano le rughe e la barba era spruzzata di bianco. Il suo sguardo cadde sui due corpi in groppa a Bel. “Come ti chiami?”
“Simm.”
“Quella è tua figlia?”
“Purtroppo.”
“Trasporti uno strano carico” disse con tono calmo. “Ti spiace se i miei ragazzi danno un’occhiata?”
Suo padre scosse la testa. “Niente affatto, guardate pure.”
I due cavalieri erano già partiti. Valya li seguì con lo sguardo mentre si avvicinavano a Bel e davano un’occhiata ai cadaveri. Uno dei due sollevò la testa di Glem e fece una smorfia.
“Andate a Ferrador o siete diretti a nord?” chiese il cavaliere.
“Ferrador” rispose suo padre. “È da lì che venite?”
“Siamo solo di pattuglia” rispose il cavaliere. “Le campagne attorno alla città sono infestate dai briganti. E con le notizie che arrivano da Rodiran…”
Suo padre si accigliò. “Che genere di notizie?”
“Non lo sapete? Poco male, l’avreste sentito arrivando in città. Re Nestorin si è arreso.”
“Nestorin di Rodiran?”
Il cavaliere annuì. “Ha consegnato il regno all’orda del rinnegato.”
Malag, pensò Valya. Non possono che parlare di lui.
“Senza nemmeno combattere?” chiese suo padre.
Il cavaliere annuì grave. “Pare che l’arcistregone in persona sia andato a parlargli. Da solo. E l’abbia convinto a passare dalla sua parte.”
“Mi sembra una storia incredibile.”
“Non dirlo a me.”
I due cavalieri tornarono. “Sono Glem il Grigio e Perry” disse uno dei due.
“Che io sia dannato” disse il vecchio cavaliere. “Davamo la caccia a quei due da parecchie Lune. Sapevamo che si stavano nascondendo alle Vecchie Pietre. Ci hai reso un grosso favore, straniero.”
Suo padre fece spallucce.
“C’era una taglia di cinquecento monete su quei due.”
“Per ognuno?” fece suo padre interessato.
“Per tutti e due” rispose l’altro. “Ma è comunque una bella somma.” Tirò fuori una pergamena da una tasca e usando una matita vi scrisse qualcosa sopra. Porse il foglio a suo padre, che lo prese.
“Che dovrei farci con questo?” domandò perplesso.
Il cavaliere rimise la matita nella tasca. “È una lettera firmata da me, Zebith Abbylan. Ma tutti mi chiamano Zeb. Presentala alla tesoreria del palazzo quando arrivi a Ferrador. Il tesoriere ti consegnerà la taglia per quei due.” Fece un cenno col capo ai due cavalieri. “I corpi li prendiamo noi se non ti spiace.”
“Fate pure.”
Uno dei cavalieri sciolse la corda che teneva legato Bel al carro.
Valya saltò giù allarmata. “Non potete prenderlo” protestò.
Il cavaliere che aveva sciolto la corda le rivolse un’occhiata perplessa.
“Diglielo anche tu” disse Valya rivolta al padre.
Lui fece spallucce.
“Quel cavallo è tuo?” chiese Zeb.
“Sì” rispose Valya.
Il cavaliere trasse dalla tasca un altro foglio e vi scrisse sopra qualcosa. Quindi diede il foglio a Valya. “Porteremo il tuo cavallo nelle stalle della governatrice. Quando arrivi a Ferrador presentati con quel foglio e lo riavrai indietro.”
Valya lo fissò perplessa. Non si fidava affatto di quel cavaliere e non voleva separarsi da Bel. “Ho la tua parola di cavaliere?”
Zeb si esibì in un mezzo inchino. “Sul mio onore. Come ti chiami?”
“Valya.”
Il suo viso si illuminò. “Il nome di una Dea” disse. “Porta fortuna.”
“Non a me, visto che devo trascinarmela dietro” disse suo padre.
Valya gli scoccò un’occhiataccia.
Zeb ridacchiò. “Proseguite per questa strada. La via dei Re non è lontana. E non fermatevi troppo vicini alla strada.”
Suo padre alzò una mano. “Io ti saluto.”
“Che la tua via sia dritta.”
I tre cavalieri partirono al piccolo trotto con Bel che li seguiva docile come al solito. Valya li seguì con lo sguardo finché non sparirono dietro le basse colline vicine all’orizzonte.
Trasse un profondo sospiro.
“Non essere triste” disse suo padre ghignando. “Con quel foglio ti ridaranno il tuo fidanzato.”
“Ti odio” esclamò Valya.
 
Una mano le scosse la spalla facendola sobbalzare. La sera prima, stanca per il viaggio e la monotonia della valle che stavano attraversando, si era rannicchiata nelle coperte dopo aver sistemato il giaciglio in un piccolo spazio tra un baule e delle sacche piene di vecchie tuniche logore, trovano il sonno cullata dal lieve ondeggiare del carro.
Aprì gli occhi incrociando lo sguardo di suo padre.
“Devi svegliarmi sempre così?” chiese con voce assonnata.
“Siamo arrivati.”
Spalancò gli occhi e si tirò su per guardare. Sotto un cielo grigio e carico di nuvole, al centro della valle si ergevano le mura di una città.
Valya non aveva mai visto mura difensive, ma ne aveva sentito parlare. Anche da quella distanza erano imponenti e doveva fare uno sforzo per cercare di immaginare cosa si potesse provare a passarci accanto.
Tra poco lo saprò, si disse.
La strada che stavano percorrendo arrivava a uno dei cancelli della città, un’apertura in quel muro di pietra grigia sormontata da un arco.
Sotto di esso vide transitare file di persone a piedi e altre a cavallo su carri trainati.
Ed erano minuscole.
A volte le capitava di guardare verso Cambolt e di intravedere le persone che si muovevano per strada, cercando di indovinare di chi si trattasse solo dal modo in cui camminavano o dal luogo verso cui erano dirette.
Si stupiva di quando fossero piccole e insignificanti le persone rispetto alle case a due o tre livelli del villaggio, ma Ferrador era un altro discorso.
Le mura erano enormi e lei faticava a scorgere le persone che si accalcavano vicino all’ingresso.
“Sorpresa?” fece suo padre divertito.
Scrollò le spalle. “È grande.”
“Non tanto.”
“Ci sono città più grandi?”
“Molto di più. Taloras è tre volte più ampia e Valonde.” Fece una pausa. “Almeno dieci.”
Valya cercò di immaginare una città dieci volte più grande di quella. Avrebbe dovuto mettere una vicina all’altra dieci Ferrador.
Scosse la testa e nel farlo notò le due file di persone che sfilavano ai loro lati. Quelli sulla destra andavano verso la città e quelli sulla sinistra, molti di meno, la stavano lasciando.
Alcuni erano a cavallo e indossavano tuniche di ogni tipo. C’erano anche dei carri trainati da buoi e alcuni, pochi per la verità, da cavalli. Vide una donna attorniata da una mezza dozzina di bambini che trainava un carretto coperto da un telo e un anziano che si trascinava aiutandosi con un bastone e un sacco a tracolla buttato sulla spalla.
“Chi sono queste persone?”
Suo padre scosse la testa. “Mercanti, studiosi. O persone disperate che vengono in città per cercare ricchezza e benessere.”
“E quelli che se ne vanno?”
“Ferrador non ha abbastanza latte per sfamare tutti.”
“Come una mucca?”
Lui ghignò.
Valya sedette al suo fianco, gli occhi fissi sulle mura grigie. Avvicinandosi iniziò a notare i fregi sulle pietre, gli stendardi logori che ondeggiavano al vento e le piccole feritoie che gli arcieri usavano negli assedi per difendere le mura. C’erano anche le merlature consumate dal tempo come denti spezzati e una torre sulla quale sventolava una bandiera in cima a un’asta.
Oltre le mura si intravedeva una cupola che rifletteva il sole, ma furono le figure appese vicino al portone d’ingresso ad attirare la sua attenzione.
Erano cinque, ognuna con un busto, due gambe due braccia e una testa. Una corda le teneva legate alla merlatura delle mura, dalle quali penzolavano nel vuoto proprio sopra le teste di quelli che passavano sotto il cancello.
Ogni tanto una o due teste si sollevavano e subito dopo si riabbassavano.
“Perché appendere dei manichini alle mura?”
L’espressione di suo padre si rabbuiò. “Osservali meglio. Non sono manichini.”
Valya socchiuse gli occhi e si concentrò su una delle figure. Osservandola meglio, notò la tunica sbrindellata e. sotto di essa, la pelle violacea. La testa era voltata dall’altra parte, ma intravide lo stesso la bocca spalancata e la lingua che penzolava di fuori.
Distolse lo sguardo. “Sono persone” disse deglutendo a vuoto.
Suo padre annuì.
“Sono morte?”
“Dire di sì.”
“Come?”
“Non ne ho idea.”
“Perché le hanno messe lì?” Non riusciva a dire appese.
“Per farle vedere a tutti quelli che arrivano in città.”
“Ma cos’hanno fatto di così terribile da meritare una cosa del genere?”
Suo padre trasse un profondo sospiro. “Devono aver violato qualche legge o causato dei guai. Nelle grandi città come Ferrador succede.”
“Io credevo che mettessero le persone in prigione. O che li facessero lavorare in miniera.”
Una volta a Cambolt un commerciante di vini era stato derubato e aggredito. Il colpevole, un ragazzo di qualche anno più grande di lei, era scappato ma le guardie di Faerdahm lo avevano catturato e portato nelle segrete della fortezza, dove era stato processato e condannato ai lavori forzati nelle miniere.
“Si vede che le prigioni sono piene e le miniere esaurite” fece lui con tono spazientito.
Valya rimase in silenzio fino a che non arrivarono vicino al cancello. Qui una dozzina di guardie armate di lance e scudi indicavano a quelli in arrivo dove andare.
“I carri sulla sinistra” stava dicendo uno dei soldati. “I cavalieri sulla destra. Quelli a piedi al centro.”
La gente ubbidiva a quelle semplici indicazioni, ma quando un pellegrino che procedeva a piedi cercò di infilarsi nel passaggio dei cavalieri, venne preso dalle guardie e trascinato sul bordo della strada.
I soldati gli diedero un pugno e un paio di calci ciascuno lasciandolo lì.
Valya guardò il pellegrino finché non lo vide alzarsi e pulirsi la tunica sporca di fago e sporcizia. “Che l’Unico vi maledica” gridò all’indirizzo dei soldati, che lo ignorarono tornando al loro posto.
“Fermi voi” disse una guardia.
Valya girò la testa di scatto, incrociando lo sguardo del soldato che li aveva fermati.
Suo padre tirò le redini arrestando il cavallo e la guardia gettò una rapida occhiata sia a lui che a Valya. “Chi siete?”
“Mi chiamo Simm” disse suo padre. “E lei è Valya. Mia figlia.”
Il soldato lo ignorò continuando a guardare il carro. “Da dove venite?”
“Cambolt” disse suo padre.
“In pratica siete dei topi scappati da una fogna” disse il soldato con una smorfia di disgusto. “Perché siete venuti a Ferrador? Se non sapete lavorare non c’è posto per voi qui.”
“Sono un fabbro. Rispondo alla chiamata della regina.”
Il soldato annuì poco convinto. “La regina ti ha chiamato? Di persona?” chiese con tono ironico.
“Sì” disse suo padre. “E mi ha detto di consegnarti queste.” Da una tasca della tunica tirò fuori due monete e gliele allungò.
“Queste bastano per voi due” disse il soldato rigirandosele tra le dita. “Ma per il carro come la mettiamo?”
“Non ho molto denaro con me” disse suo padre.
“Allora dovrai lasciarlo qui” disse il soldato.
Suo padre si chinò per frugare nella sacca tra le gambe. “Forse mi è rimasta una moneta. Fammi controllare.”
“Fai in fretta, si sta facendo la fila dietro di te.”
Valya si voltò e vide che altri carri si erano allineati dietro di loro. Quando tornò a guardare in avanti, vide che la guardia era impallidita.
I suoi occhi erano fissi sull’elsa della spada che suo padre reggeva nella mano destra.
Quando l’ha presa? Si chiese. E come ha fatto a essere così veloce? Deve averla nascosta da qualche parte nel carro.
Aveva già visto quella spada un paio di volte, per caso. Ogni tanto suo padre la tirava fuori da un vecchio baule e le dava una passata sulla mola per poi rimetterla al suo posto.
Non sembrava avere niente di davvero speciale. Era una vecchia spada che stava perdendo il filo. L’unico dettaglio che ricordava era il pomolo sagomato come un uccello con le ali spiegate.
Era strano, ma non più di tante altre che gli aveva visto creare nella forgia, come quella con la testa di serpente che gli era stata commissionata da un guerriero venuto dal continente antico solo per quello.
“Quella spada è tua?” stava chiedendo la guardia.
Suo padre la teneva con il pomolo rivolto verso il soldato. “Questa? È il dono di un vecchio amico.”
“Quel falco…”
“Bello, vero? Posso passare adesso?”
La guardia annuì decisa. “Vai, vai e non creare problemi in città.”
Suo padre fece schioccare le redini.
“Sembrava spaventato” osservò Valya.
“Non sembrava. Lo era” rispose lui con tono compiaciuto. “Quasi dimenticavo.” Afferrò un secchio e lo mise davanti a Valya.
Lei lo guardò interdetta. “A che serve?”
“È una precauzione” rispose lui.
Lei lo osservò accigliata. Suo padre portò il carro oltre il cancello d’entrata, dove si apriva un’ampia piazza a forma di semicerchio dalla quale si dipartivano tre strade. Lo sguardo di Valya venne catturato dai palazzi di tre o quattro livelli che sorgevano addossati l’uno all’altro lasciando poco spazio ai pedoni per circolare. E nonostante questo, la piazza traboccava di persone. Alcuni indossavano tuniche dai colori sgargianti e stivali che andavano dal marrone al rosso accesso che una donna sembrava esibire con orgoglio.
Accanto a uomini e ragazze i cui colli erano appesantiti da collane d’oro e argento, ce n’erano altri che vestivano di stracci logori.
Alcuni sedevano agli angoli tendendo la mano dove qualcuno ogni tanto buttava una moneta senza nemmeno degnarli di un’occhiata per poi proseguire ovunque fossero diretti.
Un uomo dal ventre enorme urlava qualcosa a proposito della sua carne mentre si sbracciava per indicare le carcasse appese davanti all’entrata del suo negozio.
Una donna anziana che vestiva con un pesante saio nero tentava di fermare i passanti per invitarli a entrare nella sua bottega di tessuti preziosi.
Due ragazzini giocavano a rincorrersi sollevando schizzi di fango che ricaddero sulla gonna di una donna che li sgridò mettendoli in fuga.
Un ragazzo dal mantello di colore rosso e oro si guardava attorno con una smorfia di fastidio, come se non apprezzasse quello spettacolo.
Un vecchio conduceva un carretto trainato da un asino dall’aria stanca e il pelo arruffato. Sopra il carretto aveva ammonticchiato vecchie sedie sgangherate e pezzi dell’intelaiatura di una porta per portarli chissà dove.
Valya stava per chiedere al padre qualcosa, quando le sue narici furono aggredite dall’olezzo peggiore che avesse mai sentito, un misto di carne andata a male, verdure lasciate marcire al sole per giorni e feci che erano traboccate dal pozzo di scarico.
Si portò una mano alla bocca trattenendo a stento un conato di vomito.
Suo padre stava sorridendo. “Fa questo effetto a molti, la prima volta.”
“È un odore terribile” disse Valya tappandosi il naso con l’indice e il pollice. Aveva persino paura di respirare con la bocca.
Chissà che cosa c’è in questa aria, pensò.
“Il profumo di Ferrador” rispose lui. “Ci farai l’abitudine.”
“Mai” esclamò lei.
“Succederà. Col tempo.”
“Non pensavo che una città potesse puzzare così tato.”
“Tutte le grandi città puzzano, anche se in modo diverso. Chi ci abita da anni giurerà che è solo il suo odore, ma la verità è che non ha sentito altro nella vita che questo fetore.”
“È disgustoso.”
Ai lati della strada uno dei pellegrini si era chinato in avanti e aveva rigettato la colazione.
“C’è chi sta peggio di te” disse suo padre divertito. “Non sei andata male, per una abituata alla profumata campagna di Cambolt.”
Iniziava a rimpiangere di aver lasciato il villaggio.

Note
Scusate, ho saltato la prima parte del capitolo e nell'aggiornarlo per sbaglio l'ho cancellato :(

Prossimo Capitolo Giovedì 23 Luglio

 

Ritorna all'indice


Capitolo 16
*** La forgia ***


La forgia
 
Suo padre portò il carro al centro di uno spiazzo quadrato circondato da file di caseggiati con finestre piccole e strette. A intervalli regolari c’erano dei portoni aperti verso l’esterno davanti ai quali si affollavano carretti pieni di cianfrusaglie, per lo più di metallo e altri carichi di carbone e legno.
Passarono davanti a un gruppo che stava scaricando dei sacchi da un carro.
Suo padre si sporse verso uno di loro. “Tu” disse. “Tu con la barba lunga.”
Un uomo che poteva avere cica trent’anni gli rivolse un’occhiata infastidita. “Che io sia dannato, chi vi ha fatti entrare nella piazza d’arme? Qui entrano solo gli uomini della governatrice e chi lavora alla forgia.”
“Sono il nuovo fabbro.”
“Nuovo dici?” fece l’uomo perplesso. “Negli ultimi due giorni ne sono arrivati almeno trenta. Tu chi saresti?”
“Il trentunesimo” rispose suo padre.
Il ragazzo brontolò qualcosa. “Parlate con Tannisk.”
“Chi sarebbe?”
“Quello che sta nella foresteria. Si occupa lui di indirizzare quelli nuovi. Lo trovate lì” disse indicando con un cenno della testa un edificio che sorgeva sul lato lungo della piazza d’arme. Sopra di esso si ergeva una torre con la base di pietra e un secondo livello di legno.
“Ho un debito con te” disse suo padre prima di far schioccare le redini.
Valya guardò avvicinarsi la torre e diventare sempre più alta. La piazza d’arme, come l’aveva chiamata quel tizio, era così larga che avrebbe potuto accogliere mezza Cambolt e sarebbe avanzato anche dello spazio.
Suo padre diede uno strattone alle redini e le legò facendo un nodo. “Tu aspetta qui.”
Valya si guardò attorno. “Devo riprendere Bel.”
Suo padre sospirò. “Lascia perdere quella bestia.”
Stava per rispondergli piccata, quando un uomo sulla mezza età uscì dall’ingresso della foresteria e venne verso di loro con un braccio alzato. “Voi due” stava dicendo. “Non potete stare lì.”
Aveva il viso cotto dal sole, la testa pelata e i baffi più grandi e ridicoli che Valya avesse mai visto. Erano così lunghi che si arricciavano sulle punte rivolte verso l’alto.
A Cambolt alcuni uomini e anche qualche ragazzo portavano i baffi, ma quasi tutti gli altri avevano barbe lunghe e incolte.
Altri, come suo padre, avevano giusto un accenno di peluria sul mento e le guance e non avevano bisogno di radersi tutti i giorni.
Ricordava che Hagen si era fatto crescere la barba nell’ultimo anno.
“Per sembrare più uomo” aveva detto Enye scherzandoci sopra.
Valya era sicura di averla sentita dire una volta che gli piacevano i ragazzi con la barba folta e incolta e da allora Hagen aveva smesso di radersi.
“Questo posto è riservato ai fabbri.”
“Lo so, lo so” disse suo padre saltando giù con un movimento agile. “Mi hanno già detto tutto. Sei tu Tannisk?”
“Ti sembro un dannato fabbro, straniero?”
Solo allora Valya notò la spada legata al fianco da un vistoso fiocco rosso e giallo. L’elsa si intravedeva appena, come se volesse tenerla nascosta.
Simm Keltel grugnì in risposta. “Allora non mi sei utile affatto.”
Fece schioccare le redini mentre l’altro li osservava sfilare di lato.
“Basta che liberi il passaggio” urlò loro mentre proseguivano.
Dall’edificio più grande uscì un ometto che procedeva con andatura incerta, come se gli costasse uno sforzo tremendo mettere un piede davanti all’altro.
Suo padre trasse un profondo sospiro. “Sei tu Tannisk?”
L’uomo lo guardò perplesso. “Sono io. E tu chi saresti? Potrei giurare di averti già visto da qualche parte.”
“Il mio è un viso comune. Sono il nuovo fabbro e vengo a darvi una mano.”
Tannisk annuì deciso. “Allora sei il benvenuto.”
“Se fossi in te” disse una voce alle loro spalle. “Aspetterei a dargli il benvenuto.”
Voltandosi, Valya vide un uomo alto e prestante avanzare con la schiena dritta. Indossava una tunica slacciata sul petto e al fianco gli pendeva una spada col pomolo a forma di testa di lupo.
Guardando suo padre, notò che il suo sguardo si era fatto cupo.
“Ogni aiuto è il benvenuto” disse Tannisk.
L’uomo avanzò sorridendo. “Non da parte di questo demone. Lui ama portare scompiglio ovunque vada, vero Simm? O dovrei chiamarti Falco Grigio o sterminatore di Mashiba. Come ti fai chiamare adesso?”
“Io ti saluto, Dalkon” disse suo padre con un leggero cenno della testa.
Tannisk gli rivolse un’occhiata stupita. “Sei davvero Simm Keltel? Quel, Simm Keltel?”
Quynn si fermò vicino al carro. “È proprio lui, vecchio idiota. Possibile che tu non te ne renda conto? Sei proprio invecchiato male.”
“Attento a come parli” disse Tannisk. “La mia memoria non sarà buona, ma so maneggiare la mazza ferrata meglio di voi ragazzini.”
Quynn ghignò. “Allora uno di questi giorni dovrò sfidarti a duello” disse posando l’indice sul pomolo della spada. Come in risposta a quel gesto, gli occhi del lupo sembrarono brillare quando intercettarono un raggio di sole.
Tannisk gli rivolse un’occhiataccia. “Se mi volete sono dentro la forgia. La metà dei nuovi aiutanti sono dei novellini e un paio si sono già ustionati maneggiando le pinze.”
Mentre andava via, Quynn non smise di fissare suo padre. “E così sei uscito dalla tana in cui ti eri nascosto. Avresti fatto meglio a restarci.”
“Non si può ignorare la chiamata alle armi della regina.”
“Quale regina? Quella che siede sul trono o quella che governa davvero?”
“Non mi è mai importato di queste cose.”
Quynn annuì deciso. “A te importa solo del sangue e dell’acciaio. E qui ne troverai quanto ne desideri, Simm Keltel. Ma non sarà come a Mashiba.”
“Stavolta siamo alleati.”
Quynn sorrise, ma a Valya sembrò più il ringhio di un cane.
O di un lupo.
Una volta ne aveva visto uno. Morto. Quella bestia aveva tormentato gli allevatori di Cambolt per intere Lune prima che riuscissero a ucciderlo. Per vendetta lo appesero a un carro e lo esibirono per il villaggio tra gli applausi e le risa di scherno della gente.
“La governatrice ha affidato a me la direzione della forgia” disse Quynn. “E mi aspetto che tutti collaborino nello sforzo che ci verrà chiesto di fare nelle prossime Lune. La regina ci ha ordinato di radunare almeno ventimila spade qui a Ferrador.”
“Ventimila” esclamò suo padre. “Sarà già tanto se ne avremo cinquemila.”
“Ventimila, non una di meno” disse Quynn. “E io intendo rispettare la consegna, non importa come. Se dovrò sacrificare ogni dannato fabbro e inserviente che lavora in questa forgia, lo farò.”
“Sempre pronto a sacrificare le vite altrui” osservò suo padre.
Quynn non mutò espressione. “Io ti saluto, Simm Keltel” disse con un cenno della testa.
“E io saluto te, idiota” disse suo padre tra i denti.
Quynn lo ignorò o non udì l’offesa, limitandosi a voltarsi e andare via.
“Aiutami a scaricare la roba” disse suo padre.
Valya stava per scendere dal carro quando Tannisk uscì dalla foresteria. “Pare che la governatrice abbia saputo del tuo arrivo” disse. “Vuole vederti.”
“Speravo di potermi dare una sistemata, prima” disse lui.
“Lo farai dopo. Non è un buon momento per far aspettare quella dannata donna. L’ultimo che ha osato farlo è finito ai ceppi per mezza Luna.”
 
***
Percorrere quel corridoio era come infilarsi nel ventre di una gigantesca bestia. Fin dal giorno in cui aveva visto per la prima volta la fortezza di Ferrador gli aveva dato quella impressione.
Da fuori sembrava un castello come tanti, con il maschio dalla forma a ottagono e le merlature sulle torri, le feritoie strette e lunghe e gli stendardi appesi al vento.
Dentro era un’altra questione.
Non c’erano finestre in quel dannato posto e l’unica fonte di illuminazione erano torce e lampade a olio, che lì sembravano sempre scarseggiare.
I corridoi erano stretti e con numerose svolte che confondevano chi vi si avventurava per la prima volta. E anche quelli che vi abitavano da anni spesso confessavano di essersi persi almeno uno o due volte.
“E così” riecheggiò una voce dal fondo dei suoi ricordi. “Tu saresti Simm Keltel?”
Un sorriso sincero e allegro, insieme a un’espressione irriverente.
“Ti avevo immaginato più alto e imponente” continuò la voce con tono divertito. “E invece sei un barbaro del meridione come se ne vedono tanti di questi tempi.”
Accanto a lui Valya sospirò riportandolo al presente. “Devo recuperare Bel” si lamentò.
“Starà bene.”
“Non puoi saperlo.”
“Hai la lettera.”
“Perché la governatrice vuole vederti?”
Lui si strinse nelle spalle. “Me lo dirà quando ci incontreremo. Tu rimani zitta.”
“Le chiederò di Bel.”
“Se ci proverai, le chiederò di far macellare quella dannata bestia” disse minaccioso.
“Sei un mostro” rispose lei.
“Lo farò, puoi esserne certa.”
I due soldati che li scortavano si tenevano a distanza, uno avanti di cinque o sei passi e l’altro alle loro spalle.
Devono proprio aver paura di noi, si disse divertito.
Aveva lasciato le armi sul carro, sperando che nessuno le prendesse.
“Baderò io a loro” aveva assicurato Tannisk.
Il vecchio fabbro sembrava una brava persona e quindi del tutto inadatto al compito che gli era stato affidato.
E poi c’era Dalkon.
Non si aspettava di incontrarlo proprio lì, anche se aveva saputo che era stato perdonato e poi reintegrato nelle forze di Talmist.
Lo immaginava nella capitale a leccare i piedi a qualche generale o al decano del circolo degli stregoni, invece che lì a dirigere la forgia cittadina.
Quello poteva essere un guaio e forse doveva informare la governatrice, anche se era quasi certo che lei lo sapesse già.
“Fermatevi qui” disse il soldato in testa indicando una porta di legno. “La governatrice vi riceverà non appena avrà tempo.”
Simm si era preparato a una lunga attesa, ma la porta si partì subito dopo e da uno spiraglio fece capolino la testa di un uomo di mezza età.
“È lui?” chiese rivolgendosi al soldato.
“Dice di chiamarsi Simm Keltel.”
L’uomo annuì con vigore. “E la ragazzina?”
“Sua figlia.”
“Deve attendere fuori.”
Valya trasse un profondo sospiro. “Devo recuperare il mio cavallo. Si chiama Bel.”
L’uomo sembrò soppesare le sue parole. “Scortatela alle stalle reali e assicuratevi che riprenda il suo cavallo.”
I soldati annuirono e guidarono Valya lungo il corridoio.
Simm li osservò finché non scomparvero dietro una svolta.
“Entra, per favore” disse l’uomo aprendo la porta.
Simm varcò la soglia dello studio con cautela, come aspettandosi un agguato. La stanza era lunga e stretta ed era occupata sul fondo da una scrivania. Dalle feritoie in cima alle mura pioveva una luce incerta.
Davanti alla scrivania vi erano tre figure in piedi, quelle di una donna e due uomini. La donna e uno dei due indossavano il mantello, l’altro l’armatura.
La donna gli rivolse un’occhiata perplessa. “Potete andare” disse agli altri due.
Questi le rivolsero un leggero inchino e uscirono dalla stanza.
“Chiudi la porta mentre esci” disse la donna all’uomo che gli aveva aperto.
“Come desideri” rispose prima di uscire e chiudere la porta con un tonfo.
“Io ti saluto, Simm Keltel. Ti ricordi di me?”
Simm sorrise mesto. “L’ultima volta che ti ho visto, eri l’apprendista di quella odiosa strega del continente antico. Non ricordo il suo nome.”
La donna sorrise. “Se Joane ti sentisse parlare di lei in quel modo, ti staccherebbe un braccio e lo userebbe per colpirti. E prima che tu dica qualsiasi cosa, una volta gliel’ho visto fare davvero.”
Simm lanciò un’occhiata allo studio. “Vedo che sei salita molto in alto.”
“Non è tutto merito mio. Gli Abrekir fanno parte del circolo di Talmist da venti generazioni. E siamo fedeli servitori del regno da quasi altrettanto tempo. In realtà, da prima ancora che Tal Dentestorto sedesse sul trono.”
“Mi sarei aspettato un governatore di Ferrador.”
“Non so se l’hai notato, ma questa città non ha nemmeno un circolo stregonesco. La regina e il decano volevano una persona di fiducia a gestire la forgia reale ed eccomi qui.”
“Sei diventata la guardiana dei fabbri?”
“Per quello ho già un cane da guardia.”
“Quynn Dalkon” fece Simm con tono cupo.
“Io lo definirei più un lupo ma è quello il suo ruolo.”
“Spero tu ci abbia pensato bene prima di affidargli l’incarico.”
“Lo dici per mettermi in guardia o perché vuoi il suo posto?”
Simm incrociò le braccia sul petto. “Non sono mai stato bravo nel gestire certe cose.”
La donna accennò un sorriso. “Se non ricordo male, era Wyll quello che si occupava di certe cose.”
Sentendo quel nome Simm serrò la mascella. I ricordi si affollarono davanti al muro che aveva eretto cercando di superarlo. Sapeva che se li avesse lasciati fare l’avrebbero travolto.
“Perdonami, non volevo risvegliare un brutto ricordo. Ho saputo che eri presente quando…”
“Quynn parlava di ventimila spade” disse per cambiare discorso. “Ma io non ne vedo così tante a Ferrador.”
“Avremo le spade” disse la donna sicura.
“E chi le reggerà?”
“Avremo anche quelli. Non so se l’hai notato, ma la regina ha emesso un nuovo editto. Tutti quelli in grado di reggere spada e scudo devono recarsi nella città più vicina. Ci aspettiamo che arrivino almeno cinquantamila persone.”
“È più di quante abitano Ferrador” disse Simm sorpreso.
“Ci stringeremo un po’, ma non resteranno qui a lungo. Prevediamo di marciare verso Rodiran appena possibile.”
“Re Nestorin si è davvero arreso senza combattere?”
Lei scrollò le spalle. “È vecchio e non è più quello di una volta. So che eravate amici.”
“Ho servito sotto i suoi vessilli per qualche tempo.”
La donna annuì grave. “Ormai la notizia sta viaggiando e tra poco non sarà più un segreto. L’orda di Malag e Rodiran hanno unito le forze e presto marceranno verso di noi. È solo questione di tempo.
 
Tempo, si disse Simm mentre usciva dallo studio di Hylana Abrekir e imboccava il corridoio che lo avrebbe riportato all’aperto.
Era felice di potersi immergere in quei pensieri e tenere lontani i ricordi.
La sua stretta è forte, disse una voce in fondo alla sua mente.
Sta bene. Non piangere.
Non è giusto.
Non è giusto.
Non è…
Tannisk aveva messo un paio di inservienti di guardia al carro e li trovò che ci giravano attorno. “Potete andare. Ci penso io” disse.
I ragazzi annuirono e andarono via.
Valya non era ancora tornata e non si vedeva in giro. Soppesò l’idea di aspettarla lì, ma stava facendo buio e doveva ancora scaricare le sue cose.
Hylana era stata categorica su quell’argomento.
“Tu e tua figlia dovete alloggiare a palazzo” aveva detto prima di congedarlo.
“Preferire stare insieme ai fabbri, se devo lavorare con loro.”
“E far stare una ragazza in mezzo a quella gente ti sembra una cosa decente?”
“Posso difenderla io” aveva detto.
“Tu dovrai pensare alla forgia. Tannisk è abile nel mettere le persone al posto giusto, ma non ci capisce niente di spade e scudi. È per questo che ho chiesto a Falgan di trovarti.”
“Falgan” aveva detto Simm scuotendo la testa. “Ti sei affidato a un macellaio.”
“Ora serve Valonde.”
“Quindi anche loro sono in guerra?”
Hylana aveva annuito. “Sono stati attaccati per primi.”
Simm si era fatto attento.
“Durante la consacrazione della figlia di Marget e Andew. Un gruppo ha assaltato il palazzo di Valonde.”
Simm aveva deglutito a vuoto. “È un’azione audace anche per uno come l’arcistregone.”
“È la dimostrazione che è più pericoloso di cento anni fa.”
Cento anni, si disse Simm mentre portava il carro in un deposito che Tannisk gli aveva indicato. Nessuno può vivere tanto, nemmeno uno abile come Malag. Eppure deve aver trovato il modo.
Il deposito sorgeva in uno dei caseggiati ai lati della piazza. C’erano numerose entrate ma Simm non ne scelse una a caso ma quella che gli era stata indicata.
Ad attenderlo c’era un ragazzino che poteva avere tredici o quattordici anni.
“Io ti saluto eccellenza” disse con tono irriverente.
Simm fece una smorfia. “E tu chi saresti?”
“Mi chiamo Rann” rispose il ragazzo. “Tannisk mi ha detto che ti serve un assistente e ha mandato me.”
“Non ho bisogno di un assistente” disse Simm saltando giù dal carro. “E nemmeno di un ragazzino a cui badare. Ne ho già una mia.”
“Io sono forte” disse il ragazzo avvicinandosi al carro. “E lavoro molto. Tannisk può dirtelo.”
“Di quello che dice Tannisk non mi importa niente. Tu stai lontano dalle mie cose e forse vivrai abbastanza da vedere la fine di questa guerra. E della prossima.”
Rann sembrò non comprendere la minaccia e saltò sul carro.
“Scendi da lì” esclamò Simm.
“Ti posso aiutare con le casse eccellenza” disse spostando una pesante cassa senza difficoltà. “Lo vedi? Sono forte. Lo dicevano tutti al villaggio.”
Rann sollevò la cassa sopra le spalle e saltò giù con essa.
Simm era sicuro che si sarebbe spezzato entrambe le gambe ma non accadde. Il ragazzo eseguì un salto perfetto e atterrò piegando solo un po’ le ginocchia.
“Visto? Sono forte” disse con tono allegro.
Simm grugnì. “Sì, sei forte. Ora aiutami a scaricare e poi sparisci.”
“Ai tuoi ordini eccellenza.”
Rann lo aiutò a scaricare e proseguì da solo quando Simm sedette su un secchio rovesciato e stette a osservarlo per un po’.
“È da tanto che sei così forte?” gli chiese mentre il ragazzo portava giù due delle ultime cinque o sei sacche.
“Da un paio d’anni. Stavo ancora al villaggio. Aiutavo i miei nonni.”
“Perché sei andato via?” gli chiese, anche se già intuiva la risposta.
Rann fece spallucce. “Il nonno disse che stavo diventando forte e che la gente iniziava a parlare. Dicevano che ero strano. Ma io non sono strano. Sono sempre quello di prima. Disse che era meglio se me ne andavo dal villaggio. Mi disse di andare lontano e di non far vedere che ero forte o la gente avrebbe parlato anche nel nuovo posto dove andavo.”
“Tuo nonno è una persona saggia” disse Simm rimettendosi in piedi. “C’è qualcun altro che sa quanto sei forte?”
“Solo Tannisk. Ma lui mi ha detto di non farlo vedere troppo.”
“Tannisk è una brava persona e tu devi seguire il suo consiglio. Però ti sei fatto vedere da me.”
“Tannisk mi ha detto che di te potevo fidarmi.”
“Ha detto proprio questo?”
Rann sorrise. “E anche altre cose.”
“Del tipo?”
“Che sei una specie di eroe. Che hai conquistato da solo una fortezza.”
Simm faticò a ricacciare indietro quel ricordo. “Non ero da solo” disse infine dopo qualche istante di silenzio. “Avevo degli amici.”
“Forti quanto te?”
“Molto di più.”
Rann sembrò soddisfatto e fece per andarsene. “Tannisk dice che ti servirà un assistente. Uno che ti regga il martello o qualcosa del genere.”
“Non mi serve nessuno.”
“Io posso farti da assistente. Sono forte.”
“L’ho visto che sei forte ma lavorare alla forgia non è affare da ragazzini.”
Rann rimase immobile a fissarlo.
“E va bene” disse Simm dopo averci riflettuto. “Ma dovrai fare tutto quello che ti ordino, hai capito?”
“Sì eccellenza” rispose il ragazzo con entusiasmo.
“Bene. Ora vai a cercare mia figlia.”
Rann si accigliò.
“Ha più o meno la tua età, capelli neri e ricci. La riconoscerai subito perché non smette un istante di parlare.”
“Io pensavo che ti avrei dato una mano nella forgia” disse Rann deluso.
“Ci penserò se troverai mia figlia.”
Rann annuì poco convinto. “La trovo e la porto qui?”
“Dubito tu sia abbastanza forte da trascinarla fin qui. Adesso vai.”
Il ragazzo corse via e lui tornò a sedere sul secchio rovesciato.

Prossimo Capitolo Domenica 26 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 17
*** Nuovo corso ***


Nuovo corso
 
Il soldato esaminò con cura il biglietto che Valya gli aveva dato.
“Dici che l’ha firmato Zebith Abbylan?”
Valya annuì con vigore.
“Il comandante Zebith Abbylan?”
Valya annuì di nuovo.
La guardia sospirò. “Dryk” gridò. “Vieni subito qui, dannazione.”
Dalla stalla emerse la figura enorme di un uomo. Il suo passo era così lento e pesante che a Valya diede l’impressione di una montagna che le stesse franando addosso.
Invece Dryk si fermò al fianco della guardia sovrastandolo di almeno due teste. Indossava un grembiule sgualcito che gli copriva il petto irsuto, le tasche che traboccavano di arnesi di metallo.
“Che c’è? Stavo dando da mangiare alle ragazze.”
Valya si chiese quali ragazze accettassero il cibo di Dryk.
Il soldato sembrò infastidito. “Loro possono aspettare.” Diede il foglio all’uomo. “La riconosci?”
“È il sigillo del comandante Abbylan.”
“È arrivato un cavallo a suo nome per caso?”
Dryk sembrò pensarci su. “Un paio di giorni fa sono venute due lance con una povera bestia mezza morta. Dicevano che me ne dovevo prendere cura io.”
“È un cavallo molto docile, di colore marrone con una macchia sul fianco sinistro?” chiese Valya.
Dryk annuì lento. “Proprio quella.”
“È lui. È il mio Bel.”
Dryk si accigliò. “Bel?
“Sta per Bellir. È il suo nome.” Fece una pausa. “È il famoso eroe. Quello che uccise Malag.”
“Falla entrare” disse la guardia.
Dryk brontolò qualcosa. “È quasi buio. Devo chiudere la stalla quando cala il sole.”
“Ha una lettera del comandante Abbylan” disse la guardia. “Fagli vedere che il suo dannato cavallo sta bene e poi chiudi la stalla.”
“Vieni” le disse Dryk con tono sbrigativo.
Valya lo seguì dentro la stalla. Era un edificio lungo e stretto con numerosi recinti di forma quadrata su entrambi i lati. Ne contò una decina prima di perdere interesse.
In ognuno di essi vi era un cavallo. Alcuni erano legati mentre altri potevano muoversi, ma si limitavano a sporgere la testa al passaggio di Valya e Dryk.
Lui la condusse a un recinto vicino al fondo. “L’abbiamo messo qui” disse indicandolo.
Valya si affacciò e la vista di Bel che mangiava dal sacco appeso a un gancio la rassicurò. “Sta bene” disse sorpresa.
“Certo che sta bene. Che ti aspettavi? Che me lo fossi mangiato?”
“No, no” si affrettò a dire. “Ero solo preoccupata.”
Dryk assunse un’aria pensosa. “È il tuo cavallo da tanto?”
“No, ma ormai ci sono affezionata.”
Lui annuì grave. “È facile affezionarsi a queste bestie e il tuo Bel sembra docile, anche se è un po’ debole. Gli farò fare qualche giro della piazza, giusto per tenerlo in allenamento.”
“Davvero?” fece lei sorpresa. “Io credevo di poterlo portare con me.”
Dryk la guardò meravigliato. “Portare dove? Mica puoi tenerlo in una stanza. Ha bisogno di spazio.” Fece una pausa. “Non ho capito come ti chiami.”
“Valya Keltel” disse. “Sono la figlia del famoso eroe, anche se adesso è solo un fabbro.”
Dryk si strinse nelle spalle. “Mai sentito nominare. Dovrebbe dirmi qualcosa il suo nome?”
“Lascia perdere.” Guardò Bel. “Verrò a trovarti tutti i giorni. Non saremo soli. Tu non sarai solo.” Gli accarezzò il collo e lui non si ritrasse.
Dryk la scortò fino all’uscita, dove alla guardia di prima si era aggiunta una donna alta e dall’espressione severa. Indossava una tunica grigia sulla gonna color marrone e portava i capelli raccolti in una crocchia.
Appena i suoi occhi caddero su Valya inorridì. “Questo è indecente” esclamò, le mani sui fianchi.
Valya si fermò all’istante.
“Tu” disse la donna puntandole contro l’indice. “Dico a te, ragazza. Vieni qui. Sei Valya Keltel, vero?”
Valya si avvicinò perplessa. “Ci conosciamo?” le chiese.
“No, ma mi conoscerai, ragazza.” Le rivolse una lunga occhiata dalla testa ai piedi. “Sei un disastro, un completo disastro. Non puoi presentarti così a palazzo.”
“Cos’ha che non va il mio vestito?”
Valya indossava la tunica e i pantaloni del giorno prima. E di quello prima ancora. Aveva dormito in quei vestiti per due notti da quando avevano perso gli altri nell’incendio del carro.
“Tutto” disse la donna arricciando il naso. “Tutto questo è assolutamente deprecabile. La governatrice non mi aveva avvertita di quanto fosse disperata la situazione.”
“Disperata?” fece Valya allarmata. “È successo qualcosa a mio padre?”
“No” disse la donna. “Ma succederà qualcosa a me se non pongo rimedio a tutto questo. Vieni con me.”
Valya la seguì non prima di aver rivolto un’ultima occhiata alle stalle.
“Io mi chiamo Olethe” disse la donna. Camminava con la schiena dritta e lo sguardo fisso davanti a sé, come un soldato in marcia.
Valya lo trovava divertente me evitò di ridere.
“Impara il mio nome. Per tutto il tempo che resterai al palazzo, dovrai rivolgerti a me per qualsiasi tua necessità. O a una delle ancelle che ti verrà assegnata.”
“Cos’è un’ancella?”
Olethe storse la bocca. “Un disastro. Un vero disastro.”
La donna la guidò verso il palazzo, un edificio ottagonale che dominava la piazza d’armi, la forgia e le stalle. C’era anche una terza zona dove sorgevano dei palazzi di cinque o sei livelli. Aveva visto soldati aggirarsi lì attorno ma non sapeva a chi chiedere.
Passarono sotto un arco alto il doppio di Valya immettendosi in un’ampia sala rettangolare dalla quale partivano due corridoi in direzioni opposte.
Olethe marciò sicura verso quello di destra e Valya faticò a tenerle il passo.
“Dovrei tornare da mio padre” disse affiancando la donna. “O lui si arrabbierà se non mi vede tornare.”
Olethe la guardò con espressione contrita. “Tuo padre verrà avvertito del tuo ritardo. Anche lui deve trasferirsi a palazzo e iniziare a vestirsi in modo consono.”
“Che vuol dire consono?”
“Diverso da quello attuale” disse lei tagliando corto.
“Io non credo di voler vestire diversamente.” Valya non ricordava di aver mai indossato abiti diversi da quelli. Il baule dove aveva conservato quelli di riserva era pieno di tuniche e pantaloni e brache.
Ogni tanto ricordava che Enye e Brye avevano indossato gonne e camicette, giocando a chi riusciva a sistemarsi meglio un fiocco o una cintura per decorarli.
“E io non credo di poterlo consentire, ragazza” rispose Olethe. “Da questa parte” disse indicando una porta di legno spalancata.
Oltre di essa si apriva una sala illuminata dalle lampade a olio. Al suo interno vi erano bauli e armadi e, come in attesa, due ragazze che potevano avere sui vent’anni.
Una, dalla carnagione più scura e grandi occhi neri, le sorrise, mentre l’altra, dai capelli fulvi, le rivolse un’occhiata annoiata.
“Loro sono Brynna e Izora. Ti aiuteranno a fare il bagno e in tutte le altre faccende che ti saranno necessarie finché resterai qui.”
Valya incrociò le braccia. “Ho fatto il bagno tre giorni fa e non mi serve il loro aiuto.”
Olethe la guardò inorridita. “Tre giorni” disse scuotendo la testa. “Brynna.”
La ragazza dai capelli fulvi fece un passo avanti.
“Prepara la vasca.”
“Sì, signora.”
“Izora, tu prendi le tovaglie. Ci sarà molto lavoro per voi, ragazze.”
Valya sentì crescere la rabbia. “Ti ho detto” disse alzando la voce. “Che so lavarmi da sola.”
“Ne dubito, dall’odore” rispose Olethe.
Lei arrossì. “Sono giorni che viaggiamo e non potevamo fermarci per fare il bagno” disse. “Mio padre voleva arrivare al più presto a Ferrador.” Il pensiero di suo padre che l’aspettava la colpì. “Devo tornare da lui” disse facendo un passo indietro.
Olethe le sbarrò il passo. “Tu non uscirai di qui e non te ne andrai in giro per il palazzo finché non sarai presentabile.”
“Perché devo farlo?”
“Ordini della governatrice” rispose la donna.
“Nemmeno la conosco.”
“Si vede che lei conosce te, ragazza. Ora, togliti di dosso quegli stracci e vediamo di concludere in fretta questa spiacevole mansione.”
“Io…” iniziò a dire.
Izora emise un grido e indicò la porta alle loro spalle.
Voltandosi, Valya colse l’espressione sorpresa di un ragazzino dai capelli color oro che si era affacciato per gettare un’occhiata all’interno della stanza.
“E tu che ci fai qui?” gridò Olethe. “Esci immediatamente. Non lo sai che ti è vietato entrare nel palazzo?”
Il ragazzino non si mosse né indietreggiò. “Sei tu la figlia del fabbro?” chiese a Valya.
Lei annuì con vigore. “È lui che ti ha mandato? Ti ha detto che devo andare subito da lui?” chiese sperando che il ragazzino rispondesse di sì.
Lui si sembrò pensarci. “In verità, mi ha detto solo di trovarti. Gli dirò che sei qui.”
“Fuori” gridò Olethe.
Il ragazzino tirò via la testa e scomparve.
La donna andò alla porta e la chiusa a chiave. Restò per qualche istante con gli occhi chiusi, il petto che si alzava e abbassava.
Quando riaprì gli occhi si rivolse a Valya. “Ora” disse con voce calma. “Via quei vestiti.”
 
 
Izora le rovesciò addosso il catino di acqua calda senza badare alle sue proteste.
“È rovente” disse sputacchiando tra una parola e l’altra, i capelli trasformati in una massa informe che le copriva il viso.
Izora ridacchiò e andò via.
Brynna si fece avanti con una spazzola e iniziò a strofinarle la schiena senza tanti complimenti.
“Mi fai male” si lamentò.
“Quante storie” disse la ragazza. “Ringraziaci per essere costrette a servirti.”
Valya si accigliò. “Non è colpa mia.”
Brynna strofinò più forte. “Non è colpa di nessuno ma quella dannata donna mi ha ordinato di strofinare forte e io lo sto facendo.”
Valya strinse i denti e sopportò quella piccola tortura. “Il ragazzo che è passato prima” disse per distrarre la mente. “Come si chiama?”
“Lui è Rann” disse Brynna.
“Vive qui?”
“Certo che no” esclamò la ragazza. “Lui sta alla forgia, negli alloggi degli operai. Non è un privilegiato come voi.”
Valya stava per dirle che anche lei viveva a palazzo ed era una privilegiata come loro quando Olethe entrò nella stanza.
“Come procediamo?” chiese a Brynna.
La ragazza sospirò. “È un duro lavoro ma deve essere fatto.”
Olethe rispose con una smorfia di disgusto. “Ho mandato Izora a prendere i vestiti. Inizieremo dalle brache e poi vedremo che cosa si può fare.”
“Io non capisco l’utilità di tutto questo” disse Valya cercando di essere cortese e ragionevole. Suo padre le diceva sempre che se era educata con le persone queste le avrebbero dato ascolto più facilmente.
“Cosa non capisci dell’essere pulite e presentabili, ragazza?”
“Mi chiamo Valya” disse con una punta d’orgoglio. “Valya Keltel. Sono la figlia del famoso eroe.”
“Famoso” disse Olethe con una punta di disprezzo. “Io direi famigerato.”
“Non è la stessa cosa? Lui ha vinto la famosa battaglia di Mashiba” disse ripetendo quello che aveva ascoltato per anni dire agli altri.
“Battaglia non è il termine esatto, ragazza” disse la donna. “Fu un massacro. Morirono molte persone.”
“Erano certamente nel torto.”
“Il loro unico torto fu di trovarsi nella fortezza al momento sbagliato, quando tuo padre e quell’altro demone di Wyll l’Aquila Dorata diedero l’assalto alle mura.”
Valya la fissò con aria di sfida. “Sai tante cose di quella battaglia. Tu c’eri?”
“Ho sentito i racconti dei pochi che sono sopravvissuti. E ora alzati. Il bagno è finito.”
Le buttarono addosso un panno e mentre Izora le frizionava la pelle con delicatezza, Brynna non sembrava badare più di tanto alle sue proteste.
Olethe frugò in un baule e ne tirò fuori una gonna celeste con fiori azzurri e viola ricamati insieme a una camicia di colore verde acqua. “Prova questi” disse porgendoglieli.
Valya esitò.
“Che problema c’è adesso? Sono della tua taglia.”
Lei si accigliò. “Non indosserò quella roba” disse imbroncata.
Olethe sospirò. “Quanti anni hai, Valya Keltel?”
“Sedici” rispose subito. “E sono un’adulta. Decido io come vestirmi.”
“Bene” fece la donna. “Ora, da adulta come dici di essere, decidi di vestirti in maniera consona al luogo in cui ti trovi.”
“Non potrei avere pantaloni e tunica? E magari un paio di stivali?”
“Stivali” disse Olethe volgendo gli occhi al cielo. “È peggio di quanto pensassi. Sua eccellenza Abrakir dovrà essere informata.”
“Se pensi che questo mi spaventi…” fece Valya con aria di sfida.
“Tu non conosci sua eccellenza. Quando vuole qualcosa, la ottiene. E in caso contrario” fece una pausa.
“Che succede se non la ottiene?” le domandò Valya.
“Trova il modo di averla lo stesso. Ora prova questi vestiti.”
Valya sospirò affranta e prese tra le mani la gonna.

Prossimo Capitolo Giovedì 30 Luglio

Ritorna all'indice


Capitolo 18
*** Aquile ***


Aquile
 
I corni da guerra suonarono facendolo trasalire.
Zane fece appena in tempo a saltare giù dalla branda che la porta della sua stanza si spalancò e Dian Cromdor, il volto trafelato, fece irruzione e quasi lo travolse.
“Che io sia dannato” esclamò. “È questo il modo di entrare?” gli chiese.
Dian respirò a fondo. “Li hai sentiti? I corni, intendo.”
Zane annuì mentre infilava dei pantaloni imbottiti sopra le brache. “Li ho sentiti, certo. Stavo proprio venendo a vedere.”
“Ero vicino al posto di guardia orientale quando le sentinelle hanno lanciato l’allarme” disse Dian mentre uscivano dalla stanza.
Zane non perse tempo a chiuderla. Aveva con sé tutto ciò che possedeva. Il suo mantello e la spada legata al fianco.
Non mi serve altro, si disse.
“Cos’hai sentito?” gli chiese.
“La pattuglia di Oswalt” disse Dian dopo un attimo di esitazione. “È stata colta di sorpresa e costretta a riparare in un forte in rovina. Uno dei cavalieri è stato rimandato indietro per avvertirci.”
La pattuglia di Oswalt, pensò Zane senza mostrare lo sgomento che sentiva crescere dentro di sé. Trenta lance e tre mantelli, Oswalt compreso. È quassi un quinto della guarnigione.
“Il comandante Morn che ha intenzione di fare?”
Dian si strinse nelle spalle. “Sono venuto subito da te per avvertirti. So che tu a Oswalt siete amici.”
Si erano consacrati insieme due anni prima e da allora avevano servito presso lo stesso comandante. La guida di Os era amica della sua guida, la strega di nome Eliana che in quel momento era in viaggio verso Lormist.
La guida di Os, lo stregone di nome Tirron, era al comando della pattuglia che era stata colta di sorpresa.
Marciarono in silenzio fino alla baracca dove il comandante Morn teneva il suo consiglio di guerra. era poco più grande delle altre baracche che formavano il loro campo e poteva accogliere fino a dieci persone, se accettavano di stare strette.
In quel momento ce n’erano sei, due donne e quattro uomini, Morn compreso. Stava parlando a voce bassa, quai avesse paura di farsi sentire. “Rinforzate le difese. Mettete sentinelle con la vista notturna su entrambi i lati. Potrebbero tentare una sortita occultandosi.” Alzò gli occhi verso di loro. “Finalmente ti degni di farti vedere, Stanner.”
Zane ignorò la provocazione e si piazzò di fronte al comandante. “Che hai intenzione di fare?”
Morn lo guardò con disgusto. “Il mio dovere. Difendere l’avamposto e quelli che ci sono dentro.”
“E Oswalt? Tirron e gli altri?”
“Dovranno cercare di rientrare da soli.”
“Sono caduti in una trappola” disse Zane con veemenza. “Non pensi che il nemico potrebbe aver tagliato loro ogni possibilità di fuga?”
“In questo caso, possiamo solo sparare che trovino il modo di resistere.”
“Per quanto? Si sono portati dietro cibo per sei giorni, ma sono usciti da quattro. Cosa accadrà quando finiranno acqua e viveri?”
“Stanner” disse Morn alzando un po’ la voce. “Il mio dovere è prendermi cura dei mantelli e dei soldati che sono qui.”
“E Oswalt e Tirron non sono tuoi soldati?”
“Per loro non posso fare niente.”
“Invece dovresti. Prendi tutti i mantelli e le lance e corri a salvarli, se dici di tenere a loro.”
“Non osare darmi ordini, Stanner. Qui non c’è tuo padre a difenderti.”
“Se mio padre fosse qui andrebbe a salvare i suoi confratelli” disse prima di voltarsi e marciare fuori dalla baracca.
Sentiva ancora gli occhi ostili di Morn sulla schiena mentre si allontanava. Dian lo raggiunse di corsa.
“Che hai intenzione di fare?”
“Vado ad aiutarli” disse.
“Io vengo con te.”
Zane annuì. “Troviamo dei volontari. Chiunque voglia accompagnarci potrà essere utile.”
“Ci metteremo contro Morn.”
“Hai paura di quel mezzo stregone?”
“Ho paura che mi processino come rinnegato.”
Zane sorrise. “Ho sentito dire che Krikor è splendida in questa stagione.”
Dian gli sorrise di rimando.
Zane tornò al suo alloggio e prese la sacca che teneva dietro il giaciglio. Dentro, avvolte in un telo, c’erano delle strisce di carne secca e del formaggio ammuffito. Scrollò le spalle e accarezzò la spada al suo fianco. Trovava sempre conforto nel sapere che era lì. La guardia formata da due ali spiegate in volo e il pomolo somigliante alla testa di un’aquila riflettevano la luce tenue delle torce.
Soffiò sul fuoco e uscì dalla stanza senza chiudere la porta. Fuori dalla baracca, sul lato occidentale del campo, si era radunata una piccola folla.
Contò sette mantelli raccolti in un fazzoletto di terra. Tutti esibivano il rosso porpora e l’aquila d’argento che campeggiava su alcuni di essi con le ali spiegate e gli artigli pronti ad afferrare la preda.
“Nessun altro?” chiese Zane. Conosceva ognuno di quegli stregoni. Alcuni erano più anziani di lui e un paio erano più giovani.
Uno in particolare, Etgar, si era consacrato da un paio di Lune e poi era stato inviato lì a farsi le ossa perché la frontiera meridionale era ritenuta una zona tranquilla.
Fino a quel momento.
Fin a quando i rinnegati non erano aumentati ed era diventato rischioso uscire persino di pattuglia.
Zane gli rivolse una breve occhiata ed Etgar si fece avanti.
“Io” disse esitando. “Vorrei venire con voi.”
“Ci serve tutto l’aiuto possibile” disse Zane sicuro.
Etgar deglutì a vuoto. “Lo so, ma io mi chiedevo se fosse una buona idea. Ho sentito strane storie sui rinnegati. Si dice che pratichino la stregoneria proibita.”
Dian e un paio ridacchiarono. “E succhiano sangue e mangiano cadaveri con la luna piena.”
Etgar li guardò intimorito.
“Se vuoi restare qui sei libero di non venire” disse Zane con tono fermo. “Nessuno ti riterrà un codardo.”
O non te lo diranno apertamente, pensò.
Etgar deglutì di nuovo.
“Ma ti ricordo” proseguì Zane. “Che Oswalt è anche un tuo confratello. È stato uno di quelli che ti ha aiutato di più nei primi tempi o l’hai dimenticato?”
Etgar scosse la testa. “È vero, Oswalt si è preso cura di me e mi ha insegnato molte cose. Ma è la mia prima missione oltre i confini del campo e non vorrei essere d’intralcio.”
Zane sorrise. “Non sarà difficile. I rinnegati sono deboli e disorganizzati. Se li coglieremo di sorpresa fuggiranno dopo che avremo ucciso un paio dei loro.”
Etgar sembrò rilassarsi. “Tu credi, Zane?”
Annuì deciso. “È così. Fidati di me.”
“Allora sono dei vostri.”
“Bene” disse Zane rivolgendosi a tutti. “Prendiamo i cavalli e spicchiamo il volo, aquile” concluse alzando il pugno verso il cielo.
“Aquile” risposero gli altri imitandolo.
 
Dian strisciò verso di lui, incurante del terriccio reso denso dalle piogge che ci appiccicava al mantello e agli stivali.
Steso sulla cima della collina, gli occhi rivolti al gruppo di rovine che giacevano nella valle, Zane scrutava l’orizzonte con gli occhi socchiusi e le pupille che brillavano.
Da quella distanza, anche usando la vistalunga, stentava a riconoscere le figure che si muovevano tra le rovine.
Poteva però riconoscere i mantelli porpora e argento, anche se non distingueva le aquile e gli altri simboli di cui si fregiavano.
“Jarreg e gli altri attendono solo i tuoi ordini” sussurrò Dian.
Zane grugnì qualcosa.
A mezzo miglio di distanza dalle rovine, proprio alla base di una delle colline che circondavano la valle, aveva scorto altre figure.
Ne aveva contate almeno cento e forse ce n’era qualcuna di più, ma non sapeva dirlo con certezza. Per la maggior parte imbracciavano lance o spade, ma c’erano anche una dozzina di mantelli grigi.
“Zane” iniziò a dire Dian.
“Ti ho sentito” rispose spazientito. “Torna da Jarreg e digli di tenersi pronto. Lui e i suoi dovranno attaccare da dietro.”
“Sono almeno in cento” si lamentò Dian.
“Cento rinnegati” disse, come se quello ne riducesse il numero a meno di una dozzina.
“Ma pur sempre cento. Quelli dentro le rovine?”
“Ventidue. E due mantelli.”
Il che voleva dire che almeno uno di loro era morto o era stato preso prigioniero.
Sono più di quanto pensassi, si disse. Ma ormai siamo qui e non possiamo tornare indietro senza Oswalt e gli altri. Tutti riderebbero di noi. Morn riderebbe di me.
Il pensiero delle risa e del biasimo di quel mezzo stregone gli fecero perdere la concentrazione per qualche istante e con essa la vistalunga.
Dian si limitò ad annuire serio. “Ci servirà il loro aiuto.”
“Ci penserà Etgar ad avvertirli.”
Aveva pensato a quel compito semplice per quello stregone inesperto. Mentre loro impegnavano i rinnegati sui due fianchi, lui sarebbe corso alle rovine avvertendo Oswalt e gli altri di unirsi al loro assalto.
Attaccati su tre lati, i rinnegati avrebbero ceduto, perdendo coesione e fiducia, dandosi alla fuga. Quello che sarebbe accaduto dopo lo lasciava all’improvvisazione. Avrebbe valutato sul campo se fosse il caso di inseguirli o accontentarsi di una vittoria più modesta.
Una modesta vittoria non fa per me, si disse assaporando con un misto di ansia e desiderio il momento in cui avrebbe potuto scatenare il suo potere su quei rinnegati.
Da troppe Lune sentiva parlare delle loro scorribande oltre i confini di Lormist e desiderava misurarsi con loro per saggiare i progressi che aveva fatto.
Piegato in due ridiscese la collina e raggiunse i suoi confratelli. I cavali erano pronti e in cinque erano già in sella.
“Non aspettiamo il buio?” chiese Klelia, l’unica donna che si era unita al loro gruppo.
Zane scosse la testa. “Solo io so usare la vistalunga abbastanza bene. Dovremo attaccarli con il sole alle spalle, così la sorpresa sarà doppia.”
Dian montò in sella.
“Voi tre” disse indicandolo con un cenno della testa. “Fate il giro delle colline e portatevi sul lato meridionale. Aspetteremo fino a che il sole non sarà a due terzi della sua corsa prima di lanciarci all’attacco. Golomir.”
Golomir era il più grosso e imponente di quel gruppo e il suo cavallo sembrava faticare a sostenerne il peso. Sentendo il suo nome alzò la testa e raddrizzò la schiena.
“Tu sei l’unico che sa usare l’invisibilità. Avanzerai a piedi fino a duecento passi dal campo nemico e aspetterai il nostro assalto per attaccare.”
Golomir annui e smontò di sella. Appena a terra l’aria attorno al suo corpo sembrò ondeggiare e lui scomparve un po’ alla volta come dissolvendosi.
Con la vistalunga poteva scorgere l’aria incresparsi attorno al corpo dello stregone e un leggero chiarore disegnare a sua figura contro lo sfondo del cielo.
“Tieniti basso e non muoverti troppo” gli disse. “I rinnegati potrebbero guardare dalla tua parte con la vistalunga.”
“Starò attento” disse Golomir.
“Sapete tutti che cosa dovete fare” disse rivolgendosi agli altri. “In sella.”
 
Non parlarono fino a quando non furono nella posizione convenuta. Era stato semplice aggirare il campo nemico passando per i campi desolati a meridione, per poi risalire verso nord tenendosi bassi.
“Non ci sono sentinelle?” osservò Dian perplesso.
“Rinnegati” rispose Zane sicuro. “Non si aspettano un contrattacco da parte nostra. Ci credono infami che abbandonano i loro confratelli, come loro hanno fatto con i propri.”
Dian annuì con vigore. “Sarà una vittoria facile così.”
“La renderemo gloriosa nei nostri racconti” rispose Zane con un largo sorriso. “Lasciate a me il primo colpo. Quello sarà il segnale per tutti gli altri che l’attacco è iniziato.”
Tutti annuirono e Zane diede di sprone, lanciandosi al galoppo in direzione del campo nemico. Ad appena un centinaio di passi, lasciò le redini tenendosi aggrappato con gli stivali infilati nelle staffe ed evocò una sfera infuocata.
Un piccolo sole di fiamme ardenti prese forme tra i due palmi delle mani, come uno dei palloni con i quali a volte i ragazzini giocavano per strada.
Ma quello non era un gioco e quella sfera infuocata non avrebbe portato risate e gioia ai rinnegati.
Zane concentrò il suo potere nella sfera e la puntò verso il campo nemico, che da quella distanza era visibile di lato, mostrando un paio di baracche erette in tutta fretta e una recinzione fatta di pali infissi nel terreno.
Liberò l’incantesimo con un gesto deciso e la sfera infuocata volò verso una delle baracche, colpendola. L’impatto distrusse il tetto e abbatté le pareti di legno sparpagliandone i pezzi tutto intorno.
Zane riafferrò le redini e chinò la testa in avanti. Con la mano liberà evocò lo scudo magico, una barriera generata dal suo stesso potere che l’avrebbe protetto dai colpi dei nemici.
Che non arrivarono.
Perplesso, galoppò fino alla recinzione e la superò aggirandola, per gettarsi all’interno del campo vero e proprio. Estrasse la spada e la mulinò sopra la testa, pronto a colpire chiunque si fosse fatto avanti.
Nessuno arrivò.
Zane si guardò attorno accigliato. Lo spazio tra le baracche era occupato da pali di legno infissi nel terreno sopra i quali erano stati appesi pezzi di armatura, mantelli e pezzi di metallo arrugginiti.
Guardò Dian e gli altri che lo avevano seguito nel campo e si guardavano attorno con la stessa espressione.
“Dove sono tutti?” chiese l’amico perplesso.
Zane stava per rispondergli che non lo sapeva e non aveva idea di cosa stesse succedendo quando una forza misteriosa lo strappò via dalla sella e lo scaraventò lontano.
 
Zane atterrò sulla schiena e rotolò per una decina di passi prima di sbattere contro un dei pali di legno e fermarsi.
Il dolore alla schiena lo accecò per un istante, ma sapeva di doversi rialzare e in fretta. Vincendo la sofferenza scattò in piedi ed evocò un dardo magico.
Il proiettile di potere danzò sul palmo della sua mano destra, simile a un diamante dai lati sfaccettati e dai colori cangianti che cambiavano al ritmo del suo respiro.
Respirò a fondo cercando di mettere a fuoco la scena. Dove prima si trovava il suo cavallo ora c’era un cratere lago dieci o quindici passi.
Della bestia non vi era traccia, se non una carcassa annerita. Il corpo dell’animale aveva fatto da scudo, impedendo all’esplosione di travolgerlo con tutta la sua forza.
A qualche decina di passi di distanza, confusi nel fumo, individuò due figure che si avvicinavano a lui. Strinse la spada e si gettò verso di loro pronto a colpire.
Dal fumo emersero un uomo e una donna dai capelli scarmigliati e dai vestiti sbrindellati. Entrami impugnavano delle spade e l’uomo aveva uno scudo di legno.
Quando lo videro gridarono e alzarono le armi sopra la testa.
Zane si gettò verso l’uomo mulinando la spada. Lui cercò di colpirlo ma scartò di latto usando i riflessi aumentati dal suo potere, evitando l’affondo. Nel tempo di un battito di cuore danzò attorno al suo avversario e lo aggirò.
La sua spada fendette l’aria prima di affondare nell’addome dell’uomo. Non perse tempo ed estrasse subito la lama.
Dalla ferita il sangue scorse copioso.
L’uomo tentò di voltarsi e alzare la spada, ma Zane lo anticipò di nuovo grazie ai rilessi superiori donatigli dalla stregoneria e stavolta mirò alla gola dell’avversario.
Lui stava ancora gorgogliano parole incomprensibili mentre abbandonava la spada e lo scudo per portarsi le mani alla gola che la sua compagna si era gettata verso Zane.
“Ti ammazzo” gridò la donna alzando la spada.
Zane evitò l’affondo scartando di lato e fingendo di attaccarla al fianco. La donna si mosse con poca grazia e fece per voltarsi verso di lui, ma Zane scattò in avanti e la trafisse al centro del petto.
Stavolta si concesse tutto il tempo necessario per affondare il colpo fino all’elsa e quando al lama spuntò dall’altra parte, la tirò via con un movimento deciso.
La donna cadde in ginocchio, gli occhi vitrei e l’espressione stupita e terrorizzata sul volto.
Zane la ignorò e proseguì. Voleva uscire dalla nube che aveva avvolto il campo.
Hanno uno stregone, stava pensando in quegli attimi. Solo lui può avermi laniato quella sfera infuocata.
Qualcosa sibilò sopra la sua testa e lui si accucciò d’istinto.
Dardi, pensò. Ma chi li ha lanciati? E verso chi? Devo dirigermi verso la fonte o il bersaglio?
Scelse una delle due direzioni fendendo l’aria con rapidi balzi fino ad arrivare a una delle baracche. Qui, ai piedi dell’entrata, giaceva una figura con la testa abbassata, come se si fosse addormentato sull’uscio della porta.
Il mantello porpora e argento che gli avvolgeva parte dell’addome acuì la sua rabbia. Strinse i denti e cambiò direzione all’improvviso.
Il terreno esplose alla sua sinistra scaraventandolo via come una bambola di pezza. Atterrò sulla schiena sbucciandosi i gomiti e si rimise in piedi con un balzo, lo scudo magico evocato davanti a sé.
Nella nebbia innaturale provocata dalle esplosioni, tese i sensi all’ascolto.
Un grido di dolore o di rabbia echeggiò alla sua sinistra.
Passi che si allontanavano sulla destra.
Una spada che sbatteva contro il fianco davanti a sé.
Il respiro affannato, di chi corre da troppo tempo, alle sue spalle.
Girò il busto di scatto, la spada sollevata a mezz’aria per intercettare la lama che stava calando verso la sua schiena. Nello stesso istante lanciò due dardi magici nella stessa direzione.
Una cascata di scintille illuminò la foschia.
Stregone rinnegato, pensò in un soffio.
Un’ombra emerse dalla nebbia e la figura di un uomo prese forma. Brandiva una spada con la mano sinistra mentre con la destra aveva evocato lo scudo magico. Un mantello grigio gli scendeva dalle spalle fino alle caviglie.
Zane sentì ribollire la rabbia dentro di sé. In quel momento desiderava solo scagliarsi contro il rinnegato e affondare la spada dentro il suo petto.
Era pronto a difendersi dal suo attacco a colpire veloce, ma il rinnegato fece un passo indietro. “È qui. L’ho trovato” gridò.
Zane si accigliò.
“Tienilo lì” rispose una voce dalla foschia. “Non lasciatelo sfuggire.”
Il rinnegato ghignò. “È già mio.”
Zane respirò a fondo incurante di inalare il fumo delle esplosioni. In quel momento aveva bisogno di riflettere su quello che stava accadendo.
Ma prima doveva togliersi da quella posizione.
Alzò la spada e avanzò con un balzo verso il rinnegato. Lui non intercettò il suo fendente e rispose scartando di lato e cercando di colpirlo al fianco.
Troppo lento, pensò Zane mentre con i riflessi migliorati dagli incantesimi affondava il colpo nell’addome dell’avversario.
Invece di incontrare la resistenza che si era aspettato la lama sembrò fendere l’aria. La figura del rinnegato ondeggiò, dissolvendosi come se fosse fatta di fumo.
Apparizione spettrale, pensò Zane. Come posso essere stato così ingenuo? È un trucco vecchissimo.
Mentre lo spettro si dissolveva il suo cuore prese a martellargli nel petto.
È una trappola, si disse. Il rinnegato non vuole combattere ma solo distrarmi. Ma deve essere qui vicino. Ho sentito la sua voce poco fa.
Qualcosa gli afferrò la caviglia e sentì il dolore avvampare all’istante. D’istinto saltò di lato ma inciampò e rotolò sul fianco.
Ragnatela spettrale pensò mentre cercava di tenere la mente lucida mentre teneva a bada il dolore.
La nebbia generata dalle esplosioni non si era ancora dissolta ma Zane decise di non attendere oltre. Anche se non poteva vedere chi lo stava attaccando avrebbe trovato il modo di colpirlo.
Le sue mani vennero avvolte dal fuoco che come un serpente tentò di risalire verso la spalla mentre cercava di controllare l’incantesimo.
Con uno sforzo di volontà diresse il fuoco verso la foschia spazzando attorno a sé tutto ciò che incontrava per una trentina di passi.
Mentre dirigeva le fiamme ruotò su sé stesso e ne venne avvolto. Gridò, di rabbia e di frustrazione, mentre esauriva le sue ultime energie in un ultimo getto infuocato che spazzò il terreno incenerendo l’erba e tutto ciò che incontrava.
Nel silenzio che era piombato attorno a lui si gettò di corsa verso il confine del campo, saltò sopra la recinzione e atterrò dall’altra parte.
Sopra la sua testa sentì i dardi magici sibilare.
“È andato da quella parte” gridò una voce.
“Non lasciatelo fuggire.”
“Grem è a terra e Syltis è morto.”
“Penseremo a loro dopo.”
“Gliela farò pagare.”
Corse senza voltarsi mentre cercava un cavallo che fosse sopravvissuto al primo attacco. Ne trovò uno che si era allontanato abbastanza dal campo.
Ai suoi piedi, riverso in una pozza di sangue, c’era Dian.
“Sei ferito?”
Lo stregone sollevò la testa. Sotto la gola aveva uno squarcio dal quale il sangue usciva a fiotti e gli aveva imbrattato la tunica fino a quel giorno linda.
Zane trattene un’esclamazione di rabbia. Fissò Dian per qualche istante, poi lui rabbrividì e chiuse gli occhi, reclinando la testa in avanti.
Scavalcò il corpo dell’amico e saltò in sella al cavallo, stringendo le redini tra le mani diede uno strattone deciso e si lanciò al galoppo.

Note
E dopo questo capitolo, mi prendo un periodo di meritate(?) vacanze :D
Ci vediamo a Settembre!

Prossimo Capitolo Domenica 6 Settembre

Ritorna all'indice


Capitolo 19
*** Un rischio da correre ***


Un rischio da correre
 
Il corvo volò sopra la sua testa lanciando un richiamo. Mentre le percorreva la strada tra due ali di folla silenziosa che la fissava con ostilità.
Alzò la testa verso la piattaforma di legno che era stata eretta al centro della piazza che stava attraversando.
È un patibolo, pensò. Perché sono qui?
Il corvo lanciò un altro richiamo.
Quando alzò la testa, l’uccello dalle ali nere era sparito, sostituito da un cielo grigio che andava scurendosi. Nel frattempo era arrivata alle scale che portavano al patibolo.
Dalla folla si alzò il pianto di una bambina.
“Sono stata brava?” le chiese una voce rotta dalla sofferenza.
“Sì. Sei stata brava” rispose una seconda voce rotta dalla commozione.
Voleva piangere tale era la sofferenza che sentiva, ma c’era anche sollievo in tutto quello.
 
Shi’Larra aprì gli occhi, ritrovandosi a fissare il soffitto. Era un bel soffitto di legno con le travi che si incrociavano a due alla volta per sostenere il tetto spiovente.
Ricordò che quella era una stalla e non una vera casa.
Sempre meglio di quella dannata prigione, si disse.
Gli uomini delle pianure non erano stati gentili con lei, ma la donna di nome Nimlothien lo sembrava ancora di meno, anche se a parole era amichevole.
E poi c’era quella ragazzina.
Dyna, era quello il suo nome.
Non parlava molto ma sapeva ascoltare. In qualche modo riusciva a capire se stesse mentendo o meno.
“Le tue parole puzzano” diceva ogni volta che mentiva, per quanto piccola fosse la bugia. Shi’Larra la trovava insopportabile e cercava di evitarla per quanto potesse, solo che lì al campo dell’orda era impossibile non incontrarsi almeno due o tre volte al giorno, se non di più.
L’orda.
Quello era il nome che i soldati prigionieri davano alle forze guidate da Nimlothien. La strega bianca la definiva armata di Malag quando ne parlava.
Malag.
Quello era un altro enigma che Shi’Larra si augurava di non risolvere mai.
Non l’aveva mai visto di persona ma una volta, quando si era sparsa la notizia che stesse per visitare quel campo, l’attività si era fatta febbrile. La gente aveva smesso di fare qualsiasi cosa stesse facendo e non aveva parlato d’altro per tutta la giornata e quella seguente.
Nimlothien aveva fatto frustare un paio di quelli che avevano diffuso la notizia e quello era bastato a far tornare tutti al lavoro.
Malag non si era visto, lasciando insoddisfatta la curiosità di Shi’Larra.
Si toccò lo stomaco. Sotto lo spesso tessuto della tunica di lana avvertì un brontolio sordo che le ricordò di dover mangiare qualcosa.
Condivideva la baracca con altre sette persone ma tutti i giacigli tranne il suo erano vuoti. Si alzò a fatica e guadagnò l’uscita.
Il campo non era cambiato molto dal giorno prima.
C’erano ancora le tende piantate tra le baracche, alcune delle quali erano ridotte in macerie o bruciate. Aveva saputo che c’era stata una battaglia sei o sette giorni prima e che i nemici si erano ritirati cercando di bruciare il villaggio.
Con tutti quelli che ci abitavano.
“E tutto solo per non lasciarci prendere i granai pieni” si era lamentato uno degli stregoni col mantello grigio. Aveva scosso la testa ed era andato via.
Nimlothien e una dozzina di mantelli, insieme a un centinaio di soldati armati con lance e scudi ammaccati e in cattive condizioni, erano sopraggiunti poco dopo la battaglia e avevano aiutato i sopravvissuti a spegnere gli incendi.
Ora metà degli abitanti era morta o fuggita via, mentre quelli che erano rimasti si erano uniti all’orda di Malag, compresa una ragazza dagli occhi scuri e penetranti che le aveva portato da mangiare la sera prima.
“Questa era la mia casa” aveva detto indicando la baracca ridotta a un cumulo di macerie.
Shi’Larra non aveva osato chiederle se fosse morto qualcuno lì dentro. “Come ti chiami?” le aveva invece domandato.
“Avalura” rispose lei. “Ma tutti mi chiamano Lura” aggiunse stringendosi nelle spalle.
“È un bel nome.”
“E tu come ti chiami?”
“Shi’Larra” aveva risposto. “Ma tutti mi chiamano Shi.”
Lura le aveva sorriso. Era la prima a farlo in maniera genuina da quando era lì. “Ora devo andare. Se hai bisogno di qualcosa vieni pure da me.”
Appena fuori dalla baracca dormitorio Dyna le venne incontro facendola trasalire per la sorpresa.
“Ti aspettavo” disse la ragazzina fissandola seria.
“Aspettavi me?”
Lei annuì sicura.
“Perché?”
“Me l’ha ordinato maestra Nimlothien.”
“Sei qui fuori da quanto?”
“Il sole non era ancora sorto.”
Shi’Larra la immaginò lì fuori al buio a fissare la porta del dormitorio. “Potevi entrare e svegliarmi se era così importante.”
“Maestra Nimlothien mi ha detto di non disturbarti mentre dormi e di aspettare che fossi sveglia.”
Shi’Larra annuì. “E ora?”
“Andiamo dalla maestra Nimlothien.”
“Speravo di poter mangiare qualcosa, prima.”
Dyna la fissò con sguardo intenso.
“Ho capito. Ordini della maestra Nimlothien. Portami da lei, allora.”
Dyna le fece strada fino all’edificio più alto del villaggio, che in quel caso aveva due livelli di cui uno, quello inferiore, era di pietre mentre quello superiore di tronchi di legno legati tra loro.
Le indicò l’ingresso sbarrato con una porta messa di traverso.
“È lì dentro?” chiese esitando sulla soglia.
“Ti aspetta” disse Dyna.
Shi’Larra si fece coraggio ed entrò.
L’interno era immerso nella penombra. Le finestre erano annerite dalla fuliggine e bloccavano la luce del sole. C’era puzza di bruciato e il pavimento scricchiolava sotto i suoi passi.
Nimlothien sedeva al buio, lo sguardo fisso verso una parete. Si fermò a cinque o sei passi di distanza e si schiarì la voce.
“Dyna dice che volevi vedermi.”
Nimlothien distolse lo sguardo e posò i suoi occhi brillanti su di lei.
“Hai dormito bene?”
Shi’Larra annuì. “Come non mi succedeva da parecchi giorni.”
O da prima che venissi accusata, processata ed esiliata, pensò.
Da allora le sue notti erano state fredde e scomode. Fino a quel momento.
Nimlothien annuì solenne. “E hai sognato, anche?”
“Io sogno sempre, anche se spesso non ricordo o non so interpretare ciò che vedo.”
La donna fece una smorfia. “Mi spiace sentirtelo dire. Speravo di contare su di te.”
Shi’Larra sentì crescere la tensione. “Se mi dicessi cosa ti serve, forse potrei servirti meglio.”
“Mi serve il tuo potere, se lo possiedi davvero.”
“Non è un potere. È più una maledizione.”
“Allora mi serve la tua maledizione, chiamala come ti pare.”
“Cosa te ne fai dei sogni?”
“Se i tuoi sogni prevedono il futuro, possono essere molto utili. Come l’ultima volta.”
Shi’Larra ricordò cosa fosse accaduto nove giorni prima, quando aveva sognato del fiume di fuoco e della montagna che sprofondava.
Aveva riferito il sogno a Nimlothien, come faceva da quando lei l’aveva accolta nell’orda.
“Tutto qui?” aveva domandato lei.
Shi’Larra si era stretta nelle spalle. “La visione era molto chiara.”
“Ma è lo stesso incomprensibile.”
Poi le pattuglie avevano riferito di un contingente nemico a mezza giornata di cammino da lì e Nimlothien e gli altri stregoni e guerrieri erano partiti.
Aveva saputo che c’era stata una battaglia e che un famoso stregone nemico era stato ucciso.
“Bryson la Montagna”, le aveva detto Nimlothien tornando con un sorriso trionfale sulle labbra sottili. “L’hanno tirato giù Garrik e Olsend da soli. Credo che dovrò premiarli.”
Shi’Larra si era limitata ad annuire.
“E tutto per merito tuo. Tu l’avevi visto. O per meglio dire, sognato.”
Lei si era accigliata.
“La montagna che sprofonda. Era Bryson, giusto?”
“Io ho visto una grossa montagna che spariva ingoiata dal terreno.”
“E un fiume di fuoco che le scorreva accanto” aveva detto Nimlothien. “L’incantesimo che l’ha distrutto.”
“Lo stai dicendo tu” aveva osservato prudente.
Nimlothien aveva sorriso. “Ti sei appena guadagnata un posto come mia consigliera” aveva detto.
Consigliera, pensò Shi’Larra. È una persona che consiglia. Ma Nimlothien non vuole consigli. Se me lo chiedesse, le direi di essere prudente e di non fidarsi delle mie visioni. Ma lei vuole conoscere il futuro. Per farci cosa, poi?
“L’ultima volta è stato un caso” disse prudente.
“Io non credo.” Nimlothien fece un cenno alla sua sinistra.
Dall’oscurità emerse la figura di un nomo di mezza età, i capelli radi e tendenti al grigio. Aveva le mani dietro la schiena e indossava un saio grigio chiuso in vita da una cintura marrone.
“Lui è Hallen” disse Nimlothien.
Hallen la salutò con un leggero inchino con la testa. “Io ti saluto, Shi’Larra.”
“Io invece non ti conosco” rispose diffidente.
“Non c’è bisogno di essere sgarbate” la rimproverò Nimlothien. “Hallen è qui per darci una mano. È un erudito piuttosto famoso ed è una fortuna che si sia unito all’orda.”
“Dopo che i Vigilanti avevano distrutto la mia accademia” disse Hallen. “Non potevo fare altro. Il mio era un imperativo morale.”
“Diciamo pure che non avevi altro posto dove andare. Che cosa studiavate alla vostra accademia, mio saggio amico?”
Hallen fece una smorfia. “Per un’antica e consolidata tradizione, le nostre ricerche volgevano soprattutto sulle erbe.”
“Non essere modesto” disse Nimlothien con tono divertito. “Avete creato alcuni dei migliori veleni del mondo conosciuto.”
“Creare veleni è l’unico modo per trovare gli antidoti. Le nostre pozioni sono altrettanto famose. O almeno lo erano” concluse con tono triste.
Nimlothien fece un gesto vago con la mano. “Quello che è, erudito. La nostra amica Shi’Larra ha bisogno del tuo consiglio e tu glielo darai.”
“Ne sarò lieto. Che genere di consiglio ti serve? Nimlothien mi ha parlato vagamente del tuo potere.”
“Non è un potere” iniziò a dire Shi.
“È una maledizione, sì” disse Nimlothien spazientita. “Lo hai già detto. Ora parla all’erudito dei tuoi sogni.”
“Che vuoi sapere?” fece Shi prudente.
Hallen socchiuse gli occhi dandole l’impressione di trovarsi di fronte a un serpente che stesse per morderla. “Da quanto hai questi sogni?”
“Da quando ero molto giovane” rispose prudente.
L’erudito annuì grave. “C’è un evento particolare accaduto prima che iniziassero i sogni?”
Scrollò le spalle. “Non ricordo. Ero solo una bambina.”
“Però ricordi che è da allora che sono iniziati i sogni.”
Per un attimo annaspò senza sapere che cosa rispondere. “Io credo” disse dopo un attimo di esitazione. “Che siano iniziati dopo la morte di mia madre.”
Hallen annuì di nuovo. “Come sospettavo. Per molti stregoni è lo stesso. Un evento decisivo provoca lo sbocciare dei loro poteri.”
“Io non sono una strega” disse Shi’Larra sulla difensiva.
“La divinazione è una forma di stregoneria” rispose l’erudito.
“Una forma proibita” disse Nimlothien. “È per questo che ti hanno esiliata. Se qualcun altro lo sapesse, potrebbero farti molto di peggio.”
Shi’Larra si accigliò
“Non temere. Finché resti con noi sei al sicuro” disse la donna. “Ma non devi mai allontanarti da qui o correrai il rischio di fare una brutta fine, lo capisci?”
Annuì con prudenza. Più che un consiglio, quello di Nimlothien sembrava una minaccia.
“Possiamo fare qualcosa per aiutarla, erudito? I sogni della nostra amica spesso sono confusi e difficili da interpretare.”
Hallen assunse un’aria grave. “Non posso migliorare il suo potere con una pozione” disse. “Ma posso aiutarla a liberare la sua mente dai pensieri che non riguardano i suoi sogni divinatori. Conosco molte pozioni utili allo scopo.”
“Hai detto che crei veleni” disse Shi’Larra preoccupata. “Chi mi assicura che non mi avvelenerai con una delle tue pozioni?”
“Non succederà” disse Nimlothien scattando in piedi. “Non è vero, erudito?”
“C’è sempre un minimo rischio da correre.”
“E lo correremo, ma alla nostra amica non deve succedere niente di grave.” Le rivolse un’occhiata penetrante. “La guerra non sta andando bene come speravamo. Anche con la resa di Nestorin, i nemici che dobbiamo fronteggiare sono tanti e una nuova alleanza sta sorgendo. Dobbiamo colpirli prima che loro colpiscano noi. Con il tuo potere, potremo ribaltare le sorti della guerra. Posso contare sul tuo aiuto, Shi?”
Voleva dirle che solo gli amici la chiamavano in quel modo e che lei non era affatto sua amica, ma si ritrovò ad annuire.
In che guaio mi sono infilata? Si chiese mentre Nimlothien l’accompagnava all’uscita della baracca.

Note
Ed eccomi di ritorno dalle meritate (?) vacanze con un nuovo capitolo come promesso.
Vi prometto che fino a natale non ci fermeremo più (ok, sembra più una minaccia ma è così :D )
Datemi il tempo di rassettare casa e riempire di nuovo i cassetti e poi sarò da voi.
Nel frattempo accomodatevi, pendete i biscotti e gustatevi la lettura.

Prossimo Capitolo Giovedì 10 Settembre

 

Ritorna all'indice


Capitolo 20
*** La figlia dell'infame ***


La figlia dell’infame
 
“Il nostro accordo non prevedeva tutto questo” si lamentò Gryf per l’ennesima volta e per l’ennesima volta si beccò un’occhiata di rimprovero da parte di Lathias.
Lo stregone camminava al suo fianco, appena un passo indietro, il mantello che gli sfiorava le caviglie. Accanto a lui, c’era una figura più bassa e col viso nascosto da un cappuccio.
A Gryf sembrava un trucco stupido.
Così attirerà l’attenzione di tutte le guardie da qui al passaggio orientale, si era detto.
E quella era l’ultima cosa da fare. Attirare l’attenzione poteva costar loro caro, su questo Lathias era stato chiaro.
“Smettila di lamentarti e fai quello per cui sei stato pagato.”
“Devo ancora vedere una moneta di quelle che mi avete promesso” si lamentò. “Per ora sto solo correndo dei rischi per voi due. Mi spieghi perché non potete passare da una delle porte cittadine per andarvene via?”
“Quante volte dovrò spiegarti che vogliamo andarcene senza essere visti?” rispose lo stregone con tono esasperato.
“Dovrai farlo finché non mi dirai il motivo.”
“A che ti servirebbe?”
“Sarei più tranquillo. E lavorerei meglio.”
“Vuoi dire che ora non stai facendo un buon lavoro? Di proposito?” Lo sguardo di Lathias si indurì.
“No, no” si affrettò a dire. “Penso solo che se mi diceste da cosa o chi state scappando…”
Lathias lo afferrò per il bavero e lo spinse contro il muro. La botta fu così forte da togliergli il fiato.
“Chi ti ha detto che stiamo scappando?” gli chiese lo stregone stringendogli le mani attorno al collo.
Gryf cercò di rispondere ma dalla gola uscì un gorgoglio incomprensibile.
“Chi?” fece Lathias digrignando i denti. “Parla.”
La figura nascosta dal cappuccio gli mise una mano sulla spalla. “Lascialo, Lat. Stiamo attirando troppo l’attenzione.”
Lathias emise un grugnito e allentò la stretta sul collo di Gryf.
“Il tuo amico ha ragione” disse con voce roca. “Se non ti dai una calmata le guardie si insospettiranno.”
La strada era ancora vuota a quell’ora ma si sarebbe riempita presto. Si stavano dirigendo verso i mercati, ma non si sarebbero fermati lì a lungo. Gryf voleva evitare le zone presidiate dagli uomini di Quintis.
Se l’avessero riconosciuto…
“Smettila di fare domande e andrà tutto bene” disse lo stregone.
Gryf sistemò il colletto. “Lasciami spiegare” disse con tono calmo. “Stavo solo cercando di dirti che se sapessi che cosa avete combinato voi due, potrei aiutarvi.”
Lathias gli lanciò un’occhiata feroce.
“Senti, è chiaro che state scappando dalla città per qualche motivo” disse con prudenza. “Non mi interessa perché volete andarvene, anzi, ti dirò la verità: anche io ne ho abbastanza di Talmist. L’aria è cattiva e la gente poco ospitale. Sono sicuro che ci siano posti migliori di questo lì fuori.”
“Noi non stiamo scappando” disse la figura incappucciata.
“Scusa amico, ma a me sembra proprio una fuga, la vostra.”
“Stiamo cercando una persona.”
“Chi?” chiese Gryf.
“Non dovresti dirgli troppe cose” disse Lathias. “Non possiamo fidarci di lui.”
“Ci stiamo fidando abbastanza da consentirgli di farci da guida” disse la figura. “Penso sia arrivato il momento di soddisfare almeno in parte la curiosità di Manidolci.”
Gryf cercò di non mostrare il suo disappunto per quel soprannome. Non gli era mai piaciuto ma gli era stato dato fin da quando, poco più di un ragazzo, aveva lasciato l’orfanotrofio per avventurarsi in strada.
“Solo se la smetterà di farci troppe domande” disse Lathias severo.
“Sul mio onore.”
“L’onore di un ladro” disse lo stregone.
“Se ti riferisci alle voci che girano su di me…”
“Vuoi ascoltare o no la nostra storia, Manidolci?”
Gryf strinse le labbra e annuì.
“Bene” fece il tizio incappucciato con tono calmo. “La persona che stiamo cercando potrebbe aiutarci nella guerra che è appena iniziata.”
“Di che guerra parli?”
“Quella contro l’orda dell’arcistregone.”
Gryf ne aveva sentito parlare, era una voce che girava tra i vicoli da qualche giorno, ma era stato così impegnato a nascondersi e far perdere le proprie tracce che non vi aveva prestato troppa attenzione. “Una guerra, sì” disse per non sembrare impreparato. “Ne ho sentito parlare.”
“Per ora non è arrivata ancora qui” disse il tizio incappucciato. “Ma prima di quanto pensiamo sarà alle nostre porte, è inevitabile.”
“Io non voglio partire per la guerra” disse sulla difensiva.
“Non ascolti quando ti spiegano le cose, Gryf?” fece Lathias con tono canzonatorio. “Che tu lo voglia o meno, presto dovrai combattere. Tutti dovremo farlo, per l’una o l’altra parte.”
“E voi per quale parte combatterete?” domandò sulla difensiva.
“Non da quella che ti aspetteresti” rispose il tizio col cappuccio.
“Ci capisco meno di prima” ammise. “Hai detto che dovete cercare una persona. Chi?”
“Mio padre” rispose il tizio. Spostò appena il cappuccio per rivelargli il viso e Gryf trasalì.
Occhi di un verde acceso lo fissarono per qualche istante, prima che una ciocca di capelli gialli come il grano li nascondessero. Ebbe la fugace visione di due labbra piene e di un rosso accesso e un naso dalla curva delicata ricoperto di lentiggini.
“Tu sei” iniziò a dire.
Lathias gli coprì la bocca con la mano. “Qualunque nome tu stia per pronunciare, non farlo.”
Gryf lottò per allontanare la mano dello stregone. “Io ti conosco, non di persona, ma ti ho vista.”
Il tizio col cappuccio, che a questo punto poteva anche chiamare tizia col cappuccio, tornò a ascondere il viso ed ebbe l’impressione che stesse sorridendo.
“Sono piuttosto famosa” disse.
“Famigerata è la parola che stavo per usare” disse prima di rendersi conto che quella frase poteva suonare come un’offesa. “Chiedo scusa. Non volevo offenderti, ma girano delle voci sul tuo conto.”
“Lo so che voci girano e so come mi chiamano. La figlia dell’infame, del voltagabbana. Sangue del traditore e così via. Ci sono abituata.”
“Io non ho mai usato quelle parole” si affrettò a dire.
“Buon per te” disse Lathias divertito. “O ti avrei rotto il naso.”
“Quindi tu sei la sua guardia del corpo?”
“Sono più una guida” disse lo stregone.
Gryf scosse la testa. “Scusa se te lo dico ma, tutti sanno che tuo padre è morto nella guerra contro Vulkath.”
“Lui è vivo” disse la tizia incappucciata.
“Come fai a dirlo?”
“Mi ha mandato un messaggio.”
“Non dovresti dirgli troppe cose. Non possiamo fidarci di lui.”
“Ormai sa troppo” disse la sua protetta.
“Non dovevi dirgli troppo.”
“Meritava di sapere. Adesso anche lui è coinvolto.”
“Io non voglio saperne niente” disse subito Gryf. “Vi porterò fuori città e poi le nostre strade si divideranno.”
Era pentito di aver chiesto a quei due di dirgli il motivo per cui volevano lasciare la città.
Meno cose so di questa storia e meglio sarà per me, si disse.
 
Attraversarono la zona dei mercati senza incontrare guardie e quando giunsero alla piazza circolare dove i carretti pieni di mercanzie sparivano e con essi gli avventori, lasciando il posto agli sbandati che vivevano nella parte più povera della città, si sentì più sicuro.
Lì era nella zona che conosceva meglio, quella dove era cresciuto dopo aver lasciato l’orfanotrofio. Lì aveva fatto a botte la prima volta, aveva borseggiato un passante per la prima volta ed era stato inseguito dalle guardie la prima volta.
Lì si era guadagnato il rispetto di quelli che vivevano nei bassifondi, i ratti di Talmist come si facevano chiamare. E anche l’odio di un paio di loro.
“Dove?” chiese Lathias nervoso.
“Qui vicino” rispose tenendosi sul vago.
“È da mezza giornata che dici che siamo vicini” si lamentò lo stregone. “Inizio a pensare che tu non sappia dove stiamo andando. Ci stai facendo fare un sacco di giri inutili.”
“È per disorientare chi ci sta seguendo.”
“Chi ti dice che ci stanno seguendo?” chiese la tizia col cappuccio.
“Nessuno. Ho una sensazione.”
“Hai per caso qualche potere?”
Scosse la testa con vigore. “No, no. Sono solo cresciuto per strada e…” Si interruppe e guardò in alto, dove si ergeva una torre spezzata in due. La metà superiore giaceva in macerie vicino alla base. “Siamo arrivati” disse.
“La Vecchia Torre” disse Lathias guardando in alto. “Perché ci hai portati qui?”
“Qui c’è uno degli ingressi al quartiere sotterraneo” disse con noncuranza. “Sai di cosa sto parlando?”
“Quello che tu chiami quartiere sotterraneo, io lo chiamo rifugio di rinnegati e malfattori.”
Gryf scrollò le spalle. “Quello che è.” Indicò l’ingresso, un’apertura circolare scavata nelle pietre della torre. “Da quella parte.”
Lathias esitò.
“Che c’è ancora? Non volevi uscire dalla città?”
“Sai perché la torre non è mai stata ricostruita?” gli chiese lo stregone.
Gryf ghignò. “Ti riferisci alla leggenda?”
“Non è una leggenda” rispose l’altro. “La maledizione è reale.”
“Ho usato parecchie volte questo ingresso e ti posso assicurare che è sicuro” disse.
In realtà non ne era affatto certo. Aveva scelto l’ingresso della torre perché era quello meno usato. Tutti i ratti parlavano della maledizione che aleggiava su quel posto e si diceva in giro che fossero morti una dozzina di contrabbandieri che avevano usato quei condotti negli ultimi due anni.
Gryf stesso aveva usato solo due volte l’ingresso della torre e lo conosceva a malapena, ma aveva troppa paura di usare gli altri passaggi. Gli uomini che Quintis aveva messo sulle sue tracce conoscevano quei posti e l’avrebbero atteso al varco se fosse passato di lì.
Superarono l’apertura e si inoltrarono nella torre, arrampicandosi sulle macerie disseminate in giro. Da quel punto di intravedevano le fondamenta che affondavano nel terreno e proseguivano nel buio.
Proprio lì vicino c’erano delle scale scavate nella roccia che scendevano verso il basso.
“Da questa parte” disse rivolgendosi alla tizia incappucciata.
“Ora che sai chi sono” rispose lei. “Puoi anche chiamarmi col mio nome.”
Gryf fece per aprire la bocca e in quel momento il mondo sembrò esplodere. Una forza irresistibile lo sollevò scagliandolo via per una decina di passi facendolo sbattere con la schiena contro la parete di roccia.
Gridò per il dolore e la sorpresa mentre ricadeva al suolo e sbatteva con le natiche sul pavimento di pietra. Appena a terra tentò di rimettersi in piedi ma una mano lo trattenne.
“Se ti alzi adesso ti colpiranno” disse una voce sopra di lui.
“Chi?” riuscì a dire.
“Le persone che ci stavano seguendo” rispose la voce di prima.
Gryf aprì gli occhi e nella foschia grigiastra dei detriti sollevati dall’esplosione intravide il viso dai lineamenti dolci di una ragazza. Il cappuccio che le aveva coperto gli occhi di un verde brillante adesso era sollevato e le ricadeva sulle spalle strette. “Avevo ragione io” disse tossendo.
La ragazza annuì. “Dovevamo fidarci di te, Manidolci. In fondo sei tu quello esperto in questo gioco.”
“Di che gioco parli?” domandò cercando di schiarirsi la vista e la mente.
Attorno alla ragazza l’aria sembrò incresparsi. Scintille piovvero sul suo fianco e la schiena.
“Ci hanno visti” esclamò lei, la voce rotta dalla tensione e dalla fatica. “Non riuscirò a bloccare a lungo i loro incantesimi. Devi mostrarmi la strada per andare via.”
Gryf indicò le scale sotto di loro. Nella voragine aperta dall’esplosione si vedevano solo i bordi frastagliati. “È quella l’unica via.”
“Passeremo di lì” disse la ragazza sicura.
“È un salto di almeno cento passi. Moriremo.”
La ragazza lo afferrò per la spalla sollevandolo senza alcuno sforzo apparente.
È forte, pensò Gryf. Più di quanto pensassi. Come farà a…
Scintille esplosero attorno a loro ricordandogli che qualcuno li stava attaccando.
“Chi sono?”
“Mio cugino, credo” rispose la ragazza.
Lathias apparve come dal nulla, il viso coperto di sangue e il mantello strappato in più punti. Respirava a fatica, l’espressione stravolta.
“È Jurev” disse, come se quello spiegasse ogni cosa.
La ragazza annuì.
“Ne ho uccisi due, ma saranno almeno in dieci” aggiunse lo stregone. “Devi andare.”
“Andremo insieme” disse lei.
“Solo voi due, Phelia” rispose Lathias. “Io li terrò a bada più che posso.”
La ragazza strinse le labbra. “Dimmi che ti salverai.”
Lathias annuì solenne. “Tornerò a prenderti. Voi andate.”
Phelia si sporse oltre la voragine. “Aggrappati alle mie spalle” disse rivolta a Gryf.
Lui esitò.
Attorno a loro esplosero di nuovo le scintille e stavolta Gryf vide il punto da cui erano stati lanciati i dardi magici. Ognuno di quei proiettili poteva ucciderlo, se chi li aveva lanciati era abbastanza vicino e preciso.
“Che aspetti? Vai” lo incalzò Lathias. “Porta la principessa Phelia fuori di qui, al sicuro. È un ordine.”
“Io” disse Gryf. “Non mi pagate abbastanza per questo. Ora che ci penso, non mi avete pagato affatto.”
Lathias lo spinse verso Phelia e lui d’istinto afferrò le spalle della ragazza.
“Aspetta” esclamò, ma Phelia si era già spinta oltre la voragine e stavano precipitando nel buio.

