Shadows Of Gaia

di ArrowVI
(/viewuser.php?uid=1056593)

Disclaimer: Questo testo proprietà del suo autore e degli aventi diritto. La stampa o il salvataggio del testo dà diritto ad un usufrutto personale a scopo di lettura ed esclude ogni forma di sfruttamento commerciale o altri usi improri.


Lista capitoli:
Capitolo 1: *** Prologo: Ombre su Gaia ***
Capitolo 2: *** Capitolo 1-1: Star ***
Capitolo 3: *** Capitolo 1-2: Labirinto ***
Capitolo 4: *** Capitolo 1-3: Un nuovo arrivato ***
Capitolo 5: *** Capitolo 1-4: Xane Ravier ***
Capitolo 6: *** Capitolo 1-5: Il primo eliminato ***
Capitolo 7: *** Capitolo 1-6: Simili ma Diversi ***
Capitolo 8: *** Capitolo 1-7: Forza ***
Capitolo 9: *** Capitolo 1-8: Inizio ***
Capitolo 10: *** Capitolo 2-1: Nascosto ***
Capitolo 11: *** Capitolo 2-2: I Dodici ***
Capitolo 12: *** Capitolo 2-3: Svolta ***
Capitolo 13: *** Capitolo 2-4: Svolta ***
Capitolo 14: *** Capitolo 2-5: Tick Tock ***
Capitolo 15: *** Capitolo 2-6: Contrattacco ***
Capitolo 16: *** Capitolo 2-7: Rosso ***
Capitolo 17: *** Capitolo 2-8: Rabbia ***
Capitolo 18: *** Capitolo 3-1: Climax [1-3] ***
Capitolo 19: *** Capitolo 3-2: Climax [2-3] ***
Capitolo 20: *** Capitolo 3-3: Climax [3-3] ***
Capitolo 21: *** Capitolo 3-4: Avanti ***
Capitolo 22: *** Capitolo 3-5: Vermilion ***
Capitolo 23: *** Capitolo 3-6: Segreti e Pericoli ***
Capitolo 24: *** Capitolo 3-7: Luce ***
Capitolo 25: *** Capitolo 3-8: Qualcosa di Speciale [1-2] ***
Capitolo 26: *** Capitolo 3-9: Qualcosa di Speciale [2-2] ***
Capitolo 27: *** Capitolo 4-1: Avanti, lentamente ***
Capitolo 28: *** Capitolo 4-2: Tra sogno e realtà [1-2] ***
Capitolo 29: *** Capitolo 4-3: Tra sogno e realtà [2-2] ***
Capitolo 30: *** Capitolo 4-4: Non come sembra ***
Capitolo 31: *** Capitolo 4-5: Neptune ***
Capitolo 32: *** Capitolo 4-6: Modo ***
Capitolo 33: *** Capitolo 4-7: Benvenuti a Magnus ***
Capitolo 34: *** Capitolo 4-8: Le fiamme della Fenice ***
Capitolo 35: *** Capitolo 5-1: Via d'uscita ***
Capitolo 36: *** Capitolo 5-2: Futuro ***
Capitolo 37: *** Capitolo 5-3: Uno di noi [1-2] ***
Capitolo 38: *** Capitolo 5-4: Uno di noi [2-2] ***
Capitolo 39: *** Capitolo 5-5: Rituale [1-2] ***
Capitolo 40: *** Capitolo 5-6: Rituale [2-2] ***
Capitolo 41: *** Capitolo 5-7: Phoenix ***
Capitolo 42: *** Capitolo 5-8: Quiete prima della Tempesta ***
Capitolo 43: *** Capitolo 6-1: Futuro in movimento ***
Capitolo 44: *** Capitolo 6-2: Belzebub ***
Capitolo 45: *** Capitolo 6-3: Iris ***
Capitolo 46: *** Capitolo 6-4: Ricordi ***
Capitolo 47: *** Capitolo 6-5: Sarah Ravier ***
Capitolo 48: *** Capitolo 6-6: Chi sono ***
Capitolo 49: *** Capitolo 6-7: Parole... ***
Capitolo 50: *** Capitolo 6-8: ...E Sentimenti ***
Capitolo 51: *** Capitolo 7-1: Risposte ***
Capitolo 52: *** Capitolo 7-2: Ti conosco... [1-2] ***
Capitolo 53: *** Capitolo 7-3: ...Lilith [2-2] ***
Capitolo 54: *** Capitolo 7-4: Aiuto ***
Capitolo 55: *** Capitolo 7-5: Fiducia ***
Capitolo 56: *** Capitolo 7-6: Il mio nome ***
Capitolo 57: *** Capitolo 7-7: Cosa aspetta il Futuro [1-2] ***
Capitolo 58: *** Capitolo 7-8: Cosa aspetta il Futuro [2-2] ***
Capitolo 59: *** Capitolo 8-1: Soluzioni ***
Capitolo 60: *** Capitolo 8-2: Strega ***
Capitolo 61: *** Capitolo 8-3: Coincidenze... ***
Capitolo 62: *** Capitolo 8-4: ...O Destino? ***
Capitolo 63: *** Capitolo 8-4.5: Limbo ***
Capitolo 64: *** Capitolo 8-5: Pietra ***
Capitolo 65: *** Capitolo 8-6: Porta [1-2] ***
Capitolo 66: *** Capitolo 8-7: Porta [2-2] ***
Capitolo 67: *** Capitolo 8-8: Sonno ***
Capitolo 68: *** Capitolo 8-9: Speranza ***
Capitolo 69: *** Capitolo 8-10: Disperazione ***
Capitolo 70: *** Capitolo 9-1: Sbagliato [1-2] ***
Capitolo 71: *** Capitolo 9-2: Sbagliato [2-2] ***
Capitolo 72: *** Capitolo 9-3: Mostri [1-2] ***
Capitolo 73: *** Capitolo 9-4: Mostri [2-2] ***
Capitolo 74: *** Capitolo 9-5: Allarme [1-2] ***
Capitolo 75: *** Capitolo 9-6: Allarme [2-2] ***
Capitolo 76: *** Capitolo 9-7: Confusione ***
Capitolo 77: *** Capitolo 10-1: Possibilità ***
Capitolo 78: *** Capitolo 10-2: Conflitto ***
Capitolo 79: *** Capitolo 10-3: Il Soldato e il Mostro ***
Capitolo 80: *** Capitolo 10-4: La Viverna Smeraldo... ***
Capitolo 81: *** Capitolo 10-5: ...Il Segugio Infernale... ***
Capitolo 82: *** Capitolo 10-6: ...E il Terrore degli Abissi ***
Capitolo 83: *** Capitolo 10-7: Ultimatum [1-2] ***
Capitolo 84: *** Capitolo 10-8: Ultimatum [2-2] ***
Capitolo 85: *** Capitolo 10-9: Asteroth [1-2] ***
Capitolo 86: *** Capitolo 10-10: Asteroth [2-2] ***
Capitolo 87: *** Capitolo 10-11: Prova di Forza ***
Capitolo 88: *** Capitolo 10-12: Ombra [1-2] ***
Capitolo 89: *** Capitolo 10-13: Ombra [2-2] ***
Capitolo 90: *** Capitolo 10-14: Tre lame, due volontà, un destino... [1-2] ***
Capitolo 91: *** Capitolo 10-15: Doveri, Sentimenti e Speranze ***
Capitolo 92: *** Capitolo 10-16: Fiamme Inestinguibili ***
Capitolo 93: *** Capitolo 10-17: Il più debole [1-2] ***
Capitolo 94: *** Capitolo 10-18: Il Colore del Fuoco ***
Capitolo 95: *** Capitolo 10-19: Il più debole [2-2] ***
Capitolo 96: *** Capitolo 10-20: Tre lame, due volontà, un destino [2-2] ***
Capitolo 97: *** Capitolo 10-21: Scontro dentro Camelot [1-2] ***
Capitolo 98: *** Capitolo 10-22: Scontro dentro Camelot [2-2] ***
Capitolo 99: *** Capitolo 10-23: Una nuova speranza... [1-2] ***
Capitolo 100: *** Capitolo 10-24: ...O una vecchia minaccia? [2-2] ***
Capitolo 101: *** Capitolo 10-25: Una voce familiare ***
Capitolo 102: *** Capitolo 10-26: Un'antica Ombra ***
Capitolo 103: *** Capitolo 10-27: Azael [1-2] ***
Capitolo 104: *** Capitolo 10-28: Azael [2-2] ***
Capitolo 105: *** Capitolo 10-29: I più forti ***
Capitolo 106: *** Capitolo 10-30: Disastro ***
Capitolo 107: *** Capitolo 10-31: Un modo... [1-2] ***
Capitolo 108: *** Capitolo 10-32: Un modo... [2-2] ***
Capitolo 109: *** capitolo 10-33: Ultimo Atto ***
Capitolo 110: *** Capitolo 10-34: Strega [1-2] ***
Capitolo 111: *** Capitolo 10-35: Strega [2-2] ***
Capitolo 112: *** Capitolo 10-36: Disfatta ***
Capitolo 113: *** Capitolo 10-37: Convinzione ***
Capitolo 114: *** Capitolo 10-38: Inferno ***
Capitolo 115: *** Capitolo 10-39: Odio ***
Capitolo 116: *** Capitolo 10-40: Morgana Vanadis ***
Capitolo 117: *** Capitolo 11-1: Sfida ***
Capitolo 118: *** Capitolo 11-2: Non ancora finita ***
Capitolo 119: *** Capitolo 11-3: Andromeda ***
Capitolo 120: *** Capitolo 11-4: Ultimo Sforzo ***
Capitolo 121: *** Capitolo 11-5: Non Oggi ***
Capitolo 122: *** Capitolo 11-6: Abraxas [1-2] ***
Capitolo 123: *** Capitolo 11-7: Abraxas [2-2] ***
Capitolo 124: *** Capitolo 11-8: Cambiamenti ***
Capitolo 125: *** Capitolo 11-9: Pericolo ***
Capitolo 126: *** Capitolo 11-10: Cercando Risposte ***
Capitolo 127: *** Capitolo 12-1: Notte Cremisi [1-3] ***
Capitolo 128: *** Capitolo 12-2: Notte Cremisi [2-3] ***
Capitolo 129: *** Capitolo 12-3: Notte Cremisi [3-3] ***
Capitolo 130: *** Capitolo 12-4: Lucifer [1-2] ***
Capitolo 131: *** Capitolo 12-5: Lucifer [2-2] ***
Capitolo 132: *** Capitolo 12-6: La forza di Lucifer ***
Capitolo 133: *** Capitolo 12-7: Volere ***
Capitolo 134: *** Capitolo 12-8: Nessuna Scelta ***
Capitolo 135: *** Capitolo 13-1: Tentativo ***
Capitolo 136: *** Capitolo 13-2: Soldato ***
Capitolo 137: *** Capitolo 13-3: Comprendere [1-2] ***
Capitolo 138: *** Capitolo 13-4: Comprendere [2-2] ***
Capitolo 139: *** Capitolo 13-5: Famiglia [1-2] ***
Capitolo 140: *** Capitolo 13-6: Famiglia [2-2] ***
Capitolo 141: *** Capitolo 13-7: Rinforzi ***
Capitolo 142: *** Capitolo 13-8: Allenamento [1-2] ***
Capitolo 143: *** Capitolo 13-9: Allenamento [2-2] ***
Capitolo 144: *** Capitolo 14-1: Jessica Rosefield ***
Capitolo 145: *** Capitolo 14-2: Richiesta di aiuto ***
Capitolo 146: *** Capitolo 14-3: Seryu Alcher [1-2] ***
Capitolo 147: *** Capitolo 14-4: Seryu Alcher [2-2] ***
Capitolo 148: *** Capitolo 14-5: Pericolo Imminente ***
Capitolo 149: *** Capitolo 14-6: Ritorno di Azael ***
Capitolo 150: *** Capitolo 14-7: Nuova Chance ***
Capitolo 151: *** Capitolo 14-8: Luciana [1-2] ***
Capitolo 152: *** Capitolo 14-9: Luciana [2-2] ***
Capitolo 153: *** Capitolo 14-10: Sopravvissuta ***
Capitolo 154: *** Capitolo 15-1: Memorie Sconosciute ***
Capitolo 155: *** Capitolo 15-2: Tesla [1-2] ***
Capitolo 156: *** Capitolo 15-3: Tesla [2-2] ***
Capitolo 157: *** Capitolo 15-4: Forza Nascosta ***
Capitolo 158: *** Capitolo 15-5: La mossa di Amon ***
Capitolo 159: *** Capitolo 15-6: Copie ***
Capitolo 160: *** Capitolo 15-7: Progetto ***
Capitolo 161: *** Capitolo 15-8: Rilascio ***



Capitolo 1
*** Prologo: Ombre su Gaia ***


Prologo: Ombre su Gaia


 

L'aula era oscurata: una singola luce illuminava quello che sembrava un piccolo palco dove era appena salito un uomo. Egli indossava abiti scuri e una cravatta di colore rosso. Dopo essersela sistemata, guardò verso il pubblico e iniziò a parlare.

<< Grazie per la vostra presenza oggi, membri del senato. >>
Disse, ringraziando il suo "pubblico" con un rapido inchino.
Subito dopo si sollevò, guardando il buio davanti a lui con una espressione seria: poteva a malapena vedere le sagome dei membri del consiglio davanti a lui.

<< Sono sicuro che siate confusi sul motivo che si nasconde dietro questa convocazione improvvisa... Per cui lasciate che vi spieghi rapidamente riguardo a cosa parleremo oggi. Come ben saprete, ci sono delle minacce che non possiamo assolutamente ignorare: tutte le nazioni... Savia, Asgard, Mistral e anche la nostra Avalon, sono vittime dei demoni. Fortunatamente, sembra che in quest'ultimo periodo si siano notevolmente calmati, e la percentuale di attacchi da parte di questi mostri è calata drasticamente dell'ottanta percento circa... Comunque, continuano ad esserci dei casi in cui queste creature maligne continuano a ferire i nostri cittadini, e non possiamo di certo ignorare questo fatto. >>
L'uomo continuò a parlare nel mezzo di quel silenzio, per poi schioccare le dita.
Non appena lo fece, le luci si accesero improvvisamente: l'uomo poté vedere in faccia tutti i membri del senato: erano quindici persone.

<< Siamo consapevoli degli attacchi. Ci dica il motivo dietro questa convocazione senza perdersi in dettagli che già abbiamo tra le mani. >>
Lo rimproverò qualcuno, con un tono serio e spazientito.

Prima che l'oratore potesse rispondere alla domanda dell'uomo, qualcuno gli afferrò una spalla.

<< Generale Xernes? >>
Domandò l'uomo, sorpreso.

<< Lascia a me le spiegazioni, Tenente. Sono il più indicato a dare questo genere di notizie. >>
Gli disse il generale.

Era un uomo robusto, alto, con una cicatrice nell'occhio destro.
I suoi capelli neri gli arrivavano fino alle spalle.
Indossava una veste militare di colore verde acqua con svariate medaglie incollate ad essa, simbolo delle sue numerose e valorose imprese.

A differenza del suo subordinato, Xernes rimase immobile davanti al pubblico, impugnando il suo bastone con una mano e picchiettando il terreno con la sua punta.
Il suo sguardo era inclemente e freddo: guardava intensamente le persone davanti a lui con un braccio piegato dietro la schiena.

<< Il sigillo su Bael si sta spezzando. >>
La sua spiegazione fu secca, rapida e indolore.

Le persone davanti a lui ci misero qualche istante a realizzare cosa avesse effettivamente detto.

<< Come è possibile?! Il sigillo è stato applicato quella terribile notte con il sacrificio dei precedenti Dodici Senatori! >>
Esclamò un uomo dal pubblico, con un tono spaventato.

<< Come può essersi indebolito a tal punto?! >>
Esclamò un'altra voce, stavolta femminile.

<< A quanto pare il sigillo imposto diciassette anni fa dai Dodici Ex-Senatori durante la Notte Cremisi non è bastato a contenere qualcuno potente come Bael. >>
Rispose Xernes, mostrando un comportamento composto, calmo e risoluto.
Il suo sguardo era fermo, rivolto alle persone davanti a lui.

<< E' impossibile... Sono passati appena diciassette anni... C'erano ben Dodici Sigilli  a tenerlo imprigionato... >>
Disse una voce femminile, terrorizzata.

<< Quanto tempo ci rimane? >>
Domandò qualcun altro.

<< Direi, ad occhio, meno di un anno. >>
Rispose, il generale Xernes.
Quelle parole fecero gelare il sangue ai senatori che si trovava davanti.

Un forte bisbiglio cominciò a muoversi per la stanza, seguito da versi di stupore e terrore.
Ben presto sembrò quasi cadere il caos in quella stanza.

Xernes colpì fortemente il terreno con il suo bastone, attirando l'attenzione delle persone davanti a lui e facendo cadere di nuovo il silenzio.

<< Non tollererò una seconda volta un comportamento simile da parte dei Dodici Senatori. >>
Disse, con un tono minaccioso e infastidito, senza però alterarsi.



 << Sarò ben lieto, invece, di sentire qualsivoglia mozione proveniente dal consiglio sul da farsi. Ovviamente, però, sarò io stesso a decidere se mettere in campo il mio esercito, i miei uomini, per portare a compimento la vostra proposta. Quindi, che siano piani... Elaborati, sensati e sopratutto... Non suicidi come il precedente, dove mezzo milione di soldati sono morti in quella terribile notte per nessun motivo. >>

Aggiunse subito dopo, smettendo improvvisamente di picchiettare il terreno con il suo bastone in legno chiaro.
La stanza divenne improvvisamente silenziosa: nessuno disse nulla.

<< Quindi? Nessuno di voi aristocratici senza spina dorsale ha il coraggio di mettersi in prima fila per proteggere la propria nazione? >>
Domandò, colpendo una volta il terreno con la punta del suo bastone.

<< Mi disgustate. >>
Disse subito dopo, con uno sguardo che mostrava solo sdegno.

Improvvisamente, un membro del consiglio si alzò in piedi, infastidito.

<< Come si permette a parlarci così?! Noi siamo i Dodici Senatori, la carica più importante di Avalon, secondi solamente all'imperatore! Stia al suo posto, Generale! Lei deve prendere questo genere di decisioni, non noi! >>
Esclamò, infastidito e con un tono irrispettoso. 

Xernes guardò il membro del consiglio per qualche istante, in silenzio, prima di rispondergli con un tono cupo.

<< L'imperatore, comprendendo la situazione in cui ci troviamo, mi ha dato momentaneamente tutti i poteri decisionali. Quindi, al momento, io sono più in alto di voi Dodici Senatori. >>
Rispose il generale, con uno sguardo cupo.
L'uomo guardò Xernes con una espressione preoccupata, tremando.

<< E ora si sieda, facendo il meno rumore possibile. >>
Aggiunse, con un tono infastidito.
L'uomo fece come gli venne ordinato.

<< Io potrei avere una idea. >>
Disse subito dopo una voce femminile.
Tutti i presenti si voltarono verso l'uscita della stanza.
Tre figure erano appoggiate vicino alla grossa porta in legno scuro: la donna che aveva parlato era ben conosciuta in quell'ambiente militare.
Indossava un velo trasparente che copriva i suoi lunghi capelli castani. I suoi occhi erano verdi come gli smeraldi, il suo corpo era snello e slanciato: indossava vesti vistose.

<< Oh, Ehra. Per quanto apprezzi il suo intervento, devo chiederle di attendere: voi membri delle Quattro Galassie sarete interrogati successivamente. >>
Le disse Xernes, aspettando altre proposte da parte del consiglio.
Nessuno disse nulla, di nuovo.

* Se non le dispiace, Generale Xernes, vorrei avere il permesso di parlare con lei. *
Disse una voce maschile, proveniente da un angolo della stanza.

Xernes si voltò lentamente in direzione di quella persona, osservandola in silenzio mentre si incamminò lentamente verso di lui, fino a fermarsi davanti a lui, ai piedi di quel "palco". 

<< Non ricordo di averle accordato il permesso di venire qui davanti a me, ragazzo. >>
Disse Xernes, infastidito, ma incuriosito dal comportamento di quella persona.

Aveva capelli biondi e occhi azzurri, non era molto muscoloso.
Indossava una giacca classica di colore marrone chiaro e pantaloni neri eleganti... Non era una combinazione usuale.

* Chiedo venia, Generale. *
Rispose l'uomo, sorridendo.

<< Per di più, non ricordo la sua presenza tra i membri del Senato... >>
Aggiunse Xernes poco dopo, osservando la figura davanti a se con uno sguardo preoccupato e incuriosito.

Il sorriso di quell'uomo si accentuò.

* Come reagirebbe se le dicessi che i Demoni stanno per passare all'attacco prima di quanto possa immaginare?  *
Domandò al generale, subito dopo.

<< Mi chiederei in qual modo è venuto a conoscenza di una tale informazione. >>
Rispose Xernes, dubbioso sulle parole dell'uomo.

Il suo interlocutore ridacchiò.

* Gli umani sono sempre state creature interessanti... *
Rispose, portandosi una mano davanti alla bocca, divertito.

<< Chi sei, tu? >>
Domandò Xernes: stavolta il suo sguardo era visibilmente preoccupato.
L'aria cominciò a farsi pesante: per qualche istante si guardarono entrambi dritti negli occhi, in silenzio.

* Perdoni la mia maleducazione, Generale. Permettetemi di presentarmi, poi risponderò a tutte le vostre domande... E spero che voi abbiate la decenza di ascoltare le mie... *
Rispose la figura, inchinandosi davanti a Xernes.
Subito dopo si portò una mano nel petto, sorridendo davanti all'uomo.

* Il mio nome è Lucifer, attuale comandante dei Dodici Generali, fratello del mio adorato Bael. Al vostro servizio. *
Rispose, presentandosi platealmente.

Xernes guardò in silenzio l'essere davanti a lui: il suo sguardo tremava... Era impallidito.

* E, se lo desiderate... Potremmo trovare un accordo che vada a favore di entrambe le fazioni. *
La sua sottile risata si espanse per l'intera stanza, facendo raggelare il sangue di tutti i presenti.
Non smise neanche per un istante di sorridere.


 

________________________________________________________________________________________________________________________
 

Fine del prologo, alla prossima con il primo capitolo di questa nuova storia! 
 

Ritorna all'indice


Capitolo 2
*** Capitolo 1-1: Star ***


Capitolo 1-1: Star



Solitamente la cittadina di Samir era un posto molto tranquillo, ma quel giorno era diverso.
Ragazzi e ragazze provenienti da tutta Avalon si erano radunati in quella piccola cittadina per partecipare alla seconda parte dell'esame di ammissione all'istituto "Star", l'istituto più conosciuto e prestigioso di tutta Gaia.

Nessuno si sarebbe mai sognato di arrivare in ritardo in quel giorno così importante...
Infatti, lui non lo sognò: lo fece.


Qualcuno bussò alla porta della sua stanza, per poi aprire senza neanche aspettare il permesso.
Un uomo entrò all'interno della stanza, sorreggendosi grazie all'aiuto di un bastone in legno chiaro. Nonostante il suo aspetto fosse quello di un uomo abbastanza avanti con l'età, il suo passo era fiero e sicuro: infatti, il suo fisico e il suo carattere erano ancora scolpiti dalla sua carriera come soldato.
Le uniche cose che lo tradivano, però, erano i capelli bianchi, dei baffi grigi e le rughe sotto gli occhiali.

<< Non devi prendere parte all'esame di ammissione, Michael? >>
Domandò l'uomo, non appena entrò all'interno della stanza, ad un ragazzo che era ancora disteso nel suo letto.


La stanza non era poi così grande: la luce del sole entrava da una finestra davanti all'uomo.
Vi erano un letto, una scrivania di legno scuro, un armadio e un piccolo comodino a fianco del letto sul quale il ragazzo era disteso.

Sentendo la voce dell'uomo, il ragazzo saltò rapidamente giù dal letto.

<< Che ore sono?! >>
Esclamò, afferrando i suoi vestiti e vestendosi in fretta e furia, mettendo a soqquadro la sua stanza.

<< Il sole è sorto da almeno due ore... Quindi credo siano circa le nove. >>
Gli rispose l'uomo, pensieroso, ridendo sotto i baffi e toccandosi gli occhiali.

Il ragazzo lanciò un urlo di disperazione che echeggiò per tutta la casa.

<< Potevi venire a svegliarmi prima, Zio! >>
Esclamò il ragazzo, disperato, lasciando subito dopo la stanza in fretta e furia.

<< Dovresti svegliarti da solo, in queste circostanze... >>
Rispose l'uomo, divertito e, allo stesso tempo, amareggiato dal comportamento del ragazzo.


I suoi capelli erano rossi e aveva occhi di colore argento: 
Michael Jeremy Rider.

Nipote di un ex-soldato superstite della  Notte Cremisi  avvenuta diciassette anni fa, Jorge Rider.
Senza genitori, venne cresciuto solamente dal fratello della madre, Annah Rider, morta poco dopo averlo messo al mondo.

All'età di appena sei anni notò una parata militare passare per la sua cittadina, Samir, e da li iniziò ad ammirare i soldati: voleva diventare come loro.
Jorge, notando la sua determinazione, decise quindi di insegnargli ciò che imparò quando era ancora un soldato.

Undici anni dopo, riuscì a far partecipare il nipote all'esame di ammissione alla Star, l'istituto militare più importante di tutta Avalon.



Michael lasciò in fretta e furia la sua casa, dopo aver mangiato rapidamente qualcosa, per ritrovarsi davanti alle porte dell'istituto Star in appena trenta minuti, appena cinque minuti dopo l'apertura del cancello.

Era un istituto gigantesco, con grosse mura grigie a far da perimetro e un tetto rosso.
L'entrata era un grosso portone metallico, preceduto da un grande giardino.

Vi era un sentiero in pietra che faceva strada fino all'entrata dell'istituto, ai cui lati vi erano diverse statue in pietra di eroi mitologici e personaggi famosi che si erano diplomati in quell'istituto, come ad esempio il Gran Generale Xernes Ravier, e l' Asso dell'Impero: Andromeda.

L'istituto Star era composto da tre piani, uno per ogni anno scolastico:
Il piano terra, per il primo anno;
Il primo piano, per il secondo anno;
Il secondo piano, per il terzo anno.

Ogni piano poteva ospitare un determinato numero di classi, otto, che, a loro volta, potevano avere fino ad un massimo di sedici studenti ciascuna.
Quindi ogni anno aveva una capienza massima di centoventotto studenti.

Visto che centoventotto era il numero massimo di nuovi studenti accettati, l'esame di ammissione venne diviso in due parti per diminuire drasticamente il numero di partecipanti: una prova scritta e una pratica.
Ciononostante, però, i partecipanti che prendevano parte all'esame erano così tanti che anche la prova pratica venne suddivisa in più sezioni, spalmate in tre giorni.

Quello era l'esame mattutino del terzo giorno, la penultima sezione di esame.


Dopo aver preso un profondo respiro, Michael si diresse verso l'entrata della Star.
Indossava l'uniforme scolastica che gli venne data per partecipare all'esame: in caso non fosse riuscito a passarlo, avrebbe dovuto renderla.

Una camicia bianca con una piccola spilla a forma di stella nel petto e dei pantaloni neri.
Nonostante il prestigio dell'istituto, l'uniforme era piuttosto comune.

La stella, infatti, era l'accessorio più importante, qualcosa che non avrebbero mai dovuto perdere:
Era di color oro, con delle minuscole sfere nelle cinque punte. Al suo interno vi era incisa una " S " in argento.


<< Certo che c'è più gente di quanto mi aspettassi... >>
Disse il ragazzo, sorpreso, mentre si incamminò per il sentiero che portava all'entrata dell'istituto.
Continuò a guardarsi intorno, sorpreso da quante persone ci fossero intorno a lui.

<< Be', se consideri che ci sono circa quattro mila iscrizioni annue, e che tra loro solamente centoventotto vengono presi come studenti... Direi che il numero diminuirà molto presto. >>
Disse una voce femminile, proveniente dalle sue spalle.

Michael si voltò rapidamente, riconoscendo immediatamente la ragazza che gli aveva rivolto la parola.

<< Jessy?! Erano almeno due mesi che non ti vedevo! >>
Esclamò, sorridendo e dirigendosi verso la compagna, abbracciandola.


Jessica Rosefield, una aristocratica, primogenita della casata dei Rosefield, una delle tre famiglie più importanti ad Avalon, seconda solo ai Ravier e ai Pendragon.
Fin da giovane età mostrò delle incredibili doti nelle arti mediche e curative, e nella musica.
All'età di cinque anni si trasferì insieme alla madre nella piccola cittadina di Samir.
Fin da quando era piccola voleva esplorare il mondo al di fuori delle mura della sua villa, ma spesso le veniva impedito.

Il giorno che arrivò in quella cittadina, scappò di nascosto dalla sua villa: la prima cosa che vide fu un ragazzino di sei anni, capelli rossi e occhi argentati, intento a giocare con un bastone di legno, agitandolo come se fosse una spada.
Quel ragazzino la guardò sorpreso per poi sorriderle: " Hey, vuoi giocare con me?" le domandò.


<< Scusami, sono dovuta tornare a Magnus per alcune faccende familiari e non ho potuto avvertirti... >>
Rispose la ragazza, prima di ricambiare il gesto del vecchio amico.

I suoi capelli erano lunghi e rosa chiaro, con un piccolo fermacapelli azzurro a forma di fiore sopra l'orecchio destro.
I suoi occhi erano celesti, era poco più bassa di lui ed era snella e formosa.
Indossava la stessa uniforme di Michael. Vi erano solamente due differenze: una gonna scura, sopra ai pantaloni neri ma più leggeri, e le maniche della camicia che, rispetto all'uniforme maschile, si fermavano sopra al gomito.
Indossava, inoltre, un fiocco rosso avvolto nel polso sinistro.


<< Oh, non preoccuparti. Sospettavo fosse qualcosa del genere! >>
Le rispose Michael, facendo rapidamente capire alla sua compagna che non fosse offeso, sorridendole.


Subito dopo una voce femminile rieccheggiò per l'intera area, attirando l'attenzione di tutti i presenti.

<< L'esame di ammissione comincerà a breve. E, per cortesia, da ora vorrei sentire solamente la mia voce: quindi smettete di parlare tutti insieme.  >>
Disse quella voce.
Sembrava stesse parlando con un microfono.

Tutti i presenti quel giorno si avvicinarono lentamente davanti all'entrata dell'istituto, fermandosi proprio davanti alle scale in marmo che davano sul portone d'ingresso, davanti a quella donna.


<< Hey, hai visto? E' Ehra! >>
Disse qualcuno, a bassa voce.

<< Cosa ti aspettavi? E' la direttrice dell'istituto! >>
Rispose qualcun altro.


Sentendo quei bisbiglii, Michael si avvicinò lentamente alla sua compagna.

<< Comunque: cosa ci fai qui, oggi? L'esame per Chierici e Librarian non era ieri pomeriggio? >>
Domandò alla ragazza dai capelli rosa, incuriosito e confuso dalla sua presenza, parlandole sotto voce.

<< Si, infatti ho già partecipato all'esame, ieri, e sono passata a pieni voti. >>
Gli rispose Jessy, sorridendo e facendo il segno di vittoria con le dita.

<< Davvero?! Come mai sei qui allora? >>
Le domandò, sorpreso dalla sua risposta.

<< Sono venuta per fare il tifo per te! >>
Rispose la ragazza, sorridendogli.

<< Cosa?! P-Puoi fare davvero questa cosa? >>
Michael era sempre più sorpreso dalle risposte che Jessica gli dava.

<< Non lo so. Sono, tecnicamente, una studentessa, quindi dovrei poter entrare dentro l'istituto... In caso posso chiedere il permesso ad Ehra, non preoccuparti! >>
Rispose Jessica, dandogli una pacca nelle spalle.

Prima che Michael potesse risponderle qualcosa, Ehra si schiarì la voce, attirando l'attenzione dell'enorme folla davanti all'istituto.


<< Grazie a tutti per essere venuti qui, oggi. Non sprecherò il vostro tempo in discorsi lunghi e inutili per dirvi cose che già sapete, quindi la farò molto breve: siete troppi. Ci sono più di milleduecento partecipanti, oggi, il doppio di quelli presenti ieri all'esame per Chierici e Librarian, e non possiamo accettarvi tutti quanti come ben saprete. Mi dispiace essere così diretta, potrei anche farvi perdere le speranze che avete ma... Fra tutti voi, solamente trentadue studenti saranno presi.  Direi, circa, il cinque percento di voi. >>
Le parole di Ehra fecero cadere un silenzio tombale fra i partecipanti di quel giorno....

Michael abbassò lo sguardo, fissando intensamente il terreno con lo sguardo spalancato e stringendo i pugni: poteva sentire la pressione e l'ansia attanagliarlo.

<< Il cinque percento? Stiamo scherzando? ... >>
Disse, tra se e se, cominciando a disperarsi.

Subito dopo qualcuno gli posò una mano nella spalla.

<< Se può consolarti, trentadue studenti sono praticamente un quarto degli studenti totali del primo anno... La stragrande maggioranza degli iscritti ha preso parte a questa prova, le altre erano molto meno numerose... Quindi era ovvio che la percentuale di ammissione in questa prova sarebbe stata molto più bassa.. >>
Il tentativo di Jessica non ebbe l'effetto sperato.

<< Non... Credo mi abbia fatto sentire meglio... >>
Le rispose, il compagno, con un tono desolato.



A sua insaputa, però, il peggio doveva ancora arrivare.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-1, alla prossima e grazie di seguirmi in questa nuova storia! Vi prometto che ho tante cose in mente, per cui non perdetevi i prossimi capitoli! 


 

Ritorna all'indice


Capitolo 3
*** Capitolo 1-2: Labirinto ***


Capitolo 1-2: Labirinto

 


<< Ok, l'esame sta per iniziare! Preparatevi perché la prima prova sarà un "tag team". Dopotutto, se non siete in grado di cooperare con qualcuno, o di coprire le debolezze dei vostri compagni di squadra, allora non avete i requisiti minimi per entrare nella Star.  >>
Le parole di Ehra rimbombarono in quell'enorme spazio aperto, poi si voltò verso l'entrata: non appena le porte le si spalancarono davanti, due uomini uscirono all'esterno, appoggiando una piccola giara di creta davanti alla donna.
Un'aria pesante avvolse gli aspiranti studenti quel giorno: nessuno aprì bocca, erano tutti tesi.

Ehra parlò con qualcuno al suo fianco per qualche istante, prima di voltarsi di nuovo verso i partecipanti all'esame.

<< Estrarrò casualmente le coppie che parteciperanno alla prima parte dell'esame. E' assolutamente vietato intralciare gli altri partecipanti, ferirli o far perdere loro tempo in qualunque modo. Se sarete scoperti ad infrangere questa regola sarete sbattuti fuori all'istante, spero vi sia chiara quest'unica regola. La prima parte dell'esame sarà un labirinto a coppia: parlate con il compagno che vi sarà affiancato, scoprite se possiede una abilità e, se ne possedete una anche voi, rivelategliela, e lavorate ad un modo che possa condurvi all'uscita nel minor tempo possibile. Ricordate che solamente le prime sedici coppie che raggiungeranno il traguardo potranno partecipare alla seconda, e ultima, parte dell'esame. >>
Disse Ehra, spiegando rapidamente le regole della sfida, camminando lentamente, e in tondo, davanti al suo pubblico.


<< Cosa?! Sedici coppie?  Solamente trentadue studenti passeranno l'esame? >>
Domandò Michael a nessuno, sorpreso dalle parole della donna, cominciando a preoccuparsi.

<< In realtà, di quei trentadue ne saranno accettati solamente la metà... >>
Gli disse Jessica, poco dopo.
Michael si voltò verso di lei, guardando la compagna con uno sguardo abbattuto e triste.

<< Non... Mi fa sentire di certo meglio... >>
Le disse, abbattendosi.


Passò poco tempo prima che Ehra cominciasse ad estrarre i nomi delle coppie dalla giara.
Jessica, non dovendo partecipare a quella prova, lasciò rapidamente il suo compagno, non dopo però avergli augurato buona fortuna.

Le coppie cominciarono lentamente a formarsi, l'estrazione durò almeno mezz'ora.
Ben presto, Michael venne a conoscenza del suo compagno.

I suoi capelli erano color castano, corti, e occhi del medesimo colore.
Indossava la sua stessa uniforme, ma aveva una benda rossa avvolta nella fronte.

Il ragazzo sollevò una mano in segno di saluto, per poi sorridere.

<< Hey, io sono Seryu Alcher. Tu sei Michael, giusto? >>
Gli domandò.


Seryu Alcher, figlio del tenente  Zibroi Alcher e originario di Mistral, diciassette anni.
Venne addestrato fin da ragazzo, dal padre, nella pratica delle arti marziali e della manipolazione del "Ki", un particolare tipo di energia che è, secondo loro, presente in ogni essere vivente.


<< Si, sono io. Puoi chiamarmi Mike, lo preferisco. >>
Gli rispose Michael, presentandosi a sua volta.

<< Come preferisci. Quale è la tua abilità? Può tornarci utile nel labirinto? >>
Gli domandò Seryu, incuriosito dalle capacità del compagno.

Michael si portò una mano dietro la nuca: la sua unica risposta fu una risatina isterica.
Seryu guardò il suo compagno con una espressione sorpresa, portandosi poi una mano davanti al mento.

<< Capisco, non ne possiedi una... >>
Gli rispose, pensieroso, abbassando lo sguardo.

<< Mi dispiace, spero di non esserti d'intralcio! >>
Si scusò il compagno, facendo un piccolo inchino, in segno di scusa, al ragazzo.

Seryu sollevò lo sguardo, sorridendo, per poi posare una mano sulla spalla di Michael.

<< Non preoccuparti, non è un problema: dopotutto, circa il sessanta percento dei partecipanti all'esame non possiedono abilità, quindi mi aspettavo un risultato simile. >>
Gli spiegò, cercando di sollevargli il morale.
Subito dopo, però, la sua espressione divenne più seria.

<< Però, se sei riuscito ad iscriverti, devi per forza eccellere in qualcosa... Anche solamente per prendere parte a questo esame bisogna essere fuori dalla norma... >>
Si domandò Seryu, incuriosito, e sospettoso, dalla risposta del compagno.

Michael non ci mise molto a rispondergli.

<< No, non ho veramente una abilità. Mio zio era un militare, anche lui senza abilità, quindi aveva già preso parte all'esame di ammissione alla Star molti anni fa. Gli ho chiesto aiuto, quindi mi ha allenato per permettermi di competere anche senza una abilità. >>
Gli rispose, divertito.

Lo sguardo di Seryu si fece cupo, incuriosito dalle parole del compagno.
Si portò una mano davanti alla bocca, pensieroso.

< Non ha davvero nessun tipo di abilità, o la sta nascondendo di proposito? No, non sembra stia mentendo... La sua aura non è distorta... >
Pensò, senza distogliere lo sguardo dal suo compagno neanche per un istante.

<< Anche se non possiedi un'abilità, devi per forza eccellere in qualcosa. Quindi quale è la tua specialità? >>
Gli domandò, incuriosito.

Michael incrociò le braccia, pensieroso, abbassando lo sguardo per qualche secondo.

<< Sono piuttosto difficile da buttare giù, se vale qualcosa. Fin da quando ero piccolo ho notato che ero molto più resistente della norma: non mi ferisco e stanco facilmente. >>
Gli rispose, divertito.

Seryu lo guardò con uno sguardo confuso e sorpreso, in silenzio.

<< Davvero? Tutto qui? Sei resistente? >>
Gli domandò, osservando Michael da capo a piedi.

< Effettivamente, ora che ci faccio caso, è molto più robusto di quanto possa sembrare... Suppongo che, in uno scontro corpo a corpo, potrebbe avere la meglio anche contro di me, se non usassi la mia abilità. >
Pensò subito dopo, incuriosito.

<< Beh, si... Non è poi sta gran cosa, ma mio zio mi ha detto che dovrebbe bastare. >>
Gli rispose Michael, grattandosi il capo e sorridendogli.

Seryu gli sorrise.

<< Scusami per tutte queste domande, ma volevo sapere con chi stessi avendo a che fare. Nonostante tu non possa aiutarmi a superare il labirinto, la mia abilità potrà farlo. >>
Gli spiegò.

<< Già, scusami ancora se non potrò dare una mano... >>
Michael si scusò di nuovo, deprimendosi.

<< Non preoccuparti, avevo previsto fin dal principio una situazione del genere. >>
Ripeté di nuovo il suo compagno, sorridendogli.

<< Comunque, la mia abilità consiste nella manipolazione del Ki. >>
Aggiunse subito dopo, assumendo un tono più serio.

Una espressione confusa apparve nel volto di Michael, il quale guardò il suo compagno con una strana smorfia.

<< Nella che? >>
Gli domandò, con un tono confuso.

<< Manipolazione del Ki. Il "Ki" è l'energia che scorre dentro ogni essere vivente. Tutti la possiedono, ma non tutti riescono ad usarla. Umani, animali, perfino i demoni e gli Spiriti  la possiedono. Chi, come me, è in grado di controllarlo, può anche vedere il Ki degli altri esseri viventi. Trattandosi dell'energia vitale di un individuo, superare certe soglie può anche portare alla morte dell'utilizzatore. Ciononostante, tramite un speciale allenamento, possiamo manipolarlo a nostro piacimento e sfruttare anche il massimo della nostra forza per brevi intervalli di tempo, senza causare danni elevati. >>
Sentendo quelle parole, Michael osservò il suo compagno con la bocca spalancata, i suoi occhi luccicavano.

<< Sembra così figo! Cosa ci potete fare? >>
Gli domandò, euforico.
Seryu ridacchiò.

<< Possiamo usare certi attacchi sfruttando la nostra stessa energia, praticamente. Possiamo anche percepire l'aura di chi è intorno a noi: più è intensa, più, allora, quella persona è forte. L'aura, che sarebbe la manifestazione del Ki, non si può vedere ad occhio nudo: solo chi è in grado di manipolare a dovere il Ki può vederla. Essa può crescere in vari modi: i più classici sono l'allenamento e sentimenti forti come la rabbia. >>
Gli spiegò, rispondendo rapidamente alla sua domanda.

<< E la mia come è? >>
Gli domandò Michael, incuriosito dalle parole del compagno, curioso di sapere di più su quella strana energia.

Lo sguardo di Seryu divenne improvvisamente serio: abbassò le braccia, portandole in parallelo al suo corpo.
Subito dopo chiuse le palpebre.

Michael, incuriosito e sorpreso dalla sua reazione, rimase in silenzio ad osservare il compagno con uno sguardo curioso.

Improvvisamente, una strana energia verde chiaro cominciò ad avvolgere Seryu.
Sembrava qualcosa di simile a delle fiamme, ma non emanavano nessun genere di calore, quantomeno bruciavano.

Non appena Seryu riaprii gli occhi, quella strana energia scomparve improvvisamente: i suoi occhi, però, brillavano di un acceso verde chiaro.
Michael rimase in silenzio ad ammirare quella scena, sconcertato da quello che era appena accaduto.

Seryu si voltò verso di lui, senza proferire parola: lo guardò in silenzio per qualche istante, poi chiuse di nuovo le palpebre.
In un battito di ciglia, i suoi occhi tornarono normali.

<< La tua aura è notevole: direi, simile alla mia. >>
Gli disse Seryu, sorridendo.
Michael era felice della risposta.


Non appena le coppie furono formate, Ehra si fece seguire dagli aspiranti studenti fin dentro l'istituto.
Arrivarono ben presto in un enorme giardino, dall'altro capo della scuola, dove vi era un gigantesco cubo verde al centro.
I suoi muri erano altissimi, di colore verde scuro, in legno.

<< Quello, se ve lo stavate chiedendo... >>
Cominciò a dire Ehra, attirando l'attenzione dei partecipanti all'esame, indicando l'enorme struttura alle sue spalle.

<< ... E' il labirinto. Ci sono nove entrate, tre per lato, e, ovviamente, una sola uscita nel lato restante: potete scegliere qualunque entrata preferite, non ci saranno differenze nella lunghezza dei percorsi. Ciononostante, ci sono più strade che portano all'uscita, quindi non sarete tutti costretti a seguire qualcun altro nel tentativo di raggiungerla. Non che vogliate fare una cosa del genere in ogni caso, visto che dovete arrivare fra i primi sedici per passare alla prossima prova. >>
Concluse, con uno sguardo cupo.

<< Nove entrate... Vogliono dividerci fin da ora... >>
Disse Michael, preoccupato dalle parole della donna.

<< Non ci sono differenze nei percorsi, comunque, quindi credo sia fatto solamente per non farci stare tutti nello stesso posto. Deve essere davvero un labirinto gigantesco se può ospitare più di mille partecipanti allo stesso tempo... >>
Rispose Seryu, incuriosito dalla prova.

<< Potete usare le vostre abilità come meglio preferite, ma ricordate due semplice regole: non interferite con gli altri studenti in nessun modo, e dovete per forza raggiungere l'uscita senza danneggiare i muri per aprirvi dei varchi e senza saltarli. Potete camminare, correre... Qualunque cosa vogliate, ma siete obbligati a rimanere incollati al terreno ai vostri piedi. >>
Aggiunse Ehra, spiegando le uniche regole della prova.


<< Quindi vogliono che tutti, nonostante le loro abilità, possano gareggiare sullo stesso piano... Interessante... >>
Borbottò Seryu, osservando il labirinto davanti a lui, mentre le persone cominciarono a disperdersi in tutte le direzioni, dividendosi tra le varie entrate del labirinto.

Una strana risatina attirò l'attenzione dei pochi presenti che stavano ancora decidendo cosa fare.

Un ragazzo dai capelli viola e gli occhi del medesimo colore stava guardando il labirinto con un ghigno divertito in volto.

<< E' davvero tutto qui? Ho paura che sarà ben più facile di quanto avessi immaginato. >>
Aggiunse poco dopo, schioccando le dita.

Improvvisamente il terreno ai suoi piedi cominciò a tremare:  una colonna di pietra uscì dal terreno, sollevando quel ragazzo verso l'alto, superando in altezza i muri del labirinto che si disperdeva davanti a lui.

Con un sorriso divertito in volto, cominciò a camminare in avanti, sotto gli occhi sorpresi dei presenti.
Dalla colonna che lo sollevò in cielo, cominciarono a comparire delle lastre in pietra che sorreggevano ogni suo passo, permettendogli di camminare senza problemi nel vuoto davanti a lui.

<< Ci vediamo all'uscita, lumache! >>
Esclamò, camminando con un passo fiero, divertito e ridendo di gusto.

Michael continuò ad osservare la scena per qualche secondo, con la bocca spalancata, prima di capire cosa fosse appena successo.

<< Quella è... Sicuramente un'entrata in scena di proporzioni megalitiche... >>
Disse Seryu, sorpreso dall'accaduto quanto il suo compagno.

<< H-Hey! Mi hai lasciato qui giù! >>
Esclamò un ragazzo ai piedi della colonna, probabilmente il compagno del ragazzo dai capelli viola.
Subito dopo una seconda colonna sollevò anche lui, permettendogli di camminare nel percorso preparato dal primo ragazzo.

<< Può farlo?! >>
Esclamò Michael, realizzando finalmente l'accaduto, voltandosi rapidamente verso Ehra con una espressione confusa.

Anche la donna era sorpresa dall'accaduto quanto i suoi studenti, e guardava sbalordita la scena che si stava sviluppando davanti ai suoi occhi.

<< Si... Non ha infranto le regole, dopotutto... Maledetti Ravier.... >>
Borbottò la donna, con un tono infastidito.

<< Davvero?! Non ha appena detto che non possiamo superare le mura del labirinto?! >>
Esclamò Michael, sorpreso dalla sua risposta.
Fu Seryu a rispondergli.

<< Quel ragazzo ha sfruttato una falla nelle regole che ci ha dato Ehra... "
Potete camminare, correre... Qualunque cosa vogliate, ma siete obbligati a rimanere incollati al terreno ai vostri piedi." questo è quello che ci ha detto. Non importa come lo guardi, sta ancora cammianando sul terreno che era ai suoi piedi... >>
Gli spiegò Seryu.
Il suo sguardo era preoccupato.

<< Sei serio.... ? >>
Gli domandò Michael, cominciando a deprimersi.

<< Non abbiamo tempo da perdere, andiamo. Le regole erano state pensate per farci rimanere tutti sullo stesso livello, ma a quanto pare ci sono ugualmente persone che possono sfruttarle a loro vantaggio. Muoviamoci! >>
Seryu si mosse rapidamente verso una delle entrate del labirinto, seguito a ruota dal suo compagno.

La prima parte dell'esame era ufficialmente iniziata.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-2, alla prossima e grazie dell'attenzione!

 








 

Ritorna all'indice


Capitolo 4
*** Capitolo 1-3: Un nuovo arrivato ***


Capitolo 1-3: Un nuovo arrivato


E così, la prima parte dell'esame di ammissione alla Star cominciò.
Tutti gli studenti entrarono finalmente all'interno dell'enorme labirinto con tutta l'intenzione di raggiungere il più in fretta possibile il traguardo, aggiudicandosi la partecipazione alla seconda metà.

Tutte le coppie si sparpagliarono in ogni direzione: quel posto era talmente grande che risultava difficile incontrare altre coppie durante il tragitto.

<< Questo posto è enorme! Come può esistere un qualcosa del genere?! >>
Esclamò Michael, guardandosi intorno con uno sguardo stupefatto e confuso.
Anche il compagno, Seryu, si guardò intorno, incuriosito da quel gigantesco labirinto.

<< Non credo lo abbiano costruito... Almeno, non a mano. >>
Spiegò al compagno, senza voltarsi, facendosi seguire da Michael.

<< Cosa vuoi dire? >>
Gli domandò rapidamente, sorpreso dalle sue parole.

<< Credo che sia stato creato con qualche genere di magia... Guardandolo dall'esterno non sembra abbastanza grande da contenere tutti i partecipanti, e i corridoi sono parecchio larghi... Facendo dei rapidi calcoli, è semplicemente impossibile: lo spazio usato dal labirinto non combacia per niente con quello richiesto per ospitare così tanti studenti, facendo anche in modo che non si incontrino nel mentre. >>
Seryu gli spiegò rapidamente la sua confusione, continuando a guardarsi intorno a ogni suo passo.
Il suo tono era serio e concentrato: i suoi occhi stavano brillando di nuovo di un verde intenso.

<< Seriamente? E come dovremmo raggiungere l'uscita, quindi? C'è qualche genere di soluzione? >>
Gli domandò il compagno, come risposta.

<< Non saprei... Sono sicuro che si tratti di un normalissimo labirinto, ma credo che sia stata Ehra stessa a crearlo. Qualche anno fa, mio padre mi disse che una delle Quattro Galassie di Avalon, Ehra, poteva manipolare anche lo spazio, creando delle "zone alterate" che sembravano molto più grandi di quanto non erano in realtà... Alcuni lo considerano come qualche genere d'illusione, lei non ha mai dato una vera spiegazione. Credo che questa sia una delle sue "creazioni", probabilmente stiamo camminando in tondo, in uno spazio aperto, nel tentativo di uscire dalla sua illusione senza rendercene conto. >>
La spiegazione di Seryu lasciò Michael senza parole: non riusciva nemmeno a credere che Ehra fosse in grado di fare una cosa del genere.
Era estatico.

<< E' fantastico! Ma... La tua abilità può aiutarci a uscire da qui? >>
Domandò Michael, euforico in un primo momento ma assumendo poi una espressione preoccupata.

Seryu sorrise.
<< Non preoccuparti, non c'è pericolo: con la mia abilità posso seguire persone anche per settimane, senza sapere neanche che direzione abbiano preso all'inizio. Quindi, fino a quando qualcuno raggiunge l'uscita, io posso seguire i suoi passi e arrivarci a mia volta. Non posso, quindi, raggiungere per conto mio l'uscita. >>
Spiegò rapidamente al compagno, con un tono divertito.

<< Oh! Ecco perché non eri infastidito con me... >>
Sospirò Michael, rallegrandosi alle parole del suo nuovo amico.

Seryu ridacchiò. 
<< Esattamente: sto, praticamente, facendo la stessa cosa che stai facendo tu con me. Sto seguendo qualcuno, solo che io devo usare la mia abilità per farlo. Per alcuni versi, la mia ragione è anche più patetica della tua. >>
Gli rispose.

Subito dopo Seryu si fermò di scatto, assumendo improvvisamente una espressione seria e facendo segno al suo compagno di fermarsi.
Si voltò lentamente verso di lui, portandosi un dito davanti alle labbra facendo segno a Michael di non aprire bocca.

Michael, senza fare domande, guardò Seryu con una espressione preoccupata, facendo ciò che gli aveva implicitamente chiesto.

Il ragazzo si inginocchiò lentamente nel terreno, toccandolo con una mano e chiudendo le palpebre: una strana energia verde cominciò a danzargli intorno per qualche secondo prima di sparire.

<< Dobbiamo sbrigarci, alcuni studenti hanno già raggiunto l'uscita. Credo di aver trovato una traccia: qualcuno è passato da qui prima di noi e sembra essersi unito a un piccolo gruppo di persone. >>
Disse Seryu, rialzandosi e incamminandosi rapidamente per quel labirinto con un passo sicuro.

<< Davvero?! Sai quanti? >>
Gli domandò Michael, sorpreso dalle sue parole.

<< Sembra almeno sei coppie, ma non sono sicuro. Qualcun altro è passato di qui e sembra essersi riunito con quelle persone, quindi suppongo sia arrivato all'uscita. >>
Rispose Seryu, con un tono preoccupato e accellerando il passo.

<< Uh?! Di già sei coppie!? Ma sono dodici studenti! >>
Esclamò Michael, portandosi le mani nei capelli, cominciando a perdere le speranze.

<< Lo so... Ci sono davvero persone assurde che stanno prendendo parte all'esame, se sono riusciti a raggiungere l'uscita in così poco tempo... >>
Concordò Seryu, digrignando i denti.


I due ragazzi continuarono a camminare per quell'enorme labirinto in silenzio, con il cuore in gola, preoccuppati dal non riuscire a passare l'esame.
Finalmente però, dopo almeno cinque lunghissimi minuti, raggiunsero l'uscita: non appena uscirono dal labirinto si ritrovarono davanti almeno una dozzina di ragazzi davanti a loro: erano ancora nel cortile esterno.
Vi erano anche alcuni insegnanti, notarono persino Ehra.

<< Ci siamo riusciti? >>
Balbettò Michael, guardando davanti a se con una espressione mista a felicità e preoccupazione.
Poco dopo il suono di una tromba pervase l'aria: sentendo dei strani rumori provenienti dalle loro spalle, Michael e Seryu si voltarono rapidamente.

Spalancarono gli occhi, increduli davanti a quella scena: il labirinto cominciò a scomparire lentamente davanti ai loro occhi come se fosse fumo, lasciando di stucco anche l'infinità di ragazzi che si trovavano ancora al suo interno, i quali si ritrovarono sparsi in mezzo a un enorme giardino.


<< Congratulazioni, studenti! Sembra proprio che abbiamo finalmente anche l'ultima coppia! >>
Esclamò Ehra, applaudendo, alle loro spalle.

Entrambi i ragazzi si guardarono in volto, divertiti e rallegrati.

<< Sembra che ci siamo riusciti... >>
Disse Seryu, incredulo.

Michael afferrò il suo compagno per le spalle, scuotendolo rapidamente.

<< Sei fantastico, Seryu! >>
Esclamò Michael, euforico, mostrando un enorme sorriso colmo di gratitudine al suo nuovo compagno.

<< N-Non ho fatto niente, davvero... Ho solamente seguito qualcun altro, non è niente che merita di essere elogiato. >>
Rispose Seryu, quasi imbarazzato dalla gratitudine mostrata dal suo compagno.

Michael scosse rapidamente la testa facendo un cenno di dissenso.

<< Uh-Uh! Se non fosse stato per te, non so se sarei riuscito a passare questa prova! E, magari, avrei dovuto riprovare l'anno prossimo... Ti devo un grosso favore, Seryu! Non ho fatto niente, non mi sento davvero di meritare questa vittoria... >>
Gli rispose, rattristandosi.

Seryu lo guardò per qualche istante in silenzio, diventando improvvisamente serio. Quelle parole gli erano fin troppo familiari... Erano parole che lo ferivano più di qualunque arma esistente, più forti di qualsiasi magia al mondo.
Il ragazzo digrignò i denti e strinse un pugno, per poi sollevare lo sguardo per un istante verso il cielo.

Michael lo guardò confuso per un istante, capendo che ci fosse qualcosa che non andasse.

< Ho trovato qualcuno come te, Marianne. >
Pensò Seryu, dopo aver preso un profondo respiro.
Poco dopo abbassò lo sguardo, sorridendo e posando una mano nella spalla di Michael.

<< E dove sta il problema? Sono più che sicuro che le tue doti risiedano in qualcos'altro. Se riuscirai a passare le prossime eliminatorie, allora non avrai nulla di cui preoccuparti: questa sarà una vittoria meritata. >>
Gli disse, cercando di sollevare il morale al suo compagno.
Michael ricambiò il sorriso, senza proferire parola: era grato a Seryu, non serviva aggiungere altro.


<< Mike! Miiiiike! >>
Una voce femminile rieccheggiò nell'aria, attirando l'attenzione dei due ragazzi.
Entrambi si voltarono sorpresi verso l'origine di quel rumore, solamente per notare una figura dai capelli rosa piombare su Michael per poi abbracciarlo con forza.

<< Woah! Jessy, cosa stai face-ehhhn! >>
Esclamò Michael, sorpreso, cadendo poi a terra a causa della forza con cui la sua compagna gli era saltata addosso.

<< State bene?! >>
Esclamò Seryu, porgendo una mano al suo compagno, preoccupato dall'accaduto.

Michael si sedette nel terreno, dolorante, portandosi una mano dietro al capo e massaggiandosi lentamente.

<< Cosa c'è di sbagliato in te, Jessy? >>
Domandò il ragazzo, ancora dolorante.

<< Sono così felice tu sia passato! >>
Esclamò la ragazza stringendo forte la mano del ragazzo.

Seryu guardò la scena in silenzio per qualche secondo, sorpreso, per poi ridere sotto i baffi.

<< Do per scontato, ormai, che vi conosciate... Sei la sua ragazza, per caso? >>
Domandò a Jessica, divertito.

La ragazza divenne improvvisamente rossa in volto, evitando lo sguardo dei due ragazzi.

<< A-Assolutamente no! Non sarei la sua ragazza neanche morta! >>
Esclamò.

<< No... Non c'è quel genere di rapporto tra noi... Ci conosciamo da quando eravamo piccoli, è come una sorella per me. >>
Rispose Michael, ancora dolorante.
Jessica lo guardò per un istante con uno sguardo furioso, prima di voltarsi infastidita.

<< Eheh... Gli amici d'infanzia non vincono mai, alla fine... >>
Disse Seryu, ridendo sotto i baffi.

<< Comunque, chi sei tu? >>
Domandò Jessica a quel ragazzo che non aveva mai visto prima.

<< Il mio nome è Seryu Alcher, provengo da Mistral. Ero il partner di Michael, lo ho aiutato a superare la prova. >>
Si presentò rapidamente, facendo un rapido inchino.

<< Oh! >>
Esclamò Jessica, entusiasta.

<< Ti ringrazio! Io sono Jessica Rosefield, piacere di fare la tua conoscenza! >>
Aggiunse poco dopo, sollevandosi da sopra il suo compagno e presentandosi in maniera formale.

<< Il piacere è tutto mio. >>
Le rispose Seryu, sorridendole.

Michael guardò la coppia in silenzio per qualche secondo, per poi sbuffare.

<< Hey, io sono ancora qui: smettete di flirtare. >>
Disse, quasi infastidito.


Poco dopo qualcun'altro cominciò a muoversi verso il gruppo, qualcuno che avevano già visto tempo addietro.
Un ragazzo dai capelli viola si mosse lentamente verso il trio: il suo sguardo era fisso su di loro, stava completamente ignorando chiunque fosse intorno a lui.
Il suo passo era lento e fiero.

<< Oh... Per qualche motivo mi ero completamente scordata di lui... >>
Disse Jessica, con un tono preoccupato, riconoscendo il ragazzo che si stava lentamente avvicinando a loro.
Uno sguardo preoccupato apparve rapidamente nel suo volto.

<< Lady Jessica? Non dovrebbe allontanarsi così precipitosamente da me, senza nemmeno avvertirmi prima. >>
La rimproverò il ragazzo, arrivando finalmente davanti al trio.

<< E' tutto ok, Xane... Volevo solamente salutare un mio amico che ha passato l'esame, tutto qui... >>
Rispose la ragazza, visibilmente tesa.
Dopo aver ascoltato le parole della ragazza, il nuovo arrivato si voltò lentamente verso i due compagni.
Si portò una mano davanti al mento, incuriosito dalla loro presenza.

<< Con chi ho il piacere di parlare? >>
Domandò poco dopo.



Quella si sarebbe rivelata una persona che mai avrebbero dimenticato.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-3, alla prossima e grazie dell'attenzione!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 5
*** Capitolo 1-4: Xane Ravier ***


Capitolo 1-4: Xane Ravier


<< Il mio nome è Seryu Alcher. E' un piacere incontrarti. >>
Il primo a presentarsi fu Seryu, porgendo una mano al nuovo arrivato e sorridendo.

<< Oh! Mi ricordo di te. >>
La risposta del ragazzo non tardò ad arrivare. Strinse rapidamente la mano di Seryu, ricambiando il sorriso.

<< Ti ricordi di me? >>
Ripeté Seryu, sorpreso dalle parole del nuovo arrivato.

<< Non credo ti ricordi di me, in fin dei conti non ci siamo incontrati quel giorno... Ciononostante ho potuto osservarvi mentre tu e tuo padre parlavate con il mio. >>
La sua spiegazione fece illuminare il volto di Seryu, il quale guardò il suo interlocutore con uno sguardo sorpreso.

<< Oh! Sei il figlio del Generale Ravier? Mi dispiace, non ti ho riconosciuto... >>
Seryu fece un rapido inchino davanti al ragazzo in segno di scusa.

<< Non serve arrivare a tanto, non preoccuparti, non serve tu sia così formale. >>
Gli disse il ragazzo, provando a rassicurarlo.
Poco dopo, però, il suo sguardo divenne dispiaciuto.

<< Condoglianze per tuo padre, piuttosto... >>
Aggiunse poco dopo, abbassando lo sguardo con una espressione addolorata.
Anche nel viso di Seryu apparve improvvisamente uno sguardo triste.

<< Grazie, lo apprezzo molto... >>
Gli rispose, senza però incrociare il suo sguardo.

<< Tuo... Padre è... ? >>
Domandò Jessica, rattristandosi, senza finire la frase.
Seryu non le rispose.

<< Sfortunatamente, il padre di Seryu è passato a miglior vita a causa di una malattia, credo circa una settimana fa. Pare sia stato infettato da qualche malattia grave durante uno dei suoi innumerevoli viaggi alla ricerca della sua figlia adottiva... Erano venuti a chiedere aiuto a mio padre, qualche anno fa, per cercarla anche qui ad Avalon. Non abbiamo avuto fortuna, purtroppo. >>
Rispose il ragazzo dai capelli viola, spiegando la situazione alla compagna.

<< Oh... >>
Fu l'unica risposta di Jessica.

<< Non c'è motivo di fare questi musi lunghi... E' successo, dobbiamo continuare ad andare avanti. Lui stesso mi ha detto di non lasciarmi abbattere. >>
Disse Seryu facendo comparire un grosso sorriso nel suo volto, guardando i suoi compagni uno per uno.

<< Sono triste, ovviamente, ma non posso fermarmi. Sono venuto qui con un preciso obiettivo in mente... Non posso permettermi il lusso di fermarmi a piangere, devo andare avanti. >>
Continuò.

<< Hai ragione! Dobbiamo andare avanti, onorando di chi non c'è più! >>
Esclamò Michael, concordando con le parole del suo amico.

Seryu fece una sottile risatina.

<< E' giusto. >>
Gli rispose, divertito.

< Sarà anche giusta, ma era un'affermazione piuttosto banale... >
Pensò Xane.
Subito dopo fece un verso sorpreso, quasi come se si fosse ricordato di qualcosa.

<< Questo mi ricorda di chiederti chi tu sia... Non credo di averti mai visto prima d'ora. >>
Domandò a Michael, incuriosito da chi fosse.

<< Michael Jeremy Rider. Puoi chiamarmi Mike! >>
Xane lo fissò intensamente, in silenzio, per qualche istante, con uno sguardo incuriosito e sospettoso.
Pochi istanti dopo, una espressione confusa apparve nel suo volto.

<< Non sei nessuno, sei un popolano. Ecco perché non riuscivo a capire chi fossi, non sei un nobile. >>
Poco dopo si voltò verso Jessica, con uno sguardo quasi infastidito.

<< Jessica, non dovresti sprecare tempo con le persone comuni. Non giova la tua immagine. >>
Le disse.

<< Hey... 
Non mi interessa chi tu sia, ma non hai nessun motivo per parlare così!>>
Il tono di Michael divenne serio e infastidito: non aveva assolutamente gradito quelle parole.

<< Mh? Per quale motivo? Ho per caso detto qualcosa di falso? >>
Gli domandò Xane, stranamente sorpreso dalla reazione di Michael.

<< Non è quello il punto! >>
Esclamò Mike in risposta.

Prima che la cosa potesse degenerare, Jessica corse in mezzo ai due ragazzi.

<< Ok, basta così voi due! Accidenti, questo è esattamente il motivo per cui non volevo farvi incontrare!  >>
Disse la ragazza, intromettendosi nella discussione e cercando di far calmare i suoi compagni, dopo aver sospirato.

<< Non è colpa mia se questo tipo reagisce in modo eccessivo per niente. >>
Le rispose Xane, in sua difesa, con le braccia conserte.

<< "Questo tipo"?! "Per niente"?! Chi ti credi di essere? >>
Esclamò Michael, sempre più infastidito dal tono e dalle parole del ragazzo.

<< Duh! Sono Xane Ravier, e non sto dicendo qualcosa di falso: non sei un nobile, non capisco perché tu ti stia scaldando tanto. Santo cielo... >>
Gli rispose Xane, sempre più stupito dal comportamento di Michael.

<< Ho detto basta! >>
Esclamò Jessica, di nuovo, guardando Xane con uno sguardo infastidito.

< Perché sembra se la stia prendendo con me? >
Pensò Xane, sorpreso dallo sguardo con cui la sua compagna lo stesse fissando.

<< Xane, non importa se quello che hai detto sia vero o meno, sei stato maleducato nel modo in cui lo hai detto! >>
Disse Jessica al ragazzo.

Xane si accarezzò i capelli, evitando lo sguardo della ragazza.

<< Va bene, va bene... Ho capito... Mi dispiace, ok? Non era mia intenzione offendere nessuno, davvero. >>
Le rispose, sbuffando.
Subito dopo posò lo sguardo su Michael, il quale lo stava fissando intensamente in silenzio, con una espressione infastidita e le braccia conserte.

<< Suppongo abbiamo iniziato con il piede sbagliato, quindi permettimi di sistemare le cose... >>
Gli disse, porgendogli la mano e sorridendo.
Michael la guardò sospettoso.

<< Mi chiamo Xane Ravier. Sono, uhm... Felice di conoscerti. >>
Si presentò, di nuovo, stavolta in maniera più amichevole.
Michael continuò a guardare quel ragazzo dai capelli viola con uno sguardo dubbioso e diffidente, senza porgergli la mano.

Jessica si avvicinò rapidamente a lui, attirando la sua attenzione.

<< Non preoccuparti: all'inizio può non dare una bella impressione, ma ti assicuro che è una brava persona. >>
Gli disse, cercando di convincere il suo amico.
Michael, seppur ancora cauto, gli strinse finalmente la mano.

<< Michael Jeremy Rider. Il piacere è tutto tuo. >>
Gli rispose, con un tono serio.

<< Mike! >>
Lo rimproverò Jessica, facendo una smorfia.

<< Ohoh! Facciamo i difficili, eh? Non devo per forza piacerti, ma lascia che ti dica che non volevo davvero insultarti. E' solo... Che... >>
Dopo aver pronunciato quelle parole, Xane abbassò lo sguardo.
Era diventato improvvisamente più triste.

<< Non... Sono proprio abituato a parlare con persone normali. Non perché io non voglia, ma... Mio padre è piuttosto severo con le persone con cui mi permette di rimanere. Non ho nulla contro di te, e spero tu non abbia nulla contro di me. >>
Continuò, lasciando andare la mano di Michael e dando le spalle al trio.

<< Ci conviene muoverci, comunque. Non credo ci vorrà molto prima che Ehra cominci a nominare le coppie che si scontreranno nel torneo uno contro uno. >>
Disse, salutando il piccolo gruppo con il dorso della mano, allontanandosi lentamente da loro.


Il trio seguì Xane a ruota, notando che tutti i partecipanti alla seconda prova si stavano radunando nello stesso punto, in attesa che Ehra parlasse.
La donna, dopo aver controllato che ci fossero tutti, si mosse verso una seconda anfora preparata in precedenza, identica alla prima.

<< Benissimo. Per prima cosa, complimenti a tutti voi per aver passato la prima sfida, ma non avete ancora il lusso di rilassarvi: la parte difficile comincia adesso, quindi dovrete dare il massimo per dimostrarmi che siete all'altezza del mio istituto. La seconda prova sarà una semplicissima sfida uno contro uno, simile a un torneo, ma una volta che sconfiggerete il vostro avversario passerete l'esame. Potete usare le vostre abilità come meglio preferite: non avete limiti. Ovviamente, non ferire mortalmente i vostri avversari: un tale comportamento non sarà punito con la semplice squalificazione. Io stessa farò da giudice e, se necessario, potrò squalificarvi nel mezzo dello scontro. >>
Disse la donna, spiegando brevemente la seconda parte della sfida.
Subito dopo il suo sguardo cadde sui ragazzi davanti a lei, su una persona in particolare.

<< Considerando che alcuni di voi sono stati in grado di sfruttare le regole della prima prova a loro vantaggio, questa volta non accetterò nulla che possa avvantaggiare un partecipante al posto di un altro. I metodi per vincere sono semplici, quelli di un normale torneo: vincete se il vostro avversario si arrende, se gli fate perdere i sensi o se esce al di fuori di una certa area prestabilita. >>
Continuò la donna, indicando una zona in pietra alle sue spalle nel mezzo del vasto giardino in cui si trovavano.

Era un quadrato in pietra grigia, levigata.

<< Estrarrò le coppie che si scontreranno casualmente. Buona fortuna a tutti voi. >>
Concluse, muovendosi finalmente verso l'anfora.


Silenzio.
Nessuno provò neanche ad aprire bocca: tutti continuarono a osservare Ehra in silenzio, aspettando che finalmente estraesse i nomi dei primi due sfidanti.
Finalmente, afferrò due piccoli foglietti bianchi.

Un ghigno divertito apparve nel suo volto, non appena lesse i nomi.


<< In realtà, sono davvero eccitato! >>
Disse Michael, attendendo ansioso che Ehra pronunciasse i nomi dei due sfidanti.

Seryu si voltò verso di lui, sorpreso dalle sue parole.

<< Seriamente? >>
Gli domandò, divertito.

<< Anche se non sarò il primo a combattere, potrò ugualmente assistere agli altri scontri! Sono davvero curioso di cosa possano fare gli altri partecipanti! >>
Rispose Michael, con uno sguardo estatico.

Seryu ridacchiò sottovoce.


<< Il primo incontro vedrà: Tesla Heiner contro Xane Ravier. >>
Disse Ehra, appoggiando i foglietti di carta sopra un tavolo e dirigendosi lentamente verso il ring di pietra.


<< Oh cielo... >>
Disse Xane, con un tono divertito, portandosi una mano davanti alla bocca.
Sia Michael che Seryu notarono la sua strana reazione.

<< ... Non ci credo che non sia stato fatto di proposito. Eheh... >>
Aggiunse subito dopo, divertito, muovendosi in direzione del ring.

Venne ben presto raggiunto da un secondo ragazzo: più alto e robusto di lui, il suo sguardo era furioso e aveva una espressione altrettanto minacciosa in volto.
I due ragazzi si fermarono sopra al ring, l'uno davanti all'altro, guardandosi dritti negli occhi.
Tesla digrignò i denti e strinse i pugni, mentre Xane a stento riuscì a trattenere una risatina.


<< Cosa c'è di così divertente?! >>
Domandò al suo avversario, infastidito dal suo comportamento.
Si conoscevano già.

<< Oh, niente, non farci caso. >>
Rispose Xane, abbassando la mano e mostrando un sorriso divertito al suo avversario.

Tesla fece un verso infastidito.

<< Vedremo se riderai ancora dopo che ti avrò fatto a pezzi. >>
Disse, con un tono agitato.

<< Minaccioso. >>
Fu l'unica risposta di Xane.


Tesla era più alto del suo avversario, lo guardava letteralmente dall'alto in basso.
I suoi capelli biondi gli scendevano fin dietro le spalle. Indossava la stessa divisa di Xane e Michael, però aveva un ciondolo raffigurante una saetta appeso nel collo.

Xane continuò a guardare Tesla dritto nei suoi occhi celesti, in silenzio e senza smettere di ridacchiare fra se e se.


<< Potete cominciare! >>
Esclamò Ehra, dando finalmente il via al primo scontro.


<< Finalmente posso prendere a calci uno della famiglia Ravier. Sarà un'esperienza che non dimenticherò facilmente. >>
Disse Tesla, muovendosi lentamente e minacciosamente verso il suo avversario.

<< Ohoh, concordo con te... Ma ho paura che non andrà esattamente come vorresti. Non dimenticherai questa giornata, però, questo è sicuro. >>
Gli rispose Xane, portandosi una mano davanti al mento e sorridendo al suo avversario.

Tesla continuò a fissare Xane con una espressione furiosa, digrignando i denti.

<< Sei uguale a tuo padre.... Convinto di essere sempre uno scalino sopra ai tuoi avversari, quando in realtà valete meno di zero! >>
La faccia di Tesla divenne improvvisamente rossa, e un verso animale uscì dalla sua gola mentre si scagliò verso il suo avversario non appena egli evitò il suo pugno, spostandosi di lato.

Osservò in silenzio il ragazzo dai capelli viola mentre sorrise, per poi ringhiare dalla rabbia.
Provò a colpirlo con un secondo colpo, stavolta dato con il dorso della sua mano, ma anche questo mancò il bersaglio.
Prima che potesse reagire, Xane lo colpì in pieno volto con il palmo della sua mano, facendolo indietreggiare lentamente.

<< Credi davvero di potermi battere in questo modo? Smetti di agire come un animale e comincia a pensare, Tesla. >>
Gli disse Xane, divertito.

Tesla si portò una mano davanti al volto, per poi ringhiare come un cane inferocito.
Si lanciò di nuovo verso Xane, provando a colpirlo nello stomaco con un calcio.

Anche questo tentativo andò a vuoto: il ragazzo dai capelli viola si scansò di lato, per poi far perdere l'equilibrio a Tesla con una spazzata.

<< Quindi? Abbiamo finito con il riscaldamento? >>
Domandò Xane, con un tono deluso, osservando il suo avversario mentre cadde nel terreno.

Tesla colpì il ring di pietra con un pugno, mentre si rialzò lentamente.
Non era ferito fisicamente, ma era visibilmente frustrato dal comportamento superbo del suo avversario.
Continuò a guardarlo in silenzio, ringhiando e ansimando.


Dopo qualche secondo di silenzio, Tesla si rialzò in piedi.
Il suo sguardo era furioso, tremava. 
Improvvisamente delle scariche elettriche cominciarono ad avvolgere il suo corpo per intero, mentre le vene in tutto il suo corpo cominciarono a ingrossarsi e a pulsare intensamente.

Una espressione soddisfatta apparve nel volto di Xane.

<< Ah, finalmente! Cominciavo a pensare che non sarebbe stato neanche divertente. >>
Disse, sorridendo.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-4, alla prossima!












 

Ritorna all'indice


Capitolo 6
*** Capitolo 1-5: Il primo eliminato ***


Capitolo 1-5: Il primo eliminato
 


Tutti rimasero stupidi dalla rapidità con la quale si mosse Tesla, persino Ehra.
In appena un battito di ciglia apparve davanti a Xane, lasciando persino lui di stucco. Non esitò neanche un istante: colpii il ragazzo dai capelli viola dritto nel volto con un forte pugno, facendolo cadere nel suolo.

Tesla rimase in silenzio a fissare il suo avversario con una espressione infastidita, mentre delle scariche elettriche continuavano ad avvolgere braccio con cui aveva colpito il suo avversario.

<< Rialzati. Non ho neanche iniziato. >>
Disse, innervosito.

Xane si rialzò lentamente dal suolo, ridacchiando, sotto gli occhi stupiti dei presenti.


<< Non è possibile che si regga ancora in piedi dopo quel colpo... E' assurdo! >>
Esclamò Michael, sorpreso da quella scena.


Xane si voltò verso Tesla, sorridendo, reggendosi il volto con una mano.

<< Amico, come facevi a sapere fossi debole al solletico? >>
Gli domandò.
Non appena abbassò la mano, della sabbia cadde dal suo volto.

Tesla digrignò i denti, infastidito dal fatto che il suo attacco non avesse avuto effetto.

<< Sembri sorpreso, lascia che ti spieghi... >>
Aggiunse Xane, sollevando un dito verso l'alto.

<< Posso, se necessario, ricoprire il mio corpo con una sottile armatura di sabbia che mi permette di ridurre drasticamente i danni fisici che subisco. E, come ciliegina sulla torta, riduce anche eventuali danni che subirei da qualsiasi abilità di tipo elettrico. >>
Spiegò, divertito.


<< Uh. Conveniente. >>
Esclamò Seryu, sorpreso dalla spiegazione del ragazzo.

<< Significa che... >>
Continuò Michael, senza però finire la sua frase.
Avevano entrambi capito cosa significasse, non era qualcosa di difficile da intuire.

<< Già... Tesla usa abilità basate sull'elettricità, in più combatte corpo a corpo. Questa "Armatura di sabbia" che Xane può creare riduce drasticamente i danni che subisce dal suo avversario: non mi stupisce più che si sia rialzato quasi illeso dopo un attacco così rapido e forte. >>
Concluse Seryu.


<< Oh, ma non disperarti: sei riuscito quasi a romperla con un semplice pugno. Sono sicuro che se ti impegni, sei in grado di nullificarla. Ma, ovviamente, solo se io mi lascerò colpire di nuovo. >>
Continuò Xane, mostrando un sorriso beffardo al suo avversario.

<< Non prenderti gioco di me! >>
Tesla divenne rosso in volto, portando una mano in avanti.
Il suo braccio venne rapidamente circondato da una gigantesca quantità di scariche elettriche, poi un grosso fulmine uscì dal palmo della sua mano, dirigendosi verso il suo bersaglio.

Xane sorrise, per poi sollevare due dita verso l'alto.
Un grosso e robusto muro di terra di alzò davanti a lui, nullificando l'attacco di Tesla, il quale digrignò i denti non appena notò che il suo attacco era andato a vuoto.

<< Uh-uh. Terra batte Tuono. >>
Canticchiò Xane, facendo un gesto negativo con un dito.

Tesla era furioso: una vena nel suo collo cominciò a pulsare istericamente, cominciando anche a respirare rapidamente prendendo piccoli respiri.

<< Ti ammazzo! >>
Urlò, furioso, scattando verso Xane.

<< Nope. >>
Rispose Xane, schioccando due dita.
Improvvisamente una gigantesca radice sbucò dal terreno, afferrando Tesla per una gamba e bloccandolo sul posto.

<< Cosa diavolo-?! >>
Esclamò, confuso e infastidito.

<< Sai, se smettessi di agire così impulsivamente, senza neanche pensare, e cominciassi a lavorare su un piano d'azione, sono sicuro che saresti anche più ostico da buttare giù. >>
Le parole di Xane non fecero di sicuro calmare il suo avversario, il quale lo guardò con uno sguardo furioso.

<< Oh bè. Suppongo che quando qualcuno è furioso smette inconsciamente di pensare. Ecco, prendi: per calmare i tuoi bollenti spiriti. >>
Aggiunse il ragazzo dai capelli viola, ridacchiando.
Poco dopo una grossa bolla d'acqua apparve sopra il capo di Tesla, cadendogli subito dopo addosso, inzuppandolo da capo a piedi.



<< Si sta... >>
Michael era talmente sorpreso e confuso dal comportamento di Xane che non riuscì neanche a finire la sua frase.

<< ... Prendendo gioco di lui, si.... >>
Fu Seryu a completare la sua affermazione, senza distogliere neanche per un secondo lo sguardo dai due avversari.



Delle scariche elettriche avvolsero di nuovo il corpo di Tesla, per poi riversarsi sulla radice che avvolgeva la sua gamba: la mandarono in pezzi, liberando finalmente il ragazzo dalla presa del suo avversario.

Subito dopo si lanciò verso Xane a tutta velocità, avvolgendo i suoi pugni con scariche elettriche.
Prima che potesse raggiungerlo, però, cadde improvvisamente al suolo come un sacco di patate, sotto gli occhi stupiti dei presenti.

<< E, signore e signori, l'incontro è finito. >>
Disse il ragazzo dai capelli viola, osservando intensamente Tesla fermo nel suolo.


<< Cosa è successo?! >>
Domandò Michael, sorprendendosi.

<< Quella è l'abilità che ha ereditato da sua madre... >>
Rispose Jessica, attirando anche l'attenzione di Seryu, il quale sembrava molto interessato dalle sue parole.

<< In cosa consiste? >>
Le domandò, incuriosito.

<< Non ne conosco tutti i dettagli, ma so che può aumentare la gravità a piacimento in una zona bersaglio. >>
Spiegò Jessica, lasciando entrambi i ragazzi senza parole.

<< Davvero?! >>
Esclamò Michael, sorpreso.

<< E' un'abilità incredibilmente potente, specialmente in uno scontro uno contro uno come questo. >>
Disse Seryu, incredulo.


<< Non direi. >>
Disse Xane, rispondendo a Seryu.

< Mi... Ha sentito da li? >
Pensò, sorpreso dal fatto che Xane lo avesse sentito.

<< Ma non credo mi soffermerò a spiegare le debolezze della mia abilità: non sarebbe una scelta saggia in questo momento, non credi? >>
Aggiunse poco dopo, divertito, senza smettere di fissare Tesla bloccato nel terreno, il quale continuava disperatamente a provare a rialzarsi.

<< No-no, rilassati. Se fossi in te non farei troppi movimenti in queste circostanze: stai subendo una gravità quattro volte superiore alla norma, sei fortunato che le tue ossa non ti abbiano trapassato gli organi. Cerca di non ferirti da solo, altrimenti rischio di essere squalificato. >>
Disse il ragazzo, notando i movimenti del suo avversario.


<< C'è qualcosa che mi turba... >>
Le parole di Seryu attirarono l'attenzione di Michael e altri presenti.


<< Che ne dici, Ehra, poniamo fine allo scontro? E' ovvio che non possa muoversi, quindi puoi dichiararmi vincitore. >>
Neanche stavolta, nonostante si stesse rivolgendo a Ehra, smise di fissare intensamente il suo avversario.
Anche Michael notò questa cosa.

<< Hey, credo di aver capito cosa intendi... >>
Disse al compagno, voltandosi verso di lui.

<< Non ha smesso di fissare il suo avversario neanche per un istante, da quando è caduto al suolo. In più, ho notato che fino ad ora non ha sbattuto le palpebre neanche una volta. >>
Aggiunse Seryu, continuando a osservare la scena con le braccia conserte.

Mike fece un verso sorpreso, spalancando occhi e bocca, incredulo.

<< Davvero?! >>
Esclamò, voltandosi di nuovo verso Xane.

<< Non ci avevo neanche fatto caso... >>
Aggiunse poco dopo, osservando intensamente il ragazzo dai capelli viola.



<< Col cazzo! >>
L'urlo di Tesla riempì l'aria.
Anche Xane smise di sorridere.

<< Non serve essere così scurrili, suvvia. >>
Aggiunse Xane, con un tono dispiaciuto.

<< Non finirà fino a quando non mi farai arrendere! >>
Continuò, con un tono frustrato, sollevando lentamente lo sguardo verso il suo avversario.

<< Non mi serve che tu ti arrenda, mi serve solo che Ehra mi dichiari vincitore. >>
Gli rispose Xane, con le braccia conserte.

Poco dopo, uno strano sorriso apparve nel suo volto.

<< Non mi serve... Ma potrei fartelo fare... >>
Aggiunse subito dopo.
Tesla lo guardò con uno sguardo confuso.

Non appena pronunciò quelle parole, Tesla lanciò un forte urlo.

<< Facciamo un giochino, che ne dici? Ogni dieci secondi aumenterò di una volta l'intensità del campo magnetico che ti circonda: vediamo quanto il tuo orgoglio e la tua rabbia prevarranno sul tuo buonsenso. >>
Aggiunse poco dopo.


<< Non può dire sul serio... >>
Disse Seryu, scioccato dalle sue parole e dalla sua brutalità.

<< Xane, no! >>
Urlò Jessica al compagno, senza però avere nessun effetto.

<< Lo ucciderà... Gli schiaccerà le ossa... >>
Aggiunse Michael, scioccato.


Tesla cominciò a emettere strani versi di dolore gutturali, mentre continuava inutilmente a provare a rialzarsi.

<< Siamo a cinque, possiamo andare a sei? >>
Domandò Xane, divertito.



<< Basta così! >>
Fu Ehra a porre fine all'incontro prima che potesse degenerare.
Si avvicinò con passo infastidito verso i due partecipanti, fermandosi poco davanti a Xane.

<< E' già la seconda volta che mi provochi, Xane Ravier. >>
Lo rimproverò, infastidita.

Il ragazzo sollevò le mani verso l'alto, facendo segno di resa.

<< Non ho rotto le regole, non lo avrei fatto in ogni caso: non mi sarei spinto oltre un certo limite. >>
Le rispose, giustificandosi.

<< Non ti darò una terza chance, sono stata chiara? >>
Domandò la donna, innervosita, al ragazzo.
Xane rispose con un cenno positivo del capo.

Subito dopo la donna si mosse verso Tesla, inchinandosi davanti a lui.
Nel mentre, il ragazzo riuscì a sedersi nel terreno, dolorante, respirando faticosamente.

Ehra lo controllò per qualche secondo, prima di voltarsi di nuovo verso Xane.

<< Non è in condizioni di continuare lo scontro. Xane Ravier è il vincitore. >>
L'incontro tra i due partecipanti durò appena meno di un minuto... Eppure, per Tesla, quel minuto sembrò un'infinità.

Non riusciva ad accettarlo, nel profondo.


<< Lascia che ti dica una cosa, Tesla. >>
Gli disse Xane, attirando la sua attenzione.
Tesla lo fissò in silenzio, con uno sguardo furioso e ancora dolorante.

<< Comincia a pensare più lucidamente e non lasciarti accecare dalla rabbia per me o mio padre, o entrambi. Non mi interessa quale delle tre opzioni. >>
Gli disse, lasciandolo di stucco.

<< Se avessi esaminato la situazione più lucidamente, avresti notato le grosse falle nella mia abilità: in primis, non posso smettere di fissare intensamente il mio obiettivo, altrimenti l'effetto scompare. Il che significa che avresti potuto accecarmi con qualche fulmine per liberarti dal mio attacco. >>
Continuò, rivelando al ragazzo le debolezze della sua abilità.
Tesla era sconcertato.

<< Infatti, anche solo sbattere le palpebre fa finire l'effetto. Motivo per cui devo usare una magia d'acqua per idratare i miei occhi senza sbatterle. Seconda cosa, non potevo causarti danni permanenti e/o letali. Se avessi semplicemente pensato alle regole che ci ha dato Ehra poco fa, te ne saresti ricordato. Ma eri troppo concentrato nell'infuriarti per farci caso. Pensa di più, agisci di meno. E, forse, la prossima volta mostrerai uno scontro degno di quel nome. >>
Dopo aver detto quelle parole, Xane diede le spalle al suo avversario, tornando al fianco di Jessica e i suoi due nuovi compagni.

Il suo sguardo era serio.

Seryu lo fissò in silenzio per qualche secondo, incuriosito dal suo comportamento, prima di rivolgergli finalmente la parola.

<< Stavi... Cercando di aiutarlo? >>
Gli domandò.
Quella domanda lasciò Xane di stucco, non gli rispose subito.

<< Io? Aiutarlo? Nah, volevo solamente umiliarlo. >>
Gli rispose ridacchiando.

Seryu lo guardò di sbieco, con una espressione incredula e infastidita.
Xane smise ben presto di sorridere.

<< Odio quando il potenziale viene sprecato. Il modo migliore per imparare dai propri errori è quando questi ultimi ti fanno molto male. Ecco cosa penso, ed è proprio il motivo per cui lo ho fatto. >>
Disse Xane, evitando gli sguardi dei suoi nuovi compagni.

<< Non hai esagerato? >>
Gli chiese Jessica, preoccupata per Tesla.

Xane sorrise.

<< Non mentivo quando ho detto di volermi divertire. >>
Le rispose.


<< Voi, smettete di parlare. >>
Esclamò Ehra, guardando Xane e il suo gruppetto con uno sguardo infastidito.

<< Proseguiamo con le eliminazioni. >>
Aggiunse subito dopo.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-5, alla prossima, grazie dell'attenzione!

PS: I capitoli saranno per un po' meno frequenti, ma sempre almeno uno a settimana, causa alcuni problemi personali.
Si spera che presto possa riprendere a scriverne due settimanali, sia di Shadows of Gaia che di Arcadia (che vi consiglio di iniziare, se non lo avete fatto, visto che in futuro *potrebbe* avere qualcosa a che fare con questo racconto).





 

Ritorna all'indice


Capitolo 7
*** Capitolo 1-6: Simili ma Diversi ***


Capitolo 1-6: Simili ma Diversi


Gli incontri proseguirono ancora per circa un'ora, senza che né Michael né Seryu venissero chiamati. Nonostante fossero entrambi molto incuriositi da vedere gli altri partecipanti in azione, non riuscivano più ad aspettare il loro turno.

Michael si guardava intorno, ansioso, osservando intensamente tutti i partecipanti che dovevano ancora prendere parte agli scontri, cercando d'intuire chi sarebbe stato il suo avversario.

<< Dovrò sfidare quello? O magari lui? Oh! Quell'altro sembra molto forte! >>
Il ragazzo continuò a parlare a nessuno, senza smettere di fissare gli altri partecipanti, i quali non sembravano molto felici di ricevere tutte quelle attenzioni da uno sconosciuto.

<< Dovresti calmarti un pochino: quando sarà il tuo turno scoprirai il tuo avversario. In più, non dovresti sperare di andare contro concorrenti troppo abili, senza un'abilità. >>
Lo rimproverò Seryu, cercando di farlo rilassare.
Michael si voltò verso di lui, con una espressione sicura in volto.

<< Ma voglio una sfida! Confido nelle mie capacità! >>
Gli rispose, stringendo forte un pugno davanti al suo stesso volto e sorridendo.

Seryu sospirò, incrociando le braccia davanti al petto.

<< O sei terribilmente incauto, o mi stai nascondendo veramente la tua abilità. >>
Gli disse.

Michael lo guardò per un istante con uno sguardo confuso.

<< Perché dovrei farlo? >>
Gli chiese, incuriosito dalle sue parole.

<< Le chance di scontrarci l'un l'altro aumentano esponenzialmente ogni volta che una coppia viene estratta: sono sicuro tu abbia notato che, oltre a noi, sono rimaste solamente altre tre coppie, per un totale di otto partecipanti. >>
Spiegò Seryu, posando lo sguardo sugli altri partecipanti.

<< Non hai torto, ma quali sono le chance che accada? >>
Domandò, di nuovo, Michael, non convinto dalle parole del suo compagno.

<< Le chance che due partecipanti su otto vengano estratti? Direi circa del venticinque percento. >>
Rispose Seryu.

Michael gli diede una pacca sulla spalla, divertito.

<< Vedi? E' una chance su quattro, sono sicuro che andrà tutto bene! >>
Esclamò subito dopo, sorridendo.


<< Il prossimo incontro vedrà Seryu Alcher contro Michael Jeremy Rider. Prego, fatevi avanti. >>
Le parole di Ehra rimbombarono nell'area come un tuono, lasciando Michael senza parole, a bocca aperta, davanti al suo compagno.

Seryu gli sorrise.

<< Beh... Tu e la tua boccaccia. >>
Disse, divertito.

<< Oh... Beh... Questa è sfortuna... >>
Aggiunse Michael, guardando finalmente il suo avversario dritto negli occhi.

<< E' giusto che tu lo sappia: non ci andrò leggero solo perché ci conosciamo, ormai. >>
Gli disse, Seryu, porgendogli la mano.

<< Beh, sono felice di saperlo... >>
Rispose Michael, stringendo la mano del compagno.

<< ... Perché non ci andrò leggero nemmeno io. >>
Concluse, ricambiando il suo sorriso.



I due avversari salirono finalmente sul ring preparato da Ehra, ad almeno dieci metri di distanza l'uno dall'altro.
Continuarono a fissarsi in silenzio, senza muovere un muscolo, in attesa che Ehra desse finalmente il via all'incontro.

<< Sono sicura siate stanchi di sentirmelo dire, ormai, ma vi ricordo le regole: nessun attacco letale e/o sotto la cinta. Vincete l'incontro quando il vostro avversario è incapace di continuare, se lo obbligate alla resa, se gli bloccate i movimenti per almeno dieci secondi o se lo buttate fuori dall'area predefinita. Io farò da giudice e deciderò se le vostre mosse saranno o meno legittime, e avrò ogni diritto di punirvi in caso non le considerassi tali. >>
Disse Ehra, mettendosi in piedi a un lato del ring in marmo grigio, ripetendo ancora una volta le regole.

Subito dopo sollevò una mano in aria.

<< E, senza ulteriori perdite di tempo, do il via all'incontro: che vinca il migliore! >>
Esclamò subito dopo, abbassando il braccio di scatto.


Non appena Ehra diede il via, Seryu venne subito circondato da una strana energia verde fluorescente, esattamente come accadde quando i due avversari si incontrarono.
Ma, a differenza di allora, stavolta i suoi occhi rimasero di colore verde acceso anche dopo che quella strana energia scomparve da attorno al suo corpo.

< Cosa sta facendo? >
Pensò Michael, sorpreso, notando che il suo avversario rimase fermo nel suo posto, con uno sguardo serio, in una strana posizione di guardia.