Prossimo Capitolo Domenica 13 Settembre

Ritorna all'indice


Capitolo 21
*** Ordini della Governatrice ***


Ordini della Governatrice
 
“Questo vestito” protestò Valya. “È troppo stretto.”
Olethe fece una smorfia disgustata. “Il vestito è della taglia giusta. Indossalo senza fare troppe storie.”
Valya infilò le mani nel corpetto che le stringeva il petto e tentò di allargarlo, ma senza riuscirci. “Lo vedi? Mi sta appena.”
“Devi dargli il tempo di adattarsi al tuo corpo” rispose la donna. “Izora. Sistemale i capelli.”
Valya le rivolse un’occhiata torva. Da tre giorni Olethe e le due ancelle la costringevano a vestirsi in quel modo ridicolo. Lei avrebbe voluto indossare i vecchi vestiti che aveva portato da Cambolt, il pantalone largo e comodo e la tunica che le consentiva di muoversi libera invece di sembrare un manichino.
Olethe era stata irremovibile. “Ho fatto bruciare quella robaccia.”
“Non puoi” aveva protestato Valya. “Sono i miei vestiti.”
“Ora ne hai altri e migliori.”
Valya strinse i denti. “Quanto ci vorrà per abituarmi?”
“Giorni. Lune. Chi può dirlo?”
“Lune?” chiese trasalendo.
Olethe annuì decisa. “Ascoltami bene, figlia del fabbro.”
“Mi chiamo Valya.”
La donna fece una smorfia. “Sua eccellenza la governatrice mi ha ordinato di renderti presentabile e io lo farò, che tu lo voglia o meno.”
“Perché?”
“Non ne ho idea. Io eseguo solo gli ordini, non li discuto. Domandalo a sua eccellenza se vuoi saperlo.”
Valya fece per dirigersi alla porta. “Ci vado subito.”
“Adesso non è possibile” disse Olethe. “Sua eccellenza è in riunione e non può essere disturbata.”
“Quando allora?”
La donna sospirò. “Manderò un valletto e te lo farò sapere.”
“Mi troverai da mio padre. Alla forgia” disse avviandosi alla porta.
Olethe le sbarrò il passo. “Mi spiace, ma la forgia non è il luogo adatto per una ragazza.”
“Voglio vedere mio padre. Sono tre giorni che glielo impedite.”
“Nessuno ha impedito al fabbro di vederti” disse Olethe.
“Ma lui non è mai venuto a trovarmi.”
“Se non lo ha fatto è stato per sua scelta” rispose Olethe.
Valya voleva gridarle contro e colpirla, ma si trattenne. Stare lì, anche se doveva sopportare quella donna odiosa, poteva essere utile a suo padre.
Per lo stesso motivo aveva accettato che le facessero tutto quello. Temeva che disubbidendo li scacciassero dal castello, costringendoli a tornare a Cambolt, dove li attendeva una casa distrutta e quegli odiosi Chernin.
“Izora” disse Olethe col solito tono che usava quando terminava una discussione. “Accompagna Valya alla sua stanza.”
La mia stanza, pensò Valya mentre seguiva in silenzio l’ancella.
A Cambolt aveva una piccola stanza ricavata da suo padre tagliando dei pannelli di legno che aveva attaccato alle mura.
Lì aveva ricevuto una stanza che era grande il triplo della vecchia casa. All’interno c’erano un letto – un vero letto, si era sorpreso trovandolo – due armadi, tre bauli che traboccavano di vestiti e altre cianfrusaglie a cui aveva dato un’occhiata veloce e un tavolo con uno scrittoio e persino delle mensole piene di libri dai titoli complicati.
Li aveva letti di sfuggita senza soffermarsi troppo sui caratteri d’oro e d’argento impressi sulle coste, ma sembravano preziosi.
Quanto può valere uno di questi? Si era chiesta.
“Sei interessata ai libri?” aveva osservato Olethe con tono di sufficienza. “Questo sì che mi sorprenderebbe.”
“Certo” fece Valya orgogliosa. Prese uno dei libri e lo sfogliò. “A casa leggo sempre molto.”
Olethe sollevò un sopracciglio. “Davvero? E cosa ti piace leggere?”
“Un po’ di tutto” mentì. A Cambolt avevano tre libri ridotti in pessime condizioni e a malapena leggibili. Uno lo avevano usato per raddrizzare un tavolo e gli altri due erano serviti per poggiarci sopra un paio di vasi.
Valya non li aveva mai letti anche se sapeva leggere e scrivere e fare di conto. Suo padre aveva pagato il figlio di un commerciante di Cambolt, il quale teneva i conti dell’attività del padre, perché le insegnasse quelle cose.
Olethe aveva annuito grave. “Qui potrai leggere quanto vuoi. E ogni tanto, se la governatrice ti darà il permesso, anche frequentare Doryon.
Doryon era il figlio della governatrice. Era un ragazzino dall’aria tranquilla e malaticcia che se ne stava sempre nelle sue stanze a giocare da solo. Valya l’aveva visto una sola volta, per caso, quando Olethe l’aveva costretta a visitare quel livello della fortezza.
“Non devi mai andare al livello superiore o a quello inferiore” le aveva raccomandato la donna col solito tono perentorio.
“Perché?” aveva chiesto Valya con fare irriverente. “Cosa c’è di interessante da vedere lì?”
“Niente. Non puoi andarci e basta.”
“Perché non posso?”
“Ordini della governatrice.”
“La governatrice non vuole che veda qualcosa?”
“Quei livelli sono proibiti a tutti” aveva risposto Olethe spazientita.
“Anche a te?”
La donna aveva fatto una smorfia. “Andiamo.”
Allora era apparso Doryon. Era magro e dal viso smunto e gli occhi cerchiati rendevano il suo sguardo profondo e triste.
Le osservava da dietro un angolo, come timoroso di farsi avanti. Olethe l’aveva intravisto a sua volta ed era sobbalzata.
“Signorino. Perché non è nelle sue stanze? Sa che non può uscire.”
Doryon aveva indicato Valya con l’indice. “Chi è lei? Non l’ho mai vista.”
“È un’ospite di vostra madre.”
“Non me ne ha parlato.”
“Ora torni nelle sue stanze” disse Olethe. “Più tardi verrò a controllarvi.”
Doryon aveva abbassato gli occhi. “Avevo dolori allo stomaco. La medicina non sembra aver fatto effetto.”
“Farò chiamare subito i guaritori. Ci penseranno loro a farla stare meglio.” Olethe si era guardata attorno. “Perché il vostro valletto non è con voi? Dov’è andato quello sfaccendato?”
“Ho detto a Liven di andare da mia madre per avvertirla.”
“Lo sa che non deve lasciarvi solo. Dovrò riferire alla governatrice il suo comportamento.”
“Ma non è colpa sua” aveva protestato Doryon. I suoi occhi avevano vagato a caso prima di incontrare quelli di Valya. “Come ti chiami?”
Lei aveva deglutito a vuoto. “Valya” aveva risposto.
“Io sono Doryon. Piacere d conoscerti.”
Olethe lo aveva costretto a girarsi. “Vi accompagno io nelle vostre stanze. Tu” aveva aggiunto rivolta a lei. “Trova Izora e dille che cosa è accaduto. Dille di riferire alla governatrice.”
Valya era tornata nella sua stanza senza incontrare Izora e senza riferirle gli ordini di Olethe. Il giorno dopo la donna era tornata da lei.
“Come sta Doryon?” le aveva chiesto.
“Male. Quel povero ragazzo non sembra trovare pace.”
“È malato? Che malattia ha?”
“Chi ti dice che è malato?”
Valya si era stretta nelle spalle. “Hai detto che avresti chiamato i guaritori.”
L’espressione di Olethe si era rilassata un poco. “Nessuno sa che cosa abbia, ma lui lamenta sempre di avere dei dolori.”
Qualcuno bussò alla porta riportandola al presente. Prima ancora che le dicesse di entrare, Olethe aprì la porta, l’espressione contrariata in viso.
“Ti sembrerà incredibile” disse. “E per me lo è, ma la governatrice vuole vederti.”
“Quando?” chiese speranzosa.
“Ora. Vieni con me.”
 
Lo studio di Hylana Abrekir era lungo e stretto e immerso nel buio per via delle tende scure che coprivano l’unica finestra che affacciava verso l’esterno.
Per raggiungerlo erano saliti al secondo livello della fortezza, quello che Olethe le aveva proibito.
Si vede che il divieto non vale in sua presenza, si disse Valya varcando la soglia dello studio.
“La figlia del fabbro è qui” disse Olethe con tono ossequioso. “Come mi avevi chiesto.”
Hylana le scoccò un’occhiata in tralice. “La figlia di Simm Keltel è una ospite gradita alla fortezza” disse la donna alzandosi. Con quel gesto agitò il mantello grigio e azzurro che le scendeva fin quasi alle caviglie.
Anche lei è una strega, pensò Valya.
Ormai aveva iniziato a capire quando ne aveva di fronte una. O uno stregone, come le era capitato a Cambolt quando si era imbattuta in Falgan e Ryde.
“Gradirei che la chiamassi con il suo nome” aggiunse la governatrice.
Olethe storse la bocca. “Come chiedi.”
“Non te lo sto chiedendo” disse Hylana con tono fermo. “È un ordine.”
Olethe rispose con un leggero inchino. “Col tuo permesso” disse voltandosi verso la porta.
Hylana attese che si fosse chiusa prima di dire: “Ancora non ti ho potuta dare il benvenuto, figlia di Simm Keltel.”
“Mi chiamo Valya” disse.
La donna annuì grave. “Un nome simile a quello della Dea Valja” disse accennando un leggero sorriso.
Valya si accigliò.
“È un vecchio culto che una volta era molto diffuso in questa parte del continente maggiore. I valjani adoravano le divinità dei boschi e Valja era quella principale. O qualcosa del genere” concluse facendo un gesto vago con la mano.
“Interessante” disse Valya cercando di essere cortese.
“Dunque” disse la donna. “Come ti trovi qui alla fortezza? Ho fatto in modo che non ti mancasse niente.”
Valya fece spallucce. “Mi manca mio padre” disse. “Vorrei vederlo.”
“Lo vedrai. Dopo il tramonto, terminato il lavoro alla forgia, gli ho detto di venire a cena da me.”
“Cena?”
“Saremo solo in quattro. Tu e tuo padre e io e mio figlio.”
“Doryon?”
Hylana annuì. “Lo conosci già?”
“L’ho visto una volta sola” disse cercando le parole giuste.
“È un ragazzino adorabile. Ti piacerà, vedrai. Ora che ti sei ambientata potrete frequentarvi, qualche volta.”
Valya annuì per pura cortesia di nuovo. Non voleva dire alla donna che non aveva alcuna intenzione di frequentare suo figlio o chiunque altro alla fortezza.
Hylana sospirò. “C’è qualcosa che vuoi chiedermi, Valya?”
“Non saprei” rispose sentendosi colta di sorpresa da quella domanda.
“Ci sarà pure qualcosa che desideri. Pensaci bene.”
Valya esitò. “Vorrei che qualcuno mi insegnasse a usare la spada.”
Hylana la guardò sorpresa. “La figlia di Simm Keltel vorrebbe delle lezioni? Sul serio?”
“Mio padre non vuole che usi le sue spade” disse Valya accigliandosi. “Ma ormai sono adulta e posso scegliere da sola, no?”
“Mi sembra giusto” assentì Hylana. “Posso farti dare lezioni da Abbylan. È anziano e molto esperto.”
“Il cavaliere che ha preso in custodia Bel?”
Hylana si accigliò. “Non so chi sia Bel, ma penso tu ti riferissi a Zebith, il comandante della milizia cittadina.”
“Parlavo proprio di lui” disse Valya illuminandosi. Se fosse stato davvero un comandante, allora avrebbe dovuto essere davvero abile come guerriero.
“Mi riferivo a suo fratello” disse Hylana spegnendo i suoi entusiasmi. “Quando siete arrivati è stato lui ad avvertirmi per primo.”
Valya non ricordava che avessero incontrato un guerriero quando erano arrivati. Ricordava Tannisk e il tizio con la spada dal pomello a forma di lupo dal nome che non ricordava e l’inserviente e poi c’era stato…
“Il cavaliere con quei ridicoli baffi?” Chiese ricordando il viso dell’uomo e la testa pelata. Valya si pentì subito di aver usato quelle parole.
La donna sorrise. “Proprio lui, ma non dirgli dei baffi. Ci tiene molto.”
“Starò attenta a non offenderlo.”
“Gli dirò di darti delle lezioni già da domani se per te non è un problema.”
“Niente affatto” esclamò entusiasta.
“Bene. Ora fatti riaccompagnare nella tua stanza da Olethe e preparati per la cena di stasera. Sorprenderemo tuo padre” concluse sorridendole.
“Io” disse Valya esitando. “Ti saluto. Col tuo permesso.”
“Vai pure” rispose Hylana.
Fuori dalla porta Olethe l’attendeva con le braccia incrociate sul petto.
“Devi riaccompagnarmi alla mia stanza” disse Valya con tono deciso. “Ordini della governatrice.”
La donna la guardò in cagnesco. “Da questa parte.”

Prossimo Capitolo Giovedì 17 Settembre

Ritorna all'indice


Capitolo 22
*** Voglio fare la mia parte ***


Voglio fare la mia parte
 
Simm Keltel sedette al lungo tavolo, le maniche della tunica arrotolate fino al gomito e il giacchetto di pelle buttato sulle spalle che puzzava ancora di sudore.
“Ora finalmente mi lacerai vedere mia figlia?” chiese rivolgendosi con tono calmo a Hylana Abrekir.
La donna sedeva all’altro capo del tavolo, l’espressione tronfia sul viso. “Tra poco” disse. “Tra poco.”
“Sono tre giorni che non la vedo. Devo considerarla tua prigioniera?”
“Quella adorabile ragazza è mia gradita ospite, Simm. Come puoi dire una cosa così terribile?”
“So che cosa stai cercando di ottenere” disse lui faticando a mantenere la calma. “Ma non la otterrai in questo modo. Anzi posso assicurarti che non te ne verrà niente di buono.”
“Io offro una sistemazione più che dignitosa a te e tua figlia e mi ripaghi con parole piene di veleno? Che cosa ho fatto per meritarmi tutto questo?”
“Ancora niente. Ma è di quello che stai per fare che dovresti preoccuparti.”
“Mi minacci nella mia fortezza, Simm Keltel?”
“Non è una minaccia. E questa non è la tua fortezza.”
“Adesso lo è” rispose la donna. “E ho intenzione di restarci a lungo.”
“Qualcuno vuole prendere il tuo posto?” chiese incuriosito.
Hylana sorrise triste. “C’è gente abbastanza disperata da desiderare di essere al mio posto, sì. Questo lo so con certezza assoluta.”
Simm si accigliò.
“Ho le mie fonti alla corte della regina.”
Dannata donna, pensò Simm. Somiglia davvero a quella terribile strega del continente antico. “Non mi chiedi come procede alla forgia? O hai chi ti informa anche su quello?”
“Ti piace scherzare, Simm Keltel, ma la guerra non si sta mettendo bene per noi.”
“Hai notizie fresche?”
Lei annuì grave. “Messaggeri sono arrivati nella notte, in gran segreto” disse. “Parlano di vittorie a oriente.”
“Bene.”
“Per niente, ogni vittoria ci costa due sconfitte. Le forze del rinnegato avanzano espugnando una fortezza dopo l’altra.”
“Non pensavo fossero così abili i suoi comandanti.”
“Per ora, quella che ci sta creando più problemi è la strega bianca.”
“Nimlothien? Da quando è diventata una grande condottiera?”
“Da quando ha conquistato due fortezze vicine ai nostri confini, gli ultimi avamposti che controllavamo. Ora la strada verso Charis è spianata. Potrebbero attaccare la città in qualsiasi momento.”
“Inviate dei rinforzi.”
“Credi che non lo faremmo, se ne avessimo? Le nostre forze sono impegnate a sud, vicino alle montagne e in mille piccole battaglie nei nostri confini.”
Simm si accigliò. “Non ne sapevo niente.”
“Facciamo in modo di mantenere il segreto, ma la voce sta iniziando a circolare lo stesso.” Hylana trasse un profondo respiro. “Il rinnegato ha infiltrato nei nostri confini decine di bande ribelli. Si muovono in piccoli gruppi di poche decine, attaccando e saccheggiando i villaggi e le fattorie. Quando ne troviamo una, altre due bande ci sfuggono e spariscono, per poi riapparire da qualche altra parte.”
“Ingaggiate dei mercenari dal continente antico” suggerì Simm. “Le Lame d’Argento sono abili nel dare la caccia ai briganti. E ci sarebbero anche i guerrieri neri, se riuscite a trovare i soldi necessari per ingaggiarli.”
“Non ci servono mercenari” disse Hylana colpendo il tavolo col pugno. “Ma bravi comandanti. Gente capace di guidare le nostre forze in battaglia. Persone che hanno l’esperienza e il rispetto della truppa. Persone come te, Simm Keltel.”
Ecco dove voleva arrivare con quel discorso, si disse. “Io sono qui per procurarvi ventimila spade e altrettanti scudi” disse. “E me ne andrò non appena avrò raggiunto quell’obbiettivo.”
“Spade e scudi che non ci serviranno a molto se non avremo qualcuno che li comandi.”
“Li avrete pure dei comandanti da qualche parte” esclamò.
“Li avevamo, prima che la regina li facesse giustiziare o esiliare.”
“La regina ha fatto questo?”
Hylana ghignò. “Non la nostra Arabel, ma la regina che regna nell’ombra, la donna di nome Liandra.”
“Dovresti usare con più moderazione certe parole” disse Simm. “E non credo che sia saggio parlarne ad alta voce.”
“Nessuno ci ascolta, Keltel” disse Hylana. “E se anche lo stessero facendo.” Fece un gesto vago con la mano.
Un valletto si avvicinò esibendosi in un inchino.
“Parla” disse Hylana.
“Vengo dalle stanze di vostro figlio, governatrice. Dice di stare troppo male per cenare in piedi. Chiede che gli venga portata la cena a letto.”
Hylana si accigliò. “Sta male? Ha detto proprio così?”
“Ha riferito direttamente a me.”
“Era sofferente quando lo hai visto?”
“Più di altre volte, governatrice.”
Hylana scattò in piedi. “Scusami se ti lascio da solo.”
Simm fece un leggero cenno di assenso.
“Speravo che la nostra cena si concludesse in un altro modo, Simm Keltel. Prenditi qualche giorno per riflettere su ciò che ti ho detto e poi fami conoscere la tua decisione.”
Ho già preso la mia decisione, si disse. Anni fa.
A Hylana invece disse: “Ti prometto solo che ci rifletterò, governatrice.”
Hylana annuì grave. “Tua figlia è nella sua stanza.” Fece un cenno con la testa a uno dei valletti. “Scortalo alla stanza di Valya.”
“Come ordini” rispose il valletto. “Se volete seguirmi.”
Simm si alzò a sua volta a seguì il valletto nei corridoi della fortezza. Salirono al primo livello fermandosi davanti a una porta di legno che sembrava luccicare sotto la luce delle torce.
Il valletto bussò due volte senza ricevere risposta prima di voltarsi verso di lui imbarazzato. “Forse sta dormendo” disse incerto. “Se volete posso procurarmi la chiave ed entrare.”
“Se conosco bene mia figlia, so che non è lì dentro che la troveremo.”
“Dove allora?”
“La sala d’arme è ancora al solito posto?” chiese.
“Vi porto subito lì.”
“La troverò da solo” disse voltandogli le spalle.
“Ma la governatrice ha detto…” iniziò a dire il valletto.
“Cosa? Ti ha per caso detto di sorvegliarmi?” chiese Simm senza voltarsi. Riusciva a immaginare il valletto deglutire a fatica mentre cercava una risposta convincente da dargli.
“Io vi chiedo scusa” disse il valletto. “Vi prego di non riferire quanto accaduto alla governatrice.”
“Non le dirò niente e tu potrai tornare alle tue faccende” disse proseguendo per il corridoio.
 
La sala d’arme, una delle cinque o sei che la fortezza nascondeva nel suo capiente ventre, era al solito posto. Simm imboccò l’entrata sormontata da un arco di pietra e si ritrovò in una sala ottagonale. Sette pareti erano occupate da scudi, spade, alabarde e lance appese con ganci di ferro infilati nelle pietre grigie.
Il pavimento era di un ocra sbiadito e consumato dalle migliaia di piedi che l’avevano percorso.
Due di quei piedi erano i miei, si disse. Miei e di…
Alzò la testa di scatto e la vide.
Valya era in piedi, la spada sollevata al di sopra della spalla, il piede destro in avanti su cui aveva appoggiato il peso e si preparava a sferrare un fendente dall’alto verso il basso al manichino di legno piazzato al centro della sala. L’espressione corrucciata e concentrata al tempo stesso tradiva lo sforzo che doveva fare per reggere la spada a senza perdere la presa sull’elsa sproporzionata per le sue mani.
Ansimava mentre si spostava verso destra poi a sinistra come se stesse cercando di evitare l’affondo dell’avversario di legno, sebbene fisso nella sua posizione.
“Stai sbagliando tutto” disse Simm camminando verso di lei.
Gli occhi di Valya saettarono verso di lui. “Chi ti ha fatto entrare?”
“La padrona di casa in persona.”
“Non importa” disse Valya sollevando la spada sopra la testa e poi abbassandola di scatto con entrambe le mani. L’arco disegnato dalla spada la portò a colpire il manichino sul lato della tozza testa di legno e scivolare verso il basso.
Sua figlia sbuffò e ansimò per lo sforzo ma riuscì a frenare la corsa della spada prima che la punta toccasse il pavimento.
“Mi hai distratta” disse con tono d’accusa.
“Eri già partita male con quella posizione assurda” rispose lui fermandosi vicino al manichino.
“Dovevo solo prendermi più tempo per mirare bene alla testa” disse Valya.
“Tempo” fece Simm annuendo. “A volte è quello che ti manca nella mischia. Non ne hai molto tra un affondo e una parata mentre un atro soldato sta cercando di passarti da parte a parte con la lancia. Nessuno di loro ti concederà il tempo che ti serve per mirare bene.”
“E allora come devo fare?”
“Evitare di infilarti in una mischia, tanto per iniziare. È il metodo migliore per restare vivi e interi.”
“E l’altro metodo? Quello che non ti rende un codardo agli occhi di tutti gli altri?”
Simm decise di non raccogliere la provocazione. “Non si è vili se non si scende in battaglia. Si è vili solo se si scappa.”
“Non è lo stesso?”
Simm sospirò. “Sono troppo stanco per litigare. Almeno stai bene? Come ti trattano?”
Valya poggiò la spada su di un trespolo. “Ci hai messo quattro giorni per ricordarti che ero in questo posto da sola?”
“Ho avuto da fare alla forgia.”
E non volevo che i ricordi tornassero tutti insieme a tormentarmi, si disse.
“Bella scusa” rispose lei mettendo le mani sui fianchi. “Come quella che hai usato quando mi hai abbandonata alle Vecchie Pietre.”
“Ti ho chiesto scusa, no?”
“Quando?”
“Andiamo, Valya. Sei contenta o no di stare qui? Se non vuoi restare, dirò a Hylana che ti voglio in una delle stanze dove dormono i fabbri. Ce ne sono parecchie ancora libere.”
“Non voglio andare via” disse Valya con veemenza. “Qui sto bene e mi trattano come si deve.”
“E ti fanno usare la palestra per giocarci.”
“Non sto giocando. È una cosa seria. Io voglio diventare una guerriera e fare la mia parte nella guerra.”
“La tua parte è restare al sicuro.”
“Hylana mi farà addestrare da un maestro d’arme.”
Simm si accigliò. “Chi?”
“Abbylan.”
“Il cavaliere con quei baffi ridicoli?”
Valya annuì. “È uno dei comandanti della guardia cittadina. Izora dice che è una specie di eroe da queste parti.”
“Eroe” disse Simm.
Aveva già deciso che domani avrebbe trovato Abbylan e gli avrebbe parlato, ma per il momento lo avrebbe taciuto a Valya.
Forse è meglio lasciarla fare, si disse. Così capirà che non è adatta per fare la guerriera.
“D’accordo” disse raddrizzando la schiena. “Quello che dovevo dire te l’ho detto, quello che dovevo vedere l’ho visto. Ti lascio ai tuoi allenamenti.”
Valya grugnì in risposta e tornò alla spada. “Diventerò una grande guerriera” bofonchiò voltandogli le spalle. “Tutti mi rispetteranno.”
 
Sulla via per la forgia faticò a orientarsi nel buio ma trovò l’ingresso della palazzina e si infilò all’interno. Lì, lontano dalla fortezza, il cuore riprese a battergli in modo regolare.
Rann se ne stava appollaiato sullo sgabello, la schiena china sopra la mola mentre affilava qualcosa. Dal giorno in cui l’aveva conosciuto era uscito dalla forgia solo per dormire o mangiare. Non l’aveva mai visto riposare o cercare di strappargli una pausa come facevano tutti gli altri.
Se l’ho notato io, si disse inquieto, potrebbero averlo notato anche altri.
“Lavori fino a tardi?” gli chiese avvicinandosi.
Il ragazzo sollevò la testa. “È una cosa mia” disse indicando la piastra di metallo che reggeva con entrambe le mani.
Simm annuì distratto. “Basta che non sottrai tempo al nostro lavoro. Se lo fai, ti caccio via dalla forgia, intesi?”
Rann sorrise. “Non ti preoccupare, capo.”
“E non chiamarmi capo.”
“Hai visto tua figlia? Sta bene?”
Simm annuì. “Meglio di quanto sperassi, in verità.”
Rann si accigliò. “Speravi che non stesse bene?”
Lui sospirò. “Quando avrai dei figli tuoi, capirai.”
Il ragazzo si strinse nelle spalle e tornò a chinarsi sulla mola.

Prossimo Capitolo Domenica 20 Settembre

Ritorna all'indice


Capitolo 23
*** Il figlio dell'eroe ***


Il figlio dell’eroe
 
“Sei stato uno sciocco” disse suo padre voltandogli le spalle. “Sciocco e avventato.”
Zane sostava in piedi al centro dello studio, gli stivali neri e lucidi che stonavano con la teoria di forme geometriche dai colori accesi del tappeto.
Le pareti dello studio erano adornate di quadri dipinti su legno o tela, la maggior parte dei quali ritraevano paesaggi naturali o animali reali o di fantasia, come il cavallo alato che spiccava il volo da una rupe o la grossa aquila che dominava i cieli sopra i tetti di una città.
Aramil Stanner si voltò verso di lui, il viso dai lineamenti marcati e le vistose occhiaie che lo facevano sembrare sempre triste e preoccupato.
Aramil Il Tetro, lo chiamavano in gioventù. Almeno così aveva sentito dire.
In quel momento era Aramil il comandante supremo dell’esercito di Lormist, Prima Spada di re Jorel e fidato Consigliere del circolo stregonesco.
Ed era anche suo padre.
“Che hai da dire a tua discolpa?”
“A mia discolpa?” fece Zane sorpreso. Si era preparato a lungo quel discorso, mentre era prigioniero al campo e poi durante i lunghi giorni in cui era stato scortato alla capitale per essere processato. “Niente.”
“Niente?” fece suo padre sorpreso.
“Non ho niente di cui discolparmi” aggiunse sicuro. “Ho fatto quello che dovevo.”
“Hai ignorato gli ordini di un tuo diretto superiore.”
“Quegli ordini erano assurdi. Mi chiedevano di abbandonare al loro destino tre miei confratelli e trenta guerrieri di Lormist.” Scosse la testa.
“E invece hai sacrificato sei confratelli a causa della tua disobbedienza.”
“Non li ho sacrificati. Erano lì per loro volontà.”
“Tu li hai convinti e guidati in quella folle impresa. Tua è la responsabilità.”
“Io non ero al comando.”
“Se non eri al comando” disse suo padre. “Allora dovevi ubbidire agli ordini.”
Zane dominò a stento la rabbia. Voleva urlargli contro ma si trattenne. Sarebbe stato inutile con Aramil il Tetro. Lui non perdeva mai la calma.
“Hai commesso un errore imperdonabile, specie ora che abbiamo bisogno di tenere unite le nostre forze.” Gli scoccò un’occhiata di traverso. “Sai cosa sta accadendo a Talmist?”
“Non mi dicevano niente mentre ero prigioniero” disse rammentando la prigionia. “Tutti sembravano avere l’ordine di ignorarmi come se fossi una spia.”
“Sono stati saggi. Se la notizia si diffondesse prima del momento, saremmo in grosse difficoltà.”
“Di che notizia parli?”
“Nestarin si è arreso all’arcistregone e ha unito le sue forze a quelle del rinnegato.”
“Rodiran è caduta?”
“Peggio che caduta. Il suo esercito è ancora integro e adesso marcia fiano a fianco a quello dell’arcistregone. Due armate stanno per attaccare Talmist da sud e da oriente.”
“Talmist non può reggere un simile urto” disse Zane.
“No. Cadrà non appena avrà perduto le fortezze di confine. L’altopiano è indifendibile e senza le sue risorse, Ferrador e le altre grandi città cadranno per fame e per sete. La capitale e Città della Forgia potrebbero resistere di più, ma finiranno per cadere anche loro e l’intera nazione sarà perduta.”
“E dopo?”
“Tutta la parte orientale del continente verrà minacciata dal rinnegato. Lormist sarà il suo prossimo obiettivo.”
Zane sentì un groppo in gola. “Che hai intenzione di fare?”
“Io da solo posso fare poco” disse suo padre con tono grave. “Ma se partiamo subito, forse Talmist non sarà perduta.”
“Patiamo?”
Suo padre trasse un profondo sospiro. “Il circolo ha deciso di perdonarti. In via del tutto eccezionale, Morvarek ha portato la tua causa all’attenzione di re Jorel e lui ha firmato il perdono.”
“Re Jorel è solo un ragazzino” disse Zane ricordando l’unica volta in cui aveva incontrato il giovane sovrano di Lormist.
Ricordava la sua espressione annoiata mentre sedeva sullo scranno reale, un sedile di legno sul quale avevano dovuto mettere un paio di cuscini per farlo sembrare più alto.
Ricordava suo padre inginocchiarsi davanti a quello che tutti chiamavano il “Mezzo Re”.
Ricordava soprattutto Falan Morvarek, il consigliere del re, mentre al suo fianco guardava in basso verso di loro, come compiacendosi.
E ricordava anche l’espressione contrariata di suo padre quando avevano lasciato la sala del trono per tornare alle loro stanze.
“Non hai salutato il consigliere” gli aveva fatto notare Zane.
Aramil Stanner aveva risposto con una smorfia. “L’ho dimenticato. Ero distratto.”
“Tu non dimentichi mai niente, specie se fa parte del protocollo.”
“Stavolta l’ho dimenticato” aveva replicato lui.
“Morvarek ti ha fatto un favore?” chiese tornando nello studio di suo padre.
“Quell’uomo non fa mai favori” rispose lui. “Senza aspettarsi di essere ricambiato.”
“Ti ha chiesto qualcosa?”
“No, ma lo farà. È solo questione di tempo.”
“E tu cosa farai?”
Suo padre sospirò. “Non ho ancora terminato.”
“C’è dell’altro?” chiese preoccupato.
Lui annuì. “Morvarek ha convinto il consiglio ad affidarmi diecimila lance e cento mantelli con l’ordine di soccorrere Talmist.”
“Vuoi dire che scendiamo in guerra contro l’arcistregone?” domandò speranzoso.
“Talmist non è un semplice alleato. È una nazione che molti considerano nostra sorella. Tu abbandoneresti un fratello bisognoso d’aiuto?”
Zane non sapeva rispondere. Non aveva fratelli e sorelle ed era cresciuto da solo.
Ma ho dei confratelli, pensò.
Si ritrovò ad annuire.
“Morvarek ha anche convinto re Jorel ad affidare a te cinquemila lance e cinquanta mantelli.”
“A me?” chiese sorpreso.
“Per qualche motivo è rimasto sorpreso, se non addirittura deliziato, dal racconto della tua bravata. Sembra che di questi tempi l’avventatezza venga scambiata troppo spesso per coraggio. O competenza al comando.”
Cinquemila lance e cinquanta mantelli, pensò Zane. È un esercito vero e proprio e io ne sarò il comandante.
“So a cosa stai pensando, ma non lascerò che tu sia da solo al comando” disse suo padre. “Ti affiancherò dei consiglieri in modo che ti aiutino.”
“Mi meriterò la tua fiducia.”
“Cerca solo di meritarti questo onore. Partirai tra due giorni.”
“Per dove? Charis o Città della Forgia?”
Suo padre scosse la testa. “Nessuna delle due. Andrai a Ferrador.”
“Ferrador è un buco puzzolente” si lamentò. “Ed è lontana dal confine con Rodiron. Di che utilità potrei essere lì?”
“Sono gli ordini. E mi aspetto che per una volta tu ubbidisca.”
“Devo rifletterci sopra” disse voltandogli le spalle.
“Non metterci troppo. Devo mandare un messaggero con la tua risposta entro il tramonto.”
 
Prima di tornare al dormitorio dove aveva preso alloggio, si concesse un giro veloce attorno al perimetro del castello.
Era un edificio piccolo, con quattro torri disposte sui lati e un unico ingresso protetto da una grata. Le guardie ai cancelli lo lasciarono passare e Zane si concesse un veloce sospiro quando fu all’esterno.
Sentiva ancora la tensione crescere dentro di lui e accelerargli il battito, ma sapeva che gli sarebbe passata tra poco.
Sono ancora vivo, si disse con sollievo.
Fino a quella mattina, quando era arrivato al castello, non avrebbe saputo dire se ne sarebbe mai uscito vivo. Dopo essere tornato al campo Morn lo aveva messo agli arresti e trattato come un rinnegato.
Voleva addirittura processarlo e condannarlo lui stesso, ma come gesto di cortesia verso il suo comandante in capo lo aveva inviato il prima possibile verso la fortezza dove era di stanza in quel momento.
Se non ci fosse stato suo padre ad accoglierlo ma solo un suo luogotenente, sarebbe ancora in attesa di un giudizio in una cella puzzolente.
E tutto per colpa della sua avventatezza, avrebbe detto suo padre. Ma Zane non credeva a quella storia.
Aveva ripensato più volte a quanto era accaduto al campo dei rinnegati il giorno dell’attacco e non vedeva errori nella sua condotta.
Era stato un attacco ben preparato che non poteva fallire se non per sfortuna e lui non credeva alla sorte. Qualcosa aveva fatto in modo che lui fallisse.
Mi stavano aspettando.
Nella confusione della battaglia ricordava le parole di uno dei ribelli.
Volevano catturare lui.
Non riusciva a scrollarsi di dosso la sensazione di oppressione che provava a quel pensiero. Avrebbe voluto parlarne a suo padre, ma lo conosceva troppo bene per metterlo a parte di un tale segreto.
Aramil il Tetro lo avrebbe fatto nascondere nel luogo più remoto del regno, forse dall’altra parte del continente maggiore, in una delle grandi fortezze di Valonde o magari su una delle innumerevoli isole che adornavano il golfo di Taloras.
Zane non voleva nascondersi.
Chi si nasconde non riceve onori, si disse. E chi lo fa in tempo di guerra viene considerato un codardo e lui non voleva che accadessero né l’una né l’altra cosa.
Lui era il figlio di Aramil e suo padre non era andato a nascondersi quando Vulkath l’infame aveva attaccato Taloras a tradimento e rischiato di distruggere un’intera isola per la sua follia.
Era andato lì con pochi e fidati amici e aveva fatto il suo dovere. Si era fatto onore sul Fiume Rosso proteggendo l’ala destra dell’armata di Gurran di Valonde e dopo che questi era morto combattendo contro Vulkath aveva dato degna sepoltura al principe.
Io farò lo stesso, si disse mentre rientrava nella fortezza.
Le guardie lo degnarono appena di un’occhiata.
Se fossi un nemico trasfigurato, pensò, potrei ucciderli in silenzio e far entrare i miei compagni nella fortezza.
“Voi tre” disse voltandosi verso le guardie.
Due di essi erano giovani e sembravano impacciati nelle loro armature leggere. Il terzo invece era un uomo maturo che lo guardò preoccupato.
“Eccellenza” disse prima degli altri.
“Voi mi conoscete?” chiese con veemenza.
“Ovviamente, eccellenza. Siete il figlio del comandante Stanner.”
“Stamattina sono arrivato qui in un carro. Dietro le sbarre” disse come se stesse accusando loro di essere stati dei prigionieri e non lui.
“Stamattina non eravamo noi di guardia, eccellenza” rispose il soldato.
“Ma ne avrete sentito parlare dai vostri compagni, no? Vi avranno pur detto qualcosa.”
Il soldato annuì dopo qualche attimo di incertezza.
“E adesso sono qui, davanti a voi. Libero.”
“Eccellenza” iniziò a dire il soldato.
“Zitto” disse con tono che non ammetteva repliche. “Puoi solo rispondere alle mie domande.”
Il soldato serrò le labbra.
“Potrei essere evaso” disse Zane avvicinando il viso a quello del soldato. “Dopo aver assassinato i vostri compagni. E poco fa vi sono passato davanti senza che voi muoveste un dito per fermarmi.”
“Ma eccellenza, voi siete tornato indietro.”
“Forse l’ho fatto per non lasciare dei testimoni della mia fuga.” Estrasse la spada dal fodero con un gesto teatrale.
La guardia reagì irrigidendosi e stringendo la lancia nella mano. Gli altri due si guardavano attorno come se gli stesse per piombare qualcosa addosso.
“Eccellenza” balbettò la guardia.
Zane agitò la spada nell’aria. “Potevo tornare indietro e uccidervi tutti. Chiunque avrebbe potuto farlo.” Rinfoderò la spada. “Ma non questa volta” disse con tono più calmo.
I soldati sembrarono rilassarsi ma nessuno di loro smise di stringere la lancia.
Ottimo, pensò Zane. Se ho ficcato nelle loro teste un po’ di paura non può che essere un bene.
“Ci sembrava inopportuno disturbarvi, eccellenza” disse uno dei soldati giovani.
Potrà avere al massimo un paio d’anni più di me, pensò Zane.
“Voi siete il figlio di…”
“Lo so di chi sono figlio” disse tagliando corto.
Li salutò con un cenno della testa, dirigendosi verso l’ingresso della fortezza. Salì le scale che portavano al livello superiore e raggiunse lo studio di suo padre. Non perse tempo a bussare e si precipitò all’interno.
Suo padre sollevò la testa di scatto, l’espressione serena sul viso.
Non sembra sorpreso, si disse. Dannato stregone.
“Immagino che tu abbia preso una decisione.”
Zane strinse i pugni. “Dimmi che mi affidano questo incarico perché me lo merito e non perché sono tuo figlio.”
Aramil fece una smorfia. “Spetterà a te dimostrare di esserne degno.”
“Allora andrò a Ferrador” disse sicuro. “Andrò in qualsiasi maledetto posto per dimostrarlo.”

Prossimo Capitolo Giovedì 24 Settembre

Ritorna all'indice


Capitolo 24
*** Varnado ***


Varnado
 
Piegato in due vicino al ciglio della strada, Ros rigettò quello che restava della colazione consumata quella mattina.
Era la terza volta che i conati di vomito lo costringevano a fermarsi, la gola gli bruciava e iniziava a preoccuparsi delle occhiate che i passanti gli lanciavano.
La maggior parte di esse erano divertite o disgustate, altre sembravano volerlo compatire.
Ecco, guardatemi pure, pensò. Non mi importa se ridete di me. Non mi è mai importato.
“Prima volta a Ferrador?” gli chiese un passante. Sfoggiava un sorriso pieno di buchi ed era vestito con una tunica logora che lasciava intravedere la pelle macchiata di sporcizia. E l’odore non era migliore di quello che lo aveva aggredito entrando in città.
Si ritrovò ad annuire con la testa piegata in avanti. “Sì” disse con la bocca impastata dal suo stesso vomito.
L’uomo rise. “Fa questo effetto su molti. Parlo dell’aria. E le fogne non sono meglio. Lo so bene perché ci vivo. È un buon posto, se non ti danno fastidio i topi e gli scarafaggi.”
Mi sta offrendo un posto dove dormire? Si chiese inorridito.
“Grazie” disse. “Lo terrò a mente.”
“Io mi chiamo Deff” disse l’uomo porgendogli la mano.
Ros si limitò a sfiorarla. “Piacere di conoscerti. Io sono Ros.”
“Vieni da lontano?”
“Cambolt.”
“Mai sentita. Io sono di qui. Di Ferrador, voglio dire. Non ho mai visto l’esterno, se non un paio di volte.”
“Davvero vivi nelle fogne?”
“Certo” rispose Deff come se fosse una cosa normale.
Ros scosse la testa. “Se sei di qui, sapresti dirmi come arrivare all’accademia?”
“Parli del posto dove vivono gli eruditi?”
Annuì con vigore.
“È facile.”
Ros rimase in attesa, mentre l’altro si limitò a fissarlo con un sorriso.
“La sai o no la strada?” chiese spazientito.
Deff continuò a sorridergli.
C’era una frase che amava ripetere suo padre. “Ci sono tre modi per comprare le persone. Uno di questi è il denaro.”
Ros infilò la mano nelle tasche della tunica e ne trasse una moneta d’argento. La mostrò a Deff.
Gli occhi del mendicante sembrarono brillare. “Ora ricordo” disse.
Ros gli allungò la moneta e lui l’afferrò nascondendola in una tasca della tunica sudicia.
“Devi seguire questa strada” disse. “E poi svoltare a sinistra quando arrivi alla Piazza della Vittoria. La riconoscerai per la statua del Cavaliere Calvo.”
“Cavaliere Calvo?” chiese Ros.
Poco prima di lasciare Cambolt aveva cercato dei libri che parlassero di Ferrador e la sua storia recente, ma non ne aveva trovati molti. Non era il tipo di mercanzia che suo padre amava trattare e non c’erano veri librai al villaggio.
Per quanto ne sapeva, la biblioteca più vicina doveva trovarsi a Ferrador, se quella puzzolente città ne aveva una.
“Poi devi scendere le scale, seguire i giardini reali mantenendo la destra o le guardie potrebbero malmenarti” continuò Deff. “Passare per la via dei mercati e attraversare il quartiere dei templi, ma facendo attenzione a non sconfinare nel territorio di qualche banda. Ce ne son parecchie e tutte gelose del territorio. Potrebbero chiederti una tassa per passare, ma visto che hai le monete per pagare…”
“Non puoi accompagnarmi tu? Sembra complicato.”
“Accompagnarti?” fece Deff indeciso. “Non so se le mie povere gambe possono reggere.”
Ros annuì e gli mostrò un’altra moneta d’argento.
Deff allungò le mani ma lui scattò indietro.
“Te la darò quando raggiugeremo l’accademia.”
Deff sembrò rifletterci, poi disse: “D’accordo, ma me ne darai due.”
Te ne darei mille se servisse a far sparire questa terribile puzza. “D’accordo. Mostrami la strada.”
Deff lo scortò attraverso i vicoli e le stradine di Ferrador, tra cumuli di immondizia che veniva gettata in strada dai livelli superiori delle case a una piccola fila di orti e campi che sembrava sorgere proprio in mezzo all’abitato. C’erano anche delle stie per i volatili e udì il muggire di una mucca, anche se non aveva idea dove si trovasse.
“Sai per caso chi è Varnado?”
Deff scosse la testa con vigore. “Mai sentito prima. È un tuo amico?”
“No. Forse. Non lo so con certezza.”
Deff scrollò le spalle.
“Lo sai e vuoi una moneta per dirmelo?”
L’uomo scosse la testa. “Non lo so, mi spiace.”
Se lo avesse saputo si sarebbe fatto pagare, pensò Ros. O avrebbe potuto prendere la moneta e dirmi una sciocchezza qualsiasi. O forse ha creduto che volessi metterlo alla prova?
“È lì” disse Deff fermandosi al limitare di una piazza quadrata. La sua mano indicò un edificio su cinque o sei livelli, tutti di pietra, che volgeva una facciata di pietra grigia e rugosa verso la piazza.
Non c’erano insegne o bandiere e un pesante portone chiudeva l’entrata ad arco alta quanto una decina di uomini adulti. In una delle ante di questo si apriva una porticina più piccola.
“Sicuro che sia questo il posto?” chiese diffidente.
Deff annuì con vigore.
“Voglio fidarmi.” Prese due monete d’argento e le passò all’uomo.
“Sei molto generoso” disse Deff.
Generoso fa rima con stupido, direbbe mio padre, pensò triste.
“Devi stare attento” disse il mendicante.
Ros si accigliò.
“Non è saggio farsi vedere in giro con tanti soldi in tasca, qui a Ferrador. Qualcuno potrebbe pensare che tu sia ricco.”
“Ti assicuro che non lo sono” si affrettò a dire. “E quelle che ti ho dato erano le ultime rimaste.”
Ne aveva ancora un centinaio in verità. Una parte di quelle che suo padre era stato ben lieto di dargli perché partisse per Ferrador sparendo dalla sua vista.
Non gli aveva nemmeno spiegato come erano andate le cose. A Myron Chernin quella sola notizia lo aveva reso felice e generoso, tanto che aveva pagato di tasca propria il mercante che lo aveva accolto nella sua carovana, permettendogli di raggiungere la città in sicurezza.
Deff si limitò a sorridere e annuire. “Allora io ti saluto, Rosen” disse allontanandosi.
Rimase a fissarlo per qualche istante, poi se ne dimenticò concentrandosi sul palazzo dell’accademia.
Ros si avvicinò all’entrata, dove due guerrieri in armatura smaltata di bianco osservavano la piazza con espressione impassibile. Entrambi portavano la spada sul fianco destro e uno scudo rotondo legato alla schiena.
“Chiedo scusa” disse dopo essersi schiarito la gola.
Uno dei guerrieri aveva lineamenti dolci e lunghi capelli castani raccolti in una treccia. Lo guardò con espressione infastidita, come se avesse visto uno scarafaggio che gli si era avvicinato troppo.
“Che cosa vuoi?”
Aveva pensato a lungo alle parole da dire una volta arrivato all’accademia, da lunghi discorsi pieni di termini complicati a brevi e semplici frasi di circostanza, ma le aveva scartate tutte in favore della verità.
Ecco, aveva pensato. Una volta lì mi basterà dire la verità, pura e semplice.
“Sono atteso da una persona” disse cercando di tenere dritta la schiena.
“Chi?”
“Un erudito di nome Varnado.”
La guardia si accigliò. “Mai sentito prima.”
“Mi ha dato lui appuntamento qui” disse. “Ho la sua lettera.” Mostrò alla guardia la pergamena trovata nella stanza della locanda. “Vedi? È firmata da Varnado in persona.”
La guardia diede una rapida occhiata. “Potresti averla firmata tu.”
Ros sentì la tensione crescere. “Non è vero” disse indignato. “Non farei mai una cosa del genere.”
La guardia si limitò a fissarlo senza tradire alcuna espressione. “Io non ti conosco.”
“È vero, ma che motivo avrei di mentire su una cosa del genere? Se potessi parlare con Varnado o un altro erudito…”
“Sono molto impegnati.”
“Posso aspettare.”
“Attenderai a lungo, visto che non ricevono nessuno.”
Ros ebbe un tuffo al cuore. “Perché?”
“Che vuoi che ne sappia io? Ordini del decano. Le porte dell’accademia resteranno chiuse fino a suo ordine.”
“Ma io devo vedere Varnado.”
“Lo vedrai quando le porte riapriranno.”
“Quando?”
“Quando il decano ordinerà che vengano aperte.”
Ros annaspò alla ricerca di una risposta. “Ma potrebbero volerci intere Lune. Non posso attendere tanto.”
La guardia si strinse nelle spalle.
Ci fu uno scatto metallico che lo fece trasalire. Il rumore proveniva dalla porticina ricavata nel portone grande, che in quel momento si stava aprendo verso l’interno.
Una figura minuta vestita con un saio grigio, si affacciò con espressione contrariata. “Che succede qui?” chiese rivolto alle guardie. “Perché state facendo tanto rumore? Ci serve silenzio per i nostri studi.”
“Ti chiedo perdono” disse la guardia. “Non era nostra intenzione disturbarvi.”
L’erudito guardò Ros. “E lui chi è? È lui che sta facendo tanto baccano?”
Ros era sicuro di non aver fatto tutto quel rumore ma in quel momento non voleva contrariare di più l’erudito.
“Lo stavo appunto cacciando via” disse la guardia.
“Mi chiamo Rosen Chernin” disse Ros. “E ho qui una lettera di invito da parte di un vostro erudito.”
L’altro si accigliò. “Lettera di invito?”
Ros annuì con vigore.
“Sono intere Lune che non ne inviamo.”
“Ma io ne ho qui una.”
“Ascolta ragazzo…”
“È firmata.”
L’erudito si accigliò. “Da parte di chi?”
“Varnado. Lo conosci?”
“Fammela leggere” disse l’erudito allungando la mano.
Ros gliela porse e l’altro quasi gliela strappò di mano.
L’erudito diede una veloce scorsa alla pergamena, gli occhi ridotti a due fessure. “Se ti lascio vedere Varnado la smetterai di fare tanto rumore?”
“Sì” esclamò Ros con entusiasmo. “Lo prometto sul mio onore.”
L’erudito annuì grave. “Vieni” disse facendosi da parte per lasciarlo entrare.
Oltre la porticina si apriva una corte racchiusa tra tre ali dello stesso edificio che si intravedeva da fuori. C’erano aiole piene di fiori rinsecchiti che formavano una scacchiera con il pavimento di pietra marrone e grigia. Un colonnato correva lungo i due lati della corte fino alla parte centrale dell’edificio, dove si apriva un portone di forma rettangolare.
“Svelto” disse l’erudito guidandolo sotto il colonnato di destra. “Non fare rumore. Non dire una parola se non te lo dico e non parlare con nessuno. E cerca di non toccare niente.”
Ros annuì deciso. In quel momento aveva pensieri solo per Varnado.
Sto per incontrarlo, si disse. Chissà se sarà sorpreso nel vedermi comparire di fronte a lui dopo questo lungo viaggio. Chissà che aspettò ha.
L’erudito indicò una porta laterale che si apriva nell’ala destra dell’edificio. “Da questa parte” sussurrò.
Ros lo seguì senza esitare, ritrovandosi in un corridoio stretto e buio che affondava nelle viscere dell’edificio. C’era odore di pietra levigata e legno marcio nell’aria, ma dopo il tanfo di Ferrador lo trovava consolante per le sue narici.
Un giorno mi abituerò a questo odore, pensò con una punta di orgoglio e soddisfazione. Oggi per me inizia una nuova vita.
Il corridoio terminava con un’uscita di forma rettangolare, oltre la quale c’era una spianata di terra battuta racchiusa da mura di pietra grigia e marrone.
L’erudito puntò senza esitare verso una baracca di legno sostenuta da una dozzina di pali infissi nel terreno.
Ros si accigliò. “È qui che vive Varnado?”
L’erudito gli scoccò un’occhiataccia. “Non ti avevo detto di non parlare?”
“Chiedo perdono” sussurrò imbarazzato.
“Comunque, la risposta è sì. È qui che Varnado vive di solito, quando non è fuori per qualche lavoro o commissione importante.”
Deve essere molto impegnato, pensò Ros.
L’erudito si fermò davanti alla baracca di legno, dove un uomo vestito con una tunica color marrone stava sistemando delle balle di fieno in un angolo.
“Kolas” disse l’erudito.
L’uomo mise giù il forcone. “Maestro Namalir” rispose con tono deferente. “Come mai qui?”
“Questo giovane vuole vedere Varnado.”
Kolas si accigliò. “Per quale motivo?”
“Mi ha scritto una lettera” disse Ros.
Kolas scosse la testa e guardò Namalir. “Il ragazzo ha preso una botta in testa, maestro?”
Namalir si accigliò. “Ti assicuro che è serio, Kolas. Portalo da Varnado e chiudiamo in fretta questa faccenda.”
“Come desideri.” Kolas indicò a Ros l’ingresso della baracca. “Vieni con me.”
Ros lo seguì con riluttanza. L’interno della baracca puzzava si sterco e di sudore di animale.
“Varnado vive qui?”
“Da quasi quindici anni ormai” rispose Kolas.
“Tu sei un suo assistente? Un apprendista?” chiese Ros.
Nel caso lo fosse stato, voleva fare subito amicizia con lui e mostrarsi cordiale poteva essere un buon inizio.
“Più che altro, mi occupo che stia bene.”
Ros ebbe un tuffo al cuore. “Varnado è malato?”
“Per fortuna no” disse Kolas. “Ma un paio di anni fa ebbe un problema ai denti. Le notti che mi ha fatto passare sveglio quando si lamentava.” Scosse la testa affranto.
“Mi spiace. Deve essere stato terribile.”
“Per lui di sicuro, ma adesso è guarito e sta bene.”
“Ne sono felice.”
Kolas si fermò davanti a un recinto. “Ecco, siamo arrivati. Varnado è qui dentro.”
Ros si accigliò. “Lui vive qui?”
“Sì.”
“Nel senso che ci passa quasi tutto il tempo?”
“Sì. Questo è il posto dove passa tutto il tempo, quando non è impegnato in qualche lavoro.”
“E adesso è qui?”
“Sì, te l’ho detto.” Kolas appoggiò una mano sul cancelletto di legno che chiudeva il recinto e lo aprì verso l’interno.
Ros fece un passo in avanti e si sporse per guardare. Al centro del recinto, su di un letto di paglia e fieno, due occhi grandi e tristi e un muso lungo lo fissarono annoiati.
“Lui è Varnado” disse Kolas con tono allegro.
L’asino emise un raglio sommesso.

Prossimo Capitolo Domenica 27 Settembre

Ritorna all'indice


Capitolo 25
*** Il Signor Baffetto ***


Il Signor Baffetto
 
La palestra era un quadrato ampio, dalle pareti di pietra grigia e rossa illuminate dalle lampade a olio. In un angolo c’era una rastrelliera dove erano appoggiate spade, mazze, una lancia, un arco e uno scudo tutto ammaccato.
La palestra stessa puzzava di sudore rappreso e il pavimento era macchiato e scheggiato.
E Valya adorava quel posto. Ci avrebbe trascorso tutto il giorno, se fosse stato possibile.
Abbylan doveva averlo intuito perché continuava a tenercela per poco tempo, preferendo addestrarla nel cortile, all’aria aperta.
Il signor baffetto, così Valya aveva iniziato a chiamarlo la prima volta che le si era presentato.
L’addestramento era iniziato una Luna prima, quando Izora l’aveva condotta alla palestra e lì lasciata in attesa che Abbylan si degnasse ad arrivare.
“Oh, sei ancora qui” aveva detto arrivando, quasi sorpreso di vederla.
“Dove dovrei essere?” aveva chiesto spazientita. “La governatrice non ti ha detto che devi addestrarmi?”
“Innanzitutto” aveva risposto Abbylan. “Non prendo ordini dalla governatrice. Lei è una strega e io un guerriero, se non l’hai notato. Secondo, mi ha chiesto di addestrarti nell’uso della spada e io le ho risposto che ci avrei pensato.”
“E ci hai pensato?”
“Sì” aveva risposto scrollando le spalle. “E penso sia tempo sprecato con te.”
“Non è vero” aveva protestato. “Mettimi alla prova.”
“Lo farò di sicuro” aveva risposto. “E ti farò scappare via come tutti quelli che pensano di essere nati per essere dei grandi guerrieri ma in realtà le spade possono solo fabbricarle. O fare gli inservienti di quelli che le fabbricano.”
“Parli tanto a fai poco” l’aveva sfidato Valya.
“E tu parli a vuoto, ragazzina.” Abbylan aveva preso una spada dalla rastrelliera. “Scegli la tua arma, ma bada bene. Sarà quella fino alla fine dell’addestramento, anche se sarà molto, molto breve.”
Valya si era avvicinata e aveva passato in rassegna tutte le spade. Alcune erano lunghe e sottile, altre corte e tozze. Una era sia lunga che larga con l’elsa così ampia che dubitava di poterla afferrare e reggere.
“Allora?” aveva fatto Abbylan impaziente e annoiato al tempo stesso. “Ci vuole ancora molto?”
“Perché, hai da fare?”
“Sono una persona impegnata, io.”
“Allora impegnati ad addestrarmi.”
Abbylan si era accarezzato i baffi.
“Signor baffetto” aveva aggiunto Valya senza riuscire a trattenersi. Aveva sottolineato la frase con un ghigno.
“Mi vuoi provocare, ragazzina? Guarda che non è il caso. Sono già abbastanza arrabbiato con te.”
“Anche io” aveva detto Valya impugnando una spada lunga ed elegante.
Aveva tagliato l’aria agitando la lama per saggiarne il peso e il bilanciamento.
Abbylan a sua volta aveva estratto la spada ed eseguito un paio di affondi verso il muro. “Finito di giocare, figlia del fabbro?”
Valya aveva annuito decisa. “Sono pronta.”
Abbylan le aveva rivolto un sorriso sardonico. “Inizia pure.”
Valya aveva alzato la spada sopra la spalla, in modo che puntasse verso l’avversario e allo stesso tempo aveva spostato in avanti il piede sinistro e poco più indietro quello destro.
“Questa cosa sarebbe?” aveva domandato Abbylan.
“La mia posa di attesa.”
L’atro aveva annuito grave. “Attesa di cosa, se posso chiedertelo?”
“Di un tuo attacco.”
“Capisco. E se io non ti attaccassi?”
“Vorrebbe dire che sei un codardo.”
“La maggior parte dei guerrieri lo è. Quasi tutti quelli che sopravvivono a uno scontro lo sono. Di solito muoiono i coraggiosi e gli stolti.”
Valya aveva cercato di ignorarlo. “Tu sei sopravvissuto.”
Abbylan le aveva sorriso. “Una stoccata a tuo favore, figlia del fabbro.”
“Mi chiamo Valya” aveva urlato scattando in avanti e calando la spada verso il guerriero.
Abbylan si era mosso di lato e aveva intercettato il fendente con il piatto della spada, deviandolo.
Valya si era ritrovata ad annaspare alla ricerca di un punto d’appoggio e dopo un paio di passi l’aveva trovato. Stava per voltarsi verso l’avversario quando si era sentita spingere in avanti ed era ruzzolata sul pavimento, perdendo la spada.
“Fine dell’addestramento” aveva detto Abbylan rinfoderando l’arma.
“No” aveva esclamato Valya tirandosi in piedi. “Devi insegnarmi, lo hai scordato? Ordini della governatrice.”
“Ti ho già detto che non prendo ordini da quella donna.”
“Se fosse vero non saresti venuto.”
Abbylan aveva scosso la testa e sospirato. “A cosa ti serve imparare a usare la spada?”
“A cosa ti servono quei ridicoli baffi?”
“Così non ti aiuti” aveva risposto lui.
Valya aveva raccolto la spada. “Voglio diventare una grande guerriera. La più grande di tutte.”
“Sei senza speranza.”
Valya aveva tagliato l’aria con la spada. “Sarò il tuo più grande successo. La gente ti ricorderà per aver addestrato Valya la guerriera suprema invece che per quegli orribili baffi.”
“E sia, ti insegnerò” aveva detto il guerriero. “Ma tu dovrai smetterla di prendermi in giro per via dei baffi.”
“Non ti assicuro niente” aveva risposto lei con tono irriverente.
Abbylan le sfiorò il fianco con un affondo al quale lei rispose traendosi indietro di un passo per preparare la risposta.
“Sei distratta” disse il guerriero indietreggiando.
Valya notò che aveva il fiatone.
I suoi colpi sono meno forti del solito, pensò. Forse è stanco.
Quel pensiero moltiplicò le sue energie e nell’attacco successivo decise di provare a colpirlo al fianco. Abbylan rispose con una parata alta e fece ruotare il polso della mano facendole perdere l’equilibrio.
No, pensò sgomenta mentre scivolava di lato e lui ne approfittava per colpirla col piatto della spada alla coscia. Il dolore avvampò all’istante facendole piegare il ginocchio.
Spostò il peso sull’altra gamba per raddrizzarsi e fronteggiare l’avversario, che ora la fissava sorridendo.
“Sembravi esausto” esclamò Valya indignata.
“Era quello che volevo farti credere” rispose Abbylan.
“Non è leale.”
“Di solito quelli leali muoiono in fretta. Vuoi riprendere o sei stanca?”
Valya sollevò la spada.
 
La forgia era illuminata dal fuoco che ardeva nel forno sempre acceso. Il calore emanato le schiaffeggiò il volto facendole arricciare il naso. Il battito dei martelli sul ferro e l’acciaio era una cantilena familiare per lei, ma lì dentro, dove erano decini a unirsi a quell’orchestra, diventava assordante.
Valya dovette urlare per farsi sentire dal valletto che stava trasportando dei grossi pezzi di metalli si di una carriola.
“Che hai detto, scusa?” le domandò il ragazzo guardandola con espressione indolente.
“Ti ho chiesto dov’è mio padre?”
Lui la fissò senza rispondere.
“Simm Keltel. Il famoso eroe.”
L’altro annuì con foga. “Lo so chi è. È andato via nel pomeriggio e non è ancora tornato.”
“Andato dove?”
“Ha lasciato detto che andava in città.”
“Perché?”
Il valletto si strinse nelle spalle.
“C’è qualcuno a cui posso chiedere?”
“Il suo aiutante?”
Mio padre ha un aiutante? Si chiese Valya. E da quando?
“La sua forgia?”
“È quella lì” rispose il ragazzo indicando un forno. “Chiedi a Rann. Forse lui lo sa dov’è andato tuo padre.”
“Io” iniziò a dire Valya ma l’altro era già ripartito con la carriola.
Sospirò e camminò fino al corno indicatole dal valletto. Prima di arrivarsi dovette attraversare lo stretto passaggio tra le due file di banchetti di legno che si estendevano per tutta la lunghezza dell’edificio. Contò almeno trecento passi prima di stancarsi.
Quanto è grande questo posto? Si chiese.
Dall’esterno non sembrava così grande.
Rann era in piedi davanti al banchetto, il corpo esile coperto da un camice sporco di fuliggine e il martello stretto nella mano destra, ma in quel momento non stava martellando la spada sul banco.
Quando alzò la testa sgranò gli occhi. “Io ti conosco” disse. “Sei la figlia di maestro Keltel.”
Maestro, pensò Valya divertita. È così che adesso si fa chiamare? Lo prenderò in giro per intere Lune.
Si limitò ad annuire. “Sono io. Sai dov’è andato?”
“Maestro Keltel è andato in città.”
“In che posto di preciso?”
“Non lo so. Non me lo dice mai.”
“È andato altre volte?”
“Ci va più o meno ogni dieci giorni, anche se mi sembra che l’ultima volta sia stata sette giorni fa. Non saprei.”
“E ha lasciato te da solo?”
Rann annuì.
Valya indicò la spada sul banco. “Quella la stai forgiando tu?”
“No. Maestro Keltel non mi lascia ancora forgiare niente. Dice che non sono pronto.”
“Ti capisco.”
Rann sembrò esitare.
Valya socchiuse gli occhi. “Hai già forgiato qualcosa da solo?”
“Maestro Keltel” iniziò a dire il ragazzo.
“E smettila di chiamarlo maestro” sbottò Valya. “Maestro in cosa, poi. Se hai forgiato qualcosa di tuo puoi dirmelo. Manterrò il segreto.”
“Se il maestro lo venisse a sapere si arrabbierebbe.”
“Non lo saprà, fidati di me” disse Valya cercando di essere convincente. Da giorni poteva parlare solo con l’odiosa Olethe o col signor baffetto e iniziava a sentire strette le mura della fortezza. Per quel motivo era uscita per parlare con suo padre e chiedergli scusa per avergli risposto male.
È pur sempre mio padre, si era detta. E se gli farò le mie sincere scuse, forse accetterà il fatto che Abbylan mi sta insegnando a usare la spada.
Invece aveva trovato quello strano ragazzo che diceva di essere l’apprendista di suo padre e lo chiamava maestro.
“Allora?” chiese impaziente.
Rann sospirò e mise da parte il martello. “Non la tengo qui” disse togliendosi il grembiule.

Prossimo Capitolo Giovedì 1 Ottobre

Ritorna all'indice


Capitolo 26
*** Il nemico è qui ***


Il nemico è qui
 
Valya lo seguì fuori dalla forgia e poi nel cortile che attraversarono veloci prima di infilarsi in un portone ad arco che fungeva da entrata per un edificio di mattoni di tre livelli.
All’interno c’era odore di muffa ed era buio. Nella penombra intravide brande di legno ammucchiate contro le pareti e lenzuola sparpagliate in giro.
“Che posto è questo?” domandò guardandosi attorno.
“Il vecchio ricovero per i malati” disse Rann.
Appena entrati il ragazzo si era diretto a un vecchio baule messo in un angolo e l’aveva aperto infilandoci dentro le mani.
“Malati di cosa?” chiese Valya.
“Non lo so. Febbre nera. O tosse spaccapetto.”
Deglutì a vuoto. “Se tocchiamo queste cose potremmo ammalarci anche noi?”
Una volta a Cambolt una donna si era ammalato del morbo rosso ed era morta. La sua casa era stata chiusa con i suoi figlio e suo marito all’interno. Ogni giorno un paio di cittadini estratti a sorte calavano per loro del cibo dal camino.
La cosa era andata avanti per un paio di giorni finché da Faerdahm non erano arrivati dei soldati che si erano messi di guardia alla casa impedendo a chiunque di avvicinarsi. I soldati avevano portato il cibo agli occupanti, ma dopo una decina di giorni anche il marito della donna si era ammalato.
Qualcuno aveva proposto di far uscire almeno i bambini, un paio dei quali erano molto piccoli, ma le guardie glielo avevano impedito. C’erano state delle proteste ma i soldati avevano tenuto a bada quelli più intraprendenti.
Myron Chernin in persona aveva parlato alla folla accalcata davanti alla casa per convincerli che per quanto spiacevole, quella era l’unica cosa da fare per il loro bene.
Il loro e quello dei loro figli.
Per qualche giorno si erano udite delle voci e dei pianti provenire dalla casa e poi il silenzio. Dopo altri dieci giorni, le guardie avevano tolto le assi che chiudevano le porte e le finestre della casa.
Valya non riusciva a pensare al resto e non voleva farlo in quel momento, mentre si guardava attorno nella penombra.
“Credo di no” disse Rann. “È successo molti anni fa, dicono. Non penso sia ancora contagioso.”
“Che ne sai tu di queste cose?”
“Niente” rispose il ragazzo con tono allegro.
Valya fece per replicare ma lui tirò fuori dal baule un fagotto di stracci e glielo mostrò.
“Eccolo” disse con voce eccitata.
“Che cos’è?”
Rann aprì il fagotto rivelando un corpetto in metallo e delle cinture in cuoio.
Sapeva bene che cosa fosse perché suo padre ne aveva riparati a decine fino a poco tempo prima e ancora prima di partire ne aveva un paio costruiti da lui stesso.
“È un’armatura?”
Rann annuì deciso. Poggiò a terra il fagotto come se contenesse un bambino in fasce e non un pezzo di metallo forgiato dal fuoco e dal martello.
Valya allungò una mano per toccare la superficie levigata. Era liscia come si era aspettata e sembrava piuttosto consistente. “L’hai fatta tu da solo?”
Rann annuì di nuovo.
“E mio padre lo sa?”
“No. Lui me l’ha vietato.”
“Sì. Lui è bravo a vietare le cose. È davvero bella.”
“Devo ancora decorarla, ma non sono molto abile.”
Valya si sollevò. “L’hai provata?”
Rann scosse la testa. “Porta sfortuna.”
Valya si accigliò.
“Forgiare un’armatura e indossarla” disse Rann. “Non conosci la storia che gira?”
“Sinceramente non ne ho mai sentito parlare.”
“È così” disse lui sicuro. “Se un fabbro forgia un’armatura e poi la indossa, è destinato a morirci dentro.”
“Morirai comunque” disse Valya.
“Sì, ma non dentro questa armatura. E poi per me sarebbe sprecata.”
“Perché dici così?”
“È per un grande guerriero” disse Rann. “E io non lo sono. Sono più bravo a maneggiare martelli e pinze.”
“Un grande guerriero” disse Valya pensosa.
“Certo sarebbe bello vederla addosso a qualcuno famoso, come il signor Abbylan, Dalkon o magari tuo padre.”
“Abbylan un grande guerriero? Non credo proprio che signor baffetto sia così famoso.”
“Ma girano delle voci.”
Valya lo ignorò. Vedere quell’armatura, poterla toccare, le aveva messo addosso un desiderio che non riusciva a dominare.
“E se la provassi io?” chiese.
Rann sgranò gli occhi. “Tu sei una ragazza.”
“E allora? Anche Margry Mallor lo era e indossava un’armatura ingioiellata, dono del re degli Elfi.”
“Io non conosco questa Margry e degli elfi ho sentito solo nelle storie, ma non mi sembra una buona idea.”
“Perché no? Cos’ho io che non va bene?”
“Non lo so” fece Rann imbarazzato. “Sarebbe strano se tu la indossassi, non credi?”
“Non lo credo affatto” disse Valya. Iniziò a slacciare i lacci che chiudevano il corpetto che copriva la tunica. “Voglio indossarla.”
Rann fece per chinarsi verso l’armatura. “Sai cosa ti dico? Ci ho ripensato.”
“Voglio indossarla” disse Valya sfilandosi il corpetto.
Rann girò la testa di lato. “Che fai?”
“Tranquillo” disse Valya divertita. “Non mi voglio spogliare. Il corpetto mi darebbe fastidio.”
“Io non so se…”
Valya sospirò. “Mio padre sarebbe molto rattristato se sapesse che hai forgiato un’armatura di nascosto, soprattutto se ti aveva vietato di farlo.”
Rann la guardò inorridito. “Non farlo” esclamò.
“Potrebbe persino cacciarti.”
“Non saprei dove andare.”
“È un vero peccato” disse Valya. “Mi dai una mano con quella o no? Guarda che non te la sciupo indossandola.”
Rann trasse un profondo respiro e sollevò l’armatura. “Girati.”
Valya lo aiutò a passare le cinghie e stringere le fibbie fino a far aderire l’armatura al corpo. Le bastarono un paio di passi per abituarsi al suo peso.
“Credevo fosse più pesante” disse sorpresa e divertita al tempo stesso.
“Ho usato una formula diversa da quella comune” disse Rann come se quello spiegasse tutto.
“Formula?”
Il ragazzo annuì. “Me l’ha insegnata maestro Keltel.”
A uno sconosciuto ha insegnato come costruire armature, pensò Valya. E a me che sono sua figlia non vuole insegnare a usare la spada.
“Tutto qui?” chiese per allontanare quel pensiero.
Rann si strinse nelle spalle.
“C’è solo il busto qui” disse Valya dando un colpetto sull’addome. “Dov’è tutto il resto? Schinieri, spallacci, gambali. Quelle cose lì.”
“Devo ancora completarli.”
“Che aspetti a farlo? La voglio vedere completa.”
“Potrei metterci parecchio tempo. C’è tanto lavoro alla forgia.”
“E tu trovalo, il tempo. Sei l’apprendista di Simm Keltel, no? Per molti sarebbe un privilegio.”
Rann arrossì.
“Che ho detto di strano?”
“Niente” fece lui. “Ora però devo tornare alla forgia. Se maestro Keltel non mi trovasse potrebbe arrabbiarsi.”
 Valya sciolse i legacci e gli ridiede l’armatura. Una dietro l’altro uscirono dall’edificio abbandonato e si diressero alla forgia, dove si era riunita una piccola folla.
Da uno dei capannoni stavano alzando fiamme che illuminavano di rosso cupo il cielo che si stava tingendo di nero.
Rann accelerò il passo per raggiungerli e Valya faticò a seguirlo.
Avvicinandosi vide Tannisk sbracciarsi e urlare qualcosa ai suoi uomini mentre stavano formando una catena umana passandosi un secchio pieno d’acqua.
“Gettateli sulla base delle fiamme” urlò l’uomo con voce roca. Aveva il viso annerito dove spiccavano occhi grandi e spiritati che fissavano il fuoco che lambiva il cielo.
“Se non lo fermiamo quel maledetto si mangerà mezza forgia” si lamentò uno degli uomini.
“Che succede?” chiese Valya.
“Che ci fai qui, ragazzina?” le sbraitò contro Tannisk. “Tornatene immediatamente al palazzo. Non è posto per te questo.” Solo allora sembrò notare Rann. “Tu invece rimani qui. Mi servi.”
“Dimmi quello che devo fare” disse il ragazzo.
“Aiuta gli altri con i secchi d’acqua.”
Rann si unì alla catena umana.
“Voglio dare una mano” disse Valya.
L’incendio era divampato lontano dalla forgia dove lavorava suo padre, ma anche se i palazzi erano di pietra le fiamme potevano espandersi in fretta.
“Ti ho detto di tornare a palazzo” disse Tannisk.
“Ma…”
“Vai” esclamò l’uomo. “Se ti succede qualcosa tuo padre mi farà rimpiangere di non essere bruciato nell’incendio.”
Dalkon Quynn apparve alle loro spalle come la prima volta che lo aveva visto. Il suo viso era preoccupato e i riflessi dell’incendio lo rendevano ancora più cupo.
“Per i demoni dei sette inferi” disse fissando le fiamme che avevano avvolto il palazzo. “Com’è potuto accadere?”
“Non lo so ancora, ma lo scoprirò” disse Tannisk sicuro.
“Farai bene a darti da fare, vecchio o Hylana ti farà appendere fuori dalle mura.”
“Sei qui per dare una mano o minacciare?” disse una voce.
Valya guardò suo padre arrivare con passo veloce.
“Tu che fai qui fuori?” le chiese.
“Ero passata a trovarti” disse sulla difensiva.
“Torna a palazzo.”
“È quello che le ho detto anche io” disse Tannisk. “Ma quella ragazza sembra non sentirci.”
“Sì, fa sempre così.”
Valya ignorò l’offesa e decise di restare. I tre camminarono verso il centro della piazza discutendo tra loro.
“Presto le fiamme si vedranno in tutta Ferrador” disse Dalkon preoccupato. “Hylana non sarà affatto contenta.”
Il tetto dell’edificio in fiamme crollò con un boato, seguito da una cascata di scintille rosse e gialle che illuminarono il cielo.
A quel punto nella piazza d’arme si era radunata una folla e c’erano almeno trecento uomini e ragazzi che partecipavano alla catena umana di secchi.
Un paio di stregoni dal mantello bianco e rosso fecero piovere cascate di acqua sopra le fiamme, ma questa evaporò subito.
“Dovete puntare alla base” sbraitò Tannisk.
Il più anziano dei due lo fissò con disgusto. “Non pendo ordini da te.”
“Ma da me sì” disse Hylana sopraggiungendo. “Fate come vi dice lui” aggiunse con tono perentorio.
I due stregoni diressero i loro incantesimi verso la base delle fiamme, facendole arretrare.
“Finalmente ti degni di farti vedere” disse Dalkon.
Hylana gli scoccò un’occhiataccia. “Sono tornata prima che potevo.”
“Dov’eri, se posso chiedertelo?”
“Ecco, non chiedermelo” disse la governatrice. Adocchiò Simm e gli si avvicinò. “Che ne pensi?”
Lui scosse la testa. “Bisognerà abbattere le due palazzine laterali per bloccare l’incendio.”
Hylana annuì. “Perderemo un quinto dei forni.”
“Se non lo facciamo, li perderemo tutti.”
La governatrice fece un cenno agli stregoni nella piazza. “Preparate gli incantesimi. Niente fuoco, ce n’è già abbastanza.”
“Useremo il raggio incantato” disse uno di loro facendo cenno ad altri dieci di seguirlo.
Valya fece per andare con loro. Voleva vedere in azione gli stregoni, ma una mano le afferrò la spalla costringendola a voltarsi.
Apparteneva a suo padre. “Torna a palazzo. È un ordine.”
“Voglio stare qui.”
“Non è posto per te e non saresti utile. Vai a palazzo. Ora.”
Valya sospirò e con la testa bassa andò verso il palazzo dall’altra parte della piazza d’arme. Proprio sotto l’ingresso intravide le figure di Olethe, Izora e le altre ancelle.
“Che succederà adesso?” domandò Brenye.
“Non è affar vostro” disse Olethe, gli occhi fissi sull’incendio che stava avvolgendo la forgia.
Il boato di un palazzo che crollava fece trasalire Valya e la costrinse a voltarsi di scatto. “Che disastro” disse camminando all’indietro. “Questo incidente non ci voleva proprio.”
“Non è stato un incidente” disse Olethe. “Qualcuno ha appiccato quell’incendio.”
“Chi?” fece Izora spaventata.
“Il nemico” disse la donna. “Ora sappiamo che è qui, a Ferrador.”

Prossimo Capitolo Domenica 4 Ottobre

Ritorna all'indice


Capitolo 27
*** Un'offerta vantaggiosa ***


Un’offerta vantaggiosa
 
Hylana si lasciò cadere sulla poltrona, l’espressione esausta. Simm, Dalkon e altri l’avevano seguita nel suo studio.
Simm sarebbe tornato volentieri alla forgia per controllare i danni, ma la governatrice gli aveva intimato di seguirla.
In quel momento non si era sentito di contestare i suoi ordini. Non voleva contrariare di più la governatrice né appesantire il suo fardello.
Guardò Dalkon, che con espressione piena di pena si era seduto alla destra di Hylana. Simm scelse di proposito il posto più lontano.
Nello studio vi erano anche un anziano con gli abiti da erudito, una tunica grigia e marone e un uomo dal mantello bianco e rosso ricamati d’oro.
Hylana si massaggiò le tempie e trasse un profondo sospiro. Dalle imposte chiuse filtravano i raggi di un sole arancione che era appena sorto a occidente.
Sarà una lunga giornata, si disse Simm. E io vorrei essere da tutt’altra parte.
“Avete visto tutti” disse Hylana con voce incerta. “Che cosa è accaduto stanotte. Tre palazzine sono andate in fumo e altrettante hanno riportato ingenti danni. In totale abbiamo perso” ebbe un’esitazione.
“Trentotto forni” disse l’erudito. “E cinquantasei laboratori, più tutti gli strumenti, l’attrezzatura e molto altro. Però possiamo recuperare il metallo.”
Hylana annuì decisa. “Grazie Garlor.”
“Devo ancora aggiornare il resoconto” disse l’erudito. “Non appena sarà possibile ispezionerò di persona le palazzine danneggiate.”
“Molto bene. Ci sono perdite tra i fabbri e gli inservienti?”
Stavolta fu Dalkon a parlare. “Solo sette vittime. Per fortuna tutte facilmente rimpiazzabili.”
Sette vite bruciate o soffocate o morte nei crolli, pensò Simm. Mi domando se Dalkon pensi anche a sé stesso come una perdita facilmente rimpiazzabile. Probabilmente no.
Hylana annuì grave. “Scopri chi erano.”
“Erano inservienti e manovali.”
“Scoprilo lo stesso. Se hanno parenti o figli o mogli, devono essere informati.”
“Sarà tutto tempo sottratto ad altri compiti” protestò Dalkon.
“Trovali. E quando l’avrai fatto, daremo ai sopravvissuti dieci Lune di paga per ogni vittima.”
“Dieci Lune?” fece Dalkon sorpreso. “Monete buttate, se vuoi la mia opinione.”
“La tua opinione non mi interessa.”
“Ti ricordo che le nostre risorse sono limitate.”
Hylana guardò Garlor. “Il tesoro cittadino può affrontare questa spesa?”
L’erudito annuì. “Abbiamo delle riserve, governatrice.”
“Allora attingeremo da quelle.”
“Quelle monete servono per comprare il grano dai contadini che vengono in città” disse Dalkon. “Senza quelle monete lo venderanno altrove, magari ai nostri nemici.”
“Se non avremo soldi a sufficienza pagheremo a credito” disse Hylana.
“I contadini si ribelleranno.”
“Allora requisiremo il cibo se sarà necessario.”
“Tutto questo per qualche inserviente morto?” fece Dalkon.
“Fallo e basta” urlò Hylana stizzita.
Lo stregone alzò le mani come in segno di resa. “Come ordini, governatrice. Sei tu al comando.”
Simm ebbe l’impressione che volesse aggiungere “per ora”, ma Dalkon si limitò a un sorrisetto leggero.
La porta dello studio si aprì e fecero il loro ingresso Abbylan e i suoi ridicoli baffi. Il guerriero andrò a sedersi alla sinistra di Hylana.
“Chiedo perdono per il mio ritardo. Stavo interrogando le guardie all’esterno della piazza d’arme.”
La governatrice fece per dire qualcosa ma Dalkon l’anticipò. “Hai un bel coraggio a farti vedere.”
Abbylan gli rivolse un’occhiataccia.
“Sei o non sei il capo delle guardie?” lo incalzò Dalkon.
“Delle guardie di palazzo, sì” rispose il guerriero. “Ma la forgia è affidata a te. Hai insistito tu per averne il controllo totale.”
“Ma la zona attorno è di tua competenza. Io non ho sufficienti forze per controllare ogni cosa. Devo già badare a quei maledetti fabbri.” Guardò Simm. “Senza offesa, Keltel.”
“Anche volendo non riusciresti mai a offendermi, Quynn.”
Dalkon si accigliò ma il suo viso tornò subito sereno.
Abbylan guardò Hylana. “Se pensi che sia inadatto per questo ruolo sono pronto a farmi indietro, governatrice.”
“Una bella scusa per salvare la testa” disse Dalkon.
“Bada alla tua di testa, stregone” disse il guerriero.
“Mi stai sfidando per caso?”
Abbylan sfiorò l’elsa con la mano. “Pensi che abbia paura di te?”
“Dicono tutti che sei fuggito dal campo di battaglia quando eri giovane.”
“Almeno io non combattevo per il nemico” ribatté Abbylan.
Dalkon fece per alzarsi. “Mi hai stancato, piccolo…”
“Basta” disse Hylana. “Voi due mi avete stancata con i vostri litigi. Non è stata colpa di nessuno ed è colpa di tutti. Pensavamo di essere al sicuro, dietro le mura di Ferrador, ma ci sbagliavamo. Il nemico è qui, tra di noi, pronto a colpirci alle spalle quando meno ce lo aspettiamo.” Trasse un profondo respiro. “La prima cosa da fare è sigillare la città. Da questo momento le guardie cittadine sbarreranno i cancelli. Nessuno potrà entrare o uscire finché non troveremo quelli che hanno appiccato l’incendio.”
“A quest’ora saranno già fuggiti” disse Dalkon. “Hanno avuto l’intera nottata per andarsene.”
“Ferg” disse Hylana con tono più calmo. “Avverti tuo fratello. Digli di sigillare la città. Nessuno potrà entrare o uscire senza un valido motivo.”
“Vado subito da lui.” Abbylan si alzò in piedi. “Col tuo permesso.”
“Sospetti su chi possa essere stato?” chiese Hylana.
Dalkon scrollò le spalle. “Praticamente chiunque. Nell’ultima Luna solo alla forgia sono arrivate centinaia di persone nuove, compreso Keltel e sua figlia.”
“Sospetti di Valya?” fece Simm ironico. “Ama combinare guai, ma un incendio così devastante sarebbe troppo anche per lei.”
“Di tua figlia no, ma c’è quel ragazzino che hai preso come assistente.”
“È solo un inserviente.”
Hylana si accigliò. “Di chi parli?”
“Si chiama Rann” disse subito Dalkon. “E viene da un villaggio nei dintorni.”
“C’è molta gente che viene da fuori, l’hai detto tu stesso” disse Simm.
“Sì, ma quel ragazzo è strano, oltre che a essere molto forte.”
“È un esotico?” chiese la governatrice.
“Probabilmente” rispose Dalkon.
Simm si protese verso di lui. “Sai molte cose di Rann e dei miei assistenti.”
“È il mio lavoro.”
Sembra quasi che si sia informato prima dell’incidente, pensò. Le sue parole non possono essere casuali.
“In ogni caso, non è stato Rann.”
“E chi lo dice?” chiese Dalkon con tono annoiato.
“Garantisco io per lui.”
“Davvero? E chi garantisce per te, fabbro?”
“Garantisco io” disse Hylana con una smorfia. Guardò Simm. “Ma voglio sapere di più su questo ragazzino e il suo potere. Se è un esotico valuteremo se allontanarlo.”
“Non è pericoloso” disse Simm ricordando l’entusiasmo del ragazzo.
“Forse, ma molti esotici si sono schierati con il rinnegato.”
“Forse perché non avevano molta altra scelta” sbottò Simm pentendosi subito delle sue parole.
Dalkon fece un sorrisetto. “Adesso giustifichi le azioni dei rinegati, fabbro? Sembra quasi che tu nutra qualche simpatia verso di loro.”
“Non ho simpatia verso di te, voltagabbana.”
Dalkon strinse i denti. “Ridillo se hai coraggio.”
Simm stava per parlare quando Hylana disse: “Basta litigi. Simm riferirà a me e io prenderò una decisione. Al ragazzo non verrà fatto alcun male. Siamo persone civili e non uccidiamo se non è strettamente necessario.” “Quymarr” disse rivolta allo stregone col mantello bianco e rosso.
L’uomo rispose con un cenno leggero della testa.
“Posso contare sul vostro aiuto e quello del circolo?”
“Come sempre. Dimmi quello che ti serve, governatrice.”
“Mantelli con la vista speciale, tanto per iniziare. Se ci sono stregoni rinnegati che usano il manto di invisibilità, dovete trovarli. Sparpaglia i tuoi per le strade attorno alla fortezza e agli altri luoghi importanti, ma in maniera discreta.”
Quymarr annuì grave. “Ho anche dieci mantelli che sanno levitare. Potrebbero controllare la città dall’alto.”
“Ci serviranno anche loro” disse Hylana.
Quymarr si alzò e uscì dallo studio.
“Per me non hai ordini governatrice?” chiese Dalkon.
“Tu eri responsabile della forgia e non l’hai protetta.”
“Quindi sei d’accordo col mezzo guerriero e fai ricadere la colpa su di me.”
“Tua era la responsabilità.”
Dalkon si sollevò di scatto e Simm temette che stesse per scagliarsi contro Hylana.
Invece disse: “Vado a riprendere il mio posto. Col tuo permesso, è ovvio.”
“Rimani nelle tue stanze” disse la governatrice.
Dalkon fece una smorfia. “Come desideri.”
“Non lo sto desiderando. Te lo sto ordinando” rispose la donna impassibile.
Dalkon annuì e marciò fuori dallo studio.
Simm fissò indeciso la porta, cercando una scusa per congedarsi da Hylana. Ora che era solo nello studio pensava di essere di troppo.
La governatrice si rilassò sulla sedia. “Vorresti essere altrove, Simm Keltel?”
“Ho del lavoro da sbrigare alla forgia.”
“Dovrai rimandarlo.”
“Ho fatto un lungo viaggio per essere qui.”
“Anche io” rispose Hylana. “E di strada dovremo farne molta di più, noi due.”
“Mi stai proponendo qualcosa?”
“Il posto di Dalkon è tuo, se lo vuoi.”
Simm scosse la testa. “Non lo voglio.”
Hylana sorrise triste. “Potrei ordinartelo. Potrei obbligarti. Potrei persino…” Scosse la testa. “Lascia stare. Proprio non vuoi avere niente a che fare con tutto questo, vero?”
“Tu vorresti essere al mio posto, governatrice?”
“Un po’ ti invidio, lo ammetto. Ma solo un poco.” Si massaggiò le tempie con l’indice. “La guerra non sta andando bene. L’orda del rinnegato avanza sempre più e sta per assediare Charis. È una città commerciale poco difesa, ma se la prendono avranno la via spianata fino a Ferrador. A meno che non li fermiamo a metà strada.”
“Ci vorrebbe un esercito.”
“Lo avremo a breve.”
“Intendo ora.”
Hylana guardò altrove.
“C’è qualcosa che vuoi dirmi?”
“Ho ricevuto due messaggi questa mattina. Uno è di Aramil Stanner.”
“Aramil” disse Simm pensoso. “Cosa diceva, se posso saperlo?”
“Mi avverte che Lormist si è finalmente ricordata di avere un patto di alleanza con noi. Stanno radunando lance e mantelli per venire in nostro soccorso. Nel frattempo, ci inviano un primo contingente di cinquemila soldati e cinquanta mantelli.”
“Non è abbastanza ma è già qualcosa. Aramil guiderà l’armata?”
Hylana scosse la testa. “Sei deluso?”
“Dovrei?”
“Nella lettera dice che l’armata sarà affidata a suo figlio, Zannis.”
“Non lo conosco.”
“Nemmeno io. Aramil è una persona affidabile?”
“Perché me lo chiedi? Lo hai conosciuto, no?” Lottò per non farsi travolgere dai ricordi.
Hylana dovette notare qualcosa nella sua espressione. “Non quanto te. Se ha ceduto il comando a qualcun altro…”
“Avrà avuto i suoi motivi, ma sulle sue intenzioni puoi stare tranquilla. Se dice di volervi aiutare, lo farà. È un uomo d’onore.”
“Mi fa piacere sentirtelo dire, ma non sono i suoi principi che mi preoccupano, ma gli ordini che ha ricevuto. Le persone che governano Lormist non mi ispirano fiducia e il loro sovrano è un ragazzino.”
“Di Aramil puoi fidarti” disse Simm sicuro.
Hylana annuì grave. “E di Yander Ovrant che cosa sai dirmi?”
Stavolta Simm dovette lottare di più per contenere i ricordi. E nessuno di essi era piacevole. Udendo quelle parole ricordava solo sangue, urla e sofferenza.
E lacrime salate.
Respirò a fondo. “Quella” esitò. “È una questione diversa.”
“Sta venendo anche lui.”
“Con un’armata?”
“Da solo, con una piccola scorta, dice. Ma il resto dovrebbe arrivare quando Belliron metterà in campo le sue forze.”
Simm si accigliò. “Perché viene qui allora?”
“Speravo potessi dirmelo tu.”
“Io?”
“Ha scritto che viene per te. E che ha un’offerta che ci permetterà di vincere la guerra.”

Prossimo Caapitolo Giovedì 8 Ottobre

Ritorna all'indice


Capitolo 28
*** La conoscenza è un'arma ***


La conoscenza è un’arma
 
Una mano la scosse con forza e lei riemerse dal sonno. Si ritrovò a fissare una luce intensa che le feriva gli occhi. Proveniva da una finestra spalancata. Il resto della parete a cui era attaccata era in rovina, bruciata e divelta, non sapeva dire che cosa fosse accaduto per prima.
Accanto a lei, Hallen la fissava con espressione compassionevole, mentre nell’angolo opposto l’erudito di nome Tymund se ne stava appollaiato su di un trespolo a sfogliare un libro.
Shi’Larra respirò a fondo, la fronte madida di sudore. “Che succede?”
“Speravo potessi dircelo tu” fece Hallen sereno. “Ti ho dovuta svegliare.”
“Perché?”
“Urlavi.”
“Cosa?”
“Parole incomprensibili, per lo più. È una lingua che conosci, un dialetto delle tue zone?”
Scosse la testa. “Mi succedeva anche al villaggio. Parlavo nel sonno e nessuno riusciva a comprendermi. Nemmeno io ne ero capace.”
“E nei sogni ti capita lo stesso?”
Si accigliò. “No, credo di parlare sempre nella mia lingua. E riesco a capire gli altri quando mi parlano.”
Hallen annuì. “Tymund, vorresti darmi una mano?”
L’altro erudito sospirò annoiato. “Permettimi di dirti che è tempo sprecato. Sogni divinatori.” Scosse la testa. “Sono solo storie.”
“Nimlothien sembra pensarla diversamente.”
“Che vada agli inferi quella dannata strega” sbottò Tymund. “Non è per questo che mi sono unito ai rinnegati.”
“Credevo che il motivo fossero le tue ricerche.”
“E tu che ne sai?” fece Tymund con tono sospettoso. “Non mi ricordo di averne parlato con te.”
“Ma ne hai fatto parola con altri.”
“Mi stai spiando?”
Hallen sorrise mesto. “Ho preso informazioni su di te. Ho dovuto farlo prima di coinvolgerti in questa ricerca.”
“Potevi anche lasciarmi fuori. Io non sono interessato.”
“Ma io sì.”
Tymund sbuffò. “Che vuoi che faccia?”
“La tua accademia” disse Hallen. “È famosa soprattutto per le sue ricerche sulla mente umana. Studiate il carattere delle persone, il comportamento.”
“E con questo? Molte altre accademie seguono queste ricerche.”
“Sarebbe interessante se tu le condividessi con noi. Specie in questo caso.”
“Che c’è da indagare su questa selvaggia?”
Shi decise di ignorare l’offesa. Tymund aveva un pessimo carattere e l’aveva redarguita già un paio di volte.
Hallen sembrava meno tollerante di lei. “Attento a come parli.”
“Sei il protettore di questa qui?”
“Io no” disse l’erudito. “Ma Nimlothien, sì. Ha preso in simpatia questa ragazza e sarebbe dispiaciuta se ti sentisse chiamarla in quel modo.”
“Come vuoi che la chiami allora?”
“Mi chiamo Shi’Larra” disse.
Tymund fece una smorfia. “Perché dovrebbe importarmi qualcosa di lei?”
Hallen assunse la solita aria calma. “Per i sogni che fa. Non sono forse i sogni una finestra aperta sulla nostra mente?”
“Non citare le parole di maestro Vyrren” disse Tymund. “Era considerato un pazzo anche da molti dei miei compagni.”
“Ma altri lo considerano un visionario. E un genio.”
“Il confine tra pazzia e genialità è breve. Ci vuole poco a superarlo. In entrambi i sensi.”
Hallen annuì. “Tu credi che la nostra amica sia pazza?”
“Io credo che abbia un potere e che questo c’entri poco con la sua mente” disse Tymund cono tono superiore. “E non mi riferisco alla sua presunta capacità di prevedere il futuro, quello è impossibile, ma alla sua abilità nel convincere gli altri di esserne capace.”
Hallen si accigliò. “Quindi tu pensi che stia mentendo? Che reciti una parte, come un’attrice?”
“Un’imbrogliona sarebbe la definizione migliore. Una che approfitta del bisogno innato degli uomini di conoscere l’ignoto per trarne vantaggio per i propri fini.” La guardò con sguardo accigliato. “Quali sono? Puoi dirceli e finire questa commedia, ragazza?”
“I miei sogni sono reali” disse Shi cercando di restare calma. “Lo sono così tanto che mi hanno scacciata dal villaggio dove sono nata. E Nimlothien ha ottenuto due vittorie a sorpresa usando le mie divinazioni.”
Non era contenta di quella cosa ma in quel momento voleva dare una lezione a Tymund.
L’erudito abbozzò un leggero sorriso. “Stolida e arrogante, non mi aspettavo niente di meno da te. E per quanto riguarda quelle vittorie, puoi provarmi che non sarebbero giunte lo stesso senza la tua presunta divinazione? In fondo, i tuoi sogni sono stati considerati profetici solo dopo che la profezia stessa si era avverata. Molto comodo, se vuoi il mio parere.”
“È proprio per questo che siamo qui” disse Hallen. “Dobbiamo capire se i sogni di Shi’Larra sono davvero divinazioni e, se sì, come interpretarli nel modo corretto.”
“E perché dovremmo?”
“Perché prevedere il futuro può darci una grande conoscenza e una conoscenza è essa stessa un’arma. Una delle più potenti.”
“Armi” disse Tymund alzandosi in piedi. “Non sapete pensare che a questo. Voi e le vostre maledette armi.”
“Stiamo combattendo una guerra.”
“Voi state combattendo” disse l’erudito con tono sdegnato. “Io sono qui per studio.”
“Allora studia i sogni di questa ragazza” disse Hallen calmo. “La tua opinione sarà tenuta in grande considerazione.”
Tymund si avviò alla porta. “La mia opinione è che sia una perdita di tempo. Se è stregoneria, allora non è il mio campo. E se invece si tratta di ciarlataneria, devi rivolgerti a un giudice. Io qui ho finito.”
Quando fu uscito, Hallen trasse un profondo sospiro. “Non avercela con lui. Sono sicuro che non avesse intenzione di offenderti.”
“Non sono offesa” disse Shi’Larra, anche se dentro di sé avvertiva un leggero risentimento. Aveva cercato di dare una mano a quelle persone, almeno per ringraziarle di averla salvata e protetta per tutto quel tempo, ma in cambio stava ricevendo solo accuse e offese. E Nimlothien sembrava volesse solo sfruttarla per il suo potere.
Si chiese per l’ennesima volta che cosa sarebbe accaduto se, nonostante uno dei suoi sogni, le cose non fossero andate come lei aveva predetto.
Hallen si alzò a sua volta. “Devo andare anche io” disse con tono di scuse. “Quando tornerò, mi parlerai del tuo sogno.”
Shi si limitò ad annuire. Quando l’erudito fu uscito, si sdraiò sulla branda con gli occhi chiusi, ma lottò per non addormentarsi di nuovo.
Non voleva dormire, perché dormire significava sognare e quei sogni potevano causarle dei grossi guai, come al villaggio.
Ma se non sogno diventerò inutile, si disse. E se Nimlothien si convince che non le sono utile, che cosa ne sarà di me?
La strega le incuteva timore più di chiunque altro lì al campo. C’erano almeno mille persone e la maggior parte non erano combattenti e non portavano il mantello.
Erano persone semplici che svolgevano compiti come annotare cose nei libri o prendersi cura dei feriti che arrivavano da altre zone.
Quando ne arrivavano molti, di solito dopo una battaglia, venivano erette delle tende in più per ospitarli. La maggior parte veniva guarita, ma molti morivano per le ferite.
Nimlothien non si faceva vedere spesso, ma quando lo faceva interrogava lei per prima. “Hai fatto altri sogni?” le chiedeva.
Shi cercava di spiegarle che i sogni non arrivavano a comando e non dipendeva dalla sua volontà. Dopo una Luna senza sogni, aveva notato un lieve cambiamento in Nimlothien.
La donna sembrava meno entusiasta di incontrarla e la convocava dopo aver parlato con i responsabili del campo.
Lura, la ragazza che le faceva da valletta e che provvedeva a ogni suo bisogno, veniva a trovarla due volte al giorno, la mattina presto e la sera tardi.
Quel giorno invece si presentò alla sua capanna quando il sole era alto nel cielo. Shi era ancora adagiata sulla branda quando la ragazza bussò alla porta.
“Entra” le disse Shi ricordando la formula di cortesia che si usava nella valle. Al villaggio l’ospite avrebbe atteso cortesemente che lei si alzasse e la invitasse a entrare, se ne aveva voglia.
Lura fece il suo ingresso con passo esitante. “Ti disturbo? Se stavi dormendo posso ripassare dopo.”
“Sono sveglia” disse cercando di mostrarsi amichevole. “E tu non disturbi mai” aggiunse con un sorriso cortese.
“Ti ringrazio. So che sei una persona importante e molto impegnata, non ti ruberò molto tempo.”
Rubare tempo voleva dire farle perdere tempo, ricordò. “Sono sicura che sei venuta per una questione importante.”
Lura arrossì.
“Ho detto qualcosa che ti ha offesa?”
“Pensavo solo a quanto sono sciocca.”
Shi si accigliò.
“Il motivo della mia visita non è per nulla importante. Non se paragonata alla guerra e a tutto il resto.”
“Di che si stratta allora?”
Lura sospirò. “Lui si chiama Ashen.”
“Lui?”
Lura annuì. “È un ragazzo buono, cresciuto senza genitori e che si è unito alla nostra causa poco prima di me.”
“Combatte per voi?”
Lura annuì. “È un valido guerriero, ha già combattuto in due o tre battaglie.”
“Capisco.” Shi si accigliò. “Sei preoccupata per lui?”
“So che non dovrei essere così egoista” disse con tono dispiaciuto.
“Non lo sei affatto” esclamò Shi. “È normale essere in pensiero per la persona a cui si tiene. E tu sembri tenerci molto a lui, non è vero?”
Lura annuì decisa.
“Che cosa posso fare per aiutarti?”
“Ho sentito dire che vedi il futuro.”
Shi si sentì fremere. “Non sono esattamente visioni.”
“Ma puoi prevedere le cose che succederanno tra molti giorni e Lune, vero?”
“In un certo senso” rispose cercando di rimanere nel vago.
“Puoi vedere se ad Ashen succederà qualcosa di brutto?”
Voleva risponderle che i suoi sogni profetici non funzionavano in quel modo e che se anche avesse visto il destino di Ashen, non era certa di riuscire a riconoscerlo come tale.
Ti servono degli amici, disse una voce dentro di lei. Sei sola tra gente straniera. Questa ragazza vuole essere rassicurata. Vuole sentirsi dire ciò che desidera. Che il suo Ashen starà bene e che non gli capiterà niente di brutto, anche se tu non lo potrai mai sapere con certezza.
Shi prese la mano di Lura nella sua. “Vuoi molto bene a questo Ashen?”
Lura annuì. “È stato buono con me. Ogni volta che torna al campo mi porta dei fiori o un regalo.” Tirò su col naso.
“Solo questo?”
La ragazza arrossì. “Ci siamo scambiati qualche bacio, sotto uno degli alberi, dove nessuno poteva vederci. Lo so che è stupido e che non sono più una ragazzina…”
“Non è stupido” disse Shi cercando di rassicurarla. “E non sei una ragazzina. Io vedo una donna innamorata che si preoccupa per il suo amato.”
“Puoi fare qualcosa per lui? Vedere il suo futuro, intendo. Così potrò avvertirlo, la prossima volta che verrà.”
Shi annuì. “Stanotte sognerò di lui, mia cara.”
“Davvero?”
Shi si sforzò di sorridere. “Lo troverò nei miei sogni e domani stesso ti riferirò.”
“Sarebbe meraviglioso.”
Ciarlatana, disse una voce dentro la sua testa.
Zitta.
“Solo” accennò.
“Cosa?”
“Questo ci renderà amiche, Lura?”
La ragazza esitò. “Direi di sì.”
Sei sola. Di nuovo quella voce. Una ciarlatana sola.
Taci.
“Gli amici si aiutano, non è vero?”
“Sì” disse Lura senza esitare.
“Un giorno potrei chiederti un favore in cambio” disse Shi.
“Mi sembra giusto.”
Shi le sorrise.

Prossimo Capitolo Domenica 10 Ottobre

Ritorna all'indice


Capitolo 29
*** Veri guerrieri ***


Veri guerrieri
 
“Perché combatti?” le domandò Abbylan.
Incombeva su di lei, la spada rivolta verso il pavimento. Un attimo prima l’aveva mandata a terra per l’ennesima volta.
Valya aveva provato un affondo di lato per sorprenderlo, ma lui l’aveva anticipata spostandosi di lato, poi le aveva afferrato il polso e l’aveva disarmata. Con un gesto fluido l’aveva spinta indietro, costringendola ad arretrare di un passo. La sua gamba era inciampata in quella di Abbylan ed era caduta all’indietro.
Distesa sulla schiena, fissava il soffitto. “Ho perso.”
Lui annuì. “Di nuovo.”
“Sì” fece Valya alzandosi.
“Sei stanca?”
“No” rispose subito.
In verità le facevano male le gambe e la braccia, aveva le mani spellate e il polso le doleva dove lui l’aveva afferrata ma non voleva sospendere l’addestramento.
Abbylan scosse le spalle. “Sembri stanca.”
“Non lo sono.”
“Peccato. Volevo farti vedere delle persone.”
Valya si accigliò. “Chi?”
“Prima rispondi alla mia domanda” fece lui mettendo la spada nella rastrelliera.
“Quale domanda?”
Abbylan sospirò. “Quella che ti ho fatto prima. Perché combatti?”
“Per diventare più abile. Sto già migliorando, no?”
Mezza Luna prima non l’avrebbe nemmeno sfiorato, ma adesso riusciva persino a rispondere a un paio dei suoi attacchi.
“Non mi riferivo agli allenamenti. Mi chiedevo perché ti stai allenando. Qual è lo scopo?”
“Diventare una guerriera” disse Valya sicura. “La più abile e famosa di tutte.”
Abbylan si accarezzò i baffi. “Tutto qui?”
“Non è uno scopo abbastanza nobile?”
“Nobile? Credi che la nobiltà sia in questo? Desiderare di essere i più famosi?”
“E abili” aggiunse.”
“Sì, dimenticavo. Tu credi che diventare una grande guerriera ti renderà più nobile, qualsiasi cosa significhi?”
“Tutti i grandi guerrieri lo erano” disse Valya.
“Dimmene uno.”
“Ambar il Nero. Lui è stato il più grande e nobile guerriero di tutti i tempi.”
“Per quanto ne sappiamo.”
“Tu non credi?”
“Sai cosa dicono a Malinor?”
Valya si accigliò. “È sul continente vecchio, vero?”
“È la più grande città del mondo, sì. Ma sai cosa dicono da quelle parti?”
“No, ma sono sicura che me lo dirai tu” disse spazientita.
“A Malinor dicono che le spade dei più grandi guerrieri sono rosse per il sangue dei nemici uccisi in battaglia.”
“Mi sembra giusto” disse Valya perplessa.
Abbylan annuì calmo. “E sai che quel sangue sarà probabilmente il tuo?”
“Sì” rispose meno sicura.
“O potrebbe essere di qualcuno che conosci. Che stimi. Magari che ami.”
Scosse la testa. “Perché dovrei amare un nemico?”
Abbylan sorrise. “Conosci la leggenda di Lorya e Talya?”
“No” disse Valya sempre più perplessa.
“Erano due sorelle, figlie dello stesso Dio. Gemelle, per essere precisi. Sempre insieme, sempre fianco a fianco, ma un giorno Lorya si innamora di un uomo. Un mortale. Suo padre è contrario e le ordina di lasciare quell’uomo. Di ucciderlo e di portargli il suo cuore, per dimostrarle la sua fedeltà. Così Lorya prese le sue armi e andò dall’uomo che amava.”
“Lo uccise?”
“No. Lo nascose in un luogo sicuro e uccise un cervo al suo posto. Portò al padre il cuore della bestia uccisa.”
“È stata furba.”
“Aspetta a dirlo, la storia non è conclusa.”
Valya attese che proseguisse.
“Poche Lune dopo, Talya scopre l’inganno della sorella e prende le sue armi per uccidere l’uomo e salvare la sorella dalla terribile punizione che loro padre le infliggerebbe se venisse a sapere che le ha mentito. Mentre sta per ucciderlo, Lorya sopraggiunge e le due sorelle combattono, una per la vita del suo amato e l’altra per l’adorata sorella.”
“Chi vinse?” domandò Valya.
Abbylan sorrise triste. “La domanda corretta è un’altra.”
“Quale?”
“Perché si batterono?” Scosse la testa. “La follia della guerra. Vieni, devo farti conoscere delle persone.”
“Chi?”
“Guerrieri. Veri guerrieri.”
 
La torre di guardie si ergeva sopra le mura della città. Oltre di esse poteva immaginare i campi per cui erano passati arrivando, la strada che si snodava nella pianura come un serpente e i corpi appesi alle corde.
Cercò di scacciare quel pensiero mentre Abbylan la scortava con fare sicuro verso l’ingresso sorvegliato dalle guardie.
Vedendolo arrivare si raddrizzarono e sistemarono elmi e scudi, ma avvicinandosi si rilassarono.
“Sei solo tu” disse una delle guardie. “Pensavo fossi tuo fratello, ma quando ho visto i baffi mi sono ricreduto.”
Abbylan lo salutò con un gesto vago della mano. “Sono solo di passaggio.”
“Ti ha mandato Zebith?”
“No, è solo una visita, tutto qui.”
La guardia brontolò qualcosa.
“Che hai da lamentarti?” gli domandò Abbylan.
“Niente” disse l’uomo. “E tutto. Dopo l’incendio alla forgia Zeb ha raddoppiato i turni di guardia e punito un paio di quelli sorpresi ad attardarsi nelle taverne. Sono bravi ragazzi, non meritano di essere ai ceppi.”
“Vedrò di farli liberare” disse Abbylan.
“In fondo non è stata colpa nostra. L’incendio, dico. Noi non facciamo la guardia alla piazza d’arme.”
Abbylan annuì. “Quella tocca a me.”
“Non ti stavo incolpando.”
“Non c’è bisogno che lo faccia tu. La governatrice è stata chiara. Al prossimo sbaglio finirò io in una cella.”
La guardia scosse la testa. “Sarebbe un gran peccato, Fas.” Fece un cenno con la testa verso Valya che ascoltava in silenzio. “E quella lì chi è?”
Valya stava per dire che era la figlia di Simm Keltel, il famoso eroe.
“È mia nipote” disse Abbylan.
La guardia lo guardò accigliato. “Zeb ha una figlia?”
“È di nostra sorella.”
La guardia scrollò le spalle.
“I ragazzi sono nei dormitori?”
“Riposano per il turno di notte, a parte un paio che ho mandato a fare delle commissioni.”
Abbylan le fece un cenno con la mano. “Vieni tu.”
Valya lo affiancò mentre entravano nella torre lasciandosi alle spalle la guardia con l’espressione perplessa.
“Adesso sarei tua nipote, signor baffetto?” gli chiese sottovoce.
“Così potrai entrare senza che nessuno abbia da ridire. Sai, qui è raro vedere delle ragazze. La governatrice ha vietato a chiunque di portarne in caserma o finirà appeso fuori dalle mura.”
“Che c’è di male?”
Abbylan sorrise e scosse la testa. “Niente, se vuoi il mio parere, ma i soldati diventano nervosi quando ci sono le loro donne in giro, per questo devono lasciarle a casa.”
Oltre la soglia qualcuno aveva ammonticchiato sacchi contro le mura e lasciato libero il centro, formando un quadrato che portava a una scala a chiocciola.
Abbylan le indicò i gradini con un gesto plateale. “Da questa parte.”
Due soldati, uno giovane e l’altro più anziano, stavano scendendo in quel momento.
“Ye, Ferg” disse il più vecchio salutando Abbylan con un ampio sorriso. “Che ci fai da queste parti? Avete poco lavoro lì a palazzo? O eri stanco di farti massaggiare i piedi da qualche servetta?”
Abbylan si lisciò i baffi. “Sono solo di passaggio. E i miei piedi sono lisci e profumati come sempre” aggiunse compiaciuto.
Il soldato rise. “E quella lì?”
“Mia nipote?”
“È la figlia di Zeb? Mi sorprende che abbia trovato una donna capace di sopportarlo.”
“Attento a come parli” lo ammonì Abbylan. “È pur sempre il tuo comandante. E per quanto possa sembrarti incredibile, mia madre lo sopportava benissimo.”
“Io ti saluto. Scusa se non mi fermo a parlare, ma devo guidare la pattuglia notturna e sono quasi tutti nuovi.”
I due si salutarono con un gesto del capo e Abbylan riprese a salire le scale. Valya lo seguì in silenzio fino al livello successivo, dove si apriva un’ampia sala quadrata.
Qui, disposte lungo i lati, c’erano due dozzine di letti, mentre al centro campeggiavano un tavolo per otto posti e quattro rastrelliere piene di spade e scudi ammaccati.
Una dozzina di soldati, quasi tutti in brache o mutandoni, erano seduti al tavolo o sui bordi del letto. Un paio erano intenti a giocare a carte e un quartetto se ne stava in disparte a lanciare dadi contro un muro.
Valya cercò di ignorare gli uomini in mutande. Aveva già visto suo padre e a Cambolt, quando d’estate facevano il bagno nel fiume, Hagen e gli altri ragazzi a volte si buttavano in acqua con poco più addosso.
 Il primo che si voltò dalla loro parte emise un fischio.
“Guardate” gridò agli altri. “È tornato Ferg.”
“Guarda chi si vede” disse un uomo col petto nudo e pieno di cicatrici. “Sei venuto per la rivincita?”
Abbylan scosse le spalle. “È solo una visita di cortesia.”
Un giovane dalla barba incolta e il mento a punta si avvicinò come per guardare meglio. “Ma è vera quella?” chiese indicando Valya. “Come hai fatto a farla entrare?”
“È mia nipote” disse Abbylan.
“Certo, certo” disse l’uomo col petto pieno di cicatrici. “E quella prima chi era, tua cugina? O la figlia del tuo vicino?”
Valya notò Abbylan arrossire e passarsi la mano sui baffi.
“È davvero la mia cara nipotina in visita qui in città” disse.
“Davvero? Allora benvenuta” fece il ragazzo di prima. “Io mi chiamo Razyan, ma tutti qui mi chiamano Raz.”
L’uomo col petto pieno di cicatrici gli diede un buffetto dietro al collo che face piegare in due Raz. “Sempre a vantarsi del tuo nome da nobile, eh?”
“Non è vero” disse il ragazzo massaggiandosi la nuca. “Che ci posso fare io se porto un nome importante?”
“Io sono Filarion” disse l’uomo con le cicatrici. “Ma tutti mi chiamano Fil.”
“Racconta a mia nipote come ti sei fatto quelle” disse Abbylan.
Fil sfiorò le cicatrici con la mano. “Queste qui? Ognuno di questi segni potrebbe raccontarti una storia di battaglie, duelli e nobili imprese.”
“Davvero?” fece Valya sorpresa. “Hai combattuto molte battaglie?”
“Decine” disse Fil.
Abbylan ridacchiò.
“Che hai da ridere tu?” fece l’altro accigliato.
“Metà di quelle cicatrici te le sei fatte nelle taverne, facendo a botte con gli ubriaconi come te.”
“Io” fece per dire Fil.
“E l’altra metà” proseguì Abbylan. “Deve avertela lasciata qualche contadino in una razzia nei campi.”
“Sono anni che non faccio saccheggi” disse Fil con tono deluso.
“Scommetto che se potessi…”
“No” fece l’altro categorico. “Ho smesso per sempre. Ora sono una persona nuova.”
“Ha parlato con un prete del Culto” disse un guerriero dall’aria acciaccata. Camminava curvo trascinandosi dietro la gamba destra.
“Sei ferito?” chiese Valya.
L’uomo le rivolse un’occhiataccia. “Perché me lo chiedi? Sei una guaritrice?”
“No, era solo curiosità” si difese.
L’uomo sollevò la gamba. “La punta di una lancia me la passò da una parte all’altra, spezzandola quasi in due. I guaritori la riattaccarono come meglio poterono, ma da allora non è mai stata la stessa.”
“Dove te la sei fatta?” gli domandò Abbylan.
“A Gormar, sul continente antico” rispose l’uomo. “Il governatore della città arruolava volontari per dare la caccia a una banda di predoni che si era insediata sulla costa. All’epoca ero giovane e avevo bisogno di soldi, così mi sembrò una buona idea. Nel primo scontro mi ritrovai circondato da due di quei demoni. Ne uccisi uno, ma l’altro scivolò alle spalle e mi prese alla gamba con la lancia. Io la spezzai con la spada e poi lo finii con un colpo in mezzo alla fronte. Non hai idea del sangue che perse prima di morire.” Scosse la testa.
Abbylan indicò un uomo che se ne stava seduto sul bordo del letto e sembrava stesse ruminando. “Agis.”
L’uomo sollevò la testa e Valya notò che c’era qualcosa di strano nel suo profilo, come se gli mancasse qualcosa. Quando si accorse che all’uomo mancava metà del naso provò una spiacevole sensazione allo stomaco.
“Che vuoi?” chiese l’uomo.
“Tu come te le sei fatta quella?”
“Un colpo di freccia” rispose con tono infastidito.
“E tu Saleh?” chiese Abbylan avvicinandosi a un soldato con una vistosa cicatrice sulla guancia destra.
Saleh brontolò qualcosa. Quando aprì la bocca per parlare, Valya vide che gli mancavano tutti i denti di sotto. “Un dannato Guerriero Nero” disse con voce biascicata. “Nemmeno era armato quel demone. Io lo attaccai con la spada e lui mi bloccò con lo scudo prima di darmi un cazzotto proprio qui.” Indicò la guancia con l’indice. “Mi spaccò tutti i denti di sotto. E quando dico tutti, intendo proprio tutti. Per fortuna il mio amico Nardal era proprio lì vicino e gli infilò quattro palmi di acciaio nella schiena o quello lì mi avrebbe spaccato la testa con i suoi cazzotti.” Scosse la testa affranto. “Mai attaccare da solo un guerriero nero. Mai.”

Nota
Spiacente, ma questa settimana devo saltare un giovedì perché so già che non ce la farò e piuttosto che promettere un capitolo che non ci sarà preferisco rimandarlo.
Prossimo Capitolo Domenica 18 Ottobre

Ritorna all'indice


Capitolo 30
*** Una grande occasione ***


Una grande occasione
 
“Che ne pensi dei ragazzi?” le domandò Abbylan sulla via del ritorno. Le ombre si stavano allungando ma non era ancora buio. Le strade di Ferrador si stavano svuotando e le poche luci provenivano dalle finestre aperte.
Valya fissava la strada in silenzio, l’espressione accigliata.
“Ti ho chiesto che ne pensi.”
“Perché mi hai portata alla caserma?” gli domandò perplessa.
“Per farti conoscere qualche vero guerriero.”
“Quelli non sono guerrieri.”
“Non lo sono, dici?” chiese Abbylan con tono divertito.
“No” fece Valya.
“Secondo te che cosa sono?”
“Non lo so. Persone che combattono.”
“E quale sarebbe la differenza?”
Valya scrollò le spalle.
“Solo quelli che indossano un’armatura scintillante e usano armi magiche possono essere dei guerrieri?”
“Nobili guerrieri” puntualizzò lei. “E un’arma magica sarebbe utile.”
“Nessuna magia è più forte di un ottimo addestramento. E di un’armatura di eccellente fattura.”
“Sul serio? Se un guerriero usasse un’arma magica, tu saresti capace di batterlo?”
“Un duello è sempre imprevedibile.”
“Lo sapevo” fece Valya con tono canzonatorio. “Il signor baffetto si sta già tirando indietro.”
“Se hai un guerriero armato di spada magica portalo qui e lo affronterò, dimostrandoti che ho ragione.”
“Ragione su cosa?”
“Sul fatto che un guerriero vale più di qualsiasi spada magica o armatura fatata.”
“Potrei sorprenderti” disse con tono di sfida.
“Non mi sorprendo facilmente.”
Un drappello di soldati sostava vicino all’entrata della piazza d’armi, dove era stato eretta una trincea per ordine della governatrice. Chiunque passasse di lì doveva essere controllato prima di procedere oltre.
Un uomo dall’aria accigliata stava parlando ai soldati. Indossava un mantello porpora che gli scendeva fino alle caviglie e una lunga chioma bionda che gli copriva le spalle.
Abbylan si irrigidì e rallentò il passo vedendolo e Valya notò il suo sguardo accigliato.
Il tizio dalla capigliatura dorata gettò loro un’occhiata, fece un cenno ai soldati e si diresse verso di loro.
“Non dire una parola” sussurrò Abbylan.
“Chi è?”
“Donn Ballard” rispose l’altro come se quello spiegasse tutto.
“E chi sarebbe?”
“Mettiamola così. Se Dalkon fosse davvero un lupo, Donn sarebbe il suo cane da guardia.”
“I lupi non hanno cani da guardia” protestò Valya.
“Zitta ora.”
Donn Ballard mostrava un sorriso tirato. “Che ci fai in giro a quest’ora?” domandò con tono brusco. “La governatrice l’ha vietato.”
“Portavo la figlia di mastro Keltel a fare una passeggiata” disse Abbylan. “Ordini della governatrice.”
“Non ne sapevo niente” disse Ballard.
“Ora lo sai.”
Abbylan fece per procedere oltre ma l’altro gli sbarrò il passo.
“Dopo il guaio che hai combinato” disse Ballard. “Non godi più della sua fiducia e tuo fratello non potrà difenderti per sempre.”
“Mio fratello non mi ha mai difeso” rispose Abbylan.
“Stai attento, soldatino” disse Ballard. “Un giorno di questi…”
“Cosa? Cosa mi succederà?”
Ballard sorrise. “Niente. Ma fai attenzione lo stesso. A palazzo stiamo valutando la tua posizione.”
Abbylan rispose con un grugnito e lo superò. Valya lo seguì in silenzio per un centinaio di passi mentre si inoltravano nella piazza, senza osare voltarsi per vedere se Ballard li stesse osservando o no.
“Quel tizio ce l’ha con te?”
“Può darsi.”
“Che gli hai fatto?”
“Non sono affari che ti riguardano” rispose Abbylan. “Ora devo andare. Domani presentati puntuale alla lezione.”
Appena a palazzo rientrò nella sua stanza e si cambiò d’abito, mettendo la gonna piena di svolazzi e la blusa colorata che Olethe insisteva a farle indossare quando era tra quelle mura.
Stava iniziando ad apprezzare quei vestiti, più comodi di quanto pensasse quando doveva muoversi tra le sale del castello e che la rendevano meno visibile di una ragazzina in stivali e brache da fabbro che si aggirasse per i corridoi bui.
Poco prima di cena scese sul livello inferiore, quello delle sale di addestramento, per dare un’occhiata in giro. Non cercava niente di specifico ma un’idea le era passata per la mente e voleva metterla alla prova.
In una delle sale d’armi adocchiò una parete dove erano allineate una gran quantità di armi e scudi. Ce n0erano di rotondi, ovali, allungati, a punta e persino uno quadrato che sembrava piuttosto scomodo da usare. Uno era così grande che dubitava esistesse un uomo in grado di sollevarlo.
Vicino a un angolo trovò quello che stava cercando. L’elsa della spada terminava con un pomolo rotondo, del tutto anonimo tra le fastose decorazioni delle altre armi. La lama era nascosta dallo scudo e sbirciando dietro di essa notò che era agganciata al muro tramite dei sostegni dove poteva scorrere.
Per accertarsene afferrò l’elsa e la mosse appena, quasi sguainando la spada per tutta la sua lunghezza. Rimise a posto la lama assicurandosi che dall’esterno non si notasse che l’aveva toccata e memorizzò la posizione dell’arma e della sala.
Tornando di sopra incontrò Olethe. La donna sembrava preoccupata e si muoveva con passo veloce nel corridoio tato che quasi andò a sbatterle contro.
“Chiedo scusa” disse Valya ricordando la formula che la donna le aveva insegnato in quell’ultima Luna.
Olethe rispose con una smorfia. “Vedo che stai imparando le buone maniere. Invece andare in giro da sola è un’abitudine che proprio non riesci a eliminare.”
“Facevo solo due passi prima di cena” si giustificò.
“Ne sono certa. Già che sei qui vieni con me.”
Valya seguì Olethe lungo il corridoio. “Dove andiamo?”
“Da Doryon.”
“Sta di nuovo male?”
“Per fortuna, no. Sembra che l’ultimo intruglio creato dai guaritori stia funzionando.”
“Sono riusciti a capire che cos’ha?”
“Se ne fossero capaci, l’avrebbero già curato” disse la donna. “Ma per il momento devono procedere alla cieca e sperare di non peggiorare le cose.”
Valya la seguì in silenzio fino alla porta di Doryon.
Olethe appoggiò una mano sulla superficie di legno laccato e disse: “Siete dentro?”
“Entra” rispose una voce appena udibile.
Valya seguì Olethe dentro la stanza di Doryon. Era la prima volta che ci entrava. Al centro, vicino all’ampia finestra socchiusa e coperta da tende color crema, vi era un letto a due piazze coperto da un baldacchino. Sulla parete opposta vi era un armadio a quattro ante e sul lato che li congiungeva uno scrittoio pieno di carte ben ordinate e una sedia scostata di qualche passo.
 Doryon sedeva sul bordo del letto, il viso scavato e grigio, due occhi chiari che le fissavano.
“Perché non siete a letto?” domandò Olethe preoccupata. “Non sapete che dopo aver preso la pozione non potete alzarvi?”
“Avevo l’ispirazione” rispose il ragazzo, come se quello spiegasse tutto.
Valya si avvicinò al letto quasi in punta di piedi. Non riusciva a fissare quella figura così esile e quegli occhi troppo a lungo.
Doryon guardò dalla sua parte. “Ci sei anche tu. Valya.”
Lei rispose con un sorriso e un leggero inchino, come Olethe le aveva raccomandato di fare quando le rivolgevano la parola. “Io ti saluto, Doryon.”
“Mi piace di più Dem” disse il ragazzo con un filo di voce.
Olethe aiutò il ragazzo a stendersi sul letto. “Tu” disse rivolta a Valya. “Fai compagnia a Doryon mentre io rimetto in ordine la stanza.
A Valya non sembrava che ci fosse tanto da sistemare lì dentro ma ubbidì lo stesso.
 Doryon aveva il capo disteso sul cuscino e fissava il soffitto. “Oggi avevo l’ispirazione” disse. Guadò Valya. “Ho sognato di valorosi cavalieri e grandi imprese e volevo scrivere i versi a cui avevo pensato prima che mi sfuggissero dalla mente. Mi capita spesso di dimenticare le cose, ultimamente.”
“Capita anche a me” disse Valya per avere qualcosa da dire. “Mio padre a volte dice che se non avessi la testa attaccata sul collo la scorderei a casa.”
Doryon sorrise. “Il grande Simm Keltel” disse il ragazzo. “Lo sapevi che ha combattuto a Mashiba?”
Valya annuì. “Lo dicono tutti. È la battaglia che l’ha reso famoso.”
“Non solo lui, ma anche Aramil il Triste e Yander Lo Splendente.”
“Li conosco appena” ammise.
“E Wyll il Falco Grigio.”
“Non conosco nemmeno lui.”
Doryon si accigliò. “Davvero? Mia madre dice che lui e tuo padre erano grandi amici. Inseparabili.”
“Lui non mi parla mai della guerra.”
Lui non mi parla mai di niente che lo riguardi davvero, pensò triste e contrariata.
“Wyll era forte” disse Doryon. “Fu lui a scoprire dove si nascondeva Vulkath. E sfidò a duello Yander.”
“Deve essere stata una sfida memorabile.”
“Ora basta” disse Olethe. “Doryon deve riposare.” Mise sul corpo del ragazzo una coperta imbottita ricamata d’argento. “Andiamo” disse a Valya.
“Tornerai a trovarmi?” chiese Doryon speranzoso. “Abbiamo tante storie da raccontarci.”
Valya stava per rispondere, ma Olethe l’anticipò. “Ora devi riposare e pensare a rimetterti in forze.” Chiuse la porta della stanza con un tocco leggero, sospirò e le rivolse un’occhiata severa. “Ti sei comportata bene.”
“Ti ringrazio” disse Valya.
“Non farlo. Se resterai qui abbastanza tempo, farò di te una brava ragazza, capace persino di trovarsi un buon marito.”
“Io” fece per dire Valya.
“Non rovinare ogni cosa, figlia del fabbro. Ti è stata concessa una grande occasione. Vedi di non sprecarla.”
“Io voglio diventare una guerriera.”
Olethe sorrise triste. “E io volevo essere una principessa e vivere in un magnifico castello e invece sono finita qui.”
“Se non sei felice perché resti?”
Olethe la fissò adirata. “Come ti permetti? Osi darmi dei consigli? Io sono onorata di servire la governatrice.”
“Non stavo dicendo questo” si difese. “Ma non sembri contenta.”
“Bada agli affari tuoi, ragazza. Ora torna nella tua stanza e restaci fino all’ora di cena.”
Valya fece di sì con la testa ma non aveva alcuna intenzione di tornare nella sua stanza. Invece, appena ebbe perso di vista Olethe, ne approfittò per tornare sui suoi passi e scendere al livello delle sale di addestramento. Prese una delle spade dalla rastrelliera e adocchiò uno dei manichini. Sollevò l’arma come Abbylan le aveva insegnato e per un po’ danzò attorno all’avversario, immaginando di fronteggiare un vero guerriero in battaglia.
Chiuse gli occhi e per un istante fu trasportata in mezzo a un vero scontro, tra guerrieri che si lanciavano all’attacco con le spade sguainate e le armature che brillavano sotto il sole.
C’erano bandiere e stendardi agitati dal vento e spade che luccicavano insieme a punte di spade e frecce che passavano sopra il sole oscurandolo.
E al comando di quell’armata che si dispiegava maestosa nella valle, c’era lei, la spada sollevata al cielo che incitava i soldati ad avanzare.
Quando aprì gli occhi fissò delusa il manichino senza vita che la sfidava. Gli sferrò un fendente sulla spalla che lo fece ondeggiare ma non crollare.
Non sono abbastanza forte, si disse. Nemmeno riesco a buttare giù questo pezzo di legno, figuriamoci un vero nemico. Abbylan ha ragione, non sarò mai una versa guerriera.
Il pensiero andò alla spada conservata nel baule.
In quella Luna aveva cercato di dimenticarla e concentrarsi sull’allenamento, ma non era servito a molto. Si era detta che addestrandosi sarebbe diventata più brava e non ne avrebbe più avuto bisogno, ma nemmeno lei ci credeva.
Devo avere quella spada, pensò. Ora.
Tornò al livello superiore percorrendo le sale con ampie falcate e raggiunse l’uscita quasi di corsa. Attraversò il cortile facendosi strada tra gli operai e gli inservienti che avevano terminato il loro turno e si stavano ritirando nelle palazzine messe a disposizione dalla governatrice.
Li ignorò tutti senza fermarsi né rallentare davanti a un ostacolo. Se uno di loro si fosse messo in mezzo, era sicura che l’avrebbe travolto.
La spada, pensò. Devo averla.
Il carro con cui erano arrivati a Ferrador era ancora fermo davanti all’ingresso della palazzina. Lì c’era la stanza che era stata messa a disposizione di suo padre, insieme a quelli degli altri fabbri.
Un paio di essi stavano ciondolando davanti al portone e le rivolsero un’occhiata fugace.
“Se stai cercando tuo padre, è uscito per andare in città.”
Come al solito, pensò Valya.
Li ignorò tirando dritto verso le scale e poi per i successivi due livelli, ino a ritrovarsi davanti alla porta di suo padre.
Non aveva le chiavi ma le bastò appoggiare la mano sulla maniglia per scoprire che era aperta. Si introdusse nella stanza quasi in punta di piedi, anche se sapeva che era vuota.
All’interno vi erano un armadio, una branda, uno scrittoio e alcuni bauli allineati contro la parete opposta. Valya si gettò sopra uno di essi e lo spalancò, affondando le braccia all’interno, febbricitante.
Afferrò il fagotto e lo aprì, rivelandone il contenuto. Il panno floscio le scivolò dalle mani sul pavimento e il suo cuore perse un colpo.
“È vuoto” disse sottovoce. “Qualcuno ha preso la mia spada.”
La porta si spalancò all’improvviso facendola sobbalzare.
“Che ci fai qui?”

Prossimo Capitolo Domenica 25 Ottobre

Ritorna all'indice


Capitolo 31
*** Cambiamento ***


Cambiamento
 
Valya si voltò di scatto, lo sguardo accigliato e la vista offuscata dalla rabbia. Senza riflettere su quello che stava facendo si gettò sulla figura che sostava all’ingresso, afferrandola e spingendola all’indietro.
“Che ti prende?” chiese questa con voce allarmata.
“Dov’è?” chiese Valya stringendogli il collo con le mani.
“Tuo padre” iniziò a dire l’altra.
“Non lui, ma la spada.”
La vista le si schiarì all’improvviso e vide il viso allarmato di Rann che la fissava.
“Quale spada?”
Valya indicò il baule. “Quella che era lì dentro.”
“Non l’ho presa io” disse Rann.
“Davvero? Chi me lo assicura, dannato ladruncolo?”
“Io non…”
“Zitto” disse Valya strattonandolo.
Rann le afferrò i polsi e strinse ma senza farle male. Con un gesto deciso allontanò le sue mani dal collo e la costrinse a indietreggiare di un passo.
Valya fu tentata di tirargli un calcio, ma si trattenne a stento. La rabbia stava già scemando, lasciando dietro di sé il respiro affannoso e un unico pensiero.
La spada.
“Calmati” disse Rann con tono pacato.
La spada, udì rimbombare nella sua testa. Qualcuno l’ha presa. Qualcuno l’ha trovata e l’ha presa, portandola via da me.
Rann indicò i bauli. “I bauli sono tutti qui. Nessuno li ha toccati, te lo giuro. Maestro Keltel è stato chiaro con me.” Lanciò un’occhiata al baule aperto. “È lì dentro quello che cerchi?”
Valya annuì. “Sì. No. C’era ma adesso non c’è più.”
“Strano” fece Rann avvicinandosi al baule. “Sei sicura che sia questo?”
“Sono sicura” disse seguendolo dentro la stanza, il respiro che tornava normale.
Che ho fatto? Si chiese. L’ho davvero aggredito?
Rann guardò nel baule. “Che cosa c’era?”
“Una spada” disse riluttante.
Il ragazzo si passò una mano sul mento. “Ha un pomello rotondo e un bel disegno sul fodero?”
“Sì” fece Valya con veemenza. “L’hai vista? Dimmi dov’è, ti prego.”
“L’ho vista” disse Rann.
“Dove?”
Il ragazzo indicò il baule. “Proprio qui dentro. Eccola lì.”
Valya corse al baule e quasi incespicò nei suoi stessi piedi per sporsi. Guardò all’interno e, sotto i panni del fagotto, intravide il pomello a forma di sfera e l’intreccio ricamato sul fodero. “È lei” disse trattenendo a stento le lacrime. “Come ho fatto a non vederla?”
“Si vede che quando ho portato su i bauli devo averli smossi un po’ troppo” disse Rann. “Mi spiace di averti allarmata. Non lo dirai a maestro Keltel, vero?”
“No, no” rispose Valya.
“Grazie. È molto importante per te?”
“Cosa?” fece Valya dimenticando pe un attimo la spada.
“Quella” disse Rann indicandola con un cenno della testa.
“Io” disse Valya cercando le parole giuste. “È un caro ricordo di famiglia.”
“Davvero? Maestro Keltel conserva altre spade nei bauli?”
“Sinceramente non lo so” disse Valya guardinga. “Ma una volta gli ho visto prendere e poi riporre un’armatura.”
“Deve essere in uno di quelli sul fondo. Erano davvero pesanti quando li ho portati su.”
“Li hai portati tu da solo?”
Rann annuì.
“Sono tre livelli.”
“Io sono forte” disse il ragazzo.
Valya voleva cambiare discorso. “Stai ancora lavorando alla tua armatura?”
“Tutte le volte che ho tempo. Ma non è molto, visto che c’è tanto lavoro alla forgia, specie dopo l’incendio.” Sul suo viso passò un’ombra.
“Che hai?”
“Niente” disse Rann scrollando le spalle. “Ho solo ricordato una cosa strana successa dopo l’incendio.”
“C’entra mio padre?”
Lui scosse la testa. “No, certo che no. Riguarda maestro Quynn.”
Valya lo ricordava, lo vedeva ogni tanto a palazzo aggirarsi come uno spettro, senza mai fermarsi a parlare con qualcuno per scambiare solo una o due parole. Li aveva accolti alla forgia quando erano arrivati e le era parso che tra lui e suo padre le cose non andassero bene.
“Mi ha fatto parecchie domande” disse Rann.
“Su cosa?”
“Sul posto da dove vengo, sul perché sono venuto in città, quello che faccio dopo aver lavorato alla forgia.”
“Gli hai detto dell’armatura?”
“Certo che no, ma lui non me l’ha chiesto.”
Dalkon avrebbe potuto riferire a suo padre che era stata con Rann nelle palazzine abbandonate il giorno dell’incendio e non voleva essere rimproverata per quella sciocchezza.
Rann rimase in attesa.
“Ora puoi andare” disse Valya cercando di non sembrare troppo scortese. “Devo controllare delle cose.”
“Certo” fece Rann imbarazzato. “Io devo comunque tornare alla forgia.”
“Non dire a mio padre che sono passata. Non vorrei che si preoccupasse anche di me con tutto il lavoro che ha da fare.”
E che comunque non gli impedisce di passare intere giornate in città, pensò Valya. Chissà cosa ci andrà a fare?
Rann uscì chiudendosi dietro la porta.
Valya attese un po’, poi l’aprì e lanciò un’occhiata fuori, assicurandosi che il corridoio fosse vuoto. Tornò al baule e trasse un profondo sospiro prima di infilarci dentro le mani.
 
Sulla via del ritorno, la spada avvolta nel fagotto e nascosta tra le pieghe della gonna, Valya tornò a respirare serena.
Le sale del palazzo erano vuote e per quello ringraziò l’Unico e gli Dei.
Se avesse incrociato qualcuno era certa che si sarebbe tradita.
Non devo fare errori, pensò. Se qualcuno mi scoprisse finirei di sicuro nei guai. Potrebbero riferire a mio padre che cosa stavo facendo nella sala d’arme e…
Scacciò quel pensiero concentrandosi su quello che voleva fare.
Che doveva fare.
Si era detta che lo stava facendo per mettere al sicuro la spada. In quella stanza, dentro quel baule, dove chiunque poteva entrare e rovistare tra le sue cose, avrebbe corso il serio pericolo che gliela portassero via.
A quel pensiero qualcosa gemette dentro di lei, come un dolore silenzioso che si propagava dalle viscere e poi in tutto il corpo.
Non posso permetterlo, si disse. Non posso, non…
“Vai in giro a quest’ora?” domandò una voce facendola trasalire.
Valya si girò di scatto, pronta a colpire. Senza nemmeno rendersene conto la mano corse alla spada, sfiorandone la liscia consistenza del metallo del pomolo.
Brynna, il viso assonnato e l’espressione stranita, la fissava dall’altra parte del corridoio.
“Olethe lo sa che giri per il palazzo da sola?” le domandò la serva.
Valya cercò di dominare la paura che sentiva.
Forse Brynna aveva notato la spada e sarebbe andato a dirlo in giro?
È una gran chiacchierona, aveva detto Izora usando le poche parole che conosceva della loro lingua.
“Non riuscivo a prendere sonno” disse trovando la prima scusa che le venne in mente.
Brynna la guardò annoiata. “Non farti vedere da Olethe o si arrabbierà.”
“Faccio altri due passi per conciliare il sonno e poi me ne torno in camera.”
“Faresti bene a tornaci subito o…”
“Ho detto che ci andrò dopo” disse con tono brusco.
Brynna la fissò accigliata. “Attenta a come ti rivolgi a me, ragazzina.”
Valya sentì qualcosa scattarle dentro, come il meccanismo di una balestra che veniva caricato al limite della sua tensione. “Attenta tu” disse protendendosi verso la ragazza.
Brynna serrò la mascella. “Non credere di poter fare quello che ti pare solo perché sei la protetta della governatrice.”
“Io faccio quello che mi pare perché posso” rispose con tono sfrontato.
“Devi portarmi rispetto” disse la ragazza con tono meno convinto di prima.
“E tu devi portarne a me. Serva.”
L’ultima parola risuonò sulle pareti del corridoio.
“Io servo la governatrice” disse Brynna accigliata. “Non una campagnola ignorante come te.”
Il meccanismo della balestra scattò dentro Valya e prima che potesse rendersene conto, la sua mano partì colpendo la guancia di Brynna.
Lo schiaffo risuonò nel corridoio.
Brynna si portò la mano al viso. “Mi hai colpita” disse indietreggiando di un passo. “Tu mi hai colpita” ripeté con gli occhi sgranati.
“Sì” disse Valya. “E lo farò di nuovo se non sparisci immediatamente.”
“Lo dirò a Olethe” minacciò la ragazza.
“Se lo farai” disse Valya con tono compiaciuto. “Io negherò tutto. Sarà la tua parola contro la mia. La parola di una serva contro la protetta della governatrice e la figlia di un famoso eroe di guerra che serve il regno fedelmente.”
Brynna respirò a fondo. “Te la farò pagare” disse prima di voltarsi e andare via.
Valya fu tentata di inseguirla e darle un altro schiaffo, ma già sentiva la rabbia scemare e la stanchezza assalirla. Decise che aveva perso abbastanza tempo con Brynna e che aveva altro da fare. Con passo svelto si diresse alla sala d’arme.
 
Ore dopo, a notte fonda, distesa nel suo letto, le lenzuola rimboccate fino al collo, fissava il soffitto della stanza. Da sotto le lenzuola trasse la mano con la quale aveva schiaffeggiato Brynna e la fissò in silenzio.
È la mia mano, pensò. È quella di sempre.
Ma nel momento in cui aveva colpito la serva.
La ragazza.
Nel momento in cui l’aveva colpita, le era sembrata la mano di qualcun altro.
Mai nella sua vita aveva schiaffeggiato una persona. Aveva fatto a botte, questo sì. Era capitato un paio di volte con ragazze e ragazzi più grandi e aveva duellato con Rezan, ma con Brynna era stato diverso.
Con lei aveva agito per prima, senza che fosse stata aggredita. E non si sentiva in colpa. Era sicura di aver agito per il meglio.
Quella notte faticò a prendere sonno e quando si svegliò non si sentiva affatto riposata, ma esausta come se si fosse allenata per tutto il giorno.
Seduta al tavolo della colazione con Olethe e le altre ragazze, cercò con lo sguardo Brynna, ma non la trovò.
Forse si è data malata? Si domandò.
Stava per chiedere a Olethe della ragazza quando Brynna fece il suo ingresso.
“Chiedo perdono per il ritardo” disse rivolgendo un leggero inchino a Olethe.
“La colazione fa parte del tempo libero che ti è concesso” disse Olethe severa. “Mangia in fretta se non vuoi sottrarlo ai tuoi doveri.”
“Non ci metterò molto.”
“Sei silenziosa stamattina” disse Olethe rivolgendole la parola.
Valya mise giù i biscotti al miele che stava mangiando senza troppa voglia. “Ho deciso di parlare di meno e fare di più.”
“Me ne compiaccio” disse Olethe. “Le chiacchierone non vanno mai da nessuna parte. Stai iniziando a comprendere qual è il tuo posto.”
“È vero” disse Valya. “Ora so qual è il mio posto.”
In quel momento voleva solo tornare alla sua spada, sentirla tra le dita saggiandone la ruvida consistenza dell’elsa e il peso bilanciato.
Sembra creata per me, aveva pensato la prima volta che l’aveva impugnata. E forse era quella la verità.
Quella spada era fatta per lei e solo per lei.
Poco prima della fine della colazione, le campane iniziarono a suonare.

Prossimo Capitolo Domenica 1 Novembre

Ritorna all'indice


Capitolo 32
*** Un dono gradito ***


Un dono gradito
 
“Zane, Zane, Zane” stava dicendo Demia Vauru col solito tono lamentoso.
La ragazza, anche se in verità Zane la vedeva più come un donnone sul quale persino il mantello sembrava piccolo come un grembiule, si esprimeva sempre con quel tono quando voleva lamentarsi di qualcosa.
Per tutto il viaggio non ha fatto altro che questo, si disse Zane. Per fortuna è finito.
“C’è un pensiero che mi perseguita da quando siamo partiti” proseguì Demia. “Vuoi che te ne metta a parte, comandante?”
Non lo farai in ogni caso?
“Dimmi pure. Mio padre ti ha messa sotto il mio comando affinché mi consigliassi, in fondo.”
“In verità” disse Demia. “Io sono qui per farti da guida, Zane. In un certo senso, sarei io a comandare te.”
“Non ho bisogno di una guida” disse sicuro.
“Tutti ne abbiamo una” replicò lei. “Ma ne riparleremo. Piuttosto, hai pensato al regalo da portare alla governatrice Abrekir?”
“A quello ha pensato già mio padre.”
Demia si accigliò.
Zane indicò la colonna di soldati e cavalieri che si snodava dietro di loro per quasi due miglia. Era formata da tre file di soldati armati di lancia e lo scudo legato sulla schiena. Alcuni procedevano a cavallo, formando una scorta che proteggeva i carri pieni di provviste che arrancavano al centro. Ancora più indietro poteva scorgere la colonna di cinquanta cavalieri i cui mantelli ondeggiavano al vento.
“Le facciamo dono di un esercito.”
“Questa è solo un’armata” disse Demia. “Ci vorranno molte più lance e mantelli per avere ragione del rinnegato e dei suoi alleati.” Trasse un profondo sospiro. “Ma immagino che sarà comunque un dono gradito.”
Zane incassò l’approvazione della strega e si rilassò. “Parlami del rinnegato. Di Malag.”
“Cosa posso dirti che tu non sai già?”
“So quello che si racconta in giro. Che è ritornato dai reami della morte per prendersi la sua vendetta contro i popoli che lo hanno sconfitto la prima volta.”
“E tu credi a queste sciocchezze, Zane? Se tuo padre fosse qui disapproverebbe.”
Non mi serve la sua approvazione, pensò sentendo salire la tensione. La represse facendo leva sulla volontà di sembrare ragionevole con quella strega.
“Eppure è quello che si sente dire. Che Malag era morto e che è risorto, in qualche modo.”
“Nessuno torna dal regno della morte.”
“Allora chi è che stiamo combattendo? Uno spirito?”
“Magari solo uno che si fa chiamare Malag. Che ne ha usurpato la fama.”
“Fama?” fece Zane perplesso. “Infamia, vorrai dire.”
Demia fece spallucce. “Chiamala come ti pare, ma sulle due sponde del mare di mezzo l’arcistregone ha molti sostenitori.”
“Chi potrebbe sostenere un rinnegato?”
“Altri rinnegati. Gli scontenti. Quelli a cui non importa dell’ordine e della pace.”
“Altri infami.”
“Dal loro punto di vista, siamo noi gli infami.”
Zane ridacchiò. “Quanta saggezza. Sembra quasi che tu ne abbia conosciuto qualcuno di persona.”
Demia serrò la mascella. “Tuo padre non ti ha raccontato come ci siamo conosciuti?”
“Non mi parla quasi mai del suo passato” ammise Zane.
Ogni volta che aveva provato a interrogarlo su quegli anni turbolenti, Aramil il Triste era diventato silenzioso e cupo.
Dopo qualche anno, aveva smesso di provarci e si era interessato di altro.
Demia si limitò ad annuire.
“In ogni caso” disse Zane per cambiare discorso. “Malag e i suoi seguaci sono solo dei rinnegati. Avremo ragione di loro facilmente e ci copriremo di gloria.”
“Se fossi in te non sottovaluterei le forze dell’arcistregone.”
Zane si accigliò. “Sai qualcosa che ignoro?”
“Sono poche le cose che so e sono molte quelle che tu ignori.”
“Colma la mia ignoranza, se non ti è troppo di peso.”
“Colmare la tua ignoranza? Sarebbe come cercare di svuotare il mare con una coppa.”
Zane sorrise. “Non ho mai visto il mare.”
Demia sospirò. “Che vuoi sapere?”
“Parlami della guerra contro Vulkath, tanto per iniziare. So che lui era un seguace di Malag.”
“Non direi che fosse un seguace” disse Demia. “I rinnegati sono leali solo al loro interesse. Vulkath si è limitato a riempire un vuoto lasciato dall’arcistregone.”
“Vuoto?”
“Se vuoi ti racconto una storia che mi narrava mio nonno.”
“Se è importante” fece Zane vago.
“Forse lo è. Mio nonno me la raccontava sempre quando tornava da un viaggio. Sai, lui era uno stregone di Taloras, ma aveva lasciato il suo circolo per vivere a Lormist, con la donna che amava. Come tutti gli stregoni che passano da un circolo all’altro, non era mai salito ai livelli più alti, ma era comunque un confratello rispettato. E quel rispetto se l’era guadagnato con anni di lealtà e dedizione. Come ti dicevo, lui viaggiava spesso e in uno dei suoi viaggi sul continente antico aveva sentito questa storia.” Fece una pausa come se stesse ricordando qualcosa di piacevole e triste al tempo stesso. “C’erano due città rivali, Yevon e Nezat. Sempre in guerra, sempre divise da una fiera rivalità. Più o meno ogni decade scoppiava un conflitto. Una volta era una disputa di confine, un’altra uno scontro per il possesso di un’isola. Per secoli i guerrieri e i mantelli delle due città si diedero battaglia, senza che mai una delle due riuscisse a prevalere sull’altra. I giovani di Nezat crescevano ascoltando le gesta dei loro padri e madri e sognavano di ripeterle. Quelli di Yevon trascorrevano la loro fanciullezza giocando all’ombra delle statue dei più grandi condottieri cui era stato riservato quell’onore.”
“Dura ancora molto questa storia?” chiese Zane annoiato.
“Non molto” rispose Demia. “Un giorno a Yevon giunse una nave dall’oriente. I mercanti che sbarcarono sui moli giunsero con le stive colme di spezie e vasi preziosi. E non solo.”
Zane si accigliò.
“Epidemia di morbo rosso.”
Scosse la testa. “Brutta faccenda.”
“In meno di tre Lune, la malattia uccise un abitante su tre e la metà di quelli rimasti fuggì nelle campagne. La notizia non tardò a giungere a Nezat, dove i festeggiamenti furono grandi. Il vecchio nemico alla fine era caduto.”
“Non certo per merito loro.”
“Nezat celebrò la sconfitta dei nemici per due Lune, quindi inviò un’armata per occupare la città, ma prima si assicurarono che la malattia fosse scomparsa.”
“Persone prudenti.”
Demia fece una smorfia.
“Che cosa andò storto?” chiese Zane incuriosito.
“Niente. Fu tutto perfetto. Nezat prese Yevon senza combattere e ne fece una sua colonia. Gli abitanti furono fatti schiavi e servirono per generazioni nelle lussuose tenute dei loro nuovi padroni.”
“Una triste fine per la gloriosa Yevon.”
“Invero, nemmeno a Nezat andò troppo bene.”
Zane si accigliò. “Hanno vinto. Il loro è stato un trionfo.”
“Tu dici? Dovresti attendere la fine della storia prima di giudicare.”
Uno dei cavalieri li affiancò. “Un drappello” disse indicando la strada. “Vengono verso di noi.”
Zane guardò nella stessa direzione e vide una dozzina di cavalieri avanzare su due file. Metà di essi indossava il mantello, l’altra lance e scudi.
I due che procedevano in testa portavano a spada sul fianco, ma nessun mantello né scudo.
“Mi racconterai dopo il finale” disse Zane spronando il cavallo.
Insieme a lui si mossero Demia e una dozzina di cavalieri che formavano la sua scorta. Altri dieci mantelli a cavallo avanzarono in testa al gruppo ma si tennero distanti come era stato loro ordinato.
Zane avanzò con la schiena dritta e lo sguardo fisso sui due cavalieri che guidavano il drappello. Quando arrivarono a una decina di passi di distanza, tirò le redini.
“Io vi saluto” disse alzando il braccio sinistro.
“E noi salutiamo te” rispose uno dei due cavalieri in testa. Era il più anziano dei due e una folta barba grigia gli nascondeva il viso. L’altro era di poco più giovane e portava un paio di baffi lunghi e arricciati. Zane notò che si somigliavano.
“Sono Zane Stanner” disse con tono deciso. “Comandante di questa armata.”
“Zebith Abbylan” rispose il cavaliere barbuto. “Comandante della milizia di Ferrador.” Fece un gesto con la mano verso il cavaliere al suo fianco. “Lui è Ferg, comandante della guardia di palazzo.”
Ferg fece un cenno con la testa.
“Io saluto anche te” disse Zane cercando di mostrarsi cortese. “A cosa devo questo benvenuto?”
“La governatrice ti porge i suoi saluti.”
“Speravo di poter fare lo stesso di persona.”
“E lo farai” disse Zebith. “Siamo qui proprio per scortarti da lei. Ti attende con impazienza. Se vuoi seguirci…”
“Il comandante ha già la sua scorta” disse Demia.
Zebith le lanciò un’occhiata di sottecchi. “Noi conosciamo meglio la strada. Viaggerà più sicuro in nostra compagnia.”
“Viaggerà più sicuro con la sua scorta.”
Zane le fece un cenno con la mano. “Vi seguirò” disse a Zebith. “Non posso che affidarmi all’ospitalità della governatrice. Per quanto ne so, lei e mio padre si stimano molto.”
“La governatrice ha sempre speso parole di elogio per il comandante Stanner” disse Zebith.
“È facile elogiare chi se lo merita” disse Demia. “Lo stesso non si può dire per quelli che servono la governatrice.”
Abbylan raddrizzò la schiena. “Se hai un’accusa da fare, strega di Lormist…”
“Nessuna accusa” rispose Demia. “Ma ho saputo che personaggi come Dalkon e Falgan si sono uniti alla causa di Talmist.”
“Ogni aiuto è il benvenuto” rispose il cavaliere.
Demia si limitò a squadrarlo.
“Hai finito?” fece Zane a bassa voce. “Siamo qui per aiutarli, non per offenderli.”
La strega annuì. “Me lo ricorderò.”
“Bene” fece Zane. “Vi seguirò.”
“Dovresti essere più prudente, comandante” iniziò a dire Demia.
“E tu devi ricordarti che sono io al comando” rispose lui. “Dobbiamo conquistarci la loro fiducia. Ordini di mio padre, non scordarlo.”
La donna annuì di nuovo.
“Porta l’armata a Ferrador e accampatevi fuori dalle mura.”
Zane avanzò verso i cavalieri di Ferrador.
“Da questa parte” disse Zebith.
I tre presero posto al centro della colonna, ma il comandante andò subito in testa lasciandolo con il più giovane dei due.
“Io sono Ferg” disse questi dopo qualche minuto di silenzio.
“Zane.”
“Non temere, a dispetto dei modi rudi, Zeb è una brava persona.”
“Non avevo alcun dubbio.”
“Anche se a volte ho il sospetto che sotto quella barba nasconda un’altra barba ancora più folta.”
Quella frase strappò un mezzo sorriso a Zane. “Tu lo conosci bene?”
“Abbastanza.”
“È un bravo comandante?”
“Non quanto suo fratello.”
“Davvero? E anche lui è famoso per i modi rudi e la barba folta?”
“Certo che no. Abbylan il minore è celebre per il gusto nel vestire e la sua abilità nell’usare la spada.”
“Sembra un grande guerriero.”
“Il migliore di Ferrador.”
“Ferg” disse Zeb Abbylan avvicinandosi. “Non importunare il nostro ospite.”
Zane si irrigidì. “Non mi stava importunando, comandante.”
“Prendi due cavalieri e torna alla colonna” ordinò il comandante. “Fai in modo che si accampino sotto le mura, nello spiazzo che abbiamo preparato per loro.”
“Come tu ordini” disse Ferg.
“Spero che la sistemazione sia di vostro gradimento” disse Zeb. “Col poco tempo a disposizione non potevamo allestire delle caserme in città.”
“Naturalmente” fece Zane cortese. “E dovrete sistemare anche i vostri soldati.”
Zeb fece una smorfia.
“Ho detto qualcosa di sbagliato?”
“Affatto” rispose il guerriero. “Avete centrato perfettamente la questione.”
Zane si accigliò. “Quale questione?”
“Ne parlerete con la governatrice. Io non sono autorizzato a parlarvene.”
“Chiederò a lei a questo punto. Ferg è il vostro aiutante di campo oltre che il comandante delle guardie di palazzo?”
Zeb rispose con un grugnito prima di dire: “Vi ha detto qualcosa?”
“Di lui? Molto poco, ma sembra ammirare parecchio vostro fratello.”
Zeb scosse la testa. “Quell’idiota. Qualsiasi cosa esca dalla sua bocca è una colossale sciocchezza.”
“Vostro fratello non è così abile con la spada come si dice in giro?”
“Mio fratello è più abile con le bottiglie di vino, ma non voglio parlarvi di lui.”
Zane si fece attento. “E di cosa allora?”
“Ci sono cose che dovete sapere prima di arrivare in città e ho poco tempo per riferirvele.”
“Non capisco.”
“Ho un messaggio per voi.”
“Da parte di chi?”
Zeb iniziò a parlare.

Prossimo Capitolo Domenica 8 Novembre

Ritorna all'indice


Capitolo 33
*** La fattoria ***


La fattoria
 
Gryf spostò il masso facendo leva col suo peso. Una pioggia di detriti gli imbiancò il viso e le braccia mentre la grossa lastra di pietra scorreva di lato e poi si abbatteva al suolo con un tonfo attutito dal terreno.
Per un attimo si guardò attorno confuso, sicuro che una freccia o un dardo magico l’avrebbero trapassato da parte a parte non appena fuori, ma non accadde.
Con passo incerto uscì dal condotto muovendosi a tentoni, la vista ancora offuscata dalla luce del sole che in quel momento stava sorgendo dietro le colline a occidente.
A occidente di cosa? Si domandò.
Dopo i giorni passati nelle grotte sotto Talmist non ne era più tanto certo.
Lui e Phelia si erano nascosti lì sotto per sfuggire agli inseguitori. Lathias aveva fatto crollare il condotto, ma Gryf sapeva che esistevano altre entrate.
Non le conosceva tutte ma sperava che i loro inseguitori ne conoscessero qualcuna di meno. Per tre giorni avevano vagato per i condotti, la via illuminata solo dalla lumosfera della ragazza.
Principessa, pensò Gryf. Devo imparare a chiamarla col suo titolo.
Phelia lo seguì fuori dal condotto, lo scudo magico che brillava attorno al suo corpo quando i raggi del sole lo attraversavano.
Aveva la forma di uno scudo rotondo e lei lo spostava usando la mano sinistra, mentre nella destra brillava un dardo magico.
“È sicuro” disse Gryf avanzando di qualche passo nella radura spoglia. Lì a sud, vicino alla capitale, la stagione secca faceva sentire i suoi effetti sul paesaggio.
L’erba era gialla e si spezzava crepitando sotto i loro passi mentre gli alberi erano spogli e sembravano scheletri che si protendevano verso un cielo privo di nuvole.
Phelia si guardò attorno e sembrò fiutare l’aria come un animale che uscisse dalla sua tana dopo un lungo letargo. I suoi occhi brillarono per qualche istante mentre si spostavano di lato.
Gryf aveva già visto quell’incantesimo e si chiese che cosa vedessero gli occhi della ragazza. “C’è qualcuno?”
“Se ci fosse, lo vedrei” rispose la ragazza. I suoi occhi tornarono chiari come al solito e lei si rilassò. Anche il dardo e lo scudo scomparvero. “Devo riposare o non mi reggerò in piedi.”
“Dobbiamo allontanarci da qui” disse Gryf ansioso.
“Ma è sicuro, no? Lo hai detto tu che questa uscita la conoscono in pochi.”
“In pochi non vuol dire che sia sconosciuta. Prima o poi arriveranno anche qui, se vogliono catturarci.”
Phelia annuì. “Dov’è che possiamo riposare senza essere visti?”
“Ci sono delle fattorie qui intorno.”
“Ci vedranno” disse Phelia allarmata.
“No” rispose Gryf. “Molte sono state abbandonate anni fa, quando è iniziata la siccità. I contadini si sono spostati verso i campi più fertili a nord o vicino alla pianura dove scorrono i fiumi e c’è acqua in abbondanza.”
“Tu come sai queste cose?”
“Ho parlato con quelli che sono rimasti. Fidati.”
Phelia annuì. “Ci basta arrivare a Morhorn.”
“Che cosa c’è a Morhorn?”
“Chi c’è” rispose la ragazza. “Mio zio Iefyr. È una persona importante, un nobile di alto rango. Ci darà aiuto e protezione.”
“Possiamo fidarci di lui?”
“Te l’ho detto, è mio zio.”
“E tuo cugino ha cercato di ucciderti.”
Phelia si scosse la polvere di dosso. “Quella è un’altra storia.”
Gryf non era certo di volerla ascoltare e per il momento decise di concentrarsi sulla ricerca di un riparo sicuro per la notte.
Le prime due fattorie che incontrarono erano disabitate, ma i tetti erano crollati e una era stata data alle fiamme o era bruciata a causa di un fulmine.
“Capita nei temporali più forti” disse Gryf.
“O grazie a un incantesimo. Ne esistono alcuni che possono scagliare fulmini, sai?”
Gryf tirò su col naso. “Tu sei una di loro?”
“Prego?”
Si schiarì la voce. “Voglio dire, sei una lanciatrice di incantesimi?”
“Una strega?”
Annuì.
“Da quando avevo otto anni. Tra poco avrei fatto parte del circolo di Talmist. Lathias era la mia guida.”
“Guida?”
“La persona che ti addestra all’uso della stregoneria. Tutti ne hanno una. Più di una, in verità. Non si smette mai di imparare e di addestrarsi. È un antico detto del circolo.”
“A me sembrava più una guardia del corpo.”
“Lathias era ance un amico. L’unico che avessi a palazzo, da quando la regina.” Si bloccò, come se avesse detto troppo.
Gryf fece un gesto vago con la mano. “Se non me ne vuoi parlare a me sta bene.”
“Scusa, ma meno sai di certe faccende meglio è per te.”
“Stavo per dirlo io.”
La fattoria successiva era ancora in piedi anche se malmessa. Solo le assi del recinto esterno erano quasi tutte a terra. Non vi era traccia di animali e i campi erano vuoti e secchi, pieni di sterpaglie.
“Che desolazione” disse Phelia passando sotto il portico e poi attraverso l’ingresso spalancato. La porta era stata divelta, forse dal vento.
“Sono tutte così” disse Gryf. “Immagino che tu non ci sia abituata.”
“Sono abituata ad altre cose” disse lei con una punta di fastidio. “Ma questa desolazione.” Scosse la testa. “Ammetto di non essere preparata. A palazzo non si parla molto di quello che accade fuori dalle mura. Tutti sono concentrati sulla guerra e parlano solo di eserciti e spade e mantelli da mandare in giro per il continente.”
Phelia sedette su una panca di legno, davanti al tavolo rovesciato dove gli abitanti della casa dovevano aver pranzato e cenato.
C’era un focolare spento e una pentola ammaccata adagiata sopra di esso. Gryf la esaminò trovando sul fondo una sostanza appiccicosa e nient’altro.
“Devono essere andati via da almeno cinque Lune, forse sei” disse mettendo la pentola a posto. “Quando al siccità ha colpito più duro.”
Phelia distese le gambe sulla panca usando il mantello come coperta. “Parlami di te, Gryf.”
“Di me?”
Phelia annuì.
“Non c’è molto da dire in verità.”
“Giusto per passare il tempo. Non sembra ci sia molto da fare qui in giro.”
Gryf guardò fuori dalla finestra. “Non hai paura che ci stiano seguendo?”
“Io ho sempre paura che qualcuno mi segua” rispose lei. “Ma ho imparato a stare attenta. Chiunque sia sulle nostre tracce adesso è lontano. Lathias deve averli portati su una strada sbagliata e questo ci darà il tempo di raggiungere Morhorn.”
Gryf annuì e andò a sedersi sull’unica sedia rimasta. “Che vuoi sapere di me? Io non sono nessuno.”
“Lathias deve averti scelto per un motivo.”
“Forse era quello sbagliato.”
“Io non credo. Su, non farti tirar via le parole di bocca. Gryf è il tuo vero nome? E i tuoi genitori chi erano? Contadini o cittadini di Talmist?”
“Gryf è il mio nome” disse. “O almeno quello che ho scelto. E riguardo ai miei genitori, non so proprio chi fossero. Mi abbandonarono davanti alla Casa di Meddye appena nato.”
“La Casa di Meddye?”
“È uno dei posti dove vanno i bambini senza genitori.”
“Capisco” fece Phelia annuendo seria. “E sei cresciuto lì tutto da solo?”
Gryf si lasciò sfuggire un mezzo sorriso. “Tutto solo direi proprio di no. Era impossibile sentirsi soli alla Casa di Meddye. Non con altri ventotto bambini e cinque donne che si occupavano di loro.”
“Ventotto bambini” disse Phelia scuotendo la testa. “Io sono cresciuta da sola.”
“Davvero?”
Lei annuì.
“Vivevi in una casa molto grande?”
“A palazzo, insieme ai miei cugini.”
“Quindi non eri da sola.”
Phelia socchiuse gli occhi. “No, ma loro mi evitavano.”
Gryf attese che proseguisse.
“Di proposito. Per ordine di mia zia.”
“La principessa?” fece Gryf sorpreso.
“Ne conosci un’altra che vive a palazzo?”
Gryf stava per dire di no quando Phelia aggiunse: “Tutti mi evitavano per suo ordine. Persino i servi e i valletti potevano stare nelle mie stanze solo quando era strettamente necessario.”
“E tuo padre e tua madre?”
“Mia madre è morta quando ero molto piccola e mio padre.” Scosse la testa. “Non sai niente di Rowlan di Talmist?”
Gryf scosse la testa.
“Ovviamente. Mia zia ha fatto di tutto per cancellare persino il suo ricordo.” Strinse i pugni. “In ogni caso, tutti mi evitavano. Tutti a parte Wil.”
“Wil?”
“Il principe Wilton” fece Phelia sorpresa. “Davvero non sai niente della corte di Talmist? Eppure, vivi nella stessa città.”
Gryf si strinse nelle spalle. “Ne ho sentito parlare, ma a noi che viviamo nei bassifondi non arrivano molte notizie. E abbiamo altro a cui pensare.”
“Wil era l’unico a venirmi a trovare, quando sua madre era troppo distratta da altre cose per pensare a lui” proseguì Phelia. “Passavamo il tempo a giocare insieme, nascondendoci nelle enormi sale vuote del palazzo. Lui era bravo a trovarmi e io dovevo sempre fare un grosso sforzo per sfuggirgli.”
“Sembra una brava persona” disse Gryf.
“Lo è” fece lei. “Ora dimmi qualcosa di te. Lathias dice che hai fatto arrabbiare una certa Quintis.”
Sentendo quel nome ebbe un brivido. “Non credo che tu voglia saperne qualcosa di lei.”
“So che è una nota criminale. Una trafficante di schiavi. Tu l’aiutavi? Facevi parte della sua banda?”
“No” rispose Gryf con veemenza. “Scusa.”
Phelia lo guardò sorpresa.
“In ogni caso, Quintis non è una trafficante di schiavi. Lei aiuta solo le persone a trovare lavoro. Ha dato una mano a molti.” Me compreso, avrebbe voluto aggiungere.
“Lathias non la pensa così.”
“Lui non sa tutto” disse con tono perentorio.
Phelia annuì e si ritrasse sulla panca.
“Scusa di nuovo.”
“Non c’è bisogno che ti scusi ogni volta” disse la ragazza.
“Mi spiace per la tua guida” disse per cambiare discorso.
“Aspetta prima di dispiacerti. Sono sicura che sia ancora vivo.”
Gryf stava per risponderle quando udirono il suono degli zoccoli provenire dalla strada. Phelia si sollevò di scatto, svelando la mano dove qualcosa brillava.
“Non fare rumore” disse Gryf sottovoce.
Dall’esterno giunse il nitrito di un cavallo e il rumore degli zoccoli si fece più vicino.
“Scopriranno le nostre tracce” disse Phelia avvicinandosi alla finestra. “Da qui li posso colpire facilmente.”
Gryf si sporse per guardare. Due cavalieri stavano procedendo verso di loro al piccolo trotto, gli sguardi che andavano da un lato all’altro della strada.
“Sono bersagli facili da qui” disse Phelia accucciandosi sotto la finestra.
“Aspetta” sussurrò Gryf. “Forse passano oltre.”
“Non puoi saperlo.”
I cavalieri stavano rallentando il passo. I loro occhi guardarono dalla loro parte e Gryf temette che potessero vederli anche attraverso il legno delle pareti.
“Ci hanno visti” gemette Phelia.
Gryf le posò la mano sul braccio. “Non puoi dirlo.”
“Ma…”
“Se non li uccidi entrambi, andranno ad avvertire i loro compagni della nostra presenza qui” disse Gryf ragionando in fretta. “E se anche li uccidessi, i loro compagni potrebbero venire a vedere cosa gli è successo. Noi siamo a piedi e loro hanno dei cavalli.”
Phelia lo fissò con sguardo accigliato ma sembrò rilassarsi.
I due cavalieri passarono davanti alla fattoria e proseguirono per la loro strada senza rallentare. Solo allora Gryf riprese a respirare.
“Sono andati” disse scostandosi dalla parete.
Phelia tornò a sedere sulla panca.
“Dobbiamo essere prudenti fino a Morhorn” disse Gryf. “O ci scopriranno.”
La ragazza annuì.
Dopo qualche attimo di silenzio a Gryf venne in mente un’idea. “Wilton” disse cercando le parole giuste. “Siete amici, no?”
Phelia lo fissò in silenzio.
“Non potremmo chiedergli di darci una mano?”
“Vorrei che fosse così semplice.”
“Posso tornare in città e cercarlo. Conosco altri passaggi sicuri per entrare e uscire. Magari, se gli portassi un tuo messaggio…”
“Non mi ascolti, Gryf” disse Phelia. “Ti ucciderebbero.”
“Ma se riuscissi a parlargli…”
“Sarebbe inutile.”
“Potrei tentare comunque.”
“Gryf” disse Phelia alzandosi dalla panca. “È Wilton che ci sta dando la caccia e se andrai da lui, con o senza un mio messaggio, finirai solo per rendergli le cose più semplici.”

Prossimo Capitolo Domenica 15 Novembre

Ritorna all'indice


Capitolo 34
*** Mantelli bianchi ***


Mantelli bianchi
 
Valya percorse il cortile per l’ennesima volta quella mattina con ampie falcate e l’espressione accigliata. Dentro di sé sentiva crescere l’ansia e il risentimento.
“È in ritardo” mormorò guardando il sole già alto nel cielo. “Spero per lui che abbia una scusa valida.”
Il palazzo era silenzioso, ma aveva notato che le serve e i valletti andavano e venivano dai livelli che a lei erano proibiti.
Aveva chiesto a Olethe cosa stesse accadendo e lei aveva risposto: “Ospiti” prima di imboccare con passo veloce un corridoio.
Valya aveva deciso che non erano affari suoi ed era scesa nel cortile, dove aveva appuntamento con Ferg per il suo addestramento.
Solo che signor baffetto quel giorno non si era ancora presentato, lui che la rimproverava anche per il più piccolo ritardo.
Valya scalciò una pietra mandandola a sbattere contro le pietre grigie del muro interno. La pietra rimbalzò all’indietro fermandosi a pochi passi di distanza.
Ripose la spada nella rastrelliera e imboccò la strada per raggiungere la parte opposta del cortile, raggiungendo l’entrata del palazzo, un arco che si sollevava fino all’altezza di cinque o sei persone adulte.
Le guardie avevano spalancato le porte e due file di cavalieri stavano facendo il loro ingresso.
Zebith Abbylan era alla testa del piccolo corteo con al fianco un cavaliere dal mantello bianco. Valya si avvicinò per guardare meglio.
Era un ragazzo che poteva avere al massimo vent’anni, con una folta capigliatura castana e occhi color nocciola. Poco più indietro, Ferg stava parlando con un altro cavaliere e appariva preoccupato.
Valya fece per andare verso di lui quando il cavaliere dal mantello bianco quasi la travolse tirando le redini all’ultimo momento.
Il cavallo si impennò ma lui riuscì a restare in piedi.
Valya invece trasalì e fece un balzo all’indietro.
“Nessuno ti ha insegnato che non si taglia la strada a un cavaliere?” le disse il cavaliere.
“Pensavo mi avessi vista” disse arrabbiata e col cuore che le batteva a mille.
Lui fece un mezzo sorriso. “Non badavo a te, ragazzina” rispose.
Valya si sentì avvampare. “Forse sei tu che non ci vedi tanto bene.”
“Io ci vedo benissimo” rispose l’altro.
Zebith si avvicinò con espressione accigliata. “State bene?” chiese.
“Sì” rispose Valya prima di rendersi conto che si era rivolto al cavaliere e non a lei. “Se a qualcuno importa.”
“Tu non dovresti essere qui” disse Zebith. “Ferg” esclamò a voce alta come se stesse richiamando il suo cane allontanatosi troppo.
Il signor baffetto li raggiunse fermandosi a pochi passi di distanza.
“Tieni a bada la tua allieva” disse Zebith con tono di rimprovero. “Chiedo scusa per l’incidente” aggiunse rivolto al cavaliere col mantello bianco.
Lui fece un mezzo cenno con la testa.
“Se vuoi seguirmi, la governatrice ci sta aspettando. In quanto a te” disse al fratello. “Risolvi in fretta la questione e torna alle tue mansioni.”
Ferg la guardò con aria rassegnata. “Che guaio hai combinato stavolta?”
“Niente” disse Valya guardando Zebith e il cavaliere che si dirigevano al palazzo. “Chi è quello?”
“Non sono affari che ti riguardano.”
“Sembra uno importante.”
“Non sembra. Lo è.”
Valya voleva saperne di più ma aveva già causato troppo trambusto e si disse che doveva aspettare.
“Ora torna nelle tue stanze” disse Ferg.
“Niente lezione oggi?”
“In questi giorni sarò occupato con la sicurezza.”
“Tutto per quello lì?”
“Quello lì potrebbe essere la soluzione a parecchi dei nostri problemi.”
Ferg proseguì verso il palazzo lasciandola con le sue domande. Valya tornò alla parte interna del cortile ed entrò nel palazzo da una delle uscite secondarie che i servi usavano per portare dentro il cibo e gli animali da cucinare.
Si diresse alle scale che portavano al suo livello e in cima trovò Olethe ad attenderla, le braccia incrociate sul petto. “Eccoti qui, finalmente” disse con voce alterata. “Rinsom mi ha detto quello che è accaduto?”
Rinsom era uno dei cavalieri che formavano la guardia del palazzo. Valya aveva dovuto imparare i loro nomi e i loro volti come esercizio impostole da Ferg.
“Rinsom?” domandò come se avesse udito per la prima volta quel nome.
“Sì, lui. Faceva da scorta al comandante Stanner. Ti ha quasi travolta” squittì indignata.
“Ero distratta.”
“Tu sei sempre distratta, ragazza.”
Valya cercò di ignorarla. “Sono stanca, vorrei andare nelle mie stanze. Con permesso.”
“Permesso negato” disse Olethe.
Valya fece per protestare ma la donna le fece cenno di tacere.
“Oggi farai compagnia a Doryon.”
“Perché proprio io?” chiese svogliata.
“Perché è stato lui a chiedere di te. Per qualche misteriosa ragione, sembra trovare piacevole la tua presenza.”
Almeno c’è qualcuno che mi apprezza in questa città, pensò Valya.
Olethe la condusse alla stanza di Doryon e la invitò a entrare dopo aver aperto la porta d’ingresso. Affacciandosi, Valya vide il ragazzo seduto alla scrivania, curvo su un libro aperto a metà sul tavolo. Voltandosi notò la sua espressione sollevata.
“Valya” esclamò alzandosi a fatica.
“Non disturbatevi” disse Olethe. “Restate seduto e non affaticatevi.”
“Io ti saluto” disse Valya eseguendo un leggero inchino.
“L’ho portata come mi avevate chiesto” disse Olethe.
Doryon annuì con vigore. “Potete andare” disse con voce appena udibile. Indicò una poltrona imbottita. “Avvicinala alla scrivania e siediti. Per favore.”
“Vi lascio soli” disse Olethe. “Tornerò a prenderti per la cena” aggiunse rivolta a Valya.
Valya avvicinò la sedia alla scrivania come le aveva detto Doryon mentre lui tornava a sedere.
“Ti chiedo scusa” disse il ragazzo.
Valya lo guardò interdetta.
“Per averti fatta venire qui. Avevo detto a Olethe di chiederti se volevi venire, non di obbligarti.”
“Mi fa piacere” disse Valya ricordando di dover essere cortese.
“Che bello poterti vedere” disse il ragazzo. “Izora mi ha detto che maestro Abbylan ti sta addestrando con la spada.”
“Sì, il signor baffetto” iniziò a dire Valya. “Voglio dire, il comandante Abbylan mi sta insegnando.”
Doryon ridacchiò. “Signor baffetto. È per via di quei baffi, vero?”
Valya annuì.
“E lui lo sa che lo chiami così?”
“Certo” disse. “Glielo ripeto ogni giorno.”
Doryon rise con più foga. “Vorrei proprio vedervi mentre vi addestrate.”
“Perché non venite a trovarci? Ci alleniamo nel cortile quasi tutti i giorni.”
Doryon fece una smorfia. “Non mi è permesso uscire.”
“Ora sembrate stare meglio.”
“È vero, ma già altre volte sono migliorato grazie alle pozioni dei guaritori, ma poi sono peggiorato di nuovo.”
“L’atra volta sembravate stare davvero male.”
“Non ne parliamo. Perché non ci diamo del tu?”
Valya ricordò le lezioni che Olethe le aveva impartito i primi giorni, comprese quelle che riguardavano il dover salutare e parlare con rispetto con tutti quelli che nel palazzo avevano una mansione importante.
“Per favore” disse Doryon con tono supplice.
Valya annuì. “D’accordo… Doryon.”
“Chiamami Dem.”
“Dem?”
“Il mio secondo nome. Doryon Demareth Elneiros.”
“Tu puoi chiamarmi Val.”
Doryon annuì con vigore.
Lo sguardo di Valya cadde sul libro che il ragazzo stava leggendo. Una delle pagine era occupata da una scrittura minuta e regolare, mentre sull’altra campeggiava la figura di una donna dai capelli fluenti che brandiva una spada. Chi l’aveva disegnata aveva usato dei colori che facevano sembrare di vero metallo l’armatura. Un mantello color cremisi le scendeva fin quasi alle caviglie. Lo sguardo era fiero ed era volta verso un punto che si trovava oltre la spalla di chi l’osservava.
Doryon dovette notare il suo sguardo. “Ti piace?”
Valya annuì. “Chi è?”
“È la famosa Margry Mallor” disse.
Valya sentì un tuffo al cuore. “Questa è Margry la Leonessa?”
“Proprio lei, volendo credere a Raavi Quithana.”
“Chi sarebbe?”
“La persona che ha scritto questo libro.”  sollevò la copertina mostrando i caratteri stampati in oro e argento. In piccolo si leggeva quello di Raavi Quithana, mentre più in grande vi era scritto “Eroi del Primo Millennio: un saggio introduttivo.”
“Cos’è un saggio?” chiese Valya.
“Una cosa molto noiosa se vuoi sapere la verità” disse Doryon. “Agli eruditi piace sempre parlare delle cose che sanno, più che scoprirne di nuove.”
Valya non aveva idea di cosa studiassero o di cosa parlassero gli eruditi, ma decise di dargli ragione per mostrarsi educata.
“Questo Raavi ha incontrato Margry di persona?”
“Credo di no. Margry era già morta da almeno duemila anni quando Raavi scrisse il suo saggio.”
“Allora come fa a sapere come era fatta?”
“Non lo sapeva.”
Valya scosse la testa.
Doryon sfogliò le pagine del libro. “Raavi non ha mai conosciuto nessuno degli eroi di cui parla. Nemmeno ha mai incontrato un suo discendente o qualcuno che fosse stato presente a una delle loro imprese. Si è limitato a raccogliere le storie che altri eruditi prima di lui avevano scritto su ogni singolo eroe e le ha messe nel suo libro.”
“Vuoi dire che le ha copiate?”
Doryon sorrise. “Ti sorprenderebbe scoprire quanti lo fanno. Ancora oggi. C’è per esempio quel saggio di Zyram Ollard che critica quelli che citano altre fonti nei loro saggi. Gera Halux lo ha accusato di aver copiato da un suo libro su…”
“Aspetta, aspetta” disse Valya. “Queste storie sono vere o false?”
“Chi può dirlo?”
“Gli eruditi che le hanno scritte per primi?”
“Anche loro devono averle apprese da qualcun altro.”
“Chi?”
“Non lo so. Leggende, storie d’avventura. Magari saggi scritti da altri prima di loro.”
“Copiati allo stesso modo?” chiese Valya incredula.
“È così che funziona.”
Doryon rimise il libro al punto in cui la figura di Margry Mallor si ergeva fiera e sembrava fissare oltre la spalla del lettore. Al suo fianco pendeva il fodero dal quale spuntava l’elsa di una spada, il pomello che aveva la forma di un serpente con le fauci spalancate e pronto a mordere la vittima.
Poco più in basso, l’autore del disegno aveva riprodotto la stessa spada con maggiori dettagli, con la stessa maestria con la quale aveva raffigurato l’eroina.
La spada sembrava giacere sul foglio e risplendere sotto i raggi tenui del sole che filtravano dalle imposte. Lungo la scanalatura, poco sotto di essa, notò dei simboli che sembravano essere stati incisi sul metallo.
Valya si sporse verso il libro per osservare meglio. I simboli erano semplici figure come triangoli, cerchi, linee e quadrati che si intersecavano tra loro formando figure di poco più complesse.
“Bella vero?” fece Doryon. “Cuore di Vipera era la spada leggendaria di Margry Mallor, lo sapevi?”
Valya annuì distratta. “Quei simboli. Che cosa sono? Parole?”
“Non lo so” disse il ragazzo. “Secondo te che cosa sono?”
“Io” disse Valya cercando le parole giuste. “Io credo di averli già visti prima.”
“Dove?” fece lui accigliandosi.
Sulla spada che mio padre tiene nascosta in un baule, pensò Valya.

Prossimo Capitolo Domenica 22 Novembre

Ritorna all'indice


Capitolo 35
*** Simboli ***


Simboli
 
“Li ho già visti” ripeté Valya.
Doryon la fissò come in attesa che proseguisse.
“Da un’altra parte” si affrettò a dire lei.
“Su di un libro come questo?”
“No” rispose.
“Dove, allora?”
Valya deglutì a vuoto. “Non posso dirtelo” disse, sperando di non offenderlo. Se lo avesse fatto, era certa che Olethe sarebbe venuto a saperlo e l’avrebbe rimproverata.
Doryon si limitò ad annuire. “Erano uguali a questi?”
“Alcuni, credo. Altri erano diversi.”
“Mi piacerebbe tanto vederli” ammise lui.
“Non posso, mi spiace.”
“È una specie di segreto?”
Valya annuì. “Se si scoprisse in giro, potrei essere rimproverata. E punita. Molto duramente.”
“Non voglio che ti puniscano” disse Doryon. “Tu sei mia amica. Io ti proteggerò se qualcuno cercherà di farti del male.”
“Grazie” disse Valya sorpresa da tanta veemenza.
“Se è un segreto, non voglio insistere oltre con questa storia.”
Anche Valya voleva dimenticare in fretta di avergliene parlato, ma la curiosità sul significato dei simboli non se ne sarebbe andata via da sola.
“E se li copiassi e te li facessi vedere?” suggerì.
“Potresti farlo?”
“Mi servirebbero carta e matita.”
Doryon prese una pergamena e una mina e glieli porse. “Ecco. Puoi disegnarli qui sopra e portarmeli a vedere.”
Valya soppesò gli oggetti tra le mani. “Potrei andarci subito e tornare qui velocemente.”
“Sì” disse Doryon. “È una buona idea. prendi le scale di destra, sono meno usate.”
Valya si alzò. “Se Olethe dovesse tornare…”
“Le dirò che ti ho detto di andare nelle cucine a prendermi della frutta. Mele dolci e arance. Così dovrai dirle.”
Valya annuì e andò alla porta. “Tornerò tra poco” disse prima di aprirla e gettarsi di corsa nel corridoio.
 
Che sto facendo? Si chiese mentre scendeva di corsa le scale. In che guaio mi sto cacciando?
Parlare dei simboli a Doryon le era parsa una buona idea, ma adesso iniziava a pentirsene.
È rischioso, pensò. Magari se trovo una buona scusa… potrei dirgli che l’oggetto con i simboli si è perso, o è stato distrutto o rubato. No, si insospettirebbe.
Dentro di sé aveva già deciso che avrebbe copiato i simboli sulla spada e li avrebbe mostrati al ragazzo.
Entrò nella sala d’arme col cuore che le batteva all’impazzata. Non perse tempo a guardarsi in giro, era già sciura di essere sola ancora prima di entrare e si diresse al vecchio scudo appeso alla parete, lì dove aveva infilato la spada giorni prima. La estrasse con un gesto deciso, assaporandone subito la perfetta consistenza, il bilanciamento e la sensazione di forza che le trasmetteva anche solo stringerla nella mano.
Con riluttanza l’appoggiò su di un tavolo. Trovava insopportabile doversene separare, anche solo per qualche istante, dopo averne assaggiato il potere che irradiava.
E sempre, come le capitava, quando si separava dalla spada avvertiva un senso di spossatezza, come se avesse compiuto uno sforzo immane.
Dispiegò la pergamena e sotto la luce delle torce copiò i simboli sulla spada a uno a uno cercando di riprodurli meglio che poteva.
Quando ebbe terminato rimise la spada dietro lo scudo, assicurandosi che fosse ben assicurata al supporto. Piegò la pergamena in quattro parti e la infilò in una tasca del vestito insieme alla matita.
Quando si ritrovò davanti alla porta di Doryon, esitò prima di entrare.
Posso ancora tornare indietro, si disse. Posso ancora dirgli che non ho trovato quei simboli e dimenticarmene per sempre.
Appoggiò la mano alla maniglia e spinse la porta, aprendo uno spiraglio appena sufficiente per infilarsi dentro. La chiuse cercando di fare meno rumore possibile.
Doryon era ancora seduto alla scrivania e sembrò sollevato vedendola. “Li hai ricopiati?”
Valya annuì.
“Ti ha vista qualcuno?”
“No. Il palazzo sembra deserto.”
“Lo immaginavo.”
Lei lo guardò accigliata mentre si avvicinava alla scrivania.
“Mia madre ha indetto un consiglio di guerra” spiegò il ragazzo. “È da stamattina che ancelle e valletti si danno da fare per preparare tutto.”
“Un consiglio di guerra?”
Doryon annuì deciso. “Pare che sia arrivata una persona importante da Lormist.”
Il ragazzo che mi ha quasi travolta, pensò Valya. Deve essere lui la persona di cui parla. Zeb l’ha chiamato comandante.
“Per caso questa persona si chiama Stanner?”
Doryon sgranò li occhi. “Aramil Stanner? Lo hai visto per caso?”
“Non lo so. Forse. Prima di venire qui un giovane cavaliere scortato dal comandante Abbylan mi ha quasi travolta. Si chiamava Stanner.”
“Aramil è piuttosto anziano. Non può essere lui” disse Doryon pensoso. “Lo chiederò a mia madre più tardi e ti farò sapere.”
“Questo Aramil è importante?”
“È il comandante dell’esercito di Lormist. Se lui è qui vuol dire che stanno giungendo rinforzi. Sono molto preziosi.”
“La guerra sta andando così male?”
“Mia madre non me ne parla, ma lo vedo dai suoi occhi. È preoccupata e dorme poco.”
Valya non voleva sapere della guerra, ma dei simboli per cui aveva corso tanti rischi. Mise la pergamena sulla scrivania e l’aprì davanti a Doryon.
Lui li osservò con interesse. “Sono questi?”
Valya annuì.
“Somigliano davvero a quelli sulla spada di Margry, ma di certo non sono gli stessi. Forme uguali, ma combinazioni diverse. Lo vedi questo triangolo come si interseca nei due quadrati? C’è un simbolo simile sulla spada di Margry, ma sono due triangoli e una sfera.” Sospirò. “Mi domando che cosa significhino.”
“Forse sono solo belli.”
“Non è possibile” disse Doryon. “Voglio dire, questi simboli non sembrano una decorazione messa lì da un artista. Devono avere un significato che a noi sfugge.”
“Quindi sono delle parole?”
“Forse.”
Così ne so quanto prima, pensò Valya. “Se sono parole non le puoi tradurre? Scommetto che in uno di quei libri c’è la soluzione” disse indicando i volumi nella libreria. C’erano almeno quattro scaffali pieni che occupavano una intera parete.
Doryon sospirò. “Se fosse una lingua nota forse potrei provare a tradurli, ma non ho mai visto nulla del genere e non conosco molte lingue.”
“Quante ce ne saranno? Sette? Otto?”
Doryon sorrise. “Solo sul grande continente o in tutto il mondo conosciuto? Te lo chiedo perché solo qui esistono almeno trenta lingue e un centinaio di dialetti, alcuni molto complessi come quello di Kranak o degli abitanti della Catena Meridionale.”
“Sono così tante?”
Lui annuì. “E non sto contando le lingue morte.”
Valya si accigliò. “Una lingua può morire?”
“Certo, come ogni cosa. Una lingua vive fin quando c’è qualcuno che la parla, ma in tutti questi millenni molti popoli sono scomparsi o sono migrati, perdendo la propria lingua. Per quanto ne sappiamo, questi simboli appartengono a uno di quei popoli.”
“Non puoi scoprire chi li usava?”
“Sì, forse” disse Doryon incerto. “Ma ci vorrà tempo.”
“Quanto?”
“Magari anche anni.”
Anni, pensò Valya. Quanto può essere difficile tradurre quei simboli?
“È tanto tempo” si lamentò.
“Lo so” fece Doryon quasi scusandosi. “Forse potrei chiedere a un erudito. O a maestro Iarfir.”
Valya non sapeva chi fosse ma non le piaceva l’idea che altri sapessero dei simboli. Avrebbero potuto chiederle dove li avesse presi e come.
“Per ora è meglio di no” disse rimanendo nel vago.
“D’accordo” rispose il ragazzo deluso. “Farò delle ricerche per mio conto e ti farò sapere se scopro qualcosa, magari anche la prossima volta che verrai a trovarmi.”
“Bene” rispose Valya. Stava per aggiungere che non sapeva quando sarebbe passata di nuovo, quando bussarono alla porta.
“Entrate pure” disse Doryon dopo aver capovolto la pergamena con i simboli e aver gettato una rapida occhiata a Valya.
Olethe fece un profondo inchino. “Il consiglio è terminato” disse. “Vostra madre dice che dovete riposare.”
“Ma non sono stanco” si lamentò Doryon.
“Dovete ancora riprendervi.” Guardò Valya. “Tu vieni con me, ragazza.”
Valya andò da lei riluttante.
Olethe rimase come in attesa e all’improvviso ricordò. Si girò verso Doryon e lo salutò con un leggero inchino. “È stato piacevole” disse.
“Anche per me” rispose il ragazzo con lo stesso inchino. “Devi tornare a trovarmi più spesso. Ne parlerò con mia madre.”
 
Olethe camminava un passo davanti a lei, lo sguardo fisso e l’espressione severa. “Hai” disse dopo qualche istante di silenzio. “Hai notato qualcosa nel signorino? Un miglioramento?”
“Sta bene” disse Valya. “Rispetto all’altra volta.”
“L’ultima pozione sembra aver fatto effetto, ringraziando gli Dei.”
“È vero” si limitò a dire.
Olethe trasse un profondo sospiro. “Sei stata brava, oggi.”
Valya rimase in silenzio.
“Mi hai sorpresa, ragazza. Forse riuscirò a fare di te una persona decente.”
“Ti ringrazio.”
Olethe si fermò al centro del corridoio. “Credo che per stavolta non ti scorterò fino alle tue stanze. Credo tu sappia come raggiungerle da sola.”
Valya le rivolse un inchino.
“Preparati per la cena e poi scendi nel salone. Indossa un vestito decente perché ci saranno ospiti.”
“Il comandante che è arrivato stamattina?” domandò Valya.
Olethe si accigliò. “Cosa ne sai di lui?”
“Niente. L’ho solo intravisto per un attimo.”
“No, la governatrice e gli altri comandanti ceneranno in privato. Ma ci saranno comunque altri ospiti. Vestiti bene, sii educata, saluta con deferenza e parla il meno possibile. Ne sei capace?”
“Credo di sì” rispose.
“Bene. A dopo.”
 
Quando scese nel salone, notò che era affollato. Di solito non c’erano più di dieci o quindici persone a cena e di rado la governatrice e le altre persone importanti presenziavano. Valya ne contò almeno cinquanta prima di stancarsi.
Ai due tavoli che di solito occupavano la stanza ne erano stati aggiunti altri quattro e sedie sufficienti a far accomodare tutti i presenti.
I valletti sciamavano avanti e indietro portando vassoi pieni di frutta e verdura e carne appena cucinata che spandeva un buon odore in giro.
Valya adocchiò un posto libero a uno dei tavoli posti lungo la parete opposta all’ingresso e vi si diresse. Mentre lo raggiungeva notò che la maggior parte dei presenti indossava un mantello bianco o rosso scuro. Non aveva mai visto i primi ma riconosceva i secondi.
Era il colore degli stregoni di Talmist. L’aveva imparato osservando quelli che si recavano in visita dalla governatrice.
Valya sedette sul bordo della sedia e prese un piatto di legno che riempì di carne usando una forchetta e le mani. Ancora non si era abituata del tutto a quello strumento, ma secondo Olethe era indispensabile se voleva cenare insieme a loro. A casa era abituata a usare le mani per afferrare la carne aiutandosi con un coltello per tagliarla.
Non che ci fosse spesso la carne da mangiare, ma quello era un particolare.
Qualcuno sedette accanto a lei e la costrinse a sollevare gli occhi. “Io ti saluto” disse in maniera automatica, come Olethe le aveva raccomandato di fare quando c’era un altro ospite al tavolo.
“Sei diventata davvero educata” disse suo padre con un mezzo sorriso. “Olethe deve essere una persona notevole se è riuscita in una simile impresa.”
Valya quasi sputò nel piatto il pezzo di carne che stava masticando. “Tu” disse riprendendosi. “Sono giorni che ti cerco. Dove sei stato?”
“Lo so. Rann mi ha detto che sei passata a trovarmi. Più di una volta.”
“Sei sparito da otto giorni” lo rimproverò lei.
“Mi spiace. Avevo delle faccende importanti da sbrigare.”
“Dove? Con chi?”
“È meglio che tu non lo sappia, ma ora è tutto risolto e sono qui. Tu come stai?”
“Te ne importa davvero?”
“Certo che sì. Sei mia figlia.”
“A volta mi sembra che tu te ne dimentichi.”
“Valya” disse suo padre. “Ci sono delle cose che non posso dirti. Mi spiace avere dei segreti con te, ma credimi è meglio che tu non sappia.”
Anche io ho dei segreti, si disse. Ma non sparisco all’improvviso senza dare notizie.
“Promettimi che non te ne andrai più senza dire niente.”
Suo padre trasse un profondo respiro.
“Lo sapevo” disse Valya tornando alla carne.
“No, tu non sai niente.”
“Allora forse è il momento che tu mi dica qualcosa, no?”
“Io” fece per dire suo padre.
Una figura alta e massiccia si avvicinò al tavolo fermandosi al suo fianco. “Tu sei Keltel? Simm Keltel?”
Valya sollevò la testa e incontrò lo sguardo di una donna, la più grossa che avesse mai visto, a parte la signora Brennan che era la donna più imponente di Cambolt, ma che sarebbe sembrata minuscola alla presenza della nuova arrivata.
Indossava un’armatura di piastre e un mantello bianco le scendeva fino alle ginocchia.
Suo padre la fissò accigliato. “Tu conosci me ma io non conosco te” rispose.
“Mi chiamo Vauru. Demia Vauru.”
“Una volta conoscevo un uomo con quel nome.”
“Se lo hai conosciuto nella guerra contro Vulkath, allora quell’uomo era mio fratello Permys.”
“Perm” esclamò sorpreso suo padre. “Sono anni che non lo vedo. Che fine ha fatto?”
Demia si guardò attorno. “Posso parlarti?”
“Certo” fece suo padre.
“Da soli, intendevo.”
Lui le rivolse un’occhiata.
Valya scosse le spalle.
Simm Keltel si alzò. “Da quella parte. C’è una sala dove staremo tranquilli.”
Demia annuì e lo seguì.
Valya li guardò uscire dalla sala e poi tornò a concentrarsi sulla sua cena.

Prossimo Capitolo Domenica 29 Novembre

Ritorna all'indice


Capitolo 36
*** Un motivo per combattere ***


Un motivo per combattere
 
Zane strinse le redini fino a sbiancare le nocche. Il cavallo fece un’impennata ma lo trattenne tirando e affondando i tacchi nei fianchi dell’animale.
Un attimo prima era concentrato sul suo incontro con la governatrice e quello successivo rischiava di cadere giù e farsi davvero male.
E tutto per colpa del tizio che gli aveva tagliato la strada proprio mentre stava varcando la soglia del cancello.
Guardo giù e il suo sguardo incrociò quello di una ragazza dai capelli neri e mossi e l’espressione impertinente.
“Nessuno ti ha insegnato che non si taglia la strada a un cavaliere?” le disse.
“Pensavo mi avessi vista” disse fissandolo con espressione torva.
Lui fece un mezzo sorriso. “Non badavo a te, ragazzina” rispose.
Lei arrossì. “Forse sei tu che non ci vedi tanto bene.”
“Io ci vedo benissimo” ribatté piccato.
Sto davvero discutendo con questa ragazzina? Si chiese. Avrei cose più importanti a cui pensare che a questo eppure…
Zebith si avvicinò con espressione accigliata. “State bene?” chiese.
Zane fece un leggero cenno con la testa.
“Sì” rispose la ragazzina senza rendersi conto che si era rivolto al cavaliere e non a lei. “Se a qualcuno importa.”
Decise che ne aveva abbastanza e proseguì al piccolo trotto.
Dietro di lui udì Ferg dire: “Tu non dovresti essere qui”
Abbylan lo attendeva con la scorta sotto l’arco di ingresso.
“Di cosa parlavate?” gli chiese il cavaliere.
“Niente” rispose ancora arrabbiato per la discussione di prima. “Portatemi dalla governatrice. L’abbiamo già fatta attendere troppo.”
“Da questa parte.”
 
Hylana Abrekir era una donna nel mezzo della propria vita, non così giovane da poter ancora essere definita una ragazza né con abbastanza anni da poterla considerare una veterana.
Sto iniziando a pensare come mio padre? Si chiese divertito mentre Zebith Abbylan lo introduceva nello studio della governatrice.
Lei gli andò incontro esibendo un sorriso sincero. “Benvenuto. Io ti saluto, Zannis Stanner.”
“Chiamami Zane” disse, senza aggiungere che odiava il suo nome intero.
“Come desideri. Io sono Hylana Abrekir.”
“Lo so chi sei” disse cortese. “Mio padre mi ha parlato di te.”
“Ti avrà detto solo cose belle, spero.”
“Mi ha raccontato delle Lune che avete passato insieme combattendo contro Vulkath l’infame.”
Hylana sorrise imbarazzata. “All’epoca io ero solo una strega appena consacrata e lui già un grande comandante. Sai che guidò l’assalto a Mashiba?”
“Io credevo che fosse stato Yander Ovrant a comandarlo. Almeno così mi è stato raccontato.”
“Io ero presente e le cose andarono diversamente da come si raccontano. Yander comandava una parte dell’armata, ma non quella più consistente o risolutiva. Furono tuo padre e i soldati di Wyll il Falco e Simm l’Aquila ad aprire la breccia che fece capitolare la fortezza.”
“Davvero? Mio padre non me ne ha mai parlato.”
“Avrà avuto i suoi buoni motivi. Spero che il viaggio sia stato tranquillo.”
Zane annuì pensoso. “Se ti riferisci ai rinnegati, non ne abbiamo visti. La strada tra Talmist e Lormist è sgombra, ma si muovono lungo i confini meridionali, vicino alle terre selvagge.”
Hylana assunse un’aria preoccupata. “Ho saputo del tuo incontro con alcuni di loro.”
Non è stato un incontro, pensò Zane. Era una dannata trappola. E ancora non so chi me l’ha tesa.
“Abbiamo già risolto quella questione.”
“Davvero? Dalla lettera inviatami da tuo padre sembrava piuttosto preoccupato.”
“Pensi che mi abbia mandato qui per allontanarmi dal pericolo?” le domandò con tono provocatorio.
Hylana non mutò espressione. “Questa idea non mi ha mai sfiorato l’idea, ma tuo padre potrebbe aver pensato che i rinnegati stessero per sferrare un attacco al confine meridionale di Lormist.”
“Se lo avessero fatto, avremmo posto fine alla minaccia in fretta.”
Non come voi che ancora state radunando un esercito, avrebbe voluto aggiungere.
Hylana sembrò intuire i suoi pensieri e disse: “In previsione del vostro arrivo, ho dato ordine di accelerare il reclutamento di nuove forze. Entro la prossima Luna avremo diecimila scudi e cento mantelli pronti a marciare.”
“Ferrador non ha un circolo stregonesco.”
“Cinquanta sono già qui e altrettanti sono in viaggio dalla capitale.”
“Talmist rimarrà indifesa.”
“La corona sarà protetta da almeno ventimila scudi e duecento mantelli.”
“Il rinnegato ne ha molti di più a sua disposizione” ribatté Zane. “E non tutte le vostre città sono così ben difese. Charis per esempio è vulnerabile.”
“Il governatore Nevarth è un uomo capace e di grande esperienza. Saprà reggere l’urto dell’orda fino al nostro arrivo.”
“Sono sicuro che sia come dici tu” disse con tono cortese. “Se per ora non abbiamo altro da dirci, vorrei tornare alla mia armata. Dobbiamo preparare il campo e distribuire le razioni.”
“Ovviamente vi riforniremo di tutto ciò che vi serve” si affrettò a dire Hylana. “E potete usare l’ampia spianata nella parte orientale della città.”
“Ti ringrazio per la generosa offerta.”
“Altrettanto ovviamente, sarei felice di ospitare sia te che i tuoi comandanti. Qui a palazzo c’è molto spazio.”
“Non vorrei abusare della tua ospitalità” disse con tono deferente.
“Sono io che non posso venir meno ai miei doveri di ospite e di alleato” rispose la donna con un sorriso tirato.
“In tal caso, saremo solo io e il mio aiutante di livello più elevato. Il mio vice e gli altri aiutanti resteranno al campo per sorvegliare che tutto proceda nel modo corretto.”
“Come desideri” disse Hylana con un cenno della testa. “Vi attenderò per dopo il tramonto. Ho già indetto un consiglio di guerra e vorrei che tu partecipassi.”
“Non mancherò” rispose prima di avviarsi alla porta.
 
Demia l’attendeva nel cortile del palazzo.
Zane si sorprese nel vederla già lì fissare l’ingresso con sguardo fiero mentre due guardie le sbarravano il passo. “Dovevi restare con l’armata.”
“L’ho lasciata a Liana e Shinnon.”
“Quei due si perderebbero nel cortile del circolo” si lamentò.
Liana aveva due anni meno di lui e Shinnon era suo coetaneo. Per un po’ si erano frequentati mentre attendevano di consacrarsi, ma poi si erano allontanati.
“È in buone mani” rispose la donna. “È con te che devo stare.”
Zane si accigliò.
Demia fece un lieve cenno alle guardie e fece qualche passo indietro.
Zane la raggiunse. “Che sta succedendo?”
“Questo posto non è sicuro per te. Per nessuno di noi.”
“C’è una guerra in corso. Nessun luogo di Talmist è al sicuro.”
“Non parlo dei rinnegati, ma di altre forze” disse la donna.
“Ora mi stai preoccupando.”
“Ho parlato con alcune persone.”
“Chi?”
“Te le farò conoscere, ma per il momento devi promettermi che tornerai con me al campo.”
“Solo per prendere le mie cose.”
Demia gli scoccò un’occhiata stupita.
“La governatrice insiste per ospitarmi a palazzo.”
“È una trappola.”
Zane trattenne a stento un sorriso. “Sono nostri alleati.”
“È solo la convenienza a tenerli legati a noi. Gli serviamo come loro servono a noi. Nessuno può affrontare l’orda da solo, vedi cosa è accaduto a Rodiran.”
“Che cosa dovrei fare secondo te? Declinare l’invito e rinchiudermi nel campo, come fossi sotto assedio? O dovrei assediare io stesso Ferrador?” le domandò con tono polemico.
“Di questo parleremo dopo. Hai bisogno di amici qui a corte.”
“Hai appena detto che non possiamo fidarci di nessuno.”
“Parlo di amici fidati. Amici veri.”
“Ne conosci qualcuno?”
“Forse. Vorrei che tu incontrassi una persona.”
Zane si fece attento. “Chi?”
“Un vecchio amico di tuo padre. Non pensavo di incontrarlo proprio qui, ma le voci che giravano sul suo conto erano vere e ho voluto verificarle.”
Zane annuì. “Prepara un incontro allora.”
“Stavo giusto andando a cercarlo. Quando l’avrò trovato, lo porterò da te, così potrai parlarci di persona.”
 
Zane attendeva nella sala rischiarata dalle torce. Non aveva mai compreso appieno la necessità di costruire livelli interrati. Stare lì gli faceva mancare l’aria e acuiva il desiderio di tornare presto ad assaporare l’aria fresca dell’esterno.
Anche a Lormist c’erano livelli costruiti sottoterra, compresa la Fortezza del Diamante, che era un intrico di cunicoli che pochi potevano dire di conoscere almeno in parte.
Zane ricordava di aver sempre provato un certo disagio al solo pensiero di perdersi in quei cunicoli bui, con la certezza di non riuscire a ritrovare la strada e dover vagare nel buio senza una meta.
Il rumore di passi che si avvicinavano lo riportò alla realtà. Raddrizzò la schiena e finse di essere interessato a un arazzo mentre con la coda dell’occhio guardava le due figure entrare una di fianco all’altra.
Riconobbe subito Demia ma non l’altra, un uomo dall’aria imponente vestito con una tunica sporca e un grembiule.
È lui l’amico che vuole procurarmi Demia? Pensò deluso. È solamente un servo.
Il nuovo arrivato lo squadrò con aria annoiata, come se stesse valutando un pezzo di formaggio al mercato.
“Ti presento Simm Keltel” disse Demia.
Zane si limitò a un cenno del capo. “È lui l’alleato che mi avevi promesso?”
Keltel si accigliò. “Io non sono alleato di nessuno, né servo alcun re o comandante” disse con voce cupa.
“Allora perché sei venuto?” gli chiese.
“Ero curioso di vedere da vicino il figlio di Aramil, dopo che me ne avevano parlato così tanto.”
“Ora sei di fronte a me” disse Zane.
“Sì” disse Keltel. “E non sono affatto impressionato.”
Demia si fece avanti. “Keltel e tuo padre lottarono insieme contro Vulkath l’infame. Fu grazie a loro che…”
“Sì, sì” disse Zane annoiato. “Conosco a memoria quella storia. Mashiba, la breccia, Wyll l’aquila che uccide in duello Tassarion La Lama Insanguinata e tutto il resto. Ormai è solo una bella storia da raccontare davanti al fuoco. A me serve altro che questo.”
“Sto perdendo tempo qui” disse Keltel. “Ho da fare alla forgia.”
“Per favore” fece Demia. “Lascia che parli io per Zane. Non è bravo con le parole come lo è con la spada e la stregoneria.”
Zane le rivolse un sorriso irriverente. “Potrei darti lezioni nell’una e nell’altra cosa.”
Keltel lo fissò con sguardo duro. “Non è affatto come suo padre.”
“C’è già un Aramil. Sarei di troppo.”
Keltel sorrise. “Di persone come Aramil ce ne vorrebbero di più, soprattutto adesso. Ma tu non puoi capire, sei troppo giovane.”
Zane era stanco di sentirsi rimproverare da quel fabbro. “Poiché dici di essere un amico di mio padre, per questa volta lascerò passare, ma non devi più incrociare la mia via o…”
“Io non ero amico di tuo padre” disse Keltel alzando la voce.
A Zane parve che per un attimo le mura di pietra spessa della sala avessero tremato.
“Abbiamo combattuto insieme, fianco a fianco, ma non eravamo amici. Ci rispettavamo e ci rispettiamo ancora o almeno io rispetto lui, ma in quella guerra non potevi concederti di essere amico di qualcuno, sapendo che il giorno dopo avresti potuto perderlo. Io l’ho fatto, ho commesso quell’errore e…” La sua voce tremò e sembrò esitare. Scosse la testa. “Perché sei qui, Zane Stanner?”
“Gli ordini…”
“Perché sei qui a combattere questa guerra, intendo. Che cosa credi di poter fare, tu?”
“È tutta la vita che mi addestro per questo” rispose. Ripensò alle Lune passate ad allenarsi nel cortile del suo castello a Lormist e poi nelle sale del circolo, con Valcan e Folmer che lo incitavano a dare di più, a fare uno sforzo per giungere più lontano, per essere più abile in un incantesimo.
Keltel annuì solenne.
“Voglio fare la mia parte” aggiunse Zane. “Come tutti.”
“Perché?”
“Perché è giusto. Malag il rinnegato deve essere fermato come Vulkath l’infame.”
“Solo per questo?”
“Esiste motivo più importante?”
Keltel fece per andarsene.
“Aspetta” disse Zane. “L’errore che hai commesso. È stato quello di combattere con mio padre?”
“No” disse l’uomo senza voltarsi. “Una volta la pensavo come te. Ero convinto che l’unico motivo per combattere fossero l’onore e la gloria. Ci credevo davvero, ma poi incontrai una persona che mi fece cambiare idea e iniziai a pensare che ci fossero motivi migliori per combattere.”
“E che cosa accadde dopo?”
“Persi tutto. Ogni cosa per la quale valesse la pena combattere quella guerra. Vuoi un consiglio, Zane Stanner? Non cambiare mai idea.”
Keltel lasciò la sala con ampie falcate.
“Mi spiace” disse Demia con tono di rammarico. “Avevo sentito dire che fosse cambiato dopo la guerra, ma non pensavo che si fosse ridotto così.”
“Che cosa gli è successo?”
“È un uomo spezzato” disse la donna. “E niente potrà rimettere insieme il guerriero che era una volta.”