Infastidito dal fatto che il suo avversario non lo attaccasse, fu Michael a lanciarsi verso di lui.



<< Oh, la Twin Fang! Sono estasiato dal poter assistere a uno scontro che involge le arti marziali di Mistral. >>
Disse Xane, assistendo all'incontro, incuriosito.

<< La "Twin Fang"? Cosa è? >>
Gli domandò Jessica, incuriosito dalle sue parole.



Non appena Michael raggiunse il suo avversario, si preparò a colpirlo con un pugno dritto nel volto.
Il suo avversario lo deviò senza problemi, usando un avambraccio, rispondendo in un battito di ciglia all'attacco nemico: colpì rapidamente Michael nel mento e nel ventre con due rapidi pugni, facendo inginocchiare il ragazzo nel terreno davanti a lui.



<< Vedi, la Twin Fang è una delle tecniche basilari delle arti marziali a Mistral: è una posizione di Guardia. Dopo aver bloccato un attacco nemico, si contrattacca con due rapidi pugni in sequenza, uno sotto al mento e uno dritto nel ventre dell'avversario. >>
Spiegò Xane, sollevando un indice in aria.


Michael si portò una mano nel ventre, tossendo e facendo versi doloranti per qualche istante, prima di rialzarsi in piedi sotto lo sguardo sorpreso del suo avversario.

<< Ok... Sei veloce... Te lo concedo. >>
Disse Michael, sorridendo al suo avversario, cercando di non mostrare il suo stupore e il suo dolore.

Seryu ricambiò il sorriso.

<< Non stavi mentendo quando hai detto di essere "difficile da buttare giù". >>
Gli rispose, assumendo di nuovo la stessa posizione di prima.


Michael si lanciò di nuovo verso il suo avversario, provando stavolta a colpirlo con un calcio.
Seryu indietreggiò rapidamente, evitando l'attacco nemico, per poi colpirlo con un pugno dritto in volto.

Michael indietreggiò lentamente, portandosi una mano davanti alle labbra.
Fissò in silenzio il ragazzo davanti a lui, ansimando e digrignando i denti. 

< Non va bene... Attaccare senza un piano è inutile, sembra quasi legga le mie mosse. Devo trovare un'apertura per colpirlo, altrimenti non esco da qui. >
Pensò, abbassando il braccio e mostrando una ferita nel labbro inferiore al suo avversario.

< Proviamo così.. >
Pensò subito dopo, per poi lanciarsi ancora una volta verso il suo avversario.
Seryu assunse la stessa posizione di prima, come risposta.

Non appena arrivò davanti a Seryu, si preparò a colpirlo di nuovo con un pugno.

In realtà, però, era una finta.
Non appena Seryu sollevò l'avambraccio per parare l'attacco che, credeva, stesse per colpirlo, Michael alzò una gamba per provare a colpirlo con un calcio.

Seryu notò ben presto la finta, ma fu troppo tardi: non poteva evitare l'attacco.


In un battito di ciglia, Seryu indietreggiò a qualche metro di distanza dal suo avversario, mandando a vuoto il suo attacco e lasciandolo completamente di stucco.

Michael, scioccato da quanto era appena accaduto, rimase in silenzio a osservare il suo avversario a bocca aperta.



<< Interessante... >>
Borbottò Xane, assistendo alla scena, portandosi una mano davanti alla bocca.

<< Cosa è successo? Si è mosso a una velocità impressionante! >>
Gli domandò Jessica, confusa e sorpresa dall'accaduto.

<< Lo ha fatto, corretto. Me lo stavo chiedendo fin da quando lo scontro è iniziato, ma ora ne ho avuto la conferma... Anche se Seryu Alcher non si considera tale, è un mago... Circa. >>
Spiegò Xane, divertito dalla scena a cui aveva appena assistito.

<< Circa? >>
Gli domandò Jessica, incuriosita dalle sue parole.

<< Vedi, fin da quando lo scontro è iniziato sono rimasto piuttosto incuriosito da quella "strana energia verde" che lo ha avvolto... Sembra che, proprio come fa il mio caro amico Tesla con l'elettricità, Seryu Alcher possa manipolare a piacimento l'elemento del Vento. Forse, "a piacimento" non è l'espressione corretta... Direi che parliamo di "potenziamento fisico", esattamente come Tesla. >>
Le rispose Xane, sorridendo.

<< Quindi non è un vero e proprio mago come te... >>
Aggiunse Jessica, riprendendo a osservare i due avversari.

<< No, non è un mago nel vero senso della parola: non utilizza magie, come me, ma si potenzia fisicamente per combattere, usando il suo elemento, come ho già detto. Non è veloce quanto Tesla... Ma, nonostante tutto, anche l'elemento Vento ha i suoi vantaggi. >>
Le rispose Xane, riprendendo a osservare i due avversari.


Seryu non diede neanche un secondo al suo avversario per pensare alla sua prossima mossa: avvolse rapidamente entrambi i suoi avambracci con quell'energia verde, per poi scattare verso Michael: era passato, per la prima volta, all'offensiva: in un battito di ciglia era arrivato davanti al suo bersaglio.


<< Oh-Oh! Bear Stance! >>
Esclamò Xane, divertito.



Michael, sorpreso dal fatto che Seryu gli fosse arrivato davanti in così poco tempo, reagì d'istinto provando a colpire la figura davanti a se con un pugno.

Gli passò attraverso.

<< Cosa?! >>
Esclamò il ragazzo, confuso e sorpreso da quanto era appena successo.
Capii ben presto che ciò che aveva colpito, altro non era se non una immagine residua lasciata li per distrarlo: Seryu, infatti, era alle sue spalle.
Prima che Michael potesse reagire, Seryu lo colpì dietro al collo con il dorso della mano, facendolo cadere ancora una volta al suolo.

<< Questo dovrebbe bastare. >>
Disse Seryu, osservando soddisfatto il corpo immobile del suo avversario disteso nel terreno.
Era sicuro di averlo messo fuori combattimento.


<< Bear Stance, adoro questa tecnica. Crea una immagine residua di se stessi in una posizione bersaglio per distrarre l'avversario mentre, in realtà, lo colpisci alle spalle. Ottima mossa per un colpo a sorpresa. >>
Spiegò Xane, divertito.


Lo sguardo sicuro di Seryu cominciò a vacillare, non appena notò che Michael, lentamente, si stesse rialzando dal terreno.

<< Sei serio? >>
Si domandò, sorpreso da quella scena.



<< Sono così simili, eppure così diversi... >>
Aggiunse Xane, dopo qualche secondo di silenzio, osservando intensamente i due avversari che, nel mentre, avevano ripreso a scontrarsi.

Jessica si voltò, di nuovo, verso di lui confusa dalle sue parole.

<< Seryu Alcher proviene da una famiglia di ex-assassini. Circa duecento anni fa i membri della famiglia Alcher erano conosciuti per essere assassini eccelsi: venivano pagati per assassinare persone molto importanti. Si muovevano rapidamente nell'ombra, uccidendo i loro bersagli prima che potessero anche solo rendersi conto di cose li avesse colpiti. Le tecniche moderne della casata degli Alcher derivano da quelle antiche tecniche di assassinio, ma sono ovviamente state modificate per non uccidere i loro bersagli. >>
Spiegò Xane, alla ragazza, la quale lo guardò con uno sguardo confuso.

<< Quindi? Perché dovrebbero essere simili? >>
Domandò Jessica.

<< Entrambi sono combattenti corpo a corpo... Ma, mentre Seryu colpisce il suo avversario rapidamente e in punti deboli, cercando di porre fine allo scontro il più rapidamente possibile, Michael sembra essere qualcuno che punta sullo sfinire il suo avversario, incassando i colpi e rialzandosi. >>
Aggiunse subito dopo, facendo una strana e sottile risatina.

<< Ma, per fare una cosa simile, deve per forza avere qualche genere di abilità. Ed è esattamente quello il motivo per cui sono particolarmente interessato a questo scontro: non vedo l'ora di sapere come proseguirà.. Eheh... >>
Concluse. 


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-6, grazie dell'attenzione e alla prossima!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 8
*** Capitolo 1-7: Forza ***


Capitolo 1-7: Forza


Nonostante il colpo ricevuto fosse molto intenso, Michael riuscì lentamente a rialzarsi, anche se dolorante.
Si voltò con sorridendo, nascondendo il dolore, verso il suo avversario, portandosi una mano dietro il collo e massaggiandosi lentamente.

Stava tremando, aveva anche un occhio mezzo chiuso.

<< Amico, quello si che ha fatto male... Ma non andrò giù così facilmente, dovrai inventarti qualcos'altro! >>
Esclamò, muovendo il collo nel tentativo di far diminuire il dolore.

Seryu continuò a osservarlo in silenzio con uno sguardo stupito, occhi spalancati.

<< Sono davvero sorpreso: una persona normale avrebbe perso i sensi per almeno qualche ora dopo quel colpo... >>
Gli disse, stupito dal fatto che fosse riuscito a rialzarsi.

<< Te l'ho detto, ricordi? >>
Domandò Michael, schioccando le dita delle mani e preparandosi a proseguire lo scontro.

<< Sono piuttosto difficile da buttare giù. >>
Ripeté, sorridendo.

<< Lo sei, di sicuro. >>
Concordò Seryu, assumendo improvvisamente una espressione seria.
Ben presto il suo corpo venne avvolto una seconda volta da quell'energia verde.

<< Molto bene: saliamo di un gradino, allora. Sto scommettendo sulla tua resistenza disumana, Michael Rider. >>
Disse al suo avversario, sollevando entrambe le maniche della sua uniforme.

<< Perché da ora in poi, le mie abilità saranno potenzialmente letali. >>
Continuò.

Un sorriso preoccupato apparve nel volto di Michael, il quale assunse ben presto una posizione difensiva.

<< Non è un qualcosa che dovresti dire in questo genere di duello... >>
Disse al suo avversario, con un tono preoccupato.

Seryu sorrise.

<< Ne sono consapevole, ma non preoccuparti: so come comportarmi per non rischiare di ucciderti involontariamente. >>
Rispose, con un tono divertito, alle preoccupazioni del ragazzo.

<< Beh, sono felice di sentirtelo dir- >>

Prima che Michael potesse anche solo finire di pronunciare la frase, Seryu gli apparve davanti in un battito di ciglia.
Non riuscì a reagire in tempo: venne sbalzato all'indietro da una gigantesca onda d'urto, la quale si originò dal palmo della mano sinistra di Seryu, con la quale lo colpì nel petto.
Rotolò nel terreno per qualche metro, prima di fermarsi con il volto rivolto verso il basso, immobile.



<< Mike! >>
Esclamò Jessica, preoccupata, provando a muoversi verso il suo amico.
Venne fermata da Xane, il quale l'afferrò per un braccio.

<< Cosa stai facendo? Lasciami andare! >>
Ordinò al compagno, infuriata e preoccupata.

<< Rilassati, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Guarda Ehra. >>
Le rispose Xane, cercando di farla calmare, con un tono calmo e composto.

Jessica, ancora titubante e preoccupata per ciò che fosse appena accaduto, si voltò verso la donna.
Era immobile sul bordo del ring a guardare in silenzio i due partecipanti.

<< Va tutto bene, non preoccuparti. Se Ehra non è intervenuta significa che non ci sono problemi. E, in più, Seryu sa perfettamente cosa sta facendo: non è possibile che causi danni permanenti, o peggio. Rilassati. >>
Disse alla ragazza, lasciandola finalmente andare.
Jessica riprese a guardare il corpo immobile del compagno con uno sguardo spaventato.

<< Cosa è successo, cosa era quello? >>
Domandò subito dopo a Xane, ancora pallida in volto.

<< Quella era la Tiger Swift.  Seryu si è mosso a una velocità spaventosa, fermandosi davanti a Michael e colpendolo in pieno petto con il palmo della sua mano. Nonostante si sia mosso più lentamente di Tesla, quella velocità è molto simile a quella del suono. Ha concentrato un enorme quantitativo di energia nel palmo della sua mano, per poi rilasciarlo al contatto con il petto di Michael, colpendolo con un'onda d'urto molto intensa. Di norma, questa è un'abilità letale, ma Seryu sta scommettendo sull'assurda resistenza di Michael. E, se Ehra non è ancora intervenuta, significa che non ci sono stati danni permanenti, o peggio. >>
Le spiegò Xane, con un sorriso divertito in volto e l'indice sollevato in alto.
Adorava dare lezioni alle altre persone come fosse un insegnante.


Seryu si voltò verso Ehra, confuso dal fatto che la donna non avesse ancora iniziato a contare.

<< Perché non conta i secondi che passano? >>
Le domandò.

<< Perché lo scontro non è ancora finito. >>
Gli rispose, guardandolo con uno sguardo serio e le braccia conserte.

Sentendo quelle parole, Seryu si voltò di nuovo verso Michael, osservando intensamente il corpo ancora immobile, nel terreno, del suo avversario.
Pochi istanti dopo, Michael mosse le dita di una mano.

<< E' assurdo.... >>
Seryu continuò a fissare Michael con la bocca e gli occhi spalancati, immobile, osservando in silenzio il suo avversario che lentamente si rialzava nel terreno.

Michael si inginocchiò per un secondo nel terreno, tossendo e ansimando, prima di rialzarsi in piedi.
Si voltò di nuovo verso Seryu, tremando e ansimando, pronto però a proseguire l'incontro.

Continuò a fissare intensamente il suo avversario, respirando faticosamente e lentamente, in silenzio.


< Sono davvero sconcertato... Una persona normale sarebbe già morta dopo quell'attacco... Però, questo ragazzo non è assolutamente normale, a quanto pare. Non posso andare avanti all'infinito, le mie tecniche sono fatte per abbattere un bersaglio in breve tempo, non per scontri prolungati... A lungo andare, se non la chiudo rapidamente, sarò io a rimanere senza fiato. Non posso permetterlo. >
Pensò Seryu, avvolgendo per la terza volta il suo corpo con quella energia verde fluorescente.
Il suo sguardo divenne rapidamente cupo, nel mentre che sollevò un braccio in avanti, rivolgendo la mano, aperta, verso il suo avversario.

Michael guardò sorpreso quella scena per un istante, cercando di capire cosa Seryu avesse intenzione di fare.

< Se questo non sarà in grado di fargli almeno perdere i sensi... Allora dovrò aumentare il livello di un altro scalino. Ma quello è il mio limite: andare ancora oltre, significherebbe usare tecniche che dubito fortemente Ehra accetterebbe. >
Pensò, preoccupandosi.

L'energia che avvolgeva il suo corpo, ben presto cominciò a riversarsi nel palmo della sua mano, facendo lentamente apparire una sfera verde di energia.



<< Oh! Ho letto qualcosa su quella tecnica... >>
Esclamò Xane, incuriosito e sorpreso dalla tecnica usata da Seryu.

<< Di cosa si tratta? >>
Gli domandò Jessica, altrettanto incuriosita.

Xane fece una sottile risatina.

<< Se questa non basta a mettere Michael K.O. ... Beh... Le cose potrebbero diventare molto interessante. >>
Ridacchiò.



<< Dovrei evitarla? >>
Domandò Michael al suo avversario, con un tono preoccupato.

Seryu sorrise.

<< No. >>
Gli rispose, scagliando la sfera di energia verdastra verso il ragazzo.

Ignorando la risposta del suo avversario, Michael si scansò di lato, evitando che la sfera di energia potesse colpirlo.
Purtroppo per lui, però, essa cambiò improvvisamente traiettoria effettuando una inversione a "U", muovendosi di nuovo verso di lui.

<< Stai scherzando?! >>
Esclamò, sorpreso, provando a scansarsi di nuovo.
Non fu abbastanza veloce: la sfera di energia lo colpì in pieno petto, scomparendo poi nel nulla senza causare nessun danno evidente.

Michael abbassò lo sguardo verso il basso, sorpreso e confuso dall'accaduto, toccandosi il petto alla ricerca di ferite, o qualunque cosa.



<< Non... Ha fatto nulla? >>
Domandò Jessica, osservando sorpresa quella scena.
Xane sorrise.

<< Aspetta che arriva... >>
Le rispose, con un sorriso divertito, quasi sadico, in volto.

Improvvisamente, Michael si bloccò di scatto: sembrava quasi paralizzato.
Si abbracciò con le sue stesse braccia, spalancando gli occhi e le braccia.

Ben presto cominciò a digrignare i denti, inginocchiandosi poi nel terreno.


<< Cosa sta succedendo?! >>
Esclamò Jessica, confusa da quella scena.
Prima che Xane potesse darle una qualunque risposta, le urla strazianti di Michael riempirono l'aria intorno a loro.

<< Michael! >>
Esclamò subito dopo, spaventata e confusa dalle urla doloranti del compagno.
Si era accasciato al suolo, urlando a squarciagola dal dolore.

<< E' conosciuta con molti nomi, ed è una delle mosse peculiari della casata degli Alcher, i quali non hanno però rivelato i dettagli dell'abilità... Il nome con cui è chiamata più spesso è "Mind Breaker". Il nome parla da solo: nonostante l'abilità, di per sé, non provochi nessun tipo di danno fisico, causa danno "mentale". >>
Xane cominciò l'ennesima spiegazione, attirando l'attenzione di Jessica e anche altri partecipanti a lui vicini.

<< Cosa vuoi dire? >>
Gli domandò Jessica, ancora spaventata dalle urla lancinanti del compagno che continuavano a riecheggiare intorno a loro senza fine.

<< Come ho detto, non causa danni fisici, ma "mentali". Questa abilità stimola i recettori del dolore fino a un livello estremo, facendo provare al bersaglio dolori lancinanti per tutto il corpo, nonostante non ci siano ferite o danni di alcun tipo. Questo tipo di tecnica è usato per mettere fuori combattimento gli avversari più ostili che non vengono messi fuori gioco dalle tecniche più basilari. Infatti, far provare dolori di quel tipo a un bersaglio ha molti vantaggi: 
Per prima cosa, li rende vulnerabili.
Come seconda cosa, ogni persona ha un certo limite di sopportazione del dolore, passato il quale... Si perde conoscenza. >>
Le spiegò Xane, divertito.

In quel momento Jessica capì le intenzioni di Seryu.

<< Quindi, quello che Seryu sta cercando di fare è- >>
Disse, posando di nuovo lo sguardo su i due avversari, ma venendo prontamente interrotta da Xane.

<< Esattamente: sta puntando al far perdere i sensi a Michael, vincendo per K.O. >>
Aggiunse.



< Se non posso buttarti giù con danno fisico, allora ti porterò al limite della tua sopportazione: non importa quanto tu sia robusto fisicamente, hai di sicuro un limite di dolore oltre al quale non puoi andare. >
Pensò Seryu, osservando in silenzio il suo avversario immobile nel terreno che continuava a urlare intensamente dal dolore.



<< E' orribile! >>
Esclamò Jessica, terrorizzata da ciò che aveva appena scoperto.

<< E' fantastico, in realtà. Vorrei davvero scoprire di più su quell'abilità, ma non c'è scritto poi così tanto nei libri che ho letto... Suppongo che ogni famiglia nobile abbia i suoi segreti: io ho la mia "Gravità", la famiglia Alcher ha la loro "Manipolazione del dolore". E' un peccato, però. >>
Aggiunse Xane, osservando con uno sguardo incuriosito e affascinato la scena davanti a sé.



Improvvisamente, le urla di Michael cessarono senza nessun preavviso.
Il ragazzo rimase immobile nel terreno, rivolto verso il basso, ancora una volta.


<< Uno... >>
Stavolta, però, Ehra cominciò a contare.

< Finalmente gli ho fatto perdere i sensi... Non avrei dovuto metterci così tanto tempo, era davvero difficile da buttare giù... >
Pensò Seryu, rallegrandosi.

<< ... Due... >>
Ehra continuò imperterrita a contare, continuando a osservare Michael disteso nel terreno.


<< Non può finire così, Mike! >>
Esclamò Jessica, disperandosi.

<< Suppongo che non abbia veramente alcuna abilità... E' davvero sorprendente che sia riuscito a resistere così tanto, allora. Sono scioccato. >>
Disse Xane, sorpreso.


<< ... Tre.... >>
Continuò, Ehra.


< E' stato sicuramente più difficile di quanto non dovesse essere... >
Pensò Seryu, ansimando.
Subito dopo abbassò lo sguardo, fissando intensamente la sua mano sinistra: stava tremando.

< Ho usato gran parte delle mie energie per usare il  Tiger Swift e il  Mind Breaker. Se non avessero dovuto funzionare mi sarei trovato in un grosso svantaggio... Non so per quanto avrei potuto proseguire... >
Pensò subito dopo, guardando di nuovo il suo avversario.

<< Non sono fatto per scontri prolungati. >>
Disse tra se e se.

<< ... Sette.... >>
Ehra continuò, nel mentre, a contare.


Seryu continuò a fissare in silenzio il suo avversario ancora immobile nel terreno, attendendo impazientemente che Ehra finisse di contare.




< Perché ha smesso di contare? >
Pensò Seryu, confuso, non sentendo Ehra dire "Otto".

Si voltò lentamente verso la donna, impallidendo, con lo sguardo spalancato.

Gli passò un brivido nella schiena non appena Ehra incrociò il suo sguardo: gli sorrise.

<< Stai scherzando, vero?! >>
Esclamò, voltandosi di nuovo di scatto verso il suo avversario.

Rimase paralizzato dallo stupore, notando che Michael cominciò lentamente a rialzarsi dal terreno.



Una gigantesca risata sostituì quelle che fino a pochi istanti prima erano le urla strazianti di Michael.

<< Non ci posso credere! L'attacco di Seryu è riuscito a far perdere i sensi a Michael, ma solamente per sette secondi?! Stiamo scherzando? Che genere di mostro è? >>
Esclamò Xane, ridendo di gusto, con un sorriso misto tra curiosità e stupore in volto.


<< Non può essere vero... Una persona non può essere così resistente, non senza un qualche genere di abilità! >>
Esclamò Seryu, avvolgendo ancora una volta il suo corpo con quella energia verde.

<< Ne ho avuto abbastanza: non lascerò che tu ti alzi di nuovo, ti metterò fuori gioco una volta per tutte. >>
Continuò, lanciandosi verso il suo avversario con tutte le intenzioni di mettere la parola fine all'incontro. 


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-7, grazie dell'attenzione e alla prossima!
Chiedo scusa per il ritardo, la settimana scorsa è stata piena d'impegni!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 9
*** Capitolo 1-8: Inizio ***


Capitolo 1-8: Inizio


Seryu si mosse verso il suo avversario a una velocità spaventosa, arrivandogli in un battito di ciglia davanti.

< Non di nuovo! >
Pensò Michael, spostandosi rapidamente di lato, riconoscendo la tecnica del suo avversario ed evitando il suo successivo attacco alle spalle.


<< Uh! >>
Esclamò Xane, sorpreso, non appena l'attacco di Seryu andò a vuoto.

<< Cosa c'è? >>
Gli chiese Jessica, sorpresa dalla sua reazione.

<< Ha riconosciuto la Bear Stance di Seryu: non appena ha realizzato che l'immagine che era apparsa davanti a lui fosse immobile, si è spostato rapidamente di lato, evitando il calcio di Seryu che, nel mentre, gli era arrivato alle spalle... Fortuna o...? >>
Spiegò alla compagna, analizzando rapidamente la scena a cui aveva appena assistito.


Anche qualcun altro si stava facendo la stessa domanda.
Seryu rimase immobile sul posto, ansimando, osservando il suo avversario con occhi spalancati, in silenzio.

< Ha riconosciuto... La mia Bear Stance? In così poco tempo? O è stata solo fortuna? >
Pensò, fissando intensamente il suo avversario.

Nel mentre, Michael si portò una mano dietro la nuca, forzando un sorriso.

<< H-Hey amico... Potresti non usare più quella tecnica di prima? Non è stata una bella esperienza, preferirei non doverla più provare, se possibile... >>
Disse, con una risatina nervosa.

Seryu non gli rispose: cominciò ad ansimare sempre più pesantemente, fissando in silenzio il suo avversario con uno sguardo cupo.

< Di questo passo non risolverò nulla... Sto cominciando a perdere la mia stamina, non sono fatto per scontri così lunghi. Se non finisco in fretta, sarò io a trovarmi in svantaggio... >
Pensò, osservandosi una mano, stringendola, poi, in un pugno.

< Non sprecherò altro tempo. >
Aggiunse subito dopo, posando ancora una volta lo sguardo sul suo avversario.

Stavolta, invece di usare le sue tecniche, Seryu decise di non correre rischi: corse verso Michael, avvolgendo il suo corpo con un'aura verde accesa.
Il suo avversario non fu abbastanza veloce per rispondere in tempo.

Seryu lo colpì nel plesso celiaco con un rapido calcio, seguito da un pugno con il dorso della mano nella tempia, facendo perdere ben presto l'equilibrio a Michael prima che quest'ultimo potesse anche solo rendersi conto dell'accaduto.

Senza sprecare neanche un istante, Seryu fece cadere al suolo il suo avversario con una spazzata nel terreno.


Nonostante tutto, però, Michael si rialzò ben presto dal terreno, dolorante, ancora in grado di proseguire lo scontro.

<< Sei un fottutissimo mostro... >>
Mormorò Seryu, sempre più sorpreso, e confuso, dalla disumana resistenza fisica del suo avversario.


Infastidito, e spossato, Seryu passò di nuovo all'attacco.

< Non importa quanto è resistente, dovrà avere dei limiti oltre i quali non può andare: ho già causato danni evidenti, devo solamente spingerlo oltre il suo limite, non credo di essere così lontano dalla meta! >
Pensò, preparandosi ancora una volta all'attacco.

Michael rimase in guardia, ma riconobbe immediatamente la tecnica del nemico: la figura davanti a lui era, di nuovo, una immagine residua lasciata da Seryu.
Riconoscendola diede le spalle al clone, colpendo in pieno volto Seryu con un rapido pugno.



<< Ha messo a segno un colpo! >>
Esclamò Jessica, rallegrandosi.

Xane continuò a osservare la scena in silenzio con un sorriso divertito in volto.


Seryu indietreggiò lentamente, reggendosi il mento con una mano.
Il suo sguardo era furioso.

< E' ufficiale... Ha capito il funzionamento della Bear Stance... Maledizione... >
Pensò, osservando in silenzio il suo avversario, sorridente.

Stavolta, assunse una posizione difensiva, rimanendo immobile a fissarlo.


< E'... La prima tecnica che ha usato? >
Pensò Michael, riconoscendo quella postura.
Un grosso sorriso apparve nel suo volto.

<< E va bene allora, facciamolo! >>
Esclamò, lanciandosi contro Seryu.


Non appena gli arrivò davanti provò a colpirlo con un pugno, ma il suo attacco venne ben presto deviato da Seryu, il quale, come risposta, lo colpì con un pugno nel ventre, seguito da un secondo e rapido pugno nel mento.

Michael, però, aveva già previsto questa reazione: non indietreggiò neanche di un millimetro.

Lo sguardo di Seryu venne pervaso dallo stupore non appena il suo avversario gli afferrò il braccio con il quale l'aveva colpito sotto al mento, stringendo forte la presa.

<< Cosa sta- >>
Prima che potesse anche finire quella frase, Michael lo colpì in fronte con una forte testata, lasciando poi andare il suo avversario.
Seryu indietreggiò rapidamente, portandosi una mano nella fronte e facendo versi di dolore.


<< Beh... Ho come l'impressione che lo scontro si stia avvicinando alla fase finale... Seryu è ormai al suo limite, mentre Michael ha cominciato a rispondere agli attacchi del suo avversario... Se parliamo di pure abilità, Seryu gli è nettamente superiore, ma... Uno è incentrato sul finire gli scontri rapidamente, l'altro ha una resistenza talmente alta da essere ridicola, stupida. Lo scontro sembrava unilaterale, eppure Michael era in vantaggio fin dal principio... Ironico, non trovi? >>
Sospirò Xane, continuando ad assistere interessato allo scontro tra i due, reggendosi il mento con una mano.

<< Comunque... E' un peccato che uno di loro due non entrerà nella Star... >>
Aggiunse subito dopo, assumendo un tono più triste.



Seryu cominciò a respirare pesantemente, prendendo grossi e lenti respiri.

< Sono al mio limite... Di certo non mi aspettavo sarebbe andata in questo modo... >
Pensò, immobile, fissando il suo avversario.

In quell'istante i suoi occhi vennero avvolti da quella strana energia verde, rendendoli luminosi.

Seryu osservò intensamente il ragazzo davanti a se per qualche secondo.
Una goccia di sudore gli scese dalla fronte.

Solo lui poteva vedere quella cosa... 
Quanto fosse grande l'energia che scaturiva dal suo corpo: il suo Ki.

Il corpo di Michael era avvolto da energia di colore azzurro, intensa come le fiamme in un incendio.

< Il suo Ki... E' ancora... Ha troppe energie in corpo, non è possibile che non abbia una abilità... E mi ha messo così in difficoltà senza usarla?! >
Pensò, assumendo una postura eretta, avvolgendo ancora una volta il suo corpo con quella intensa energia verde.

Il suo sguardo era fisso sul suo avversario, occhi spalancati, pugni chiusi e una espressione cupa.

< Mi servirebbero ore per fargli esaurire le sue energie, se continuassi a usare le mie tecniche base... Mi serve qualcosa di più potente per metterlo fuori gioco... >
In quel preciso istante l'energia che l'avvolgeva, cominciò lentamente a riversarsi prima nel suo braccio destro poi, successivamente, nella sua mano.


< Cosa sta facendo? >
Pensò Michael, confuso dal comportamento del suo avversario, osservando in silenzio e con uno sguardo incuriosito l'energia che stava convergendo nella mano di Seryu.


<< Spero davvero tu abbia un'abilità, Michael Jeremy Rider. >>
Seryu cominciò a parlare, rompendo il silenzio che era caduto intorno a loro, attirando l'attenzione del suo avversario.

<< Uh... No, non ne ho una... >>
Gli rispose Michael, confuso e sorpreso da quell'affermazione.

<< Non è possibile che qualcuno abbia resistenza e Ki tanto elevati senza possedere un' abilità: non so perché tu l'abbia tenuta nascosta, non è affar mio... Ma ti consiglio vivamente di tirarla fuori, se non vuoi lasciarci la pelle. >>
Continuò Seryu: in quel preciso istante l'energia si accumulò completamente nella sua mano destra, più precisamente nel palmo.

Sentendo quelle parole, Michael andò in panico: cominciò ad agitarsi, portando le mani in avanti e provando a convincere il suo compagno del contrario.

<< Aspetta! Non possiedo veramente nessuna abilità, qualunque cosa tu stia facendo, non farla! >>
Esclamò, indietreggiando lentamente, spaventandosi.

< Non mi prenderai più in giro, Michael Rider. Sei fin troppo resistente, non posso credere che una persona normale abbia quel genere di resistenza fisica, non è possibile. >
Pensò Seryu, infastidito dalla risposta del suo avversario.


Michael non fece nemmeno in tempo a parlare di nuovo: Seryu si mosse a una velocità spaventosa, arrivandogli in una frazione di secondo davanti.
Prima che potesse anche solo realizzare cosa fosse successo, Seryu lo colpì in pieno petto con il palmo della sua mano.


Una potente onda d'urto partì dal palmo della mano di Seryu, scaraventando Michael a metri di distanza da se, il quale cadde violentemente nel terreno, rotolando su se stesso per qualche istante sotto gli occhi spaventati e increduli dei presenti.


<< Seryu Alcher! >>
Esclamò Ehra, con un tono furioso.

Nel mentre, Seryu continuò a fissare il corpo immobile del suo avversario nel terreno.

<< Uh? N-Non ha fatto nulla? >>
Chiese a nessuno, confuso e sorpreso dal fatto che quel colpo fosse andato a segno.


<< Sei andato fuori di testa?! >>
Esclamò Xane dal pubblico.
Il suo tono era furioso e spaventato.

<< Come ti è anche solo venuto in mente di usare il Boa Grasp?! >>
Aggiunse subito dopo, voltandosi poi in direzione di Michael.

Il suo corpo era immobile nel terreno, rivolto verso il basso.


<< Cosa ti ha fatto pensare che usare un Boa Grasp sarebbe stata una buona idea, Seryu Alcher?! >>
Esclamò Ehra, muovendosi minacciosamente verso il ragazzo.


<< C-Cosa è successo?! Cosa è il Boa Grasp? Mike sta bene?! >>
Jessica, spaventata dall'accaduto e dal tono di Ehra, cominciò a tempestare Xane di domande, impallidendo.

<< Il Boa Grasp è una tecnica letale: fa affluire tutte le energie dell'utilizzatore in un solo punto, per poi rilasciarle tutte insieme. E' una mossa incredibilmente potente che, se usata contro persone non addestrate o senza abilità, risulta fatale nella stragrande maggioranza dei casi... >>
Le spiegò Xane, ammirando con una espressione spaventata la scena davanti a se.

<< Quella era l'ultima tecnica che mi sarei aspettato di vedere oggi... >>
Aggiunse poco dopo, impallidendo.


<< P... Perché non si è difeso? Gli ho detto di usare la sua abilità... Perché non l'ha fatto? >>
Domandò a nessuno, Seryu, confuso e spaventato dal risultato del suo attacco.

<< Mike non aveva un'abilità, te l'ha detto! >>
Esclamò Jessica dal pubblico, correndo verso il suo compagno con le lacrime negli occhi.

<< Non è possibile! Avete visto la sua resistenza disumana! E' impossibile avere una resistenza del genere senza nessun tipo di abilità! >>
Esclamò Seryu, incredulo alle parole della ragazza, impallidendo.

<< A quanto pare non ne possedeva davvero, considerando che non è stato in grado di difendersi. >>
Gli fece notare Ehra, con un tono furioso.

Seryu non riuscì a rispondere: continuò a fissare il corpo immobile, nel terreno, di Michael, con occhi e bocca spalancati.


Qualcosa, però, attirò l'attenzione di Xane.
Il ragazzo osservò attentamente la scena, in preda alla confusione: c'era qualcosa che non gli tornava.

< Ehra sembra infastidita, però... La sua reazione è molto più calma di quanto mi aspettassi... E' infuriata con Seryu, ma credo sia più per il fatto che abbia usato una tecnica letale... In più... Non ha ancora né messo fine allo scontro, né squalificato Seryu. >
In quel momento gli passò un brivido nella schiena.

<< N-Non vorrai dirmi che...!? >>
Esclamò, incredulo, voltandosi verso il corpo di Michael.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 1-8, e con esso il volume 1!
Alla prossima con il volume 2!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 10
*** Capitolo 2-1: Nascosto ***


Capitolo 2-1: Nascosto


Nessuno dei presenti riuscì a proferire parola: continuarono tutti ad assistere increduli alla scena che seguì.

<< Non... E' possibile... >>
Balbettò Seryu, impallidendo.

Michael, che fino a pochi istanti prima era immobile nel terreno, riprese finalmente a muoversi.
Nel giro di pochi secondi cominciò a tossire pesantemente, per poi cominciare ad alzarsi lentamente dal terreno, tremando.

Neanche una tecnica letale come la Boa Grasp era riuscita a metterlo fuori combattimento: nonostante tutto, però, aveva subito danni molto più grossi di quanto sembrasse.

Furono in pochi a notare quanto effettivamente fossero pesanti i danni subiti dal ragazzo.


<< Seryu Alcher. >>
Disse Ehra al ragazzo, il quale stava ancora fissando il suo avversario, paralizzato dallo stupore.

<< Sei squalificato. >>
Aggiunse, superandolo, dirigendosi poi lentamente verso Michael.



<< N... Non è possibile... >>
Balbettò Seryu, senza levare lo sguardo dal suo vecchio avversario, ignorando completamente le parole della donna.

<< ... Non è possibile che qualcuno sia in grado di sopravvivere a un Boa Grasp... Non senza qualche genere di magia difensiva, o abilità. Sembra che la mia curiosità non fosse malriposta... >>
Disse Xane, osservando in silenzio il ragazzo che provava disperatamente ad alzarsi dal terreno.

Tossiva molto rumorosamente, e il suo respiro era pesante.
Jessica impallidì notando che, improvvisamente, Michael tossì sangue.

<< Ha bisogno di cure immediate! >>
Esclamò, muovendosi verso il suo compagno.
Xane la bloccò prima che potesse allontanarsi, afferrandola per un braccio, senza, però, mai distogliere lo sguardo da Michael.

La ragazza si voltò rapidamente verso colui che l'aveva bloccata, guardandolo con una espressione preoccupata.

<< Cosa stai facendo?! Lasciami andare, ha bisogno di aiuto! >>
Esclamò.
La sua voce tremava, sembrava stesse quasi per piangere da un momento all'altro.

<< Rilassati, Ehra sta già provvedendo a dargli le cure di cui necessita... >>
Le spiegò, lasciandola andare subito dopo.

Jessica abbassò lo sguardo, preoccupata, per qualche istante per poi posarlo su quella donna che, nel mentre, si era inginocchiata vicino a Michael.

Xane continuò a fissare la donna e il ragazzo in silenzio con uno sguardo incuriosito, reggendosi il mento con una mano.
C'era ancora qualcosa che non riusciva a capire.


< Ehra... Non sembra essere stupita da ciò che è appena accaduto... Perché non ha squalificato Seryu non appena ha visto stesse preparando il Boa Grasp? Sono riuscito a capirlo io, non ci credo che lei non lo abbia notato prima di me... >
Pensò, confuso e sorpreso dal comportamento calmo della donna.
In quell'istante un brivido gli passò nella schiena, lasciandolo di stucco.

< E se lo scontro fosse programmato? Normalmente i due partecipanti sono scelti casualmente, però... Fin da quando mi sono scontrato con Tesla ho avuto come l'impressione che qualcosa non andasse... Anche il mio incontro era stato deciso prima? Non è sorpresa, sembra quasi fosse già al corrente di cosa sarebbe dovuto accadere... >
Xane continuò a osservare la donna in silenzio, la quale, nel mentre, stava curando Michael con la sua magia curativa, rilasciando una strana energia rossastra intorno al corpo del ragazzo dalla sua mano.

< Stava testando la resistenza di Michael? Perché? A che fine? Come lo sapeva? Ho così tante domande e così poche risposte... Se non fosse per il suo comportamento non avrei tutti questi dubbi... >
Il ragazzo dai capelli viola non riusciva a comprendere le ragioni dietro il comportamento della donna, la cosa non quadrava: c'era sicuramente qualcosa sotto.
Era convinto di questa cosa.

Le sue preoccupazioni avrebbero, però, ricevuto una brusca risposta in relativamente poco tempo.


<< Xane? Cosa ti prende? >>
Domandò Jessica, improvvisamente.
Non appena il suo compagno sentì la sua voce, sembrò quasi cadere dalle nuvole: si voltò verso la ragazza con una espressione sorpresa in volto.

<< La tua espressione è strana, c'è qualcosa che ti turba? >> 
Domandò al ragazzo, preoccupandosi.

<< O-Oh! N-No, non preoccuparti. Stavo solamente pensando ad alcune cose, niente d'importante comunque. Tu, piuttosto, hai una orribile espressione in volto: rilassati, vedrai che Ehra lo riporterà come nuovo nel giro di un battito di ciglia! >>
Le disse, sorridendole, cercando di farla calmare.

Jessica forzò un sorriso, ma durò ben poco.
Abbassò lo sguardo subito dopo, ancora preoccupata da ciò che era appena successo.

Xane odiava quella sua espressione.

<< Sai che non mi piace vederti così triste... Stai tranquilla, andrà tutto bene. >>
Le disse, di nuovo, posando delicatamente una mano nella sua spalla.

Jessica sollevò lo sguardo, guardando il compagno prima con una espressione triste, poi con un sorriso.

<< Meglio, molto meglio. >>
Disse Xane, ricambiando il sorriso.



<< Come ti senti ora? >>
Domandò Ehra a Michael, il quale riuscì a sedersi finalmente nel terreno dopo le cure ricevute.

Il ragazzo fece un profondo sospiro prima di rispondere.
Cominciò a muovere lentamente le dita, poi le mani e, infine gli arti.
Notando di non sentire più dolore, mostrò un grosso sorriso alla donna.

<< Grazie, Ehra! Mi sento molto meglio, ora! >>
Esclamò.

<< Sono felice di sentirtelo dire. Le mie abilità curative sono tra le migliori in tutta Avalon, dopotutto. >>
Disse la donna, ricambiando il sorriso, mostrandogli il segno di vittoria con due dita.
Subito dopo si voltò di nuovo verso Seryu, il quale era ancora immobile con una espressione scioccata in volto.

<< Seryu Alcher, ho detto che sei stato squalificato. Allontanati dal ring. >>
Ripeté al ragazzo.

In quell'istante, Seryu sembrò riprendersi.

<< H-Ho sentito, mi perdoni. >>
Rispose, facendo un profondo inchino alla donna.

Ciononostante, c'era ancora qualcosa che non lo convinceva.

< Come ha fatto a resistere a tutti i miei attacchi senza possedere nessun genere di abilità? Neppure un Boa Grasp è riuscito a fargli perdere i sensi... >
Pensò, confuso, posando ancora una volta lo sguardo su Michael, prima di allontanarsi.



< Il Boa Grasp è una tecnica letale... Ehra l'ha sicuramente riconosciuta: il fatto che non abbia fermato Seryu all'istante non ha, quindi, senso... Però, se stava effettivamente testando i limiti di Michael... Allora tutto ha improvvisamente più senso. Ciononostante... Come è venuta a sapere della disumana resistenza di Michael, e perché avrebbe dovuto metterla alla prova? Non riesco a trovare una risposta sensata a questa domanda. Il questionario d'iscrizione? No... Anche Jessica ha detto che Michael non possiede abilità, quindi nel migliore dei casi nella sezione "Abilità" avrebbe scritto "Sono molto resistente"... Però cosa ne avrebbe tratto Ehra dal mettere alla prova la sua resistenza? Perché lui? Maledizione, ho così tante domande! Troverò una risposta a questa storia, fosse l'ultima cosa che faccio. >
Xane, nel mentre, continuava a pensare sull'accaduto, osservando i due partecipanti ed Ehra in silenzio.



Poi, accadde l'impensabile: in un battito di ciglia una luce uscì dal terreno, avvolgendo interamente la donna.

Sotto gli occhi sorpresi dei presenti, e di lei stessa, Ehra venne improvvisamente circondata da una barriera di luce a forma di cilindro che salì fino al cielo.

<< Cosa è successo?! >>
Esclamarono molti dei presenti, all'unisono, osservando la scena spaventati.

Subito dopo, qualcuno cominciò ad applaudire lentamente.
Tutti i presenti si voltarono in direzione di quel rumore.

Due partecipanti all'esame avanzarono lentamente in direzione della donna.


<< Non ci posso credere che ha veramente funzionato, sai? >>
Esclamò la persona che stava applaudendo, dirigendosi verso Ehra.
Parlò con tono divertito, smettendo di applaudire non appena raggiunse la donna.

<< Che significa tutto questo?! >>
Esclamò Michael, confuso dall'accaduto, alzandosi in piedi e guardando quella persona con una espressione furiosa.

Quella persona aveva lunghi capelli bianchi e occhi del medesimo colore.
Guardò per qualche istante Michael con una espressione infastidita.

<< Sparisci dalla mia vista. >>
Gli rispose, colpendolo in pieno stomaco con un pugno.

Michael si inginocchiò nel terreno, dolorante, reggendosi lo stomaco con entrambe le mani.
Non appena sollevò lo sguardo venne colpito in pieno volto da un potente calcio, il quale lo scagliò all'indietro per qualche metro.

Seryu si mosse rapidamente verso di lui, aiutandolo a sollevarsi dal terreno e accertandosi stesse bene.


<<  Non permetterti di toccare i miei studenti! >>
Disse Ehra, con tono furioso, colpendo con forza la barriera che la separava da quella figura.

La persona dagli occhi bianchi le sorrise, estraendo poi una strana pietra verdognola da una tasca.

<< Sai, credo che dovrò ringraziare Belzebub per le sue pietre. Non credevo saresti caduta in questa trappola così facilmente, sono scioccato. Avevo veramente paura che mi sarei dovuto nascondere all'interno dell'istituto, come un semplice studente, per chissà quanto tempo in attesa di colpire. >>
Le disse, spezzando poi la piccola pietra con due dita.

Una espressione terrorizzata apparve nel volto di Ehra.

<< Suppongo di essermi sbagliato, fortunatamente. >>
Aggiunse subito dopo, divertito.


<< Attenzione! >>
Esclamò Xane, riconoscendo il pericolo, avvolgendo sé stesso e Jessica in una cupola di ghiaccio.
Anche Seryu fu abbastanza veloce da innalzare una barriera di energia verde intorno a sé stesso e Michael.

Improvvisamente una folta cortina fumogena di colore giallastro uscì dai resti di quella strana pietra, ricoprendo per intero l'area in cui si stava svolgendo l'esame.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 2-1, alla prossima!

Chiedo scusa per il ritardo, ma ci sono stati non pochi problemi.
Spero di poter riprendere almeno la schedulazione con minimo una uscita settimanale sia di Shadows of Gaia che Arcadia.

Ritorna all'indice


Capitolo 11
*** Capitolo 2-2: I Dodici ***


Capitolo 2-2: I Dodici
 

<< Cosa... Cosa è? >>
Balbettò Jessica, impallidendo alla sola vista dell'aria al di fuori della sfera di ghiaccio, creata da Xane, diventare rapidamente di un colore giallastro, talmente fitta da rendere impossibile vedere cosa stesse accadendo al di fuori.

<< Ho letto qualcosa del genere in alcuni rapporti scritti dai membri dello squadrone di Arthur... Nascosti in alcune grotte molto profonde, ci sono dei cristalli che hanno la capacità di assorbire la magia. Quando si rompono hanno la caratteristica di rilasciare l'energia assorbita in un'area intorno a loro, però l'intensità e la durata, di norma, sono più o meno dimezzati rispetto alla magia originale che hanno assorbito. Sono pratici, ma di norma sono usati solamente per creare diversivi, proprio per il fatto che la magia rilasciata dopo la loro rottura è molto inferiore a quella originale. >>
Le spiegò Xane, senza mai smettere di fissare l'aria giallastra che li circondava all'esterno della sfera di ghiaccio che aveva creato.

<< Quindi quando potremo uscire da qui? Non mi sento al sicuro, in più Mike e Seryu sono ancora li fuori! >>

Esclamò subito dopo la ragazza, spaventandosi, afferrando poi il ragazzo per il braccio e strattonandolo.

<< Calmati, non possiamo ancora uscire! >>
Le rispose il ragazzo, infastidito da quel comportamento, facendole mollare la presa.

<< Non ho idea di che effetti abbia quel fumo, quindi non possiamo uscire da qui! In più, sono sicuro che Seryu sia riuscito a proteggersi in tempo... >>
Aggiunse, cercando di far capire a Jessica la situazione.

La ragazza abbassò lo sguardo, sempre più preoccupata dall'accaduto.
Poi lo sollevò, guardando anche lei l'aria fitta e giallastra che li circondava.


Trascorso poco meno di un minuto e, finalmente, quel fumo giallastro cominciò a diradarsi molto rapidamente, scomparendo del tutto nel giro di pochi istanti.

Finalmente, Xane e Jessica poterono uscire dalla sfera di ghiaccio che li proteggeva.

Furono entrambi rallegrati nel vedere Seryu e Michael ancora coscienti, ma tutti e quattro rimasero sconcertati da ciò che era accaduto a pochi metri di distanza da loro, a loro insaputa.

Tutti i partecipanti all'esame erano distesi nel terreno, immobili.

<< Sono...?! >>
Esclamò Michael, impallidendo davanti a quella scena.

In quel preciso istante gli occhi di Seryu si illuminarono di un verde acceso.

<< No, non sono morti... Posso vedere chiaramente i loro Ki: hanno solamente perso i sensi, fortunatamente. >>
Lo rassicurò, voltandosi poi verso i due che avevano causato tutti quei problemi.

Anche gli altri tre ragazzi si voltarono ben presto verso quelle due misteriose figure, che ben presto ricambiarono il gesto.


<< Uhm... Capo? Quattro di loro sono ancora in piedi... >>
Disse uno dei due assumendo una strana posizione gobba, fissando intensamente i quattro ragazzi, uno ad uno.

La figura dagli occhi bianchi osservò per qualche istante quel piccolo e giovane gruppo, poi un grosso sorriso apparve improvvisamente nel suo volto.

<< Mhh... Questo potrebbe anche giocare a nostro vantaggio, in realtà. >>
Ridacchiò.
L'altra figura lo guardò con uno sguardo confuso.

<< Hey, Nergal... Perché non giochi un po' con i nostri nuovi amici, uhm?
Non appena la prima figura pronunciò quelle parole, un sorriso sadico apparve nel volto del gobbo.


< Nergal?! >
Pensò Xane, spaventandosi solamente al sentire quel nome.


<< N-Nergal può davvero giocare con loro? >>
Domandò al suo capo, parlando stranamente di se in terza persona.

<< Si, puoi. Ma non far loro troppo male, potrebbero tornarci utili. >>
Quella sua risposta lo mandò in estasi.

Si voltò di scatto verso il gruppo con un sorriso divertito in volto, muovendosi lentamente e con passo goffo verso di loro.
Nonostante il modo strambo in cui camminasse, quella scena non era assolutamente un qualcosa di cui potessero ridere.

Esattamente quando arrivò a pochi metri di distanza da loro, uno strano cerchio magico apparve ai suoi piedi: non appena Nergal lo superò, il suo vero aspetto venne finalmente alla luce, lasciando il gruppo in uno stato di shock.

La figura che, infatti, avevano visto fino a quel momento, altro non era che il risultato di una magia illusoria.
Il vero aspetto di Nergal era quello di una gigantesca e orripilante creatura umanoide, dotata di quattro muscolosi arti, due per lato.
I suoi occhi non avevano né pupille né iridi: erano di colore blue scuro, esattamente come la lunga lingua che usciva dalla sua bocca e che, a ogni suo passo, faceva cadere grossi quantitativi di saliva nel terreno.

Non indossava vestiti, se non un grosso pezzo di stoffa marron chiaro avvolto intorno al bacino.
Era talmente alto e pesante che ogni suo passo faceva tremare il terreno ai suoi piedi.


<< Che razza di mostro è quello?! >>
Esclamò Michael, tremando, indietreggiando alla sola vista di quella orribile creatura.

Jessica scappò alle spalle di Xane, portandosi le mani davanti alla bocca e fissando quel mostro con occhi spalancati: non riuscì neanche a parlare, dalla paura.

<< Quello è Nergal... Uno dei peggiori Demoni di Classe A che sia mai esistito... >>
Le rispose Xane, indietreggiando anche lui, sudando.

Il demone continuò a muoversi lentamente verso il gruppo con un gigantesco e spaventoso sorriso stampato in volto, leccandosi le labbra con quella gigantesca e serpentina lingua.



<< Ordinagli di fermarsi! >>
Esclamò Ehra, appoggiandosi con forza alla barriera che la teneva imprigionata, rivolgendosi alla figura dai capelli bianchi che si trovava vicino a lei.

<< Non preoccuparti, gli ho detto di non ucciderli, per ora. Magari romperà loro qualche osso, o si mangerà qualche arto, ma di certo non li ucciderà. >>
Le rispose quella figura, con tono divertito e sorridendole.

<< Cosa vuoi da me? I miei studenti non hanno nulla a che fare con tutto questo! >>
Disse subito dopo, cercando spiegazioni.

<< Sai perfettamente perché sono qui: rivelami esattamente come spezzare il sigillo che rinchiude Bael, e noi ce ne andremo. >>
Le rispose, assumendo finalmente una espressione seria.
Ehra non sembrò stupita dalle parole di quella figura.

<< Non ho la minima idea di come spezzare il sigillo, e, anche se lo sapessi, di certo non lo direi a qualcuno come te! >>
Quelle parole non andarono giù al suo interlocutore, il quale colpì con forza la barriera che lo separava con lei.

<< Non prendermi per il culo, umana! Siete stati voi a mettere il sigillo su Bael, quindi sapete come levarlo! >>
Non appena pronunciò quelle parole, un secondo cerchio magico apparve ai suoi piedi, rivelando finalmente anche il suo vero aspetto.

Aveva lunghi capelli bianchi che scendevano fin dietro la schiena e occhi del medesimo colore, privi di iridi ma dotati di pupille nere, molto più basso e meno muscoloso rispetto a Nergal.
Era anche molto più simile a un essere umano rispetto al gigantesco demone. La sua pelle, colma di varie e vecchie cicatrici, era di colore grigio scuro, non indossava alcun vestito.
Era, in più, asessuato.

Ehra lo riconobbe all'istante... E non fu l'unica a farlo.

<< Tu... Sei... >>
Balbettò, riconoscendolo.



<<  A... Asteroth?!  Perché c'è anche uno dei Dodici Generali?! >>
Esclamò Xane, notando anche lui quella scena, impallidendo alla sola vista di quel Demone leggendario.

Sentendo quel nome, anche il resto del gruppo impallidì praticamente all'unisono.



Non tutti i nomi dei Dodici Generali Demoniaci erano conosciuti, ma il nome di Asteroth era sicuramente tra quelli con più fama... E non in un modo positivo.
Asteroth, conosciuto come "Lo Spietato" era uno dei dodici demoni più potenti dell'armata di Bael... Così potente che fu lo stesso Bael a sceglierlo come uno dei suoi generali.
Il più crudele e sanguinario fra tutti i demoni di Classe S, era sicuramente una figura che nessuno avrebbe mai voluto trovarsi davanti.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 2-2, alla prossima e grazie di avermi seguito!








 

Ritorna all'indice


Capitolo 12
*** Capitolo 2-3: Svolta ***


Capitolo 2-3: Svolta


A ogni passo del gigantesco demone seguivano altrettanti passi all'indietro del gruppo di ragazzi, ancora terrorizzati e scioccati dalla sola presenza di due demoni di così alto livello.
Era un qualcosa di talmente assurdo e improvviso che ancora non sapevano come agire per uscire da quella terribile situazione.

Non potevano commettere errori, dopotutto: Nergal, conosciuto con l'appellativo di "Vorace", era sicuramente tra i demoni di Classe A più forti conosciuti.
La sua incredibile stazza, unita alla sua disumana resistenza e forza fisica, erano un gigantesco problema anche per i gruppi più preparati: nonostante la sua stupidità, ben pochi potevano permettersi il lusso di prendere un demone come lui alla leggera.



Xane, notando la preoccupazione e la paura dei suoi compagni, si fece coraggio e decise di prendere in mano la situazione.

<< Se vogliamo uscire tutti vivi da qui dovremo lavorare come una squadra, intesi? >>
Chiese ai suoi compagni, senza mai distogliere lo sguardo dal gigantesco demone, il quale fissava divertito il gruppo con un enorme e affamato sorriso in volto.

<< Cosa ti fa credere che Asteroth non si unirà al suo compagno nello scontro? >>
Gli domandò Seryu, preoccupato dalla presenza del secondo, e ben peggiore, demone.

Una goccia di sudore scese dalla fronte di Xane, non appena si voltò verso il demone di Classe S, il quale ricambiò ben presto con un sorriso divertito.

<< Non sembra avere molto interesse per noi, almeno per il momento... Da quello che ha ordinato a Nergal, credo voglia usarci come minaccia per ottenere qualcosa da Ehra. >>
Non appena pronunciò quelle parole si voltò verso Jessica, la quale ricambiò il suo sguardo con una espressione terrorizzata e un volto pallido e tremando.

<< Jessica! Dovrai darci supporto dalle retrovie con magie difensive e curative, puoi farcela? >>
Le chiese.

Jessica esitò per un istante.

<< C-Credo di si... Ma non credo che le mie abilità siano abbastanza forti da proteggervi a pieno dagli attacchi di un mostro come quello... >>
Balbettò, con tono spaventato.

<< Non ha importanza: fino a quando puoi anche solo mitigare leggermente i danni, allora va benissimo. Dobbiamo riuscire a resistere fino a quando Ehra non si libererà da quella barriera che la tiene intrappolata, sono sicuro ne sia in grado... >>
Rispose alla ragazza, voltandosi poi verso Seryu, il quale si era già preparato allo scontro incombente, rilasciando il suo Ki tutto intorno al suo corpo.

<< Sono ancora stanco dall'incontro con Michael, ma ti assicuro che non sarò un peso. >>
Gli disse il ragazzo, prima che Xane potesse anche solo parlare.

<< Conto sulla tua velocità, Seryu, per colpirlo nei suoi punti deboli. Sarà pure un demone, ma la sua fisionomia è molto simile alla nostra: sai dove colpire. >>
Aggiunse Xane, voltandosi poi verso Michael, mentre Seryu gli rispose con un rapido cenno positivo del capo, tenendo sotto controllo il demone davanti a loro.


<< Fai ciò che puoi, ma fai attenzione: dopotutto, non possiedi una abilità come me o Seryu. >>
Gli disse, preoccupato per la incolumità.

<< Non preoccuparti per me, starò bene! >>
Rispose il ragazzo, scrocchiando le dita delle mani in preparazione allo scontro.

<< Lo spero. >>
Continuò Xane, voltandosi di nuovo verso Nergal.


Il gigantesco demone era, ormai, a pochi metri di distanza da loro.


<< Nergal è annoiato! >>
Esclamò il demone, sollevando una mano verso il cielo con tutto l'intento di schiacciare i suoi nuovi giocattoli.

<< Gioca con questo, allora! >>
Esclamò Xane, muovendo un braccio verso il gigantesco demone.
Non appena fece quel movimento, una potente slavina si generò dal palmo della sua mano, dirigendosi a tutta velocità verso Nergal e avvolgendolo per intero in un gelido vento.

Il demone, sorpreso, cominciò lentamente a indietreggiare, proteggendosi il volto con due dei suoi quattro arti.

Seryu non perse neanche un istante: approfittò ben presto dell'apertura che gli aveva gentilmente concesso il suo compagno, scattando in un battito di ciglia verso il gigantesco demone, ancora avvolto dal vento gelato scatenato da Xane.

Non appena Seryu gli arrivò vicino, Xane cessò rapidamente il suo attacco.
Prima che Nergal potesse anche solo rendersi conto del fatto che Seryu si fosse mosso, il ragazzo colpì il demone nel retro del ginocchio con un calcio, facendolo inginocchiare nel terreno.

Notandolo, Nergal afferrò il ragazzo per una gamba, sollevandolo ben presto in aria.

<< Merd- >>
Esclamò Seryu, capendo di non potersi liberare, mentre venne sollevato in aria.

<< Nergal... >>
Urlò il demone, scagliando il ragazzo nel terreno con una forza spaventosa, causandogli non pochi danni.

Subito dopo sollevò un pugno in aria, preparandosi a colpire il ragazzo dolorante e indifeso nel terreno.

<< ...Spacca! >>
Continuò, pronto a colpire il suo bersaglio con il suo gigantesco pugno.
Rimase sorpreso, però, notando una barriera rosa chiaro intorno al suo bersaglio.

<< Che è? >>
Si chiese, confuso, non appena colpì quella barriera con il suo pugno.
In quel preciso istante venne colpito in pieno ventre da un fulmine, cadendo poi al suolo, fumante.

Facendosi forza, Seryu si alzò lentamente dal terreno, incamminandosi debolmente verso i suoi compagni.
Stava zoppicando, e si reggeva un arto con l'altra mano: stava sanguinando dalla spalla destra e dalla fronte.


<< Sei messo malissimo... >>
Gli disse Xane, guardandolo preoccupato.

<< E' ok... Dovrei ringraziare Jessica per quella barriera: senza di essa ora sarei diventato spezzatino... >>
Rispose Seryu, voltandosi verso Jessica.

La ragazza si mosse rapidamente verso di lui, appoggiando entrambe le mani nel suo petto.
La coppia venne ben presto avvolta da una strana energia celeste chiaro, e le ferite di Seryu cominciarono lentamente a rimarginarsi.

<< Sei incredibile, Jessica... ! >>
Le disse Seryu, notando con quanta rapidità le sue ferite si stessero rimarginando.

<< Fate attenzione, non posso curarvi all'infinito: l'efficacia della mia magia curativa è molto elevata le prime volte, ma diventano esponenzialmente meno efficaci uso dopo uso. Cercate di non ferirvi in archi di tempo troppo piccoli, altrimenti non potrò assistervi come vorrei! >>
Gli spiegò la ragazza, allontanandosi poi da lui e indietreggiando dalla zona dello scontro.


<< Quindi? Qualche piano d'azione? Quel coso non sembra essere in difficoltà... >>
Domandò Seryu ai suoi compagni, mentre Nergal cominciò lentamente a rialzarsi dal terreno.

<< E' resistente, ma non invincibile. Noi siamo veloci, lui è lento. Se evitiamo di farci prendere da lui, allora non avremo problemi! >>
Gli rispose Michael.

<< Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Hai visto con quale facilità ha afferrato Seryu, e lui non è di sicuro lento! >>
Gli fece notare Xane, con tono di rimprovero.


Nel mentre che i tre ragazzi discutevano, Nergal si rialzò di nuovo in piedi.

<< Male... >>
Disse, massaggiandosi lo stomaco con una mano, con una espressione dolorante in volto.
Pochi istanti dopo venne avvolto di nuovo da un forte vento gelato, il quale congelò i suoi piedi e le sue gambe, bloccandolo nel terreno.

L'espressione di Nergal divenne ancora più confusa non appena notò Seryu davanti a lui, sospeso in aria a pochi metri di distanza dal suo volto.
Il demone provò rapidamente ad afferrare il ragazzo, ma rimase di stucco notando che, nonostante fosse sicuro di averlo preso, non aveva afferrato nulla.

<< Uh? >>
Si domandò, guardando il palmo vuoto della sua mano.

Seryu aveva usato la sua Bear Stance per creare una immagine residua di sé davanti al demone, per confonderlo e, a sua insaputa, si era mosso alle sue spalle.

<< Hai fame? Mangia questo! >>
Esclamò il ragazzo, attirando l'attenzione di Nergal.

Non appena il demone si voltò venne colpito in pieno volto da un calcio del ragazzo che gli fece perdere l'equilibrio, facendolo inginocchiare poi nel terreno.

<< Tocca a me! >>
Esclamò Michael, dirigendosi poi a tutta velocità verso Nergal, ancora bloccato nel terreno dal ghiaccio creato da Xane.

<< Aspetta, Michael! >>
Urlò Xane, cercando di fermarlo, non appena notò il suo compagno correre a tutta velocità verso il gigantesco demone, inutilmente.

Non appena Michael arrivò davanti a Nergal, lo colpì in pieno volto con un pugno.


Michael impallidì notando che il suo attacco non avesse avuto il minimo effetto.

<< N... Non è andata come avevo previsto... >>
Balbettò, parlando con una risatina nervosa, mentre Nergal si voltò verso di lui con uno sguardo infastidito.

<< Mi perdoni? >>
Domandò al demone, sollevando le mani al cielo in segno di resa.
Michael scattò rapidamente all'indietro, evitando l'unica risposta che Nergal avesse intenzione di dargli.

Il pugno di Nergal mancò il bersaglio prefissato, colpendo il terreno e lasciando un profondo cratere in esso.

<< Se mi avesse preso, adesso sarei morto e sepolto! >>
Esclamò il ragazzo, osservando spaventato il cratere lasciato nel terreno dal pugno del demone.

<< Sei impazzito, per caso?! >>
Lo rimproverò Xane, correndo nella sua direzione.
Il suo sguardo era furioso.

<< H-Ho visto che gli attacchi di Seryu stavano avendo effetto, quindi ho pensato di aiutare anche io! Non è andata come pensavo... >>
Gli rispose il ragazzo, deluso e spaventato dal fallimento del suo tentativo.

<< Non essere ridicolo. >>
Disse Seryu, tornando al fianco dei suoi compagni.

<< Io posso aumentare l'efficacia dei miei attacchi grazie al mio Ki, tu non puoi farlo. Devi fare più attenzione. >>
Continuò, cercando di far capire l'errore al suo compagno senza farglielo pesare troppo.

Michael abbassò lo sguardo, deluso, sentendosi un peso per i suoi compagni.

<< Non prendertela troppo... >>
Gli disse Xane, dandogli le spalle.

Michael sollevò lo sguardo, sorpreso dalle sue parole.

<< ... E' normale che gli attacchi di una persona normale non abbiano efficacia contro un demone di quel rango... Anche Seryu, senza il suo Ki, non riuscirebbe a fargli danni. Non fartene una colpa, è naturale. >>
Continuò, cercando di rasserenare il suo compagno.

<< Ma- >>
Xane lo interruppe anche prima che potesse cominciare a parlare.

<< Non ci sono "Ma" che reggano! A meno che tu non ci stia nascondendo un qualche genere di abilità sarebbe appropriato che tu stia il più alla larga possibile da qui! Capisci che l'unica ragione per cui hai sconfitto Seryu è perché non poteva andare oltre un certo livello a causa delle regole imposte da Ehra, vero?! Ho provato a dirtelo gentilmente, ma preferirei che tu stia in disparte a controllare Jessica! Non possiamo aiutare te e scontrarci con Nergal, saresti più un peso che un aiuto! >>
Lo rimproverò, muovendosi di nuovo verso il demone in compagnia di Seryu.
Michael abbassò di nuovo lo sguardo, digrignando i denti ed evitando di guardare le spalle del suo compagno.


Non riusciva a sopportarlo.
Non appena sollevò lo sguardo, notò come i suoi due compagni avessero ripreso il loro assalto contro il demone, attaccandolo con ogni tecnica in loro possesso.

Si sentì inutile, un peso.
Voleva aiutarli, ma non aveva modo per farlo.

L'unico motivo per cui era li, in quel momento, era perché Seryu l'aveva protetto da quello strano gas.
L'unico motivo per cui aveva vinto l'incontro, era perché Seryu non poteva usare il massimo della sua forza, ma solo una piccola frazione, per non rischiare di ucciderlo.

In quei secondi gli sembrò quasi che tutto il mondo gli fosse crollato addosso in un colpo solo.
Decise di seguire le orme dello zio esattamente per evitare quella situazione: non voleva essere un peso.

Voleva, infatti, essere d'aiuto alle persone.


Nonostante le parole del suo compagno, però, decise di tornare ugualmente all'offensiva.
Si voltò verso Jessica, fissandola con uno sguardo serio e deciso.

<< Jessica, mi serve il tuo aiuto. >>
Le disse.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 2-3, alla prossima e grazie di avermi seguito!












 

Ritorna all'indice


Capitolo 13
*** Capitolo 2-4: Svolta ***


Capitolo 2-4: Svolta 

 


Jessica capì immediatamente ciò che Michael avesse intenzione di chiederle, anche prima che potesse farlo.
Riconoscendo le intenzioni del suo compagno, lo fissò per qualche secondo in silenzio, con uno sguardo confuso.

Non era dopotutto, una decisione che poteva prendere alla leggera: anche il più piccolo errore poteva, in quella situazione, risultare in una sorte ben peggiore di qualche ferita superficiale.

<< No, non possiamo farlo! >>
Rispose al compagno, assumendo una espressione cupa e seria.

Una espressione sorpresa apparve nel viso del ragazzo per un istante, sentendo la risposta della sua compagna.

<< Ma se non interveniamo le cose andranno molto male, Jessica! >>
Cercò di convincerla, con tono preoccupato, avvicinandosi lentamente a lei.

<< No, se lo facciamo le cose potrebbero andare anche peggio! Sai perfettamente quali sono le conseguenze, non puoi chiedermi di farlo! >>
Rispose la ragazza, continuando a tenere le braccia rivolte in avanti verso Seryu e Xane.
La sua voce era spaventata ma, allo stesso tempo, ferma e decisa.

Michael si avvicinò ancora una volta alla sua compagna, afferrandola per le spalle con entrambe le mani e scuotendola brevemente.

<< Jessica, non abbiamo tempo per discutere su questa cosa! Non riusciranno a reggere ancora a lungo a qualcuno come Nergal, e io non riesco a stare qui a guardare! >>
Esclamò, cercando di convincere la compagna.

Rapidamente, Jessica si scrollò di dosso il suo compagno, allontanandolo con forza da lei.
Subito dopo lo fissò intensamente con uno sguardo infastidito.

<< Sai perfettamente che posso usare o gli incantesimi da supporto o quelli di potenziamento! Non posso usarli insieme, solo uno per volta! Se dovessi usare gli incantesimi di potenziamento su di te poi non potrei proteggere Xane e Seryu dagli attacchi di Nergal! Non posso rischiare che vengano feriti gravemente o peggio! Non puoi chiedermi di fare una cosa del genere! >>
Esclamò la ragazza, preoccupata sia dalla richiesta del compagno che dalle sorti degli altri due ragazzi.

Michael abbassò lo sguardo per una frazione di secondo, dubbioso, ma lo sollevò subito dopo, sicuro che la sua decisione fosse quella giusta.

<< Jessica so che non vuoi farlo, ma non abbiamo altre opzioni! Non riusciranno a sconfiggere Nergal da soli, ti prego! Lascia che li aiuti! >>
Esclamò ancora una volta, cercando di convincere la sua compagna.

<< Hai davvero così poca fiducia in loro?! Seryu e Xane sono in grado di combattere Nergal, e io ho tutta l'intenzione di dar loro supporto da qui! Se dovessi usare i miei incantesimi su di te, però, non sarei più in grado di proteggere nessuno tranne te! Non puoi chiedermi di fare una cosa simile! >>
Rispose Jessica, sempre più dubbiosa e contraria alla richiesta del compagno.


Non voleva rischiare: dopotutto, se avesse usato gli incantesimi di potenziamento su Michael poi non avrebbe potuto usare quelli di difesa su Seryu e Xane, lasciandoli completamente scoperti agli attacchi del grottesco demone.


<< Guardali, Jessica! I movimenti di Seryu stanno rallentando, mentre gli attacchi di Xane non hanno causato danni evidenti a quel demone! >>
Esclamò Michael, indicando i suoi compagni con una mano.

Jessica rivolse il suo sguardo preoccupato su di loro.

<< Io posso restare qui a guardare, mentre tu puoi restare qui a proteggerli... Ma quale è il motivo di proteggerli se non sono in grado di sconfiggere quel demone?! Anche se li proteggi, finiranno le loro energie prima di fare danni significanti a Nergal, e non abbiamo neanche preso Asteroth in considerazione! Non possiamo sprecare tempo prezioso, Jessica: dobbiamo per forza abbattere Nergal il più in fretta possibile, prima che Asteroth decida di scendere in campo! >>
Le disse Michael, cercando di far capire alla sua compagna le preoccupazioni che lo affliggevano.

Jessica evitò lo sguardo di Michael, preoccupata da quelle sue parole, fissando intensamente i due ragazzi che, fino a quel momento, stava proteggendo con tutta se stessa.

<< N-Non so se voglio correre questo rischio, Mike! Hai visto cosa è successo prima, no? L'unica cosa che ha impedito a Nergal di schiacciare Seryu, poco fa, è stata la mia barriera! Se uso i miei incantesimi di potenziamento su di te poi non potrò più intervenire per difenderli, lo capisci vero? >>
Gli rispose Jessica, preoccupata di cosa sarebbe potuto accadere ai suoi due compagni se lei non avesse potuto proteggerli.

<< Capisco le tue paure, Jessica, ma stiamo sprecando tempo prezioso! Dobbiamo prendere una decisione prima che sia troppo tar- >>
In quel preciso istante un forte boato riempì l'aria, attirando l'attenzione dei due ragazzi.



<< Hey, Seryu! Tutto OK? >>
Domandò Xane al compagno, vedendolo ansimare, con tono preoccupato e stanco.

Seryu era inginocchiato nel terreno, dolorante e ansimando.
Si stava reggendo una spalla con la mano libera: l'aura verde intorno a lui si faceva sempre più lieve secondo dopo secondo.

<< No, non proprio... >>
Rispose, ansimando, senza levare lo sguardo dal demone che si trovava davanti a loro.

Xane continuò a fissarlo con uno sguardo preoccupato, in silenzio.

<< Sono sfinito... Credo di aver superato il mio limite, Xane.... Non credo riuscirò a continuare ancora per molto, perdonami... >>
Aggiunse, voltandosi verso il suo compagno.

La sua espressione era dolorante e stanca, il suo tono debole e triste.

Sentendo quelle parole, Xane posò di nuovo il suo sguardo su Nergal.
La sua espressione divenne rapidamente cupa: cominciò ben presto a sudare e a digrignare i denti.

< Non va per niente bene... Tra tutti i demoni di Classe A, proprio Nergal doveva capitarci! Non è esattamente il più forte fisicamente, ma è di sicuro quello più difficile abbattere... Siamo riusciti a danneggiarlo, ma buttarlo giù è fuori discussione... Forse dovrei usare un incantesimo di potenziamento fisico? Non sono sicuro possa funzionare, però... La forma di potenziamento dura relativamente poco e mi impedisce di usare altri incantesimi, senza considerare che richiede molta energia... E' un grosso rischio, e in più che andare corpo a corpo contro uno come Nergal è un rischio ancora più grande. >
Pensò il ragazzo, asciugandosi del sangue che gli stava uscendo dal labbro inferiore con il dorso della mano, senza mai levare lo sguardo da Nergal.

In quel preciso istante fece un verso infastidito.

< Che pessimo tempismo! Mi stavo allenando con Sarah esattamente per casi come questi, ma non sono ancora in grado di usare a dovere gli incantesimi di Rango Sette per combattere demoni come lui! >
Pensò subito dopo, stringendo i pugni e digrignando i denti dalla rabbia.
Non aveva la minima idea di come comportarsi per uscire da quella situazione.
Xane continuò a fissare in silenzio il demone davanti a loro, il quale ricambiava con uno sguardo divertito e leccandosi le labbra con quella sua oscena lingua.

<< Fai davvero ribrezzo, te l'ha mai detto nessuno? >>
Esclamò il ragazzo, disgustato dal comportamento di Nergal. 

Poi, però, qualcosa gli tornò in mente.

<< Aspetta... Lui dovrebbe essere in grado di usare incantesimi di Rango Sette, se non sbaglio! >>
Esclamò, ricordandosi di qualcuno.

Sentendo le parole del compagno, Seryu sollevò lo sguardo verso di lui, confuso.

<< Di chi stai parlando? >>
Gli domandò, con tono dolorante, incuriosito.

In quel preciso istante Xane alzò entrambe la mani verso il cielo, senza mai levare lo sguardo da Nergal, il quale, notando il gesto del ragazzo, lo fissò in silenzio per qualche secondo con una espressione confusa, incuriosita e divertita.

<< Beh... O la va o la spacca! >>
Esclamò Xane, mentre il suo corpo venne avvolto da intense scariche elettriche.


Una grossa scarica elettrica partì dai palmi delle sue mani, salendo fin sopra le nuvole.
Un assordante tuono risuonò nel cielo, lasciando tutti i presenti sorpresi e confusi dalla mossa del ragazzo.


Nergal continuò a fissare per qualche secondo il cielo, confuso da cosa fosse appena accaduto, per poi posare di nuovo lo sguardo su Xane, divertito.

<< Hai mancato Nergal... Nergal è giù, non su! >>
Esclamò il demone, con tono divertito, muovendosi lentamente verso Xane.

Xane abbassò finalmente la mani, mostrando al demone un sorriso isterico.

<< Beh... Non stavo mirando esattamente a te, se devo essere sincero... >>
Rispose al demone, facendo qualche passo all'indietro.


Il demone continuò a muoversi lentamente verso i due ragazzi, sollevando un pugno verso cielo e preparandosi a colpire.

<< Nergal è annoiato! >>
Esclamò il demone, continuando a camminare verso i suoi bersagli.

<< Hai mai considerato di smettere di parlare di te stesso in terza persona? >>
Gli domandò Xane, muovendo poi rapidamente il braccio in avanti, creando un grosso e robusto muro di ghiaccio tra se e il gigantesco demone.

Ben presto, però, il muro venne mandato in frantumi davanti ai suoi occhi da un devastante pugno di Nergal, lasciando i due ragazzi indifesi e spaventati.

<< Lo prendo come un no... >>
Disse Xane, impallidendo davanti a quella scena.


Nergal riprese a muoversi nella loro direzione molto lentamente, con fare divertito.
Si fermò poco davanti a loro, con un sorriso sadico in volto.

Sotto gli occhi sorpresi di tutti, però, il grosso demone venne colpito alle spalle da una potente scarica elettrica prima che potesse fare qualsiasi cosa.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine capitolo 2-4, grazie di avermi seguito e alla prossima!

Ritorna all'indice


Capitolo 14
*** Capitolo 2-5: Tick Tock ***


Capitolo 2-5: Tick Tock

 


Improvvisamente una grossa e intensa scarica elettrica colpì Nergal alle spalle, lasciando tutti i presenti di stucco e inorriditi alla sola vista di quella scena.
Gli unici rumori udibili erano lo stridio delle scariche elettriche che continuavano imperterrite a riversarsi sul demone e le urla strazianti di quest'ultimo, sottoposto a chissà quale intensità di corrente.

Le urla di Nergal continuarono per circa una decina di secondi: la scarica elettrica e le sue urla bestiali cessarono all'unisono.

Rimase in piedi per qualche istante, cadendo poi al suolo di peso, immobile e fumante.


<< Cosa... E' appena successo? >>
Si domandò Seryu, incredulo e sorpreso da ciò a cui aveva appena assistito, senza mai distogliere lo sguardo dal corpo fumante del demone.

Xane ridacchiò, attirando l'attenzione del suo compagno.

<< Fortunatamente ha riconosciuto la mia richiesta d'aiuto... Avevo paura non ci riuscisse... >>
Disse Xane, con tono tremante, ridendo istericamente.

<< Di chi parli? ... >>
Gli domandò Seryu, guardando nella direzione da cui si era originata la devastante scarica elettrica.
Ben presto notò una figura in piedi, ancora circondata da alcune scariche elettriche, con un arto teso in direzione del demone. 

Ci mise molto poco a riconoscere quella persona.

<< Ma... Quello è... >>
Balbettò, incredulo, nel mentre che la figura cominciò a muoversi lentamente nella loro direzione, senza mai distogliere lo sguardo da Nergal.

<< Sono curioso dal sapere come mai un demone come Nergal sia qui... >>
Disse quella persona, osservando il demone fumante nel terreno.

<< Ma ho come l'impressione di non avere il tempo per fare le domande. >>
Aggiunse subito dopo, posando il suo sguardo sulla strana figura al fianco di Ehra.

<< Hey, Tesla! Come va? >>
Esclamò Xane, dalla distanza, attirando l'attenzione del ragazzo dai capelli biondi.

Non appena Tesla posò lo sguardo su Xane, una smorfia divertita apparve nel suo volto.

<< Sai? Vederti in quello stato mi rende quasi felice. >>
Disse, divertito dall'aspetto stanco e affaticato che aveva Xane.

<< Oh, andiamo... Non serve essere così cattivi, no? Vuoi unirti alla festa? Il nostro amico Nergal sembra essere un po' annoiato, ma noi siamo leggermente stanchi, sai? Ti andrebbe di fare cambio per qualche minuto, amicone? >>
Gli domandò Xane, ridacchiando.

Le sue parole fecero innervosire Tesla.

<< Chiamami di nuovo "Amicone" e vediamo che succede. >>
Minacciò Tesla, dirigendosi lentamente in direzione del demone fumante.

<< Oh-oh! Inquietante! >>
Esclamò Xane, divertito dalla risposta del compagno.



<< Quel ragazzino è... >>
Disse Asteroth, riconoscendo il ragazzo che si era intromesso nello scontro.

<< ... Che noia che siete voi umani. >>
Aggiunse, con tono infastidito, osservando con braccia conserte mentre Tesla si muoveva verso Nergal.

<< Aspetta solo che io riesca a liberarmi... >>
Gli disse Ehra dall'interno della barriera che la circondava.
Asteroth si voltò lentamente verso di lei, fissandola in silenzio con uno sguardo innervosito.

<< Non appena sarò libera vi prenderò a calci uno a uno. Lo so che hai paura di me, altrimenti non mi avresti imprigionata di nascosto. >>
Continuò, con tono minaccioso.

<< Non sei nella posizione per minacciarmi, umana. Ricordati che sei ancora confinata li dentro, mentre io devo ancora scendere in campo. Non credere di essere in vantaggio. >>
Le rispose il demone, mostrandole un sorriso divertito.



<< Rialzati, so che non muori così facilmente, mucchio di merda. >>
Disse Tesla, arrivando a pochi metri di distanza dal corpo di Nergal.

Pochi istanti dopo il demone cominciò ad alzarsi lentamente dal terreno facendo leva sui suoi quattro arti.
Dolorante, si voltò verso il nuovo arrivato, mostrandogli una espressione furiosa e uno sguardo colmo d'ira, ringhiando come una bestia.

Le vene nel suo collo e nella fronte pulsavano all'impazzata, esattamente come quelle nei suoi quattro arti.
Stava digrignando i denti e fissava intensamente il ragazzo con ciglia aggrottate e un tic nervoso sul labbro superiore. 

<< Ti è piaciuto l'antipasto, demone? Ti ricordi di me, per caso? Ero li quando, due mesi fa, mio fratello ti ha preso pesantemente a calci. >>
Disse al demone, con tono divertito e sorridendo, scrocchiando le dita delle mani.

Sentendo quelle parole, Nergal cominciò a ringhiare più forte.

<< Io mi ricordo. Davvero patetico. >>
Aggiunse subito dopo, sfottendo il demone.

In quel preciso istante, Nergal scattò verso Tesla, urlando e agitando le sue braccia all'aria durante la corsa.
Provò a schiacciare il ragazzo con un pugno, ma Tesla fu abbastanza veloce da scansarsi per evitare l'attacco del demone, spostandosi alle sue spalle.

Nergal si voltò di scatto, venendo colpito in pieno ventre da una seconda scarica elettrica, urlando dal dolore per poi cadere al suolo, di nuovo, fumante.


<< Come... Può riuscirci? >>
Domandò Seryu al compagno, incredulo e sorpreso da quella scena.

Dopotutto, Tesla stava tenendo testa da solo a un avversario che sia lui e Xane insieme non erano riusciti a mettere in difficoltà.

<< In termini di forza bruta, non conosco nessuno al livello di Tesla Heiner. >>
Gli rispose Xane, osservando la scena con un sorriso soddisfatto in volto.

<< Ma... Lo hai sconfitto nell'incontro... Come ci sei riuscito, se possedeva una tale forza? >>
Domandò di nuovo Seryu, sempre più stupido da quella situazione.

<< La ragione è la stessa che si nasconde dietro il tuo incontro con Michael Jeremy Rider. Esattamente come te, Tesla non poteva andare oltre un certo limite per non venir squalificato dal torneo. >>
Spiegò Xane, senza distogliere lo sguardo dal suo ex-avversario.



Tesla, nel mentre, rimase immobile a fissare in silenzio il demone davanti a lui che lentamente si rialzava dal terreno, ricambiando lo sguardo frustrato e furioso di Nergal con uno cupo e preoccupato.

< I miei attacchi hanno effetto, ma non credo di essere in grado di buttarlo giù... >
Pensò, guardando poi con la coda dell'occhio Asteroth.

< In più, se quel tipo dovesse interferire sarei spacciato ancor prima di capire cosa mi abbia colpito... Devo fare molta attenzione. >
Continuò, posando di nuovo il suo sguardo su Nergal che, nel mentre, si era rialzato dal terreno.


Il corpo di Tesla cominciò a venir pervaso da alcune piccole scariche elettriche, concentrate specialmente negli arti superiori.


<< Nergal ne ha avuto abbastanza di te! >>
Esclamò il demone, scattando di nuovo verso Tesla.

<< Parli ancora di te stesso in terza persona? >>
Domandò il ragazzo, divertito dalle parole del demone.

Nergal provò ad afferrare il ragazzo con una delle sue mani, ma non ci riuscì: Tesla era, dopotutto, troppo veloce per farsi prendere da quel gargantuesco demone.

Sotto lo sguardo confuso e sorpreso del demone, Tesla gli arrivò davanti, preparandosi a colpire il suo avversario con un pugno.
In una frazione di secondo una infinità di scariche elettriche di colore azzurro si riversarono nel suo braccio sinistro.



La casata degli Heiner è in grado di utilizzare come catalizzatore l'energia dello spirito originario di Mistral "Byakko", la "Tigre Bianca", per canalizzare tutta la loro energia magica in diverse parti del corpo per colpire i loro avversari con un singoli ma devastanti attacchi, oppure rilasciare l'energia intorno a loro con una terribile e intensa scarica di fulmini.

In particolare, il Byakko Donner, o "Tuono di Byakko", permette di far affluire il mana in uno degli arti superiori, colpendo il bersaglio con un devastante pugno elettrico che lo fa sbalzare a metri di distanza.
La cosa peculiare è che la gran parte delle abilità che sfruttano l'energia di Byakko  hanno elettricità di colore azzurro chiaro.

E' una tecnica mortale, il cui uso è severamente proibito contro gli esseri umani.
Nergal, però, era tutto fuorché un essere umano.



Tesla colpì in pieno ventre il gigantesco demone con il suo pugno, scagliandolo a qualche metro di distanza da sé.
Tutti i presenti, Xane e Asteroth inclusi, rimasero stupefatti da quella scena.

Nergal rimase per qualche secondo immobile nel terreno, fumante e ferito, prima di cominciare ad alzarsi.

<< Fa male... Fa tanto male... >>
Balbettò il demone, con un tono spaventato e tremante.



In quel preciso istante, Asteroth fece un verso infastidito.



<< Ottimo lavoro Tesla, è questo che mi piace vedere! Continua così! >>
Esclamò Xane dalle retrovie, divertito, mostrando il simbolo di vittoria al compagno con una mano.

Tesla si voltò rapidamente verso il suo compagno, infastidito dal suo tono e dalle sue parole.

<< Sta zitto, non farmi incazzare! >>
Urlò al ragazzo dai capelli viola, furioso.

<< Perché? Che succede se ti incazzi? >>
Non appena Tesla sentì quelle parole provenire dalle sue spalle si girò di scatto, ma non fu in tempo di fare nulla.

Asteroth lo afferrò per il collo con una mano, sollevandolo dal terreno e impedendogli di respirare.

Tesla cominciò ad agitarsi disperatamente nel tentativo di liberarsi dalla morsa del demone, inutilmente.

< Non... Riesco a respirare! >
Pensò, afferrando il braccio di Asteroth nel tentativo di fargli mollare la presa.

<< Odio i ragazzini come te... Stupidi, arroganti e patetici stronzi che si credono chissà chi. Non credere di essere forte solo perché i tuoi attacchi possono ferire Nergal, umano. >>
Le parole di Asteroth erano calme e serie, la sua espressione cupa e infastidita.
Nel mentre continuò a stringere la morsa intorno al collo del ragazzo, il quale cominciò a soffocare, emettendo strani e deboli versi gutturali.

In un battito di ciglia sia Tesla che Asteroth vennero avvolti da scariche elettriche di colore azzurro.

<< Odio il solletico. >>
Disse Asteroth, non subendo nessun danno evidente dal tentativo di Tesla.
Subito dopo il demone scagliò il ragazzo nel terreno senza lasciarlo andare.

Non appena Tesla colpì il terreno, del sangue uscì dalla sua bocca.


<< Tesla! >>
Esclamarono all'unisono Seryu e Xane, osservando quella scena preoccupati e impotenti.


Subito dopo Asteroth sollevò di nuovo Tesla in aria, lentamente, ammirando divertito quanto debole fosse il suo avversario.
Stavolta, però, il ragazzo dai capelli biondi aveva una espressione dolorante e perdeva sangue dalla fronte e dalle labbra.

<< Ahh, vedi? Questa è l'espressione che dovresti avere: dolorante, sconfitta, debole. I ragazzini come te credono di essere invincibili solo perché sono nati in una famiglia importante, o con un grosso potenziale. Piccolo suggerimento per il futuro: non lo siete. >>
Disse il demone, trafiggendo poco dopo il ragazzo nella sua spalla destra con la sua mano libera.

Subito dopo Asteroth lasciò cadere il ragazzo al suolo, osservando per un istante la mano insanguinata con cui l'aveva ferito.

<< Nergal, basta giocare. Uccidili tutti, uno a uno. Il ragazzino elettrico non è più un problema. >>
Disse subito dopo, rivolgendosi al gigantesco demone, incamminandosi di nuovo verso la barriera che teneva Ehra imprigionata.


<< No! >>
L'urlo furioso e spaventato della donna attirò ben presto la sua attenzione.

Asteroth si voltò verso di lei, mostrandole un sorriso sadico in volto.

<< Vediamo quanto ci metterai a liberarti da quella barriera, Ehra. >>
Le disse, avvicinando la mano insanguinata con cui aveva ferito Tesla davanti alla sua bocca.

<< Più tempo ci metti, più di loro moriranno. >>
Aggiunse, leccando il sangue dalla sua mano, divertito.

<< Magari ti deciderai finalmente a parlare. >>
Concluse.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 2-5, alla prossima e grazie di avermi seguito!

Ritorna all'indice


Capitolo 15
*** Capitolo 2-6: Contrattacco ***


Capitolo 2-6: Contrattacco

 

In quei momenti le sue preoccupazioni presero forma davanti ai suoi stessi occhi.
L'unica cosa che poté fare, in quegli interminabili secondi, fu osservare il ragazzo dai capelli biondi cadere lentamente nel terreno, sanguinante.

Jessica impallidì davanti a quella scena, era pietrificata.
La sua mente era piena di pensieri e paure.

" Avrei potuto aiutarlo... "
Continuò a pensare, senza proferire parola.

Poi, istintivamente, posò il suo sguardo su Xane e Seryu.

Li aveva aiutati fino a quel momento, ma ora notò perfettamente quanto fossero, effettivamente, forzati e stanchi.
In più, vide che anche loro avevano la sua stessa identica espressione piena di terrore.


Tesla non era ancora morto: era ancora vivo.
Ferito, ma vivo.

Doveva fare qualcosa per aiutarlo, non c'era più tempo da perdere.


Poi, mentre quei pensieri le passavano per la mente, un urlo la fece tornare ben presto in se.

<< Jessica! >>
Sentendo pronunciare il suo nome, si voltò verso l'origine di quelle parole, riprendendosi da quello stato di shock.

Era Michael ad averla chiamata.
La sua espressione era spaventata, ma allo stesso tempo sembrava sicura e pronta ad agire.
Mike la fissò intensamente negli occhi per qualche secondo, mostrandole una espressione decisa, cercando inutilmente di nascondere la parte preoccupata e spaventata.

<< Ora o mai più, Jessy! Devi darmi una mano, o lo farò per conto mio! >>
Esclamò subito dopo.


Non prese subito una decisione.
Dopotutto, Jessica non era una persona che prendeva le decisioni rapidamente.

Di norma considerava ogni possibile strada percorribile.

Aiutare Michael o rimanere fedele al piano originale e dare una mano a Seryu e Xane?

Era dubbiosa su quale decisione prendere.
Dopotutto, gli incantesimi di potenziamento erano rischiosi per più di un motivo...
Però era vero che proteggere Xane e Seryu, in quel momento, non avrebbe portato a nulla: non erano ancora in grado di fermare Nergal, quantomeno Asteroth.


Per quanto non volesse farlo, decise che l'unica strada percorribile, in quel frangente, era una e una soltanto.




<< Seryu! Riesci a muoverti? >>
Domandò Xane al compagno, nel mentre, seduto nel terreno.

Seryu si afferrò un polso con la mano libera, mostrando una mano tremante al compagno.

<< Perdonami, Xane... Ho superato il mio limite massimo: per qualche minuto non sarò neanche in grado di muovermi da questa posizione... >>
Gli rispose, assumendo una espressione colpevole e dispiaciuta.

Xane si voltò rapidamente verso Nergal, facendo un verso infastidito.

< Non va bene... Non so se mi rimane abbastanza mana per usare incantesimi di alto livello... Forse mi conviene davvero passare agli incantesimi di potenziamento, ma non credo sia la scelta migliore... Sarò obbligato a combattere corpo a corpo con Nergal, dovendo anche tenere conto di Asteroth nel mentre. Senza contare che Seryu e Tesla sarebbero scoperti, e Tesla necessita di cure immediate... >
Pensò Xane, voltandosi poi verso Tesla, assumendo una espressione preoccupata.

<< Non è morto... >>
Sentì dire da Seryu, alle sue spalle.

<< Il suo Ki è ancora li... Nonostante si stia indebolendo secondo dopo secondo... >>
Continuò.

Tesla si voltò verso Nergal, il quale si stava muovendo lentamente verso loro due.

<< Le cose non vanno per niente bene... Ho intenzione di rallentare Nergal usando i miei incantesimi di potenziamento, tu avverti Jessica e Michael di andare da Tesla. >>
Disse Xane al compagno, incrociando le braccia davanti a se.

In quel preciso istante uno strano cerchio magico di colore azzurro apparve ai piedi del ragazzo, ricoprendolo con una strana aura verde chiaro.

< L' Incantesimo di Potenziamento N^7: "Yggdrasill Edict"  dovrebbe fare a caso mio, in questa situazione. >
Pensò, con una espressione sicura.



L' " Yggdrasill Edict" è una delle venti abilità di potenziamento conosciute dalla famiglia Ravier. 
Questo, in particolare, sfrutta l'elemento Terra.

L' Yggdrasill Edict aumenta drasticamente le proprie difese fisiche a discapito di una diminuzione della velocità, aumentando inoltre decentemente la propria forza fisica.
Questo incantesimo torna molto utile nelle situazioni più difficili per resistere agli attacchi nemici e, allo stesso tempo, permette di attaccare senza temere di non causare danni al proprio avversario.

Come ogni incantesimo di Potenziamento, fino a quando è attivo non si possono usare nessun altro tipo di magie.



Prima che Xane potesse, però, lanciare il suo incantesimo, notò qualcosa superarlo a una velocità spaventosa.

Rimase di stucco dalla scena che si presentò ai suoi occhi pochi istanti dopo.
Persino Nergal ne rimase sorpreso.


Michael superò i suoi compagni con una velocità assurda, simile a quella mostrata prima da Tesla, lasciando sia Xane che Seryu sorpresi e confusi da quella scena.

Riconoscendolo, Nergal sorrise, per poi provare a schiacciarlo con una mano.
Michael evitò rapidamente l'attacco del gigantesco demone, preparandosi subito dopo al contrattacco.


<< Quel Ki... >>
Borbottò Seryu, osservando la scena con occhi spalancati.
Xane si voltò verso di lui, incuriosito dalle sue parole.