Prossimo Capitolo Domenica 6 Dicembre

Ritorna all'indice


Capitolo 37
*** Mossa segreta ***


Mossa segreta
 
“Concentrati” disse Ferg annoiato. Sedeva a gambe incrociate su di una panca appoggiata al muro e la osservava con aria annoiata.
Valya era in piedi, in equilibrio su di un solo piede, una spada tenuta di piatto in ogni mano. Era in quella posizione da troppo tempo e iniziava a sentire le braccia pesanti come macigni, ma non voleva cedere.
“Sono concentrata” disse stringendo i denti.
“Concentrati di più.”
“È tutta la giornata che mi fai fare questi esercizi” disse con uno sforzo. “Potresti almeno dirmi a che cosa servono.”
“Lo scoprirai.”
“Io voglio saperlo ora.”
“Lo saprai quando io lo riterrò necessario” rispose Ferg con un’alzata di spalle. “Ma se sei stanca e vuoi riposarti…”
“No” disse Valya perentoria. “Continuerò” aggiunse.
Ferg le rivolse un ghigno. “In tal caso, prosegui.” Si alzò di scatto e camminò fino alla rastrelliera delle armi.
Un valletto si avvicinò dopo averlo salutato con un inchino. “Comandante” disse dopo essersi schiarito la gola. “La governatrice vuole sapere come procede l’organizzazione del torneo.”
Ferg grugnì qualcosa. “Dille che passerò da lei dopo pranzo.”
“La governatrice vuole essere informata subito” replicò il valletto.
“Torneo?” fece Valya sorpresa. “Che torneo?”
Le braccia le tremarono e la gamba su cui era in equilibrio quasi cedette costringendola a un rapido movimento con la schiena per riguadagnare la posizione e non cadere.
“Non è niente che ti riguardi” disse Ferg. Tornò a rivolgersi al valletto. “Informa la governatrice che andrò subito da lei se avrà la compiacenza di ricevermi.”
Il valletto sembrò soddisfatto e corse via.
Ferg camminò verso di lei scuotendo la testa. “Questi dannati ragazzini diventano sempre più impertinenti.”
“Il torneo” disse Valya ondeggiando sull’unico piede a terra. “Dimmi del torneo. Lo stai organizzando tu?”
Ferg sospirò. “Un’idea di mio fratello. Secondo lui è il modo migliore di far trascorrere il tempo alle reclute che stanno arrivando in città.”
“Sono tante?” chiese Valya sbuffando.
“Per ora ne abbiamo contate almeno quindicimila.”
“È l’armata che marcerà contro Malag?”
“Una parte. Ci vorranno molti più soldati per battere il rinnegato.”
“Quanti?”
Ferg ghignò. “Questo lo sanno i nostri saggi comandanti.”
“Tu sei un comandante” disse Valya con tono d’accusa. “Ma non sei affatto saggio.”
Lui ridacchiò e scosse la testa mentre tornava alla panca.
“Voglio partecipare a quel torneo” esclamò Valya all’improvviso, dando voce a un pensiero che le aveva attraversato la mente.
“No, no, no. È riservato alle reclute.”
“Allora vuol dire che mi arruolerò.”
Ferg rise. “E stanotte una luna cadrà.”
“Io ci andrò” disse con tono di sfida.
“E io mi assicurerò che Olethe ti chiuda nella stanza per tutta la durata del torneo.”
“Olethe non mi fa paura” disse sicura.
“Davvero?” fece Ferg stupito. “Se devo essere sincero, mi terrorizza.”
Valya sentiva le braccia sempre più intorpidite ma non voleva cedere. Non ancora. La prima volta che aveva fatto quell’esercizio, Ferg aveva contato fino a trenta prima che lei cedesse facendo cadere le spade.
Ora aveva perso il conto ed era certa che anche lui se ne fosse accorto.
“Davvero ti fa tanta paura?”
Ferg annuì. “Credo che intimorisca anche la governatrice. In fondo lei è qui da più di chiunque altro. È per questo che Hylana l’ha voluta al suo servizio dopo che il vecchio governatore l’aveva cacciata via.”
“Su serio? Che aveva fatto?”
“Non lo sa nessuno” disse Ferg. “Ma alcuni dicono che i due fossero amanti e che lui l’abbia scacciata per vendetta, dopo che si erano lasciati.”
Valya sgranò gli occhi. “Olethe aveva un amante” disse sorpresa. “Non ci credo.”
“Non raccontarlo in giro” disse Ferg. “E se lo fai, non dire che te l’ho detto io.” Guardò in alto, verso il maschio. “È ora di andare. Non è saggio far attendere la governatrice. In fondo è dalla sua borsa che attingo le monete che mi servono per vivere.” Si sollevò dalla panca e guardò nella sua direzione. “Stai ancora giocando con quelle dannate spade? L’addestramento è finito per oggi.”
Valya abbassò le braccia lasciando cadere le spade ed emise un sospiro di sollievo. “Cominciavo a sentire la stanchezza” disse. In verità era stata vicina a cedere almeno un paio di volte ed era sicura che se avesse cercato di sollevare un braccio le sarebbe venuto un crampo.
“Pulisci e rimettile a posto” le ordinò Ferg prima di andare via.
Valya mise le spade nella rastrelliera dopo averle pulite con un panno e si assicurò che fosse tutto in ordine. Ancora intorpidita per il tempo passato in piedi, decise di andare alla sala d’arme per assicurarsi che la spada fosse al suo posto.
Ci andava ogni giorno, a volte anche più di una volta, usando sempre una scusa diversa con sé stessa. non ne avrebbe avuto bisogno, ma la rendeva più tranquilla il pensiero di aver sempre un buon motivo per passare di lì e gettare un’occhiata distratta al pomello a forma di sfera che spuntava da dietro lo scudo e trovava conforto nel pensiero che lei fosse lì ad attenderla.
Più di una volta si era avvicinata per sfiorarla e avvertire il brivido sommesso che le trasmetteva quel semplice gesto. In quei momenti doveva lottare per non sguainarla e presentarsi all’addestramento con Ferg impugnandola spavalda.
Era certa che con quella spada sarebbe riuscito a batterlo invece di solita sconfitta seguita da una lezione su che cosa aveva sbagliato e cosa non doveva fare.
Valya ogni tanto cercava di provocarlo, ma aveva notato che insistere sui suoi ridicoli baffi non serviva a molto, per questo era passato ad altro.
“Insegnami una tua tecnica segreta” lo aveva sfidato una volta, in una pausa tra uno scambio e l’altro.
“Chi ti dice che ne abbia una?” le aveva chiesto lui.
“Tutti i grandi guerrieri ne hanno una. Margry Mallor…”
Ferg aveva sbuffato. “Sono tutte sciocchezze.”
“Ma conoscerai un colpo segreto che sai solo tu” aveva insistito.
“Per esempio?”
“Non lo so.” Si era stretta nelle spalle. “Se mi ritrovassi accerchiata da tre nemici, come potrei uscirne? Esiste una mossa segreta o qualcosa del genere?”
“Ma certo” aveva esclamato Ferg.
“Quale?” gli aveva chiesto speranzosa.
“È semplice. Non farsi accerchiare da tre nemici.”
Valya lo aveva fissato interdetta.
“Non era la risposta che ti aspettavi?”
“No” aveva risposto brusca.
“Ascolta” aveva detto lui. “L’abilità non sta nell’uscire da una situazione impossibile o rischiosa, ma nel non andarsi a cacciare in certe situazioni. Se sai di dover affrontare tre nemici insieme, scappa. Se il nemico che devi affrontare è troppo forte per te, scappa.”
“Fuggire è da vigliacchi” aveva ribattuto lei.
“I vigliacchi sopravvivono.”
“Per un po’.”
Ferg aveva scrollato le spalle. “Le cripte traboccano delle ossa di guerrieri coraggiosi.”
“Scusa se ti disturbo” disse il valletto interrompendo il filo dei suoi ricordi.
Valya tornò alla sala e si accorse di stare fissando la spada appesa alla parete con sguardo assente. Scosse la testa e rivolse un sorriso al valletto. “Scusami tu. Ero distratta” rispose, usando la formula che Olethe le aveva insegnato.
“Padron Doryon mi ha mandato a cercarti.”
“Dem” esclamò. “Voglio dire, Doryon ti ha mandato a cercare me?”
Il valletto annuì.
“È per riferirmi un suo messaggio?”
“Vorrebbe che tu andassi a trovarlo non appena hai tempo.”
Che cosa vorrà? Si chiese.
Non lo vedeva da qualche giorno e Olethe era attenta a regolare le sue visite. Diceva che non poteva stancarsi troppo e che la pozione che stava usando ora richiedeva lunghi periodi di riposo e tranquillità per fare effetto.
“Digli che andrò subito da lui” disse senza esitare.
Il valletto annuì e corse via.
Valya tornò nella sua stanza e si cambiò d’abito, indossando una blusa e la gonna che Olethe la costringeva a usare quando era nel palazzo e non doveva allenarsi con Ferg.
Raggiunse le stanze di Doryon, dove trovò un soldato di guardia. Lui la squadrò per qualche istante e poi si fece da parte.
Valya bussò due volte come Olethe le aveva detto di fare quando passava a trovare l’amico.
“Entrate” disse una voce debole dall’interno.
Valya aprì la porta e si infilò all’interno. La stanza era immersa nel buio tranne che per poche candele che ardevano negli angoli. Le imposte erano calate nonostante fosse ancora giorno.
Doryon sedeva alla scrivania, rannicchiato sopra la sedia come un uccellino sul trespolo, il corpo nascosto da una spessa coperta imbottita.
“Hai freddo?” domandò Valya avvicinandosi con cautela.
Doryon sollevò il viso, mostrandole due profonde occhiaie e un pallore accentuato dalle candele. “I guaritori dicono che è l’effetto delle pozioni.”
“E tu stai meglio?”
Doryon scrollò le spalle. “Maestro Abbylan ti sta ancora addestrando?”
Valya sorrise. “Tra poco supererò il signor baffetto, anche se lui non vuole ammetterlo.”
“Signor baffetto?”
“È per via di quei ridicoli baffi.”
Doryon strizzò gli occhi come se stesse ricordando e sorrise a sua volta. “Non si arrabbia quando lo chiami così?”
“Lui dice di no ma si vede che si innervosisce.” I suoi occhi caddero sul libro aperto sulla scrivania. Mostrava una serie di simboli che riempivano la pagina.
Non li aveva mai visti prima ma un paio somigliavano a quelli incisi sulla spada.
“Li hai tradotti?” domandò dimenticando Abbylan e i suoi baffi.
Doryon annuì piano. “Alcuni e li ho tradotti solo in parte” fece una pausa. “Ma credo di aver almeno colto il senso dell’iscrizione.”
“E cosa dice? È una formula magica per caso?” Il solo pensiero le procurava un brivido lungo la schiena e acuiva il desiderio di avere di nuovo la spada lì con lei.
“Non direi” disse Doryon perplesso. “Somiglia più a una invocazione. O a una maledizione.”

Note
Modem distrutto da un fulmine e connessione altalenante, ma sono ancora qui :)
In settimana recuperiamo il capitolo perso ;)
Prossimo Capitolo Giovedì 17 Dicembre

Ritorna all'indice


Capitolo 38
*** Promettimi che sarai prudente ***


Promettimi che sarai prudente
 
“Una maledizione?” domandò Valya.
“O tu che mi possiedi” disse il ragazzo come recitando un verso che aveva imparato a memoria. “Diffida del potere che si nasconde dentro di me, perché per ogni momento di gloria di cui io ti farò dono, ti porterò via qualcosa a cui tieni.”
Valya lo fissò in silenzio.
Doryon strinse le labbra.
“Sembra proprio una maledizione” disse infine tornando a respirare come prima.
“Non vuoi dirmi dove l‘hai trovata?”
Lei sospirò. “Credimi, sarebbe meglio non saperlo. È stata solo una stupida curiosità. Forse non dovevo parlartene.”
“No, no” si affrettò a dire il ragazzo. “Se vuoi mantenere il segreto, ti capisco. Solo…”
“Cosa?”
“Sii prudente.”
“Dem…” iniziò a dire.
“Val” fece lui con voce tremante. “Questi simboli sono molto antichi. E per molto antichi intendo che potrebbero risalire all’epoca dei maghi supremi.”
Valya aveva sentito parlare di quella leggenda dagli anziani a Cambolt. La raccontavano per spaventare i bambini e ridere di loro. Le storie che si raccontavano erano sempre piene di maghi e maghe crudeli che opprimevano il popolo facendolo soffrire. Per fortuna ognuna di quelle storie finivano con un eroe, di solito una strega o uno stregone, che insorgeva contro il mago crudele e lo abbatteva dopo un’epica battaglia.
“I maghi sono solo leggende” disse sicura.
“Maestro Dyffron non la pensa come te” rispose il ragazzo. “E ci sono molti saggi scritti da famosi eruditi in cui parlano dei maghi antichi e delle loro crudeltà. Erna Dorgell ha persino scritto un diario sulla sua ricerca del santuario di Urazma. E c’è la storia di Malvina la Nera che sterminò tutta la sua famiglia…”
“I maghi non esistono più” disse lei alzando un po’ la voce. “E anche se esistessero ora ci sono gli stregoni che ci proteggono.”
“Io sono uno stregone” disse Doryon. “Anche se non mi alleno come dovrei. E se dovessi trovarmi di fronte un mago o una maga non so quanto potrei proteggerti.”
“Non accadrà niente del genere. Io non conosco maghi o maghe.”
Lui la guardò negli occhi.
“Sul mio onore” disse Valya appoggiando il palmo della mano sul petto.
“Dico sul serio Valya” fece Doryon. “Se c’è qualcosa che…” Si piegò in due e tossì. “…posso fare…” Altri colpi di tosse, più forti. “… io vorrei che…” Inspirò una boccata d’aria a fatica e quasi cadde dalla sedia.
Valya si sporse in avanti per sostenerlo. “Che hai?”
“Niente” disse a fatica.
“Non è vero. Non riesci a respirare.”
“Sto bene, ora mi passa.” Fece altri due colpi di tosse e si raddrizzò. Guardò il letto. “Forse è meglio che riposi. I guaritori dicono che non devo stancarmi troppo se voglio recuperare le forze.”
“Ti aiuto” disse Valya sostenendolo fino alla sponda del letto.
Lui si lasciò cadere e giacque immobile, gli occhi chiusi e il petto che si alzava e abbassava lento.
“Fa male?” gli chiese preoccupata.
“Solo quando tossisco. Per il reto sento come un peso sul petto, che mi opprime. E lo stomaco mi brucia anche se non ho mangiato nulla.”
Lei rimase al suo capezzale in silenzio.
“Valya?” chiese Doryon con voce debole.
“Sì?”
“Promettimi che sarai prudente.”
“Lo sarò.”
Doryon annuì e chiuse gli occhi.
Valya attese finché non fu sicura che si fosse addormentato e uscì dalla stanza quasi in punta di piedi. Nel corridoio la guardia attendeva impassibile come l’aveva lasciata poco prima. Non perse tempo a guardarla e si avviò lungo il corridoio.
Quella sera, a cena Doryon non si presentò e nemmeno Hylana.
“La governatrice cenerà col figlio nelle sue stanze” disse Olethe.
“Doryon sta migliorando?” le domandò giocando con le verdure nel piatto.
“Finisci di mangiare e poi ne riparleremo” disse la donna.
Valya mangiò il resto ma Olethe andò via prima, chiamata da un valletto. Quando le fu chiaro che non sarebbe tornata, andò alle sue stanze e si preparò per la notte.
Faticò ad addormentarsi, tormentata dal pensiero dei simboli incisi sulla spada.
Diffida del mio potere, pensò. Ti porterò via ciò a cui tieni. Ti donerò gloria.
Gloria.
Su quel pensiero il sonno la raggiunse.
 
La sala d’armi era vuota e il cortile anche, a parte le due figure che si scambiavano colpi di spada al centro dello spiazzo.
Uscendo, Valya cercò con lo sguardo Ferg Abbylan, ma lui non c’era. Al suo posto, un valletto che le rivolse un’occhiata speranzosa.
“Ho un messaggio di maestro Abbylan per te” disse.
“Un messaggio?”
“Ho da fare in città. Devo organizzare il torneo. Oggi niente addestramento. Dilettati con le gonne e i nastri di sua eccellenza Olethe.”
“Sua eccellenza? Ha usato proprio questa parola?”
Il valletto arrossì.
“D’accordo, puoi andare.”
Il ragazzo sparì in una delle porte e lei rimase sola. Al centro dello spiazzo le due figure si erano fermate e una di esse guardava verso di lei.
Impugnava la spada e la stava osservando con sguardo perplesso. L’altra figura disse qualcosa a lui scosse la testa facendogli un cenno con la mano. Poi mosse qualche passo verso di lei.
“Tu” disse puntandole contro la spada.
Valya si guardò attorno.
“Sì, dico a te” fece lui.
Vedendolo avvicinarsi non poté non notare i folti capelli castani e la figura slanciata. Camminava sicuro, come se quel cortile gli appartenesse e fosse casa sua, anche se forse era la prima volta che ci metteva piede.
Quel viso le ricordava qualcosa.
L’altra figura era quella di un uomo più maturo, forse sulla trentina e sembrava seccata da quella interruzione. “Che stai facendo?”
“Abbi un attimo di pazienza” disse il ragazzo dai capelli castani. “Io ti conosco” aggiunse rivolgendosi a Valya. “Eri nel cortile quando sei quasi finita sotto gli zoccoli del mio cavallo, ricordi?”
“Il cavaliere distratto” disse Valya ricordando quel viso e il tono di voce arrogante.
Il ragazzo fece un ghigno. “Arrogante come al solito. Proprio non conosci il rispetto per un tuo superiore.”
“Il rispetto devi guadagnartelo.”
Il ragazzo la guardò perplesso.
L’altro uomo lo affiancò. “È solo una ragazzina. Lasciala stare.”
Solo una ragazzina? Si chiese Valya.
“Come ti chiami?” chiese il ragazzo.
“Chi me lo sta chiedendo?”
Lui si accigliò. “Devi presentarti a me.”
“Presentati tu” rispose incrociando le braccia sul petto.
L’uomo sbuffò. “Lui è il comandante Stanner” disse. “Zane Stanner.”
“Che fai?” lo ammonì il ragazzo. “Stai dalla sua parte?”
“Voglio solo tornare ad allenarmi. Mi serve per recuperare dopo la lussazione.”
“La tua spalla può attendere” disse Zane. “Devo prima sistemare questa qui. Ti ho chiesto come ti chiami.”
“Valya” rispose.
“La prossima volta stai lontana dal mio cavallo o farai una brutta fine. Potevo calpestarti a morte nel cortile.”
“Non ne dubito, distratto come sei.”
“Io procedevo lungo la strada e avevo il diritto di passaggio. Tu ti sei infilata in mezzo.”
“Io vado dove mi pare. Il cortile non ti appartiene.”
Zane fece un mezzo sorriso. “Ma la senti, Alder? Parlano tutte così le ragazzine di Talmist?”
Valya strinse i pugni.
Il ragazzo chinò la testa di lato. “È una spada quella che tieni legata al fianco?”
La mano di Valya corse d’istinto all’elsa della spada che aveva scelto dalla rastrelliera e aveva infilato nella cintura come Ferg le aveva insegnato.
“Dove l’hai presa?”
“Dalla rastrelliera” rispose.
“Rimettila subito a posto o potresti farti male” disse Zane. “Quelle armi sono pericolose in mani poco esperte.”
“Le mie mani hanno tutta l’esperienza che serve” rispose seria.
“Vuoi dire che la sai anche usare?”
Valya estrasse la spada e gliela puntò contro il petto. “La punta è la parte pericolosa, no?”
Zane non indietreggiò né smise di fissarla. “La tua ha tutta l’aria di una sfida, ragazzina.”
“Mi chiamo Valya.”
“Potresti anche essere la regina di Malinor, ma se mi punti contro la spada, devi prepararti al peggio” ringhiò Zane.
“Avanti” disse Valya con aria di sfida.
Una mano si poggiò sul suo braccio facendola trasalire.
“Non posso lasciarti sola un attimo che ti infili in qualche guaio” disse Ferg Abbylan lisciandosi uno dei baffi.
Valya lo guardò con la coda dell’occhio. “Sei in ritardo.”
“Sono solo arrivato al momento giusto. Ora metti giù la spada e chiedi scusa al comandante Stanner.”
“Io non…”
La presa di Ferg sul suo braccio si fece più forte. “Ti ho detto mettila giù. Ora.”
Valya sospirò e abbassò l’arma. “È lui che mi ha provocata per primo.”
Ferg si frappose tra lei e Zane. “Ti porgo le scuse da parte sua e da parte mia, onorevole comandante.”
Zane lo fissò accigliato.
“La mia allieva deve ancora imparare a tenere a bada la lingua” aggiunse.
“Deve imparare a stare zitta e a portare rispetto” disse Zane.
Valya fece per protestare ma Ferg le fece cenno di tacere.
“Imparerà sia l’una che l’altra cosa, comandante Stanner” disse Abbylan. “Possiamo chiudere qui questo increscioso incidente? La mia allieva e io vi porgiamo le nostre scuse.”
Zane rispose con un grugnito e si voltò senza aggiungere altro.
“Che hai fatto?” fece Valya infuriata. “Lo lasci andare così?”
Abbylan la guardò stupito. “Volevi per caso sfidarlo?” sussurrò.
“Sì” esclamò lei. “Mi ha offesa. Mi ha trattata come se fossi uno straccio per i pavimenti.”
“Forse perché te lo sei meritato?”
“Non è vero” esclamò indignata. “Gli ho solo ricordato che stava per travolgermi col suo dannato cavallo.”
“Lo stava per fare perché tu ti eri distratta.”
“Non è un buon motivo per essere maleducato.”
“Lui è il comandante Stanner” disse Abbylan, come se quello spiegasse tutto.
“E allora?”
“È venuto fin qui da Lormist con un’armata, per aiutarci nella guerra. Se lo facciamo arrabbiare e lo offendiamo, che cosa credi che accadrà?”
Valya si strinse nelle spalle. “Non lo so. Andrà via? Smetterà di aiutarci?”
Ferg scosse la testa con vigore. “Niente affatto. Andrà dalla governatrice a dirle che tu l’hai offeso. Lei concluderà che tu sei la mia allieva e che eri affidata a me e mi chiamerà per risponderne.”
“Quindi stavi solo proteggendo te stesso?” domandò accigliata.
“E per quale altro motivo sarei intervenuto secondo te?”
“Quindi non pensi che Stanner mi avrebbe battuta e hai voluto mettermi al sicuro?”
“Certo che no” esclamò Ferg. “Ovvio che ti avrebbe battuta, ma non ti avrebbe di certo uccisa. Per te sarebbero bastati un paio di colpi e ti saresti ritrovata a fissare il cielo distesa sulla schiena.”
“Tu mi stai addestrando e non credi affatto in me.”
“Valya” disse Ferg abbassando la voce. “Sei una ragazza intelligente e piena di entusiasmo e vuoi imparare in fretta, ma c’è una grande differenza tra l’allieva di un guerriero che combatte con armi spuntate in un cortile e uno stregone che è al comando di un’armata di Lormist e ha già combattuto le sue battaglie. Stanner è un’Aquila Dorata. Lo sai chi sono? Cosa, sono?”
Valya scosse la testa, le labbra serrate. Voleva piangere ma non davanti ad Abbylan, non lì nel cortile dove quel dannato comandante poteva udirla e ridere di lei.
“Stregoni guerrieri” disse Ferg. “I migliori del continente. Selezionati e addestrati per essere i perfetti combattenti. Non hanno mai perso una battaglia e ogni volta che scendono in campo i loro avversari tremano alla loro vista. A volte è bastata la loro presenza a capovolgere l’esito di uno scontro che sembrava già scritto.”
“Va bene, ho capito, non ho nessuna speranza contro quello lì” disse Valya. “Ma non mi sembra un buon motivo per rinunciare a lottare.”
Ferg la guardò con compassione. “È molto nobile ciò che dici, ma le cripte sono piene di coraggiosi dal cuore pieno di nobiltà. Vuoi essere una di loro?”
“No” disse Valya. “Ma dimmi una cosa.”
Ferg rimase in attesa.
“Quelli che hanno affrontato le Aquile Dorate e non sono fuggiti, dove sono adesso?”
“Morti. Chiunque affronti le Aquile Dorate muore.”
 
Valya entrò nella sala in silenzio, come se si stesse recando a una processione. Solo che era lei quella che veniva commemorata.
Prese la spada che aveva rubato dal baule e la soppesò nella mano. Come in precedenza, avvertì il potere fluire dall’oggetto dentro di lei, rendendola più forte, decisa. Sicura.
In quel momento era la rabbia a prevalere su ogni altra sensazione. Le parole di Abbylan risuonavano ancora nella sua mente e lei non riusciva a spezzare il flusso di quei pensieri.
Non ce la farò mai con le mie forze, si disse.
Ci aveva provato. Aveva sperato di potercela fare. Aveva sperato che Abbylan potesse condurla lì dove suo padre non aveva voluto che andasse.
Ma lui non credeva in lei.
Sono solo un modo per compiacere la governatrice, pensò.
Nessuno aveva mai messo in dubbio le doti di Margry Mallor. Lei era diventata famosa a tredici anni, quando aveva affrontato un pericoloso mago che stava tormentando il suo villaggio.
A lei era toccato fare a fette un paio di piante poco fuori la sua casa.
A Margry era stata donata la spada a quattordici anni, come segno di gratitudine e amore da parte di un principe del continente antico, grato che lei avesse liberato il suo regno dalla minaccia di un pericoloso serpente marino.
A lei era toccata una spada spuntata e storta che aveva dovuto nascondere nell’incavo di un albero per non farla scoprire a suo padre.
Gli elfi avevano forgiato per lei una meravigliosa armatura per ringraziarla di averli liberati da un incantesimo. E i nani avevano scavato per lei una reggia degna delle sue imprese.
A lei era toccata una città puzzolente come Ferrador.
Persino i draghi si inchinavano al suo passaggio, omaggiandola.
Non è giusto, si disse. Non è giusto.
Strinse l’elsa della spada fino a sbiancare le nocche.
Se ora Stanner fosse qui, si disse. O se ci fosse Abbylan o suo padre o uno qualsiasi dei figli di Chernin. Se chiunque fosse qui, gli farei capire che io sono Valya Keltel e che devono trattarmi come merito.
Sollevò la spada fino agli occhi e osservò il riflesso di una ragazzina dai capelli neri e mossi, il naso un po’ a punta e il viso rotondo.
Ti porterò via ciò che ami. Ciò a cui più tieni.
Cos’è che amo? Si chiese. E a cosa tengo di più?
Ma ti darò la gloria.
Potrei rimetterla nel baule e dimenticarmi di lei, pensò. Posso farlo stasera stessa, mentre nessuno è di guardia. Da domani tornerò a essere la Valya di sempre e magari quella che Olethe, suo padre e Abbylan si aspettano che sia.
Che quell’arrogante di Stanner crede.
Soppesò la spada nella mano prima di sistemarla di nuovo negli agganci dietro lo scudo.

Prossimo Capitolo Domenica 20 Dicembre

Ritorna all'indice


Capitolo 39
*** Mi hai dotto il nascio ***


Mi hai dotto il nascio
 
Davanti a Simm c’era un ragazzo sulla ventina, magro come un chiodo e una barbetta rada che gli velava il mento. La porta sgangherata alle sue spalle sembrava dovergli cascare addosso da un momento all’altro.
Simm gli rivolse un’occhiata in tralice. “Come sarebbe a dire che Tharavan non può ricevermi?” gli chiese, le dita che intrecciavano nervose il lembo della blusa che era fuoriuscito dai pantaloni.
In altri tempi l’avrebbe rimessa a posto, ma in quel momento era l’ultimo dei suoi pensieri.
Che vada agli inferi, avrebbe detto se ci avesse dedicato anche un solo pensiero.
La sua attenzione era però rivolta tutta al ragazzo che si frapponeva tra lui e la porta e, dietro di essa, al meritato sollievo.
“Non è che non può riceverti” disse il ragazzo con una punta di disprezzo. “Ma non vuole.”
Simm cercò di mantenere la calma. “Perché non vuole ricevermi? Il mio oro è buono e l’ho sempre pagato in anticipo.”
Il ragazzo fece spallucce. “A me non l’ha detto.”
“Allora lo dirà a me” disse Simm cercando di raggiungere la porta.
Il ragazzo si frappose. “Mi spiace, ma non puoi passare.”
“Voglio solo chiedergli una cosa.”
“Padron Tharavan non vuole riceverti.”
“Mi riceverà quando saprà che Simm Keltel è fuori dalla sua porta.”
“Mi spiace ma non…”
“Sentimi bene ragazzo” disse alzando la voce. “Ho bisogno di vedere il tuo dannato padrone, hai capito?”
Il ragazzo continuò a guardarlo impassibile. “Non posso farti passare. E se non te ne vai…”
“Cosa?” fece Simm avvicinandosi. “Che cosa mi succederà se non me ne vado?”
Il ragazzo si umettò le labbra. “Dovrò chiamare i ragazzi.”
Simm lo fissò interdetto. “I ragazzi?”
“I ragazzi di Morzor” rispose lui come se quel nome spiegasse tutto.
“E chi sarebbero?”
“Le guardie del corpo di padron Tharavan. Non puoi non averne sentito parlare se dici di conoscerlo così bene.”
Simm annuì serio. “Quindi se non me ne vado, tu vai a chiamarli?”
“Non vado a chiamarli” disse il ragazzo. “Basta che mi giri e che li chiami.”
Fece per voltarsi verso la porta e in quel momento Simm scattò verso di lui, gli afferrò il collo con la mano destra e il braccio con la sinistra, spingendolo contro il muro.
Il ragazzo sbatté con la faccia contro la pietra e Simm udì il rumore di qualcosa che si spezzava nel suo naso. Lui urlò mentre lo sbatteva un paio di volte prima di lasciarlo andare.
Il ragazzo si afflosciò come un panno vuoto e crollò boccheggiante, il sangue che gli colava dal naso e gli aveva imbrattato la tunica lisa.
“Mi hai dotto il nascio” piagnucolò. “Mi hai dotto il dannato nascio.”
Simm dominò l’istinto di mettersi a ridere davanti al ridicolo accento del ragazzo e gli afferrò il collo, stringendo.
Lui cercò di divincolarsi ma lui lo tenne stretto come un cane al guinzaglio.
“Una sola parola” sibilò tra i denti. “Un’altra, sola parola e ti spezzerò qualcosa più del naso.”
“Io…”
Simm serrò la presa sul collo affondando le dita nella carne. “Capito?”
“Shi” disse il ragazzo stringendo i denti.
“Ora ti lascio andare” disse con tono calmo. “Ma tu non devi gridare né chiedere aiuto. Se lo farai, ti ucciderò qui e adesso, hai capito?”
“Sci.”
Simm allentò la presa e il ragazzo riprese a respirare.
“Mi hai guasci usciso” si lamentò.
Simm andò verso la porta. “Aspetta qui e quando torno ti darò qualche moneta per farti rimettere a posto il naso.”
 
Tharavan era un ometto pelle e ossa che sedeva dietro un banco di legno annerito dal fumo delle candele, curvo su un grosso libro dalle pagine ingiallite. Nella mano reggeva una penna mentre con l’altra teneva ferma la pagina.
Simm marciò deciso nella stanza e si piazzò davanti al bancone.
Tharavan sollevò lo sguardo e trasse un profondo sospiro. “Immaginavo che saresti venuto.”
“Sei giorni” disse Simm trattenendo a stento la rabbia. “Sono sei giorni che i tuoi uomini non mi vendono il latte di Luna. Un giorno era finito, l’altro aspettavano di essere riforniti. Uno ha persino provato a rifilarmi una pozione per i calli. È stata dura non spezzargli entrambe le braccia.”
Tharavan si rilassò sulla sedia incrociando le dita sul petto. “Che vuoi qui, Simm Keltel?”
“Voglio il latte di Luna.”
“Non ne ho.”
“Stai mentendo” ringhiò Simm. “Ti ho tenuto d’occhio. I tuoi uomini continuano a venderlo a chi glielo chiede.”
Tharavan sospirò. “Forse mi devo spiegare meglio. Non ne ho per te.”
“Questo l’avevo già capito” disse Simm avanzando di un passo. “Se è una questione di prezzo possiamo metterci d’accordo.”
“Non è per soldi.”
“Ho sempre pagato in anticipo, lo sai.”
Tharavan annuì solenne. “Sei uno dei miei migliori clienti.”
Simm sentì crescere la rabbia. “Allora dimmi perché non puoi vendermi quella dannata pozione.”
“Posso solo dirti che le cose sono cambiate.”
Simm attese che proseguisse.
Tharavan assunse l’aria del maestro che dava una lezione all’allievo. “Non posso spiegarti e non penso che capiresti, ma…”
Simm scattò in avanti e si protese verso l’uomo, lo afferrò per il bavero della camicia e lo trascino sopra la scrivania di legno spargendo libri, penne e pergamene in giro.
Tharavan emise un singulto mentre veniva sbattuto a terra senza tanti complimenti. Simm gli passò il braccio attorno al collo e gli piantò il ginocchio nella schiena.
“Ora” iniziò a dire.
“Lascialo.”
Sulla porta erano apparse due figure. Una, la più imponente, reggeva una spada nella mano e l’altra un pugnale.
“Lascialo” disse il tizio imponente. “O saremo costretti a farti del male.”
Simm strinse il braccio attorno al collo di Tharavan. “Chi sono questi due?” gli chiese. “I tuoi cani da guardia?”
L’ometto gorgogliò qualcosa di incomprensibile.
“Digli di stare a cuccia o dovranno trovarsi un altro padrone.”
Altro gorgoglio.
“Diglielo” ringhiò Simm.
“Andate. Via” disse Tharavan.
Allentò la presa sul collo dell’uomo.
Tharavan trasse un profondo respiro.
I due uomini si ritirarono sparendo oltre la porta, ma Simm era sicuro che fossero dietro il battente dove non poteva vederli.
Devo fare in fretta, si disse.
“Ora mi dirai che sta succedendo.”
“Ascolta” fece Tharavan. “Io non so…”
Simm gli affondò il ginocchio nella schiena.
“D’accordo, d’accordo” urlò l’altro. “Ti dirò tutto. Tutto.”
“Avanti” lo esortò Simm appoggiando il peso sull’altra gamba.
“Circa dieci giorni fa sono venute delle persone a farmi visita.”
“Chi?”
“Non mi hanno detto il nome.”
“Che aspetto avevano?”
“Non erano di qui, ma indossavano i mantelli.”
“Vigilanti?” chiese Simm. L’ordine dava la caccia a quelli che producevano il Latte di Luna e a chi lo consumava.
Se sono sulle mie tracce, pensò con un brivido sommesso, sarà complicato liberarmene.
“No, no” disse Tharavan. “Se fossero stati Vigilanti a quest’ora io sarei appeso fuori dalle mura e tu in prigione.”
“Che cosa ti hanno detto?”
“Che dovevo smettere di venderti il Latte di Luna.”
“Perché?”
“Non gliel’ho chiesto.”
“Bugiardo” ringhiò Simm.
“È la verità, te lo giuro” piagnucolò Tharavan. “Mi dissero che se non avessi smesso, mi avrebbero dato fuoco sulla pubblica piazza. La strega dai capelli ramati non smetteva di sorridere mentre lo diceva, come se il solo pensiero le desse piacere.”
“Non hai notato altro?”
“No, te lo giuro.”
Simm fece peso col ginocchio sulla schiena dell’uomo strappandogli un lamento sommesso.
“Non so altro” gemette Tharavan.
Simm decise che ne aveva abbastanza e smise di schiacciarlo. Alzatosi in piedi andò alla credenza di legno che aveva notato in un angolo e la spalancò. All’interno c’erano boccette colme di liquidi dai colori diversi, dal blu al viola e anche una trasparente. Quando vide le due ampolle piene di liquido bianco le prese entrambe.
Le mostrò a Tharavan, poi dalla tasca della blusa pescò delle monete e le fece cadere a terra dove tintinnarono.
“L’ultima volta costava nove monete. Queste sono trenta” disse. “Per il disturbo che ti ho arrecato.”
Tharavan si puntellò sulle braccia. “Vattene” disse con voce roca. “E non farti rivedere ai più o dirò a Morzor e ai suoi ragazzi di farti ammazzare se ti vedono girare vicino ai miei empori.”
Simm rispose con un’alzata di spalle e si diresse all’uscita. La porta era socchiusa e una lama di luce che trapelava dalla fessura tagliava in due il muro alla sua destra.
La spalancò di botto con l’unico desiderio di concedersi una lunga sorsata di Latte di Luna. Avrebbe dovuto centellinarlo fino a che non avesse trovato un nuovo fornitore o a Tharavan non fosse passata l’arrabbiatura. E se non ci fosse riuscito, avrebbe trovato il modo di convincerlo a tornare sui suoi passi.
“È schtato lui” disse una voce biascicata. “Me l’ha dotto lui il nascio.”
Simm sollevò gli occhi e vide il ragazzo a cui aveva rotto il naso fissarlo con astio. Accanto a lui, sei uomini disposti a formare un ampio arco che chiudeva ogni via di fuga. Ognuno di essi era armato di un bastone o una mazza.
Simm fece per voltarsi ma udì alle sue spalle il rumore della porta che si chiudeva e la serratura che scattava due volte.
Tornò a guardare i sei, che adesso si erano mossi verso di lui.
“Volete davvero farlo?” domandò.
“Non puoi venire qui a fare quello che ti pare” disse uno dei sei, il viso cotto dal sole e una lunga barba che contrastava con la testa pelata lucida come uno specchiò.
Simm sospirò. “Tu devi essere Morzor” disse con tono rassegnato.
 I sei sembrarono esitare, come se aspettassero un ordine da parte del loro capo.
“Che aspettate?” chiese Simm con tono annoiato. “Non ho tutta la giornata.”
“Niente sangue” disse Morzor. “Solo qualche osso rotto. Padron Tharavan non vuole che gli uomini di Abbylan vengano a cercare qui il suo corpo.”
Simm sorrise.

Nota
E' di nuovo Natale e come sempre vi auguro di passare felici feste insieme ai vostri cari.
So che quest'anno sarà dura e che dovremo fare dei sacrifici ma ne verremo fuori :D

Proscimo Gapitolo Domeniga 27 Discembre :D

Ritorna all'indice


Capitolo 40
*** Ci servono quelle armi ***


Ci servono quelle armi
 
Morzor si piazzò davanti a lui, la barba ispida piena di pezzetti di carne e di pane. “Che osso vuoi che ti rompiamo per primo, zovaq?”
Due uomini scivolarono alle spalle di Simm.
“Mi lasci scegliere?” chiese per guadagnare tempo.
“Una cortesia perché sei un eroe famigerato” rispose l’uomo.
Simm annuì.
“Sai” continuò l’uomo. “Mio fratello era a Mashiba quando tu e gli altri demoni avete attaccato.”
“C’era parecchia gente nella fortezza” disse Simm.
“E voi lo sapevate.”
Annuì.
“E avete attaccato lo stesso” disse Morzor con tono d’accusa.
“È la guerra.”
“Quella gente si era nascosta nella fortezza perché non voleva combattere la vostra dannata guerra.”
“Erano nel posto sbagliato nel momento sbagliato.”
“Proprio come te adesso.”
Simm sorrise.
“Va’ bene, basta.” Morzor fece per alzare la mano con la quale reggeva la mazza dalla punta rivestita di ferro, ma Simm fu più veloce e gli sferrò una ginocchiata al petto.
Invece di indietreggiare si gettò sull’uomo e gli assestò un pugno alla mascella. I due alle sue spalle si gettarono sopra di lui e lo afferrarono per le ascelle, sollevandolo di peso.
Simm scalciò e protese la mano verso uno dei due, afferrandogli il braccio. Questi si divincolò sotto la sua presa ferrea.
“È forte” disse l’altro tempestandolo di pugni alla schiena.
Simm sentì appena il dolore. Strinse i denti e puntò i piedi e, facendo leva sulle gambe, si inclinò in avanti trascinandosi dietro quello che l’aveva colpito, che volò sopra la sua testa e atterrò con la schiena sul selciato.
Gli altri due che stavano assistendo alla scena si fecero avanti, ma esitarono quando videro che Simm aveva strappato la mazza dalle mani di Morzor.
“Io sono disposto a farmi rompere qualche osso” disse ansimando. “Ma voi siete disposti a farvene rompere altrettanti?”
I due esitarono scambiandosi una rapida occhiata.
Devono essere novellini alla loro prima vera rissa, pensò Simm. Morzor deve averli raccattati nei bassifondi per questo lavoretto e pensavano a un pestaggio facile, non a uno che avrebbe potuto fargli davvero male.
Morzor ne frattempo di era rialzato e aveva estratto un pugnale.
“Avevi detto niente sangue” disse Simm ironico.
“Ti apro in due, maledetto saqir.”
Simm fece roteare la mazza con la mano. “Non lo capisco il tuo dannato dialetto delle terre orientali, idiota.”
“Kash” gridò l’uomo scagliandosi contro di lui.
Nello stesso momento due mani gli afferrarono il collo e Simm avvertì il peso di un secondo uomo gravargli sulle spalle.
Invece di resistere si lasciò scivolare abbassandosi sulle ginocchia e poi, dal basso, colpì il suo assalitore a una delle rotule.
Lo schiocco delle ossa che si spezzavano risuonò nell’aria insieme al grido dell’uomo.
Morzor puntò il pugnale verso il basso, diretto alla gola di Simm, ma lui intercettò il fendente con il bastone e ruotando il polso rispose colpendo l’uomo al gomito.
Morzor esclamò per la sorpresa e il dolore e l’arma gli volò via, atterrando davanti ai piedi del ragazzo a cui aveva rotto il naso.
Lui guardò l’arma come se fosse un animale pericoloso che volesse attaccarlo.
“Prendilo” gli intimò Morzor.
Simm gli assestò un fendente dietro la schiena facendolo piegare in due, sollevò la gamba colpendolo al mento col ginocchio.
L’uomo roteò su sé stesso e crollò al suolo.
Il primo che aveva cercato di colpirlo gli arrivò di fianco e lo colpì con una mazza alla schiena.
Simm trattenne un grido di dolore mentre si spostava di lato per fronteggiare l’avversario. Questi lo incalzò con dei rapidi fendenti con la punta del bastone, che Simm evitò d’un soffio danzando sulle gambe.
Intercettò uno dei fendenti deviando di lato il colpo e poi affondò a sua volta, colpendo l’avversario al centro del petto. Questi esclamò per il dolore e indietreggiò di un paio di passi.
Simm fece roteare la mazza tra le mani.
“Che aspetti?” ringhiò l’uomo. “È per te che siamo venuti qui.”
Con la coda dell’occhio Simm vide il ragazzo col naso che ancora stillava sangue chinarsi e prendere il pugnale che era caduto a Morzor.
Non farlo, pensò. Non costringermi a…
Il ragazzo soppesò l’arma tra le mani, l’afferrò per la lama e gliela porse.
“Credo” disse con voce nasale. “Credo che queshto scia voshtro, scignore.”
Simm accettò il pugnale e rivolse un’occhiata a quelli rimasti in piedi. Morzor si era riavuto e ora lo fissava con sguardo truce mentre piegato in due boccheggiava, le labbra spaccate e coperte di sangue.
“Che i demoni ti portino sottoterra, maledetto” ringhiò.
Simm gli rivolse un’occhiata annoiata. “Ne avete abbastanza? Come ti ho detto non ho tutta la giornata.”
Morzor guardò gli altri. Uno dei suoi stava aiutando quello a cui Simm aveva spaccato il ginocchio.
L’uomo si reggeva in piedi a stento e si lamentava.
“Ci sono dei buoni guaritori in città” disse Simm quasi con tono di scusa. “Posso mettere una buona parola e coprire parte delle spese” si offrì.
“Vai agli inferi, muzak” disse Morzor. “Non finisce qui.”
“Ti posso concedere la rivincita quando vuoi” disse Simm. “Ma avvertimi perché sono piuttosto impegnato alla forgia reale.”
I cinque si ritirarono, mentre il ragazzo col naso rotto rimase in attesa.
“Come ti chiami?”
“Zaqem” disse.
Simm tirò fuori un sacchetto pieno di monete e glielo diede.
Il ragazzo lo accettò. “Queshto è per averti aiutato?”
Simm sorrise. “No. È per non essere stato così stupido da attaccarmi.”
Lanciò il coltello nel vicolo e abbandonò la mazza vicino al muro e si incamminò nella direzione da cui era arrivato.
Aveva fatto pochi passi oltre l’angolo che incrociava il vicolo con una strada più ampia quando tre figure l’affiancarono.
“Ve lo dicevo che non c’era bisogno del nostro intervento” disse una voce profonda dal tono divertito. “Sa ancora cavarsela da solo il mio vecchio amico.”
Simm avvertì il peso dei ricordi schiacciarlo udendo quelle parole.
Da quanto tempo, si disse.
Guardò alla sua sinistra, incontrando due occhi chiari e una bocca dalle labbra increspate sotto un cappuccio di cuoio.
“Yan” disse con voce roca.
Il dolore che lo tormentava alla spalla e alla schiena dove era stato colpito si attenuarono di fronte a quel viso.
L’uomo gli sorrise. “Simmon” disse con tono divertito. “Sono lieto di trovarti ancora in salute.”
Simm guardò di lato, incrociando lo sguardo di una ragazza che avanzava al suo fianco senza smettere di tenerlo d’occhio.
Anche senza voltarsi poteva intuire la presenza di una terza figura alle sue spalle. I passi erano leggeri ma decisi.
“Che vuoi?”
“Parlare” rispose l’altro.
“Non credo di averne voglia.”
“Quello che noi vogliamo, Simm” rispose l’uomo. “È irrilevante. C’è un posto tranquillo poco lontano da qui dove scambiare due chiacchiere e ricordare i bei vecchi tempi.”
I vecchi tempi non sono affatto belli per me, pensò Simm.
“Mi attendono alla forgia” disse prudente.
“Non ti ruberò molto tempo e Tannisk può cavarsela da solo per mezza giornata” disse l’uomo. “Ho davvero bisogno di parlare con te, Simm Keltel.”
Simm fissò negli occhi l’uomo. “Purché sia una cosa veloce.”
 
La piazza che scelsero era deserta a quell’ora, con il sole alto e il caldo umido portato dal vento insieme all’olezzo della città e ai miasmi che salivano dalle paludi a meridione.
Simm sedette su di una panchina di pietra sporca e scheggiata e l’altro uomo prese posto al suo fianco.
Le altre due figure si sistemarono ai due capi della piazza, in una posizione da cui potevano osservare sia loro che le uniche due strade che entravano e uscivano portando chissà dove.
Simm si rilassò un poco e cercò di concentrarsi su quello che stava dicendo l’altro.
“Sono davvero contento di rivederti, Simm” stava dicendo.
“Anche io, Yan.”
L’altro sorrise. “Non è vero.”
Simm notò che sotto la mantellina scura indossava anche il mantello color porpora. “Hai dei nuovi fregi a quanto vedo.”
Yan grugnì qualcosa. “Sono il simbolo del mio nuovo rango e della mia fedeltà e devozione alla casata di Belliron.”
“Stavolta sei tu che stai mentendo a me.”
“Dico sul serio, Simm. Non sono più la persona di una volta, di tanto tempo fa. Sono cambiato.” Sorrise. “Adesso ho anche dei figli. Due per la precisione.”
“Li avevi già quando ci conoscemmo.”
“È vero, ma non mi ero mai occupato davvero di loro. Pensavo fosse un bene che Taliana si prendesse cura di loro.”
“E ora non lo pensi più?”
“Non è della mia famiglia che voglio parlarti, Simm.”
Lo so perché sei qui, Yander, si disse Simm. E so cosa stai per dire. Sono anni che temo tu venga da me per questo e ora quel momento è giunto e io mi sono fatto trovare impreparato. Avrei dovuto avere con me una spada e mettere fine a tutto questo, come Wyll mi aveva consigliato di fare. Wyll. Se lui fosse qui, ora…
“Siete stati voi” disse per concentrarsi su qualcosa di diverso e meno doloroso.
Yander si accigliò.
“Avete minacciato voi Tharavan.”
“Continua” lo esortò l’altro.
“Non volevi incontrarmi a palazzo ma non sapevi quando e come sarei andato a comprare il Latte di Luna, così hai minacciato Tharavan intimandogli di tagliarmi i rifornimenti.”
Yander sorrise. “Facevi sempre un percorso diverso e per quanto abili, ti abbiamo sempre perso di vista quando arrivavi ai bassifondi.”
“Sapevi che sarei andato su tutte le furie e gli avrei fatto visita, quindi hai avvertito Morzor, che mi aspettava all’ingresso con i suoi leccapiedi.”
“Svelto di mente come al solito” disse Yander. “Volevo metterti alla prova, lo confesso. Non ero sicuro che fossi ancora capace di difenderti da solo, come una volta.”
“E loro chi sono?” chiese Simm indicando le due figure ai lati della piazza.
“Miei discepoli. Persone fidate che ho portato con me da Belliron.”
“È una scorta piccola per una persona importante come te.”
“Di questi tempi è difficile trovare qualcuno di cui fidarsi davvero” disse Yander con tono dispiaciuto. “Di loro due posso fidarmi” aggiunse fissandolo serio. “E di te?”
Simm sentiva la tensione crescere dentro di lui. Le ampolle di latte di Luna nella tasca sembravano bruciare e lui non vedeva l’ora di concedersi una bella sorsata, ma non voleva mostrarsi debole davanti a Yander.
“Che cosa vuoi?” gli chiese con tono perentorio.
Yander mise la mano nella tasca e ne trasse una pergamena. Aveva i sigilli in ceralacca strappati, ma poteva riconoscere il blasone della casata di Talmist. “È una lettera della regina, firmata da lei in persona.”
“Ha scritto a te?”
Yander annuì. “Mi autorizza a usare la fucina di Città della Forgia” disse.
Simm ebbe un tuffo al cuore sentendo pronunciare quella frase. “La fucina” disse con voce incerta. “È chiusa da anni. Da quando…”
“Ci fu quel disastroso crollo che sigillò ogni ingresso, lo so” disse Yander. “Anche se non ero presente, so tutto, Simm. So che tu e Halan siete stati gli ultimi a visitare quel posto e che ne siete venuti fuori. Due volte.”
“Non fu facile.”
“E che tu portasti con te alcune di quelle meravigliose spade” proseguì Yander come ignorandolo.
Le spade, pensò Simm. Dopo tanti anni non riesce a pensare ad altro.
“Perché tornaste indietro, Simm? Per distruggerle?”
“Quelle armi erano maledette” disse Simm. “Disfarmene fu la decisione migliore che abbia mai preso.”
“Non sono qui certo per rinfacciarti la tua avventatezza, ma se oggi avessimo quelle armi con noi, potremmo battere facilmente l’arcistregone e la sua maledetta orda” disse Yander alzando la voce. “Potremmo battere chiunque Simm. Chiunque si frapponga. Chiunque.”
Le sue mani gli strinsero la blusa. Persino da quella distanza poteva sentire la forza che emanava quel tocco. Era sicuro che se avesse voluto, Yander avrebbe potuto stritolargli un braccio come se niente fosse.
Come vorrei che tu fossi qui Wyll pensò Simm. Tu sapresti come trattare con questo folle. Sapresti rimettermi sulla strada giusta, non importa quanto potrei essermi perso nell’oscura foresta che sto per attraversare. O forse sono io il folle che penso davvero di potermi opporre?
“Ci servono quelle armi, Simm” proseguì Yander calmo. “E tu le forgerai per me. Per noi. Nella fucina di Città della Forgia. Questa lettera firmata dalla regina mi autorizza a scavare nelle gallerie crollate e a cercare una via per raggiungerla, non importa a quale costo. E tu dovrai venire con me, Simm.”
Che cosa mi accadrebbe se rifiutassi? Si domandò.
Ma conosceva già la risposta. Come chiunque avesse assaporato il potere e la maledizione che emanavano quelle armi, come prima di lui Aramil e Halan e Yander stesso, non avrebbe potuto dire di no a quell’unica possibilità che il destino gli stava concedendo.

Nota
L'anno sta volgendo al termine e io mi concedo una settimana di riposo per ricaricare e dedicarmi alla lettura.
Ci vediamo nel 2021!
Prossimo Capitolo Domenica 10 Gennaio

Ritorna all'indice


Capitolo 41
*** Non sei pronta ***


Non sei pronta
 
Trovò Rann alla forgia, intento a pulire una lama appena estratta dal forno, ancora bagnata dall’olio che usavano per raffreddarla.
Valya aveva visto tante volte suo padre creare quelle armi che avrebbe potuto insegnare al ragazzo come fare. Lui la guardò preoccupato.
“Perché quella espressione?” gli chiese sedendo sull’unico sgabello.
Rann scosse la testa. “Ogni volta che vieni qui per me sono guai. O pericoli.”
“Mio padre?”
Era importante che fossero da soli.
“Via come al solito. Negli ultimi giorni è stato quasi sempre via, per delle commissioni in città.”
Lo faceva anche a Cambolt, si disse Valya. Chissà che avrà mai da fare tutto il giorno?
“Bene” disse. “Vuol dire che possiamo parlare liberamente.”
“Senti” disse Rann. “Non voglio mettermi nei guai con padron Keltel.”
“Chi ti dice che ti metterai nei guai?”
Rann scrollò le spalle. “È una sensazione. Al villaggio Lubella diceva che alcuni riescono a sentire i guai prima che arrivino. È come una specie di potere. Forse ce l’ho anche io.”
“Tu sei solo molto forte.”
“Padron Keltel si arrabbia quando ne parlo con qualcuno.”
“Qui ci sono solo io. Il tuo segreto è al sicuro.”
“Non è un segreto.”
Valya si morse il labbro. “Rann. Mi serve il tuo aiuto.”
Lui scosse la testa. “No, no, no.”
“Siamo amici noi due.”
“Io sono l’assistente di padron Keltel e tu sei sua figlia. Ti debbo rispetto.”
“Siamo amici” insisté Valya. “E gli amici si fanno favori.”
Rann posò la spada sul bancone. “Sono sicuro che me ne pentirò.”
Anche io, pensò Valya.
Invece disse: “Lo sai che ci sarà un torneo di spade? Inizia dopodomani.”
Era la notizia del giorno a palazzo. Da parecchi giorni. Il torneo era un’idea di Zebith Abbylan.
“Servirà a tenere a bada i nuovi arrivati” aveva detto il comandante stando a quello che suo fratello Ferg gli aveva riferito. “In città la tensione sta crescendo. Ci sono già stati decine di accoltellamenti e risse tra quelli che si sono arruolati. E ogni giorno ne arrivano di nuovi.”
Lei e signor baffetto ne avevano parlato qualche giorno prima, quando lui le aveva comunicato che per un po’ non ci sarebbe stato il tempo di addestrarsi.
“Ho troppe cose da fare” aveva detto Ferg. “Devo organizzare le pattuglie, far montare i palchi, costruire i recinti.”
“Parlami del torneo” aveva detto Valya cercando di nascondere il suo interesse.
“Che vuoi sapere?”
“Ci partecipano molte persone?”
“Credo che più o meno avremo un migliaio di iscritti” aveva risposto Ferg. “E almeno trenta o quaranta volte tanto gli spettatori. Sarà una bella sfida farli stare tutti dentro la città per gli incontri, ma Zeb sembra convinto di poterci riuscire.”
“Ho sempre sognato di partecipare a un torneo” aveva detto Valya.
Ferg aveva ridacchiato. “Non è un granché, credimi. C’è un mucchio di gentaglia sudata, sporca e puzzolente. E poi ci sono ossa rotte, gambe tagliate. Una volta ho visto un omaccione piangere per ore perché il suo migliore amico aveva perso un occhio.” Scosse la testa come affranto. “Credimi, non è un posto adatto a una signorina bene educata come te.”
Valya aveva fatto roteare la spada nell’aria. “E invece per un’intrepida guerriera che non ha paura di rischiare le sue ossa?”
“L’intrepida guerriera non è pronta per un torneo e mai lo sarà. E se il suo valoroso mentore dovesse anche solo vederla mescolarsi ai guerrieri che parteciperanno, non ci penserebbe due volte a trascinarla via dall’arena e a rinchiuderla nella torre più alta del castello.”
“Idiota” aveva risposto Valya voltandogli le spalle. “Tu non hai alcuna fiducia in me.”
“Ho troppe cose di cui occuparmi adesso” aveva risposto Ferg. “Non darmi problemi anche tu o ne parlerò con Olethe. Anche se mi spaventa parlare con quella terribile donna, affronterò impavidamente il pericolo.”
“Scommetto che se fosse quel damerino di Lormist a partecipare, quel Zave, tu non avresti niente da ridire” aveva detto per provocarlo. “Visto che ne hai così tanta paura.”
“Si chiama Zane” l’aveva corretta lui. “E sì, un po’ lo temo, ma solo un poco. Ti ho detto che quelli come lui sono pericolosi e di un altro livello. Forse potrei impegnarlo per qualche minuto, ma finirebbe per avere la meglio in un duello leale.”
“Visto? Hai paura di lui.”
Ferg aveva scosso le spalle. “In ogni caso, Stanner non partecipa. Lui non si mischia con i volgari guerrieri. Ma sarà presente a qualche scontro. Hylana ha insistito, vuole che sia chiaro che i Lormist ora sono nostri amici e che ci aiuteranno nella guerra.”
“E tu invece?”
“Io cosa?”
“Ti mischierai agli altri volgari guerrieri che scenderanno nell’arena o hai troppa paura anche di loro?”
“Non ho bisogno di dimostrare niente, io” aveva risposto Ferg tradendo un tono orgoglioso.
“Vuoi dire che hai già partecipato ad altri tornei? Quando?”
“Non sono affari che ti riguardano. Ora, se non ti dispiace, ho altro da fare.”
Aveva lasciato la sala e Valya aveva iniziato a riflettere su quello che avrebbe fatto nei giorni seguenti.
“Lo so” disse Rann riportandola al presente. “E non mi interessa. I tornei sono stupidi.”
Valya si accigliò. “Mi sembra di sentire mio padre.”
Rann era arrossito.
“Ti ha detto lui così?”
Lui aveva scosso la testa.
“Ha parlato del torneo e ha detto che è stupido?”
“Padron Keltel dice che i tornei sono inutili e distraggono le persone dai problemi reali. Servono a farci dimenticare che forse stiamo perdendo la guerra.”
“Ti ha detto proprio così?”
“Sono le parole che ha usato?”
“Più o meno.”
“E tu sei d’accordo con lui?”
“Se padron Keltel lo dice, allora è vero. Credo.”
“Io non lo credo affatto” disse Valya. “Io credo invece che i tornei servano.”
“A cosa?”
“A dimostrare che ci sono guerrieri più forti degli altri. A conquistarsi la gloria, per chi se la merita. Pensa a quanti tornei devono aver vinto Margry Mallor o Bellir.”
“Ne hanno vinti tanti?”
“Non lo so” rispose Valya. Non aveva idea se avessero mai partecipato a un torneo, ma chi poteva dirlo con certezza? Si sapeva così poco di loro.
Ma io so quello che serve, pensò.
“Sono eroi, Rann. Tutti lo sanno. Non si diventa eroi senza compiere imprese eroiche. Come vincere un torneo di spade.”
“E allora?”
“Io voglio partecipare a quel torneo, Rann” disse Valya guardandolo dritto negli occhi.
Il ragazzo divenne pallido. “Io” esitò. “Io non conosco le regole del torneo, ma sono sicuro che una ragazza non può partecipare.”
“Non c’è nessuna regola che lo impedisca” disse Valya. “Ho letto il bando che hanno affisso agli angoli delle strade e non dice che le ragazze o le donne non possono partecipare. Solo non le menziona.”
“Non è la stessa cosa?”
“Se non è vietato dalle regole, allora è consentito, non trovi?”
Rann scosse la testa. “Padron Keltel non mi ha mai vietato di prendere i suoi strumenti” disse perplesso. “Ma sono sicuro che si arrabbierebbe moltissimo se lo facessi. Lui ci tiene così tanto e dopo averli usati li pulisce e li ripone con cura nelle loro custodie.”
“Lascia perdere per un attimo mio padre” disse Valya esasperata. “Ti sto dicendo che voglio partecipare a quel torneo.”
“Allora vai e iscriviti.”
“Il bando dice che i partecipanti devono presentarsi a una delle caserme cittadine, dove i soldati di guardia potrebbero riconoscermi.”
“E questo sarebbe un male?”
“Potrebbero riferire a Ferg che mi hanno vista” spiegò Valya. “E lui lo direbbe a mio padre e…”
“Lui si arrabbierebbe molto” concluse Rann.
“Esatto. Per questo non posso presentarmi di persona alla caserma.”
“Quindi…” fece Rann accigliato.
“Dovrai andarci tu.”
Il ragazzo la guardò stupito. “Ma io non sono te” esclamò.
“Fingerai.”
“E non voglio partecipare al torneo.”
“Quando sarà il momento, prenderò il tuo posto.”
“Ma se scendi nell’arena, ti riconosceranno. E anche se non ti riconoscessero, si accorgerebbero che sei una ragazza e…”
Valya gli fece cenno di fermarsi. “Ho pensato io a tutto, Rann. Tu devi solo iscrivermi al torneo con un nome falso e io mi presenterò agli incontri usando quel nome. È facile.”
“Ed è pericoloso.”
Anche io posso esserlo, pensò Valya. Con la spada giusta e qualche piccolo accorgimento.
“Ma saresti ancora una ragazza.”
Valya sorrise. “Non con un’armatura indosso. Sapresti dire se c’è un uomo o una donna sotto una celata? Rispondi sinceramente.”
“No, ma…”
“Visto? Ho ragione io.”
“Dove trovi un’armatura della tua taglia?” chiese Rann. “No, no, no” aggiunse subito. “Non puoi. Non te lo posso permettere.”
“Invece sì.”
“Padron Keltel mi ucciderebbe se lo scoprisse.”
“Non lo verrà mai a sapere.”
“Ti prego.”
“Hai forgiato il resto dell’armatura?”
Rann si voltò dall’altra parte.
“Lo prendo come un sì.”
“Non voglio essere responsabile se ti farai male” disse Rann.
“Non mi farò niente se la tua corazza è davvero valida come dici” disse Valya sicura. “Non sei curioso anche tu di dimostrare il tuo valore? Se vincessi il torneo con la tua armatura addosso, diventeresti il fabbro più famoso di Ferrador. E di tutto il regno, forse.”
“No, no, no” disse Rann. “Non dovrai dire a nessuno della mia armatura. Padron Keltel mi ucciderebbe.”
“Lascia perdere mio padre” disse Valya. “Lui è sempre occupato a fare altro. Posso contare su di te, Rann?”
“Se mi rifiutassi di aiutarti, che cosa faresti?”
Valya ci aveva pensato senza trovare risposte valide.
“Troverei il modo di partecipare lo stesso” disse. “E senza il tuo aiuto e la tua armatura probabilmente mi farò molto male.”
Rann sospirò affranto. “Domani mattina presto andrò alla caserma per l’iscrizione.”
Valya gli sorrise. “Tornerò per l’armatura” disse prima di andarsene.
Appena nella piazza dell’armeria, dovette dominarsi a stento per non mettersi a correre. L’aria stessa le sembrava più profumata ora che le cose stavano andando come lei aveva stabilito.
Era arrivata all’ingresso quando Olethe sembrò sbucare dal nulla e le sbarrò il passo. “È mezza giornata che ti cerco” disse con tono di rimprovero.
“Chiedo scusa” disse subito Valya contrita. “Ero andata a trovare mio padre alla forgia.”
Olethe fece una smorfia. “Non importa. Ora sei qui e devi venire con me. Abbiamo poco tempo per prepararci.”
Valya la fissò perplessa.
“La governatrice ha organizzato una riunione di tutti i nobili e le persone importanti di Ferrador per celebrare l’arrivo dei nostri nuovi alleati.”
“Una celebrazione?”
“Una festa con musica e danze” spiegò la donna.
“È molto bello” mentì. Non le interessava affatto una celebrazione. “Ma io che cosa c’entro?” Voleva tornare in fretta al castello per allenarsi.
“Tu” disse Olethe trascinandola per il braccio. “Sei stata ufficialmente invitata dalla governatrice in persona come sua protetta. E io dovrò renderti presentabile.”

Note
Buon 2021 a tutti!
Dunque... dove eravamo rimasti? :D
Passato buone vacanze? Sì? Bene, rimettiamoci in marcia allora!
Prossimo Capitolo Domenica 17 Gennaio

 

Ritorna all'indice


Capitolo 42
*** Sei fortunata ***


Sei fortunata
 
“Io” disse Valya. “Mi sento oltraggiata.” Voleva usare un termine più volgare, ma Olethe li aveva vietati e lei si era sforzata di usare uno di quelli che le aveva insegnato.
Olethe le rivolse un’occhiata da capo a piedi. “Siamo solo all’inizio e abbiamo tanto lavoro da fare e poco tempo per portarlo a termine.”
Valya stentava a riconoscersi riflessa nello specchio. Davanti a sé aveva una sciocca ragazzina dalle guance colorate di rosa e i capelli tenuti legati da rotolini d’osso che Izora aveva impiegato mezza giornata per sistemarli.
La cosa peggiore era il vestito color bianco con risvolti rosa tenue, una blusa con gonna che la faceva sembrare una delle matrone che a Cambolt a volte vedeva passeggiare per strada incuranti del fango che le macchiava l’orlo del vestito.
Valya era stata tentata più volte di fare lo sgambetto a una di quelle odiose donne e farle carambolare nel fango. Si immaginava ridere di quelle sciocche donne mentre cercavano di rialzarsi e inseguirla, mentre lei si dileguava con agilità dopo averle derise un’ultima volta.
Ora saranno le altre persone a ridere di me, pensò. Con questa roba addosso mi prenderanno tutti in giro.
Izora non smetteva di ravvivarle i capelli con una spazzola e a volta con un pettine dai denti larghi. All’inizio le aveva fatto male e si era lamentata, temendo che volesse strapparle i capelli dalla radice, ma dopo alcune decine di colpi di spazzola il dolore era scomparso.
Carlytte, la nuova ancella che aveva sostituito quella precedente, invece le aveva sistemato il vestito usando ago e filo. Valya temeva che le facesse male ma la ragazza non l’aveva nemmeno sfiorata.
“Tranquilla” aveva detto, forse notando la sua apprensione. “Non ti pungerò.”
“Vorrei ben vedere” aveva detto Olethe. “Anche una sola goccia di sangue rovinerebbe il vestito e saremmo costrette a ricominciare tutto da capo.”
Forse potrei ferirmi di proposito, pensò Valya. Basterebbe spostarmi un po’ mentre Carlytte infila l’ago nel risvolto della casacca. Sarebbe doloroso ma ne varrebbe la pena.
Olethe le aveva rivolto un’occhiata soddisfatta. “Direi che adesso è adeguato. Non perfetto ma nemmeno un disastro.”
“Grazie” disse Valya imbronciata. “Posso andare ora?”
“Sì, ma non dimenticare che domani dobbiamo provare le scarpe” disse la donna. “E faremo qualcosa per quelle mani.”
“Cos’hanno le mie mani?”
“Le tue unghie sono sporche e scheggiate” disse Olethe con disappunto. “E quegli odiosi calli? Sembra quasi che tu te li sia fatti venire apposta.”
Sì, pensò Valya. E mi sono costati giorni di sofferenze per le vesciche.
“Mia madre usava una pozione per ammorbidirli” disse Carlytte.
Olethe storse la bocca. “Non c’è tempo. Penserò io a una soluzione di ripiego.” Sospirò. “Adesso è tardi. Fatela rivestire e riponete l’abito nella sua custodia” ordinò alle ancelle. “Più tardi passerò a controllare che ogni cosa sia al suo posto.”
Quando la donna ebbe lasciato la stanza, tutte sembrarono rilassarsi.
Valya si lasciò spogliare con pazienza e poi indossò gli abiti consueti che aveva portato tutto il giorno. Izora iniziò a scioglierle i rotoli dai capelli mentre lei sedeva rivolta allo specchio.
“Sono molto belli” disse la ragazza con un accento nasale.
Valya la guardò perplessa.
“I tuoi capelli” aggiunse la ragazza come se avesse faticato a trovare le parole. “Da noi dobbiamo lavorare molto per averli così.”
Valya non le aveva mai chiesto da dove venisse, anche se Carlytte una volta aveva accennato a qualche isola tra il grande continente e quello antico.
Decise di chiederglielo. “Tu non sei di Talmist, vero?”
Izora annuì. “La mia casa è lontana da qui. Da quello che voi chiamate continente grande.”
“Dove si trova?”
“Da qualche parte, in una delle tante isole nel mare di mezzo.”
“Non ho mai visto il mare.”
Izora sorrise. “Ti piacerebbe, mizvai. Quando abitavo a Bal Huda vedevo il mare dalla mia stanza.”
Valya cercò di immaginare il mare. “Se era così bello stare lì perché sei andata via?”
“L’isola è piccola” disse Izora triste. “Non c’è da mangiare per tutti e il mare non è stato generoso nelle ultime stagioni, così gli anziani hanno deciso che un giovane su tre doveva andare via. È toccato a me.”
“Mi spiace.”
Izora trasse un profondo respiro. “Non è così brutto, quando decidi che il mondo è la tua casa, non una piccola isola sperduta in mezzo al mare. Cominci a pensare il mondo in maniera diversa.”
“Anche io ho lasciato il mio villaggio per venire qui” disse Valya. “Ma sono stata contenta di andare via. Cambolt è brutta e piccola, anche se puzza molto di meno rispetto a Ferrador.”
Izora sorrise. “Sì, l’odore è terribile.”
“Quale odore?” chiese Carlytte.
Valya non riuscì a capire se dicesse sul serio o stesse scherzando.
O forse ci prende in giro, pensò. Perché veniamo da fuori città.
“Tu sei di qui?” chiese Valya.
“Nata e cresciuta a Ferrador” disse la ragazza con orgoglio. Stava ripiegando il vestito con cura, stando attenta che non si formassero delle pieghe. “Sono sempre stata qui e rimarrò qui. Non ho intenzione di andare via.”
“Non vuoi vedere il mondo oltre le mura?” le domandò Valya.
“Cosa c’è di così interessante lì fuori?” chiese la ragazza con una smorfia. “Qui ho tutto. Un tetto. Da mangiare e da bere. Sto persino mettendo da parte qualche moneta. Certo devo sopportare la puzza e maestra Olethe, ma una volta che ti abitui…”
“Io non voglio stare qui” disse Valya decisa. “Presto andrò via.”
“Dove vorresti andare, mizvai?” le chiese Izora.
“Non lo so. Fuori.”
“C’è la guerra.”
“Io non ho paura” disse con orgoglio.
“Vuoi combattere?”
“Sì, se mi daranno l’occasione.”
Carlytte rise. “Non accettano ragazzine nell’armata di Talmist. Forse, se tu avessi il mantello, ti darebbero una possibilità, ma non mi sembra che tu ne indossi uno.”
“Non serve un mantello per combattere” disse Valya. “Bastano un’armatura e la spada giusta.”
“Io non ti capisco” disse la ragazza sedendo sul bordo del letto. “Qui hai tutto e sei la protetta della governatrice. Lei ti troverà un buon marito e farai la bella vita.”
“Io non voglio che mi trovino un marito” protestò.
A Margry Mallor nessuno trovò un marito, si disse. Scelse il Principe della Collina come compagno di una vita dopo averlo salvato in battaglia.
Carlytte sollevò un sopracciglio. “Non ti rendi conto di quanto sei fortunata” disse alzandosi. “E di quanto sei sciocca. Se avessi la tua fortuna ne approfitterei.”
“Io non finirò a fare la serva” disse.
“Mi credi indegna?” chiese la ragazza.
Valya arrossì. “No.”
“Ma?”
Sospirò. “Non puoi capire.”
“Certo” disse Carlytte. “Se non combatti sei inutile. È così?”
“Non volevo dire questo.”
La ragazza prese il vestito e si diresse alla porta. “Ti auguro di trovare la tua strada, ma credo che non andrai molto lontana.”
Quando la porta si fu chiusa, Valya emise un respiro. “Più tardi le dovrò chiedere scusa. Anche se non so perché si sia offesa così tanto.”
Izora ridacchiò.
“Sai qualcosa che io ignoro?”
La ragazza annuì solenne. “Carlytte è innamorata.”
“Sul serio?”
“Di un nobile cavaliere. Un comandante.”
“Chi?”
“Mi ucciderebbe se te lo dicessi.”
“Manterrò il segreto, lo giuro” disse mettendosi la mano sul petto.
Izora sospirò. “Deve restare tra di noi o saranno guai. Carlytte è vendicativa.”
“Ho già promesso.”
“Il suo nome è Ferg.”
“Il signor Baffetto?” fece Valya stupita. “Lui e Carlytte sono…”
Izora scosse la testa. “Per ora sono solo alle parole” disse. “O agli sguardi. Secondo Carlytte, che non ne parla molto e spesso, lui è piuttosto galante e riservato e non vuole che si venga a sapere in giro.”
Valya si accigliò.
“Che c’è di strano?”
“Il signor baffetto, voglio dire il comandante Abbylan, è piuttosto anziano e Carlytte è giovane.”
“Sarebbe comunque un buon marito per lei. E Carlytte non è così giovane.”
“Lui non me ne ha mai parlato” disse delusa.
“Non si parla di certe cose con la tua allieva” disse Izora.
“Quando lo vedrò glielo chiederò.”
“No” esclamò Izora. “Carlytte lo verrebbe a sapere e se la prenderebbe con me. E la signora Olethe mi punirebbe se venisse a sapere che ho detto certe cose sul comandante Abbylan.”
“Allora manterrò il segreto” promise Valya.
Izora sorrise. “Domani finiremo con i tuoi capelli. Tieni ancora i rotoli per stanotte.”
“Non riuscirò a dormire con questi affari in testa” si lamentò.
“Cambierai idea quando vedrai il risultato.” La ragazza assunse un’aria sognante. “Sei la protetta della governatrice. Non ti rendi conto di quanto sei fortunata.”
“A me non sembra una gran cosa.”
In verità pensava fosse una seccatura. Olethe non la perdeva mai di vista e la costringeva a fare cose che non voleva solo per non scontentarla.
Ricordò che aveva accettato tutto quello solo per non far fare una brutta figura a suo padre e non costringerlo ad andare via per colpa sua, ma iniziava a pentirsene, considerando che Simm Keltel si era dimenticato di lei e passava quasi tutto il suo tempo nella forgia.
“Non è possibile” esclamò Izora sorpresa. “È un grande onore venire invitati a una celebrazione ufficiale. Saida, che lavora presso l’erudito di palazzo ha visto la lista degli invitati e secondo lei ci saranno tutte le persone più importanti della città.”
“Credevo che tutte le persone importanti vivessero in questo castello.”
“Anche io lo credevo la prima volta che sono arrivata” ammise lei. “Ma poi ho scoperto che molti vivono nei quartieri più eleganti, quelli sulla collina per esempio. Molti sono mercanti ma alcuni anche nobili. C’è persino un cugino della regina e sarà presente anche lui.”
“Ci saranno anche dei guerrieri?”
“Non lo so, ma credo di sì. Sei interessata a uno in particolare?”
“No” disse subito. “Nessuno.”
Izora sorrise. “Puoi dirmelo.”
Come Carlytte ha fatto prima di me? Si chiese Valya.
“Non c’è nessuno” disse. “A chi potrebbe importare della figlia del fabbro?”

Prossimo Capitolo Domenica 24 Gennaio

Ritorna all'indice


Capitolo 43
*** La mia via ***


La mia via
 
“Devi andare” stava dicendo Demia, il solito tono grave come se da quella decisione dipendessero le loro vite.
E forse è così, pensò Zane. allora perché non me ne importa niente?
“Andrai tu” disse tagliando corto. “Ho altre cose a cui pensare.”
Demia indicò la stanza con un gesto della mano. Era grande, con un’ampia finestra protetta da tende color crema che dava sulla città. Un’ancella veniva a pulire e riassettare due volte al giorno, scusandosi se si trovava nella stanza e scusandosi una seconda volta quando se ne andava.
Di solito Zane la ignorava e continuava a leggere o scrivere lettere. Ne aveva già firmate sette da quando era a Ferrador.
“Dovrei impugnare la spada e usarla per eliminare un po’ di rinnegati” si era lamentato con Demia. “E invece sono costretto a stare qui a scrivere missive a comandanti che forse non vedrò mai.”
“La penna può essere efficace quanto una spada” aveva risposto Demia.
“Questa sciocchezza dove l’hai sentita?”
“È un modo di dire” aveva risposto la donna. “Quelle lettere sono importanti. Lormist ha alleati in questa parte del continente. Nobili fedeli alla corona che saranno felici di unirsi alla lotta sapendo che noi siamo dalla loro parte.”
“Se nemmeno la loro regina è stata capace di convincerli a scendere in guerra, come potrei riuscirci io?”
“Con la tua firma. Il tuo nome. Stanner.”
Zane sbuffò.
“Tutti sanno chi è tuo padre. Che cosa ha fatto. Che tipo di persona è.”
“È un grande guerriero. Un eroe. Ho già sentito questa storia. Molte volte.”
Anche troppe, si disse.
“È molto più di questo. Se fa una promessa la mantiene. Tutti lo sanno e lo rispettano per questo.”
“Come quando ha restituito la corona al nostro re?”
“Poteva essere re lui” aveva detto Demia. “Ma scelse di seguire la legge. La via degli antenati. È scritto anche nel nostro inno.”
Zane aveva fatto roteare gli occhi. “Smettila ora. Sei meno patriota di me.”
“Non posso andare io” disse Demia. “Sei tu il comandante. Vorranno parlare con te, farti delle domande, venire rassicurati sul fatto che arriveranno altre armate e molto più grandi.”
“Allora dovranno aspettare mio padre” disse Zane sedendo sul bordo del letto.
Era morbido e le coperte profumate. Un gran miglioramento rispetto alla caserma sperduta nei territori meridionali dove era rimasto per sei Lune a completare il suo apprendistato.
Quel posto gli mancava e il pensiero che tutti quelli che gli erano fedeli fossero morti per colpa dei rinnegati, lo faceva fremere. Desiderava più di ogni altra cosa tornare sul campo di battaglia per vendicare quelle vite e invece doveva stare lì a perdersi in chiacchiere e danze frivole.
Come può essere venuto in mente alla governatrice di organizzare una festa? Si chiese. Un ballo per giunta. Come in quegli stupidi romanzi d’avventura che tanto piacevano a Dian.
Demia lo guardò con espressione di rimprovero. “Non possiamo aspettare tuo padre. La guerra non attende. Le armate del rinnegato si stanno muovendo. Secondo le ultime notizie, gli esploratori li hanno avvistati ai confini. Stanno risalendo il Fiume Nero diretti a Charis e la città è praticamente indifesa. C’è solo la milizia cittadina e una trentina di stregoni, quasi tutti anziani o giovani novizi.”
“Charis è persa” disse Zane. “Concentriamoci su altro. Talmist e Ferrador, per iniziare. E Città della Forgia, anche se è troppo a nord.”
“Charis non deve cadere” disse Demia. “Da lì passa metà dei commerci di Talmist via mare. Se la città cade l’intero regno resterà senza denaro per pagare i soldati.”
Zane scosse la testa. “Dimenticavo le assurde usanze di Talmist. Qui nessuno è obbligato a prestare servizio per la patria. Non come da noi.”
Demia scrollò le spalle. “Decenni fa hanno deciso di dedicarsi ai commerci invece che alla guerra. Li puoi biasimare se sono pacifici?”
“Sono deboli” disse Zane alzandosi di scatto. “Stando qui non ho incontrato un solo guerriero o stregone degno di questo nome. I loro mantelli camminano a testa bassa tra la folla, li ho visti bene. Se qualcuno osasse guardare storto uno stregone di Lormist, riceverebbe venti scudisciate sulla pubblica piazza. E dovrebbe anche ringraziare per la nostra magnanimità.”
“Non ti chiedo di abbracciare il loro modo di vivere o di comportarti come loro, ma solo di essere presente al ballo come comandante di Lormist. È importante che tu ci sia.”
Zane sbuffò. “Ho ancora quel vestito da parata? Ora potrebbe tornarmi utile.”
Demia si concesse un leggero sorriso. “Alder verrà con te.”
“E tu?”
“Qualcuno deve restare con le truppe o si sentiranno autorizzati a fare ciò che vogliono.”
“Visto? Le usanze di qui li stanno già contaminando” disse con tono scherzoso.
 
La sala scelta per la celebrazione era la più ampia del castello e anche così stentava a contenere gli invitati. Al centro era stato ricavato uno spazio per le coppie che intendevano danzare mentre sui lati lungi erano disposti lunghi tavoli coperti di tovaglie bianche ricamate d’oro. Al centro erano allineati vassoi pieni di pietanze appena cucinate, cacciagione, torte e persino del pesce.
Come avranno fatto a procurarselo con il mare così lontano? Si era chiesto Zane guardando i vassoi senza entusiasmo. Di sicuro non sarà molto fresco.
Alder al contrario di lui che non aveva molta fame prese un piatto e lo fece riempire da un valletto con una generosa fetta di torta.
“È al limone” disse assaggiandola con un cucchiaio. “È molto buona. Meglio dello schifo che ci danno al campo di sicuro.”
“Quello schifo viene dai granai di Lormist” rispose Zane infastidito. Il cibo che si erano portati dietro non era buono e fresco come quello, ma era il loro cibo.
“Stai diventando come tuo padre” rispose Alder puntandogli contro il cucchiaio. “Mi sembra quasi di sentirlo.”
Zane sospirò. “Tu lo hai servito come aiutante di campo, dovresti conoscerlo bene.”
“Sono stato suo aiutante solo due volte e sono contento che sia finita” disse l’uomo. “Tuo padre è molto esigente con i suoi sottoposti.”
“Però tutti lo amano.”
“Certo. È impossibile non amare Aramil il Triste.”
“Quindi dovrei essere anche io più esigente? Forse dovrei costringerti a lucidarmi gli stivali ogni mattina?”
“Tuo padre non me l’ha mai ordinato, ma se lo avesse fatto, sarei stato più che lieto di pulirgli tutta l’armatura ogni mattina fino a farla risplendere.”
“Non capirò mai tutta questa devozione verso di lui. È soltanto un uomo.”
“Dici così solo perché sei suo figlio. Ti senti in dovere di competere con lui.”
Zane sentì il nervosismo crescere dentro di lui. “Forse perché non sarò mai alla sua altezza? È questo che vuoi dire?”
“Sto solo dicendo che tu non sei lui” disse Alder ingoiando l’ultimo pezzo di torta. “E mai lo sarai. Devi trovare la tua via.”
Zane sorrise. “Se potessi seguire la mia via non sarei qui, ma a combattere l’orda del rinnegato.”
“Presto ti verrà concessa anche questa occasione.”
Io non voglio che mi sia concessa, pensò Zane.
Alder indicò un gruppo di persona tra i quali conosceva solo la governatrice Abrekir. La donna indossava un abito color giallo limone con ricami in oro rosso e giallo. Quando li vide fece loro cenno di avvicinarsi.
Zane decise di seguire il consiglio di Demia e la raggiunse.
“Io vi saluto” disse con tono cortese. Rivolse un leggero inchino all’uomo con il quale la governatrice stava parlando. Era alto e magro e aveva un’espressione sofferente sul viso come se non fosse affatto felice di trovarsi lì.
“Così” disse l’uomo storcendo la bocca. “Tu saresti il figlio di Aramil Stanner. Ho sentito parlare di te.”
Zane sentì crescere la tensione. “Vorrei poter dire lo stesso di te.”
Alder tossì.
“Ti presento Jabbar Faidi” disse Hylana. “Governatore della città libera di Borlimar.”
“Onorato” disse Faidi.
“Altrettanto” rispose Zane composto. “Hai fatto un lungo viaggio per essere qui oggi.”
“Avevo già programmato questo viaggio Lune fa” disse Faidi. “Ben prima che il rinnegato e la sua cricca attaccassero la parte orientale del continente.”
“Ora che sei qui, immagino che vi unirete alla guerra” disse Zane.
Faidi fece una smorfia. “Noi di Borlimar siamo gente pacifica.”
Zane sorrise. “Come gli abitanti di Onin e Carcalon?”
Alder tossì di nuovo e più forte di prima.
La smorfia di Faidi si allargò. “Non esattamente. Noi non siamo così pacifici da farci massacrare dai nostri vicini coi quali abbiamo firmato un trattato di pace.”
“Onin e Carcalon esisterebbero ancora se non avessero cercato di espandersi verso le nostre terre” disse Zane.
“Le rivendicazioni delle due città erano legittime. Volevano solo due corridoi per proseguire i loro commerci, senza i quali voi li avreste strangolati potandoli alla fame.”
“Non è stata colpa nostra se…”
“Per favore” disse Hylana. “Non siamo qui per discutere di questo.”
Zane serrò le labbra.
“Il nobile Faidi è disposto a finanziare un’armata” spiegò la governatrice.
“Abbiamo già preso contatto con un comandante” disse Faidi.
Zane si accigliò.
“Un certo Falgan. È un uomo dai modi rozzi, ma ho sentito dire che è affidabile.”
“Mai sentito prima” disse Zane. “Ma se lo dici tu, sarà vero.”
Faidi si accigliò. “Una volta riunita, la nostra armata conterà su almeno ventimila lance. Molto più di quelle che hai portato tu.”
“Le lance non vi basteranno contro gli incantesimi del rinnegato” disse Zane. “Se non porterete almeno duecento mantelli con voi, anche una piccola forza potrà soverchiarvi sul campo di battaglia.”
“La nostra armata si comporterà bene” disse Faidi.
“Vedremo” rispose Zane per avere l’ultima parola.
L’uomo di Borlimar rivolse un inchino a Hylana. “Col tuo permesso.”
Quando si fu allontanato, la governatrice disse: “Anche io lo sopporto a stento e farei a meno della sua armata, ma ci serve tutto l’aiuto possibile.”
“Mercenari” disse Zane scuotendo la testa.
“So come la pensate a Lormist, ma in questa parte del continente ci siamo sempre affidati a soldati di professione.”
“E guarda come è finita? Il rinnegato ha avuto vita facile” disse Zane con tono di rimprovero. “Gli è bastato corrompere i mercenari che gli avete inviato contro perché passassero dalla sua parte.”
Hylana deglutì a vuoto. “Non li ha corrotti” disse con voce roca. “Hanno scelto di combattere per il rinnegato. Lo so da fonti sicure.”
“Allora sono rinnegati anche loro e condivideranno il destino dell’arcistregone.”
“Noi tutti ci auguriamo che vada proprio così” disse Hylana.
“Forse invece di augurarvelo solo, dovreste iniziare a fare qualcosa per farlo accadere” sbottò Zane.
Alder fece un altro colpo di tosse.
Lui gli rivolse un’occhiataccia. “Hai preso freddo? Forse dovresti ritirarti nella tua stanza, al caldo.”
L’uomo raddrizzò la schiena. “Col vostro permesso.”
Hylana lo congedò con un gesto vago della mano. “Stiamo facendo tutto ciò che è in nostro potere, ma non è semplice mettere in piedi un esercito.”
“Noi abbiamo portato qui cinquemila lance in una Luna” disse Zane. “E voi ancora faticate a trovarne mille. Dove sono le armi promesse?”
“I nostri fabbri lavorano senza sosta” disse la governatrice. “Presto avremo quelle spade.”
“Me lo auguro, perché noi non resteremo qui a lungo. Ho intenzione di procedere verso i confini non appena ne avrò l’occasione.”
“Dobbiamo marciare insieme” disse la donna.
“Solo se farete presto” insisté Zane. “Ora, col tuo permesso vorrei ritirarmi.”
“La festa non è di tuo gradimento?”
“Ho dormito poco negli ultimi giorni e devo ancora recuperare le forze spese nel viaggio fin qui.”
“Allora non ti trattengo oltre. Domani sarai almeno presente all’apertura del torneo? La tua presenza sarebbe importante.”
“Ci penserò” rispose prima di voltarsi e lasciarla sola.
Zane marciò verso l’uscita della sala, deciso a tornare alla sua stanza per prendere il poco che aveva portato con sé e tornare al campo. Ne aveva abbastanza di quel posto e dei modi irresoluti di quella gente. Se non avevano intenzione di combattere, se erano troppo vigliacchi o disorganizzati, non avrebbe permesso che macchiassero anche la sua reputazione.
Marcerò da solo, si disse. L’arcistregone e la sua orda di rinnegati non potranno mai reggere l’urto di una vera armata.
Nella foga di raggiungere l’uscita notò con la coda dell’occhio la figura che gli si era parata davanti un attimo prima di colpirla. La evitò sfiorandola sul fianco e quasi inciampò quando mise un piede in fallo.
Voltandosi, il suo sguardo incontrò quello di una ragazza alta almeno mezza testa meno di lui che indossava un abito color azzurro e crema, con ricami dorati. I capelli neri appena mossi le scendevano lungo la schiena tenuti legati da due fiocchi color rosso fuoco.
“Chiedo scusa” disse con voce sommessa prima che il suo sguardo incrociasse il suo e due occhi di un nero profondo lo fissassero con un misto di imbarazzo e perplessità.
Lei si limitò ad annuire e gli voltò le spalle.
Zane stava per riprendere la strada per l’uscita quando un pensiero lo colpì. Tornò indietro sui suoi passi e raggiunse la ragazza. “Io ti conosco” disse superandola.
Lei abbassò gli occhi e proseguì dritta.
“Io ti conosco” esclamò. “Ti ho già vista prima di oggi. Nel cortile” disse con voce roca. “Ti ho quasi travolta qualche giorno fa. Tu sei Valya?”

Prossimo Capitolo Domenica 31 Gennaio

Ritorna all'indice


Capitolo 44
*** Il ballo ***


Il ballo
 
Olethe la scortò fin quasi alla sala del ballo prima di lasciarla sola.
“Tu non vieni?” le chiese con un filo di voce.
“Io non sono stata invitata, ragazzina” rispose la donna sistemandole il grosso fiocco di colore rosso per l’ennesima volta. “Sei un vero disastro. Sarà un miracolo se non ci farai fare una pessima figura.”
Valya guardò verso il corridoio. “Posso sempre rinunciare e tornare indietro” disse speranzosa.
“Non se ne parla” esclamò Olethe indignata. “La signora governatrice non me lo perdonerebbe mai. Ti ha affidata a me perché ti rendessi presentabile per momenti come questi.”
“Perché la governatrice vuole che sia presentabile?”
“A me non l’ha detto di certo” rispose lei. “Anche se…”
“Cosa?”
“Niente. Adesso vai e non farti attendere oltre. Appena nella sala vai dalla governatrice e porgile i tuoi omaggi come ti ho detto di fare.”
Valya annuì. “Devo inchinarmi prima o dopo?”
“Sia prima che dopo” rispose la donna. “E tieni lo sguardo basso. Non devi fissarla negli occhi. Non fissare nessuno, specie con aria di sfida. Metà delle persone in quella sala si irrita facilmente.”
Un uomo dall’aria impettita passò davanti a loro degnandole di uno sguardo distratto per proseguire oltre. Indossava un lungo abito colorato che gli scendeva fino alle caviglie e sfiorava il pavimento. In testa aveva una calotta dorata che rifletteva la luce delle lampade.
“Chi è quello?” Chiese Valya. “È vestito in maniera ridicola.”
“Visto? Ecco cosa temo di più. Tieni questi commenti per te.”
“Non glielo avrei detto di certo” si difese Valya.
“Lo hai pensato.”
“Io…”
“Adesso vai” disse la donna sospingendola in avanti.
Valya avanzò un passo alla volta e raggiunse l’entrata, dove una dozzina di uomini e donne sostavano parlando tra loro. La maggior parte vestiva abiti vaporosi e colorati, come aveva visto fare in città da chi aveva abbastanza denaro da poterselo permettere. Una ragazza sui vent’anni sfoggiava un cappello color rosa con un fiocco legato tra i capelli di un verde smeraldo.
Valya fissò i capelli di lei finché la ragazza non incrociò il suo sguardo.
“Ti piacciono?” le domandò con tono civettuolo. “È l’ultima moda di Valonde. Ho fatto arrivare apposta da lì il pigmento per i capelli.”
Valya si sforzò di sorriderle. “Sono strani” disse esitando.
La ragazza si accigliò. “Strani? Sono all’ultima moda, ti dico. Non hai idea di quanto mi sia costato per…”
Un uomo di mezza età le passò davanti e Valya ne approfittò per entrare nella sala. La vista della volta ampia e decorata con un grande dipinto attirò subito il suo sguardo. L’autore doveva aver vissuto in campagna perché aveva riprodotto filari di alberi che seguivano le stradine che si inerpicavano su dolci colline circondate dai campi. Un albero più grande degli altri dominava da una collina un gruppetto di case dove una dozzina di minuscole figure sembravano riunite in un cerchio.
 Non ricordava di aver mai visto quel dipinto né di essere mai stata in quella sala. Poi realizzò che quello era il livello al quale lei non poteva accedere. Per non irritare Olethe era sempre passata per le scale che portavano dal suo livello al cortile e mai per quelle intermedie.
Quanto è grande questo posto? Si chiese. Forse dovrei approfittarne per dare un’occhiata in giro ogni tanto.
Guardò tra la folla cercando di riconoscere qualche volto, ma vide solo persone che le erano del tutto sconosciute. Quasi tutte indossavano abiti eleganti e le donne portavano gioielli sopra vestiti ricamati in seta e oro.
C’era persino un bambino che la madre faticava a tenere a bada e che un’ancella doveva sorvegliare impedendogli di correre per la sala.
Lo sguardo di Valya cadde su un gruppo di sei o sette persone che stavano parlando tra di loro. In mezzo a esse riconobbe il viso della governatrice Abrekir.
Si mosse verso di lei e nello stesso momento un’ombra sembrò precipitarle addosso. Scartò di lato evitandola d’un soffio. La figura le passò accanto e lei abbassò gli occhi come Olethe le aveva insegnato per evitare di essere rimproverata per la sua disattenzione.
Stava sgattaiolando via quando una voce la costrinse a fermarsi.
“Io ti conosco” disse la figura che aveva evitato di poco.
Valya evitò di fissarlo in viso, ma l’aveva riconosciuto ancor prima di alzare gli occhi. Era il damerino che veniva da Lormist e che qualche giorno prima l’aveva quasi travolta e poi pretendeva che fosse lei a scusarsi per la sua sbadataggine.
Forse pretende che mi scusi anche questa volta, pensò sentendo la tensione crescere dentro di sé. Vorrà di certo che mi scusi davanti a tutti e che mi umili. Non gli darò questa soddisfazione.
Fece per muoversi oltre e lui esclamò: “Ti ho già vista prima di oggi. Nel cortile” disse con voce roca. “Ti ho quasi travolta qualche giorno fa. Tu sei Valya?”
Valya si arrestò voltandosi di scatto. “Sono io e allora? Mi stavi per travolgere di nuovo.”
Zane alzò le braccia come in segno di resa. “Calmati, non è accaduto niente di grave. Tu andavi per la tua strada e io per la mia. È stato solo un caso fortuito. Per fortuna ti ho evitata in tempo.”
“Vuoi dire che ero io che ti stavo arrivando addosso?”
“Non guardavi dove andavi.”
“Nemmeno tu.”
“Io ti ho evitata” disse.
Valya strinse i pugni e fece per dire qualcosa, ma si accorse che almeno tre paia di occhi erano puntati verso di loro e li squadravano incuriositi.
“Chiedo scusa” disse abbassando la voce.
Zane la guardò perplesso. “Come sei educata” disse con tono ironico. “Ma se le scuse sono forzate, non hanno lo stesso valore.”
“Che cosa vuoi ancora? Ti ho chiesto scusa” sibilò tra i denti.
Zane ghignò. “Scusami tu. Me la sto prendendo con te anche se sono arrabbiato per tutto questo” disse indicando la sala attorno a lui.
Stavolta fu Valya a guardarlo perplessa. “Sei arrabbiato per la festa?”
Zane annuì. “È inutile e frivola. Vorrei essere da tutt’altra parte in questo momento.”
“Anche io” disse Valya sorpresa e sollevata allo stesso tempo. Poi ricordò che doveva porgere i suoi omaggi alla governatrice. “Io” disse esitando. “Devo andare adesso.”
Zane annuì. “Vai pure, non ti trattengo.”
Valya gli voltò le spalle e dopo aver tratto un profondo respiro marciò decisa verso la governatrice ignorando tutti quelli che incontrò sulla strada.
Giunta davanti alla donna attese che fosse lei a guardare dalla sua parte. Quando lo fece il viso di Hylana Abrekir sembrò illuminarsi.
“Ma sei splendida” disse esibendo un largo sorriso.
“Io” disse Valya cercando di ricordare la formula che Olethe le aveva insegnato. “Ti porgo i miei saluti, governatrice.” Sull’ultima parola chinò la testa in avanti.
Hylana divenne seria. “E io ti ringrazio e ne sono onorata” rispose. “Valya Keltel.”
Valya non sapeva cos’altro aggiungere e si limitò a sorriderle.
“Il miglioramento è eccezionale e sorprendente” disse Hylana. “Dovrò fare i miei complimenti a Olethe. È andata ben oltre i compiti che le avevo affidato.”
“Olethe mi ha insegnato molto” disse Valya.
“Lo so. E so anche che hai passato del tempo con Doryon. Gli hai fatto compagnia quando io dovevo assentarmi per delle riunioni importanti.”
“È stato un piacere” disse Valya. “Mi piace molto la compagnia di Doryon.”
“E lui gradisce la tua. Mi chiede sempre di te.” La sua espressione mutò, intristendosi. “Peccato che stia di nuovo male.”
“La pozione non ha fatto effetto?”
“Solo per poco tempo, ma poi è tornato come prima” rispose Hylana. “Ormai passa più tempo a letto che in piedi e…” scosse la testa. “Non parliamo di cose tristi. Ti stai divertendo alla festa? Hai conosciuto qualcuno?”
“In vertà ero appena arrivata e sono venuta subito da voi.”
“Allora non ti trattengo oltre. Vai e divertiti, mangia tutte le cose buone che abbiamo preparato e chiacchiera con qualcuno che ritieni interessante. Ci sono molti giovani come te che potresti ritenere interessanti.”
A Valya non importava di chiacchierare con degli sconosciuti e non voleva conoscere nessuna di quelle persone, ma si ritrovò ad annuire e sorridere. “Farò come dite.”
Hylana annuì solenne e rivolse la sua attenzione a un uomo dall’aria impettita che sembrava spazientito dalla loro chiacchierata.
“Dove eravamo rimasti?” domandò la governatrice.
“A quella questione riguardante la disputa di confine. Se volete il mio appoggio dovete aiutarmi a…”
Valya si allontanò dal gruppo e prese a vagare per la sala aggirandosi tra i tavoli e i capannelli che si ormavano spontanei. Ogni tanto intercettava qualche brandello di discussione.
“Tutto questo sfarzo in tempo di guerra e di ristrettezze” stava dicendo un uomo dal mento affilato e l’espressione severa. “Questa festa è del tutto inopportuna.”
“Dovrebbe mettere da parte le scorte per un possibile assedio” disse un’altra voce. “O moriremo tutti di fame.”
“Non distribuiremo le nostre scorte alla popolazione se la governatrice non ci garantirà…”
“L’armata di Lormist marcerà verso Charis o la città cadrà nelle mani del rinnegato…”
Valya si diresse alla finestra che dava sull’ampia balconata. Assaporò l’aria calda della sera respirando a fondo. Sporgendosi appena dal balcone poteva vedere il cortile sottostante, in quel momento immerso nel buio.
Coppie di invitati parlavano tra loro bevendo vino dalle coppe e mangiando cibo dai vassoi. Un uomo grassoccio gettò una coscia di pollo alla quale aveva dato appena un morso.
“Non era cotta a dovere” disse a un atro invitato che lo stava osservando.
“Non potrei essere più d’accordo con te” rispose questi sorridendo. “Anche io trovo insopportabile la carne non abbastanza cotta.”
Valya li osservò per qualche istante e poi distolse lo sguardo voltandosi alla sua destra. Il volto sorridente di Zane era rivolto dalla sua parte. Fu tentata di andarsene ma non voleva mettere in imbarazzo la governatrice.
Il comandante di Lormist sembrava una persona importante a sentire Ferg e se lo avesse offeso avrebbe potuto creare un incidente grave con i loro alleati.
Lune prima non le avrebbe importato, ma Hylana era stata gentile con lei e la trattava in maniera decente e sentiva di dover essere riconoscente nei suoi confronti.
Zane si avvicinò con passo incerto.
“Non stavi andando via?” gli chiese.
“Ci ho ripensato.” La raggiunse e si sporse dal balcone. “È un bel salto da quassù.”
“Vuoi buttarti?” gli chiese con tono provocatorio.
“Io no e tu? Un attimo fa sembravi sul punto di scavalcare e fare un bel volo.”
Valya si morse la lingua per non rispondere con un’offesa.
“In ogni caso, anche io preferirei buttarmi giù piuttosto che restare qui dentro ad ascoltare le chiacchiere di questa gente.”
Valya si accigliò.
Zane fissò il vuoto davanti a sé. “Non fanno altro che parlare dei loro meschini interessi, quando invece dovrebbero prendere le armi e marciare contro il rinnegato.”
“Anche io la penso così” disse d’istinto.
Zane assunse un’aria dispiaciuta. “D’accordo, noi due non siamo partiti bene. Che ne dici se ricominciamo come se ci fossimo incontrati solo adesso? Mi chiamo Zane Stanner e sono lieto di conoscerti.”

Prossimo Capitolo Domenica 7 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 45
*** Discorso ***


Discorso
 
Valya rimase a fissarlo per qualche istante, indecisa se rispondergli o meno. Era tentata di voltargli le spalle e andare via, ma non voleva far fare una brutta figura alla governatrice trattando male un comandante alleato. In fondo Hylana l’aveva accolta a palazzo, le aveva dato una bella stanza e le aveva permesso di addestrarsi con Ferg Abbylan.
Sentiva di doverle molto e voleva ricambiare quella fiducia in qualche modo.
“Valya Keltel” disse con tono solenne. “Onorata di conoscerti.”
Zane le sorrise. Un sorriso ampio, che sembrava sincero e che gli faceva apparire due fossette sulle guance.
“Così sei la favorita della governatrice. È un grande onore. Devi essere una persona importante.”
“Mio padre è un eroe di guerra. Della guerra contro Vulkath, intendo.”
Il viso di Zane si illuminò. “Ma certo. Keltel. Quel Keltel. Devo essere proprio distratto stasera per non aver collegato le due cose.”
“Sì, proprio lui” disse Valya un po’ infastidita.
“Anche mio padre ha combattuto nella guerra contro Vulkath” disse Zane. “Me ne ha parlato spesso.”
“Mio padre non mi ha mai detto molto della guerra” disse Valya. “Tutto quello che so l’ho appreso dagli altri. Da quello che raccontavano.”
“Ti avranno certamente detto di Mashiba e di come tuo padre e Wyll Karmer presero la fortezza.”
Valya scosse la testa. “Nessuno ne parla molto. So solo che ci fu una battaglia sanguinosa e che alla fine vincemmo.”
“Io non la chiamerei battaglia. Fu più un massacro. Vulkath aveva lasciato la fortezza con una piccola forza come presidio e preso con sé il grosso del suo esercito per affrontare l’armata dell’alleanza sul Fiume Rosso. Dara Tessel di Oldorak, la strega del Meriggio, comandava l’esercito che si batteva contro il rinnegato. Divise in due le sue forze e ne affidò metà a Gurran di Valonde affinché tenesse Vulkath impegnato in una battaglia di logoramento mentre l’altra metà venne affidata a Yander Ovrant con il compito di prendere la fortezza sguarnita. Il rinnegato però si accorse della trappola e marciò verso la fortezza per prendere alle spalle l’armata di Ovrant. Così Gurran fu costretto ad affrontarlo in grande svantaggio.”
“E che cosa accadde?” domandò Valya affascinata dal racconto.
“Gurran e metà dei suoi caddero nella battaglia ma inflissero al rinnegato gravi perdite e soprattutto ne rallentarono la marcia verso la fortezza. Ovrant allora decise di dare l’assalto invece di procedere a un lungo assedio, sacrificando gran parte delle sue forze nella battaglia. Fu allora che Wyll e tuo padre attaccarono la fortezza e aprirono una breccia. Wyll venne ferito da Cohnal Quattro Corone e tuo padre…”
“Quattro Corone?” domandò Valya.
Zane annuì. “Era il suo soprannome. Nessuno sa perché si chiamasse così. Tuo padre lo affrontò in duello e lo tagliò in due. E non parlo di un taglio da destra a sinistra” disse mimando un fendente da un fianco all’altro. “Ma dalla testa in giù.”
“Non è possibile” esclamò sorpresa.
“E non è tutto. Dicono che infierì sul corpo dell’infame e che di lui non restò niente di più grande di un orecchio.”
“Mio padre avrebbe fatto una cosa del genere?”
Zane annuì. “Così dicono.”
“Te l’ha raccontato tuo padre?”
“Lui non ne parla affatto e non era presente a Mashiba. Fu tra quelli che sopravvissero allo scontro con Vulkath ed erano in rotta. Ma la storia mi è stata riferita da chi ha combattuto nella battaglia, puoi credermi o no.”
“Ti credo” disse Valya. “Ma mio padre. Voglio dire, lui non ne parla mai e invece ha combattuto duelli e guidato assalti e…”
“Lo so, sembra strano, ma è così. Sono cose accadute anni fa. Io ero un bambino e me ne rendevo conto a stento. Non ho ricordi di mio padre prima del suo ritorno a casa, dopo la guerra.”
Valya non riusciva a credere a quella storia ma voleva saperne di più. “E dopo? Che cosa accadde dopo che la fortezza venne conquistata?”
“Vulkath si nascose nella sua vecchia fortezza, solo, assediato e con forze decimate” spiegò Zane. “Grazie alla breccia aperta nelle difese di Mashiba Ovrant risparmiò abbastanza forze da affrontare ciò che rimaneva dell’armata ribelle e la distrusse, mentre Gladia di Taloras e le altre Stelle entrarono nella fortezza e affrontarono Vulkath e le sue guardie personali, uccidendoli.”
Valya era senza fato e le batteva forte il cuore. Avrebbe voluto essere lì di persona, nel vivo della battaglia, mentre suo padre e Wyll duellavano contro Cohnal e si aprivano la strada verso la vittoria e poi con Ovrant e gli altri guerrieri a dare l’assalto alla fortezza di Vulkath.
Sentiva che quella era la strada che avrebbe seguito, se avesse potuto scegliere.
Solo allora si accorse che Zane la guadava divertito. “Ti è piaciuta la storia?”
“È tutto vero?”
Lui si strinse nelle spalle. “È vera nei racconti di chi ancora ne ha memoria. Una volta parlai con un vecchio stregone di nome Orist. Lui diceva di aver preso parte alla battaglia di Mashiba e di non aver mai visto scorrere tanto sangue in vita sua. A un certo punto, mentre davano l’assalto a una torre, lui e il suo gruppo si erano dovuti fermare perché non riuscivano a salire le scale. Il sangue era così tanto da rendere troppo scivolosi i gradini.”
Un applauso proveniente dalla sala la fece sussultare. Hylana era salita su di una pedana di legno e stava parlando ai presenti.
“Avete risposto numerosi al mio appello” stava dicendo la governatrice. “Non mi aspettavo che foste così in tanti a partecipare stasera. Come tutti sapete l’orda è ai nostri confini e ci sono già stati degli scontri, ma la battaglia vera deve essere ancora combattuta. Vedervi qui riuniti stasera mi riempie di gioia e mi dà fiducia per le Lune che verranno, che so già saranno difficili e piene di incertezza, ma se saremo sostenuti dalla fiducia nei nostri mezzi e confideremo nella saggezza della nostra regina e se uniremo le nostre forze come non avveniva dall’epoca di Tal il Fondatore e della sua lotta per unificare il regno, sono certa che otterremo una vittoria schiacciante sul rinnegato e i suoi accoliti.”
Dalla folla partì un applauso che a Valya sembrò poco entusiasta. Osservando quei visi che fissavano la governatrice, scorse più di uno che scuoteva la testa o non applaudiva affatto, limitandosi a osservare in silenzio come se stesse valutando ogni parola della donna.
“Domani inizierà il torneo che ho indetto per festeggiare la rinnovata unità del regno” proseguì Hylana. “E concedere un breve momento di distrazione al popolo e ai nobili guerrieri che sono accorsi a Ferrador rispondendo al nostro appello.”
Altri applausi, stavolta più convinti da parte di alcuni nobili che vestivano abiti meno sfarzosi. Un paio portavano spade legate al fianco.
“Non capisco” disse Valya scuotendo la testa. “Non sembrano affatto contenti.”
“Nessuno di loro è felice di andare in guerra” disse Zane incrociando le braccia sul petto.
“Sono nobili” disse Valya. “Sono guerrieri.”
“Le spade che portano legate al fianco non sono mai state usate e se lo hanno fatto è stato per qualche cerimonia o una celebrazione. Sono guerrieri solo di nome. E non sono felici di dover lasciare le loro terre per combattere per una regina che non hanno mai visto in vita loro.”
“Perché sono qui allora?”
“Sperano di guadagnarci comunque qualcosa” disse Zane. “In una guerra c’è sempre chi diventa più povero e chi invece diventa più ricco. Scommetto che a molti di loro non importerebbe se a vincere fosse il rinnegato. Per loro non cambierebbe molto.”
“E Hylana questo lo sa?”
“Non è stupida.”
“Potrebbe punirli. O costringerli a combattere per Talmist.”
“E rischiare una rivolta di nobili in questo momento? Hylana non farà niente del genere. Può solo continuare a promettere che la vittoria è certa e vicina e sperare che i nobili di Ferrador e dintorni l’appoggino.”
“Ma noi vinceremo, vero?” chiese Valya speranzosa.
“Il rinnegato perderà” disse Zane sicuro. “Ma non è certo che Talmist sia tra i vincitori. La guerra sta già riducendo alla fame molti di quelli che erano poveri e il peggio deve ancora arrivare.”
Valya sentì crescere l’ansia dentro di sé. “Sarebbe terribile. Bisognerebbe impedirlo.”
“È quello che penso anche io” disse Zane. “E se ne avessi la possibilità, partirei anche domani con la mia armata e affronterei l’arcistregone.”
L’idea di affrontare la battaglia la fece fremere di rabbia e di speranza allo stesso tempo. Stava per dire a Zane che lei sarebbe andata volentieri con lui quando dalla sala giunsero le parole di Hylana.
“E ora, dopo avervi annoiati con queste chiacchiere, dichiaro ufficialmente aperte le danze.”
Stavolta l’applauso fu più caloroso e spontaneo. Nella sala si formarono delle coppie che iniziarono a volteggiare in uno spiazzo ampio un centinaio di passi per lato.
A Cambolt ogni tanto aveva partecipato alle feste che si tenevano prima e dopo la stagione della semina e del raccolto per ringraziare gli Dei e l’Unico. Suo padre era sempre stato contrario e non l’aveva mai visto a una di quelle feste, ma non le aveva mai impedito di partecipare. Ricordava le grosse risate con Brenye ed Enye mentre cercavano di convincere Hagen e gli altri ragazzi a partecipare alle danze. I balli erano semplici e non prevedevano coppie come quelle che si usavano a Ferrador ma erano divertenti e si finiva sempre per ammucchiarsi al centro della pedana di legno che ospitava i danzatori. Tutti cercavano di divertirsi e far divertire gli altri.
La danza che vedeva lì era diversa. Nessuno rideva e i ballerini erano silenziosi o si sussurravano le parole mentre giravano per la sala con movimenti complicati che sembravano studiati.
Per un attimo rimpianse di aver lasciato Cambolt per venire lì, in quella città puzzolente fatta di fango e pietre, dove nemmeno a una festa le persone riuscivano a divertirsi davvero.
Poi ripensò ai Chernin, ai giorni passati a sognare grandi imprese e duelli eroici.
Margry Mallor non si è mai lamentata del posto in cui viveva, si disse.
In verità non aveva idea se Margry o Bellir avessero mai preferito vivere in una città o in un piccolo e sperduto villaggio. E nemmeno le importava.
Io non voglio tornare a Cambolt, pensò. Non ora che sto imparando a combattere e la guerra è alle porte.
“Io” iniziò a dire Zane. “Credo di averne avuto abbastanza per stasera.” Le rivolse un sorriso sincero. “Che tu ci creda o no, sei probabilmente l’unica persona in questa sala a pensarla come me, credo. La guerra deve finire il più presto possibile, ma non accadrà se ce ne staremo qui a non fare niente, aspettando che siano i ribelli e il loro capo a venire a farsi massacrare.”
“Io voglio combattere” disse Valya.
Zane sorrise. “Tu è meglio se rimani qui al sicuro. Stando a palazzo non rischi niente, almeno per ora.”
Valya sarebbe avvampata di rabbia, ma per qualche motivo non era arrabbiata con Zane. Sentiva che le sue parole erano sincere e non di rimprovero. Non le stava dicendo che non era adatta, che se non si fosse impegnata non sarebbe riuscita ad arrivare dove voleva.
“Dico sul serio, voglio combattere.”
“Sai reggere la spada?”
“So fare più di questo” disse Valya sicura. “E con la spada giusta potrei dimostrartelo” aggiunse spavalda.
E io ho la spada giusta, in una sala di questo castello, che aspetta me e solo me.
Zane inarcò un sopracciglio. “Un’altra volta, magari” disse staccandosi dal balcone e dirigendosi verso la finestra aperta sulla sala. “Per il momento ti saluto. Divertiti pure alla festa e dimentica quello che ti ho detto.”
Valya valutò se inseguirlo e sfidarlo lì a duello, ma si trattenne.
Un’altra volta, pensò. Un’altra volta, quando avrò la spada giusta, Zane Stanner.
Per il momento era felice di aver scambiato due parole con lui. Tornò a guardare di sotto, nel pozzo buio che era diventato il cortile in quella notte senza luna.
 
Quando rientrò nella sala, molti avevano smesso di ballare e la metà degli invitati era andata via o si era appartata in qualche stanza laterale.
Alcuni parlavano tra loro a bassa voce, sottolineando con ampi gesti delle mani e delle braccia ciò che dicevano. Fu tentata di avvicinarsi e origliare quelle discussioni, ma notò che quando passava accanto a quelle persone, abbassavano la voce quasi a un sussurro.
Iniziava a sentirsi stanca e ne aveva abbastanza di quella festa. Si chiese se sarebbe sembrato scortese andarsene senza salutare la governatrice, ma Hylana non era presente e non aveva idea di dove fosse andata.
Senza esitare imboccò l’uscita della sala e tornò al livello dove si trovava la sua stanza. Era quasi felice di potersi chiudere la porta alle spalle e con lei quella festa e le persone che sussurravano nell’ombra rivelandosi chissà quasi segreti ai quali lei non era interessata.
Chiuse la porta con un sospiro.
“Finalmente sei tornata” disse una voce nell’ombra facendola sussultare.

Prossimo Capitolo Giovedì 11 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 46
*** E' solo colpa tua ***


È solo colpa tua
 
Per un attimo temette che un estraneo si fosse introdotto nella sua stanza approfittando della sua assenza. Eppure non aveva con sé niente di prezioso o che valesse la pena di rubare e lei stessa non era così importante.
“Guarda come ti hanno conciata” disse la voce con tono triste, come se stesse per mettersi a piangere. O ridere.
Nel buio vide il suo contorno stagliarsi contro la tenue luce che filtrava dalla finestra con le imposte socchiuse. Valya fu tentata di precipitarsi fuori dalla stanza ma si trattenne puntando i piedi.
Margry Mallor non è mai fuggita davanti a un nemico, si disse. E nemmeno io lo farò.
La figura si alzò in piedi torreggiando sopra di lei e venne avanti. Il suo viso dai lineamenti marcati venne illuminato dalla luce della tenue luce delle lampade che ardevano fuori dalla finestra e lei riconobbe quel viso, anche se sembrava stanco e invecchiato di molti anni.
Era quello di Simm Keltel.
“Tu? Che cosa ci fai qui nella mia stanza?” gli domandò arrabbiata. “È questo il modo di presentarsi?”
Simm Keltel abbozzò un timido sorriso. “Sei mia figlia. Mi serve un permesso particolare per venirti a trovare?”
“È che non mi aspettavo di vederti qui. Adesso.”
“C’è un momento migliore o peggiore per fare certe cose?”
“Sì” disse con tono perentorio. “Sono stanca e vorrei andare a dormire.”
“Come sei diventata educata. Nemmeno sembri più mia figlia.” La sua espressione divenne più triste, se possibile.
Valya sospirò. “Scusa, non ti stavo rimproverando e mi fa piacere rivederti ma…” Esitò. “Sono giorni che io vengo alla forgia e non ti trovo mai. Rann dice che vai spesso in città senza lasciar detto dove e che torni tardi e di pessimo umore.”
“Mi spiace” disse Simm chinando la testa. “Ho avuto da fare. Dovevo risolvere dei problemi che mi assillavano.”
“Quali?”
“Non posso parlartene.”
“Come al solito. Se è così puoi andare via. Ne riparleremo domani quando saremo entrambi più riposati.”
Simm non si mosse. “Olethe ha fatto proprio un ottimo lavoro” disse con tono sommesso. “Migliore del mio, non c’è dubbio.”
“Per favore” disse Valya con tono supplice. “Possiamo parlarne domani? Sono stanca.”
“Domani” rispose suo padre. “Potrebbe essere troppo tardi.”
“È accaduto qualcosa?”
“Sì. No.” Scosse la testa.
“Perché sei venuto qui ora?” gli chiese.
Suo padre guardò altrove.
“Dimmelo” esclamò.
“Valya” fece Simm rialzando la testa. “Pendi le tue cose.”
Lei lo fissò stupita.
“Dobbiamo andare via. Adesso” disse lui con tono urgente.
“Dove?”
“Non lo so. Lontano da qui.” Sembrò esitare. “Dovevo darti ascolto quando volevi scappare via per non pagare il debito. Se fossimo fuggiti, Falgan non mi avrebbe trovato e costretto a venire qui e ora… ora…”
“Calmati” disse Valya avvicinandosi.
Suo padre si allontanò di scatto.
“Siedi. Dici cose assurde.”
“Non sono assurde” esclamò Simm. “Lui è qui, Valya, mi ha trovato.”
Valya ebbe u tuffo al cuore. “Chi? Myron Chernin?”
Forse vuole vendicarsi di noi, pensò.
“No, non Chernin. Lui non è niente in confronto a...” Suo padre crollò sul bordo del letto, la testa chinata in avanti. “Mi ha trovato, capisci? E ora mi farà fare cose orribili, come ha già fatto una volta.”
“Cosa?” domandò Valya sconvolta. “Cosa ti farà fare di così terribile questa persona?”
“Lui non è come gli altri. Il suo potere è convincere le persone a fare le cose peggiori per lui.”
“Puoi opporti. Hylana ti aiuterà. Io ti aiuterò. Andrò subito ad avvertirla.”
Simm le afferrò il braccio. “No” esclamò. “Lei non deve saperlo e noi dobbiamo andare via. Subito.”
“Non possiamo andarcene così.”
“Perché no?”
Valya ragionò in fretta. “Ci crederebbero dei traditori se fuggissimo. Non puoi abbandonare la forgia senza un buon motivo.”
“La forgia” disse Simm scuotendo la testa. “Odio quel dannato posto. Speravo che bruciasse del tutto l’altra notte.”
“Non dire così” disse Valya.
“Avrei dovuto darle fuoco io stesso. Potrei farlo, sarebbe facile.”
Valya avvertì un brivido di terrore percorrerle la schiena. “Ti prego, aspetta fino a domani.”
“Dobbiamo andare via adesso.”
Valya si sottrasse alla sua stretta. “No” disse decisa. “Io non verrò.”
Simm la guardò stupito. “Tu sei mia figlia.”
“Ormai sono un’adulta e posso fare le mie scelte da sola. Non verrò con te. Non lascerò il palazzo e non tradirò la fiducia di Hylana.”
Simm la guardò stupito. “Ma di che cosa stai parlando? Quale fiducia? Hylana non si fida affatto di te, stupida ragazzina.”
“Invece sì” disse con tono di sfida. “Lei mi tratta bene, ha ordinato a Ferg di insegnarmi a usare la spada e mi ha preso come sua protetta.”
Suo padre rise. “Protetta? È così che ti ha detto? Che sei la sua protetta?”
Valya lo fissò accigliata. “Tu non puoi capire, non hai mai avuto alcuna fiducia in me.”
“E sono stato saggio, visto quanto sei stupida e ingenua” disse Simm tra un singhiozzo e l’altro. “Mi stupisce che tu non te ne sia resa conto.”
Valya attesa che proseguisse.
“Hylana vuole solo usarti, sciocca ragazzina. Pensa che conquistando la tua fiducia e tenendoti vicina a lei possa convincere me ad aiutarla.” Scosse la testa come se fosse affranto.
“Non è vero” disse con voce roca.
“Pensi che indossare un bel vestitino e qualche lezione da parte di quel mezzo cavaliere ti renda importante?” fece suo padre. “La verità è che tu non puoi mischiarti a queste persone, Valya. Sei solo la campagnola arrivata da fuori che si veste come loro e pensa di aver fatto qualcosa per meritare tutto questo, ma quello che sei veramente è altro.”
“Dimmelo tu che cosa sono” disse Valya fronteggiandolo.
“Tu sei una sventura” rispose Simm Keltel fissandola negli occhi. “Fin dal primo giorno in cui sei venuta al mondo non hai fatto altro che causarmi guai. Per te ho dovuto rinunciare a quello che volevo essere davvero, sono dovuto sparire dal mondo e rifugiarmi in un buco puzzolente. Tutto per te. E soprattutto.” Esitò.
“Continua” lo sfidò Valya, la voce che le tremava. “Finisci quello che stavi dicendo.”
“Non c’è giorno che passi senza che io maledica la tua nascita.” Simm le puntò l’indice contro il petto. “Ho commesso molti errori nella mia vita, ma ce n’è uno solo di cui mi pento. Uno solo. Ho perso di vista ciò a cui tenevo davvero e mi è stato strappato nel modo più brutale concepibile. E tutto per colpa tua, dannata ragazzina. Solo per colpa tua. Se potessi tornare indietro non commetterei di nuovo quell’errore, puoi credermi.”
Valya si ritrovò ad annuire mentre cercava di dominare le lacrime. “Ti credo” disse con un filo di voce.
Simm la fissò negli occhi.
Non sta mentendo, pensò Valya. Pensa veramente ciò che ha detto.
“Ora vattene” disse con voce ferma. “Vai dove ti pare, non mi interessa.”
Simm sospirò e passò oltre dirigendosi alla porta.
Valya lo udì socchiuderla con delicatezza e poi udì il rumore dei suoi passi che si allontanavano nel corridoio. Solo allora sedette sul bordo del letto, gli occhi fissi sulla parete di fronte.
 
Trovò Olethe nella stanza dove lei e le ancelle del palazzo si riunivano per ricevere gli ordini e i compiti da fare per la giornata.
La donna stava parlando a due delle ragazze che servivano al livello superiore, quello della governatrice e degli ospiti più importanti che risiedevano a palazzo.
Non il mio livello, pensò Valya poggiando il vestito sul tavolo. L’aveva ripiegato con cura come Olethe le aveva detto di fare quando la stavano ancora vestendo.
La donna gettò un’occhiata veloce al vestito. “Non ci sono strappi ed è pulito” disse. Le rivolse un’occhiata dubbiosa. “Cos’è quell’espressione? Non ti sei divertita alla festa?”
Valya si sforzò di sorridere. “Molto” disse. “Non è stato come alle feste che facevamo a Cambolt.”
“Lo credo bene” rispose la donna. “Hai fatto amicizia con qualcuno degli ospiti? Spero che tu non abbia fatto fare una brutta figura alla governatrice.”
“Sono stata gentile e ossequiosa con tutti quelli a cui ho rivolto la parola” disse.
Tranne che con mio padre, pensò.
Il ricordo della discussione avvenuta al ritorno dalla festa si affacciò nella sua mente e tentò di ricacciarlo indietro.
Olethe rispose con un brontolio sommesso. “Shenara dice che ti ha vista parlare a lungo con il comandante straniero” disse senza guardarla negli occhi.
Valya arrossì. “Shenara dovrebbe imparare a non fare la spia.”
“Le ho chiesto io di darti un’occhiata ogni tanto” disse Olethe. “Per il tuo bene, ovviamente. E per il buon nome della governatrice. Ora che va in giro dicendo che sei la sua protetta devi comportarti come si deve.”
“Lo farò” disse svogliata.
“Ascolta” fece la donna rivolgendole un’occhiata dura. “Questo non è più un gioco, ragazzina. Sai quante ragazze di nobile nascita vorrebbero essere al tuo posto in questo momento?”
Scosse la testa.
“Parecchie” rispose Olethe. “La notizia si sta già diffondendo tra le famiglie nobili della città e nessuno sarà contento delle scelte della governatrice. Non la contesteranno apertamente, ma chiederanno una compensazione.”
Valya si accigliò.
“E quando non vedranno soddisfatte le loro pretese, inizieranno a prendersela con te.”
Atri che mi incolpano dei loro problemi? Si chiese Valya.
“Ora il mio compito è proteggerti da quello che potrebbe accaderti” spiegò Olethe. “In questi casi, il peggior nemico che puoi avere sei tu.”
“Io?”
“Vieni dalla campagna e hai modi rozzi e sgarbati.”
“Non è vero” esclamò indignata.
“Dovrai cambiare atteggiamento se vuoi restare nelle grazie della governatrice. E io ho il compito di occuparmi di te.”
“Proteggendomi?”
“Lo faccio solo per proteggere il buon nome di questo luogo, ragazzina. Di te non mi importa niente e anche se disapprovo le scelte della governatrice, farò di tutto perché non ne venga danneggiata.”
“Hylana mi apprezza” disse Valya. “Per quella che sono.”
“Per te è signora governatrice” disse Olethe con tono compunto. “O Sua Eccellenza, scegli tu. Non chiamarla mai per nome, soprattutto in pubblico.”
Valya si ritrovò ad annuire. “Posso andare ora? Avrei delle commissioni da fare.”
“Davvero? E cosa? Abbylan è troppo occupato per darti lezioni di spada e io e le ragazze avremo da fare nei giorni del torneo e non potremo starti dietro.”
“Mi allenerò da sola” disse Valya cercando di essere convincente.
Olethe sospirò. “Questa storia dell’addestramento non si addice alla protetta della governatrice. Prima o poi dovrai rinunciare al tuo stupido sogno da ragazzina.”
Mai, urlò una voce dentro di lei.
“Se la governatrice vuole che mi addestri nell’uso della spada” disse invece. “Non mi sembra educato contraddirla.”
Olethe fece una smorfia. “Non sei abbastanza brava in questo gioco, ragazzina, ma per ora ti ascerò vincere. Ma non finisce qui. Ora sparisci, ho cose più importanti da fare che perdere tempo con te.”
“Col tuo permesso” disse facendo un leggero inchino.
“Sì, sì, purché adesso mi lasci in pace.”
Valya abbandonò la stanza con passo calmo, ma lo accelerò non appena fu abbastanza lontana. Quando arrivò nel cortile della fortezza si era quasi messa a correre.

Prossimo Capitolo Domenica 14 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 47
*** Niente può andare storto ***


Niente può andare storto
 
Davanti all’ingresso della forgia ebbe un’esitazione e si fermò. Non voleva correre il rischio di incontrare suo padre, nemmeno per caso. Si appostò a una ventina di passi di distanza, poco dietro l’angolo di un edificio che incrociava quello principale e attese che Rann uscisse per recarsi alla mensa.
Non posso entrare e cercarlo alla forgia, si disse. Potrei incontrare lui.
E avrebbe dovuto rispondere a domande alle quali non voleva dare una risposta.
Attese paziente che si facesse l’ora di pranzo e vide Rann uscire dalla forgia e attraversare il cortile con passo svelto, dirigendosi all’edificio basso e lungo che ospitava la mensa.
Era fatto di mattoni grigi sbiaditi dal sole e ricoperto da un tetto spiovente dalle tegole rosse. Era lungo almeno mille passi, forse anche di più ma Valya non li aveva mai contati.
L’ingresso principale si trovava in cima a una scalinata di gradini bianchi. Non uno di essi era ancora sano e tutti avevano crepe o pezzi che si erano staccati.
Seguì Rann con lo sguardo mentre si infilava nella mensa e partì spedita. Salì i gradini in fretta evitando gli sguardi di quelli che entravano o uscivano. La maggior parte erano giovani inservienti che andavano di fretta o chiacchieravano tra loro senza guardarla. Una mezza dozzina sostava sotto il colonnato godendosi il poco riposo che era loro concesso prima di tornare al lavoro della forgia.
“Ogni giorno diventa peggio” stava dicendo uno. “Ieri Hammen ha rischiato di farsi davvero male.”
“Yolav perderà il braccio” stava dicendo un altro. “È il terzo incidente in questa Luna.”
“Prima o poi toccherà a tutti noi” si lamentò un ragazzo giovane e senza barba.
“Io non me ne starò fermo ad aspettare che mi capiti qualcosa di brutto” disse quello di prima. “Tannisk deve farlo presente a Dalkon.”
“Il vecchio Tann ha troppa paura del maledetto lupo” disse il ragazzo più giovane.
“E allora chi ci difenderà?”
Valya passò oltre ed entrò nella mensa. Otto lunghi tavoli correvano paralleli al lato corto dell’edificio. Occupavano i due terzi dello spazio totale. Il resto era destinato alle cucine ed era nascosto da un muro di mattoni.
Inservienti servivano i pasti in ciotole e piatti che depositavano sui tavoli. Chiunque poteva prenderne uno e andare a sedersi in uno dei posti liberi.
Valya non aveva fame e non le interessava che cosa avessero cucinato quel giorno, anche se l’odore di carne e verdure lasciava pochi dubbi.
Lasciò che lo sguardo vagasse per la sala alla ricerca di Rann e lo trovò seduto da solo all’estremità di uno dei tavoli. Lo raggiunse marciando decisa e sedette di fronte a lui.
Il ragazzo alzò lo sguardo dalla ciotola per un attimo e sussultò. “Mi hai spaventato” disse guardandosi attorno.
“Scusa.”
“Pensavo saresti venuta alla forgia.”
“Io” disse esitando. “Preferivo incontrarti qui.”
“Maestro Keltel è rientrato” disse. “Sembrava molto stanco.”
“Non mi interessa di lui.”
“Pensavo volessi saperlo, visto che eri preoccupata.”
“Ora non lo sono più.”
Rann scrollò le spalle.
“Hai fatto quello che ti ho chiesto?”
Annuì e infilò una mano nella tasca del vestito. Quando la vide riapparire, Valya notò un foglio nella mano. Rann l’appoggiò sul tavolo.
Lei lo prese e lo aprì. C’era un numero scritto con inchiostro nero al centro del foglio e sotto il timbro col simbolo di Ferrador.
“Sei il quattrocentoquaranta” disse Rann. “Sembri delusa.”
“Credevo ci scrivessero il nome sopra.”
“A che cosa servirebbe? Molti danno un nome falso ai giudici.”
Valya ripiegò il foglio e lo infilò in una tasca. “Ora l’altro favore che mi serve.”
Rann deglutì a vuoto. “Senti Valya, mi fa piacere aiutarti.”
“Ma?”
“Ma non so se è una buona idea. Potresti farti male e io mi sentirei responsabile.”
“Ti ho già spiegato che senza quell’armatura potrei farmi molto più male e la colpa sarebbe davvero tua.”
Rann emise un sospiro rassegnato.
“L’hai completata?”
“Sì” rispose dopo un attimo di esitazione.
Valya trattenne a stento un sorriso. “Voglio vederla.”
“Devo tornare alla forgia.”
“Ci metterò un attimo.”
“Non so se…”
“Per favore” disse con tono supplice. “Devo provarla o non avrai il tempo di modificarla, se necessario.”
Rann sospirò di nuovo. “Ci vediamo all’edifico abbandonato. Esci prima tu, io ti raggiungerò dopo.”
 
Valya cercò di non farsi notare mentre attendeva Rann davanti all’ingresso del palazzo abbandonato. Anche se non ci passava nessuno, qualcuno poteva vederla sostare in un posto dove non avrebbe dovuto esserci. Per questo motivo prese a passeggiare facendo dei giri lunghi per il cortile e quando vide il giovane aiutante di suo padre venire dalla sua parte gli andò incontro col cuore che le batteva forte nel petto.
“È pericoloso stare qui” disse Rann affrettando il passo.
“Ci metteremo poco” lo rassicurò lei.
Si diressero subito alla sala dove il ragazzo aveva nascosto l’armatura.
Rann aprì un grosso baule e tirò fuori i pezzi uno per volta. Erano di metallo brunito e non lucidato. Non si vedevano saldature e sembrava anche più solida dell’ultima volta che l’aveva vista.
“Ho rifinito tutte le giunture” spiegò Rann. “Ora non dovrebbero esserci parti che cedono all’improvviso.”
Valya lo guardò perplesso.
Lui batté sul pettorale. “Vedi? Qui il metallo è compatto, ma non spesso come nelle altre armature.”
“Cos’ha di speciale?”
Rann passò la mano sulla superficie liscia come se stesse accarezzando un bel vestito dal tessuto prezioso. “Si piega, ma non si spezza.”
“Non mi sembra una buona cosa.”
“Invece lo è” rispose lui entusiasta. “Più una corazza è dura, più è difficile spezzarla o perforarla.”
“Dovrebbe essere sempre così, no?”
“Certo, ma il metallo prima o poi si spezza e si piega, è inevitabile. Possono servire due o dieci colpi a seconda di come è stata forgiata e dall’abilità del fabbro, ma nessuna corazza è indistruttibile.”
“E invece la tua lo è?” chiese Valya scettica.
“No, non del tutto” rispose Rann. “Ma l’ho resa molto più resistente.”
“Ma se hai appena detto che…”
“Ascolta. In una corazza il metallo è molto duro e tende a spezzarsi. È solo questione di quanti e quanto forti sono i colpi che riceve. La corazza che ho forgiato io più riceve colpi, più diventa forte e resistente nel punto in cui è stata colpita.”
“Come è possibile?”
“L’ho scoperto per caso” disse Rann entusiasta. “Ho fatto delle prove senza sapere esattamente quello che stavo facendo e ho capito che potevo fare una corazza più forte rendendo meno duro il metallo. Il bello è che funziona.”
“Lo spero per me” disse Valya. “Aiutami a indossare la tua armatura magica.”
“Non è magica” disse Rann perplesso.
“Faremo finta che lo sia.”
Lui l’aiutò a indossare la pettorina e a fissarla alla schiena con dei lacci. Dal baule prese spallacci e schinieri e un elmo sul quale aveva inciso la figura di un animale con le fauci spalancate.
Valya quasi si mise a ridere vedendolo. Sembrava il disegno che avrebbe potuto fare un bambino ed era peggio di uno dei suoi. E lei a stento sapeva reggere una matita.
“È un cane?” gli chiese.
“No” sbottò Rann. “È un leone.”
“Mai visto un leone” rispose Valya scrollando le spalle.
“Nemmeno io” disse il ragazzo. “Ma zia Erla ne parlava spesso quando raccontava dei suoi viaggi a noi ragazzini del villaggio.”
“Interessante” disse Valya mentendo. “Spero che sia della mia misura.”
“È fatto in modo che si possa adattare anche a una testa piccola.”
Lei lo fissò di sbieco.
“Scusa” fece lui arrossendo. “Non volevo dire quello che ho detto.”
Valya sospirò e si abbassò un poco per facilitargli il compito. Rann fissò l’elmo a dei ganci sulla corazza.
“Così sarà più stabile e comodo per te.”
La prima sensazione fu quella di soffocare dentro quella gabbia di metallo in miniatura. Il metallo era pesante e le impediva di muoversi come avrebbe voluto. Le giunture cigolavano un poco e formavano delle leggere pieghe nella carne che le facevano male.
“Come la senti?” le ciese lui apprensivo.
“Bene” mentì.
Non c’era tempo per modificarla e avrebbe dovuto accontentarsi.
“Dammi qualcosa che posso usare come se fosse una spada.”
Rann le passò un bastone che doveva aver ricavato da un asse di legno.
“Lo uso per scacciare i topi.”
“Andrà bene lo stesso” disse Valya impugnando il bastone con entrambe le mani. Accennò un paio di fendenti muovendo il bacino a destra e sinistra. L’armatura non si oppose ai suoi movimenti e dopo un po’ fece due passi in avanti e altrettanti a destra muovendo la spada di lato.
“Allora?” chiese Rann osservandola ansioso.
“Mi sto già abituando” rispose. “Avrei bisogno di più tempo, ma l’importante è che mi protegga dai colpi più forti.”
“Lo farà” disse il ragazzo. “Ma devi stare attenta. Ogni botta che prenderai in un punto, indebolirà un poco tutto il resto.”
“Che vuoi dire?”
“Che se prendi troppi colpi l’armatura non ti proteggerà bene. Non devi farti colpire troppo.”
“Se tutto andrà come spero, sarò io a colpire gli altri. Aiutami a togliere questa roba e parliamo di cosa dovremo fare domani.”
Rann l’aiutò a togliere l’armatura. “Ancora devi spiegarmi come farai a uscire da qui con l’armatura addosso.”
“Sarai tu a portarla fuori.”
“Non posso allontanarmi dalla forgia” protestò Rann.
“Trova una scusa qualsiasi. Di’ che padron Keltel ti ha mandato a comprare qualcosa per lui.”
Rann la fissò inorridito. “No” esclamò. “Tuo padre mi farebbe uccidere se lo scoprisse.”
“Vorrà dire che dovrò andare al torneo senza l’armatura e qualcuno potrebbe scoprire che tu lo sapevi e non hai fatto niente per impedirlo.”
“Sono giorni che ti dico di non andare” protestò Rann.
“Non credo che a mio padre e alla governatrice importerebbe quello che hai detto.”
Rann assunse un’aria sofferente. “Come farò a far uscire l’armatura da qui?”
“Sei forte. Mettila in una cesta abbastanza grande, buttaci sopra un lenzuolo e portala nella Piazza della Vittoria.”
Dal bando che gli araldi avevano affisso aveva scoperto che era lì che si sarebbero concentrati i partecipanti al torneo prima del sorteggio.
“E tu dove sarai?”
“Ti aspetterò lì” disse Valya.
“Dove?”
“Non lo so di preciso, in una tenda. Ufficialmente andrò con Ferg Abbylan per assistere a qualche incontro. Il signor baffetto sa che volevo andarci e non si insospettirà troppo. Con una scusa mi allontanerò e ti raggiungerò. Tu mi darai l’armatura e mi aiuterai a indossarla.”
“E dopo?”
“Te ne tornerai alla forgia fino a sera. Il torneo andrà avanti fino al tramonto e forse anche oltre. Quando starà per finire verrai a prendere l’armatura e la riporterai dentro.”
“Mi sembra tutto assurdo.”
“Funzionerà se fai come ti dico.”
Valya aveva pensato a quel piano tutta la notte. Non riusciva a prendere sonno dopo le parole di suo padre e quello che era accaduto e le era sembrata una buona idea concentrarsi su qualcosa di diverso.
C’erano mille cose che potevano andare male e tutte si concludevano con lei che veniva scoperta e punita o finiva per ferirsi in uno di combattimenti.
A quel punto persino la prospettiva di ricevere un colpo in un duello le sembrava migliore di tutto quello che le era capitato da quando si trovava a Ferrador.
Nei suoi sogni più sfrenati vinceva il torneo e si rivelava a tutti, finendo per venire acclamata come guerriera più forte della città.
O del regno, si disse. Perché no? E forse, un giorno, anche del continente. Basta avere la spada giusta. E io ho quella spada. Niente può andare storto. Niente.

Prossimo Capitolo Giovedì 18 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 48
*** Nella gabbia ***


Nella gabbia
 
Ferg Abbylan lanciò un’occhiata distratta al recinto allestito al centro della piazza. Era un quadrato delimitato su tutti i lati da una staccionata di legno alta quanto un adulto e accoglieva dentro di sé una decina di recinti più piccoli.
Valya cercò di cogliere lo schema di quella disposizione, ma attese che fosse il signor baffetto a spiegarglielo.
“Con più di mille partecipanti non potevamo usare un solo recinto” disse sedendo composto sulla panca di legno. Si trovavano in cima a una delle tribune che erano state erette dietro alle staccionate, in modo che il pubblico di rango più elevato potesse godersi i combattimenti da una posizione migliore. Negli spazi vuoti lasciati tra ogni tribuna il pubblico delle persone meno importanti si stava già accalcando.
Il sole era sorto da poco ma gli inservienti avevano già preparato i recinti e riempito di armi le rastrelliere. Una dozzina di ragazzi stava avvolgendo delle strisce di cuoio attorno alle lame delle spade.
Valya si mosse a disagio sulla panca di legno. Aveva infilato la spada sotto l’abito, fissandola alla schiena con delle cinghie che si era fatta dare da Rann. Per prendere l’arma si era svegliata di notte ed era scesa nella sala d’arme staccandola dalla parete. Aveva allentato i lacci del vestito affinché non si notasse il profilo dell’arma e aveva indossato una mantellina scura sopra le spalle per ulteriore sicurezza.
Anche così aveva paura di eseguire un movimento brusco e rivelare a tutti che portava un’arma attaccata alla schiena. Sarebbe bastato che qualcuno le sfiorasse le spalle o la urtasse per farla scoprire.
“Devo ammettere che Zeb ha avuto una buona idea” stava dicendo Ferg. “Non puoi sapere quanto mi costi riconoscere a quell’idiota di averci pensato prima di me.”
“Un giorno mi dovrai dire perché ce l’hai tanto con tuo fratello.”
Lui la guardò di sbieco. “Prima di quel giorno farò in modo di tagliarmi la lingua.”
Valya gli rivolse un’occhiata stupita. “Che cosa ho detto di male ora?”
“Niente, ma resta fuori dal rapporto tra me e Zeb. Sono affari di famiglia.”
“Non volevo certo intromettermi” si difese.
“Davvero? Scommetto che ti hanno detto qualcosa. Girano delle voci, lo so bene.”
“Ti assicuro che non ne so niente” disse poggiando una mano sul cuore.
Lui rispose con un grugnito.
Valya guardò altrove. “Io credo che rientrerò” annunciò dopo aver sospirato.
“Te ne vai? Non resti a guardare? Hai tanto insistito per farti portare qui.”
“Lo so, ma Olethe pensa che il torneo non sia uno spettacolo adatto alla protetta della governatrice.”
“Dannata donna” disse Ferg. “E tu sei d’accordo con lei?”
Valya scrollò le spalle. “Mi ha dato tanti saggi consigli da quando sono arrivata.”
E io ho cercato di seguire solo quelli che mi sembravano utili, si disse.
“Saggi consigli” disse Ferg facendo schioccare le labbra. “Quindi ora obbedisci ai suoi ordini?”
“Il rapporto tra me e Olethe non ti riguarda” disse serrando le labbra. “Tu restane fuori.”
“Almeno sei capace di tornare da sola al castello o ti serve una scorta?”
“Posso fare da sola” disse subito.
Una scorta sarebbe stato un problema.
Ferg sorrise. “Vuol dire che mi godrò da solo il trionfo di mio fratello.”
“Col tuo permesso” disse alzandosi.
Lui le rispose con un gesto vago della mano.
Valya scese dalla tribuna e si avviò con passo veloce verso l’estremità della piazza, finché guardandosi indietro non si accorse che dal punto in cui Ferg era seduto non poteva vederla. Per prudenza fece un’altra decina di passi e poi si gettò verso il lato opposto della piazza, quello dove sorgevano le tende.
Ferg le aveva spiegato che ospitavano quelli che si occupavano della gestione del torneo. Valya vide sfilare ragazzi vestiti con grembiuli sporchi, donne dall’aria indaffarata intente a trasportare certe piene di panni e persino qualche bambino che giocava a rincorrersi tra le tende. Vide anche dei soldati di guardia ma cambiò subito strada. Da una tenda proveniva un invitante odore di pane appena sfornato che le ricordò quello di Joni.
Si avvicinò per pura curiosità e gettò un’occhiata all’interno. Su dei banchetti erano state allineate file e file di pagnotte che un inserviente dall’aria annoiata stava sorvegliando.
“È ancora presto per la colazione” disse il ragazzo. “E questa tenda è riservata ai combattenti.”
Ferg le aveva detto che i partecipanti avrebbero ricevuto cibo e vino per tutta la durata del torneo. Bastava esibire il proprio numero col timbro per avere accesso alle vivande.
Valya fu tentata di usare il suo numero, ma non voleva attirare l’attenzione su di sé.
Ci tornerò dopo, si disse proseguendo.
Trovò Rann davanti all’ingresso di una tenda sul lato opposto della piazza. Il ragazzo l’avvistò tra la piccola folla che si era formata e le fece cenno di raggiungerlo.
Ai suoi piedi c’era un sacco chiuso da una corda.
“L’hai portata?” gli chiese con tono ansioso.
Rann annuì. “È qui dentro” disse indicando il sacco.
“Io ho la spada. Ora devo vestirmi.”
“Ho già trovato una tenda” disse il ragazzo. “Andiamo.”
Lo seguì fino a una piccola tenda isolata. Lui entrò per primo e Valya lo seguì. L’interno era immerso in un chiarore tenue. La tenda era vuota a parte loro due e il sacco con l’armatura.
“È sicuro?” chiese Valya guardando l’ingresso.
“Non lo so. Ho dato un’occhiata in giro e ho notato che qui non c’è venuto nessuno da quando sono arrivato. Deve essere una tenda di riserva.”
“Allora sbrighiamoci.”
Tolse la mantellina dalle spalle e slacciò la blusa che aveva indossato sopra la camicia. Rann l’aiutò a slacciare i legacci che assicuravano la spada. Lui la soppesò tra le mani.
“È bella” disse.
Valya gliela strappò di mano. “Non toccarla.” Davanti all’espressione delusa di Rann si sentì in colpa. “Per favore. Ti ho detto che ci tengo parecchio, no?”
Rann l’aiutò a indossare l’armatura e per ultimo l’elmo.
Valya si concesse qualche minuto per abituarsi e reprimere l’istinto di strappare via la celata e tornare a respirare.
Rann nel frattempo assicurò i legacci stringendoli.
“Non troppo stretti” disse Valya.
“Devono essere così o un colpo molto forte potrebbe strapparti via uno spallaccio o un gambale.”
Fece qualche passo per abituarsi alla corazza. “È più comoda di ieri” disse.
“Ho fatto qualche modifica stanotte.”
Un corno risuonò sopra l’accampamento.
“È l’ordine di radunarsi” disse Rann.
Uscirono dalla tenda e quasi vennero investiti da un uomo in armatura che camminava con passo spedito.
“Aspetta” gli gridò dietro Valya. “Tu.”
L’uomo si voltò verso di lei. “Che vuoi?”
“Dove stanno andando tutti?”
“Lì” rispose indicando una tenda più grande delle altre. In cima svettava il vessillo di Ferrador e quello di altre casate nobili.
“A fare cosa?” domandò Valya, ma l’altro si era già rimesso in marcia.
Altri combattenti si mossero tra le tende marciando in file disordinate che confluivano verso la tenda.
“È il posto in cui i partecipanti devono radunarsi” le spiegò Rann.
“Che cosa devo fare?”
“Non lo so” disse il ragazzo. “Vai insieme agli altri.”
“E tu?”
“Devo tornare alla forgia” rispose Rann nervoso. “Sono stato via già troppo.”
“Giusto, non voglio trattenerti. Se ti chiedono dove sono sai cosa rispondere, vero?”
Rann annuì. “Sei tornata alla forgia e sei andata nella stanza di tuo padre a cercare dei cari ricordi di famiglia. Sei rimasta lì dentro per tutta la giornata, fino a quando non ha fatto buio.”
Era una scusa patetica, ma non era riuscita a pensare a niente di meglio. Le serviva solo del tempo da poter passare al torneo senza che nessuno desse l’allarme perché era scomparsa e venisse a cercarla. Quello avrebbe rovinato tutto facendola finire nei guai.
“Allora vai” lo incitò Valya.
“Stai attenta” disse Rann. “E ricorda che la corazza è solida ma non indistruttibile.”
Valya guardò il vessillo sopra la tenda e trasse un profondo sospiro.
 
Un ometto dall’aria annoiata sostava fuori dall’ingresso, accompagnato da due guardie armate di lancia e scudo. I partecipanti al torneo venivano fermati e scambiavano due parole con lui prima di proseguire oltre.
Valya attese paziente che arrivasse il suo turno e quando si ritrovò di fronte all’ometto si rese conto di stare sudando.
“Fermo tu” disse l’uomo col palmo della mano rivolto verso di lei.
Valya si arrestò all’istante.
Ecco, si disse, mi ha già scoperta.
“Il tuo numero” disse l’ometto.
Ora mi dirà che devo tornare indietro.
“Il tuo numero, svelto.”
O saranno le due guardie a prelevarmi e portarmi al castello, dove…
“Non ci senti dentro quell’elmo? Ho detto il numero.”
“Quattrocentoquaranta” disse Valya con un filo di voce.
L’ometto grugnì qualcosa. “Fammi vedere il foglio col timbro.”
Valya tirò fuori la pergamena che Rann le aveva dato e gliela porse.
L’uomo le gettò un’occhiata rapida. “Sì, bene. Gabbia numero sette. Avanti il prossimo.”
Valya non si mosse.
“Ho detto gabbia numero sette. Il prossimo” disse l’uomo spazientito.
“Posso andare?” chiese.
“Sì, per tutti gli inferi” sbottò l’uomo. “Vai adesso. Non abbiamo tutta la giornata e siamo già in ritardo.”
Valya lo superò e seguì il fiume di armature che si muoveva pigro verso lo spiazzo successivo, occupato da gabbie abbastanza grandi da poter ospitare quaranta o cinquanta persone.
Dentro ogni gabbia erano state sistemate delle panche che correvano lungo i lati. Molte di esse erano già occupate da combattenti. Qualcuno si aggirava lì attorno o scambiava qualche parola con gli altri partecipanti.
“Accetto scommesse” stava dicendo un uomo di mezza età che non indossava l’armatura. “Travik il Bello è dato come favorito per la vittoria.”
Uno dei combattenti gli si avvicinò. “Che mi dici di Slemm?”
“Slemm Mezzocchio è dato favorito per la vittoria di cinque incontri. Vuoi scommettere su di lui o contro di lui?”
Il combattente sembrò rifletterci.
“Dieci monete se vince sei incontri, cinque se ne vince tre o meno.”
“Io dico che ne vince sette” disse il combattente.
“Per quello devi scommettere trenta monete.”
“E se indovino quante ne vinco?”
“Dieci volte la posta.”
Il combattente lo guardò accigliato.
“Trecento monete” rispose l’uomo. “Duecentosettanta, visto che la tassa sulle scommesse è di una moneta ogni dieci vinte.”
“Metti trenta monete su Slemm” disse il combattente passandogli un sacchetto.
“Trenta monete su Slemm vincente in sette incontri” disse l’uomo scrivendo su una pergamena.
Valya li superò entrambi e adocchiò uno stendardo piantato all’ingresso di una delle gabbie. Sulla stoffa bianca era stato scritto il numero sette.
La mia gabbia, pensò con un misto di timore e di sollievo.
Davanti all’ingresso un ragazzo con una cesta poggiata tra i piedi attirò la sua attenzione.
“Prendi” disse porgendole un rotolo di cuoio.
Valya lo guardò perplessa.
Il ragazzo srotolò il cuoio. “Devi avvolgerlo attorno alla spada fino alla punta. È per evitare che vi tagliate combattendo.”
Valya prese il rotolo tra le mani. “Grazie” disse al ragazzo.
Lui rispose con un’alzata di spalle.
Entrando fu colpita dal silenzio che aleggiava tra i combattenti seduti sulle panche. Un paio, i più anziani, fissavano il vuoto davanti a sé. Un ragazzo si guardava attorno muovendo la testa a scatti come se non sapesse decidersi da che parte volgersi. Un uomo mormorava sottovoce una cantilena mentre sfregava le mani una sull’atra come se le stesse lavando.
Valya cercò un posto distante dall’uscita e dagli altri combattenti e sedette col cuore che le batteva forte nel petto.
Estrasse la spada e il battito si calmò all’istante. Le bastò stringere l’elsa per sentirsi pervadere da un senso di sicurezza e di forza.
Con quella spada era certa di poter battere chiunque in quella gabbia e in tutte le altre, non importava quanto fossero forti, abili o esperti.

Prossimo Capitolo Domenica 21 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 49
*** Ricordi ***


Ricordi
 
“Trecentodiciannove” disse l’uomo affacciandosi sulla soglia della gabbia.
Un ragazzo si alzò in piedi su gambe malferme. Indossava un’armatura fatta di pezzi spaiati e ammaccati, come se li avesse messi insieme a caso. Dalla cintura spuntava l’elsa di una spada.
Valya ci fece caso appena mentre lo osservava incamminarsi verso l’uscita con passo malfermo.
“Sei tu il trecentodiciannove?” gli chiese l’uomo.
Doveva essere stato incaricato dagli organizzatori di chiamare i combattenti o qualcosa del genere, Valya non ne era sicura. Non aveva chiesto a Rann come funzionava il torneo e quali erano le regole.
Il ragazzo mostrò all’uomo una pergamena. Lui la guardò appena. “Vieni con me.”
Il ragazzo lo seguì a testa bassa.
Uno dei combattenti seduti nella gabbia insieme a lei emise un brontolio e sputò a terra. “Lo conosco quel ragazzo” disse scuotendo la testa. “Viene da un villaggio vicino al mio. A malapena sa reggere la spada. Non durerà a lungo.”
“Se la pensi così” gli rispose uno dei combattenti con l’armatura migliore nella gabbia. Valya l’aveva notato perché sedeva in silenzio e osservava tutti con gli occhi socchiusi. Si era soffermato anche su di lei e aveva proseguito subito. “Perché non scommetti contro di lui?”
Il tizio che aveva parlato per primo ghignò. “Chi ti dice che non l’abbia fatto?”
Dall’arena giunse un boato che la fece sussultare, seguito da uno scroscio di applausi e grida.
Il tizio che osservava tutti gettò una rapida occhiata verso l’esterno per poi tornare a interessarsi dei suoi compagni.
“Ti conosco?” le domandò con gli occhi ridotti a due fessure.
Valya deglutì a fatica e scosse la testa.
“Da dove vieni?”
“Cambolt” disse sperando che il tizio non fosse di quelle parti. Non conosceva il suo volto ma poteva venire da un villaggio vicino o essersi passato per caso.
Il tizio si strinse nelle spalle. “Mai sentito nominare. Io sono di Ferias e mi chiamo Bazon.”
Valya lo fissò in silenzio mentre lui sembrava in attesa di una sua risposta.
L’uomo che aveva sputato a terra emise una risata roca. “Non ha molta voglia di chiacchierare questo qui” disse con tono allegro.
“Nemmeno io” fece Bazon. “Ma è da maleducati non rispondere a una domanda.” Si alzò di scatto. “Forse qualcun dovrebbe insegnargli un po’ di buone maniere a questo qui.”
Valya si concesse qualche istante per studiare la sua figura. Bazon era alto e massiccio e indossava una cotta di maglia con spallacci di metallo e un elmo aperto che lasciava intravedere un viso duro, col naso a patata e la barba ispida.
Quando si alzò a sua volta, l’uomo la superava ancora di una testa e mezzo.
Bazon le scoccò un’occhiata in tralice. “Mi devi delle scuse, Cambolt.”
Da dietro la celata Valya sperò che non si accorgesse che stava sudando. “Se ti ho offeso, ti chiedo scusa.”
Bazon grugnì qualcosa. “Certo che mi hai offeso, pezzo d’idiota. Nessuno ignora una domanda di Bazon Spadanera. E se lo fa vuol dire che sta cercando guai. Guai grossi.”
Il tizio che aveva sputato esplose in una sonora risata.
Bazon si voltò di scatto. “Che hai da ridere tu?”
Il tizio si piegò in due e rise fino a singhiozzare.
Bazon marciò verso di lui con passo deciso, come se volesse travolgerlo. “Ti ho chiesto” iniziò a dire.
Il vecchio si sollevò di scatto e gli assestò un pugno in pieno viso.
Bazon indietreggiò di un paio di passi, il naso che colava sangue come una fontana.
Nelle mani del vecchio guerriero apparve un bastone di legno che fece roteare un paio di volte fendendo l’aria.
Bazon fece per impugnare la spada ma il bastone del vecchio scattò in avanti colpendolo al dorso della mano. Bazon grugnì per il dolore e si ritrasse.
Il vecchio avanzò di un passo senza smettere di roteare il bastone.
Valya lo guardò senza riuscire a staccare gli occhi mentre eseguiva una danza veloce sulle punte evitando un affondo di Bazon e rispondendo con due colpi veloci assestati al ventre dell’avversario.
Bazon si piegò in due e il vecchio ne approfittò per colpirlo alla schiena e poi al collo.
Il vecchio andò a sedersi un attimo prima che nella cella entrasse uno degli organizzatori. I suoi occhi caddero su Bazon, chinato a terra e dolorante.
“Che sta succedendo qui?” chiese guardandosi attorno.
Valya valutò se fosse il caso di dirgli che cosa era accaduto, ma decise di restare zitta e aspettare che fossero il vecchio e Bazon a spiegare.
“Allora?” chiese l’organizzatore. “Niente risse nelle gabbie o vi faccio squalificare. Risparmiate le forze per l’arrena.” Trasse un foglio di pergamena dalla tasca. “Il numero seicentodiciassette.”
Un uomo dalla barba nera e folta si alzò di scatto. “Sono io.”
“Con me” rispose l’uomo.
Bazon rimase a terra per qualche minuto, poi si trascinò dolorante verso la panca e vi sedette. Ogni tanto guardava il vecchio e Valya, ma non disse una parola.
Valya trovò il coraggio di alzarsi e andò a sedersi accanto al vecchio. “Grazie” disse. “Per avermi aiutato.”
Il vecchio ghignò. “Non l’ho fatto certo per te. Mi andava di tirare due affondi, tutto qui. A stare seduto nella gabbia le mie povere ossa arrugginiscono come il ferro di cattiva qualità.”
“Tu usi quello per combattere?”
Il vecchio diede due colpi a terra con la punta del bastone. “Bello, vero? Ed è anche poco costoso.”
“Credevo si potesse partecipare solo con una spada.”
“Le regole non lo vietano” disse il vecchio. “Basta usare qualsiasi arma che non tagli o sfondi un’armatura e sei a posto. È per questo che ti fanno usare quelle strisce di cuoio.”
Valya ci aveva messo un po’ per capire come andava avvolta attorno alla lama e poi fissata, ma aveva fatto un buon lavoro a suo parere.
“Hai già partecipato ad altri tornei come questo?”
“Per me è il primo” rispose il vecchio. “Ma nelle gabbie ci sono dei veterani. È gente che gira per il continente partecipando a tornei e giostre. Quelli sono pericolosi, non come quel fatokk lì” concluse indicando Bazon con un gesto del capo.
Valya non aveva idea di cosa significasse fatokk, ma non doveva essere un complimento.
Bazon gli rivolse un’occhiata piena di livore.
“Anche per me è il primo” disse lei cercando di essere cortese.
“È il primo per quasi tutti quelli che vedi qui dentro” disse il vecchio rilassandosi sulla panca.
“Tu perché partecipi?”
“Per i soldi” disse il vecchio. “La governatrice ha messo un bel premio per chi vince.”
“E speri di prenderlo tu?”
Lui sorrise. “Non sono così forte, anche se potrei mettere sotto la maggior parte dei combattenti. Mi basta vincere quattro o cinque scontri e poi ritirarmi. Il premio per ogni vittoria è di venti monete.”
Valya fissò un punto tra i suoi piedi. “Io voglio vincere” disse dopo un breve silenzio.
Il vecchio tossì. “Sai cosa diceva mio fratello prima di andare in battaglia? Prima di vincere pensa a sopravvivere.”
Valya cercò di sistemarsi meglio sulla panca. L’armatura le dava fastidio all’altezza delle giunture, dove Rann non aveva avuto il tempo di perfezionare le cerniere che tenevano insieme i vari pezzi. Ogni tanto doveva allungare un braccio o una gamba per rilassare i muscoli e impedire che si intorpidissero.
Dopo qualche tempo trovò una posizione comoda e si rilassò, lasciando correre i pensieri.
Dall’esterno giunsero i suoni della folla. Urla, rumore di metallo che veniva battuto, persino il pianto di un bambino in lontananza. Tutto si mischiò in una cacofonia di rumori che le giungevano attutiti.
Tornò con la mente a Cambolt, ai tornei che aveva fatto con Hagen e gli altri ragazzi del villaggio, mentre Brenye ed Enye li osservavano annoiate e desiderose di tornare a esplorare i dintorni invece di stare lì a fingere di essere famosi cavalieri e principesse.
Erano stati Hagen e Faald, il ragazzo della fattoria dei Logrin, a costruirle la prima spada di legno, quasi per gioco.
Faald l’aveva sconfitta facendole sfuggire di mano l’arma improvvisata tra le risate di tutti quelli che guardavano. Valya aveva raccolto l’arma e aveva sfidato di nuovo il ragazzo.
A Faald erano bastati due affondi per disarmarla di nuovo.
La spada era pesante e sbilanciata e l’impugnatura troppo grossa per le sue mani da ragazza, ma Valya l’aveva portata a casa e di nascosto dal padre aveva usato il raschiello per adattarla alla sua misura.
Quando il giorno dopo era tornata dai ragazzi, aveva subito sfidato Faald.
Un’altra sconfitta peggiore della prima e Valya aveva trattenuto a stento le lacrime.
Era stato Hagen a dirle come doveva tenere la guardia bassa quando Faald faceva quella finta con le gambe che lei non riusciva mai ad anticipare.
Aveva sfidato di nuovo Faald e questi di nuovo l’aveva battuta, anche se Valya si era allenata sulla finta e la guardia.
“Non lo batterò mai” aveva detto ad Hagen.
“Sì, è probabile.”
Lei gli aveva rivolto un’occhiata furente e lui aveva sorriso.
“Faald ha un fratello maggiore che fa la guardia alla fortezza. So che gli fa usare la sua spada per tirare qualche colpo. Faald se ne vanta spesso quando ne parliamo.”
Dunque è questo il suo segreto? Si era detta Valya. Faald può allenarsi usando una vera spada e io ho solo questa.
E poi aveva trovato la vecchia spada arrugginita che suo padre aveva gettato tra quelle che doveva fondere per ricavarne una nuova.
Valya l’aveva presa senza quasi pensarci.
Non la sto rubando, si era detta. La rimetterò a posto dopo che avrò finito. Devo trovare solo un posto tranquillo dove potermi allenare.
Nelle lunghe camminate che lei e i ragazzi del villaggio facevano, avevano scoperto parecchi posti tranquilli attorno alle colline e dentro i boschi che le circondavano.
Uno di questi era una radura che si poteva raggiungere dopo una faticosa arrampicata. Valya vi era passata un paio di volte studiando il percorso, facendo caso se vi fossero le tracce di qualcuno che fosse passato di lì e assicurandosi che dall’esterno non fosse visibile chi si trovava all’interno.
Due giorni dopo era uscita di casa dicendo a suo padre che andava da Brenye, ma in realtà si era diretta alla radura. E aveva con sé la spada, nascosta dietro la schiena. Non che Simm Keltel le avesse rivolto una sola occhiata mentre usciva di casa, ma le era sembrato più prudente fare così.
Aveva raggiunto la radura e aveva saggiato la spada fendendo l’aria. Un tronco spezzato in due dal vento e rinsecchito era diventato il suo manichino di allenamento. Ogni giorno immaginava che fosse un avversario diverso: a volte era un cavaliere senza nome che insidiava i dintorni di Cambolt, altre il povero Faald che cadeva sotto i suoi colpi, altre l’arcistregone Malag o uno dei suoi leccapiedi.
Aveva perso il conto di quante volte aveva affondato la spada nel legno marcito del tronco…
Quattrocentoquaranta.
Sì, forse un numero del genere, pensò.
Era andata alla radura tutte le volte che poteva assentarsi senza destare sospetti in suo padre. Ogni volta usava una scusa diversa ma dopo un po’ lui aveva smesso di chiederle dove andasse tutti i giorni. Forse pensava che alla figlia piacesse fare lunghe passeggiate nei boschi o forse non gli importava.
Valya non se l’era chiesto e aveva approfittato della distrazione di suo padre per allenarsi con la spada. Era andata avanti per intere Lune, finché Ros Chernin non l’aveva scoperta.
Non aveva idea di come avesse fatto a trovarla, ma un giorno se l’era ritrovato di fronte all’improvviso. Per un attimo aveva temuto che la stesse spiando, ma anche lui sembrava sorpreso di vederla lì.
O forse stava solo mentendo, si era detta molto dopo, quando suo padre aveva cercato di cacciarli dalla forgia minacciando i loro clienti.
Ros aveva anche osato offrirle delle monete.
Quattrocentoquaranta.
No, si disse, erano di meno. Non molto, forse trecento. In quel momento non ricordava bene e nemmeno le importava. Ricordava ancora la soddisfazione che aveva provato buttando le monete nel pozzo e il viso costernato di Ros Chernin non faceva altro che aumentare il piacere che provava ricordando quel giorno.
Ci è rimasto davvero male, pensò. Ci sarei rimasta male anche io.
Non era pentita di averlo fatto. In fondo suo padre era responsabile del debito che avevano.
Quattrocentoquaranta.
No, pensò. Erano almeno duemila, aveva detto papà.
“Quattrocentoquaranta dannazione” gridò qualcuno. “È l’ultima volta che ti chiamo. Se non ti alzi e vieni qui dirò ai giudici che non vuoi combattere e ti farò squalificare.”
Quattrocentoquaranta, pensò. Sono io. È il mio numero.
Valya si alzò di scatto e quai inciampò quando fece un passo avanti.
Davanti all’ingresso uno degli organizzatori la fissò con astio. “Sei tu il quattrocentoquaranta?”
“Sì” disse Valya.
“Ti eri addormentato per caso? Ti ho chiamato tre volte.”
“Chiedo perdono” disse cercando di mostrarsi dispiaciuta. “Ero distratto.”
L’altro grugnì qualcosa. “Vieni con me” disse indicando l’uscita.
“Dove?”
“All’arena, dove se no? È il tuo turno. Devi combattere.”

Prossimo Capitolo Giovedì 25 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 50
*** Nell'arena ***


Nell’arena
 
Valya uscì dalla gabbia su gambe malferme. Per un attimo, sotto il sole che batteva sulla piazza, le parve di vacillare.
Il tizio che la precedeva le rivolse un’occhiata fugace. “Che hai? Vuoi ritirarti?”
“No” disse cercando di mantenere ferma la voce.
L’uomo rispose con un’alzata di spalle e si avviò.
Valya lo seguì in mezzo alle gabbie che erano state montate in modo da lasciare uno spazio sufficiente a far passare un paio di persone affiancate.
Attraverso le sbarre colse occhiate fugaci di uomini e ragazzi. Uno aveva gli occhi chiuse e sembrava dormire, tranne per il fatto che mormorava qualcosa a bassa voce.
Forse sta pregando, pensò Valya.
Un ragazzo fissava con aria assente le mani che gli tremavano.
Un uomo di mezza età conversava con un altro sputacchiando tra una parola e l’altra.
Due tizi si urlavano addosso ma non sembravano minacciosi.
Forse è solo il loro modo di salutarsi, si disse.
Appena oltre le gabbie si apriva uno spazio più ampio a forma di falce che occupava metà della piazza. In fondo si intravedevano i recinti che aveva osservato dall’alto. Attorno a ognuno di essi c’era una folla che urlava e batteva le mani contro le palizzate di legno. Queste erano abbastanza alte da impedire che qualcuno potesse cadere per sbaglio nell’arena, ma le guardie osservavano severe quelli che cercavano di arrampicarsi per vedere meglio. Un paio di ragazzi più intraprendenti degli altri azzardarono a salire sulla palizzata e vennero afferrati per le gambe e scaraventati giù dalle guardie tra le risate generali.
Distratta dai recinti quasi calpestò un tizio che era riverso a terra. Valya balzò di lato per evitarlo e gli rivolse una rapida occhiata.
Un uomo vestito di bianco era chino al suo fianco e scuoteva la testa. “Ho paura che dovrò tagliare” stava dicendo. “Marrys, prendi la sega dentro la borsa” aggiunse facendo un cenno con la mano a un ragazzo sui vent’anni che era in piedi a qualche passo di distanza.
Appena oltre, un uomo barcollava, il viso insanguinato. “Quel bastardo mi ha cavato un occhio” stava gridando con voce roca. “Quel maledetto bastardo mi ha cavato un occhio.”
Due ragazzi vestiti di bianco le tagliarono la strada. Trasportavano un uomo disteso su una barella che aveva le mani protese verso l’alto e si lamentava.
“Non sento le gambe” esclamò l’uomo. “Non sento le gambe.”
Valya deglutì a vuoto e continuò a seguire il tizio dell’organizzazione che si muoveva tra i feriti e quelli che si lamentavano.
Un ragazzo dal viso pallido si parò davanti a loro. Aveva gli occhi spalancati e reggeva qualcosa all’altezza del ventre che era imbrattato di sangue.
“Mi serve un guaritore” disse con voce flebile.
Il tizio dell’organizzazione gli diede una rapida occhiata. “Chiedi a Gonn di farti ricucire. È da quella parte” aggiunse indicando l’altra estremità della piazza con un gesto vago della mano.
Il ragazzo barcollò da quella parte e sparì tra la folla.
Il tizio che la precedeva scosse la testa. “Non arriverà a stasera” disse. “Noi facciamo quello che possiamo per impedire che qualcuno si faccia male, ma non è che possiamo controllare tutti. Se qualcuno si porta addosso un pugnale o uno stiletto e lo tira fuori durante il combattimento, lo possiamo solo squalificare.”
Valya lo affiancò. “Sai dirmi con chi devo combattere?”
Il tizio consultò la pergamena. “Il seicentodue.”
“Qual è il suo nome?”
“E cosa vuoi che ne sappia io? A me dicono solo il numero e la gabbia.”
Valya si morse il labbro inferiore e lo seguì in silenzio.
L’uomo si fermò davanti alla porta di legno che chiudeva uno dei recinti. Delle transenne impedivano alle persone all’esterno di riversarsi nel passaggio, che doveva essere riservato ai combattenti.
La porta si aprì e fece capolino il viso abbronzato di un uomo di mezza età. “Sbrigati a entrare, siamo già in ritardo e la gente sta iniziando a spazientirsi.”
Valya guardò il tizio dell’organizzazione me lui era già andato via. Sospirò ed entrò nel recinto.
Il tizio abbronzato le indicò il centro dello spiazzo delimitato dalle palizzate. Valya non era molto brava a misurare a occhio, ma ogni lato doveva essere lungo almeno trenta passi.
Oltre la palizzata intuiva la presenza degli spettatori e alzando gli occhi poteva vedere le tribune ergersi attorno alla piazza.
Al centro esatto c’era un uomo con un vestito rosso che sembrava in attesa. Qualche passo più lontano, un secondo uomo, in aratura di anelli e un elmo che gli copriva solo la parte superiore del viso lasciando scoperti bocca e mento.
“È tutto tuo, Nel” disse il tizio abbronzato. “Vai, svelto. Sei già in ritardo.”
Valya avanzò incerta fino al centro dello spiazzo, gli stivali che sollevavano piccoli sbuffi di sabbia a ogni passo.
Il tizio di nome Nel le gettò un’occhiata annoiata. “Sei in ritardo.”
“Chiedo scusa” disse Valya.
L’uomo col mezzo elmo fece un paio di passi verso di loro.
“Prima di cominciare, devo ricordarvi le regole dello scontro” disse Nel. “Niente lame taglienti. Se vi vedo con un coltello o uno spadino, vi faccio tagliare le mani, capito? Abbiamo avuto già una decina di morti e altri ne avremo prima di sera, ma abbiamo promesso alla governatrice che non sarebbero stati più di trenta e voglio mantenere la promessa. Anche perché per ogni morto ci tolgono dieci monete dalla diaria. Si combatte finché uno non si arrende o è a terra inerte. Se il vostro avversario non si muove, andate in uno degli angoli e aspettate che il giudice dello scontro verifichi se è in grado di riprendere a combattere. In nessun caso dovete colpire il vostro avversario dopo che si è arreso o se è a terra immobile, capito?”
Valya fece un cenno di assenso con la testa.
“Bene” disse Nel. “Io sono il giudice dello scontro. Ora dite ad alta voce i vostri nomi.”
Valya non aveva pensato a un nome, ma non poteva usare il suo.
“Val” disse con voce appena udibile.
Nel si accigliò. “Puoi ripetere, scusa?”
“Val” ripeté con tono più deciso.
Nel annuì. “E tu uomo in maschera?”
“Ahthar di Inarya” rispose l’altro.
“Bene” disse Nel ad alta voce. “Val contro Ahthar” aggiunse rivolto al pubblico che doveva trovarsi oltre la palizzata.
Valya li udì sbattere le mani contro il legno facendolo ondeggiare.
“Appena sarò andato via iniziate lo scontro.”
All’improvviso desiderava non essere mai stata lì e di non aver mai chiesto a Rann di iscriverla. Valya strinse la spada nella mano cercando di calmare il respiro. Le bastò quello che cancellare in parte quel pensiero e darle vigore.
Nel la superò e lei gli rivolse una breve occhiata.
“Io” iniziò a dire.
Una forza spaventosa le colpì la schiena sbalzandola in avanti. Fece appena in tempo a mettere le mani in avanti d’istinto per proteggersi dalla caduta. Sbatté sul suolo e la spada le sfuggì di mano ruzzolando via per qualche passo.
“Così è troppo facile” udì una voce dire sopra di lei.
Si girò di scatto, trovandosi Ahthar che torreggiava sopra di lei, una spada corta nella mano sinistra.
Il guerriero sollevò la spada e l’abbatté sul petto di Valya. Il dolore avvampò nel punto dove l’aveva colpita e temette che le avesse spezzato le costole, ma quando Ahthar sollevò di nuovo la spada, sembrava sorpreso.
“La tua corazza è dura” disse il guerriero.
“Non immagini quanto” disse Valya girandosi e rotolando di lato verso la spada.
Ahthar balzò nella stessa direzione e la raggiunse, calò la gamba sul suo addome e la colpì facendo peso col suo corpo.
Valya gridò per il dolore e la sorpresa. Per sottrarsi all’attacco rotolò nella direzione opposta e Ahthar la seguì con ampi passi.
Valya si rialzò puntellandosi su entrambe le braccia ma lui la raggiunse e l’afferrò per l’inguine, sollevandola all’altezza del suo petto.
“Sei leggero” disse il guerriero.
Valya lottò contro la sua presa scalciando e dimenandosi, ma lui la tenne bloccata nella morsa delle sue braccia.
“Se la mia spada non rompe la tua corazza, dovrò rompere te” disse Ahthar.
Valya si sentì sollevare da terra e poi, come sospesa in un sogno, vide la sabbia dell’arena scivolare sotto di lei. L’impatto con la palizzata le tolse il fiato e la vista le si annebbiò per qualche istante. Ricadde a terra sbattendo la testa e mordendosi la lingua.
Annaspò per girarsi e rimettersi in piedi, la celata che le impediva di guardare bene cosa stesse accadendo. Cercò Ahthar con lo sguardo e lo trovò chinato in avanti, la mano protesa verso la sua spada.
“Non la toccare” disse con voce impastata.
“È una buona lama” disse il guerriero. “Sembra più pesante della mia. Con questa aprirò quella corazza di sicuro.”
Valya sentì la rabbia montarle dentro. “Non la toccare” ringhiò.
Le dita di Ahthar sfiorarono l’elsa della spada e il suo braccio venne avvolto da un leggero crepitio di scintille. Fu così veloce che a Valya sembrò durare un attimo.
Il guerriero ritrasse la mano come se un serpente l’avesse morso. “La tua spada mi ha morso” esclamò sorpreso.
Valya balzò in piedi e caricò con la testa abbassata in avanti. Ahthar si girò verso di lei e l’afferrò per le spalle, accompagnando la sua carica col corpo.
Caddero una sopra l’altro e Valya si sentì spingere verso l’alto e poi in avanti eseguendo una capriola sopra il guerriero.
Quando atterrò di schiena tutto il fiato che aveva in corpo le uscì di botto.
Ahthar fu subito in piedi e l’afferrò per le spalle, costringendola a rialzarsi. “Ora mi hai stancato” disse trascinandola senza tante difficoltà verso la palizzata.
Valya puntò i piedi per impedirgli di sollevarla di nuovo, ma il guerriero invece l’afferrò per le spalle e la scaraventò contro la palizzata.
Lei stava per ricadere all’indietro quando lui la riafferrò per le spalle e la scaraventò di nuovo contro il duro legno. Valya ricadde all’indietro, il terreno che sembrava molle come se avesse piovuto per giorni. Una volta aveva provato ad attraversare un pantano ed era rimasta intrappolata con uno stivale dentro il fango e…
Ahthar la sollevò afferrandola per il collo e dopo aver preso una leggera rincorsa fece per scagliarla di nuovo contro la palizzata.
Invece di puntare i piedi a terra Valya li sollevò in avanti rivolgendoli verso la palizzata e quando gli stivali la colpirono, con un colpo di reni diede una spinta decisa all’indietro, puntando la testa verso l’alto.
La sommità dell’elmo colpì il mento di Ahthar. Il guerriero gemette e mollò la presa sul suo corpo barcollando all’indietro di qualche passo.
Intontita, la vista che a malapena riusciva a mettere a fuoco la scena, Valya si trascinò a quattro zampe verso la spada.
Dietro di lei Ahthar si chinò per afferrarle la gamba, ma Valya si gettò in avanti e con la mano protesa afferrò l’elsa della spada.
Nello stesso istante sentì rifiorire le forze e la determinazione. Con un gesto fluido balzò in piedi, la spada ben salda nella mano.
L’aria sembrò tremare attorno al suo corpo, come se si stesse addensando. Ahthar, che fino a un attimo prima le sembrava forte e possente, ore le appariva come piccolo e patetico mentre arrancava lento per raggiungerla.
Non ti permetterò più di toccarmi, pensò.
Valya attesa che si avvicinasse prima di scattare in avanti. Il guerriero sollevò la spada e tentò un affondo. Lei scartò di lato facendosi sfiorare al fianco dall’arma e dopo una mezza piroetta tirò un affondo sulla lama.
Ahthar ruotò su sé stesso per fronteggiarla, ma Valya gli volteggiò attorno come se stesse eseguendo una danza. In quel momento si sentiva forte e sicura di sé e aveva l’impressione che niente e nessuno potesse farle del male.
Si posizionò alle spalle di Ahthar e lo colpì alla schiena con tale forza da piegarlo in due. Il guerriero barcollò in avanti e Valya lo colpì di nuovo, stavolta alla spalla. Lui cercò di voltarsi e colpirla con un fendente, ma lei si era già mossa e con il piatto della spada colpì la gamba del guerriero facendolo crollare in ginocchio.
In quel momento voleva rendergli tutti i colpi che le aveva inferto. Sollevò la spada e lo colpì al petto, sospingendolo all’indietro. Ahthar vacillò e lei gli assestò un calcio al collo.
Il guerriero venne spinto all’indietro e atterrò sulla schiena.
Valya gli balzò addosso e sollevò la spada, pronta ad affondare un altro colpo.
“Basta, fermo” gridò una voce alle sue spalle.
Valya, la spada sollevata sopra la testa, si voltò di scatto e incrociò lo sguardo di Nel, il giudice di quello scontro.
L’uomo si stava sbracciando. “Si è arreso, dannazione. Non l’hai sentito?”
Valya respirò a fondo. “Arreso?” chiese con voce affannata.
Nel guardò Ahthar. “Per fortuna non l’hai ucciso o saresti stata squalificata.”
Valya guardò il guerriero disteso a terra, la bocca che si muoveva mormorando qualcosa.
“Arrendo” colse nel borbottio sommesso. “Arrendo.”
“Sì, sì” disse Nel. “Ti ha sentito.” Rivolse un’occhiataccia a Valya. “Ora sei segnalata. Se lo fai di nuovo dovremo squalificarti.”
Valya si strinse nelle spalle. “Mi spiace, non volevo” disse imbarazzata. “Ti chiedo scusa.”
Ahthar fece un gesto vago con la mano.
“Vieni al centro dell’arena.”
Valya lo seguì. Sentiva ancora il potere fluire dentro il suo corpo e con esso la tentazione di continuare a colpire il povero Ahthar e chiunque le si fosse parato davanti, ma respirando a fondo riuscì a dominare quella sensazione.
Ora che non stava più combattendo sentiva di poter controllare quella rabbia.
Respirò a fondo mentre Nel si posizionava al centro dell’arena con lei al fianco.
“Il vincitore dello scontro” disse l’uomo ad alta voce. “Val.”
Dalla folla si alzò qualche grido e un paio di ragazzi batterono le mani contro la palizzata producendo un frastuono che Valya avvertì appena.
Guardò Nel che le fece un cenno con la testa. Solo allora Valya alzò il braccio che reggeva la spada.
“Sì” esclamò. “Ho vinto.”

Prossimo Capitolo Domenica 28 Febbraio

Ritorna all'indice


Capitolo 51
*** Vittoria ***


Vittoria
 
Ho vinto, pensò sedendosi sulla panca. Era stata riportata nella gabbia.
“Aspetta qui. Riposati per il prossimo scontro” le aveva detto il tizio che era venuta a prenderla la prima volta.
Valya si era seduta ubbidiente, le mani che le tremavano e le gambe che sembravano reggerla a stento. Dopo lo scontro la forza che l’aveva pervasa era sparita, lasciandola spossata e stanca.
Devo riposare, si disse. O non reggerò un altro scontro.
Il vecchio con il bastone la fissava dalla parte opposta della gabbia.
Lei ricambiò l’occhiata senza parlare.
“Lui com’era?” le chiese all’improvviso.
“Chi?”
“Il tizio cha hai battuto.”
Ahthar, pensò Valya. Si chiama Ahthar.
“Troppo lento” disse misurando le parole. “Tecnica rozza.”
Ferg Abbylan lo avrebbe descritto in quel modo. Erano le stesse parole che a volte rivolgeva a lei quando la rimproverava. Il che accadeva almeno una volta a lezione, se non due.
Il vecchio annuì solenne. “È stato un buono scontro almeno?”
Valya si sentiva ancora dolorante e intorpidita. Aveva preso un paio di botte sul petto e la schiena e doveva avere qualche livido, ma l’armatura l’aveva protetta come promesso da Rann. Aveva persino fermato la spada di Ahthar.
Appena lo rivedrò dovrò fargli i miei complimenti, si disse. Se li merita.
“La gente si è divertita” disse.
Ricordava le grida del pubblico che seguiva lo scontro e il battere ritmico contro la palizzata.
Il vecchio aveva annuito di nuovo. “La gente si è divertita. In fondo siamo qui per questo, no?”
Io sono qui per vincere, pensò Valya, ma non lo disse.
Non voleva mancare di rispetto al vecchio. In fondo l’aveva aiutata con quel tizio, Bazon.
A proposito, dov’è? Si chiese.
Nella gabbia il suo posto era vuoto.
Il vecchio si era sporto verso di lei. “Divertire il pubblico è tutto ciò che viene chiesto a noi combattenti.”
Valya serrò la mano sulla spada.
“Divertirli perché dimentichino.”
“Cosa?” gli chiese.
“Il motivo per cui si stanno divertendo tanto.” Il vecchio ridacchiò.
“Ancora stai a sentire quel vecchio?”
La domanda fece trasalire Valya, che si voltò verso l’ingresso della gabbia e incrociò lo sguardo irriverente e divertito di Bazon.
L’uomo avanzò sicuro e andò a sedersi di fronte a lei, l’elmo sotto il braccio destro e la spada nella mano sinistra.
“Sei sopravvissuto” disse con un mezzo sorriso. “Non l’avrei mai detto. Mi spiace di essermi perso il tuo scontro, ma mi hanno chiamato subito dopo di te.”
“Anche tu sei sopravvissuto” disse Valya con tono di sfida. Dopo aver lottato con Ahthar si sentiva più sicura e in grado di fronteggiare chiunque, specie uno come Bazon.
“Quello era scontato” disse l’uomo sistemandosi una ciocca di capelli. “Volevo chiederti scusa.”
Valya lo fissò sorpresa.
“Non posso vedere la tua faccia, ma immagino la tua espressione” proseguì l’altro. “Non mi piace provocare le persone ma a volte dico una parola di troppo e ho un brutto carattere.”
Valya si umettò le labbra.
“Che ne dici se ci mettiamo una pietra sopra?” le propose Bazon.
Valya non credeva che spostare una pietra cancellasse quello che era successo prima.
“È un modo di dire di Malinor” si affrettò ad aggiungere l’uomo. “Significa che dimentichiamo la vecchia ruggine. Non diventiamo amici ma non serbiamo rancore.”
Valya si ritrovò ad annuire. “D’accordo” disse con tono diffidente. “Buttiamoci una pietra sopra.”
“Mettiamoci” la corresse Bazon. “Ma va bene lo stesso, ci siamo capiti. Abbiamo già tanti nemici nell’arena, sarebbe inutile farsene degli altri, non credi?” Guardò il vecchio. “Anche per te va bene? Ci mettiamo una pietra sopra.”
“Io ho già dimenticato tutto” rispose.
“Bene” fece Bazon rilassandosi un poco.
Uno degli organizzatori fece capolino nella gabbia. “Settecentoundici” disse ad alta voce.
Il vecchio si alzò. “È il mio numero” disse mostrandogli la pergamena.
L’uomo lo guardò diffidente. “Non sei un po’ troppo vecchio per l’arena?”
“So ancora difendermi bene” rispose facendo roteare il bastone con una mano.
“La pelle è tua. Vieni.”
Quando il vecchio fu uscito, Valya tornò a rivolgersi a Bazon. Ora che non erano più in contrasto sentiva il bisogno di parlare con qualcuno per non pensare al prossimo scontro e nella gabbia nessun altro sembrava disposto a rivolgerle la parola.
“Sei di Malinor?” gli chiese.
“Non ho detto questo” rispose Bazon.
“Ma hai usato un modo di dire di quelle parti, l’hai detto tu.”
Bazon sorrise. “Malinor è grande e ha molti vassalli. La metà parla come loro o almeno ci prova. Non ci sono mai stato ma una volta mi hanno ingaggiato come mercenario per risolvere una disputa di confine tra due regni vicini.”
“Sei un mercenario? Hai combattuto in qualche battaglia?”
“In almeno sei” rispose Bazon. “E in un paio di casi ho combattuto per entrambe le parti in guerra.” Quel ricordo sembrò metterlo di buon umore. “E tu hai mai combattuto in una battaglia? Una battaglia vera, intendo, non lo spettacolo che hanno messo in piedi qui.”
Valya scosse la testa.
“Lo immaginavo. Da come parli, dal fatto che vuoi vincere. Sarà già tanto se ne verrai fuori senza qualche osso rotto.”
Valya strinse la spada per trarne forza, ma le parole di Bazon non scomparvero. “Che c’è di male a voler vincere?”
“Quelli che vogliono vincere sono quelli che muoiono per primi” rispose il guerriero.
“Quattrocentoquaranta” annunciò una voce sulla soglia della gabbia.
“Vogliono te” disse Bazon.
“Così presto?” si chiese Valya ad alta voce alzandosi. “Pensavo ci volesse più tempo tra uno scontro e l’altro.”
“Ora ci sono la metà dei combattenti di stamattina” disse Bazon. “E tra poco saranno la metà di quelli che sono presenti adesso.”
Valya seguì l’uomo che era venuta a chiamarla ripensando alle parole del mercenario. Il recinto non era lo stesso dello scontro con Ahthar e anche il giudice era diverso.
“Conoscete le regole?” domandò ai due combattenti.
L’uomo al centro dello spiazzo era alto e dal cranio lucido sotto il sole che si stava alzando. Aveva le maniche arrotolate fino ai gomiti che mettevano in mostra muscoli solidi coperti di tatuaggi. Non indossava l’armatura a parte un corpetto di cuoio e dei gambali, né un elmo. Al fianco aveva legata una spada dalla lama ricurva.
Mentre il giudice spiegava le regole Valya non perse di vista il suo avversario.
Stavolta non mi farò sorprendere, pensò studiando l’uomo dal cranio lucido.
L’altro le rivolse un’occhiata fugace, come se l’avesse notata appena.
“Ti ho chiesto come ti chiami e da dove vieni?” stava dicendo il giudice.
“Val” rispose. “Vengo da Ferrador.”
L’uomo emise un brontolio. “Val di Ferrador contro Rathal di Valinka” annunciò a voce alta. “Appena mi allontano potete iniziare.”
Valya sollevò la spada tenendola salda con la mano destra, mentre con la sinistra cercava di bilanciare il peso come Ferg le aveva insegnato.
Rathal estrasse la spada ricurva e fendette l’aria come a saggiarne la consistenza. Le strisce di cuoio avvolte attorno alla lama non nascondevano i tre pendagli appesi all’elsa e alla guardia. Erano di colore rosso acceso e quando si agitavano nell’aria tintinnavano.
Valya fece un paio di passi verso l’avversario, che rimase fermo, come in attesa. Rathal sollevò la spada puntandola verso di lei e facendola ruotare con un rapido movimento del polso.
I tre pendagli si muovevano veloci disegnando nell’aria delle figure che si mescolavano tra loro intrecciandosi e poi dissolvendosi quando assumevano una nuova forma, lasciando una scia che Valya percepiva ancora attimi dopo che il movimento era avvenuto. E le loro trasformazioni sembravano avvenire al ritmo del tintinnio che producevano, mescolandosi in…
Rathal scattò in avanti, il polso bloccato e la punta della spada rivolta al suo petto. Valya accennò appena a muoversi prima di essere colpita al centro dell’armatura ed essere sospinta indietro.
Rathal avanzò ancora incalzandola. Ogni affondo era un colpo che Valya riceveva in una diversa parte del corpo. Spalla, petto, gamba destra, braccio sinistro.
Valya balzò all’indietro per sottrarsi all’attacco ma lui avanzò con passi piccoli e rapidi coprendo la distanza che li separava per ricominciare a colpirla.
“Smettila” gridò Valya mettendo di traverso la spada per intercettare quella dell’altro.
Rathal si ritrasse e fece un passo indietro evitando il colpo per poi tornare ad avanzare un attimo dopo.
Valya distolse gli occhi dalla spada del guerriero per non lasciarsi distrarre dal movimento dei pendagli e l’altro ne approfittò per colpirla alla gamba destra poco sotto il ginocchio.
Strinse i denti per il dolore che le percorse la gamba e continuò ad agitare la spada per cercare di intercettare i colpi dell’avversario.
Sentiva dolore in tutti i punti dove Rathal l’aveva colpita.
L’armatura mi protegge dai danni, pensò Valya. Ma non dal dolore.
Rathal le concesse qualche attimo di pausa facendo roteare la spada con un rapido movimento del polso. Mentre si spostava di lato non smetteva di fissarla come se la stesse studiando.
Valya serrò la presa sull’elsa e percepì l’energia scorrere attraverso il braccio e nel resto del corpo. Rathal sembrò rallentare, come se si muovesse nella melassa. Anche l’aria divenne come solida. Poteva avvertirne la consistenza sulla pelle.
Il guerriero stava sollevando la spada per farla roteare di nuovo e aveva fatto due passi avanti quando Valya scattò verso di lui urlando e mulinando l’arma.
Rathal scartò di lato ma Valya cambiò direzione a sua volta e roteò la spada verso la sua spalla, colpendolo in pieno.
Il guerriero indietreggiò e lei lo incalzò colpendolo prima al fianco e poi alla gamba destra che cedette di schianto.
Anche da inginocchiato il guerriero non smise di roteare la spada col polso per cercare di colpirla.
Valya gli danzò attorno come aveva fatto con Ahthar, scegliendo con cura dove colpirlo e come. Il piatto della lama colpì il guerriero alla schiena, costringendolo a piegarsi in avanti. La spada gli sfuggì di mano rotolando nella sabbia.
Valya sollevò la spada per colpirlo di nuovo.
“Mi arrendo” disse Rathal alzando le mani. “Hai vinto.”
Delusa, Valya indietreggiò di qualche passo fino a trovarsi al centro dell’arena. L’energia della spada defluì e lei avvertì la stanchezza.
Ma anche la gioia.
il giudice dello scontro avanzò verso di lei e prese la sua mano. “Come ti chiami?”
“Val” rispose sicura.
“Il vincitore dello scontro” disse il giudice rivolto al pubblico. “Val.”
Il pubblico ruggì e il frastuono aumentò, ma Valya lo sentì appena.

Prossimo Capitolo Giovedì 4 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 52
*** Ultimo scontro per oggi ***


Ultimo scontro per oggi
 
La spada si abbatté sulla testa del guerriero strappandogli l’elmo, che cadde sul terreno e rimbalzò un paio di volte prima di fermarsi.
Valya, la spada ancora sollevata, guardò il guerriero ai suoi piedi, in ginocchio.
“Mi arrendo” stava dicendo, ma nel frastuono di quelli che urlavano e battevano le mani sulla palizzata lo udì appena.
“Val, Val, Val” gridavano.
Vedere le labbra muoversi e la sua espressione supplice le fu sufficiente per capire che aveva vinto.
Era la sesta volta da quando il torneo era iniziato. E per la sesta volta il giudice dello scontro sollevò il suo braccio annunciando a tutti il nome del vincitore.
“Val” gridò.
“Val, Val, Val” rispose il pubblico.
Valya si concesse un leggero inchino prima di dirigersi all’ingresso dell’arena, già aperto. Un guerriero era già in attesa lì accanto, l’espressione accigliata.
“Sbrigati a uscire” le disse con tono sgarbato. “Non abbiamo tutto il giorno.”
Valya stava per rispondergli a tono, quando notò la chioma bionda e il mantello rosso e nero.
È Donn, si disse. Il cane da guardia di Dalkon. Che ci fa qui nell’arena?
“È tutta tua” disse sfilando via senza guardarlo negli occhi. Si erano visti una sola volta ed ea sicura che lui l’avesse notata appena, ma non voleva correre rischi inutili.
Dietro di lui, il vecchio guerriero che l’aveva difesa da Bazon quella mattina. Lei lo salutò con un cenno della testa. “Devi combattere anche tu?”
Il vecchio annuì serio. “Con quello lì.”
“Donn?”
“È così che si chiama?”
“Io” disse Valya esitando. “Ne ho sentito parlare.”
Il vecchio assunse un’aria pensosa. “La vuoi sentire una cosa divertente?”
Lei si fece attenta.
“L’avversario che dovevo incontrate prima di questo scontro si è ritirato. Si chiamava Ennys. Non era uno dei favoriti ma tutti pensavano che sarebbe arrivato almeno tra i primi dieci. Non un avversario facile, nemmeno per me. Il bello è che anche l’avversario di quel Donn si è ritirato. Così, all’improvviso. Non ti sembra una strana coincidenza?”
Valya si strinse nelle spalle. “Non lo so. Si sono ritirati in molti?”
Aveva sentito di combattenti che abbandonavano, soddisfatti delle monete guadagnate o per paura, ma non si era mai chiesta quanti fossero.
“Abbastanza da portare sia me che quel Donn allo scontro ben riposati. Sarà interessante” concluse con un leggero sorriso. “Torni alla gabbia?”
Valya annuì.
“Perché non resti e ti godi lo scontro? Potresti imparare qualcosa. Da quello che ho sentito questo sarà l’ultimo scontro per oggi.”
Valya sorrise. C’era qualcosa di divertente nel tono sicuro e irriverente del vecchio. “Allora resto” disse.
“Ti sbrighi?” disse il giudice dello scontro richiamando l’attenzione del vecchio. “Sta per calare il sole e voglio tornarmene a casa. È stata una giornata dura.”
Il vecchio guerriero entrò con passo sicuro nell’arena. Valya lo seguì con lo sguardo finché non sparì dietro il cancello e poi si mosse verso uno dei lati dove avevano sistemato delle panche di legno. La gente stava già iniziando a salire per guadagnare una posizione elevata per gustarsi quello che stava per accadere nell’arena.
Valya salì su una delle panche ma dovette allungare il collo per guardare oltre la palizzata di legno. Mentre cercava una posizione migliore udì un mormorio attorno a lei e vide un paio di dozzine di persone, in larga parte ragazzi e qualche adulto, che la fissavano con occhi sgranati.
“Sei proprio tu” disse uno dei più giovani, un monello di strada che poteva avere al massimo dodici anni. “Mi ricordo del tuo elmo.”
“Sei Val” disse un adulto. “Ti ho visto combattere contro Garnon.”
Garnon era stato il suo quarto avversario. Ricordava la sua spada a due mani e i fendenti con i quali le aveva quasi strappato di mano la sua. Ogni volta che aveva cercato di avvicinarsi per colpirlo, lui aveva roteato l’arma per tenerla lontana. Era riuscita ad aggirare la sua difesa rotolando di lato e poi in avanti mentre lui cercava di colpirla, per poi centrarlo alle ginocchia, costringendolo a terra. In quel momento si era rialzata e lo aveva colpito di nuovo alla schiena.
Garnon si era arreso dopo cinque o sei colpi e lei era stata felice di aiutarlo a rimettersi in piedi.
“Sei stato bravo” aveva detto il guerriero. “E sei anche veloce. Non vorrei incontrarti fuori da questa arena con le armi affilate.”
“Anche tu sei stato un buon avversario” aveva risposto Valya con cortesia.
“Bugiardo” aveva risposto Garnon. “Ho fatto pena e ho meritato la sconfitta. Korm non mi aprirà mai i suoi cancelli se combatto così anche fuori dall’arena.”
Valya non aveva idea di chi fosse Korm e perché a Garnon importasse così tanto che lui gli aprisse quel cancello. La sua attenzione era già allo scontro successivo.
Dalla folla attorno a lei si alzò un leggero boato quando Donn e il vecchio si ritrovarono al centro dello spiazzo. Valya allungò la testa per guardare meglio, sistemando la celata dell’elmo.
Rann deve modificarla, pensò.
Qualcuno le sfiorò il fianco e lei pensò che fosse di nuovo il ragazzo di prima.
“Anche tu qui per vedere il vecchio venire preso a calci?” le domandò una voce dal tono irriverente.
Valya girò un po’ la testa per guardare il nuovo arrivato. Era Bazon. Le braccia erano state fasciate da un guaritore perché dopo l’ultimo duello era stato ferito.
“È solo un graffio” aveva detto sicuro di sé. “Ma che io sia dannato se non fa male” aveva aggiunto con un mezzo sorriso.
Dopo il loro primo confronto e vinti quasi cinque duelli, si era calmato diventando anche sopportabile.
“Donn non lo prenderà a calci” disse Valya sicura. “Il vecchio è forte.”
“Donn è di un altro livello, amico” disse Bazon.
“Nemmeno tu sei al suo livello.”
Lui sorrise. “Forse ho solo fatto finta di prenderle da lui.”
“Perché lo avresti fatto?”
Non poté udire la risposta perché dal pubblico si era levato un profondo sospiro di sorpresa. Valya girò la testa di scatto verso l’arena.
Donn e il vecchio guerriero distavano cinque o sei passi. Il primo brandiva la spada con entrambe le mani, l’elsa che spargeva riflessi d’argento.
No, pensò Valya, non sono riflessi. È argento vero, quello.
“Lama d’Argento” disse Bazon. “Questo sì che è interessante.”
“Non ne ho mai vista una.”
“Buon per te” disse il guerriero.
Valya voleva saperne di più ma non voleva perdersi altri momenti dello scontro. In quel momento Donn e il vecchio si stavano studiando a distanza di una decina di passi, guardandosi negli occhi come due bestie feroci pronte a lanciarsi una contro l’altra.
Sul viso del guerriero era apparso un leggero sorriso.
“Pare che questo scontro sia molto seguito” disse Bazon.
Valya pensò si riferisse al pubblico che si era radunato attorno alla palizzata e che premeva come se volesse riversarsi all’interno, ma poi le venne in mente che erano proprio sotto la tribuna dalla quale lei e Ferg avevano assistito ai primi scontri solo quella mattina.
Sembra passato molto più tempo, pensò.
D’istinto alzò gli occhi verso le tribune. In cima e verso il centro, dove era certa la vista fosse migliore, erano seduti in fila ordinata decine di spettatori. Alcuni sembravano entusiasti dello spettacolo e si sbracciavano in modo on diverso dal pubblico a terra, ma un paio di visi fissavano seri verso il basso.
Uno era del signor baffetto, Valya lo riconobbe subito. La sua espressione era corrucciata e anche da quella distanza non sembrava contento di trovarsi lì.
Al suo fianco, Quynn Dalkon osservava con sguardo impassibile ciò che stava avvenendo di sotto.
Anche lui è qui? Si chiese Valya. Forse è per assistere allo scontro del suo cane da guardia.
La vista di quelle due persone le fece salire un groppo alla gola. Se l’avessero riconosciuta sarebbe stata nei guai. Per un attimo fu tentata di andarsene ma poi ricordò di avere ancora l’elmo che le nascondeva il viso.
In quel momento per tutti era Val, il misterioso guerriero che aveva battuto sei avversari senza alcuno sforzo.
Con un paio ho dovuto faticare, pensò con una certa apprensione.
Tutte le volte che era stata messa in difficoltà la spada le aveva dato la forza e l’abilità per uscirne e trionfare. Senza di lei non sarebbe mai andata oltre la prima sfida.
Senza di lei, si disse, nemmeno sarei qui.
Non sarei Val il guerriero misterioso.
Sarei soltanto Valya, la figlia del fabbro.
Il pubblico ruggì di nuovo e Valya abbassò gli occhi, cogliendo un rapido movimento di Donn che si lanciava verso il vecchio e di lui che lo evitava scartando di lato e danzando sulla punta di un piede mentre con il bastone colpiva l’avversario all’addome.
Donn, proiettato in avanti, percorse qualche altro passo prima di fermarsi e raddrizzare la schiena. Quando si voltò mostrava un largo sorriso.
“Sei molto agile” disse a voce alta. “Per essere un vecchio.”
L’altro rispose con un sorriso mesto. “Io preferisco definirmi saggio.”
“E se invece ti chiamassi rinnegato?”
La folla trattenne il fiato.
Accanto a lei, Bazon grugnì qualcosa. “Non è un buon segno.”
“Sta solo cercando di provocarlo” disse Valya. “Il cane da guardia, voglio dire Donn. Non ce la fa a vincere contro di lui.”
“Non si accusa un uomo di essere un rinnegato solo per provocarlo” disse il guerriero. “Donn deve avere qualche motivo per farlo.”
Valya serrò le labbra.
Nell’arena, il vecchio non aveva mutato espressione. “Rinnegato?” domandò.
Donn annuì serio. “Hai sentito bene, vecchio. O dovrei chiamarti Karvol?”
Il vecchio rimase impassibile.
“Karvol Hana” proseguì Donn. “Una volta servivi nell’esercito di Belliron, ma poi hai disertato e sei passato alle razzie.”
“Non so di chi parli” disse il vecchio. “Il mio nome è…”
“Ne ho abbastanza delle tue bugie” esclamò Donn. Con un gesto rapido e plateale strappò le fasce che coprivano la lama della spada.
La folla rispose a quel gesto agitandosi.
Il giudice dello scontro entrò nell’arena. “Tutto questo è irregolare” disse. “Se non rimetti la fascia sulla spada dovremo squalificarti.”
“Non è affare tuo” disse Donn senza staccare gli occhi dal vecchio.
“Ma le regole…”
“Per questo scontro le cambieremo” disse il guerriero.
“Tutto ciò è molto irregolare.”
Donn indicò Quynn Dalkon. “Lì c’è il comandante Dalkon. È uno degli organizzatori del torneo. Se non sei convinto puoi chiedere a lui.”
Il giudice guardò in alto. Quynn Dalkon annuì. “È molto irregolare” disse scuotendo la testa.
Valya lo guardò allontanarsi e subito si dimenticò di lui. Tutta la sua attenzione era rivolta a ciò che stava accadendo al centro dell’arena.
“E ora? Che succede?” domandò ad alta voce.
“Se vuoi il mio parere” disse Bazon con un filo di voce. “Sarebbe meglio andarsene e non assistere.”
“Perché?”
“Io ti ho avvertito.”
Valya non voleva andare via.
Donn sollevò la spada intercettando un raggio del sole che in quel momento stava per calare dietro le colline a oriente della città. Il riflesso rivelò una fila di rune incise nel metallo.
Sembrano quelle incise sulla mia spada, pensò Valya. Perché Donn ne ha una simile? Come ha fatto a venirne in possesso?
Quasi temendo che in un attimo di distrazione da parte sua il guerriero le avesse rubato la spada, portò la mano all’elsa. Era ancora lì, ben legata al suo fianco.
Il vecchio, o Karvol, come Donn l’aveva chiamato, si mosse di lato facendo roteare il bastone. “Non sono un rinnegato” disse.
“Negare non ti servirà a niente” disse Donn. “Le regole sono cambiate per questo scontro” disse ad alta voce. “Vince chi resta vivo. Arrendersi o restare ferito non mette fine al duello.”
Dalla folla provenne un borbottio sommesso.
Donn si mosse puntando verso il vecchio, la spada pronta a colpire. “Non sfuggirai alla giustizia, Karvol.”
L’altro roteò sul piede destro mentre cl bastone cercava di colpire l’avversario. Donn scartò di lato più veloce di quanto avesse fatto prima di allora e coprì la distanza che li separava con un balzo.
Il vecchio alzò il bastone frapponendolo tra lui e la spada, ma questa lo tagliò come se fosse di burro e affondò nella sua spalla, passandola la parte a parte.
Dalla folla si alzò un grido di terrore e di esaltazione e Valya sentì quel colpo trafiggerle la carne, tanto che strinse i denti.
Il vecchio barcollò all’indietro, il sangue che usciva copioso dalla ferita e si spargeva sulla terra battuta imbrattandola.
Donn roteò la spada e danzò sulla punta dei piedi aggirando l’avversario e lo colpì alla schiena con un rapido affondo. La punta della spada passò attraverso l’addome del vecchio spuntando da un punto poco sotto lo sterno.
Per un istante il vecchio sembrò essere tenuto in piedi solo dalla spada di Donn e quando lui la ritrasse con un movimento rapido Valya temette che crollasse al suolo, ma non accadde.
Il vecchio barcollò in avanti con la punta del bastone affondata nella terra battuta.
Donn camminò a passi larghi girandogli intorno, come un lupo che osserva l’agonia della preda.
“No” esclamò Valya. “Basta” aggiunse con un filo di voce.
“Taci” le sussurrò Bazon.
“Ma…”
“Non dire una sola parola.”
Donn guardò verso l’alto, dove sedeva Quynn Dalkon. L’uomo annuì con un movimento solenne della testa.
Un attimo dopo la testa del vecchio rotolò sulla terra battuta.
Per Valya fu abbastanza e saltò giù dalla panca, dirigendosi verso l’entrata del recinto.