<< ... Non è solo il suo... >>
Continuò subito dopo.

<< Cosa vuoi dire con "solo"? >>
Gli domandò Xane, confuso da quelle parole, posando poi di nuovo lo sguardo su Michael.


<< Mangia questo! >>
Urlò Michael, colpendo in pieno mento il demone con un pugno dal basso verso l'alto.


Sotto gli occhi sorpresi di Xane, Seryu e, perfino, Asteroth, l'attacco di Michael ebbe gli effetti desiderati.

Il gigantesco demone cadde al suolo di schiena, lasciando quasi tutti i presenti senza parole.



<< Il suo Ki... E' fuso a quello di Jessica! >>
Esclamò subito dopo Seryu, riconoscendo l'energia che circondava Michael.

<< Jessica? >>
Gli domandò Xane, sorpreso e confuso da quelle parole.

<< Si... Posso percepire l'energia di Jessica nel Ki di Michael... >>
Spiegò Seryu, mentre un sorriso rallegrato apparve rapidamente nel suo volto, senza mai distogliere lo sguardo da Michael.

Xane, nel mentre, si voltò verso Jessica.

La ragazza aveva assunto una posizione di preghiera a mani giunte, inginocchiata nel terreno.

< E'... Un incantesimo di potenziamento? >
Si domandò, sorpreso.


<< Xane! >>
Sentì urlare subito dopo, dalle sue spalle.

Il ragazzo si voltò di scatto, notando che Michael li aveva raggiunti.

<< Cosa diavolo era quello? >>
Gli domandò, cercando spiegazioni.

<< Per farla breve, ho chiesto a Jessica di usare i suoi incantesimi di potenziamento su di me. >>
Spiegò Michael, voltandosi poi verso Seryu.

<< Come stai? >>
Domandò al compagno.

Seryu sollevò lo sguardo verso Michael, facendo un cenno negativo con il capo.

<< Sto bene, non preoccuparti per me. Nel giro di qualche minuto dovrei recuperare buona parte delle mie energie... Piuttosto, aiutate Tesla: il suo Ki si affievolisce secondo dopo secondo, non so quanto tempo abbiamo prima che scompaia del tutto... >>
Gli disse, con tono preoccupato.

<< Xane, conosci qualche incantesimo curativo? >>
Domandò Michael al compagno, subito dopo.

<< Ne conosco un paio, si. Ma non ti aspetterai che io sia in grado di curare una ferita tanto grave, vero? E' stato letteralmente trapassato da parte a parte in una spalla: solamente Ehra può curare una ferita tanto grave. >>
Gli fece notare il ragazzo dai capelli viola, guardando poi alle spalle di Michael.

In quell'istante il suo sguardo divenne più cupo.
Nergal si stava lentamente rialzando.



Subito dopo, Xane afferrò Michael per un braccio, fissandolo intensamente con uno sguardo furioso.

<< Quanto sei incosciente?! Sei a conoscenza degli effetti collaterali di questo genere di incantesimi di potenziamento, vero?! Non sei solo tu a rischiare, ma anche Jessica! Anche lei subirà parte dei danni che ti verranno inflitti! Come hai potuto permettere che facesse una cosa del genere?! >>
Esclamò, furioso.

<< Non c'erano altre opzioni, dovevo intervenire! Conosco perfettamente quali sono gli effetti collaterali, non credermi un idiota! >>
Gli rispose Michael, liberandosi dalla presa del compagno.

<< Razza di scimmia senza cervello, stavo per prendere la situazione in mano io stesso prima che ti mettessi in mezzo tu! >>
Esclamò Xane, furioso, fissando il suo compagno con uno sguardo infiammato.

<< Non abbiamo il tempo per discuterne, Xane! Non tornerò indietro da Jessica a dirle di rompere l'incantesimo, te lo sogni! >>
Xane non apprezzò la risposta del compagno: non appena, infatti, pronunciò quelle parole, una smorfia infastidita apparve nel suo volto.

<< Sai perfettamente che questa è la scelta migliore. Nel mentre che io tengo Nergal occupato tu curerai come puoi Tesla, almeno per impedire che muoia dissanguato! Poi, quando avrai finito, verrai a darmi una mano. Nel mentre, si spera anche Seryu si sia ripreso. >>
Continuò Michael, facendo infuriare sempre di più Xane a ogni parola pronunciata.

<< Se tu fossi rimasto indietro e mi avessi lasciato scontrare con Nergal, allora Jessica avrebbe potuto curare Tesla ben meglio di come potrei fare io! Non venirmi a dire che questa tua strada è la migliore, perché non lo è! >>
Ringhiò Xane, digrignando i denti e fissando Michael con occhi furiosi.

<< Forse hai ragione, ma non mi interessa! Non rimarrò indietro a fare niente, e non ho intenzione di continuare a discutere con te, non abbiamo il tempo per farlo! Che ti piaccia o meno,questo è il piano d'azione di ora! >>
Gli rispose Michael, indicando il demone davanti a loro il quale, nel mentre si stava muovendo ancora una volta nella loro direzione.
La sua espressione, stavolta, era infastidita.


Xane strinse i pugni e si morse la lingua, decidendo di non proseguire il discorso.
Non in quel frangente, perlomeno. 

Subito dopo posò il suo sguardo furioso su Michael, facendogli congelare il sangue.

<< Se le dovesse accadere qualcosa... >>
Gli disse, mentre il suo corpo cominciò a emanare una strana condensa, quasi come quella emanata dal ghiaccio.

<< ... Darò a te le colpe. Ti avverto. >>
Aggiunse.


____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 2-6, alla prossima e grazie di avermi seguito!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 16
*** Capitolo 2-7: Rosso ***


Capitolo 2-7: Rosso

 


Nessuno di loro aveva ancora la benché minima idea di cosa sarebbe accaduto di li a poco.

I loro disperati tentativi di respingere Nergal e Asteroth continuavano a fallire uno dopo l'altro, lasciandoli in una situazione disperata, con le spalle al muro.
L'ultima loro speranza, Tesla Heiner, l'unico che, fino a quel momento, era stato in grado di neutralizzare un mostro come Nergal,  era stato rapidamente messo al tappeto da Asteroth stesso, riconoscendo la minaccia rappresentata dal ragazzo.

In un ultimo e disperato tentativo, Jessica, seppur inizialmente contraria, ha deciso finalmente di usare i suoi incantesimi di potenziamento su Michael, causando, però, una reazione furiosa di Xane non appena quest'ultimo lo è venuto a sapere.



Ne era a conoscenza, Michael, degli effetti collaterali.
Non era solo lui a scendere in campo contro Nergal, ma anche Jessica: metà del danno subito da lui sarebbe stato, infatti, trasferito alla sua compagna.



<< Non permetterò che accada. >>
Rispose, Michael, a Xane, voltandosi verso Nergal.
La sua espressione sembrava decisa, ma gli era impossibile nascondere a pieno le sue preoccupazioni e paure.

<< Te lo prometto. >>
Aggiunse subito dopo, preparandosi all'offensiva.

<< Non fare promesse che non sei sicuro di poter mantenere, razza di sconsiderato. >> 
Fu l'unica risposta che gli diede Xane, dandogli poi le spalle e dirigendosi rapidamente verso un dolorante Tesla.



<< Sigh.... Gli umani sono decisamente più noiosi del previsto. Quattrocento anni fa non eravate di certo così ostinati... >>
Sospirò Asteroth, infastidito dalla nuova carta messa in campo da quel gruppo di ragazzini.

In quel momento, però, qualcos'altro gli passò per la testa.

< Certo che... In soli quattrocento anni gli umani sono passati dal temere mostri come Nergal, al crescere noiosi ragazzini che possono competere con lui...! >
Pensò, furioso, guardando sia Tesla che Michael, senza però mostrare nessun segno esplicito della sua rabbia.

Qualcuno, però, notò rapidamente cosa lo stesse infastidendo.


<< Qualcosa non va, Asteroth? >>
Non appena Ehra pronunciò quelle parole, il demone si voltò lentamente verso di lei.
La fissò in silenzio con uno sguardo spento e cupo, una espressione annoiata e le braccia conserte, senza muovere neanche un muscolo o proferire parola.

<< Noi umani diventiamo più forti generazione dopo generazione, lo sai perfettamente anche tu, vero? >>
Domandò al demone, mostrandogli un ghigno divertito.

<< Divertente sentire queste parole uscire dalla tua fogna, considerando che non hai neanche il loro stesso sangue. >>
La risposta di Asteroth fu rapida.

<< Nergal... >>
Continuò subito dopo il demone, avvicinandosi lentamente alla barriera che lo separava da Ehra, mostrando alla donna una espressione innervosita.

<< ...Basta e avanza per fare a pezzi quei dannati mocciosi. Fino a ora non ha fatto altro che giocare con loro, e gli ho appena dato l'ordine di ammazzarli, ricordi? >>
Dopo aver proferito quelle parole, però, rimase sorpreso dal fatto che la donna non mostrò alcun segno di preoccupazione.

Sospettoso, Asteroth si allontanò dalla barriera.

<< Cosa sai che io non so, eh? Sei fin troppo calma in questa situazione. >>
Le domandò.
Ehra non gli rispose subito: per un istante il suo sguardo cadde alle spalle del demone grigio, più precisamente su Michael, intento a evitare le prese di Nergal.

Poi posò di nuovo lo sguardo su Asteroth.

<< Ho avuto sospetti sul tuo comportamento fin dall'inizio, ma ora ne ho avuto la certezza... >>
Disse il demone, dando le spalle alla donna e posando anche lui lo sguardo sui due combattenti in distanza.

<< ... Quando abbiamo messo piede nel tuo istituto, prima dell'inizio dell'esame di ammissione a quel ridicolo, e pilotato, test, ho provato una strana sensazione. >>
Continuò, voltandosi poi leggermente verso Ehra, fissandola con la coda dell'occhio.

<< Avevi sollevato una barriera intorno all'istituto, vero? E noi, entrando all'interno, l'abbiamo rotta. Sapevi della nostra presenza, eppure non ci hai fermati... Sapevi della mia presenza, ma ti sei lasciata catturare... >>
In quell'istante le vene nel collo del demone cominciarono a pulsare all'impazzata.

Il suo sguardo era fisso su di lei, tremava.
La sua espressione era colma di rabbia.

<< Cosa mi stai nascondendo, donna? ... >>
Le domandò, infastidito, voltandosi completamente verso di lei.


Ehra non gli rispose.
Ricambiò lo sguardo furioso del demone con uno freddo e cupo.


In quell'istante, Asteroth si avvicinò minacciosamente verso di lei, colpendo la barriera che lo separava dalla donna con un pugno, facendo rimbombare un forte rumore, simile a quello di un tuono, per tutta l'area circostante.

<< Cosa mi stai nascondendo!? >>
Ringhiò, furioso.


Neanche stavolta ottenne una risposta.


Asteroth cominciò a ringhiare, digrignando i denti e mordendosi la lingua.
Voleva vederla soffrire.

Quella donna si stava prendendo gioco di lui fin dal principio: qualcosa non gli tornava.


< Tutto questo è colpa di Lucifer! >
Pensò, infastidito, senza mai distogliere lo sguardo da quella donna.

Ogni secondo che passava, la rabbia che provava Asteroth non faceva che crescere.

Prima l'incompetenza di Lucifer, poi le parole di Belzebub, e ora la sfrontatezza di quella donna.

< Lo mostrerò io a questi bastardi... Farò rimpiangere a tutti voi, umani e anche demoni, di avermi provocato! >
Pensò, allontanandosi lentamente da quella barriera.


Poi, però, qualcosa attirò la sua attenzione.
Notò una piccola crepa nella barriera che lo separava da Ehra.



<< A quanto pare non mi è rimasto molto tempo. Vediamo di finire con il botto, che ne dici... Ehra? >>
Domandò alla donna, ridacchiando.

In quell'istante, Ehra divenne pallida in volto.

<< Ferm- ! >>
Prima che potesse anche solo finire di parlare, Asteroth era scomparso dalla sua vista.




< Bene, così! >
Pensò Michael, nel mentre, evitando ogni attacco di Nergal.

Con un rapido salto all'indietro il ragazzo evitò il pugno del demone, rispondendo rapidamente con un calcio nel mento di Nergal, facendolo indietreggiare.

< Jessica ha aumentato resistenze, forza fisica e anche la mia velocità, portandole tutte e tre a livelli assurdi! Sono scioccato da quanto sia migliorata in questi anni! >
Pensò, divertito e soddisfatto da come stesse andando lo scontro.

Rimase per qualche istante a fissare Nergal che, dolorante, si reggeva il mento con una mano.

< Non mi serve sconfiggerlo. >
Pensò, assumendo una posizione difensiva, senza distogliere lo sguardo da Nergal neanche per un istante.

< Fino a quando posso prendere tempo, va benissimo... >
Continuò, posando per un istante lo sguardo sui suoi due compagni.


Xane era ancora intento a curare Tesla al meglio delle sue capacità, mentre Seryu si stava ancora riprendendo.


< Mi basta resistere... Poi, quando Xane avrà finito con Tesla e Seryu si sarà ripreso, potremo passare a uno scontro tre contro uno! Si, possiamo farcela... >
Pensò, sorridendo.


<< Cosa è quel sorriso che hai stampato in faccia? >>
Sentì domandare il ragazzo, dalla sua destra.

Mike si voltò rapidamente, rimanendo sorpreso e spaventato dalla figura che si ritrovò davanti.

Asteroth stava sorridendo...
Ma quel sorriso era talmente terrificante da far congelare il sangue nelle vene al ragazzo solamente vedendolo.



Prima che Michael potesse anche solo provare ad allontanarsi dal demone, venne colpito in pieno ventre da una ginocchiata.

Il ragazzo si inginocchiò nel terreno, dolorante, e tossendo.

<< C-Capo... Nergal lo aveva in pugno... >>
Disse Nergal al suo compagno, con un tono dispiaciuto.

Asteroth gli sorrise.

<< Oh, ne sono sicuro Nergal... Purtroppo, però, non abbiamo più tempo per giocare. Quindi ho deciso di darti una piccola mano. >>
Rispose al suo subordinato, voltandosi poi verso Michael.

Rapidamente afferrò il ragazzo per il collo con una mano, sollevandolo verso il cielo.

<< Ah, senti qui che rumori fantastici! >>
Esclamò Asteroth, divertito al suono di Michael che soffocava.

Il ragazzo provò inutilmente a liberarsi dalla presa del demone, sia stringendogli il braccio che colpendolo con dei calci.

Niente sembrava avere effetto su Asteroth.

<< Odio il solletico, ragazzino. >>
Disse il demone, colpendo Michael in pieno ventre con un pugno dato con la mano libera.

Un ghigno soddisfatto apparve nel volto di Asteroth quando Michael tossì sangue.



<< Michael! >>
Esclamò Xane, muovendosi nella sua direzione.

Un verso dolorante, però, attirò la sua attenzione.
Quando si voltò nella direzione di origine di quel lamento, impallidì.

Jessica era inginocchiata nel terreno: la sua espressione era dolorante, sembrava stesse piangendo sangue dall'occhio sinistro.
In più del sangue stava colando dalla sua bocca.

<< J-Jessica! Rompi la connessione! >>
Esclamò il ragazzo alla sua compagna.




<< Hey, Nergal. Che ne dici, vuoi schiacciare questo moscerino impertinente? >>
Domandò Asteroth al suo compagno, sorridendo.

Sentendo quella proposta, Nergal cominciò a leccarsi le labbra con quella sua orribile lingua, battendo due mani sopra la sua testa e ridendo divertito.

<< Si! Nergal vuole farlo! >>
Rispose subito dopo, con tono euforico.


Non appena finì di parlare, Asteroth liberò il ragazzo, lasciandolo nelle mani di Nergal che lo strinse con forza con due mani, chiudendolo in una terribile morsa.

<< L-Lasciami andare! >>
Esclamò Michael, dimenandosi inutilmente nel disperato tentativo di allentare la morsa nel quale Nergal lo aveva rinchiuso.
Poi, quando sollevò lo sguardo, si bloccò di colpo.

Impallidì e cominciò a tremare non appena Nergal iniziò a stringere lentamente la presa intorno a lui.

<< Nergal ti schiaccerà lentamente! Moscerino, sei un moscerino! >>
Esclamò il demone, divertito, stringendo sempre di più la presa intorno al ragazzo.


In quei secondi, un dolore agonizzante pervase il corpo di quel ragazzo, il quale cominciò a urlare a squarciagola.

Quelle urla, però, erano accompagnate dalla risata divertita di Nergal.

<< Vediamo quanto resisterai prima che le tue ossa diventino polvere, ragazzino. Molti perdono i sensi prima di venire spezzati dalle mani di Nergal, sarai anche tu così fortunato? >>
Gli domandò Asteroth, divertito da quella scena.



<< Jessica! Interrompi il flusso magico, adesso! >>
Esclamò Xane, impallidendo davanti a quella vista.

<< N... Non posso! Se lo faccio... Michael... >>
Gli rispose la ragazza, dolorante, con le braccia rivolte in avanti.

<< Non fare la stupida, morirete entrambi!! >>
Neanche stavolta, però, ottenne il risultato sperato.

< Non posso farle perdere i sensi... Interrompere il flusso magico di questi incantesimi con la forza è fatale! Deve interromperlo lei! >
Pensò il ragazzo, voltandosi rapidamente verso Nergal e Asteroth.


Prima che potesse prendere qualsiasi decisione, però, notò una figura scattare in avanti in direzione dei due demoni.



< Devo... Aiutarlo! >
Pensò Seryu, rialzandosi con sforzo dal terreno.
Non appena una fioca aura verde lo avvolse per intero, Seryu scattò in avanti, diretto verso i due demoni.

Non appena arrivò davanti ad Asteroth, però, non fece neanche in tempo a colpire.
Il demone lo colpì rapidamente in volto con un pugno, scagliando il ragazzo nel terreno.

<< Non farmi perdere tempo, rifiuto. >>
Disse Asteroth, dandogli poi un forte calcio e scagliando il ragazzo in distanza.


<< Seryu!! >>
Urlò Xane, osservando il suo compagno rotolare nel terreno per qualche metro per poi fermarsi nel terreno, supino.

<< Voi... Maledetti... ! >>
Disse subito dopo, voltandosi verso i due demoni con uno sguardo furioso.

Non appena Xane incrociò le braccia davanti a se, un luminoso cerchio magico di colore azzurro apparve ai suoi piedi.

<< Sacred Spell #4: Enchanted Blizzaga! >>
Esclamò Xane, mentre il suo corpo venne avvolto da una folta condensa ghiacciata.

Pochi istanti dopo, una gigantesca bora si originò dai palmi delle sue mani, muovendosi a una velocità disumana in direzione dei due demoni.

Nergal osservò con uno sguardo sorpreso e spaventato la devastante slavina che era stata scagliata contro di loro.
Asteroth, invece, portò in avanti un solo braccio.


Xane rimase senza parole quando notò che il suo attacco era stato completamente neutralizzato da quella che sembrava essere una strana barriera circolare intorno ad Asteroth.


<< Impressionante, davvero. Se non fosse stato per la mia barriera magica, non ne sarei uscito di sicuro illeso. >>
Si congratulò Asteroth, mostrando un ghigno soddisfatto al ragazzo.

<< B... Barriera Magica?! Mia sorella Sarah ha usato quell'abilità contro Ifrit, come è possibile che tu sia stato in grado di neutralizzarla con una sola mano?! >>
Esclamò Xane, confuso e sorpreso dall'accaduto, impallidendo.


<< Nergal, prosegui. >>
Ordinò Asteroth al suo compagno, il quale tornò rapidamente con la sua classica espressione divertita, riprendendo a stritolare il ragazzo con le sue gigantesche mani.


Le urla di Michael riempirono, per la seconda volta, l'aria.



<< Jessica! >>
Esclamò Xane poco dopo, correndo in direzione della sua compagna dopo averla sentita urlare dal dolore.

<< Interrompi il flusso! Interrompilo ora, stupida!! >>
Disse alla ragazza, afferrandola per le spalle.

La sua espressione era terrorizzata, stava quasi per piangere.


Jessica, però, decise di non farlo.
Dopotutto, interrompere il flusso di energia tra lei e Michael avrebbe significato la morte di quest'ultimo per mano di Nergal...

Non poteva permettere una cosa simile.



<< Perdonami, Xane... >>
Sussurrò pochi secondi dopo al suo compagno, mostrandogli un sorriso forzato.

La sua risposta lasciò Xane sorpreso e confuso per qualche istante...
Poi capì cosa Jessica avesse intenzione di fare.

<< Non farl-! >>
Esclamò, ma non fece in tempo.


<< Rilascio! >>
Esclamò, invece, la ragazza, unendo le sue mani in segno di preghiera.


In quel preciso istante, il corpo di Michael cominciò a emanare una intensa luce rosa, attirando l'attenzione di entrambi i demoni.
Subito dopo quella luce rosa divenne più intensa, culminando con una grossa esplosione.

Nergal urlò dal dolore, lasciando poi cadere un dolorante, ma integro, Michael nel terreno.



<< Ce... L'ho fatta... Xane... >>
Balbettò Jessica, mentre del sangue cominciò a colare dalla sua bocca fin nel terreno.

Il ragazzo non riuscì neanche a proferire parola: rimase in silenzio a guardare quella terribile scena, quasi come pietrificato dal terrore.

<< ... L'ho... Salv...a...t..... >>
Jessica non riuscì neanche a finire di pronunciare quella parola: cadde al suolo, immobile, pallida.



Michael sollevò lentamente lo sguardo, facendo leva sui suoi gomiti per alzarsi dal terreno.

Non appena posò i suoi occhi su Jessica, si bloccò di colpo.

Spalancò gli occhi, impallidendo a quella vista.


<< N...No...... Jessy? >>
Balbettò, terrorizzato.

L'ultima cosa che vide fu il corpo immobile di Jessica nel terreno.
Occhi spenti.
Sangue che usciva dalla sua bocca, naso, occhi e orecchie.

Il suo fermacapelli azzurro a forma di fiore immerso nel sangue sotto di lei...
Il fiocco rosso che indossava nel polso non si poteva distinguere dal sangue nel terreno.



In quell'istante, all'insaputa di tutti, in una frazione di secondo la sclera dell'occhio sinistro di Michael divenne improvvisamente rossa come il sangue.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 2-7, alla prossima con la fine del volume 2!

Ritorna all'indice


Capitolo 17
*** Capitolo 2-8: Rabbia ***


Capitolo 2-8: Rabbia
 


<< Meno uno. >>
La voce divertita di Asteroth echeggiò nell'aria, seguita da una sottile risatina compiaciuta.

<< Avanti il prossimo. >>
Aggiunse, facendo un cenno a Nergal con il capo, per poi posare il suo sguardo divertito su Michael ancora inginocchiato nel terreno, mentre il demone si apprestava ad afferrare il ragazzo con le sue gigantesche mani.



<< Jessica!! >>
L'urlo terrorizzato di Xane fu il primo rumore che Seryu sentì.
Anche lui, come il suo compagno, era scioccato e terrorizzato da quanto era appena accaduto.

Osservò in silenzio, paralizzato dal terrore, Xane correre in direzione della ragazza, disperato.
Il ragazzo dai capelli viola continuò a chiamare la ragazza per nome incessantemente, in un disperato tentativo di ricevere risposta.


Purtroppo, però, Seryu era in grado di vedere ciò che Xane non poteva, o voleva, vedere.

<< E'... E' andata.... >>
Balbettò, osservando la coppia in distanza, pallido in volto.

<< ... Non c'è più Ki intorno a lei.... >>
Aggiunse subito dopo, cominciando a tremare e abbassando lo sguardo.

< Sta succedendo di nuovo? >
Pensò Seryu, stringendo i pugni nel terreno, assumendo una espressione terrorizzata.


Aveva già provato qualcosa del genere... E non voleva provarlo di nuovo.


< Sono davvero troppo debole per salvare le persone intorno a me? >
Si domandò sollevando lentamente lo sguardo, posandolo poi su Michael, il quale era ancora pietrificato a pochi metri di distanza dai due demoni:
Il suo sguardo era fisso in avanti, pallido in volto e occhi spenti, rivolto in direzione di Jessica.

In quell'istante Seryu si fece coraggio: capì perfettamente che non poteva arrendersi in quel momento, o quella terribile scena si sarebbe ripetuta ancora una volta.


<< Xane! >>
Urlò, voltandosi in direzione dell'altro ragazzo, attirando la sua attenzione.

Xane posò il suo sguardo disperato su Seryu, confuso e dolorante.
I suoi occhi erano rossi: Seryu capì rapidamente stesse piangendo.

<< Dobbiamo aiutarlo, Xane! Dobbiamo aiutare Michael, prima che sia troppo tardi! >>
Continuò, rialzandosi lentamente nel terreno, ancora stremato.


Rimase totalmente scioccato dalla sua risposta.


<< Che senso ha?! >>
Urlò Xane.
La sua voce tremava, ma il suo sguardo era furioso.

<< ... Che senso ha opporsi, se alla fine è questo il risultato? ... >>
Continuò, afferrando Jessica e stringendo il suo pallido corpo al suo petto, cominciando a singhiozzare.

<< Non puoi fare così, Xane! Non possiamo arrenderci senza neanch- >>
Seryu venne interrotto bruscamente ancor prima di poter finire la frase.

<< Non parlare come se tu mi conoscessi, e non farmi questi discorsi da protagonista! Le cose non miglioreranno! >>
Urlò il ragazzo dai capelli viola, furioso, con uno sguardo spento.

<< Michael morirà, Xane! >>
Seryu continuò disperatamente con i suoi tentativi, ma ben presto capì quanto fossero inutili.

In quel momento, Xane non era assolutamente in grado di ragionare lucidamente.
La sua risposta, subito dopo, gli avrebbe dato questa conferma.

<< Mi va benissimo... >>
Borbottò il ragazzo, appoggiando il corpo di Jessica lentamente nel terreno, senza mai però smettere di fissarla.

<< ... Dopotutto, è colpa sua... >>
Aggiunse subito dopo.

Seryu non riuscì a credere alle parole del compagno: lo fissò in silenzio, con occhi e bocca spalancati, scioccato.



<< Perfetto! >>
Urlò poco dopo Asteroth, ridendo di gusto alla sola vista di quella scena.

<< Vi abbiamo spezzato mentalmente e fisicamente... Queste sono le scene a cui mi piace assistere: compagni che, sull'orlo del baratro, si incolpano l'un l'altro! E' pura poesia! >>
Aggiunse, ridendo a squarciagola.

<< Finiamola con questo gioco prima che Ehra possa liberarsi e rovinarci il divertimento, ok Nergal? >>
Domandò al secondo demone, allontanandosi poi da lui.

Nergal rispose al suo compagno con un gigantesco e sadico sorriso, mentre Asteroth tornò pochi istanti dopo davanti alla barriera che rinchiudeva Ehra, guardandola con una espressione inizialmente divertita e soddisfatta.

Ben presto, però, il suo sguardo cambiò.


Ehra non gli sembrò assolutamente preoccupata.

< Cosa significa quel suo sguardo? Non è per niente spaventata o preoccupata come una persona normale dovrebbe essere al suo posto! >
Pensò il demone, confuso dallo sguardo con cui Ehra stava fissando il gruppo di ragazzi, e lui.

<< Sai che quella ragazzina è andata, vero? >>
Le domandò, cercando di provocarla.

Ehra non gli rispose: lo guardò in silenzio, con una espressione infastidita.

<< Sai che non rimarrò ancora molto qui dentro, vero? >>
Gli disse, rispondendogli a tono.

Un ghigno divertito comparve lentamente nel volto di Asteroth.

<< Hai ancora il coraggio di fare quella voce con me? Dovrebbe essere, per caso, una minaccia? >>
Le domandò, con tono divertito.

<< Dovresti sbrigarti, allora. >>
Aggiunse poco dopo, dando le spalle alla donna e guardando il suo compagno con uno sguardo soddisfatto, con le braccia conserte davanti al petto.

<< Nergal ucciderà i rimanenti molto rapidamente, ora. Non credo tu abbia abbastanza tempo per salvarli tutti, sai? >>
Concluse, con una sottile risatina.

<< E' ancora tutto da vedere, Demone. Non sarò io a fermarvi, oggi. >>
La risposta di Ehra lasciò Asteroth di stucco: posò lo sguardo sulla donna, senza però voltarsi del tutto, osservandola con la coda dell'occhio e con una espressione mista tra curiosità e rabbia stampata in volto.

<< Oh? >>
Fu la sua unica risposta.



<< Nergal ti schiaccerà come un insetto! >>
Esclamò il gigantesco e orripilante demone, allungando una mano verso Michael, il quale non si era ancora spostato dalla sua precedente posizione.



<< Questa tua sicurezza mi fa imbestialire, donna. >>
Disse Asteroth a Ehra, con tono innervosito.

<< Cosa sai, che io non so? >>
Le domandò subito dopo, voltandosi del tutto verso di lei.



<< Xane! Dobbiamo aiutarlo! >>
Esclamò ancora una volta Seryu al suo compagno, cercando di convincerlo.
Non ottenne risposta.



<< Nergal dovrebbe schiacciarti o spezzarti? Che fare? ... Che fare? ... >>
Ridacchiò il demone, chiedendosi cosa fare del suo bersaglio.



<< Avevo il sospetto che tu mi avessi lasciato entrare di proposito dentro la tua maledetta scuola fin dal primo istante! Cosa sai?! Cosa stai cercando di ottenere?! >>
Urlò Asteroth, muovendosi minacciosamente verso Ehra.



Passarono pochi istanti di silenzio, seguiti poi da un forte e assordante urlo che echeggiò nell'aria.
Tutti i presenti, incluso Asteroth, si voltarono sorpresi verso l'origine di quelle forti e furiose urla, rimanendo sorpreso anche lui capendo da chi fossero partite.



<< Hai perso la testa? >>
Domandò Nergal al ragazzo davanti a lui, anch'egli sorpreso da quella scena.

Michael aveva cominciato improvvisamente a dimenarsi, urlando a squarciagola.
Si reggeva la testa con entrambe le mani, agitandosi istericamente e colpendo occasionalmente il terreno con una o entrambe le mani.

Ogni colpo cresceva sempre di più in forza.



<< Cosa gli prende? >>
Si domandò Xane, confuso e sorpreso da quella reazione improvvisa, tornando finalmente in se.

Anche Seryu osservò quella scena in silenzio...
Il suo sguardo, però, ben presto mutò da stupore e confusione a terrore.



< Quel ragazzino deve essere impazzito... >
Pensò Asteroth, in un primo momento, non dando troppo peso a quella scena.

Poi, però, anche il suo sguardo cambiò.
Notò ben presto che ci fosse qualcosa di strano, sia in quel ragazzo che in quella scena.

< La sua energia sta crescendo esponenzialmente secondo dopo secondo... Cosa sta succedendo? >
Si domandò, sorpreso, osservando incuriosito quella scena, in silenzio.


<< Quello.... Quello non è... >>
Balbettò Seryu, no riuscendo nemmeno a finire la frase.


La paura di Seryu non era infondata....

Dopotutto, li in mezzo, lui era l'unico in grado di vedere cosa ci fosse intorno a Michael.


Improvvisamente Michael rilasciò un urlo ancora più forte di prima, colpendo un'ultima volta il terreno con entrambe le mani, alzando un polverone.
L'energia rilasciata dall'impatto fu talmente grande da generare una forte onda d'urto che fece balzare all'indietro persino Nergal.

L'onda d'urto fu talmente potente da alterare, inoltre, il terreno sottostante a Michael: rimasero tutti, chi più chi meno, sorpresi nel vedere, non appena il polverone scomparve, un gigantesco cratere sotto al ragazzo.

Persino Asteroth, per qualche istante, osservò in silenzio quella scena, sorpreso dall'accaduto.



<< Quindi... Era vero...? >>
Sentì borbottare da Ehra.

Immediatamente Asteroth si voltò verso di lei, confuso da quelle sue parole, con uno sguardo misto tra rabbia e preoccupazione.

<< "Era vero"?! Di cosa stai parlando, umana?! >>
Esclamò, furioso, fissandola con uno sguardo truce e le vene che gli pulsavano istericamente nel collo.

Non ricevette risposta.


Nel mentre, Nergal e il resto dei presenti, posarono i loro sguardi confusi su Michael, il quale sembrò essersi, stranamente, improvvisamente calmato.


<< Cosa è appena successo? >>
Si domandò Xane, osservando con uno sguardo confuso il suo compagno.
Michael era inginocchiato nel terreno, con lo sguardo rivolto verso il basso. Respirava lentamente, e aveva smesso di agitarsi istericamente.
Poi, però, posò il suo sguardo su Seryu.

Non riuscì a credere all'espressione con cui il ragazzo stava fissando Michael.

Seryu era immobile, inginocchiato nel terreno, paralizzato dal terrore. 
Il suo sguardo era fisso su Michael, il suo volto pallido come il latte, tremava.



Seryu non riusciva a credere ai suoi occhi.
Era l'unico, li dentro, ad aver capito cosa stesse accadendo fin dal principio... 

Quell'energia viola... L'aveva già vista prima.

Alla sola vista di quella scena, il ragazzo cadde nel terreno, privo di forze.

< N... Non è possibile... >
Pensò, osservando immobile il ragazzo davanti a lui urlare a squarciagola.

No, non erano urla, quelle...

Erano ruggiti.
Non esisteva essere umano capace di emettere versi tanto demoniaci...
Nel mentre che Michael si dimenava, quell'energia viola intorno a lui cresceva secondo dopo secondo, ingigantendosi sempre di più.

< Quell'energia... No, è assurdo... Dovrebbe essere morto... >
Pensò, impallidendo.
Le sue labbra cominciarono a tremare, e sentì il sudore scendergli dalla fronte fino alle guance.

Non riusciva neanche a muoversi.
Quell'energia l'aveva già sentita una volta, e non voleva più sentirla.

Il suo respiro cominciò a farsi sempre più lento, i suoi occhi erano fissi su quel ragazzo, spalancati.


Chi può percepire il Ki, può riconoscere le persone grazie a esso, senza neanche vederle.
Il Ki, infatti, può essere percepito anche a chilometri di distanza, se è abbastanza elevato. In più, se chi può percepire il Ki ha già incontrato quella persona, può riconoscerla semplicemente dall'energia che emana.


Quel Ki gli era molto familiare... Fin troppo.
Solamente percepirlo di nuovo gli fece tornare in mente scene che aveva, ormai, dimenticato.

Con il riaffiorare di quelle scene, Seryu si portò una mano davanti alla bocca, bloccandosi appena in tempo prima di rigettare.

<< X-Xane! >>
Esclamò poco dopo, voltandosi verso il suo compagno, il quale ricambiò con uno sguardo scioccato.

<< Quello non è Michael! >>
Urlò subito dopo, in preda al panico.
Xane non riuscì a rispondergli nulla.



<< T-Tu! ... Insetto noioso! Nergal ti schiaccia! >>
Esclamò Nergal, infastidito, preparandosi all'offensiva.

Purtroppo per lui, non riuscì a fare alcuna mossa.
Anche prima che il demone potesse fare qualsiasi movimento, Michael si voltò improvvisamente verso di lui, colpendo Nergal in pieno volto con un forte calcio.

Sotto lo sguardo incredulo dei presenti, Nergal cadde al suolo con un solo colpo.
Poco dopo il demone cominciò ad agitarsi nel terreno, portandosi le mani in volto e lamentandosi come un bambino dal dolore.



<< Cosa significa?! Cosa sta succedendo?! >>
Esclamò Asteroth, incredulo, osservando quella scena con uno sguardo scioccato.

<< Sicuro di non arrivarci da solo? >>
Gli domandò Ehra, con un tono cupo.

Asteroth si voltò verso di lei di scatto, fissandola con una espressione sorpresa. 

<< Dovrei?! >>
Esclamò, incredulo.

Poi, però, quando posò di nuovo lo sguardo su Michael, il demone si bloccò di colpo.

<< Quella energia... Quei segni... Sono gli stessi di... >>
Balbettò, incredulo, osservando quel ragazzo con occhi spalancati.


Il volto di Michael era completamente differente rispetto a prima.
Dei segni simili a tatuaggi tribali di colore rosso macchiato erano apparsi nel volto del ragazzo, anche i suoi occhi erano cambiati: le sclere erano rosse come il sangue, le pupille erano scomparse dalle sue iridi, nere come la pece. L'espressione che aveva in volto, lasciava intuire un singolo sentimento: rabbia.



<< Cosa vuoi dire, Seryu? Che significa "Quello non è Michael"? >>
Domandò al suo compagno, confuso dalla sua affermazione.

<< Quello non è più il suo Ki! E'... E'... E' di Azael! >>
Rispose Seryu, terrorizzato.

Solamente il pronunciare quel nome fu abbastanza per far congelare il sangue nelle vene di Xane, il quale rimase impietrito a fissare il suo compagno, paralizzato dal terrore più puro.

<< A... Azael?! >>
Ripeté, incredulo.
Poi, però, si ricordò di qualcosa.

<< Ma... Lui è... >>
Borbottò tra se e se.



<< ... Azael è morto! Come è possibile?! >>
Esclamò Asteroth, incredulo, riconoscendo l'energia che avvolgeva il ragazzino davanti a lui.

Il demone stava fissando immobile il ragazzo che, con un solo colpo, aveva buttato al suolo il suo compagno, digrignando i denti e stringendo i pugni.
Subito dopo si voltò verso Ehra, furioso.

<< Tu lo sapevi, vero?! Era questo che stavi nascondendo! Come!? Come facevi a saperlo?! Chi è quel ragazzino?! >>
Aggiunse subito dopo, muovendosi minacciosamente verso la donna.

Si bloccò davanti a lei: erano divisi solamente dalla barriera innalzata intorno a Ehra.

Subito dopo, però, si ricordò di qualcosa.

<< N... Nergal! >>
Esclamò, con tono preoccupato, dando subito dopo le spalle alla donna.

Cercò con lo sguardo il suo compagno per qualche istante fino a quando non lo ritrovò.
Ciò che vide, però, lo colse del tutto impreparato.

____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 2-8 e, con esso, del volume 2! 
Alla prossima con l'inizio del volume 3!

Ritorna all'indice


Capitolo 18
*** Capitolo 3-1: Climax [1-3] ***


Capitolo 3-1: Climax [1-3]




Azael.
Quel nome era conosciuto non solo in tutta Avalon, ma in tutta Gaia: non esiste essere umano che, almeno una volta in vita sua, non abbia sentito quel nome.
E tutti tremano solamente all'udirlo.


Secondo solamente ad Amon, Azael era il terzo demone più potente che abbia mai messo piede sulla faccia di Gaia, il Generale Demoniaco che ha causato più vittime tra tutti i suoi compagni, nonché uno dei carnefici alle spalle della famigerata Notte Cremisi.

Conosciuto come "Il Carnefice", Azael era uno degli unici due demoni di Classe SS.
Gli unici esseri a lui superiori erano Amon, il secondo demone di Classe SS, e Lucifer, fratello di Bael, l'ultimo demone restante di Classe SSS.
Per quanto si sappia, l'unico scopo di Azael era uno e uno soltanto: causare distruzione e morte intorno a se.

Poco si sa della sua vita o effettiva potenza: secondo alcune fonti ufficiali sembrerebbe essere una creatura completamente immune alla magia.
Ehra stessa confermò durante un rapporto che le sue magie fossero completamente "inefficaci sul demone".

A differenza del suo compagno più simile, Asteroth, il quale può essere ferito unicamente da magie di Rango 8 o superiore, Azael era totalmente immune alla magia, rendendolo di fatto vulnerabile solamente da attacchi corpo a corpo.

Non ci sono fonti ufficiali a riguardo, ma sembrerebbe che Azael stesso non fosse in grado di usare alcuna forma di magia, neanche quelle più basilari:
Sembrerebbe, infatti, che possedesse un qualche genere di potere passivo che nullificasse ogni fonte magica, inclusa la propria.


Durante la Notte Cremisi, sembra che Azael da solo abbia eliminato almeno metà dell'esercito mandato contro Bael, ​seppur non ci sia alcuna conferma a riguardo.
Se questa informazione dovesse rivelarsi veritiera, durante la sua vita Azael avrebbe, da solo, causato la morte di almeno quattrocento mila persone, rendendolo di fatto il demone con più sangue tra le mani.


Fortunatamente, Azael è deceduto durante la Notte Cremisi per mano dell'Asso dell'Impero, Andromeda.
Quest'ultimo non rilasciò alcuna informazione inerente il suo scontro con il demone, ma dal suo rientro il comportamento di Andromeda divenne molto più freddo e distaccato.
In più, quel giorno tornò con una grossa cicatrice in volto.




Seryu rimase paralizzato dal terrore, riconoscendo il Ki che avvolgeva il suo compagno Michael.

< Non è possibile... Azael dovrebbe essere morto... >
Continuava a ripetersi, tremando, cercando di convincersi da solo del fatto che non si trattasse veramente di quel mostro.

Purtroppo, però, il Ki non è alterabile in modo da rispecchiare quello di qualcun altro: l'energia che percepiva era, senza alcun dubbio, un Ki molto simile a quello di Azael.


< No... Non è il suo... >
Pensò poco dopo, riuscendo finalmente a riprendersi, quando notò quella, seppur sottile, differenza tra le due energie.

< ... Sono due Ki molto simili, ma... Sono anche leggermente differenti... >
In quell'istante nel volto di Seryu apparve una espressione sconvolta: aveva capito finalmente qualcosa.

<< N-Non significherà, per caso, che...?! >>
Esclamò, incredulo.

< Se così fosse, allora... No, non ho tempo per pensare a questo genere di cose! >
Pensò subito dopo, alzandosi lentamente dal terreno.

Non appena Seryu riuscì ad alzarsi in piedi si guardò per qualche secondo entrambe le mani, chiudendole e aprendole ad alternanza, ripetutamente.

< Perfetto, tra meno di qualche minuto dovrei essermi ripreso quasi del tutto... Nel mentre, però... >
Pensò subito dopo, guardandosi poi intorno.


Inizialmente il suo sguardo cadde su Michael e Nergal, ma, in realtà, ciò a cui doveva badare in quel momento era qualcos'altro.

<< Xane! >>
Urlò subito dopo, attirando l'attenzione del suo compagno che, fino a quell'istante, era impegnato a osservare scioccato lo scontro che era in atto tra Nergal e Michael.

Non appena il ragazzo dai capelli viola si voltò nella sua direzione, Seryu gli corse in contro più velocemente che poteva.
Non appena lo raggiunse, posò per un istante il suo sguardo su Jessica.

Non riuscì a guardarla a lungo: allontanò ben presto lo sguardo dal corpo della ragazza, con una smorfia dolorante in volto.


<< Non sta respirando... Il battito è assente. >>
Borbottò Xane.

Seryu abbassò di nuovo lo sguardo, posandolo sul suo compagno.
Notò che stesse tenendo la mano sinistra di Jessica tra le sue mani.

<< Xane... Capisco come tu possa sentirti al momento, ma non possiamo arrenderci... Non ancora. Abbiamo ancora qualcosa da fare. >>
Le parole di Seryu non lo colsero di sorpresa.

<< Lo so... Lo so perfettamente... >>
Gli rispose, senza sollevare lo sguardo.

Dopo pochi secondi di silenzio, Xane lasciò andare la mano della ragazza, alzandosi finalmente in piedi.
Il suo sguardo era ancora dolorante, i suoi occhi ancora rossi.

Ciononostante, però, era determinato a fare ogni cosa in suo potere per concludere al meglio quella situazione.

<< La piangerò più tardi.... Cosa vorresti suggerirmi? >>
Domandò a Seryu.

Era palese che si stesse sforzando: le sue stesse parole lo ferivano più di ogni altra cosa.

<< Questa situazione... Possiamo usarla come diversivo per prendere gli altri partecipanti all'esame di ammissione e portarli via da qui. >>
Non appena Seryu pronunciò quelle parole, Xane impallidì.

Si guardò rapidamente intorno, assumendo una espressione mista tra rabbia e stupore.

< Come... Ho fatto a dimenticarmi della loro presenza?! >
Pensò, notando i corpi ancora privi di sensi degli altri ragazzi che avevano preso parte all'esame, in distanza.

<< Probabilmente Asteroth aveva intenzione di usare i partecipanti all'esame come arma contro Ehra, ma il suo piano deve essere saltato quando ci siamo salvati da quel gas... Dopotutto, non aveva previsto qualcuno riuscisse a proteggersi da esso. >>
Gli disse rapidamente Seryu, cercando di dare una spiegazione al perché i partecipanti all'esame fossero solamente privi di sensi, e non morti.

Xane si portò una mano sul mento, assumendo una espressione pensierosa.

<< Già, probabilmente voleva usare i partecipanti all'esame di ammissione per minacciare Ehra e ottenere ciò che sta cercando... Qualunque cosa sia. Infatti, probabilmente avrebbe potuto ucciderci tutti fin dall'inizio, se avesse voluto... Sicuramente il nostro sopravvivere al gas deve averlo colto di sorpresa, ma non si aspettava di certo saremmo riusciti a resistere così tanto contro Nergal... Se Asteroth fosse intervenuto fin dal principio, dopo che ci siamo salvati dal gas, probabilmente adesso sarebbe andato tutto secondo i suoi piani. Siamo stati fortunati, ci ha sottovalutato. Non ci considerava una minaccia, cosa che invece ha fatto con Tesla... >>
Disse poco dopo, Xane, esaminando la situazione.

<< Come sta Tesla, a proposito? >>
Gli domandò Seryu, posando il suo sguardo sul ragazzo biondo ancora disteso nel terreno alle loro spalle.

Anche Xane si voltò verso il suo compagno, prima di rispondere.

<< Ho bloccato momentaneamente l'emorragia, ma necessita ugualmente di cure mediche il prima possibile. Per lo meno, non morirà dissanguato. >>
Rispose a Seryu, grattandosi il capo. 

Subito dopo lo sguardo di Xane cambiò improvvisamente, anche Seryu notò quel cambio repentino.

< Quello sguardo è lo stesso di suo padre.... >
Pensò Seryu, impressionato dallo sguardo sicuro e determinato che Xane aveva improvvisamente assunto.

<< Io allontano Tesla, dopotutto è il più vicino tra tutti i partecipanti. Tu comincia a occuparti del resto degli altri: non appena avrò finito con Tesla, verrò a darti una mano. Prima allontaniamo i presenti, prima potremo tornare e dare una mano a Michael... >>
Disse al compagno subito dopo.

Seryu non gli rispose: fece un cenno di consenso con il capo, muovendosi poi rapidamente verso i partecipanti ancora privi di senso.

Subito dopo, però, Xane posò ancora una volta il suo sguardo su Michael.


<< Anche se... Non credo di poter chiamare quella cosa con il nome di "Michael", ormai... >>
Disse tra se e se, correndo poi verso Tesla.



____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-1, grazie di avermi seguito e alla prossima!

E, come extra, ecco a voi una piccola tabella riassuntiva inerente i demoni nominati e/o apparsi fino a ora, enjoy!



  Rank - Nome     |   Classe  |      Titolo       |  Informazioni Extra
      1- Lucifer       |     SSS    |          ???        |  Fratello di Bael, attuale leader dei Dodici Generali Demoniaci come suo vice.
      2- Amon        |      SS      |          ???        |                            ???
      3- Azael         |      SS      | Il Carnefice  |  Demone con più uccisioni, eliminato da Andromeda. Immune alla magia. Terzo demone più forte.

     4- Belzebub    |       S       |         ???         |                            ???
     5-     ???           |       S       |         ???         |                            ???

     6-     ???          |       S        |         ???         |                            ???
     7-     ???           |       S       |         ???         |                            ???
     8-     ???          |       S        |         ???         |                            ???
     9-     ???          |       S        |         ???         |                            ???
  10-     ???          |      S         |         ???         |                            ???
   11-     ???          |       S        |         ???         |                            ???
   12- Asteroth    |      S        |  Lo Spietato | Il più crudele e vendicativo, tra i più forti fisicamente. Non può usare magie proprie. Immune a magie inferiori al rango 8. 
 
    13- Nergal      |      A        |  Il Vorace    |  Il demone di Classe A più forte. Resistente, forte ma stupido. Magie di Rango 6 o inferiori poco efficaci.             



 

Ritorna all'indice


Capitolo 19
*** Capitolo 3-2: Climax [2-3] ***


Capitolo 3-2: Climax [2-3]

 



Quando Michael riaprì i suoi occhi, la sua vista era appannata,a stento riusciva a muoversi di qualche millimetro.
Sentiva il morbido di un cuscino sotto la sua testa, e capì rapidamente di trovarsi disteso in un letto.

"Dove sono?"
Provò a chiedere, ma le parole gli si bloccarono in gola.

Per qualche istante provò lentamente e debolmente a guardarsi intorno, senza, però, riuscire a focalizzare niente: le figure intorno a lui erano sagome scure, simili a ombre.
I rumori erano quasi impercettibili, non sentiva nulla se non un forte fischio nelle sue orecchie.

"La mia testa... Fa un male cane..."
Provò a dire, ma anche stavolta le parole non uscirono dalla sua bocca.

Gli sembrava di essere paralizzato su quel letto: non sapeva dove fosse, le parole gli si bloccavano in gola, non riusciva a muoversi e non sapeva cosa fosse successo fino a quel momento.


Fortunatamente per lui, però, dopo appena pochi secondi la sua vista sembrò lentamente tornare, e i rumori intorno a lui si fecero man mano più chiari.



<< Hey, si sta riprendendo! >>
Sentì dire da una voce maschile.
La conosceva, ma era ancora troppo distorta per riuscire a capire perfettamente di chi si trattasse.

<< Si spera sia lui e... Beh, non quella cosa. >>
Sentì dire da qualcun altro.

Conosceva quelle voci, ma ancora non riusciva a focalizzare bene le loro sagome: la sua vista era ancora appannata.

<< Dovrebbe essere tutto normale, Xane. >>
Rispose una voce femminile, adulta.

In quel preciso istante finalmente Michael si riprese quasi del tutto, riuscendo finalmente a capire dove si trovasse e chi fossero le figure scure che vedeva intorno a lui.


Era in una stanza d'ospedale, probabilmente l'infermeria dell'istituto Star, e insieme a lui c'erano altre persone.
Riconobbe Xane, Seryu ed Ehra.

Rimase sorpreso per qualche secondo non vedendo Tesla e Jessica.


<< Come stai, Michael? >>
Gli domandò Ehra, avvicinandosi lentamente al lui, con un tono preoccupato.

Michael provò ad alzarsi dal letto, ma inutilmente: cadde di schiena subito dopo, dolorante.

<< La mia testa fa un male cane... >>
Disse, toccandosi la fronte con una mano, digrignando i denti nel tentativo di nascondere il più possibile quel dolore.

<< Tsk. >>
Esclamò poco dopo qualcuno.
Michael si voltò lentamente dal lato opposto, notando Xane con una espressione infastidita in volto, braccia conserte.

<< Sono sorpreso sia tornato in sé, dopo ciò che è successo. >>
Disse il ragazzo dai capelli viola, evitando lo sguardo del suo compagno.

<< Beh... Più o meno. >>
Aggiunse subito dopo, guardando Michael con una strana espressione.


In quell'istante, Michael impallidì.

<< E'- E' vero! Cosa è successo?! Dove sono i due- >>
Esclamò, posando rapidamente di nuovo lo sguardo su di Ehra, con tono preoccupato.

La donna allungò una mano verso il ragazzo, mostrandogli un sorriso calmo, posandola sulla sua spalla.

<< Rilassati, va tutto bene. Hai dormito per due ore, ormai è tutto finito già da un pezzo. >>
Spiegò la donna.

<< Non ricordi nulla? >>
Gli domandò subito dopo, con una espressione sorpresa.
Michael rispose con un cenno negativo del capo.

<< Quale è l'ultima cosa che ricordi, Mike? >>
Gli domandò Seryu, che era seduto al fianco della donna.

Michael evitò per qualche istante gli sguardi dei presenti, assumendo una espressione pensierosa, scavando il più possibile per far riaffiorare i suoi ricordi.

<< Io... L'ultima cosa che ricordo è di aver sentito un grosso dolore alla testa dopo che... >>
Non appena pronunciò quelle parole, Mike si ricordò di qualcosa.

Si voltò di scatto ancora una volta verso Ehra, mostrandole una espressione preoccupata.

<< Jessy! Dove è Jessica?! >>
Urlò, ricordando cosa fosse successo alla sua compagna.


Dopotutto, l'ultima cosa che ricordava era Jessica che cadeva al suolo, insanguinata.


Ehra gli mostrò un grosso sorriso, spostandosi leggermente di lato e indicando un letto alle sue spalle.

Michael riconobbe immediatamente la persona distesa su quel letto.
Non appena vide quella scena, gli occhi del ragazzo si illuminarono improvvisamente: a stento riuscì a trattenere le lacrime.

Davanti a lui c'era Jessica che dormiva beatamente distesa su quel letto.
Aveva delle fasciature, dei graffi e ferite visibili perfettamente anche a occhio nudo, ma era ancora viva.

Quella era la notizia più bella che Michael potesse ricevere in quel momento.


<< Quando i due demoni sono scappati, la barriera intorno a me è andata in frantumi anche prima che potessi romperla io. Credo sia accaduto perché sono usciti dal raggio d'azione dell'incantesimo... Comunque, non appena la situazione si è calmata sono corsa il più rapidamente possibile verso Jessica. Non aveva battito, e le ferite erano molto gravi, ma sono riuscita a curarla e a far riprendere il battito cardiaco... Fortunatamente, l'infermeria del nostro istituto è dotata di dottori e strutture mediche che sono state in grado di stabilizzarla. >>
Spiegò rapidamente al ragazzo, facendogli poi segno di parlare sotto voce, portandosi un dito davanti alle labbra.

<< Non svegliamola, ok? Dopotutto, Jessica per poteggere tutti voi è quella che ha subito più danni. Lasciatela riposare ancora un po'. >>
Gli sorrise.

Michael guardò la donna per qualche istante con enormi occhi lucendi, con una espressione mista tra felicità e stupore. Si passò rapidamente un braccio in volto, asciugandosi rapidamente le lacrime che non era riuscito a trattenere.

<< Sissignora! >>
Le rispose, ricambiando il sorriso della donna.


<< Tsk! >>
Esclamò Xane, con tono infastidito.
I presenti si voltarono tutti verso di lui, sorpresi dal suo disappunto.

<< Non fate finta non sia successo niente! >>
Esclamò il ragazzo dai capelli viola, puntando poi un dito verso Michael.

<< Se la situazione è andata in malora, è colpa sua! Se non mi avesse intralciato fin dal principio, tutto questo magari non sarebbe successo, e Jessica non sarebbe finita in quella situazione precaria! >>
Continuò, fissando intensamente il suo compagno con uno sguardo di rimprovero.

Michael, sentendosi colpevole, evitò rapidamente lo sguardo di Xane, non riuscendo nemmeno a rispondergli.

<< Xane, non serve trattarlo così... Anche Mike è rimasto severamente ferito dallo scontro... >>
Disse Seryu, cercando di far calmare il suo compagno.

Xane non era d'accordo.

<< Le sue ferite non sono altro che colpa sua! La sua stupidità e incoscienza non hanno messo in pericolo solo lui, ma persino Jessica! E' un qualcosa che non posso perdonare: se non avesse interferito e mi avesse lasciato usare il mio incantesimo di potenziamento adesso magari- >>
Prima che Xane potesse anche finire di parlare, venne bruscamente interrotto da Ehra.

<< E se non avesse funzionato, Xane Ravier? >>
Domandò la donna, fissando il ragazzo con una espressione cupa.

Xane rimase per un istante sorpreso dalla domanda della donna.

<< Allora avrei pensato a qualcos'altro! Di certo, Miss Ehra, non avrei messo in pericolo la vita dei miei compagni per soddisfare il mio pericoloso desiderio di rendermi utile! >>
Rispose alla donna, con tono sicuro e deciso.



<< Non... Farmi ridere! >>
Esclamò un'altra voce, dall'altro capo della stanza.

Tutti i presenti si voltarono verso l'origine di quella voce.
Era la voce di Tesla: il ragazzo era disteso su un letto dall'altro capo della stanza.

Anch'egli era coperto da bende, fasciature e svariate ferite superficiali e alcune più profonde, ma cucite.

A differenza di Michael e Jessica che indossavano una specie di camice, Tesla era a petto nudo: Michael notò ben presto una grossa garza della grandezza di una mano nella spalla destra del ragazzo biondo, sembrava ancora sanguinante.


<< Tesla, non dovresti sederti sul letto, la ferita potrebbe riaprirsi. >>
Lo rimproverò Ehra, alzandosi dalla sedia su cui era seduta, muovendosi poi in direzione di Tesla.


<< Li dentro eravamo tutti in pericolo, razza di idiota! Siamo stati fortunati che ci siano stati solamente tre feriti gravi, dopo tutta quella merda! Quindi smetti di comportarti come se le cose fossero potute andare meglio, perché siamo stati fottutamente fortunati che non ci sia morto nessuno, stronzo! >>
Esclamò Tesla, prima che Ehra lo forzasse a coricarsi di nuovo nel suo letto.

<< Ecco, piano... Rilassati, non agitarti. >>
Gli sussurrò la donna, cercando di far calmare il ragazzo.

Tesla fece un verso infastidito, voltando poi lo sguardo verso il muro alla sua sinistra, decidendo di lasciar perdere la discussione.


<< Ha ragione, Xane. >>
Disse subito dopo Ehra, voltandosi verso gli altri tre ragazzi, mostrando loro una espressione cupa, ma allo stesso tempo sollevata.

<< La situazione era davvero pericolosa: siamo stati fortunati che ci siano stati solo tre feriti e nessun morto. Stavate correndo tutti un grandissimo pericolo, la situazione poteva peggiorare da un momento all'altro... >>
Aggiunse, mostrando loro un grosso sorriso.

Poi, però, il suo sorriso venne rapidamente sostitutito da una espressione piena di rammarico.

<< In ogni caso... Non posso fare altro che incolparmi per l'accaduto: mi sono lasciata prendere di sorpresa, nonostante tutte le precauzioni, e ho messo le vostre vite in pericolo più di quanto non dovessi... Ho fallito come educatrice. >>
Concluse, abbassando lo sguardo e stringendo i pugni.


Sentendo quelle parole, Xane fissò intensamente la donna con uno sguardo sospettoso, senza muovere neanche un muscolo.


Cadde il silenzio per qualche secondo, rotto solamente dal respiro dei presenti.

<< Comunque... >>
Disse Michael, rompendo finalmente quel silenzio.

<< ... Io non ricordo nulla... Cosa è successo? Come si è risolta la situazione? >>
Domandò ai presenti, guardandoli uno a uno con uno sguardo confuso e implorante.

<< Vedi... >>
Borbottò Ehra, bloccandosi poi di colpo.

Mike fissò intensamente la donna con una espressione confusa, notando la sua preoccupazione.

<< Che succede? Perché si è bloccata, Miss Ehra? >>
Le domandò Michael, confuso.

La donna posò di nuovo lo sguardo sul ragazzo, fissandolo con una espressione triste.

<< Credo... Sia meglio se tu lo veda con i tuoi stessi occhi. Sarà più facile da spiegare e da credere... >>
Gli disse subito dopo.


Ehra posò poi il suo sguardo su Seryu, chiedendogli di prendere un piccolo specchio che era appoggiato sul comodino vicino al letto di Michael.
Non appena il ragazzo lo prese, lo consegnò al suo compagno.

Michael osservò lo specchio con una espressione confusa.

<< Cosa dovrei farci? >>
Domandò ai presenti.

<< Cosa ci potrai mai fare con uno specchio, razza di idiota? >>
Gli rispose, ironicamente, Xane, fissandolo con una espressione infastidita, braccia conserte.

Mike evitò per un istante lo sguardo del suo compagno, per poi sollevare lo specchio.

Non appena si specchiò in esso, il suo volto divenne pallido come il latte.
Michael lasciò cadere lo specchio al suolo, lanciando un urlo terrorizzato.

<< C-Cosa è quella cosa!? >>
Esclamò, portandosi una mano davanti al volto.

Stava tremando: non riusciva a credere a ciò che aveva appena visto.



Il suo occhio sinistro era mostruoso: la sclera era grigio scuro, l'iride rossa come il fuoco e non riusciva a vedere alcuna pupilla in essa.
In più notò come capillari fossero visibili nella sua sclera.


<< Michael... Non ho intenzione di girarci intorno, per cui sarò schietta... >>
Disse Ehra, attirando l'attenzione spaventata del ragazzo, il quale la guardò sudando, con uno sguardo terrorizzato e tremando.

<< ... Sei un mezzo-demone. >>
Non appena Michael sentì quelle parole, rimase quasi come pietrificato.

Non riuscì neanche a muoversi per qualche secondo, gli sembrò come se gli fosse caduto qualcosa addosso.
Continuò a fissare in silenzio la donna davanti a se con occhi e bocca spalancati, incredulo e, allo stesso tempo, terrorizzato da quelle parole.

<< D-Di cosa sta parlando, Ehra? Cosa vuole dire con questo?! C-Cosa significa che sono un mezzo-demone?! Non è possibile sia vero! >>
Esclamò, non riuscendo a crederle.

<< Considerando ciò a cui abbiamo avuto il DISpiacere di assistere... >>
Disse Xane, attirando l'attenzione del ragazzo terrorizzato.

<< ... Direi sia ormai appurato tu sia un ibrido tra le due razze. >>
Concluse, fissando il suo compagno con uno sguardo distaccato e cupo.

<< N...Non è possibile... Se è uno scherzo, è di pessimo gusto! >>
Esclamò Michael, non riuscendo ancora a credere a quella rivelazione.
Si voltò subito dopo verso Ehra, cercando supporto e conferma.

<< Persino Asteroth ha riconosciuto questa possibilità... Senza contare che sia lui che Seryu abbiano sentito l'energia di Azael provenire da te... Mi dispiace, Michael, ma dubito fortemente ci stiamo sbagliando. >>
Gli disse la donna, abbassando lo sguardo.


Mike non riuscì a rispondere nulla.
Abbassò lo sguardo, fissando il letto su cui era disteso... O forse il vuoto davanti a se.
Non stava pensando a niente.

Era, semplicemente, scioccato da quella notizia.


<< Purtroppo si, è vero... Ho percepito una energia molto simile a quella di Azael provenire da Michael. Non era la stessa, ma era davvero molto simile... Quindi ho paura che sia la verità... >>
Confermò Seryu, guardando il suo compagno con uno sguardo triste.

<< E questo spiega, finalmente, il motivo che si nascondeva dietro la sua assurda resistenza fisica... >>
Aggiunse subito dopo, ripensando al suo scontro con Michael.


<< Ho alcune domande importanti su tutta questa situazione, ma le farò tra qualche minuto... Credo, infatti, che Michael necessiti di sapere cosa sia successo mentre era privo di sensi, cosicché possa avere un quadro generale dell'accaduto, esattamente come noi. Magari anche lui potrà notare le falle che ci sono in questa situazione. >>
Disse Xane, posando poi uno sguardo provocatorio verso Ehra, la quale non gli rispose.

<< Concordo... Credo che spiegargli cosa sia accaduto mentre era "privo di sensi" sia necessario... Anche se non credo che dire "privo di sensi", considerando l'accaduto, sia la scelta migliore di parole. >>
Concordò Seryu, voltandosi anche lui verso Ehra.

La donna sbuffò, ma accettò la provocazione del ragazzo dai capelli viola.



Dopotutto, Ehra aveva già intuito quali fossero i dubbi che affliggevano Xane.



<< Michael... >>
Disse la donna, attirando l'attenzione del ragazzo su di se.

<< So quanto tu sia scioccato dalla nostra rivelazione e che sia difficile da ingoiare così all'improvviso... Ma devi sapere cosa è successo mentre non eri cosciente. Perché, nonostante tu fossi fisicamente li... Non lo eri mentalmente. >>
Continuò, facendo incuriosire il ragazzo.

Michael sollevò lo sguardo, fissando la donna con uno sguardo debole e terrorizzato.



In quell'istante, cominciò a raccontare.


<< Vedi, ti sei trasformato non appena Jessica ha subito il contraccolpo del suo incantesimo.

Ti sei infuriato, rilasciando del tutto e in maniera incontrollata l'energia da demone dormiente dentro di te.
E' normale, per i mezzo-demoni, sai?

Solitamente, la prima volta che rilasciano i loro poteri è dopo un grosso trauma.
In questo campo, non sei stato anomalo...

Ciò che era anomalo, però... E' il fatto che la tua energia sia letteralmente esplosa intorno a te, lasciando un gigantesco cratere ai tuoi piedi, ancora visibile.
Quell'energia era un qualcosa di completamente diverso da quella dei mezzi demone visti fino a ora.

Persino Asteroth, dopo pochi istanti, ne era sorpreso: ben presto sia lui che Seryu hanno riconosciuto qualcosa nella tua energia... 
Una somiglianza con quella di Azael.

Ci siamo parlati per qualche istante, io e Asteroth, poi però la sua attenzione è caduta di nuovo su Nergal che si stava scontrando con te...



Nessuno di noi si aspettava di vedere quella scena... Specialmente non Asteroth.

Dopotutto, Nergal è uno dei demoni più forti della loro armata, se escludiamo i Dodici Generali e Bael.

Eppure lo stavi sopraffacendo, da solo.
Nergal era troppo lento per colpirti... O tu eri troppo veloce per lui.

In tutto quello, tu urlavi e ti agitavi come un animale.
Le tue urla non erano un qualcosa di umano, no... Erano più simili a ruggiti.

Lo stavi sconfiggendo da solo, colpo dopo colpo.
Lo colpivi ferocemente con calci, pugni... Persino testate.

Ciò che mi ha fatto spaventare, era il fatto che sembrasse non importarti delle ferite che avevi in corpo, o di quelle che ti infliggessi colpendo Nergal.
Mi è sembrato quasi... Come se ignorassi del tutto il dolore.

Poi... 
... La scena che ha seguito mi ha terrorizzato.

Non avevo mai visto una brutalità del genere, prima di quel momento, provenire da un essere umano.



Hai afferrato Nergal per uno dei suoi arti, bloccandolo in una presa di sottomissione... 
Poi hai cominciato a tirare.

Gli unici rumori che sentivo erano le urla tue e quelle di Nergal che, a differenza tua, urlava dal dolore...

Hai continuato a tirare... 
Fino a quando... 



... Non gli hai strappato uno dei suoi quattro arti.



Quella scena è stata terrificante.
Nergal è caduto al suolo, urlando dal dolore... Potevo vedere il sangue verde scuro che usciva dalla spalla ormai tagliata...

... E lo stesso sangue sparso nel tuo corpo.

Sembrava quasi non ti importasse: hai lanciato il braccio al suolo, e poi hai urlato... Sembrava quasi... Un ruggito di vittoria emesso da qualche animale selvaggio.


In quell'istante Asteroth si è lanciato verso di te, calciandoti via con un solo colpo.
Subito dopo si è mosso verso Nergal, il quale non ha mai smesso di lamentarsi nel terreno... 


Asteroth era furioso, fui in grado di vederlo nel suo volto.

Sono rimasta di stucco quando, però, ti sei rialzato dal terreno...
Nonostante, però, tu stessi sanguinando pesantemente dalla bocca e dalla fronte hai ruggito verso Asteroth e Nergal, scagliandoti verso entrambi.

Asteroth ti ha colpito in pieno volto con un pugno, ma non sei indietreggiato.


Sotto lo sguardo sorpreso sia mio che di quel demone, lo hai colpito in pieno volto con un pugno.

Non riuscivo a crederci, era qualcosa di assurdo.
Eri ovviamente ferito, credo che il calcio di Asteroth ti avesse rotto la spalla sinistra con cui ti sei difeso... Eppure ti sei scagliato verso di lui, incurante del dolore o... Di qualunque altra cosa.

Persino Asteroth era sorpreso da quella scena: ti ha buttato di nuovo al suolo con una ginocchiata nel ventre, ma tu non rimanevi giù.
Hai afferrato la sua gamba con la tua mano libera, poi gli hai dato una testata in pieno volto.

Ho visto come Asteroth abbia iniziato a sanguinare dal naso... Sangue viola...
Tutt'ora mi sorprendo dal fatto che quasi tutti i demoni abbiano sangue di colore diverso l'uno dall'altro...

Era furioso: ti ha dato un pugno in pieno volto, e tu sei caduto al suolo.


Eppure ti sei rialzato di nuovo...


Non credo tu fossi in grado di sconfiggerlo... Però non aveva molto tempo da dedicarti, visto che avevo quasi rotto la barriera che aveva innalzato su di me.
Infatti, ti ha dato un calcio in pieno volto prima che tu potessi lanciarti ancora una volta contro di lui, scagliandoti a qualche metro di distanza.

In quei secondi di libertà, ha tirato fuori un cristallo dal nulla...
" Godetevi questa vittoria, perché la prossima volta non andrà in questo modo! Torneremo, statene pur sicuri! "

Dopo aver pronunciato quelle parole ha rotto il cristallo con il pugno, rilasciando una grossa cortina di fumo scura intorno a loro.
In quell'istante, la barriera intorno a me è andata in frantumi pochi istanti prima che potessi infrangerla io.


Non appena il fumo si è diradato, Nergal e Asteroth erano scomparsi.

Tu, non appena ti sei rialzato, hai cominciato a guardarti istericamente intorno... Credo alla ricerca dei due demoni.
Hai cominciato a ringhiare mentre ti guardavi intorno.

Poi hai posato il tuo sguardo su di me.
Hai lanciato un grosso urlo, e ti sei lanciato verso di me ferocemente.

Quindi ho usato un Dispelger su di te, facendoti perdere i sensi.
Di norma un Dispelger rimuove tutte le magie di potenziamento su un bersaglio, facendogli poi perdere i sensi... Non ero sicura potesse funzionare anche su di te, ma sono stata fortunata: ho potuto evitare di farti perdere forzatamente i sensi.


Dopo ciò mi sono mossa rapidamente verso Jessica, preoccupata dalla sua situazione.
Fortunatamente, sono riuscita a curare le sue ferite e a far riprendere il battito cardiaco con alcune scariche elettriche.


Poco dopo ho notato che Xane e Seryu avessero allontanato dalla zona tutti i partecipanti all'esame, e li ho ringraziati.
Da li abbiamo preso Jessica, Tesla e te, ancora privi di sensi, e vi abbiamo portato qui per ricevere le cure.

Questo credo sia un riassunto più che dettagliato dell'accaduto. >>
Concluse Ehra.


Sul volto di Michael apparve una espressione incredula: le sue labbra tremavano, e stava sudando freddo.

<< Non... Credo di sentirmi molto bene, al momento... >>
Balbettò il ragazzo, abbassando lo sguardo, evitando gli occhi di tutti i presenti.

Era pallido come il latte.


Ehra fissò il ragazzo con uno sguardo preoccupato per qualche istante, prima di alzarsi dalla sua sedia.


<< E dove state andando, di grazia, Miss Ehra? >>
Domandò Xane alla donna, fissandola con uno sguardo sospettoso e cupo.

<< Voglio lasciare a Michael tutto il tempo per accettare le informazioni che gli ho appena dato; dopotutto è davvero tanto da ingoiare tutto in una volta. Necessita di tempo per elaborare queste informazioni e accettarle, quindi non voglio mettergli troppa pressione. Se necessiterete della mia assistenza, mi troverete nel mio ufficio. Per il resto, sfruttate questi minuti da soli per risolvere qualsiasi problema sia nato tra di voi. >>
Rispose Ehra al ragazzo, indirizzandosi poi verso l'uscita della stanza.

<< Oh no, non lo farai! Ho delle domande da porle, Direttrice Ehra! >>
Esclamò Xane, seguendo la donna con uno sguardo minaccioso.

Ehra non si voltò nemmeno.

<< Sono spiacente, ma non sono autorizzata a darti nessuna informazione, Xane Ravier. >>
Gli rispose, con tono calmo.

Quella risposta non andò a genio al ragazzo, il quale fece un passo in avanti, furioso, stringendo i pugni e digrignando i denti.

<< Mi sta' prendendo in giro, Ehra?! Cosa significa che non è autorizzata a darmi alcuna informazione?! >>
Urlò, furioso, non riuscendo a credere alla risposta della donna.

<< Xane, solamente perché tu sei un membro della famiglia Ravier non significa tu abbia alcuna influenza su di me. Se vorrai sapere qualunque cosa di questa situazione, dovrai affidarti al tuo istinto o chiedere a tuo padre. Io non sono autorizzata a darti alcuna risposta. >>
Gli rispose la donna, continuando a dargli le spalle.

<< Sta' scherzando spero! Come può anche solo pensare che io possa ignorare tutte queste incognite dietro questa situazione! Sono sicuro sapesse sia di Michael, che dei demoni, quindi perché non è intervenuta prima?! Come faceva ad avere queste informazioni!? Cosa ne ottenete dal mettere un gruppo di ragazzi contro demoni di quel livello?! Anche gli incontri erano manipolati per metterci alla prova? Ehra! >>
Esclamò Xane, cercando risposte dalla donna.

< Non posso darti risposte neanche se volessi, Xane! Perché devi essere così intuitivo come tua sorella?! >
Pensò Ehra, assumendo una espressione colpevole.

<< Non ho risposte da darti, Xane Ravier. Mi dispiace. >>
Gli rispose Ehra, voltandosi finalmente verso di lui.

Xane assunse una espressione infastidita e scioccata: digrignò i denti e spalancò le palpebre, incredulo.

< Non può essere! E' uno scherzo?! Pretende che io ignori semplicemente l'accaduto?! >
Pensò il ragazzo, stringendo i pugni.


Subito dopo Ehra fece un grosso inchino, lasciando poi la stanza.



Non appena la donna chiuse la porta alle sue spalle si ritrovò da sola nel mezzo di un lungo corridoio.
Ehra sollevò lo sguardo verso il soffitto, chiudendo gli occhi e stringendo i pugni.

< Perdonatemi... Se le cose mi sono sfuggite di mano, è solo a causa della mia incompetenza! >
Pensò, incolpandosi.

Poco dopo, la porta si aprì alle spalle della donna.
Ehra si voltò lentamente, posando il suo sguardo sul ragazzo che era uscito dalla stanza poco dopo di lei.

<< Seryu? C'è qualcosa che posso fare per te? >>
Domandò al ragazzo, non appena egli chiuse la porta della stanza alle sue spalle.

Seryu tenne lo sguardo basso per qualche istante, dubbioso se fare, o meno, quella domanda a Ehra.


<< Miss Ehra... Sono sicuro che fosse anche una delle domande che si è posto Xane, però vorrei farle una domanda anche io, se possibile. >>
Disse alla donna, sollevando poi lo sguardo.

<< Non credo di poterti dare le risposte che cerchi, Seryu... Ma se proprio vuoi, puoi pure pormi quella domanda. >>
Gli rispose Ehra, mostrandogli un sorriso debole.

Seryu esitò per qualche secondo, prima di farle quella domanda.

<< Posso vederlo dal suo Ki... C'è qualcosa di diverso in Jessica... >>
Non appena il ragazzo pronunciò quelle parole, il cuore di Ehra sembrò saltare un battito.

Fissò il ragazzo con occhi spalancati, cercando di nascondere al meglio la sua preoccupazione, mentre una goccia di sudore le scese giù dalla fronte fino alla guancia.

< La tua abilità, Seryu Alcher, è spesso più un problema che un aiuto, in questo genere di circostanze... >
Pensò la donna.

<< Cosa... E' successo a Jessica? Il suo Ki era sparito, quindi anche se il suo cervello stesse ancora funzionando... Il Ki è l'energia vitale di qualunque essere vivente, quindi se sparisce... >>
Continuò il ragazzo, senza però finire la frase.

<< Purtroppo, non posso darti le risposte che cerchi, Seryu Alcher. Però, se possibile, mi piacerebbe che tu tenessi Xane Ravier all'oscuro di questo dettaglio. >>
Gli rispose la donna, lasciando Seryu scioccato al solo udire quella richiesta.

<< Sfortunatamente per lui, Xane non conosce a pieno il funzionamento del Ki, mentre io, avendo vissuto per più di sei anni a Mistral, ne sono al corrente. Poiché so che questa informazione, se dovesse arrivare nelle sue mani, causerebbe più problemi che benefici, preferirei che rimanesse tra noi due. Come segno di gratitudine, posso rivelarti che non sono stata io a curare Jessica, ma qualcos'altro... >>
Continuò.

Quelle sue parole fecero incuriosire Seryu.

<< "Qualcos'altro"? Di cosa sta parlando? >>
Le domandò, confuso e incuriosito dalla risposta della donna.

<< Non posso darti i dettagli, ma... Non conosco magie in grado di ripristinare l'energia vitale di una persona... Nonostante ciò, esistono magie che sono in grado di fare una cosa del genere. >>
Gli rispose Ehra.

In quell'istante, Seryu capì qualcosa: spalancò gli occhi e la bocca, impallidendo.
Fece un passo all'indietro, spaventato da ciò che avesse intuito.

<< Non può essere... Magia... Proibita? >>
Domandò alla donna.


Non ricevette risposta: Ehra gli diede le spalle, allontanandosi da lui.

<< Confido nel suo buonsenso, Seryu Alcher. >>
Furono le uniche parole che Ehra pronunciò.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-2, alla prossima!

Chiedo scusa per il ritardo (doveva uscire due o tre giorni fa questo capitolo), ma ci sono stati problemi! 
Alla prossima con la conclusione di questo arco, e l'inizio del prossimo arco narrativo!



 

Ritorna all'indice


Capitolo 20
*** Capitolo 3-3: Climax [3-3] ***


Capitolo 3-3: Climax [3-3]

 


Non appena il fumo intorno a loro si diradò, Asteroth e Nergal si ritrovarono all'interno di una stanza vuota in pietra scura di un vecchio castello.
La stanza intorno a loro era praticamente vuota: le uniche cose presenti al suo interno erano dei candelabri, appesi al soffitto, di color oro e i due demoni.


Asteroth rimase in silenzio per qualche secondo a fissare il vuoto davanti a se, digrignando i denti, fino a quando non sentì i lamenti di dolore di Nergal provenire dalle sue spalle.

<< Fa male... Fa tanto male, fratellone... Fa male... >>
Sentì dire da Nergal, il quale si era racchiuso in posizione fetale nel terreno, reggendo con una mano la ferita aperta dove, fino a pochi istanti prima, vi era uno dei suoi quattro arti.

In quell'istante Asteroth lanciò un urlo furioso, colpendo il muro a fianco a se con un pugno, aprendo un varco tra la stanza in cui si trovava e quella oltre il muro che aveva appena abbattuto, causando anche un forte rumore che riecheggiò per tutto il palazzo.

<< Come è potuto accadere?! >>
Urlò.

Ogni vena nel corpo del demone si ingrossò all'improvviso, cominciando poi a pulsare istericamente.

<< Pensare che uno come me sia stato obbligato a scappare via!! Non lo accetto! >>
Continuò, ringhiando come un animale davanti al buco che aveva aperto nel muro.

Asteroth abbassò lentamente il braccio con cui aveva colpito il muro, fissando intensamente il varco davanti a se con una smorfia inferocita in volto, prendendo rapidi e piccoli respiri.

<< Come è possibile che un gruppetto di ragazzini sia riuscito a darci così tante rogne?! Li ammazzerò tutti, uno a uno, con le mie stesse mani! >>
Digrignò i denti, stringendo i pugni e urlando davanti al buco nel muro.



<< Mi chiedevo cosa fosse quello spiacevole fracasso... Chissà perché, non mi sorprende sapere provenisse da te, Asteroth. >>
Sentendo quelle parole, Asteroth si voltò lentamente verso l'origine di quella voce maschile, riconoscendo la figura che gli si presentò davanti.


Quella figura lo fissò in silenzio con un ghigno divertito stampato in volto.
Era leggermente più alto di Asteroth, ma molto meno muscoloso. 

Le sue sclere, a differenza di quelle del demone, erano bianche, le iridi verde acqua con pupille nere. I suoi capelli erano molto corti e lisci di un grigio chiaro.
Indossava qualcosa di simile a un cappotto militare di colore blue scuro accompagnato da pantaloni eleganti neri.


<< Non sono di buon umore, Belzebub. >>
Disse il demone al suo compagno, mostrandogli uno sguardo cupo.

Belzebub si portò due dita davanti al labbro inferiore, trattenendo le risate.

<< Tanto per cambiare, direi... >>
Gli rispose, divertito.

Asteroth fece un verso infastidito.

<< Avverti gli altri: ho qualcosa d'importante da dire a tutti. >>
Disse poco dopo a Belzebub, il quale, però, stava fissando intensamente il buco che Asteroth aveva aperto poco prima nel muro.

<< Mi stai ascoltando, maledetto? >>
Domandò poco dopo, digrignando i denti, infastidito dal comportamento del demone.

Belzebub si voltò rapidamente verso di lui, mostrandogli un grosso sorriso.

<< Oh, perdonami, stavi dicendo qualcosa? Ero troppo impegnato a guardare il buco che hai aperto nella mia stanza, dopotutto. >>
Gli rispose.



Belzebub era uno dei demoni più famosi non solo ad Avalon, ma anche in tutta Gaia. Non per la sua crudeltà, ma per le sue grandi doti magiche e i suoi modi di fare.

Questo demone ottenne il titolo di "Il Superbo" a causa del suo modo di comportarsi con chiunque gli si presentasse davanti. Demoni, umani o spiriti non faceva differenza: erano tutti vermi al suo cospetto.

Le uniche figure conosciute che sembrasse rispettare erano, chi più chi meno, Azael, Amon, Lucifer e Bael.
Attualmente, occupa la posizione numero quattro tra i Dodici Generali.


<< Ho detto di radunare gli altri nella sala consiliare, ho qualcosa da dire a tutti. >>
Ripeté al demone, con tono innervosito.

<< Oh! >>
Esclamò Belzebub, sorprendendosi.

<< Hai finalmente intenzione di annunciare il tuo ritiro? Fantastico, fantastico! Corro subito a dare agli altri questa fantastica notizia. >>
Continuò, sfottendo il suo compagno.

Asteroth si mosse rapidamente verso di lui, afferrando Belzebub per il collo.

<< Sono già incazzato, Belzebub, non ti consiglio di peggiorare la situazione! >>
Urlò in faccia al demone, furioso.

Belzebub gli sorrise.

<< Non cominciare uno scontro che non puoi vincere, Asty. >>
Gli rispose, con tono cupo e irridente.

Il demone afferrò il braccio di Asteroth con una mano, facendogli poi mollare la presa.
Subito dopo posò lo sguardo su Nergal, alle spalle di Asteroth.

<< Oh? Cosa è successo, Asteroth? Mi sembri più infastidito del tuo solito, oggi. Qualcosa è andato storto? >>
Domandò al demone, incuriosito dallo stato di Nergal.

Asteroth evitò lo sguardo di Belzebub, facendo poi un passo all'indietro.
Non gli rispose.

<< Rispondi quando ti faccio una domanda. >>
Ordinò al suo compagno, infastidito dal non aver ricevuto alcuna risposta, fissandolo con uno sguardo cupo e minaccioso.

<< Le cose non sono andate come previsto, quindi mi sono dovuto ritirare. Raduna tutti gli altri, tra qualche minuto vi raggiungerò: prima voglio portare mio fratello da Iris, cosicché possa curarlo... Per quanto possibile. >>
Quella risposta non piacque per niente a Belzebub, il quale smise improvvisamente di fissare il suo compagno con uno sguardo divertito, assumendo una espressione seria e infastidita.

<< Oh?? E cosa sarebbe successo, quindi? Come avresti fatto a mandare in malora un compito che io stesso ho provveduto ad agevolarti? >>
Domandò ad Asteroth, frustrato dalle sue parole.

<< E' esattamente ciò di cui voglio parlare con gli altri, mi stai solo facendo perdere tempo, Belzebub. Va e radunali tutti nella sala consiliare, io e Iris vi raggiungeremo tra qualche minuto. >>
Rispose Asteroth, dando poi le spalle al compagno, dirigendosi verso Nergal.


Belzebub fissò per qualche istante i due demoni che si allontanavano dalla sua vista, con una espressione frustrata in volto.

<< Incompetente. >>
Disse tra se e se, allontanandosi da quel posto.




Passarono pochi minuti, durante i quali Belzebub radunò tutti i membri restanti dei Dodici Generali, come Asteroth gli aveva chiesto, nella sala consiliare.

La Sala Consiliare era una gigantesca stanza da pranzo con un enorme tavolo rettangolare in legno scuro riposto al centro di essa, adiacente alle stanze private di Lucifer, ornata di svariati dipinti, tappeti di ogni colore e una gigantesca finestra alle spalle del capotavola che illuminava l'intera stanza.

Esattamente davanti alla gigantesca finestra decorata come se fosse un mosaico, vi era un grosso trono in pietra.


Quindi, Belzebub, cosa devi comunicare di così importante da richiedere una riunione della gran parte dei Dodici Generali? *
Domandò Lucifer al suo subordinato, incuriosito da quella improvvisa richiesta da parte del suo compagno.

<< Mi perdoni, Lord Lucifer, ma non sono io ad avere qualcosa da dire durante questa riunione... Infatti, Asteroth mi ha fatto richiesta di radunare tutti i Dodici, dicendomi di avere qualcosa d'importante da dire. >>
Spiegò al suo comandante, portandosi una mano davanti al petto e sorridendo al suo biondo comandante.



Lucifer è l'attuale comandante dei Dodici Generali demoniaci, nonché il più forte dei demoni conosciuti e il più pericoloso.
Nonostante tutto, però, Lucifer preferisce rimanere nelle retrovie a godersi lo spettacolo: raramente, infatti, è stato visto scendere personalmente sul campo di battaglia.

Le informazioni a suo riguardo, quindi, sono quasi inesistenti.



* Oh? Asteroth, eh? *
Ripeté Lucifer, con tono sorpreso.

<< Mi domando cosa Asteroth abbia da dire. Non è da lui richiedere questo genere di riunioni. >>
Disse qualcun altro, incuriosito dall'insolita richiesta del compagno.

<< Magari vuole annunciare il suo ritiro, Amon... Dopotutto, ho sempre pensato uno come lui non fosse adatto a ricoprire il ruolo di uno dei Dodici. >>
Gli rispose Belzebub, con tono divertito.



Amon, il Generale più potente dell'armata di Bael, secondo solamente a Lucifer.
Conosciuto come "Il Ruggente" è un abile mago che può usare magie di elemento Tuono, arrivando a livelli così alti da poter spazzare via una intera città in pochi istanti, talmente potente che persino le Quattro Galassie di Avalon hanno paura di affrontarlo in uno scontro diretto.

L'unica volta in cui Amon venne messo in difficoltà fu durante uno scontro due contro uno, contro i due membri più abili di Avalon: Arthur IX Pendragon ed Ehra.

Alto, con lunghi capelli verde chiaro e occhi del medesimo colore, privi di sclera e iridi. Muscoloso e con un carattere che varia in base al clima intorno a lui.
La sua forza cresce esponenzialmente durante i temporali, insieme alla sua rabbia, mentre con il cielo sereno risulta più debole e calmo.

Amon è in grado di manipolare il clima intorno a se con semplici sbalzi d'umore, potendo persino generare tempeste di dimensioni apocalittiche se dovesse rilasciare tutta la sua energia in un momento di collera.

Esattamente come Asteroth, anche Amon è uno dei pochi demoni privi di sesso: come il suo compagno, Amon ha un aspetto maschile, ma non indossa alcun abito e non ha alcun organo riproduttivo.
Il corpo del demone è pervaso da segni tribali di colore rosso fuoco a forma di saette, e vi è una grossa cicatrice che scende dal collo fino al petto, risultato di uno scontro perso contro Lucifer, quando provò a togliergli il titolo di demone più forte.

Nonostante tutto, però, alcune voci dicono abbia un figlio illegittimo da una umana, nascosto da qualche parte nelle montagne di Asgard.



<< Non vai proprio d'accordo con Asteroth, eh, Belzebub? >>
Domandò il demone al suo compagno, con tono divertito.

Belzebub si voltò verso di lui, sorridendogli.

<< Perché dovrebbe interessarmi di qualche incompetente? >>
Ridacchiò.


In quel preciso istante la porta di quella stanza si aprì, e due figure si incamminarono all'interno della stanza.

<< Oh, finalmente. Vi stavamo aspettando: Asteroth, Iris. >>
Esclamò Belzebub, sorridendo ai nuovi arrivati.


Asteroth digrignò i denti, andando poi a sedersi in uno dei posti liberi del gigantesco tavolo.

<< Chiedo scusa per il ritardo, Asteroth mi ha chiesto di curare suo fratello. >>
Disse la donna che aveva accompagnato Asteroth, sedendosi in un altro dei tavoli.



Iris è un membro relativamente nuovo tra le fila dei Dodici Generali.
Vi entrò come sostituta di sua sorella Venus, quando quest'ultima venne imprigionata da Lucifer stesso per tradimento.

Ciononostante, Iris non era mai stata legata ai Dodici Generali come lo era la sorella.
Infatti, l'unico motivo per cui accettò di unirsi all'armata di Bael fu per restare vicina al suo padrone: Azael.

Dopo la scomparsa di quest'ultimo, però, Iris cadde in una profonda depressione, pensando più volte di abbandonare i Dodici Generali, non avendo più motivo per rimanerci.
La sua amicizia con Abraxas, anch'egli uno dei nuovi membri, fu ciò che la fece desistere.

Una succube, Iris è una maga che si specializza nelle magie arcane, specialmente in quelle oscure. Conosce, in più, svariate magie curative e di alleviamento del dolore.
Molto formosa e snella, con due grosse ali retrattili da pipistrello e occhi simili a quelli di un serpente, color oro, capelli lunghi e lisci di color castano.

Iris non indossa alcun genere di vestito.
Essendo una succube, usa delle magie illusorie per nascondere la sua femminilità, lasciando però gran parte del suo corpo scoperto.
Attualmente, occupa la posizione numero cinque tra i Dodici Generali.



<< Perché perdere tempo con Nergal, mi chiedo. Fosse stato per me, l'avrei lasciato morire. >>
Le disse Belzebub, ridacchiando.

Sentendo quelle parole, Asteroth colpì il tavolo con un pugno.

* Belzebub, non far deviare la discussione con le tue classiche provocazioni. Siamo qui per parlare di altro, non per ascoltare le tue liti con Asteroth. *
Lo rimproverò Lucifer, fissando intensamente con uno sguardo annoiato il suo subordinato.

<< Come desidera, Lord Lucifer. >>
Gli rispose il demone, sedendosi sulla sua sedia e facendo segno ad Asteroth di parlare.





<< Quindi, Asteroth... Perché non ci dici il motivo che si nasconde dietro questa riunione, se non ti dispiace? >>
Domandò Amon al compagno, con tono incuriosito.

<< Ho trovato un ragazzino che emetteva una energia simile a quella di Azael. >>
Gli disse il demone.

Per qualche istante cadde un profondo silenzio in quella stanza.


<< S-Sei sicuro di questo?! >>
Esclamò Iris, incredula.

Asteroth le rispose con un cenno positivo del capo, fissandola con uno sguardo cupo.

<< E' assurdo! Azael odiava gli umani, trovo ridicolo che si sia abbassato a mischiare il suo sangue con qualche mera donna umana! >>
Esclamò Belzebub, non credendo alle parole del suo compagno.

<< So cosa ho visto. Nergal non era in grado di sconfiggerlo, e anche dopo i miei attacchi quel maledetto continuava a rialzarsi. La sua resistenza è ben superiore a quella di qualunque normale mezzo-demone, senza contare che ho visto segni nel suo volto simili a quelli di Azael. Sono sicuro di questo. >>
Gli rispose Asteroth, confermando la sua affermazione.

Belzebub digrignò i denti, incredulo.

<< Mh. I mezzi demoni non sono più poi così rari, ormai, anche se perfino io sono riluttante al credere che Azael abbia potuto dar vita a un bastardo. >>
Aggiunse Amon, anch'egli diffidente.

<< Divertente sentire queste parole uscire dalla tua bocca, Amon, considerando le voci che girano su di te. >>
Gli fece notare Belzebub, con tono ironico.

Amon sorrise.

<< Sai perfettamente che non posso riprodurmi nemmeno con i nostri simili, Belzebub. Sono solo voci. >>
Gli rispose, mostrando un ghigno soddisfatto al suo compagno.

<< Eppure hai tre fratelli. Mi chiedo cosa ci stai nascondendo. >>
Aggiunse Belzebub, incuriosito, senza però ricevere alcuna risposta.


* Dove e come hai incontrato questo ragazzino, Asteroth? *
Domandò Lucifer al suo subordinato, ignorando quella digressione.


Asteroth abbassò lo sguardo per un istante, esitando nel rispondere.
Poi uno strano sorriso apparve nel volto del demone.

<< Stavo seguendo gli ordini di Belzebub. >>
Rispose al suo comandante.

Lucifer posò uno sguardo cupo su Belzebub, il quale emise un verso infastidito.

<< Mi ha dato alcuni cristalli magici e informazioni inerenti la donna di nome Ehra. Volevamo ottenere informazioni su come rompere il sigillo su Bael, ma alla fine non è andata come speravo. Un errore dopo l'altro, e alla fine quel ragazzino ha rilasciato la sua energia, risultando troppo persino per Nergal. Alla fine, mi sono ritrovato obbligato ad allontanarmi da quel luogo, prima che quella donna potesse liberarsi dalla barriera rilasciata dal cristallo magico. Iris stessa può dirti la gravità dei danni subiti da mio fratello. >>
Spiegò, rapidamente, il demone al suo superiore.


Lucifer, sentendo quelle parole, cominciò istericamente a picchiettare un dito sul tavolo, senza proferire parola.


<< Hmpff. Scaricare i propri fallimenti su qualcun altro, sei proprio unico nella tua inettitudine. Non so cosa mi aspettassi da te... Sei inutile esattamente come tuo fratello, Asteroth. >>
Disse Belzebub al suo compagno, mostrandogli uno sguardo furioso.


Improvvisamente, Lucifer smise di picchiettare il tavolo.
Posò rapidamente uno sguardo minaccioso su Belzebub.

* Agire senza il mio permesso... Discuteremo della tua punizione in un secondo momento, Belzebub. Cosa ti è passato per la testa? *
Domandò al suo subordinato.