Prossimo Capitolo Domenica 7 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 53
*** Giorno di riposo ***


Giorno di riposo
 
Bazon l’afferrò per la cinta e lei fece per divincolarsi.
“Lasciami” esclamò.
“Ferma” disse il guerriero spingendola verso la palizzata di legno. “Che cosa credi di fare?”
“L’ha ucciso” piagnucolò.
“Fa parte del gioco” disse Bazon.
“Non è giusto.”
“La vita non è giusta” disse il guerriero.
“Non è stato uno scontro leale.”
Bazon ghignò. “La vita non è mai leale. Il vecchio ha sbagliato a venire qui dove tutti potevano riconoscerlo e ci ha rimesso la pelle. Vuoi fare la sua stessa fine?”
Valya tacque.
“Brava. Vedo che inizi a imparare qualcosa.”
Valya si accigliò.
Bazon ha capito che sono una ragazza? Si chiese.
“Anche se ti nascondi dietro quella celata” disse il guerriero ghignando. “Ho capito che sei una ragazza. Non siamo tutti così stupidi. O forse sono io a essere troppo intelligente.”
“Io non sono…”
“Ora non offendermi, Val. O qualunque sia il tuo vero nome.” Si guardò attorno. “Sei più calma adesso?”
Valya fu tentata di guardare nel recinto ma resistette.
“Dimentica il vecchio” disse Bazon.
“Che gli succederà ora?”
“È morto” disse lui. “Peggio di così non può stare.”
“Bisognerà seppellirlo.”
“Ci penseranno i monaci del culto. Loro garantiscono una fossa per chiunque, anche per i rinnegati. Se glielo domandi, ti diranno che le anime di tutti vanno nei grandi campi, anche di quelli che in vita sono stati degli infami. O dei rinnegati.”
“Lui non era nessuna di queste cose” disse Valya.
“Come fai a dirlo? Lo conoscevi appena.”
“Anche tu.”
Bazon si strinse nelle spalle. “Il sole è tramontato, ora ce ne andremo a dormire e domani ti sembrerà tutto più bello. Ce l’hai un posto dove dormire?”
“Sì” rispose Valya.
“Buon per te. Io dovrò arrangiarmi per terra. Ora andiamo.”
Valya lo seguì con riluttanza.
Quando si furono allontanati di qualche centinaio di passi, la presa di Bazon si allentò.
“Ora ti lascio” disse. “Se mi prometti che non tornerai indietro per dare una lezione a quel Donn.”
“Chi ti dice che volevo affrontarlo?” gli chiese indispettita. Non osò dirgli che aveva ragione e che voleva fare proprio quello.
Bazon ghignò. “Lascia perdere. Tu non sai di cosa sono capaci quelli come lui.”
“È per via della sua spada, vero?”
“Quello è solo uno dei motivi.”
“Perché è magica” esclamò lei convinta.
Bazon le rivolse un’occhiata perplessa. “Onestamente non ne ho idea, ma non è saggio sfidare una Lama d’Argento.”
“Cosa sarebbe?”
“È un ordine di guerrieri. I migliori al mondo, secondo alcuni. Non se chiedi a una Lama Askadiana, ovviamente. Loro ti risponderebbero certamente di no, ma vanne a trovare una da queste parti.”
“Cosa sono le Lame Askadiane?”
“Guerrieri immortali” disse Bazon. “O almeno così dicono in giro.”
“Non capisco.”
“Ascolta, Val. Quelli come Donn sono assassini nati. Non è gente con la quale puoi confrontarti e sperare di uscirne viva. Se ne incontri uno, scappa più veloce che puoi. Lo hai visto combattere, no?”
“Non mi è sembrato così forte” mentì.
“Forse non ne hai visti abbastanza di scontri, ma ti assicuro che io non avevo mai visto niente di simile.”
“Tu hai paura” lo accusò lei.
“Certo che ho paura” disse Bazon. “E se tu avessi visto altri guerrieri come Donn in azione, l’avresti anche tu.” Si guardò attorno. “Ora vattene. Vai nel posto che hai trovato e riposati. Dopodomani ci saranno gli scontri più difficili.”
Riposati, pensò Valya mentre si allontanava. Come se fosse facile tornare nel posto dove posso togliermi quest’armatura di dosso.
Non poteva farlo lì e rischiare che qualcuno la riconoscesse, ma con Rann aveva concordato di incontrarsi in una delle tende ai limiti del campo, dove la presenza di persone sembrava minore.
Fu lì che andò, guardandosi attorno col timore di essere seguita e adocchiò quella dove doveva aspettare. L’interno era vuoto, anche se per un attimo aveva temuto che fosse stata occupata da qualcun altro.
In quel caso sarebbe stato complicato farlo andare via.
Il sole calò e le torce vennero accese per illuminare la piazza, dove almeno due o trecento persone erano ancora al lavoro per preparare le arene per il giorno dopo.
Ogni tanto Valya sbirciava di fuori temendo che qualche inserviente venisse lì a smontare la tenda, come avevano fatto con parecchie altre dopo il tramonto.
Aveva appena richiuso quando il velo si scostò facendola sobbalzare.
Il viso di Rann fece capolino attraverso il velo che la separava dall’esterno.
“Finalmente” disse esasperata. “Sei in ritardo.”
Rann entrò nella tenda. “Mi spiace, ma doveva trovare una scusa per allontanarmi dalla forgia e non potevo farlo prima di finire il turno di lavoro.” I suoi occhi caddero sull’armatura. “Che cosa hai combinato?” chiese allarmato.
Valya trasalì. “Cosa?”
“Lì” disse il ragazzo.
Sotto il fianco c’era un’ammaccatura che mostrava uno squarcio ampio quanto il palmo di una mano. Valya ricordò che lì era stata colpita da Faelar, un guerriero basso e tozzo che combatteva con un’ascia. I suoi colpi erano stati forti, ma era anche lento e Valya l’aveva aggirato colpendolo alle spalle.
“Non è niente” disse con tono sufficiente. “Non sono neanche ferita.”
“L’hai distrutta” si lamentò Rann.
“Non è vero” fece Valya. “È solo un’ammaccatura.”
“Guarda qui. C’è un buco.”
“Puoi ripararla?” domandò preoccupata.
Rann assunse un’aria sofferente. “No. Non lo so. Mi serve tempo.”
“Hai tutta questa notte e domani” disse Valya.
“Devo riposare. E domani devo lavorare alla forgia, io.”
“Sembra quasi che tu mi stia rimproverano, quando ti sto facendo un favore.”
Rann la guardò stupito. “Un favore?”
Valya annuì. “Faccio vedere a tutti quanto sono buone le tue armature.”
“Nessuno sa che l’ho creata io.”
“Ma lo sapranno quando vincerò il torneo. Allora lo svelerò e tu diventerai famoso. Il più grande fabbro di Ferrador. I clienti faranno la fila davanti alla tua bottega.”
“Io non ho una bottega.”
“Ne aprirai una.”
“Con quali soldi?”
“Quelli che avrò vincendo il torneo.”
“Se, vincerai.”
“Con la tua armatura e la mia spada è impossibile che io perda. Avresti dovuto vedermi, Rann. Li ho battuti tutti e senza faticare molto.”
A parte in un paio di scontri, ma evitò di dirglielo. E ci sono almeno tre o quattro combattenti che sembrano davvero forti, anche per me, ma non gli disse nemmeno quello.
Rann borbottò qualcosa. “Ti aiuto a toglierla. Non puoi tornare al palazzo vestita così.”
“Come farai a riportarla indietro?”
“Ho detto a tutti che andavo in città a procurarmi dei nuovi attrezzi. Nessuno mi farà domande quando mi vedranno con questa sacca sulla schiena.”
“E se te le facessero lo stesso?”
Rann fece spallucce. “Inventerò una scusa.”
“Fai attenzione.”
“Grazie di preoccuparti per me” disse lui.
“Parlavo dell’armatura. Sarebbe un peccato perderla.”
Rann sospirò affranto. “Sento che sarai la mia morte.”
Valya sorrise e uscì dalla tenda.
Per tornare al palazzo percorse le stradine che si dipanavano attorno alla piazza d’arme, la via illuminata dalla luce che filtrava dalle finestre aperte. Poteva solo immaginare di cosa stessero parlando i cittadini di Ferrador mentre sedevano al tavolo della cena.
Della guerra, si disse. E del torneo. E forse di me, aggiunse con una punta di orgoglio.
Ricordava ancora le grida di incitamento del pubblico.
Val, Val, Val.
La piazza d’armi era deserta fatta eccezione per un paio di guardie che la videro sfilare verso l’entrata degnandola appena di un’occhiata fugace. Valya rivolse loro un cenno di saluto per farsi riconoscere e marciò decisa verso uno degli ingressi laterali.
Nei giorni precedenti aveva studiato un percorso poco usato da quelli che abitavano a palazzo per non rischiare di incontrare qualcuno e doversi giustificare per il ritardo con cui era rientrata.
Aggirandosi tra i corridoi bui ritrovò la strada per la sala d’armi e mise a posto la spada, quindi tornò sui suoi passi e si diresse ai bagni.
Prima di presentarsi per la cena doveva togliersi di dosso la puzza di sudore rancido che spandeva attorno a sé. Andò alla sua stanza e prese da un cassetto dei vestiti puliti. Usò un braciere per scaldare l’acqua e riempì la vasca. Quando fu dentro, il tocco tiepido dell’acqua e il profumo dei sali che vi aveva versato dentro alleviarono parte della fatica che sentiva.
Izora le aveva spiegato come usare quei sali e in quale combinazione per ottenere il risultato migliore. Rimase immersa nell’acqua finché non divenne meno che tiepida e solo allora, con riluttanza, decise di asciugarsi.
Stava infilando la blusa che aveva preso dalla sua stanza quando Olethe apparve sulla soglia.
“Eccoti qui” disse la donna.
Valya sussultò, ma Olethe non sembrava arrabbiata.
“Vedo con piacere che inizi a comprendere come si vive in un posto civile.”
Valya annuì.
La donna sospirò e andò via.
Valya rimase ancora un po’ ad asciugarsi, poi infilò i vestiti puliti e tornò alla sua stanza. Solo allora, esausta, si gettò sul giaciglio. Nemmeno tirò su le coperte che il sonno l’aveva già afferrata.
Sognò di tornei e duelli contro cavalieri dal mantello candido e quando il primo raggio di sole filtrò dalle imposte e le baciò le palpebre, si sollevò riposata.
 
Mentre scendeva le scale vide Ferg passare con la testa bassa e lo sguardo cupo. Stava per chiamarlo quando notò con la coda dell’occhio un’ombra agitarsi nell’angolo più distante della sala.
Donn, il cane da guardia di Dalkon, sostava con le braccia incrociate davanti a una porta di legno.
“Fammi passare” disse Ferg stringendo i denti.
“Il comandante è in riunione.”
“È entrato solo lui nella stanza” ribatté l’altro.
“Ci stai spiando per caso?”
“Fammi passare” ripeté Ferg.
Donn raddrizzò la schiena. “Altrimenti?”
La mano di Ferg scivolò verso l’elsa della spada, ma una seconda mano gli afferrò il polso. Era quella di Zeb Abbylan.
Valya nemmeno l’aveva notato mentre si avvicinava alle spalle del fratello.
Ferg si divincolò con uno strattone. “Lasciami.”
“Vieni via” disse Zeb con tono tranquillo ma deciso.
“Dopo che avrò parlato con quello lì” disse Ferg indicando la porta.
“È tempo sprecato, non ti riceverà. E tu stai per cacciarti in un guaio.”
“Tuo fratello è saggio” disse Donn. “Dovresti ascoltarlo.”
Ferg gli rivolse un’occhiataccia mentre Zeb lo trascinava via.
Valya attese che si fossero allontanati di qualche passo e scese gli ultimi scalini. Avanzando con cautela arrivò all’angolo, oltre il quale udì delle voci. Si fermò, non sapendo se tornare indietro o rivelare la sua presenza.
“Hanno rovinato tutto” stava dicendo Ferg con voce rotta.
“La governatrice ha dato il suo permesso” disse Zeb con tono tranquillo.
“Tu lo sapevi?” chiese Ferg con tono accusatore.
Silenzio.
“Dannazione, Zeb. Non ne aveva alcun diritto.”
“È la governatrice della città. Il suo volere viene dopo solo quello della regina.”
“Il torneo doveva distrarli dalla guerra, non esasperarli. Ci sono state decine di risse e di accoltellamenti. Quattro persone sono morte.”
“Lo so” ammise Zeb.
“Se proprio volevano uccidere quel rinnegato, potevano farlo dopo la fine degli scontri.”
“Dalkon voleva lanciare un segnale.”
“E c’è riuscito. Ora ci considerano degli infami.”
Zeb brontolò qualcosa. “Devi calmare la lingua. Vattene dal palazzo per qualche giorno, non farti vedere. Hai un posto dove andare, no?”
“Non voglio andarmene.”
“Hai quasi sfidato a duello Donn. Devi andartene o lui cercherà di provocarti di nuovo.”
“Che ci provi.”
“È proprio quello che temo. Vattene o manderò i miei uomini a trascinarti via. E loro non saranno molto gentili.”
“Agli inferi. Sembra quasi che tu sia contento.”
“Ti sembro felice?” gli chiese Zeb.
Ferg non rispose e subito dopo Valya udì l’eco di passi che si allontanavano. Attese qualche altro istante per superare l’angolo e non si sorprese di trovare il corridoio deserto.
Quando raggiunse Rann lo trovò che lavorava alla forgia, l’espressione corrucciata.
“Non ti stai occupando dell’armatura.”
Lui grugnì qualcosa. “Oggi lavoro doppio.”
Valya si accigliò.
“Ho molto da fare, me ne occuperò più tardi.” Trasse un profondo sospiro.
“Sei preoccupato? È per l’armatura?” domandò Valya piena di apprensione. Senza l’armatura non avrebbe potuto partecipare alla seconda giornata del torneo.
“No, non è per l’armatura. E sì, sono preoccupato.”
“Per cosa?”
“Per tuo padre.”
Valya scosse la testa. “Che ha combinato stavolta?”
“Niente. È da ieri che non si fa vedere. In effetti nessuno l’ha più visto da almeno due giorni.”
“Se fossi in te non mi preoccuperei. Anche a Cambolt spariva spesso e per più di due giorni. Una volta…”
Rann scosse la testa con vigore. “Non si è assentato, Valya. È proprio sparito. E ha preso le sue cose, compresi alcuni attrezzi che usava solo lui.”
“Vuoi dire che è andato via?” domandò lei con un filo di voce. “Che mi ha lasciata qui da sola?”
“Non lo so, ma ci vorrà poco prima che qualcuno noti la sua assenza. E allora varranno a chiederci dove è andato e che fine ha fatto.”

Prossimo Capitolo Giovedì 11 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 54
*** Un posto sicuro ***


Un posto sicuro
 
Il valletto aveva un’aria spaesata mentre gli stava riferendo il messaggio. “Il comandante Dalkon” stava dicendo. “Desidera vederti. Adesso.”
Simm lo squadrò da capo a piedi. Era un ragazzo alto e magro, vestito con blusa scura e pantaloni di cuoio. Non un operaio, ma un inserviente. Un messaggero, a quanto pareva.
“Che vuole di così urgente da richiedere la mia presenza?”
“Il comandante non me l’ha detto.”
“Comandante” disse Simm facendo schioccare la lingua e scuotendo la testa.
“Sì, il comandante” ribadì il ragazzo con caparbietà. “E mi ha detto di dirti che se ti fossi rifiutato…”
“Cosa?” chiese Simm alzando la voce. “Che cosa mi succederà se mi rifiuto? Mi costringerai con la forza?”
Il ragazzo sgranò gli occhi. “Io… io non… io avvertirò il comandante e poi sarà lui a chiamare le guardie, se necessario.”
Simm inspirò aria nei polmoni. “Le guardie hanno altro a cui pensare in questo momento” disse con tono rassegnato. “E io non voglio privare i fratelli Abbylan di forze preziose. Fai strada.”
Il valletto lo guardò con aria interrogativa.
“Andiamo da Dalkon” disse Simm esasperato.
“Sì, signore” fece il ragazzo con tono perplesso.
 
Appena dentro la fortezza di Ferrador, i ricordi premettero per riemergere, ma il Latte di Luna elargitogli da Yander e gli anni passati a ricacciarli giù nel punto più profondo della sua anima, li tennero a bada.
Per il momento, si disse. Non torneranno a tormentarmi.
“Da questa parte” disse il valletto indicando un corridoio illuminato dalle torce.
Simm guardò le pareti incrostate di umidità e il pavimento sporco, come se nessuno l’avesse lavato da anni.
E forse è proprio così, pensò.
“Lo studio di Dalkon è qui?” domandò al valletto.
Il ragazzo annuì con foga, come se fosse ansioso di parlarne. “E anche le sue stanze, ma in un livello diverso, più profondo.”
“Proprio come la tana di un lupo” disse Simm ghignando.
“Prego, signore?”
“Niente. Portami da lui. Questo posto puzza.”
Il valletto tacque.
Mentre seguivano il corridoio, due ombre presero forma e si avvicinarono. Prima ancora, Simm udì le loro voci rimbombare sulle pareti di pietra.
“Ti dico che quella spada mordeva” stava dicendo una con tono eccitato.
“Questo me l’hai già detto” rispose l’altra. “Ma…” sembrò esitare. “Taci, adesso.”
“Ti ripeto che.”
“Taci” ripeté con tono perentorio.
Sotto la luce incerta delle torce apparve il viso liscio e sorridente di Donn Ballard. Accanto a lui, un omaccione grande e grosso con i capelli lunghi e una cicatrice che gli sfregiava il mento squadrato.
“Simm Keltel” disse Donn mutando espressione. “Mi sorprende vederti qui. Hai fatto qualcosa per far arrabbiare il comandante Dalkon?”
“In verità non ne ho idea” rispose Simm. “Ma penso che sarà lo stesso Dal a informarmi. Mi sorprende però che non abbia informato te.”
“Si vede che non eri così importante” rispose Donn.
“Vero” ammise Simm.
Donn guardò oltre la sua spalla. “Perdonami se non mi fermo a parlarti, ma ho degli incarichi urgenti da sbrigare.”
“Non ti trattengo” disse Simm con tono deferente. “Vai pure.”
“Col tuo permesso.” Donn gli rivolse un leggero inchino con la testa e proseguì oltre, accompagnato dall’altro.
Simm si morse il labbro inferiore.
Se avessi avuto la mia mazza, si sorprese a pensare. Sarebbe stato un incontro meno cortese.
La porta dello studio di Dalkon era socchiusa.
“Aspetta qui per favore” disse il valletto. “Domando al comandante se può riceverti. Sono sicuro che non ci vorrà molto.”
Il ragazzo fece per girarsi verso la porta, ma Simm gli afferrò la spalla e stringendo un poco lo spostò di lato. Il valletto cercò di opporsi puntando i piedi ma venne poggiato contro il muro.
“Ti ho detto che ho da fare” disse Simm con tono cortese ma deciso.
Il valletto gemette. “Mi hai fatto male” piagnucolò.
“Davvero?” fece Simm sorridendo. “Ti assicuro che non era mia intenzione, ma come dicevo, ho da fare alla forgia e devo recuperare del lavoro arretrato.” Senza attendere una risposta aprì la porta.
Lo studio di Dalkon era immerso nella penombra, la scrivania sul fondo illuminata da un candeliere. L’uomo sedeva con la testa china su dei cartigli.
Simm entrò con cautela, come se si stesse avventurando in un territorio sconosciuto.
E pericoloso.
Come la tana di un lupo, si disse.
Dalkon alzò gli occhi verso di lui. “Hai fatto in fretta” disse con una smorfia sul viso.
Dietro Simm, il valletto emerse con l’espressione atterrita. “Imploro il vostro perdono comandante Dalkon” disse con voce rotta dall’emozione. “Mi ha afferrato con violenza e voi sapete bene che non sono bravo a difendermi. Stavo giusto andando a chiamare le guardie.”
Dalkon fece un gesto con la mano. “Puoi andare Jemm.”
“Comandante?”
“Ho detto che puoi andare. Ora.”
Jemm gli rivolse un rapido inchino e uscì dallo studio socchiudendo la porta.
Dalkon sembrò rilassarsi. “Spero che tu non gli abbia fatto troppo male. Jemm è efficiente ma piuttosto delicato.”
“L’ho appena sfiorato” disse Simm senza muoversi. Non voleva avvicinarsi troppo alla scrivania. “Che vuoi dirmi di così importante?”
Dalkon si passò la mano sul mento glabro. “Siete indietro con la produzione di scudi. Ce ne servono almeno cinquemila e voi a quanto siete adesso? Duemila? I conti non tornano, come dicono sul continente antico.”
“Non ci avete dato il carbone che ci serviva” disse Simm ricordando una discussione avuta con gli altri fabbri qualche giorno prima. “E anche il metallo scarseggia. Senza contare che gli uomini sono al limite col carico di lavoro che devono sopportare.”
“Avrete tutto quello che vi serve. Le carovane stanno arrivando” disse Dalkon spazientito.
“Allora ne riparleremo quando saranno qui.”
Simm fece per andarsene.
“Aspetta” disse Dalkon.
Si fermò.
“Non ho finito.”
Simm tornò a fissarlo, stavolta senza tentare di nascondere la sua ostilità.
“Forse lavoreresti meglio se evitassi di frequentare certe persone.”
Ebbe un tuffo al cuore.
Sa di Yander? Si chiese Simm. Se così fosse, potrebbe accusarmi di tradimento. È pur sempre un comandante straniero.
“E soprattutto certe zone” aggiunse Dalkon. “Mi hanno riferito di una rissa con un certo Mozon.”
“Si chiamava così?” Simm scrollò le spalle. “Lui e la sua banda hanno cercato di rapinarmi qualche giorno fa.”
“Ho saputo anche questo. Ma non era una rapina. Tu cosa ci facevi in quel quartiere?”
“Mi stai interrogando?”
Dalkon mostrò i denti un sorriso grottesco. “È solo una domanda. Come responsabile della forgia, devo garantire la sicurezza di ogni singolo fabbro che lavora qui dentro.”
“Non la pensavi allo stesso modo quando parlavi di sacrificarne qualcuno per aumentare la produzione” disse Simm cercando di provocarlo.
Dalkon non smise di sorridere. “E lo farei ancora, ma sarebbe un sacrificio indispensabile per vincere la guerra, non un inutile capriccio. O un vizio.”
Simm fece per dire qualcosa ma l’altro scattò in piedi.
“Sarebbe spiacevole” disse Dalkon. “Se certe informazioni giungessero alle orecchie della governatrice. Hylana ti ammira sinceramente e ti considera una specie di eroe puro e incorruttibile, ma noi sappiamo che non è così, vero Simm Keltel?”
“Che vuoi?”
“Voglio che tu la smetta con il Latte di Luna” rispose Dalkon serrando le labbra. “Per questa volta farò finta di non aver visto e cercherò di dimenticare, ma se continuerai a prendere quella roba farò in modo che Hylana lo sappia e tu finirai nel livello più basso di questa fortezza. È chiaro, Simm Keltel o devo ripeterlo?”
Simm strinse i pugni. “No” disse.
“Spero che tu abbia compreso che il momento è piuttosto delicato” disse Dalkon rilassandosi. “In altri tempi, avrei tollerato le tue debolezze, ma ora non possiamo permettercelo. La regina pretende risultati e vuole l’armata di Ferrador sul campo di battaglia per quando sfideremo quell’arrogante rinnegato. Sarebbe un’umiliazione troppo profonda se fossero i nostri alleati a doverci liberare da quel flagello, mentre noi ce ne stiamo rinchiusi nelle nostre fortezze storditi dal vino e dalle pozioni.”
“Posso andare ora?” chiese dominando a stento la rabbia.
Dalkon annuì. “Jemm ti scorterà fino alla forgia.”
“Non mi serve una scorta” disse Simm voltandosi.
Appena fuori Jemm si mise al suo fianco.
“Vattene” disse Simm a denti stretti.
“Il comandante…”
“Vattene o stavolta non mi tratterrò e ti spezzerò un paio di ossa” disse rabbioso.
Jemm si ritrasse inorridito. “Riferirò al comandante le tue parole.”
Simm lo ignorò e marciò per i corridoi illuminati a stento dalle torce. Mentre si allontanava sentiva l’aria mancare, come se le pareti di pietra volessero schiacciarlo.
“Tranquillo.” La voce lo fece trasalire. Veniva da lontano, eppure era vicina. “Non ti succederà niente di male.”
No, pensò Simm scuotendo la testa. È già successo tutto il male che poteva succedermi. Cos’altro può andare storto?
“La sua stretta è forte” disse la voce. Stavolta non era calma ma piena di emozione, come se stesse per mettersi a piangere.
Ma io sono debole, pensò.
“Dovrai averne cura” disse la voce per la terza volta, stavolta velata, come se ogni sillaba costasse dolore e sofferenza a chi stava parlando.
Mi hai affidato un compito troppo grande per me, si disse.
“Mi avevano parlato di te.”
Quel sorriso.
“Ti credevo diverso.”
Non farlo, avrebbe voluto gridare.
“Non esistono guerre giuste Simm.”
Ora lo so.
“Ma soltanto guerre che è giusto combattere.”
Io non voglio combattere, pensò. Voglio solo che mi lasci in pace, con i miei ricordi. Il Latte di Luna. Se ne avessi un po’ potrei mettere a tacere le voci. Almeno per qualche giorno.
Il sole gli colpì il viso, cancellando parte dei ricordi. Era fuori dalla fortezza, nel cortile e una ragazza dal volto sorridente lo stava osservando.
“Lui ti vuole parlare” disse.
Simm si accigliò. “Ti conosco?”
La ragazza scrollò le spalle. Era vestita come le ancelle che sciamavano per la fortezza. Forse Valya avrebbe persino saputo dirgli come si chiamava, ma in quel momento la sua mente era altrove.
“Chi vuole parlarmi?”
“Alla Vecchia Torre, prima che il sole tramonti. Lui ti aspetterà lì. Se non verrai, saprà che non sei più quello di una volta.”
 
Anche se il sole era alto nel cielo e l’aria era calda e pesante, Simm rabbrividì vedendo stagliarsi la figura imponente della Vecchia Torre.
L’ultima volta che era stato lì non era solo e quel pensiero rischiava di farlo vacillare.
Non è un caso se ha voluto incontrarmi qui, si disse. Lui sa quali sono le mie debolezze e intende sfruttarle. O forse è solo il suo modo di trovare piacere prendendosi una piccola rivincita su di me.
La Vecchia Torre rendeva giustizia al suo nome. Era vecchia, se non proprio antica, coperta di piante rampicanti che avevano invaso ogni finestra, la maggior parte delle quali erano sbarrate da assi di legno sbilenche. Ce n’erano anche davanti all’ingresso, piazzate a formare una X grossolana. E proprio lì vicino, come se stesse passando per caso, Yander Ovrant sostava dandogli le spalle.
Lo sa che sono qui, pensò avvicinandosi.
Yander girò la testa di un quarto verso di lui. “C’è un vecchio detto del continente antico sui vecchi amici che si ritrovano dopo tanti anni.”
“Per favore Yan” disse Simm dominando a stento la rabbia. “Che cosa vuoi da me?”
“Ti avevo detto di pensare alla mia offerta.”
“Mi sembrava di essere stato chiaro. Non mi interessa.”
“Hai parlato con Dalkon?”
Simm strinse i denti. “Tu che cosa ne sai?”
“Abbiamo parecchie spie nel palazzo, ma ci sono dei limiti. Certi livelli sono inaccessibili perfino a noi.”
“Noi?”
“Le persone di buona volontà che vogliono mettere fine a questa guerra prima che si trasformi in una valanga che ci travolgerà tutti.”
Simm si fece attento. “Sai qualcosa che io ignoro?”
“Voci” disse Yander. “Portate dal vento. Si parla di uno scontro a Vanarya.”
“È molto lontana da qui. Nel mare Occidentale, se non ricordo male.”
Yander annuì. “Pare che la Strega Bianca abbia distrutto l’isola e catturato uno dei principi di Valonde.”
“L’erede al trono?” domandò Simm.
Quello sarebbe stato un grosso problema.
“Per fortuna no, ma ciò dimostra che il rinnegato è potente e che sta accrescendo il suo potere ovunque sul continente. Forse abbiamo perso troppo tempo a discutere e ora non potremo più fermarlo senza una mossa risolutiva. Che non si aspetta.”
Simm tacque.
Yander lo fissò negli occhi. “Ci servono quelle armi, Simm. Ci serve chi le possa creare. Ci servi tu.”
“Io non…”
“Qui non c’è più posto per te. Non c’è mai stato. Hylana ti tratta bene solo perché spera di approfittare della tua fama, ma quando si renderà conto di cosa sei diventato.” Scosse la testa. “Sarebbe un peccato se venisse a sapere di quella brutta storia del Latte di Luna.”
“Sei stato tu a dirlo a Dalkon, vero? Eri l’unico a saperlo.”
Yander sorrise. “Lo sa mezza città, Simm. Dopo la rissa Mozon ha messo una taglia sulla tua testa, ma io l’ho convinto a ripensarci.” Si leccò le labbra.
Anche lui è un lupo affamato, pensò Simm. Solo che è un lupo più grosso e cattivo di Dalkon. E molto più forte.
All’improvviso sentì l’aria mancargli. “Che cosa vuoi fare adesso?”
“Andremo alla Forgia” disse Yander. “Tu, io e altri che si uniranno sulla strada. Non saremo soli.”
“Non posso andarmene senza una spiegazione. Potrebbero pensare che abbia disertato.”
Rinnegato fu il pensiero successivo.
Yander ridacchiò. “La regina sa del mio piano. E sa di te. Ho la sua approvazione.”
Questo è quello che mi hai raccontato, pensò Simm. Ma che scelta ho?
“Valya deve venire con me. Non posso lasciarla qui.”
“La Forgia è un posto troppo pericoloso per una ragazzina” disse Yander paziente. “E non potremo occuparci di lei. Qui sarà al sicuro. Hylana l’ha presa in simpatia e non le farà mancare niente. È pur sempre la figlia del grande Simm Keltel, uno degli eroi della guerra conto Vulkath. E un giorno” fece una pausa. “Di quella contro Malag il rinnegato.”
Se non accetto che cosa mi succederà? Si chiese Simm. Di sicuro Yander andrà a denunciarmi a Dalkon, che non ci metterà molto a parlarne con Hylana. O forse andrà direttamente dalla governatrice, raccontandole del Latte di Luna, della rissa e tutto il resto. E chissà cos’altro potrebbe aggiungere. Persino in questo momento, mentre parlo con lui, se passasse qualcuno e mi riconoscesse, potrebbero accusarmi di tradimento.
Scosse la testa.
“Tua figlia starà bene qui, dove la guerra è lontana.”
“Mi servono un paio di giorni.”
Yander scosse la testa. “Proprio non capisci, Simm? È già troppo tardi.”
“Ma devo sistemare delle cose, dare delle disposizioni alla forgia…”
“Dimentica tutto. Dobbiamo partire subito.”
“Adesso?”
“Stanotte stessa. Ci vorrà almeno una Luna, forse due per raggiungere la Forgia e Talmist non ha tutto questo tempo.”
“Devo prendere delle cose.”
Yander annuì. “Non parlare con nessuno e non dire dove vai. È molto importante essere discreti in questo momento. La città è piena di spie e non tutte lavorano per il rinnegato.”
Simm si accigliò.
“Ci sono altre forze ostili che si stanno muovendo, amico mio. E alcune potrebbero essere più pericolose persino del rinnegato.”

Prossimo Capitolo Domenica 14 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 55
*** Che cosa vuoi fare? ***


Che cosa vuoi fare?
 
“Ti domandi mai chi fossero i tuoi genitori?” gli chiese Phelia, la schiena appoggiata al tronco.
Gryf sedeva all’ombra di un albero e si massaggiava la pianta dei piedi. “Dannate vesciche” disse sottovoce. Alzò la testa verso la ragazza. “Stavi parlando con me?”
Phelia si strinse nelle spalle. “Vedi qualcun altro qui attorno?”
La strada si snodava come un serpente in mezzo ai campi, congiungendo l’ultimo incrocio che avevano superato con le casupole che si vedevano da lontano. Ancora più in là si intravedeva la guglia di un’abitazione.
Gryf decise di ignorarla. Tutto ciò che voleva era liberarsi di lei e andare per la sua strada. La speranza che lo zio di Phelia lo pagasse per il disturbo lo aveva sorretto fin lì, ma ora che distavano solo poche miglia da Morhorn sentiva la stanchezza appesantirgli le gambe e offuscargli la mente.
“Parlami d tuo zio” disse infilandosi lo stivale.
“Prima rispondi alla mia domanda” fece lei con tono petulante. “Hai mai scoperto chi fossero i tuoi genitori?”
“No, mai” rispose Gryf sperando di soddisfare la sua curiosità.
Invece Phelia lo guardò accigliata. “Scommetto che li hai cercati.”
“Perderesti la scommessa” disse Gryf tirandosi in piedi. “Mai saputo chi fossero e nemmeno mi interessa. Ora possiamo andare? Voglio arrivare a Morhorn prima che faccia buio” aggiunse guardando il cielo che si stava colorando di arancione.
Non si vedevano molti tramonti da dietro le mura di Talmist e quello spettacolo lo affascinava sempre. A volte saliva fino sulle torri di guardia nonostante corresse il rischio di farsi trovare dai soldati per ammirare il sole che spariva dietro l’orizzonte.
Phelia annuì svogliata.
“Tuo zio” le disse mentre tornavano sul sentiero. “Hai detto che è ricco.”
“Possiede delle terre.”
“Ma è ricco, no? Voglio dire, avrà dei soldi da parte.”
“Non lo so, credo di sì. È per via del tuo compenso? È di quello che ti preoccupi?”
“Mi servono soldi per andarmene da Talmist” disse Gryf. “E dal continente, se riesco a trovare una nave.”
“Puoi restare con me” disse Phelia. “Mi serve una guardia del corpo finché non riesco a liberare Lathias.”
Gryf udì il suono di un corno, ma risuonava solo nella sua testa e stava lanciando l’allarme.
“Liberare?” fece cercando di non mostrare la sua preoccupazione.
Phelia annuì decisa. “Non posso lasciarlo nelle mani di mia zia. Finirebbe per ucciderlo.”
“E come intendi liberarlo?”
La ragazza si strinse nelle spalle. “Devo ancora pensarci ma penso che mi servirà aiuto. Dei guerrieri, tanto per cominciare. E qualche mantello.”
“E dove pensi di trovarli? Guerrieri e mantelli non si vendono al mercato.”
“Ci penserò quando sarà il momento.”
Gryf si accigliò.
“C’è qualcosa che devi dirmi?”
Scosse la testa.
Phelia gli scoccò un’occhiataccia. “Puoi parlare. Avanti, dimmi quello che pensi.”
“Potrebbe non farti piacere.”
La ragazza ghignò. “Sei molto sensibile per essere cresciuto nei bassifondi di Talmist.”
Gryf decise di non raccogliere la provocazione. “Non si tratta di essere sensibili, ma se proprio insisti, ti dirò quello che penso.”
“Bene” fece Phelia soddisfatta.
“Io credo” proseguì Gryf. “Che il tuo amico Lathias.”
“La mia guida” lo corresse lei.
“Quello che è. Io credo che sia morto.”
Phelia lo fissò con le labbra serrate.
Ora si metterà a piangere? Pensò Gryf.
“Che cosa te lo fa credere?”
Gryf scosse la testa. “È morto” ripeté. “O lo sarà tra poco, se è vero quello che mi hai raccontato.”
“No” disse la ragazza. “Lathias è vivo.”
“Phelia…”
“Principessa Phelia” disse lei.
Gryf sbuffò. “Se vuoi posso anche chiamarti maestà, ma non cambierebbe le cose. Noi siamo in fuga, tuo cugino e mezzo esercito di Talmist ci sta cercando e Lathias è morto. Tornare indietro per liberarlo sarebbe una follia, a meno di andarci con un esercito. Un esercito grosso, non qualche guerriero e una manciata di stregoni.”
Phelia trasse un profondo sospiro. “Ne riparleremo dopo.”
“Dopo cosa?”
“Dopo aver incontrato lo zio Iefyr.”
Gryf annuì. Gli bastava guadagnare tempo per trovare abbastanza soldi e lasciare Talmist, il continente e tutto il resto, Phelia compresa. Le dispiaceva per la ragazza, sembrava ingenua e troppo buona per le persone contro cui si era messa, ma non poteva fare niente per lei.
A malapena posso occuparmi di me, pensò. La lascerò da suo zio, che ci pensi lui a proteggerla. È così che si fa in una famiglia, no?
Gryf non conosceva la risposta a quella domanda. Non aveva mai avuto una vera famiglia a parte le persone che lo avevano cresciuto all’orfanotrofio.
“È uno stregone anche lui?” le domandò per spostare la discussione sugli argomenti che gli interessavano davvero. “Tuo zio, intendo.”
Phelia annuì con vigore. “Uno dei più forti del regno.”
“Non ne ho mai sentito parlare.”
“Si è ritirato dopo l’ultima guerra. Quella contro Vulkath l’infame.”
“Vulkath” disse Gryf ripescando nei suoi ricordi. “Ne ho sentito parlare da vecchi soldati ubriachi, mentre cercavo di alleggerirli delle loro monete con la scusa di aiutarli a ritrovare la strada di casa.”
Phelia gli rivolse un’occhiata interrogativa. “Dici sul serio o ti stai prendendo gioco di me?”
Gryf si strinse nelle spalle.
“Vulkath è lo stregone più famoso della passata generazione” disse la ragazza con veemenza. “Se non fosse per Malag, sarebbe quello più famoso in assoluto. Tutti sanno della sua rivolta e di come cercò di far scoppiare una guerra tra i continenti.”
“Mi pare di ricordare qualcosa a riguardo.”
Phelia scosse la testa. “Mi domando che cosa abbia visto in te Lathias.”
Gryf si accigliò. “Lui ha visto qualcosa in me?”
“Credi che ti abbia scelto per caso?”
“Ha scelto me perché sono il migliore” disse con orgoglio.
“In cosa, se posso chiedertelo? Eri uno dei tanti tirapiedi di Quintis, una mercante di schiavi.”
“Io non…”
“Non hai poteri e non sei un guerriero.”
Lui la fissò con sguardo accigliato.
“Eppure, ha visto qualcosa in te. Diceva che di te potevamo fidarci.” Phelia scosse la testa. “Io mi fido di Lathias, ma tu metti a dura prova la mia fede.”
Gryf fu tentato di dirle che in quel caso poteva anche proseguire da sola, ma non avrebbe saputo dove andare e cedere all’orgoglio avrebbe fatto più male a lui che a lei. Ricacciò indietro quel pensiero e si costrinse a fare un sogghigno.
“Forse ha visto qualcosa che tu non riesci a vedere” disse puntandole contro l’indice.
“Forse hai ragione, forse non riesco a vedere come sei fatto dentro, ma sento l’odore terribile che ti porti in giro.”
“Dovresti sentire il tuo. Puzzi come uno dei ratti di fogna con cui combattevo da ragazzino.”
“Ratti?”
Gryf annuì. “Grossi come lupi. E molto più feroci.”
“Non è vero.”
“È così.”
Phelia scosse la testa e rivolse o sguardo alle casette che sembravano dipinte sullo sfondo del cielo. “Siamo quasi arrivati. Affrettiamo il passo.”
Visto da vicino Morhorn confermava i timori di Gryf. Il villaggio era formato da due strade che si incrociavano con le case, piccole e malmesse, che sorgevano addossate lungo i due assi.
Mentre percorrevano la strada che tagliava in due il villaggio Phelia fermò un uomo di mezza età che portava sulle spalle una sacca.
“Voi” disse la principessa.
L’uomo si fermò guardandola di traverso. “Che vuoi?”
“Io ti saluto.”
L’uomo fece una smorfia.
“È questa la strada per la tenuta del nobile Iefyr?”
L’uomo girò la testa verso una collina a occidente. “Se è la sua tenuta che cercate, ci siete già dentro. Tutto questo posto è di padron Iefyr.”
Gryf sentì rifiorire la speranza.
Se lo zio di Phelia possiede un intero villaggio, deve essere molto ricco. Potrei chiedergli una ricompensa per aver salvato sua nipote e avergliela riportata. Sì, una ricompensa generosa.
“Sentito, Gryf?” fece Phelia entusiasta. “Lo zio abita qui vicino.”
“Questo lo sapevamo già” rispose scuotendosi dai suoi pensieri.
Guardò l’uomo che si allontanava.
Phelia si era avviata verso la collina e lui la raggiunse. “Dovevi per forza dire il mio nome a voce alta?”
“Che c’è di male? Qui nessuno ti conosce.”
“Non siamo abbastanza lontani da Talmist” rispose preoccupato. “Uno di questi tizi potrebbe parlarne con qualcuno e…”
“Ti preoccupi per niente. Andiamo, lo zio e un pasto caldo ci aspettano.”
Gryf sospirò e la seguì.
La tenuta era un ampio edificio a tre piani circondata da un muro di mattoni bianchi e rossi ricoperto di piante rampicanti. Le chiome degli alberi svettavano da dietro il muro, facendo intuire la presenza di un giardino interno.
L’unica entrata era un cancello di ferro battuto e davanti a questo c’erano due guardie armate di lance e scudi. Quando li videro puntare verso di loro sembrarono scuotersi dal torpore.
“Voi” disse il più anziano dei due. “Dico a voi.”
Phelia si avvicinò fino a una decina di passi.
“Io vi saluto” disse la ragazza con tono cortese e un largo sorriso.
I due la fissarono con sospetto.
“Mi chiamo Phelia e sono la nipote di sua eccellenza Iefyr. È in casa?”
“Nipote?” fece uno dei soldati. “Non so di nessuna nipote.”
“Sono anni che non ci vediamo” disse Phelia. “Io vivo a Talmist e sua eccellenza lo zio non viene mai in visita.”
Il soldato annuì. “Sua eccellenza non ama viaggiare molto e non si sposta dai suoi possedimenti. Che prove hai per dimostrare che sei sua nipote?”
“Ditegli che Phelia è all’ingresso e vi risponderà lui stesso.”
I soldati si scambiarono una rapida occhiata e il più anziano fece un cenno con la testa al più giovane.
L’altro aprì il portone quel tanto che bastava per passarci e sparì oltre la grata di ferro.
“Non mi sembrano molto cortesi da queste parti” disse Gryf a bassa voce. “Sei sicura che tuo zio si ricordi di te?”
“Certo che sì” fece lei indignata. “Stai per caso insinuando che la sua mente non è più buona come una volta?”
“No, ma…”
“Attento alle parole che usi, Gryf. Iefyr è uno stregone di alto rango nel circolo di Talmist. O almeno lo era fino a dieci o venti anni fa.”
Gryf annuì. “Starò zitto e lascerò parlare solo te.”
Phelia sorrise. “Buona idea.”
Il soldato tornò con l’aria perplessa. “Il padrone dice che potete entrare” disse aprendo il portone.
Phelia e Gryf si infilarono nell’apertura.
“Ma è delizioso” disse la ragazza ad alta voce, gli occhi che vagavano da un albero all’altro e da un’aiola all’altra. La mano esperta di un giardiniere aveva creato dei sentieri che si inerpicavano su piccole colline coperte di erba o che giravano attorno a montagnole che sembravano messe lì non per caso. Su una di esse c’era persino il modello di una fortezza che dominava un villaggio con le case addossate alla parete della montagna.
C’erano persino delle piccole figure sparpagliate tra le minuscole stradine a simulare una tranquilla giornata in una operosa città.
Gryf si chiese chi avesse creato quella meraviglia e perché. E quale fosse la città che aveva raffigurato con tanta perizia, ma dovette tenere per sé quelle domande.
Un uomo dai capelli bianchi e l’espressione severa era apparso da dietro una delle collinette, le mani nascoste dietro la schiena curva e il passo lento.
“E così” stava dicendo con voce gracchiante. “Tu saresti Phelia.”
Il soldato scattò sull’attenti. “Dice di essere vostra nipote, eccellenza.”
Il vecchio gli fece un gesto con la mano. “Puoi andare, Wuss. Mi occupo io di loro.”
Il soldato gli rivolse un inchino e partì diretto al cancello.
Gryf si dimenticò di lui e tornò a fissare il vecchio, che ora si era portato a meno di dieci passi da loro e li osservava con gli occhi socchiusi.
Phelia si mosse verso di lui. “Io ti saluto” disse facendo un inchino. “Tu sei Iefyr?”
Il vecchio si schiarì la voce. “Nella mia vita ho avuto due mogli, quattro figli e otto nipoti. Cinque maschi e tre femmine. Ialyma, Tarena e Syana. Non mi pare di aver mai avuto una Phelia che giocava a rincorrersi nella mia tenuta con i suoi fratelli.”
Gryf guardò Phelia. Non si ricorda di te, stava per dirle, ma la ragazza fissava Iefyr con occhi socchiusi.
“Ricordi bene” disse la ragazza senza distogliere lo sguardo. “Iefyr Ghalana. Il sangue che scorre nelle mie vene non è il tuo.”
Iefyr non mutò espressione. “Il tuo nome però non mi è nuovo. Ricordo una Phelia. Ricordo che era la figlia di un uomo che ho conosciuto anni fa, che è stato mio allievo e col quale ho combattuto. E che poi ha tradito tutto ciò in cui credevamo. Ha tradito il suo comandante e il suo regno. E ha tradito me.”
L’ultima frase fu quasi un ringhio sommesso.
Gryf deglutì a vuoto.
“Tu sei la figlia di Halen” proseguì Iefyr. “Il bastardo traditore che…”
Gryf notò il movimento con la coda dell’occhio e colse il lampo un attimo prima che colpisse il petto di Iefyr sbalzandolo all’indietro.
Il vecchio volò verso l’albero alle sue spalle e lo colpì in pieno, rimbalzando indietro verso il terreno.
Phelia, le mani e le braccia avvolte in fulmini che sembravano guizzare di vita propria, balzò in avanti coprendo la distanza che la separava da Iefyr per atterrargli sulla schiena.
Il vecchio rotolò di lato e si rialzò di scatto. Aveva il petto macchiato di sangue e la blusa che indossava sopra la camicia bianca era annerita. Respirava a fatica.
“Come tuo padre” stava dicendo.
Phelia avvicinò le mani e i fulmini si intensificarono fino quasi ad avvolgerla. “Tu hai tradito mio padre” la udì gridare prima che dalle sue mani protese partisse un fulmine che coprì in un attimo la distanza che lo separava da Iefyr.
Il vecchio alzò le braccia formando una croce davanti al corpo e dove i fulmini lo investirono e lo avvolsero esplose una cascata di scintille che illuminarono gli alberi lì attorno.
Phelia, l’espressione concentrata, avanzò di un paio di passi mentre altri fulmini scaturivano dalle sue mani avvolgendo Iefyr in una gabbia.
Le scintile aumentarono e poi all’improvviso cessarono.
Phelia si rilassò, abbassando le braccia. Nel punto in cui Iefyr era stato colpito si alzava del fumo. Un corpo annerito era disteso nell’erba bruciata.
Gryf lo fissò con un groppo in gola mentre correva verso di lui. “Lo hai ucciso” esclamò. “Hai ucciso tuo zio.”
“Non era mio zio” disse Phelia respirando a fondo. “E non è ancora finita.”
I due soldati stavano correndo verso di loro, le spade sguainate e gli scudi alzati.
“Maledetti” gridò il più anziano dei due.
Phelia si gettò verso di loro e Gryf temette che l’avrebbero uccisa.
La ragazza balzò in alto superando per un attimo la chioma degli alberi e protese le mani verso il basso. In mezzo ai palmi apparve un minuscolo sole che abbagliò Gryf costringendolo a distogliere lo sguardo.
Una vampata di calore lo investì in pieno e poi il vento spazzò il giardino sospingendolo contro un tronco. Batté la schiena e rimbalzò di lato, atterrando sull’erba e rotolando via.
Aprì gli occhi solo dopo aver contato fino a dieci e nonostante il dolore che gli attanagliava la schiena, si raddrizzò per guardarsi attorno.
Parte degli alberi era annerita dal fuoco che ardeva in due grossi mucchi sulla sua destra. Il corpo di Iefyr era ancora lì dove Phelia lo aveva colpita l’ultima volta.
E lei dov’è? Si chiese Gryf.
Una figura emerse da dietro il tronco di un albero e andò verso di lui.
Phelia aveva l’espressione concentrata e camminava con lunghe falcate. Gryf la guardò avvicinarsi senza riuscire a muoversi, anche se la voce dentro la sua testa gli diceva, anzi gli urlava, di andarsene da lì perché tra poco avrebbe fatto la stessa fine di quei tre.
Ecco, si disse, è arrivato il momento. Sto per morire. Sapevo che sarebbe accaduto prima o poi e altre volte sono stato sul punto di morire, ma è successo sempre perché dovevo correre un rischio per guadagnare abbastanza da vivere fino al giorno dopo. O per arrivare alla Luna seguente.
Aveva sempre scelto di rischiare, ma lì, lontano da Talmist, ci era stato trascinato contro la sua volontà e sentiva che quella morte era sbagliata.
Non è giusto, si disse mentre Phelia alzava il braccio verso di lui, il palmo della mano illuminato da un dardo magico.
“Che cosa vuoi fare, Gryf?” stava dicendo lei con voce ovattata, come se giungesse da un profondo abisso.
No, si disse. Sono io che sto sprofondando nel vuoto e nel buio e vedo lei sovrastarmi, come se mi trovassi sul fondo di un pozzo.
“Che cosa vuoi fare, Gryf?” ripeté la ragazza.

Prossimo Capitolo Giovedì 18 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 56
*** Mi arrendo ***


Mi arrendo
 
“Quattrocentoquaranta” gridò l’uomo.
Valya scattò in piedi, l’armatura che sferragliava. Rann aveva riparato i danni e fatto sparire le ammaccature, ma c’erano delle parti che non aveva potuto aggiustare per mancanza di tempo.
“Sono io” disse cercando di rendere più profonda la voce.
“Val il leone” disse l’uomo. Indossava una blusa e un pantalone rattoppato e reggeva la solita pergamena da cui leggeva i nomi dei partecipanti al torneo.
“Sono sempre io” disse Valya con una punta di orgoglio.
“Tocca a te.”
Bazon le rivolse una rapida occhiata. “Stai attento al tuo prossimo avversario.”
“Lo conosci?”
L’altro sorriso. “No, ma siamo rimasti in pochi e sarà certamente uno pericoloso. Non si arriva così avanti senza esserlo.” Sorrise. “Tu ovviamente sei l’eccezione.”
“Anche io sono pericoloso” disse sfiorando l’elsa della spada.
Bazon si limitò a ghignare e tornò a rilassarsi sulla panca.
Valya cercò di dimenticarlo e seguì l’inserviente fuori dalla tenda.
Almeno non ci tengono più in gabbia, aveva pensato quella mattina quando le avevano indicato dove avrebbe atteso il suo turno.
Le gabbie erano state smontate e trasportate altrove e al loro posto erano state montate le tende. Nella sua aveva contato otto persone, lei compresa. C’erano altre quattro tende, disposte su altrettanti lati attorno alle quattro arene rimaste.
Siamo rimasti in trentadue, aveva pensato dopo un rapido calcolo. E io sono una di loro. Trentadue su mille, si era detta con orgoglio.
La spada.
Era tutto merito suo.
Quella mattina, quando l’aveva recuperata dalla sala d’armi, aveva sentito rifiorire le forze. Per tutto il giorno precedente si era sentita stanca e con le forze appena sufficienti per trascinarsi dalla sua stanza alla sala da pranzo, dove aveva mangiato senza alzare gli occhi dal piatto.
Olethe l’aveva osservata con sguardo severo ma non adirato. “Mangia con calma, nessuno te lo porterà via.”
Valya aveva posato il cucchiaio e masticato con calma. “Sì. Chiedo scusa.”
Olethe aveva annuito. “Oggi andrai a vedere il torneo?”
Valya aveva soppesato la risposta da darle. “È l’ultimo giorno, ci saranno i combattenti migliori.”
Ci sarò io, pensò contenendo a fatica l’esultanza.
“Certo, ovvio. Ci saranno molti spettatori. Quasi tutti i nobili di Ferrador.” Fece una smorfia. “Mi chiedo cosa trovino di così interessante in dozzine di uomini che si azzuffano.”
“Non ci sono solo uomini” era scattata Valya.
La donna l’aveva guardata con sospetto.
“Ho visto delle combattenti” si affrettò a dire. “Sono poche, ma ci sono.”
Olethe scosse la testa. “Donne guerriere, che inutile spreco. Tu vorresti davvero essere una di loro, Valya Keltel?”
Valya aveva riflettuto su cosa risponderle, ma la donna l’aveva anticipata.
“Io credo che tu possa fare di meglio nella vita, che maneggiare un’arma.”
Dipende dal tipo di arma, aveva pensato Valya. Se fosse magica, cambierebbe tutto.
“Vuoi che non vada a vedere le finali del torneo?” aveva domandato. In quel caso aveva già preparato almeno un paio di piani per allontanarsi dal palazzo con una scusa credibile, ma non voleva usarli.
“No” aveva risposto Olethe. “Ci saranno tutti i nobili e la protetta della governatrice dovrebbe presenziare, visto che lei non sarà presente. Solo ti chiedo di non metterti troppo in mostra.”
“Sarà come se non ci fossi” aveva detto Valya. “Perché la governatrice non sarà presente?”
Olethe aveva assunto un’aria affranta. “Non vuole lasciare Doryon da solo.”
“Sta di nuovo male?”
“Non è solo per quello. È arrivata una persona a palazzo e la governatrice non può allontanarsi.”
“Chi è?”
“Garris Trebian.”
Valya l’aveva fissata in silenzio.
Olethe aveva sospirato. “Trebian è uno stregone di Talmist. Uno di alto rango, a quanto dicono.”
“Viene per la guerra?”
Olethe aveva scosso la testa. “Viene per Doryon. Il ragazzo è grande e ha manifestato i poteri da troppo tempo. Deve iniziare l’addestramento e gli serve una guida. Trebian è venuto per prenderlo con sé.”
“Ma Doryon è malato” aveva esclamato Valya. “Non dovrebbe aspettare che stia meglio?” aveva aggiunto con meno veemenza.
Olethe aveva sospirato. “È quello che suggerirebbe la prudenza, ma il circolo di Talmist ha le sue regole e Hylana e suo figlio devono rispettarle.”
“Val, Val, Val” gridò la folla mentre raggiungevano il recinto dell’arena. Le urla e il vento caldo che spirava da meridione portando l’olezzo delle paludi spezzarono il filo dei suoi ricordi e la riportarono lì.
L’inserviente si fermò davanti alla porta del recinto e l’aprì. Valya ora sapeva cosa fare ed entrò con la schiena dritta, l’elsa della spada inserita nel fodero bene in vista.
Il giudice della gara l’accolse con un cenno del capo. “Per una volta sei il primo” le disse. “Il tuo avversario non è ancora arrivato.”
Valya rispose annuendo e andò a posizionarsi al centro dell’arena per godersi la folla che urlava il suo nome e batteva le mani contro il recinto di legno.
Il solo udire quelle grida la riempiva di forze che nemmeno sapeva di avere. Era certa che se avesse preso la rincorsa e avesse saltato, avrebbe raggiunto le mura e forse sarebbe andata anche oltre.
Mi sento così forte che potrei volare, pensò, gli occhi che vagavano lungo il recinto.
Lo sguardo cadde sulle tribune dove la gente si agitava. Qualcuno guardava nella sua direzione, altri volgevano gli occhi alle altre arene dove i combattimenti erano già iniziati o stavano per concludersi.
E lì, nel punto centrale, proprio in mezzo a donne e uomini vestiti con abiti colorati e vaporosi, sedeva Dalkon il Lupo, gli occhi rivolti verso il basso.
Lo sguardo di Valya incrociò per un istante il suo e lei seppe che la stava osservando.
Sta guardando me, si disse.
Non era preoccupata né sorpresa. Dalkon era uno degli organizzatori del torneo e doveva aver sentito parlare di un misterioso cavaliere che si stava facendo onore nell’arena ed era venuto di persona a osservarla.
Un paio di posti alla sua destra intravide un altro viso familiare. Capelli lunghi e castani pettinati all’indietro, occhi chiari e un naso perfetto, per quanto potesse giudicare.
Zane Stanner stava guardando altrove, oltre l’arena dove lei stava per combattere, ma nonostante questo Valya sentì il cuore accelerare quando si accorse che anche lui era presente tra il pubblico.
Le altre volte che aveva sbirciato era sicura che non fosse presente.
Anche lui è qui per me? Si chiese, stavolta scossa da quel pensiero.
Adesso il cuore le batteva anche più forte, quasi come la prima volta che aveva meso piede nell’arena. Forse anche di più a giudicare dalla fatica che faceva a respirare, come se qualcosa le si fosse posato sul petto.
“Che ne diresti se inizio io?”
Valya strizzò gli occhi e voltò la testa di lato. Ci mise qualche attimo a mettere a fuoco la figura che stava venendo verso di lei. Indossava una mezza armatura sopra una tunica dai colori sbiaditi e nella mano destra impugnava una spada corta e dalla lama ricurva.
Aveva già visto quel tipo di arma a palazzo, quando si allenava con il signor baffetto ed era sempre stata curiosa di provarne una.
La figura aveva un viso rotondo e dai lineamenti delicati come quelli di una ragazza. Anche i capelli, biondi fin quasi a sembrare bianchi, erano acconciati in una crocchia che aveva visto portare alle donne. Gli occhi erano sottili, come se li tenesse socchiusi di proposito.
Valya lo fissò interdetta per qualche istante, poi il suo sguardo scivolò sul petto del suo avversario e notò i due rigonfiamenti.
“Sei una donna” esclamò sorpresa.
L’altra si fermò e fece una smorfia. “Te ne sei accorto? Devi essere davvero intelligente.”
“Sei una donna” ripeté.
“Questo l’hai già detto” fece l’altra. “Hai qualcosa in contrario a combattere contro una donna?”
Valya scosse la testa. “No, io” si fermò. “Quello che voglio dire è che…”
“Bene” disse la guerriera. “Ora, se non ti spiace, vorrei concludere questo duello. Ho una certa fretta.”
Valya strinse l’elsa della spada assaporandone la forza che le trasmetteva. “Io sono pronto” disse con tono deciso. “E non mi importa se sei una donna.”
In verità avrebbe voluto chiederle come era arrivata fin lì, quali avversari aveva sconfitto e se era stato difficile. E soprattutto se anche lei aveva avuto un padre che non le aveva voluto insegnare niente, nonostante fosse un eroe di guerra e…
La guerriera era scattata in avanti mulinando la spada con movimenti veloci da destra verso sinistra e poi dall’alto in basso.
Valya balzò indietro sorpresa da quell’attacco a scivolò di lato per evitare un fendente.
“Sei veloce” disse la guerriera allontanandosi di qualche passo.
“Non immagini quanto” rispose Valya prima di lanciarsi in avanti. Puntò alle gambe della donna per rallentarla, ma lei balzò di lato e le assestò un colpo leggero ma preciso sotto le scapole, togliendole in fiato.
Valya fece altri due passi e si voltò di scatto.
“Sei davvero veloce” disse la donna. “Per poco non mi colpivi.”
“La prossima volta ti colpirò” disse Valya decisa.
All’improvviso non le importava più di quella donna. Ora voleva solo vederla nella polvere e metterle il piede sulla sua schiena.
Roteò la spada nella mano usando il polso.
La donna le puntò contro la spada. “Non farmi attendere troppo.”
Valya balzò in avanti sollevandosi senza sforzo per metà della sua altezza e calò verso di lei con la spada sopra la testa pronta a colpire. Affondò il colpo gridando e socchiudendo gli occhi, sicura di colpire la donna alla testa o almeno alla spalla.
Le avrebbe fatto davvero male ma lei l’aveva provocata e…
La spada fendette l’aria e poi affondò nel terreno sollevando una nuvola di polvere e detriti. Valya girò la testa di lato e vide la donna ruotare su sé stessa e poi colpirla alla gamba destra.
Lei gridò e fu costretta a piegarsi sul ginocchio, il dolore che si propagava in tutta la gamba all’istante. Qualcuno tra il pubblico gridò ma Valya se ne accorse appena.
Tirò fuori la spada dal terreno con uno sforzo e si mosse di lato.
“Sei veloce anche tu” disse ansimando.
La donna scrollò le spalle. “È il controllo del Wah che mi rende veloce. Se sapessi controllare il Kah, non solo sarei veloce. Non mi vedresti nemmeno.”
Valya si accigliò.
La donna rispose con un leggero sorriso. “Non mi sembri un granché. Non capisco tutto questo interesse nei tuoi confronti. Ne hai abbastanza o vuoi continuare?”
“Non mi arrendo” ringhiò Valya. “Posso combattere tutto il giorno, se voglio.”
“Io no” disse la donna. “Non ho tutto questo tempo da dedicarti.” Lasciò cadere la spada a terra e alzò il braccio al cielo. “Io mi arrendo. Mi ritiro.”

Prossimo Capitolo Domenica 21 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 57
*** Attacco a sorpresa ***


Attacco a sorpresa
 
“Almeno una volta” disse Demia con tono lamentoso. “Almeno una volta devi presenziare al torneo. Sarebbe scortese nei riguardi dei nostri alleati.”
Zane fu tentato di gettarle addosso il vino che stava bevendo. Sedeva con il viso rivolto verso la finestra da dove poteva vedere il cortile del palazzo. Più oltre, superati i palazzi e le strade piena di sporcizia e liquami, le mura di Ferrador lo separavano dal suo esercito, l’armata che aveva portato fin lì per combattere il rinnegato.
“Ho già partecipato a quella ridicola festa” disse Zane bevendo un sorso dalla coppa. “Pensavo fosse sufficiente.”
“E non ti sei divertito? Ho saputo che ti sei intrattenuto con la giovane protetta della governatrice.”
Zane sussultò. “E tu questo come lo fai?”
“Ho raccolto qualche voce. Avevo persone all’interno con il compito di tenerti d’occhio.”
“Mi hai fatto spiare?”
“Per la tua sicurezza. Sei il figlio di un eroe di guerra e il comandante dell’armata di Lormist. Credevi che ti lasciassi da solo?”
“Credevo che gli invitati fossero nostri alleati” disse lui per provocarla.
“Non tutti lo sono, comandante Stanner.”
“In ogni caso, non mi sono intrattenuto con quella ragazzina” disse Zane ancora infastidito. “Abbiamo solo parlato. Per poco tempo.”
“Non ti stavo rimproverando” disse Demia sulla difensiva. “La tua è stata una mossa molto saggia e la condivido. Quella ragazzina sembra godere del favore della governatrice.”
“Non è stata una mossa” protestò Zane. “È successo per caso.”
“Lo sai che è a figlia di Simm Keltel?”
“Sì” fece Zane. “Ma l’ho scoperto dopo.”
“E cosa ne pensi?”
“Adesso non ti seguo.”
“Potremmo usare la vostra amicizia per convincere suo padre a collaborare?”
Zane trattenne un sorriso. “È solo una ragazzina, Demia. Non credo che Simm Keltel le darebbe ascolto, se è così forte e valoroso come tu dici.”
“Essere forti e valorosi può essere utile di fronte a un nemico, ma davanti a una figlia molti genitori sono disarmati.”
Zane voleva cambiare discorso. “Tu hai figli Demia?”
“Due bambine” rispose la donna.
“E tuo marito?”
“È uno stregone di rango inferiore. Si occupa lui della loro educazione.”
“Lui era d’accordo o la scelta è stata tua?”
“Klev è una brava persona” rispose la donna. “Sapere che le mie bambine sono nelle sue mani mi rende più tranquilla.”
Zane si alzò di scatto. “Keltel non sembra quel tipo di persona e sono sicuro che usare sua figlia non ci sarebbe di nessuna utilità.”
“Allora dovremo cambiare i nostri piani.”
“Non l’abbiamo già fatto? Siamo venuti fin qui per combattere una guerra e invece stiamo giocando.”
“In ogni caso, posso consigliarti di presenziare almeno stamattina al torneo? Sono certa che Hylana gradirebbe la tua presenza.”
Zane trasse un profondo sospiro. “Mi sforzerò di dare l’impressione che mi interessi qualcosa di tutta questa vicenda.”
Demia sembrò sollevata. “Gli scontri inizieranno tra poco. Dovresti affrettarti ad andare.”
 
La folla esplose in un boato quando i due combattenti incrociarono le spade. Zane osservò le due figure nell’arena. Da una parte una donna dai capelli lunghi raccolti in una coda di cavallo che faceva roteare una spada di fattura orientale, dall’altra un guerriero col viso celato da un elmo che sembrava stargli un po’ largo. E la testa di leone con tanto di zanne aperte e criniera non aiutava a renderlo meno ridicolo ai suoi occhi.
Chi indosserebbe mai un elmo così ridicolo? Si era chiesto la prima volta che l’aveva visto.
I due si stavano studiando e ogni tanto incrociavano le lame causando le urla di incitamento della folla.
Zane sedeva al centro della tribuna, tra Dalkon e un paio di nobili che aveva intravisto alla festa della governatrice e di cui non ricordava affatto il nome.
O almeno così sembrava.
Dal modo in cui lo avevano salutato, come un vecchio amico che non vedevano da tempo, doveva averli conosciuti alla festa e averci scambiato almeno un paio di frasi.
Quando tornò a concentrarsi sul combattimento, notò che Dalkon lo fissava con occhi socchiusi.
“Pare che tu non sia contento di stare qui” disse con un mezzo sorriso.
Zane cercò di non mostrargli il fastidio che provava. “Preferirei essere col mio esercito, in marcia” rispose. “Ma so che dovrò pazientare ancora qualche giorno.”
“Diciamo pure un paio di Lune. E se fosse per Hylana, anche di più. Come avrai notato tu stesso, la nostra governatrice non sembra molto incline a prendere una decisione.”
“È la tua governatrice” disse Zane.
E dovresti stare attento a come ne parli, pensò.
“È la governatrice di questa città, non la mia” rispose Dalkon alzandosi. “Col tuo permesso.”
Zane lo fissò allontanarsi prima di distogliere lo sguardo e rivolgerlo all’arena. I due combattenti erano ancora al centro, ma uno, la donna armata di spada orientale aveva gettato l’arma.
Dalla folla si levavano fischia e urla al suo indirizzo e qualche timido applauso. La maggior parte batteva contro il recinto di legno producendo un suono che Zane trovava irritante.
Il giudice dello scontro si piazzò in mezzo all’arena e alzò un braccio, proclamando vincitore il guerriero con l’elmo a forma di testa di leone.
“Val, Val, Val” si alzò dalla folla il grido mentre i due avversari venivano scortati fuori.
Zane decise che ne aveva abbastanza. Dalkon era andato via e Hylana non si era fatta vedere. Lui era stato visto e riconosciuto da una mezza dozzina di nobili di Ferrador mischiati tra quelli che erano seduti sui gradini della tribuna.
Almeno potranno raccontare in giro di avermi visto qui, pensò mentre si alzava.
Raggiunse la base della tribuna usando una scala che scendeva fino al terreno, dove erano stati infissi dei pali di legno che sostenevano tutta la struttura.
Che spreco di tempo e lavoro, si disse scuotendo la testa. Potevano forgiare almeno mille spade con tutti gli operai che hanno usato per costruire questa cosa.
Un’ombra si mosse alle sue spalle e lui fu subito vigile. Anni di addestramento, prima da parte di sua madre e suo padre e poi delle sue guide, lo avevano condizionato al punto che evocò lo scudo quasi senza rendersene conto. Un alone di energia lo circondò, avvolgendolo come una crisalide nel bozzolo.
“Non c’è bisogno di ricorrere a tanto” disse una voce proveniente dal buio.
Zane cercò di individuarne la provenienza.
“Se vessi voluto attaccarti, l’avrei fatto mentre scendevi le scale ed eri un facile bersaglio, non qui dove riesco a scorgerti a malapena” disse la voce con tono divertito.
“Perché non lo fai adesso?” fece Zane per guadagnare tempo.
“Prima” disse la voce. “Permetti che mi presenti. Mi chiamo Groven e vengo da parte del comandante Hissarion.”
“È la prima volta che lo sento nominare.”
“Lo immaginavo.”
“Comandante di quale esercito?”
“Dell’armata di Malag, ovviamente.”
Zane strinse i denti. “I rinnegati non hanno comandanti.”
“Ma lui lo è in ogni caso.”
Dove sei? Si domandò Zane.
Groven, se quello era davvero il suo nome, non doveva essere lontano, ma la sua voce sembrava provenire da direzioni sempre diverse. Prima a destra, poi a sinistra, poi da qualche parte dietro di lui.
È veloce, di disse. Oppure sta usando qualche incantesimo per spostarsi. E restare invisibile.
“Sì” disse Groven. “Sto usando l’invisibilità. Ma usare la vista speciale non ti sarà d’aiuto.”
Zane ci aveva già pensato, ma lì nella penombra l’incantesimo non funzionava bene come nel buio della notte. Era pensato per scrutare nelle tenebre alla ricerca di pericoli nascosti e solo gli stregoni più esperti riuscivano a trarne vantaggio nella penombra.
Zane evocò un dardo magico. Nel palmo della mano apparve un oggetto luminoso che aveva l’aspetto di una punta di freccia.
“Ti ho detto che non voglio attaccarti, Zannis Stanner. Sono qui solo per portarti un messaggio.”
“Da parte di Hissarion?”
“Proprio lui. Dice che avete una questione in sospeso, voi due. Era lui al comando del drappello che attaccaste qualche Luna fa e dove morirono parecchi tuoi confratelli.”
Zane trattenne la rabbia. “Lui comandava quei rinnegati?”
“Proprio così e desidera confrontarsi di nuovo con te. Dice che quella volta sei fuggito come un codardo e non ha potuto darti la lezione che meritavi.”
Che patetico trucco, pensò Zane.
“Se pensa di provocarmi…” iniziò a dire.
“Il comandante Hissarion” proseguì Groven. “Dice anche che lo hai deluso. Dice che si aspettava molto di più da te e che invece ti sei dimostrato uno stregone di rango inferiore.”
Altre provocazioni, pensò Zane. Questo Hissarion deve essere proprio stupido se pensa che mi farò ingannare in questo modo. O forse è vero che non ha un’alta opinione di me.
Quel pensiero lo turbò.
“Ma quel che più lo ha deluso è che non vali nemmeno la metà di tuo padre e che non sei degno di essere il figlio di Aramil Stanner.”
“Che venga da me e gli dimostrerò quanto valgo.”
“Il comandante dice che ti ha già valutato e ti ritiene indegno.”
“Per questo ha mandato te?”
Groven sembrò pensare sulla risposta da dargli. “Io devo solo portarti un messaggio, giovane Stanner. Ora che l’ho fatto, il mio compito qui è terminato.”
“Aspetta” disse Zane pensando in fretta. Voleva provare a catturare Groven. Se ci fosse riuscito e se fosse riuscito a fargli confessare dove si trovava Hissarion… senza contare i segreti che poteva conoscere sull’orda, se davvero ne faceva parte.
Si guardò attorno per assicurarsi che fossero soli. Lì, sotto la tribuna, nell’ombra, nessuno sembrava badare a lui. Ogni tanto poteva scorgere qualcuno passare poco lontano, ma per la maggior parte si dirigevano altrove, spinti da chissà quale urgente commissione da portare a termine.
Groven aveva scelto bene il luogo in cui parlargli.
Forse, se mi mettessi a gridare, qualche guardia arriverebbe, si disse. No, mi renderei solo ridicolo.
“Devi portare un messaggio in risposta al tuo comandante” disse Zane sperando che Groven fosse ancora lì.
“Un messaggio per Hissarion?” chiese Groven parlandogli da una posizione diversa.
Zane lo immaginò che si spostasse scivolando nell’ombra, protetto dal manto di invisibilità, sicuro che lui non potesse scorgerlo.
“Solo per lui e devi giurare che glielo riferirai.”
Groven tacque e Zane temette che fosse andato via.
“Ti ascolto” disse infine.
Zane aveva preso nota della direzione da cui proveniva la voce. Non poteva esserne sicuro, ma sembrava esserci uno schema negli spostamenti. Forse Groven doveva ripeterli perché quelli erano i punti più sicuri da cui parlare senza che lui riuscisse a vederlo.
“Porta a Hissarion le mie scuse.”
“Le tue scuse?”
Stavolta Zane si aspettava che la voce giungesse da un punto alla sua destra e in basso e così avvenne.
“Le mie scuse” ripeté sperando di farlo parlare di nuovo. “Per averlo deluso e per non essere stato all’altezza della fama di mio padre.”
“Vuoi che gli riferisca queste parole?”
“Sì” disse Zane concentrandosi. “E voglio che tu gli dica che la prossima volta che ci incontreremo cercherò di non deluderlo.”
“Glielo riferirò” rispose Groven. “C’è dell’altro?”
“No” disse Zane cercando di non far trasparire la sua eccitazione. Con l’ultima frase era sicuro di avere individuato lo stregone, ma poteva scoprirlo solo in un modo.
Tese le braccia in avanti e girò sul busto. Allo stesso tempo lasciò partire un dardo magico che illuminò il buio e si infranse su una cassa di legno illuminandola per un istante.
A un passo di distanza vide un’ombra scivolare di lato e dirigersi verso l’esterno.
Ti ho trovato, pensò trionfante mentre si gettava verso il punto in cui Groven si trovava. L’ombra che aveva intravisto per un istante si mosse come un sudario animato dal vento, ma sapeva che sotto quel manto c’era una persona.
Groven si gettò dietro un angolo e Zane accelerò evocando l’incantesimo che aumentava i suoi riflessi e la sua forza.
Il suo corpo sembrò farsi leggero e i muscoli più potenti. Non sentiva né la fatica né il peso della spada e dell’armatura che portava. Come sempre gli capitava quando usava quell’incantesimo, gli sembrava di avere la forza di sollevare un palazzo con le mani. Era un’illusione creata dal potere che ora fluiva nel suo corpo e lo stava modificando, ma era forte e gli faceva battere il cuore all’impazzata.
Si gettò oltre l’angolo e quasi investì un carretto pieno di barili che qualcuno aveva piazzato sotto la tribuna per qualche motivo.
Lo stesso potere che aumentava la sua forza gli diede la capacità di balzare di lato ed evitare lo scontro. Con la coda dell’occhio individuò Groven che scivolava in mezzo al pubblico che si stava spostando verso i recinti di combattimento.
Zane fu tentato di farsi strada tra la folla a spintoni, ma se lo avesse fatto avrebbe potuto ferire qualche cittadino che si fosse trovato a incrociare la sua strada.
Invece corse fiancheggiando la folla e scegliendo la via più lunga e tortuosa ma sgombra di passanti. Ogni tanto gettava rapide occhiate verso Groven, che doveva muoversi nella calca.
Lo vide sparire un paio di volte dietro una delle tende ma accelerò il passo e lo ritrovò che si muoveva veloce verso un altro punto della spianata.
Lo seguì fino alle transenne che delimitavano la piazza e dove i soldati sostavano osservando con indolenza il pubblico che sciamava da un lato all’altro.
Groven superò i carretti dei venditori ambulanti che esponevano la loro merce e imboccò un vicolo ampio appena da lasciar passare due persone affiancate.
Zane si precipitò verso la stradina e vi atterrò piegandosi sulle ginocchia. Nello stesso tempo evocò lo scudo e avanzò con prudenza.
Il vicolo era deserto e la maggior parte dei palazzi che vi affacciavano non avevano finestre. Groven scivolò di lato e sparì dietro un angolo.
Zane lo seguì e appena svoltato lo ritrovò che stava percorrendo un vicolo perpendicolare a quello precedente.
Poteva cercare di catturarlo adesso, ma mentre lo inseguiva aveva riflettuto sulla sua prossima mossa.
Sta andando da qualche parte, si disse. O da qualcuno. Se a Ferrador ci sono altri stregoni dell’orda di Malag, catturarli ed eliminarne una buona parte ci darebbe un certo vantaggio. E potremmo recuperare molte più informazioni.
Seguì Groven finché lo stregone non sbucò in una piazza esagonale con al centro una fontana di marmo scheggiata e annerita dal tempo e dall’incuria.
Zane si guardò attorno con una rapida occhiata per assicurarsi che non ci fosse nessun altro in attesa. Quando tornò a guardare Groven, notò che lo stregone si era fermato vicino alla fontana.
Aveva la testa scoperta, mostrando dei capelli grigi e due occhi piccoli e sottili che lo fissavano con irriverenza.
Zane avanzò verso di lui con calma. “Non puoi andare da nessuna parte” disse a voce alta.
Groven sorrise. “Io non intendo muovermi. Sono esattamente dove volevo essere. E dove volevo che fossi tu.”
Zane si fermò. Un boato proveniente dalle sue spalle lo fece trasalire. Voltandosi di scatto, vide le fiamme alzarsi dal punto in cui doveva trovarsi la piazza del torneo.
“Sei spaventato o sorpreso, Zane Stanner?”
Zane aveva la bocca secca. “Che sta succedendo?”
“Quello che doveva succedere da tempo. L’orda sta per prendere questa città. E se non potrà prenderla, la raderemo al suolo.”
“Ci sono troppi stregoni e soldati a Ferrador” disse Zane. “E io non vedo l’esercito dell’orda qui attorno.”
Il sorriso di Groven si allargò. “Pensi che quello che non riesci a vedere non esista, Zane? Abbiamo portato la nostra armata qui un poco alla volta, senza fretta, mescolandoci a quelli che affluivano in città per arruolarsi. È servito tempo e il sacrificio di alcuni, ma alla fine ci siamo riusciti. In questo preciso istante, mentre noi stiamo parlando, centinaia dei nostri stanno attaccando le difese della città. Un gruppo sta prendendo possesso dei cancelli e li sta chiudendo, in modo da impedire alle forze di Lormist di entrare e soccorrere i loro alleati. La tua idea di lasciarli fuori ci ha dato un bel vantaggio, Zane Stanner.”
Un altro boato, più forte di quello precedente, scosse le pareti dei palazzi facendo crollare dei calcinacci che si infransero al suolo. La terra vibrò come scossa dai passi di un gigante e un ruggito scosse l’aria.
Zane non osò voltarsi indietro per vedere che cosa stesse accadendo alle sue spalle. Non voleva perdere di vista Groven e farsi prendere alla sprovvista.
“Le forze di Ferrador vi fermeranno” disse Zane poco convinto.
Aveva visto le forze cittadine e non gli sembravano affatto pronte ad affrontare una battaglia. Metà delle guardie erano reduci di altre guerre, mercenari e gente raccattata in giro per completare i ranghi. I pochi soldati attendevano di essere riforniti e avevano poche armi e se era vero che i cancelli stavano per essere chiusi, i suoi soldati non erano pronti per un assedio.
“Tu” disse Zane puntandogli contro il dito. “Mi porterai da Hissarion.”
Ucciderò il comandante nemico, pensò. Senza la sua guida un esercito non vale molto e l’orda è solo un gruppo raccogliticcio di rinnegati.
Groven non mutò espressione. “Io non ti porterò da nessuna parte, Zane Stanner.”
“Lo farai” rispose avanzando di un passo. “E io ti prometto che ti lascerò in vita, se collaborerai. Ma se ti opporrai, sarà molto più doloroso.”
Groven gettò a terra il mantello scuro, rivelandone uno grigio che gli scendeva fino alle caviglie. “Mi deludi una volta di più, Zane Stanner. Sei davvero indegno di portare quel nome. Non c’è bisogno che ti porti da nessuna parte perché Hissarion sono io.”
Zane respirò a fondo. “Allora sarà più facile.”
Hissarion sollevò una mano e la fontana esplose in mille pezzi. Il pavimento della piazza si sollevò e Zane venne sbalzato all’indietro. Solo grazie all’incantesimo che gli donava forza e agilità sovrumane lo protessero da una caduta rovinosa. Piroettò all’indietro e quando atterrò si piegò sulle ginocchia, pronto a scattare in avanti per colpire l’avversario.
Un’ombra si stagliò sopra di lui e quando sollevò gli occhi incrociò quelli vuoti e neri di una creatura alta come uno dei palazzi che circondavano la piazza.
Sembrava sorto dal terreno ed era fatto di pietre e rocce che dovevano aver formato la fontana e la pavimentazione. Al suo posto vi era un cratere largo una ventina di passi.
Hissarion era sparito ma Zane era certo che fosse lì in giro, ben nascosto mentre guidava la sua evocazione.
“Ora” gridò il comandante rinnegato. “Vieni a prendermi, Zane Stanner.”

Prossimo Capitolo Giovedì 25 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 58
*** Cambiamo le regole. Di nuovo ***


Cambiamo le regole. Di nuovo
 
“Aspetta” gridò Valya sperando che la guerriera dagli occhi sottili la sentisse.
Lei percorse rapida lo spazio tra le tende e svoltò dietro una di esse. Valya la seguì e quasi andò a sbatterle addosso quando se la ritrovò di fronte, le braccia incrociate sul petto e l’espressione contrariata.
“Perché mi segui? Che vuoi da me?” le chiese la guerriera.
Valya non aveva preparato un discorso. “Ascolta” disse cercando le parole adatte. “Tu sei una donna.”
“L’hai già detto nell’arena” rispose la guerriera.
“Come ti chiami?”
“Chi lo vuole sapere?” fece lei accigliata.
Valya raccolse il coraggio e alzò la celata dell’elmo. “Io” disse con voce ferma. “Valya. Sono una donna anche io.”
La guerriera si sporse in avanti. “Tu non sei una donna, ma una ragazzina.”
Valya ignorò l’offesa. “Ora dimmi il tuo nome.”
“Perché dovrei farlo?”
Ricordò una delle lezioni di Olethe. “Sarebbe da maleducati tacere il proprio nome di fronte a una persona che si è appena presentata.”
La guerriera sospirò. “Yun Ti. È questo il mio nome.”
“Yun Ti” ripeté Valya. “Onorata di fare la tua conoscenza.” Quella era un’altra delle frasi formali che Olethe le aveva insegnato.
“Onore mio” rispose Yun Ti con poca convinzione. “Ora che ci siamo presentate posso andare?”
“Voglio solo chiederti una cosa.”
“Sbrigati” disse lei spazientita.
“Perché ti sei arresa?”
“Ha importanza per te? Hai vinto e andrai avanti nel torneo.”
“Ma tu mi stavi mettendo in difficoltà.”
Yun Ti si accigliò. “Stavo solo giocando con te, ragazzina.”
“Perché?”
“Ero annoiata” rispose la guerriera guardando altrove.
“La tecnica che hai usato” disse Valya cercando di conquistare la fiducia della guerriera. “È davvero interessante. Sembrava che tu riuscissi a prevedere le mie mosse. È così?”
“Può darsi.”
“Come ci riesci?”
“È il Wah.”
Valya la fissò in silenzio.
“Non so che cos’è questo Wah” ammise. “È una tecnica di combattimento?”
“Certo che no, sciocca” disse Yun Ti.
“Allora che cos’è?”
“Sarebbe complicato da spiegare a una dagli occhi tondi come te. È una tecnica che solo noi delle Isole Orientali sappiamo usare.”
“Per favore” disse Valya con tono supplice.
Yun Ti sospirò di nuovo. “Il Wah è tutto questo” disse la guerriera con un ampio gesto del braccio.
“Cosa intendi con questo?”
“Quello che vedi. Quello che tocchi. Quello che annusi. Tutto, insomma.”
Valya scosse la testa.
“Nella nostra lingua Wah significa materia” spiegò Yun Ti. “Lo usiamo per distinguerlo dal Kah.”
“Il Kah” ripeté Valya.
“Il Kah è il vuoto che separa la materia.”
“Intendi l’aria?”
“No, sciocca” disse Yun Ti. “Come posso spiegarti? Io stessa ho impiegato anni per comprendere questo concetto. Il Kah è il vuoto che separa la materia e che la unisce al tempo stesso. È grazie al Kah che tutto ciò che vedi è in equilibrio e perfetto.”
Valya non pensava che tutto fosse perfetto e faticava ad accettare quelle parole per vere, ma aveva visto Yun Ti combattere e tanto le bastava. “Davvero stavi solo giocando con me?”
Yun Ti sospirò e scosse la testa. “Senti, è stata una giornata lunga e faticosa e voglio andare a riposare. La verità è che sei molto, molto veloce. Dico sul serio. La tua tecnica è rozza e sei sgraziata, ma vedevo appena i tuoi movimenti e mi hai quasi sorpresa quando mi hai attaccata e credimi, non è facile cogliermi di sorpresa.”
“Grazie” disse Valya.
“Aspetta a ringraziarmi. Sembra che tu abbia attirato l’attenzione di certi tizi.”
Valya si accigliò.
“Un uomo mi ha chiesto di farti vincere. Mi ha offerto una bella borsa piena di monete. Mille, per l’esattezza. E io ho accettato. Mi serviranno per tornare a Chazar, a casa mia. Sono stanca di questo continente e di voi occhi tondi. E ora che c’è la guerra mi interessa anche di meno restare.”
“Aspetta, aspetta” disse Valya, la mente affollata dai pensieri. “Qualcuno ti ha chiesto di farmi vincere?”
Yun Ti annuì.
“Non sono stata io.”
“Lo so.”
“Non ho mille monete” esclamò Valya.
“Lo immaginavo. Non sembri una ragazza che può permettersi di regalare soldi.”
Valya la fissò senza sapere cos’altro aggiungere.
“Io non so in che guaio ti sei messa” disse Yun Ti a voce bassa. “Ma se fossi in te starei molto attenta. Nessuno spende tante monete senza avere uno scopo preciso. E non penso che tu ne trarrai giovamento, Valya. O Val, come ti chiamano qui. A proposito, perché questo travestimento? Alle donne non è vietato partecipare.”
Valya fece per rispondere ma si fermò.
“Ho capito, è un segreto. Forse ha a che fare con le mille monete che mi hanno offerto. O forse no. In ogni caso, ora devo andare via. La strada verso Belliron è lunga e io ho fretta di trovare una nave per le Isole Orientali.” Yun Ti le rivolse un inchino. “Che la tua via sia dritta, Valya.”
“Valya Keltel” rispose.
“Addio, Valya Keltel.”
Yun Ti le voltò le spalle e si allontanò.
Valya la seguì con lo sguardo finché non lasciò la piazza e si confuse tra la folla che si accalcava oltre la staccionata che la delimitava.
Solo allora distolse lo sguardo, chiuse la celata dell’elmo e tornò alla tenda.
Bazon l’attendeva di fronte all’entrata insieme a uno degli inservienti che conducevano i guerrieri alle arene.
“Eccoti” disse l’uomo andandole incontro. “Te lo dicevo che non era lontano.”
Valya si accigliò.
“Devi venire subito con me” disse l’inserviente.
“Dove?” chiese preoccupata.
“Hai un nuovo duello” rispose l’uomo.
“Ma ho appena combattuto” si lamentò.
“C’è stato un cambiamento nella lista. Se non mi segui verrai squalificato.”
Valya non aveva intenzione di farsi buttare fuori dal torneo proprio adesso. Seguì l’inserviente in silenzio.
Bazon l’affiancò. “Ho saputo cosa è successo nel duello.”
“Io” fece Valya.
“È molto strano” disse il guerriero.
“È quello che stavo per dire io” disse Valya. “Qualcuno ha offerto a Yun Ti mille monete per perdere.”
Bazon corrugò la fronte. “Chi?”
“Non lo so. Non me l’ha detto. O forse nemmeno lei lo sapeva.”
“È molto sospetto. Stai attenta nell’arena. Sta accadendo qualcosa di strano.”
Valya annuì. “Starò attenta.”
Bazon le rivolse un cenno con la testa e si allontanò.
“Sbrigati” disse l’inserviente precedendola. “Non possiamo farlo aspettare oltre.”
Valya lo seguì in silenzio. Mentre si avvicinava alla palizzata che delimitava l’arena, la folla la osservò in silenzio. Stavolta nessuno gridò il suo nome né batté sulle assi di legno annunciando il suo arrivo.
Il silenzio l’accompagnò anche quando l’inserviente spalancò la porticina di legno che conduceva all’arena e la invitò a entrare.
“Svelto.”
Valya inspirò l’aria e lo superò.
L’inserviente chiuse la porta facendo scattare la serratura.
Al centro dell’arena c’era una sola figura, in piedi, la spada già sguainata. Il sole batté sull’argento della lama mettendo in risalto la mano sapiente del fabbro che l’aveva lavorata.
Donn Ballard la guardò come se avesse di fronte un cane randagio. “Ce ne hai messo di tempo, Val.”
Valya si arrestò di colpo, lottando per restare in piedi come se il terreno le stesse scivolando da sotto i piedi. Si guardò attorno alla ricerca del giudice dello scontro, ma nell’arena c’erano solo loro.
Lei e Ballard.
Lui fece un ampio gesto col braccio come a voler includere tutta l’arena. “Sei sorpreso o spaventato?”
“La tua spada” disse Valya. “Non l’hai fasciata.”
Donn sollevò l’arma come a volerla mostrare a tutti quelli che stavano guardando. “Per questo scontro le regole sono cambiate. Si combatte per sopravvivere. Chi resta vivo, vince. E chi muore, perde.”
Valya deglutì a vuoto. “Io non voglio combattere con queste regole.”
Ballard strinse la mascella. “Devi” ringhiò. “Altra regola. Vietato ritirarsi. Chi si ritira dal combattimento, muore.”
 Valya annaspò alla ricerca di una risposta. “Allora combattiamo, ma non fino alla morte.”
Ballard sorrise. “Di che cosa hai paura, Val il Leone? È così che ti chiamano, vero? Hai sconfitto tutti gli avversari con facilità. Ti ho osservato, sai. Hai una tecnica semplice, ma efficace. Ho persino faticato a seguire le tue mosse ed è molto difficile che certe cose mi sfuggano. Sei agile e veloce ma anche forte quando colpisci. Credo che sarà interessante ucciderti.”
Valya strinse la mano sull’elsa. Non voleva uccidere Ballard. Aveva cercato di evitarlo ma lui non le stava dando altra scelta che affrontarlo.
Forse se gli spezzo solo una gamba o un braccio, si disse, dovrà arrendersi. No, non basterà. Non sembra uno che si arrende.
Ballard roteò la spada con un rapido movimento del polso. “Togli le fasce che nascondono la tua lama, su. Sarà un combattimento leale, il nostro.”
Valya tirò vie la fascia e la buttò a terra dopo averla arrotolata.
Ballard socchiuse gli occhi. “È davvero bella. Come ha fatto uno come te a venirne in possesso?”
“È un regalo di mio padre” mentì Valya.
“Falso” rispose Ballard. “Ti rifarò rimangiare questa menzogna, Val il leone.” Sollevò la spada e la puntò verso di lei. “Ora combattiamo.”
Valya strinse l’elsa e avanzò verso di lui, i piedi che sembravano volare sul terreno rosso mattone dell’arena. Il sorriso di Ballard si allargò quando lei balzò in avanti, la spada sollevata sopra la testa e calò un fendente verso la sua spalla.
Il cane da guardia di Dalkon, come Ferg l’aveva chiamato una volta, scartò di lato ed evitò l’affondo mandandola a vuoto.
Valya eseguì un mezzo passo in avanti e fece ruotare il bacino per colpirlo di taglio all’addome, ma Ballard balzò indietro ed evitò di nuovo il colpo.
“Sei veloce proprio come pensavo” disse muovendosi in cerchio attorno a lei.
È agile, pensò Valya, anche più di Yun Ti. Anche lui conosce la tecnica del Wah o sta usando un trucco? O un incantesimo?
Quel pensiero la colpì come un fulmine che cadeva a pochi passi di distanza.
Ballard non indossava il mantello, ma forse se l’era solo tolto per combattere e stava usando qualche suo potere da stregone per evitare i suoi attacchi.
No, pensò. C’erano stregoni che assistevano agli scontri. Erano uomini silenziosi che fissavano i combattenti con gli occhi che brillavano.
Bazon le aveva spiegato che con la loro vista speciale potevano scoprire se un combattente stesse usando la stregoneria.
Fino a quel momento nessuno stregone era stato scoperto a usare il proprio potere in un combattimento, ma poteva significare poco.
Forse Ballard aveva fatto un accordo con gli stregoni dagli occhi brillanti o riusciva a nascondere il suo potere. O forse non stava usando alcun potere e quella era solo la sua tecnica.
“Sei già stanco, Val il Leone?” disse Ballard sorridendo. “Sembravi più forte da lontano.”
“Da vicino sono ancora più forte” disse Valya.
“La tua spada” disse Ballard. “Parlami di lei. Come l’hai avuta?”
 Valya balzò in avanti e finse di affondare il colpo per poi ruotare il bacino e colpire di taglio Ballard, che fece un salto all’indietro.
Sulla camicia, poco sotto il bavero, c’era un lungo taglio da cui stillava il sangue che stava imbrattando di rosso la seta.
Ballard toccò la ferita con la mano. “Notevole” disse. “Davvero notevole. Mi aspettavo una cosa del genere.”
“Hai voluto tu uno scontro mortale” ringhiò Valya. Sentì la rabbia crescere dentro di lei. “Vuoi tirarti indietro e arrenderti?”
“Non ti è bastata la facile vittoria con la guerriera dagli occhi sottili? Pensavi che sarebbe stato altrettanto facile, Val?”
“Sei stato tu a darle le mille monete?” chiese Valya, la mente attraversata all’improvviso da quel pensiero.
Ballard sogghignò. “Te l’ha detto lei? Appena avrò finito con te darò ordine di farla cercare e impiccare. Hai firmato la sua condanna a morte.”
Valya scattò di nuovo in avanti e ripeté l’assalto di prima. Stavolta Ballard danzò rapido sulle gambe e la evitò, mandandola fuori tempo. Con una veloce rotazione alzò la spada sopra la testa e la colpì alla schiena.
La forza del colpo le fece perdere l’equilibrio per un istante, ma riuscì a tenersi in piedi. Si voltò di scatto, sicura che Ballard fosse pronto ad approfittare del suo momento di difficoltà, ma l’uomo era rimasto a una decina di passi di distanza, l’espressione interdetta.
“La tua spada” disse con occhi sbarrati. “Ho sentito qualcosa mentre ti colpivo. Veniva da quell’arma, ne sono certo.”
Valya sentì l’ansia crescere dentro di lei.
“C’è qualcosa in quella lama, lo sento” disse Ballard. “E anche tu lo senti, vero?”
Valya strinse le mani sull’elsa della spada.
“Sì” disse Ballard. “Tu lo senti, quel potere. Se ho potuto avvertirlo, lo puoi fare anche tu. Sai, ho sempre avuto una certa sensibilità per queste cose, ma erano anni che non avvertivo una sensazione del genere. Ero giovane l’ultima volta che accadde ma non ho mai potuto dimenticarlo. E adesso, dopo tanti anni.” Scosse la testa. “Stavo divagando, come al solito, mentre invece dovrei mantenere la concentrazione.”
Valya sentì delle grida alle sue spalle e un tonfo sordo, ma ci badò appena. Tutta la sua attenzione era rivolta a Ballard che stava avanzando verso di lei.
“Abbiamo già perso abbastanza tempo qui” disse il guerriero. “Si sta facendo tardi e io ho fretta di mettere le mani sulla tua spada. È un peccato che debba ucciderti per strappartela. Non saprò mai come l’hai ottenuta, ma sono le regole. Il portatore deve morire perché un altro ne diventi il proprietario.”
“Io” disse Valya. “Non ti darò la spada.”
“Lo so” fece Ballard. “È lei che non vuole separarsi da te, ma io sarò un padrone migliore. Quante cose meravigliose potremo fare insieme.”
Valya sollevò la spada. “Vieni.”
La figura di Ballard sembrò sfocare per un attimo mentre alzava la spada e si preparava ad attaccarla. In quel momento il cielo venne squarciato da un boato e la tribuna dove il pubblico stava seguendo lo scontro esplose.

Prossimo Capitolo Domenica 28 Marzo

Ritorna all'indice


Capitolo 59
*** Primo Sangue ***


Primo sangue
 
La terra tremò e lei faticò per restare in piedi. Guardò Ballard temendo che ne approfittasse per attaccarla, ma l’uomo guardava in alto, verso il cielo alle sue spalle.
Valya si voltò per un attimo e poi tornò a guardarlo, ma negli occhi le rimase impressa la figura enorme che si stagliava sopra la piazza.
Tornò a voltare la testa e sgranò gli occhi.
Non l’aveva sognata.
Non stava sognando.
Era sveglia e stava guardando, eppure non credeva a ciò che vedeva.
In mezzo alla piazza, una creatura alta come un palazzo di tre o quattro livelli si muoveva su gambe sgraziate e tozze. Una coda da lucertola spazzava la piazza sollevando e scagliando via gli incauti che capitavano sulla sua strada. Il corpo era coperto di scaglie dai colori vivaci, mentre due Lunghe braccia che terminavano in altrettante zampe munite di tre artigli erano calate verso il basso nel tentativo di afferrare quelli che sciamavano terrorizzati in tutte le direzioni.
Una afferrò una donna e la scagliò via come se fosse una bambola di pezza. Valya seguì affascinata il volo della donna finché non atterrò su di una catasta di legno e li giacque.
Il corpo del mostro era sormontato da una testa dal muso lungo e affusolato da cui sporgevano denti lunghi come lance da un bianco candido.
Una mano le afferrò la spalla costringendola a voltarsi. Per un attimo pensò si trattasse di Ballard, ma incontrò gli occhi di Bazon.
“Vieni con me se vuoi vivere.”
Valya si scosse e lo seguì fuori dall’arena. La porta era spalancata e di Ballard non vi era traccia.
“Dov’è andato?”
“Non lo so” disse Bazon. “Quando l’attacco è iniziato è corso verso la tribuna ma l’ho perso di vista.”
Valya guardò il mostro, in quel momento con la schiena rivolta verso di loro. Era a due o trecento passi ma aveva l’impressione che gli sarebbero bastati pochi balzi per raggiungerli.
“Che cos’è? Da dove viene? Non ho mai visto una cosa del genere.”
Bazon la condusse verso i confini della piazza, dove centinaia di persone si stavano ammassando cercando scampo nelle vie laterali.
“Evocazione” disse il guerriero.
Valya scosse la testa. “Non capisco.”
“È l’opera di uno stregone” rispose Bazon. “O di una strega. Ce ne sono altri.”
Indicò la parte opposte della piazza. Da quel punto partì qualcosa che attraverso il cielo e terminò la sua corsa contro la facciata di un palazzo facendola esplodere.
Una pioggia di calcinacci investì i soldati e le persone che si trovavano sotto l’edificio. La gente che era lì attorno gridò e si ammassò ancora di più lungo il confine della piazza.
“Proiettile di fuoco” gridò Bazon. “Ne lanceranno altri.”
“Chi sono?”
“Non lo immagini?”
“No” esclamò lei disperata.
“È l’orda” disse Bazon. “Malag sta attaccando Ferrador.”
Valya scosse la testa. “Ma come è possibile? Dicevano che era a centinaia di miglia da qui.”
“Il rinegato ama sorprendere i suoi nemici. O forse l’hanno fatto solo credere.” Bazon fece un ghigno. “Ormai non ha importanza. Sono qui e non se ne andranno prima di aver causato una ferita mortale a questa città e alla guerra. Guarda.”
Il guerriero indicò un punto a oriente.
Valya alzò la testa e vide un pennacchio di fumo alzarsi da un edificio dall’aspetto massiccio e squadrato. Conosceva quel posto. Era il palazzo della governatrice. Era lì che viveva.
“Stanno attaccando il palazzo della governatrice” esclamò.
“L’attacco alla piazza serviva solo a distrarre i difensori della città e farli accorrere qui mentre il vero obiettivo era il palazzo.” Bazon Scosse la testa. “Se non fosse un dannato rinnegato, quel Malag avrebbe la mia ammirazione.”
Due soldati passarono sfiorandole il fianco e proseguirono in direzione del palazzo.
“Hanno attaccato la porta principale” gridò uno di loro.
“L’ordine è di rinforzare le difese del palazzo.”
Un boato giunse dalla piazza. Valya alzò la testa di scatto e vide il mostro colpire uno dei palazzi abbattendone la facciata. Una pioggia di massi investì un gruppo di soldati proprio sotto di esso.
Il guerriero cercò di trascinarla verso la strada più vicina dove altre persone stavano correndo ma Valya puntò i piedi.
“Non possiamo restare qui” gridò Bazon.
“Devo andare al palazzo” disse Valya liberandosi della presa con uno strattone.
A palazzo ci sono Doryon, Rann, la governatrice, pensò. E Olethe e Ferg. E mio padre.
“Non è affare nostro.”
“Invece sì” disse Valya.
Bazon scosse la testa. “Allora vai, dannata ragazzina. Vai a farti ammazzare.”
Il guerriero corse verso il vicolo.
Valya lo osservò finché non sparì tra la folla, quindi girò di scatto e corse nella direzione presa dai due soldati. Anche con la spada sguainata e la forza che le trasmetteva, faceva fatica ad avanzare con il peso dell’armatura. Muoversi nello spazio limitato dell’arena era stato facile, ma lì, all’aperto, iniziava a sentire la stanchezza.
Ogni tanto guardava in alto, verso il fumo che si levava alto da due o tre incendi e sceglieva la strada cercando di mantenere quella direzione.
Due donne le passarono accanto correndo. Una di esse trascinava una ragazzina che gridava. Valya li ignorò, ma dovette arrestarsi quando trovò la stradina invasa dal fumo e dai detriti. Uno dei palazzi che la fiancheggiavano era crollato sollevando polvere e detriti che avevano invaso la strada.
Valutò se cercare una strada parallela a quella, ma non aveva idea di che giro avrebbe dovuto fare. Trasse una boccata d’aria e si gettò nel fumo. Nel candore latteo della polvere il contorno dei palazzi era sfocato e le dava l’impressione di muoversi come in un sogno. Anche i rumori sembravano giungere attenuati dalla distanza. Dopo un centinaio di passi sentì i polmoni bruciarle e dovette respirare. Ala prima boccata aspirò il fumo e la polvere che le bruciarono nel petto come se avesse bevuto del vino rovente.
Tossì e sputacchiò per il resto del percorso e solo quando vide la nebbia diradarsi accelerò il passo. Quasi inciampò nei corpi ammassati uno accanto all’altro. Quando guardò in basso riconobbe uno dei due soldati che l’avevano preceduta. Uno di essi aveva gli occhi sbarrati, non seppe dire se per il dolore o per la sorpresa, forse per entrambe e due fori all’altezza del fianco e del petto. Entrambe avevano delle bruciature lungo il contorno.
Non aveva mai visto quel tipo di ferite ma qualcosa le diceva che non erano state fatte da una spada o da una freccia.
“Aiuto” gridò qualcuno alla sua destra facendola sussultare.
Si voltò in direzione della voce e vide un uomo di mezza età mezzo sepolto dai calcinacci. Corse verso di lui e si chinò.
“Aiutami” supplicò l’uomo tendendo le braccia verso di lei.
“Aspetta” disse Valya. “Cerco di liberarti.
Una grossa pietra squadrata copriva le gambe dell’uomo. Valya ne afferrò il bordo con le mani e la sollevò senza alcuno sforzo.
L’uomo si trascinò fuori e lei appoggiò la pietra di lato.
L’uomo respirava a fatica e sembrava sofferente. Valya esaminò la gamba e vide che era piegata in due e dai pantaloni inzuppati di sangue si intravedeva uno spuntone di osso.
“È grave?” chiese l’uomo.
“No” rispose Valya con un groppo in gola.
“Allora perché mi fa così male?”
“È stata la botta. Tra poco starai meglio.”
L’uomo guardò verso il palazzo crollato. “La mia casa” disse.
“Non pensare a quella” disse Valya. Guardò verso la strada. La polvere si era depositata e ora poteva vedere i particolari. Metà dei palazzi era crollata come se qualcuno si fosse divertito a colpire le loro facciate per distruggerle. C’erano decine di corpo sparpagliati sul selciato e una dozzina di persone che si muovevano tra di essi. Alcuno piangevano, altri erano solo chini e altri ancora si aggiravano come spettri tre le rovine.
“È passato gridando” disse l’uomo.
“Come ti chiami?”
“Hurran.”
“Chi è passato gridando?”
“Il mantello grigio. Lo stregone che ha fatto tutto questo.”
Valya si accigliò.
“Gridava e lanciava sfere infuocate contro i palazzi. E non era solo. Altri due lo seguivano. Uccidevano quelli che uscivano di casa per salvarsi dalle fiamme.” Scosse la testa. “Io sono rimasto dentro. Pensavo di essere al sicuro, finché non ha deciso di colpire la mia casa.”
Una donna si avvicinò. “Hurran” gridò. “Sei vivo.”
“Clotine” esclamò l’uomo. “Hai visto la mia Ingra?”
La donna scosse la testa. “Era in casa con te?”
“No, era al mercato. Spero non stia venendo qui.”
Un boato li fece sussultare.
“Sta ritornando” gridò qualcuno.
“Eccolo.”
Valya si raddrizzò e guardò verso l’altra parte della strada. Una figura stava emergendo da una nuvola di detriti. Un uomo dall’aspetto imponente vestito con una tunica grigia e pantaloni marroni. Un mantello di un grigio stinto gli scendeva fino alle ginocchia.
“Uno di voi ha ferito uno dei miei soldati” stava gridando. “So che si è nascosto in una di queste case e che voi lo state proteggendo. Se mi direte dove si nasconde vi lascerò in pace. In caso contrario, tirerò giù tutti i palazzi e vi seppellirò sotto di essi.”
Tra le sue mani apparve qualcosa di luminoso, come un piccolo fuoco che ardeva.
Un uomo zoppicò al centro della strada. “Chi stai cercando non è qui. Lasciaci in pace.”
Il tizio col mantello lo squadrò con aria severa. “Stai mentendo.”
Le sue mani si protesero in avanti e il fuoco che ardeva tra i palmi saettò verso l’uomo al centro della strada, avvolgendolo tra le fiamme.
L’uomo si gettò a terra dimenandosi e gridando mentre le fiamme gli consumavano la carne.
“Allora? Dove si nasconde il vigliacco?”
Clotine gemette. “Ha ucciso Nokon” disse con voce tremante. “Era un uomo buono. Aveva due figli.”
Valya sentì crescere la rabbia dentro di sé. Fece per scattare verso il centro della strada ma Hurran la trattenne. “Non lo fare. Quello stregone è pericoloso.”
“Anche io” disse Valya sfuggendo alla presa.
L’ho detto davvero? Si chiese. Ho davvero detto che sono pericolosa e che non ho paura di affrontare quello stregone? Perché non ho paura?
La spada sembrò emanare energia più di quanto avesse mai fatto prima. Il cuore le batteva all’impazzata e sentiva i muscoli delle gambe e delle braccia già pronti a scattare verso lo stregone dall’altra parte della strada.
Il mantello grigio prese forma nella nuvola di detriti e ne riemerse come un fantasma, l’espressione severe dipinta sul viso.
Valya si piazzò al centro della strada dove lui l’avrebbe vista di sicuro.
I suoi occhi si posarono su di lei e la sua espressione si accigliò.
“Sei stato tu?”
“No” disse Valya
L’uomo fece una smorfia come se trovasse fastidiosa quella interruzione. “Allora vattene da qui.”
“No” ripeté Valya, la mano serrata sull’elsa della spada.
Lo stregone annuì solenne. “Non sei un soldato di Ferrador, quindi immagino fossi al torneo. Vuoi davvero immischiarti in faccende che non ti riguardano?”
“Mi chiamo Val” disse mostrandogli la spada. “E questa faccenda mi riguarda. Hai ucciso persone che non c’entravano niente.”
“Hanno scelto loro di schierarsi contro di noi.”
“E io ho scelto di schierarmi contro di te.” Alzò la spada mettendosi nella posizione di attesa che Ferg le aveva insegnato.
Lo stregone scosse la testa. “Mi stai solo facendo perdere tempo qui. Ho altro a cui pensare.”
“Ora dovrai pensare a me.” Valya si gettò di corsa verso lo stregone, la spada alzata e pronta a colpire.
L’avversario giunse le mani e quando le separò, tra i palmi era apparso il fuoco di poco prima. Valya lo vide un attimo prima di esserne avvolta.
Il fuoco le lambì la pelle del viso e delle braccia e una forza poderosa la spinse all’indietro. Andò a sbattere con la schiena contro qualcosa e rotolò di lato.
Con un balzo si raddrizzò e voltando la testa di lato trovò lo stregone, che ora si era mosso di qualche passo verso di lei.
Strinse i denti e si gettò di nuovo di corsa verso di lui.
Lo stregone si accigliò e dopo aver giunto le mani liberò di nuovo le fiamme, che come prima avvolsero Valya e la scagliarono all’indietro.
Stavolta il calore fu più intenso e si lasciò sfuggire un grido quando urtò contro il muro di un’abitazione e pietre e calcinacci le piovvero addosso.
Ignorando il dolore causato dalla botta raddrizzò la schiena e individuò lo stregone, che ora si era mosso di lato e la stava osservando incuriosito.
Barcollò in avanti e quasi inciampò in una grossa pietra che superò con un piccolo salto.
“Non dovresti essere in piedi” stava dicendo lo stregone. “Non dovresti nemmeno essere vivo.” Scosse la testa. “Ti ho lanciato contro un incantesimo che avrebbe potuto abbattere un palazzo di due piani.”
Valya strinse i denti. “Allora dovrai fare di più.”
Lo stregone fece due ampi cerchi con le braccia e venne avvolto da alone infuocato. Le fiamme ardevano così alte e forti che poteva sentirne il calore anche a distanza di dieci passi.
Mi sto gettando tra le fiamme, pensò mentre balzava di nuovo in avanti con la spada pronta a colpire.
E quel pensiero non la spaventava, anzi la rendeva ancora più desiderosa di farlo, come se la prospettiva di lasciarsi avvolgere da quella tremenda energia l’allettasse. Come se non avesse mai desiderato altro che quello in tutta la sua vita. Come se fossero anni che…
Il fuoco arrivò insieme alla tremenda spinta che la sfera infuocata aveva generato.
Stavolta Valya si inginocchiò e alzò la spada. Non fu un gesto a cui aveva pensato. Lo fece e basta perché qualcosa le disse che avrebbe funzionato.
Le fiamme le danzarono attorno e l’avvolsero, ma la spada le tagliò separandole in due rivoli di fuoco liquido che si dispersero in entrambe le direzioni.
La pressione contro il suo corpo e contro di lei divenne insopportabile e pensava che avrebbe ceduto davanti a quel potere, ma la stretta sulla spada le diede la forza di resistere fino a che le fiamme non si attenuarono e si dissolsero.
Attorno a lei tutto era in fiamme, comprese le case e i corpi che erano rimasti schiacciati nei crolli. Ovunque si voltasse vedeva solo distruzione e macerie fumanti.
E lo stregone dal mantello grigio che incredulo la stava osservando.
“Non è possibile” stava dicendo. “Questo è assolutamente imprevedibile. Fuori da ogni regola.”
Ne ho abbastanza di regole, pensò Valya. Voleva solo alzarsi e colpire lo stregone, ma era così stanca che non riusciva a muoversi. La spada doveva aver consumato tutte le forze che le restavano per arrestare quel singolo attacco devastante e ora non era rimasto niente a cui attingere.
A parte la spada.
La spada, si disse. È lei che può darmi la forza che mi serve. È sempre stato così, nell’arena e quando ho combattuto contro Rezan, ormai una vita intera fa. Senza di lei non sono niente.
Niente.
Affidati a lei.
Niente.
Sii lei.
Niente.
Una cosa sola.
Niente.
È facile.
Valya si mosse come in un sogno, le forze che rifiorivano all’improvviso. Non aveva idea di cosa dovesse fare e come colpire lo stregone, ma sapeva che ci sarebbe riuscita.
Con un balzo fu davanti a lui. Cercò di proteggersi con le braccia da quell’attacco incrociandole di fronte al corpo.
Troppo lento, si disse.
Era come vedere qualcuno camminare nell’acqua, con movimenti rallentati, mentre lei poteva muoversi senza risentire di alcun impedimento.
Danzò attorno allo stregone cercando il punto migliore per colpirlo e lo trovò, proprio sotto la scapola.
Fu la spada a guidare la sua mano.
La lama attraversò il tessuto sottile della tunica e affondò nella carne morbida, spezzò le ossa che incontrò ad emerse dalla parte opposta.
Il sangue gocciolò sulla lama e proseguì la corsa sull’elsa e infine macchiò la sua mano. Valya si concesse qualche istante per osservare compiaciuta le gocce di liquido che danzavano incerte sulla sua pelle.
Poi ritrasse la mano con un movimento deciso, sfilandola dal corpo dello stregone.
L’uomo si afflosciò al suolo, gli occhi e la bocca spalancati per la sorpresa e il dolore. Al tempo stesso il mondo riprese a scorrere alla sua consueta velocità.
Valya si concesse qualche istante per osservare il corpo ai suoi piedi.
Non si muove, pensò. Deve essere morto. L’ho ucciso io.
Quel pensiero la colpì più forte di quanto avessero fatto gli incantesimi dello stregone.
L’ho ucciso io.
Quella frase la fece vacillare.
L’ho ucciso.
Lasciò la presa sulla spada e si piegò in avanti, rigettando quello che aveva mangiato la mattina.