<< Con il dovuto rispetto, Lord Lucifer, non abbiamo fatto più alcuna mossa da diciassette anni a questa parte, ovvero da quando Lilith e Azael sono deceduti durante la Notte Cremisi. Non comprendo più i suoi metodi, Lord Lucifer. E' diciassette anni che Bael è stato rinchiuso, e fino a ora non sembra aver avuto alcuna intenzione di fare qualcosa per liberarlo...! Non avevo più intenzione di aspettare inutilmente, quindi ho pensato bene di prendere la situazione in mano io stesso... >>
Spiegò al suo comandante, posando poi uno sguardo frustrato su Asteroth.

<< Ma ho paura che far svolgere un lavoro tanto delicato a vermi del suo livello sia stato un grosso errore da parte mia. >>
Aggiunse, con tono dispregiativo.

Asteroth si alzò in piedi, colpendo il tavolo con un pugno.

<< Fa' attenzione a come mi parli! >>
Urlò, inferocito dal tono di Belzebub.

<< Non fare la voce grossa con me, maledetto incapace, perché se fosse stato per me adesso tu non saresti neanche qui a questo tavolo. >>
Gli rispose Belzebub.

* Finitela con questa discussione priva di senso. Sai perfettamente che quando siamo arrivati qui, metà del gruppo originale si è spezzato e ha abbandonato Bael e il suo desiderio, per un motivo o per un altro. Quindi abbiamo dovuto rimpiazzare i posti vacanti con subordinati che fossero abbastanza forti da sostituire i vecchi membri, ed è stato Bael stesso a sceglierli. Non è, comunque, questo il fulcro del discorso, bensì come comportarci con questo presunto figlio di Azael. *
Esclamò Lucifer, intromettendosi nel battibecco dei suoi subordinati, bloccandoli prima che degenerassero come loro solito.

<< Vuole sapere come comportarsi con quel ragazzino, Lord Lucifer? E' semplicissimo: dobbiamo liberarcene. E' normale, no? E' un pericolo, e come tale, dobbiamo eliminarlo prima che sia troppo tardi! >>
Esclamò Belzebub.

Asteroth fece un verso infastidito.

<< Per quando odio ammetterlo... Concordo con Belzebub. Gli umani stanno diventando sempre più forti, generazione dopo generazione, e non possiamo permettere che questa cosa continui all'infinito. >>
Disse il demone, nauseato dalla sola idea di dover concordare con Belzebub.

<< Aspettate, non serve ucciderlo per forza! >>
Disse Iris, intromettendosi nella discussione.
I presenti si voltarono verso di lei, sorpresi.

* Per quale motivo, Iris? *
Le domandò Lucifer, incuriosito.

<< Ovviamente tu diresti una cosa del genere! Dopotutto eri la succube di Azael, non accetteresti mai di uccidere suo figlio. >>
Fece notare Belzebub, con tono infastidito.

[ No. Concordo con Iris. ]
Disse qualcuno che, fino a quel momento, non aveva mai aperto bocca.

<< Abraxas? >>
Disse Iris, sorpresa e rincuorata dall'intervento del suo compagno.



Abraxas è uno dei nuovi membri tra i dodici generali: venne accettato da Bael stesso circa trecento anni prima.
Neanche i Dodici Generali conoscono molto su di lui, poiché Abraxas non è mai sceso sul campo di battaglia e non ha mai parlato del suo passato con nessuno, eccetto con Iris e Bael.

Attualmente, occupa la posizione numero undici.
E' metodico, calmo, sincero e leale.

I suoi occhi sono completamente bianchi, privi di iridi e pupille.
I suoi capelli lunghi e neri. Indossa sempre un'armatura argentata accompagnata da una lunga spada legata alla sua cinta.

Abraxas è l'unico tra i Dodici Generale a possedere  tre paia di ali nere, simili a quelle dei corvi, che spuntavano dalla sua schiena.



[ Se questo ragazzo è, effettivamente, figlio di Azael, potrebbe tornare utile per spezzare il pezzo di sigillo su Bael che è collegato a suo padre. Ucciderlo potrebbe causare una instabilità nel sigillo, o potremmo perdere l'unico modo per spezzarlo senza usare la forza, per quanto ne sappiamo sul suo funzionamento. ]
Continuò, spiegando i suoi motivi.
La sua voce era calma e pacata.

<< Non è successo con la morte di Lilith, perché dovrebbe accadere con lui? >>
Gli domandò Belzebub, dubbioso al riguardo.

[ Puoi confermare che non possa accadere, Belzebub? Per quanto ne sappiamo, la parte di sigillo collegato a Lilith potrebbe essersi indebolito con la sua morte, ma potrebbe non essere bastato a causare danni evidenti. Credo che sia meglio andare sul sicuro, senza agire impulsivamente. ]
Rispose Abraxas.

<< Io, invece, credo che sia meglio liberarsi di loro. Sono un problema, quindi è meglio liberarsene prima che possano diventare una minaccia ancora più grande. >>
Aggiunse Amon.


* E voi cosa dite? Mirfah? Astarte? *
Domandò Lucifer alle altre due figure che, fino a quel momento, non avevano aperto bocca.


[ A me non importa. ]
Rispose una voce maschile.

Il suo corpo era ricoperto da strani cristalli viola, i suoi occhi erano rossi senza pupille o iridi. 
I suoi capelli erano corti e neri. 
Non si sa praticamente nulla di Mirfah, se non che occupa la posizione numero sette tra i Dodici Generali.


<< Astarte pensa che dovremmo tenerlo in vita. Potrebbe tornare utile per risvegliare Lord Bael... >>
Rispose una donna dai capelli azzurri che sedeva al fianco di Lucifer.
I suoi occhi erano bianchi come la neve, e indossava uno strano vestito orientale celeste con delle nuvole disegnate in esso.

Astarte, conosciuta come "La Golosa" è l'attuale numero sei tra i Dodici.



* Quindi è deciso. Quattro voti a favore di tenere questo ragazzo in vita, tre voti contro, un astenuto. *
Disse Lucifer, alzandosi in piedi dalla sua sedia.

<< I miei fratelli non hanno nemmeno potuto votare, Lucifer! >>
Esclamò Amon, infastidito dalla decisione del suo capitano.

* I tuoi fratelli non possono nemmeno parlare. Quantomeno possono stare all'interno di questa stanza o prendere decisioni per conto loro, non essendo altro che esseri guidati da istinti animali. Quindi il voto di Behemot, Leviathan e Ifrit sono contati come tre voti nulli. *
Gli rispose Lucifer.


Behemot, Leviathan e Ifrit sono le Tre Bestie Demoniache.
Sono creature mostruose, gigantesche e violente, prive di alcun intelletto o volontà.

Seguono ciecamente ogni ordine imposto loro da Lucifer o Amon e sono i fratelli di quest'ultimo.
Ifrit controlla il fuoco, Leviathan l'acqua mentre Behemot il vento.
Ifrit occupa la posizione numero otto, Behemot la posizione numero nove, mentre Leviathan la posizione numero dieci.


Subito dopo posò il suo sguardo su Belzebub, il quale fece un verso di dissenso.

* Non vi va bene il mio metodo di decisione? Non siamo in una monarchia: la maggioranza di noi ha scelto come comportarci in questa situazione, Belzebub. Accetta le decisioni dei tuoi compagni. *
Disse al demone.

<< Come desidera, Lord Lucifer... Ma se, per caso, questo metodo dovesse fallire, o tornare indietro a morderci... Allora mi dovrà concedere il permesso di fare a modo nostro. >>
Gli propose Belzebub, innervosito dalla decisione del suo superiore.

Lucifer fece un cenno positivo con il capo, per poi voltarsi verso Abraxas.

* Abraxas, confido nelle tue capacità. Ti assegno il compito di recuperare questo ragazzo e portarlo da noi, vivo, in qualunque modo tu ritenga opportuno: hai carta bianca. *
Ordinò al demone alato.


____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 3-3, alla prossima!












 

Ritorna all'indice


Capitolo 21
*** Capitolo 3-4: Avanti ***


Capitolo 3-4: Avanti

 

Non appena Ehra tornò nel suo ufficio, chiuse rapidamente la porta alle sue spalle a chiave.

Si appoggiò di schiena alla pesante porta in legno scuro, fissando intensamente il soffitto di quella stanza.

<< Ho fatto un errore troppo grave... Non posso perdonarmelo... >>
Disse a se stessa, sottovoce, incolpandosi.

Subito dopo posò lo sguardo sulla sua scrivania, più precisamente su uno strano oggetto metallico.
Era una stanza molto spaziosa.

C'era una grossa scrivania accostata a un muro, sopra la quale vi era uno strano oggetto metallico, svariati documenti e penne di tutti i colori.
Dall'altro lato del muro c'era una gigantesca libreria colma di libri di ogni genere: da libri di storia a libri di scienza, fino a manuali di magia di ogni tipo.

Davanti alla donna c'era una grossa porta finestra che le permetteva di osservare la cittadina di Samir dalla sua scrivania.


<< Neanche lui mi perdonerà... >>
Sospirò, avvicinandosi alla sua scrivania.

Si sedette davanti a essa, posando il suo sguardo su un oggetto metallico che sembrava essere una specie di telefono. 

Proveniva da Savia.



Ogni nazione ha delle caratteristiche a essa uniche, e ogni nazione ha tecnologie differenti dalle altre.

Avalon è conosciuta per essere una nazione "Militare": è rimasta, infatti, fedele a un sistema monarchico-militare, creando istituti incentrati a crescere i propri studenti non solo nell'ambito intellettuale, ma anche in quello militare.

Infatti, nonostante esista sia un Imperatore che un Consiglio di Senatori, i generali militari di rango più alto sono molto ben visti e rispettati da chiunque, poiché non solo rappresentano la legge ad Avalon ma, in determinate circostanze, possono persino avere una grossa influenza nelle decisioni sia del Senato che dell'Imperatore.

Per fare un esempio, in caso di necessità l'Imperatore stesso può conferire al militare con il titolo di "Gran Generale" un potere decisionale secondo solamente al suo.

Avalon è rimasta tecnologicamente arretrata rispetto alle altre tre nazioni, preferendo svilupparsi nel campo militare e magico.
Infatti è conosciuta come la nazione con i maghi più abili in tutta Gaia, e per motivi più che ovvi, se si considera il fatto che i Dodici Generali di Bael hanno la loro base proprio nel Deserto di Sabara, nella zona nord-ovest di Avalon.

Per questo motivo Avalon cominciò delle trattative con Savia, la nazione più avanzata tecnologicamente, scambiando informazioni su demoni e magie in cambio di tecnologie più avanzate e sottoscrivendo un trattato di "Mutuo-Soccorso" in caso di necessità.



Ehra cominciò a premere dei tasti numerati sulla tastiera del telefono, attendendo poi per qualche secondo in silenzio che qualcuno rispondesse.



Dopo pochi istanti di silenzio, quindi, si sentì una voce maschile provenire dall'apparecchio.


<< Ehra? Sei tu? >>
Domandò la voce dell'uomo alla donna.

<< Si, Generale Xernes. >>
Confermò Ehra.

Del sudore cominciò lentamente a scendere dalla sua fronte, mentre parlava con un tono preoccupato con l'uomo.

<< Oh? Stavo proprio per chiamarti, Ehra. Ho appena finito di parlare con un... Inaspettato, e indesiderato, ospite. Mi ha detto alcune cose interessanti, ma vorrei sentire la tua versione... >>
Disse la voce di Xernes.

<< ...E, soprattutto, delle spiegazioni, considerando che, al momento, sono piuttosto irritato. >>
Continuò, assumendo un tono più cupo.

Quelle parole bastarono a far impallidire la donna.


<< E-Ecco... I ragazzini stanno tutti bene, fortunatamente non ci sono state perdite. Al momento si trovano nell'infermeria, e dovrebbero riprendersi presto... Per quanto riguarda i demoni... Sono scappati. >>
Spiegò la donna.
Non appena finì di parlare, Ehra deglutì, facendo lenti e profondi respiri mentre fissava intensamente l'oggetto metallico davanti a sé.

<< Ne sono al corrente. Ma sono anche al corrente di ciò che è successo, Ehra. Quindi lo chiederò un'ultima volta, Ehra: che spiegazioni puoi darmi a riguardo? >>
Le domandò Xernes, con tono infastidito.

La donna abbassò lo sguardo senza proferire parola.
Per qualche secondo cadde un silenzio tombale in quella stanza.


<< Il tuo silenzio mi delude più del tuo fallimento, Ehra. Così fiduciosa delle tue abilità, eppure ti sei lasciata prendere di sprovvista da una magia nemica che ti ha immobilizzato per una quindicina di minuti. Non c'è altro modo per chiamare questa cosa, se non fallimento. >>
La rimproverò quella voce, con tono minaccioso.

<< Signore, io- >>
Ehra non fece in tempo a parlare che venne rapidamente bloccata.

<< Basta così. Ciò che mi interessa, è avere informazioni su quello. >>
Disse Xernes, mentre la sua voce sembrò allontanarsi dal telefono.

<< E' ancora li... >>
Gli rispose Ehra, abbassando lo sguardo.

<< Ma... Ho paura che ci sia un problema... >>
Continuò, assumendo una espressione colpevole.


Non ricevette subito risposta.
Cadde di nuovo il silenzio, ma stavolta durò ben più di qualche secondo.

Ehra fissò intensamente il telefono davanti a lei con uno sguardo preoccupato, pallida in volto.


<< Cosa vorresti dire con questo?! >>
Esclamò Xernes, avvicinandosi di colpo all'altro capo del telefono, con tono furioso.

<< E' stata gravemente ferita a causa di una magia che ha usato lei stessa. Il suo corpo non è riuscito a reggere i danni, ed è crollato. Quando sono corsa da lei con l'intenzione di curarla, ho visto che le sue ferite si stessero rimarginando, ma... Ho notato anche che l'energia dentro di lei non stesse scorrendo nello stesso modo e...- >>
Disse la donna, venendo rapidamente bloccata una seconda volta dal suo superiore.

<< Taglia corto, Ehra. Cosa stai cercando di dirmi? >>
Le ordinò Xernes, infastidito dal suo giro di parole.


Ehra abbassò ancora una volta lo sguardo, esitando per qualche istante.
Strinse forte i pugni sopra le sue ginocchia, trattenendosi dal singhiozzare.


<< Le ferite erano troppo gravi, il suo corpo non ha retto... Il suo cervello però era ancora vivo, quindi il Graal è intervenuto per curare quelle ferite e ripristinare le sue funzioni vitali. Ho paura che, però, le ferite fossero talmente gravi che neanche il Graal era in grado di curarle completamente: infatti ho notato un flusso di energia insolito all'interno del corpo di Jessica... Credo che il Graal stia continuando a dare energia al suo corpo per mantenerlo in vita. >>
Non appena finì di parlare, non ricevette risposta.

Posò il suo sguardo preoccupato sull'oggetto metallico nella scrivania, terrorizzata al solo pensiero di ciò che Xernes le avrebbe potuto dire.



<< Sei sospesa da questo incarico fino a nuovo ordine. Mi aspettavo di più da te, Ehra. Quando Arthur tornerà dal suo precedente incarico, parlerò direttamente con lui sul da farsi... >>
Disse Xernes, con tono infastidito, mentre la sua voce sembrò allontanarsi ancora una volta dal telefono.

<< ... Con quanta rapidità il Graal sta dando energia al corpo della ragazza? >>
Le domandò subito dopo.

<< Non molto, in verità. Se non aumenta ritmo, potrebbe continuare a trasferire energia al corpo di Jessica per almeno altri sette o otto anni prima di esaurirsi. >>
Rispose Ehra, rapidamente.

<< Questa è un'ottima informazione. Fortunatamente per noi, il Graal dovrebbe riuscire a curare completamente quella ragazza prima di esaurire la sua energia... Sfortunatamente, stiamo sprecando energie che dovrebbero essere una risorsa in caso di necessità a causa della tua incompetenza, Ehra. >>
Disse Xernes, con tono minaccioso, incolpando di nuovo la donna per quel risultato.

<< Se non ti fossi lasciata cogliere di sorpresa, saresti riuscita a rompere immediatamente quella barriera magica e quella ragazza non avrebbe mai subito quei danni... Quindi, come risultante, il Graal sarebbe ancora dormiente nel suo corpo senza sprecare parte dell'energia immagazzinata al suo interno. Sono davvero amareggiato da questo risultato, Ehra: mi avevi promesso sarebbe tutto andato nel migliore dei modi, invece hai causato un problema di dimensioni non indifferenti. >>
La rimproverò l'uomo, continuando con la sua ramanzina.

Ehra non gli rispose.

<< Come ho già detto... >>
Continuò.

<< ... Sei sospesa dall'incarico. Invierò Sarah al tuo istituto per tenere quel gruppo sotto stretta sorveglianza, e d'ora in poi seguirai ciecamente i miei ordini senza fare alcuna domanda o prendere alcuna iniziativa. Non ho alcuna intenzione di assistere a fallimenti di questo genere. Chiaro, Ehra? >>
Le domandò Xernes, mentre la sua voce si avvicinò rapidamente al telefono.

<< Cristallino.... >>
Rispose la donna, evitando di guardare il telefono.


Pochi istanti dopo, Xernes tirò un grosso sospiro.


<< Posso farle una domanda, Signore? >>
Domandò Ehra, aspettando conferma da Xernes.

<< Chiedi pure, Ehra. >>
Le rispose il generale.

<< Come è venuto a conoscenza di questi dettagli? >>
Gli domandò, incuriosita e sorpresa dal fatto che sapesse già cosa fosse accaduto.

<< Come ti ho già detto, Ehra, pochi minuti fa ho avuto un inaspettato e indesiderato ospite... Sono sicuro lo conosci anche tu, considerando fossi presente quando ha fatto la sua prima apparizione nell'aula del Senato. >>
La risposta del Gran Generale Xernes fece congelare il sangue nelle vene di Ehra, la quale si alzò di scatto dalla sedia su cui era seduta, tremando.

<< L-Lucifer!? >>
Esclamò, incredula.

<< Abbassa il tono, Ehra. Si, lui. E' comparso dal nulla nel mio ufficio, fissandomi con quel suo strano sorriso che non faceva altro che farmi innervosire. Poi ha cominciato a parlare, e mi ha raccontato cosa fosse successo tra te e il demone di nome Asteroth. Non ho ancora intenzione di credergli, ma sembra che le informazioni che mi ha dato poco fa fossero tutte vere... Anche quelle di quel ragazzino, suppongo lo fossero, quindi. >>
Le rispose Xernes, con tono pensieroso.

<< Si... Quel ragazzo, Michael Jeremy Rider, si è rivelato un mezzo demone esattamente come Lucifer ci ha detto quel giorno... Ma come faceva a esserne al corrente? Non possiamo fidarci di colui che dovremmo combattere, Generale, specialmente se non sappiamo come ottiene le sue informazioni! >>
Disse Ehra, confermando le preoccupazioni del suo superiore.

<< Non ho intenzione di credere alle sue parole, per ora... Infondo, cosa ne otterrebbe uno dei Dodici Generali dal tradire i suoi compagni? Per ora prenderemo le informazioni che ci ha dato con le pinze... Ho intenzione di verificare alcune cose io stesso con quel ragazzino. Se davvero è il figlio di Azael, non possiamo permettere che i demoni mettano le mani su qualcuno che può, potenzialmente, raggiungere il livello del padre. Avere un'arma di quel calibro tra le nostre fila ci permetterebbe di causare terrore anche nelle fila dei Dodici. Voglio che tu, quindi, invii quel gruppo di ragazzi a Magnus il prima possibile, non mi interessa che scusa ti inventerai. >>
Le ordinò Xernes.

<< Sissignore, come desidera. Non credo, comunque, di dover inventarmi nulla. >>
Non appena Ehra proferì quelle parole, Xernes emise un verso di stupore.

<< Quel ragazzo sembra avere qualche strano effetto collaterale come risultante di una delle mie magie... Non ho mai visto qualcosa del genere, ma preferirei occuparmi di questa cosa prima che possa diventare un problema. Non credo di possedere le capacità per risolvere questo suo problema, ma sono sicura che Vermilion ne sia in grado... Dopotutto le sue Fiamme dovrebbero essere in grado di curare ogni genere di ferita o malattia. >>
Continuò.

<< Cosa ha quel ragazzo? >>
Le domandò Xernes, incuriosito dalle parole della donna.

<< Sembrerebbe ci sia qualche genere di effetto collaterale causato dal mio Dispelger. Credo che gli abbia causato qualche problema, visto che sembra soffrire di un pesante dolore al capo e uno dei suoi occhi è mutato. Se dovessi fare una ipotesi, credo che il mio Dispelger non sia stato in grado di neutralizzare completamente la sua metà da demone e che come risultante sia ancora parzialmente attiva. Se così dovesse essere, allora potrebbe scatenarsi di nuovo da un momento all'altro, e questo potrebbe rivelarsi un problema che preferirei evitare. >>
Gli spiegò la donna.

<< E una cosa del genere è considerabile una "malattia" o una "ferita"? Lei, Vermilion, è in grado di aiutarlo? >>
Domandò Xernes, con tono dubbioso.

<< Credo di si. In termine di abilità curative, le fiamme di Phoenix sono anche superiori alle mie. >>
Confermò Ehra.

<< Quindi è deciso. Riferisci questa cosa a quel gruppo di ragazzini, e poi portali qui da me, a Magnus. Come arriverete qui dovrai raggiungermi il prima possibile, Ehra. Ho alcune cose importanti di cui parlare con te in persona, e al momento non abbiamo tempo per farlo.  >>
Concluse Xernes, chiudendo la chiamata.



Non appena la chiamata si concluse, Ehra emise un profondo sospiro, poi si appoggiò con i gomiti nella sua scrivania, fissando il vuoto davanti a se con uno sguardo cupo.

Qualcosa la terrorizzava nel profondo.


< Mi chiedo se Lucifer sia a conoscenza del Graal... Se così fosse, il suo intento potrebbe essere quello di sottrarlo a Jessica con la forza... Dopotutto l'energia del Graal dovrebbe essere immensa, trattandosi di una Pietra Filosofale... Se dovesse venirne a conoscenza, potrebbe provare a strapparlo dal corpo di Jessica, usando poi la sua energia per tentare di spezzare il sigillo su Bael... E se questo dovesse accadere... >
Non appena quel pensiero le passò per la mente, Ehra scosse il capo rapidamente nel tentativo di non pensarci.

< No, no! Non devo neanche pensarci! Non posso permettere una cosa del genere... Ho promesso ad Arthur che avrei protetto Jessica, non posso fallire così miseramente, altrimenti non riuscirei più a guardarmi negli occhi! >
Pensò subito dopo, cercando disperatamente di non pensare allo scenario peggiore.



In quell'istante sentì qualcuno bussare alla porta del suo ufficio.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-4, alla prossima e grazie di avermi seguito!

 


 

Ritorna all'indice


Capitolo 22
*** Capitolo 3-5: Vermilion ***


Capitolo 3-5: Vermilion

 


Credevano tutti di sapere chi io fossi.

Non lo sapevano. 
Nessuno di loro.


Non sono mai stata l'eroina che credevano.


"Signore e signori! Oggi voglio presentarvi la vincitrice dell'ultimo torneo delle Quattro Galassie: un prodigio, considerando la sua giovane età!
 Luciana "Vermilion" Scarlet! "


Ricordo ancora perfettamente i loro sguardi... Le loro voci... I loro applausi.

Non riuscivo a guardarli.
Non era quello ciò che volevo... Ma era l'ultima cosa che, ormai, mi rimaneva.



"Vermilion, sei così forte!"
"Vermilion, sei fantastica!"

Tutte quelle parole... Bugie. Bugie che nemmeno loro sapevano di dire.



Non ricordo nulla, a causa di quel trauma.

I miei genitori erano sconosciuti anche per me.
Non ricordo i loro volti, i loro nomi, le loro voci.

Niente.

Persino il mio vero nome era a me oscuro...


Quel nome, "Luciana Scarlet", mi è stato dato nell'orfanotrofio dove ho vissuto per metà della mia vita, da una donna, colei che dirigeva quel posto.


"Ma che ragazzina carina che sei."
Mi disse, la prima volta che ci incontrammo.

"Come ti chiami?"
Mi domandò.

"Non me lo ricordo."


Sentendo la mia risposta, quella donna mi guardò con uno sguardo sorpreso.

"E' un peccato..."
Mi disse.

"Che ne dici di Luciana Scarlet?"


Ripensandoci, è ridicolo... Quasi surreale.

Quella donna mi aveva dato lo stesso nome della ragazzina che, tre giorni prima, lasciò l'orfanotrofio.
Non so il perché... Forse le ricordavo lei.

O, più semplicemente, non voleva inventarsi e imparare un nuovo nome.
Mi mise persino nella stessa stanza di quella ragazzina.



Beh, non è che avessi comunque in mente qualche nome migliore.
Non avevo più nulla: né una casa, né una famiglia, né un nome.

Non ricordavo più nulla.



Tre anni prima di entrare in quell'orfanotrofio, fui vittima di un trauma che mi causò un grave problema di amnesia.
Ciononostante, ricordo ancora perfettamente quel maledetto, terribile giorno.


Fu... 
Orribile.



Mi trovavo nel giardino di casa mia, stavo giocando con una ragazzina della mia età... Forse era la mia migliore amica, non lo so più neanche io.
Lei stava sorridendo, io stavo ridendo.
Ricordo stessimo giocando nell'erba, poi, spaventate dagli insetti, ci alzavamo di scatto e cominciavamo a urlare, per poi scoppiare a ridere insieme.

Guardavamo le persone camminare nelle strade, giocavamo con i nostri capelli...
Distese nel terreno a guardare il cielo, mentre il vento soffiava silenzioso intorno a noi.

Il dolce profumo dei dolci che mia madre stava cucinando...


Sembrava tutto così normale...



Poi lo sentimmo.


Un tremendo ruggito provenire dalla distanza.
Fumo nero che saliva nel cielo.
Fiamme che crescevano a vista d'occhio, ovunque.
Urla.
Persone che, terrorizzate, scappavano da qualcuno...


O... Qualcosa.


Ricordo di essermi voltata dalla parte opposta rispetto a quella dove le persone stessero correndo... Lo vidi in quel preciso istante.

Quel... 
Mostro.

Una cosa grande come una casa, ricoperto di fiamme, occhi rossi come il fuoco, dita lunghe e affilate come lame, la sua pelle ricoperta di squame, il suo corpo brillava di una luce intensa mista fra rosso e arancione.

A ogni suo passo il terreno ai suoi piedi prendeva fuoco...
Infatti, ogni cosa che toccava prendeva fuoco.

La strada, le case, gli alberi...



Le persone.



Ricordo che la mia amica scappò via, terrorizzata, mentre mia madre mi prese alle spalle, portandomi rapidamente dentro casa.
Era terrorizzata... Ma non ricordo il suo volto.

Cominciò a cercare qualcosa ma... Non so cosa.
Poi sentimmo di nuovo quel ruggito.

Mia madre corse rapidamente verso di me, mi abbracciò intensamente.

" Non preoccuparti mia cara"
Mi disse, mentre le lacrime scendevano dal suo volto.

"Andrà tutto bene"


Non... Non appena pronunciò quelle parole, il tetto ci crollò addosso.


Tutto divenne nero.



Quando mi svegliai, capii subito di non trovarmi più nella mia casa.
Non riuscii a vedere mia madre da nessuna parte...

In realtà, non riuscivo a vedere quasi niente: la mia vista era appannata.
Non sentivo altro se non strani fischi nelle orecchie, e provavo un forte mal di testa.

Ero distesa in uno strano letto, all'interno di quella che mi sembrò un qualche genere di tenda.

Ero stanca.
Volevo solamente dormire...

Quindi chiusi di nuovo gli occhi, addormentandomi.



Quell'uomo...
Quell'uomo mi ha salvato.

Poche ore dopo scoprii che mia madre era morta nella nostra stessa casa, proteggendomi con il suo stesso corpo dalle macerie.



Io... 
...



Devo la mia vita a quell'uomo.
Fu così gentile, rimase sempre al mio fianco per qualche motivo.

Continuò a confortarmi, mi abbracciò, mi accarezzò i capelli.


Fu lui a lasciarmi in quell'orfanotrofio.

"Tornerò presto, tesoro."
Mi disse, mentre mi accarezzava i capelli.

"Mi prenderò cura di te, te lo prometto. Non preoccuparti."



Qualche giorno dopo, scoprii che quell'uomo era partito alla ricerca di quel demone.

Ifrit, era il suo nome.

Quell'uomo stava dando la caccia a Ifrit da tanto tempo.


Quel giorno, apparentemente, Ifrit perse il controllo, entrando in modalità Berserk... Non so esattamente per quale motivo.
E, una volta perso il controllo, si trasformò in quella cosa, cominciando a distruggere ogni cosa intorno a se...

E, alla fine, raggiunse anche il mio villaggio, dove però fu fermato da quell'uomo.


Però, apparentemente, Ifrit fu in grado di scappare, quindi quell'uomo decise di andare alla sua ricerca.



Durante la mia permanenza all'orfanotrofio, credettero tutti che avessi superato il trauma...
Perfino io.

Però...
Ogni volta che vedevo delle fiamme, cominciavo a urlare, a piangere, scappavo terrorizzata.
Ogni volta che vedevo delle fiamme, mi ritornava in mente il volto di quel mostro.


Non lo avevo superato.
Il fuoco mi terrorizzava.

...

....



Qualche anno dopo, lasciai l'orfanotrofio di nascosto.
Volevo sapere chi fossero i miei genitori, chi fossi io...

Dovevo farlo.

Quindi scappai, dirigendomi verso la mia casa.
Quando la raggiunsi... Vidi per la prima volta in vita mia la distruzione che Ifrit aveva seminato.


Quel posto, ormai, non esisteva più.
Al posto delle case, delle strade e degli alberi rimanevano solo cenere e terra bruciata.


Lo capii in quel momento che, probabilmente, non avrei mai scoperto chi fossi in realtà, quantomeno chi fossero i miei genitori.

Mi inginocchiai nel terreno, disperandomi, piangendo a dirotto.


Fu in quel momento, però, che vidi qualcosa... Una luce intensa che fuoriusciva dalla foresta vicino al villaggio.
Istintivamente corsi in quella direzione.

Non so perché... Forse speravo, in cuor mio, che qualcuno fosse sopravvissuto.
Magari quella luce mi avrebbe portato da qualcuno che mi conosceva.


Quando raggiunsi quella luce, notai uno strano uccello ricoperto dalle fiamme sul ramo di un albero.

Lo fissai intensamente, sorpresa, e quell'animale ricambiò il mio sguardo.


"Chi sei, ragazzina?"
Mi domandò, con una voce femminile.

Rimasi scioccata all'inizio, ma stranamente non mi spaventò.

"Luciana Scarlet"
Le risposi.

Lo strano uccello non mi rispose subito.
Mi guardò in silenzio, piegando la testa di lato, incuriosita.

"Stai cercando qualcosa, Luciana?"
Mi domandò.


Non le risposi.
Abbassai lo sguardo, riprendendo a piangere.


Non so perché scelse me...
Quell'uccello scomparve nel nulla, poi le sue fiamme si diressero rapidamente verso di me, circondandomi per intero.


All'inizio provai a scappare, terrorizzata, ma ben presto notai che non stessi bruciando.
Non provavo dolore.

Mi guardai le braccia intensamente, confusa e scioccata da ciò che stava accadendo.
Poi, improvvisamente, le fiamme scomparvero nel nulla.


"Ora siamo una cosa sola."
Sentii dire da quella voce femminile.

"Cosa vuoi dire? Chi sei? Dove sei?!"
Le domandai, guardandomi istericamente intorno, alla ricerca di qualcuno che non era fisicamente li.

"Il mio nome è Phoenix. Ti ho scelto come mio padrone perché sento che necessiti del mio aiuto. "
Mi rispose.


Confusa dall'accaduto, tornai ben presto all'orfanotrofio.
Ci misi qualche mese a scoprirlo, ma ben presto capii che avevo ottenuto il potere di controllare le fiamme.

Non mi spaventavano più.

Cominciai ad allenarmi ogni giorno, e ben presto fui in grado di manipolare quelle fiamme a mio piacimento.


Poi, finalmente, un anno dopo, quell'uomo tornò all'orfanotrofio.
Non appena gli mostrai quella mia nuova capacità, lui si offrì di allenarmi.

Accettai.
Ma non perché volevo seguire le sue orme...


Volevo diventare più forte.
Volevo vendicarmi.



Non passò molto tempo.
Sentii, un giorno, qualcuno dire che Ifrit era tornato.

Era da qualche parte nei pressi di una foresta in quella zona.


Senza pensare, corsi in quella direzione... E lo trovai, di nuovo.

Ifrit, ricoperto da quelle sue fiamme, intento a bruciare ogni cosa intorno a lui.
Esattamente come l'ultima volta.


Sentii la rabbia pervadermi, quindi urlai nella sua direzione.
Non appena Ifrit mi notò, rilasciai tutta l'energia che avevo in corpo con una gigantesca fiammata, avvolgendo quel mostro per intero.

Credetti che quell'attacco sarebbe bastato per sbarazzarmi di lui...


Fiamme incontrollate e colme di rabbia.
Ecco cosa usai contro di lui.


Ben presto, però, capii quanto sciocca fossi.
Ifrit assorbì rapidamente le fiamme che gli avevo scagliato contro, facendomi capire nel peggiore dei modi che non sempre il detto "Combattere il fuoco con il fuoco" funziona a dovere.


Si voltò verso di me, ruggendo come una bestia selvaggia.



Scappai....
Scappai via terrorizzata, dirigendomi verso il mio orfanotrofio...


Quando capii l'enorme errore che avevo commesso, fu ormai troppo tardi.

Ifrit mi seguì e fece la stessa cosa che aveva fatto alla mia casa in quella cittadina.
In pochi minuti l'intero orfanotrofio fu avvolto dalle fiamme davanti ai miei occhi.


Mi inginocchiai nel terreno, priva di forze e di voglia di combattere.

"E' colpa mia..."
Mi dissi, incolpandomi dell'accaduto, mentre guardavo l'orfanotrofio che mi aveva ospitato venir divorato da quelle fiamme infernali.

Ifrit in quell'istante allungò una delle sue mani infuocate verso di me, cercando di prendermi...


Quell'uomo, però, mi salvò di nuovo.
Si mise in mezzo tra me e quel demone, scontrandosi di nuovo con lui e obbligandolo a scappare di nuovo.


Subito dopo si avvicinò a me, abbracciandomi.
Provai ad allontanarlo da me, ma non ne fui in grado.

"E' tutto ok tesoro, va tutto bene..."
Mi disse, stringendomi forte a se.

"Non è colpa tua."
Continuò, cercando inutilmente di rassicurarmi, mentre io cominciai a piangere tra le sue braccia.


Subito dopo mi lasciò andare, asciugando con le sue mani le mie lacrime.
Ricordo che mi guardò con il sorriso più dolce che io avessi mai visto in vita mia.

"Ti allenerò io stesso... Faremo in modo che una cosa del genere non accada mai più, te lo prometto."



Pochi anni dopo, quell'uomo mi iscrisse personalmente in un istituto militare.
Incontrai tante persone, feci nuove conoscenze e riuscii perfino a farmi degli amici.

Ero dubbiosa, spaventata, ma fui in grado di trovare qualcuno che riuscisse a capirmi.


Incontrai questo ragazzo...
Era un completo idiota, ma si rivelò l'unica persona che riusciva a farmi stare bene, dopo quell'uomo.

Mi faceva ridere, mi ascoltava, rispettava ogni cosa che dicevo, anche se priva di senso.
Alla fine, decisi di lasciarlo entrare nella mia vita.


Per qualche anno tutto sembrò migliorare giorno dopo giorno...
Credetti finalmente che le cose sarebbero finalmente andate per il verso giusto.



Non fu così...
Neanche stavolta.



Come sempre...
Tutto sarebbe crollato davanti ai miei stessi occhi.


...
....
.....
......


Quel ragazzo, i miei compagni...

Perfino quell'uomo a cui dovevo la mia stessa vita...

Caddero tutti davanti a me, perché ero troppo debole per salvarli.



Quando riaprii i miei occhi, mi resi conto di essere l'unica superstite.
Il ragazzo che avevo lasciato entrare per la prima volta nella mia vita, era disteso nel terreno con un buco nello stomaco.

La mia migliore amica era distesa nel terreno con il collo spezzato.

L'uomo che mi aveva salvato la vita era, anche lui, privo di vita, appoggiato a un albero insanguinato.



Mi inginocchiai, urlando e piangendo dal dolore.

"Perché me?!"
Urlai, con la voce rotta dalle lacrime, colpendo ripetutamente il terreno con i pugni.

"Perché sono sempre io l'unica che rimane in vita?!"
Urlai, a nessuno.


Non volevo più andare avanti...
Non potevo farcela...


Ero maledetta.
Tutte le persone a cui tenevo, prima o poi, morivano davanti ai miei stessi occhi perché ero troppo debole.

Era colpa mia.
Solamente colpa mia....



Mi chiusi in me stessa per un anno, quando una donna, un giorno, venne a farmi visita.
Si chiamava Ehra.

Mi conosceva...
Ma io non conoscevo lei.

Mi porse la mano, offrendomi di prendere parte al torneo delle Quattro Galassie.


"Perché dovrei farlo?"
Le domandai.

"Così potrai aiutare le persone. Esattamente come fece lui con te."
La sua risposta mi ferì nel profondo.

Quell'uomo mi aveva salvato...
E ora era morto, per colpa mia.


Non riuscii a guardarla negli occhi, ma lei insistette.


"Credi che il Generale Ravier avesse voluto vederti in questo stato? Era un grande uomo, gentile... Mi ha parlato molto di te, sai? Mi ha detto delle tue abilità, sei una ragazza prodigio. Aveva intenzione di farti partecipare a questo torneo... Non rifiutare il suo ultimo desiderio, Lucy. E' ciò che lui avrebbe voluto da te."

In quel momento, scattai verso quella donna, piangendo.
Lei mi abbracciò forte, senza proferire nient'altro. 

Fui in grado, finalmente, di togliermi quel peso dal petto.
Quel dolore che mi tenevo dentro, fui finalmente in grado di perderlo.


Accettai la sua offerta.

Decisi di rispettare il volere dell'uomo che mi aveva permesso di vivere.


Partecipai a quel torneo, anche se dentro di me non volevo farlo...
Arrivata alle finali, mi scontrai con un'altra ragazza...

Era forte, ma alla fine riuscii a sconfiggerla.


In quel giorno diventai un membro delle Quattro Galassie di Avalon...
Il membro più giovane, probabilmente quello meno esperto, ma, come dicevano loro, un "prodigio".



E ora eccomi qui.
Spaventata dall'avere persone intorno a me, cosciente del fatto che prima o poi causerei la loro morte.

Questa sono io.
"Luciana Scarlet", conosciuta da tutti con il titolo di "Vermilion", un membro delle Quattro Galassie di Avalon.



Ciononostante ho deciso chi sarò.
Sarò colei che, come quell'uomo, salverà le altre persone.

Sarò io a provare tutto il dolore perché so di poterlo sopportare...
Farò in modo che nessun altro debba mai soffrire come ho sofferto io.

Questo è il fine che mi sono imposta.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-5, grazie di avermi seguito!



PS: per chi non lo fa, consiglio anche di seguire la mia prima serie intitolata "Arcadia".
Potrebbe avere qualche collegamento, in futuro, con questo racconto.


 

Ritorna all'indice


Capitolo 23
*** Capitolo 3-6: Segreti e Pericoli ***


Capitolo 3-6: Segreti e pericoli

 


<< Tutto questo è ridicolo! >>
Esclamò Xane, non appena Seryu lasciò la stanza, rompendo improvvisamente quel silenzio tombale.

Tesla e Michael posarono il loro sguardo sul ragazzo dai capelli viola, entrambi sorpresi dalla sua improvvisa reazione.

<< Sono passati diciassette anni dall'ultima volta che uno dei Dodici Generali è entrato in scena! In circostanze normali, tutto questo dovrebbe essere considerato come un pericolo per l'intera nazione! Come può essere così calma?! Perché non ci dice nulla?! >>
Continuò il ragazzo, camminando in cerchio per tutta la stanza con passo rapido, inferocito.

<< Ti andrebbe di fermarti per un secondo? Mi stai innervosendo. >>
Gli disse Tesla, con un tono infastidito, fissando il suo compagno con uno sguardo cupo dal letto su cui era seduto.

Sentendo le sue parole Xane si bloccò di colpo, voltandosi verso il ragazzo dai capelli biondi.

<< Non posso essere l'unico ad aver capito ci sia qualcosa che non va! Uno dei Dodici è appena tornato in azione dopo diciassette anni! Questo genere di situazione dovrebbe essere abbastanza per mettere in guardia tutta Avalon; le Divisioni di Ammaza-Demoni dovrebbero essere le prime a essere avvertite! >>
Esclamò il ragazzo, con tono misto tra rabbia e confusione.

<< E' ovvio ci stiano nascondendo qualcosa, non ci vuole un genio a capirlo. Ma se ci stanno tenendo all'oscuro di tutto è perché è un qualcosa che non ci interessa o di cui non serve renderci partecipi. >>
Gli disse Tesla.

Quella sua risposta non piacque a Xane, il quale fece un verso indisposto.

<< "Non ci interessa"? "Non serve renderci partecipi"? Siamo dentro questa situazione, Tesla! Noi abbiamo avuto a che fare con quei due demoni, non altre persone. Non eravamo semplici spettatori, eravamo direttamente coinvolti! >>
Esclamò il ragazzo dai capelli viola, con tono inferocito e sorpreso dalla risposta del suo compagno.

<< Non sei l'unico a essere confuso, a essersi fatto domande. Questo tuo comportamento, però, non ti farà ottenere nulla: dovresti sapere meglio di me che Ehra non può dirci nulla non perché non voglia, ma perché le è stato proibito da tuo padre. Lo ha detto lei stessa, no? Se vuoi risposte, devi chiederle a tuo padre. >>
Non appena Tesla gli rispose, Xane si portò una mano sulla fronte, massaggiandosi lentamente le tempie.
Rimase in silenzio per qualche istante.


<< Lo so, hai ragione... E' solo che non riesco a capire perché non vogliano renderci partecipi, nonostante ci siamo ritrovati nel mezzo della tempesta. >>
Disse dopo pochi istanti, Xane, sollevando lentamente lo sguardo verso il suo compagno dai capelli biondi.

<< Come ti senti, Michael? >>
Domandò poco dopo, voltandosi verso il suo compagno.

Mike, che fino a quel momento non aveva aperto bocca, osservò in silenzio il suo compagno con uno sguardo pensieroso per qualche secondo, posandolo poi sul letto su cui era disteso.

<< Io... Ho ancora quell'intenso mal di testa, ma a parte quello mi sento normale... >>
Gli rispose.

<< Puoi camminare, quindi? >>
Chiese di nuovo al compagno.

<< Credo... Di si? >>
Gli rispose Michael, posando di nuovo lo sguardo su di lui.

<< Molto bene. Allora seguimi, andremo da Ehra. >>
Disse Xane, incrociando le braccia davanti al petto.

<< Hai già dimenticato quello di cui abbiamo appena parlato? Non vorrai davvero andare da lei per fare di nuovo quelle domande? >>
Lo rimproverò Tesla, con un tono confuso e infastidito.

<< No. >>
Rispose Xane, sospirando.

<< Non ho intenzione di farle altre domande su questa faccenda. Devo parlarle di qualcos'altro. >>
Continuò, voltandosi verso il suo compagno.

<< Ciò non toglie che, però, prima o poi avrò le risposte che sto cercando. >>
Non appena Xane pronunciò quelle parole, la porta alle sue spalle si aprì lentamente.

Il trio si voltò rapidamente, posando i loro sguardi su chi era appena entrato nella stanza.


<< Cosa è quel muso lungo, Seryu? Sembra quasi tu abbia visto un fantasma. >>
Domandò Tesla al ragazzo, sorpreso dall'espressione preoccupata nel suo volto.

Seryu si portò rapidamente una mano dietro al capo, sorridendo ai suoi compagni in un disperato tentativo di nascondere la sua preoccupazione.

<< N-Non è niente, davvero. Ho semplicemente chiesto a Ehra se potesse darmi qualche spiegazione sul perché non potesse rivelarci nulla, ma non sono riuscito a scoprire niente di nuovo... >>
Disse ai suoi compagni, nascondendo loro ciò che Ehra gli aveva appena fatto capire.



Magie Proibite.

Questo genere di Magie sono conosciute non solo in tutta Avalon, ma in tutta Gaia.
Nonostante ogni nazione possa decidere quale genere di magia considerare come "Proibita", ce ne sono tre in comune tra tutte le nazioni.


Necromanzia: la magia peggiore mai scoperta su Gaia. Questo genere di arte oscura permette di manipolare i morti, riportando in vita i corpi dei defunti.
In genere, se la rianimazione avviene dopo circa cinque o dieci minuti, il corpo rianimato sarà privo delle memorie di quando era in vita.

Il Necromante può, in questi caso, decidere persino di dare al corpo rianimato memorie fasulle.
Nella maggior parte dei casi, però, i corpi rianimati altro non sono che mostri privi di ragione e memorie, guidati solo da un istinto animale o dagli ordini dei necromanti.

Questo genere di magia è severamente vietata in tutte le quattro nazioni, e chiunque venga scoperto a farne uso viene rapidamente arrestato.


Magie Spazio-Tempo: Le magie che alterano lo spazio-tempo sono severamente proibite. 
In questa categoria ricadono tecniche come le magie di Teletrasporto, usate dalla gran parte dei demoni, di Alterazione dell'aspetto fisico, anch'esse usate da demoni quali Succubi e Incubi e magie che alterano in qualsiasi modo il normale corso del tempo.

Nonostante quest'ultima categoria sia molto più rara, ci sono stati casi di magie in grado di alterare il normale corso del tempo, creando anomalie all'interno delle quali il tempo scorreva più lentamente o più rapidamente rispetto alla norma.

Un esempio di magie di questo tipo sono quelle in grado di alterare l'età di qualcuno.


Alchimia: Magie che permettono di alterare gli aspetti fisici dei materiali, cambiando persino le loro strutture chimiche.

Nonostante l'Alchimia fosse ampiamente conosciuta e usata in tutte le nazioni di Gaia, il suo utilizzo è ormai permesso solamente sotto stretta sorveglianza.
Infatti, l'Alchimia è entrata a far parte delle magie proibite quando è stata scoperta la Pietra Filosofale, circa otto anni fa.

Alla base dell'Alchimia vi è una semplice, ma efficace, regola: lo scambio equivalente.
Questa regola afferma che "Non è possibile creare qualcosa dal nulla. Per ottenere qualcosa bisogna sacrificare qualcos'altro di egual valore."

Fino alla scoperta della Pietra Filosofale, infatti, questa infrangibile regola rendeva l'Alchimia una magia come le altre.
Ma con la scoperta della Pietra Filosofale, l'Alchimia è rapidamente caduta in uno stato precario, venendo poi ben presto considerata una magia proibita.

Le Pietre Filosofali sono speciali reliquie che permettono agli alchimisti di infrangere la regola dello scambio equivalente.
Grazie a queste reliquie, infatti, gli Alchimisti potevano creare denaro, averi... Potevano creare tutto dal nulla.

Questa, però, non era altro che la punta dell'iceberg.

Le Pietre Filosofali non si potevano trovare in natura.
Potevano solo essere create artificialmente.... 

Queste Pietre altro non erano che cristalli impregnati energia, un enorme quantitativo di energia.
Generare abbastanza energia con metodi comuni, però, era impossibile: servivano fonti meno ortodosse per ottenere quella energia, e il metodo più facile era davanti ai loro stessi occhi.

Le persone.

Quando le autorità scoprirono come le Pietre Filosofali venivano create, rapidamente capirono i motivi che si celavano alle spalle delle centinaia di omicidi e rapimenti avvenuti negli anni precedenti.

Ben presto l'Alchimia venne, quindi, considerata come una magia proibita e bandita da tutte le nazioni, nonostante il suo uso sia tutt'ora permesso sotto stretta sorveglianza.



Nonostante Seryu non sapesse quale magia proibita fosse stata usata su Jessica, sapeva perfettamente fosse una di quelle tre.



<< Ah, non preoccuparti. >>
Gli disse Xane, facendo un cenno negativo con il capo.

<< Ehra non ti avrebbe mai dato alcuna risposta. Dopotutto, molto probabilmente mio padre le ha ordinato di star zitta. >>
Continuò.

Seryu gli sorrise, continuando a nascondere la sua preoccupazione.

<< Ho... Sentito che volevi andare a parlarle, come sono entrato... Cosa vorresti chiederle? >>
Domandò subito dopo al ragazzo dai capelli viola, incuriosito da ciò che aveva sentito pochi istanti prima.

<< Piuttosto ovvio, in realtà. >>
Gli rispose Xane, indicando il ragazzo disteso nel letto alle sue spalle.

<< Michael è in una brutta situazione. Hai visto il suo occhio, no? Qualunque cosa stia accadendo, è sicuramente un effetto collaterale con cui non vogliamo avere a che fare. Ehra deve darci una mano per questo, non può tirarsi indietro. 

In primis, perché è stata anche colpa sua. Ha lasciato che quei demoni entrassero nell'istituto e non è riuscita a fermarli in tempo.
Il secondo motivo è che, con quell'occhio, Michael attirerebbe inevitabilmente l'attenzione di tutti su di lui. E non è una cosa buona. 

Oggigiorno ci sono parecchi mezzi-demoni in giro, ma sono tutti registrati.
E, anche se registrati, la gente continua a guardarli con un occhio di riguardo... Come pensate reagirebbero le persone se vedessero un mezzo-demone non registrato alla nascita, specialmente se sapessero anche fosse il figlio di Azael? >>
Non appena Xane pronunciò quelle parole, tutti i presenti abbassarono lo sguardo.


<< Come abbiamo già visto... >>
Continuò Xane, subito dopo.

<< Michael non era a conoscenza del fatto che fosse un mezzo-demone, quindi molto probabilmente non è stato registrato come tale alla nascita.
E, come tutti sappiamo, i mezzi-demoni sono "accettati" quando vengono registrati alla loro nascita. 
Mezzi-demoni non registrati, se scoperti, vengono arrestati... Nel migliore dei casi. 

In alcuni casi... Vengono eliminati. >>
Spiegò.

Non appena il ragazzo dai capelli viola pronunciò quelle parole, Michael impallidì.

<< A-Aspetta... Io non ne ero a conoscenza! Perché dovrei-?! >>
Michael non fece neanche in tempo a finire di parlare che Xane lo interruppe.

<< Rilassati. Qualcosa mi dice che fossero già a conoscenza, in qualche modo, della tua situazione. Quindi non ti uccideranno o arresteranno... >>
Disse Xane al suo compagno, voltandosi verso di lui.

Poi abbassò lo sguardo, assumendo una espressione preoccupata per qualche istante.

<< ... Probabilmente. >>
Aggiunse, quasi sottovoce.

<< P-Probabilmente?! >>
Esclamò Michael, terrorizzato da quelle parole.

In quell'istante Xane posò lo sguardo sul suo compagno, notando che fosse bianco in volto come il latte.

<< Parleremo con Ehra esattamente di questo. Se avessero voluto arrestarti, saresti già dietro delle sbarre. >>
Gli disse Xane, cercando di farlo calmare.

<< Ma possono ancora uccidermi...? >>
Domandò Michael al compagno, terrorizzato da quella rivelazione.

In quell'istante un sorriso divertito comparve nel volto di Xane.

<< Hey, guarda il lato positivo. Se ti uccideranno, non dovrai più preoccuparti. >>
Gli rispose Xane, osservando divertito la reazione spaventata del suo compagno, il quale cominciò a tremare, diventando sempre più pallido.

<< N-Non è divertente! >>
Esclamò Michael, alzandosi rapidamente in piedi dal letto su cui era seduto fino a pochi istanti prima.

Xane incominciò a ridere divertito, portandosi una mano davanti alla bocca.
Poi posò di nuovo il suo sguardo su Michael, smettendo improvvisamente di ridere.

<< Stai tranquillo, non ti uccideranno. Se fosse stato nei loro piani, l'avrebbero già fatto. Qualcosa mi dice ci sia molto che non sappiamo di tutta questa faccenda... E qualcosa mi dice che sapessero di te e dell'arrivo di quei demoni. >>
Gli disse Xane, con un tono serio e deciso.

<< E suppongo tu abbia qualcosa in mente. >>
Disse Tesla, fissando il ragazzo dai capelli viola con uno sguardo cupo.

Xane si voltò lentamente verso di lui, sorridendo.

<< Ottengo sempre ciò che voglio. >>
Gli rispose.



<< Quindi... Siamo sicuri Michael sia il figlio di Azael? >>
Domandò Seryu, dopo qualche istante di silenzio.

Il suo sguardo era stranamente cupo.
Persino Xane rimase, per una frazione di secondo, sorpreso dallo sguardo che era apparso nel volto del suo compagno.

<< Non ne siamo ancora sicuri al cento percento... Ma molto probabilmente si. Asteroth stesso ha notato somiglianze... E anche tu hai detto le loro energie fossero simili. >>
Gli confermò Xane.


In quell'istante, Seryu strinse i pugni.


<< C-Capisco... >>
Fu l'unica risposta che Seryu diede al suo compagno.


C'era qualcosa che non andava in Seryu, Xane lo capì in quel preciso istante... Però non riuscì a capire cosa fosse.

<< Comunque, Seryu... >>
Disse subito dopo al suo compagno, attirando la sua attenzione.

<< Hai detto di aver riconosciuto l'energia di Azael... Vorrei farti qualche domanda a riguardo prima di lasciare la stanza, se non ti dispiace. >>
Continuò, fissando il suo compagno con uno sguardo freddo.

<< Cosa vorresti sapere, di preciso? >>
Domandò Seryu al ragazzo dai capelli viola, incuriosito dalla sua domanda.

<< Hai detto di aver riconosciuto l'energia di Azael dentro Michael... Quando avresti incontrato Azael? >>
Non appena Xane fece quella domanda al suo compagno, il volto di Tesla impallidì rapidamente.

<< Aspetta... Ora che ci penso... >>
Balbettò Tesla, capendo dove Xane stesse cercando di arrivare.


Seryu abbassò lo sguardo, assumendo una espressione triste... Quasi depressa.

<< L'ultima volta che l'ho incontrato è stato... Circa sei anni fa. >>
Disse, sollevando poi lo sguardo verso il suo compagno.

<< E' importante? >>
Domandò subito dopo, sorpreso dalle espressioni nei loro volti.

<< Seryu... Pensa a ciò che hai appena detto e capirai perfettamente cosa mi preoccupa. >>
Gli rispose Xane, con uno sguardo cupo stampato in volto.


Seryu ci mise pochissimi secondi a realizzare il problema che si nascondeva dietro la sua affermazione: non appena lo capì spalancò occhi e bocca, senza proferire neanche parola, impallidendo.


<< Come ho detto fino a ora... >>
Borbottò Xane, portandosi una mano davanti al volto, con espressione e tono preoccupato.

<< ... Sta accadendo qualcosa, intorno a noi... Qualcosa che, però, ancora non comprendiamo... >>
Continuò, posando poi il suo sguardo sui suoi compagni, uno a uno.

Tutti i presenti in quella stanza avevano la stessa identica espressione preoccupata e sorpresa in volto.

<< Azael è morto diciassette anni fa per mano di Andromeda. Quindi... >>
Disse Seryu, incredulo, realizzando perfettamente il problema di quella situazione.

<< Uno dei due deve per forza essere un falso. Quindi, o Andromeda ha ucciso un falso, o Seryu ha incontrato un falso. >>
Continuò Xane.

<< Parlerai con Ehra di questa cosa? >>
Domandò Tesla al ragazzo dai capelli viola, con tono preoccupato da ciò che avevano appena scoperto.


Xane rimase in silenzio per qualche secondo a fissare il pavimento con uno sguardo incredulo, reggendosi il mento con una mano con fare pensieroso.

<< No... >>
Rispose al compagno, senza sollevare lo sguardo.

<< Per ora vorrei tenerla all'oscuro di questa cosa. Ho intenzione di parlarne direttamente con mio padre.... Dopotutto, anche se sapesse qualcosa a riguardo, Ehra non mi direbbe assolutamente nulla. >>
Non appena proferì quelle parole, Xane si mosse verso la porta.


<< Io e Michael andremo da Ehra, adesso. Seryu, tu rimani qui e controlla Lady Jessica. Sono ancora preoccupato per lei, non si è ancora svegliata. Se dovesse accadere qualunque cosa, corri da me per avvertirmi, intesi? >>
Ordinò al suo compagno, con uno sguardo preoccupato.

Seryu gli rispose con un cenno positivo del capo.


<< E' stano che Jessy stia ancora dormendo, specialmente dopo tutta questa discussione... >>
Borbottò Michael, mentre si dirigeva verso Xane con passo lento, reggendosi la fronte con una mano.

<< Che vuoi dire? >>
Gli domandò Xane, confuso dalla sua affermazione.

In quell'istante Michael si voltò verso la ragazza, fissandola con uno sguardo preoccupato.

<< Jessy non ha il sonno pesante... Di norma basta anche un lieve movimento o rumore per svegliarla. >>
Gli spiegò Michael.


In quel preciso istante, Mike si voltò verso Xane, notando che lo stesse fissando con occhi spalancati.


<< ... Che c'è? Ho detto qualcosa di strano? >>
Domandò al compagno, confuso dalla sua reazione.

<< Ignorerò completamente il fatto che tu abbia indirettamente detto di aver dormito con lei, Michael Jeremy Rider. >>
Rispose Xane, con tono cupo, infastidito, dando subito dopo le spalle al suo compagno e aprendo la porta della stanza.


Michael ci mise qualche istante a realizzare cosa fosse accaduto.

<< A-Aspetta! Non è quello ciò che intendevo! >>
Esclamò, diventando rapidamente rosso in voltoagitandosi, mentre seguì a ruota Xane che aveva già lasciato la stanza nel mentre.



__________________________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 3-6, alla prossima e grazie di avermi seguito!

PS: Chiedo scusa per il ritardo, ma sono stato male in questi giorni e non sono ancora del tutto guarito. Spero di riprendermi presto e di non aver fatto errori nel racconto a causa del mal di testa.
In caso, non esitate a farmeli notare e li correggerò il prima possibile.

PPS: Se non lo fate, consiglio di seguire anche il mio racconto "Arcadia". Potrebbe avere qualche collegamento con questo racconto.





 

Ritorna all'indice


Capitolo 24
*** Capitolo 3-7: Luce ***


Capitolo 3-7: Luce

 


I due ragazzi, lasciata l'infermeria, si diressero con passo lento in direzione dell'ufficio di Ehra, il quale si trovava a meno di una ventina di metri di distanza dall'infermeria.

La camminata non fu lunga, bensì silenziosa.

Per Michael seguire Xane fu un qualcosa di molto difficile e doloroso: il suo compagno, infatti, non si voltò verso di lui neanche una volta, nemmeno per parlargli.
Mike non poté fare altro che seguirlo in silenzio, conscio del fatto che ci fosse ancora una forte tensione fra loro, nonostante non sembrasse.


La coppia raggiunse ben presto l'ufficio di Ehra: fu Xane a bussare sulla porta in legno in mogano scuro che li separava dalla donna.

La risposta non tardò ad arrivare.


<< Come posso aiutarvi? >>
Domandò la donna ai due ragazzi, sorridendo, non appena entrarono nel suo ufficio.
La trovarono in piedi dietro alla sua scrivania, sorridente.

Xane notò che avesse appena appoggiato la cornetta del telefono.

<< Siamo qui perché ho ancora qualche domanda da farle, Direttrice Ehra. >>
Le rispose Xane, chiudendo lentamente la porta alle sue spalle.

<< Mi sembrava di aver detto di non poterti dare le risposte che cerchi, Xane Ravier. >>
Ripeté Ehra, fissando il ragazzo con uno sguardo triste.

<< Ho altre domande, al momento, a cui credo potrà tranquillamente rispondere. >>
Le spiegò Xane.


Sentendo le parole del ragazzo, anche se dubbiosa, Ehra si sedette di nuovo dietro alla sua scrivania, mostrando poi un grosso sorriso ai due ragazzi.

<< Ditemi pure, allora. >>
Gli rispose, invitandoli a sedersi davanti a lei.


I due ragazzi presero rapidamente due sedie, sedendosi poi davanti alla scrivania della donna.


<< Avrei qualche domanda sulla situazione di Michael
, Direttrice. >>
Disse Xane alla donna, senza perdere neanche un secondo.

Ehra perse rapidamente il suo sorriso, assumendo una espressione più triste e cupa.

<< Credo di aver capito di cosa tu voglia parlare, Xane Ravier... >>
Gli rispose la donna, abbassando lo sguardo.

<< Non vorrà, per caso, ignorare anche questo discorso, vero? >>
Domandò alla donna, dopo aver fatto un verso infastidito.

Ehra sollevò lo sguardo, assumendo una espressione seria.

<< No, assolutamente. In realtà avevo intenzione di parlare con tutti voi esattamente di questa faccenda. >>
Gli rispose.

<< Perché, allora, non l'abbiamo fatto quando eravamo tutti nella stessa stanza, Direttrice? >>
Domandò Xane alla donna, confuso dalla sua risposta.

<< Sfortunatamente, non potevo farlo... Non ancora. Dovevo informare tuo padre degli avvenimenti odierni, prima di tutto. >>
Gli rispose.

Sentendo le parole della donna, Xane evitò il suo sguardo, sbuffando.

<< Perché non sono sorpreso? >>
Disse, sottovoce.


<< Se preferite, possiamo tornare dai vostri compagni per parlarne insieme a loro. >>
Propose Ehra ai due ragazzi.

<< Non serve. Provvederò io stesso a riferire agli altri il contenuto di questa discussione. >>
La bloccò, rapidamente, Xane, facendole un cenno negativo con la mano.

Ehra fissò per qualche secondo il ragazzo dai capelli viola senza proferire parola, per poi sospirare.

<< Come preferite. >>
Rispose.


<< Partiamo con la domanda più ovvia. Cosa ne sarà di Michael, ora? >>
Chiese Xane alla donna.

<< Di norma, i mezzo-demoni non registrati dalla nascita vengono arrestati o, nel peggiore dei casi, eliminati. Accadrà anche a lui? >>
Continuò, assumendo una espressione cupa e sospettosa, incrociando le braccia davanti al petto.

<< Non serve preoccuparsi di questo. Michael Jeremy Rider non sarà né arrestato, né eliminato. Non lascerei mai che una cosa del genere possa accadere a uno dei miei studenti. >>
Gli rispose la donna, sorridendo.


< Quindi, molto probabilmente, erano già a conoscenza della sua situazione da prima di oggi, in qualche modo... Come sospettavo. >
Pensò Xane, non sorpreso dalla risposta della donna.


<< Uhm... Non ho mai sentito di questa cosa prima di oggi. Di cosa si tratta? >>
Domandò Michael alla direttrice, pallido in volto, con un tono preoccupato e debole.

<< Non mi stupisce tu non abbia mai sentito di questa pratica, dopotutto a Samir non ci sono mai stati casi di questo tipo prima d'ora. Vedi, i mezzo-demoni  non sono poi così rari ai giorni nostri. La loro percentuale negli ultimi anni è salita vertiginosamente dal due al quindici percento. Circa una persona ogni sette è un mezzo-demone o ne ha avuto uno nel loro albero genealogico. Quindi, considerando la loro presenza, sono state scritte delle leggi che potessero sia tutelarli che tenerli sotto controllo: 

La Legge n^21 - 5, ad esempio, ordina che "Ogni mezzo-demone deve essere registrato alla nascita. In caso questo non venga fatto, i militari hanno la libertà di scegliere se arrestare questo individuo e la sua famiglia, o eliminare il soggetto. "

Per quanto possa sembrare orribile, questa legge ci permette di tenere sotto controllo i mezzo-demoni registrati, ed evitare che possano esserci delle vittime in situazioni come quella di oggi.
Infatti, come ben saprete, un mezzo-demone di norma rilascia i suoi poteri quando perde il controllo.

Solitamente la causa sono forti sentimenti negativi quali "Rabbia", "Odio", "Rancore" e simili o un forte trauma.
Quando un mezzo-demone risveglia i suoi poteri, di norma perde momentaneamente il controllo di se, entrando in uno stato chiamato "Berserker".

In questa situazione, il mezzo demone attacca qualunque cosa gli capiti a tiro, inclusi amici, parenti o anche semplici passanti.
Senza contare eventuali danni alle strutture circostanti.

Se un mezzo-demone è registrato dalla nascita, però, verrà controllato ventiquattro ore al giorno, sette giorni su sette, esattamente al fine di evitare situazioni di questo tipo. >>
Non appena Ehra finì di parlare, Michael abbassò lo sguardo: strinse i pugni sulle sue ginocchia, assumendo una espressione mista tra colpa e rabbia.

<< Si, Michael. Questo è ciò che è successo anche a te... Sei entrato in "Berserker", ma fortunatamente sono stati Asteroth e Nergal ad attirare la tua attenzione. Ciononostante, non appena sono scappati, hai provato ad attaccare me... Quindi ho dovuto fermarti con le maniere forti, pur non volendo. >>
Continuò la donna, assumendo lei stessa una espressione malinconica.


<< E questo mi porta alla mia prossima domanda. Cosa ha, adesso? E' ovvio ci sia qualcosa che non va in lui, come possiamo vedere dal suo occhio. >>
Domandò Xane, senza perdere neanche un secondo.

<< Si, è così. >>
Confermò la donna, posando il suo sguardo preoccupato su Michael.

<< Ho incontrato parecchi mezzo-demoni, ma non ho mai visto una cosa del genere... Probabilmente l'interruzione forzata della sua forma da demone ha causato qualche danno, lasciando come risultato questo effetto collaterale. >>
Non appena Ehra pronunciò quelle parole, Michael si alzò rapidamente dalla sedia, fissando la donna con una espressione terrorizzata e occhi spalancati.

<< D-Danno?! Che genere di danno?! E' permanente?! >>
Esclamò, impallidendo.

<< Rilassati, non credo sia niente di permanente. >>
Gli disse Ehra, sorridendo, con un tono calmo, nel tentativo di far calmare il ragazzo.

<< Molto probabilmente il tuo occhio sarebbe tornato normale se non fossi stata obbligata a bloccare forzatamente la tua forma da demone. Quindi, suppongo, se per esempio tu dovessi lasciarti di nuovo andare, non appena ti calmeresti il tuo occhio tornerebbe come nuovo. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Non credo che questa sia una strada percorribile. Considerando ciò che è successo, lasciare che Michael rilasci di nuovo i suoi poteri da demone sarebbe una mossa stupida e pericolosa. Dobbiamo trovare un altro modo per risolvere questo problema: non possiamo lasciarlo camminare per le strade con quell'occhio, dopotutto. Non solo attirerebbe costantemente l'attenzione delle persone, magari spaventando anche la maggior parte di esse, ma alcuni potrebbero anche venire a conoscenza del fatto che sia il figlio di Azael. E credo lei sappia perfettamente dove sto cercando di arrivare. >>
Disse Xane alla donna, parlando con un tono e uno sguardo cupo.

Ehra sospirò, abbassando lo sguardo.

<< Si, comprendo cosa tu voglia dire, Xane Ravier. Dopotutto, Azael è alle spalle del massacro avvenuto durante la Notte Cremisi... Se venissero a sapere del fatto che Michael è suo figlio, alcuni familiari dei soldati caduti quella notte potrebbero... Reagire con modi poco ortodossi, per usare un eufemismo. >>
Disse la donna, confermando le preoccupazioni del ragazzo dai capelli viola.

<< Quindi... Come posso risolvere questa faccenda? >>
Domandò Michael, con tono preoccupato, guardando sia Xane che Ehra con espressioni preoccupate.

<< Sfortunatamente, nonostante io conosca moltissime magie curative, non credo di essere in grado di risolvere questo problema. >>
Gli rispose Ehra, sollevando lo sguardo e incrociandolo con quello del ragazzo.

Non appena disse quelle parole, Mike abbassò lo sguardo, assumendo una espressione depressa.

<< Però, parlando con tuo padre... >>
Aggiunse subito dopo, posando poi lo sguardo su Xane, il quale ricambiò con una espressione sorpresa.

<< ... Siamo giunti alla conclusione che Vermilion possa aiutarvi. >>
Concluse, mostrando poi un grosso sorriso ai due ragazzi.


In quell'istante, il viso di Michael sembrò illuminarsi.

<< Davvero?! >>
Esclamò, riacquistando le speranze.

<< Vermilion è davvero in grado di aiutarci, in questa situazione? >>
Domandò Xane alla donna, incredulo e dubbioso davanti a quelle parole.

<< Non sono sicura al cento percento, ma sono positiva del fatto che possa aiutarvi a risolvere questo problema. >>
Rispose Ehra, mantenendo quel suo sorriso.

Xane si portò una mano davanti alla bocca, rimanendo in silenzio per qualche secondo, pensando alle parole di Ehra.


<< Qualcosa ti preoccupa, Xane Ravier? >>
Domandò la donna al ragazzo, notando l'espressione incredula nel volto di Xane.

<< Da quanto io sappia, lo Spirito di Vermilion, Phoenix, è specializzato nelle magie curative... Come può uno Spirito in grado di curare ferite o malattie, aiutarci a risolvere questa situazione? >>
Chiese alla donna, con uno sguardo dubbioso.

<< Non sono certa possa effettivamente risolvere questa situazione, ma al momento è l'unica strada percorribile. Le mie magie curative non sono abbastanza per curare lo stato di Michael, ho già provato a farlo, dopotutto... Phoenix, invece, potrebbe esserne in grado. >>
Gli spiegò Ehra, riprendendo a sorridere.

<< Come, però? Da quanto io sappia, lei, Direttrice, dovrebbe conoscere magie curative di livello ben più alto di quelle in possesso di Vermilion.
Domandò il ragazzo alla donna, con una espressione confusa.


Ehra mostrò ai due ragazzi un sorriso ancora più grande di prima, prima di rispondere.


<< Le mie magie curative sono inferiori a quelle in possesso di Phoenix. Vermilion deve semplicemente richiamare il suo Spirito, e sarà lui a dare una mano a Michael. Fidatevi di me. >>
Gli rispose.




Gli Spiriti sono creature che sono presenti su Gaia fin da prima degli esseri umani.

Non ci sono molte informazioni a riguardo, ma queste creature sembrano essere immortali e perennemente alla ricerca di qualcosa.
Sono creature senzienti, e riescono a parlare con qualunque essere vivente, da umani ad animali.

Gli Spiriti, inoltre, possiedono incredibili doti magiche e possono legarsi ad altri esseri viventi attraverso i cosiddetti Contratti.


Tramite questi contratti, gli Spiriti mettono a disposizione del contraente la loro essenza magica, permettendo loro di usarla a loro discrezione.
I Contraenti sono coloro che stipulano il contratto con uno Spirito, il quale viene poi chiamato con il nome di "Famiglio"  non appena il Contratto viene stipulato.

Non solo la gran parte degli Spiriti hanno aspetti umanoidi, sembra che in origine fossero addirittura esseri umani.
Il modo in cui sono diventati Spiriti, però, è tutt'ora sconosciuto, insieme ai loro motivi e scopi.

Dopo la stipulazione di un contratto, sul corpo del Contraente appare un simbolo che varia in base allo Spirito.
Questo simbolo, conosciuto con il nome di "Incantesimo di Comando", permette al Contraente di evocare lo Spirito in questione in qualsiasi momento.

E' praticamente impossibile trovare esseri umani in possesso di due o più Incantesimi di Comando.
Infatti, con la stipulazione di un Contratto, lo Spirito si lega permanentemente al suo Contraente, usando l'essenza magica, o mana, di quest'ultimo come fonte di energia.

Essere in possesso di anche solo due Spiriti, quindi, consumerebbe troppo rapidamente il mana del Contraente, rischiando persino di ucciderlo come risultante.
Dopotutto, il mana altro non è che l'energia vitale di un mago: se si esaurisce troppo rapidamente, possono susseguirsi gravi problemi come l'impossibilità di usare magie per un variabile arco di tempo, perdita dei sensi o, nel peggiore dei casi, persino la morte.



____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-7, alla prossima e grazie di avermi seguito!


Consiglio, inoltre, di seguire anche la mia prima storia "Arcadia"! 
Potrebbe avere qualcosa a che fare con questo racconto, in futuro. 

 

Ritorna all'indice


Capitolo 25
*** Capitolo 3-8: Qualcosa di Speciale [1-2] ***


Capitolo 3-8: Qualcosa di Speciale [1-2]

 


Per tutto il giorno Seryu continuò a provare un forte peso nel suo petto, senza riuscire a capire bene di cosa si trattasse.

Da quando Michael e Xane lasciarono la stanza per parlare con Ehra a quando tornarono, continuò imperterrito a provare qualcosa che neanche lui riusciva a spiegare.


Rimase per tutto il tempo a pensare a cosa fosse, senza neanche prestare attenzione a Xane, il quale stava raccontando di cosa avesse appena parlato con Ehra.




Le parole che Michael gli disse non appena uscirono da quel labirinto risvegliarono in Seryu ricordi che lui stesso aveva nascosto con la forza...

"Se non fosse stato per te, non so se sarei riuscito a passare questa prova!"
"Non ho fatto niente, non mi sento davvero di meritare questa vittoria..."


Simili parole, le aveva già sentite.




<< Fratellone! >>
Era una ragazzina di appena sei anni, a quel tempo.
Sempre vivace, sorridente. Indossava un kimono, un indumento tradizionale in Mistral, usato prevalentemente durante le feste, o avvenimenti importanti.

I suoi occhi erano verde chiaro, capelli corti e castani, esattamente come quelli di Seryu.

<< Marianne! E' stato uno spettacolo fantastico! >>
Le rispose Seryu.

Marianne corse incontro al suo fratellone, abbracciandolo più forte che poteva, per poi sollevare il suo sguardo pieno di ammirazione verso di lui.

<< E' stato merito tuo, fratellone! Se non fosse stato per te, oggi nessuno sarebbe venuto a vedermi danzare... >>
Gli rispose la ragazzina.

Seryu le sorrise, accarezzandole poi gentilmente i capelli.

<< Non dire così. Ho solo fatto un po' di pubblicità: sono venuti qui a vedere te, non me. >>
Le disse.

Marianne gli rispose con un cenno negativo del capo.

<< Uh-uh! Ho visto quanto stavi lavorando, fratellone. Ogni giorno venivi a farmi visita al tempio, mi portavi da mangiare e passavi del tempo con me, poi andavi al villaggio e chiedevi a tutti di venire a vedermi! Se sono venuti a vedermi danzare, oggi, è solo merito tuo fratellone! >>
Non appena Marianne disse quelle parole, strinse ancora più forte Seryu a se.

<< Ti voglio bene, fratellone! >>
Gli disse.



<< Seryu? Hey, Seryu? >>
Disse Xane, notando che il suo compagno avesse lo sguardo perso nel vuoto.

<< Seryu! >>
Esclamò subito dopo, con un tono infastidito.

In quell'istante Seryu tornò in se, voltandosi verso il suo compagno con occhi e bocca spalancati e con una espressione sorpresa e confusa stampata in volto.

<< Non mi stavi ascoltando, vero? >>
Domandò al ragazzo, incrociando le braccia davanti al petto, fissandolo con uno sguardo irritato.

<< S-Scusami...Ero... Perso nei miei pensieri... >>
Gli rispose, Seryu, abbassando lo sguardo.

<< Va tutto bene? Mi sembri più strano del solito, nelle ultime ore. >>
Domandò Xane al ragazzo, notando ci fosse qualcosa di inusuale in lui.

<< No, non è niente, davvero. Sono solo... Ancora un po' scosso da cosa è successo oggi. >>
Gli rispose Seryu, sorridendo.

Xane rimase in silenzio per qualche istante, fissando il ragazzo con una espressione incuriosita e dubbiosa.

<< Cerca di ascoltare le persone quando ti parlano, la prossima volta. >>
Lo rimproverò, con un tono infastidito, sbuffando.

<< S-Si. Scusami tanto, Xane. Di cosa stavi parlando? >>
Gli domandò subito dopo.

<< Non hai davvero sentito niente di quello che ho detto finora? Ho appena finito di esporre ciò di cui abbiamo parlato io e Michael con Ehra! >>
Esclamò Xane, sempre più infastidito dallo strano comportamento del suo compagno.

Seryu non gli rispose.

Xane sbuffò pesantemente.

<< Ascoltami bene stavolta, perché non ho intenzione di ripetermi una seconda volta, intesi? >>
Disse al compagno, con un tono minaccioso.
Seryu gli rispose con un cenno positivo del capo.

<< In parole povere... La situazione di Michael è problematica sotto parecchi punti di vista: infatti, sembrerebbe che la sua trasformazione in mezzo-demone sia ancora parzialmente in atto. Ehra, in più, non sembrerebbe essere in grado di risolvere questo problema, ma ci ha rivelato che Vermilion dovrebbe essere in grado di farlo, quindi ci ha raccomandato di andare a Magnus. >>
Spiegò al compagno, riassumendo brevemente il contenuto della sua discussione.

<< A Magnus? Vermilion è davvero in grado di...? >>
Domandò Seryu al ragazzo dai capelli viola, sorpreso dalle sue parole.

<< Sembrerebbe che Phoenix, lo Spirito di Vermilion, sia in grado di aiutarlo. Non ne sono così convinto, ma suppongo Ehra conosca i suoi compagni meglio di quanto li conosca io. >>
Gli rispose Xane, con tono dubbioso.

<< Se può davvero aiutarlo è una grande cosa. Quando ha intenzione di partire? >>
Domandò Seryu al compagno, subito dopo.

<< Oggi stesso, tra qualche ora. La sua situazione è precaria, e vorrei, infatti, chiederti un favore proprio riguardo a questo. >>
Rispose Xane, assumendo uno sguardo più serio.

<< Che genere di favore? >>
Chiese subito dopo Seryu, cercando spiegazioni.

<< Non vi seguirò a Magnus, oggi, ma vi raggiungerò tra qualche giorno. Due, al massimo. Sarò accompagnato da Tesla, visto che per ora non può ancora alzarsi dal letto, considerando le sue condizioni. >>
La spiegazione di Xane lasciò Seryu con alcuni dubbi.

Il ragazzo posò istintivamente il suo sguardo su Jessica, la quale si era finalmente svegliata durante l'assenza di Michael e Xane.
Sembrava tranquilla mentre parlava con Michael.

<< So cosa stai pensando. >>
Disse Xane al suo compagno, con un tono cupo.

Seryu non gli rispose: abbassò lo sguardo.

<< Considerando tutto, sarebbe dovuta essere Jessica a trovarsi in una condizione peggiore di Tesla, non l'opposto. Ma suppongo sia andato tutto bene grazie all'intervento di Ehra... >>
Continuò.

Non appena Xane smise di parlare, Seryu strinse forte i pugni, ripensando alle parole che Ehra gli aveva detto poco prima.

<< Si... Lo credo anche io. >>
Rispose al suo compagno, cercando di nascondere le sue preoccupazioni.


<< Piuttosto, per quale motivo non seguirai Michael a Magnus? E quale sarebbe questo favore che vorresti chiedermi? >>
Domandò subito dopo a Xane, posando di nuovo il suo sguardo incuriosito su di lui.

<< Ho intenzione d'ispezionare la barriera innalzata da Ehra sull'istituto, più precisamente vorrei controllare l'entrata. >>
La risposta di Xane lasciò Seryu completamente senza parole.

<< Sono sicuro che, per qualche motivo, Ehra abbia personalmente indebolito la barriera, permettendo ai due demoni di entrare indisturbati all'interno dell'istituto. E io ho intenzione di capire come e perché una cosa del genere sia accaduta... >>
Continuò, esponendo le sue ragioni al compagno.

<< Riguardo al favore, è una cosa completamente diversa. Visto che io non seguirò Michael a Magnus, vorrei che fossi tu a farlo. >>
Disse a Seryu, rivelandogli finalmente il favore che voleva chiedergli.

<< Per quale motivo stai chiedendo a me una cosa del genere? >>
Gli domandò il ragazzo, sorpreso dalla sua richiesta.

<< Sono sicuro che Jessica lo seguirà non appena Michael partirà per Magnus, quindi non posso permettere che loro due vadano da soli. Non perché io non mi fidi di Michael, ma perché la sua situazione è pericolosa: 

In primis, ha un bersaglio sulla sua testa.
I demoni potrebbero attaccarlo da un momento all'altro per rapirlo, e dubito che a loro importerebbe qualcosa di Jessica. Quindi vorrei che tu la tenessi sotto controllo per proteggerla se le cose dovessero andare male.

Il secondo motivo è che, nella sua attuale situazione, potrebbe bastare una piccolissima spinta per risvegliare la bestia che dorme dentro di lui... E non voglio che Jessica gli sia intorno se e quando una cosa del genere dovesse accadere. >>
Rispose Xane, esponendo i suoi motivi.

<< "Una piccolissima spinta"? Che significa? >>
Domandò Seryu al compagno, confuso da quelle parole.

<< Di norma i mezzo-demoni rilasciano la loro energia quando perdono la calma, o dopo un forte trauma. Al momento sembrerebbe che la forma di mezzo-demone di Michael sia ancora parzialmente attiva: quindi, per quanto ne sappiamo, potrebbe bastare molto poco per innescare di nuovo la trasformazione, facendolo tornare ciò che era contro Nergal e Asteroth. E, di sicuro, non voglio che Jessica rimanga vicino a lui in una situazione del genere, senza la minima protezione. E' per questo che sto chiedendo a te questo favore: sei veloce e puoi percepire il Ki, quindi se Michael dovesse di nuovo rilasciare la sua energia potresti accorgertene in tempo e allontanarti prima che possa scatenarsi. >>
Gli rispose Xane, con un tono cupo.

<< Va bene... Farò ciò che posso. >>
Rispose Seryu al ragazzo dai capelli viola, sospirando, dopo qualche secondo di silenzio.

<< Grazie. Lo apprezzo. >>
Concluse Xane, sorridendo.




Durante il pomeriggio, tre ore più tardi, Michael lasciò Samir in compagnia di Jessica e Seryu.

Nonostante i suoi svariati tentativi, Xane non fu in grado di convincere Jessica a non partire... 
Questo, però, lo aveva già preso in considerazione, avendo chiesto precedentemente a Seryu di tenere la ragazza sotto controllo.

Quindi i tre ragazzi partirono a bordo di una carrozza, pagata da Ehra, in direzione del Porto di Salacia.




<< Ugh... Perché dobbiamo fare le ultime due miglia a piedi? >>
Domandò Michael, camminando con passo lento e debole, quasi trascinandosi nel terreno, ai suoi compagni con un tono disperato.

<< Oh andiamo, non è poi così tanto lunga come camminata. >>
Gli rispose Seryu, con tono divertito.

<< Non fare così, Mike! Hai fatto camminate ben più lunghe in passato. >>
Lo rimproverò Jessica, affiancandosi a lui.

<< Si ma... Sono stanco... Ho fame... E la mia testa continua a pulsare. >>
Le rispose Michael, reggendosi la fronte con una mano.

<< Sfortunatamente la strada per raggiungere il porto è sotto lavori, quindi la carrozza non poteva passare di li. Quindi si, volenti o nolenti dobbiamo arrivarci a pieni. Ci siamo risparmiati la camminata da Samir, però. >>
Aggiunse Seryu, cercando di sollevare il morale al compagno.

Non funzionò.


<< Mike non sta davvero bene... >>
Disse Jessica, sottovoce, con un tono preoccupato, affiancandosi a Seryu.

<< Già... E' molto meno attivo del suo solito. Prima di partire me l'ha fatto notare anche Xane. Sembrerebbe che non abbiano parlato molto, nelle ultime ore. >>
Concordò Seryu, fissando intensamente il ragazzo davanti a loro che camminava con passo debole.

<< Sono preoccupata per lui... >>
Disse Jessica, subito dopo.

<< Non preoccuparti, non serve. Sono sicuro andrà tutto bene. >>
Le disse Seryu, cercando di rasserenare la ragazza.

<< Spero tu abbia ragione... Almeno nessuno potrà vedere il suo occhio, grazie all'incantesimo illusorio che Ehra ha messo su di lui. >>
Gli rispose Jessica.

<< Già, Ehra gli ha fatto un grosso favore. Non attirerà l'attenzione di nessuno, grazie a lei. >>
Aggiunse Seryu, sorridendo.

<< Piuttosto, tu come ti senti? >>
Domandò subito dopo alla ragazza.

<< Non sento niente di strano, sto bene... >>
Gli rispose Jessica, senza mai smettere di fissare Michael.

<< Sono felice di sentirtelo dire. Dopotutto eravamo un po' tutti preoccupati non ti saresti ripresa. >>
Le disse Seryu, attirando la sua attenzione.

<< Uh? Per quale motivo? >>
Domandò al ragazzo, incuriosita dalle sue parole.

<< Michael ha detto che non era tuo solito avere un sonno pesante, quindi eravamo preoccupati ci fosse qualcosa che non andasse. Ci siamo ricreduti quando hai riaperto gli occhi, però. Xane e Michael erano davvero felici quando hanno saputo stessi bene. >>
Non appena Seryu disse quelle parole, Jessica abbassò lo sguardo, sorridendo.

Una espressione mista tra felicità e imbarazzo apparve nel suo volto.

<< Beh, Xane non era felicissimo quando è venuto a sapere che Michael aveva dormito con te. >>
Aggiunse Seryu, ridacchiando.

In quell'istante Jessica alzò lo sguardo nella sua direzione, rossa in volto.

<< N-Non è come pensi! E' successo molti anni fa, quando eravamo piccoli! Non quando-! >>
Jessica non fece neanche in tempo a finire di parlare.

<< Stai tranquilla, non mi è mai passato per la testa. >>
Le disse, interrompendola, capendo di averla messa terribilmente in imbarazzo.

Jessica abbassò lo sguardo con un broncio imbarazzato stampato in volto.

Seryu ridacchiò per qualche secondo, prima di diventare improvvisamente serio.
Fissò Jessica per qualche istante con uno sguardo pieno di rammarico, attirando rapidamente l'attenzione di Jessica.

<< Seryu? Tutto ok? >>
Domandò Jessica al compagno, il quale nel mentre aveva girato lo sguardo, evitando di guardarla in faccia.

<< Si... Non preoccuparti. La tua espressione mi ha ricordato le facce che faceva mia sorellina quando la stuzzicavo... >>
Le rispose, parlando con un tono triste.

<< Hai una sorella? >>
Domandò Jessica al compagno, sorpresa da quella rivelazione.


Seryu non le rispose subito. Fissò il terreno per qualche secondo con uno sguardo triste e occhi lucidi.


<< Avevo. >>
Non pronunciò quelle parole, Jessica impallidì di colpo.

<< Non preoccuparti... Non è colpa tu- >>
In quell'istante Seryu percepì qualcosa.

Si bloccò improvvisamente nel mezzo della strada, cominciando a guardarsi istericamente intorno, sudando e ansimando.

<< S-Seryu?! Che succede?! >>
Esclamò Jessica, sorpresa e spaventata dal comportamento del compagno, attirando anche l'attenzione di Michael.

<< Hey, che sta succedendo? >>
Domandò anche Michael, notando l'espressione che era apparsa nel volto di Seryu.


Seryu cominciò a respirare affannosamente mentre si guardava rapidamente intorno, quasi come se stesse cercando qualcosa.
Stava sudando ed era pallido in volto come il latte.

Tremava.

<< Seryu, mi stai spaventando! Che ti prende?! >>
Domandò, di nuovo, Jessica, preoccupata dal comportamento strano del compagno.

<< D-Dobbiamo muoverci a raggiungere il porto... >>
Balbettò Seryu, voltandosi verso i suoi compagni e riprendendo a camminare.

<< Cosa è successo, Seryu! Dacci una spiegazione! >>
Esclamò Michael, seguendo il suo compagno, afferrandolo per un braccio.

Seryu si fermò.
Si voltò verso di loro, fissandoli con uno sguardo terrorizzato.

<< Ho percepito due grossi Ki non troppo distanti da noi. Ci stavano seguendo. >>
Spiegò ai suoi compagni.

Jessica e Michael impallidirono non appena sentirono quelle parole.
Entrambi si guardarono intorno in silenzio.

Non si sentiva alcun rumore, se non quello del vento che muoveva le foglie degli alberi intorno a loro.

<< Sei sicuro ci stessero seguendo? >>
Domandò Michael al compagno, con tono preoccupato.

<< Si. Sono abbastanza bravo a capire quando qualcuno mi segue. >>
Confermò.

<< Credi... Stessero cercando Michael? >>
Domandò Jessica a Seryu, con una espressione e voce preoccupata.

<< Non ne ho idea. Non riesco più a sentire le loro energie, adesso... Sono come sparite. Ma non credo sia una buona idea rimanere qui, all'aperto, ad aspettare che si facciano vivi. >>
Le rispose Seryu, non appena Michael lasciò andare la presa, riprendendo a camminare.
Jessica e Michael lo seguirono a ruota.

<< Erano, per caso, Nergal e Asteroth? >>
Chiese Michael al compagno.

<< No... Sono sicuro non fossero loro... >>
Gli rispose Seryu, con un tono cupo.

<< Allora siamo al sicuro... >>
Disse Jessica, rassicurata dalla risposta del compagno.


Purtroppo, però, la risposta di Seryu era tutt'altro che rincuorante.

<< Non saprei... I due Ki che ho sentito... >>
Aggiunse Seryu, con un tono cupo.


<< ... Erano molto più grandi di quelli di Nergal e Asteroth. >>
Concluse.




____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-8, grazie di avermi seguito e alla prossima, con l'ultimo capitolo del volume 3!

PS: Se già non lo fate, consiglio di seguire anche l'altra mia storia "Arcadia". 
Potrebbe avere dei collegamenti con questo racconto, in futuro.







 

Ritorna all'indice


Capitolo 26
*** Capitolo 3-9: Qualcosa di Speciale [2-2] ***


Capitolo 3-9: Qualcosa di Speciale [2-2]

 



<< Siamo finalmente arrivati a Salacia... >>
Disse Seryu, facendo un profondo sospiro di sollievo, non appena vide l'arcata in pietra chiara che faceva da benvenuto nella città.


Salacia è la città portuale più visitata e trafficata di tutta Avalon.
Da essa ci si può imbarcare per raggiungere qualunque altra nazione e, in più, a nord vi è un secondo porto sulle rive del lago Nimue, dove, secondo una leggenda, la famiglia Pendragon avrebbe ricevuto Excalibur, un'antica e leggendaria arma tramandata da padre in figlio.

Questo lago, se attraversato, risulta essere la strada più corta per raggiungere la capitale dell'impero: Magnus.



<< Siamo fuori pericolo, quindi? >>
Domandò Jessica al compagno, con tono e sguardo preoccoupato.

Seryu si voltò all'indietro, guardando per qualche istante la strada che avevano percorso a piedi, senza aprire bocca.

<< Dopo la prima volta, non ho più avvertito quelle presenze... >>
Le rispose Seryu.
Non sembrava sollevato.

<< Sei sicuro che qualcuno ci stesse seguendo? Magari era qualcun'altro... Magari non era niente di cui preoccuparsi. >>
Gli domandò Michael, confuso e sorpreso dal fatto che non fosse accaduto nulla durante quella lunga camminata verso la città portuale.

<< Sono sicuro di ciò che ho sentito! >>
Gli rispose Seryu, con un tono insolitamente innervosito.

Jessica fissò in silenzio il suo compagno, sorpresa dal quel suo comportamento stranamente più aggressivo.

<< Il Ki umano è più "morbido"... Quelli che ho avvertito erano nettamente più "duri" rispetto a quelli di comuni esseri umani, simili a quello di Asteroth, in certi versi. E' difficile spiegare a parole ciò che intendo dire... Quindi fidatevi di me. >>
Aggiunse subito dopo, cercando di dare una spiegazione ai suoi compagni riguardo ciò che aveva sentito circa mezz'ora prima.

<< Ma siamo al sicuro, giusto? Sono passati almeno trenta, se non quaranta minuti, da quando ci hai avvertito. Siamo arrivati tranquillamente in città, quindi magari non c'è niente di cui preoccuparci... No? >>
Gli domandò Jessica.

Seryu abbassò lo sguardo, sospirando.

<< Lo spero... >>
Le rispose, assumendo una espressione dubbiosa.


< Ma ho paura che non saremo così fortunati... >
Pensò subito dopo, posando ancora una volta lo sguardo sulla strada che avevano appena percorso.

< Se le mie preoccupazioni sono fondate, potremo avere a che fare con qualcuno che è in grado di nascondere il proprio Ki. Se così fosse... Localizzare la loro posizione sarebbe quasi impossibile, per me... Potrebbero essere ovunque. >
In quell'istante gli occhi di Seryu si illuminarono di un verde fluorescente, permettendogli di vedere chiaramente il Ki di ogni creatura nascosta nella foresta intorno a loro.

Fece un verso infastidito.

< Non vedo niente se non animali... Cosa è, quindi, questa sensazione? Mi sento come se qualcuno ci stesse fissando... >
Pensò, provando una strana sensazione sulla sua pelle, continuando a guardarsi intorno.


Pochi istanti dopo, Seryu si voltò di nuovo verso i suoi compagni, facendo tornare i suoi occhi alla normalità.
Jessica lo fissò in silenzio per qualche secondo con uno sguardo preoccupato.

<< C'è qualcosa che ti preoccupa, Seryu? >>
Gli domandò.

<< Non farci caso, non è niente. >>
Le rispose, cambiando poi rapidamente espressione.

<< Dovremo dirigerci il prima possibile al porto: nonostante tutto, le navi dirette a Magnus non sono poi così tante. >>
Aggiunse subito dopo, incamminandosi, facendo poi cenno ai suoi compagni di seguirlo.

<< Sei già stato qui, vero? >>
Gli domandò Michael, mentre si guardava intorno con occhi incuriositi, seguendo il ragazzo.

<< Si, questa è la seconda volta che vengo ad Avalon. La prima volta è stata tanto tempo fa, con mio padre... E' la prima volta che vedi Salacia? >>
Rispose Seryu, notando gli occhi con cui Michael si guardava intorno.

<< Già... Non è così lontana da Samir, ma è la prima volta che la visito di persona. E' molto più affollata, e gli edifici sono molti di più rispetto alla mia cittadina... >>
Confermò Michael, abbassando poi lo sguardo, guardando intensamente anche il terreno su cui stava camminando.

<< Anche la strada è completamente diversa da quella a Samir. Questa sembra più... Recente? >>
Aggiunse subito dopo.

<< No, la strada è la stessa da più di trent'anni. Ho visto alcune foto di mia madre, ed era uguale a ora. >>
Gli rispose Jessica.

Michael la guardò con uno sguardo scioccato.

<< Seriamente?! Sembra nuova di zecca! >>
Esclamò, incredulo.

<< Salacia non sarà la città più importante di Avalon, ma è sicuramente la più trafficata. E' costantemente ristrutturata e pulita da cima a fondo: dopotutto è la prima cosa che vedono i visitatori. Le prime impressioni sono le più importanti, dopotutto, quando si visita un posto nuovo. In più i soldi sicuramente non mancano, considerando che ci sono due porti, tanti sbarchi e altrettante taverne e negozi. >>
Spiegò Seryu, continuando a guidare i suoi compagni in mezzo all'incredibile numero di persone e strade.



<< Mi dispiace, ragazzi. L'ultima nave per Magnus è salpata poco fa. >>
Fu la risposta che il marinaio diede al trio.

<< Ma dai! Seriamente?! >>
Esclamò Michael, incredulo.

<< Quando partirà la prossima? >>
Chiese di nuovo, Seryu, all'uomo.

<< Domani mattina alle sei del mattino. Poi ne partirà una ogni quattro ore, fino all'ultima, alle sei del pomeriggio. >>
Rispose il marinaio.

<< Non sono ancora le sei del pomeriggio, però. Non dovrebbe partire un'altra nave, oggi? >>
Domandò subito dopo Jessica all'uomo.

<< No, spiacente. E' stato avvistato un demone alato nei pressi del lago, e ci sono alcuni squadroni di ammaza-demoni in circolazione. Siamo stati avvertiti di non far salpare altre navi per oggi, per evitare qualsiasi coinvolgimento. >>
Non appena l'uomo pronunciò quelle parole, Seryu impallidì di colpo.

Sollevò lentamente lo sguardo verso il cielo, senza proferire parola.

< Possibile che... >
Pensò, inorridito da ciò che gli era appena passato per la testa.

<< Sa, per caso, di che demone si tratta? >>
Domandò Jessica all'uomo, notando il comportamento di Seryu.

<< Ci è stato detto sia un Classe B. Qualcosa del genere è rara da queste parti, abbiamo poche persone in grado di combattere demoni di quel livello. >>
Le rispose l'uomo.

In quell'istante Seryu abbassò lo sguardo, tirando un sospiro di sollievo.

<< Sa, per caso, dove possiamo passare la notte? Tornare a casa non è una opzione, quindi siamo obbligati a trascorrere la notte qui. >>
Domandò all'uomo.

Il marinaio si grattò il mento con una mano, pensando in silenzio per qualche secondo.

<< C'è una taverna piuttosto economica da queste parti: si chiama "Haile's Inn". Ha una grossa insegna in legno chiaro, non potete non vederla. Si trova nella strada principale. >>
Disse l'uomo, indicando poi al gruppo la direzione da prendere.


Dopo averlo ringraziato, il trio si incamminò nella direzione indicata dal marinaio, ritrovandosi ben presto nel mezzo della grossa strada principale che l'uomo aveva nominato poco prima.

Era una gigantesca strada in pietra scura. Vi erano tantissime aiuole colorate, una miriade di bancarelle che vendevano qualsiasi genere di articolo e tantissimi negozi, taverne e ristoranti che facevano da perimetro alla strada.


<< Tre biglietti per la nave costano sessanta monete d'oro... In totale ne abbiamo appena cento. >>
Disse Seryu ai suoi compagni, guardandosi perennemente in torno alla ricerca del posto indicato da quel marinaio.

<< Questo posto è davvero caro... >>
Mormorò Michael, scioccato da quei prezzi.

<< Siamo a Salacia, dopotutto: ogni cosa qui costa di più. Ci restano appena quaranta monete d'oro per affittare un posto dove passare la notte, spero sinceramente ci bastino, anche se ho qualche dubbio a riguardo... >>
Gli rispose Seryu, con tono preoccupato.

<< Argh! Se solo non fosse apparso quel maledetto demone di Classe B, non avremmo dovuto spendere così tanto, che sfortuna! >>
Esclamò Michael, grattandosi i capelli.

Seryu si voltò verso il suo compagno con una espressione preoccupata in volto.

<< Rilassati, non serve arrabbiarsi per questo. Troveremo qualcosa. >>
Gli disse, cercando di farlo calmare.

Michael sbuffò.

<< Si ma è solo un demone di Classe B. Mi chiedo perché abbiano dovuto mobilitare dei gruppi di ammazza-demoni per liberarsene... >>
Aggiunse Jessica, confusa da ciò che quel marinaio aveva detto.

<< Già, sono sorpreso anche io. Un Classe B è un demone di medio livello, non dovrebbe quindi essere necessario l'intervento di ammazza-demoni per liberarsene. >>
Concordò Seryu.

<< Ho visto lo sguardo che avevi in volto quando quell'uomo ha parlato di quel demone... Sei ancora preoccupato, vero? >>
Domandò poco dopo la ragazza, avvicinandosi al compagno.

<< Si. Per un attimo ho pensato fosse uno dei due che ci stesse seguendo, ma quando ha detto si trattasse di un demone di Classe B ho capito non potesse trattarsi di uno di loro... Dopotutto, i due Ki che ho sentito non potevano appartenere a un demone di quel livello, erano troppo grandi. >>
Le confermò, senza guardarla in faccia.

<< Hai paura possano attaccarci qui, in mezzo alle persone? >>
Domandò subito dopo al compagno.

Seryu non le rispose.


<< Eccoci arrivati! >>
Esclamò Michael, dopo qualche minuto di camminata, ritrovandosi davanti una grossa insegna in legno chiaro.

<< "Haile's Inn". Si, è questo il posto. >>
Confermò Seryu, avvicinandosi all'entrata.

<< Sembra piuttosto... Antiquato, rispetto alle altre taverne che abbiamo intravisto. >>
Disse Michael, guardandosi intorno, non appena entrarono all'interno della taverna.

Vi erano una decina di tavoli, quasi tutti vuoti.
Il pavimento era in legno scuro, sembrava molto vecchio, e vi era un singolo, ma enorme, lampadario in vetro appeso sul soffitto. Davanti a loro il trio notò un grosso banco in legno più chiaro con, alle sue spalle, un grosso scaffale colmo di liquori e bevande di ogni tipo.

<< Se siete qui in cerca di alcolici, allora dovrete tornare più tardi. >>
Disse una voce femminile al trio, improvvisamente, attirando la loro attenzione.
Il suo sguardo sembrava infastidito. Indossava una camicia scura e un grembiule unisex, e fissava il gruppo con fare incuriosito.
Aveva dei capelli corti di colore nero legati con un nastro e occhi scuri.

<< Siamo qui per affittare una stanza, per la notte. >>
Spiegò Seryu alla donna.

La donna fissò i tre ragazzi con una espressione incredula per qualche istante, senza proferire parola.

<< Non voglio sentire strani rumori provenire dalla vostra stanza sta notte, allora. Spero di essere stata chiara. >>
Disse la donna subito dopo, con tono minaccioso.

<< Eh?! >>
Esclamò Jessica, sorpresa e imbarazzata dalle sue parole.

<< Ho già avuto a che fare con ragazzini che facevano più rumore del dovuto mentre si "divertivano". Non mi farò problemi a cacciarvi fuori di qui a calci. >>
Le rispose la donna, mostrandole una smorfia disgustata.

<< Dobbiamo solamente aspettare la prossima nave per Magnus, nient'altro. Saremo dovuti partire oggi, ma a quanto pare la nave delle sei oggi non salperà. >>
Rispose Seryu, spiegando rapidamente la loro situazione alla donna.

<< Oh? Ho sentito di questa cosa. Quel maledetto demone sta spaventando tutti i visitatori, oggi. Quasi nessuno ha prenotato stanze: la gente non vuole restare in una zona in cui è apparso un demone, dopo ciò che è successo diciassette anni fa. >>
Disse la donna con tono infastidito, sorpresa dalle parole del ragazzo.

<< Quanto costa una stanza? La meno costosa per tre. >>
Domandò Seryu alla donna.

<< Stanza quarantasei. Cinquanta monete d'oro. >>
Gli rispose.

<< C-Cinquanta? Possiamo spenderne solo quaranta... >>
Disse Jessica alla donna.

<< Non è un problema mio, bel faccino. Una stanza singola costa venti monete d'oro. Una stanza per due viene trentacinque monete d'oro, una stanza per tre ne costa, invece, cinquanta e così via. I miei prezzi sono quelli più accessibili in tutta la Salacia. Accettate o andatevene. >>
Spiegò la donna, mostrandole una smorfia innervosita.

<< Non può venirci incontro? Se le diamo cinquanta monete d'oro non potremo salpare tutti e tre, domani. >>
Le disse Seryu, cercando di convincerla.

<< Come vi ho già detto, non è un problema mio. Avreste dovuto prendere più soldi. Se non potete pagarmi, allora quella è la porta. >>
Gli rispose la donna.



<< Non serve essere così acida, mamma. >>
Disse una voce maschile, proveniente da dietro il bancone.

<< Non intrometterti nel mio lavoro, Neptune. >>
Rispose la donna, voltandosi verso la persona che aveva appena parlato.

Era un ragazzo dai lunghi capelli castano chiaro e occhi verdi. Era alto, non molto muscoloso, indossava una camicia blue scuro e un grembiule unisex di colore grigio.

<< Li conosco, mamma. Non vorrai farmi fare una brutta figura davanti ai miei amici, vero? >>
Disse il ragazzo alla donna, avvicinandosi al gruppo.

<< Non prendermi in giro, Neptune. Non puoi mentire a tua madre. >>
Gli rispose la donna, infastidita.

<< Andiamo, non puoi fare uno strappo alle regole solo per questa volta? Non muore nessuno per dieci monete d'oro. >>
Continuò il ragazzo, cercando di convincere la madre.

La donna mostrò una espressione infastidita al figlio, per poi sbuffare e dare le spalle al gruppo.

<< Se stanotte sentirò il minimo rumore provenire dalla vostra stanza, giuro che vi sbatto fuori a calci. >>
Disse, mentre si allontanò dal gruppo.


Il trio fissò in silenzio la donna mentre si allontanava, tutti e tre sorpresi e confusi da ciò a cui avevano appena assistito, per poi posare i loro sguardi sul nuovo arrivato.

<< Non fateci troppo caso, mia madre in realtà è una persona dolcissima... Se ignorate il sale in superficie. >>
Disse il ragazzo dai capelli castani, rompendo il silenzio, sorridendo.

<< Grazie ma... Chi sei? >>
Domandò Michael al ragazzo, confuso dal suo inaspettato aiuto.

<< Il mio nome è Neptune Haile. Quella donna è Martha Haile, mia madre. Siamo i proprietari di questa taverna. >>
Gli rispose, sorridendogli.

<< Perché ci hai aiutato? Lo apprezziamo, davvero, ma non ne comprendo il motivo... Non ci siamo mai visti prima d'ora. >>
Domandò Seryu al ragazzo, anch'egli confuso dall'inaspettato aiuto da parte di uno sconosciuto.

<< Oh, io vi conosco invece. Sono uno studente dell'istituto Star, terzo anno. Ehra mi ha contattato non molto tempo fa, avvertendomi del fatto che tre dei suoi nuovi studenti sarebbero arrivati a breve. Mi ha, inoltre, chiesto di trovarvi e darvi una mano, se possibile. >>
Spiegò il ragazzo, posando poi il suo sguardo su Jessica.

<< Volevo andare a cercarvi, ma a quanto pare siete venuti voi da me per primi. Come è piccolo il mondo, eh? >>
Continuò, facendo l'occhiolino.

<< Come facevi a sapere fossimo noi? Avevi una foto o...? >>
Gli chiese Jessica.

<< No, non avevo nulla. All'inizio non sapevo foste voi. Poi, però, ho guardato lui... >>
Le rispose, indicando Michael.

<< M-Me? >>
Domandò Michael, indicandosi, sorpreso e confuso dalle parole di Neptune.

<< Vedete, sono stato allenato personalmente da Ehra, qualche anno fa. Non è stato difficile per me, quindi, vedere oltre l'incantesimo illusorio che ha messo su di te. Ha detto, inoltre, che avrei riconosciuto uno di voi tre non appena l'avrei visto, e così è stato. >>
Continuò, spiegando come li avesse riconosciuti.

<< Quindi... Tu puoi vedere... >>
Mormorò Michael, abbassando lo sguardo.

<< Il tuo occhio? Si. Ehra ha fatto davvero un ottimo lavoro, nessuno dovrebbe essere in grado di vedere oltre l'incantesimo illusorio... Beh, nessuno tranne chi sa come funziona, come me. >>
Rispose Neptune, assumendo poi una espressione seria.

<< Conosco, più o meno, tutto quello che è successo all'istituto. Affrontare quel genere di avversari... Sono sicuro che non sia stata una bella esperienza. >>
Continuò.

<< Per niente... >>
Confermò Michael, rattristandosi.

<< Ne siete usciti tutti interi, quindi potete stare sereni. Se vi servisse qualcosa, non esitate a chiamarmi: sono a vostra disposizione in ogni momento. >>
Aggiunse subito dopo, Neptune, facendo un rapido inchino.

<< Grazie mille, sei davvero gentilissimo.. Non so come ringraziarti. >>
Gli disse Jessica, mostrandogli un grosso sorriso.

<< Il tuo sorriso è il ringraziamento migliore che io possa ricevere. >>
Le rispose Neptune, facendole l'occhiolino.

Jessica divenne improvvisamente rossa in volto.
Notando la sua reazione, Neptune cominciò a ridacchiare divertito.

Smise improvvisamente di ridere non appena notò gli sguardi con cui Seryu e Michael lo stessero fissando.

<< Ops, sembra io abbia fatto innervosire i suoi cavalieri, milady. Per ora quindi taglio la corda, onde evitare di venir decapitato.  >>
Disse, dando poi le spalle al trio, allontanandosi da loro.

<< E'... Piuttosto... Teatrale? >>
Mormorò Jessica, fissando quel nuovo arrivato con uno sguardo misto a confusione e imbarazzo.

<< Si... Si lo è. >>
Concordò Michael.



Dopo essersi fatti dare le chiavi dalla madre di Neptune, il trio salì al primo piano della taverna, arrivando finalmente davanti alla stanza in cui avrebbero dovuto alloggiare.

Nonostante l'aspetto rustico dell'edificio, la stanza si rivelò ben arredata e piuttosto lussuosa: c'erano due bagni, uno per i maschi e uno per le donne, tre letti già fatti, pronti per l'uso, e una grossa porta finestra che dava su un balcone.

<< La vista da qui è spettacolare! >>
Esclamò Jessica, ammirando con occhi lucidi quella vista.

<< Potremo assistere al tramonto che si riflette nelle acque del lago, stasera! Ho sempre voluto vederlo! >>
Continuò, correndo poi verso la porta finestra.

Subito dopo si voltò verso i suoi compagni, euforica.

Il suo sorriso scomparve non appena vide l'espressione cupa nel volto di Seryu.

<< Credo di riposarmi per qualche ora. >>
Disse il ragazzo, muovendosi in direzione dei letti.

<< Uh? Sei stanco? >>
Gli domandò Michael, sorpreso dalle parole del compagno.

<< Vorrei stare di guardia, stanotte. >>
Spiegò Seryu, sedendosi su uno dei tre letti.

<< Non sei obbligato a farlo... >>
Gli disse Jessica, con tono preoccupato.

<< Forse hai ragione... Ma non voglio correre rischi. Sono abituato a passare notti in bianco, dopotutto... E' successo più volte, in passato. >>
Le rispose Seryu, con un tono e una espressione colma di rammarico.

Non appena finì di parlare, Seryu si tolse la maglietta, posandola poi su una sedia non troppo distante dal letto su cui si era seduto.

Alla sola vista del suo petto, Jessica impallidì.

<< Come ti sei fatto quelle cicatrici? >>
Chiese Michael al compagno, sorpreso dai svariati tagli nel suo petto.

Seryu sollevò lo sguardo verso il ragazzo, fissandolo con una espressione cupa.

<< Ti consiglio di farti gli affari tuoi. >>
Gli rispose, con tono innervosito, coricandosi poi nel letto, dando loro le spalle.

Non fu solo la sua risposta a lasciare i due ragazzi di stucco, ma anche la vista della sua schiena.
Infatti, esattamente come il petto, anche la sua schiena era piena di svariate cicatrici.

Nonostante la loro confusione e stupore, però, sia Michael che Jessica decisero di non fargli altre domande.




Passò qualche ora e, dopo aver assistito al tramonto, Jessica e Michael decisero di andare a letto.
Si sarebbero dovuti svegliare presto la mattina dopo, dopotutto.

"Ci conviene prendere la prima nave. Prima arriviamo, meglio è."
Furono le parole di Seryu.


Improvvisamente, Jessica si svegliò nel mezzo della notte.
La ragazza si guardò intorno, sorpresa, per poi posare lo sguardo sull'orologio nel comodino a fianco del suo letto.

< Sono le tre del mattino...? >
Pensò, sorpresa dal fatto di essersi svegliata così presto.

Improvvisamente sentì un vento gelido nella stanza.

<< Ugh... Perché c'è questo freddo? >>
Sussurrò, sedendosi sul letto e guardandosi intorno.

Istintivamente posò il suo sguardo sul letto vuoto di Seryu.

< Non ha davvero dormito fino a ora? >
Pensò, rattristandosi.

In quell'istante sentì ancora una volta una folata di vento gelido.
Jessica sollevò lo sguardo, capendo finalmente da dove provenisse quel soffio gelido.

< La porta finestra non è chiusa bene... >
Pensò, alzandosi rapidamente dal letto.


Non appena raggiunse la porta finestra si preparò a chiuderla, ma qualcuno attirò la sua attenzione.

< Seryu? >
Pensò, sorpresa da quella vista.

Notò Seryu appoggiato sulla ringhiera del balcone, intento a fissare il lago davanti a loro.
La sua espressione era triste, cupa.

Jessica uscì lentamente nel balcone, chiudendo poi la porta alle sue spalle, attirando l'attenzione del suo compagno.

<< Jessica? Che stai facendo sveglia a quest'ora? >>
Le domandò Seryu, sorpreso dalla sua presenza.

<< Sono stata svegliata da un venticello gelido... >>
Gli rispose.

Una espressione sorpresa e colpevole apparve nel volto del ragazzo.

<< Oh... Scusami, devo aver chiuso male la porta quando sono uscito... Non volevo svegliarti. >>
Si scusò, posando di nuovo il suo sguardo sul lago.

Jessica notò che stesse reggendo qualcosa con la mano sinistra, sembrava un portachiavi.

<< Sei sicuro di stare bene? >>
Domandò la ragazza.

<< Si, non preoccuparti. Torna pure dentro, c'è freddo qui fuori. >>
Le rispose Seryu.

<< Se c'è qualcosa che ti preoccupa, puoi parlarmene. Sono disposta ad aiutarti. >>
Gli disse Jessica, sorridendogli.

<< Ho detto che sto bene! >>
Esclamò Seryu, con tono infastidito.

Quelle parole non colsero Jessica di sorpresa: continuò a sorridergli.

<< Questo è esattamente un segno che urla "non sto bene", per me. >>
Gli rispose, avvicinandosi lentamente verso di lui.

Seryu evitò rapidamente lo sguardo della ragazza, assumendo una espressione amareggiata.

<< Mi... Dispiace. Non volevo urlarti contro... E' solo che... E' tutto il giorno che non riesco a calmarmi. >>
Le rispose, appoggiandosi pesantemente alla ringhiera, reggendosi il capo con una mano.

Jessica fissò intensamente il ragazzo con uno sguardo colmo di compassione e tristezza.

<< E' per questo che hai risposto male anche a Mike, prima? >>
Gli domandò.

Seryu rispose con un cenno positivo del capo.

<< Ti va di parlarmene? Credo che tenerti tutto dentro, qualunque cosa sia, non ti sta facendo altro che male. Ho notato ci fosse qualcosa che ti turbasse, oggi, fin da quando eravamo a Samir.  >>
Domandò al compagno, appoggiandosi anche lei alla ringhiera.

Seryu non le rispose subito: rimase in silenzio a fissare il vuoto davanti a lui, triste in volto.



<< Sai cosa significa essere deboli? >>
Le domandò, dopo qualche minuto di silenzio.

<< Io non sono forte come voi... Quindi... >>
Rispose Jessica.

<< Non parlo di quel genere di forza. >>
Le disse Seryu, senza voltarsi verso di lei.

<< E allora dimmi di cosa parli. >>
Ribatté Jessica.

<< Credi al karma? >>
Le domandò Seryu.

<< Io no. Non più. >>
Aggiunse, senza aspettare la sua risposta.

<< Vivevo con i miei genitori e mia sorellina in un villaggio a Mistral, anni fa. Marianne non era esattamente mia sorella... Stesso padre, ma diversa madre. Sua madre se ne andò dopo averla messa al mondo, quindi mio padre decise di portarla da noi.

Nonostante non fosse realmente sua figlia, mia madre l'accettò a braccia aperte. Dopotutto, Marianne non aveva nessuna colpa.
L'ho vista crescere, e ben presto mi affezionai a lei come se fosse veramente mia sorella. Anche Marianne si affezionò a me allo stesso modo.

Dopo meno di qualche anno, eravamo inseparabili. Adoravo averla intorno, e l'aiutavo in ogni modo per renderla felice.

Poi, un giorno, mia madre si ammalò pesantemente. Nonostante i nostri più disperati tentativi, morì dopo appena un mese, lasciando un grosso vuoto nella nostra vita... Fu solo grazie a Marianne se riuscii a superare il trauma.

Continuai a chiedermi il perché. Cosa avevamo fatto di male per meritarci quella punizione? 
Ma non era altro che l'inizio.

Anni dopo, andai con Marianne sulle rive del lago vicino al nostro villaggio. Il panorama era molto simile a questo. Lei adorava ogni cosa che aveva a che fare con l'acqua.

Mari, laghi, navi. 

Quel giorno capii perfettamente quanto io fossi debole. >>
Non appena finì di parlare, la voce di Seryu cominciò a tremare.

Strinse forte il portachiavi con una mano.

<< Cosa è successo? >>
Domandò Jessica.

<< Lo incontrai quel giorno... Segni tribali scuri sparsi nel suo corpo... Un'armatura viola. Corna ricurve verso l'indietro. Occhi terrificanti. Un mantello rosso come il sangue.

Non so perché fosse li... Non ho mai pensato al "come".
L'unica domanda che ho continuato a chiedermi fino a ora è stata "perché".

Ci attaccò e, nonostante i miei tentativi, non fui in grado di fare nulla contro Azael.
Ricordo ancora perfettamente il momento in cui lo guardai allontanarsi con mia sorella in braccio. >>
Non appena pronunciò quelle parole, Seryu cominciò a tremare.

<< Rimasi immobile nel terreno a piangere e urlare, mentre li guardavo sparire nella foresta. Potevo sentire Marianne urlare il mio nome e di aiutarla, terrorizzata e in lacrime. Non so quanto tempo passò prima che mio padre mi trovasse li, da solo. Ricoperto di profonde ferite. Disteso nel fango, sotto la pioggia. 

Dopo avergli spiegato cosa fosse accaduto, lui mi disse queste parole:

"Lo troverò e riporterò indietro Marianne. Te lo prometto." 

...

Tornò a casa a mani vuote.

Passarono mesi, poi anni.
Un giorno sentimmo voci secondo le quali Marianne fosse stata avvistata ad Avalon. Partimmo, quindi, per Avalon e chiedemmo aiuto alla famiglia Ravier per fare delle ricerche. 

Non portarono, però, a nulla, e anche stavolta tornammo a casa a mani vuote.

Mesi dopo, Azael fu avvistato di nuovo vicino al nostro villaggio, e mio padre partì con un gruppo di soldati a ispezionare la zona.
Tre giorni dopo un gruppo di pattuglia trovò i loro resti nella foresta...

Erano tutti morti. >>
Non appena Seryu finì di parlare, Jessica impallidì.

Seryu cominciò a digrignare i denti.

<< Se non fossi stato debole, quel giorno avrei salvato Marianne... Se fossi stato più forte, avrei potuto aiutare mio pare, quel giorno, e magari avrei potuto fare la differenza! >>
Disse, mentre le lacrime cominciarono a rigargli il viso.

<< Anche contro Asteroth e Nergal non ho potuto fare niente... Ero così debole, che se non fosse stato per te ora non sarei nemmeno qui! >>
Esclamò, colpendo la ringhiera davanti a se con un pugno.

<< Non sono forte, non lo sono mai stato! Cosa ho fatto di male per meritarmi questo?! Ogni volta che guardo Michael in volto, sento la rabbia ribollirmi in corpo!! Non ha colpe, eppure lo detesto con tutto me stesso da quando ho saputo sia suo figlio!

Non voglio più sentirmi così, voglio solamente liberarmi di questo peso!
Voglio poter tornare a quei momenti, voglio solamente rivederli ancora una volta! >>
Esclamò.

In quell'istante le sue gambe cedettero: si inginocchiò nel terreno, appoggiandosi alla ringhiera davanti a se, tremando.

<< Voglio... Voglio vederli ancora una volta... Voglio chiedere scusa a tutti e tre... >>
Singhiozzò, mentre le lacrime continuavano a rigargli il volto.


In quell'istante Jessica gli corse in contro, inginocchiandosi vicino a lui e abbracciandolo.

Seryu guardò la ragazza con occhi lucidi e spalancati, senza proferire parola, tremando.

<< Non è colpa tua! >>
Esclamò la ragazza.

<< Non devi incolparti per quello che è successo... Hai fatto il possibile, ne sono sicura! >>
Continuò.
Anche la sua voce stava tremando.

<< Che importanza ha?! Non sono riuscito a fare niente in ogni caso! >>
Le rispose Seryu.

Rimase completamente di stucco quando Jessica sollevò lo sguardo.
Anche lei stava piangendo.

<< Mi dispiace... Non volevo farti rivivere quei momenti... Ciò che hai vissuto è... Non ci sono parole per descrivere quanto sia terribile. Capisco la tua rabbia e tristezza, ma non puoi incolparti per ciò che è successo... Non hai colpe, hai fatto tutto quello che potevi fare. Sia quel giorno, sia contro Asteroth e Nergal. >>
Gli disse, cercando di rasserenarlo.

<< No... Se fossi stato più forte avrei fermato Azael, o avrei potuto aiutare mio padre... Potevo fare molto di più, eppure- >>
Seryu non fece neanche in tempo a finire di parlare.
Jessica lo afferrò per le spalle, strattonandolo.

<< No, smettila! Se avessi aiutato tuo padre, magari ora non saresti qui! >>
Esclamò la ragazza, in lacrime.

<< Magari sarebbe stato meglio! >>
Le rispose Seryu.

In quell'istante, Jessica gli diede uno schiaffo.

Seryu rimase immobile a fissare la ragazza con uno sguardo confuso, senza proferire parola.

<< Non permetterti mai più di dire una cosa del genere davanti a me, chiaro?! Mai più! Se tu non fossi stato qui, chissà cosa sarebbe successo contro Asteroth e Nergal! Hai fatto tutto quello che potevi, e ora sei qui. Se continui a rimpiangere il passato finirai con il distruggerti! >>
Lo rimproverò, senza smettere di piangere.

<< Che senso ha... Non ho più nulla ad aspettarmi a casa, ormai... >>
Le rispose Seryu, abbassando lo sguardo.

<< No, non è vero. >>
La rispose di Jessica lo lasciò di stucco.
Sollevò lo sguardo, sorpreso e incuriosito dalle sue parole.

<< Amici. Conoscenti. Vicini. Anche i colleghi di tuo padre. Ci sono tante persone che conosci e che sicuramente aspettano impazientemente il tuo ritorno a casa. Ci siamo anche noi: io, Mike, Tesla, Xane... Non dire che avresti preferito morire, mai... E' triste. Fai del male alle persone che tengono a te. >>
Gli disse.

In quell'istante Seryu abbassò lo sguardo, fissando intensamente il portachiavi che, fino a quel momento non aveva mai lasciato andare.

<< Cosa è quello? >>
Gli domandò Jessica, incuriosita da quanto fosse affezionato a quell'oggetto.

<< E' un regalo di Marianne... E' un semplice portachiavi a forma di timone, in ferro. Non ha alcun valore... Eppure non riesco a staccarmene. >>
Le rispose.

<< E' un bene. >>
Gli disse Jessica.

Seryu sollevò di nuovo lo sguardo, posandolo di nuovo sulla ragazza davanti a lui.

Stava sorridendo, nonostante ci fossero ancora delle lacrime nel suo viso.
Rimase completamente ammaliato da quel sorriso.

<< Non importa se non ha valore per le altre persone... Per te quell'oggetto è ciò che ha più valore al mondo. Significa che, in qualche modo, tua sorellina è ancora con te. Ed è questo quello che ha importanza. E un giorno, quando la incontrerai di nuovo, le mostrerai quel portachiavi come prima cosa. >>
Gli disse, sorridendo.

<< Non la incontrerò... >>
Rispose Seryu, evitando lo sguardo della ragazza.

Jessica posò la sua mano sulla sua, stringendo insieme a lui quel portachiavi.

<< No, vi incontrerete di nuovo. Ne sono certa, non ti ha abbandonato. E quando la troverai, dovrai presentarmela a dovere, chiaro? >>
Gli disse, senza smettere di sorridergli, dopo essersi asciugata le lacrime.

Seryu rimase in silenzio per qualche secondo, fissando intensamente la ragazza davanti a se.
Poi ricambiò il sorriso.

<< Ti ringrazio, Jessica... Dal profondo mio cuore. Sei davvero fantastica... >>
Le rispose.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 3-9 e, con esso, del volume 3! 
Alla prossima con l'inizio del volume 4!





 

Ritorna all'indice


Capitolo 27
*** Capitolo 4-1: Avanti, lentamente ***


Capitolo 4-1: Avanti, lentamente

 


Il giorno seguente i tre ragazzi, accompagnati da Neptune, si diressero al porto, pronti per imbarcarsi nella prima nave diretta a Magnus.
Con loro sorpresa, però, Neptune decise di seguirli alla capitale.

Il viaggio sarebbe durato qualche ora, ma nessuno di loro si perse neanche un secondo di quella spettacolare vista: il sole che rifletteva la sua luce sullo specchio calmo e limpido del lago era uno spettacolo che Jessica stava attendendo dal giorno prima.
La ragazza si appoggiò a delle sbarre di ferro, ammirando con occhi luccicanti quella vista per minuti che sembravano interminabili.


<< Comunque... >>
Disse Seryu a Neptune, dopo alcuni minuti.

<< ... Come mai hai deciso di partire insieme a noi? >>
Continuò, con tono incuriosito.

<< Ve l'ho detto ieri, no? Ehra mi ha informato della vostra situazione, e mi ha chiesto di tenervi sotto controllo. >>
Gli rispose rapidamente il ragazzo.

<< Credevo fosse solo per aiutarci a partire senza problemi. >>
Aggiunse Jessica, senza voltarsi verso i suoi compagni, continuando ad ammirare quella scena davanti a lei.

<< Beh... Non mi ha chiesto direttamente di accompagnarvi a Magnus, però credo fosse sottinteso. Dopotutto, in questo genere di situazione è meglio che non rimaniate per conto vostro. >>
Le spiegò Neptune.

<< A proposito... Ehra ti ha chiesto di persona di accompagnarci, giusto? Quindi do per scontato non sia una persona qualunque, ho ragione? >>
Domandò Seryu al ragazzo.
Sentendo le sue parole, Neptune gli sorrise.

In quell'istante Neptune fece un passo indietro, facendo poi un breve inchino davanti al gruppo.

<< Permettetemi di presentarmi a dovere... >>
Disse, con fare teatrale, indicandosi con una mano.

In quell'istante una strana smorfia apparve nel volto di Michael.

<< Al momento mi ricordi fin troppo Xane... >>
Disse, sottovoce.

<< Sono Neptune Haile, studente del terzo anno all'istituto Star. Attualmente, classificato come secondo studente più abile dell'intera struttura. >>
Non appena Neptune finì di parlare, i tre ragazzi rimasero senza parole.

<< Secondo? Mi prendi in giro!? >>
Domandò Michael, scioccato.

Neptune gli sorrise.

<< Mi sembrava di aver sentito quel nome da qualche parte... >>
Borbottò Seryu, portandosi una mano davanti al mento.

<< Probabilmente hai sentito parlare di me quando hai fatto domanda per partecipare all'esame di ammissione. Dopotutto, di norma nominano due o tre degli studenti migliori dell'istituto. >>
Confermò il ragazzo.

<< Io non ho sentito parlare di te... Quando ho partecipato all'esame di ammissione, Ehra ha nominato una ragazza. >>
Disse Jessica, avvicinandosi lentamente ai suoi compagni.

<< Non riesco a ricordarmi il nome, però... >>
Continuò, cercando di ricordare il nome di quella persona.

<< Forse ha parlato di  Annie Vogel? >>
Domandò Neptune alla ragazza.

<< Si, esatto! Ha nominato lei! >>
Confermò Jessica.

<< Non mi sorprende, Annie è terza classificata nell'istituto. Di norma quando qualcuno fa richiesta per partecipare all'esame di ammissione fanno i nomi di alcuni degli studenti migliori, usandoli come esempio per far capire ai novizi dove a che livello si può arrivare alla fine degli studi. >>
Aggiunse Neptune, spiegandole i motivi di quella usanza.

<< Quale è la tua abilità? >>
Domandò Seryu al ragazzo, incuriosito dalle sue parole.

Neptune non gli rispose: sollevò un dito.
In quel preciso istante una sfera d'acqua grande come una palla da biliardo si materializzò sopra il suo indice, sospesa in aria.

<< Manipolazione dell'acqua. Posso manipolare l'acqua come più mi aggrada: più acqua c'è intorno a me, più i miei incantesimi aumentano in potenza. Meno acqua c'è intorno a me, meno i miei incantesimi sono efficaci. >>
Non appena finì di parlare, chiuse il pugno, facendo esplodere la sfera fluttuante.

<< Dove eri durante l'attacco dei due demoni? Se sei davvero così forte avresti potuto darci una mano! >>
Gli domandò Michael.

Una espressione confusa apparve nel volto di Neptune, sorpreso dalla domanda del ragazzo.

<< Beh, duh. Ero a casa mia. Le lezioni non sarebbero cominciate fino alla fine degli esami di ammissione. Se fossi stato li, sarei stato il primo a correre in vostro soccorso. >>
Gli rispose, giustificandosi.

<< Uhm... Beh, ha senso. >>
Borbottò Michael.

<< Come mai Ehra ha chiesto a te? Non per screditarti, ma in una situazione del genere non sarebbe stato meglio contattare lo studente numero uno, per farci da "bodyguard"? >>
Domandò Seryu a Neptune.

<< Non hai torto... >>
Confermò il ragazzo, assumendo una espressione più seria.

<< Ma, sfortunatamente, Lancelot non è reperibile, al momento. >>
Non appena Neptune pronunciò quelle parole Michael e Seryu impallidirono.

<< Lancelot? Quel Lancelot? >>
Domandò Seryu, incredulo.

<< Non è che ci siano tante altre persone con quel titolo. E' ad Asgard, per una missione con il suo gruppo di ammaza-demoni. Quindi, poiché Ehra non ha potuto chiedere aiuto a lui, ha optato a me. In più mi trovavo in zona, due piccioni con una fava. >>
Confermò il ragazzo.

<< Sono scioccato. Non avevo idea Lancelot si trovasse nella Star. >>
Disse Seryu, ancora scioccato dalle parole di Neptune.

<< Lancelot è il titolo che viene dato agli allievi della famiglia Pendragon, giusto? >>
Domandò subito dopo al compagno.

<< Esattamente. E' stato allenato personalmente da Arthur, e tra me e lui c'è un abisso. Sareste stati sicuramente più al sicuro con lui, ma... Beh, stavo per dire che "non siete stati fortunati" ma... >>
Disse Neptune, posando poi il suo sguardo preoccupato su Michael, il quale ricambiò con una espressione confusa.

<< ... Considerando il carattere di Lancelot e il suo, beh... Odio verso i demoni... Forse è meglio che sia stato io a venir contattato, dopotutto. Non credo di dover aggiungere altro. >>
Aggiunse subito dopo.

In quell'istante anche Jessica e Seryu si voltarono vero Michael, il quale, come risposta, evitò i loro sguardi, rattristandosi.

<< Già... Considerando la sua "situazione" e ciò che ci hai detto, forse non hai tutti i torti. >>
Concordò Seryu.

<< Posso... Chiederti una cosa che mi ha sempre messo dubbi? >>
Domandò subito dopo a Neptune.

<< Certo, fai pure. >>
Rispose rapidamente il ragazzo.

<< Tutti questi... Titoli... Lancelot, Vermilion... Non sono i loro veri nomi, giusto? >>
Gli chiese.

Una espressione sorpresa apparve nel volto di Neptune.

<< Oh! No, ovviamente. Non sono i loro veri nomi. Ogni "titolo" viene dato a figure importanti. Di norma questo titolo lo scelgono loro, e in ambito militare quel titolo è come vengono chiamati, nove volte su dieci. E' un po' come... Immagina di essere davanti a un tuo superiore. Non lo chiami con il suo nome, ma usi il suo rango militare. E' più o meno la stessa cosa. >>
Spiegò Neptune, rapidamente.

<< Conosci i loro veri nomi? >>
Domandò Michael, subito dopo.
Sentendo le sue parole, Seryu si voltò verso di lui, fissandolo con uno sguardo di rimprovero.

<< Che c'è? Sono solo curioso... >>
Si scusò il ragazzo, grattandosi il capo, abbassando lo sguardo.

<< E' ok, non preoccuparti. Non è poi nulla di segreto, dopotutto. >>
Gli rispose Neptune, sorridendo.

In quell'istante si portò una mano nella tasca, estraendo uno strano oggetto metallico a forma rettangolare di colore nero, con uno schermo azzurro chiaro.
Dopo aver premuto un pulsante, lo schermo si illuminò.

<< Ok... Dammi un secondo... Devo andare qui, poi qui... >>
Borbottò Neptune, cliccando rapidamente sullo schermo.

<< Viene da Savia, giusto? >>
Domandò Jessica, incuriosita da quell'oggetto.

<< Oh, si. Savia è la nazione più avanti tecnologicamente, dopotutto. E' un regalo che ho ricevuto da Annie per il nostro secondo anniversario. >>
Confermò il ragazzo, passando poi l'oggetto a Michael.

<< Ecco. Qui puoi leggere le informazioni di Andromeda, per esempio. >>
Aggiunse subito dopo.




Nome: Andrew Medals
Età: 39
Data di nascita: 21-08
Altezza: 177 cm
Peso: 73,6 Kg
Sesso: M
Capelli: Azzurri, lunghi
Occhi: Castani
Segni particolari: Una grossa cicatrice sull'occhio sinistro.
Titolo Corrente: Andromeda 
Gruppo sanguigno: 0

"


<< "Andrew Medals"? >>
Domandò Michael.

<< Da quanto so, ha scelto il suo titolo lui stesso, unendo il suo nome e cognome in una sola parola. >>
Spiegò Neptune, rapidamente.

<< E di Vermilion, invece? Ci sono dati? >>
Chiese Michael.

Neptune rispose con un cenno negativo del capo.

<< Purtroppo no, non ancora... Vermilion è relativamente nuova tra le Quattro Galassie, le sue informazioni generali non sono ancora state aggiunte. Ciononostante ho avuto il piacere d'incontrarla, qualche mese fa, quindi posso tranquillamente portarvi da lei. >>
Spiegò, riprendendo subito dopo l'oggetto che aveva prestato ai suoi compagni.


<< Beh... E' stato bello poterti conoscere un po' meglio, Neptune. >>
Disse Seryu, poco dopo, sorridendo al suo nuovo compagno.

<< Il piacere è tutto mio. >>
Gli rispose Neptune, facendogli l'occhiolino.

<< Se volete sapere altro di me, o qualunque altra cosa, non fatevi problemi a farmi domande. Sono a vostra disposizione, nessuna seccatura. >>
Aggiunse subito dopo, voltandosi verso Michael e Jessica.

<< Mi piacerebbe, ma credo che per ora tornerò nelle nostre stanze. Vorrei riposarmi per un po'. >>
Rispose Seryu, mostrando un sorriso stanco ai suoi compagni.

<< Uh? Non hai dormito bene stanotte? Erano i letti il problema? >>
Domandò Neptune al ragazzo, con tono sorpreso e preoccupato.

<< No, assolutamente... Sono rimasto sveglio per tutta la notte a fare la guardia perché avevo avvertito alcune presenze, prima di arrivare a Salacia. E ora che ci penso avremmo potuto affittare una stanza con solo due letti, dopotutto... Oh beh, un po' tardi per tornare indietro. >>
Rispose Seryu, con tono amareggiato.

<< Mi dispiace sentirlo... Riguardo a quello, non preoccuparti. Mia madre non avrebbe mai lasciato tre persone in una stanza con due letti, specialmente sapendo che una di queste tre persone è una ragazza. >>
Gli spiegò Neptune.

Sentendo le sue parole, Seryu si sentì più sollevato.

<< Beh, sono felice di sentirtelo dire... Ora vado via, scusatemi. Ci vediamo più tardi. >>
Disse Seryu, facendo un cenno ai suoi compagni, indirizzandosi poi in direzione delle stanze all'interno della nave.



Non appena Seryu raggiunse l'entrata della sua stanza, sentì una voce femminile chiamarlo per nome.
Sentendo quella voce, Seryu si voltò rapidamente verso quella persona, riconoscendola all'istante.

<< Uh? Cosa ci fai qui, Jessica? >>
Domandò alla ragazza, sorpreso e confuso dalla sua presenza.

<< Volevo chiederti una cosa, ma sei scappato via prima che potessi farlo... >>
Rispose la ragazza, parlando con un tono triste.

<< Scusami è che... Sono un po' stanco. >>
Le disse Seryu, aprendo poi la porta della sua stanza.

<< Cosa volevi chiedermi? >>
Le chiese subito dopo, voltandosi di nuovo verso di lei.

<< Hai parlato con Mike? >>
Gli domandò, con uno sguardo preoccupato.

<< No... Non gli ho ancora chiesto scusa per la mia reazione di ieri. Non ho davvero niente contro di lui, non volevo rispondergli male. Gli chiederò scusa più tardi, te lo assicuro. >>
Le rispose, sorridendole.

Jessica ricambiò il sorriso.

<< L'hai detto, eh! Non devi tirarti indietro! >>
Esclamò subito dopo.

<< Non lo farò, te lo assicuro. >>
Le rispose Seryu.

<< Sei venuta qui solo per chiedermi questo? >>
Le domandò subito dopo, con tono divertito.

<< Si, perché? E' strano? >>
Rispose Jessica al compagno, sorpresa dalla sua domanda.

<< Forse... Un pochino. >>
Le rispose.

Jessica rimase in silenzio a fissare il suo compagno con una smorfia infastidita per qualche secondo.

<< Ok, ok, scusa... Non è strano. >>
Aggiunse Seryu, ridacchiando.

In quell'istante Jessica gli sorrise.

<< Ci vediamo dopo, allora. Riposati, ne hai bisogno. >>
Gli disse, dandogli poi le spalle e allontanandosi lentamente.


Prima che Jessica si allontanasse troppo, Seryu la chiamò per nome, attirando la sua attenzione.

<< Grazie mille per tutto. Davvero. Ti devo davvero tanto. >>
Le disse.

<< Non mi devi nulla, Seryu. >>
Gli rispose la ragazza, sorpresa dalle sue parole.

Seryu fece un cenno negativo con il capo.

<< Non mi hai aiutato solo ieri, ma anche all'istituto: se non fosse stato per quella barriera, forse adesso non sarei qui a parlare con te. >>
Le disse, sorridendole.

<< Non parlare così... >>
Lo rimproverò, Jessica, guardandolo con occhi tristi.

<< E' la verità. Ti devo molto, Jessica, e prima o poi ricambierò il tuo aiuto, te lo prometto. >>
Sentendo le parole del suo compagno, Jessica sospirò, senza però mai smettere di sorridergli.

<< Fa ciò che devi. >>
Gli rispose, facendogli poi un cenno con la mano, allontanandosi lentamente.


Pochi istanti dopo Seryu entrò nella stanza, chiudendo la porta alle sue spalle.
Sollevò lo sguardo verso il soffitto, rimanendo per qualche secondo immobile a fissare il vuoto.

Ad un tratto si toccò il petto con una mano, per poi sorridere.

<< Beh... Finalmente potrò riposarmi un pochino anche io. >>
Disse a nessuno, dirigendosi poi verso uno dei tre letti nella sua stanza...



...Ignaro, però, del fatto che non fosse solo, li dentro.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 4-1, alla prossima e grazie di avermi seguito!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 28
*** Capitolo 4-2: Tra sogno e realtà [1-2] ***


Capitolo 4-2: Tra sogno e realtà [1-2]




Seryu si mosse lentamente verso il grosso armadio in legno scuro, afferrando rapidamente un lungo asciugamano in seta bianca. 
Era molto soffice, proprio come quelli che era solito usare a casa sua.

Dopo aver chiuso l'armadio si voltò di nuovo verso il suo letto, appoggiando delicatamente l'asciugamano su di esso, per poi cominciare lentamente a disfarsi dei vestiti che aveva addosso.

Dopo essersi messo finalmente a suo agio, prese di nuovo l'asciugamano dal letto, dirigendosi poi nel bagno per una bella doccia calda.


Qualcuno, però, a sua insaputa, continuò a osservare ogni suo movimento senza che lui riuscisse anche solamente a rendersi conto di essere osservato.


Passarono dei minuti, e finalmente Seryu lasciò il bagno, con solo l'asciugamano addosso.
Per un istante si voltò di scatto verso un grosso specchio appeso sul muro, sentendosi stranamente osservato.

Rimase in silenzio per qualche istante a fissare la sua immagine riflessa nello specchio con uno sguardo confuso.
Non vide nulla di strano.

< Devo essermelo immaginato... >
Pensò, dirigendosi rapidamente verso il suo letto.

Istintivamente posò il suo sguardo sugli altri due letti della stanza.

< Neptune e Michael non sono tornati in camera... Cosa era quel rumore di prima, quindi? >
Pensò, guardandosi lentamente intorno.

In quell'istante notò che l'orologio appeso sull'entrata della stanza era fermo.
Guardò ai piedi della porta, notando un pezzo di vetro nel pavimento.

<< Si è rotto l'orologio...? >>
Si domandò, sorpreso.

Lentamente si mosse verso l'entrata, afferrando il piccolo pezzo di vetro e ispezionandolo attentamente.
Era un pezzo perfettamente triangolare, e non c'erano altri frammenti sparsi nel pavimento.

< Strano... >
Pensò, guardandosi intorno.
Poi posò di nuovo lo sguardo sul pezzo di vetro.

Seryu scosse rapidamente il capo, appoggiando il frammento di vetro sopra un mobile in legno.

<< Mi sto sicuramente immaginando le cose a causa della stanchezza... >>
Disse tra se e se, reggendosi il capo, mentre si incamminò lentamente verso il suo letto.

 Adagiò, poi, l'asciugamano sul bordo del suo letto, indossando poi rapidamente dei vestiti che gli erano molto più comodi di quella uniforme scolastica.
Subito dopo si coricò sul letto, con lo sguardo rivolto verso il soffitto.

L'ondulare della nave, il rumore delle onde e il silenzio della sua stanza lo aiutarono a rilassarsi fin quando, pochi minuti dopo, si addormentò.



Improvvisamente, però, una strana risata femminile riecheggiò nella stanza.

Sentendo quel rumore, Seryu riaprì improvvisamente gli occhi, sedendosi poi sul bordo del suo letto per poi guardarsi intorno con fare confuso.

Non vide nessuno.


<< Neptune? Michael? >>
Domandò, notando che i letti dei suoi compagni fossero vuoti.

Seryu si grattò il capo con una mano, chiedendosi se quel rumore fosse stato frutto della sua immaginazione.
Poi, però, sentì di nuovo quella risata spettrale echeggiare all'interno della stanza.

Rapidamente i suoi occhi si illuminarono di un verde fluorescente, poi cominciò a guardarsi lentamente intorno, osservando intensamente ogni angolo della stanza.

<< C'è nessuno? >>
Domandò, alzandosi lentamente in piedi.

Continuò a guardarsi costantemente intorno con uno sguardo attento e preparato, poi posò istintivamente lo sguardo sull'orologio rotto sopra l'entrata.

Con suo grande stupore, notò che l'orologio fosse intatto.


Rimase senza parole per qualche istante, osservando l'orologio ticchettare silenziosamente sopra la porta, per poi riprendere a guardarsi intorno.


<< Neptune? Se stai cercando di farmi uno scherzo, non è divertente! >>
Esclamò Seryu, muovendosi in direzione del bagno.
Aprì rapidamente la porta, ma non vide nessuno neanche li.

Seryu continuò a fissare intensamente il bagno completamente vuoto davanti a lui, non riuscendo a spiegarsi quella strana sensazione che aveva in corpo.


<< Oh... Ma questo è divertente. >>
Seryu si voltò di scatto non appena sentì quelle parole, impallidendo.

Non vide nessuno.

<< Chi c'è?! Che sta succedendo?! >>
Esclamò, confuso e spaventato da quella strana situazione.

Quella voce femminile non l'aveva immaginata.
Era come se qualcuno si fosse avvicinato al suo orecchio per poi sussurrargli quelle parole.

Non era solito per Seryu avere quella strana sensazione, ma sapeva che ci fosse qualcosa che non andasse.
Si mosse rapidamente verso l'entrata, cercando quindi di lasciare la stanza.

Nonostante i suoi tentativi, la porta sembrava bloccata.

<< Ma cos-?! Apriti! >>
Esclamò, dando un calcio alla porta.

Non si aprì.
Non subì alcun danno.

Seryu si voltò di scatto, dando le spalle all'entrata.
Si guardò intensamente intorno, ansimando.

Il suo cuore cominciò improvvisamente a battere all'impazzata, quasi come se potesse scoppiare da un momento all'altro.


Quella era, in verità, la sua paura peggiore.
Nonostante suo padre lo avesse allenato fin da piccolo a non mostrare le sue paure e preoccupazioni davanti ai suoi avversari, a vedere i pericoli intorno a lui con quella sua abilità.

Seryu imparò a sopprimere le sue preoccupazioni solo davanti al suo nemico.
Per lui, non riuscire a vedere i pericoli intorno a lui, era la paura più grande.


Seryu si guardò intorno, sudando, mentre si mosse lentamente verso il comodino al fianco del suo letto.
Aprì rapidamente un cassetto, rovistando freneticamente al suo interno.

<< Maledizione, dove diavolo sei?! >>
Esclamò, non riuscendo a trovare la chiave della porta.


<< Seryu... >>
Disse una voce femminile alle sue spalle.

In quell'istante, Seryu si bloccò di colpo.
Un brivido gli passò nella schiena.

Rimase in silenzio a fissare il vuoto per qualche secondo, sudando e prendendo rapidi e piccoli respiri.

Si voltò lentamente, riconoscendo all'istante la persona che si ritrovò davanti.

<< J-Jessica?! >>
Esclamò, incredulo.

Jessica aveva un grosso sorriso gentile in volto.

<< Cosa ci fai qui? Come sei entrata? >>
Chiese alla ragazza, continuando a guardarsi intorno.

Jessica posò dolcemente un dito sulle labbra del ragazzo, impedendogli di parlare.

<< Shh... >>
Gli disse, piegando poi leggermente la testa di lato.

In quel preciso istante Jessica lo spinse all'indietro con entrambe le mani, facendolo cadere: con suo stupore, invece di cadere nel pavimento, si ritrovò disteso sul letto.

< Cosa succede?! >
Pensò, cercando di rialzarsi, ma ben presto capì di non esserne in grado: Jessica gli era salita sopra, bloccandogli ogni suo possibile movimento.


Jessica non poteva essere così forte, Seryu ne era perfettamente cosciente.


<< Togliti di dosso! >>
Esclamò, dimenandosi.
Nonostante avesse anche rilasciato il suo Ki, Seryu non fu in grado di liberarsi dalla presa della ragazza.

In quell'istante, Jessica avvicinò lentamente il suo volto a quello del ragazzo.

<< Shh, non agitarti. So cosa vuoi. >>
Gli disse, mollando poi la presa su uno degli arti del ragazzo.

Nonostante avesse mollato la presa, però, Seryu non fu ugualmente in grado di muovere il braccio libero.

Jessica appoggiò delicatamente la mano sul suo petto, accarezzandolo lentamente.

<< Ho visto come mi guardi, Seryu. Lasciami fare... >>
Gli sussurrò, avvicinando sempre di più le sue labbra a quelle del ragazzo.


Improvvisamente, però, una forte onda d'urto scaturì dal suo corpo, la quale scagliò in distanza la ragazza, permettendo finalmente a Seryu di muoversi.

Il ragazzo si alzò di scatto dal letto, palesemente scioccato e confuso dall'accaduto, ma ancora cosciente.

<< Chi... Diavolo... Sei tu?! >>
Urlò, inferocito, con gli occhi illuminati da un verde acceso.

<< Sono io.. Jessica... Non mi riconosci? >>
Gli rispose la ragazza, singhiozzando.

<< Non sono così stupido da credere a questa bugia! Chi sei?! >>
Le rispose il ragazzo, preparandosi a uno scontro.

<< Ohh...? >>
Disse Jessica, assumendo una espressione divertita.

<< E io che volevo divertirmi un pochino... Sei davvero un guastafeste... >>
Aggiunse subito dopo, alzandosi lentamente in piedi.

In un battito di ciglia, il suo aspetto cambiò radicalmente, rivelando finalmente la sua vera identità agli occhi della sua "vittima".

Ciò che attirò l'attenzione di Seryu furono i suoi occhi da serpente di color oro e due grosse ali simili a quelle di un pipistrello.

Indossava un vestito, se così si può chiamare, a pezzo unico di colore nero, il quale copriva a malapena il seno e la zona del bacino.

<< Chi diavolo sei? Cosa vuoi da me?! >>
Domandò Seryu a quella figura.

Nonostante la sua confusione, Seryu era perfettamente cosciente del fatto che quella donna non fosse qualcuno che poteva assolutamente sottovalutare.

Non abbassò la guardia neanche per un istante: continuò a tenere la donna sotto controllo con uno sguardo rigido, pronto a qualsiasi sua reazione.


Quasi.


<< Kya! >>
Esclamò la donna, portandosi le mani sulle guance, con fare quasi imbarazzato.

<< Quel tuo sguardo è così intenso! >>
Esclamò, con un tono stranamente eccitato.

<< U-Uh? >>
Balbettò Seryu, colto di sprovvista dalla reazione della donna.

In un battito di ciglia, però, la donna alata scomparve dalla sua vista, lasciando Seryu completamente di stucco.

<< Non avresti dovuto abbassare la guardia. Eheh... >>
Sentì sussurrare alle sue spalle dalla donna.
La sua voce era calda e sensuale.

Seryu non fece in tempo a voltarsi: venne bloccato da due lunghe unghie nere affilate come rasoi puntate sul suo collo.

<< Uh-Uh, io non farei movimenti bruschi fossi in te. >>
Gli disse, canticchiando.

<< Cosa vuoi da me, si può sapere?! >>
Domandò alla donna, sudando freddo.

<< Voglio solo divertirmi un pochino, non devi preoccuparti... >>
Gli sussurrò, ridacchiando.

<< Sei uno dei Dodici Generali, ho ragione? >>
Le domandò.

La donna ridacchiò.

<< Il mio nome è Iris. Il piacere è tutto mio. >>
Rispose la donna, sottolineando con tono sensuale la parola "piacere".

Seryu deglutì.
Per qualche motivo, la sua testa era pesante, e non riusciva a vedere bene.
Sentiva caldo e sudava.

<< Stai cercando Michael? >>
Le domandò, subito dopo.

<< Forse. >>
Gli rispose, avvicinandosi lentamente al ragazzo.

In quell'istante, Seryu sentì le forme della donna premere sulla sua schiena.

<< Non è qui, e io non ho intenzione di dirti nulla... >>
Le disse, cercando di poi di colpirla con una testata.

Stranamente, però, il suo corpo non si mosse.

<< Non serve, so già dove sia... Volevo solamente divertirmi un pochino, e tu hai attirato la mia attenzione... >>
Rispose la donna.

In un battito di ciglia, Seryu se la ritrovò davanti.


Il respiro di Seryu cominciò a diventare sempre più affannoso.


<< Eheh... >>
Ridacchiò la donna, muovendo delicatamente un dito sul petto del ragazzo, facendo dei piccoli cerchi.

<< Hai attirato la mia attenzione fin da quando hai avvertito le nostre presenze nella foresta... Mi hai davvero colto di sorpresa, sai? >>
Le parole della donna lo lasciarono di stucco.

<< T-Tu... Eri una delle due figure che ci stavano seguendo, allora?! Non me lo ero immaginato! >>
Esclamò il ragazzo, incredulo.

<< Ero sorpresa quando hai avvertito la nostra energia, non me l'aspettavo per nulla... Ci siamo dovuti nascondere per non farci scoprire, è stato davvero umiliante... >>
Continuò la donna, accarezzando una guancia del ragazzo con due dita.

<< Oh, ma che peccato... Abbiamo finito il tempo... Se mi avessi lasciato fare, magari ora non dovrei cercare un altro modo per divertirmi... >>
Dopo aver proferito quelle parole, Iris avvicinò due dita davanti al volto di Seryu.

<< Tempo di svegliarsi, Ora >>
Gli disse, sorridendo.
Non appena le schioccò, Seryu si ritrovò disteso nel suo letto, quasi come se si fosse appena svegliato da un incubo.

Stava tremando, e il suo volto era pallido come il latte.
Si alzò di scatto dal suo letto, guardandosi intorno in ogni direzione.

La stanza era vuota.

L'orologio era rotto.

Era solo li dentro.

Corse rapidamente verso l'uscita, controllando la porta: non era più bloccata.

<< Cosa diavolo è appena successo? >>
Si domandò, pallido in volto.


Continuò a guardarsi intorno, disorientato, senza riuscire a capire se ciò che aveva appena visto fosse reale o meno.

Ancora ansimante, si portò una mano davanti al volto, appoggiandosi di schiena alla porta della sua stanza.

<< No... Era troppo reale per essere un semplice sogno... >>
Disse a se stesso.

Subito dopo posò il suo sguardo sugli altri due letti nella stanza:

Neptune e Michael non erano ancora tornati.



Seryu capì perfettamente che ciò che aveva vissuto non poteva essere un sogno: era reale.
Non c'era neanche un secondo da perdere: rapidamente indossò le scarpe e corse immediatamente fuori dalla stanza, dirigendosi il prima possibile verso i suoi compagni.

Doveva avvertirli di quella donna.

____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 4-2, alla prossima e grazie dell'attenzione!






 

Ritorna all'indice


Capitolo 29
*** Capitolo 4-3: Tra sogno e realtà [2-2] ***


Capitolo 4-3: Tra sogno e realtà [2-2]

 


<<  Sei sicuro non si trattasse semplicemente di un sogno? >>
Domandò Neptune al compagno, dopo aver ascoltato in silenzio il suo racconto, fissandolo con uno sguardo misto tra preoccupazione e incredulità.
C'era qualcosa, nel racconto di Seryu, a cui non riusciva a dare un senso.

<< Ne sono certo. Ciò che ho visto e provato non era assolutamente frutto della mia immaginazione. >>
Gli rispose Seryu, con tono sicuro.

Neptune fissò in silenzio il suo compagno con una espressione dubbiosa, portandosi una mano davanti alla bocca, abbassando poi lo sguardo con fare pensieroso.

Erano solamente loro, li fuori.
Jessica, infatti, era tornata nella sua stanza subito dopo aver lasciato Seryu da solo.


<< C'è qualcosa che non ti torna? >>
Chiese subito dopo a Neptune, notando lo sguardo del suo compagno.

<< Si, c'è qualcosa che non riesco a capire... Insomma, pensateci bene: quella donna, Iris, era sicuramente alla ricerca di Michael, giusto? Quindi che senso avrebbe avuto attaccare Seryu? >>

Domandò Neptune ai suoi compagni, cercando di far capire anche a loro cosa lo turbasse.

<< Ti ha detto qualcosa, per caso, che possa aiutarci a capirne il motivo? >>
Chiese subito dopo a Seryu, voltandosi verso di lui.

Seryu abbassò lo sguardo, riuscendo però a nascondere l'imbarazzo ripensando a quelle scene.

<< Ricordo abbia detto più volte che volesse "divertirsi" e che io avevo "attirato la sua attenzione. >>
Gli rispose subito dopo.

<< Magari voleva prenderlo come ostaggio per attirare la mia attenzione? >>
Domandò subito dopo Michael.


Neptune non rispose subito, rimase in silenzio a fissare il vuoto con una mano davanti alla bocca, pensando a qualcosa.
Aveva preso quella opzione in considerazione, ma l'aveva ben presto scartata.


<< Ci ho pensato anche io, ma ho rapidamente scartato questa opzione. Dopotutto, che senso avrebbe attaccare Seryu, il quale è in grado di difendersi, se a pochi metri di distanza c'era il bersaglio perfetto? Se davvero era alla ricerca di un ostaggio, avrebbe potuto tranquillamente attaccare Jessica mentre si allontanava dalla stanza di Seryu. Dopotutto, Jessica non è forte come Seryu, non sarebbe riuscita a difendersi. Sarebbe stata lei la scelta ideale per un ostaggio, attaccare qualcuno in grado di difendersi sarebbe stato pericoloso. >>
Rispose Neptune, rivelando ai suoi compagni i suoi dubbi.

Entrambi abbassarono lo sguardo, increduli e preoccupati dalle sue parole.

<< In più, ora che ci penso, c'è stato un momento in cui ha parlato al plurale... E' possibile, quindi, non sia sola. >>
Aggiunse Seryu dopo qualche secondo di silenzio, sollevando di nuovo lo sguardo verso Neptune.

<< Questo fa diminuire ancora di più le chance che fosse alla ricerca di un ostaggio. Dopotutto, se c'era qualcun altro insieme a lei, avrebbero tranquillamente potuto attaccarci direttamente. >>
Continuò Neptune.

<< Forse vogliono coglierci di sorpresa? O prenderci uno a uno? >>
Suppose Michael, con tono preoccupato.

<< Non ne ho idea, e, onestamente, non voglio scoprirlo. >>
Subito dopo aver proferito quelle parole, Neptune assunse una espressione cupa, ma decisa.

<< Dobbiamo avvertire Jessica, subito. Non possiamo lasciarla ancora da sola, muoviamoci! >>
Esclamò, correndo poi in direzione della stanza della loro compagna, seguito a ruota da Seryu e Michael.



Dopo pochi minuti, il trio raggiunse finalmente la stanza della loro compagna.
Neptune bussò tre volte in rapida successione, ancora ansimando a causa della corsa.

Passarono secondi che sembrarono interminabili, senza che nessuno rispondesse.
Nessuno dei tre disse nulla: Neptune bussò ancora una volta, stavolta più forte di prima.


<< Siamo arrivati troppo tardi? >>
Domandò Michael a Neptune, cominciando a preoccuparsi.

In quell'istante gli occhi di Seryu si illuminarono di un verde fluorescente. 

<< Non posso vedere attraverso il metallo, maledizione... >>
Aggiunse qualche secondo più tardi, con tono infastidito.

Neptune si apprestò a bussare per la terza volta, quando, improvvisamente, il pomello della porta cominciò a muoversi.
Un istante dopo tutti e tre presero un grosso sospiro di sollievo, riconoscendo la persona che aveva aperto la porta.


Jessica aveva i capelli umidi, e indossava solamente un asciugamano bianco.


<< Eh? Come mai siete qui? E' successo qualcosa? >>
Domandò al trio, sorpresa e confusa dalla loro presenza.

<< Possiamo entrare? >>
Le rispose Neptune sorridendole.


Jessica fissò per qualche istante i suoi compagni uno ad uno, capendo ben presto che ci fosse qualcosa di strano.


<< Ok, venite pure... Potete darmi, però, un minuto? Vorrei finire di prepararmi, se possibile...  >>
Dopo aver pronunciato quelle parole, Jessica aprì la porta ai suoi compagni, permettendo loro di entrare nella sua stanza.

Era speculare a quella dei ragazzi.

<< Non serve, sei molto più sexy vestita così. >>
Le disse Neptune, facendole l'occhiolino.

Jessica divenne rapidamente rossa in volto.

<< N-Non... ! >>
Esclamò, non riuscendo però neanche a finire la frase.
Subito dopo corse in bagno, chiudendosi all'interno.


Sia Seryu che Michael guardarono il loro compagno con sguardi infastiditi.

<< Potresti evitare certi commenti, in futuro? >>
Lo rimproverò Seryu, con tono innervosito.

<< Non era fatto con malizia. >>
Gli rispose Neptune, senza voltarsi.


<< Jessy si imbarazza facilmente, specialmente con persone che conosce da poco. La prossima volta non dire certe cose, anche se per scherzo. >>
Aggiunse Michael.

Neptune non si voltò verso di loro: continuò a fissare la porta del bagno in silenzio, con una espressione cupa in volto.
Quella reazione era esattamente ciò che gli serviva.


<< Mi stavo semplicemente accertando che quella fosse la vera Jessica. >>
Quelle parole colsero sia Michael che Seryu di sprovvista.

<< Le spiegheremo la situazione e mi farò perdonare. Ma volevo semplicemente accertarmi che la ragazza davanti a noi non fosse un falso. >>
Aggiunse subito dopo.



Dopo pochi minuti, Jessica uscì dal bagno, con indosso dei vestiti più leggeri rispetto all'uniforme dell'istituto Star.
Indossava una camicia rosa chiaro e dei pantaloni bianchi, mentre i suoi capelli erano legati a coda di cavallo con un nastro rosso.

Non appena incrociò lo sguardo di Neptune, Jessica gli mostrò una smorfia infastidita.


Ben presto il gruppo cominciò a parlarle dell'accaduto, spiegando la situazione anche alla loro compagna.


<< H-Ha fatto quelle cose con il mio aspetto?! >>
Esclamò improvvisamente, Jessica, sorpresa e imbarazzata da quel racconto.

<< Jessica, quello è l'ultimo dei nostri problemi, ora. >>
Le disse Neptune, cercando di farla tornare con i piedi per terra.

Jessica evitò lo sguardo di Neptune, portandosi poi le mani davanti al volto.

<< Uh, non stavi mentendo quando hai detto si imbarazzasse facilmente. >>
Disse Neptune, con tono divertito, fissando Jessica con una strana smorfia stampata nel volto.

<< Possiamo tornare sul discorso principale, per cortesia?! >>
Esclamò Seryu, infastidito da quella digressione.

<< D'accordo, d'accordo... >>
Gli rispose Neptune, con un tono quasi amareggiato.

<< Considerando l'accaduto, non credo sia saggio stare da soli, sarebbe quindi più opportuno restare tutti insieme. Anche per la notte, se possibile. Dopotutto, dovremmo arrivare a Magnus domani mattina, e lasciare Jessica da sola la notte non credo sia la scelta migliore. >>
Aggiunse subito dopo, tornando ben presto serio.

<< Potrei stare sveglio e fare la guardia, se necessario. >>
Propose Seryu.

<< Assolutamente no. >>
La risposta di Jessica fu secca e rapida.

<< Non trascorrerai un'altra notte in bianco, Seryu. Avrai dormito si e no mezz'ora, oggi. >>
Aggiunse subito dopo, fissando il suo compagno con uno sguardo deciso.

Seryu si voltò rapidamente verso la ragazza, fissandola con una espressione sorpresa.

<< Mi sembrava di averti detto di essere abituato a farlo, Jessica. >>
Le rispose, cercando di farle cambiare idea.

<< E io ho detto di no. >>
Ripeté Jessica, fissando Seryu con uno sguardo inamovibile. 

<< O-Ok. Non fa niente... >>
Le rispose Seryu, evitando rapidamente il suo sguardo.


<< Va bene, basta battibecchi. >>
Esclamò Neptune, riprendendo di nuovo il controllo della discussione e attirando l'attenzione dei presenti su di se con un rapido gesto della mano.

<< E' ovvio non possiamo dividerci, sarebbe una scelta stupida e pericolosa. Ma è altrettanto vero che qualcuno deve rimanere sveglio per fare la guardia. Quindi è il momento che io mi faccia perdonare per il torto di prima. >>
Continuò, facendo poi l'occhiolino a Jessica, la quale ricambiò con una smorfia imbarazzata.

<< Sei sicuro di volerlo fare? >>
Domandò Michael al compagno, preoccupato dalla sua decisione.

<< Se dovesse accadere qualunque cosa, vi sveglierò immediatamente. Siete in ottime mani, non preoccupatevi. >>
Gli rispose Neptune, facendogli l'occhiolino.


Per le ore successive, i quattro ragazzi rimasero insieme tutto il tempo.
Chi più chi meno, erano tutti preoccupati per quella situazione.

Neptune trascorse gran parte del tempo a rilassarsi disteso sul divano, ascoltando in silenzio i discorsi dei tre ragazzi senza però mai abbassare la guardia.
Per le prime ore, Seryu non smise mai di guardarsi intorno con i suoi occhi luminosi, ma ben presto Michael, con l'aiuto anche di Jessica, fu in grado di farlo calmare.



<< Ti vedo piuttosto spento oggi, Mike. Cosa ti turba? >>
Esclamò improvvisamente Neptune, senza alzarsi da quel divano.

Michael venne colto alla sprovvista da quelle parole.

<< Ho ancora tanto da ingoiare, al momento... >>
Gli rispose, abbassando lo sguardo.

<< Mhh? Non riesci ad accettare il fatto di essere un mezzo-demone? O che tuo padre sia un assassino? O che ci siano demoni che non solo vogliono rapirti, ma che probabilmente potrebbero anche far del male alle persone intorno a te? >>
Non appena Neptune disse quelle parole, Michael impallidì di colpo, smettendo improvvisamente di parlare.

<< Hey, dacci un taglio. >>
Lo rimproverò Seryu, con tono infastidito.

<< Non sai cosa abbiamo dovuto affrontare, non puoi parlarne con così tanta disinvoltura! >>
Aggiunse Jessica, infastidita quanto il suo compagno dalle parole di Neptune.

In quell'istante Neptune si alzò dal divano, sedendosi rapidamente sul bordo e posando uno sguardo freddo sul trio.

<< Hai ragione, non ne ho idea. Ma so cosa è accaduto, e so anche che rimanere troppo aggrappati al passato non può che essere un problema. Trasformate la vostra disavventura in esperienza, e andate avanti. Se continuate a rimuginare su cosa è accaduto, sarete così impegnati a pensare al passato che non riuscirete a focalizzarvi su ciò che deve, o potrà, accadere in futuro. Se avete dubbi, con il tempo troverete le risposte. Se avete preoccupazioni, con il tempo riuscirete a conviverci e superarle. >>
Disse, con un tono cupo.

<< Sei davvero una strana persona, Neptune. >>
Le parole di Seryu lo colsero di sorpresa.

<< Cosa vorresti dire? >>
Domandò al ragazzo, con tono incuriosito.

<< Spesso non riesco a capire quale sia il tuo vero carattere. Sai essere una brava persona, eppure ogni tanto dai come l'impressione di essere freddo, quasi cinico. >>
Gli rispose Seryu.
Quelle parole attirarono l'attenzione di Neptune.

<< Cosa te lo fa credere? >>
Gli domandò, sempre più incuriosito da quel discorso.

<< E' solo un'impressione. >>
Rispose Seryu.


Cadde uno strano silenzio per qualche secondo, durante il quale Seryu e Neptune si fissarono incessantemente l'uno negli occhi dell'altro.
Dopo qualche istante, Neptune sorrise, per poi coricarsi di nuovo nel divano.

<< Anni fa ero in un gruppo teatrale. Ero molto bravo a recitare... >>
Disse, con tono divertito.

<< Lo sei tutt'ora? >>
Gli domandò Seryu, con sospetto.

<< Chissà... >>
Da quel momento, Neptune non prese più parte a nessuna discussione.



Trascorsero delle ore, e finalmente scese il sole.
Michael, Jessica e Seryu si addormentarono nei letti liberi nella stanza di Jessica, lasciando Neptune, da solo, a fare da guardia.

Nonostante quella strana discussione, tutti li dentro si fidavano di lui.



Quando Michael riaprì gli occhi, la prima cosa che notò fu un orologio da polso sul comodino davanti a sé. 
Nonostante il buio, riuscì a vedere l'ora grazie a della luce che entrava da una finestra:

Erano le tre del mattino.
Michael si girò dall'altro lato, notando che sia Jessica che Seryu stessero ancora dormendo tranquillamente.

Sorrise, istintivamente, per poi chiudere di nuovo gli occhi.


Non fece in tempo ad addormentarsi, però: sentì, infatti, una strana vibrazione provenire dall'altro capo della stanza.


Sorpreso e incuriosito da quello strano rumore, Michael sollevò la testa dal cuscino, cercando nella stanza l'origine di quella vibrazione.

Notò una strana e forte luce provenire da un oggetto appoggiato su un mobile.

Era un cellulare.
Molto comuni a Savia e ad Asgard, molto meno conosciuti in Mistral e Avalon.
Non ne aveva mai avuto in vita sua, ma sapeva perfettamente cosa fossero.

Poco dopo vide Neptune dirigersi verso l'oggetto, rimanendo poi in piedi per qualche secondo nel mezzo della stanza con in mano il cellulare, quasi come se stesse leggendo qualcosa.


Improvvisamente, Neptune fece un verso infastidito.

<< Che seccatura. >>
Borbottò, incamminandosi poi verso la porta.


Michael rimase in silenzio a guardare Neptune mentre lasciò la stanza, portando con se quell'oggetto.
Si alzò rapidamente dal letto, incredulo, fissando la porta spalancata della loro stanza.

< P... Perché è uscito senza avvertire nessuno? >
Pensò, incredulo.

Dopotutto, Neptune non avrebbe dovuto lasciare la stanza senza: era stato proprio lui a dire quanto fosse pericoloso restare da soli.
Cosa aveva spinto, quindi, Neptune a lasciarli da soli in quella situazione?

Confuso, ma incuriosito da quella situazione, Michael si alzò dal letto, per poi il suo sguardo su Jessica e Seryu, ancora addormentati.


<< Seryu! Hey, Seryu! >>
Disse a bassa voce, scuotendo leggermente il suo compagno.

<< Che succede? >>
Gli domandò Seryu, non appena aprì gli occhi, confuso e ancora mezzo addormentato.

<< Neptune ha lasciato la stanza, voglio seguirlo per vedere dove è andato. Torno il prima possibile, assicurati non accada nulla, intesi? >>
Disse al suo compagno, con un tono basso.

<< Posso seguirlo io, se preferisci. >>
Gli propose Seryu.

Michael gli rispose con un cenno negativo del capo.

<< No. Se dovesse accadere qualcosa, io non sarei in grado di proteggere Jessica, tu si. Fammi questo favore, ok? >>
Gli rispose.

Nonostante non volesse farlo, Seryu accettò la richiesta del suo compagno, guardandolo poi in silenzio mentre lasciò la stanza, chiudendo lentamente la porta alle sue spalle.


Seryu si sedette ben presto sul bordo del suo letto, guardandosi costantemente intorno, preparato a ogni evenienza.


< Uh? Cosa è questo profumo? >
Pensò ad un tratto, sentendo uno strano odore di fiori.

Improvvisamente la sua vista cominciò a farsi sempre più pesante, talmente tanto che anche solo tenere gli occhi aperti divenne un'impresa.


< Che... Che sta succedendo? ... >
Pensò, scuotendo la testa in un disperato tentativo per non addormentarsi.

Improvvisamente cominciò a vedere appannato, per poi sentire le forze lentamente lasciare il suo corpo. Sentì anche una strana e improvvisa stanchezza pervaderlo: i suoi muscoli cominciarono lentamente a bloccarsi mentre il suo respiro cominciò a farsi sempre più lento.

< Non sono così stanco...! Che succede?! >
Pensò, non riuscendo a capire il motivo dietro quella strana sensazione.


Ad un certo punto, notò un petalo di rosa rossa sul sul letto.

<< Cosa... Diavolo...? >>
Borbottò, cominciando a barcollare.

Istintivamente posò il suo sguardo verso la porta della stanza. 
Impallidì notando ci fosse qualcuno, davanti all'entrata.

Non riuscì a vedere quella figura oscura in volto, ma riconobbe all'istante quegli occhi luminosi e quelle ali da pipistrello.

<< J-Jessica! >>
Esclamò, cercando di svegliare la ragazza che, ancora, dormiva.

<< Shhh... Non preoccuparti, andrà tutto bene. >>
Disse una voce femminile a lui familiare.

Nonostante i suoi più disperati tentativi per non addormentarsi, Seryu non fu in grado di resisterle: cadde di schiena sul letto, perdendo all'istante i sensi.

<< Sogni d'oro... Eheh... >>
L'ultima cosa che Seryu sentì fu la risatina di quella donna riecheggiare nella stanza.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 4-3, alla prossima e grazie dell'attenzione!



 

Ritorna all'indice


Capitolo 30
*** Capitolo 4-4: Non come sembra ***


Capitolo 4-4: Non come sembra 



Non appena Michael lasciò la stanza, cominciò a guardarsi intorno alla ricerca di Neptune, il quale, però, sembrava ormai svanito nel nulla.

< Dove è andato? >
Si domandò il ragazzo, guardando il lungo corridoio che si diramava sia alla sua destra che alla sua sinistra, ignaro di quale delle due direzioni il suo compagno avesse imboccato.

<< Maledizione, ho perso troppo tempo a parlare con Seryu e Neptune si è distanziato troppo... >>
Disse tra se e se, cercando qualche traccia che potesse indicargli quale strada prendere.


Il ragazzo continuò a guardarsi intorno per qualche istante e, ormai spazientito, decise di tentare la sorte svoltando a destra.

< O la va o la spacca! >
Pensò tra se e se.

Poi, però, sentì il rumore di una porta chiudersi in distanza alle sue spalle.

Non appena sentì quel suono metallico, Michael si voltò immediatamente dall'altra parte, bloccandosi prontamente sul posto.

< Quello non era il rumore della porta di una stanza... >
Pensò, riconoscendo quel rumore metallico, correndo subito verso l'origine di quel suono.

< Era il rumore della porta metallica che da sul ponte della nave! >
Pensò subito dopo.



Pochi istanti dopo, Michael raggiunse finalmente quella grossa porta in ferro, ancora aperta.
Si affacciò lentamente, arrivando all'esterno, ritrovandosi poi il ponte della nave completamente vuoto davanti a se... Se non per una sola persona, appoggiata alla ringhiera della nave.

Aveva quell'oggetto all'orecchio, sembrava stesse parlando con qualcuno, ma Michael non fu in grado di sentire cosa stesse dicendo.

Facendo attenzione a non farsi notare, il ragazzo corse dietro un muretto, affacciandosi poi lentamente per vedere cosa stesse facendo Neptune.

Si era voltato di spalle.

Neptune era appoggiato alla ringhiera della nave, sicuramente stava fissando l'oceano mentre parlava con qualcuno.
Quello era il momento giusto per agire: da quella distanza, Michael non era assolutamente in grado di sentire di cosa stesse parlando il suo compagno, quindi si mosse rapidamente, senza però fare troppo rumore, arrivando dietro un secondo muretto, finalmente abbastanza vicino per sentire di cosa stesse parlando Neptune.


Michael non poteva neanche immaginarsi cosa sarebbe accaduto da li a poco.




<< Oh ma guardati! >>
Esclamò Iris, reggendosi il viso rosso con entrambe le mani.

<< Sei così carino quando dormi! >>
Aggiunse subito dopo, fissando intensamente Seryu, privo di conoscenza e disteso sul suo letto.

<< Cosa dovrei farti...? Cosa potrei farti...?  Ahh! >>
Continuò, in preda all'euforia, saltellando sul posto come una ragazzina.

Pochi istanti dopo si fermò di colpo, fissando intensamente quel ragazzo con una strana espressione stampata in volto: sembrava quasi che avesse avuto una grande idea.

<< Oh, lo so! >>
Esclamò subito dopo, mentre la sua lunga coda nera cominciò ad agitarsi istericamente dall'eccitazione.

<< Potrei farti quello... E poi anche quello! Oh, oh! Magari anche quell'altro, è da molto che non lo faccio... No, no! No quello no. Sei troppo giovane ancora, magari tra qualche annetto... >>
Continuò, avvicinandosi poi alla sua vittima con un grosso sorriso sadico stampato in volto.

<< Buon appetito~ >>
Canticchiò.


Subito dopo, però, Iris si bloccò di colpo.
Quel suo strano sorriso scomparve rapidamente dal suo volto, sostituito ben presto da una espressione sorpresa.

Rimase a fissare in silenzio il ragazzo disteso su quel letto per qualche istante, senza muovere neanche un muscolo, con occhi e bocca spalancati dallo stupore.


<< N...No... N-Non è così che dovrebbe andare... >>
Balbettò Iris, confusa e delusa dal comportamento del ragazzo.

Seryu aveva cominciato a fare strani versi e ad avere degli spasmi involontari.

<< No! Non dovresti avere incubi... Non puoi avere incubi! >>
Esclamò la donna, con tono infastidito, fissando quel ragazzo con uno sguardo pieno di rammarico.

<< Come puoi avere incubi se sei sotto gli effetti della mia magia?! >>
Continuò, senza mai smettere di fissare quel ragazzo.

Iris rimase in silenzio per qualche istante a guardare Seryu, senza aprire più bocca, attendendo invano che gli effetti della sua magia agissero sul ragazzo.

<< Non è giusto... Hai idea di cosa significhi questa cosa per qualcuno come me? >>
Domandò subito dopo al ragazzo, senza aspettarsi ovviamente alcuna risposta, con tono amareggiato.

La coda della donna-demone, la quale fino a pochi istanti prima di agitava in preda all'eccitazione, adesso era rivolta verso il basso come quella di un cane, mentre fissava quel ragazzo con occhi lucidi.


Per una succube come Iris, quel genere di reazione era il peggiore degli insulti.


Notando che la situazione non sembrava cambiare in meglio, Iris sbuffò, schioccando poi le dita.

<< Mi hai davvero rovinato l'umore... Sai essere un guastafeste anche quando non sei sveglio, assurdo... >>
Disse subito dopo, mentre quello strano odore di rose scomparve lentamente dalla stanza.

<< N... Non capisco. Come è possibile che la mia magia abbia avuto un effetto completamente opposto a quello voluto...? >>
Si domandò, abbassando lo sguardo, parlando con un tono depresso.

<< Non sono neanche più in vena... Volevo solamente divertirmi un pochino, non avevo neanche cattive intenzioni... Eppure no, hai dovuto avvertire tutti. Quindi ora sono tutti in guardia, tutti sull'attenti... >>
Continuò, parlando tra se e se con quella voce triste.

<< Forse è per quello il motivo. Siete tutti così tesi che la mia magia è andata a farsi benedire... Dopotutto amplifica le sensazioni umane, è logico che le cose possano andare fuori controllo, se usate nel momento sbagliato... >>
Continuò, sollevando poi lentamente lo sguardo.

In quell'istante rimase a bocca aperta davanti a quella scena.

<< S... Seriamente? >>
Domandò a nessuno, incredula.

Sotto i suoi occhi, Seryu aveva cominciato a piangere nel sonno.

<< Cosa è che stai sognando, si può sapere? >>
Chiese a nessuno, muovendosi con passo rapido verso il ragazzo, toccandogli poi la fronte con due dita.




<< Si. >>
Rispose Neptune alla persona con cui stava parlando, dopo qualche secondo di silenzio, mentre Michael continuava ad ascoltare da dietro un muretto in legno, facendo attenzione a non muovere neanche un muscolo.

<< Per ora sembra tutto nella norma. >>
Riprese Neptune, dopo qualche secondo di silenzio.
In quel preciso istante il ragazzo si voltò, appoggiandosi con la schiena alla ringhiera in ferro.

Michael si nascose rapidamente dietro al muretto in legno, non appena notò Neptune voltarsi.

< C'è mancato poco...! >
Pensò il ragazzo, capendo di essere quasi stato scoperto.


<< Si, ci sono ancora... Mi è solo sembrato ci fosse qualcuno, qui fuori. >>
Disse Neptune, riprendendo la conversazione con quella persona.

<< Mi sbagliavo. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Comunque. Questo pomeriggio ho sentito la presenza di tre demoni  nell'area... Però, qualche ora fa, una di queste tre presenze è scomparsa nel nulla. >>
Quella frase lasciò Michael completamente di stucco.


Tre demoni?
Come era possibile? Non erano solamente due i demoni che li stavano seguendo?
Furono le domande che si fece Michael, non riuscendo a seguire perfettamente il loro discorso.


Neptune rimase in silenzio per qualche istante, ascoltando ciò che l'altra persona aveva da dire.

<< Oh, capisco. Quindi la presenza che è scomparsa era quella del demone di Classe A che era apparso qui intorno, giusto? >>
Non appena Neptune fece quella domanda al suo interlocutore, Michael impallidì di colpo.

< Classe A?! Non era un Classe B, il demone apparso intorno al lago?! >
Si domandò Michael, riconoscendo le incongruenze con ciò che Neptune aveva dato loro.

<< Oh, capisco. Quindi il gruppo di Gregory è nell'area. Mi chiedo, però, perché mobilitare uno dei gruppi migliori di ammazza-demoni per un semplice ricognitore. Nonostante sia un classe A, non è sicuramente un demone aggressivo ma una semplice pattuglia. >>
Subito dopo aver fatto quella domanda, Neptune fece un verso infastidito.

<< Non so neanche perché l'ho chiesto, era ovvio avrei ottenuto quel genere di risposta. >>
Disse al suo interlocutore, con tono innervosito, per poi tornare silenzioso per qualche secondo.

<< Devo intervenire se le cose si mettono male? >>
Domandò poco dopo, con un tono cupo.

<< Ricevuto. >>
Concluse.
Subito dopo aver pronunciato quelle parole, Neptune toccò lo schermo del suo cellulare, mettendoselo poi in tasca.


<< Origliare i discorsi delle altre persone non è una cosa bella da fare, Mike. >>
Disse Neptune, con tono divertito.

Non appena Michael sentì quelle parole, il suo cuore saltò un battito.
Spalancò gli occhi, sorpreso dal fatto di essere stato scoperto, per poi uscire dal suo nascondiglio mostrando una espressione colpevole al suo compagno.

<< Come sapevi fossi qui? >>
Gli domandò, evitando il suo sguardo.

Neptune gli sorrise.

<< Chiamalo sesto senso. >>
Gli rispose, grattandosi il naso.




<< Oh... >>
Disse Iris, facendo un passo all'indietro.
Il suo sguardo era triste, e fissava il ragazzo privo di sensi con occhi pieni di compassione.

In quell'istante Iris accarezzò delicatamente la fronte di Seryu.
Non disse nulla, non fece altro.

Rimase a fissare quel ragazzo, ancora momentaneamente sotto gli effetti della magia che aveva usato pochi minuti prima, soffrire all'interno di quell'incubo senza possibilità di svegliarsi.

<< Di norma quando un umano ha degli incubi, si sveglia di colpo per farli finire il prima possibile... Purtroppo, quando un umano è vittima della magia di una succube, non si sveglia per nessun motivo al mondo, per un certo arco di tempo. Quindi ora sei li, imprigionato nel tuo stesso incubo, senza la possibilità di svegliarti. >>
Disse la donna, abbassando lo sguardo, sentendosi colpevole.

<< L'unica cosa che posso fare, per lo meno, è darti un po' di sollievo fino a quando non riaprirai gli occhi. >>
Aggiunse subito dopo, toccando di nuovo la fronte di Seryu con due dita.

In quel preciso istante il ragazzo prese un profondo respiro, smettendo improvvisamente di lamentarsi e di piangere.

<< Non sarà la realtà... Ma questo dovrebbe aiutarti a stare meglio, anche se per pochi minuti. >>
Non appena disse quelle parole Iris lasciò la stanza, scomparendo nel nulla in un vortice di petali rossi.



<< Con chi stavi parlando, Neptune? >>
Domandò Michael al suo compagno, fissandolo dritto negli occhi.

Neptune ricambiò con uno sguardo cupo per qualche secondo, senza proferire parola.

<< Con la mia ragazza! Sai, è da un po' che non ci vediamo, e mi mancava sentire la sua voce nel mezzo della notte. >>
Rispose al compagno, ridacchiando.

<< Non ti crederai che io mi beva questa bugia, vero? Se fosse stato davvero così, non avresti detto "Che seccatura" prima di risponderle. >>
Disse Michael al suo compagno.

<< Ah... Quindi eri sveglio fin da allora eh? >>
Gli domandò Neptune, sorridendo.

<< Cosa sta succedendo? Con chi stavi parlando? >>
Domandò di nuovo al ragazzo, cercando delle risposte soddisfacenti alle sue domande.

Neptune non gli rispose.

<< Avevi detto che ci avresti avvertito qualunque cosa fosse successa! Hai detto che il demone apparso vicino al lago fosse un Classe B, eppure poco fa hai detto fosse un Classe A! Cosa ci stai nascondendo, Neptune? Possiamo davvero fidarci di te? >>
Gli chiese, di nuovo, dopo qualche secondo di silenzio, non ricevendo alcuna risposta.

In quell'istante Neptune diede le spalle al suo compagno, appoggiandosi alla ringhiera in ferro.

<< E' una bella vista, non trovi? >>
Domandò a Michael, guardando in lontananza.

Michael si voltò di lato, fissando anche lui l'orizzonte.


Il cielo era scuro, pulito, e una grossa luna piena, bianca, si rifletteva sulle acque calme del lago. 
Non si sentiva alcun rumore, se non quello dell'acqua che si muoveva intorno a loro.

<< Luna piena da due notti. Che importanza ha? >>
Chiese Michael a Neptune, non riuscendo a capire dove volesse arrivare.

Sentendo la risposta del compagno, Neptune cominciò a ridacchiare.

<< Cosa c'è di divertente? >>
Chiese Michael al suo compagno, infastidito dal suo comportamento.

<< Oh, niente, a dire il vero... >>
Gli rispose Neptune, voltandosi lentamente verso il suo interlocutore.

Non appena Michael incrociò lo sguardo con Neptune, impallidì di colpo.
Il suo cuore saltò un battito, e fece istintivamente un passo all'indietro, impaurito.


I suoi occhi erano diventati improvvisamente di un colore giallo acceso, quasi ipnotici e luminosi al buio, con grosse pupille nere al centro.

<< Stavo solo pensando a cosa sarebbe accaduto dopo. >>
Aggiunse subito dopo, con tono divertito.




Quando Seryu riaprì gli occhi, si ritrovò disteso sul suo letto.
Si alzò di scatto, guardandosi poi intorno. 

Non c'era nessuno: Michael e Neptune non erano nella stanza, e neanche Jessica era nel suo letto.
In più, anche Iris sembrava essere scomparsa nel nulla.
Rimase in silenzio a guardarsi intorno, confuso e sorpreso, per poi passarsi una mano davanti al volto.

Quando si guardò la mano, notò che fosse umida.


<< Jessica! Hey, dove siete ragazzi?! >>
Esclamò poco dopo, alzandosi dal letto.

In quell'istante notò la porta del bagno aprirsi lentamente.
Seryu fece un sospiro di sollievo quando notò Jessica uscire dal bagno, la quale lo fissò con fare sorpreso.
Non era, però, ancora sicuro del fatto che quella fosse la vera Jessica.

<< Tutto ok, Seryu? >>
Domandò al compagno, con tono preoccupato.

<< Va tutto bene? Hai visto Neptune e Michael? >>
Domandò alla ragazza, sedendosi di nuovo sul bordo del suo letto.

<< No, ma se non sono qui ci sarà un motivo. >>
Rispose al compagno.

<< No, non possiamo rimanere separati, è pericoloso! >>
Esclamò, dirigendosi poi verso la porta.

Jessica lo afferrò per il braccio, fermandolo.

<< Ti stai preoccupando troppo, Seryu. Non è successo nulla fin'ora, non succederà nulla se aspettiamo ancora per qualche minuto. Saranno usciti a prendere qualcosa da mangiare prima che mi svegliassi. >>
Rispose al suo compagno, con un tono calmo e sicuro.

<< Mangiare qualcosa? Nel mezzo della notte?! >>
Domandò alla ragazza, con un tono infastidito. 
Non riusciva a credere che Jessica non capisse il problema in quella situazione.

Jessica lo fissò in silenzio per qualche secondo con una espressione confusa.

<< "Nel mezzo della notte"? Seryu, sono le sette del mattino. A breve approderemo a Magnus. >>
Non appena Jessica pronunciò quelle parole, Seryu impallidì di colpo.

<< Uh... Eh? Cosa?! >>
Esclamò, non riuscendo a credere alle sue parole.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 4-4, alla prossima e grazie di avermi seguito!

Ritorna all'indice


Capitolo 31
*** Capitolo 4-5: Neptune ***


Capitolo 4-5: Neptune

 


<< Tu devi essere il "ragazzo problematico" di cui mi hanno parlato, giusto? >>
Domandò quell'uomo a Neptune, non appena quest'ultimo entrò in quella stanza.

Il ragazzino fissò quell'uomo in silenzio per qualche secondo, per poi sedersi sulla sedia posta davanti alla scrivania, davanti a lui.
In quel momento, non era li di sua spontanea volontà.


Quella stanza era molto piccola. Non c'erano finestre, non c'era nulla se non due sedie e un tavolo di legno grigio. 
Una singola luce bianca illuminava quel luogo angusto, la quale permise a Neptune di vedere quanto fossero vuote e cupe quelle quattro mura.

Anche la porta da cui era entrato era piuttosto tetra: era in legno chiaro, ma colma di graffi e imperfezioni.  Sembrava fosse molto vecchia.


Neptune continuò a fissare quell'uomo in silenzio con una espressione quasi annoiata e indifferente, nonostante sapesse perfettamente di chi si trattasse.

<< Mphf. >>
Borbottò l'uomo, cominciando a picchiettare a intervalli regolari sul tavolo con un dito, senza mai distogliere lo sguardo dal ragazzino davanti a sé.
A quel tempo, Neptune aveva poco più di dieci anni.

<< Non sei di tante parole, eh? >>
Neptune non rispose neanche a questa domanda.