Note
Salve! Entriamo in un periodo festivo e di solito mi prendo una vacanza...
Ma questa volta no!
Da oggi e per tutto il prossimo mese, Valya diventa un appuntamento quotidiano.
Ciò vuol dire un capitolo al giorno (o almeno finché reggo il ritmo :p ) e se l'esperimento avrà successo, proseguirà anche a Maggio e Giugno!
Prossimo Capitolo Lunedì 29 Marzo!

Ritorna all'indice


Capitolo 60
*** Un uomo ragionevole ***


Un uomo ragionevole
 
Il pavimento della strada si sollevò e Zane con esso venendo scagliato all’indietro. Avvolse lo scudo magico attorno al corpo per deviare le schegge e i proiettili di pietra sollevati dall’esplosione.
Il mostro evocato da Hissarion si muoveva sgraziato per la piazza, inseguendolo senza dargli la possibilità di colpirlo.
Fin a quel momento, Zane si era limitato a sfuggire ai suoi attacchi, ma sapeva di non poter resistere a lungo. Un secondo stregone rinnegato si era unito a Hissarion ed era lui al momento il pericolo più grosso.
Con i suoi dardi magici non gli dava il tempo di rispondere agli attacchi del gigante. Hissarion lo controllava da una posizione sicura, forse dal tetto di uno dei palazzi.
Zane aveva cercato di individuarlo con la vista speciale, ma nella confusione della battaglia non riusciva a concentrarsi su quell’incantesimo, ora che tutto il suo potere era impiegato nello scudo magico e nel rafforzare i muscoli delle gambe.
Una pioggia di dardi magici colpì lo scudo producendo una cascata di scintille che lo abbagliarono per qualche istante.
Affidandosi all’udito sentì il gigante attaccarlo alle spalle e balzò in avanti e poi di lato. Il pugno del mostro sfondò la facciata di un palazzo facendola esplodere e Zane fu costretto a ritrarsi in fretta per non venire sepolto.
Prima con un salto e poi usando le braccia si issò fin sopra il tetto per osservare la piazza dall’alto. Subito i dardi lo raggiunsero e fu costretto a spostarsi, perdendo di vista il gigante.
Prima o poi mi colpirà, si disse. Devo trovare un terreno di scontro più favorevole.
La mano del gigante colpì il tetto facendolo crollare e Zane fu costretto a saltare mentre i dardi dell’altro stregone rinnegato continuavano a esplodergli attorno.
Uno superò lo scudo magico sfiorandogli la gamba destra. Sentì il dolore avvampare mentre atterrava sul tetto di un edificio vicino e rotolava via per evitare la seconda scarica di dardi.
Con la coda dell’occhio notò un’ombra muoversi alla sua destra e lanciò i dardi in quella direzione. L’ombra si spostò rapida ma colse il baluginare delle scintille.
Ora sarai più prudente, pensò Zane correndo verso il bordo del tetto. Dietro di lui il gigante si era mosso di nuovo, ma qualcosa era cambiato. Ora stava attaccando un edificio vicino demolendolo con i pugni.
Hissarion non mi ha ancora individuato, pensò Zane. Devo agire adesso.
Si tuffò giù dal palazzo atterrando sul duro selciato e corse per il vicolo. I palazzi erano così vicini che pareva volessero cadergli addosso.
E se non mi sbrigo succederà proprio questo, pensò.
Svoltò l’angolo e rotolò su sé stesso, rialzandosi di scatto, le braccia puntate in avanti e i dardi pronti a esplodere.
Da dietro l’angolo che aveva appena superato emerse la figura ammantata di bianco e grigio.
A Zane bastò un attimo per lanciare i dardi e spostarsi di lato, verso una porta che aveva già adocchiato. Non attese di sapere se i suoi dardi erano andati a segno. Sfondò la porta e rotolò sul fianco strusciando con la pelle contro il pavimento. Attorno a lui piovvero suppellettili di legno e metallo ma li ignorò. Si mosse più veloce che poté ignorando il dolore alla gamba.
Il dardo deve avermi più che sfiorato, si disse.
Dall’altro lato della casa vi era una finestra. Vi si lanciò contro e la sfondò, atterrando nel vicolo antistante. Senza indugiare scelse il lato sinistro costeggiando l’edificio.
Nel frattempo il gigante si era diretto verso lo stesso punto travolgendo ogni ostacolo.
Hissarion deve avere fretta di finirmi, si disse Zane. Sta usando tutto il suo potere in quella evocazione e ormai non deve essergli rimasto molto. E nemmeno a me.
Con un balzo ai aggrappò al muro del palazzo di fronte a quello da cui era appena uscito e si issò sul tetto usando le braccia. La gamba gli bruciava da morire ma ignorò il dolore alzandosi per guardare in basso.
Da quel punto poteva dominare la piazza sottostante e gli edifici lì attorno. Il gigante evocato da Hissarion stava ancora abbattendo uno dei palazzi.
Spera di seppellirmi sotto uno di essi? Si domandò Zane.
Poteva saltare su un palazzo vicino e poi su quello dopo e andarsene, ma non aveva alcuna intenzione di scappare. Se Hissarion voleva completare l’opera iniziata Lune prima, lui voleva vendetta per il sangue dei suoi confratelli versato quel giorno.
Un fascio di luce solida prese forma attorno alle sue gambe e Zane avvertì il morso doloroso della corda magica stringersi e poi serrarsi.
Balzò verso l’alto tirandosi dietro la corda magica e con la coda dell’occhio la seguì fino allo stregone rinnegato che la stringeva tra le proprie mani.
“L’ho preso” stava gridando l’uomo, le mani che arrotolavano la corda fatta di pura energia.
Tu hai preso me, pensò Zane. Ma anche io ho preso te.
Invece di opporsi, lasciò che la corda gli avvolgesse le gambe. Nello stesso momento il gigante si arrestò e iniziò a ruotare su sé stesso, voltandosi dalla loro parte.
Lo stregone rinnegato diede uno strattone alla corda e questa si serrò sui polpacci di Zane, strappandogli un grido di dolore.
Era il momento che stava attendendo, quello in cui era certo che lo stregone rinnegato avesse concentrato gran parte del suo potere nella corda per immobilizzarlo, sicuro che non sarebbe riuscito più a muoversi.
A Zane bastò desiderare che il fulmine prendesse forma tra le sue mani. I palmi scintillarono di potere, percorsi da centinaia di piccole saette che entravano e uscivano dalla sua pelle senza ferirlo.
Tra le sue mani quel potere era come creta per un vasaio. Poteva modellare e dare forma al fulmine e persino scagliarlo verso un nemico, ma non era ciò che voleva fare. Solo la sua volontà impediva al fulmine di espandersi libero e sfuggire al suo controllo, disperdendosi nell’aria.
C’era un altro modo in cui aveva imparato a usare quel potere. Afferrò la corda magica con entrambe le mani, stringendo più forte che poteva.
Il fulmine si trasmise alla corda, percorrendolo in senso inverso. Senza che il rinnegato potesse rendersene conto, prima le sue braccia e poi il resto del corpo vennero avvolti dai fulmini. Lampi brillarono sulla sua schiena e lo passarono da parte a parte come delle lame. Infine, scosso dalle convulsioni, si afflosciò al suolo e giacque immobile.
La corda sparì e con esso il dolore alle gambe. Zane faticò per alzarsi e trascinarsi fino al corpo dello stregone. Dalle ferite aperte dai fulmini e dalle ustioni provocate si alzavano spire di fumo e un odore dolciastro di carne bruciata.
Sollevò gli occhi e vide il gigante venire verso di lui travolgendo un edificio che crollò al suo passaggio seminando detriti e alzando una nube di polvere bianca.
Raccolse le forze rimaste e corse verso il bordo del tetto, spiccò un salto usando il potere per darsi lo slancio necessario per raggiungere il tetto dell’edificio più vicino.
Quando atterrò sentì il dolore avvampare nella schiena e al bacino.
Un altro salto e mi spezzerò tutte e due le gambe, pensò.
Non aveva altro potere da riservare ai suoi muscoli e quello residuo gli serviva per lo scudo e un ultimo attacco contro il gigante.
Forse se scavo più a fondo, si disse.
Scosse la testa.
Era tutto ciò che aveva, lo sentiva. Uno stregone come lui sapeva quando aveva raggiunto il proprio limite e lui era molto vicino a quel confine.
Andare oltre, sfidare le regole che tutti gli stregoni conoscevano bene, poteva portarlo alla morte.
Se non lo faccio, morirò lo stesso, pensò. Hissarion non è stanco quanto me e anche senza l’evocazione, riuscirà a stanarmi una volta che sarò esausto.
L’idea di morire lì, in quel modo, lontano da casa e da un campo di battaglia e senza aver potuto vendicare la morte dei suoi confratelli, lo turbava.
Sentiva come se avesse sprecato la sua vita.
Mi ricorderanno sempre come il povero figli di Aramil l’eroe che perse la vita in una battaglia di minore importanza, si disse. Che ironia.
Il gigante abbatté un edificio con i pugni facendo tremare la terra. A ogni suo passo era come se un piccolo terremoto sconvolgesse quella porzione della città.
Guardando di sotto vide che i cittadini di Ferrador erano tutti corsi via e quelli che non l’avevano fatto erano stati travolti dai crolli.
Il gigante emerse dalla nuvola di polvere e detriti, torreggiando sopra di lui e il palazzo su cui si trovava. Vedendolo così da vicino si rese conto di quanto fosse imponente.
L’evocazione di Hissarion era perfetta, questo doveva ammetterlo. Ogni pietra era tenuta insieme dal potere dello stregone, che gli aveva dato la forma di un uomo massiccio, dotato di gambe e braccia tozze agganciate a un corpo di solida roccia a forma di botte. C’era persino una rudimentale testa formata da una pietra quadrata.
Per Zane fu naturale fissarla, anche se sapeva bene che il mostro non aveva occhi per guardarlo e agiva manovrato come un pupazzo dal suo evocatore, nascosto chissà dove nella confusione in cui si trovava quella zona.
Ma era sicuro che Hissarion lo stesse osservando perché il gigante si era arrestato se sembrava indeciso.
“Che aspetti?” gridò Zane verso la creatura. “Sono qui, finiscimi.”
Silenzio.
“Perché prolungare il nostro duello? Più tempo passa più sprechi le tue energie e io recupero le mie.”
“Non c’è bisogno che finisca con la tua morte, Zannis Stanner.”
Anche stavolta la voce di Hissarion sembrava venire da un punto vicino ma indefinito.
Che stia usando un incantesimo per alterare la voce? Si chiese Zane. Forse quando l’ho individuato la prima volta è stata solo fortuna o ha voluto farsi trovare. Forse voleva che lo seguissi fin lì. Forse è per questo che non mi ha colpito alle spalle quando poteva farlo, sotto la tribuna.
Quel pensiero lo atterrì e al tempo stesso lo fece arrabbiare. Rabbia che provava verso sé stesso per essersi fatto ingannare fino a quel punto.
Da qualche parte alle sue spalle giunse un ruggito, come se una bestia feroce fosse stata ferita e poi un tonfo fragoroso, simile a un boato.
Zane se ne accorse appena, concentrato sul gigante e Hissarion.
“Può esserci un’alternativa onorevole alla morte” proseguì Hissarion.
“Se pensi che mi arrenderò a te” iniziò a dire Zane.
“No, Zannis Stanner, ti chiedo solo di osservare ciò che sta accadendo qui oggi.”
“Io vedo un massacro di persone innocenti.”
“C’era altro modo per attaccare Ferrador senza uccidere degli innocenti, Zannis? In ogni guerra muore sempre qualcuno che non lo merita. E molti di quelli che invece meriterebbero di morire, vengono risparmiati.”
“Io non risparmierò te, rinnegato.”
Zane sentiva le forze tornare. Sapeva di non averne abbastanza per fronteggiare l’attacco del gigante, ma fintanto che Hissarion parlava, poteva almeno sperare di farcela in qualche modo.
“Io non ho mai chiesto di essere risparmiato. Sono venuto qui solo per un motivo.”
Zane si accigliò.
“Quel motivo sei tu, Zannis.”
“Hai ottenuto quello che volevi. Finisci il tuo lavoro.”
“Il mio compito è già terminato. Dovevo affidarti un messaggio per tuo padre Aramil e l’ho fatto.”
Sentire il nome di suo padre lo fece sussultare. “Quale messaggio?”
“Quello che vedi qui” disse Hissarion con voce alterata. “È soltanto l’inizio. Tutti voi che combattete sotto il vessillo dell’alleanza imparerete ben presto che Ferrador è solo la prima città a bruciare. Presto molte altre seguiranno il suo destino. L’armata di Malag avanzerà su queste terre e poi proseguirà verso Lormist. Dì a tuo padre che se vuole impedire che questo accada, Lord Malag gli offre una possibilità. Una sola.”
“Di che cosa stai parlando? Mio padre non farà mai accordi con un rinnegato.”
“Tuo padre è più ragionevole di quanto pensi” disse Hissarion. “Lo è sempre stato, fin da quando combattevamo insieme sotto gli stessi vessilli.”
“Tu hai combattuto con lui? Quando?”
“Fattelo raccontare da Aramil quando lo incontrerai. E digli che Hissarion vuole parlargli. Che stabilisca lui il luogo e il tempo dell’incontro, a me non interessa.”
Zane non riusciva a credere a quanto aveva sentito. Se suo padre avesse davvero incontrato un comandante rinnegato, avrebbero potuto accusarlo di essere un rinnegato a sua volta.
E potrebbero accusare anche me se riferissi quanto ho sentito oggi, pensò.
“Non dirò niente a mio padre” gridò. Nello stesso momento concentrò il potere che gli rimaneva nelle mani.
Posso evocare un ultimo incantesimo, si disse.
Dentro di sé invocò la forza dei fulmini, sperando di avere ancora abbastanza energie per un ultimo attacco.
“Approfitta dei prossimi giorni di tregua per rifletterci sopra, Zannis Stanner” rispose Hissarion, la voce più debole e lontana di prima.
Zane concentrò tra le mani il suo potere e scagliò i fulmini verso il gigante. Il mostro venne avvolto dalle scariche e indietreggiò di un passo, ma poi riprese ad avanzare verso di lui.
Zane non si mosse e continuò a riversare sulla creatura tutta la rabbia che sentiva dentro di sé. Il braccio sinistro del mostro si staccò e quando toccò il suolo esplose in mille pezzi disseminando tutto intorno schegge come proiettili. Un paio lo sfiorarono ma le ignorò.
In quel momento tutto il potere che gli era rimasto si stava riversando in quell’ultimo incantesimo senza che lui potesse davvero controllarlo.
Fu come farsi trascinare dalla corrente impetuosa di un fiume. Era impossibile resistergli e sapeva che era sbagliato cedere in quel modo e perdere il controllo, ma la sensazione era così piacevole che non riusciva a resistere.
Tutto quel potere si riversò sulla creatura demolendola un pezzo alla volta, ma non fu abbastanza veloce. Le gambe cedettero di schianto e il mostro crollò in avanti, schiantandosi sull’edificio dove Zane si trovava.
Esausto, vide il tetto crollare e trasformarsi in una voragine che lo risucchiò al suo interno e si sentì trascinare verso il basso, nel buio, sempre più giù.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 61
*** Pugno di fuoco ***


Pugno di Fuoco
 
“Stai bene?”
La donna le sfiorò la schiena mentre era appoggiata al muro. Non sapeva come avesse fatto a trascinarsi fin lì. Tutto ciò che ricordava era di essere quasi svenuta alla vista del corpo martoriato dello stregone.
L’ho ucciso io, si era detta con sgomento. L’ho ucciso io.
Valya alzò la testa, i polmoni che faticavano a trattenere l’aria e guardò la donna. Sembrava preoccupata e sollevata allo stesso tempo.
“Tutto a posto?”
Valya strizzò gli occhi e annuì. “Sì. Bene” disse con voce impastata.
C’era sollievo nell’espressione della donna ma anche una leggera smorfia di disgusto. Lei le porse uno straccio. “Pulisciti con questo.”
Valya lo soppesò nella mano.
A cosa mi serve? Si chiese. Non sono sporca.
Poi sentì l’odore e le tornarono i conati di vomito. C’era qualcosa appiccicato all’interno della celata e quella sostanza era colata sul petto dell’armatura imbrattandola fino alla cinta.
È la mia colazione, pensò con disgusto. Mi sono vomitata addosso.
Quel pensiero le strappò una risata.
“Mi sono vomitata addosso” disse. “Che schifo.”
La donna la guardò interdetta.
“Non mi era mai capitato.”
Sentiva il bisogno di parlarne con qualcuno e allo stesso tempo si vergognava a farsi vedere così. Aveva appena ucciso uno stregone rinnegato e si era vomitata addosso.
A Margry Mallor non sarebbe mai capitato, pensò.
Porse lo straccio alla donna. “Grazie.”
Lei lo prese con una smorfia di disgusto e lo gettò a terra.
Valya guardò il corpo dello stregone. Una folla di persone si era radunata attorno a lui e lo osservava.
“Bastardo” urlò qualcuno.
“Infame.”
Un ragazzo arrivò a tirare un calcio al cadavere ma venne allontanato da un anziano.
“Porta sfortuna” disse l’uomo con tono di rimprovero.
“Ha ucciso mia sorella e mio padre” gemette il ragazzo.
“Lascialo stare se non vuoi che ti capiti di peggio.”
“Che mi può capitare di peggio? Non ho più nessuno.”
Valya voleva dirgli qualcosa ma ci ripensò. Non riusciva a trovare le parole.
Qualcuno la notò, un uomo di mezza età che portava una folta barba. “Sei stato tu a ucciderlo. Io ti conosco.”
“Io non credo” iniziò a dire.
“Invece sì” disse il tizio barbuto. “Ti ho visto combattere nell’arena, l’altro giorno. Ti chiamano Val il leone o qualcosa del genere.”
“Val il leone” gridò un ragazzo dall’altro lato della strada. “L’ho visto anche io.”
Attorno a Valya si radunò una folla di uomini e donne.
“Ci sono altri come te che stanno combattendo?”
“Perché non mandano qualcuno a proteggerci?”
“Ci hanno lasciati soli.”
“Alla governatrice non importa niente di noi” protestò una donna agitando il pugno verso il cielo.
“Ascoltate” disse Valya alzando la voce.
Le persone attorno a lei tacquero e ne fu sorpresa. Nessuno le prestava mai ascolto quando parlava, ma in quello strano giorno sembrava che tutto potesse accadere.
“Ascoltatemi” disse di nuovo. “Mi dispiace per quello che vi è successo. È morta tanta gente oggi e ho paura che non sia ancora finita. Trovate un posto sicuro dove nascondervi e aspettare che tutto sia finito. La cosa più importante adesso è sopravvivere.” Guardò in alto nel cielo dove il fumo degli incendi si levava alto.
Il palazzo sta ancora bruciando? Si chiese.
“Ora devo andare” disse cercando di farsi strada tra la folla.
“Che cosa dobbiamo fare noi?” chiese una donna.
Fu tentata di dirle che gliel’aveva appena detto. “Nascondetevi.”
“Io vengo con te” disse un ragazzo. Nella mano aveva un bastone di legno che brandiva come una spada. O una clava.
Valya stava per dirgli che non doveva venire, quando un uomo emerse dalla folla. Aveva un martello da falegname nella mano destra. Ne aveva visto usare uno da suo padre alla forgia.
“Anche io.”
“E io” disse un uomo. Era armato di una spada che aveva recuperato chissà dove.
Nel frattempo, altri stavano arrivando, alcuni armati di lance e spade e scudi. Un uomo brandiva un forcone di quelli che si usavano per spostare il fieno.
“Ho sentito che c’è stata una battaglia qui” disse l’uomo armato di forcone. “Uno stregone rinnegato.”
Il tizio col martello indicò lo stregone rinnegato. “Eccolo lì.”
“L’avete ucciso voi?”
“No. È stato Val il leone.”
L’uomo si accigliò. “Chi?”
Il tizio col martello la indicò. “Lui.”
“Io sono Forthus” disse l’uomo col forcone. “Sto organizzando le difese di questa zona della città. Quel rinnegato ha attaccato altri quartieri prima di questo.”
“Diceva che uno dei suoi era stato ucciso.”
Forthus annuì grave. “I rinnegati si stavano dirigendo al palazzo quando li abbiamo sorpresi. C’è stato uno scontro e dodici dei nostri sono morti, ma noi siamo riusciti a colpire solo quello prima che Dofia Pugno di Fuoco spazzasse via quelli rimasti. Noi siamo sopravvissuti a stento.”
“Dofia? Era quello il suo nome?” chiese Valya.
Forthus annuì di nuovo. “È un rinnegato famoso. C’era persino una ricompensa per la sua uccisione e credo che tu te la sia meritata.”
“Non mi interessa” si affrettò a dire Valya.
Anche perché non potrei mai incassarla senza far sapere a tutti chi sono e perché mi trovavo qui.
“Che cosa volete fare?” chiese Forthus. “La città è ancora piena di rinnegati e le guardie cittadine da sole non ce la fanno a proteggere il palazzo e i quartieri.”
“Che vuol dire?” chiese l’uomo col martello.
“Significa che ci dobbiamo difendere da soli.”
“Noi stiamo con Val” disse il ragazzo col bastone. “È lui che dà gli ordini, qui.”
“Sì.”
“Giusto.”
Valya stava per dire qualcosa quando Forthus l’anticipò dicendo: “Sarebbe meglio non disperdere le forze. Ci sono almeno un altro paio di stregoni rinnegati che si aggirano per le strade.”
L’uomo col martello le rivolse un’occhiata. “Val? Tu che cosa proponi di fare?”
Voleva rispondergli che non lo sapeva e che tutto ciò che voleva fare era correre al palazzo dove suo padre e le persone che conosceva stavano combattendo contro i rinnegati, ma qualcosa dentro di lei le diceva che non poteva lasciarli lì senza dire o fare qualcosa.
“Io…” iniziò a dire senza sapere cosa avrebbe detto.
Un boato li fece sussultare. Le pareti dei palazzi tremarono e calcinacci precipitarono al suolo. Quelli che erano in strada si chinarono proteggendosi con le braccia.
“Sono tornati?” gemette uno degli uomini armati di spada.
“Veniva dalla piazza del pescatore” disse il ragazzo col bastone.
Forthus guardò verso il fondo della strada. “Ne sei certo?”
Il ragazzo annuì deciso.
“Andiamo da quella parte allora.”
Quelli che erano arrivati con Forthus si strinsero attorno a lui, mentre gli altri guardarono Valya.
“Veniamo con te” si affrettò a dire.
“E se sono i rinnegati?” chiese una donna. Anche lei aveva afferrato una lancia e la stringeva al petto.
“Li affronteremo” disse l’uomo col martello. “Non è vero, Val?”
Valya annuì incerta. “Li affronteremo, sì.”
“Allora andiamo” disse Forthus.
Lui e il suo gruppo si misero alla testa.
L’uomo col martello l’affiancò. “Mi chiamo Kallus” disse porgendole la mano.
Valya la strinse con esitazione.
“Io mi chiamo Sharyk” disse il ragazzo.
“Kessira” disse la donna armata di lancia.
“Koz.”
“Estria.”
“Calluric.”
L’ultimo fu un anziano dalla barba grigia e la testa pelata. “Aruf. Vendo la carne al mercato. La migliore di Ferrador. Passa quando vuoi, te ne farò trovare un bel pezzo.”
“Grazie” disse Valya.
Il vecchio le mostrò un ampio sorriso. “Ti ho visto combattere contro Dofia. Sei forte, tu.”
“Era davvero uno stregone famoso?”
Il vecchio annuì. “Lui e i suoi fratelli sono conosciuto come le tre fiamme di Gaden.”
“Le tre fiamme?”
“Vylan è il minore, Florithe la maggiore e Dofia, il fratello di mezzo.”
“Tu li conosci?”
“Solo di fama. Mio cugino Rahni è di Gaden e li ha visti in azione quando ancora non erano dei rinnegati.”
“Perché hanno tradito?”
Aruf si strinse nelle spalle. “E io che ne so? I rinnegati sono gente strana. Sono sicuro che non appena sapranno che Dofia è stato ucciso gli altri due verranno a cercarti.”
Valya non aveva pensato a quella cosa. “Tu credi?”
“Io lo farei. Scusa, non sto dicendo che verrei a cercarti per vendicare i miei fratelli. In verità i miei fratelli non li vedo da anni e potrebbero essere anche morti per quanto ne so. Certo se fossi un rinnegato io…”
“Zitti” disse Forthus.
Valya sollevò la testa di scatto e vide la nuvola di detriti levarsi davanti e sopra di loro. Si stava già posando, rivelando i particolari che fino a poco prima erano rimasti celati. Vide i palazzi sventrati che avevano rivelato il loro interno e il solito contorno di cadaveri sepolti tra le macerie.
Da qualche edificio provenivano dei lamenti.
Forthus ne indicò uno. “Cerchiamo di dare una mano ma state attenti. Potrebbero esserci dei rinnegati tra quelli sepolti.”
Si divisero in gruppi di tre e si infilarono nelle stradine piene di detriti. Pietre e mattoni erano disseminati ovunque insieme alle travi spezzate che avevano sostenuto i piani più alti dei palazzi.
Aruf e Kallus vennero con lei tenendosi dietro.
“Ti copriamo noi le spalle” disse il vecchio.
Valya estrasse la spada e la tenne bene in vista per scoraggiare qualche rinnegato che avesse voluto attaccarla.
Ho ucciso uno stregone famoso, pensò.
Uno dei palazzi aveva un foro che mostrava l’interno. Valya si affacciò notando un tavolo di legno e delle sedie ancora al loro posto e un focolare, ora spento, dove qualcuno aveva adagiato una pentola con un mestolo.
Forse stavano preparando la zuppa, si disse.
“Ne ho trovato uno” gridarono dall’altra parte della strada.
Valya e gli altri si voltarono di scatto.
“Qui, qui” stava gridando uno degli uomini di Forthus. “È ancora vivo. Ha il mantello grigio.”
Quell’ultima frase fece sobbalzare parecchi del gruppo. Forthus e i suoi estrassero le armi e puntarono le lance come se si stessero preparando a una battaglia.
“Fatevi da parte” disse Forthus avanzando.
Valya lo seguì, sorpresa che nessuno cercasse di bloccarla.
Si fermarono sulla soglia di una casa. La porta con l’intelaiatura era stata divelta, svelando l’interno. Qui il tetto era crollato, spargendo detriti e travi di legno in tutte le direzioni. Dal foro si poteva vedere il cielo grigio.
Forthus si sporse appena e indicò una figura adagiata su una delle assi. “Eccolo” esclamò. “Deve essere svenuto. O morto.”
Valya si sporse per guardare a sua volta. Il corpo disteso sulla schiena aveva il volto girato dalla parte opposta. Un lembo di mantello gli copriva le gambe e il torso. Al fianco era legata una spada la cui elsa sporgeva dal fodero.
La testa si mosse di scatto e lei sobbalzò.
Accanto a lei Forthus emise un singulto. “È ancora vivo. Preparatevi a combattere.”
Valya cercò di guardare meglio e si sporse ancora di più scivolando sopra una pietra e cadendo verso l’interno dell’edificio.
Lo stregone sollevò di scatto il braccio. Qualcosa brillava al centro del palmo.
“Dardo magico” gridò Forthus.
Valya annaspò per rialzarsi e fronteggiare il pericolo. All’improvviso si era pentita di essere entrata lì dentro senza pensare a cosa sarebbe potuto accaderle.
Guardò lo stregone ed ebbe un tuffo al cuore.
Conosceva quel viso, lo aveva già visto qualche giorno prima, al palazzo.
Lo stregone dal mantello bianco le puntò contro il palmo della mano. “Chi sei?” Le domandò con voce incerta.
Valya cercò le parole giuste. “Io ti conosco.”
“Vieni via” disse Forthus tirandola verso l’esterno. “È pericoloso.”
“No” fece lei puntando i piedi. “So chi è. È un alleato.”
Dall’altra parte della stanza, Zane Stanner cercò di mettersi in piedi e crollò in ginocchio.
Valya si liberò della presa di Forthus e gli corse incontro.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 62
*** Perdite importanti ***


Perdite importanti
 
“Lo conosco” stava dicendo Valya. “È un alleato. Si chiama Zane.”
Forthus si avvicinò con passo lento, la spada sguainata. “È un rinnegato?”
“No” fece Valya.
Zane giaceva ai suoi piedi. Si chinò su di lui per girarlo. L’espressione tradiva il dolore che doveva provare, ma il petto si alzava e abbassava. Aveva i capelli arruffati e grigi per la polvere e la fuliggine, ma sotto di essi si intravedeva il castano chiaro. Gli occhi erano chiusi ma Valya li ricordava bene, così grandi e luminosi.
“Zane” fece lei sostenendogli la testa con le mani. “Mi senti?”
Zane aprì gli occhi e mosse la testa di lato. “Hissarion” esclamò. “È ancora qui?”
“Non so chi sia” disse Valya. “Eri solo quando ti abbiamo trovato.”
Zane si accigliò. “Chi sei?”
“Mi chiamo Val.”
“Non ti conosco.” Guardò Forthus. “E non conosco nemmeno te.”
L’uomo lo fissò a disagio. “Che ci fai qui? Quelli come te stanno distruggendo la città.”
Zane grugnì qualcosa. “Stavo cercando di salvarla, la tua dannata città.” Annaspò come se cercasse un appiglio e subito dopo si rilassò. “Dammi una mano ad alzarmi” disse rivolta a Valya.
Lei lo sorresse mentre s rimetteva in piedi. Zane sembrò lottare contro qualcosa che voleva spingerlo giù ma dopo qualche istante rifiutò la sua presa e restò in piedi da solo.
Valya lo lasciò andare un po’ risentita.
“Mi chiamo Zane Stanner” disse. “E sono il comandante dell’armata di Lormist.”
Forthus lo guardò con sospetto. “Questo lo dici tu, straniero. Io non ti ho mai visto prima d’ora.”
“Certo che no” rispose Zane. “Ma io sono chi dico di essere.”
“È vero” disse Valya. “Io lo conosco.”
Zane la guardò accigliato. “Sono sicuro di non conoscerti.”
Valya arrossì e ringraziò l’elmo che le celava il volto. “Ti conosco di fama, comandante Stanner” disse con un certo sforzo. “Ti ho visto il giorno che sei arrivato in città.”
“Io però non ho visto te.”
“Mi ero mischiato con tutte le altre persone.”
Zane annuì. “E hai anche un nome?”
“Mi chiamo Val.”
“Val il leone” disse Aruf. Lui e altri li stavano guardando.
“Sì, certo” fece Zane. “Puoi toglierti l’elmo? Sai, mi sentirei più a mio agio vedendo la faccia di chi mi parla.”
Ecco, pensò Valya. Questo sarà difficile da spiegare.
“Preferisco di no” disse subito.
“Io invece vorrei vederti” insistette lui.
Valya esitò. “Non sono” fece una pausa. “Presentabile.”
Usò una parola che Olethe le aveva insegnato.
Zane si accigliò. “Non importa.” Il suo sguardo cadde sulla corazza.
Ha notato qualcosa di sospetto? Si chiese Valya. Forse dovrei andare via e basta. Questa cosa è già durata troppo e…
“È vomito quello?” le chiese Zane.
Valya annuì.
“Ti sei vomitato nell’elmo?”
Lei si strinse nelle spalle. “È successo senza che me ne rendessi conto.”
Zane sospirò. “Lascia perdere, non toglierlo. Ho già visto troppo per oggi. Voglio solo uscire di qui.”
Accennò un passo barcollando e quando le sembrò che stesse per crollare, Valya lo aiutò a restare in piedi.
Zane rifiutò l’aiuto e si raddrizzò. “Ce la faccio anche da solo.”
Lei si allontanò di un passo e lo lasciò passare.
In strada la folla era aumentata e altri stavano giungendo dalle vie laterali.
“Abbiamo visto il gigante” disse qualcuno.
“C’è stato un duello?”
“Io ho visto tutto.”
Valya seguì Zane fuori dall’edificio crollato.
“Devo raggiungere il palazzo della governatrice” disse Zane avviandosi con passo incerto.
Valya lo affiancò. “C’è una battaglia in corso.”
“Lo so.”
“Non ti reggi in piedi.”
Zane le scoccò un’occhiataccia. “Chi sei tu per dirmi cosa posso fare? Ho appena abbattuto un gigante di roccia.”
“Attento a come parli straniero” disse Kallus. “Val il leone ha sconfitto Dofia Pugno di fuoco.”
Zane sgranò gli occhi. “Dice la verità?”
“L’ho visto io” disse Aruf. “Dofia lo ha colpito con i suoi incantesimi. La strada si è riempita di fuoco e credevo che sarebbe morto, ma poi Val lo ha colpito con la spada. Così.” Mimò un fendente col bastone. “Dritto al cuore.”
Kallus e altri annuirono decisi.
“È andata proprio come dice il ragazzo” disse l’anziano.
“Stento a crederlo” disse Zane. Sul suo viso era apparso un mezzo sorriso. “E ti sei vomitato nella corazza prima o dopo averlo colpito a morte?”
Valya arrossì. “Quello è stato dopo” disse con un filo di voce.
“È stata la tua prima uccisione?” le chiese lui a voce più bassa.
“Sì” disse Valya.
Lui annuì compiaciuto. “Succede a molti. La prossima volta non ricapiterà.”
La prossima volta? Si chiese Valya. Non voglio che ci sia una prossima volta. Non voglio mai più uccidere qualcuno. È stato terribile. È stato odioso.
Ma una parte di sé voleva urlare a tutti che aveva ucciso Dofia il rinnegato in un duello.
Forthus li affiancò. “Qui sembra tranquillo.”
Stavano attraversando strade deserte. Porte e finestre erano sbarrate, ma Valya poteva immaginare i cittadini di Ferrador chiusi all’interno pregare che la furia dei rinnegati risparmiasse le loro abitazioni. E le loro vite.
All’intersezione di due strade incontrarono un gruppo di sei soldati che stavano marciando nella stessa direzione. Appena i due gruppi si incontrarono, i soldati spianarono le lance e alzarono gli scudi.
“Chi siete?” domandò quello che marciava alla testa del gruppo.
Zane si fece avanti. “Sono Zane Stanner, comandante dell’armata di Lormist.”
“Provalo” disse il soldato.
Zane gli mostrò il mantello bianco coperto di fuliggine e strappato in più punti. Lo scosse con la mano rivelando i simboli di Lormist, una freccia dorata puntava verso una stella a quattro punte.
Il soldato sembrò rilassarsi. “Ho visto quel simbolo sui vessilli dei soldati accampati davanti alle mura. E quella gente che ti segue?”
“Non so chi siano” disse Zane con una scrollata di spalle.
Forthus avanzò di un passo. “Siamo cittadini di Ferrador. Vogliamo difendere la nostra città.”
“Tornate alle vostre case” disse il soldato. “Non possiamo occuparci anche di voi. Le strade sono ancora piene di rinnegati, ma li stiamo eliminando uno per uno.”
“Vogliamo combattere” dichiarò Forthus.
“È vero” gli fece eco Aruf.
“Lo farete lontano dal palazzo della governatrice” disse il soldato. “Ora disperdetevi o andate altrove, ma non provate a venirci dietro. Tu puoi venire con noi, comandante di Lormist.”
Zane avanzò verso il soldato e Valya lo seguì.
“Non penso abbia invitato anche te” le disse lo stregone.
Valya non indietreggiò. “Ma io devo venire lo stesso.”
“Lui sta con te?” chiese il soldato a Zane.
“No, ma” sembrò pensarci sopra. “Dicono che abbia eliminato un pericoloso rinnegato. Penso potrebbe esserci utile nella difesa del palazzo.”
“Se tu garantisci per lui, può venire. Ma gli altri no.”
Valya guardò Forthus. “Restate al sicuro.”
L’uomo le fece un cenno di assenso con la testa. “Val si batterà per noi al palazzo” disse agli altri. “Direi che se l’è meritato questo onore.”
I soldati ripresero la marcia e lei e Zane procedettero col loro comandante in testa al gruppo.
“Io sono Walric” disse il soldato. “Sono al comando delle guardie della porta orientale.”
“Zane Stanner.”
“Val.”
Walric annuì grave.
“Com’è la situazione vicino alle porte?” domandò Zane.
“Tranquilla, tranne per quella meridionale. C’è stato un attacco violento lì. I rinnegati hanno cercato di chiudere il portone, ma i nostri li hanno respinti. Stavano per cedere ma poi sono arrivate le forze di Lormist e insieme li hanno sconfitti.”
“Demia” disse Zane compiaciuto. “È stata certamente lei.”
“Il peggio però è venuto dopo” proseguì Walric. Sembrava ansioso di raccontare loro quello che aveva visto, come se servisse a togliergli di dosso un peso che lo stava schiacciando.
È quello che provo anche io, si sorprese a pensare Valya.
“Quando i rinnegati si sono ritirati, sono arrivate le loro evocazioni. Una era un mostro gigantesco, una cosa mai vista prima.”
“L’ho visto dall’arena” disse Valya. Ricordava quel mostro che si aggirava per l’enorme spiazzo calpestando tutto ciò che incontrava.
Walric annuì. “Non hai visto l’altro. Ne hanno portati due, quei maledetti. I Lormist ci hanno detto di distrarli mentre loro cercavano gli evocatori.”
“Non hanno combattuto contro quei mostri?” chiese Valya stupita.
Zane si schiarì la voce. “Spesso, la via migliore per eliminare una evocazione è colpire l’evocatore.”
“Non capisco” disse Valya.
“Le evocazioni ricevono il loro potere dagli evocatori e da essi sono controllate. Se l’evocatore muore o viene ferito o distratto, spesso l’evocazione sparisce. Il problema è trovarli. Di solito si nascondono bene o hanno una scorta.”
“È vero” disse Walric. “I Lormist ci hanno messo un bel po’ a eliminare quei due. Noi invece ci siamo fatti massacrare nella piazza per attirare i mostri. E ce n’erano altri.”
“Chi?” fece Zane.
“Mantelli rinnegati. Due in particolare usavano incantesimi del fuoco. Hanno appiccato incendi in mezza città. Li stiamo ancora spegnendo.”
“Dove sono adesso?”
Walric scrollò le spalle. “Nessuno lo sa. Alcuni sono morti, altri sono semplicemente spariti.”
Zane distolse lo sguardo.
“Davvero hai eliminato un pericoloso rinnegato?” le domandò il soldato.
Valya esitò. “È stato un duello leale” disse, come se stesse cercando una scusa.
“Non c’era bisogno di essere leali con un rinnegato” disse Zane quasi a volerla rimproverare. “Quando ne incontri uno, usa ogni mezzo che hai per eliminarlo. O scappa, se non ci riesci.”
“Scappare non è onorevole.”
“Non se lo fai con un rinnegato.”
“Tu sei mai scappato?”
“No” rispose Zane. “Ma tu non sei me, Val il leone.”
Valya sentì la rabbia salire. Stava per rispondergli che lei non sarebbe mai scappata davanti a un rinnegato, quando Walric scattò in avanti facendola sussultare.
“Rinnegati” stava gridando uno dei soldati. “Vengono verso di noi.”
Valya girò la testa di scatto e vide partire due lampi dalla loro destra. Uno dei soldati venne colpito e sbalzato all’indietro da una forza misteriosa.
Piegata in due Valya seguì Zane che correva verso la porta di un’abitazione. Lo stregone vi si lanciò contro e la sfondò.
Dietro di lei, Walric e altri due soldati protessero la fuga con gli scudi. Lampi giunsero dalla strada e si infransero contro le pareti del palazzo staccandone schegge.
“Ho contano almeno due stregoni lì fuori” disse Walric.
Zane annuì. “Forse anche tre. Mi occupo io di loro ma voi pensate agli altri.” Lo stregone si diresse verso il fondo della casa e Valya lo seguì.
“Tu vai con loro. Non mi saresti d’aiuto con degli stregoni.”
“Ho sconfitto Dofia” rispose Valya con orgoglio.
“Riguardo a questo, ho i miei dubbi.”
“Come, prego?”
Zane sogghignò. “Di certo non mi fido della parola dei bravi cittadini di Ferrador. E nemmeno della tua.”
“Mi stai dando del bugiardo?” chiese Valya offesa.
“Dico solo che forse hai esagerato un po’ il tuo racconto. Dofia era uno stregone di buon livello. Non quanto i suoi fratelli ma si faceva rispettare. Tu non mi sembri capace di abbatterlo. Senza offesa, Val il Leone. A proposito, è un soprannome che ti sei scelto da solo o te l’hanno dato?”
“Me lo sono guadagnato combattendo nell’arena” rispose Valya indignata.
“L’arena” disse Zane scrollando le spalle.
“Cosa hai da ridire?”
Zane le fece cenno di tacere. “Ora zitto.” Accostò l’orecchio alla porta. “Se vuoi venirmi dietro va bene, ma non devi essermi di intralcio. Quando inizierò a lanciare incantesimi potrei non notare la differenza tra te e un rinnegato. Hai capito? Ma puoi tornare da Walric e i suoi o restare nascosto qui dentro, al sicuro. A te la scelta.”
Senza attendere la sua risposta lo stregone spalancò la porta e si gettò in strada.
Valya esitò per un istante e poi lo seguì.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 63
*** Il segnale ***


Il segnale
 
Zane sparì dietro l’angolo formato da uno dei palazzi, a cinque o sei passi di distanza. Correva piegato in due e Valya lo imitò. Sopra la sua testa passò qualcosa di simile a un grosso insetto. Anche il ronzio era uguale e per un attimo le diede l’illusione di essere tornata a Cambolt, quando esplorava le campagne insieme a Hagen e Brye.
Quando raggiunse Zane lo trovò accucciato dietro l’angolo. Un oggetto a forma di freccia brillava nella mano destra mentre con la sinistra disegnava un ampio cerchio nell’aria.
“Qualcosa mi è passato sopra la testa” disse respirando a fatica per la corsa.
“Dardi magici” rispose Zane senza guardarla. La sua attenzione sembrava rivolta alla stradina che si erano lasciati alle spalle. Da quel punto di poteva intravedere la porta ancora aperta dalla quale erano passati. “Uno stregone rinnegato vuole allenarsi al tiro con noi.”
“Dardi magici” disse Valya. “Ovvio.”
Zane le rivolse un’occhiata perplessa. “Sicuro di essere pronto per questo?”
“Ho ucciso Dofia in duello” disse Valya, come se bastasse ripeterlo per convincerla che poteva essergli d’aiuto.
“Una battaglia è diversa da un duello” disse Zane tornando a guardare verso la strada. “C’è uno stregone oltre questo angolo.” Indicò la strada alle loro spalle. “Potremmo cercare di aggirarlo passando da quella parte, ma non ho idea di dove porti quella via e potrebbero esserci altri venti rinnegati in attesa. Oppure possiamo cercare di passare da quella parte” disse indicando la strada da cui erano arrivati.
“Ma lì ci colpirà con i dardi.”
“È una possibilità” ammise Zane. “Probabilmente accadrà, ma il rinnegato forse non se lo aspetta. Lui è convinto di averci messo paura e che non ci muoveremo di qui, oppure che cercheremo di aggirarlo mentre sa che ha le spalle coperte, facendoci cadere nella sua trappola.” Scosse la testa. “O forse vuole farci credere proprio questo e lui e i suoi amici non aspettano altro che mettiamo la testa fuori da quell’angolo per riempirci di dardi magici.”
A Valya cominciava a far male la testa cercando di seguire quei ragionamenti. Estrasse la spada e l’agitò nell’aria. “Dimmi solo che cosa vuoi fare.”
In quel momento seguire gli ordini di Zane le sembrava la cosa migliore da fare. Lui era il comandante dell’armata di Lormist e tutti dicevano che era uno stregone di alto livello, qualsiasi cosa volesse dire.
Zane ridacchiò. “Mantieni la calma, Val il leone. Se proprio dobbiamo morire, faremo rimpiangere a quei rinnegati di avere attaccato questa città. Per quanto Ferrador sia uno schifoso e puzzolente buco in questa parte di mondo conosciuto, non merita un affronto simile.”
“Giusto” esclamò Valya, anche se non era del tutto convinta che quelle fossero la parole migliore da usare.
Zane si sporse per un istante e subito si ritrasse. Un dardo esplose a un palmo dal suo viso. “Sono ancora lì” disse raddrizzando la schiena. “Io avanzo con lo scudo magico, tu mi segui. Quando arriviamo a contatto con i rinnegati, li affrontiamo. È un piano semplice, dovresti capirlo anche tu.”
“Sì” disse Valya incerta. Non vedeva scudi tra le sue mani a meno che non fosse così piccolo da poterlo tenere in una tasca.
“Allora andiamo.” Zane si gettò di corsa oltre l’angolo e Valya lo seguì.
Lo stregone tese il braccio sinistro in avanti. Davanti al palmo aperto della mano l’aria sembrava incresparsi sotto l’azione di onde invisibili.
Due dardi sibilarono sopra le loro teste e un terzo si infranse davanti al palmo di Zane esplodendo in una cascata di scintille che l’abbagliarono per un istante.
Valya trattenne il fiato quando la pioggia di dardi magici divenne così fitta da dover distogliere gli occhi dalle scintille.
“Avanziamo” gridò Zane per farsi sentire oltre il crepitio delle esplosioni.
Un paio di dardi rimbalzarono contro il muro del palazzo alla loro destra provocando un’esplosione di schegge che li investì in pieno.
Valya chiuse gli occhi per un attimo e chinò la testa. Tenendosi dietro la schiena di Zane avanzò un passo alla volta lungo la strada.
Lui tenne lo scudo magico davanti a sé intercettando i dardi. Ogni tanto si spostava a destra o sinistra come se stesse cercando la posizione migliore.
“Devono essere almeno in due” gridò. “Tra poco li raggiungeremo. Quando vedrai il segnale, corri in avanti senza fermarti. Se riesci a raggiungerli, sai cosa devi fare.”
“Cosa?” domandò Valya.
“Uccidili, dannazione” imprecò Zane.
Nella mano destra era apparsa una sfera scintillante che emetteva sottili guizzi simili a fulmini. Valya la fissò affascinata per qualche istante. Non aveva mai visto una cosa del genere e si chiese come facesse Zane a crearla
“Preparati” gridò lo stregone.
“Zane” disse Valya.
“Che cosa vuoi?”
“Il segnale. Cosa sarebbe?”
Zane tese il braccio destro in avanti e aprì il palmo. “Questo” gridò mentre la sfera di luce cangiante si staccava da lui e procedeva libera in avanti, verso un punto che Valya non riusciva a vedere.
“Vai adesso” disse Zane.
Valya scartò di lato e corse con la testa bassa senza badare a dove stesse andando. Sapeva solo di non doversi fermare.
Un boato risuonò davanti a sé riverberandosi sulle pareti dei palazzi e assordandola. La strada si riempì di polvere e detriti facendo sfumare i particolari.
Come le aveva detto di fare Zane, Valya non di fermò fino a quando non raggiunse i detriti sparpagliati di un palazzo che doveva essere crollato. Guardando in avanti vide la parete aperta da uno squarcio da cui spuntavano le travi simili a costole spezzate.
Strinse la spada e avvertì subito le forze pervaderla. Il mondo attorno a lei sembrò rallentare. La polvere che vorticava in mulinelli si arrestò e lei poté notare particolari che prima le erano sfuggiti.
Sulla sua destra un uomo giaceva in una posa scomposta, la schiena piegata a un angolo innaturale. Non avrebbe mai saputo dire se fosse un rinnegato o un alleato.
Dalla sua sinistra giunse un rumore soffocato, come se qualcuno stesse parlando con un cuscino messo sulla bocca.
Girò la testa di scatto e lo vide.
Un uomo di mezza età, i capelli neri con qualche accenno di bianco. Sulle spalle indossava un mantello grigio.
Come Dofia, pensò Valya.
Sollevò la spada e andò verso di lui.
Lo stregone rinnegato era voltato verso la strada, ma la sua testa stava girando verso di lei con lentezza, come se fosse immerso nella melassa più densa.
Non è lui che è lento, pensò Valya. Sono io che mi muovo velocemente.
Sollevò la spada e un attimo dopo la calò verso lo stregone. Lui alzò le braccia come a volersi difendere, ma qualcosa brillava tra i palmi.
Valya sentì una pressione all’addome e volò all’indietro, atterrando sulla schiena. La spinta la trascinò per qualche passo prima di fermarsi. Sollevò la schiena e vide lo stregone spostarsi di lato.
Mentre si muoveva Valya ebbe l’impressione che i contorni del corpo sfumassero, come se fossero immersi nella nebbia. Poteva vedere la scia che si lasciava dietro ma lo stregone stava sparendo un po’ alla volta.
Non sta accadendo davvero, pensò mentre si alzava barcollando.
Un bagliore la fece sussultare. La strada alla sua destra si sollevò come se qualcosa spingesse da sotto e lei venne sospinta in alto e poi giù dalla piccola collina che si era formata. Rotolò ferendosi le braccia sui sassi che spuntavano dal terreno ma stavolta riuscì a fermarsi puntando i piedi e piantando la spada davanti a sé.
La collinetta si espanse e la sommità esplose disseminando massi in ogni direzione. Valya si protesse con le braccia da quella pioggia.
Quando alzò la testa verso l’alto il suo cuore perse un battito. Sopra la collina si ergeva una creatura dalla testa di cane e lunghe zanne che sporgevano da entrambi i lati del muso. Il corpo era tozzo e muscoloso ed era sorretto da zampe possenti che somigliavano a quelle di un cane. Le braccia terminavano in mani con quattro dita, ognuna dotata di un artiglio color nero. Gli occhi della creatura erano due orbite vuote e bianche. Il mostro spostò la testa verso di lei e sembrò soppesarla per qualche istante, poi spalancò le fauci e lanciò un ruggito che sembrò scuotere l’aria.
Valya deglutì a vuoto e strinse la spada, le gambe che la reggevano a stento.
Il mostro si lanciò giù dalla collina e con un balzo delle possenti gambe atterrò a cinque o sei passi da lei.
È veloce, pensò Valya.
Anche con la spada ben stretta tra le sue mani faticava a seguire i movimenti della bestia e quel balzo l’aveva colta di sorpresa.
Cercò di scartare di lato ma il mostro allungò un braccio e la colpì al fianco. Il colpo le tolse il fiato e la scagliò nella stessa direzione.
Cadde sulla spalla sinistra e ruzzolò per una decina di passi prima di riuscire a fermarsi. Si stava ancora rimettendo in piedi quando la terra tremò attorno a lei e si sentì afferrare per la vita.
Le mani del mostro si chiusero attorno ai suoi fianchi e le braccia la sollevarono per aria. Valya scalciò e lottò per liberarsi ma venne alzata senza fatica e poi scaraventata via come una bambola di pezza.
Volò attraverso la strada fino al muro di fronte. L’impatto con le pietre le tolse il fiato e la vista si annebbiò mentre proseguiva la sua corsa sfondando il muro e attraversando la stanza successiva fino a colpire la parete opposta.
Cadde con un tonfo sordo sul pavimento. Tutte le ossa le facevano male e non osava muoversi per non dover scoprire di avere qualcosa di rotto.
Solo dopo qualche istante riuscì a trovare la forza di alzare un braccio, poi l’altro. Puntellandosi sui gomiti si trascinò per qualche passo, tossendo e sputando la polvere che stava respirando.
Il terreno tremò di nuovo e udì uno schianto, ma nella nebbia causata dai detriti non aveva idea da dove provenisse o se si stesse avvicinando a lei.
L’idea che il mostro stesse per tornare e finire il suo lavoro le diede la forza di sollevarsi da terra e guardarsi attorno.
Era al centro della stanza, rivolta verso il foro che aveva provocato passando da parte a parte il muro esterno. Dietro di lei la parete opposta era piegata e crepata, ma aveva retto all’urto.
Metà della stanza era occupata da detriti e travi di legno crollate e spezzate. Il piano superiore era collassato trascinandosi dietro tutto quello che vi si trovava. In giro c’erano i resti di tavoli, sedie, pentole e piatti ridotti in frantumi. Una panca giaceva rovesciata in un angolo e il suo contenuto, degli stracci, era sparpagliato sul pavimento.
Un’ombra si stagliò davanti al foro facendola piombare nell’oscurità. Quando alzò la testa, il suo sguardo incrociò quello del mostro.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 64
*** I troll non hanno un cuore ***


I troll non hanno un cuore
 
Valya fece per stringere la spada nella mano, sperando che anche quella volta le desse la forza necessaria per resistere all’attacco, ma si ritrovò a fissare il palmo vuoto.
“La spada” sussurrò. “Dove?”
Il mostro sembrò fiutare l’aria come un cane che cercava la preda. Era a una decina di passi da lei, alto il doppio di un essere umano. La testa dalle orecchie a punta sfiorava il soffitto sfondato.
“La spada” ripeté Valya scrutando il pavimento. “Devo trovarla.”
Il mostro ruggì e caricò verso di lei. Valya lo vide avanzare sfondando ciò che restava delle mura e trascinandosi dietro una trave piantata in mezzo alla stanza.
Si gettò di lato per evitare il braccio del mostro che si era proteso verso di lei. Gli artigli graffiarono il muro alle sue spalle strappando pietre e pezzi di intonaco che le piovvero addosso.
Valya si accucciò a terra usando i detriti per ripararsi dalla furia del mostro. Intravide sulla sinistra due travi crollate a formare una croce e si gettò dietro di esse.
Il mostro girò il busto verso di lei e caricò a testa bassa ignorando l’ostacolo. Con il braccio artigliò la trave e la tirò via senza alcuno sforzo.
Valya si trascinò carponi verso il foro che era diventato l’entrata della casa, un occhio fisso sul pavimento e l’altro che guizzava verso il mostro.
La bestia stava colpendo il punto in cui si trovava un attimo prima scagliando pietre e pezzi di legno sbriciolati in ogni direzione.
“Dove sei? Dove sei?” gemette Valya spostando pietre e detriti alla ricerca della spada.
Il mostro si irrigidì e drizzò la testa, le orecchie che si muovevano come quelle di un cane.
Valya si immobilizzò all’istante quando lo vide sollevarsi e girare la testa dalla sua parte, gli occhi bianchi e vuoti che sembravano scrutare nel vuoto.
Un’idea le balzò nella testa.
Non ci vede, pensò. Non può vedermi ma può solo sentirmi.
Il mostro avanzò verso di lei, la bocca spalancata che mostrava due file di denti affilati. Il muso simile a quello di un cane terminava con un abbozzo di naso, ma erano le orecchie che si sollevavano e abbassavano.
Valya trattenne il fiato mentre il mostro esplorava la stanza frantumando tutto quello che calpestava con le sue zampe.
Spostando solo la testa scrutò la base del muro crollato e, messa di traverso sopra una pietra spezzata, vide spuntare l’elsa della sua spada. Era a cinque o sei passi di distanza, ma in quel momento era come se si trovasse su di un altro continente.
Eccola, pensò sentendo rifiorire la speranza dentro di sé.
Nel frattempo, il mostro aveva continuato a muoversi compiendo un mezzo giro attorno a lei.
Mi sta cercando, si disse. Sa che sono qui ma non può vedermi. Può solo sentirmi.
Soppresse con uno sforzo l’istinto di mettersi a correre fuori dalla casa. Senza la spada era lenta e impacciata dall’armatura. Il mostro era veloce e agile e l’avrebbe raggiunta in pochi passi.
Fece leva sulle gambe e balzò in avanti, le braccia protese verso l’elsa che spuntava dalle macerie.
Il mostro drizzò le orecchie e girò su sé stesso, la bocca spalancata.
Valya afferrò la spada e la tirò verso di sé. Nello stesso momento la zampa del mostro calò verso la sua schiena mentre era distesa a terra, mezzo corpo dentro la casa distrutta e l’altra metà fuori.
Il contatto con la spada le bastò per sentirne il potere. La bestia sembrò rallentare ed ebbe il tempo di girarsi e vedere la sua zampa calare verso di lei con lentezza inesorabile.
Valya scalciò con i piedi per spostarsi di lato e vide gli artigli del mostro conficcarsi a un palmo dal suo fianco. Invece di continuare a muoversi alzò la spada e la calò sulla zampa, tagliandone via un pezzo.
L’ululato di dolore del mostro le ferì i timpani e al tempo stesso le diede la forza e lo slancio necessari per balzare in piedi ed evitare la mano artigliata di questi.
Come se fossero immersi nell’acqua vide l’arto schiaffeggiare l’aria nel punto in cui un attimo prima c’era la sua testa.
Valya alzò la spada sopra le spalle e calò un fendente affondando la lama nella carne del mostro e passandolo da parte a parte.
Mentre il braccio rotolava sul terreno e il mostro ruggiva la propria sofferenza, Valya si abbassò e diresse la punta della spada verso le zampe, aprendo due profondi tagli all’altezza delle ginocchia.
Il mostro crollò in avanti ma Valya si spostò di lato e gli danzò attorno, come aveva fatto nell’arena, finché non lo aggirò di spalle e gli affondò la spada nella schiena usando tutto il suo peso.
La bestia sollevò la testa e ululò di dolore e di rabbia. Valya sentì il cuore martellarle nel petto mentre affondava ancora nella sua carne.
Stava per estrarre la spada quando l’altra mano del mostro le artigliò il fianco. Per la sorpresa e il dolore improvviso perse la presa sull’elsa della spada.
Le forze le mancarono all’istante mentre vedeva allontanarsi la schiena del mostro e veniva spinta di lato e poi andava a sbattere con le spalle contro un grosso masso sulla parete opposta.
Il colpo le tolse il fiato e la fece gridare di stupore e dolore.
Il mostro girò su zampe malferme e si trascinò verso di lei artigliando il pavimento con l’unica mano che gli era rimasta.
Valya fisò i suoi occhi vuoti e bianchi senza riuscire a muoversi. Non aveva più la forza di muoversi o lottare contro il mostro che ora incombeva su di lei, le fauci spalancate e le due file di denti bene in mostra.
La testa fece per scattare in avanti, quando alla base del collo si aprì uno squarcio e una lama color grigio l’attraversò da parte a parte.
Il corpo della bestia venne scosso da un brivido prima di accasciarsi ai suoi piedi e rimanere immobile.
Valya fissò per qualche istante il taglio perfetto che aveva separato la testa dal resto del corpo.
“Hai perso la tua spada” disse Zane facendo capolino da sopra la schiena del mostro. Impugnava la spada dalla lama grigia, il mantello bianco coperto di fregi color oro appena mosso dalla brezza che spirava dall’esterno.
“Mi hai sentito?” fece lui accigliato.
Valya cercò di rispondere ma le uscì solo un gorgoglio. “Sì” disse dopo essersi schiarita la voce.
Zane le tese la mano e lei l’afferrò lasciandosi aiutare. La sua presa era sicura e calda e per un attimo sentì le forze rifiorire.
Quando fu in piedi si concesse qualche istante per mettere a fuoco la scena. Era davanti al muro dove il mostro l’aveva scaraventata nel suo ultimo attacco. La bestia giaceva al suolo trafitta alla schiena dalla sia spada. Dalle ferite aperte salivano spirali di fumo e Valya aveva l’impressione che l’intera figura fosse diventata più piccola, come se si stesse restringendo.
Zane si mosse verso il foro nella parete esterna. “Raccogli la tua arma e andiamocene.”
Valya estrasse la spada dalla schiena dal mostro senza incontrare resistenza e seguì Zane fuori dall’edificio. In strada, disseminati in giro, c’erano i corpi di tre uomini. Uno indossava il mantello grigio.
Zane lo esaminò con calma prima di rialzare la testa. Solo allora Valya notò il rivolo di sangue che scendeva dalla tempia fino al collo imbrattandogli il mantello.
“Sei ferito” esclamò.
Lui sfiorò la tempia con le dita e fissò il sangue raccolto sui polpastrelli. “Un dardo magico che mi ha sfiorato. Tu piuttosto, hai rischiato parecchio con quel troll.”
“Troll?” Valya conosceva quella parola. A volte l’aveva udita nei racconti sentiti a Cambolt. C’era sempre un troll cattivo che si nascondeva nei boschi e attaccava gli incauti che si avventuravano fuori dai sentieri.
Zane indicò l’interno del palazzo, dove la forma del mostro era scomparsa e al suo posto era rimasta una nuvola di cenere nera che veniva portata via dal vento. “Un’evocazione minore” disse lo stregone con tono di sufficienza. “Ma hai resistito bene e mi hai dato il tempo di eliminarlo.”
“L’ho ucciso io” protestò Valya. “Gli ho piantato la mia spada nella schiena.”
“Ma io gli ho tagliato la testa. Ed è quello il modo giusto per eliminarli.”
“O forse io l’ho colpito al cuore” ribatté.
“I troll non hanno un cuore” disse Zane. “E le evocazioni non sono davvero vive. Prendono la loro energia da quella dell’evocatore. A proposito, dovremmo muoverci. Il suo padrone potrebbe essere ancora qui in giro, se non è abbastanza furbo da essere andato via.”
Valya si guardò attorno. “C’era uno stregone quando sono arrivato” disse ricordando la scena. “L’ho attaccato ma lui mi ha respinto, quindi è come sparito.”
“Manto di invisibilità” disse Zane. “Doveva essere lui l’evocatore. Hai davvero corso un bel rischio. È una combinazione pericolosa.”
Valya voleva saperne di più ma Zane le diede le spalle e fece un cenno della mano a qualcuno in lontananza. Guardando nella stessa direzione vide Walric e altri soldati di Ferrador avanzare verso di loro.
“Li avete eliminati” disse il soldato.
 “E voi?” chiese Zane.
“Ho perso due dei miei e tre sono feriti” disse Walric indicando i tre che si trascinavano sostenuti dai loro compagni. “Ma abbiamo eliminato tutti i rinnegati. Ora non dovrebbero più esserci ostacoli fino al palazzo.”
“Fai strada allora” disse Zane. “Conosci la via meglio di me.”
Walric prese la testa del gruppo seguito da Valya e Zane.
Lei non riusciva a staccare gli occhi dal taglio sulla fronte dello stregone. “Non ti fa male?”
Lui scosse la testa. “Ho subito di peggio.”
Valya attese che proseguisse.
Zane sospirò. “Una volta un dardo mi ha trapassato la gamba da parte a parte. Per fortuna non ha spezzato l’osso o me l’avrebbe staccata.”
“Faceva male?”
“Solo quando ci appoggiavo il peso. Ci ho messo due Lune a guarire. Per fortuna Talanasta si occupò di me e mi fece stare meglio.”
Valya sentì qualcosa di fastidioso in quelle parole, come se fosse stata punta da un insetto. Una puntura piccola, di cui si sarebbe accorta a malapena, ma che in quel momento le diede molto fastidio. “Chi è Talanasta?”
Zane sorrise. “La mia fidanzata.”
“Il palazzo” disse il soldato indicando un punto davanti a sé.
Valya guardò nella stessa direzione e vide il grande maschio ergersi sopra le loro teste. Il muro di cinta che circondava il cortile era annerito e c’erano fori in almeno mezza dozzina di punti, ma era ancora in piedi.
C’erano corpi disseminati in giro e persone che si muovevano tra di essi vestite con tuniche e pantaloni. Un paio erano donne.
Soldati armati di lancia e scudo sorvegliavano l’entrata sormontata dall’arco a volta con l’insegna di Ferrador che sventolava sopra di esso.
“È ancora in piedi dopotutto” disse Zane con un mezzo sorriso.
“Speravi che l’avessero distrutto, straniero?” gli chiese Walric.
Lo stregone rispose con un’alzata di spalle.
Un gruppo di soldati andò loro incontro.
“Walric” esclamò uno di essi. “Siete lontani dalla porta orientale.”
“Ci siamo mossi non appena siamo stati certi che il peggio fosse passato. Siamo venuti a darvi una mano.”
“Il grosso del lavoro è già stato fatto” disse il soldato indicando il muro di cinta. “Hanno cercato di entrare, ma li abbiamo respinti.”
“Perdite?”
“Almeno cento, per ora. Ma saranno almeno il triplo a fine giornata” disse con espressione contrita.
“Poteva andare peggio” disse Walric.
“Forse, ma non dirlo a me. Ho perso metà degli uomini. E non è la perdita peggiore che abbia subito.”
“Qualcuno di davvero importante?”
Il soldato annuì grave. “Il comandante Abbylan è tra i caduti.”

 

Ritorna all'indice


Capitolo 65
*** Questo non doveva succedere ***


Questo non doveva succedere
 
Valya ebbe un tuffo al cuore sentendo quel nome.
Ferg, pensò subito. Ferg è stato ucciso.
Zane stava scuotendo la testa. “Quale dei due?”
Valya non ascoltò il resto. Era già scattata in avanti, diretta al cortile del palazzo.
Walric cercò di fermarla. “Aspetta tu. Non puoi andare da quella parte.”
Valya lo ignorò e proseguì a passo spedito. Davanti alle scale che portavano all’ingresso principale della fortezza erano stati allineati dei giacigli e sopra di essi erano stati posti dei corpi.
Altri venivano portati da soldati e valletti usando delle larghe coperte tenute strette per i lati corti.
Valya si costrinse a guardare il viso di quelli che giacevano a terra. La maggior parte erano sereni e sembravano solo addormentati. Non avrebbe mai saputo riconoscere la differenza, se non fosse stato per le ferite e gli squarci nelle armature. Alcune le riconosceva, erano state inferte da lance o spade, ma altre no. Sembrava che le armature fossero esplose dall’interno strappando via la carne sottostante.
Altri erano in uno stato appena riconoscibile. Mentre li osservava passò in rassegna uomini dal viso devastato, bruciato dalle ustioni o che avevano parti mancanti come la mandibola o gli occhi e persino le orecchie. A uno mancava la testa che era stata deposta in mezzo alle gambe e uno giaceva in una posa grottesca e impossibile, come se si fossero divertiti a spezzare tutte le sue ossa prima di lasciarlo andare.
Quando passava a un nuovo corpo temeva di riconoscervi il viso rotondo e baffuto di Ferg Abbylan. Sapeva che nel momento in cui lo avesse riconosciuto sarebbe scoppiata in lacrime, ma si costrinse lo stesso ad andare avanti finché non rimase un solo corpo.
Accovacciato al suo fianco c’era un uomo con la testa china di lato che stava mormorando qualcosa.
Valya fissò il viso del cadavere. La testa calva era l’unica parte riconoscibile. Il resto era coperto da un fazzoletto che qualcuno vi aveva posato sopra.
L’uomo accovacciato alzò la testa e la fisso con aria distratta.
“E tu chi sei?” le domandò Ferg Abbylan.
“Nessuno” disse Valya.
“Stai cercando qualcuno in particolare?”
“Sì, ma non l’ho trovato” rispose prima di voltarsi e andare via.
Muovendosi a scatti riguadagnò il centro del cortile, dove c’era meno folla e poteva muoversi con una certa libertà.
Devo trovare mio padre, si disse. E poi togliermi di dosso l’armatura. E poi…
Una mano si posò sulla spalla facendola trasalire. Si voltò di scatto, la mano già sull’elsa della spada.
Rann la fissò stupito. “Che ci fai qui?”
“Io…” iniziò a dire. “Sono venuta con Zane.”
“Il comandante di Lormist?”
“Sì” disse con un filo di voce.
“Stai bene?”
“No” esclamò ricacciando indietro le lacrime. “Il comandante Abbylan è…”
Rann annuì grave. “Sì. Il comandante è morto difendendo la fortezza. Suo fratello Ferg era al suo fianco, a quanto ho sentito dire. E sembra stia vegliando su di lui in questo momento.”
Valya annuì.
“Vieni” disse Rann. “Devi toglierti di dosso l’armatura e sistemarti. Non puoi restare qui nel cortile.”
“Lo so.”
Mentre camminavano verso i palazzi abbandonati dove Rann aveva nascosto la sua armatura riuscì di nuovo a pensare con lucidità a quello che doveva fare. “Mi servono dei vestiti puliti” disse.
“Te li troverò io” rispose Rann.
Valya restò in silenzio per un’altra decina di passi, poi disse: “Ho ucciso una persona, oggi.”
Rann si fermò per guardarla meglio. “Chi?”
“Uno stregone rinnegato, un certo Dofia. Sai chi era?”
Rann scosse la testa. “Com’è stato uccidere qualcuno?”
“Non lo so.”
Rann annuì col suo solito modo. I suoi occhi corsero all’armatura. “È ammaccata e annerita.”
“Dofia mi ha lanciato un incantesimo di fuoco. Credevo che sarei morta, ma la tua armatura mi ha protetta.”
“L’armatura, dici?” fece lui perplesso.
“Sì, perché?”
“Niente” fece lui. Diede un’occhiata in basso e sgranò gli occhi. “Cos’è questo?”
Prima che Valya potesse rispondere lo vide avvicinare la mano al suo fianco. Non appena il dito di Rann le sfiorò quella parte sentì il dolore avvampare e si ritrasse di scatto gridando.
“Fai piano” si lamentò.
Rann stava scuotendo la testa.
“Che c’è?” domandò Valya preoccupata.
“Non te ne sei accorta? C’è uno squarcio nella corazza e stai perdendo sangue. Sei stata ferita e mi sembra anche grave.”
“Questo” disse Valya annaspando. “Questo non doveva succedere. La tua armatura doveva proteggermi.”
“Non l’ho creata per resistere agli incantesimi” si difese Rann.
Valya posò la mano sul fianco e quando l’alzò aveva il palmo e le dita sporche di sangue. E non era secco, ma fresco, il che voleva dire che anche in quel momento la ferita lo stava stillando.
“È davvero grave” esclamò.
“Torniamo nel cortile” disse Rann prendendola per la mano.
Lei puntò i piedi. “No” esclamò. “Non posso.”
“Perché no? È pieno di guaritori, ti aiuteranno.”
“Mi faranno delle domande. Mi diranno di togliere l’armatura e l’elmo.”
Rann si accigliò. “Ma se non ti farai curare potrebbe peggiorare. Ho già visto quel tipo di ferita e può diventare seria se non la fai curare da un guaritore.”
“Ne dobbiamo cercare un altro. Lontano da qui.”
“Dove? Io non ne conosco.”
“Ne troveremo uno. In città.”
“No, ascolta” disse Rann. “È un rischio troppo grosso.”
“Portami da un guaritore. Adesso” esclamò Valya. “Se mi scoprono, io sarò punita ma sono pur sempre la favorita della governatrice. Tu che mi hai dato l’armatura invece sei solo l’aiutante di un fabbro. A te andrà molto peggio.”
Rann sembrò pensarci sopra. “Lo sapevo che mi avresti messo nei guai.”
“Almeno ora sai che sei un bravo armaiolo. Anzi, sei un ottimo armaiolo. Il migliore che si sia visto a Ferrador da anni a questa parte. Escludendo mio padre, ovvio. Ora andiamo, vuoi? La ferita sta cominciando a farmi male sul serio.”
“Conosco una porta che è poco sorvegliata. Passeremo da lì.”
“Aspetta” disse Valya fermandosi.
“Che c’è ancora? Non hai più fretta?”
“Mi serve quel vestito pulito. E un posto sicuro dove nascondere la spada.”
Rann sembrò pensarci sopra. “Aspettami qui. Torno subito.”
Quando lo rivide, aveva una sacca buttata sopra la schiena. “Ho un vestito per te qui dentro. Spero ti vada bene.”
“Dove l’hai preso?”
“Dal sacco dove le ancelle mettono i vestiti da lavare prima di portarli alla fontana la mattina dopo.”
Valya sorrise. “L’hai rubato.”
“Quando non ti servirà più lo rimetteremo al suo posto.”
“Bene. Andiamo adesso.”
Rann la guidò fino alla porta di cui aveva parlato. Oltre questa vi era un giardino incolto circondato da mura. Dall’erba alta spuntavano delle lapidi.
“È un cimitero?” chiese Valya.
Rann annuì. “Ci sotterrano i cavalli e i cani.”
Valya si limitò ad annuire.
Il cimitero terminava con un muro e una nuova porta di legno che Rann aprì sfilando un chiavistello.
“È così che sei riuscito a portare fuori l’armatura?”
Lui annuì.
Proseguirono per la strada in silenzio, ma ogni tanto Rann si fermava e chiedeva ai passanti dove potesse trovare un guaritore.
La maggior parte delle persone che incontrarono si ritrassero alla loro vista o li ignorarono, proseguendo per la loro strada.
“Ne sto cercando uno anche io” disse una donna. Aveva una ferita alla tempia che stillava sangue e il colletto della blusa imbrattato. “Mi hanno detto che c’è la bottega di Jangar alla fine di questa strada.”
“Jangar?”
“Vende erbe e altri medicinali. Non è un vero guaritore ma dicono che sia bravo, se la ferita non è troppo grave.”
Rann le rivolse un’occhiata veloce.
“Andrà bene” disse Valya.
La bottega di Jangar sorgeva in uno spiazzo troppo piccolo per essere una piazza ma abbastanza ampio da poter ospitare un centinaio di persone.
Arrivandoci da una stradina laterale Valya ebbe l’impressione che ce ne fossero molte di più radunate lì attorno. La gente affluiva dalle vie che partivano dallo spiazzo e si fermavano giusto il tempo per guardare i giacigli allineati a terra in cinque o sei file.
“Jai?” stava chiedendo una donna dall’aria affranta. “Qualcuno ha visto il mio Jai? È un bambino alto così.”
“Ealric?”
“Sarabeth” stava urlando un uomo. “Mi hanno detto che l’hanno portata qui.”
Tutti sembravano rivolgersi a un omaccione che li ascoltava scuotendo la testa.
“Non è qui” rispondeva. “Potete vedere se l’hanno portato da Samora la guaritrice. No, non abbiamo bambini qui.”
Rann e Valya si fecero strada tra la folla e raggiunsero l’omaccione.
“La mia amica è ferita. Le serve aiuto.”
L’uomo lanciò una rapida occhiata al fianco di Valya. “Sembra brutta. Fila quattro, dovrebbe esserci un posto o due liberi.”
Rann la trascinò via e insieme raggiunsero lo spiazzo. I feriti erano adagiati su stuoie ricavate da lenzuola. Alcune erano sporche di sangue e chissà cos’altro. Valya distolse lo sguardo concentrandosi sulla schiena di Rann.
Aveva già avuto la sua dose di ferite e sofferenze al palazzo e non sentiva il bisogno di altre.
“Qui” disse Rann indicando una stuoia.
Valya si lasciò cadere sedendo con le gambe incrociate. La corazza e i gambali non le permettevano di stare troppo in quella posizione ma la testa le girava e non voleva stendersi per paura di non riuscire più a rialzarsi.
“Aspetta” disse Rann mettendole la sacca dietro la schiena. “Appoggiati qui.”
“Grazie” disse Valya.
Rann la guardò indeciso.
“Dico sul serio. Senza di te non so se sarei mai arrivata qui.”
“Non mi hai dato scelta.”
“Mi spiace.”
Un uomo dall’aria sofferente e i capelli arruffati e grigi li raggiunse. “Che abbiamo qui?”
“Tu sei Jangar?”
L’uomo fece un cenno di assenso mentre si chinava per esaminare il fianco di Valya. Non appena lo sfiorò lei sussultò e gemette.
“Stai fermo per favore.”
“Fa male” si lamentò lei.
“Ovvio che fa male. È un buon segno” rispose Jangar. “È un bel taglio ed è profondo.” Infilò le dita nella ferita e Valya lanciò un urlo di dolore.
Quando Jangar estrasse le dita erano macchiate di sangue fresco. “C’è una piccola scheggia all’interno e deve essere estratta, ma è una cosa da niente. Manderò il mio allievo.” Guardò Rann. “Fagli togliere la corazza o non potrà fare il suo lavoro.”
Mentre il guaritore si allontanava, Rann si chinò e le slacciò i legacci che tenevano agganciato l’elmo alla corazza. “Devo togliertelo” disse.
Valya lo aiutò a sollevare l’elmo e strinse i denti quando lui le fece male mentre le toglieva la corazza.
“Scusa” disse Rann. Guardò dentro l’elmo. “C’è della roba attaccata all’interno” disse infilandoci dentro le dita. “Che cos’è?”
Valya arrossì. “Credo” disse esitando. “Credo di averci vomitato dentro.”
Rann la fissò stupito. “Tu hai vomitato nella mia armatura?”
Valya scrollò le spalle. “È successo. Non volevo farlo, credimi.”
“Valya” esclamò una voce. “Valya Keltel. Sei proprio tu?”
Valya alzò la testa di scatto.
Qualcuno mi ha riconosciuta, pensò. E adesso?
Davanti a lei, ai piedi della stuoia, un grembiule sporco di sangue che lo copriva dal petto alle gambe, Ros Chernin la fissava con la bocca aperta e gli occhi spalancati.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 66
*** Non ho altra scelta ***


Non ho altra scelta
 
La zuppa era fredda e il sugo denso e appiccicoso, ma almeno era buona.
Ros vi infilò dentro il cucchiaio e lo portò alla bocca, ingoiando la brodaglia. Non mangiava niente ci così buono da giorni.
Seduto dalla parte opposta del tavolo, Namalir l’erudito lo guardava con espressione accigliata. Tra le mani aveva la pergamena che Ros gli aveva mostrato, quella in cui Varnado gli scriveva di raggiungerlo a Ferrador.
“È chiaro che si sono presi gioco di te” stava dicendo l’erudito. “Non c’è altra spiegazione.”
Ros era già arrivato da solo a quella conclusione ma rifiutava di accettarla. “Chi potrebbe farmi uno scherzo del genere?”
“Forse i tuoi fratelli? Mi hai raccontato tu che non hanno una buona opinione di te.”
“Mi odiano” disse Ros. “Rezan più di tutti. E mio padre. Forse mi odia per compiacerlo. Non lo so.”
“Qualcuno deve pur essere stato, ragazzo. Questa lettera non te le sei spedita da solo, giusto?”
“No” fece Ros cercando di riflettere ad alta voce. “Ma i miei fratelli non sarebbero capaci di organizzare uno scherzo così complicato. E poi ci sono almeno un paio di cose che non hanno senso.”
“Quali?” fece Namalir interessato.
“La prima è che qualcuno che non era di Cambolt è stato nella locanda di Nilus e ha affittato una stanza per lasciarmi la lettera.”
Namalir annuì grave. “Continua.”
“La seconda è che questa persona sapeva che c’era un asino di nome Varnado in questa accademia, quindi deve essere stato qui almeno una volta prima di venire da me.”
“Molti commercianti sanno di Varnado” disse Namalir. “Lo usiamo per trasportare le merci che ci vendono.”
“E quanti di loro potrebbero aver organizzato una cosa del genere?”
“Non ne ho idea, ragazzo.”
“Allora non lo scoprirò mai.”
Namalir lo fissò senza parlare.
Dopo che aveva scoperto che Varnado era l’asino che gli eruditi usavano per i loro piccoli spostamenti, aveva temuto di crollare a terra per la disperazione.
Namalir doveva aver notato che stava per cedere e gli aveva offerto di restare lì finché non avesse trovato una sistemazione decente in città.
“Non sembri un cattivo soggetto” aveva detto l’erudito. “E qui di posto ce n’è. La nostra accademia non è molto frequentata ultimamente e la guerra ha ridotto le donazioni da parte dei nobili locali.” Aveva fatto una smorfia. “Non che siano mai state generosi. A Ferrador la cultura non è molto apprezzata.”
“Se avete spazio” aveva detto Ros sentendo rifiorire la speranza. “Potreste accogliermi come confratello. Sono intelligente e imparo in fretta. Posso dimostrarvelo.”
“Sarai anche intelligente, ma non ascolti. Ti ho già detto che hanno ridotto le donazioni. Senza di esse non possiamo accettare altri allievi. E sarebbe contrario alle regole accettare qualcuno che si è proposto. Di solito siamo noi a scegliere quelli che possono frequentare l’accademia, mai il contrario.”
Quello aveva chiuso il discorso. In seguito, Namalir gli aveva fatto preparare da mangiare e si era seduto con lui a tavola.
Ros gli aveva raccontato della sua vita a Cambolt, del suo desiderio di entrare in un’accademia, della lettera e del viaggio fino a Ferrador.
“Mi spiace che tu abbia fatto tanta strada inutilmente” disse l’erudito. “Ora che hai intenzione di fare?”
“Non lo so” rispose Ros. “Non posso tornare a casa. Mio padre si arrabbierebbe moltissimo e i miei fratelli me la farebbero pagare.”
“Quindi vuoi restare a Ferrador?”
“A questo punto, un posto vale l’altro, no?”
“Hai dei soldi con te?”
Ros annuì. “Ho un centinaio di monete.”
“Quelle potrebbero bastarti per venti o trenta giorni, forse un’intera Luna se ti accontenti di dormire in qualche buco malfamato e di mangiare topi cucinati per strada.”
Ros trattenne una smorfia di disgusto.
“Ti servirà un lavoro per vivere qui. Che cosa sai fare?”
“So tradurre il Valondiano antico” disse Ros scavando nella sua memoria. “E ho letto i testi di storia del continente maggiore.”
“Non ti servirà a niente sapere queste cose. Sei sicuro di non avere altre conoscenze?”
“So riconoscere piante ed erbe. A Cambolt facevo lunghe passeggiate nei boschi e neii campi attorno al villaggio.”
Namalir annuì pensoso. “Sapresti descrivermi qualche pianta se ti dico il suo nome?”
“Posso provarci.”
“Vediamo” fece Namalir grattandosi il mento. “Descrivimi la radice della rosa cinerea.”
“Io” disse Ros esitando. “Non penso di aver mai visto una pianta simile a Cambolt.”
Namalir annuì grave. “Allora parlami degli effetti del fungo di palude.”
“Non ci sono paludi a Cambolt.”
“Cosa succede se metto in infusione dei petali di Gessora nel Latte di Luna?”
“Davvero non ne ho idea.”
Namalir sospirò. “Non mi sembri molto esperto di piante ed erbe.”
Ros chinò la testa.
“Ma” fece l’erudito stiracchiandosi. “Almeno sei sincero. Avresti potuto mentire e rispondere a caso alle mie domande, ma non l’hai fatto.”
“Vuoi dire che…”
“Onestamente, le erbe non sono il mio campo di studi. E non so nemmeno se esista una pianta chiamata Gessora. L’ho inventata un attimo fa.”
Ros lo guardò stupito.
“Kolas” disse Namalir. “Portami un foglio e una matita. Scriverò una lettera di presentazione per il nostro amico di Cambolt. È tutto quello che posso fare per te, ragazzo. Il resto dovrai ottenerlo da solo.”
“Grazie” disse Ros. “A chi devo presentarla?”
“C’è un uomo in città, un certo Jangar. Lui si definisce un guaritore, ma in realtà ha solo una bottega di pozioni e infusi. Ogni tanto ce ne serviamo perché ha i prezzi più bassi. Ho sentito che sta cercando un allievo e penso che tu potresti essergli utile.”
“Ma io non so niente di erbe e pozioni.”
“Come la maggior parte degli abitanti di questa città. Ma almeno sei giovane e non sembri interessato alla guerra come la maggior parte degli altri ragazzi. E ho l’impressione che ti accontenterai di guadagnare poco, almeno all’inizio.” Namalir annuì deciso. “Sì, credo che sarai perfetto per il vecchio Jangar. Ora finisci di mangiare la zuppa mentre io scrivo la lettera.”
 
Jangar aveva una bottega al centro di un largo spiazzo che sorgeva tra una mezza dozzina di edifici. Come quasi tutti quelli di Ferrador erano altri tre o quattro livelli per sfruttare il poco spazio a disposizione.
La bottega aveva una sola entrata dove erano esposte ampolle colme di liquidi di vari colori e dei cartelli che ne riportavano il nome e una descrizione sommaria.
“Concentrato di Erba Fumo, Estratto di Colodrina, Gocce di Nessira” lesse mentre osservava i cartelli.
Un uomo dall’aria annoiata lo fissava con indolenza. “Sei interessato a qualcosa in particolare o ti piace solo leggere i cartelli?”
Ros si schiarì la voce. “Siete voi Jangar?” chiese usando la formula di cortesia che Namalir gli aveva suggerito.
L’uomo strizzò gli occhi. “Voi chi?”
“Ho una lettera da parte dell’erudito Namalir.”
“Che vuole da noi? Ha altre lamentele da fare?”
“No, nessuna lamentela” si affrettò a dire Ros. “È una lettera di presentazione.”
L’uomo lo guardò perplesso. “Io non so leggere, ma padron Jan è uno che ha studiato parecchio. Puoi darla a lui.”
Ros evitò di dirgli che era quello che aveva intenzione di fare dall’inizio.
L’uomo si spostò appena per farlo passare e lui entrò nella bottega. Il locale era immerso nella penombra ma ci mise poco ad abituarsi. Sui due lati c’erano scaffali pieni di ampolle e alambicchi. Sopra un fornello spento vi era un grosso mortaio macchiato da cui sporgeva la parte superiore di un pestello. Nell’aria aleggiava un odore penetrante che gli pizzicò le narici.
“In fondo” disse l’uomo alle sue spalle. “Non toccare niente e non muoverti troppo veloce.”
Ros avanzò con cautela. A ogni passo il pavimento di legno scricchiolava sotto i suoi piedi e aveva paura che cedesse da un momento all’altro.
La parte opposta della stanza era chiusa da una porta di legno. Ros alzò una mano col pugno chiuso.
“Non bussare” disse una voce dall’altra parte. “La porta è aperta. Entra pure.”
Incerto, Ros posò la mano sul pomolo e lo girò verso destra. La porta si aprì con uno scricchiolio. La stanza successiva era immersa nel buio, ma poteva lo stesso scorgere delle ombre muoversi.
Una in particolare, più grossa delle altre, si mosse sulla sua destra.
“Entra in fretta e poi chiudi la porta” disse una voce dal tono cortese.  “E non fare molto rumore. Per favore.”
Ros entrò e chiuse la porta alle sue spalle con delicatezza. Quando tornò a voltarsi verso il centro della stanza notò che l’ombra si era spostata sulla sinistra. Nel buio colse qualche particolare prima nascosto come il bancone che correva lungo la parete.
“Chiedo scusa” sussurrò. “Voi siete Jangar?”
L’ombra si fermò. “Tu chi saresti? Chi ti ha fatto entrare?”
“Mi avete detto voi di…”
“Certo, certo. Non ricordo il tuo nome.”
“Non ve l’ho detto. Mi chiamo Ros. Ros Chernin.”
“Mai sentito. Non sei uno dei fornitori abituali. Vieni da fuori? Il tuo accento non sembra di Ferrador.”
“Vengo da Cambolt.”
“Mai sentito.”
“È a occidente di qui. Lungo la strada per la capitale.”
Nel buio colse un rapido movimento della testa. “Fai silenzio ora. Per favore.”
Ros serrò le labbra.
Jangar, se era davvero lui la persona con cui stava parlando, armeggiò con qualcosa sul bancone. Le sue braccia si muovevano veloci come se stessero avvitando o svitando qualcosa ma non riusciva a capire cosa.
Fu tentato di avvicinarsi per guardare meglio ma non voleva farlo arrabbiare.
“Sei ancora qui?” gli chiese Jangar fermandosi per qualche istante. “Credevo fossi andato via.”
“Non vi ho detto perché sono venuto. Ho una lettera per voi da parte dell’erudito Namalir.”
“Il vecchio Nam mi ha scritto? Non poteva venire lui di persona?”
“È una lettera di presentazione” spiegò Ros.
“Allora presentati, no? Come hai detto che ti chiami?”
“Ros. Ros Chernin.”
“Sei qui per farmi una richiesta particolare, Ros Chernin?”
“Sì” disse facendosi coraggio. “Vorrei lavorare per voi. So che cercate un assistente.”
“Un assistente” esclamò Jangar. “È quello che ti ha detto Nam?”
“Sì.”
“Capisco. Che esperienza hai con le pozioni e le erbe?”
Rose fece per dire qualcosa, esitò, poi disse: “Nessuna, a dire il vero. Ho solo letto qualche saggio.”
“Di chi?”
“Ryenne di Luska” rispose Ros cercando di ricordare i testi che lo avevano impressionato di più. “Tolga di Mar Shedda e Gera Halux di…”
“Ho capito, ho capito” disse Jangar. Era ancora chino sul bancone e stava armeggiando nel buio.
Quel modo di fare stava cominciando a infastidire Ros, ma cercò di non darlo a vedere.
“Sono tutti degli idioti” disse Jangar. “E Gera Halux è il peggiore di tutti. Un odioso e borioso erudito che pensa di saperne più degli altri, anche se devo ammettere che ha delle brillanti intuizioni, a volte.” Si voltò verso di lui, rivelando un volto che sembrava solcato da cicatrici e bruciature accentuate dalla penombra. “Hai sprecato il tuo tempo con i saggi di quegli incapaci.”
Rose deglutì a fatica. “Ho anche letto altri testi, signor Jangar.”
“Chiamami Jan. Mio padre mi chiamava Jangar e lo faceva solo quando voleva sgridarmi. O punirmi.” Scosse la testa affranto. “Non fare quella faccia, Ros Chernin, è una buona notizia per te. Sarà un piacere insegnarti la nobile arte del preparare pozioni.”
“Voi mi insegnerete?” chiese con tono diffidente.
“Mi sembri un ragazzo intelligente e Nam non ti avrebbe mai mandato da me senza averlo capito lui stesso. Si vede che gli hai fatto una buona impressione. Vuoi diventare mio assistente, Ros Chernin?”
Ros annuì.
“E immagino tu voglia anche una paga adeguata, no?”
“Mi accontento di poter mangiare e avere un posto dove dormire.”
“Non posso fare né l’una né l’altra cosa. Posso pagarti e poi dovrai provvedere tu stesso a queste cose. A meno che tu non voglia accontentarti di un giaciglio in una stanzetta al secondo livello e della zuppa annacquata.”
Ross annuì di nuovo. “Va bene comunque, signor… Jan.”
Jangar si grattò la guancia. “C’è un’ultima domanda a cui devi rispondere, Ros Chernin e devi essere sincero.”
Ros annuì per la terza volta.
“Patisci molto il freddo?”
“Non credo di aver capito.”
“Quando è inverno e cala la notte e con essa arriva il freddo che ti entra nelle ossa e ti fa battere di denti, hai presente?”
“Sì, signor Jan.”
“Non ti viene voglia di avvolgerti un una calda pelliccia e magari accendere un bel fuoco per scaldare mani e piedi? Dico bene?”
“Credo di sì.”
“Ti piacerebbe?”
“Sì” disse Ros convinto.
“Bene. Qui puoi scordarti di fare una cosa del genere, Ros Chernin. Perché se lo farai, se solo ti azzarderai ad accendere anche solo un rametto dentro la mia bottega, ti farò buttare fuori a calci da Rakhas. È chiaro?”
“Certo” si affrettò a rispondere Ros.
“Bene.” Jangar gli diede di nuovo le spalle. “Non violare mai questa regola, hai capito?”
“Sì” ripeté Ros. “Non lo farò. Posso chiedere perché è così importante?”
“Niente di che, Ros Chernin. È solo che la maggior parte delle sostanze che troverai qui dentro non vanno molto d’accordo con la luce, il calore e il fuoco. E per non andare d’accordo intendo dire che hanno l’abitudine di esplodere. Ho soddisfatto la tua curiosità, adesso?”
Ros deglutì a vuoto. “L’avete soddisfatta, sì.”
“Vuoi ancora essere il mio allievo?”
Ho una scelta? Si chiese. Senza questo lavoro dovrò tornare a Cambolt, dove mio padre mi umilierà e i miei fratelli mi tormenteranno. Preferisco restare qui e rischiare di esplodere.
“Sì” rispose senza esitare.
“Bene. Metti un grembiule e raggiungimi. Devi aiutarmi a esaminare il topo che ho aperto stamattina.”
“Come, prego?”
Jangar ridacchiò. “Quella dannata bestiolina ti servirà per imparare a ricucire una ferita, se ce ne fosse bisogno. Non vendiamo solo pozioni, qui. Su, svelto. Non sei ansioso di imparare?”

Vi auguro Buona Pasqua. Mi prendo giusto un giorno di pausa domani e poi torno martedì con un nuovo capitolo.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 67
*** Dimenticare tutto ***


Dimenticare tutto
 
“Valya Keltel” stava dicendo Ros. “Sei davvero tu? Che cosa ci fai qui?”
Valya strinse i denti. Per un attimo desiderò di sparire o di non aver mai fatto quella pazzia.
Che mi è venuto in mente? Si chiese. Era chiaro che mi avrebbero scoperta ed è successo. Ora come esco da questa situazione?
“Ros” disse Valya. “Che ci fai tu qui?”
Lui si chinò al suo fianco. “Faccio da assistente a Jan” disse.
“E chi sarebbe questo Jan?”
“Il padrone di questa bottega. Jangar” spiegò lui.
“Sì, giusto” disse Valya.
Ros diede una rapida occhiata alla ferita. “È profonda e hai perso molto sangue, ma non sembra grave. Jan dice che hai una scheggia o due conficcate dentro.” Assunse un’aria grave. “Devo toglierle e poi pulire bene la ferita o si infetterà. Solo dopo la potrò chiudere.”
“Tu” disse Valya. “Tu sai chiudere una ferita?”
Ros annuì.
“Ma tu sei il figlio di un mercante. Quando hai imparato?”
“Mi ha insegnato Jan.”
“Ne hai già chiuse parecchie?”
Rosa annuì di nuovo. “Almeno un centinaio.”
“Ma nella piazza non ci sono cento persone” osservò Valya.
“Ho fatto esperienza sui topi” rispose Ros. “E sui conigli e i gatti. Jan li adora e quando gliene portano uno ferito è sempre entusiasta di poter guarire quelle povere bestiole. Invece odia i cani. Li odia davvero.”
“Topi” disse Valya disgustata.
“Adesso fammi controllare la ferita. Tu” disse rivolto a Rann. “Tienila ferma.”
Rann appoggiò le mani sulle spalle di Valya.
“Vediamo” disse Ros infilando un dito nel taglio.
Valya sentì il dolore avvampare e si arcuò cercando di sfuggire a quel tocco. “Fa male” grugnì.
“Lo so, ma devo vedere la scheggia o non potrò estrarla. Tienila ferma.”
Rann serrò la stretta sulle sue spalle fino a farle male.
“Attento” lo rimproverò Valya.
“Scusa” fece il ragazzo imbarazzato. “Ho stretto troppo?”
“Quasi mi spezzavi le ossa.”
Ros esplorò la ferita strappandole altre grida di dolore e non smise finché non sembrò soddisfatto. Quando ritirò la mano Valya tornò a respirare come prima.
“Hai finito?”
“Non ancora.” Il ragazzo prese dalla cintura una boccetta piena di liquido rosa e gliela porse. “Bevila tutta in un sorso.”
Valya la soppesò tra le dita. “Cos’è?”
“Estratto di solina cremisi” rispose.
“E che cosa sarebbe?”
“Serve a non farti sentire troppo dolore.”
“E non potevi darmela prima?” chiese lei polemica.
“Ce n’è rimasta poca e non sapevo se ti sarebbe servita o meno.”
Valya tolse il tappo di sughero che chiudeva la boccetta e la portò alle labbra. “Non è veleno, vero?” chiese.
“No” rispose Ros.
Valya bevve la pozione in un sorso.
“Almeno non in questa concentrazione.”
Il liquido amaro le scese giù per la gola. “Come?” tossicchiò.
“Niente” disse Ros. “Ora conta fino a trenta perché faccia effetto.”
Valya sospirò. “È davvero necessario?”
Lui annuì deciso.
“Uno, due, tre” iniziò a dire Valya. “Quattro, cinque, sei” I particolari della piazza sfumarono come se all’improvviso fosse calata la nebbia. “Sette, otto, nove”. Sentiva la testa leggera e le gambe intorpidite, come se fosse rimasta seduta per mezza giornata. “Dieci, undici.”
Che cosa viene dopo l’undici? Si chiese.
Stava per domandarlo a Ros ma sentiva le palpebre pesanti.
Le chiuderò solo un istante, si disse. Solo per riposare un po’.
Riposare.
Riposare.
 