Quell'atteggiamento non andò a genio all'uomo, il quale smise improvvisamente di picchiettare sul tavolo.

<< Sai, ho avuto a che fare con figure ben più problematiche di te, in passato. >>
Disse dopo qualche secondo di silenzio, reggendosi il capo con una mano posta sotto al mento.

<< Non credere sia difficile per me addomesticarti a dovere. >>
Continuò, facendo poi un gesto a qualcuno con la mano libera.


Improvvisamente, qualcuno afferrò con forza la testa di Neptune, facendogli sbattere con violenza la fronte sul tavolo.

Il ragazzo emise un acuto verso di dolore, per poi sollevare lentamente il capo, reggendosi la fronte con una mano.
I suoi occhi bruciavano dalla rabbia, e posò il suo sguardo furioso su quella seconda persona.


Era un ragazzo più grande di lui, si aggirava sui trent'anni.
Aveva occhi castani e capelli azzurri e lunghi. Ciò che, però, colse l'attenzione di Neptune fu una grossa cicatrice verticale sull'occhio sinistro.
La sua espressione era seria e stranamente disgustata.


Sapeva benissimo di chi si trattasse...

<< Toccami di nuovo e ti strappo la faccia a morsi, figlio di puttana! >>
... Eppure non esitò a minacciarlo.

Quel ragazzo non gli rispose. Lo guardò con la coda dell'occhio, afferrando l'elsa della sua spada.
Era una lunga katana.

<< 
Calmati, Andromeda. >>
Sentendo le parole dell'altro uomo, Andromeda lasciò andare la sua arma, indietreggiando senza aprire bocca.

<< Per lo meno sono riuscito a farti aprire bocca. E' un inizio. >>
Aggiunse l'uomo, attirando l'attenzione di Neptune.

Il ragazzino si guardò la mano con cui, fino a quell'istante, si stava reggendo la fronte.
Digrignò i denti, notando del sangue.

<< Non ci farei troppo caso, fossi in te. >>
Gli disse l'uomo, con un tono calmo, attirando l'attenzione del ragazzino, il quale posò il suo sguardo furioso su di lui.

<< Considerando la tua situazione, passerà nel giro di qualche minuto. >>
Aggiunse subito dopo, appoggiando entrambe le braccia sulla scrivania.


Neptune evitò di rispondergli.


<< Cosa cazzo volete da me? >>
Domandò a quell'uomo, innervosito.

<< D'ora in poi ti consiglio vivamente di usare termini meno scurrili, quando parlerai con me. Mi piacciono le persone con il tuo carattere, ma odio questo tono. >>
Lo minacciò.

I due si fissarono in silenzio per qualche istante dritti negli occhi, senza mai distogliere lo sguardo l'uno dall'altro.


<< Sai chi sono, giusto? >>
Domandò a Neptune, rompendo finalmente quel silenzio tombale.

<< Xernes Ravier. >>
Rispose Neptune, con tono infastidito.

<< Questo renderà tutto più facile, allora. >>
Aggiunse Xernes, unendo le mani davanti al suo viso, fissando Neptune con uno sguardo cupo.

<< So che sei diffidente, ma non sono un tuo nemico. In realtà, siamo dalla stessa parte. >>
Continuò l'uomo, cercando di convincere quel ragazzino.

Neptune, furioso, colpì con forza il tavolo con un pugno, assumendo una espressione rabbiosa.
I suoi occhi si illuminarono, assumendo una colorazione argentata.

<< Non mi importa un cazzo da quale parte stai! Voglio solo vedermia madre! >>
Esclamò.

Xernes fissò in silenzio per qualche istante il ragazzo, senza muovere neanche un muscolo.

<< Rilassati. La tua voce sta cambiando. >>
Non appena Xernes disse quelle parole, l'espressione di Neptune traslò rapidamente dalla rabbia allo stupore.
Abbassò rapidamente lo sguardo, evitando d'incrociare gli occhi dell'uomo.

<< Sei preoccupato, lo capisco. Starà bene: ho chiesto personalmente ai migliori dottori di prendersi cura di lei. Potrai vederla, non te lo impedirò. In cambio, però, dovrai rispondere ad alcune mie domande. Dopodiché, sarai libero di andare. >>
Non appena Xernes disse quelle parole, Neptune sembrò calmarsi.

Fece un cenno positivo con il capo, e incrociò di nuovo lo sguardo dell'uomo.
Il suo sguardo era triste.

<< Visto? Non era difficile. >>
Disse l'uomo, assumendo una posizione a lui più comoda.
Incrociò le braccia, per poi allontanarsi leggermente dalla scrivania, strisciando la sedia nel terreno.

<< Perché non partiamo con qualcosa di semplice? Come ti chiami? >>
Gli domandò subito dopo.

<< Neptune Haile. >>
Rispose il ragazzo, senza esitare neanche per un istante.

Quella risposta non sembrò cogliere Xernes alla sprovvista.

<< Il cognome di tua madre, eh? >>
Gli domandò, incuriosito da quella risposta.

<< Non userò mai più quello di mio padre. >>
Aggiunse Neptune, digrignando i denti.

<< Non avevo dubbi a riguardo. >>
Rispose rapidamente Xernes.


In quell'istante Neptune posò il suo sguardo su Andromeda, il quale non aveva ancora aperto bocca fino a quel momento.


<< Conosci Andromeda, vero? >>
Domandò Xernes al ragazzino, notando la sua curiosità verso il suo subordinato.

<< Andrew Medals. Uno dei pochi superstiti della Notte Cremisi. Colui che ha ucciso Azael circa sette anni fa.  >>
Gli rispose Neptune, senza esitazione.

Xernes sorrise, divertito.

<< Notevole. >>
Ridacchiò, tra se e se. 

<< Quanti anni hai, ora? >>
Gli domandò subito dopo.

<< Dieci. >>
Rispose il ragazzino, posando il suo sguardo di nuovo sull'uomo.

<< Un moccioso... Considerando il tuo carattere e ciò che è successo, non si direbbe. >>
Aggiunse Xernes.

<< Cosa è successo, qualche ora fa? >>
Gli chiese subito dopo.

Neptune evitò il suo sguardo, assumendo una espressione mista fra rammarico e rabbia.


Non ricevendo alcuna risposta, Xernes decise di cambiare approccio.

<< Tuo padre, Siegmund Fenrir- >>
Sentendo quelle parole, Neptune colpì con forza il tavolo per la seconda volta.
I suoi occhi si illuminarono di nuovo, e il suo tono di voce divenne improvvisamente più profondo e animalesco.

<< Nopronunciare quel nome! >>
Ringhiò.

<< Sei stato tu a ucciderlo? >>
Gli domandò, ignorando la minaccia del ragazzo.

<< Ha ricevuto ciò che meritava! >>
Esclamò il ragazzo.


L'espressione di Xernes cambiò improvvisamente.
Era incuriosito nel sentire la sua versione dei fatti, nonostante sapesse già cosa fosse accaduto, a grandi linee.

Quella era una situazione unica nel suo genere: non era mai accaduto qualcosa di simile, prima di allora.
Quel ragazzo era speciale, e non poteva assolutamente lasciarselo scappare...

O peggio.


<< Ti dispiacerebbe raccontarmi cosa è accaduto? >>
Domandò Xernes al ragazzo, con un tono più rilassato.

Neptune abbassò lo sguardo, mentre i suoi occhi tornarono rapidamente al loro stato originario.


< Questo ragazzino non sa ancora controllarsi a dovere... Forse sarebbe opportuno tenerlo calmo. >
Pensò l'uomo.

<< Cosa... Accadrà a me e mia madre? >>
Domandò il ragazzino, trattenendo a stento le lacrime.

Quella reazione colse Xernes di sorpresa, ma ben presto capì che quella fosse l'occasione perfetta per raggiungerlo.

<< Se hai paura che possa morire, non accadrà. Hai la mia parola. Riguardo la *tua* situazione... Beh... Questo dipende da te, figliolo. Più collaborerai, più sarò incline a darti una mano. >>
Gli rispose l'uomo, cercando di mettere il ragazzino a suo agio.

Quelle parole riuscirono finalmente rompere il guscio di Neptune, il quale, dopo un profondo sospiro, decise finalmente di rispondere alle sue domande.



Meno di dieci minuti dopo, Xernes, Andromeda e Neptune lasciarono quell'angusta stanza: Neptune, sotto ordine di Xernes, venne accompagnato da Andromeda a vedere sua madre, mentre Xernes si diresse di nuovo al suo ufficio per riflettere sul da farsi...

Fino a quando, per lo meno, qualcuno bussò alla sua porta.


<< Avanti. >>
Disse l'uomo, non appena sentì qualcuno bussare alla sua porta.

La porta si aprì rapidamente, e una donna entrò nella stanza.
Era una persona che Xernes conosceva molto bene.

<< Ho visto che ha permesso al ragazzino di andare a vedere sua madre, Generale Xernes. >>
Disse Ehra, chiudendo lentamente la porta alle sue spalle.

<< Si. Ha collaborato, e io ho tenuto fede alla mia promessa. >>
Le rispose l'uomo, il quale era intento a scrivere su un documento.

<< Cosa... Ha scoperto che non sapevamo già? >>
Gli domandò la donna.

Xernes smise improvvisamente di scrivere.
Appoggiò la penna nera sopra il foglio, per poi posare il suo sguardo sulla donna.

<< Non molto... Ma abbastanza. >>
Le rispose, alzandosi dalla sua sedia.
Quella risposta incuriosì la donna.

<< A quanto pare, è stato proprio quel ragazzino a uccidere Siegmund. >>
Quelle parole, però, la colsero di sorpresa. 
Spalancò occhi e bocca, incredula, non riuscendo a credere che una cosa del genere fosse veramente accaduta.

<< E' impossibile... E' sicuro che non le abbia mentito, Signore? >>
Domandò la donna, non riuscendo a credere a quelle parole.

Xernes posò uno sguardo cupo e infastidito su di lei, fermandosi improvvisamente nel mezzo della stanza con entrambe le mani dietro la schiena.

<< Assolutamente. >>
Le rispose, con un tono cupo.

<< N-Non voglio mettere in dubbio i suoi metodi, Generale, però... Parliamo di Siegmund... Non ci credo che un ragazzino sia riuscito a- >>
Ehra non fece neanche in tempo a finire quella frase, che venne interrotta da Xernes.

<< Per farla breve, sembrerebbe che sua madre abbia cercato di allontanarlo dal padre, ma è stata ben presto scoperta. Siegmund è andato su tutte le furie, e ha cercato di liberarsi del problema, partendo dalla radice. Durante la lite, Siegmund ha rotto un braccio e una gamba della donna, come abbiamo potuto constatare, e pare stesse per darle il colpo di grazia. Purtroppo per lui, però, si è dimenticato di un piccolo dettaglio. >>
Non appena Xernes cominciò a raccontare ciò che aveva appreso da Neptune, Ehra impallidì di colpo.

<< Da ciò che il ragazzino mi ha detto, suppongo che l'unico motivo per cui Siegmund abbia lasciato la donna in vita fosse per permetterle di crescere il figlio al posto suo, fino a quando non fosse cresciuto abbastanza per portarlo via con se. La madre non aveva mai avuto il coraggio di scappare, perché sapeva che Siegmund l'avrebbe ritrovata rapidamente. E non aveva torto. >>
Continuò l'uomo.

Ehra, bianca in volto, abbassò lo sguardo.

<< Quindi... Quel ragazzino è davvero...? >>
Non riuscì a finire la frase.

<< Non ci sono dubbi, è veramente il figlio di Siegmund. Prima che lui potesse anche solo rendersi conto di cosa fosse accaduto, il ragazzino si è trasformato, staccandogli di netto la testa dal collo con un morso. Quel bastardo sicuramente non è riuscito a distinguere le urla terrorizzate del figlio, da quelle di rabbia. Suppongo che il titolo "Il Pigro" fosse adatto a uno come lui, dopotutto. >>
Le rispose subito dopo, con tono divertito.



____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 4-5, grazie di avermi seguito e alla prossima!







 

Ritorna all'indice


Capitolo 32
*** Capitolo 4-6: Modo ***


Capitolo 4-6: Modo

 


Tanti pensieri passarono nella mente di Michael, in quel momento.

"Possiamo fidarci di lui?"
"Cosa sta nascondendo?"
"Chi è in realtà?"

Senza mai levare lo sguardo da Neptune neanche per un istante, Mike cominciò a indietreggiare lentamente, preparandosi mentalmente, e non solo, a un possibile scontro con il suo compagno.

Era molto teso: cominciò a respirare pesantemente, facendo profondi e lenti respiri, mentre una goccia di sudore gli scese dalla fronte, osservando con uno sguardo preoccupato l'espressione cupa che era apparsa nel volto di Neptune.
I suoi occhi sembravano quasi brillare di luce propria.


Le preoccupazioni di Michael, però, non durarono a lungo.
Dopo qualche secondo di tensione, infatti, Neptune cominciò a ridacchiare, quasi come se fosse divertito da qualcosa, lasciando Michael completamente sbalordito e confuso da quella sua reazione.


<< C-Cosa c'è di divertente?! >>
Esclamò Michael, sorpreso e, allo stesso tempo, preoccupato dal comportamento di Neptune.
Sotto il suo sguardo incredulo, anche gli occhi del suo compagno tornarono alla normalità.

<< Dovresti vedere la tua faccia! E' senza prezzo! >>
Esclamò il ragazzo, senza smettere di ridere neanche per un istante.


<< Rilassati, rilassati... >>
Aggiunse dopo qualche secondo di silenzio, smettendo finalmente di ridere.

<< Non sono un tuo nemico, volevo solamente farti spaventare un pochino... >>
Concluse, assumendo una espressione più seria.

Michael fissò il ragazzo per qualche istante, senza proferire parola, cercando di capire se lo stesse solamente prendendo in giro, nel tentativo di fargli abbassare la guardia.

<< Non sono proprio sicuro se posso fidarmi o meno... >>
Gli disse, con tono dubbioso.


<< Vuoi sapere perché hanno chiesto proprio a me di farvi da guardia del corpo? >>
Domandò Neptune a Michael.
Quella domanda lo colse alla sprovvista.

<< Hai... Detto che Ehra te lo ha chiesto, giusto? >>
Gli rispose Michael.

<< Corretto, è ciò che vi ho detto. Ma hai idea del *perché* abbiano chiesto proprio a me? >>
Continuò, Neptune, sapendo perfettamente di aver ormai attirato l'attenzione di Michael.

<< Hai detto che non potevano chiedere a quel tipo... Lancelot, giusto? Quindi... Hanno chiesto a te di farlo per questo. >>
Rispose, Mike, con un tono non deciso, quasi come se stesse facendo una domanda al suo interlocutore.

<< Non... Hai torto. Ma c'è altro dietro, che ho deliberatamente omesso, fin'ora. >>
Continuò, Neptune, mostrando un ghigno divertito al suo compagno.

<< Perché non sono sorpreso? >>
Rispose Michael.

<< Vedi... Anche se Lancelot fosse rimasto ad Avalon, non avrebbero mai chiesto a lui di farvi da guardia del corpo. >>
Cominciò Neptune, appoggiandosi alla ringhiera in ferro della nave con la schiena.

<< In primis, perché Lancelot odia a morte i demoni. Quindi... Insomma, non sarebbe stato felice di sapere che il suo compito fosse quello di fare da guardia del corpo al figlio di Azael, non credi? >>
Continuò, senza mai levare lo sguardo da Michael.

<< E il secondo motivo? >>
Domandò il ragazzo.

Neptune esitò prima di rispondere alla domanda del compagno.
Uno strano sorriso apparve lentamente nel suo volto.

<< Beh... Il secondo motivo, è che io ero la scelta che avevano in mente fin dal principio. >>
Quella risposta lasciò Michael completamente spiazzato, e infastidito.

<< Perché devi essere così criptico?! Se hai qualcosa che devi dirmi, fallo e basta! Non girarci intorno! >>
Esclamò Mike.

Sentendo le sue parole, Neptune sospirò, quasi con fare deluso.

<< Sei davvero un guastafeste... >>
Disse tra se e se, con fare malinconico.


<< Io e te... >>
Cominciò, dopo qualche secondo di silenzio, attirando l'attenzione di Michael.
Il suo sguardo era serio.

<< ... Siamo molto più simili di quanto tu possa anche solo immaginare. >>
Continuò.

<< Cosa vuoi dire? >>
Gli domandò Michael.

<< Non fare il finto tonto, sai di cosa sto parlando. >>
Rispose Neptune.
Michael abbassò lo sguardo per un istante, quasi con fare colpevole, per poi posare di nuovo uno sguardo deciso su Neptune.

<< Mio padre, proprio come il tuo, era un membro dei Dodici Generali Demoniaci. Uno dei primi Dodici. Era conosciuto come "Il Pigro". >>
Quelle parole, fecero impallidire Mike, il quale non riuscì neanche a proferire mezza parola.
Rimase in silenzio a fissare il suo compagno, con una espressione scioccata stampata in volto, senza nemmeno muovere un muscolo.

<< Si chiamava Siegmund. Non aveva un cognome: quello che usò con noi era inventato. Motivo per cui uso quello di mia madre. >>
Disse Neptune, cominciando finalmente a raccontare.

<< Era... Veramente pigro, per usare un eufemismo. Non era qualcuno che amava sporcarsi le mani, quindi preferiva far lavorare le altre persone al posto suo, mentre lui stava tranquillamente a oziare, o fare i cavoli suoi. Il suo leader gli dava dei compiti da svolgere, ma lui non li portava mai a termine. Quindi, un giorno, gli diede un ultimatum: o avrebbe cominciato a lavorare come tutti i suoi compagni, o sarebbe stato cacciato. Mio padre non voleva nessuna delle due cose, quindi cercò di obbligare i suoi sottoposti a svolgere i suoi compiti... Ovviamente, però, non andò a buon fine: infatti, tutti i suoi sottoposti avevano ricevuto ordini precisi dal suo comandante, quindi lui non aveva più alcuna autorità su di loro. >>
Nel mentre che Neptune raccontò quelle cose, Michael poté sentire un tono infastidito provenire dal suo compagno.

<< Però, un giorno, ebbe l'illuminazione. Se nessuno dei suoi sottoposti poteva seguire più i suoi ordini, allora ne avrebbe cercato uno che non fosse legato al suo comandante. >>
In quell'istante, Michael capì perfettamente come sarebbe andato a finire quel racconto.
Abbassò lo sguardo, evitando quello del compagno.

<< Quindi... Alla fine, trovò una donna che sarebbe poi diventata mia madre. >>
Bastò quella semplice frase, per far capire cosa accadde dopo.

<< Poi, quando nacqui, lui la minacciò: "Crescerai tu questo bastardo fino a quando non sarà abbastanza grande e forte. Quel giorno, lo porterò via con me. Se non lo farai, vi ucciderò entrambi". 

Mia madre non poteva ribellarsi. Era troppo debole, in confronto a lui, e sapeva perfettamente che, anche se fosse scappata, lui l'avrebbe facilmente ritrovata.
Riuscì, quindi, a sopportare circa una dozzina d'anni insieme a quel bastardo. Anni e anni di abusi e minacce, vissuti con il terrore che, la mattina seguente, non avrebbe riaperto gli occhi. Io ero l'unica cosa che aveva, e lei era l'unica cosa che io avevo. 

Non mi odiava, anzi. Mi diede tutto l'amore e le attenzioni che una madre avrebbe dato a un figlio, nonostante tutto. 

Siegmund cominciò ad allenarmi fin da tenera età.
"Devi diventare forte."
Era solito dirmi.

"Così potrai essermi utile". >>
In quell'istante, Neptune si bloccò.

Una smorfia rabbiosa apparve nel suo viso, mentre strinse con forza i pugni.

Dopo qualche istante, prese un profondo respiro, calmandosi rapidamente.

<< Non gli importava di me. Non ero altro che la sua pedina: voleva che io diventassi abbastanza forte da svolgere i compiti che gli venivano affidati, al posto suo. 

Un giorno, non riuscimmo più a sopportare quella situazione. 
Mia madre provò a opporsi, ma fu inutile. 

"Prova a fare una cosa del genere un'altra volta, e ti uccido."
Le disse.

Quella stessa notte, provammo a scappare senza che lui ci scoprisse... Ma non andò a buon fine.
Era davvero innervosito: ricordo ancora le vene pulsare nel suo collo, quei suoi occhi furiosi... Ho ancora gli incubi di quando lui si trasformò  per la prima volta davanti ai miei occhi, mostrandomi finalmente il suo vero aspetto animalesco.

Attaccò mia madre, spezzandole una gamba e rompendole un braccio. 

"Te l'ho detto, donna!" >>
In quell'istante, Neptune cominciò a tremare: abbassò lo sguardo.

<< Era... Gigantesco, mostruoso. Fu in grado di afferrare la testa di mia madre con una sola mano, sollevandola da terra nel mentre con solo quel braccio. >>
Continuò posando di nuovo lo sguardo su Michael.

<< Non ricordo quasi niente, dopo quel momento. Ciò che, però, ricordo ancora perfettamente, è lo sguardo inorridito nel volto di mia madre, quando tornai in me stesso. >>
Aggiunse qualche secondo dopo, abbassando di nuovo lo sguardo verso il pavimento, con una voce che tremava.

<< Aveva... Paura di me. Quando provai ad avvicinarmi a mia madre, lei si portò le mani davanti al volto, piangendo dal terrore in posizione fetale. 

Non avevo idea del perché, in quel momento.
Poi, però, notai il corpo privo di vita di mio padre nel terreno: era stato decapitato. >>
Sentendo quelle parole, anche Michael inorridì.
Rimase immobile con gli occhi spalancati ad ascoltare quel terribile racconto, incredulo.

<< Mi guardai istintivamente le mani, e vidi che fossi ricoperto di sangue. >>
In quell'istante, Neptune si bloccò, posando di nuovo lo sguardo su Michael.

Notando la sua espressione, Neptune decide di fermarsi.

<< Credo che possa bastare così. Non serve che io ti dica altro. >>
Gli disse, avvicinandosi poi lentamente verso di lui.

Gli posò una mano sulla spalla.

<< Scusami. Non volevo fare questo effetto su di te. >>
Gli disse, con un tono calmo.

<< Con... Chi stavi parlando poco fa? >>
Gli domandò Michael, ancora scioccato da quel terribile racconto.

<< Xernes Ravier, credo tu sappia chi sia. >>
Rispose Neptune, facendo un passo all'indietro, lasciando andare la presa sulla sua spalla.

< Il padre di Xane? >
Pensò Michael, confuso da quella risposta.

<< Voleva sapere come stesse andando la missione di scorta. >>
Aggiunse subito dopo Neptune, spiegando il motivo di quella chiamata.

<< Perché ci hai mentito riguardo al demone intorno al lago? E' un pericolo? >>
Chiese, subito dopo.

<< Certo che ti leghi le cose al dito, eh? >>
Domandò Neptune al compagno, grattandosi il capo.

<< No, non è niente di che. I militari non volevano far preoccupare inutilmente i cittadini, quindi hanno deciso di abbassare la Classe del demone resa nota al pubblico. Dopotutto, era un semplice ricognitore: non sono demoni aggressivi. >>
Sospirò, spiegando a Michael le ragioni di quella bugia.

<< Perché non ce l'hai detto prima? >>
Continuò, Michael, cercando risposte a tutte le domande che si era fatto fino a quel momento.

<< Non credevo ci fosse un motivo per farlo, dopotutto un ricognitore raramente ha incontri ravvicinati con gli umani. E, comunque, un gruppo di ammazza-demoni si è già occupato di quel Classe A, quindi non ci sono pericoli. >>
Quella risposta sembrò soddisfare Michael, ma c'era ancora qualcosa che non sembrò andargli a genio.


<< Michael... >>
Gli disse Neptune, dopo qualche secondo di silenzio, attirando la sua attenzione.

<< Non sono un tuo nemico, voglio che tu sappia questa cosa. >>
Continuò.

Michael non gli rispose: continuò a fissarlo in silenzio con uno sguardo ancora dubbioso.

<< Ehra mi ha chiesto di farvi da guardia del corpo, in modo che potessi darti qualche consiglio... Quindi ho intenzione di dartene alcuni. >>
Quelle parole attirarono l'attenzione del ragazzo, il quale ricambiò con uno sguardo incuriosito.

<< Che genere di consigli? >>
Gli domandò.

Neptune fece dei passi all'indietro: i suoi occhi si illuminarono ancora una volta, lasciando Michael di stucco.
Non si era ancora abituato a quella situazione.

<< Ogni mezzo-demone è diverso, ma c'è sempre qualcosa che ci accomuna. Sai cosa è? >>
Domandò Neptune al compagno.

Michael rimase in silenzio per qualche istante, pensando a una risposta, senza però trovare nulla di soddisfacente. 

<< Siamo... Ibridi? >>
Gli rispose.

<< No. Pensa chiaramente a cosa è successo quando ti sei trasformato per la prima volta. >>
Aggiunse Neptune, cercando di guidare il suo compagno nella giusta direzione.


Ripensando a ciò che i suoi compagni gli avevano raccontato, Michael abbassò lo sguardo, assumendo una espressione rammaricata.

<< Sono... Diventato un mostro. Ho perso il controllo e ho rischiato di- >>
Venne interrotto anche prima che potesse finire la frase.

<< Non siamo mostri. >>
Quelle parole, lasciarono Mike completamente di stucco.
Ma non riuscii a crederci.

<< Solo perché siamo diversi, non significa siamo mostri. Ciò che accomuna tutti i mezzo-demoni, è la rabbia. >>
Gli rivelò Neptune.

<< "Rabbia"? >>
Ripeté Michael.

<< I mezzo-demoni, come ben saprai, rilasciano di solito la loro energia come risposta a traumi molto forti, quali rabbia, dolore, odio... Ci sono tanti fattori scatenanti. Le prime volte che ci trasformiamo, non siamo in grado di controllarci. 

Spesso, molti mezzo-demoni attaccano persino le persone a loro care, inconsciamente. E' successo a tutti noi, non sei l'unico. >>
Gli rivelò Neptune, cercando di rassicurare il suo compagno.

<< Ma proprio per questo, possiamo dare consigli a quelli che non sanno come controllarsi. >>
Quelle parole furono in grado di attirare l'attenzione di Michael.

<< So cosa pensi, cosa ti spaventa. Non vuoi essere un pericolo per i tuoi compagni. Non vuoi far loro del male. Ma, allo stesso tempo, ti senti sotto pressione: sai che ora sei sotto il mirino, quindi li metterai inevitabilmente in pericolo. 

Devi capire che non puoi più tornare indietro: ormai ci sei dentro. Non hai nulla da guadagnare, ma hai tutto da perdere. >>
Sentendo quelle parole, Michael cominciò a tremare.

Era vero, era esattamente quello che lo preoccupava.
Sapeva che, volente o nolente, ormai aveva messo in pericolo tutti quelli che erano intorno a se.


<< Non potrai scappare per sempre: prima o poi, dovrai accettare chi sei. Non significa che devi farlo ora, quantomeno che debba piacerti. Ma dovrai imparare a conviverci. E questo significa che dovrai cominciare a lavorare su un modo per "rimanere te stesso", quando perderai il controllo. >>
Gli disse Neptune.

Michael sollevò lo sguardo, mostrando al suo compagno occhi increduli e preoccupati.

<< Come dovrei fare una cosa del genere? >>
Domandò il ragazzo.

<< Non ne ho idea. Alcuni, dopo la prima trasformazione, non perdono più il controllo. Altri, invece, devono lavorare duramente per trovare il modo giusto. Siamo tutti diversi, e il mio metodo potrebbe non funzionare con te. L'unica cosa che posso dirti, è questa... >>
Gli rispose Neptune.

<< ... Quando senti che stai perdendo il controllo... Non opporti a quella sensazione. >>
Quelle parole colsero Michael alla sprovvista: non era assolutamente quello che si aspettava di sentire.

<< Rabbia, odio, dolore, paura... Non dovrai trattenerli. Lascia che quei tuoi sentimenti siano liberi. Lascia che pervadano il tuo corpo. Ma, fai attenzione che non prendano il sopravvento. Il potere di noi mezzo-demoni è originato da quei sentimenti, ma non significa che dobbiamo sottometterci a loro. Non dovrai combattere quelle sensazioni, ma non devi lasciare che siano loro a vincere. >>
Quelle parole sembrarono quasi una presa in giro, per Michael.

<< Quello che stai dicendo non ha senso! Come dovrei fare una cosa del genere?! >>
Esclamò, infastidito.

<< Lo so che non ha senso! Non è un qualcosa che dovrebbe essere spiegato a parole! Non posso dirti come fare. Ciò che posso dirti, però, è che prima o poi dovrai trasformarti di nuovo, e non potrai permetterti di non essere in controllo del tuo stesso corpo. In modo da mantenere il controllo, però, dovrai esserti allenato mentalmente. Non è un qualcosa che riuscirai a fare da un momento all'altro, io ci ho messo anni prima di riuscire a mantenere il controllo di me stesso. Dovrai creare uno stato mentale dentro cui entrare in quei momenti. Per esempio, qualcosa a cui pensare quando sentirai che la trasformazione è in atto, qualcosa che possa dare fuoco alle fiamme, ma allo stesso tempo tenerle sotto controllo. >>
Spiegò Neptune, cercando di risultare il più chiaro possibile per evitare problemi al suo compagno.

C'era già passato, dopotutto, e voleva evitare che qualcuno commettesse i suoi stessi errori.

<< Come... Dovrei fare una cosa del genere? >>
Chiese Michael a nessuno, guardando le sue stesse mani.

<< Io penso a mia madre. >>
Sentendo la risposta di Neptune, Michael posò ancora una volta lo sguardo su di lui.

<< Quando sento che la trasformazione è in atto, penso a quei momenti di paura, di rabbia. Ma riesco a rimanere me stesso, perché so che voglio proteggerla, che farei di tutto per evitare di vederla soffrire di nuovo. Il tuo modo... Dovrai capirlo tu stesso. >>
Aggiunse.


____________________________________________________________________________________________________________

Sono finalmente tornato, dopo una lunga pausa Natalizia-di Capodanno.
Fine del capitolo 4-6, grazie di avermi seguito e alla prossima con il penultimo capitolo del volume 4!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 33
*** Capitolo 4-7: Benvenuti a Magnus ***


Capitolo 4-7: Benvenuti a Magnus

 


<< S... Sette del mattino? >>
Seryu non riuscì a credere a quelle parole.
Rimase in silenzio a fissare la ragazza davanti a se con una espressione confusa e preoccupata in volto, con occhi spalancati.

Cosa era successo, mentre lui aveva perso i sensi?
Dove era finita quella donna, e cosa era accaduto tra Michael e Neptune?

Quelle domande continuarono a rimbombargli in testa, secondo dopo secondo, e il fatto di non avere alcuna risposta non faceva altro che rendere il ragazzo sempre più irrequieto.
Si guardò freneticamente intorno, ancora una volta, alla ricerca di qualsiasi segno che potesse indicare al fatto che quella fosse un'altra illusione.

Non vide nulla.
Tutto gli sembrò perfettamente normale.


<< Seryu, mi stai spaventando... Cosa ti prende? C'è qualcosa che non va? >>
Domandò la ragazza al suo compagno, con un tono preoccupato e occhi lucidi, capendo rapidamente ci fosse qualcosa che non andasse in lui.

Seryu rimase per qualche secondo in silenzio a fissarla.
La ragazza davanti a lui, in quel momento, non poteva essere un falso.


<< Non sai dove sono finiti Michael e Neptune, quindi? >>
Le chiese conferma.

Jessica rispose con un cenno negativo del capo.

<< Quando mi sono svegliata, loro non erano qui... Magari sono andati a mangiare qualcosa? >>
Gli rispose.

Pochi istanti la coppia sentì una voce maschile riecheggiò nelle stanze e nei corridoi, era quella del capitano che risuonava dagli altoparlanti.

** Hm-Hm! ... Si informano i signori passeggeri che tra meno di cinque minuti approderemo al porto di Magnus. Siete pregati di sistemare i vostri bagagli e di chiudere le stanze con la chiave, non appena le lascerete. **
Subito dopo si sentì un fischio, che segnalò la fine dell'avviso.


Pochi istanti dopo, la porta della stanza si aprì.
Michael e Neptune entrarono all'interno della stanza, salutando poi i loro compagni.

<< Hey, vedo che vi siete finalmente svegliati, dormiglioni. Abbiamo per caso interrotto qualcosa? >>
Domandò Neptune, con un tono divertito e malizioso, portandosi una mano sotto al mento e mostrando uno strano sorrisetto.

<< Avete sentito, si? Approderemo presto, ci conviene mettere tutto apposto. >>
Continuò Michael, facendo finta d'ignorare le parole del compagno.

<< Si! Sono già all'opera, datemi due minuti. >>
Detto ciò, Jessica saltellò di nuovo in bagno, chiudendosi al suo interno subito dopo.


Neptune ridacchiò, attirando l'attenzione di Michael.

<< "Due minuti". Siamo condannati a rimanere qui per l'eternità, ragazzi miei. >>
Disse, con tono divertito.

Michael fece gli occhi in bianco.


<< Cosa è successo l'altra notte? >>
Seryu non aspettò neanche un istante.
Non appena pronunciò quelle parole, Michael e Neptune posarono i loro sguardi su di lui, assumendo espressioni più serie.

<< Niente di... Importante, in realtà. >>
Gli rispose Michael.

Seryu posò il suo sguardo sorpreso su di lui.

<< Mi prendi in giro? >>
Gli domandò, incredulo.

<< Abbiamo parlato per qualche minuto e... Poi è finita li. Quando siamo tornati nella stanza, tu e Jessica eravate entrambi collassati sui vostri letti, quindi abbiamo deciso di non svegliarti. >>
Continuò.

<< E dove eravate, fino ad ora? >>
Continuò, non credendo alle sue parole.

<< Siamo andati a vedere se ci fosse qualcosa da mangiare... Purtroppo per noi, e per i nostri stomaci, la mensa era chiusa. Pare che dovremo fare colazione a Magnus, dopotutto. >>
Gli rispose Neptune.

<< Non che sia una cosa negativa, ma i prezzi sono abbastanza... Elevati, per usare un eufemismo. >>
Continuò.

Seryu posò uno sguardo infastidito sui suoi due compagni.
Non poteva credere alle sue orecchie.

<< Perché mi state mentendo? Perché non volete dirmi nulla? >>
Domandò, avvicinandosi a loro con un passo lento, ma frustrato.

<< Non vi fidate di me? >>
Continuò, senza aspettare risposte dai due ragazzi davanti a se.

<< No, non è così... >>
Gli rispose Michael, mettendo le mani avanti, ma non servì a calmare il ragazzo.


<< Oh, non ti stiamo mentendo. I prezzi a Magnus sono davvero assurdi, non lo consiglierei a nessuno... Però, hey, è tutta roba di prima qualità! >>
Aggiunse Neptune, con tono divertito.

<< Sai di cosa sto parlando, non fare il finto tonto. >>
Disse Seryu, infastidito dalla risposta del compagno. 

In quel preciso istante, Neptune sospirò.


<< Siamo in questo insieme, non potete semplicemente tenermi all'oscuro di qualcosa che potrebbe rivelarsi importante. >>
Continuò, cercando di convincere i suoi compagni.

<< Spiegatemi la situazione, vi prego. >>
Aggiunse, guardando i due ragazzi uno ad uno, con una espressione preoccupata.

Neptune abbassò lo sguardo, sospirando. 

<< Ugh. D'accordo. >>
Cedette, rispondendogli però con tono innervosito.

<< Ma non adesso. Lo farò dopo, quando saremo in cammino per Magnus. >>
Aggiunse, dando rapidamente le spalle ai suoi compagni.




<< Quindi, ricapitolando... >>
Disse Jessica, dopo aver ascoltando in silenzio il breve racconto di Neptune.

<< Ci siamo incontrati per caso, ma ti era stato ordinato di trovarci, giusto? >>
Gli domandò.
Neptune rispose con un cenno positivo del capo.


Il quartetto si trovava nel mezzo di un bosco, percorrendo una strada in basalto che portava dal porto fino alla capitale.
Era tutto molto silenzioso e tranquillo, gli unici rumori udibili erano quelli di alcuni animali e insetti, uniti al vento che faceva oscillare le foglie degli alberi intorno a loro.
Erano dei ciliegi originari di Mistral.



<< Perché dobbiamo passare per forza dal bosco, per entrare a Magnus? >>
Domandò Michael a Neptune, guardandosi intorno.

<< Non potevamo prendere la strada principale, come tutti gli altri? >>
Aggiunse.

<< Oh, ma certo! Perché non ci ho pensato prima! >>
Esclamò Neptune, con tono ironico.

<< Sicuramente parlare di come tu e io siamo mezzo-demoni, in mezzo ad una folla, non causerebbe alcun genere di problema! >>
Continuò, camminando davanti al trio, senza voltarsi verso di loro.

<< Ripensandoci... Mi va bene questa strada... >>
Aggiunse Michael, grattandosi il capo.

<< Volevano che io gli dessi alcuni consigli, e così ho fatto. Non posso fare più di quanto sia nelle mie possibilità: il modo per controllarsi dovrà trovarlo lui stesso. Non posso aiutarlo. >>
Continuò Neptune.

<< Ora l'unica cosa che mi resta da fare è scortarvi da Vermilion, poi il mio compito sarà finalmente finito. >>
Concluse.


<< Sembra infastidito. >>
Disse Seryu a Michael, sottovoce, dopo essersi avvicinato a lui.

<< Eh... Non voleva parlare di questa cosa, con voi. >>
Rispose il ragazzo, fissando da dietro Neptune, il quale non si era mai neanche una volta voltato verso di loro, durante quella discussione.

Seryu sospirò.

<< Non fartene una colpa, eri semplicemente preoccupato. >>
Gli disse Michael, cercando di alleviare le preoccupazioni del compagno.

<< E' tutto ok, comunque. Neptune non è un nemico, e mi fido di lui, ora. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Mi dispiace per come ti ho trattato la scorsa notte... >>
Non appena sentì quelle parole, Michael posò il suo sguardo sorpreso sul suo compagno, il quale stava però evitando di guardarlo negli occhi.

<< Ero innervosito e spaventato, e ho lanciato le mie frustrazioni su di te. Non volevo offenderti, quantomeno trattarti male. >>
Aggiunse, sollevando poi lo sguardo.

Michael stava sorridendo.

<< Non preoccuparti, va tutto bene. Non so perché hai reagito così, ma non te ne faccio una colpa. Eravamo tutti più o meno stressati dall'esperienza durante l'esame di ammissione, quindi va tutto bene. >>
Gli disse, sollevando poi il pugno.

<< Brofist? >>
Gli domandò, divertito.
Seryu ricambiò il sorriso, e ricambiò il gesto del compagno.

Subito dopo Michael accelerò il passo, accostandosi a Neptune e cominciando a parlargli.


Seryu, invece, mantenne la stessa velocità: rimase a fissare i due ragazzi davanti a se assumendo poi una espressione triste, quasi colpevole.
Era conscio del fatto che Neptune non avesse detto loro tutto quello di cui si era parlato con Michael, la notte prima, ma gli andava bene così.

Neptune non aveva detto loro chi fosse suo padre: infatti, aveva fatto di tutto per evitare di pronunciare il suo nome.
Eppure, dal modo in cui avevano parlato lui e Michael, durante il racconto, era ovvio che quest'ultimo lo sapesse.

Non metteva in dubbio le parole del loro nuovo compagno, ma, allo stesso tempo, sapeva che c'erano cose che Neptune non aveva detto a lui e Jessica... Cose di cui aveva parlato solamente con Michael.
Nonostante tutto, però, decise di non fare altre domande.


Cominciò a guardarsi intorno, con una espressione calma in volto.
Quegli alberi, quel profumo... Gli sembrò di essere a casa.

I petali rosa nel terreno, il rumore delle foglie e quel colore rosa tutto intorno a loro...
Ciò che all'inizio si rivelò un dolce ricordo, si trasformò ben presto in una profonda fitta nel petto.

Sotto quegli alberi era solito giocare con la sorella, molti anni prima, con sua madre.
Istintivamente, abbassò lo sguardo per evitare quei colori, cominciò a respirare con la bocca per non sentire quel profumo.


Quelli che sarebbero dovuti essere dolci memorie, si trasformavano in coltelli che lo ferivano.



Ben presto il gruppo raggiunse la loro meta.

<< Signore e signori... Benvenuti a Magnus. >>
Disse Neptune, ammirando quella scena con un grosso sorriso soddisfatto stampato in volto.

Michael fece alcuni passi in avanti, superando tutti i suoi compagni e ammirando, per la prima volta in vita sua, quel posto con occhi spalancati, senza riuscire neanche a proferire parola.


____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 4-7, grazie di avermi seguito e alla prossima con l'ultimo capitolo del volume 4, intitolato "Le fiamme della Fenice"!

Ritorna all'indice


Capitolo 34
*** Capitolo 4-8: Le fiamme della Fenice ***


Capitolo 4-8: Le fiamme della Fenice

 


Magnus era enorme, molto più grande e popolata di quanto Michael avesse mai potuto anche solo immaginare.
Non aveva mai visto qualcosa del genere, prima d'allora.

Rispetto al suo piccolo paesino natio, quel posto gli era completamente estraneo. Aveva a malapena ascoltato sporadici racconti, a riguardo, dallo zio.

Gigantesche arcate in basalto fecero loro da benvenuto in quelle strade puramente in pietra grigia, talmente lucide che riflettevano il sole quasi come se fossero specchi.
Le abitazioni erano tutte diverse le une dalle altre ma, allo stesso tempo, avevano tutte certi dettagli in comune fra loro. Alcune avevano dei grossi camini in mattoni di argilla arancioni che spuntavano da una delle quattro mura, altre invece avevano grossi giardini in fiore davanti alle entrate.

Vi erano tantissime bancarelle e taverne, e, in distanza sorgeva una gigantesca torre dell'orologio, la quale si alzava al di sopra di tutti gli altri edifici.
Michael rimase ammaliato da quella vista, specialmente non appena notò che il tratto di strada che aveva dato loro il benvenuto altro non fosse che un ponte sotto il quale scorreva un fiume dalle acque cristalline. 
Si affacciò rapidamente da un lato, per osservare quelle acque azzurre, riuscendo perfino a rispecchiarsi in esse.


A ogni loro passo, quel lontano brusio crebbe sempre più di volume, trasformandosi ben presto in un forte frastuono causato dalle centinaia di persone che camminavano e parlavano per le strade, delle carrozze, bambini che giocavano e dagli animali.


<< Mi manca la calma di Samir... >>
Mormorò, guardandosi esterrefatto intorno a ogni suo passo, continuando a seguire Neptune che faceva loro strada.

<< Prima volta che vieni qui? >>
Domandò Neptune.
Michael annuì.

<< Magnus non solo è la capitale, ma è la città più grande di tutta Avalon. E' parecchio rumorosa, quindi. >>
Aggiunse, subito dopo.

<< Vanta persino il titolo di terza città più grande in tutta Gaia, superata solamente dalle capitali di Savia e, al primo posto, Asgard. E' talmente vasta che l'Imperatore ha dovuto dividerla in quattro sezioni, o distretti, uno per ciascun punto cardinale, per poterla tenere meglio sotto controllo, affidando ogni sezione a dei suoi subordinati. >>
Continuò.

<< E' davvero così grande?! >>
Esclamò Michael, incredulo davanti a quelle parole.

<< Si. In più, ogni distretto è sotto la tutela di una delle Quattro Galassie. Il distretto Nord appartiene ad Andromeda, quello Ovest ad Arthur, quello sud è stato assegnato ad Ehra e, infine, quello ad Est, in cui ci troviamo adesso, a Vermilion. L'imperatore si trova al centro della capitale, nel Palazzo Reale, nel quale si trova anche il Gran Generale Xernes. >>
Gli rispose Seryu.

<< Ehra controlla la sezione sud di Magnus? Ma non si trova a Samir, al momento? >>
Chiese Michael ai suoi compagni, confuso da quelle parole.

<< Beh, si ma... Le Quattro Galassie però non controllano, in senso stretto, le zone che a cui sono state assegnate. >>
Gli disse Jessica.

<< Infatti, non sono loro a "governarle". Se necessario, vengono richiamati nella capitale per risolvere problemi di grossa entità. Le Quattro Galassie sono semplicemente dei "Simboli", dei "Guardiani". Insomma, non hanno alcun potere decisionale. Hanno la libertà di andare e tornare quando vogliono, ma se venissero convocati da colui a cui è stato assegnato il distretto che sono tenuti a difendere, sono obbligati fare prontamente ritorno alla capitale.  >>
Aggiunse Neptune.



Michael seguì in silenzio i suoi compagni, osservando nel mentre ogni singolo angolo di quel nuovo posto.
Notò una miriade di negozi di qualunque tipo e, ad un certo punto, ne notò uno con una scritta a lui familiare:

"Haile's Tavern"

<< Uhm, Neptune? >>
Domandò al suo compagno, confuso da quell'insegna.

<< C'è qualcosa che non va? >>
Gli rispose Neptune, sorpreso dal tono del ragazzo.

<< La tua famiglia ha un negozio anche qui a Magnus? >>
Domandò Michael.

<< Si, quello di mio zio. Prima che io nascessi, mia madre e suo fratello si trasferirono qui a Magnus, ma mia madre però non riuscì a mantenere il ritmo della capitale, quindi decise di trasferirsi in un posto più tranquillo. >>
Rispose il ragazzo.

<< Ora che ci penso... >>
Mormorò Seryu, portandosi una mano sotto al mento.

<< "Haile" non è un cognome originario di Avalon, ho ragione? >>
Continuò.

Neptune annuì.

<< Esattamente, mia madre è nata a Savia. Non so bene dove di preciso, non me ne ha mai parlato, ma dubito fosse dalla capitale. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Cosa te lo fa credere? >>
Gli domandò Mike, sorpreso dalla sua sicurezza.

<< La capitale di Savia è più grande di Magnus. Se fosse nata li, non avrebbe dovuto avere problemi ad ambientarsi qui, non credi? >>
Aggiunse Seryu.

Michael rispose con un semplice "Oh" sorpreso.

<< Muoviamoci. >>
Disse Neptune, facendo cenno con una mano al trio di seguirlo.

<< Prima raggiungiamo l'Orfanotrofio, prima potrò dire "missione compiuta". >>
Aggiunse.

<< Orfanotrofio? Perché siamo diretti li? >>
Domandò Michael.

<< E' li che si trova Vermilion, quando non è in servizio. >>
Gli rispose Jessica.
Quella risposta lo colse di sorpresa: non aveva idea che sia Seryu che Jessica conoscessero così bene i membri delle Quattro Galassie.

<< Il distretto Est è stato affidato a Don Rei, il Sommo Pontefice. Dovrebbe esserci una delle sue Chiese anche a Samir, se non erro. >>
Aggiunse Neptune, attirando di nuovo la sua attenzione.
Michael annuì.

<< Quando Vermilion arrivò qui, Don Rei l'accettò in uno dei suoi tanti orfanotrofi. Con il passare del tempo Vermilion riuscì a farsi una grossa reputazione, riuscendo, alla fine, perfino a ottenere il titolo di una delle Quattro Galassie. Don Rei, quindi, scelse lei come simbolo del distretto Est. >>
Continuò.

<< Uh. La conosci molto bene, eh? >>
Chiese Michael al compagno, sorpreso da quanto sapesse su quella ragazza.

Neptune gli sorrise.

<< La conosco da quando è arrivata a Magnus. >>
Rispose.

<< Come ha detto Jessica, quello è il posto in cui è più facile trovarla, quando non è in servizio. E' rimasta molto legata a quelle quattro mura e alle persone che l'hanno cresciuta, non è quindi insolito trovarla li, a fare loro visita. >>
Concluse.

<< Oh, è davvero una cosa dolce! >>
Esclamò Jessica, portandosi le mani davanti al petto, con un gigantesco sorriso in volto.

<< Non sapevo di questo dettaglio. E' davvero una cosa bella. >>
Concordò Seryu.


<< In ogni caso, Michael... >>
Aggiunse Neptune, senza voltarsi verso il trio. 

<< ...Come mai hai deciso di intraprendere la strada per diventare un soldato? Insomma, per qualcuno senza capacità magiche come te è una strada in salita. >>
Continuò.

<< Beh... E' una cosa che risale a molti anni fa, in verità... >>>
Gli rispose, con un tono leggermente imbarazzato, grattandosi il capo.

In quell'istante Neptune si voltò verso di lui, fissandolo con uno sguardo incuriosito, camminando al contrario.

<< Conosci Merlin, giusto? >>
Domandò Michael al compagno.

<< Oh si, il maestro di Arthur. Non l'ho mai incontrato di persona... Perché me lo chiedi? >>
Gli rispose Neptune, sorpreso da quella domanda.

<< Quando ero piccolo, una parata militare attraversò Samir. Tra tutti i soldati, fu una singola persona ad attirare la mia attenzione. Non indossava alcuna armatura, non impugnava alcuna arma se non un lungo bastone in legno. Non mi sembrò neanche un soldato, a prima vista. Fu mio zio a dirmi chi fosse. Il nome di quell'uomo era Merlin, comandante del primo battaglione, Alto Generale, maestro di Xander Ravier Arthur Pendragon. >>
Mentre disse quelle parole, un grosso sorriso apparve nel volto di Michael.

<< Mio zio mi disse che Merlin era il soldato più forte di tutta Avalon. Era conosciuto e amato da tutti, e tutti lo rispettavano. Ma ciò che mi colpì profondamente fu quando mio zio mi disse che Merlin non era in grado di usare la magia. Era il più forte, senza l'ausilio di magia o abilità speciali. >>
Continuò.
Mentre parlava di quell'uomo, i suoi occhi cominciarono a brillare di luce propria. 

<< "E' come tutti noi, per questo tutti lo ammirano." Tutte le persone che conoscevo erano in grado di usare la magia, mentre io non potevo farlo. Credevo di essere diverso, e odiavo sentirmi in quel modo... Ci furono momenti in cui diedi le colpe a me stesso per quella diversità. >>
Continuò a parlare per qualche istante con un tono più cupo e pieno di rammarico, evitando lo sguardo dei suoi compagni.

Si riprese rapidamente, sollevando di nuovo lo sguardo e riprendendo a sorridere.
<< Ma quel giorno cambiò tutto. Divenne immediatamente il mio idolo: volevo emularlo. Volevo diventare forte come lui. Fino a quel momento continuai a ripetermi che non potevo essere come gli altri, ma grazie a lui capii di esserne in grado anche io.  Vedendo la mia determinazione, mio zio decise di allenarmi.  E... E' così che è iniziato. >>
Subito dopo aver detto quelle parole, Michael posò il suo sguardo su Neptune, notando una strana espressione stampata nel suo volto.

<< E' un racconto stupido, lo so... >>
Aggiunse, grattandosi il capo.

Neptune scosse il capo in dissenso.

<< No, non lo è. >>
Gli disse, sorridendogli.
Subito dopo gli diede le spalle, riprendendo finalmente a guardare dove stesse camminando.



Continuarono a camminare per qualche minuto, e, ad un certo punto, lo sguardo di Michael cadde su Neptune non appena rispose a una chiamata, esattamente come aveva fatto la notte prima.
Continuò a fissare in silenzio il compagno con uno sguardo preoccupato, perso nei suoi stessi pensieri.

"Starà parlando di nuovo con il padre di Xane?"
Si domandò, ripensando a ciò che era accaduto la notte prima tra loro.

Le parole di Neptune ricominciarono a riecheggiargli intesta.

"Dovrai trasformarti di nuovo."
Aveva paura di quelle parole, non voleva farlo.

"Dovrai mantenere il controllo."
Come avrebbe dovuto farlo? Era possibile fare una cosa del genere?

Più provava a ignorare quei pensieri, più rimbombavano nella sua mente come cannonate. 

Non voleva mettere in pericolo i suoi compagni ma, allo stesso tempo, non voleva trasformarsi di nuovo in quella cosa.
Però sapeva che l'unico modo che aveva per proteggerli era riuscire a controllarla.

"Potrà davvero aiutarmi?"
Si chiese, pensando a quella "Vermilion" che ancora non aveva incontrato.
Gli altri sembravano riporre molta fiducia in lei.

"E se non dovesse esserne in grado? Cosa dovrei fare?"


Michael provò a nascondere quelle sue preoccupazioni, accelerando il passo e superando i suoi compagni, rimanendo comunque, però, alle spalle di Neptune.
Abbassò lentamente lo sguardo, fissando intensamente la strada su cui stava camminando.

Prese un profondo respiro, provando a liberare finalmente la mente da quei pensieri.
"Tutto al suo tempo..."
Si disse.

"Penserò a queste cose più tardi."


In quell'istante, però, un urlo attirò improvvisamente la sua attenzione.



"Gregory Caitlynn"
Neptune conosceva perfettamente quella persona. 
Era il capitano di uno squadrone di ammazza-demoni di Classe A, colui a cui era stato affidato il compito di abbattere il ricognitore apparso sulle sponde del lago.

<< Pronto-Pronto, qui Neptune. >>
Disse il ragazzo, rispondendo a quella chiamata.

<< N... Neptune... >>
Sussurrò una voce debole, dall'altro capo.

<< Gregory? Cosa succede? >>
Domandò il ragazzo a quella voce.
C'era qualcosa che non andava.

<< Fate attenzione... Sta arrivando da voi... >>
Mormorò quella persona.

<< Di chi stai parlando, Gregory? Stai bene? >>
Domandò all'uomo, cominciando a preoccuparsi.
La sua voce era debole, gli sembrò ferito.

<< Stiamo... Bene... >>
Gli rispose l'uomo, respirando affannosamente.

<< Il demone... Con sei ali... >>
Quelle parole fecero congelare il sangue al ragazzo, il quale si fermò di colpo nel mezzo della strada.

<< Ma siamo nel mezzo della città! >>
L'urlo di Neptune attirò non solo l'attenzione del trio, ma anche quella di parecchi passanti che si voltarono nella loro direzione.

Il ragazzo cominciò istericamente a guardarsi intorno, pallido in volto.
Non fece nemmeno caso alle domande preoccupate dei tre ragazzi alle sue spalle, spaventati dal suo comportamento.

<< Gregory? Gregory, mi senti?! >>
Esclamò il ragazzo, poco dopo, non ricevendo più alcuna risposta dall'uomo.

<< Maledizione...! >>
Imprecò, abbassando lentamente il telefono e fissandolo con una espressione terrorizzata per qualche istante.

In quell'istante si voltò verso il gruppo a cui stava facendo da scorta.

<< Dobbiamo muoverci, ora! >>
Esclamò, riponendo il telefono in una tasca.

<< Cosa sta succedendo, Neptune? >>
Gli domandò Seryu, preoccupato dall'inusuale comportamento del suo compagno.

<< Non ho tempo per spiegare, dobbiamo raggiungere l'orfanotrofio prima che sia troppo tardi! >>
Esclamò, cominciando a correre.

Il trio non si fece ulteriori domande: seguirono a ruota il loro compagno, comprendendo che fosse qualcosa di serio.


Non fecero molta strada.


Quell'urlo riecheggiò per tutta l'area come un fulmine a ciel sereno, attraversando i corpi dei presenti come una lama affilata.
Si bloccarono tutti all'istante, quasi come se qualcuno avesse scattato loro una foto, mentre si guardarono intorno alla ricerca dell'origine di quello strillo.

Una donna era inginocchiata nel terreno, con una cesta di frutta caduta ai suoi piedi. 
Stava fissando il cielo con occhi spalancati e immobili, con una mano davanti alla bocca. Il suo volto era bianco come il latte, e non disse neanche una parola.
Tremava dal terrore solamente davanti a quella vista.

Tutti i presenti sollevarono lentamente lo sguardo verso il cielo, e ben presto altre urla seguirono quella della donna.
Molti scapparono via in preda al terrore, altri afferrarono qualunque cosa avessero vicino a loro come se fosse un'arma, ma nessuno avrebbe mai avuto il coraggio di attaccare.
Altri, invece, rimasero paralizzati dal terrore, immobili come statue, davanti a quella scena.

Una figura umanoide stava fluttuando in cielo, con tre grosse paia di ali nere.
Indossava un'armatura argentata e guardava verso il basso, nella direzione del piccolo gruppo di ragazzi.

Lentamente cominciò la sua discesa in silenzio, senza proferire parola.
L'unico rumore udibile era quello di alcune urla in distanza, e il calmo battito delle sue ali fino a quando non toccò terra.

Non aprì bocca. Posò quel suo sguardo freddo su di loro, mentre ripiegò lentamente le ali alle sue spalle.


[ Ci incontriamo, finalmente, figlio di Azael. ]
Disse, rompendo finalmente quell'assordante silenzio, fissando con uno sguardo deciso Michael, il quale fece istintivamente un passo all'indietro.

In quel preciso istante Neptune fece un passo avanti, camminando davanti al suo compagno.
Quella figura posò il sguardo su di lui.

<< Sembra quasi un insulto, se vuoi la mia opinione. >>
Gli disse Neptune, parlando a quell'essere con un tono di sfida.

[ Non sei tu il mio bersaglio. Fatti da parte. ]
Gli rispose, con un tono autoritario.

<< Mi dispiace, ma temo di non poterlo fare. Sembrerebbe, dopotutto, che il tuo bersaglio sia la persona che io devo tenere al sicuro. >>
Controbatté il ragazzo.
Il demone non gli disse nulla.

<< Quindi... Perdonami se te lo dico, ma ti dispiacerebbe andartene? Non per essere scortese, ma non ti abbiamo invitato alla festa. La prossima volta mi assicurerò di farti avere l'invito. >>
Aggiunse subito dopo, con tono ironico.

Quella figura continuò a fissare il ragazzo in silenzio. Mantenne lo sguardo fisso su Neptune, mostrandogli una espressione cupa e seria.

[ Non sono qui per giocare, ragazzino. ]
Disse finalmente, avvicinandosi lentamente verso di loro.



<< Hey, ragazzini. >>
Disse Neptune al trio alle sue spalle, attirando la loro attenzione, senza mai distogliere lo sguardo dalla figura che lentamente si muoveva nella sua direzione.

<< Ho intenzione di trattenerlo qui il più a lungo possibile. Voglio che voi vi dirigiate all'orfanotrofio alla ricerca di Vermilion... Sperando si trovi li. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Cosa stai dicendo? Non possiamo lasciarti qui da solo! >>
Esclamò Seryu. 
Non avrebbe mai accettato una tale richiesta.

<< Non è una richiesta! >>
Urlò Neptune, voltandosi verso di loro, con tono infastidito e preoccupato.

Il demone colse quell'opportunità al balzo: scattò verso Neptune, colpendolo di sorpresa al collo con un calcio e scagliandolo nel terreno.

[ Non dare mai le spalle al tuo avversario. ]
Disse, fissando il corpo immobile di Neptune.

<< Neptune!! >>
Esclamò Jessica, terrorizzata, indietreggiando.

Gli occhi di Seryu si illuminarono di quel verde fluorescente mentre si scagliò verso quel suo nuovo avversario.
Provò a colpirlo con un pugno, ma il suo attacco non andò a buon fine: il demone lo bloccò con una sola mano.

<< C-Cosa? >>
Balbettò, incredulo, per poi venir colpito in pieno ventre da una ginocchiata.
Seryu si inginocchiò nel terreno, tossendo e mormorando dal dolore.

Il demone lo fissò per qualche secondo, per poi posare il suo sguardo su Michael, il quale si stava preparando ad uno scontro.

<< Chi sei?! Cosa vuoi da noi!? >>
Esclamò il ragazzo, indietreggiando, con Jessica alle sue spalle.
Rimase completamente di stucco da ciò che il demone fece subito dopo.

Gli porse la mano.

[ Il mio nome è Abraxas, e sono stato mandato qui per portarti via. ]
Rispose il demone.

[ Preferirei non dover ricorrere alla violenza. Se accetterai di seguirmi di tua spontanea volontà, nessun altro si farà male. ]
Continuò.

<< Cosa ti fa credere che io voglia andare via con te? >>
Domandò ad Abraxas, senza abbassare la guardia.
Il demone lo fissò in silenzio per qualche istante, per poi abbassare lentamente la mano che gli porse poco prima.

[ Lord Lucifer mi ha ordinato di tenerti in vita, ma lascia che ti dica una cosa... ]
Gli rispose, assumendo una espressione scura come la notte.

[ ...Se necessario, non mi farò problemi a staccarti uno o due arti per portarti via con la forza. ]
Continuò, con tono minaccioso.

Sentendo quelle parole, Michael cominciò a indietreggiare lentamente senza mai distogliere lo sguardo dalla figura immobile davanti a se.
Stava tremando: qualcosa, dentro di lui, stava urlando di stare il più lontano possibile da quell'essere. 

Non aveva provato una sensazione del genere neanche contro Asteroth.


Una debole risatina riecheggiò intorno a loro.
Abraxas diede le spalle a Michael, posando il suo sguardo su Neptune il quale, nel mentre, si era rialzato dal terreno, seppur dolorante.

<< Preferiresti "non ricorrere alla violenza"? Non ti senti un ipocrita? >>
Ridacchiò il ragazzo, dolorante, mentre si reggeva il volto con una mano.

[ Il fine giustifica i mezzi. Se avessi davvero voluto ucciderti, ora non ti saresti di sicuro rialzato, ragazzino. Fai un favore a te stesso e fatti da parte. ]
Gli disse Abraxas, con tono minaccioso.

<< Amico... La pizza che mi hai dato non la dimenticherò facilmente... >>
Continuò Neptune, ignorando le parole del demone, mentre si massaggiava il collo con una mano.

[ Non mi piace ripetermi, ma te lo dirò per l'ultima volta. ]
Disse il demone, dando le spalle a Michael.

[ Non sei tu il mio bersaglio, fatti da parte. Non voglio spargere sangue inutilmente. ]
Ripeté subito dopo, con tono minaccioso.

In quell'istante, lo sguardo di Neptune cambiò.

<< Che ne dici... Se ricambiassi il favore? >>
Domandò al demone.
I suoi occhi cominciarono a brillare di luce propria, mentre cominciò a ringhiare come un lupo.

[ Tu sei... ]
Mormorò, riconoscendo qualcosa in quel suo sguardo.
Non appena proferì quelle parole, Abraxas notò una grossa palla di fuoco rossa come il sangue volare nella sua direzione.

In un battito di ciglia spiegò le sue ali, usandole come scudo contro quell'attacco.
Non appena le abbassò, posò lo sguardo in distanza, nella direzione da cui era arrivata la palla di fuoco, assumendo rapidamente una espressione cupa.


<< Basta così, Neptune. Non fare qualcosa di cui potresti pentirti. >>
Disse una voce femminile.

Tutti i presenti si voltarono rapidamente nella direzione dalla quale provenì quella voce.
Un grosso gruppo di soldati si era radunato in distanza: stavano tenendo il demone sotto tiro con fucili di precisione e altre armi da fuoco.

Davanti a loro vi erano due figure: una ragazza dai lunghi capelli castani, e un uomo, armato di katana, dai lunghi capelli azzurri con una grossa cicatrice verticale sull'occhio sinistro.

<< Ci pensiamo noi, adesso. >>
Disse l'uomo, estraendo la sua spada.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 4-8 e, con esso, del volume 4! Alla prossima con l'inizio del volume 5!

Ritorna all'indice


Capitolo 35
*** Capitolo 5-1: Via d'uscita ***


Capitolo 5-1: Via d'uscita

 

<< Ho così tante domande... >>
Disse la ragazza dai lunghi capelli castani, fissando con uno sguardo incuriosito e, al contempo, confuso il demone a circa una ventina di metri da lei, abbassando lentamente il braccio con cui aveva scagliato la palla di fuoco.

<< ... Ma ciò che mi sorprende di più è il fatto che tu abbia deciso di attaccare la capitale in pieno giorno, da solo, non sapendo quanti membri delle Quattro Galassie fossero in giro. >>
Continuò, facendo qualche passo in avanti.


Aveva i capelli legati a coda di cavallo con un fiocco rosso, e indossava un'armatura da cerimonia del medesimo colore che lasciava scoperte ben poche parti del suo corpo.
Indossava inoltre una lunga gonna bianca che arrivava quasi al suolo, simile a un mantello.

Aveva dei guanti neri e dei bracciali rossi che le coprivano interamente l'avambraccio dal polso al gomito.


<< Mi chiedo se tu voglia morire, o se sei talmente fiducioso nelle tue abilità da credere di poterci sconfiggere da solo. >>
Aggiunse subito dopo.
Posò il suo sguardo sul demone alato davanti a lei, calmo e composto.
Il suo tono non mostrò la benché minima paura o preoccupazione.


[ E se fossi sicuro di poter vincere uno scontro? ]
Le domandò Abraxas, ricambiando il tono deciso e lo sguardo di Vermilion.


<< Allora direi che sei fuori di testa. >>
Gli rispose la ragazza, sollevando poi una mano verso il cielo.
In una frazione di secondo, i soldati alle sue spalle caricarono le loro armi.
Il ragazzo dai capelli azzurri, invece, estrasse la sua lunga katana, preparandosi a uno scontro.


[ Non desidero uno scontro, non è necessario. ]
Disse Abraxas.
Quelle parole non colsero Vermilion di sorpresa.


<< In questo, per lo meno, siamo d'accordo. >>
Gli rispose la ragazza.


[ Lasciatemi recuperare il ragazzo. E' la scelta migliore, fidatevi delle mie parole. ]
Continuò il demone.

Vermilion posò istintivamente il suo sguardo su Michael, per un istante.

<< Mi rincresce, ma devo declinare l'offerta. >>

Fu la sua risposta.
Abraxas non fu contento di sentire quelle parole.

In un istante spiegò le sue tre paia di ali nere.


[ Credete io sia il vostro nemico? ]
Le disse Abraxas.

<< Mi risulta assurdo credere il contrario. >>
Controbatté la ragazza dagli occhi neri.

[ La mia non era una richiesta: era un consiglio. Se non riporterò indietro il figlio di Azael con me, state pur certi che altri verranno a finire il mio lavoro. ]
 
Continuò il demone.
La sua espressione divenne improvvisamente più cupa e minacciosa.


[ E state pur certi che non saranno così propensi a parlare, a differenza mia. ]
Concluse.

<< E, allora, ecco a te il mio consiglio: dì pure ai tuoi compagni che li aspettiamo a braccia aperte, allora. >>
Rispose la ragazza, senza mai perdere quella sua espressione sicura.

<< E che ho tutta l'intenzione di ricambiare la loro gentilezza, se oseranno presentarsi davanti a me con l'intenzione di rapire o fare del male a qualcuno. >>
Continuò, parlando con tono minaccioso, mentre tutto il suo corpo venne avvolto da una lucente aura rossa.



[ Tu sei "Vermilion", corretto? ]
Abraxas sapeva perfettamente chi fossero le due figure che si erano intromesse tra lui e il suo bersaglio, e sapeva perfettamente che non erano avversari che poteva prendere alla leggera. Specialmente non in uno scontro uno contro due.

Lo sguardo di quella ragazza, però, era molto più penetrante e minaccioso di quanto avesse anche solo immaginato.

<< Sono onorata tu mi conosca. Io, al contrario, non so poi tanto di te, Abraxas. >>

Gli rispose la ragazza.

Il demone si voltò lentamente verso Michael, posando il suo sguardo su di lui per qualche istante. 

<< Io non lo farei, se fossi in te. >>
Continuò Vermilion.
Sentendo quelle parole, Abraxas si voltò lentamente verso di lei.

<< Ho un piccolo plotone ben allenato di ammazza-demoni che ti tiene sotto tiro, e ho perfino Andromeda, qui, al mio fianco. Lascia che te lo dica: se tu provassi anche solo a fare un passo verso quel ragazzo, non ne usciresti vivo. >>
Gli disse subito dopo, minacciandolo.


[ Cosa ti fa credere che finirebbe davvero in quel modo? ]
Le domandò Abraxas.

<< Oh, non metto in dubbio tu possa anche sconfiggermi, ma... Lascia che te lo chieda ancora una volta: pensi di essere in grado di sconfiggere sia me che la persona che ha eliminato Azael? >>
Replicò la ragazza.
Sentendo quella parole, Abraxas posò il suo sguardo su Andromeda, il quale, fino a quel momento, non aveva neanche aperto bocca.
Lo sguardo di quel ragazzo era molto più cupo di quello della ragazza.


Aveva continuato a tenere sotto controllo il demone, katana sguainata, con la lama rivolta all'indietro e leggermente inclinata verso il terreno.
Era pronto a scattare da un momento all'altro.

Abraxas sapeva perfettamente di chi si trattasse.
Combattere contro di lui non era assolutamente nelle sue intenzioni.

<< Se lo pensi... Stai davvero delirando. >>
Aggiunse subito dopo, Vermilion.


<< L'unico motivo per cui noi stiamo parlando, adesso, è perché so tu sia diverso dagli altri demoni. >>
Quelle parole attirarono l'attenzione di Abraxas, il quale posò una espressione sorpresa su Vermilion.


<< Per prima cosa, lascia che ti ringrazi per non aver ucciso il gruppo di Gregory. Quando mi ha contattato, qualche minuto fa, sembrava in pessime condizioni, ma mi ha detto che li hai risparmiati tutti e quattro. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Perché? >>
Gli domandò, incuriosita dal comportamento così stranamente discordante rispetto a quello degli altri demoni.


[ Non erano una minaccia. Non avevo motivo per liberarmi di loro. ]
Quella risposta lasciò Vermilion perplessa.

<< E' la prima volta che sento un demone dire questo genere di cose. >>
Gli rispose.

Abraxas abbassò lo sguardo per un istante, assumendo una espressione dispiaciuta.

[ Mi dispiace sentirtelo dire. Sfortunatamente, non tutti la pensano come me. ]
Le disse poco dopo, riassumendo la sua espressione composta.

<< E questo mi fa chiedere perché tu stia con loro. >>
Quella era una domanda che Abraxas si era fatto fin troppe volte.

[ Ho le mie ragioni. Non le capiresti. ]
Le rispose.

[ Lascia che io lo ripeta. ]
Aggiunse subito dopo, facendo un passo in avanti e portandosi una mano sul petto.

[ Il mio bersaglio è il figlio di Azael, nessun altro. Non appena l'avrò recuperato, lascerò la capitale senza causare alcun genere di disordine. E' il risultato migliore per tutti. ]
Le disse subito dopo.

<< Non posso accettare. >>
La risposta di Vermilion non si fece attendere.

[ Non sono il vostro nemico e non voglio diventare tale. Non interferite nella mia missione. ]
Continuò il demone.

<< Non sei un nostro alleato. >>
Gli rispose la ragazza, sollevando poi un braccio al cielo.

<< Phoenix! >>
Non appena urlò quella parola, il suo corpo venne avvolto da intense fiamme di colore scarlatto.
Le fiamme continuarono imperterrite a danzare intorno a lei, senza ferirla, per poi confluire lentamente alle sue spalle senza mai spegnersi.

Pochi istanti dopo le fiamme alle sue spalle assunsero una forma simile a quella di un uccello alato, una fenice fatta interamente di fuoco.

<< Lascia che io ripaghi la tua gentilezza nei confronti di Gregory. >>
Sentendo quelle parole, Andromeda posò il suo sguardo confuso su di lei.

<< Sei il primo demone che non sento l'urgenza di incenerire, quindi lascia che ti dia una possibilità di andartene con le tue stesse gambe... >>
Gli disse.

<< ...O... Ali, dovrei dire. >>
Si corresse subito dopo.

<< Di cosa stai parlando?! Vuoi lasciarlo andare via?! >>
Esclamò Andromeda, incredulo davanti alle parole della compagna.

<< Mio distretto. Mie regole. >>
Disse la ragazza al compagno.

Andromeda digrignò i denti.
Quella risposta non gli piacque per nulla.

<< Se questa mia scelta dovesse tornare indietro a mordermi, me ne prenderò la completa responsabilità. >>
Gli disse subito dopo, voltandosi poi di nuovo verso il demone.

<< Abraxas! >>
Non appena pronunciò quelle parole, Vermilion estese il braccio sinistro verso di lui: le fiamme cominciarono lentamente a girare vorticosamente intorno a lei, convergendo lentamente nel palmo della sua mano e creando una sfera di fuoco.

<< Come segno della mia gratitudine, ho intenzione di darti una, e una sola, chance. Vattene adesso, o muori come tutti gli altri. La scelta è tua. >>
Non appena Vermilion disse quelle parole, Abraxas ripiegò lentamente le ali alle sue spalle, per poi abbassare lentamente lo sguardo.

Andarsene avrebbe significato fallire la missione, e lui non poteva permetterselo.
Ma, nonostante tutto, non poteva permettersi di morire li. 

Era fiducioso delle sue abilità, ma sapeva perfettamente che quello fosse uno scontro impari: non poteva sconfiggerli entrambi. Non da solo.
Riluttante, decise di accettare quell'ultimatum.

[ Vi pentirete di questa vostra scelta. ]
Le disse, posando di nuovo il suo sguardo su di lei.

<< Non sei nella posizione migliore per minacciarci, Abraxas. >>
Rispose la ragazza, infastidita dalle sue parole, continuando a tenere il demone sotto tiro.

[ Non era assolutamente mia intenzione. Il mio altro non era che un semplice avvertimento. ]
Le spiegò il demone, spiegando poi le sue gigantesche ali.

[ Vi ho dato una facile via d'uscita da questa situazione: voi l'avete rifiutata. Io avrò pur fallito il mio compito, oggi, ma voi fallirete a proteggere i vostri cittadini. ]
Quelle parole colsero Vermilion alla sprovvista.

<< Cosa vorresti insinuare? >>
Gli domandò.

[ Verranno altri, dopo di me. E loro non parleranno quanto me, né terranno in vita i vostri subordinati. Non si faranno scrupoli a uccidere voi o la vostra gente per recuperare il ragazzino... O ucciderlo, dipende da chi vi ritroverete davanti. ]
Sentendo quelle parole, Vermilion prese un grosso respiro.

<< Noi non abbiamo cercato questo scontro, ma, se necessario, contrattaccheremo. Dì ai tuoi compagni di mandarci contro chi preferiscono: li brucerò uno ad uno, se necessario. >>
Gli rispose.

[ Lascia che sia io a chiedere al diretto interessato, allora. ]
Abraxas decise di fare un'ultimo tentativo.
Era sicuro che sarebbe riuscito a convincere Michael a seguirlo di sua spontanea volontà.

Vermilion non gli rispose.

[ Se lui accetterà di venire con me, tu non ti intrometterai. ]
Sentendo quelle parole, la ragazza posò il suo sguardo su Michael il quale, fino a quel momento, non aveva mai smesso di ascoltare in silenzio lei e il demone mentre parlavano.

La sua unica risposta fu un cenno positivo con il capo, senza però mai smettere di tenere il demone sotto tiro.


Abraxas si voltò lentamente verso Michael, rivolgendogli finalmente la parola.

[ Figlio di Azael... ]
Gli disse.

<< Michael! Il mio nome è Michael! >>
Lo interruppe il ragazzo.

[ Chiamo per nome solo coloro che rispetto. ]
Quelle parole lo colsero di sorpresa.

[ Dovresti accettare la mia offerta, se tieni alla vita dei tuoi compagni. Se verrai con me, nessuno di loro sarà ferito. Se, invece, deciderai di rimanere qui... Credo tu sappia perfettamente cosa accadrà, in questo caso. E lascia che te lo dica: l'errore commesso da Asteroth non si ripeterà una seconda volta. Verranno qui e non andranno leggeri con voi, come ho fatto io, quantomeno si tratterranno come ha fatto Asteroth. ]
Sentendo quelle parole, Michael abbassò lo sguardo, pensando a ciò che Abraxas gli aveva appena detto.

Non avrebbe mai permesso che qualcuno venisse ferito a causa sua.

[ Sarà un massacro, e io preferirei che una cosa del genere sia evitata. Confido nel tuo buonsenso. ]
Continuò.

Trascorsero alcuni momenti di profondo silenzio, ma finalmente Michael sollevò lo sguardo, posandolo sul demone.
Abraxas rimase sorpreso dai suoi occhi.

<< Non ti seguirò. Se necessario, combatterò anche io contro i tuoi compagni. >>
Gli rispose, con un tono deciso, privo di qualsiasi forma di insicurezza o timore.

Abraxas fissò il ragazzo per qualche istante con gli occhi spalancati.
Non credeva che sarebbe stato così stupido.

[ Suppongo di averti sopravvalutato. ]
Non appena disse quelle parole, Abraxas cominciò lentamente ad alzarsi in volo.

[ State in guardia, allora, umani: vi siete scavati la fossa con le vostre stesse mani. Avevate una via d'uscita e l'avete rifiutata. ]
In quell'istante posò il suo sguardo  su Michael.

[ Se cadrete, sarà solo colpa vostra. ]
Aggiunse subito dopo, librandosi in aria e dando le spalle ai presenti.


Prima che il demone potesse andarsene, però, Michael gli corse incontro.

<< Abraxas! >>
Urlò, attirando la sua attenzione.

Il demone si bloccò in aria, abbassando lo sguardo verso il basso, posandolo sul ragazzo

<< Non dobbiamo per forza combatterci! Non siamo così diversi, dopotutto! >>
Continuò.

Abraxas non gli rispose.

<< Pensa a tutto quello che potremo ottenere se lavorassimo insieme... Non dobbiamo essere per forza nemici, e so che neanche tu lo vuoi esserlo! >>
Continuò.

Abraxas rimase in silenzio a fissarlo senza proferire parola, fluttuando in aria sostenuto dal battere delle sue ali.

[ Ingenuo. ]
Fu l'unica cosa che il demone gli rispose, lasciando il ragazzo di stucco.

[ Hai davvero accettato così rapidamente ciò che sei? O stai solamente fingendo, sperando che gli altri non notino le tue paure e preoccupazioni? ]
Gli disse.
Michael evitò il suo sguardo.

[ Un mondo in cui demoni e umani coesistano pacificamente è una utopia. Sono stato il primo a cercarla, e il primo a realizzare che fosse impossibile. ]
Continuò.

[ E fidatevi delle mie parole: conosco questi due mondi meglio di quanto voi possiate anche solo immaginare. ]
Concluse, lasciandoseli poi tutti alle spalle.



____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-1, grazie di avermi seguito e alla prossima!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 36
*** Capitolo 5-2: Futuro ***


Capitolo 5-2: Futuro

 


<< Sei fuori di testa?! >>
Esclamò Andromeda, non appena Abraxas non fu più visibile, dopo aver rinfoderato la sua spada, scattando improvvisamente verso la sua compagna.
Era furioso: non riuscì a credere che Vermilion avesse permesso a una minaccia di quel calibro di andarsene indisturbata e senza neanche un graffio.

La ragazza fece un profondo respiro, per poi voltarsi verso i soldati alle sue spalle, facendo loro cenno di abbassare le armi.

<< Avremmo potuto ucciderlo qui e ora, e tu gli hai permesso di andarsene?! A cosa diavolo stavi pensando, Vermilion?! >>
Continuò.

<< A differenza tua, io non avevo la benché minima intenzione di scontrarmi con qualcuno nel mezzo della città, rischiando di mettere in pericolo strutture e cittadini, specialmente non avendo certezza sul risultato. Ho agito nel modo che ho ritenuto più giusto e sicuro. >>
Gli rispose la ragazza, a tono.

<< "Più giusto"? Avremmo dovuto far fuori quel bastardo, non lasciarlo andare via! >>
Continuò Andromeda.

<< Non abbiamo abbastanza informazioni su Abraxas per ingaggiare in uno scontro diretto contro di lui! Il fatto che abbia attaccato nel mezzo del giorno dovrebbe farti sorgere qualche dubbio sul fatto che fosse sicuro di poterne uscire vincitore! Ho evitato danni collaterali inutili. Dovresti essermene grata. >>
Rispose la sua compagna, rimanendo ferma nelle sue convinzioni.
Andromeda, sentendo quelle parole, rispose con un verso indispettito, per poi voltarsi verso il gruppo di soldati che, nel mentre, erano rimasti in silenzio ad ascoltare il battibecco dei loro comandanti.

<< Cosa diavolo state facendo voi ancora qui?! Pattugliate l'area! Non vorrei che quel bastardo abbia solamente finto di allontanarsi e sia nascosto in attesa di attaccare di nuovo. >>
Ordinò ai suoi subordinati, facendo loro cenno di disperdersi.

I soldati gli risposero all'unisono con un "Si, signore!", per poi disperdersi in tutte le direzioni.

<< Avremmo dovuto scontrarci contro di lui. E' una minaccia, e tornerà! >>
Aggiunse subito dopo, voltandosi di nuovo verso la sua compagna.

<< Mio distretto, mie regole. Ingaggiare contro qualcuno di cui non conosciamo le potenzialità è un suicidio. >>
Gli ripeté la ragazza.

<< Credi che io abbia paura del "Numero Undici"? Ho fatto ammazzato Azael, ricordatelo. >>
Le disse.

<< Se questa tua decisione tornerà a morderci il culo, la colpa sarà tua. >>
Concluse, indicandola con un dito.


Subito dopo aver detto quelle parole, Andromeda si voltò verso il gruppo che Abraxas aveva attaccato, il quale, nel mentre, si era avvicinato a loro due.
Li conosceva tutti, tranne il figlio di Azael.
E fu proprio lui ad attirare la sua attenzione.

Posò il suo sguardo su quel ragazzo, fissandolo in silenzio con una smorfia infastidita stampata in volto.
Notarono tutti quella sua espressione, specialmente Vermilion, la quale conosceva fin troppo bene le sue maniere e metodi.

Non si interessò neanche allo stato di Neptune, il quale si reggeva a malapena in piedi, aiutato da Seryu.
Si avvicinò rapidamente e con passo minaccioso a Michael, fermandosi poco davanti a lui.

Il ragazzo, confuso e sorpreso dal comportamento di quella figura, rimase in silenzio per qualche istante, ricambiando quel suo sguardo minaccioso con uno preoccupato e, per quanto possibile, amichevole.
Non aveva ancora la benché minima idea del perché Andromeda lo stesse fissando in quel modo così cupo.

<< E' la prima volta che ci incontriamo, giusto? >>
Gli domandò il ragazzo, rompendo quel silenzio assordante.
Andromeda non gli rispose.

<< E'-E' un piacere incontrarti in prima persona! Ho sentito molte storie su di te e- >>
Continuò.
Andromeda era conosciuto con l'epiteto di "Asso dell'Impero", uno dei soldati più abili di tutta Avalon. La sua fama era talmente grande che aveva raggiunto ogni angolo di Gaia, specialmente dopo la Notte Cremisi.
Ai suoi occhi, quella persona era un modello a cui aspirare.


Mai si sarebbe aspettato le parole che Andromeda gli disse, quel giorno.


<< Feccia. >>
Lo interruppe, Andromeda, non permettendogli neanche di finire la sua frase o presentarsi.

Le parole del soldato colsero Michael completamente impreparato: rimase in silenzio con gli occhi spalancati a fissare l'uomo che gli stava davanti, quasi come fosse pietrificato.

<< Sporco bastardo. >>
Aggiunse subito dopo, sputando nel terreno ai suoi piedi.

In quell'istante Vermilion sospirò.

<< Bella prima impressione, Andromeda. >>
Gli disse la ragazza, con tono innervosito.

<< Deve considerarsi fortunato... >>
Le rispose il soldato, senza levare quel suo sguardo disgustato dal ragazzo davanti a lui.

<< ...Per quanto mi piacerebbe farlo, non posso farlo a pezzi come ho fatto con il padre. >>
Dopo aver detto quelle parole, Andromeda diede loro le spalle, allontanandosi rapidamente da loro con un passo frustrato.


<< Vi prego di non prendere troppo alla lettera le sue parole. >>
Sospirò Vermilion, posando il suo sguardo mortificato su Michael, il quale a malapena fu in grado di guardarla negli occhi.
Le parole del suo compagno avevano fatto molto più male al ragazzo di quanto sembrasse, e lei lo sapeva perfettamente.

<< Cosa ha di sbagliato? Ciò che ha detto era completamente fuori luogo e irrispettoso! >>
Esclamò Jessica, infastidita dalle parole dell'Asso dell'Impero.

<< L'ho incontrato solo una volta, e non ho avuto la possibilità di parlarci... Non avevo idea fosse così. >>
Aggiunse Seryu.

<< Andromeda ha un pessimo carattere. Ma posso assicurarvi che... Non è sempre così. >>
Disse loro Vermilion, cercando di mettere una benda sul danno fatto dal suo compagno, ma sapeva fosse difficile.

<< So che sia difficile farvi credere il contrario, dopo questo primo incontro, ma non prendetelo troppo sul serio... >>
Continuò, posando poi il suo sguardo su Michael.

Il ragazzo era devastato.
Non erano quelle le parole che avrebbe voluto sentire in quel momento, e Vermilion lo sapeva perfettamente.

<< ... O sul personale, nel tuo caso. >>
Aggiunse.
In quell'istante Michael sollevò lo sguardo, posandolo su di lei.

<< Andromeda ha un pessimo rapporto con i demoni... Specialmente con Amon e Azael. >>
Continuò, cercando di spiegare a quel gruppo i motivi che si nascondevano dietro le parole del suo compagno.

<< Non è una ragione che giustifichi i suoi metodi. >>
Le rispose Seryu, con tono infastidito.

<< Oh, non hai visto nulla... Quel tipo ha sbattuto la mia testa su un tavolo, tanto tempo fa. >>
Aggiunse Neptune, con tono divertito.

Seryu e Jessica lo guardarono con orrore.

<< Neptune, non stai aiutando. >>
Sbuffò Vermilion, mentre il ragazzo ridacchiò.


<< Suo padre è morto nella Grande Guerra contro Savia, più di trent'anni fa. Quindi è stato cresciuto solo da sua madre. C'era un uomo che, però, l'ha preso sotto la sua ala. Andromeda, crescendo, instaurò un rapporto talmente profondo con quell'uomo, che arrivò persino a considerarlo il suo secondo padre. >>
Raccontò Vermilion.

<< Quell'uomo venne ucciso da un demone, parecchi anni fa... Da Amon, per la precisione. >>
Non appena pronunciò quelle parole, la sua voce tremò per un istante.
Si portò una mano davanti al petto, prendendo un grosso respiro.

Poi un grosso sorriso apparve nel suo volto.

<< Quell'uomo era molto importante anche per me: mi ha dato un motivo per vivere, mi ha salvata. Magnus è diventata la mia casa grazie a lui. Ero li quando perse la vita, e non fui in grado di aiutarlo come lui fece con me. Prima d'allora, i demoni erano a malapena un nemico che Andromeda doveva affrontare, ma... Da quel momento cambiò. Era molto più legato a Xander di quanto lo ero io, non riuscì a sopportare la sua scomparsa. >>
Continuò.
Vermilion notò che le sue parole erano riuscite a far calmare il trio e, notandolo, prese un sospiro di sollievo.

<< Non è una cattiva persona. So che può non sembrare, ma vi assicuro che è tutto fumo e niente arrosto. Non farebbe del male a una mosca, ma sa essere spietato con le parole. Dategli tempo, si abituerà. >>
Concluse, sorridendo al gruppo davanti a lei.


<< Oh, Vermilion... >>
Disse Neptune, con tono teatrale.
Sentendo le sue parole, la ragazza alzò gli occhi al cielo.

<< Il tuo sorriso brilla come mille soli, potrei innamorarmi di nuovo di te come la prima volta! >>
Esclamò, sollevando una mano al cielo.

<< E sarai rifiutato, come la prima volta. >>
Non appena Vermilion gli rispose, una espressione dolorante apparve nel volto di Neptune.

<< Ah! Il mio cuore... >>
Esclamò, reggendosi il petto con una mano.

<< La mia povera anima, spezzata in due! >>
Continuò.

<< Finiscila, per cortesia... >>
Mormorò la ragazza, portandosi una mano davanti al volto.

<< Nonostante sia stata una situazione un po' tesa... Benvenuti a Magnus. >>
Aggiunse subito dopo, posando il suo sguardo sul trio, e ignorando completamente Neptune.

<< Ehra mi ha contattata, ieri, avvertendomi del vostro arrivo. Mi ha anche raccontato, a grandi linee, cosa è successo e il motivo per cui vi ha mandati da me. Quindi credo sia meglio muoverci. Rimanere qui all'aperto a discutere certi dettagli, non credo sia la scelta migliore. >>
Continuò, facendo poi cenno al gruppo di seguirla.



Il gruppo seguì Vermilion senza fare storie, seguendola per quelle strade in silenzio.
Le persone, vedendola, le sorridevano, la chiamavano, urlavano il suo nome. Sembrava quasi un cantante o un'attrice che camminava in mezzo alla folla.
E lei rispondeva con saluti e sorrisi a tutti.
Rimasero tutti sorpresi da quella scena, tranne Neptune, il quale ormai sapeva perfettamente della popolarità della ragazza.

Infatti, tra i membri delle Quattro Galassie, Vermilion era la più popolare, nonostante fosse anche la più debole, la nuova arrivata.
La differenza tra lei e così tante altri militari, stava non solo nel suo modo di fare, ma nelle sue origini.

A differenza di tanti altri, Vermilion non mostrò mai un modo di fare altezzoso, anzi: nonostante il titolo e la fama che riuscì a ottenere, continuò a mostrare rispetto e a trattare come suoi pari tutte le persone intorno a lei, eccezion fatta nei momenti di difficoltà, durante i quali non si faceva problemi a esercitare la sua autorità.

Continuò a visitare le persone che l'avevano cresciuta, senza mai dimenticarsi di loro neanche per un giorno.
Non cercava fama o denaro. 


<< Ho deciso di diventare un soldato per tenere fede a una promessa. >>
Rispose la ragazza alla domanda di Michael.

<< Che genere di promessa? >>
Le domandò Jessica, incuriosita da quella risposta.

<< Quell'uomo vide qualcosa in me, e decise di prendermi sotto la sua ala. Mi mise all'interno di un gruppo che lui stesso stava allenando... Eravamo in quattro, e lui era solito dire che saremo dovuti diventare le prossime Quattro Galassie. A quel tempo nessuno di noi credeva alle sue parole, perfino lui la prendeva sul ridere... >>
Disse la ragazza.
Nonostante fossero bellissimi ricordi, per Vermilion il solo ripensare a quei momenti riuscì a riaprire profonde ferite che, anche a distanza di anni, non si erano ancora rimarginate.

Per un istante, la sua voce tremò.

<< Ma, nel profondo, lui ci credeva. >>
Continuò, voltandosi verso quel gruppo di ragazzi.
I suoi occhi, le sue labbra e il suo spirito sorrisero tutte insieme allo stesso istante.

<< Ero li, quando Xander perse la vita per mano di Amon, nel tentativo di salvare la nostra. L'ultima cosa che fece fu sorriderci, per poi dirci di andare via. >>
In quell'istante, però, Vermilion, chiuse gli occhi, smise di parlare.
Cominciò a tremare, ma fu in grado di mantenere l'autocontrollo.

<< Teneva a noi più della sua stessa vita. Il suo sacrificio, però, fu invano... Amon ci raggiunse e... Sono l'unica sopravvissuta. >>
Disse.

<< Scappai, mi nascosi per molto tempo, ma alla fine tornai alla capitale. Se mi fossi arresa, avrei macchiato la sua memoria. >>
Parlò con un tono deciso, smettendo improvvisamente di tremare.

<< Lui credeva in me, e io non potevo tradire quella fiducia. Avevo qualcosa da fare da cui non potevo tirarmi indietro: avrei continuato ciò che lui aveva iniziato con me. Quindi decisi di arruolarmi. E, fortunatamente per me, gli allenamenti di Xander mi permisero di evitarmi i tre anni in un istituto militare. >>
Continuò.

<< Non potevo tirarmi indietro, quindi decisi di seguire le sue orme: avrei aiutato le persone mostrando loro lo stesso sorriso che lui aveva mostrato a me. Avrei trattato le persone nello stesso modo in cui lui trattò me. Le avrei protette, esattamente come lui protesse me. >>
Disse, portandosi una mano nel petto.

<< Non potevo stare a guardare mentre le altre persone soffrivano, quando qualcun altro aveva dato la sua vita per proteggere la mia. E' per questo che ho deciso di diventare un soldato, è per questo che combatto. Non cerco fama, non voglio denaro. Lo faccio perché lo devo alle persone che mi hanno permesso di essere qui, lo faccio perché è la cosa giusta da fare. >>
Sentendo le sue parole, i presenti rimasero a fissarla in silenzio con uno sguardo pieno di ammirazione e ... Tutti, tranne una sola persona il cui sguardo era completamente diverso.

<< Le persone che lui non può proteggere, le proteggerò io. Le persone a cui lui non può sorridere vedranno il mio sorriso, cosicché, quando lo incontrerò di nuovo, potrò guardarlo con sicurezza, sapendo di aver tenuto fede alla sua fiducia. >>
Concluse.
Non appena smise di parlare, mostrò loro di nuovo quel suo sorriso.


____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 5-2, grazie di avermi seguito e alla prossima!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 37
*** Capitolo 5-3: Uno di noi [1-2] ***


Capitolo 5-3: Uno di noi [1-2]

 


"Pensa a tutto quello che potremo ottenere se lavorassimo insieme."
Quelle parole ripresero stranamente a riecheggiare nella mente di Abraxas, durante il suo rientro al castello di Bael.


"Quel ragazzino è ingenuo"
Continuò a ripetersi.
"I suoi ideali sono sciocchi, e, quando fallirà, cadrà come un castello di carte al vento."



"Non dobbiamo essere per forza nemici, e so che neanche tu vuoi esserlo!"
In quello, però, aveva ragione: Abraxas non desiderava diventare un nemico per gli umani.

Purtroppo, però, la situazione non permetteva altrimenti.

[ Se, per raggiungere il mio obiettivo, dovrò diventare nemico dell'umanità... ]
Disse tra se e se, non appena vide il castello in distanza.


[ ...Allora accetterò di buon grado il compito. ]
Aggiunse.


Il castello di Bael era un'antica fortezza creata da una civiltà ormai perduta, incredibilmente alto, con torri talmente imponenti che neppure Abraxas era in grado di raggiungerne la cima, in volo.

Non sapeva neanche lui quando e come fosse stato costruito, ma poteva avvertire una gigantesca essenza magica tutto intorno a quell'area.
Una, in particolare, poteva sentirla pulsare sotto le fondamenta del castello.

Talmente intensa che la prima volta che la avvertì, provò un brivido di terrore attraversagli la schiena.
Sapeva perfettamente che quella costruzione fosse di origine umana, ma quelle pietre emanavano una energia magica che Abraxas non aveva mai sentito prima.
L'area su cui sorgeva il castello era completamente desertica: il terreno era arido, pieno di crepe e burroni e non vi era alcun segno di vegetazione se non alberi ormai fossilizzati.
Inoltre, non vi era più alcun segno di civiltà, eccezion fatta per il gigantesco edificio.

Lucifer era convinto che quel castello si trovasse li da ben prima che i demoni arrivassero su Gaia, e che la civiltà che l'aveva costruito era ormai scomparsa millenni addietro.
Secondo Belzebub, infatti, la caduta di quella civiltà era da attribuire ad una Pietra Filosofale. 

"Sciocchi umani che, ignari della loro stessa ignoranza, hanno provato a controllare un qualcosa che ancora non conoscevano. Un classico."
Era solito ripetere Belzebub, quando gli veniva chiesto il suo parere su cosa fosse accaduto in quel posto.


Non appena Abraxas arrivò a destinazione, sorvolò la gigantesca entrata dell'edificio, per poi atterrare su un grosso terrazzo che dava direttamente all'interno del palazzo.

Non appena appoggiò i piedi nel terreno, vide qualcuno in distanza, nascosto nell'ombra e seduto ad un tavolo.
Quella figura lo guardò in silenzio per qualche istante, per poi riprendere a mordere un grosso pezzo di carne.


[ Era da un po' che non ti vedevo mangiare, Mirfah. ]
Disse Abraxas al suo compagno, ripiegando le sue grosse ali nere alle sue spalle, avvicinandosi a quella figura a lui familiare.
Erano molto simili, loro due.


[ A noi non serve mangiare. ]
Rispose quella figura, senza però smettere di strappare la carne da quell'osso.

Abraxas gli sorrise, per poi indirizzarsi verso l'uscita di quella stanza.


[ Suppongo tu abbia fallito la tua missione, Abraxas. ]
Disse Mirfah al suo compagno.
Abraxas non si voltò verso di lui.

[ Posso già sentire la risata divertita di Belzebub. ]
Aggiunse subito dopo, capendo che Abraxas non gli avrebbe risposto.

[ Ho fatto ciò che ho dovevo. ]
Gli rispose Abraxas, incamminandosi di nuovo in verso l'uscita della stanza.


Prima che potesse lasciarla, però, Mirfah lo chiamò di nuovo.
Abraxas si voltò verso di lui, senza dire nulla, attendendo in silenzio che il suo compagno parlasse.

[ Quel ragazzino... E' davvero il figlio di Azael?
 ]
Gli domandò Mirfah.
Abraxas notò che i cristalli che ricoprivano il corpo di Mirfah cominciarono a tremare e a brillare di una luce viola intensa.

Il suo sguardo era cupo, e Abraxas sapeva perfettamente a cosa stesse pensando il suo compagno.



[ Dovresti lasciarti alle spalle quella promessa, Mirfah. ]
Al demone non andò a genio quella domanda.
Si alzò di scatto dalla sua sedia, mostrando al suo compagno una espressione furiosa.

[ Rispondi solamente alla mia maledetta domanda.
 ]
Ringhiò, allungando una mano verso Abraxas.
Il suo intero arto era ricoperto di cristalli viola, pulsavano.
Sembravano vivi.

Abraxas fece un cenno positivo con il capo.

Mirfah abbassò lo sguardo, assumendo una strana espressione in volto.
Abraxas sapeva perfettamente a cosa stesse pensando, e doveva impedire che Mirfah facesse qualcosa di stupido.


[ E' debole. ]
Quelle parole attirarono la sua attenzione.

[ Non può tenere fede alla promessa che Azael ti fece anni fa.
 ]
Continuò.
Sentendo quelle parole, Mirfah gli rispose con un verso insoddisfatto, per poi dargli rapidamente le spalle, dirigendosi di nuovo verso il tavolo da cui si era alzato poc'anzi.


[ Allora aspetterò. ]
Fu la sua unica risposta, mentre riprese a mordere quel pezzo di carne.



Subito dopo aver lasciato la stanza dove incontrò Mirfah, Abraxas si incamminò con passo lento e deciso verso gli alloggi di Lucifer, i quali si trovavano nei pressi della stanza del trono, su cui Bael era solito stare.
Non appena raggiunse la sua destinazione, dopo aver camminato per molti minuti in quei lunghi e vuoti corridoi, avendoli ormai memorizzati come le sue tasche, Abraxas bussò ad una pesante porta in legno scuro. 
Quel suono rimbombò per tutta l'area per qualche secondo.

Una voce maschile proveniente dall'interno della stanza gli diede il permesso di entrare.

Quando Abraxas aprì la porta si trovò davanti due figure.
Un uomo biondo, con il petto nudo e una donna con dei corti capelli azzurri.

Lucifer posò il suo sguardo incuriosito su Abraxas, non appena lo vide, mentre Astarte sembrò guardarlo con uno sguardo infastidito.
Non era felice che lui li avesse interrotti.
Ormai erano tutti abituati a vederli insieme: la loro relazione era molto simile a quella che Iris aveva con Azael, dopotutto.


[ Sono qui per fare rapporto, Lord Lucifer. ]
Disse Abraxas, facendo un grosso inchino, evitando rapidamente lo sguardo innervosito di Astarte.


* Parla pure. *
Gli rispose il suo comandante, facendogli cenno con una mano di alzare il capo.


[ Sfortunatamente, non sono stato in grado di portare a termine la missione... La prego di perdonarmi, Lord Lucifer. ]
Continuò il demone. 
Abraxas nutriva un profondo rispetto per Lucifer e Bael. L'aver fallito la missione era una cosa che lui stesso non sarebbe riuscito a perdonarsi facilmente.

* Posso notarlo, Abraxas... *
Gli rispose Lucifer, facendo poi un cenno ad Astarte.
La donna dai capelli corti e azzurri fece un rapido inchino, per poi allontanarsi da loro.

* Sono sicuro tu abbia fatto il tuo meglio, Abraxas. Non fartene una colpa: avremo altre possibilità di successo. *
Gli disse, avvicinandosi poi lentamente a lui, appoggiandogli una mano sulla spalla.

[ Il ragazzino non è ancora in grado di controllarsi, e per questo è accompagnato da persone molto potenti. Attaccare individualmente sarebbe un suicidio perfino per i demoni di rango più alto. ]
Disse il demone al suo comandante.
Lucifer non sembrò sorpreso dalle sue parole.

Come hai fallito la missione, se non ti disturba dirmelo? *
Gli domandò subito dopo.

[ Il mio piano era quello di attaccarli prima che raggiungessero la capitale, ma sono stato individuato da un gruppo di ammazza-demoni che si trovava nell'area. Sono stati in grado di rallentarmi abbastanza da permettere al bersaglio di giungere la sua destinazione. Quando sono riuscito a raggiungere il figlio di Azael, era ormai troppo tardi: non sono stato in grado di recuperarlo abbastanza rapidamente, e due membri delle Quattro Galassie si sono messi tra me e lui.  ]
Spiegò il demone al suo comandante.

* Quindi, conoscendoti, hai preferito evitare uno scontro. *
Aggiunse Lucifer, dando poi le spalle al suo subordinato.

[ Ero sicuro che non si sarebbero rivelati problematici, se fossero stati da soli... Però non mi sentivo confidente di scontrarmi da solo contro due di loro, e altri militari. Per questo ho preferito ritirarmi. ]

Spiegò Abraxas.

Hai fatto bene: avremo altre chance per occuparci del ragazzino, e perdere qualcuno del tuo livello non è sicuramente nelle mie priorità. *
Rispose Lucifer al demone, voltandosi di nuovo verso di lui.


[ La ringrazio delle sue parole e comprensione, Lord Lucifer. ]
Gli rispose Abraxas, facendo un secondo inchino.
In quell'istante Astarte tornò con una veste in mano, porgendola poi al suo signore.

Era una veste rossa con delle rifiniture in pelle color oro.

Il demone indossò rapidamente i nuovi indumenti, per poi dare le spalle ai suoi subordinati.

C'era qualcosa che neanche Lucifer riuscì a capire, in quell'istante: una espressione dubbiosa comparve nel suo volto, e cominciò a grattarsi il mento con fare pensieroso.

Dove hai incontrato questo gruppo di ammazza-demoni, Abraxas? *
Domandò al suo subordinato, senza voltarsi verso di lui.


[ Nei pressi del perimetro della capitale, signore. ]
La risposta di Abraxas fu tempestiva, e colse il suo comandante alla sprovvista.



Cosa ci faceva un gruppo di ammazza-demoni intorno ai confini della capitale? *
Si domandò il demone, con fare confuso.
Non era una domanda illecita, dopotutto: i gruppi di ammazza-demoni erano conosciuti per i grossi danni collaterali che causavano nei dintorni, durante gli scontri con i loro bersagli.

Tenere un gruppo attivo così vicino alle mura, specialmente quelle di una città importante come Magnus, non era una scelta saggia.
Doveva esserci un motivo...
Motivo che Lucifer ancora non conosceva.


[ Sembrerebbe che nell'area fosse apparso un ricognitore, Lord Lucifer. Quindi sono stati mandati ad occuparsene. ]
La risposta di Abraxas lasciò Lucifer completamente di stucco.

"Un ricognitore? Nei pressi della capitale?"
Non riusciva a credere a quelle parole. 

I ricognitori erano demoni creati artificialmente da Anansi, un demone dall'aspetto di un gigantesco ragno nero con otto lunghe zampe rosse e due facce umane ai lati del suo addome nero.
Per quale motivo uno dei suoi figli si trovava, a sua insaputa, nei pressi della capitale?


* Perdonami, Abraxas, ma per il momento dobbiamo concludere la discussione qui. *
Disse Lucifer al suo subordinato, cogliendolo di sorpresa.
Era infastidito: aveva una vaga idea di quale fosse il motivo dietro quella situazione.

* Va e informa Belzebub del fatto che voglio scambiare due parole con lui, in cinque minuti. Digli pure di attendermi nella stanza del trono.*
Continuò, facendo poi gesto ad Astarte di seguirlo, per poi muoversi con un passo pesante in direzione dell'uscita.


[ C'è qualcosa che la preoccupa, signore? ]
Domandò Abraxas al demone.
Lucifer si bloccò di colpo davanti all'uscita.


Si voltò lentamente, fissando il suo subordinato con uno sguardo che gli fece gelare il sangue.
Quella faccia bastò ad Abraxas per fargli capire di non fare altre domande.

Anzi, in verità vorrei che tu avvertissi tutti quanti di raggiungermi in cinque minuti nella stanza del trono. *
Disse al suo subordinato, con un tono minaccioso.


[ Iris non... Si trova al palazzo, al momento. ]
Gli rispose Abraxas, preoccupato per la possibile reazione del suo comandante.

Non ha importanza, lei non mi serve. *
Disse Lucifer, dandogli poi rapidamente le spalle, lasciando poi la stanza.
Il suo tono era basso, cupo, e il suo sguardo era fisso davanti a lui.

Abraxas capì immediatamente fosse furioso.

* Ciò che mi serve è ricordare a qualcuno quale sia il suo posto. *
Continuò.


____________________________________________________________________________________________________________




E ora finalmente un'altra tabella (quasi) completa con tutti i demoni più importanti incontrati/nominati fin'ora. 


  Rank - Nome     |   Classe  |      Titolo       |  Informazioni Extra
____________________________________________________________________________________________________________

      1- Lucifer       |     SSS    |          ???        |  Fratello di Bael, attuale leader dei Dodici Generali Demoniaci come suo vice.
      2- Amon        |      SS      | Il Ruggente  |  Abile mago che controlla i fulmini. La sua forza varia in base al suo stato d'animo. Ha tre fratelli.
      3- Azael         |      SS      | Il Carnefice  |  Demone con più sangue tra le mani, eliminato da Andromeda. Immune alla magia. Terzo demone più forte.

     4- Belzebub    |       S       |  Il Superbo   | Uno dei demoni più pericolosi: crudele, sadico e calcolatore. Una figura che ben pochi vorrebbero trovarsi davanti.
     5-    Iris           |       S       |         ???          | Concubina di Azael, sorella di Venus alla quale è subentrata dopo il suo tradimento.

     6-    Astarte    |       S        | La Golosa     | Un demone che adora far del male alle sue vittime, conosciuta per una fame insaziabile.
     7-    Mirfah     |       S       |         ???         |  Uno degli ultimi arrivati tra le fila dei Dodici Generali. Perfino i suoi compagni sanno poco su di lui.
     8-   Ifrit           |       S       |         ???         | Uno dei fratelli di Amon, una bestia mostruosa che controlla le fiamme.
     9-  Behemot  |        S       |         ???        |  Uno dei fratelli di Amon, una bestia mostruosa che controlla il vento.
  10-  Leviathan |       S       |         ???         | Uno dei fratelli di Amon, una bestia mostruosa che controlla l'acqua.
   11-  Abraxas    |       S        |    Il Calmo    | Uno degli ultimi arrivati tra le fila dei Dodici Generali. Poco si sa riguardo al suo conto.
   12- Asteroth    |      S        |  Lo Spietato | Il più crudele e vendicativo, tra i più forti fisicamente. Non può usare magie proprie. Immune a magie inferiori al rango 8. 
 
    13- Nergal      |      A        |  Il Vorace    |  Il demone di Classe A più forte. Resistente, forte ma stupido. Magie di Rango 6 o inferiori poco efficaci.         

  //- Siegmund |      S        |    Il  Pigro    | Uno degli ex-membri dei Dodici Generali, padre di Neptune. Deceduto.
  //- Venus        |      ?        |         ???        | Sorella di Iris. Sembrerebbe essere stata rinchiusa da Lucifer stesso dopo un tradimento nei meandri del castello.
 //- Anansi       |      ?        |         ???        | Demone ragno, colei che da vita ai cosiddetti "ricognitori".
____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-3, grazie di avermi seguito e alla prossima!




 

Ritorna all'indice


Capitolo 38
*** Capitolo 5-4: Uno di noi [2-2] ***


Capitolo 5-4: Uno di noi [2-2]

 

Non appena lasciò le sue stanze, Lucifer arrivò a una grossa scala a chiocciola accompagnato da Astarte, la quale non tolse neanche per un istante il suo sguardo ammaliato dal suo padrone.
Ogni tanto Lucifer poté sentirla borbottare da sola quanto fosse "affamata", ma non fece caso a quali fossero le esatte parole che stesse dicendo.

Dopotutto, Astarte era conosciuta per essere un pozzo senza fondo: la sua fame era insaziabile, e spesso cibi prelibati non erano ciò che bastava a saziare il suo palato.

Il demone, però, aveva ben altro in mente.
Qualcuno stava prendendo decisioni senza il suo consenso, ignorando completamente quale fosse la sua autorità: non poteva accettare un simile comportamento.

Lui era il comandante dei Dodici Generali Demoniaci, ed era tempo di ricordare ai suoi sottoposti quale fosse il loro posto.


I due demoni raggiunsero ben presto le catacombe che si trovavano al di sotto del palazzo.
Erano gigantesche e si disperdevano a vista d'occhio.

Un labirinto in mattoni chiari, con una miriade di disegni e figure antropomorfe scolpiti in essi, di animali e strane figure umanoidi.
Nonostante la vastità di quel posto sotterraneo, era completamente desertico e illuminato da torce alimentate da magia che non si sarebbero mai spente.


Più Lucifer e Astarte si addentrarono in quel lugubre posto, più la luce che lo illuminava si fece sempre più fiaca.
Man mano che andarono avanti, delle grosse ragnatele cominciarono ad adornare muri e soffitti, diventando man mano sempre più mastodontiche e fitte.

Ad un certo punto divennero talmente imponenti, che, dopo appena pochi minuti, divenne ormai impossibile riconoscere dove si trovassero: le catacombe erano completamente scomparse.

Al loro posto, vi erano muraglie fatte interamente di seta bianca.


Anansi! *
Non appena Lucifer urlò quel nome, cadde un profondo silenzio.
I due demoni rimasero immobili a fissare un gigantesco buco in quel muro di seta, fino a quando una lunga zampa rossa uscì fuori dall'oscurità.

Lentamente, altre sette zampe seguirono la prima, facendosi strada una ad una tra le ragnatele che lei stessa aveva creato, bloccandosi di colpo non appena lasciò completamente la sua dimora.

Era un gigantesco aracnide di colore nero, grande quanto una stanza di media grandezza.
Aveva sei occhi grigi con i quali rimase a fissare i due demoni davanti a se: due erano molto grandi, mentre i restanti quattro, più piccoli, si trovavano al di sotto di quelli più grandi.
Non appena riconobbe quelle due figure, Anansi cominciò a muovere rapidamente le sue mandibole rosse, facendo riecheggiare uno strano e spiacevole ticchettio intorno ai presenti.

La parte più strana e agghiacciante del suo corpo era, però, il suo addome.
Aveva due grosse facce umane, una per lato, disegnate su esso.

Una aveva fattezze femminili, l'altra maschile.
Avevano espressioni agonizzanti disegnate nei loro volti.


<< E'-E'-E' passato tanto t-t-tempo, L-L-Lord L-Lucifer, dall'ultima v-v-volta che mi ha f-fatto v-v-visita... >>
Sussurrò una voce spettrale, femminile, che sembrò quasi provenire dall'oltretomba.

* Sono venuto oggi per farti una domanda, Anansi, se non ti dispiace. *
Rispose Lucifer a quella voce.

Il gigantesco ragno piegò rapidamente la sua testa di lato, posando i suoi occhi su Astarte, la quale, nel mentre, cominciò a leccarsi le labbra con uno sguardo bramoso, rossa in volto.

Lucifer notò rapidamente l'espressione della donna.

* Astarte, controllati. *
Le disse, con un tono rimproverante.

La donna-demone si toccò rapidamente il volto con una mano.

<< Mi perdoni, Lord Lucifer... E' solo che ho così tanta fame... >>
Sussurrò la donna, posando poi quel suo sguardo desideroso sulla creatura davanti a lei.

<< ... E non ho ancora mai provato la carne di un demone di questo tipo... >>
Continuò.

A Lucifer non piacquero quelle parole.

* Non farmi pentire di averti portato con me, Astarte. *
Le disse, con tono infastidito.

Quelle parole furono abbastanza per terrorizzare la donna, la quale cominciò istericamente a chiedergli perdono.


<< C-C-Come posso a-a-assisterla, L-L-Lord Lucifer? >>
Domandò ancora una volta quella voce spettrale, posando il suo sguardo su Lucifer.

Ho avuto notizie che uno dei tuoi figli è stato ritrovato a pattugliare i confini di Magnus, Anansi. Sapresti dirmi il motivo? *
Le rispose il comandante.

Per qualche istante cadde un profondo silenzio, in quella stanza.
Anansi rimase in silenzio a fissare quelle due figure davanti a se, per poi avvicinarsi lentamente verso di loro.

<< Q-Qualche g-g-giorno fa, Lord B-B-Belzebub mi ha chiesto u-uno dei miei f-f-figli. Ha d-d-detto che fosse un s-s-suo diretto ordine, Lord L-Lucifer, quindi non ho fatto d-d-domande. >>
Stavolta Anansi rispose con una voce maschile, non meno spettrale di prima.


Una espressione infastidita apparve rapidamente sul volto di Lucifer.
I suoi dubbi avevano, ormai, ricevuto conferma. Non poteva accettare un simile comportamento: se l'avesse lasciato passare impunito, avrebbe sicuramente ostacolato i suoi piani.

Era tempo di ricordare ai Dodici Generali chi fosse il leader, e chi i sottoposti.


<< S-Suppongo fosse una b-b-bugia. >>
Disse Anansi, sempre con quella voce maschile.

<< Ho f-f-fatto qualcosa di s-sbagliato, L-L-Lord L-L-Lucifer? Sono nei g-guai anche i-i-io? >>
Continuò, stavolta parlando di nuovo con la voce femminile.

* No, Anansi. Non temere, non hai colpe. Non potevi sapere che Belzebub ti stesse mentendo. Ti ringrazio del tempo che mi hai dedicato, se ti serve qualcosa non esitare a chiedermelo. *
Le rispose Lucifer, facendo poi un breve inchino davanti a lei.

<< N-Non serve sia c-c-così f-formale con m-me, mio s-s-signore.  >>
Gli rispose Anansi.

<< Non m-mi servirà n-n-nulla, L-Lord Lucifer. Il s-s-silenzio e l'oscurità di q-q-questo posto è g-già tutto quello di cui h-h-ho b-bisogno. >>
Continuò, parlando di nuovo con una voce maschile.

Subito dopo aver detto quelle parole, Lucifer le diede le spalle, deciso a lasciare quel posto.
Era furioso: non riuscì a credere che Belzebub non solo avesse agito di sua spontanea volontà, lasciandolo all'oscuro dei suoi piani, ma avesse perfino coinvolto i suoi subordinati, usando il suo stesso nome per agevolarsi il lavoro.


<< L-Lord L-Lucifer. >>
Lo chiamò, Anansi, prima che potesse allontanarsi troppo.

Il demone si voltò lentamente verso di lei, posando il suo sguardo su di lei.

* Si, Anansi? *
Le domandò, con tono incuriosito.

<< C-C-Cosa è successo al m-mio f-f-figlio? Ho p-p-perso i contatti con lui non m-m-molto t-tempo fa. >>
Gli domandò.

* E' stato eliminato dagli umani a causa del compito che Belzebub ha dato lui, Anansi. *
La risposta di Lucifer fu tempestiva.
Non appena disse quelle parole, diede di nuovo le spalle al demone-ragno, dirigendosi verso l'uscita delle catacombe.

Anansi non gli rispose.
Abbassò lo sguardo, per poi dirigersi lentamente all'interno della sua tana.



Anansi fu uno dei primi demoni che giurò fedeltà a Bael. 
Non è una creatura molto socievole; odia la luce del sole e i posti aperti. Motivo per cui, non appena venne a scoprire dell'esistenza di quelle catacombe, le scelse immediatamente come sua dimora.

Anansi è piuttosto differente dagli altri demoni che vennero scelti come membri dei Dodici Generali.
Infatti, a differenza del suo aspetto, lei non è un demone violento: è, anzi, piuttosto docile e fragile.

Potrebbe facilmente venir abbattuta da un piccolo gruppo di soldati ben addestrati, motivo per cui preferì isolarsi nell'oscurità, piuttosto che scendere in prima persona sul campo di battaglia.
Nonostante la sua scarsa forza fisica, se paragonata a quella di altri demoni del suo stesso rango come Nergal, Anansi trovò ben presto il modo in cui aiutare il suo comandante.

La sua capacità di poter dare alla luce dei figli senza necessità di un compagno, le permise di offrire a Bael un'infinita fonte di piccoli e rapidi ricognitori che poteva usare per spiare bersagli, o tenere sotto controllo delle specifiche aree senza venir scoperti.
Infatti, Anansi era connessa ai suoi figli tramite una connessione mentale, simile alla telepatia.

Perderli, però, era qualcosa che la feriva più di qualunque altra cosa.




Qualche minuto dopo aver parlato con Anansi, Lucifer raggiunse finalmente la stanza del trono.
Aprì con forza la porta che dava su quella stanza, trovandosi davanti tutti i membri dei Dodici Generali che si trovavano nel palazzo, esattamente come sperava.

Tutti tranne le Tre Bestie, i fratelli di Amon, i quali erano troppo grandi per starci, e Iris, la quale non si trovava nel palazzo.

La sua entrata e la sua espressione colsero i demoni di sorpresa: era insolito vedere Lucifer infastidito, dopotutto.


Un grosso tappeto rosso portava dall'entrata fino al trono, sul quale Bael era solito sedersi.
La stanza era completamente vuota: vi era una piccola scalinata, su cui, nella cima, sorgeva il trono in pietra, e alle sue spalle vi era una gigantesca vetrata a mosaico dipinta di vari colori accesi.


<< Quale sarebbe il motivo dietro questa riunione, Lord Lucifer? >>
Domandò Amon al suo comandante.
Era appoggiato di spalle ad una colonna in pietra, con le braccia conserte.

* Lo saprai presto, Amon. *
La risposta di Lucifer non si fece attendere.

In quell'istante il demone posò il suo sguardo su Belzebub, il quale ricambiò rapidamente il gesto.

* C'è qualcosa che vorresti dirmi, Belzebub? *
Domandò al suo subordinato.

<< In realtà si, Lord Lucifer. >>
La sua risposta fu tempestiva.

Belzebub si incamminò lentamente fino ad arrivare al centro della stanza, fermandosi a qualche metro dal suo superiore, con un braccio piegato dietro la schiena e con una espressione soddisfatta stampata in volto.

<< Considerando che il suo piano è fallito... >>
Disse, con un tono di scherno.

<< ... Credo che sarebbe ora di dare finalmente il compito a qualcuno che è in grado di portarlo a termine. >>
Non appena disse quelle parole, posò il suo sguardo su Asteroth e Abraxas.

Un sorriso divertito apparve nel suo volto.

<< Chi se lo sarebbe mai immaginato che dare un compito a degli incapaci avrebbe dato questi risultati. >>
Ridacchiò, con tono ironico.

Sentendo quelle parole, Asteroth si mosse minacciosamente in avanti, ringhiando e stringendo i pugni.

<< Li avrei distrutti quei ragazzini, se non fosse stato per quella donna! >>
Esclamò il demone.
Le vene in tutto il suo corpo cominciarono a pulsare istericamente, all'impazzata, dalla rabbia.

<< Oh, e guarda come è finita. >>
Gli rispose Belzebub, ridacchiando.

<< Tu sei tornato con la coda fra le gambe, e quel fallimento di tuo fratello con un braccio in meno. Avevate di certo la situazione sotto controllo. >>
Continuò.


Asteroth lanciò un urlo furioso, preparandosi a scagliarsi contro il demone, ma venne bloccato prima che potesse farlo.


* Silenzio! *
L'urlo di Lucifer riecheggiò per tutta la stanza, bloccando Asteroth dal scagliarsi contro Belzebub e attirando l'attenzione dei presenti.

Era furioso.

Asteroth fece qualche passo all'indietro, fissando il suo comandante con uno sguardo terrorizzato.
Belzebub, invece, riuscì a trattenere la sua preoccupazione.

* Puoi vedere quanto sono infastidito, al momento. E, nonostante questo, vuoi davvero continuare a fare finta di nulla, Belzebub? *
Disse subito dopo.

Belzebub posò il suo sguardo cupo su Lucifer per qualche istante, deglutendo e respirando affannosamente.


Dopo qualche secondo di silenzio, il demone prese un profondo sospiro.

<< Ho fatto ciò che dovevo. >>
Gli rispose.

Lucifer spalancò le palpebre, sentendo quelle parole.

* Hai fatto ciò che dovevi, è così? *
Ripeté Lucifer, incamminandosi con passo lento e minaccioso verso il suo subordinato.

* E quale parte di ignorare la mia autorità e usare il mio nome senza il mio consenso, per operare alle mie spalle, è stato "fare ciò che dovevi"? *
Gli domandò, fermandosi poco davanti a lui.

<< Sono trascorsi diciassette anni da quando Bael è stato rinchiuso dagli umani. Diciassette anni durante i quali noi ci siamo indeboliti e gli umani sono diventati più forti. Più aspettiamo, più la situazione giocherà a loro vantaggio: alcuni di noi sono a malapena minacce, ormai, per i loro soldati migliori! >>
Esclamò il demone, rispondendo al suo comandante con un tono deciso e uno sguardo innervosito.

<< Diciassette anni durante i quali lei non ha fatto nulla, Lord Lucifer, per aiutarci a trovare un modo per liberare Bael dalla sua prigionia! >>
Continuò.

<< Io, invece, ho pensato ad un piano che ci avrebbe potuto dare le informazioni che ci servivano! E, se non fosse stato per quell'incompetente, ora avremmo tutto quello che ci serviva. >>
Aggiunse subito dopo, indicando Asteroth con un dito.

* E di chi è la colpa? Di colui che ha fallito la missione, o di chi ha mandato quell'incapace a svolgerla? *
Fu la risposta di Lucifer.

Belzebub digrignò i denti.

* Che bel piano che era, Belzebub. Davvero ben pensato, ti faccio i miei complimenti. Peccato che ci fosse un piccolo problema di fondo. *
Continuò Lucifer.

Belzebub fissò il suo comandante con uno sguardo confuso, non riuscendo a capire cosa volesse dire con quelle parole.


"Problema di fondo?"
Si domandò.
"Non c'era alcun problema di fondo! Ho preso tutte le precauzioni del caso, se il piano è fallito è a causa di quell'idiota!"
Continuò.


* Non avrebbe mai funzionato, perché la magia che ha intrappolato Bael non era un incantesimo umano! *
Non appena Lucifer disse quelle parole, Belzebub rimase quasi come pietrificato.
Rimase a fissare il suo comandante in silenzio, senza riuscire neanche a muovere un muscolo.

Per qualche istante non riuscì neanche ad aprire bocca.


<< E' una bugia! Non può essere così! >>
Esclamò, incredulo davanti a quella rivelazione.

* Lo sto facendo, Belzebub? Pensi io stia davvero mentendo? *
Domandò, il demone, al suo subordinato.
Belzebub abbassò lo sguardo e strinse i pugni.

Era frustrato.
Sapeva che Lucifer non poteva mentire, era la sua maledizione.
Ogni demone ne aveva una, e quella di Lucifer gli impediva di mentire.


Quelle parole colsero tutti i presenti alla sprovvista.


<< N-Non era un incantesimo umano? E' uno scherzo? >>
Balbettò Amon, incredulo davanti a quelle parole.

No, e stavo cercando un modo per rompere in sicurezza quel sigillo. Sfortunatamente, l'unico modo per ottenere abbastanza energia per fare una cosa del genere, è attraverso una Pietra Filosofale. *
Disse Lucifer al suo subordinato.

*E chi era colui che creò l'ultima Pietra Filosofale per Bael? *
Chiese subito dopo a Belzebub, voltandosi verso di lui.

<< M... Mephist... >>
Rispose il demone, evitando lo sguardo del suo superiore.
Stava tremando dalla rabbia.
Aveva già capito, ormai, dove Lucifer volesse arrivare, e quelle sue parole non fecero altro che farlo innervosire sempre di più.

* E dove si trova Mephist, al momento? *
Domandò di nuovo Lucifer.


Nessuno rispose a quella domanda.
Dopotutto, nessuno sapeva quale fosse l'ubicazione di Mephist, a quel tempo.

Mephist Feles era uno dei due fratelli di Bael, un demone che trascorse gran parte della sua vita a studiare gli umani, reputandoli "interessanti e degni del suo tempo".

Era riuscito a scoprire il modo per creare le Pietre Filosofali, per poi donarne una al suo fratello.
L'unico demone che conosceva la sua attuale posizione, era Bael.

Sfortunatamente per loro, però, non potevano fargli quella domanda in alcun modo.


* E ora usa il tuo cervello per questo, Belzebub. Chi è l'altra persona, in questo maledetto continente, che conosce il modo per creare una Pietra Filosofale? *
Domandò Lucifer, voltandosi di nuovo verso Belzebub, il quale evitò in tutti i modi lo sguardo del suo comandante.
Digrignava i denti dalla rabbia.

<< Q... Quella donna, Eh- >>
Belzebub non fece in tempo a finire la frase.

* Ehra, esatto. *
Lo bloccò Lucifer.

* La donna che ha aiutato la famiglia dei Pendragon a creare il Grail. La donna che, con il tuo stupido piano, hai messo in guardia. *
Continuò subito dopo.



* Vedi, Belzebub... *
Continuò Lucifer, avvicinandosi lentamente verso il suo subordinato.
Lo fissò dall'alto verso il basso, con uno sguardo cupo, incolpandolo con il suo semplice sguardo per ciò che era successo.

* ...Se tu mi avessi parlato, invece di prendere la situazione "nelle tue stesse mani", tutto questo non sarebbe successo.*
Aggiunse subito dopo.

Belzebub sollevò in quell'istante il suo sguardo verso il suo leader, mostrandogli una espressione furiosa.
Non riuscì a credere alle sue parole.

Come osava Lucifer parlargli in quel modo?
Non era assolutamente colpa sua, se il piano era fallito:

Aveva dato a quell'incompetente tutto il necessario per riuscire nel suo compito, eppure aveva fallito a causa della sua stessa incompetenza.

<< Avresti dovuto dirci di questo "dettaglio", Lucifer! Come hai potuto tenerci all'oscuro di una cosa tanto importante?! >>
Urlò, mostrando uno sguardo feroce al suo comandante, indicandolo poi con un dito.

* Non mi piace il tono che stai usando con me, Belzebub. *
Fu la risposta di Lucifer.

<< E a me non piace il fatto che stai boicottando i tuoi compagni, Lucifer! >>
Controbatté il demone.

In quel preciso istante, Belzebub creò una sfera di energia nera come la pece sul palmo della sua mano.

<< Ne ho avuto abbastanza! Non ho intenzione di seguire gli ordini di un pazzo che farà crollare ciò che Bael ha creato, quantomeno voglio obbedire a qualcuno che ormai non sembra neanche avere intenzione di liberare suo fratello dalla sua prigionia! >>
Esclamò, furioso.

<< Non sei degno di essere il comandante dei Dodici Generali! >>
Subito dopo aver detto quelle parole, Belzebub scagliò con forza la sfera di energia contro il suo comandante.


Erano passati più di trecento anni dall'ultima volta che Lucifer si scontrò con qualcuno.
L'ultimo fu Amon, quando provò a sottrargli il titolo di numero uno tra le fila dei Dodici Generali, e che fallì nel suo intento.

Da allora, nessuno lo vide più neanche mostrare i suoi poteri.
Alcuni, incluso Belzebub, cominciarono a pensare che ormai li avesse persi.


A Lucifer bastò una mano per bloccare l'attacco di Belzebub.
Subito dopo aver bloccato la sfera di energia, la strinse con forza fino a distruggerla completamente senza neanche lasciarne traccia.
Belzebub rimase in silenzio a fissare quella scena con occhi e bocca spalancati, non riuscendo a credere a ciò a cui aveva appena assistito.


Lucifer non aveva assolutamente perso i suoi poteri.


Suppongo che con questo i tuoi dubbi siano stati soddisfatti, Belzebub. Pensi ancora io abbia perso i miei poteri? *
Domandò al suo subordinato.

Un tale gesto non poteva passare impunito.
Belzebub avrebbe imparato nel peggiore dei modi quali fossero le conseguenze delle sue azioni.


In un battito di ciglia, Lucifer si mosse verso Belzebub, staccandogli di netto un braccio prima che il suo subordinato potesse anche solo rendersi conto di cosa fosse appena accaduto.
Sotto gli sguardi scioccati di tutti i presenti, Belzebub lanciò un urlo agonizzante, per poi accasciarsi nel suolo, portandosi una mano nella spalla in un disperato tentativo di fermare l'emorragia.

Il suo volto divenne rapidamente più pallido, e ben presto il demone non riuscì neanche più ad urlare dal dolore.

Lucifer mosse lentamente nella sua direzione, inginocchiandosi davanti a lui e sollevandogli il mento con due dita.

* Prima di tutto: non hai il permesso di darmi del "tu". Chiaro? *
Gli disse.

* Seconda cosa: visto che ti reputi superiore ai tuoi compagni, e a me, perché non porti a termine il compito che ho affidato ad Abraxas? Hai carta bianca, fai pure ciò che più ti aggrada. *
Continuò.

Belzebub non riuscì neanche a rispondergli.
Rimase in silenzio a fissare il suo comandante con una espressione agonizzante, perdendo sangue perfino dalla bocca.

* Ma lascia che ti avverta: se tu dovessi fallire, non disturbarti a tornare indietro. La prossima volta, non sarò così clemente nei tuoi riguardi, Belzebub. *
Concluse.

Subito dopo aver detto quelle parole Lucifer si alzò dal terreno, afferrando poi il braccio che aveva strappato al suo sottoposto, tirandolo poi nella direzione di Astarte.

La donna fissò con uno sguardo incuriosito ciò che fino a pochi istanti fa era un pezzo di uno dei suoi compagni, per poi diventare rossa in volto.
Un grosso e affamato sorriso apparve nel suo volto.

<< Buon appetito! >>
Esclamò la donna, sollevando da terra quel pezzo di carne sanguinante, per poi mostrare anche ai suoi compagni la terribile scena che seguì.
Quella fu la prima volta che videro il motivo per cui Astarte venne soprannominata "La Golosa", e quel titolo tenne perfettamente fede alla realtà.

Astarte spalancò la sua bocca, la quale era ricoperta da una miriade di denti aguzzi, ingoiando in un sol boccone l'arto di Belzebub.


Subito dopo si leccò le labbra con la lingua, mentre delle gocce di sangue colarono lentamente dalla sua bocca.
Il suo desiderio si era avverato: finalmente sapeva quale fosse il sapore della carne di un demone.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-4, grazie di avermi seguito e alla prossima!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 39
*** Capitolo 5-5: Rituale [1-2] ***


Capitolo 5-5: Rituale [1-2]



Non appena Vermilion smise di parlare, diede rapidamente loro le spalle.
A malapena riuscì a trattenere le lacrime, ripensando ai suoi vecchi compagni e al suo maestro, ma aveva ormai imparato che era inutile rimanere legati al passato.

Fece cenno al nuovo gruppo di seguirla, per poi riprendere a incamminarsi per quelle folte strade e, senza fare storie, loro la seguirono a ruota.


<< Ero convinto fosse più... Grande. >>
Sussurrò Michael a Neptune, avvicinandosi a lui.

Neptune fissò per un istante il ragazzo in silenzio.
Michael non levò neanche per un secondo lo sguardo da quella ragazza.

<< Non sembri deluso, dalla tua scoperta... >>
Ridacchiò Neptune.

<< Beh, è più grande di te. >>
Continuò, notando che la sua provocazione non avesse avuto gli effetti sperati, sbuffando.

<< No, non intendevo quello. >>
Gli rispose Michael, voltandosi verso di lui.

<< Da come ne avevi parlato, credevo fosse più grande anche di te. Come Ehra... >>
Aggiunse.

<< Vermilion è la nuova arrivata, tra le Quattro Galassie, ma è ancora troppo giovane. >>
Gli rispose Neptune, camminando con entrambe le mani dietro la nuca.

<< Ehra stessa è solita dire che, nonostante le sue grandi potenzialità, è ancora troppo inesperta. >>
Continuò.


Dopo quella notte, Michael riuscì a legare molto di più con Neptune.
Nonostante quel suo comportamento volubile, Michael sapeva di potersi fidare ciecamente di lui, ormai. Erano simili, e fu in grado di rispecchiarsi in lui.
Sapeva che, con il tempo, sarebbe riuscito a convivere con la sua vera natura.

E aveva anche capito che, con il giusto allenamento, sarebbe perfino riuscito a controllarla. 
Quella, per Michael, era una delle notizie migliori che poteva desiderare.

Era deciso a riuscire a controllarsi, non voleva mettere in rischio nessuno dei suoi compagni, quantomeno voleva vedere ciò che era accaduto con Nergal, all'istituto Star, ripetersi.
Non aveva più alcuna intenzione di sentirsi inutile e debole.


<< Ciò che farà con me... >>
Aggiunse subito dopo.

<< ... Mi aiuterà a controllarmi? >>
Domandò al compagno.

Neptune lo fissò per qualche istante con una espressione incerta, senza proferire parola.

<< Non lo so. >>
La risposta di Neptune fu secca, quasi istantanea.

<< Non ho neanche idea di cosa farà, se devo essere onesto. >>
Quelle parole non sembrarono dare fiducia a Michael, il quale abbassò rapidamente lo sguardo verso terreno.

<< Ma so che, se si fidano di lei, allora le chance che funzioni sono piuttosto alte. >>
Continuò.

Michael posò un silenzioso e preoccupato sguardo su di lui, senza rispondergli nulla.

<< Quindi non preoccuparti, sei in buone mani. >>
Aggiunse subito dopo.



<< Hey, ci hai fatto caso? >>
Domandò Jessica a Seryu, senza distogliere lo sguardo dai due ragazzi che parlavano davanti a loro.
Non fu in grado di sentire esattamente di cosa Michael stesse parlando con Neptune, poiché erano un po' troppo distanti da loro.

<< Di cosa parli? >>
Le rispose Seryu, confuso dalle sue parole.

Jessica indicò i due ragazzi davanti a lei, e Seryu posò il suo sguardo incuriosito su di loro.

<< E' una mia impressione, o Neptune e Mike sembrano andare parecchio d'accordo, ultimamente? >>
Gli domandò subito dopo.

<< Si... Sembra essere così. >>
Le rispose Seryu.

<< Mi chiedo cosa sia accaduto veramente la scorsa notte... >>
Continuò, ripensando al fatto che né l'uno né l'altro avevano deciso di rivelargli niente, decidendo di tenerlo all'oscuro di quei fatti.

< Pretendono che io mi fidi di loro, mentre loro non si fidano di me? >
Si domandò subito dopo.

<< La scorsa notte? Cosa è successo la scorsa notte? >>
Chiese Jessica al suo compagno, incuriosita dalle sue parole.

<< Non... Ne sono sicuro. Quei due hanno lasciato la stanza nel mezzo della notte, poi devono aver parlato di qualcosa... Non so di cosa, però. >>
Le rispose Seryu.

<< Hmm... >>
Fu l'unica risposta di Jessica.


Subito dopo Seryu accelerò il passo, affiancandosi rapidamente a Neptune e Michael.

<< Hey, Neptune. >>
Disse al suo compagno, attirando la sua attenzione.

<< Era una mia impressione, o quell' "Abraxas" stava dando il massimo fin dall'inizio? >>
Gli domandò.

<< No, non stai sbagliando. >>
Gli rispose rapidamente Neptune, digrignando i denti.

<< Quel bastardo era pronto a farci fuori da un momento all'altro, per poco non mi spezzava il collo! >>
Continuò.

In quell'istante Seryu abbassò lo sguardo, diventando pallido in volto.

<< Quando ho provato ad attaccarlo, ho sentito un'energia che non avevo mai avvertito in vita mia... Il suo Ki era smisurato, molto più grande di quello di Asteroth... >>
Disse, cominciando a tremare.

Neptune posò uno sguardo cupo su di lui.

<< E' riuscito a bloccarmi prima che io potessi usare la Bear Stance... Non me lo aspettavo... >>
Continuò.


[NB: La Bear Stance è l'abilità che permette a Seryu di creare una copia, una "immagine residua" di se per distrarre il suo avversario.]


<< L'ho sottovalutato, e mi sono fatto prendere di sorpresa... >>
Ringhiò Neptune, stringendo i pugni e digrignando i denti.

In quell'istante, Vermilion si fermò di scatto.

<< Non incolparti, è meglio che le cose siano andate così, Neptune. >>
Disse al ragazzo, voltandosi verso il trio alle sue spalle.

<< Avrei potuto sconfiggerlo. >>
Replicò.

<< No, non ce l'avresti fatta. Ed è meglio che quella *cosa* rimanga ancora un segreto, per ora. E' meglio tu non abbia dovuto usarla. >>
Lo bloccò la ragazza.

A Neptune quelle parole non piacquero.
Fece un verso infastidito, per poi accelerare il passo e superare il gruppo.


<< Va... Tutto bene? >>
Domandò Seryu a Vermilion, con un tono e uno sguardo preoccupato.
Nel mentre, la ragazza rimase per qualche istante in silenzio a fissare Neptune mentre si allontanava da loro.

Non era preoccupata per lui: conosceva la strada ed era perfettamente in grado di difendersi anche da solo, se necessario.
In più, aveva già portato a termine il suo compito.

<< Si, non fateci caso. >>
Gli rispose Vermilion, dopo qualche secondo di silenzio.

<< A Neptune da fastidio il fatto di non essere riuscito a proteggervi a dovere da quel demone, ma non deve farsene una colpa. Non credo che io stessa sarei stata in grado di sconfiggere qualcuno come lui, non da sola per lo meno. >>
Continuò.

Quelle parole colsero i ragazzi alla sprovvista.

<< Davvero? Non è il penultimo, tra i Dodici Generali Demoniaci? Non riusciresti a sconfiggerlo in uno scontro? >>
Le domandò Jessica, sorpresa e preoccupata dalla sua rivelazione.

Vermilion la fissò con uno sguardo cupo.

<< Avete idea del perché Abraxas sia solamente il numero undici? >>
Domandò loro, subito dopo.

Nessuno dei tre ragazzi fu in grado di risponderle.

<< Non sappiamo molto su di lui, ma qualche informazione l'abbiamo. Negli ultimi cento anni, Abraxas è passato dal rango numero cinque al numero undici. >>
La sua rivelazione fece impallidire i presenti.

<< Come è possibile un cambiamento di posizione così radicale in così poco tempo? Per un demone cento anni non è poi così tanto tempo... >>
Le domandò Seryu, incredulo.

<< Sembrerebbe che Abraxas non abbia mai accettato di scontrarsi con gli altri demoni per mantenere il suo titolo, motivo per cui è sceso così in basso. >>
La risposta di Vermilion fu immediata.

<< Quindi ci stai dicendo fosse a malapena poco più debole di Belzebub? >>
Le chiese Jessica.

Vermilion le rispose con un cenno positivo del capo.

<< Non direi, però, che lo "fosse". A quanto pare i titoli non gli interessavano, quindi ha continuato a cedere il posto a chiunque glielo chiedesse. Se dovessi scommettere, però, direi che Abraxas è probabilmente tutt'ora uno dei demoni più potenti dell'armata di Bael. >>
Sentendo quelle sue parole, i tre ragazzi rimasero immobili, quasi come pietrificati.

<< Motivo per cui sono felice di essere riuscita a risolvere questa faccenda pacificamente, oggi. Se solo avesse voluto, avrebbe potuto fare una strage. Non l'avevo mai incontrato prima d'ora, ma suppongo che il titolo di "Il Calmo" sia più che meritato. >>
Concluse subito dopo.

Non appena disse quelle parole, Vermilion diede ancora una volta le spalle ai tre ragazzi, facendo per la seconda volta loro cenno di seguirla.
Nonostante fossero preoccupati per l'assenza di Neptune, Vermilion fu in grado di rassicurarli: era sicuramente al sicuro, e li avrebbe raggiunti quando avrebbe ritenuto più opportuno.
In quel momento il loro interesse era raggiungere il prima possibile la loro destinazione, poiché l'incantesimo che Ehra aveva messo su Michael stava per scadere.

Dopotutto, avere un ragazzo con un occhio come il suo camminare in mezzo alle strade avrebbe attirato fin troppo l'attenzione.


Il gruppo si diresse, quindi, al Palazzo Imperiale che si trovava al centro della capitale. Quel posto era non solo il più sicuro, ma vi era inoltre la stanza di allenamento delle Quattro Galassie nella quale era permesso entrare solamente con il loro consenso.

Era un posto isolato e sicuro in cui poter svolgere "il rituale" in sicurezza e all'oscuro di occhi indiscreti.


<< Cosa è questo "Rituale"? >>
Domandò Michael alla ragazza, incuriosito dalle sue parole.

<< E' una tecnica speciale di "purificazione" che non ho mai, in realtà, avuto la possibilità di usare prima. >>
Gli spiegò Vermilion.

Quella risposta non sembrò soddisfare il ragazzo, il quale posò uno sguardo preoccupato su di lei.

<< Quindi... Sto facendo da cavia? >>
Le domandò.

Vermilion lo fissò con la coda dell'occhio.

<< Oh, tranquillo. Dovrebbe andare tutto bene. >>
Gli disse la ragazza.

< D-Dovrebbe?! >
Pensò Michael, sempre più preoccupato da quella situazione.

<< In cosa consiste esattamente? >>
Le domandò Seryu.

<< Non l'ho mai visto fare prima d'ora. Me ne parlò il precedente possessore di Phoenix, il quale mi disse si trattasse di una speciale tecnica di purificazione in grado di curare quasi ogni singola alterazione anomala nel corpo di qualcuno. Mi ha spiegato il funzionamento e come farla, ma non l'ho effettivamente mai provato prima, questa è la prima volta. >>
Spiegò la ragazza, senza voltarsi verso di lui.

<< Per quale motivo? >>
Le chiese Jessica.

<< Beh, per prima cosa non mi è mai servito farlo. Le fiamme di Phoenix di norma non hanno problemi a curare la maggior parte delle ferite o infezioni, quindi non ho mai sentito la necessità di provarla. Il secondo motivo è che è una tecnica che richiede tempo e una grossa quantità di energia. Non è un qualcosa che posso fare ogni qual volta mi gira. >>
Le spiegò Vermilion, continuando a camminare per quelle strade.
Non c'era pericolo nel parlare di quella cose davanti alle persone, fin quando il fatto che Michael fosse un mezzo-demone non fosse uscito allo scoperto.
Vermilion era conosciuta per curare tantissime persone, dopotutto. Non era una novità.

<< E siamo sicuri funzionerà? >>
Domandò Michael.

<< Non posso dirlo per certo, ma sono più che positiva. >>
Rispose la ragazza.


Qualche minuto dopo, il gruppo raggiunse finalmente la loro destinazione.
Uno dei più antichi e imponenti edifici nella storia di Avalon, costruito secoli addietro dai primi imperatori della famiglia Pendragon: 

Camelot.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-5, grazie di avermi seguito e alla prossima!

Ritorna all'indice


Capitolo 40
*** Capitolo 5-6: Rituale [2-2] ***


Capitolo 5-6: Rituale [2-2]




Camelot era il nome del gigantesco palazzo costruito al centro di Magnus, nel quale avevano messo piede tutti i personaggi più importanti nella storia di Avalon.

Dal primo imperatore della casata dei Pendragon alla famiglia dei Melvillei, dagli originali dodici membri del consiglio della Tavola Rotonda, ai membri delle Quattro Galassie, quelle antiche mura conobbero tutte le figure più importanti ad Avalon, accompagnandoli per tutta la loro vita, e facendo da casa anche alle loro future generazioni.
Il Palazzo Imperiale "Camelot" fu eretto dal primo imperatore di Avalon, Uther Pendragon, il quale, secondo una leggenda, usò l'energia di un'antica reliquia per  accertarsi che il palazzo non sarebbe mai caduto.

Dopotutto, sarebbe diventato il simbolo della potenza e della longevità della nazione: non poteva permettersi che cadesse.
Nonostante non ci siano mai state conferme al riguardo, molti maghi hanno percepito grosse fonti di energia provenire non solo dalle mura, ma perfino dalle fondamenta stesse di Camelot.

Il palazzo era gigantesco, uno degli edifici più grandi di tutta Gaia.
Composto da oltre ottocento stanze, escluse cucine, bagni e sale per le riunioni, un terzo circa delle quali era in grado di ospitare almeno cinque persone ciascuna, con una miriade di soldati che perlustravano costantemente non solo l'area esterna, ma anche quella interna del palazzo.

I suoi giardini erano immensi, espandendosi per tutto il perimetro del castello, composti da giganteschi giardini in fiore, antiche statue rappresentati eroi di leggende, vecchi imperatori e militari, tantissime fontane e perfino un piccolo stagno nel quale viveva un gruppo di fenicotteri dai colori accesi.

Vi erano, inoltre, quattro enormi stanze usate in determinate circostanze quali tornei, allenamenti militari o, di norma, luoghi dove erano solite allenarsi le Quattro Galassie.
Le stanze e i corridoi, eccezion fatta per quelle di allenamento, erano decorati da svariati dipinti, tende e tappeti di colori accesi, con una infinità di torce e lampadari a illuminare ogni angolo del palazzo.

Le finestre erano variopinte, molte delle quali con mosaici incise in esse. 
Sfortunatamente, però, non fu loro concesso un tour intorno al palazzo: furono obbligati a seguire Vermilion per quei lunghi corridoi, fino a quando non raggiunsero una grossa stanza vuota, composta da quattro mura in mattoni grigi, e un soffitto in legno chiaro.
Il pavimento, invece, era in pietra scura.


<< Eccoci arrivati. >>
Disse Vermilion, non appena varcò l'entrata di quella stanza.
Nonostante non ci fosse alcuna fonte di luce al suo interno, la stanza era perfettamente illuminata, senza neanche un singolo punto oscuro.

<< Scusate se lo chiedo di nuovo, ma... Perché siamo venuti qui? >>
Domandò Michael, guardandosi intorno, deluso dal vuoto intorno a loro.

<< Inizialmente volevo portarvi nell'orfanotrofio, ma, considerando gli ultimi avvenimenti, non credo sarebbe stata la scelta più sicura. >>
Gli ripeté Vermilion.

<< Ah, giusto... >>
Borbottò Mike.

Subito dopo, le porte alle loro spalle si chiusero, isolando il quartetto dal resto del palazzo.
Michael si girò di scatto verso l'entrata, colto di sorpresa dal fatto che quelle porte si fossero chiuse da sole.

Seryu e Jessica, invece, avevano già avuto la possibilità di assistere a quelle scene, in passato, quindi rimasero in silenzio a fissare con uno sguardo divertito il loro confuso compagno.

<< Perfetto. Ora che siamo da soli, cominciamo dal rompere l'incantesimo che Ehra ha messo su di te. Vediamo in che situazione sei. >>
Disse finalmente Vermilion, muovendosi con un passo lento verso Michael, il quale posò in risposta il suo sguardo preoccupato su di lei.

<< Fammi un favore e stai fermo, così evitiamo problemi. >>
Aggiunse subito dopo.
Il ragazzo non fece neanche in tempo a risponderle, che la ragazza sollevò una mano nella sua direzione.
In quell'istante delle fiammelle arancioni uscirono dal palmo della sua mano, ondulando delicatamente nell'aria nella direzione del ragazzo, per poi cominciare a ruotare intorno al suo volto per qualche istante.

Dopo qualche secondo di silenzio, la ragazza abbassò la mano e quelle delicate fiammelle scomparvero nel nulla, permettendole finalmente di vedere l'occhio che Ehra aveva deciso di nascondere alla vista delle altre persone.

Una espressione preoccupata e confusa apparve rapidamente nel volto della ragazza: non aveva mai visto una cosa del genere in vita sua.

L'occhio sinistro di quel ragazzo colse la ragazza di sorpresa, la quale rimase a fissarlo per qualche istante, in silenzio.


<< E'... Grave? >>
Le domandò Michael.

<< Non... Saprei dire, in tutta onestà. >>
Rispose la ragazza, con un tono preoccupato.

<< Può comunque aggiustarlo? >>
Le domandò Seryu.

<< Non serve darmi del "lei", davvero. Sono a malapena poco più grande di voi. >>
Gli rispose la ragazza, sbuffando.

<< Comunque si, credo di poter risolvere il problema. >>
Continuò.


<< Hai qualche idea sul perché il mio occhio sia diventato così? >>
Domandò Mike a Vermilion, attirando la sua attenzione.

<< Posso solo supporre... >>
Gli rispose la ragazza, sospirando.

<< ... Ma credo sia stato a causa di una interruzione forzata dopo la tua trasformazione. Sarebbe più opportuno che un mezzo demone si calmi lentamente, durante la sua prima trasformazione, in modo tale che possa poi tenere più facilmente il controllo di se nelle seguenti. Con te la cosa è andata in un modo differente, e questo potrebbe essere uno degli effetti collaterali. >>
Continuò.

Subito dopo aver detto quelle parole, Vermilion fece cenno ai presenti di spostarsi: le serviva più spazio per portare a termine il rituale, dopotutto.
Seryu e Jessica si allontanarono di almeno dieci metri dalla coppia, rimanendo a fissare in silenzio le scene che seguirono, sperando che tutto andasse nel migliore dei modi.

Quella fu la prima volta che Vermilion provò quel genere d'incantesimo, ma la sua preoccupazione era dettata da qualcos'altro...
Dopotutto, sapeva cosa sarebbe potuto accadere alla fine del processo.

Nonostante le sue preoccupazioni, Vermilion si fece coraggio, evocando finalmente il suo spirito.

<< Phoenix! >>
Non appena urlò quel nome, quelle intense fiamme apparvero dal nulla, cominciando a danzare intensamente intorno a lei, senza ferirla né bruciarla, per poi convergere lentamente alle sue spalle, mostrando ancora una volta ai presenti quell'imponente uccello di fuoco.

<< Voglio che tu stia fermo, immobile. Non devi muoverti per nessuna ragione: dovesse pure crollare il mondo davanti a te, tu non dovrai muoverti. >>
Disse le ragazza, con un tono minaccioso.

<< Dovrei preoccuparmi? >>
Le domandò Michael, preoccupato dalle sue parole.

<< No. Finché rimarrai immobile e zitto, andrà tutto bene. Necessito di silenzio e concentrazione per completare questo incantesimo, il minimo rumore potrebbe causare danni irreparabili: è un processo pericoloso che necessita della massima accuratezza, dopotutto. >>
Aggiunse Vermilion.

<< Quindi chiudi gli occhi, libera la mente. Rilassati, stai immobile e in silenzio.  Se farai così, tutto andrà nel migliore dei modi. >>
Continuò.

<< Sperando che il tuo corpo sia in grado di reggere lo sforzo. >>
Sussurrò subito dopo.

Prima di cominciare si voltò verso Jessica e Seryu, i quali ricambiarono con degli sguardi confusi, non capendo perché la ragazza si fosse voltata verso di loro.

<< Anche voi, dovete stare in silenzio, chiaro? Ma, soprattutto, qualunque cosa accada non dovete intervenire. >
Quelle parole colsero i due ragazzi alla sprovvista, i quali si scambiarono degli sguardi preoccupati.


<< Cominciamo, allora. >>
Disse finalmente Vermilion, voltandosi di nuovo verso Michael.


Tutto intorno a Michael divenne oscuro.
Non sentì più nulla, né le voci dei suoi compagni né quella di Vermilion.

Mille pensieri gli passarono per la mente, in quei secondi di silenzio che gli sembrarono quasi infiniti.

"Questo rituale funzionerà?"
"Sarò in grado di controllarmi, la prossima volta?"
"S non dovessi riuscirci, rischierò di mettere in pericolo i miei compagni!"
"Certo che Vermilion è proprio carina..."
"E se non dovesse funzionare? Non posso andare in giro con quest'occhio!"

Nonostante non tutte le sue preoccupazioni fossero necessarie, Michael non fu in grado di non pensare ai pericoli nei quali avrebbe potuto mettere i suoi compagni, in futuro, se non fosse riuscito a controllarsi nel minor tempo possibile.

Cominciò a tremare, quando ripensò al racconto che Ehra gli fece, quando si riprese nell'infermeria dell'istituto Star.
"Ho provato ad attaccare le persone che conoscevo..."

La sola idea di arrivare a fare del male alle persone che conosceva lo terrorizzò, e cominciò ben presto a tremare sempre più intensamente dalla paura.

"Non voglio far loro del male...!"
Le parole di Vermilion gli tornarono in mente: "libera la mente", "rilassati".
In quel momento, però, era tutt'altro che rilassato.

Continuò a interrogarsi sulla sua esistenza, del fatto che, se non fosse mai nato, magari nulla di tutto quello sarebbe mai accaduto, che nessuno di loro sarebbe mai finito in quella situazione.
Ma ben presto capì che sarebbe stato meglio smettere di pensare a quelle cose: non voleva assolutamente causare problemi anche a quella ragazza.
Dopotutto, se lei gli aveva chiesto di rimanere rilassato, il suo preoccuparsi così tanto di sicuro non avrebbe reso il suo lavoro più facile.

Decise, quindi, d'inghiottire con la forza quei sentimenti: non aveva intenzione d'ignorarli, ma sapeva che quello non fosse né il momento né il modo per affrontare quelle sue preoccupazioni.
In quell'istante sentì un intenso calore intorno a lui, gli sembrò quasi di trovarsi davanti a un grosso caminetto durante un freddo inverno.

Quella bellissima sensazione lo aiutò finalmente a calmarsi.


Le fiamme di Vermilion confluirono lentamente intorno a Michael, danzando intorno al suo corpo senza mai sfiorare la sua pelle.
Era una danza pericolosa: un singolo movimento inaspettato da parte del ragazzo, e si sarebbe potuto facilmente ustionare con quelle fiamme, e Vermilion lo sapeva perfettamente.

Posò il suo sguardo preoccupato su di lui, quando lo vide cominciare a tremare.
Per un attimo la sua reazione la colse alla sprovvista, ma capii ben presto non fosse a causa del rituale.

< Posso sentire l'energia negativa uscire dal suo corpo attraverso Phoenix... Se non dovesse calmarsi, sarò obbligata a interrompere il rituale... Se dovesse affrontare "il dopo" con quello stato mentale, non ne uscirebbe intero... >
Pensò, preoccupata dal fatto che il ragazzo non sembrasse in grado di rilassarsi.
Nonostante volesse aiutarlo a calmarsi, purtroppo non poteva parlargli: anche solo fare un movimento non necessario avrebbe potuto rovinare il rituale, e lei non poteva permettersi un tale fallimento...

Specialmente sapendo quali potevano essere le complicazioni di un rituale finito male.
Poteva interromperlo, se necessario, ma non poteva fare movimenti inutili. L'unica cosa che poteva fare, fu sperare che il ragazzo si calmasse da solo...

Un grosso sorriso apparve nel suo volto, qualche minuto dopo, quando finalmente lo vide smettere di tremare.
Quello era il momento per concludere finalmente il rituale.

Le fiamme che fino a quel momento avevano continuato a danzare intorno a Michael cominciarono improvvisamente a muoversi molto più rapidamente intorno a lui.

< Ci sono quasi riuscita...! >
Pensò la ragazza, mentre cominciò ad avvicinarsi lentamente verso quel ragazzo.

< Se fin'ora non ci sono state ripercussioni, significa che il suo corpo è per lo meno in grado di reggere le fiamme di Phoenix... In questo caso... >
Pensò subito dopo, fermandosi esattamente davanti a Michael, il quale si trovava ancora immobile, davanti a lei, con gli occhi chiusi.

Nel mentre, le fiamme di Phoenix cominciarono a danzare intorno ai due ragazzi, mentre Vermilion si appoggiò delicatamente e con una mano al corpo del ragazzo.

<< Buona fortuna. >>
Disse.


Non appena Vermilion disse quelle parole, Mike riaprì lentamente le palpebre.
Non fu in grado di credere alla scena che si sviluppò davanti ai suoi stessi occhi.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-6, grazie di avermi seguito e alla prossima con il penultimo capitolo del volume 5!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 41
*** Capitolo 5-7: Phoenix ***


Capitolo 5-7: Phoenix



Phoenix, uno degli spiriti più potenti che sia mai apparso su Gaia. Non si conosce molto riguardo al suo passato, non avendolo mai rivelato a nessuno dei suoi padroni, ma gode nonostante ciò comunque di una grossa fama derivata non solo dalle sue fantastiche doti curative, ma anche quelle offensive che era in grado di mettere in campo.

Di norma sono gli esseri umani a trovare e stringere patti con gli Spiriti, ma Phoenix era una delle poche eccezioni: non erano gli umani a scegliere lei, nel suo caso era lei che decideva chi fosse degno dei suoi poteri.


"Incontrai quell'uomo pochi mesi dopo che diventai un membro delle Quattro Galassie. 
Mi rivelò di essere il precedente possessore di Phoenix e che che avesse deciso di parlarmi non appena venne a sapere che io fossi la sua nuova posseditrice.


All'inizio, mi fu difficile credere a quelle sue parole, ma con il tempo cominciai a farlo.
Fu grazie ai suoi consigli, infatti, che imparai come usare Phoenix, e tutt'ora gliene sono grata.

Quando gli chiesi il motivo per cui avesse rotto il contratto con Phoenix, lui mi sorrise.

"Ho, ormai, raggiunto il mio obiettivo tanto tempo fa."
Mi disse.

"Lei mi propose di aiutarmi nella mia missione, e io accettai: sarebbe stato egoista però, da parte mia, tenerla al mio fianco senza più un valido motivo. Quindi ruppi il contratto, permettendole di andare via con la convinzione che avrebbe sicuramente trovato qualcun'altro che necessitasse del suo aiuto più di me... E non mi sbagliavo. "

Quella sua espressione non era falsa, lo capii all'istante.
Non ho mai scoperto il motivo per cui accettò l'aiuto di Phoenix, e credo che non lo saprò mai... Sono passati anni, ormai, dall'ultima volta che vidi quell'uomo.

Fu lui che mi parlò di quel Rituale.


Quando mi disse che ci fossero alcune cose che neanche Phoenix poteva curare, con i metodi normali, mi colse completamente alla sprovvista.
Gli domandai cosa volesse dire: dopotutto, lui stesso mi disse che quelle sue fiamme fossero in grado di curare praticamente qualunque cosa.

Ma era proprio quella la parola importante: "praticamente".
C'erano alcune cose che neanche Phoenix poteva curare... Senza andare più "in profondità".

In questi casi, Phoenix doveva agire dall'interno, e non dall'esterno come suo solito.
Di norma, infatti, bastava che le sue fiamme toccassero le ferite, ad esempio, per farle rimarginare in pochi istanti.

In altri casi, però, quello non bastava.
Ed era proprio in questi casi che il "Rituale" diventava necessario.

Me ne spiegò il funzionamento, mostrandomi anche un esempio pratico, seppur non completo. Mi spiegò cosa fare nel dettaglio, e cosa dire alle persone su cui l'avrei fatto.
Non sapeva se un giorno mi sarebbe servito o meno, ma preferì comunque spiegarmi come funzionasse, per sicurezza.

Il principio era molto basilare e il fatto che Phoenix fosse uno dei pochi spiriti "senzienti" semplificava il tutto ancora di più.
A me sarebbe bastavo evocarla, avvolgere sia il mio corpo che quello del bersaglio con le sue fiamme, e poi al resto ci avrebbe pensato lei.

Le sue fiamme avrebbero instaurato una specie di "connessione" tra me e il bersaglio, permettendo a Phoenix di raggiungere il corpo di quest'ultimo e di curarlo dall'interno.
Quella "connessione" non era fisica, ma mentale: Phoenix mi avrebbe, infatti, permesso di sentire quale fosse lo stato d'animo del bersaglio, per evitare che qualcosa potesse andare storto.

Il bersaglio, infatti, doveva assolutamente rimanere immobile e calmo. Qualunque movimento improvviso o cambiamento di umore avrebbe potuto danneggiare la connessione o rendere il lavoro di Phoenix più difficile.
E se questo fosse accaduto... Il Rituale non sarebbe andato a buon fine.
Quell'uomo non scese nei dettagli, ma mi disse che una delle persone che provò ad aiutare perse un braccio perché non riuscì a calmarsi, danneggiando la connessione tra loro due e impedendo involontariamente a Phoenix di svolgere il suo lavoro nel migliore dei modi.
Tirai un sospiro di sollievo, però, quando aggiunse che fosse "Meglio perdere un braccio, che la vita", facendomi capire che, nonostante tutto, non fu letale. "



Stavolta fu Vermilion a dover vestire i panni di quell'uomo: adesso era compito suo, e capì ben presto l'ansia e le preoccupazioni che sicuramente lui provò quando dovette svolgere quel Rituale.
Più volte pensò di tirarsi indietro e interromperlo, ma capì che non poteva permetterselo.

"Aiutarlo è il mio compito"
Si disse.

"Se non l'aiutassi io, chi altro potrebbe farlo?"
Ottenne quei poteri per proteggere le persone. Se si fosse tirata indietro in quel momento non solo avrebbe macchiato la fiducia dell'uomo che le aveva permesso di diventare quello che era, ma avrebbe anche vanificato il motivo per cui Phoenix aveva deciso di aiutarla.



Michael non riuscì a credere alla scena che si ritrovò davanti agli occhi: tutto intorno a lui divenne improvvisamente silenzioso, quasi come se avesse fatto un tuffo nell'oceano.
L'unica cosa su cui riuscì a focalizzarsi, fu quella ragazza.
Non fu in grado di distogliere lo sguardo dai suoi occhi, nonostante lei avesse chiuso le palpebre, quantomeno di muovere un muscolo.

Provò infatti a muoversi, ma il suo corpo sembrò non rispondere ai suoi comandi: infatti, a malapena fu in grado di muovere leggermente le dita delle mani.

"Perché? Cosa succede?"
Si domandò, incredulo, mentre quella ragazza si posò delicatamente su di lui con una mano.

I suoi pensieri cominciarono a sovrapporsi l'uno con l'altro, il suo petto sembrò quasi gli potesse esplodere da un momento all'altro, mentre le sue gambe si fecero più deboli, riuscendo a malapena a reggersi in piedi.

Non riuscì a comprendere per quanto tempo le loro labbra si toccarono, quantomeno gli importò.
A lui sarebbe anche andato benissimo se quel momento non si fosse mai interrotto, dopotutto.

Ci mise qualche minuto per calmarsi e a realizzare cosa fosse effettivamente successo, minuti durante i quali rimase immobile come una statua a fissare quella ragazza senza proferire parola, con uno sguardo stordito.



<< E-Era davvero necessario?! >>
Esclamò Jessica, con una espressione mista tra imbarazzo e rabbia, alla ragazza davanti a lei.
Vermilion la guardò con uno sguardo confuso, sollevando un sopracciglio.

<< Se non lo fosse stato, non l'avrei fatto... Non credi? >>
Le rispose.

<< Dovevo far entrare le fiamme di Phoenix dentro il suo corpo, dopotutto. E grazie ai polmoni, Phoenix può spostarsi per tutto il suo corpo come se fosse l'ossigeno nel sangue... Se conosci come funziona il corpo umano, potrai comprendere cosa intendo dire. >>
Continuò, senza lasciare a Jessica neanche un secondo per risponderle.

Jessica non le rispose.
Abbassò lo sguardo, evitando quello deciso di Vermilion, borbottando tra se e se.

Seryu ridacchiò in silenzio sotto ai baffi.

<< Ora cosa accadrà? >>
Domandò alla ragazza dai capelli castani.

<< Aspettiamo, semplicemente. Ciò che accadrà ora dipende unicamente da ciò che Phoenix può fare nel suo corpo, non da me. >>
Gli rispose Vermilion, incrociando le braccia davanti al suo petto.

Quella risposta colse Seryu alla sprovvista.

<< Uh? Non puoi controllare il tuo Spirito? >>
Le chiese.

Vermilion gli rispose con un cenno negativo del capo.

<< No. Le fiamme che ora bruciano all'interno del corpo di Michael non sono più le mie: non posso più controllarle in alcun modo. >>
Gli rispose.

<< Non è normale che Michael stia li, immobile, come un palo, vero? >>
Domandò subito dopo Seryu, fissando il suo compagno con uno sguardo preoccupato.

<< Non ne ho idea, non ho mai visto cosa succede *se* il rituale va a buon fine, nonostante mi sia stato detto come può andare storto. >>
Rispose Vermilion, sollevando leggermente le spalle.

Seryu non sembrò convinto dalla sua risposta, e la fissò con uno sguardo sorpreso.

<< Dovrei... Sentirmi rassicurato? >>
Le domandò, confuso e preoccupato dalle sue parole.

<< L'unica cosa che so per certo, è che il Rituale sia andato a buon fine... >>
Disse subito dopo la ragazza, voltandosi verso Michael, il quale era ancora immobile a fissare il vuoto davanti a se.

<< ... E ora aspettiamo. >>
Aggiunse subito dopo.

< C'è qualcosa che non riesco a capire... Il suo Ki è stabile, ma c'è effettivamente un qualche genere d'interferenza... Mi chiedo se stia bene... >
Pensò Seryu, senza levare quel suo sguardo preoccupato dal suo compagno.



< V...Voglio farlo di nuovo... >
Pensò Michael, in quell'istante.



<< Quindi ora aspettiamo e basta... Giusto? Per quanto tempo? >>
Domandò Jessica alla ragazza, dopo qualche secondo di silenzio.

<< Non saprei. Potrebbero passare alcuni minuti, o ore. Dipende tutto da quali difficoltà troverà Phoenix, all'interno del suo corpo. >>
Annuì la ragazza.

<< Non dovrebbero essercene molte, comunq- >>
Aggiunse poco dopo.


In quell'istante Michael cominciò a sentire una strana fitta attraversargli il petto, e istintivamente se lo toccò con una mano.

< Cosa... Era quella sensazione? >
Si chiese, digrignando i denti.
Gli sembrò quasi che una lama l'avesse trapassato da parte a parte.

Improvvisamente quel dolore si fece ancora più intenso: stavolta, però, lo sentì provenire dal capo.
Il ragazzo si inginocchiò rapidamente nel terreno, digrignando i denti dal dolore e ansimando.

Era un dolore che mai aveva provato prima in vita sua.


<< Cosa sta succedendo?! >>
Esclamarono Seryu e Jessica, notando quella scena.
Vermilion li bloccò rapidamente con un cenno, fermandoli prima che potessero intervenire.

<< Mi sembrava di avervi detto di non intervenire! Lasciate che Phoenix faccia il suo lavoro! >>
Esclamò.

<< C'è qualcosa che non va, Vermilion! >>
Le rispose Seryu.
Quei suoi occhi illuminati di quel verde intenso colsero alla sprovvista anche la ragazza.


In quel preciso istante quell'atroce dolore cominciò a espandersi per tutto il suo corpo. Era una cosa infinitamente peggiore perfino dell'attacco che Seryu usò contro di lui durante l'esame di ammissione alla Star: gli sembrò quasi che lo stessero facendo a pezzi da vivo.

Si appoggiò dolorante al terreno, trattenendo a malapena le lacrime dal dolore, urlando a squarciagola.
La sua vista cominciò rapidamente ad appannarsi, mentre ogni singolo rumore intorno a lui si trasformò rapidamente in acuti fischi in grado di trapanargli le orecchie.

I tre ragazzi rimasero in silenzio a fissare inorriditi quella scena, mentre del sangue cominciò a uscire sia dalla bocca che dalle orecchie del loro compagno.


<< Cosa... Cosa sta succedendo? Il Rituale dovrebbe aver funzionato... Quindi perché? >>
Balbettò Vermilion, impallidendo davanti a quella scena.

Né Seryu né Jessica riuscirono a proferire parola.


Le urla di Michael continuarono a echeggiare per tutto il palazzo, trasformandosi ben presto negli stessi ruggiti furiosi che sentirono durante il suo scontro con Nergal e Asteroth.
Perfino il suo occhio destro assunse l'aspetto di quello sinistro e quei segni tribali di colore rosso e nero cominciarono ad apparire lentamente per tutto il suo corpo come se fossero marchi di fuoco.

Senza smettere neanche per un istante di ruggire, il ragazzo colpì improvvisamente con forza il terreno con entrambe le mani, lasciando un grosso cratere sotto di se.


<< Q-Quello non è un Ki normale... >>
Balbettò Seryu.
I presenti si voltarono verso di lui, sorpresi dalle sue parole.

Seryu era bianco in volto come la neve.
Tremava e sudava.

<< Quello... E' quello di di Azael... >>
Balbettò.



In quell'istante si afferrò la testa con entrambe le mani, agitandosi come un pazzo e continuando a ruggire sul posto, il tutto davanti ai suoi compagni inorriditi.



Anche altre persone stavano assistendo a quella scena, a loro insaputa.



Dopo qualche minuto, le fiamme di Phoenix cominciarono ad avvolgere il corpo del ragazzo, danzando gentilmente intorno a lui.
Quei segni tribali cominciarono lentamente a svanire come polvere al vento, e Michael sembrò lentamente calmarsi sempre di più.

Il suo respiro si fece sempre più lento, e il sangue smise di uscire dal suo corpo. 
Il ragazzo abbassò lo sguardo verso il terreno, fissando il vuoto davanti a se e, in un battito di ciglia, i suoi occhi tornarono alla normalità.

Subito dopo, esattamente come apparvero, quelle fiamme scomparvero nel nulla, e Michael cadde di petto nel terreno, privo di sensi.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-7, grazie di avermi seguito e alla prossima con la fine del volume 5!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 42
*** Capitolo 5-8: Quiete prima della Tempesta ***


Capitolo 5-8: Quiete prima della Tempesta

 


Non appena Michael cadde al suolo privo di sensi, i suoi compagni rimasero in silenzio a fissare il suo corpo immobile con espressioni disorientate e preoccupate.

"Cosa è appena successo?!"
Si domandò Vermilion, non riuscendo ancora a capacitarsi del fatto che qualcosa fosse andato storto: dopotutto, aveva seguito per filo e per segno le parole che quell'uomo le disse anni prima.
In quell'istante posò il suo sguardo su quel ragazzo, realizzando quanto effettivamente fosse grande il cratere che si trovava sotto di lui.

Non riuscì a credere a quella scena: fu la prima volta che vide così tanta energia esplodere tutta insieme, causando danni così massicci.
Incredula ripensò a come, semplicemente colpendo il terreno, quel ragazzo fosse riuscito a fare dei danni così pesanti in un terreno che era stato creato appositamente per resistere agli allenamenti delle Quattro Galassie.


Seryu, nel mentre, cadde nel terreno come un sacco di patate, in ginocchio, fissando il corpo immobile di Michael con uno sguardo terrorizzato e rabbrividendo.
Aveva già sentito quell'energia, ma stavolta fu completamente diversa da quella che Michael emanò durante lo scontro con Asteroth.

Seryu cominciò a respirare affannosamente, mentre l'espressione sorridente di Azael riaffiorò nella sua mente.
Era sicuro di essere riuscito a lasciarselo alle spalle, ma capì ben presto che stesse semplicemente mentendo a se stesso.


<< Seryu, che ti prende? >>
Domandò Vermilion al ragazzo, notando la sua reazione.
Il ragazzo sollevò lentamente lo sguardo verso di lei, pallido in volto, tremando, senza smettere di respirare affannosamente.
Non le rispose.

Prima che la ragazza potesse chiedergli qualunque cosa, notò con la coda dell'occhio che la porta di quella stanza fosse spalancata e che due figure li stessero osservando in silenzio, dalla distanza.
Li conosceva entrambi, perfettamente.

Una di quelle due figure portò una mano alla sua cinta, sguainando una lunga katana e muovendosi verso di loro con un passo pesante e minaccioso.
Il suo sguardo era cupo e digrignava i denti.

<< Andromeda, cosa vorresti fare?! >>
Esclamò la ragazza, rivolgendosi a lui.

<< Metto fine a questa farsa in questo istante! >>
Ringhiò l'uomo dai lunghi capelli azzurri, muovendosi minacciosamente verso il corpo immobile di Michael, attirando anche l'attenzione degli altri due ragazzi.

Andromeda si bloccò di scatto non appena Vermilion si mise tra lui e il suo bersaglio, fissandola con uno sguardo misto tra confusione e rabbia.
Alle spalle della ragazza apparve di nuovo quel suo spirito, mentre quelle fiamme rosso sangue ripresero a danzare freneticamente intorno a lei.

<< Mi è stato chiesto di aiutare quel ragazzo e se credi ti permetterò di mettere anche solo un dito su di lui, ti sbagli di grosso. >>
Disse la ragazza, con un tono minaccioso.

Ad Andromeda quelle parole non piacquero: ringhiò dalla rabbia, puntando la sua spada verso la sua compagna.

<< Non hai la minima idea di cosa stai proteggendo! >>
Esclamò.

<< Hai sentito cosa ha detto anche quel ragazzino, vero?! >>
Aggiunse subito dopo.
Vermilion posò il suo sguardo su Seryu, il quale era ancora visibilmente scosso da ciò che era accaduto pochi istanti prima.

<< E anche se l'avessi fatto? >>
Gli rispose subito dopo, voltandosi di nuovo verso Andromeda.

<< Quel ragazzino è un pericolo, è il figlio di Azael! E preferisco morire piuttosto che permettere a qualcuno come lui di tornare! >>
Ringhiò Andromeda, mentre abbassò la sua lama verso il terreno, preparandosi a scattare in direzione della sua compagna.

Il suo sguardo era furioso, e Vermilion sapeva non fosse in grado di calmarlo con le semplici parole.
Tra lui e Azael, dopotutto, scorreva brutto sangue: Andromeda non avrebbe accettato così facilmente il suo figlio.


Fortunatamente fu quella seconda figura a intromettersi prima che le cose potessero sfociare in uno scontro.

<< Basta così, Andromeda. >>
Disse una voce femminile.

Sorpreso da quelle parole, l'uomo si voltò rapidamente verso la sua collega, fissandola con uno sguardo confuso.

<< Ma, Sarah- ... >>
Le disse, venendo interrotto prima che potesse finire quella frase.

<< Andromeda. Ho detto basta. >>
Ripeté la donna, mostrandogli uno sguardo innervosito.

Il soldato abbassò lo sguardo, digrignando i denti, per poi rinfoderare lentamente la sua arma.
Vermilion seguì a ruota, facendo un sospiro di sollievo, mentre il suo spirito scomparve nel nulla alle sue spalle.



Sarah Ravier. Primogenita della casata dei Ravier, trentasei anni, seconda in comando a suo padre, al quale subentrerà quando quest'ultimo non sarà più in grado di svolgere il suo compito. 
Spesso e volentieri fredda e diretta, Sarah non si fa problemi a usare le maniere forti quando i suoi sottoposti non seguono gli ordini e detesta ripetersi.

Conosciuta con il soprannome di "Regina di Ghiaccio", Sarah è una dei maghi più abili in tutta Avalon, specializzata nella manipolazione del ghiaccio.
Nonostante sia Ehra a possedere il titolo di "maga più abile", secondo alcune voci in uno scontro uno contro uno tra le due sarebbe lei a uscirne vincitrice, poiché Ehra necessita di tempo per caricare i suoi incantesimi, mentre Sarah non solo non necessita di preparazioni ma è anche più abile nel corpo a corpo e con la spada.
Secondo altre voci, invece, sarebbe perfino riuscita a sconfiggere Andromeda in un duello.

Capelli medio-lunghi, bianchi come la neve e occhi celesti, freddi come il ghiaccio. E' raro vederla con una espressione che non sia seria, ma le poche persone che hanno avuto il privilegio di vederla sorridere hanno detto di esserne rimasti ammaliati.
Sarah Ravier è solita rimanere a fianco di suo padre, assistendolo in quasi tutte le faccende militari. 

Indossa spesso una divisa militare nera con rifiniture argentate sopra una camicia bianca e una cravatta azzurra.
Legata alla sua cinta vi era uno stocco argentato, molto lungo e fine, dal quale non si separava mai, decorato con una rosa bianca sull'elsa.
Sarah è conosciuta, infatti, anche come "La Magnifica Duellante", famosa specialmente per la sua astuzia e abilità nella scherma, alla quale si dedicò fin da tenera età.

Sarah decise di seguire le orme del padre per riuscire a guadagnarsi il suo affetto, ma fallì ben presto nel suo tentativo.
Suo padre, infatti, non mostrò mai alcun genere d'interesse verso di lei, ripetendo più volte quanto fosse "deluso dal fatto che il suo primogenito non fosse un maschio".

Nel disperato tentativo di recuperare la fiducia del padre, Sarah decise quindi di intrapendere la carriera militare per dimostrargli che non fosse debole e inutile come lui pensava, riuscendo in parte nel suo intento.
Vedendo non solo le sue grandi doti magiche, ma anche le sue magnifiche abilità da leader e nella spada, Xernes Ravier decise di portarla insieme a se nella capitale, indicandola addirittura come suo successore.

Nonostante Sarah fosse riuscita ad avvicinarsi al padre, lui continuò a mostrarle un comportamento freddo e distaccato, indifferentemente da quanti successi e vittorie conquistasse.
Ben presto capì fosse impossibile per lei riuscire a raggiungere il rapporto padre-figlia a cui ambiva fin da piccola, ma nonostante tutto rimase al suo fianco: in fin dei conti, se lui avesse riconosciuto i suoi successi e le sue abilità, a lei sarebbe bastato.



<< Grazie, Sarah. >>
Ringraziò Vermilion, sorridendole.

La donna dai capelli bianchi si mosse lentamente nella sua direzione, portando entrambe le mani dietro la sua schiena.

<< Non ringraziarmi, Vermilion: non era assolutamente mia intenzione farti alcun favore. >>
Le rispose, mostrandole quel suo classico sguardo freddo.

<< Semplicemente non credo sia necessario eliminarlo, al momento. >>
La donna fissò per un istante il corpo immobile nel terreno di Michael, senza proferire parola.

<< Porta il ragazzo all'infermeria, Andromeda. >>
Ordinò al soldato, subito dopo.

Andromeda si voltò verso di lei con una espressione confusa e infastidita stampata in volto, ringhiando.
Prima che potesse dire nulla, Sarah posò in una frazione di secondo quel suo sguardo freddo su di lui.

Andromeda evitò quel suo sguardo, impallidendo di colpo.

<< Non mi piace ripetermi, Andromeda. >>
Sussurrò la donna.
In quel preciso istante la temperatura all'interno di quella stanza calò a picco: diventò talmente bassa che fu possibile vedere il respiro dei presenti, che cominciarono improvvisamente tutti a tremare dal freddo.

<< Esegui gli ordini. Sono stata chiara? >>
Aggiunse subito dopo.

<< Cristallina. >>
Rispose il soldato, evitando il suo sguardo.
Tremando dal freddo, Andromeda si mosse verso Michael, sollevando il suo corpo dal terreno e trasportandolo rapidamente all'esterno della stanza, uscendo ben presto dal campo visivo dei presenti.

In quell'istante, la temperatura all'interno della stanza tornò improvvisamente alla normalità.


Sarah si voltò verso i nuovi arrivati, i quali la fissarono in silenzio e con sguardi terrorizzati.

<< Credo sappiate già chi io sia. >>
Disse loro.

<< Quindi non ci sarà alcuna necessità di fare introduzioni. >>
Aggiunse.


< Quella... >
Pensò Seryu, incredulo, fissando intensamente la donna davanti a se.

< ...E' davvero la sorella di Xane? Sono completamente differenti... Emana un Ki incredibile... >
Era la prima volta che la incontrò. Gli unici membri della famiglia Ravier che incrociò in passato furono Xane, anni prima, di sfuggita, e suo padre Xernes.
Per Jessica, invece, quello non fu per niente un nuovo incontro.

<< Se non vi dispiace... >>
Disse Sarah dopo qualche secondo di silenzio.

<< ... Ci piacerebbe farvi qualche domanda. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Riguardo a cosa? >>
Le domandò Seryu.

<< Riguardo tutto. >>
Fu la risposta della donna.
Non appena disse quelle parole diede rapidamente le spalle al gruppo, facendo loro cenno con una mano di seguirla.


Quando raggiunsero l'ufficio di Xernes, lo trovarono in compagnia di Andromeda, il quale sembrò ancora infastidito da ciò che era accaduto poc'anzi.
Era una grossa stanza decorata da svariati stendardi militari su cui era incisa l'immagine della casata dei Ravier, una Rosa bianca con un gambo argentato su uno sfondo a forma di scudo nero.
Vi erano due grosse librerie colme di libri, e una scrivania davanti a una porta finestra che dava su un balcone, da cui entrava la luce del sole.
Il pavimento era in legno rossastro, le mura in mattoni in pietra mentre il soffitto era in marmo liscio, simile a una scacchiera.

Vi erano, inoltre, parecchi quadri e dipinti appesi sui muri, raffiguranti vecchi membri della famiglia dei Ravier.
Vermilion, in uno di essi, riconobbe il suo vecchio maestro.


Xernes notò ben presto il trio, quindi fece loro cenno con una mano di entrare all'interno della stanza.
Non appena i tre varcarono la porta, chiudendola poi alle loro spalle, l'uomo, senza proferire parola, fece loro cenno di sedersi sulle sedie che aveva fatto preparare in precedenza davanti alla sua scrivania.

Sarah rimase in silenzio a guardare il trio sedersi davanti a suo padre da un angolo della stanza, con uno sguardo serio ed entrambe le mani dietro la schiena.


Xernes rimase a fissare i tre ragazzi in silenzio con uno sguardo incuriosito, reggendosi il mento con una mano e picchiettando sulla scrivania con una penna.
Al bordo della scrivania in legno vi era un bastone con il quale Xernes era solito spostarsi.

<< Ci conosciamo già, non serve essere così tesi. >>
Disse ai due ragazzi davanti a se, notando che non si sentissero a loro agio.

<< Ho un paio di domande che vorrei farvi: non vi ruberò molto tempo, ve lo assicuro. >>
Aggiunse subito dopo, posando il suo sguardo su Vermilion.

<< Cosa è accaduto poco fa, esattamente? >>
Le domandò.

<< Sono stata contattata da Ehra, la quale mi ha chiesto di aiutare quel ragazzo, e così ho fatto. >>
Rispose la ragazza, senza esitare neanche per un istante.

<< Non è quello ciò che ho chiesto. >>
Quelle parole colsero Vermilion alla sprovvista.

<< Voglio sapere cosa è successo poco fa, Vermilion. >>
Ripeté.

<< Quel... Ragazzo ha apparentemente perso il controllo per qualche secondo. Ma non è stato a causa del rituale, quello è andato a buon fine. >>
La risposta di Vermilion non andò a genio a Xernes, il quale continuò a fissarla in silenzio senza muovere neanche un muscolo con una espressione infastidita in volto.

<< Parleremo di questo in un secondo momento, Vermilion, quando quel ragazzo si sarà ripreso. >>
Le disse, mostrandole uno sguardo cupo.

<< Per ora ti basterà sapere questo. >>
Aggiunse subito dopo, posando poi il suo sguardo su Seryu.



<< Sono stato informato da Andromeda del fatto che tu abbia detto qualcosa d'interessante riguardo quel mezzo-demone, Seryu Alcher. Ti dispiacerebbe ripetermi quelle parole? >>
Domandò subito dopo al ragazzo.

<< Ho... >>
Borbottò Seryu, evitando lo sguardo dell'uomo, stringendo i pugni con forza intorno alle sue ginocchia.

<< ... Ho sentito l'energia di Azael, provenire da Michael. >>
Disse, dopo qualche secondo di silenzio.

Non appena Seryu disse quelle parole, Xernes smise di picchiettare sulla sua scrivania con la penna.
Fissò il ragazzo con occhi spalancati, sorpreso dalle sue parole.

<< Per accertarmi di non aver capito male, intendi dire che quel mezzo-demone emanava un'energia simile a quella di Azael, corretto? >>
Gli domandò.

Seryu rispose con un cenno negativo del capo, sollevando poi lo sguardo verso l'uomo.
Xernes non disse nulla: rimase a fissarlo in silenzio, immobile, con uno sguardo cupo.



<< Ti dispiacerebbe spiegarmi come hai fatto a riconoscere la sua energia? >>
Chiese subito dopo.

<< Anni fa... E' accaduto molti anni fa, prima che mio padre morisse. Mia sorella, Marianne, venne rapita per motivi a me ignoti da una figura che poi ho scoperto rispecchiasse perfettamente la descrizione del demone conosciuto come "Azael". Aveva due grosse corna ricurve come quelle di un caprone, occhi neri come la pece con iridi rosse, svariati strani segni tribali incisi nel suo corpo. Indossava anche una strana armatura argentata e un mantello rosso. >>
Rispose il ragazzo.
Non appena disse quelle parole, Seryu cominciò a tremare.
Jessica toccò delicatamente la sua mano, per poi sorridergli, nel tentativo di riuscire a calmare il suo compagno.
Seryu la fissò per un istante con una espressione mista tra confusione e tristezza, per poi abbassare lo sguardo, evitando quello della ragazza.

<< Quella è la descrizione di Azael, non ci sono dubbi a riguardo. >>
Confermò Sarah.

<< E' assurdo! >>
Esclamò Andromeda, improvvisamente, attirando l'attenzione dei presenti.

<< Ho fatto fuori Azael, diciassette anni fa, personalmente! Non è possibile tu abbia potuto incontrarlo: se così fosse, dovresti essere molto più grande! >>
Continuò, ringhiando con un tono frustrato.

<< So cosa ho visto, e ricordo perfettamente quel Ki mostruoso: non potrei confonderlo per nient'altro al mondo! >>
Controbatté Seryu.

<< Ci sono solamente due possibilità, allora... >>
Disse Sarah, portandosi una mano al mento.

<< O la figura che Seryu Alcher incontrò anni fa era un falso... O Azael non è morto durante la Notte Cremisi. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Stronzate! >>
Ringhiò Andromeda.

In quell'istante Xernes posò il suo sguardo infastidito sul soldato.

<< Andromeda: se continuerai a parlare in questo modo in mia presenza, te ne pentirai amaramente. >>
Non appena sentì le parole del suo superiore, Andromeda evitò rapidamente il suo sguardo, digrignando i denti.


Xernes si alzò rapidamente dalla sua sedia, dirigendosi poi verso la porta finestra e fissando il giardino in fiore che si poteva ammirare da li.

<< Per ora è tutto. Se dovessi necessitare di farvi altre domande, vi farò sicuramente chiamare. Potete andare. >>
Disse ai presenti.


<< Ne è sicuro, padre? Ci sono ancora delle cose che potremo chieder- >>
Gli domandò Sarah, venendo rapidamente interrotta dall'uomo, non appena il trio, accompagnato da Andromeda, lasciò la stanza.

<< Non andranno da nessuna parte, Sarah. Per ora ho semplicemente bisogno di un po' di tempo per pensare alla situazione... >>
Le rispose l'uomo, senza voltarsi verso la figlia, fissando i giardini del palazzo dalla sua stanza.

<< Una tempesta è in arrivo, Sarah... >>
Le disse, fissando l'orizzonte in distanza.
Il cielo era sereno, e il sole ancora alto si rifletteva sullo stagno limpido davanti al suo davanzale... 
Eppure, quella vista non bastò a calmarlo.

Quelle sue parole colsero la figlia alla sprovvista.

<< Posso sentirla nelle mie ossa. >>
Aggiunse subito dopo, voltandosi verso di lei.

<< Contatta Merlin e il gruppo di Lancelot, dando loro l'ordine di tornare il prima possibile ad Avalon. >>
Non appena disse quelle parole, Sarah lasciò rapidamente la stanza, non dopo averlo salutato con un saluto militare.

Xernes si sedette di nuovo davanti alla sua scrivania, aprendo poi un cassetto e posando il suo sguardo su un foglio.
Era un rapporto che aveva scritto personalmente mesi prima.

< Lucifer sta tramando qualcosa... >
Pensò, afferrando quel pezzo di carta e posandolo poi sulla sua scrivania.
Lo scrisse circa tre mesi prima di quel giorno, subito dopo quell'assurdo incontro con il demone durante quell'importante riunione.

< Ciò che ci disse quel giorno... Pensai fossero tutte bugie. >
Continuò, rileggendo il suo stesso rapporto.

<< L'attacco all'istituto Star, la comparsa di Abraxas, il figlio di Azael... Non credetti alle sue parole, eppure... >>
Non appena disse quelle parole, Xernes cominciò a digrignare i denti.