La luce le ferì gli occhi costringendola a stringere le palpebre. Emise un debole lamento. Era distesa sulla schiena, la testa rivolta verso l’altro. Cercò di mettersi dritta ma le forze le mancarono e ricadde all’indietro.
“Non ti sforzare” disse Rann.
Era accanto a lei seduto sulle ginocchia.
Da quanto tempo è lì? Si chiese.
La luce del giorno era sfumata verso l’arancione assumendo quel tono delicato che precede di poco il tramonto.
“È tardi” esclamò. “Devo tornare a palazzo.”
Cercò di alzarsi ma fu costretta a stendersi di nuovo.
“Il tuo amico ha detto di aspettare prima di alzarti” disse Rann.
“Quale amico?”
“Quello che ti ha chiuso la ferita.”
Ros, pensò Valya. Sta parlando di Ros Chernin.
“Non è mio amico.”
“Ma vi conoscete.”
“Questo non fa di lui un mio amico” protestò. Si raddrizzò puntellandosi sui palmi delle mani. Girando la testa di lato notò che metà della piazza si era svuotata e solo una decina di giacigli erano occupati. “Dobbiamo andare via. Io devo tornare a palazzo.”
“Ma il tuo amico…”
“Lascialo perdere quello lì” esclamò Valya. “E ti ripeto che non è mio amico. È per colpa sua se siamo dovuti andare via da Cambolt.”
Non era del tutto vero ma in quel momento le serviva una scusa valida per andarsene.
Rann arrossì. “Non ne avevo idea.”
“Dammi una mano.”
Lui la sostenne mentre si rimetteva in piedi. Il fianco le faceva male ma dove prima c’era la ferita aperta ora vi era una fascia. Sfiorandola con le dita sentì qualcosa di morbido e appiccicoso.
“Il tuo… quella persona” disse Rann. “Ha detto che devi cambiare la fascia e pulire la ferita ogni due giorni. E che dovresti andare da un guaritore per farla controllare, quando torni a palazzo.”
“Gli hai detto che abito lì?” gli domandò Valya allarmata.
“No” fece Rann scuotendo la testa. “Non lo so, non mi ricordo. Forse potrei avergli detto qualcosa.”
“Dannazione” esclamò rabbiosa. “Non dovevi dirgli niente.”
“Scusa, non lo sapevo.”
Valya scosse la testa. “Lasciamo perdere. Andiamo via. Ora.”
“Ce la fai a stare in piedi?”
“Sì” rispose.
Il mondo le girava attorno e temeva di cadere a ogni passo, ma non voleva restare lì un attimo di più. Voleva solo tornare a palazzo e dimenticare tutta quell’assurda giornata e fare finta che non fosse mai accaduto niente.
Rann la sorresse per metà della strada e quando Valya si sentì in grado di camminare da sola, gli disse di lasciarla andare.
Raggiunsero la porta che dava sul cimitero degli animali. “Hai con te il mio vestito nuovo?”
Rann annuì.
“Dammelo. Devo indossarlo.”
Lui glielo porse e Valya chiuse la porta lasciandolo fuori. Tolse il vestito strappato e macchiato di sangue e vomito infilando quello nuovo. Era di almeno una taglia più grande ma sarebbe andato bene lo stesso. Fece attenzione a non macchiare il tessuto col sangue che era colato dalla fasciatura applicata da Ros e questo le costò un movimento brusco e una smorfia di dolore. Chiuse in vita la cintura assicurando la gonna e aprì la porta.
Rann l’attendeva ancora in strada.
“Entra, svelto” disse Valya.
Lui ubbidì.
“Torna alla forgia e nascondi l’armatura e la spada in un luogo sicuro” disse Valya.
“Li metterò dove tengo la mia roba.”
“Non farti vedere da nessuno e mi raccomando la spada. Non devi toccarla.”
“Non la sfiorerò, tranquilla. Tu non vieni con me?”
“Non posso apparire all’improvviso a palazzo. Entrerò dalla porta principale.”
“Ma hai un vestito diverso.”
“Mi inventerò una scusa con Olethe.” Valya fece per andarsene ma lui la trattenne.
Accidenti, pensò Valya. La sua stretta è davvero forte.
“Stai attenta” disse Rann.
“Fai come ti ho detto e andrà tutto bene.”
“Valya” iniziò a dire lui.
“Che c’è ancora?”
“Non devi farlo mai più. Usare la mia armatura, intendo. Non voglio stare in pena per te. Se ti succedesse qualcosa…”
“La tua corazza mi ha protetta, Rann. Se sono viva lo devo a te.”
E alla mia spada magica che mi ha protetta dall’incantesimo di uno stregone rinnegato e senza la quale sarei bruciata viva, pensò.
“È stata comunque una cattiva idea.”
Valya sospirò. “Possiamo riparlarne dopo? Ora vorrei andare a riposare. Sai, sono stanca e ho una ferita.”
“Giusto” fece lui annuendo. Chiuse la porta con delicatezza.
Valya attese qualche istante, trasse un profondo sospiro e si avviò in direzione dell’entrata principale.
Davanti al portone vi erano ancora dei soldati di guardia con lance e scudi bene in vista. Valya non li conosceva ed era certa che non fossero mai stati assegnati prima alla difesa della piazza.
Procedette con passo deciso verso di loro.
Uno dei soldati si fece avanti. “Fermati.”
Valya ubbidì. Senza la spada non si sentiva altrettanto sicura affrontando un guerriero armato e protetto da una corazza.
“Chi sei? Nessuno può entrare” disse il soldato.
“Mi chiamo Valya.”
“Sei una serva? Un’ancella?”
“Sono la protetta della governatrice.”
Il soldato ghignò. “E io sono il principe di Malinor, ma non dirlo in giro. Ora sparisci, ragazzina.”
“Ti dico che sono Valya Keltel e la governatrice mi sta aspettando. Se verrà a sapere che non mi hai lasciata passare si arrabbierà molto.”
“Stai facendo arrabbiare me” disse il soldato con tono minaccioso. “Ora vattene, abbiamo altro a cui pensare.”
Avrei fatto meglio a seguire Rann, pensò Valya. Chissà se posso tornare indietro e usare il passaggio attraverso il cimitero degli animali.
Non era sicura di ricordare se Rann avesse chiuso la porta col chiavistello. In quel caso avrebbe dovuto scalare il muro o trovare un altro modo per entrare.
Poteva anche attendere lì fuori, ma non era sicura che sarebbe uscito qualcuno che la poteva riconoscere prima che facesse sera.
Forse dovrò passare tutta la notte qui fuori, pensò. E con la stanchezza che sento e la ferita sarà un bel guaio.
Stava per andare via, quando qualcuno si avvicinò. “Lasciatela passare” disse una voce divertita. “Io la conosco. Purtroppo.”
Valya girò la testa di scatto e vide Zane Stanner avanzare verso di lei. Indossava lo stesso mantello bianco di quella mattina, lacero e sporco dopo la battaglia con lo stregone rinnegato che lo aveva quasi ucciso.
La guardia si irrigidì. “Tu garantisci per lei, straniero? E chi garantisce per te?”
Zane gli mostrò il mantello con i fregi di Lormist. “Questo. Ma se vuoi posso mostrarti qualche incantesimo per convincerti.”
La guardia sospirò e fece un passo di lato.
Zane invitò Valya a seguirlo con un gesto che lei avrebbe usato con un cane, se ne avesse avuto uno.
Quando lo raggiunse, disse a denti stretti: “Grazie.”
“Di niente, che ci facevi lì fuori? La governatrice ha vietato a chiunque di lasciare il perimetro del palazzo.”
“Non sono mai tornata dentro” mentì.
Lo aveva fatto, ma come Val il Leone, non come Valya la figlia del fabbro.
Zane sgranò gli occhi. “Eri lì fuori durante la battaglia?”
“Sì” disse Valya sicura. In quel momento voleva impressionarlo. “Ero nella piazza quando è apparsa quella creatura, l’evocazione.”
“Quella non era una creatura. Era un Baloroth.”
“Non mi veniva in mente il nome” disse lei con aria di superiorità.
Zane ghignò. “Stai mentendo. Non hai idea di cosa sia un Baloroth, vero?”
Valya arrossì. “Ha importanza?”
“È una delle nove creature che uno stregone può evocare” spiegò Zane.
“Nove?”
Lui annuì. “Baloroth, Aerrax, Laerion, Varthag, Azeas, Telarion, Remnac, Nifogr e Mandrasath” disse Zane come se stesse recitando una poesia.
“E sono tutte grandi come quel Balorok?”
“Baloroth” la corresse lui. “No, ma il Varthag gli somiglia. Aerrax, per esempio, è una specie di serpente, ma ha le scaglie taglienti. Nifogr somiglia a un cane ma ha le zanne che sporgono. Remnac sembra un grosso cinghiale con delle placche sulla schiena che fanno da corazza. Mandrasath ha una coda che termina con una specie di clava di osso che usa per spezzare le gambe ai nemici e…”
“Sembrano pericolose.”
“Lo sono.”
“Tu sai evocarne una?”
Zane si strinse nelle spalle. “Non ho il dono di evocare. E se lo avessi mi guarderei bene dall’usarlo.”
Valya si accigliò.
“Gli evocatori finiscono a Krikor se non tengono a bada il loro potere.”
“Valya” esclamò una voce femminile.
Parlando erano giunti vicino alle scale che portavano alla fortezza. Non c’erano più i feriti allineati ma il segno lasciato dal sangue era ancora visibile.
In cima alla scalinata c’era Olethe. La donna scese le scale a due a due. “Per l’Unico e gli antichi Dèi, ti abbiamo cercata dappertutto.”
Valya si finse imbarazzata. “Ero nella piazza quando è iniziato l’attacco.”
Olethe la scrutò dalla testa ai piedi. “Questo vestito non è il tuo.”
“Nella confusione il mio si è strappato.” Valya aveva pensato a una storia credibile fin da quando aveva lasciato la bottega di Jangar. “Siamo scappati in una via laterale e da lì ci siamo nascoste nella cantina di una casa.”
“Tu e chi altri?” chiese Olethe.
“C’erano delle donne e dei bambini” rispose Valya. “Eravamo tutti spaventati e non osavamo uscire. Sentivamo i rumori della battaglia sopra di noi e sapevamo che stava accadendo qualcosa di terribile.” Scosse la testa. “È stato allora che una donna mi ha fatta notare che il mio vestito era strappato. Si è offerta di darmene uno che apparteneva a sua figlia.”
“Dovrai restituirlo il prima possibile” disse Olethe accompagnandola verso l’entrata della fortezza. Guardò Zane. “Tu puoi andare. Da qui in poi mi occupo io di lei.”
Lo stregone scrollò le spalle e andò via.
Valya lo guardò allontanarsi da sopra la spalla e un po’ gli spiacque.
Forse, si disse, tra qualche giorno potremo riprendere quel discorso sulle evocazioni.
“Riguardo al vestito” disse Valya. “La donna che me l’ha dato ha detto che potevo tenerlo. Era contenta di donarmelo.”
“Allora la rintracceremo e la ringrazieremo” disse la donna.
Dannazione, pensò Valya, proprio non vuole cedere.
“Non ricordo il suo nome.”
“Puoi riconoscerla?”
“Era buio.”
“E la casa dove vi siete rifugiate?”
Scosse la testa. “Non ricordo dov’era di preciso. Era tutto molto confuso.” Si sfiorò la testa con la mano. “Sono così stanca.”
“Ti farò portare qualcosa da mangiare nella tua stanza. Dopo che avrai fatto un buon bagno per toglierti di dosso la polvere e la sporcizia.”
Così vedranno la ferita.
“Vorrei dormire, prima” disse Valya. “Sono davvero molto stanca.”
Olethe sospirò. “D’accordo, niente bagno. Con tutto quello che è successo oggi, ci meritiamo tutti un po’ di riposo. E io devo presenziare alla veglia funebre del comandante Abbylan.”
Valya trasalì. Aveva dimenticato che erano morte tante persone, compreso il fratello di Ferg.
Olethe dovette notare la sua espressione e annuì grave. “Il comandante Zebith Abbylan è stato ucciso insieme ad altre dodici persone.”
“E Ferg?”
“È nelle cripte che veglia sul corpo del fratello.”
Valya tacque. “Sarebbe sconveniente andare a porgergli le mie condoglianze?”
“Potrai farlo domani, quando ci sarà il funerale. La veglia è per i parenti più stretti e quelli che prestano servizio a palazzo.”
“Capisco” disse Valya.
Olethe la lasciò solo davanti alla porta della sua stanza. “Riposa, adesso. Ci attendono giorni faticosi. La guerra è iniziata davvero.”
Valya chiuse la porta e andò a sedersi sul bordo del letto. Non aveva scambiato molte parole con Zeb Abbylan, ma ricordava bene quando lo avevano incontrato sulla strada per Ferrador e lui le aveva promesso che avrebbe trattato bene Bel.
Aveva mantenuto la sua promessa e il cavallo era stato accudito e nutrito.
Sospirò e si lasciò andare distendendosi con la schiena sul letto. Fissò il soffitto di pietra, immaginando le stelle che si trovavano dall’altra parte, molto più in alto.
Ho ucciso uno stregone in duello, pensò. Persino Margry Mallor sarebbe fiera di me. Ferg lo sarebbe di sicuro. Anche la governatrice, se potessi dirlo a qualcuno oltre che a Rann. Tutti tranne mio padre. Lui si arrabbierebbe e sarebbe capace di trascinarmi via da Ferrador dopo aver fuso e trasformato in un blocco di metallo la spada.
La spada.
Non deve accadere, si disse. Lei è mia e solo mia. Senza di lei non avrei mai sconfitto quello stregone. Senza di lei ora sarei uno dei tanti corpi schiacciati dai palazzi abbattuti da Dofia Pugno di Fuoco. No, mio padre non capirebbe. Lui non ha mai capito.
Chiuse gli occhi, le palpebre che diventavano pesanti. Il fianco le faceva male ma molto meno di prima. Ros Chernin aveva fatto un buon lavoro e le seccava doverlo ammettere.
Domani dovrò trovare il modo di riportare la spada al suo posto, si disse. Darla a Rann non è stata una buona idea ma non potevo fare altro. Mio padre potrebbe trovarla per caso e la perderei per sempre. Non deve accadere. Mai.
Solo in quel momento, quando il sonno stava per sopraggiungere, un pensiero le sfiorò la mente. Non aveva visto suo padre da nessuna parte e non era nemmeno venuto a cercarla né l’aveva attesa davanti all’ingresso. E ora che ci pensava bene, era da almeno un paio di giorni che non lo intravedeva mentre si recava alla forgia o ne usciva per fare qualche commissione.
Sembrava sparito.

 

Ritorna all'indice


Capitolo 68
*** La lista ***


La lista
 
Piegato in due, la mano appoggiata al tronco dell’albero, Gryf stava rigettando la colazione fatta quella mattina. Alzando lo sguardo tra un conato e l’altro vide Phelia guardare altrove, verso la strada e più in là Morhorn e la villa di Iefyr che lo dominava da sopra la collina.
Era da lì che erano discesi dopo che Phelia…
Che Phelia…
Phelia.
Gryf vomitò quello che restava della colazione.
La ragazza si schiarì la gola. “Tutto bene?”
“No” ringhiò Gryf. “Ti pare che possa andare tutto bene, dannazione?”
Phelia scrollò le spalle. “Te lo chiedevo perché dovremmo toglierci di qui. Non siamo ancora abbastanza lontani da Morhorn.”
Gryf staccò la mano dall’albero e barcollò verso di lei. “Tu” disse puntandole contro l’indice. “Tu sei una dannata pazza. Pazza e assassina. Che bisogno c’era di ammazzare quel vecchio?”
“Iefyr meritava di morire.”
“Lo hai deciso tu?”
“È stato mio padre a deciderlo.”
“Tuo padre” disse Gryf esitando. “Tuo padre ti ha ordinato di uccidere quell’uomo?”
“In un certo senso, sì. È stato lui.”
Gryf scosse la testa e andò a sedersi sotto l’albero, la schiena appoggiata al tronco.
“Non possiamo restare qui” disse Phelia.
“Che importanza ha dove andiamo? Ormai siamo dei rinnegati. Se prima avevamo una possibilità di fuggire, ora ci daranno la caccia su tutti i continenti. Tu finirai a Krikor o ti farai ammazzare, mentre per me c’è solo il patibolo.”
“Non deve per forza finire così” disse Phelia calma.
Gryf dominò a stento la tentazione di afferrarla per il collo e stringere fino a ucciderla. “E come finirà secondo te?” le gridò.
La ragazza guardò verso il villaggio. “Prima togliamoci di qui, poi ti spiegherò che cosa dobbiamo fare.”
Camminarono per i campi tenendosi lontani dalla strada. Phelia lo costrinse ad andare avanti finché non trovarono un filare di alberi che costeggiava un sentiero che girava attorno a una collina.
“Da qui non possono vederci” disse la ragazza. “A meno che non salgano sulla collina. Se succederà, dovremo spostarci velocemente o combattere.”
“Spero proprio di no” disse Gryf sedendo su di un tronco spezzato. Aveva i piedi che gli facevano male ed era sicuro di non poter avanzare oltre. “Non ce la farei a correre.”
Il pensiero dei cittadini di Morhorn che si organizzavano per dare loro la caccia lo atterriva. Phelia diceva che li avrebbe protetti lei, ma Gryf non era sicuro che la ragazza non sarebbe invece fuggita abbandonandolo alla rabbia della gente.
“Ci daranno la caccia” disse. “E se non lo faranno loro, chiameranno i Vigilanti. E quelli sono davvero pericolosi.”
“Se siamo prudenti non ci troveranno” rispose Phelia.
“Perché sei così sicura?” le chiese.
“Tu sei bravo a sfuggire a chi ti dà la caccia. Sento che sarai utile a entrambi.”
“No, no” disse Gryf scuotendo la testa. “I vigilanti non sono le guardie cittadine distratte o che posso corrompere con qualche moneta per fare finta di non avermi visto. Quella gente ha una fama terribile.”
“In ogni caso, non ci prenderanno. Almeno per ora. E quando e se un vigilante si metterà a darci la caccia, ci occuperemo anche di quel problema. Ora pensiamo a quello che ci serve adesso.”
Gryf si passò una mano sul viso. “Immagino tu abbia già pensato anche a questo, no?”
Phelia scroll le spalle. “Sei tu l’esperto nelle fughe, Gryf. O almeno così pensava Lathias.”
“Te l’ha detto lui?”
La strega annuì. “Diceva che eri bravo. Aveva preso delle informazioni, chiesto in giro.”
Gryf sbuffò. “Si sono presi gioco del tuo amico.”
“È la mia guida.”
“Quello che era.”
“Lathias non è morto.”
“Smettila” urlò Gryf balzando in piedi. “Ti rendi conto di quello che hai fatto, almeno? Hai ucciso uno stregone anziano nella sua residenza. Ora tu sei una rinnegata e io… io…” scosse la testa. “Io sono un tuo complice.”
“Noi due siamo compagni di viaggio. E mi dispiace averti coinvolto, ma mi serve un aiuto per fare questa cosa. Da sola non posso riuscirci.”
“Da sola hai ucciso uno stregone e le sue guardie. Io non sarei nemmeno sopravvissuto allo scontro.”
“Non è così che funziona” disse Phelia. “Prima o poi anche io avrò bisogno di riposare, di dormire o di mangiare. Mi serve qualcuno che mi guardi le spalle e che vegli su di me mentre io non posso farlo. Se avessi avuto Lathias con me, ti avremmo lasciato andare poco dopo essere usciti da Talmist, ma hai visto anche tu come sono andate le cose e ho dovuto cambiare i miei piani.”
“Il tuo piano era rendermi complice di un assassinio?”
La ragazza scosse la testa. “Il mio piano è fare giustizia.”
“Hai ucciso una persona innocente.”
“Iefyr non lo era.”
“E le sue guardie?”
“Servivano una persona ingiusta. Se avessero deposto le armi e non mi avessero attaccata, li avrei lasciati in vita.”
“Stai mentendo” l’accusò Gryf.
“Ascolta” fece lei. “Lasciami spiegare.”
“No” rispose.
“Per favore.”
Gryf tornò a sedersi, il viso nascosto tra le mani. “Non avrei mai dovuto accettare questa cosa. Lo sapevo che era una sciocchezza.”
Phelia sedette di fronte a lui. “Iefyr non era una persona buona e non meritava di vivere.”
“Come fai a dirlo?”
“Mio padre.”
“Tuo padre?”
Phelia annuì.
“Continua.”
Lei fece un sospiro. “Tre anni fa mi è stata recapitata una sua lettera. In segreto, perché Liandra la traditrice l’avrebbe fatta distruggere se l’avesse intercettata.”
“Una lettera” disse Gryf. “Di tuo padre.”
Phelia annuì.
“Che cosa c’era scritto?”
“C’erano poche informazioni, specie su come e dove potessi trovarlo. Papà aveva paura che se la lettera fosse caduta nelle mani sbagliate avrebbero potuto usarla per ritracciarlo. Mi ha raccontato cosa gli è accaduto in questi ultimi anni e il motivo per cui è dovuto andare in esilio. Liandra e altri l’hanno costretto.”
“Per quale motivo?”
“Mio padre era un grande comandante. Un eroe della guerra contro Vulkath. Insieme ad altri si coprì di gloria durante la battaglia finale con lo stregone infame, ma finito il conflitto venne tradito da quelle stesse persone con le quali aveva combattuto.”
“Perché l’hanno fatto?”
“Non lo so, non me l’ha scritto. Penso che non volesse rivelare troppo se la lettera fosse stata intercettata. Io credo che abbia ancora degli alleati a Talmist, ma che non voglia metterli in pericolo.”
“Però ha pensato di mettere in pericolo te.”
“Io sono sua figlia” esclamò Phelia. “Non posso attrarre più sospetti di quanto già non faccia adesso.”
“Quindi ti sei basata su una lettera misteriosa per condannare a morte una persona.”
E me, pensò. Perché da questa storia non ne uscirò vivo, lo so. Specie se resto con questa pazza.
“Non è una lettera misteriosa” disse Phelia. “È di mio padre.”
“Va bene, va bene” disse Gryf. “Ora ci serve un posto sicuro dove fermarci e riposare.”
“Non sarebbe meglio allontanarci il più possibile da Morhorn?”
“Sono io l’esperto di fughe o no?”
“Sì, certo” fece lei con tono perplesso.
“Dobbiamo riposare se vogliamo fuggire. Tu sei stanca, io sono esausto. Se qualcuno ci stesse dando la caccia potrebbe sorprenderci mentre siamo deboli e non potremo difenderci né scappare.”
“D’accordo. Che cosa suggerisci?”
“Ci nasconderemo nei campi, lontano dalla strada principale. Dobbiamo evitare i sentieri più battuti e le fattorie. E sperare che nessuno ci veda e ci scambi per degli sbandati, dando l’allarme.”
 
Gryf sedette tra le spighe di grano che ondeggiavano al vento. Da quel punto si intravedevano solo piccole fattorie sparse ai piedi delle colline coperte di erba che spezzavano la monotonia del paesaggio. Alla loro destra scorreva un canale che in contadini dovevano usare per portare l’acqua ai campi durante la stagione secca.
“Secondo te è abbastanza sicuro qui?” chiese Phelia sedendo di fronte a lui a gambe incrociate. Per proteggersi dalla terra avevano sistemato delle lenzuola prese a casa di Iefyr.
“Non esiste un luogo abbastanza sicuro quando stai scappando” disse Gryf cupo. “Ma puoi fare in modo che lo diventi, se stai attento.”
“Quanto dovremo restare qui?”
“Poco. Per ora riposiamo e poi ci rimetteremo in cammino prima che sorga il sole.”
“Non sarebbe meglio muoversi solo di notte?”
“Con il rischio di finire chissà dove? Non conosciamo la zona e io voglio evitare villaggi e città, se possibile.”
“Ma prima o poi dovremo fermarci da qualche parte per comprare da mangiare.”
“Ruberemo da qualche fattoria, se necessario.”
“Ma così ci daranno la caccia come ladri” protestò la ragazza.
“A rubare penserò io” disse Gryf sicuro. “È la cosa che mi riesce meglio.”
Phelia annuì e sembrò tranquillizzarsi.
Bene, pensò Gryf. Almeno avrò tempo per riflettere.
Attese che il sole calasse dietro le colline e che la strega chiudesse gli occhi. Prima di muoversi si accertò che il suo respiro fosse regolare e profondo.
Dorme, si disse Gryf.
Muovendosi con cautela tra i filari di grano si allontanò dal punto in cui l’aveva lasciata, resistendo alla tentazione di mettersi a correre.
Raggiunse la collina più vicina e l’aggirò, sbucando dall’altra parte dove il canale che avevano intravisto il pomeriggio confluiva in un corso più ampio.
Lo seguirò fino a trovare un villaggio, pensò Gryf. Da queste parti nessuno mi conosce e tutti staranno cercando una strega e un ragazzo in fuga. Da lì potrei trovare un passaggio verso settentrione e Belliron. E poi il mare. Sì, il mare. Qualche anno sul continente antico potrebbero bastare per venire dimenticato e nel frattempo, se quella pazza di Phelia si facesse catturare e uccidere dai Vigilanti, sono sicuro che la smetterebbero di darmi la caccia. In fondo non sono così importante.
Sospirò, il fiato che gli usciva a fatica. La collina era alle sue spalle e davanti a lui c’era una valle prima di raggiungere il fiume, ma sentiva la stanchezza a ogni passo, come se stesse portando un peso enorme sulle spalle.
Dovevo riposare di più, si disse. Ora non posso tornare indietro o Phelia potrebbe svegliarsi. Non avrò mai più un’occasione del genere. O ci riesco adesso o…
A metà strada tra la colina e il fiume dovette fermarsi per riprendere fiato. Inciampò e quasi fini a terra quando si rimise in marcia.
La testa gli faceva male e sembrava che stesse calando la nebbia sopra i campi, anche se poco prima era sereno. Il mondo prese a girargli attorno e crollò in ginocchio, il petto che si alzava e abbassava a fatica. Ogni respiro gli costava uno sforzo tremendo e una fitta nelle costole.
Non posso essere così stanco, si disse. Non posso…
Il buio calò su di lui.
 
“Per fortuna ti ho trovato” stava dicendo Phelia. “Se mi fossi diretta verso la valle invece che la collina, saresti morto.”
La ragazza sedeva di fronte a lui ma Gryf la vedeva come se fosse rovesciata di lato.
No, si disse. Sono io a essere disteso. Sono crollato senza forze mentre cercavo di raggiungere il fiume.
“Cosa?” riuscì a dire.
“Sei stato maledetto” rispose Phelia. “Da me.”
Gryf si accigliò. “Maledetto?”
La strega annuì. “È un incantesimo. Se ti allontani da me di un miglio perdi le forze. Al secondo miglio svieni.”
“E se mi allontano di tre miglia?”
“Smetti di respirare.”
Gryf voleva afferrarla per il collo, ma non aveva la forza di alzarsi. “Dannazione. Quando starò meglio?”
Phelia scrollò le spalle. “Domani mattina. Forse.”
“Forse? Non lo sai nemmeno tu?”
“Non è uguale per tutti. Alcuni si riprendono in fretta, altri ci mettono più tempo.”
“Vuoi dire che hai già maledetto altre persone?”
Phelia sorrise.
Gryf distolse lo sguardo da lei e fissò il cielo stellato. “Non mi libererò mai di te.”
“Annullerò la maledizione quando avrò fatto visita a tutte le persone sulla lista.”
“La lista che ti ha dato tuo padre?”
Phelia annuì.
“E quanti nomi ci sono?”
“Una dozzina.”
Gryf sbuffò. “Meno Iefyr.”
Lei annuì.
“Chi è il prossimo?”
“Un certo Keltel. Simm Keltel.”

 

Ritorna all'indice


Capitolo 69
*** Il leone, il serpente e il lupo ***


Il leone, il serpente e il lupo
 
“Parlami di nuovo di quel sogno” disse Hallen con tono paziente.
Shi’Larra sedeva in un angolo della baracca, le gambe raccolte contro il petto. Era la terza volta che si spostavano in quella Luna e dal lavoro che Lura e le altre ragazze del campo stavano facendo, era previsto almeno un altro spostamento.
“Stiamo avanzando” le aveva spiegato Hallen. “Il nemico indietreggia e noi guadagniamo terreno. Anche grazie a te.”
Shi non ne era affatto contenta. Hallen l’aveva aiutata a rendere più chiari i sogni che faceva con le sue pozioni, ma ora passava metà del suo tempo a dormire e l’altra metà a ricordare sogni che non voleva fare.
Uno in particolare la stava tormentando da una Luna. Era iniziato poco dopo la partenza di Nimlothien e Dyna insieme a molti guerrieri e stregoni. Il campo si era svuotato e Lura era sembrata molto preoccupata perché anche il suo Ashen era partito insieme agli altri.
Shi le aveva domandato dove fossero andati tutti e Lura le aveva risposto che si trattava di una missione importante e che delle navi li attendevano a Rodiron.
Ashen però aveva l’ordine di non parlarne con nessuno perché si trattava di una missione segreta.
“Ash dice che vanno a catturare una principessa” aveva detto Lura a bassa voce.
Shi si era limitata ad annuire.
Un paio di notti dopo era iniziato quel sogno. Si era ripetuto così tante volte che gli aveva dato un nome.
“Testa di Leone” disse Hallen. “Parlami di lui.”
“Potrebbe essere una lei” rispose Shi. Dopo il tempo passato con quelle persone conosceva molte più parole della loro lingua e aveva imparato a usare alcune sfumature e termini che prima ignorava.
“Hai visto il suo volto?” domandò lui interessato.
“No, ma ho come una sensazione.”
L’erudito annuì.
“Allora parlami di lei.”
Shi si umettò le labbra. Anche se il sogno era spiacevole, parlarne l’aiutava a rasserenarla. Prima di conoscere Hallen avrebbe cercato di dimenticare una visione così spiacevole, ma dopo che lui le aveva spiegato che la conoscenza è potere, aveva capito che ricordare i dettagli dei suoi sogni l’aiutava quando questi si presentavano di nuovo.
“Il sogno inizia sempre nello stesso modo” disse pescando nei suoi ricordi. “C’è una grande aquila che vola sopra una città in rovina e un esercito fatto di guerrieri e mantelli in attesa fuori dalle mura.”
“E poi che cosa accade?”
“C’è una sola torre ancora in piedi e si erge tra le rovine. Sopra di essa appaiono sempre tre figure, ma mai nello stesso ordine. A volte compare un lupo, altre un serpente, ma è la guerriera con la testa di leone che appare più volte.”
Hallen annuì. “E cosa fa di solito?”
“Niente” disse Shi. “Si limita a guardare l’esercito davanti alle mura. È come se lo sfidasse o si preparasse a prenderne il comando.”
“Continua.”
“Il cielo si tinge di rosso e cadono gocce di sangue che imbrattano le armature e i mantelli. La pioggia è così forte che si trasforma in un fiume in piena che li travolge, trascinandoli via. E io vengo trascinata con loro.”
“Ma non termina sempre così, no?”
Shi scosse la testa.
“Ne vuoi parlare?”
“Devo proprio?”
“Penso che ti aiuterebbe.”
Shi annuì. “A volte, ma non sempre, il lupo divora il serpente. Altre il serpente attacca la guerriera dalla testa di leone e la strangola. Ma la peggiore è quando è la guerriera dalla testa di leone ad attaccare i suoi due compagni. Non si limita a ucciderli, ma li divora lentamente, strappando loro brandelli di carne con le sue zanne. E quando ha finito di divorarli…”
“Vai avanti. Per favore.”
La voce suadente di Hallen l’aiutò a trovare la forza per continuare. “Quando ha finito con loro, la guerriera con la testa di leone diventa gigantesca e spalanca le sue fauci, mostrando file e file di denti che somigliano a spade scintillanti. E a quel punto si avventa su quelli che sono davanti alle mura, divorandoli dopo averli dilaniati. Ma nessuno di loro grida o tenta di fuggire. Tutti si lasciano divorare senza tentare di resistere. Sembrano felici di diventare il pasto di quel mostro.”
“E la testa di leone a questo punto che cosa fa?”
“Dopo averli divorati tutti, lacrime rosso sangue rigano le sue guance” disse Shi’Larra con un filo di voce. “Possiamo smettere per oggi? Ti prego, sono davvero stanca.”
Hallen annuì. “Mi spiace, è vero. Riposati. Stanotte non ti darò la pozione. Domani sarà una giornata impegnativa per te.”
Shi si accigliò.
“È arrivato un messaggero. Pare che uno dei comandanti stia venendo qui per parlare con te.”
“Nimlothien? Sta già tornando?”
“No, non lei. Il suo nome è Hissarion. Domani lo conoscerai di persona.”
 
Gli stregoni dal mantello grigio sfilarono in sella ai loro cavalli per il campo in silenzio, accompagnati dagli sguardi dei pochi che a quell’ora non avevano altro da fare. Shi ne contò dieci e dietro di loro seguiva una scorta di cinquanta guerrieri armati di lance e scudi. Erano tutti di fattura diversa e i fregi erano stati cancellati o lavati via.
Lo stregone che procedeva davanti a tutti osservava il campo con sguardo severo, come se li stesse valutando. In piedi davanti alla sua baracca, con Hallen al suo fianco, Shi’Larra li osservò senza parlare.
Accanto allo stregone che procedeva in testa ce n’erano altri due, una donna e un ragazzo. La prima aveva capelli corvini e occhi di colore verde. Il viso era allungato e il mento appuntito. Il ragazzo aveva gli stessi capelli neri e labbra carnose. Somigliava alla donna. Entrambi avevano un’espressione seria e concentrata.
Poco prima di raggiungere la sua baracca il trio si staccò dal resto della colonna e avanzò verso di loro, fermandosi a una decina di passi di distanza.
Lo stregone dall’espressione severa smontò da cavallo con un gesto lento e solenne, seguito dalla donna e dal ragazzo che lo affiancarono subito.
“Lascia parlare me” le sussurrò Hallen. “E rispondi solo se ti viene rivolta una domanda.”
Shi’Larra annuì.
“Io ti saluto” disse l’erudito avanzando di un passo. “Tu devi essere Hissarion.”
Lo stregone gli rivolse un cenno della testa. “È lei la divinatrice di cui tutti parlano?”
Hallen annuì con foga. “Il suo nome è Shi’Larra, ma tutti qui la chiamiamo Shi.”
“È un nome da selvaggia” disse la donna.
Hissarion le rivolse un’occhiataccia. “Florithe, Vylan. Aspettate qui fuori.” Guardò Hallen. “Fai strada, erudito.”
Hallen gli rivolse un leggero inchino e lo invitò a entrare. Shi li seguì e quando si trovò dentro l’erudito chiuse la porta alle sue spalle.
Nella penombra Hissarion sembrava più alto e imponente. “È vero quello che si dice su di lei?” chiese.
Hallen annuì. “Posso chiederti che cosa si dice di Shi’Larra?”
“Niente di buono. Molti pensano che sarebbe meglio disfarsene il prima possibile. La divinazione è un’arte proibita.”
“Anche l’evocazione.”
Hissarion sollevò un sopracciglio. “Lascia questi argomenti a noi stregoni, erudito. Siamo gli unici a poter decidere quale arte sia consentita o proibita.”
“Non volevo arrogarmi il diritto di giudicarti” disse Hallen.
“Non è certo il tuo giudizio che temo. O che mi interessa” disse Hissarion. Guardò in direzione di Shi’Larra. “Avvicinati.”
Shi guardò Hallen che le fece un cenno con la testa. Sospirò e fece due passi verso lo stregone.
“Dicono che vieni dalle montagne a meridione e che sei apparsa all’improvviso.”
“Vengo da un piccolo villaggio” rispose Shi. “E non sono apparsa all’improvviso. Gli uomini che vivono nelle case di pietra mi catturarono e mi portarono in una delle loro…” Esitò.
“Fortezze” disse Hallen.
“Fortezze” disse lei. “Nimlothien mi trovò prigioniera e mi tenne con sé. È stato un caso.”
“Niente succede per caso” disse lo stregone. “C’è sempre un motivo per cui le cose avvengono.”
“È certamente come dici tu” disse Hallen.
Hissarion annuì grave. “La Strega Bianca sostiene che tu sei una specie di indovina. Che sei in grado di vedere il futuro. In che modo ci riesci?”
“Attraverso i miei sogni. Vedo ciò che potrebbe accadere.”
“Hai sognato anche la mia visita? Questo momento e ciò che io sto per dire o fare?”
Shi scosse la testa. “Non è così che funziona.” Guardò Hallen come in cerca d’aiuto.
“I sogni di Shi non sono sempre chiari” disse l’erudito. “Neanche a lei. Spesso la verità si nasconde dietro a simboli.”
“Simboli?” chiese lo stregone.
“Creati dalla nostra mente. Da quella di Shi’Larra, per essere precisi. Anche tu avrai fatto dei sogni che ti sono sembrati strani e ai quali non hai saputo dare una spiegazione.”
Hissarion annuì grave. “Immagino che tu abbia trovato un modo per interpretare questi sogni, dico bene?”
“È per questo che la seguo” disse Hallen. “Per aiutarla e sostenerla. È stata un’idea di Nimlothien.”
“Nim sta bene?” chiese Shi.
Hissarion la fissò incuriosito. “Non puoi scoprirlo da sola, visto che scruti il futuro? Non ti basterebbe pensare a lei perché il suo destino ti sia chiaro?”
“Come ti ho detto, i sogni non sempre…” iniziò a dire Hallen.
“L’ho chiesto alla divinatrice” fece Hissarion.
L’erudito serrò le labbra e guardò Shi.
Lei sospirò. “A volte provo a concentrarmi su di una persona in particolare, ma i sogni che faccio non li riguardano mai. È come se ci fosse un velo, un muro, oltre il quale so che esiste qualcosa, ma che mi è proibito superare. È lo stesso motivo per cui non sogno mai di eventi che mi riguardano.”
Hissarion annuì di nuovo. “Parlami dell’ultimo sogno che hai fatto. Il più recente, non importa di che cosa parli.”
Shi’Larra gli raccontò della guerriera dalla testa di leone, della sua lotta con il serpente e il lupo e dell’esercito che si piegava alla sua volontà ma che alla fine veniva da lei divorato senza scampo.
Lo stregone ascoltò in silenzio. Quando Shi ebbe finito, andò alla porta e l’aprì. “Florithe, Vylan. Entrate.”
I due stregoni entrarono nella baracca e per la prima volta Shi si sentì a disagio per la loro presenza. La donna non le staccava gli occhi di dosso mentre il ragazzo si guardava attorno incuriosito.
“Ripetete davanti all’erudito e alla divinatrice la storia che avete sentito su Dofia.”
Gli occhi di Florithe divennero due fessure. “Quell’idiota si è fatto uccidere da un guerriero incontrato per strada.”
“Continua” la incalzò Hissarion. “Racconta che aspetto aveva.”
“Laeros è l’unico ad averlo visto. Doveva accompagnare Dofia, ma si era allontanato. Avevano ferito Rahu e stavano cercando dei soldati nascosti nelle case, ma senza riuscire a trovarli. Poi è apparso quel misterioso guerriero. Portava uno strano elmo a forma di testa di leone.”
Shi sussultò sentendo quella descrizione. “Era un uomo o una donna?”
“Laeros non l’ha saputo dire” rispose Florithe. Guardò Hissarion. “La selvaggia conosce il volto e il nome di quel guerriero? Vylan e io vorremmo saperlo.”
“Ci arriveremo” disse Hissarion. Si rivolse a Hallen. “Due Lune fa abbiamo attaccato Ferrador. Non per conquistarla, non avevamo forze sufficienti, ma per saggiare le difese del nemico e spingerlo a lasciare la sicurezza delle proprie mura per affrontarci in campo aperto. È l’unico modo per batterli e sembra che siano caduti nella nostra trappola. Una loro armata ha lasciato la città e ora si sta dirigendo verso Cadrik per dare battaglia.”
“In che modo possiamo aiutarvi?” domandò l’erudito.
“Venendo con noi e servendoci delle abilità della divinatrice.”
“Non sarebbe più saggio attendere il ritorno di Nimlothien?”
“La Strega Bianca è dall’altra parte del continente” disse Hissarion con una smorfia di insofferenza. “È convinta di poter concludere la guerra rapidamente, ma si sbaglia. Non possiamo attendere il suo ritorno. Dobbiamo agire in fretta.” Guardò Hallen. “Preparate le vostre cose. Voi verrete con noi.”
“Dove?” chiese l’erudito.
“Lo saprai quando sarà il momento. In quanto a te, divinatrice.”
Shi’Larra si irrigidì davanti allo sguardo dello stregone.
“Ci dirai tutto quello che puoi sul guerriero dalla testa di leone. Se è vero che ha ucciso Dofia, aiuterai Florithe e Vylan a trovarlo.”
“E poi?” chiese Shi. “Che cosa gli succederà?”
“Lo uccideremo” disse Florithe. “E così avremo vendicato nostro fratello.”

 

Ritorna all'indice


Capitolo 70
*** L'ultima possibilità ***


L’ultima possibilità
 
Ferg Abbylan sedeva sula panca, piegato in due, lo sguardo che fissava la lama della spada appoggiata sulle cosce.
Arrivando nella sala d’armi Valya fu tentata di girare e tornare di sopra, ma aveva rimandato troppe volte quell’incontro e sapeva che non poteva aspettare altro tempo.
Da dieci giorni cercava il modo di parlare con Ferg, ma non trovava il coraggio né le parole. Dopo la battaglia aveva passato il tempo a guarire dalla ferita cercando di non farsi scoprire da Olethe e le altre ancelle.
Aveva insistito pe poter fare il bagno e vestirsi da sola e la donna aveva ceduto, forse perché a palazzo c’era molto da fare in quei giorni.
Anche se l’attacco aveva solo sfiorato le difese esterne, qualche colpo aveva raggiunto il mastio, la piazza e la forgia. Mura erano crollate ed era scoppiato un incendio che era stato subito domato.
I danni più gravi li aveva subiti la città. La piazza dove si era svolto il torneo era ridotta in macerie. Interi quartieri erano andati in fumo e c’erano edifici crollati e molti che erano stati sgomberati.
La governatrice aveva ordinato di spostare le persone in altre zone usando tutto ciò che potevano per ospitarli. I nobili proprietari avevano protestato ma lei aveva promesso la riconoscenza della regina in cambio del loro sacrificio.
E per quanto riguardava Zane…
Ferg alzò la testa e guardò nella sua direzione. “Entra. Non stare lì ferma.”
Valya sospirò e avanzò verso di lui. “Io ti porgo le mie condoglianze” disse ricordando la formula di cortesia che Olethe le aveva insegnato.
Ferg annuì solenne. “Ci hai messo solo dieci giorni a imparare le parole. Stai migliorando.”
Valya decise di ignorare la provocazione. “Mi dispiace davvero. Il comandante Abbylan era una brava persona.”
“Era un gran seccatore” disse Ferg tornando a fissare la spada. “Era il maggiore e non ha mai smesso di farmelo pesare. Diceva che dovevo darmi da fare perché non avrei mai ereditato le terre di famiglia e sarei rimasto povero e ramingo il giorno in cui lui non avrebbe più potuto occuparsi di me.” Sorrise. “Pare che quel giorno sia arrivato. Ero sicuro che sarei morto io per primo e invece…” Scosse la testa.
“Questa è la sua spada?” chiese Valya sedendo al suo fianco.
“Sei davvero arguta, mi compiaccio di te. Scusa, stai solo cercando di essere gentile con me ma io non sono dell’umore giusto. Sai, qualche giorno fa ho perso un fratello.”
Valya accennò un sorriso.
“Sì” proseguì Ferg. “Questa era la sua spada.”
“E adesso è la tua?”
“No” fece lui alzandosi di scatto. “Zeb ha un figlio, da qualche parte a Talmist o nei dintorni. Almeno credo.”
“Quindi tu hai un nipote.”
“Che non ho mai visto.”
“Come si chiama?”
“Zyfon o qualcosa del genere. Zeb ne parlava ogni tanto e gli scriveva anche delle lettere, che ovviamente non mi faceva leggere. La spada è sua, io la tengo solo in custodia. Quando verrà a prendersela, sarò ben lieto di dargliela.”
Valya si alzò a sua volta. “Vuoi allenarti? La giornata è bella e il cortile è sgombro di macerie.”
Ferg sembrò esitare, poi disse: “Purtroppo non ho più molto tempo da dedicarti, Valya Keltel. La governatrice mi ha nominato comandante della guarnigione cittadina, finché non avrà trovato qualcuno più adatto di me per questo incarico. Il che vuol dire che devo occuparmi della difesa di Ferrador, adesso che abbiamo meno uomini a disposizione e i danni sono ingenti.” Fece un mezzo sorriso. “Ma potrebbe andarmi peggio. Potrei essere te.”
Valya decisi di ignorare anche quella provocazione.
“E tu come stai?” le chiese Ferg addolcendo il tono della voce. “Ho saputo di tuo padre.”
“Spero sempre che torni, prima o poi.”
“Sono passati troppi giorni. Se fosse stato tra i dispersi ormai avrebbe ritrovato la strada per il palazzo. E non è tra i caduti. La governatrice in persona ha dato l’ordine di cercare tra tutti i corpi e non è stato trovato.”
“Molti erano sfigurati” disse Valya cercando di non pensare a quelli che aveva visto lei stessa.
“Ti assicuro che le ricerche sono state molto accurate. Tuo padre non è tra i caduti. Il che vuol dire…”
“Che non si trovava a Ferrador quando è iniziato l’attacco” completò lei la frase.
Ferg annuì. “Se davvero è andato via, ha scelto il momento peggiore. O forse quello migliore, visto come sono andate le cose.” Guardò altrove. “Ora devo proprio andare. Ti ringrazio ancora per le tue parole di conforto, Valya Keltel.”
“E io ti ringrazio per le tue, Ferg Abbylan.”
Rimasta sola, Valya attraversò la sala e raggiunse il cortile interno del palazzo, quello dove si era allenata con Ferg nelle due Lune precedenti. Con i soldati impegnati a rafforzare la guardia e gli inservienti occupati a sistemare i danni causati alle mura esterne, sembrava più grande di quanto lo ricordasse. Non le andava di aggirarsi da sola per quella spianata e stava per rientrare, quando voltandosi vide arrivare Zane. Fu tentata di evitarlo, ma in quei giorni non aveva avuto occasione di vederlo.
Raccogliendo il coraggio gli fece un cenno con la mano alzata.
Lui le gettò un’occhiata incuriosita. Aveva una sottile cicatrice che gli divideva in due la tempia, un segno rosso appena visibile se si guardava con attenzione.
Come la mia al fianco, pensò Valya, felice per avere qualcosa in comune con lui.
“Zane” disse Valya andandogli incontro. “Volevo ringraziarti per avermi aiutata l’altro giorno.”
Zane sbatté le palpebre due volte. “Ti ho aiutata?”
“Con le guardie, quando non volevano farmi entrare.”
“È stato solo un caso.”
Riprese a camminare e Valya lo affiancò.
“La tua ferita sta guarendo?” gli chiese.
“Non era niente di grave” rispose senza guardarla.
Valya rimase in silenzio mentre rientravano nella sala d’arme e imboccavano il corridoio che si apriva dopo l’ingresso.
“Andrai ance tu alla veglia funebre organizzata dalla governatrice?” chiese cercando un qualsiasi argomento di conversazione.
“Credo di sì. Sarebbe da maleducati non presenziare.”
“Ovvio” disse Valya mordendosi il labbro inferiore. “Ho sentito dire che hai combattuto contro una evocazione o qualcosa del genere.”
“Qualcosa del genere” disse Zane.
Valya sentì la frustrazione crescere dentro di lei. “Riguardo a quello che hai detto l’altra sera.”
Lui le rivolse un’occhiata perplessa.
“Durante la cerimonia, ricordi? Parlammo sul balcone.”
“Me lo ricordo” rispose Zane guardando di nuovo davanti a sé.
“Ti dissi che volevo combattere per la causa. Che volevo fare la mia parte.”
“Ricordo anche questo.”
“Ecco” disse Valya facendosi coraggio. “Forse quel momento è arrivato, no?”
Zane la fissò senza parlare. “Vuoi fare la tua parte? Resta al sicuro, Valya Keltel.”
“Dove? Dov’è un posto sicuro? Qui a Ferrador?”
“Ovunque non sia il campo di battaglia.”
“Io so combattere” disse col tono ostinato di una bambina.
“Tu pensi di saper combattere” disse Zane. “Ma in realtà non hai idea di cosa significhi. Hai mai visto un campo di battaglia?”
Ne ho visto uno dieci giorni fa, pensò.
“Hai mai dovuto lottare per la tua vita?”
Ho fatto anche questo, si disse.
“Hai mai dovuto vedere morire i tuoi compagni sapendo che sarebbe potuto toccare a te?”
Valya sospirò. “No, ma se ne avessi l’occasione, ti dimostrerei che posso fare tutte le cose che dici.”
Zane scosse la testa. “Lascia perdere questa storia.”
Valya non voleva arrendersi. “Che cosa farete dopo la veglia? Voglio dire, che cosa farai tu come comandante dell’armata?”
“Partiremo non appena possibile. Ci stiamo già preparando.”
Valya ebbe un tuffo al cuore. “Portami con te. Posso esserti utile. Chiedi a Ferg Abbylan. Ti dirà che so combattere.”
“No.”
Valya non riusciva a capire. “Molti si stanno arruolando per seguirvi.”
“È un loro diritto.”
“Anche io voglio farlo.”
“Non ti accetteremo lo stesso.”
“Ma io voglio.”
“Ho detto no” disse Zane con tono perentorio.
Valya lo fissò imbarazzata.
“Sei la protetta della governatrice” aggiunse lui con tono più calmo. “Se ti accadesse qualcosa, io ne sarei responsabile. E quel che è peggio, potrebbe spezzare l’alleanza tra noi e Talmist che già non è molto solida.”
“È stata la governatrice a dirti queste cose?”
“Quella donna non mi dice cosa devo o non devo fare” rispose lui stizzito. “Prendo le mie decisioni da solo. E ho deciso che tu non verrai con noi, Valya Keltel. Piuttosto, preoccupati di dove è finito tuo padre. Lo hanno trovato?”
Valya scosse la testa. “No.”
“Ora perdonami, ma ho un colloquio con la governatrice.”
“Se dovessi ripensarci…”
“Non lo farò” disse Zane dandole le spalle.
 
Valya attraversò il cortile esterno e si infilò veloce nel portone che chiudeva la forgia. Qui venne accolta dal caldo respiro dei forni che lavoravano senza sosta. Incrociò dozzine di inservienti e fabbri piegati sui banchi di lavoro. Tutti sembravano impegnati in una mansione e il tintinnio dei martelli che colpivano e modellavano spade e scudi riempiva l’aria e copriva ogni altro rumore.
Una grande sala piena di banchi si estendeva per tutta la lunghezza dell’edificio. In quell’ambiente chiuso gli uomini lavoravano senza badare al caldo soffocante. Un forno aperto all’improvviso vomitò una cascata di scintille che provocò delle imprecazioni da parte degli inservienti che vi stavano lavorando.
Poco più avanti il martellio diventava più intenso dove le armi venivano lavorate per ricevere la forma definitiva. Valya passò tra i banchi come un comandante tra le fila dei suoi soldati cercando un viso in particolare e quando lo trovò si diresse verso di lui.
Rann era piegato sul bancone e stava esaminando la punta di una lancia. Vicino a lui c’erano due inservienti che lo guardavano con sguardo fisso.
“Bisogna rifare questo pezzo” stava dicendo il giovane fabbro. “Il metallo non si è raffreddato bene e la punta potrebbe spezzarsi al primo colpo.”
I due inservienti portarono via la lancia e solo allora Valya si avvicinò. “Adesso sei tu il maestro” disse con tono allegro.
Rann le rivolse un’occhiata perplessa. “Con i nuovi inservienti arruolati dalla governatrice, quelli con un po’ di esperienza sono diventati fabbri a tutti gli effetti.” Scosse la testa. “Non so se sono degno di tanto onore.”
“Lo sei, lo sei” disse Valya. “Grazie alla tua armatura sono sopravvissuta a due scontri.”
Rann si guardò attorno con sguardo furtivo. “Non urlare. Qualcuno ti potrebbe sentire.”
“Non sto urlando e con tutto questo rumore dubito che mi sentano. Non ti viene il mal di testa a stare sempre chiuso qui dentro?”
“Valya Keltel” disse Rann serio. “Quando vieni a trovarmi significa guai per me. Che cosa stai preparando?”
“Mi serve la tua armatura.”
Rann impallidì. “No.”
“Ne ho bisogno” disse lei cercando di non sembrare disperata.
“Il torneo è sospeso e con tutto quello che è successo non penso che lo riprenderanno. A che cosa potrebbe servirti?”
Valya valutò se fosse il caso di parlargliene. Decise che con Rann le conveniva essere sincera. Almeno un poco. “L’armata di Zane” esitò. “Del comandante Stanner, partirà tra pochi giorni.”
Rann si fece attento.
“Io voglio partire con loro” disse Valya a bassa voce.
“E a cosa ti serve la mia armatura?”
“Zane, voglio dire il comandante Stanner, non vuole che parta con loro. Dice che non può assumersi la responsabilità. La verità è che non mi crede capace di combattere, ma io lo sono, tu lo sai.”
“Valya…” iniziò a dire Rann.
“Ma Zane, il comandante Stanner, mi ha vista combattere come Val il Leone. Ci siamo battuti insieme e sa che potrebbe essergli utile.”
“Tu non sei Val il Leone” disse Rann. “Tu sei Valya.”
“Se mi servirà per partire, diventerò Val il Leone.”
Il ragazzo scosse la testa affranto. “Ma come farai a nascondere chi sei veramente? Prima o poi dovrai toglierti l’elmo e scopriranno che sei Valya.”
“Pochi mi conoscono nell’armata di Zane, del comandante Stanner. Solo lui e pochi altri. Basterà non togliere l’elmo quando ci sono loro. Con gli altri non ha importanza. E poi, quando Zane mi avrà vista combattere e capirà che so badare a me stessa e che posso essere utile alla causa, mi accetterà nella sua armata.”
“Mi sembra un piano assurdo.”
“Ancora non ho pensato ai dettagli, ma funzionerà. Fidati. Ma per farlo mi serve la tua armatura.”
“Deve essere per forza la mia?”
“È con quella indosso che Zane mi conosce come Val il Leone. Se ne usassi un’altra dovrei dare troppe spiegazioni. Rann, è l’unico modo che ho per andare con loro. Devi aiutarmi.”
“Non vuoi aspettare il ritorno di tuo padre?”
Valya aveva pensato anche a quello e aveva preso una decisione. “Mio padre è andato via. L’hai visto anche tu. Ha preso le sue cose, alcuni de suoi bauli ed è andato via. Non si è solo allontanato per qualche giorno, vorrei crederlo, ma… è scappato.”
“Padron Keltel non lo farebbe mai…”
“È andato via senza avvertirmi o portarmi con lui. Tu cosa faresti al mio posto?”
“Forse aveva i suoi motivi. Padron Keltel si allontanava spesso senza lasciar detto dove andava, ma è sempre tornato.”
“Stavolta ho paura che non tornerà.”
Non dopo quello che mi ha detto, pensò Valya. Provava ancora risentimento verso suo padre, anche se gli mancava ed era in pensiero per lui non riusciva a smettere di pensare a quello che le aveva detto quella sera, dopo la festa della governatrice.
Ho perso tutto per colpa tua.
Sei tu la responsabile.
“Non posso stare qui ad aspettarlo per sempre” proseguì Valya. “Devo andare con l’armata di Lormist e tu mi aiuterai. Sei la mia ultima possibilità.”

 

Ritorna all'indice


Capitolo 71
*** Interrogatorio ***


Interrogatorio
 
Hylana Abrekir salì sul palco costruito in mezzo alla piazza, lì dove una volta sorgeva la tribuna che aveva ospitato i nobili di Ferrador e che era stata distrutta nei primi istanti dell’attacco.
I rinnegati avevano colpito la nobiltà cittadina quanto e forse più delle persone comuni, come dicevano a palazzo. Valya aveva sentito quelle voci a cena, quando i soldati e gli inservienti di palazzo ne parlavano a tavola. Di quasi cinquecento che erano morti nell’attacco, cento erano nobili e trecento cittadini comuni. Altri cento erano soldati e una decina i mantelli.
Il nemico aveva perso un centinaio di soldati e cinque o sei mantelli, anche se tutti li chiamavano rinnegati senza fare alcuna differenza.
Qualcuno era riuscito a fuggire prima che tutti gli ingressi fossero chiusi, approfittando della confusione e del fatto che molte guardie avevano lasciato la loro postazione per aiutare quelli che stavano combattendo.
Demia, la comandante in seconda dell’esercito di Lormist, aveva guidato di persona l’assalto alla porta orientale, quando i rinnegati avevano cercato di chiuderla intrappolando tutti all’interno della città.
Il suo attacco aveva impegnato metà delle forze dei rinnegati, impedendo la riuscita del loro piano d’azione. Il Varthag che era stato evocato al centro della piazza, il mostro gigantesco che Valya aveva intravisto mentre cercava di scappare, era stato abbattuto da Demia e altri tre mantelli di Lormist. Una delle streghe di Lormist era morta insieme a una ventina di soldati, oltre ai comuni cittadini che erano rimasti coinvolti nello scontro.
Hylana aveva indossato un mantello color oro e argento, senza i fregi e i colori del suo circolo ma lo stesso elegante. Dall’alto del palco guardava tutti quelli che erano accorsi alla veglia che aveva voluto in onore dei caduti.
Allineati in file compatte, proprio sotto il palco, c’erano i soldati di Talmist e quelli di Lormist. I mantelli di entrambe le nazioni si erano mescolati, come spesso facevano gli stregoni. Hylana li salutò con un cenno della testa salendo sul palco.
A sinistra, i nobili e i cittadini più importanti di Ferrador insieme a quelli che vivevano a palazzo, Valya compresa. Olethe e Izora erano presenti anche loro.
Ferg Abbylan era in piedi di fianco ai soldati della guardia di Ferrador, un gruppo di dieci guerrieri. Il resto, per quanto ne sapeva, era rimasto al suo posto per vegliare sugli ingressi della città.
Hylana si schiarì la gola prima di dire: “Mantelli di Talmist e di Lormist, valorosi soldati, nobili e cittadini di Ferrador, amici. Vi ringrazio di aver risposto in così tanti alla mia chiamata. Stasera onoriamo i caduti nel vigliacco attacco che l’orda del rinnegato ha portato alla nostra amata città e per riflesso ai nostri regni, oggi alleati.” Fece una pausa. “Finora la guerra era un rumore lontano, di cui sentivamo solo l’eco nei racconti di chi era tornato per raccontare ciò che aveva visto. Sapevamo che i rinnegati erano insidiosi e non esitavano a usare i mezzi più sleali per ottenere la vittoria, ma mai ci saremmo aspettati di venire toccati così da vicino dalla guerra. Mai avremmo immaginato che avrebbero usato la stregoneria oscura per colpire la nostra amata città.”
Valya non aveva idea di cosa fosse la stregoneria oscura, ma poteva immaginarlo. Gli stregoni rinnegati avevano usato le evocazioni di cui Zane le aveva parlato quando si erano incontrati.
Quei mostri erano pericolosi e lei aveva assaggiato la loro forza con l’attacco di quel troll. Ancora sentiva il dolore alla schiena e alle gambe dopo che il mostro l’aveva scaraventata contro il muro.
Ne aveva parlato a Rann nei giorni dopo la battaglia, ringraziandolo per l’armatura che l’aveva protetta. Lui era sembrato perplesso.
“Io non credo che sia merito dell’armatura” aveva detto. “Non potrebbe mai proteggerti in quel modo.”
“Eppure l’ha fatto.”
“Ne sei sicura?”
“Sono qui che ti sto parlando” aveva risposto Valya. “Secondo te come sarei potuta sopravvivere se non con la tua armatura? Ha deviato il fuoco di Dofia.”
“Fuoco” aveva detto Rann. “Non è possibile, deve averti mancata. L’armatura può deviare un colpo di spada o fermare un dardo, se sei fortunata, ma il fuoco…” Aveva scosso la testa. “Io so come si comporta il fuoco quando tocca il metallo, è il mio lavoro. Non è possibile.”
“Eppure è successo” aveva detto Valya con fermezza.
“Il colpo inferto alla nostra città potrebbe essere mortale in altre condizioni” stava dicendo Hylana con voce rotta dall’emozione. “Ma Ferrador saprà rialzarsi e reagire all’attacco. Anche in questo preciso istante, la forgia di palazzo lavora senza sosta alla creazione di nuove armi e scudi. Nei prossimi giorni tutti quelli che hanno risposto alla nostra chiamata riceveranno le loro armi e scorte di cibo e acqua per il viaggio che li attende.”
Lo sguardo di Valya vagò tra la folla assiepata sotto il palco. Oltre alle guardie, riconobbe i comandanti mentre altri volti le erano estranei. I nobili si distinguevano dai comuni cittadini per gli abiti sontuosi e colorati. Cercò di capire dai loro sguardi cosa stessero pensando in quel momento, ma la maggior parte era impassibile. Qualcuno parlava sottovoce col proprio vicino ma da quella distanza non poteva udirli.
“…onorare il sacrificio dei tanti che sono caduti…”
Gli occhi di Valya trovarono Olethe tra la folla di servitori di palazzo. La donna fissava il palco senza far trasparire alcuna emozione, ma le mani intrecciate sul grembo che non riuscivano a rimanere immobili le diedero una strana sensazione di disagio.
“…affinché questo giorno venga ricordato…”
Valya stava per tornare a concentrarsi sul discorso della governatrice, quando i suoi occhi incontrarono per caso quelli di Donn Ballard.
Il cane da guardia di Dalkon stava guardando dalla sua parte.
No, si corresse Valya avvertendo un fremito dentro di sé. Sta guardando qui.
Non osava distogliere gli occhi dall’uomo e allo stesso tempo temeva di poter tradire qualche emozione.
Sta guardando proprio me, si disse. Che cosa vuole? Possibile che abbia notato qualcosa?
Aveva combattuto contro di lui poco prima che iniziasse l’attacco dei rinnegati, poi era scomparso fino alla fine della battaglia e non aveva mai scoperto dove fosse andato. Nessuno a palazzo ne parlava e lei non osava chiedere notizie per non destare sospetti.
E ora Donn Ballard la stava fissando dall’altra parte della piazza, mentre la governatrice terminava il suo discorso ufficiale.
 
Olethe la raggiunse alla fine della cerimonia. “Che hai?” le chiese.
Valya sospirò. “Sono solo stanca.”
La donna grugnì qualcosa. “Torniamo a palazzo. È stata una giornata lunga e dura per tutti.”
Valya la seguì immersa nei suoi pensieri. Donn Ballard aveva smesso di fissarla pochi attimi dopo che i loro sguardi si erano incrociati, ma non aveva alcun dubbio sul fatto che stesse guardando lei.
Non c’era niente di amichevole in quello sguardo, ma nemmeno di ostile. Era come se la stesse studiando per capire da quale lato attaccarla, come Ferg le aveva insegnato a fare mentre la addestrava.
“Scegli sempre un lato” aveva detto lui.
“Quale?”
“Quello più debole.”
“E come faccio a capirlo?”
Lui aveva sorriso.
Seguì Olethe fino all’ingresso del palazzo, poi lei si congedò. “Torna alla tua stanza e cerca di dormire.”
Valya non voleva fare altro e si avviò alle scale decisa a chiudersi nella sua stanza fino al giorno dopo. Era immersa in questi pensieri quando un’ombra le si parò davanti e lei andò quasi a sbatterle addosso.
Alzò gli occhi e vide Donn Ballard davanti a lei, un paio di gradini più in alto.
“Chiedo scusa” si affrettò a dire prima di girargli attorno.
“Sono io che chiedo scusa a te, Valya Keltel” disse Ballard con tono calmo.
Valya si fermò e lo fissò indecisa su cosa fare.
“Ti porto un messaggio del comandante Dalkon” proseguì Ballard. “Desidera scambiare due parole con te.”
“Riguardo a cosa?”
“Non l’ha detto” si affrettò a dire l’uomo. “Ti attende domani mattina nel suo studio.”
Valya non sapeva che cosa rispondere. “Io” disse. “Digli che andrò.”
Ballard le fece un cenno di assenso con la testa e proseguì verso il fondo della scalinata. Valya corse facendo i gradini a due a due e raggiunse la stanza. Chiuse la porta e la serrò con due giri della chiave, poi restò a fissarla col cuore che le batteva all’impazzata.
Sa qualcosa, pensò. Dalkon sa che cono Val il Leone. Deve averglielo detto Ballard, il suo cane da guardia. E adesso che faccio?
Sedette sul bordo del letto, lo sguardo fisso nel vuoto e la mente in subbuglio. Il primo pensiero fu scappare da palazzo. Poteva essere una soluzione, ma non aveva idea di dove andare. Non conosceva nessun altro in città che non risiedesse a palazzo, a parte Ros Chernin e a lui non avrebbe mai chiesto aiuto né ospitalità.
È più probabile che mi denunci a Dalkon, si disse.
Il secondo pensiero fu di rivolgersi a Ferg, Olethe o alla governatrice in persona. Forse se avesse confessato a loro quello che aveva fatto…
Scosse la testa.
Il terzo pensiero fu per suo padre. Se lui fosse stato lì forse avrebbe potuto proteggerla da Dalkon e Ballard, ma era andato via abbandonandola al suo destino.
Non posso fidarmi di nessuno, pensò. E devo affrontare da sola Dalkon. Forse sospetta solo di me ma non ha prove e vuole farmi confessare. Sì, è certamente così.
Era sicura di non aver rivelato la sua identità, nemmeno quando aveva combattuto con Ballard. Non poteva averla riconosciuta. Nemmeno Zane ci era riuscito e lui era di sicuro più intelligente di Ballard.
Zane, si disse. Forse lui potrebbe aiutarmi.
Ma non aveva idea di dove fosse. Non l’aveva visto tornare con loro a palazzo ed era probabile che si trovasse al campo, fuori dalle mura. In quel caso, era irraggiungibile dopo che la governatrice aveva ordinato di chiudere le porte cittadine e aumentare la sorveglianza.
Nel buio, sentì le mura stringersi attorno a lei come se volessero schiacciarla.
Forse dovrei davvero scappare, pensò.
Si distese sul letto e chiuse gli occhi, sicura che non sarebbe riuscita a dormire. Invece dopo qualche minuto la stanchezza prese il sopravvento e cadde in un sonno leggero.
 
Il mattino seguente uscì dalla stanza dopo essersi tolta i vestiti della sera prima e averne indossati di puliti. Scese le scale con cautela, temendo che da un momento all’altro Dalkon o Ballard potessero sorprenderla alle spalle.
Che sciocchezza, si disse. Se avessero voluto catturarmi l’avrebbero fatto e basta, senza darmi la possibilità di fuggire durante la notte. O forse mi stanno osservando sperando che io tenti la fuga per potermi poi accusare?
Scossa da quei pensieri mangiò del pane e del latte fissando la parete opposta, mentre sedeva al tavolo. Era da sola tranne che per un’ancella che stava sparecchiando.
È tardi, si disse. Dalkon mi starà già aspettando.
Si alzò e raggiunse il corridoio. Da lì, dopo varie diramazioni e una scala, si giungeva allo studio di Dalkon, nascosto nei sotterranei del palazzo.
Li seguì tutti e giunse davanti alla porta. Non era sorvegliata ma era chiusa. Bussò due volte.
“Entra” disse una voce dall’altra parte.
Valya aprì la porta e si infilò nella stanza, chiudendola alle sue spalle.
Dalkon era seduto alla sua scrivania, pulita e in ordine. Alle sue spalle c’era una libreria piena di testi dall’aspetto severo e tutti ordinati in file perfette. Davanti alla scrivania c’era una sedia imbottita.
“Benvenuta” disse l’uomo accogliendola con un ampio sorriso. “Accomodati pure.” Indicò la sedia.
“Io ti saluto” disse Valya sedendo con la schiena dritta.
“E io saluto te. Vedo che hai appreso le buone norme della cortesia. Olethe non si smentisce mai. Quella donna sa essere tremenda ma è anche efficiente.”
“Olethe mi ha insegnato molte cose. E tutto quello che c’era da sapere sul come stare qui a palazzo” rispose Valya.
Dalkon annuì solenne. “Una donna notevole. Dico sul serio. Hai dormito bene? Hai mangiato?”
Valya annuì.
“Ho saputo che durante l’attacco dei rinnegati ti trovavi fuori dalle mura del palazzo.”
Lei annuì di nuovo. “Assistevo al torneo.”
Dalkon sorrise. “È raro che una ragazza si interessi a certe cose. So che Ferg ti ha insegnato a usare la spada. Dietro tua richiesta.”
Sai molte cose su di me, pensò Valya.
“Era un mio desiderio” disse invece. “E la governatrice ha acconsentito.”
“Hylana è tanto cara e ha fatto di tutto per metterti a tuo agio. Ti spiace se parliamo di nuovo del giorno dell’attacco?”
“No” disse subito Valya. “Perché dovrebbe dispiacermi?”
“Potrebbe risvegliare in te ricordi molto dolorosi. Per una ragazza così educata e sensibile non sarà stato facile assistere a scene così tremende.”
“Ero nascosta in una cantina insieme ad altre donne e bambini” raccontò Valya usando la scusa che aveva inventato il primo giorno. Col passare del tempo aveva aggiunto dei particolari, ma mai troppi. E mai quelli fondamentali. “Ho visto molto poco della battaglia, in verità.”
“Ti invidio” disse Dalkon. “Sei fortunata a non serbare alcun ricordo di un evento così doloroso. Sono morte centinaia di persone, alcune delle quali le conoscevo di persona e le stimavo, come il povero Zebith.”
“L’ho sentito dire” disse Valya. “Il comandante Abbylan è morto difendendo il palazzo.”
Dalkon annuì. “Colpito alle spalle” disse scuotendo la testa. “Da un maledetto rinnegato.”
“Colpito alle spalle?” fece Valya.
Dalkon annuì di nuovo. “È probabile che il povero Zebith si fosse trovato accerchiato da molti nemici e che abbia tentato di fuggire. No, che brutta parola. Di ritirarsi, ecco che cosa volevo davvero dire. Ha tentato di ritirarsi ed è stato colpito alle spalle a tradimento.” Scosse la testa con un gesto affranto. “Gran brutta fine la sua. Nessuno dovrebbe morire in quel modo. Nessuno.”
“È vero” disse Valya, ma non era convinta del dispiacere di Dalkon.
L’uomo trasse un profondo respiro. “E a noi tocca tramandare il ricordo delle loro gesta. Un fardello molto pesante per le nostre spalle, ma dobbiamo farcene carico. È nostro dovere. Tutti dobbiamo fare la nostra parte, qualunque essa sia.”
“Sono d’accordo.”
Dalkon sorrise mettendo in mostra i denti. “E a volte non è facile. Si è tentati di sottrarsi agli obblighi per inseguire la gloria o la ricchezza, dimenticandosi il proprio dovere. Ma non ti ho fatta chiamare per annoiarti con questi discorsi. La verità è che siamo preoccupati per tuo padre. Ormai sono giorni che non si presenta alla forgia. Nessuno l’ha più visto da prima dell’attacco. Sembra sparito nel nulla, senza lasciare traccia. Tu sai spiegare il suo comportamento? In fondo sei sua figlia.”
Valya si schiarì la gola. “Mio padre ama sparire. Lo ha sempre fatto. Anche quando eravamo a Cambolt a volte mi lasciava sola per un paio di giorni e io non avevo idea di dove andasse, ma sapevo che sarebbe tornato. E tornava.”
Dalkon annuì grave. “E restava via anche dieci o venti giorni?”
“No, non è mai successo che si assentasse così a lungo, ma forse ha incontrato delle difficoltà e non può rientrare a Ferrador.”
Non aveva idea di dove fosse suo padre e cosa stesse facendo in quel momento, ma l’istinto le diceva che doveva almeno provare a difenderlo, per quanto poteva.
“Questo è molto strano, converrai anche tu, vero?”
“Può sembrare così, se non conosci mio padre.”
“E tu lo conosci bene, vero?”
Valya annuì.
“Hai un’idea su dove possa essere andato?”
“No.”
“Sicura che non ti venga in mente niente?”
Valya stava per rispondere ma venne interrotta da due colpi decisi alla porta.
“Ho ordinato di non disturbarmi” disse Dalkon con tono deciso.
Altri due colpi alla porta, stavolta così pesanti da farla vibrare.
“Ho detto…”
La porta si spalancò e sulla soglia apparve la governatrice, l’espressione accigliata.
Dalkon la guardò sorpreso. “Non sapevo fossi tu. Ti avrei fatta entrare se ti fossi annunciata.”
Hylana marciò fino alla scrivania. “Che sta succedendo qui?”
“Niente” fece Dalkon sereno. “Facevo solo due chiacchiere con la figlia di Keltel a proposito del padre.”
“E che cosa speravi di ottenere?”
“Informazioni.”
“Lei non ne ha” rispose la governatrice. “È una ragazza ed è da sola in un posto che non conosce. E tu la stai spaventando col tuo interrogatorio.”
Dalkon sorrise nervoso. “Io non la stavo interrogando. Stavamo solo parlando.”
“Il colloquio è finito” disse Hylana. Guardò Valya. “Vieni con me, ti porto al sicuro.”
“Non l’ho mai minacciata” si difese Dalkon. “Puoi chiedere a lei.”
“Lo farò” rispose Hylana. “E se proprio parliamo di informazioni, dimmi dove eravate tu e il tuo cane da guardia mentre la mia città e il mio palazzo venivano assaltati dai rinnegati.”
Dalkon si accigliò. “Stavamo difendendo Ferrador. Donn ha combattuto insieme ai Lormist contro il varthag. Puoi chiedere a loro se non mi credi.”
“E tu dov’eri?”
“In un’altra zona della città. Comandavo una guarnigione di soldati.”
Hylana lo guardò con disprezzo. “Vieni” disse a Valya con tono gentile.
Lei si alzò e la seguì fuori dalla stanza.
La governatrice marciava così veloce che faticò a tenere il suo passo.
“Eccellenza” iniziò a dire.
“Il comportamento di Dalkon è stato inqualificabile” disse la donna. “Non doveva trattarti in quel modo. Non con tutto quello che stai passando.”
“Eccellenza” cercò di dire.
“Mi farò sentire, non preoccuparti. Né lui né nessun altro potrà mai infastidirti. Mai più. Sul mio onore.”
Valya chinò la testa. “Vi ringrazio, eccellenza.”
Hylana sorrise e le poggiò le mani sulle spalle. “Sei una ragazza così educata e gentile. Come può Dalkon insinuare che tu abbia qualcosa a che fare con la sparizione di tuo padre?”
“Io non lo so” disse. “E non so dove sia andato.”
“Sei in pensiero per lui, vero?”
Annuì.
“Lo ritroveremo, te lo prometto. Farò di tutto per riportare Simm Keltel a palazzo. È chiaro che la sua assenza non dipende dal suo volere.”
“Voi credete che sia stato rapito?” chiese Valya preoccupata.
“A questo punto, dobbiamo considerare tutte le ipotesi, cara. Ma vedrai che risolveremo ogni cosa. È una promessa.”
“Grazie” disse Valya.
Hylana le rivolse un ampio sorriso. Stava per dire qualcosa quando Olethe arrivò di corsa.
Valya la guardò preoccupata perché la donna non correva mai. Sosteneva che correre fosse da maleducati.
“Eccellenza” disse con voce rotta dall’emozione.
Hylana le rivolse un’occhiata interrogativa. “Che succede? Un altro attacco?”
“No, eccellenza” disse Olethe. “Si tratta di Doryon.”
L’espressione di Hylana mutò e i suoi occhi si spalancarono. “Doryon? Che gli è successo?”
“Sta male, eccellenza. Avevo dato ordine di accompagnarlo alla sua stanza e di metterlo a letto, ma è crollato a terra senza forze.”

 

Ritorna all'indice


Capitolo 72
*** Sul mio onore ***


Sul mio onore
 
Doryon giaceva su letto, gli occhi chiusi e l’espressione sofferente. Il petto si alzava e abbassava a fatica e ogni respiro iniziava e finiva con un rantolo sommesso.
La governatrice era ai piedi del letto, la mano del figlio tra le sue. Dalla parte opposta un uomo in abiti scuri era chino sul ragazzo e lo stava esaminando. Altri uomini attendevano in silenzio allineati lungo la parete. Ne contò sei, ma altri aspettavano fuori dalla stanza.
Erano i guaritori convocati a palazzo da Hylana.
La governatrice aveva mandato messaggeri in tutta la città con l’ordine di portare a palazzo ogni guaritore che fossero riusciti a trovare.
Quello chino su Doryon era il terzo ad aver esaminato il ragazzo. Gli altri due erano usciti dalla stanza scuotendo la testa.
Hylana li aveva seguiti fermandoli poco oltre la soglia. “Cos’ha mio figlio?” aveva chiesto con tono apprensivo.
Il guaritore, un uomo di mezza età con la testa calva e le orecchie che sporgevano, aveva scosso la testa. “Non posso ancora pronunciarmi, eccellenza.”
“È la stessa cosa che mi ha detto il guaritore di nome Bersaran.”
“È stato saggio.”
“Ma voi avete fama di essere molto abile.”
“So curare le malattie più comuni, quando riesco a comprendere la loro natura.”
Hylana lo aveva guardato perplessa.
“Vostro figlio sta male, ma non riusciamo a capire di cosa si tratti. Anche gli altri sono d’accordo con me.”
“Ma non hanno ancora esaminato Doryon da vicino.”
“Servirà un’indagine più approfondita. Ne discuteremo tra di noi e stabiliremo cosa dobbiamo fare, ma vi dico subito che sarà molto doloroso per il ragazzo.”
“Fate quello che dovete fare, ma salvatelo.”
“Prima dovremo capire che cosa affligge vostro figlio.”
Valya era vicina all’ingresso, coperta da Olethe che sembrava sorvegliare l’entrata. La donna guardava il ragazzo tormentandosi le mani.
“Come sta?” chiese Valya alla donna.
“Come vuoi che stia? Sembra sul punto di morire” disse Olethe senza staccare gli occhi da Doryon.
“Ma sembrava stare meglio.”
“Succede sempre così. Prima sembra migliorare e poi peggiora all’improvviso. E ogni volta sta peggio.”
“Chiedo scusa” disse una voce alle loro spalle.
Voltandosi, Valya si ritrovò di fronte un uomo alto quanto lei, dai capelli scuri e arruffati e un grembiule macchiato indossato sopra una tunica che sembrava sudicia.
Olethe lo squadrò con ostilità. “Che cosa vuoi?”
L’uomo tentò di infilarsi dentro la stanza ma la donna si piazzò davanti all’entrata.
“Ti ho chiesto che cosa vuoi. Sei un inserviente? Non è il momento adatto per disturbare la governatrice.”
“Non sono un inserviente” disse l’uomo. “Mi hanno convocato a palazzo. Il vostro messaggero diceva che era urgente e mi sono precipitato. La persona che sta male è lì dentro?”
Valya aveva la sensazione di averlo già visto altrove, ma cercando nei suoi ricordi non riuscì ad associare quel viso a nessun nome a lei noto.
Olethe lo guardò con ostilità. “Vuoi dirmi chi sei e che cosa ci fai qui?”
“Mi chiamo Jangar” rispose l’uomo. “E sono un guaritore. Posso entrare adesso?”
Olethe non si spostò. “Non sembrate un guaritore.”
“Chiedete al messaggero che avete inviato. Oppure domandate ai guaritori che sono già dentro. Loro potranno garantire per me. Anzi, se non sbaglio quello è Gilborn.” Jangar agitò il braccio al di sopra della spalla di Olethe. “Gilborn. Da questa parte. Sono io, Jangar.”
Un ometto dall’aria annoiata si avvicinò incuriosito. “Jan? Sei proprio tu?” Guardò Olethe. “Che problema c’è?”
La donna guardò il nuovo arrivato. “Voi lo conoscete? È un guaritore come voi?”
“Nessuno dei presenti lo definirebbe un guaritore” disse Gilborn. “Ma posso capire perché lo hanno fatto venire. Il suo contributo potrebbe essere importante.”
Olethe lo guardò perplessa. “Se lo lascio passare ve ne prendete la responsabilità.”
“Responsabilità?” fece Gilborn accigliato. “Jan non è pericoloso, a meno che non gli diate qualcosa da far esplodere. E di solito lo fa al chiuso, nella sua bottega. Lasciatelo passare pure, me ne assumo io la responsabilità.”
Olethe si fece da parte e Jangar poté scivolare nella stanza.
“Che cos’ha il ragazzo?” domandò il guaritore.
“È quello che stiamo cercando di capire. Iarmenor e Curumar pensano che…”
Il resto della frase si perse in un sussurro inudibile e Valya perse interesse nei due. Tutte quelle chiacchiere le sembravano inutili con Doryon agonizzante nel suo letto.
“La stanza è diventata piccola con tutte queste persone” disse Olethe. “È questo non è uno spettacolo per una ragazzina. Perché non vai a fare un giro di sotto e controlli se Izora e le altre ancelle stanno preparando le stanze per tutti questi ospiti?”
Valya voleva dirle che non era una ragazzina e che aveva visto di peggio, ma si trattenne. “Come vuoi” disse allontanandosi.
Nel corridoio antistante la stanza di Doryon c’erano altre persone che sembravano in attesa. Valya non li conosceva ma li aveva visti arrivare insieme ai guaritori. Erano i loro apprendisti, le aveva spiegato Olethe.
“Tutti i guaritori ne hanno uno o più” aveva detto la donna. “Servono a tramandare la loro arte” aveva aggiunto senza nascondere il disprezzo nel suo tono di voce.
Mentre si allontanava dalla stanza di Doryon passò vicino ad alcuni di quegli apprendisti.
Due ragazzi che potevano avere sui vent’anni discutevano tra loro gesticolando.
“Non può che essere morbo nero” stava dicendo uno.
“No, no” rispose l’altro scuotendo la testa. “Se fosse morbo nero avrebbe già contagiato tutti quelli che vivono in questo palazzo. E anche noi.”
Una ragazza dai capelli scuri era accucciata a terra con la schiena appoggiata al muro. Sulle gambe reggeva un libro aperto dal quale stava leggendo qualcosa a bassa voce.
Un uomo che poteva avere al massimo trent’anni guardava tutti con una smorfia di fastidio. “Stiamo solo perdendo tempo qui” stava dicendo a un ometto con il ventre a forma di botte e capelli lunghi e neri che gli scendevano fino alle spalle.
L’ometto si limitò ad annuire mentre Valya lo superava e lei non seppe mai cosa gli avesse risposto.
Cercò le scale con lo sguardo, felice di potersi lasciare alle spalle quei discorsi ma quando alzò gli occhi vide un’altra figura venire verso di lei, la testa chinata in avanti.
Un altro apprendista, si disse. Ma quanti ce ne sono?
Indossava una blusa e dei pantaloni spiegazzati e aveva legata al fianco una cintura piena di borse e borselli nelle quasi stava frugando con le dita.
Fece per evitarlo e lui in quel momento alzò la testa.
Valya ebbe un tuffo al cuore quando i loro occhi si incrociarono.
Ros Chernin la fissava stupito, le mani ancora dentro uno dei borselli.
“Valya Keltel? Anche tu qui?”
D’istinto lo spinse verso le scale. “Come sei entrato? Che cosa vuoi da me?”
Ros guardò indietro e puntò i piedi. “Aspetta. Così mi fai cadere.”
Valya si fermò. “Rispondi.”
“Sono l’apprendista di Jangar, ricordi? Sei venuta l’altro giorno per…”
Valya riprese a spingerlo verso le scale. “Vattene.”
“No, aspetta” disse Ros opponendosi. “Non posso andare via. Jangar si arrabbierebbe.”
Valya rifletté in fretta su che cosa fare. Prese Ros per la camicia e lo trascinò con sé. “Vieni.”
“Dove?”
Scese le scale e lo guidò fino alla sala dove gli inservienti consumavano i pasti. In quel momento c’erano solo due ancelle che stavano pulendo i tavoli. Sperò che nessuno badasse a loro.
“Puoi spiegarmi che sta succedendo?” fece Ros liberandosi della sua presa. “Mi stai facendo paura.”
“Ti farò di peggio se te ne vai in giro” disse lei minacciosa.
Ros la guardò stupita.
“Sappi che nessuno crederà a una sola parola di quello che dirai” disse Valya.
“Che cosa dovrei dire?” disse Ros con tono esasperato. Trasse un profondo respiro. “Non sei più tornata per farti cambiare la fasciatura. La ferita come va? Non ha fatto infezione, vero?”
“Zitto” disse Valya. “Non devi parlare a nessuno di quella cosa. Non lo hai fatto, vero? Perché se lo hai fatto…” Gli agitò il pugno davanti al mento.
“No, no” fece Ros alzando le mani come in segno di resa. “Non lo farei mai. È una delle regole di Jangar.”
“Regole?”
“Mai parlare ad altri delle persone che curiamo. Ci tiene molto alla riservatezza. Secondo lui dovrebbero seguirla tutti i guaritori.”
Valya si rilassò, il cuore che le batteva ancora forte. “Quindi sei qui solo per fare da assistente a Jangar?”
Ros annuì deciso. “Lui vuole che impari l’arte. Dice che sono dotato, anche se non sono molto bravo a far esplodere le pozioni.”
Valya si accigliò.
“Lasciamo perdere. La tua ferita?”
“La mia ferita sta bene. Io sto bene e voglio continuare a stare bene.”
“Senti dolore, fastidio?”
“No.”
“Si sono formate dei rigonfiamenti vicino alla ferita? Delle bolle?”
“No” ripeté Valya esasperata. “Adesso smettila, per favore.”
“Bene” rispose Ros. “Sono contento. Sei la dodicesima persona che ho curato.”
Valya gli puntò contro l’indice. “Non andare in giro a vantartene. Non devi dirlo a nessuno, intesi?”
“È la regola.”
“Giuralo.”
Ros mise la mano destra sul cuore. “Sul mio onore.”
Il tuo onore di Chernin, pensò Valya.
Ma per il momento decise di farselo bastare. Però non si fidava del tutto e non voleva che Ros se ne andasse in giro a parlare della sua ferita al fianco. Doveva tenerlo d’occhio per tutto il tempo in cui sarebbe rimasto a palazzo.
“Quindi” iniziò a dire Ros. “Tu lavori qui?”
“No” rispose Valya.
Ros rimase in attesa che proseguisse.
“Sono un ospite. Mio padre lavora alla forgia come capo fabbro. È una mansione importante e di grande prestigio e lui è molto abile. Ma perché te lo sto dicendo? Lo sai già, no? Tuo padre ci ha rubato la nostra forgia.”
Ros fissò il pavimento. “Lo so e mi dispiace se siete andati via per quello. A proposito, la forgia è andata a fuoco poco dopo che siete andati via.”
“Lo so. L’abbiamo bruciata noi.”
Ros la guardò allarmata. “Perché lo avete fatto?”
“Per non lasciarla intatta, credo.”
“Capisco. Io ora dovrei tornare da Jangar. Si starà chiedendo dove sono finito.”
“Tu non ti muovi di qui” disse Valya.
“Ma io devo andare.”
“C’è già abbastanza gente di sopra e Olethe mi ha ordinato di non far passare altri. È per questo che ti ho portato via.”
“Olethe?”
“È la donna che si occupa di tenere in ordine il palazzo.”
“Interessante.” Ros tirò fuori dalla tasca un foglio di pergamena piegato in quattro e una matita di legno e iniziò a scarabocchiarci sopra delle parole.
“Che stai facendo?” gli chiese Valya.
“Jangar mi ha ordinato di prendere nota di tutte le informazioni utili.”
Forse ho un modo per tenerlo lontano da quella stanza, si disse Valya.
“Se ti servono informazioni io ne ho molte” disse.
Ros la guardò interessato. “Sulla persona da curare?”
“Certo. Doryon e io siamo amici.”
“Bene” fece Ros entusiasta. “Dimmi tutto quello che sai.”

 

Ritorna all'indice


Capitolo 73
*** Colazione ***


Colazione
 
Ros sedeva al tavolo, il foglio ancora piegato in quattro davanti a lui e la matita tenuta tra l’indice e il medio. “Quanti anni ha Doryon?” le stava chiedendo.
Valya, in piedi di fronte a lui, lo guardava con le braccia incrociate sul petto. “Non lo so. Tredici? Quattordici, forse.”
Ros tracciò qualcosa sul foglio.
“È importante?”
“Secondo Jangar alcune informazioni sulla persona da curare possono essere importanti. L’età è una di queste informazioni. Sai quanto pesa, quanto è alto?”
“Pesa quanto me, più o meno. Ed è un po’ più alto, ma non di molto.” Ora che ci pensava, non aveva mai visto Doryon in piedi. Quando lo aveva incontrato da vicino, era rimasto seduto o disteso sul letto. Tranne una volta, quando lo aveva intravisto sulle scale ma era troppo lontano per valutare quanto fosse alto.
Ros si limitò ad annuire e tracciò dei simboli sul foglio. “Sai se mangia molto pane o molta carne o se preferisce la frutta? E se sì, quale? Noci, pesche, mele?”
“Non lo so” disse Valya infastidita da quell’interrogatorio. “Non lo servo io. Dovresti chiedere a una delle ancelle di Olethe.”
“Buona idea, lo farò di sicuro. Che tu ricordi è stato sempre male così o è la prima volta?”
“Non ricordo di averlo mai visto a letto senza muoversi o aprire gli occhi. Aveva giorni in cui stava male e altri in cui stava meglio.”
“Male in che senso?”
“Che non si alzava da letto e parlava con difficoltà.”
“Sentiva dolore?”
Valya scavò nella memoria. “Aveva male allo stomaco. Non riusciva a mangiare.”
“Potrebbe essere qualcosa che ha mangiato. Dopo aver digiunato stava meglio?”
“Di solito dopo tre o quattro giorni sembrava passargli. Almeno così dice Olethe.”
“Tu lo hai visto?”
“Quando stava male non poteva vedere nessuno, a parte Olethe e poche ancelle. E la governatrice, ovviamente.”
“Capisco.” Ros tracciò altri segni sul foglio. “E quando invece stava meglio? Poteva ricevere visite? Stava in piedi?”
“A volte vado a trovarlo. Siamo amici, in un certo senso.”
Ros la guardò perplesso.
“Doryon è una brava persona. Non merita di soffrire così.”
“Jangar e gli altri guaritori sono qui per questo. Mettere fine alle sue sofferenze.”
“Detto così sembra una cosa brutta” disse Valya cupa.
“Sono certo che Jangar e gli altri faranno di tutto per farlo stare meglio. Tu sei stata bene, no?”
Valya scosse la testa. “Ti ho chiesto di non parlare di quella faccenda. Non qui.”
“Hai ragione. Chiedo scusa. Ma siamo soli e nessuno ci sente e io ho ricucito quella ferita. Jangar dice che dobbiamo seguire le persone che abbiamo curato anche dopo.”
“Jangar sembra una brava persona” disse Valya cercando di cambiare discorso.
“Lo è, anche se a volte può comportarsi in modo strano.”
“Com’è che sei diventato suo apprendista? A Cambolt non ti ho ma visto curare nessuno.”
Ros fece un mezzo sorriso. “È una lunga storia. E anche strana.”
“Abbiamo tempo” rispose lei.
Qualsiasi cosa pur di tenerti qui senza andare in giro dicendo che avevo una ferita il giorno dell’attacco a Ferrador, si disse.
“Quando ero ancora a Cambolt ho ricevuto una lettera” disse Ros. “Da parte di un erudito di nome Varnado che mi diceva di venire qui a Ferrador. Io sono partito con la speranza di diventare suo allievo all’accademia, ma poi ho scoperto che si trattava di uno scherzo e Varnado era un mulo.”
“Un mulo?”
Ros annuì serio. “Un mulo. Un povero animale che gli eruditi usano per trasportare le loro cose in giro per la città.”
“Perché qualcuno dovrebbe farti uno scherzo simile?”
Lui si strinse nelle spalle. “Non lo so, ma vorrei tanto scoprirlo, un giorno.”
“E non sei tornato a Cambolt?”
“Mio padre sembrava felice di vedermi partire e i miei fratelli non mi vorrebbero certo indietro, così decisi di restare, ma non sapevo dove andare. Namalir, l’erudito che mi aveva accolto all’accademia, scrisse per me una lettera di presentazione a Jangar affinché mi prendesse come suo allievo. Ed eccomi qui.”
“E Jangar e Namalir sono amici?”
“Non ne ho idea. Penso di no, visto che Jangar non ne parla mai molto bene.” Abbassò la voce. “Dice che gli eruditi cercano sempre di strappare il prezzo più basso possibile quando comprano le sue pozioni e pagano in ritardo.”
“Non l’avrei mai detto.”
Ros sorrise. “Nemmeno io. Non hai idea di quante cose ho scoperto in queste ultime due Lune. E tu invece? Hai detto che sei ospite qui a palazzo insieme a tuo padre.”
“Sì” disse Valya incerta. Non voleva rivelare troppe cose di sé a un Chernin, ma non vedeva nulla di male a dirgli cose che avrebbe potuto scoprire da solo chiedendo in giro. “Lui lavora alla forgia. Stanno forgiando spade e scudi per l’armata di Ferrador.”
“La guerra” fece Ros annuendo. “Non si parla d’altro in città, specie dopo l’attacco.” Scosse la testa. “Jangar dice che è solo uno spreco di vite e risorse.”
“Jangar dice questo?”
“Secondo lui, dovrebbero sedersi tutti a un tavolo e discutere fino a trovare un accordo che soddisfi ogni parte.”
“E tu sei d’accordo?”
“Non mi sembra che siano disposti a discutere. E ora dopo l’attacco lo saranno ancora di meno.”
“Non si può discutere con i rinnegati” disse Valya. “Hai visto cosa hanno fatto, no? Sono morte centinaia di persone innocenti.”
“Jangar dice che in guerra muoiono sempre degli innocenti da entrambe le parti.”
Valya sentì crescere la rabbia dentro di sé. “I rinnegati non sono innocenti. Sono” esitò cercando la parola giusta. “Rinnegati.”
“In ogni caso” fece Ros sospirando. “Se l’armata partirà, noi resteremo al sicuro in città aspettando che tutto si sistemi.”
“Jangar aveva intenzione di partire?”
“La governatrice ha promesso una lauta paga a tutti i guaritori che si uniranno all’esercito in marcia.”
“Il tuo maestro è un vigliacco.”
Ros fece spallucce. “Prima dicevi che Doryon ha dolori allo stomaco, vero?”
Valya annuì, sollevata di poter parlare d’altro.
“Può darsi che abbia mangiato qualcosa che gli ha fatto male. A volte capita. Sai cosa mangia di solito?”
“Potresti chiedere a una delle ancelle che gli servono i pasti.”
Il viso di Ros si illuminò. “Buona idea” disse alzandosi. “Tu vivi a palazzo quindi forse ne conosci qualcuna. Potresti farmi parlare con loro?”
“Potrei” disse Valya incerta. “A patto che tu non dica niente su quella questione.”
“Ti ho dato la mia parola” fece lui toccandosi il petto.
“Pensi che possa aiutare davvero Doryon?”
“Potrebbe, anche se non so quanto.”
 
Carlytte la guardò perplessa. “Che cosa ha mangiato il signorino stamattina? Uova e latte, come sempre. E un pezzo di pane tagliato a fette sottili e scottate sul fuoco. È così che gli piace.”
Ros scrisse qualcosa sulla pergamena beccandosi un’occhiata dubbiosa da parte dell’ancella.
“È un tuo amico?” le domandò Carlytte.
Valya esitò.
“Sì” fece Ros.
“Un conoscente” disse lei. “Solo un conoscente. È l’allievo di Jangar, uno dei guaritori fatti venire a palazzo per curare Doryon. Dargli una mano potrebbe essere utile.”
“Capisco” disse la donna. “Se è così vi aiuterò di sicuro. Il signorino è una persona adorabile, forse la migliore che viva in questo palazzo. Non ordina mai e chiede sempre con cortesia e non si merita tutto quello che sta passando.” Scosse la testa. “Spero che l’Unico lo aiuti o lo sollevi dalle sofferenze, povero ragazzo.”
“C’era qualcuno insieme a Doryon quando stamattina ha fatto colazione?” domandò Ros.
“C’era anche la governatrice” rispose Carlytte.
“E lei ha mangiato le stesse cose?”
“Sì, che io ricordi.”
“Ricordi se le altre volte che è stato male ha mangiato latte, uova o pane?”
“Non lo so” disse la donna. “Non sono sempre io a servirgli i pasti. A volte ci pensa Izora o Briena. Siamo in quindici a occuparci del palazzo.”
Ros annuì e tracciò una riga sul foglio. “Qualcun altro è stato male dopo aver mangiato le stesse cose di Doryon?”
“Sinceramente non lo ricordo. Ma è importante tutto questo?” chiese rivolgendosi a Valya.
Lei si strinse nelle spalle.
“È per escludere che sia stato il cibo guasto” spiegò Ros. “Mezza Luna fa si è presentato un uomo alla bottega che diceva di aver mangiato carne di tre giorni prima e aveva dei dolori di pancia lancinanti. Jangar gli ha fatto bere una mistura di erba scarlatta e olio di noci ed è stato bene.” Fece una pausa. “Ma non credo sia questo il problema. Potrei vedere gli avanzi della colazione di Doryon?”
“Prego?” fece Carlytte incredula.
“Credo voglia vedere quello che è avanzato” disse Valya imbarazzata.
“L’avevo capito” fece la donna stizzita. “Ma non ne vedo il motivo.”
“So che è una strana richiesta ma potrei, se è possibile?”
Carlytte sospirò. “Per tua fortuna non li abbiamo ancora dati ai cani.”
“Allora vorrei vederli.”
La donna li guidò nel retro delle cucine, dove dovettero districarsi tra banconi pieni di frutta e ortaggi che venivano tagliati dagli inservienti. Altri alimentavano i fuochi dei forni. Un uomo stava tirando fuori da uno di essi un vassoio pieno di forme di pane. L’odore era delizioso dovette ammettere Valya.
Carlytte li portò fino a un angolo isolato da tutto il resto e indicò una sacca piena a metà. “Buttiamo tutto lì dentro, di solito.”
Ros si chinò sopra il sacco. “È qui dentro? C’è molto più di quanto mi aspettassi di trovare.”
“Sono gli avanzi della mattina” spiegò Carlytte. “Dovresti vedere quelli del pranzo. Ci riempiamo tre sacchi interi.”
“Devo esaminarli.”
“Fai pure.”
Ros afferrò il sacco e lo rovesciò a terra spargendone il contenuto sul pavimento.
Carlytte sussultò. “Che cosa fai? Ti farò pulire tutto, dopo.”
“Chiedo scusa” fece Ros chinato sui resti della colazione. Con le mani stava frugando tra ciò che rimaneva di un osso di pollo e la buccia di una mela.
Carlytte scosse la testa. “Se mi volete, mi trovate nell’altra sala. Devo sfamare più di cento persone senza contare i guaritori e i loro apprendisti.”
Valya attese che si fosse allontanata prima di dire: “Che cosa fai? Sei impazzito per caso?”
Ros la guardò perplesso.
“Carlytte ora ne parlerà con tutti a palazzo. Era proprio necessario mettersi a frugare tra i rifiuti?”
“Jangar dice che si possono scoprire cose interessanti sulle persone solo guardando quello che buttano via.” Prese il torsolo di una mela tra l’indice e il pollice e lo gettò via. “Frutta fresca. Non se ne trova molta ultimamente.” Prese una fetta di pane mangiata a metà. “Ci siamo” disse. “Questo sembra interessante.”
“È una fetta di pane.”
Lui annuì. “Ed era la colazione di Doryon.”
“Come fai a dirlo?”
Ros la girò di lato. “Vedi? È un po’ bruciata, come piace a lui. Vedo se trovo altro.”
Valya attese nell’angolo che Ros terminasse l’ispezione. Quando ebbe finito, un valletto li raggiunse.
“Carlytte dice che devo dare una pulita” disse il ragazzo. Reggeva in mano la scopa ma non sembrava molto entusiasta di quel lavoro.
“Ho finito” disse Ros alzandosi. Aveva infilato la fetta di pane e altri avanzi trovati in una delle borse legate in vita facendo attenzione a non mischiarli.
“Buon per te” disse il valletto. “Io ho appena iniziato. Dopo aver finito qui mi toccherà pulire il vomito del signorino.”
Il viso di Ros si illuminò. “Doryon ha rigettato la colazione?” chiese.
Il valletto annuì.
“Ma è meraviglioso” esclamò Ros. “Perché nessuno me l’ha detto? È ancora tutto lì o è stato pulito?”
Il valletto lo guardò perplesso. “È ancora lì, credo. O non mi avrebbero detto di pulire. L’avrei fatto prima ma eravamo impegnati con quella faccenda dei guaritori.”
“Andiamo da Carlytte” disse Ros. “Voglio esaminare la colazione che Doryon ha rigettato.”
Valya lo seguì a testa china. “Tu non dicevi sul serio, vero?” gli domandò a voce bassa.
“Riguardo a cosa?”
“La colazione di Doryon. Non vuoi davvero esaminare il suo…”
“Il suo vomito?”
Valya annuì.
“Potrebbe essere importante.”
 
Carlytte li squadrò perplessa. “È la richiesta più strana che abbia mai sentito” disse. “È sempre per il bene del signorino, spero.”
Ros annuì con vigore. “Non ci metterò molto. Ne prenderò solo un pezzo. Un pezzo piccolo.”
Valya arrossì mentre Carlytte scrollava le spalle.
“Se lo dici tu. È da questa parte.”
Li guidò fino a un punto della sala dove c’era una macchia scura sul pavimento.
“È tutto tuo” disse la donna prima di allontanarsi.
Ros si inginocchiò vicino alla macchia e la osservò da vicino.
Valya cercò di non pensare a quello che stava facendo. “Jangar ti ha insegnato anche a capire le persone da quello che hanno vomitato?”
“No” rispose Ros. “Questa è una mia idea.” Prese un coltellino dalla tasca e incise la macchia in un punto. Ripose il coltellino e dalla tasca tirò fuori un fazzoletto col quale afferrò il pezzo appena tagliato e ve lo avvolse.
Almeno non lo ha toccato con le mani, pensò Valya con sollievo.
Ros mise il fazzoletto arrotolato in una delle borse legate in vita e la chiuse con cura. “Credo di aver finito” disse raddrizzandosi.
Mentre uscivano dalla sala e si dirigevano verso le scale che portavano al livello superiore, udirono le grida provenire da sopra le loro teste.
 

Ritorna all'indice


Capitolo 74
*** Mantenere una promessa ***


Mantenere una promessa
 
Ros ebbe un sussulto udendo le grida. Prima ancora di vederlo scendere le scale, sapeva che era stato Jangar a urlare.
Il suo maestro stava scendendo le scale urlando qualcosa. “Incompetenti” fu l’unica parola che riuscì a udire per intero.
Dall’altra parte giunse una risposta ma Ros non la comprese.
Jangar mise piede sull’ultimo gradino e gli rivolse un’occhiata furente. “Sei qui? Perché non sei salito?”
Ros deglutì a fatica. “Stavo per farlo. Io…”
“Lascia perdere.” Jangar fece un gesto vago con la mano. “Hai fatto bene. Almeno non hai dovuto assistere a quello spettacolo pietoso.”
“È accaduto qualcosa a Doryon?” domandò Valya con tono preoccupato.
“No, no” disse Jangar. “Ma nelle mani di quegli idioti quel povero ragazzo non ha molte speranze di sopravvivere.” Scosse la testa. “Chiedo scusa per il mio linguaggio e il comportamento.”
“Doryon è così grave?” domandò Valya.
“Non sta peggiorando” rispose Jangar alzando la voce. “Ma nemmeno sta migliorando. E