<< Cosa stai architettando, maledetto?! Cosa potresti mai ottenere dal tradire i tuoi compagni, nel fare il doppio gioco?! >>
Chiese subito dopo a nessuno.

< Il rimanere all'oscuro di tutto questo mi manda in bestia...! >
Pensò subito dopo, riponendo di nuovo quel foglio all'interno del suo cassetto.


In quell'istante, Xernes sentì come un brivido passargli nella schiena.
Sollevò lentamente lo sguardo solamente per vedere quella figura seduta su una delle poltrone che usava solitamente quando voleva leggere qualcosa.

Lucifer era seduto davanti a lui, con le gambe incrociate, e uno dei suoi libri in mano.

* Devo ammetterlo, hai davvero un buon gusto in fatto di lettura, Xernes. Invidio la tua collezione di libri. *
Disse il demone, intento a sfogliare le pagine del libro che aveva preso da una delle sue librerie, senza che l'uomo riuscisse anche solo a sentire la sua presenza.

<< Non ricordo di averti invitato nel mio ufficio, maledetto. >>
Gli disse Xernes, con un tono infastidito.

Lucifer chiuse rapidamente il libro con una mano, appoggiandolo poi su un tavolino in vetro che si trovava ai suoi piedi.
Fissò l'uomo con un grosso sorriso stampato in volto.

* Questo benvenuto non è molto cordiale, da parte tua, amico mio. *
Gli disse, con tono divertito, reggendosi il volto con una mano.

<< "Amico"? Stai facendo parecchie supposizioni, al momento, demone. >>
Ringhiò Xernes, alzandosi dalla sua sedia.

<< Cosa vuoi? >>
Gli domandò subito dopo.

In quell'istante Lucifer si alzò dalla poltrona rossa in pelle, senza smettere di sorridere.

* Ero venuto qui con l'intenzione di dirti qualcosa, ma a quanto pare non sono il benvenuto... Che disdetta... *
Gli rispose il demone, fingendo tono ed espressione dispiaciuti.

Xernes gli rispose con una smorfia infastidita.
Lucifer, d'altro canto, gli mostrò quel sorriso divertito.

<< Come hai fatto a intrufolarti, di nuovo, all'interno del mio palazzo a mia insaputa, dopo che ho fatto aumentare i sistemi di sicurezza? >>
Domandò al demone.

Lucifer ridacchiò, portandosi una mano davanti alla bocca.

* Se pensi davvero che io sia così debole da farmi localizzare da incantesimi così patetici, sei veramente un folle... *
Gli rispose, divertito.
Xernes digrignò i denti.

Sai, Xernes... *
Disse il demone subito dopo, sedendosi di nuovo su quella poltrona.

* Potrei dirti i motivi che si nascondono dietro alle mie azioni... Ma tu... Mi crederesti, se lo facessi? *
Domandò subito dopo all'uomo.
Xernes non gli rispose: ricambiò il suo sguardo divertito con uno rabbioso.

* Io penso di no. *
Aggiunse subito dopo, rispondendo alla sua stessa domanda.

* Quindi perché dirtelo, se non mi crederesti comunque? Ti basta sapere che io ho i miei motivi per fare ciò che sto facendo.*
Continuò, reggendosi il capo con una mano.
Continuò a fissare in silenzio l'uomo senza smettere di sorridergli: Lucifer sapeva perfettamente che quel suo comportamento lo mandava su tutte le furie.

Xernes ricambiò lo sguardo divertito del demone con uno infastidito.

<< Sto ascoltando. >>
Gli rispose, facendo capire al demone che fosse disposto ad ascoltare il motivo che si nascondeva dietro alla sua visita.

* Tra qualche giorno Belzebub attaccherà la capitale. Quindi, se non volete lasciarci la pelle, vi consiglio di non farvi cogliere impreparati. *
Xernes non riuscì a credere a quelle parole: fissò il demone davanti a se in silenzio, con uno sguardo incredulo, occhi spalancati, per qualche secondo.

<< Cosa vorresti dire con questo?! Quando attaccherà, con chi?! >>
Esclamò l'uomo, riprendendosi finalmente da quello stato di shock, colpendo la sua scrivania con un pugno.

Lucifer gli sorrise.

* Non sei stato molto cordiale con me, oggi, mio caro Xernes. Quindi perdonami se dovessi rivelarmi un po' criptico... *
Gli rispose il demone, alzandosi dalla poltrona.

* Non puoi aspettarti che io ti dia le risposte che cerchi, se tu in primis mi hai trattato in un modo così poco cordiale. *
Disse subito dopo, alzandosi per l'ennesima volta da quella poltrona.

* Quindi, perdonami, ma questa volta dovrai trovare il "chi" e il "quando" per conto tuo. *
Aggiunse subito dopo, mostrando all'uomo quel suo sorrido soddisfatto, senza aspettare nemmeno che Xernes gli rispondesse.

* Ti auguro buona fortuna. Magari, la prossima volta, se dovessi tornare a farti visita, potresti essere un po' più cordiale... Sai, dopotutto c'è una piccola differenza tra noi: voi umani necessitate della mia assistenza se volete sopravvivere... A me, d'altro canto, non importa poi così tanto se ci morite tutti quanti. *
Quelle parole fecero congelare il sangue a Xernes, il quale posò il suo sguardo terrorizzato sul demone.

*Senza di me, rimarreste all'oscuro di tutto e potreste facilmente venir sterminati da un attacco a sorpresa... Insomma, come vi sareste comportati se io non vi avessi avvertiti dell'attacco di Belzebub? A me non interessa se ci lasciate tutti la pelle, sarei comunque in grado di raggiungere il mio obbiettivo... Quindi tieni questa cosa in considerazione, la prossima volta, e offrimi un caffè. Potrei essere incline a dirti di più: è per il vostro stesso bene, dopotutto. *
Non appena Lucifer disse quelle parole scomparve nel nulla nello stesso modo in cui era apparso, lasciando Xernes da solo nella sua stanza a bruciare nella sua stessa rabbia.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 5-8, grazie di avermi seguito e alla prossima con l'inizio del volume 6!




 

Ritorna all'indice


Capitolo 43
*** Capitolo 6-1: Futuro in movimento ***


Capitolo 6-1: Futuro in movimento

 


Quando Michael riaprì gli occhi si ritrovò in un grosso spazio vuoto, scuro, in mezzo al nulla.
Confuso, si guardò intensamente intorno, alla ricerca di qualsiasi cosa potesse aiutarlo a capire dove si trovasse.

Nulla. 
Attorno a lui non c'era altro se non il vuoto più totale.


<< Hey? >>
Domandò a nessuno, sperando qualcuno gli rispondesse.
La sua voce echeggiò per qualche secondo in quello strano posto, per poi venir inghiottita dall'oscurità.

<< Dove diavolo sono? >>
Si domandò, continuando a guardarsi intorno.

Nonostante quel posto fosse completamente buio, Michael non ebbe problemi a vedere chiaramente il suo stesso corpo. 

<< Ehilà?! >>
Esclamò, continuando a sperare qualcuno rispondesse.
Anche stavolta, non accadde nulla.

<< Seryu? Vermilion! Jessica?! >>
Continuò.

< Cosa diavolo sta succedendo? >
Si domandò, capendo che non avrebbe ricevuto alcuna risposta dai suoi compagni.

A un certo punto una forte luce in distanza attirò la sua attenzione.
Notandola, si voltò rapidamente verso di essa.

Non riuscì a capire da cosa fosse originata quella luce, ma poté sentire un forte calore provenire dalla distanza.
Indifferentemente da quanti passi facesse in avanti, quella luce sembrò non avvicinarsi neanche di un millimetro.

Nonostante potesse camminare, non poteva avanzare.


"Non c'è nessuno, qui, tranne noi."
Disse improvvisamente una voce femminile, che sembrò provenire dalla luce che illuminava quel vuoto dalla distanza.

<< Uh?! Chi sei? Dove sei? >>
Rispose Michael a quella voce, confuso e sorpreso da quelle parole, riprendendo poi a guardarsi intensamente intorno alla ricerca di quella voce a lui aliena.
Non vide nessuno, tranne quella strana fonte di luce in distanza.
Non riuscì a comprendere da dove provenisse quella voce: per un attimo, gli sembrò quasi che arrivasse da quella luce, ma non riuscì a credere alle sue stesse sensazioni.

Quel posto era strano... Eppure, per qualche motivo, non sentiva assolutamente alcuna paura.
Solamente confusione.


In un battito di ciglia, Michael si ritrovò quella fonte di luce davanti ai suoi stessi occhi.
Una grossa fiamma rossa e azzurra, sospesa nel vuoto davanti a lui, che emanava uno strano ma gentile calore.

<< Sei... Tu? >>
Domandò, ancora una volta, Mike, a quella voce, fissando intensamente quella strana fiamma eterea con occhi spalancati, non riuscendo a capire come avesse fatto ad avvicinarsi così tanto in una frazione di secondo.

" Puoi chiamarmi Phoenix... E' così che sono conosciuta, in questa era, dopotutto."
Gli rispose la voce.
A differenza della sua, quella voce non riecheggiò in quel vuoto.

<< Sei lo spirito di Vermilion? Sei una ragazza? >>
Le domandò Michael, sorpreso da quella presenza.

" Non esattamente: non sono più umana, ormai. Non sono altro che una mera copia dell'essere conosciuto con il nome di Phoenix. "
Rispose quella voce, lasciando il ragazzo con più domande che risposte.

<< Cosa vuoi dire con "una copia"? >>
Le domandò.

" A Phoenix è stato dato il compito di risolvere la situazione nella quale ti trovavi... Purtroppo, però, le è stato impossibile farlo.  "
Rispose quella voce.

<< Cosa vuoi dire con questo?! Non è cambiato nulla?! >>
Esclamò il ragazzo, preoccupato dalle parole di quell'essere.

" Non esattamente. La tua parte da demone è stata calmata... Ciononostante è rimasto qualcosa, dentro di te, che sembra continuare a spingere affinché quella parte di te riaffiori di nuovo. "
Quella risposta non andò a genio al ragazzo, il quale le rispose con un verso infastidito.

<< Perché devi essere così criptica? E' difficile dirmi cosa sta succedendo esattamente, dove mi trovo, e cosa è successo? >>
Le domandò, di nuovo, con un tono infastidito, ancora confuso da cosa stesse accadendo.

" Ricevuto. Il mio nome è Phoenix, ma, come ho detto, non sono altro che una copia dell'essere con il quale ho in comune questo nome, una copia creata dallo spirito stesso per riuscire a svolgere il compito che le è stato dato. Una copia creata quando Phoenix non è riuscita ad arginare quella strana presenza che preme affinché quella parte di te prenda di nuovo il controllo, una copia con le stesse memorie e capacità alla quale sarai legato fino a quando non riuscirò a risolvere definitivamente quel problema. "
Gli spiegò quella voce.

<< Aspetta un secondo... Quindi mi stai dicendo che è come se avessi stretto un contratto con te? >>
Le domandò Michael.

" Affermativo. Nonostante tutto, però, questo è un contratto a tempo indeterminato: quando sarò riuscita a risolvere il problema che ti affligge, il mio compito sarà concluso e lascerò definitivamente il tuo corpo. Fino ad allora, comunque, sarò a tua disposizione: dopotutto, non posso svolgere il mio compito se tu non sei in vita, per cui non esitare a richiedere il mio aiuto, se necessario. "
Michael non riuscì a credere a quelle parole.
Fissò quella fiamma con occhi e bocca spalancati per qualche istante, mentre un grosso ed eccitato sorriso apparve rapidamente nel suo volto.

<< Aspetta, stai dicendo che potrò usare la magia?! >>
Esclamò, incredulo ed eccitato davanti a quella possibilità.

" Affermativo. Ovviamente, limitato dalle mie capacità e non dal tuo quantitativo infimo di mana. "
Sentendo quelle parole, Michael non riuscì a contenere la sua gioia.

Dopotutto, era un qualcosa che aveva desiderato da sempre, fin da quando era più piccolo.
La sua impossibilità di usare incantesimi di qualsiasi tipo lo fece sentire, più volte, diverso dalle altre persone, debole e indifeso.

Quello, per lui, fu un sogno che divenne realtà.


<< Comunque.... >>
Disse subito dopo, non appena riuscì a calmare la sua felicità, schiarendosi la voce.

<< Tu sei Phoenix ma, allo stesso tempo, non lo sei? Come dovrebbe funzionare? Sei più debole dell'originale? >>
Domandò a quella voce.

" Corretto. Sono Phoenix ma, allo stesso tempo, non lo sono. Sono una copia che possiede le sue stesse memorie fino al momento in cui ci siamo separati. In quel momento, siamo diventati due esseri differenti che, in comune, hanno solo i ricordi. Inoltre, corretto. Essendo una mera copia, posseggo meno energia rispetto all'originale, ma abbastanza per svolgere il mio compito. "
Spiegò la voce.

<< Ma se il "Phoenix originale" non è riuscito a risolvere il mio problema, come dovresti tu, con meno riserve di energie, riuscirci? >>
Le domandò subito dopo, il ragazzo, non comprendendo le sue parole.

" Non è esattamente così che funziona. Phoenix è riuscita a curare il tuo status, ma non è riuscita ad arginare il problema. E questo è il motivo per cui ha creato me, per tenere sotto controllo il problema, operare quando necessario. "
Rispose quella fiamma.

<< Quindi... Dovrei chiamarti Phoenix? >>
Chiese subito dopo a quella voce, grattandosi il mento.

" Sono Phoenix, ma allo stesso tempo non lo sono. Quindi, suppongo, può chiamarmi come meglio preferisce. "
Rispose la voce.

<< Uh. Penserò a un nome da darti, allora, per differenziarti da Phoenix di Vermilion... >>
Continuò Michael.

" Non è necessario "
La risposta di Phoenix colse il ragazzo alla sprovvista, il quale fissò quelle fiamme con una espressione confusa e sorpresa.

<< Cosa vuoi dire? >>
Le domandò.

" Quando avrò portato a termine il mio compito, scomparirò.  "
Gli spiegò la voce.
Quelle parole non piacquero a Michael.

<< Cosa significa che "scomparirai"? Io non posso usare la magia... Con te al mio fianco, potrò riuscire in ciò che ho sempre voluto fare...! Non siamo compagni? >>
Le domandò.

Phoenix rimase in silenzio per alcuni secondi, durante i quali il ragazzo fissò quelle fiamme rosse e azzurre con una espressione preoccupata.

" Non... Credo tu capisca la differenza tra la nostra relazione e un normale contratto. Nonostante sia vero che tu possa usare le mie fiamme, adesso, il nostro rapporto è completamente differente rispetto a quello che esiste tra un normale Spirito e il suo Padrone. Al momento, lei non è ancora degno per stringere un reale contratto con me: per questo, quando avrò finito il mio compito, lascerò il suo corpo. Ovviamente, se lei desidera così tanto stringere un contratto con me, dovrà obbligatoriamente guadagnarsi la mia fiducia e il mio rispetto. Se riuscirà in questo compito, sarò più che felice di prestarle permanentemente i miei poteri. "
Gli spiegò.

<< Come dovrei farlo? >>
Domandò subito dopo, il ragazzo.

" Questa non è una risposta che posso darle. Deve trovarla da solo. "
Sentendo le sue parole, Michael abbassò istintivamente lo sguardo.

<< Perché tutti continuano a dirmi che devo trovare le risposte da solo? >>
Chiese a nessuno, ripensando al suo discorso con Neptune.

" Le risposte ai nostri problemi non possono esserci date da persone esterne, altrimenti non sarebbe possibile crescere come individui. "
Disse lo Spirito.
Sentendo le sue parole, Michael sospirò: suo zio gli disse quelle stesse parole, anni prima.


<< Ah, giusto! Dove sono esattamente? E cosa era quella "presenza" di cui mi hai parlato poco fa? >>
Chiese poco dopo a quella voce, cambiando discorso.

" Al momento si trova all'interno della sua stessa mente. E' difficile spiegarlo con parole semplici a un essere umano, perciò le consiglio di vedere tutto questo come se si trattasse di un sogno. E' ciò che più si avvicina alla realtà dei fatti. "
Rispose la voce.

" Riguardo a quella presenza"
Continuò.
 
"Sembrerebbe quasi che qualcosa, o qualcuno, stia premendo affinché possa prendere il controllo del suo corpo. Al momento non ho ancora abbastanza informazioni riguardo cosa possa trattarsi, quindi non posso dare una spiegazione migliore. "


Quelle parole misero una strana sensazione nel corpo di Michael: qualcosa stava cercando di prendere il sopravvento sul suo stesso corpo, e quella cosa gli fece paura.
Ripensò al racconto che Ehra gli fece, a come avesse reagito contro Nergal e Asteroth, dopo che perse i sensi...
Non poteva assolutamente permettersi di diventare un pericolo per i suoi compagni: non se lo sarebbe mai perdonato.

"Potrebbe trattarsi di ciò di cui mi parlò Neptune?"
Si domandò, preoccupato dalle parole di Phoenix, ripensando a una specifica frase che il suo compagno gli disse, quella notte, prima che tornassero nella loro stanza.


<< Non hai alcuna idea a riguardo? >>
Le domandò dopo pochi secondi di silenzio.

" Sfortunatamente no. Se dovessi, però, provare a fare una ipotesi... Direi che si tratti di lei, padrone. "
Sentendo quelle parole, il cuore di Michael saltò un battito.
Rimase a fissare quelle strane fiamme davanti a se per qualche istante, pallido in volto, con una espressione mista tra stupore e preoccupazione stampata in volto, senza muovere neanche un muscolo.

<< C-Cosa vorresti dire con questo? >>
Domandò finalmente allo spirito, tornando in se.

" Secondo le sue stesse memorie, Ehra ha interrotto forzatamente la sua forma da demone. E, quando sono intervenuta, qualcosa ha cercato di riprendere il controllo del suo corpo. Se dovessi tirare a indovinare, direi che sia stato tu a cercare di prendere il controllo... La parte 'demone' di te, se ha senso. Dopotutto, quando si è trasformato, lei ha perso completamente il controllo di sé, quindi qualcos altro deve aver preso le redini, come risultato. E' possibile, quindi, che il suo lato da demone abbia cominciato a sviluppare una propria personalità, e che abbia cominciando a disprezzare il fatto di essere rinchiuso all'interno della sua testa. Se questo dovesse rivelarsi essere il caso, le consiglierei, padrone, di evitare di trasformarsi una seconda volta. "
Quelle parole erano esattamente ciò di cui Neptune lo avvertì.


"Devi fare attenzione, Michael. Se tu non dovessi riuscire a controllarti durante le trasformazioni, sarà qualcos altro a farlo... Non è raro che alcuni mezzo-demoni sviluppino una 'doppia personalità'. Dovrai riuscire a controllarti, altrimenti sarà qualcos altro a farlo... E quel qualcos altro, prima o poi, si stancherà di essere rinchiuso dentro la tua testa, aspettando che tu semplicemente perda il controllo... Prima o poi, proverà a prendere il sopravvento."


" E' tempo."
Quelle parole fecero tornare Michael in se, il quale posò il suo sguardo sorpreso su quelle fiamme, non riuscendo a capire di cosa quello Spirito stesse parlando.

<< "E' tempo" per cosa? >>
Le domandò, confuso.

" E' tempo che si svegli, padrone. "
Spiegò Phoenix.

<< No, aspetta! Non ancora! >>
Esclamò il ragazzo, provando ad avvicinarsi a quelle fiamme, inutilmente.

" Mi dispiace. Non abbiamo altro tempo. "
Continuò lo Spirito.

<< Aspetta, non mi hai ancora detto come dovrei- >>
Non appena disse quelle parole, tutto intorno a lui s'illuminò di una luce intensa, accecante.
Michael non fu più in grado di tenere gli occhi aperti, quindi si portò una mano davanti al volto, coprendosi gli occhi....

Quando li riaprì, si ritrovò in un posto completamente differente.
Disteso in un letto, in una stanza che non aveva mai visto prima.

Sentì un forte profumo di rose, e la luce del sole entrare da una finestra alla sua sinistra.
Si voltò lentamente verso l'origine di quella luce, notando un grosso giardino in fiore all'esterno.

< Non mi hai detto come dovrei contattarti.... >
Si disse, ripensando a ciò che non riuscì a chiedere a Phoenix, con una espressione colma di rammarico.
In quell'istante cominciò a guardarsi intorno, capendo ben presto di trovarsi in una infermeria.

Qualcosa, però, attirò improvvisamente la sua attenzione.

Una donna, molto formosa, con addosso un camice da infermiera, c
apelli lunghi e lisci di color castano...
Ciò, però, che fece impallidire Michael, furono i suoi occhi.


<< Ah! Ti sei svegliato finalmente! >>
Esclamò la donna, portandosi due dita sulle labbra.

<< C-Chi sei? >>
Domandò il ragazzo, non riuscendo a distogliere lo sguardo da quei suoi occhi 
da serpente, color oro, pallido in volto.
La donna gli sorrise.

<< Ti ho trovato~ >>
Ridacchiò quella figura, spiegando improvvisamente due grosse ali da pipistrello che, fino a quel momento, tenne nascoste alle sue spalle.

____________________________________________________________________________________________________________


Fine del capitolo 6-1, grazie di avermi seguito e alla prossima!


Ritorna all'indice


Capitolo 44
*** Capitolo 6-2: Belzebub ***


Capitolo 6-2: Belzebub



<< Vi ringrazio per essere venuti qui, oggi. >>
Disse Belzebub, non appena entrò all'interno di quella stanza.

Erano ormai trascorsi tre giorni da quando Belzebub ebbe quell'accesa discussione con Lucifer, giorni durante i quali pensò giorno e notte a un piano che gli avrebbe permesso non solo di riuscire nella missione in cui sia Asteroth che Abraxas avevano fallito, ma che lo avrebbe aiutato finalmente anche a dimostrare che i metodi di Lucifer fossero sbagliati.

Dopotutto Belzebub era convinto che, se avesse potuto prendere il posto di Lucifer, avrebbe potuto essere un leader migliore per i Dodici Generali Demoniaci.
Gli ospiti che l'avevano atteso fino a quel momento, all'interno di quella stanza, lo guardarono in silenzio mentre Belzebub li raggiunse, chiudendo quella grossa porta in legno scuro alle sue spalle.

Era una stanza dall'altro lato del castello, rispetto agli alloggi di Lucifer. Nessuno avrebbe potuto, quindi, interromperli, li dentro.


Le figure che Belzebub aveva fatto chiamare erano gli unici rimasti, li dentro, di cui poteva ancora fidarsi.
E, per questo, loro due erano gli unici che avrebbero potuto assisterlo nella strategia a cui pensò in quei tre giorni.

<< Noto con piacere ti sia ricresciuto il braccio, Belzebub. >>
Disse una delle due figure, dopo qualche secondo di silenzio, non appena Belzebub si sedette davanti a loro, notando che il braccio del suo compagno fosse tornato al suo posto, come nuovo.

<< Possiedo le abilità rigenerative più alte tra tutti i Generali, dopotutto. Ti aspettavi altrimenti, Amon? >>
Gli domandò Belzebub, ancora infastidito da quel fatto.

<< Forse dovresti visitare di nuovo Astarte, allora... >>
Ridacchiò l'altra figura, attirando l'attenzione del suo compagno.

<< ...Chissà... Magari è ancora affamata. >>
Aggiunse subito dopo.


Nonostante tra loro non scorresse buon sangue, Asteroth era uno dei pochi Generali di cui Belzebub potesse ancora fidarsi.
Conscio di quel fatto, il demone digrignò i denti, ingoiando sia la sua rabbia che il suo orgoglio, decidendo che, per la riuscita del suo piano, sarebbe stato opportuno collaborare con quell'inetto, piuttosto che farselo nemico per l'ennesima volta.

<< Ascoltami bene, Asteroth... >>
Disse Belzebub al suo compagno.

<< So che tra noi due non scorre buon sangue, ma so anche per certo che tu sappia perfettamente in quale genere di situazione ci troviamo, al momento. >>
Sentendo quelle parole, Asteroth sbuffò con fare innervosito.

<< Gli umani diventano sempre più forti con il passare del tempo, mentre noi demoni lo siamo sempre di meno. Di questo passo, nel giro di qualche centinaio di anni non saremo più neanche considerati una minaccia. >>
Continuò, Belzebub, ringhiando i denti.

<< So che anche tu, come me, detesti le strade che Lucifer ha deciso di percorrere nell'ultimo secolo, e che io e te vogliamo la stessa cosa: liberare Bael dalla sua prigionia e riportare i Dodici Generali al loro antico splendore. >>
Non appena disse quelle parole, Belzebub porse malvolentieri una mano ad Asteroth, il quale notò ben presto l'avversione che si nascondeva dietro il gesto del suo compagno.


Belzebub e Asteroth si odiarono fin dal principio.
In origine, infatti, quest'ultimo non fu neanche un membro dei Dodici Generali.

Un semplice subordinato, demone di Classe A, che entrò un giorno a far parte dei Dodici Generali come sostituto, dopo la dipartita di alcuni dei membri originali.
Belzebub non riuscì a credere che un suo subordinato fosse diventato improvvisamente un suo pari.

Si oppose con tutte le sue forze alla decisione di Bael, ma fu inutile: alcuni dei membri originali dei Dodici Generali Demoniaci erano ormai deceduti, altri avevano lasciato il loro posto vuoto dopo aver abbandonato gli ideali del loro comandante.
Era compito di Bael, quindi, riempire quei posti vacanti.

Belzebub però non accettò a chi Bael offrì quei posti.
Tra quei nuovi volti, ci fu infatti anche quello di Asteroth.

A quel tempo Asteroth non era neanche lontanamente paragonabile nemmeno al più debole dei Dodici Generali. 
Qualcuno con quel livello, tra le fila dei Dodici, non avrebbe fatto altro che danneggiare la loro immagine e segnare l'inizio del loro inevitabile declino.

Dopotutto, se per colmare i vuoti che avevano lasciato i vecchi membri, Bael si era abbassato a scegliere figure così deboli come loro sostituti, allora il livello medio dei demoni era ormai sceso a livelli abissali.


<< Quindi... Che ne dici se, per questa volta, mettessimo da parte le nostre differenze, e cooperassimo al fine di raggiungere il nostro scopo? >>
Domandò, quindi, Belzebub al suo compagno.

Asteroth rimase in silenzio a fissare la mano del demone per qualche secondo, per poi sbuffare con fare infastidito.

<< Per quanto detesti dirlo, concordo con te sul fatto che Lucifer stia sbagliando approccio. >>
Rispose al suo compagno, senza però ricambiare il suo gesto.
In quell'istante Belzebub levò la mano che aveva teso verso di lui, con fare infastidito.

<< Ti aiuterò. Quindi? Cosa vuoi di preciso? >>
Gli chiese subito dopo, impaziente.

<< Mi serve la vostra assistenza per riuscire nel piano a cui ho pensato. >>
Rispose Belzebub, incrociando le braccia davanti al petto, parlando ai suoi compagni con un tono ancora innervosito e cupo.

<< Scusami, ma non ho intenzione di avere nulla a che vedere con tutto questo. >>
Disse Amon, quasi divertito, al suo compagno.
Belzebub si voltò rapidamente verso di lui, non sorpreso dalle sue parole.

<< Insomma... Parliamo di un gruppo di ragazzini. Non mi interesso a certe cose. >>
Aggiunse subito dopo.

Belzebub non sembrò convinto dalle parole del suo compagno.

<< Curioso sentir queste parole uscire dalla tua bocca, considerando cosa è successo un paio di anni fa... >>
Sentendo quelle parole, un ghigno divertito e sadico apparve nel volto di Amon.

<< Ah... Quello era differente. >>
Fu l'unica risposta del Ruggente.

<< Non ha importanza, non avevo comunque intenzione di chiedere aiuto a te, Amon. >>
Le parole di Belzebub colsero il demone dai lunghi capelli verde chiaro alla sprovvista.

<< Uhm? E allora per quale motivo mi hai fatto chiamare? >>
Domandò al suo compagno, incuriosito dal fatto che avesse chiesto di lui senza però necessitare del suo aiuto.

In quell'istante un sorriso divertito apparve nel volto di Belzebub.

<< I tuoi fratelli potrebbero tornarmi utili. >>
Gli rispose.


Non c'era alcun bisogno di rischiare. Attaccare la capitale da solo, anche insieme ad Asteroth, sarebbe comunque stato un suicidio.
Dopotutto, Magnus era conosciuta per avere alcuni dei maghi più abili in tutta Gaia e perfino in due, probabilmente, per quanto detestasse ammetterlo, sarebbero stati sconfitti.

Belzebub sapeva perfettamente che se avesse voluto assicurarsi la vittoria avrebbe dovuto far scendere in campo almeno tre generali, ma Amon non avrebbe mai accettato di aiutarlo direttamente.
Dopotutto, Amon scendeva in campo solo quando voleva lui.

Mirfah rifiutò di aiutarlo, rispondendogli che non avesse alcun interesse in quel ragazzino, mentre Abraxas gli disse che quello non era, ormai, più il suo compito.
Le uniche scelte rimaste, quindi, a cui poteva rivolgersi erano i fratelli di Amon: le Tre Bestie Demoniache.

Ifrit, Behemot e Leviathan, però, seguivano solamente gli ordini del loro fratello, ragion per cui Belzebub fu comunque obbligato a chiedere assistenza ad Amon.
Sarebbe infatti bastata una sua parola e le Tre Bestie avrebbero seguito i suoi ordini come se fosse stato Amon a darli.
Con l'aiuto non solo di Asteroth, ma anche di quello delle Tre Bestie Demoniache, avrebbe sicuramente messo in ginocchio quegli sciocchi umani.


<< Interessante... >>
Ridacchiò Amon, alzandosi dalla sua sedia e dirigendosi verso l'uscita della stanza.

<< Quindi? Mi aiuterai? >>
Gli domandò Belzebub, prima che potesse lasciare la stanza.

<< Sai che Lucifer necessita di quella città intatta, per riuscire a creare un'altra Pietra Filosofale, giusto? >>
Gli rispose Amon, senza voltarsi verso di lui.

Belzebub sorrise.

<< Non è un problema. >>
Gli rispose, con tono divertito.

<< Anche se dovessimo spazzare via metà Magnus, rimarrebbero comunque abbastanza umani in vita per creare almeno una Pietra. >>
Continuò.

Non appena Belzebub disse quelle parole, Amon lasciò la stanza e Asteroth lo seguì a ruota.


Belzebub rimase, quindi, solo in quella stanza, a pensare.
Finalmente il suo piano aveva cominciato a prendere forma: se fosse riuscito nel suo intento avrebbe preso due piccioni con una fava.

Non solo avrebbe dimostrato ai suoi compagni di poter prendere decisioni migliori di quelle di Lucifer, ma sarebbe riuscito anche a mettere in ginocchio quegli stupidi umani.

Avrebbe mostrato quegli sciocchi la forza dei Dodici Generali, li avrebbe ripagati con la loro stessa moneta.
Lucifer non era in grado di guidare i Dodici Generali al posto di Bael... Lui, invece, ne sarebbe stato capace.

Sarebbe stato lui a liberare Bael e, insieme a lui, avrebbe finalmente portato a termine il piano che diciassette anni prima venne loro strappato dalle mani.


Frustrato da quei pensieri, Belzebub lanciò un urlo furioso.
In quel preciso istante, uno strano liquido nero e viscoso cominciò a fuoriuscire lentamente dal suo braccio destro quasi come se fosse sangue.

Quello strano liquido, simile al petrolio ma molto più denso, cominciò a colare nel pavimento, sciogliendo lentamente le pietre sottostanti come se fosse acido.
Belzebub notò ben presto cosa stesse accadendo, e fece un grosso respiro.

Non poteva permettersi perdere il controllo in quel modo, altrimenti avrebbe rischiato di trasformarsi in un mostro come accadde alle Tre Bestie.
Perdere il controllo di se non era una opzione: non poteva assolutamente diventare una creatura priva di autocontrollo come accadde a quei tre.

Dopotutto, non aveva ancora portato a termine il compito che si impose molti millenni prima.

In quell'istante, quello strano liquido nero smise di uscire dal suo corpo.


<< Inutili, patetici e fastidiosi umani... Ve la farò pagare cara. >>
Disse a nessuno, con uno sguardo colmo d'odio.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-2, grazie di avermi seguito e alla prossima!

Ritorna all'indice


Capitolo 45
*** Capitolo 6-3: Iris ***


Capitolo 6-3: Iris



Per qualche motivo a lui ignoto, quella donna rimase a fissarlo in silenzio senza rispondere a quella sua domanda, osservandolo con occhi scintillanti e uno sguardo stranamente eccitato.

Nonostante non avesse mai visto quella figura prima d'allora, qualcosa dentro Michael sembrò quasi urlargli di non abbassare assolutamente la guardia.
Quella donna era palesemente un membro dei Dodici Generali Demoniaci, non c'era alcun dubbio a riguardo, e Michael sapeva perfettamente che non avrebbe potuto in alcun modo vincere in uno scontro diretto contro qualcuno di quel livello.

< Deve essere venuta qui con l'intenzione di catturarmi, esattamente come Abraxas... >
Pensò il ragazzo, senza distogliere lo sguardo dalla donna.


<< Oh, non devi avere paura, tesorino... >>
Disse quella figura, con un tono provocante, cogliendo Michael alla sprovvista.

<< Non voglio farti del male. >>
Continuò, ridacchiando, sedendosi su una sedia davanti al letto su cui Michael era disteso fino a pochi istanti prima.

<< E allora per quale motivo sei qui? >>
Le domandò Michael, senza abbassare la guardia.

La donna picchiettò delicatamente sul letto davanti a se con una mano, quasi come se volesse dire al ragazzo di sedersi li sopra, davanti a lei.

<< Solamente per parlare un pochino... >>
Rispose, accavallando le gambe.

<< Parlare di cosa? >>
Continuò il ragazzo, rimanendo a distanza.

Quella donna non gli rispose.
In quell'istante Michael comprese che, per qualche motivo, non era in grado di distogliere lo sguardo da quella donna. Un intenso profumo di rose cominciò rapidamente a pervadere tutti i suoi sensi: la vista cominciò lentamente ad appannarsi e le sue gambe cominciarono a tremare dalla stanchezza.

Improvvisamente sentì le sue forze cominciare lentamente a mancare: gli sembrò quasi come se sarebbe potuto crollare dal sonno da un momento all'altro.
Il suo respiro si fece più lento e affannato, quasi come era solito accadergli dopo una lunga e faticosa corsa.

< Cosa... Cosa sta succedendo? >
Si domandò, confuso, cercando inutilmente di tenere gli occhi aperti.
Ogni cosa intorno a lui cominciò lentamente a diventare confusa, sfocata, fino a quando non riuscì nemmeno a riconoscerne le sagome.
L'unica cosa che rimase chiara, in quella confusione, fu l'immagine di quella donna.


< Non riesco a smettere di fissarla... >
Pensò, muovendosi inconsciamente verso quella donna.


Prima che potesse entrare definitivamente in uno stato di trance, Mike sentì un intenso dolore provenire dalla sua mano destra, quasi come se qualcuno l'avesse bruciato con un ferro ardente.

Improvvisamente il ragazzo tornò in se, facendo un salto all'indietro dalla sorpresa e confusione, per poi cercare l'origine di quel fulmineo e acceso dolore.
Niente: non vi era nulla, sulla sua mano destra.

<< Cosa diavolo è successo? >>
Si domandò, confuso, fissando la sua mano, non riuscendo a capire cosa avesse causato quel dolore.

" Dovrebbe fare più attenzione, padrone. "
Sentii dire dalla voce di Phoenix.
In quell'istante Michael si guardò intorno alla ricerca di quello spirito, senza però vederlo da nessuna parte.

<< Phoenix? Dove sei? >>
Domandò il ragazzo, senza smettere di guardarsi intorno.

Quella donna, invece, rimase in silenzio ad assistere incuriosita a quella scena.

<< Con chi stai parlando? >>
Gli domandò, incuriosita.
Mike non fece neanche caso alla sua domanda.


" Non può lasciarsi cogliere alla sprovvista dagli incantesimi di una succube. Tenga bene a mente che spezzare un incantesimo di quel livello, una volta completo, non è nelle mie capacità. "
Dopo aver detto quelle parole, la voce di Phoenix scomparve ancora una volta nel nulla, lasciando Michael confuso dall'accaduto.


Non appena riuscì a calmarsi, posò il suo sguardo preoccupato e attento su quella donna, la quale ricambiò con una risatina divertita, salutandolo con fare provocante.

<< Cosa stavi cercando di fare?! >>
Le domandò, con tono infastidito.


La donna ricambiò il suo sguardo con uno incuriosito, reggendosi il mento con una mano.

<< Mhh... >>
Mormorò.

<< Hai intenzione di rispondermi?! >>
Continuò subito dopo, non ricevendo alcuna risposta.

<< E' la seconda volta che voi ragazzini rompete i miei incantesimi... >>
Borbottò la donna, cogliendo Michael alla sprovvista.

< Seconda volta? >>
Si domandò, sorpreso da quelle sue parole.

<< Potreste finirla? Avete la benché minima idea di quanto sia umiliante e offensivo per una succube del mio calibro, vedere i propri incantesimi non avere effetto sui suoi bersagli? >>
Gli domandò subito dopo, con tono infastidito.

<< Suppongo di non potermi divertire neanche un pochino... >>
Sbuffò subito dopo.

<< "Divertirti"? Credi sia un gioco?! >>
Le domandò Michael, infastidito dalle sue parole.

<< Sono una succube. >>
Gli rispose la donna, confusa e sorpresa dal suo tono.

<< Cos'altro ti aspetti da una come me? >>
Continuò.


<< Non ha importanza... Chi sei? Cosa vuoi? Perché sei qui? Perché hai usato quell'incantesimo su di me, se non volevi farmi del male, e su chi altro l'hai usato, prima di me? >>
Continuò il ragazzo, quasi come se stesse cercando di strapparle con la forza le risposte a quelle sue domande.

La donna sbuffò, sentendo quella raffica di domande.
Lentamente si alzò dalla sua sedia, portandosi una mano sul petto e facendo un breve inchino, lasciando Mike completamente di stucco.

<< Il mio nome è Iris, Numero Cinque tra i Dodici Generali. Sono venuta qui oggi per incontrare te, figlio di Azael. >>
Spiegò Iris, presentandosi finalmente al ragazzo.

<< "Incontrarmi"? Per quale motivo? >>
Le domandò il ragazzo, confuso dai suoi motivi.

<< Differentemente da quanto tu possa pensare, io non ho alcuna ragione per portarti da Lucifer, come Abraxas voleva fare. Io ero... La concubina di tuo padre. >>
Continuò la donna.

< Un attimo... Quindi era in una relazione con Azael? Improvvisamente, per qualche motivo, non la trovo più attraente... >
Pensò il ragazzo, nauseato dalla sola idea di aver trovato interessante una compagna del padre.

<< Io... >>
Sospirò Iris, bloccandosi per un istante.
Chiuse gli occhi per poi prendere un profondo respiro.

<< ... Devo la vita a tuo padre. >>
Continuò, posando di nuovo il suo sguardo su quel ragazzino.

<< Lui mi salvò quando, stupidamente, scatenai l'ira di un gruppo di umani a causa della mia inesperienza e stoltezza. Se non fosse stato per lui, sarei morta quella notte. Non sapeva neanche chi fossi, praticamente, nonostante fossimo compagni al servizio di Bael... A quel tempo non ero ancora un membro dei Dodici Generali, dopotutto. Eppure, nonostante tutto, lui decise di correre in mio soccorso. So che quegli umani stessero solamente cercando di proteggersi, e so anche che non meritassero quella fine, per mano di Azael, eppure... Eppure, sono sopravvissuta grazie a lui. Quindi gli giurai fedeltà:  giurai che avrei assistito lui e tutti i suoi discendenti al meglio delle mie capacità, finché non avrei ripagato il suo gesto. Grazie a lui, rimasi in vita. Grazie a lui, divenni più forte. Grazie a lui, Bael mi notò, permettendomi di diventare un membro dei Dodici Generali. >>
Raccontò la donna, parlando a cuore aperto, con una voce tremante e malinconica.

<< Non... Ero sempre d'accordo con i suoi modi di fare. A volte provai a persuaderlo dalle sue azioni, inutilmente... Ciononostante non trovai la forza di abbandonarlo. Gli dovevo tutto... E per quel motivo non avrei mai rotto quel giuramento. >>
Riprese, finalmente, dopo qualche secondo di assoluto silenzio.

<< Quando Azael morì, diciassette anni fa, provai un profondo vuoto dentro di me. >>
Continuò, toccandosi il petto con una mano, stringendola a pugno.

<< Improvvisamente, l'unico motivo che mi legava ai Dodici Generali scomparve davanti ai miei occhi, facendomi realizzare di aver fallito il giuramento che gli feci. Non fui in grado di ricambiare la sua gentilezza nei miei confronti... Non fui in grado di salvarlo dal destino che l'aspettava, come lui fece con me. La ragione per cui mi trovai li scomparve, e io più volte pensai di abbandonare i Dodici Generali, non avendo più alcun motivo per seguirli. Dopotutto, io non avevo assolutamente gli stessi ideali di Bael. Ma decisi comunque di restare... >>
In quell'istante Iris allungò una mano verso di lui, sorridendo.

A differenza delle espressioni provocanti che quella donna mostrò fino a quel momento, quel sorriso sincero e delicato lasciò Mike completamente di stucco, facendolo addirittura arrossire.

<< Tutto, però, cambiò quando sentii Asteroth dire che avesse "trovato" il figlio di Azael. >>
Disse, indicandolo.

<< Il vuoto che crebbe dentro di me scomparve in un battito di ciglia: "Posso ancora tenere fede al mio giuramento!" pensai. Quindi decisi di seguire Abraxas, durante la sua missione, senza però interferire. Ciononostante qualcuno ci notò, obbligandoci a nascondere la nostra energia e nasconderci per non essere scoperti. >>
Quelle parole suonarono familiari a Michael.

<< "Qualcuno vi notò"? Intendi dire Seryu?! Quando ha detto che qualcuno ci stesse seguendo si riferiva a voi due?! >>
Esclamò, incredulo.

Iris annuì.

<< Eravamo sorpresi anche noi... Non ci aspettavamo che qualcuno fosse in grado di percepire la nostra energia a miglia di distanza. Quindi, per evitare di venire scoperti, abbiamo dovuto nasconderci. Fortunatamente per voi, Abraxas decise di non attaccarvi durante la notte, quando vi raggiungemmo, ma io decisi comunque di fare una visitina... >>
Continuò a raccontare, ridacchiando.

<< Sfortunatamente le cose non sono andate come avrei voluto, quindi decisi di levare le tende, amareggiata. Ciò che è accaduto il giorno dopo, lo sai. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Quindi... Perché sei qui esattamente? Cosa stai cercando? Perché hai usato quell'incantesimo su di me, se non avevi intenzione di catturarmi? >>
Le domandò, cercando di capire il motivo che si nascondesse dietro la visita di quella donna.

<< Te l'ho detto no? Sono qui per tenere fede a quel mio giuramento. Non sono tua nemica: infatti, puoi considerarmi addirittura una tua alleata. >>
Rispose Iris.

<< Perché dovrei fidarmi? >>
Domandò, ancora una volta, il ragazzo.

<< Non ti obbligherò a farlo. Se preferisci, puoi dirmi semplicemente di andarmene, e io lo farò... >>
Disse la donna.
Quelle parole lo tentarono: prima che potesse pronunciarle per metterla alla prova, però, Iris riprese a parlare.

<< Anche se preferirei non farlo... >>
Sussurrò subito dopo, abbassando lo sguardo.


Michael non aggiunse nulla. Rimase in silenzio a fissarla, senza abbassare la guardia, cercando di capire se potesse o meno fidarsi di lei.
Improvvisamente, ai suoi occhi quella donna non apparve più come una minaccia.

<< Ho usato quell'incantesimo su di te con l'intenzione di farti rilassare. >>
Gli disse, rispondendo a un altra delle sue domande.

<< ...Poi, dopo esserti addormentato, ti avrei abbracciato gentilmente e coccolato tra le mie braccia, esattamente come farebbe una sorellona con il suo fratellino... >>
Aggiunse subito dopo, rossa in volto, abbracciandosi da sola, con un sorriso eccitato stampato in volto.
Le ali da pipistrello alle sue spalle cominciarono a vibrare rapidamente, quasi come in preda all'estasi. 

<< Non... So bene come dovrei risponderti... >>
Balbettò Michael, arrossendo.
Sentendo quelle parole, Iris ridacchiò.

<< Ho sempre desiderato dei bambini, dopotutto... Ma suppongo che la mia maledizione sia ciò che ha portato Azael a cercare qualcun'altra... >>
Borbottò subito dopo, con tono malinconico.
Sentendo quelle parole, Michael aggrottò le ciglia.


Prima che potesse chiederle spiegazioni a riguardo, però, la porta di quella stanza si spalancò improvvisamente, dopo un forte colpo, come se qualcuno l'avesse colpita con un calcio.

Davanti all'uscio notò i suoi compagni: Seryu, Jessica e Vermilion, accompagnati da una donna che ancora non aveva incontrato, dai capelli bianchi come la neve e con indosso una divisa militare.

Il suo sguardo era furioso.
Rapidamente quella donna sfoderò uno stocco dalla sua cinta, puntandolo verso Iris.

<< Feccia! >>
Esclamò.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-3! Grazie di avermi seguito e alla prossima!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 46
*** Capitolo 6-4: Ricordi ***


Capitolo 6-4: Ricordi


Non appena lasciò gli uffici di Xernes, Sarah si diresse ben presto verso i suoi alloggi, per portare a termine il compito che suo padre le aveva dato.
Era da parecchi mesi che non sentiva Merlin e il suo gruppo: partirono per Asgard per uno speciale allenamento, sotto la supervisione di Nikolà Heiner, uno dei maghi più abili di quella nazione.

Arrivata ai suoi alloggi, Sarah si sedette sul divano celeste chiaro che si trovava davanti a un tavolino circolare, sopra il quale vi era uno strano dispositivo elettronico.

Premette uno dei nove pulsanti verdi, e ben presto uno schermo olografico si materializzò sopra quello strano oggetto.
Sarah non era ancora abituata alla strana tecnologia originaria di Savia, ma sapeva che, nonostante la diffidenza del padre, fosse ormai tempo anche per Avalon di avanzare tecnologicamente.

A differenza di Xernes, Sarah non era una conservatrice: introdurre le tecnologie delle altre nazioni all'interno di Avalon non avrebbe potuto danneggiare in alcun modo la loro immagine o il sistema politico e sociale della nazione. Fu, infatti, grazie a lei se Avalon cominciò le prime trattative con Savia, durante le quali comprarono dei dispositivi tecnologici che potevano connettere luoghi a migliaia di chilometri di distanza senza dover per forza utilizzare magie di alto livello.

Ben presto delle figure apparvero sullo schermo olografico causato da quell'oggetto, persone che Sarah conosceva perfettamente.


<< Oh? Sarah? E' da un po' che non ci si vede! Come va? A cosa devo questa chiamata? >>
Le domandò una donna dai capelli azzurro chiari e occhi celesti, sorridendole, con un tono euforico.

<< E' un piacere rivederti, Viviane. >>
Le rispose Sarah.


Viviane Nimue, la figlia maggiore della casata dei Nimue. Una delle famiglie più importanti ad Avalon: secoli prima uno dei suoi predecessori forgiò le famigerate Excalibur e Clarent, due spade leggendarie tramandate da generazione in generazione dalla famiglia dei Pendragon.

Viviane, ventotto anni, abile manipolatrice dell'acqua, seguì gli studi in un istituto magico ad Avalon insieme a Sarah. Le due ragazze non furono solamente semplici compagne di classe, ma condivisero perfino gli alloggi, durante il periodo trascorso nell'istituto.
Si diplomò con il massimo dei voti, seconda solamente alla sua coinquilina.

E' una appassionata di storia e civiltà antiche.

Mentre Sarah decise d'intraprendere la carriera militare al fianco del padre, Viviane decise di vivere la sua vita più "liberamente": lasciò la capitale non appena concluse gli studi, decidendo di viaggiare per tutta Gaia alla ricerca di reliquie e antiche strutture appartenenti a civiltà ormai scomparse.
Durante uno dei suoi viaggi incontrò Merlin, uno dei più grandi maestri nella storia di Gaia, il quale cominciò a viaggiare per il globo con l'intenzione di trovare persone degne alle quali poter insegnare, avendo ormai concluso con i Pendragon.

Solare e determinata, Viviane venne eletta come capitano del gruppo.


<< Dove vi trovate, al momento? >>
Domandò alla sua vecchia amica.

<< Oh, ci troviamo alle Paludi di Fyris... E' un posto orribile, pieno di zanzare e c'è una tanfo terribile... >>
Rispose la ragazza, tappandosi il naso e facendo un verso disgustato.

<< Per quale motivo... Vi trovate in un posto del genere? >>
Le domandò Sarah, non riuscendo a capire per quale motivo Merlin avesse deciso di portarli in un posto sperduto nel mezzo del nulla.

<< Ecco... Vedi... >>
Balbettò Viviane, senza finire la frase, grattandosi il capo, ridacchiando con fare imbarazzato.

<< Ehi, è Sarah quella? >>
Domandò un'altra voce femminile, attirando l'attenzione di Viviane.
In quell'istante, un'altra persona si affiancò alla ragazza, intromettendosi nella loro discussione.

<< Oh, sei davvero tu Sarah! Come butta, sorella? Tutto bene, da voi? Qui si sta una favola...! >>
Domandò una ragazza dai capelli castani, corti, e occhi verde chiaro.

<< ... No, non è vero, si sta da schifo. Mi mancano i miei bagni caldi a Savia... >>
Aggiunse subito dopo, mordendosi il labbro inferiore, digrignando i denti.


Gwenevre Nimue, la sorella minore di Viviane, nata due anni dopo quest'ultima. Seguì gli studi nello stesso istituto della sorella, ma con scarsi risultati: nonostante fosse un'abile maga nelle arti curative, Gwen non trovò mai la voglia di applicarsi nei suoi studi, ritrovandosi a ripetere per ben due volte il quinto anno. Quando, finalmente, raggiunse l'esame finale, Gwen riuscì a malapena a prendere il punteggio necessario per passarlo.

Su di lei i suoi insegnanti dissero sempre la stessa cosa: con le sue capacità innate, se si fosse impegnata davvero sarebbe diventata una delle maghe più abili nella storia di Avalon.
Purtroppo, la parola "impegnarsi" non era nel suo vocabolario: Gwen trascorse la gran parte del tempo a fare feste e uscire con i suoi amici, trascurando quasi del tutto i suoi studi e le sue abilità. 

Quando lasciò l'istituto, Gwenevre partì per Savia, dove incontrò per la prima volta Ark Weiss, uno dei Tre Cancelli di Savia, con il quale cominciò una relazione.
Fu proprio a Savia che Merlin la incontrò, e , sotto consiglio di sua sorella Viviane e di Ark stesso, decise di prendere anche lei sotto la sua ala per rimetterla in riga.


<< E' bello vedere anche te, Gwenevre. Dove si trova Merlin, piuttosto? Mi piacerebbe parlare con lui, se non vi dispiace: è importante. >>
Continuò Sarah, assumendo una espressione seria.
In quell'istante Viviane e Gwen si fissarono con degli sguardi preoccupati, per poi guardare in distanza.

<< Maestro Merlin! Potrebbe venire qui un momento, per cortesia? >>
Esclamò Viviane.


Pochi istanti dopo le due ragazze lasciarono il posto a un uomo sulla mezza età, con una barba grigia e corta, occhi chiusi e un grosso sorriso stampato in volto.
I suoi capelli erano di un colore nero spento, quasi grigio scuro, corti.


<< Salve, Generale Merlin. >>
Salutò Sarah, non appena vide l'uomo.

<< Oh, non serve darmi del generale, Sarah. Non lo sono più, dopotutto, da quando ho perso la vista. >>
Le rispose l'uomo, senza smettere di mostrarle quel gentile e familiare sorriso.

<< Le chiedo perdono: è la mia abitudine. >>
Si scusò la donna, facendo un breve inchino davanti all'uomo, nonostante lui non potesse vederla.



Merlin Whyte, un ex-generale che si aggira, ormai, sui settant'anni. 
Maestro di Arthur IX Pendragon e del padre di Xernes Ravier, Merlin vanta il fatto di essere uno dei più grandi soldati in tutta Gaia, conosciuto per aver tenuto testa, da giovane, ad Amon in uno scontro uno contro uno, durante il quale perse la vista.

Non possedendo alcuna capacità magica propria, Merlin strinse un patto con uno Spirito da giovane per riuscire a sfruttare le sue capacità in battaglia.
Questo spirito, il cui nome è conosciuto solamente da Merlin stesso, assunse l'aspetto di un bastone in legno, diventando l'unica arma che Merlin impugnò in tutta la sua vita.

Dopo aver concluso gli allenamenti di Arthur Pendragon, Merlin lasciò la capitale di Avalon, viaggiando per anni in tutta Gaia alla ricerca di giovani promesse alle quali potesse insegnare ciò che lui aveva imparato durante la sua vita. A quel tempo, Sarah aveva appena sette anni.

Le sorelle Nimue furono i suoi primi studenti che decise di portarsi appresso, durante il suo viaggio. Successivamente, durante una visita a Mistral in compagnia delle due ragazze, venne ospitato dalla casata dei Melvillei, una delle famiglie nobili con la quale i Pendragon avevano uno stretto rapporto.

Una gigantesca famiglia divisa in dodici rami, ognuno dei quali vantava differenti specializzazioni.
Fu uno dei loro figli ad attirare la sua attenzione: Evans Melvillei, figlio unico dell'undicesimo ramo, quello specializzato nelle arti militari. 

Un giovane ragazzo dai capelli azzurro scuro e occhi marroni, sottoposto fin da tenera età ad allenamenti militari con l'intenzione di farlo diventare, un giorno, un grande comandante.
Grazie alle sue capacità fuori dal comune, Evans vantò una lunga serie di vittorie, a causa delle quali sviluppò un grosso ego e un carattere piuttosto arrogante.
Merlin, quindi, decise di mostrargli quanto, in realtà, avesse ancora da imparare.

Evans accettò divertito la sua sfida, ripetendo più volte che "prendere a calci un vecchio cieco non sarebbe stato assolutamente divertente".
Il risultato dello scontro, però, lo lasciò del tutto incredulo: Merlin lo atterrò in meno di cinque secondi.

"Sei bravo, ma non così tanto."
Gli disse.
Evans andò su tutte le furie: non accettò l'esito dello scontro, quindi sfidò ancora una volta Merlin a duello, dicendogli che "stavolta non l'avrebbe sottovalutato". 
Nonostante sia Viviane che Gwenevre fossero contrarie, Merlin accettò la richiesta del ragazzo, solamente per sconfiggerlo ancora più rapidamente rispetto a prima.

"Combattere con il cuore pieno di rabbia, non fa altro che farti perdere la concentrazione."
Gli disse, porgendogli la mano per rialzarsi.

Nonostante fosse furioso, Evans afferrò la mano di quell'uomo per rialzarsi.
In quell'istante, Merlin gli disse che l'avrebbe allenato, lasciando il ragazzo completamente senza parole.

Fu difficile, ma Merlin riuscì nel suo intento. Cambiò quel ragazzino arrogante in un soldato esemplare, decidendo infine di portarlo insieme a se, e le due sorelle, ad Avalon, dove Evans incontrò Andromeda e Arthur.

Nonostante fosse riuscito a calmare quel suo carattere focoso, il ragazzo sviluppò ben presto una forte rivalità con Andromeda, ma un genere di rivalità positiva, non negativa.
Evans venne perfino notato da Arthur IX Pendragon, il quale decise di prenderlo insieme a se, come suo subordinato, dandogli finalmente il titolo con il quale venne conosciuto da li in poi: Lancelot.



<< E' un piacere poter sentire la tua voce dopo così tanto tempo, Sarah. >>
Disse Merlin, sorridendo, nonostante non potesse vedere il volto della ragazza.

<< Il piacere è mio, signore. >>
Rispose Sarah, ricambiando il sorriso dell'uomo.
Sarah era molto legata a quell'uomo, con il quale passò molto tempo, da piccola. Fu grazie a lui, infatti, se lei imparò a usare a dovere i suoi poteri.

<< Vi ho contattati, oggi, perché mio padre richiede la vostra assistenza qui, alla capitale. Potrei sapere dove vi trovate, al momento, e quanto ci mettereste a tornare? >>
Domandò, poi, all'uomo.

Merlin si portò una mano al mento, assumendo una espressione pensierosa.

<< Mhh... Al momento direi che siamo a circa quindici miglia di distanza dal porto più vicino... Se dovessi fare una stima, direi che, se partissimo ora, potremo tornare a Magnus nel giro di tre o quattro giorni, dipende dalla nave e dall'eventuale maltempo. Per quale motivo, comunque, serviamo? E' successo qualcosa? >>
Rispose alla ragazza, con un tono preoccupato.

<< Potremmo essere in pericolo: ci sentiremo più al sicuro se lei e il suo gruppo tornaste qui, ad Avalon. >>
Spiegò Sarah, all'uomo.

<< Capisco... Allora partiremo il prima possibile, avverti pure Xernes. >>
Le rispose Merlin, senza alcuna esitazione.
Sarah rispose con un rapido inchino.


<< Oh... >>
Sospirò Merlin.

<< Fa attenzione con quell'albero, Lancel- >>
L'uomo non fece in tempo a finire la frase, che si sentì un forte tonfo provenire dalla distanza, come se qualcosa di pesante fosse caduto nel terreno.

<< ... Non importa. >>
Aggiunse l'uomo, portandosi una mano davanti al volto.

<< Mi dispiace, Merlin! >>
Esclamò una voce maschile in sottofondo, quella di Lancelot.

<< Va... Tutto bene? >>
Domandò Sarah all'uomo, preoccupata da quel suono cupo.

< Che genere di allenamento stavano seguendo, in un posto come quello? >
Si domandò la ragazza, ancora confusa dal motivo per cui si trovassero in quella palude.

<< Si, va tutto bene, non preoccuparti. Partiremo il prima possibile, e dovremo essere di ritorno a Magnus in tre o quattro giorni massimo... Spero vivamente che la nostra presenza non sia necessaria, Sarah. >>
Le rispose l'uomo, assumendo rapidamente un tono cupo.

<< Lo spero anche io, signore. >>
Continuò la ragazza.

<< Ora, perdonami, ma devo andare... Lancelot ha fatto cadere un albero sopra il nostro falò: di questo passo, bruceremo metà foresta. >>
Disse alla ragazza.

< Cosa diavolo stavano facendo?! >
Pensò, di nuovo, Sarah.

<< Ora... Come spengo questo aggeggio? >>
Domandò Merlin, a nessuno.

Sarah ridacchiò, non appena sentì le parole dell'uomo, per poi procedere a interrompere la chiamata lei stessa.
Non appena premette il pulsante rosso in quella tastiera numerica, l'ologramma che fino a quel momento si trovava davanti a lei scomparve nel nulla.

<< Spero anche io non ci serva la vostra assistenza, Merlin... >>
Sospirò la ragazza, per poi posare lo sguardo su una foto che era appoggiata sopra il tavolo.

Scattata qualche anno prima, insieme a Viviane e un ragazzo dai capelli biondi e occhi verdi, il giorno del loro diploma.
Nikolà Heiner, fratello maggiore di Tesla Heiner, uno dei suoi compagni di classe durante il suo periodo come studente.

In quella foto Viviane era nel mezzo, facendo il segno di vittoria con una mano e abbracciando Sarah con il braccio libero, mentre Sarah fissava i suoi compagni con una espressione infastidita, e le braccia conserte.
Nikolà, invece, stava facendo l'occhiolino e sorrideva.

A Sarah non andò mai a genio fare delle foto, specialmente insieme a lui.


Fece un verso infastidito, per poi alzarsi dal divano e dirigersi verso l'uscita.
Non appena aprì la porta, rimase sorpresa dal trovare Vermilion, Seryu e Jessica davanti a sé.

<< Che succede? Vi serve qualcosa? >>
Domandò al trio, notando le loro espressioni preoccupate.

<< Si tratta di Michael! >>
Esclamò Seryu, pallido in volto.
Sarah fissò il ragazzo con una espressione confusa e incuriosita, aspettando una spiegazione migliore.

<< Ho percepito una strana energia provenire dalla sua stanza! >>
Aggiunse subito dopo.
Senza attendere oltre, Sarah si precipitò nella stanza del ragazzo, seguita a ruota dal trio.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-4, grazie di avermi seguito e alla prossima!



 

Ritorna all'indice


Capitolo 47
*** Capitolo 6-5: Sarah Ravier ***


Capitolo 6-5: Sarah Ravier

 



Non appena Sarah spalancò quella porta, non riuscì a credere alla figura che si ritrovò davanti.

Una donna con due grosse ali da pipistrello ripiegate dietro la schiena, un sorriso perverso e due occhi da serpente. 
< Come ha fatto un demone a entrare all'interno del palazzo, senza che ne percepissi la presenza?! >
Si domandò, incredula, fissando quella figura: era una cosa inaccettabile!


Sarah era conosciuta per essere in grado di creare barriere incredibilmente potenti, seconde, in efficacia, solamente a quelle di Ehra. Come era possibile, quindi, che i suoi incantesimi non fossero stati in grado di localizzarla?
Non riuscì a sopportare quei pensieri: sguainò rapidamente il suo stocco, puntandolo verso quella donna con uno sguardo furioso e terrificante stampato in volto.


<< Feccia! >>
Esclamò, riuscendo a malapena a contenersi.
Iris, d'altro canto, fissò la nuova arrivata con uno sguardo misto tra sorpresa e divertimento.

<< Oh, cielo... Sembra che ci siano dei nuovi arrivati... >>
Ridacchiò, portandosi una mano davanti alla bocca, voltandosi nella sua direzione.

<< Vi dispiacerebbe andarvene? >>
Domandò al quartetto che stava immobile appena fuori da quella stanza, sorridendo.

<< Mi piacerebbe trascorrere un po' di tempo da sola con il mio Miky~ >>
Ridacchiò subito dopo, mentre Michael fissò la donna con una espressione incredula e confusa... Ma, allo stesso tempo, incuriosita.


<< Silenzio! >>
Esclamò Sarah, sempre più infastidita dalle parole del demone.
Iris sembrò sorpresa da quella reazione.

<< Come hai fatto a entrare all'interno del palazzo senza che io me ne rendessi conto?! Come hai fatto a eludere la mia barriera?! >>
Domandò alla donna-demone, senza però ricevere alcuna risposta.
Iris la fissò con una espressione divertita, senza neanche aprire bocca per qualche secondo.

<< Rispondimi, maledetta! >>
Ringhiò Sarah, sempre più frustrata dal comportamento di Iris.

<< Ma mi hai appena detto di stare in silenzio... >>
Le rispose Iris, con un tono divertito.

<< Non fare la furba con me, maledetta, e rispondi alla mia domanda! >>
Continuò Sarah, agitando la punta della sua lama in direzione del demone.

In quell'istante Iris incrociò le braccia davanti al suo petto e piegò leggermente la testa di lato, senza smettere di sorridere.

<< Oh? Era la tua barriera, quella? Scusami... Era così debole che non ci ho neanche fatto caso. >>
Le rispose.


<< Ora basta! >>
Esclamò Sarah, stringendo con forza l'elsa del suo stocco e fissando con occhi spalancati e furiosi la donna davanti a se, che ricambiò con una sottile risatina soddisfatta e divertita.

<< Ne ho avuto abbastanza della tua insolenza! Taglierò quella lingua da serpe che ti ritrovi per accertarmi tu non possa più parlare in vita tua! >>
Continuò, digrignando i denti.

<< Oh, andiamo... Stavo solo scherzando, non serve prenderla così sul serio... >>
Ridacchiò Iris.

<< Silenzio! Hai già parlato abbastanza! >>
Controbatté Sarah, frustrata dal comportamento di quel demone.


Come osava un mostro come lei parlarle in quel modo? Era inaccettabile! Non avrebbe mai permesso a qualcuno di parlarle in quel modo, ancor di meno a un demone! 
Quella donna avrebbe pagato a caro prezzo la sua insolenza.


<< Ahi, ahi... Sei così acida... Vuoi che ti aiuti a trovare un uomo, per caso? >>
Sarah ci mise qualche secondo a realizzare cosa quella donna le avesse appena detto, secondi durante i quali rimase a fissarla in silenzio con occhi spalancati.
Non appena realizzò quell'insulto, Sarah cominciò a digrignare i denti mentre uno strano gas freddo cominciò a circondare lentamente il suo corpo.

<< Impalerò la tua testa davanti al palazzo di Lucifer come promemoria! >>
Ringhiò.

<< Come volevasi dimostrare... >>
Ridacchiò Iris, sottovoce.


Iris rimase in silenzio a osservare incuriosita mentre Sarah sollevò lentamente un piede da terra, mentre quest'ultima non smise neanche per un istante di ricambiare con uno sguardo animalesco.

Cosa sta facendo? >
Si chiese, confusa e incuriosita dai movimenti di quella donna, rimanendo immobile a fissarla in silenzio con le braccia conserte.

E' la mia impressione, o la temperatura sembra essersi abbassata? >
Pensò, subito dopo.


<< Permafrost! >>
Non appena urlò quella parola, Sarah calpestò con forza il terreno sotto di se: il pavimento ai suoi piedi cominciò rapidamente a congelarsi, mentre una infinità di affilati e grossi spuntoni di ghiaccio uscirono dal terreno congelato, avendo Iris come bersaglio designato.

Non ci mise molto a riconoscere il pericolo: in una frazione di secondo, Iris spiegò quelle grosse ali da pipistrello alzandosi in volo con un rapido scatto, evitando gli spuntoni di ghiaccio diretti nella sua direzione.
L'attacco di Sarah mancò il suo bersaglio, collidendo con il muro alle sue spalle e creando una gigantesca voragine in esso, permettendo ai presenti di vedere il giardino e l'orizzonte che si nascondeva al di fuori di quella stanza.


Permafrost, un potente incantesimo di Livello 9, tramandato da generazione in generazione dalla famiglia dei Ravier.
A differenza di suo padre, il quale è il primo membro nella storia dei Ravier ad avere grossi problemi con la magia, Sarah non ha difficoltà a controllare il Permafrost. 
Nonostante non fosse ancora riuscita a perfezionare l'incantesimo come fece il suo avo prima di lei, riuscì a sviluppare rapidamente un controllo quasi totale su quell'incantesimo che, di base, risulta essere piuttosto difficile da manipolare, un qualcosa che perfino Xanders ebbe problemi a fare.

Infatti, il Permafrost è un incantesimo che congela qualsiasi cosa travolga, senza fare alcuna eccezione, avvolgendo il bersaglio in un ghiaccio quasi del tutto impenetrabile e difficile da sciogliere.
Sarah riuscì in tenera età a modificare il funzionamento del Permafrost, riuscendo ad aumentare la sua capacità offensiva, creando grossi spuntoni di ghiaccio che potevano uccidere demoni di Classe A o inferiore con un singolo colpo.



Iris rimase in silenzio a fissare inorridita quel sentiero ghiacciato, fumante e ricoperto di spuntoni, che si era formato all'interno di quella stanza con uno sguardo preoccupato, pallida in volto, perdendo l'espressione sicura e divertita che aveva mostrato fino a pochi istanti prima.

<< Accidenti, ragazza... Controlli il ghiaccio, ma hai un temperamento addir poco focoso... >>
Borbottò tra se e se, senza togliere lo sguardo da quegli affilati, freddi e fumanti spuntoni.

< Se mi fossi spostata anche solo un secondo più tardi, adesso sarei un colabrodo... >
Pensò subito dopo, fissando Sarah con una espressione preoccupata.

< Questa donna... Siamo sicuri sia io il mostro, tra noi due? >
Si domandò, posando il suo sguardo sulla donna.


<< Ti è andato di volta il cervello?! Volevi distruggere metà palazzo, Sarah?! >>
Esclamò Vermilion, incredula, rimproverando la sua comandante.

Sarah si voltò lentamente verso di lei, mostrandole una espressione infastidita.

<< Non sei nella posizione per parlarmi con quel tono, Vermilion. >>
Le rispose la donna.

<< Non è una questione di ranghi militari, Sarah! Non puoi semplicemente- >>
Riprese Vermilion, venendo però rapidamente interrotta.

<< Tu sei il soldato, io il generale! Tu segui ciò che dico io, non il contrario! >>
Esclamò.
Fu chiaro, per Vermilion, che in quel momento Sarah non stesse pensando lucidamente: dopotutto, Sarah non arrivò mai a causare danni di quel calibro all'interno della capitale, prima d'allora.

<< Va', avvisa mio padre della presenza di un demone all'interno del palazzo. >>
Aggiunse subito dopo, posando di nuovo il suo sguardo su Iris, la quale era ancora immobile, sospesa in aria, a fissarla.

<< Cosa vuoi dire? Non posso lasciarti qui da sola, ti serve il mio supporto per combatterla! >>
Controbatté Vermilion, inutilmente.

<< No. Me ne occupo io, da sola. Si è presa gioco di me, ha infranto la barriera che avevo innalzato intorno al palazzo... E' una questione personale. Basto e avanzo, per una come lei. >>
Non appena Sarah disse quelle parole, fece cenno a Michael di lasciare rapidamente la stanza.

Il ragazzo, ancora confuso e spaventato dall'accaduto, seguì gli ordini della donna senza però fare alcuna domanda, unendosi ben presto ai suoi vecchi compagni, e lasciando Sarah alle sue spalle insieme a Iris.


<< Sai, preferirei davvero non dover confrontarmi con nessuno, oggi... >>
Disse Iris alla donna, senza però riuscire a farle fare marcia indietro.

<< Se fosse stato davvero così, non saresti venuta qui. Cosa ti aspettavi che facessimo, vedendoti? Fare una festa o qualcosa del genere? >>
Le rispose Sarah, con un tono ironico e frustrato.

Iris non le rispose.

<< Mi assicurerò che nessuno di voi mostri abbia mai più il fegato di mettere piedi dentro il mio territorio! Userò la tua testa come promemoria per ricordare ai tuoi compagni cosa succede a mettersi contro di noi! >>
Continuò, mentre quello strano fumo ghiacciato cominciò ancora una volta a uscire fuori dal suo corpo.

<< Fidati delle mie parole... Non vi conviene assolutamente infastidire alcuni dei miei compagni. >>
Le rispose Iris.


Sarah non le rispose nulla.

<< Incantesimo di potenziamento numero quarantatré: Hermes. >>
Non appena pronunciò quelle parole, Sarah si librò in aria con un salto, scagliandosi verso Iris a una velocità spaventosa.

< Può volare?! >
Pensò la donna, sorpresa da quell'incantesimo, spostandosi di lato ed evitando quel rapido fendente.
Subito dopo aver mancato il suo bersaglio, non appena toccò terra Sarah si voltò di nuovo verso Iris, mostrandole una espressione infastidita.

<< Oh? Quindi non puoi volare? >>
Le domandò, incuriosita dall'accaduto.

<< Non fare la stupida. Nessun umano può volare. >>
Rispose Sarah, preparandosi di nuovo ad attaccare.

< Quindi ha usato un incantesimo di potenziamento per saltare molto in alto... Curioso... Qualche centinaio di anni fa questo genere di magie non esistevano... Ora capisco da dove arriva la preoccupazione di Belzebub... >
Pensò Iris, ripensando al comportamento del suo compagno.


<< Incantesimo di potenziamento numero quarantatré: Hermes. >>
Ripeté Sarah, saltando di nuovo verso il suo avversario, preparando un affondo.

Anche stavolta l'attacco di Sarah non colpì il bersaglio, ma non si diede per vinta: prima che potesse toccare di nuovo terra, allungò una mano verso il demone, per poi pronunciare un altro incantesimo:

<< Venti gelidi del Nord, rispondete alla mia chiamata: Blizzaga! >>
Non appena recitò quelle parole, una grossa e intensa folata di vento gelido investì Iris, la quale riconobbe immediatamente il pericolo.

< Può recitare incantesimi di questo livello con così poche parole?! >
Pensò, portandosi le mani davanti al volto per proteggersi, ma fu troppo lenta: quel vento gelido congelò ben presto le sue ali e gli arti superiori, facendole ben presto perdere quota, seguita da una rapida e pesante discesa verso il terreno.

Sarah non perse altro tempo: prima che Iris potesse toccare il suolo, toccò il terreno con una mano recitando un secondo incantesimo:

<< Sii la strada che alla vittoria mi condurrà, impala ogni nemico che a me si opporrà: Lancia di Ghiaccio! >>
Non appena recitò quella parola, un gigantesco spuntone ghiacciato uscì dal terreno congelato ai suoi piedi, dirigendosi con una velocità spaventosa verso Iris.


Iris comprese che quella donna non stesse scherzando: stava cercando in qualunque modo possibile di ucciderla.
Non poteva più permettersi di trattenersi: se non avesse evitato o deviato quell'attacco, l'avrebbe trapassata da parte a parte come fosse del burro.

Prima che quell'attacco potesse colpirla, Iris venne avvolta da una intensa energia viola scuro che fece rapidamente sciogliere il ghiaccio che l'aveva ricoperta fino a quell'istante, permettendole finalmente di muoversi come meglio desiderava.

Allungò quindi un arto verso l'esterno, e ben presto una lunga falce dalla lama nera si materializzò nella sua mano.
Con un rapido movimento dell'arma, Iris tagliò a metà quella gigantesca lancia di ghiaccio, vanificando quindi l'attacco di Sarah.


<< Mi chiedo... >>
Disse Iris, toccando delicatamente il suolo con la punta di un piede, senza però smettere di fluttuare in aria, reggendo la sua lancia con una eccentrica e sensuale posa.

<< ... Siamo sicure che, tra noi due, sia io il mostro? >>
Domandò di nuovo alla donna, senza ricevere però alcuna risposta.

<< Insomma... Un mago qualunque ci metterebbe almeno un minuto intero a recitare le formule richieste per lanciare quel genere d'incantesimi... Tu, invece, sei riuscita a creare addirittura delle formule ridotte? Che razza di mostro sei, per riuscire a piegare le comuni leggi magiche al tuo piacimento? >>
Continuò.

<< Ne ho avuto abbastanza di sentire la tua voce. >>
Rispose Sarah, allungando ancora una volta un arto verso di lei.


Esistono dieci livelli magici per ogni elemento. Le magie dal livello uno al livello tre, solitamente, non necessitano di alcuna formula per essere lanciati. 
Questi sono i più comuni e i più semplici da usare, e in queste categorie ricadono incantesimi come le comuni "Palla di Fuoco", livello due, e "Fulmine", livello tre.

In questa categoria ricadono anche incantesimi curativi basilari, e sono tutti considerati incantesimi di basso livello.

Il livello quattro e il livello cinque, racchiudono i primi incantesimi che, per essere lanciati, richiedono delle formule basilari.
A differenza degli incantesimi dal Livello 1 al 3, gli incantesimi di Livello 4 e 5 per essere usati obbligano il mago in questione, a meno che non sia esperto, a recitare il nome dell'incantesimo.
"Lanciafiamme" è un esempio di incantesimo di livello quattro.
Questi incantesimi sono considerati incantesimi di medio livello.

Gli incantesimi che vanno dal livello sei al livello otto, sono considerati incantesimi di alto livello. Spesso necessitano di lunghe formule per essere lanciati, e una grossa riserva di mana.
Se un mago inesperto dovesse provare a usare questo genere d'incantesimi, potrebbe esaurire in un istante tutte le sue riserve di mana o ferirsi gravemente a causa dell'eccessivo utilizzo del proprio mana.
Di norma, questo genere d'incantesimi sono tenuti segreti e rivelati solamente ai maghi più esperti.

Gli incantesimi di livello nove e dieci sono i più potenti in assoluto: sono in pochi a poterli utilizzare liberamente, come ad esempio i membri delle Quattro Galassie di Avalon, i Tre Cancelli di Savia, i Tre Re di Asgard, i Due Samurai di Mistral, e molti membri dei Dodici Generali Demoniaci.
Spesso questo genere d'incantesimi hanno formule piuttosto lunghe che richiedono, in certi casi, fino a cinque minuti per essere lanciati.

La loro potenza distruttiva è smisurata, e il loro uso è severamente proibito contro qualunque essere vivente che non sia un demone.

Esistono, inoltre, speciali incantesimi di potenziamento usabili solamente da determinati individui. Questo genere d'incantesimi non ricade in nessuno dei Dieci livelli comuni, e la loro forza varia in base all'incantesimo che il mago recita.
Tutti gli incantesimi di potenziamento necessitano di una speciale formula, unica per ciascun incantesimo di potenziamento.

Questi speciali incantesimi permettono di aumentare per un arco di tempo variabile, ma limitato, le capacità fisiche del mago, come ad esempio forza fisica, resistenza o capacità magica, da non confondere con le riserve di mana.
Questo genere d'incantesimi richiedono molto mana per essere lanciati, mentre alcuni possono addirittura danneggiare in modo permanente il corpo del mago: il loro uso è, quindi, altamente limitato e sconsigliato.



In quel preciso istante una robusta colonna di ghiaccio uscì dal terreno ghiacciato che si trovava ai piedi di Sarah, dirigendosi verso Iris ad una velocità spaventosa.

Può lanciare incantesimi di Livello Sette senza pronunciare alcuna formula...? >
Si domandò Iris, scansandosi di lato ed evitando di venir travolta da quel robusto blocco di ghiaccio.
In quell'istante la donna-demone volò all'esterno del palazzo, notando ben presto, però, che Sarah la stesse seguendo a ruota, dopo aver lanciato ancora una volta "Hermes".

<< Quanto sei persistente, maledizione! >>
Esclamò Iris, deviando il fendente di Sarah con la lama della sua tenebrosa falce.

In quell'istante, però, Sarah sorrise, cogliendo Iris alla sprovvista.

<< Bum. >>
Disse, allungando una mano verso di lei.

Iris istintivamente si portò le mani davanti al volto, proteggendosi, usando anche le sue ali da pipistrello come seconda linea difensiva.
In quell'istante una gigantesca fiammata uscì dalla mano di Sarah, avvolgendo Iris in una massiccia palla di fuoco.

Non appena Sarah toccò terra rimase in silenzio a guardare soddisfatta per qualche secondo la sfera di fuoco spegnersi lentamente in aria, finché non fu in grado d'intravedere il corpo bruciacchiato, ma ancora in ottimo stato, di Iris.


Si trovavano, ormai, all'esterno, tra il verde del giardino reale che si estendeva intorno al palazzo.


<< Credevo tu potessi solo controllare il ghiaccio. >>
Disse Iris, senza scomporsi più di tanto.

<< Il ghiaccio è la mia specialità. >>
Le rispose Sarah, allungando ancora una volta una mano verso di lei.

<< Ma non è l'unico elemento che posso controllare. >>
Non appena disse quelle parole un grosso fulmine uscì dalla sua mano, diretto verso Iris, la quale deviò senza troppe difficoltà l'attacco della donna creando una barriera trasparente davanti a se.

<< Notevole. >>
Ridacchiò Iris.

<< Non posso dire lo stesso di te, demone. Per essere un membro dei Dodici Generali, sei piuttosto mediocre. >>
Controbatté Sarah, con tono infastidito.

<< Oh? >>
Ridacchiò Iris, divertita dalle sue parole.

<< Devo ricordarti che, fin'ora, non ho neanche risposto ai tuoi attacchi? E che, fin'ora, sei a malapena riuscita a farmi qualche graffietto? >>
Continuò, sorridendo, facendo roteare la sua falce con una mano.

<< Io, al contrario, non ho ancora attaccato neanche una volta. E mi sembra di vederti ansimare, sbaglio forse? >>
Aggiunse subito dopo.
Sarah rispose con un verso infastidito, capendo di non essere riuscita a nascondere la sua stanchezza.

<< Sei abile, ma suppongo che lanciare incantesimi senza pronunciare le loro formule abbia il suo costo... Direi, raddoppi il consumo di mana per farlo? >>
Continuò Sarah, con tono divertito.

<< Ragazza mia... >>
Aggiunse subito dopo, bloccando la sua falce, puntandola verso Sarah.

<< ... Di questo passo, finirai le tue riserve di mana ancora prima di potermi ferire. >>
Concluse subito dopo.

Sarah digrignò i denti.

<< Ma davvero? Per tua informazione, le mie riserve di mana sono molto più grandi di quanto tu possa anche solo immaginare. Il mio avo mi disse che le mie riserve di mana erano superiori alle sue, quando aveva la mia età. Quindi se pensi che io mi stanchi prima di poterti farti fuori... Hai preso un granchio. >>
Controbatté, la donna, visibilmente infastidita dalle parole di Iris.

<< Lascia che te lo dica, Sarah Ravier: non voglio scontrarmi con nessuno di voi. Ma se insisterai con il tuo assalto, allora non esiterò a rispondere al fuoco. Sei stata avvertita. >>
Sarah non sembrò assolutamente preoccupata dalle parole della sua avversaria. Era sicura che sarebbe uscita vincitrice da uno scontro contro di lei, non aveva alcun dubbio.

Perdere contro qualcuno come lei non era una opzione.

<< Se pensi di essere in grado di sconfiggermi... Allora fai pure: rallegrami la giornata. >>
Non appena disse quelle parole, un grosso fulmine uscì dal palmo della mano, diretto a tutta velocità contro Iris.

Il demone evitò l'attacco spostandosi di lato, per poi riprendere di nuovo il volo.
Sarah non riuscì a sopportare il comportamento di quel demone: non importava quanti incantesimi usasse, l'unica cosa che Iris continuò a fare fu semplicemente evitare o deviare i suoi attacchi più e più volte, senza mai però contrattaccare.

Per lei, quello era un atteggiamento di sfida: ai suoi occhi, Iris non stava facendo altro che farsi beffa di lei.


Infastidita e avendo avuto abbastanza di giocare al gatto con il topo con quel demone, Sarah rinfoderò la sua arma.

<< Smetti di scappare come una codarda! >>
Esclamò, mentre le sue mani vennero ricoperte da intense fiamme.

<< Combattimi seriamente! >>
Non appena disse quelle parole, Sarah protese con uno scatto entrambe le mani in avanti, e in quel preciso istante una grossa e intensa fiammata uscì dai palmi delle sue mani, diretta nella direzione di Iris.

Ancora una volta, Iris evitò con facilità quell'attacco.
Quella fiammata, però, danneggiò un piccolo boschetto all'interno del palazzo, che ben presto cominciò a prendere fuoco a causa dell'attacco della donna.

<< Santo cielo... Dovresti fare più attenzione all'ambiente... >>
Borbottò Iris, osservando con uno sguardo addolorato il fuoco che lentamente bruciava la vegetazione in distanza.


<< Sto cominciando ad averne abbastanza della tua insolenza! Hai paura di combattermi, per caso?! >>
Ringhiò la donna, attirando l'attenzione di Iris, ancora sospesa in aria.

Iris sbuffò, cominciando una lenta discesa verso il terreno.

<< Che ne dici se la chiudiamo qui e ascolti semplicemente quello che voglio dire? Non voglio fare del male a nessuno, non l'ho mai fatto prima e non ho intenzione di iniziare adesso. >>
Disse, cercando di convincere quel soldato, apparentemente senza successo.

<< Per favore. Abbassa l'arma, e parliamone. >>
Continuò.


Sarah rimase in silenzio a fissare Iris per qualche secondo con uno sguardo diffidente stampato in volto.
A Iris sembrò quasi che fosse riuscita a convincerla.

<< Va bene. Parliamo. >>
Rispose Sarah.

Non appena disse quelle parole, Iris rispose con un grosso sorriso.

<< Grazie mille, davvero. >>
Le disse subito dopo.
Fu un grosso errore.

Non appena Iris abbassò la guardia, Sarah scattò in avanti con uno scatto fulmineo, arrivando davanti al suo avversario prima che lei potesse reagire.
Quando Iris si rese conto dell'accaduto, fu ormai troppo tardi: fece uno scatto all'indietro, usando anche le sue ali come scudo, ma non fu in grado di evitare il fendente della donna.

Iris si inginocchiò nel terreno e vide delle gocce di sangue viola cadere lentamente nel terreno.
Fortunatamente per lei, quella non era una ferita grave: nel giro di qualche ora, infatti, le sue ali sarebbero tornate come nuove.
Se non le avesse usate come scudo, però, non avrebbe potuto dire la stessa cosa... A causa del fendente di Sarah, ormai volare era fuori discussione.


<< Cosa diavolo era quello?! >>
Esclamò, furiosa e scioccata dal comportamento di quella donna.

<< Non ti aspettavi davvero che avrei giocato pulito, contro di te, vero? Questo non è un duello. >>
Rispose Sarah, puntando la sua lama verso di lei.

<< Non ho intenzione di ascoltare nulla di quello che hai da dire. L'unico demone buono, è un demone morto: non sei una eccezione. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Maledetta... E sarei io il mostro, tra noi due? >>
Ringhiò Iris, per la prima volta infastidita da quello scontro.

<< Non mi interessa assolutamente quello che pensi di me, demone... >>
Controbatté Sarah, sorridendo.

<< Fate fuoco! >>
Esclamò subito dopo.


Sentendo quelle parole Iris si voltò di scatto, notando un gruppo di almeno una dozzina di soldati a meno di venti metri di distanza da lei, con i loro fucili puntati nella sua direzione.

Era troppo concentrata su Sarah: non li aveva sentiti arrivare alle sue spalle.
Non poteva scansarsi, non poteva prendere il volo.

Con un rapido movimento della mano, Iris creò una barriera trasparente davanti a se che bloccò tutti i proiettili.
Sfortunatamente per lei, però, c'era ancora qualcos'altro di cui avrebbe dovuto preoccuparsi.

<< Non avresti dovuto distrarti. >>
Sentì sussurrare da qualcuno, alle sue spalle.
In quel preciso istante Iris si voltò di scatto, solamente per venire infilzata nella spalla sinistra dallo stocco di Sarah.

Un forte e acuto urlo di dolore ruppe l'aria intorno a loro, mentre Iris cadde nel terreno, dolorante e urlando dal dolore, reggendosi la spalla ferita con entrambe le mani.

Sarah, nel mentre, rimase in silenzio per un istante a fissare il sangue violaceo che era rimasto sulla punta del suo stocco, per poi rinfoderare l'arma.


<< Quindi... Anche un demone del tuo livello è vulnerabile ai proiettili, eh? Buono a sapersi. >>
Disse subito dopo.
In quell'istante il terreno ai suoi piedi cominciò rapidamente a ghiacciarsi, congelando ben presto anche il corpo di Iris, fino alle spalle, bloccandola sul posto.

Non poteva più muoversi: era ormai alla mercé di quella donna.
Non avrebbe dovuto abbassare la guardia, quantomeno avrebbe dovuto lasciarle fare quello che voleva. 
Nonostante i suoi tentativi, Iris sapeva che non sarebbe riuscita a convincere quella donna... Invece di prendere quell'approccio, avrebbe semplicemente dovuto rispondere ai suoi attacchi.

Sono una stupida! >
Pensò, digrignando i denti, fissando quella donna con uno sguardo terrorizzato, mentre una lama di ghiaccio si materializzò lentamente nella mano destra di Sarah.

<< Cosa ti aspettavi? Non siamo invulnerabili... >>
Le rispose, senza distogliere lo sguardo da quella lama ghiacciata.

<< Non prenderla troppo sul personale... >>
Disse Sarah, appoggiando la punta di quella lama sul collo del demone.

<< Rivedrai i tuoi compagni molto presto, te lo assicuro. >>
Aggiunse subito dopo.



Prima che potesse darle il colpo di grazia, una voce maschile attirò l'attirò l'attenzione di Sarah.
Sia lei che Iris si voltarono verso quella persona, riconoscendola all'istante.

<< Cosa significa questo? >>
Domandò la donna, confusa.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-5, grazie di avermi seguito e alla prossima!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 48
*** Capitolo 6-6: Chi sono ***


Capitolo 6-6: Chi sono

 


In quei momenti molti pensieri passarono per la testa di Michael.

Si voltò rapidamente, senza fermarsi, posando il suo sguardo sulla stanza che aveva appena abbandonato, sotto ordine di Sarah Ravier, con una strana espressione malinconica in volto.
C'era qualcosa che lo stava facendo titubare, da qualche periodo a quella parte.

Fino a pochi giorni prima, Michael visse la sua vita come tutte le altre persone, credendo che i demoni non fossero altro che creature mostruose e crudeli che spendevano il loro tempo a fare del male agli esseri umani, creature meschine e violenti che traevano gusto e piacere nell'infliggere dolore.

Eppure, in così poco tempo, tutto prese una piega inaspettata... N
on solo venne a conoscenza di essere un ibrido, un mezzo-demone, ma conobbe persino Neptune, qualcuno che si rivelò essere esattamente come lui.

Si sbagliava? Loro due erano, per caso, una semplice eccezione alla regola, o c'era qualcos'altro, sotto?


Più volte provò a ignorare quei pensieri, durante quei giorni, ma non riuscì mai a levarseli completamente dalla testa. Provò a sopprimerli, ma non riuscì neanche a nascondere i suoi dubbi e le sue preoccupazioni ad Abraxas, uno sconosciuto, il quale mandò in frantumi la maschera che aveva indossato senza neanche un attimo di esitazione.


"Chi sono i demoni?"

...

"Chi sono... Io?"


Forse avevano ragione tutti gli altri: forse, i demoni erano comunque una minaccia. 
Forse... Forse lui e Neptune erano veramente solo delle eccezioni.

Cominciò a credere quella fosse la spiegazione più logica, eppure quella donna fece vacillare anche quella convinzione.
Asteroth, violento e crudele che aveva provato a ucciderli, come anche Nergal.
Abraxas, un demone che sembrava avere ideologie, motivi e metodi completamente opposti a quelle dei suoi predecessori.

E, finalmente, quella donna: Iris.

C'era qualcosa che ancora non aveva riuscito a comprendere di loro... Di se.
Forse i demoni non erano poi così differenti dagli umani...?

Esattamente come c'erano persone che commettevano crimini, forse potevano esistere demoni che andavano contro la loro stessa natura e si comportavano in una maniera civile?

...

"Natura...?"
"Quale è la vera natura di un demone?"

Tutte quelle domande, nessuna risposta in vista.
Se la vera natura di un demone era quella di causare terrore e distruzione intorno a se, allora erano lui e Neptune a essere diversi?
Però c'erano anche Abraxas e Iris... Anche loro erano diversi?

Eppure i conti non tornavano... Se la gran parte dei demoni era crudele e violenta, come era possibile incontrare così tanti demoni, e mezzo-demoni, con una natura diversa, in così poco tempo?

Iris, Abraxas... Lui stesso e Neptune.
Quattro demoni su sei avevano mostrato di non essere violenti o crudeli.

Forse, allora, i demoni non erano poi così diversi dagli umani, come aveva già pensato una volta...?
E, se così fosse stato, allora sarebbe stato possibile, quindi, riuscire a trovare dei punti in comune, parlare con loro...?


< Parlare...? >
Pensò.

< Quella donna aveva detto di voler semplicemente parlare con me... >


La sua curiosità e confusione erano ormai all'apice. Voleva comprendere chi fosse in realtà, voleva imparare a conoscere ciò che fino a quel momento aveva ignorato e guardato con occhi colmi di pregiudizi.

Ciò che suo zio gli disse tempo addietro, cominciò ad acquistare lentamente un significato completamente nuovo e inaspettato...

"Solamente quando ti ritroverai coinvolto in qualcosa in prima persona, imparerai a comprenderla veramente."
Non erano parole difficili da capire, quantomeno era un insegnamento di vita... Eppure Michael non ci si soffermò più di tanto, quando suo zio glielo disse.
La prese superficialmente, quasi come se quelle parole non avrebbero mai significato nulla.

Pregiudizi, odio, violenza, rimorso... Le persone erano guidate da quei sentimenti, giusti o sbagliati che fossero.
Era impossibile per loro guardare i demoni con un occhio diverso e, fino a poco prima, anche per lui fu così... Non si fece mai, quindi, quelle domande, prima d'allora.


Tutti quei pensieri sembrarono quasi fargli esplodere la testa: quella situazione gli sembrò sbagliata e assurda.
Si bloccò di scatto nel mezzo di un corridoio, fermandosi con lo sguardo rivolto verso il basso e una espressione preoccupata in volto.
Neanche lui riuscì a capirne il motivo, all'inizio.

Vermilion, Jessica e Seryu notarono ben presto il comportamento del ragazzo, e si fermarono anche loro di colpo.

<< Va tutto bene, Mike? >>
Gli domandò Jessica, con tono preoccupato.

<< Avanti, dobbiamo raggiungere il Generale Xernes, non c'è tempo da perdere! >>
Esclamò Vermilion, facendogli segno di seguirla.

Michael sollevò lentamente lo sguardo, posando i suoi occhi confusi e pieni di dubbi su di loro.

<< E'... E' davvero l'unica strada percorribile? >>
Domandò loro.

Vermilion lo fissò per un istante con uno sguardo incredulo, prima di rispondergli.

<< Ovviamente! Non abbiamo tempo da perdere, andiamo! >>
Gli rispose.

<< Non lo so... >>
Borbottò Michael, evitando gli sguardi confusi dei suoi compagni.

<< Tutto questo mi sembra sbagliato...! Ho così tante domande che vorrei fare a quella donna... >>
Continuò subito dopo.

<< "Domande"?! >>
Ripeté Vermilion, non riuscendo a credere alle sue orecchie.

<< E' un demone! Non è qui per parlare, è qui per catturarti! Non farti prendere per i fondelli da lei! >>
Esclamò subito dopo.

<< Non lo sto facendo! E' solo che... Non mi ha dato l'impressione di essere una cattiva persona. >>
Le rispose il ragazzo.

<< "Persona"? Michael, quella donna non è una persona. >>
Per qualche motivo, le parole di Seryu gli fecero male.

<< Quindi... Non lo sono neanche io...? >>
Gli domandò.
Seryu non gli rispose: rimase a fissarlo in silenzio con occhi spalancati.

<< Non è quello che voleva dire, Michael. Non è il momento di avere crisi d'identità, siamo in una situazione precaria! >>
Lo rimproverò Vermilion, muovendosi poi con passo rapido verso di lui.

Provò ad afferrargli una mano per trascinarlo con forza insieme a se, ma il ragazzo evitò la sua presa facendo un passo all'indietro.

<< Devo parlare con lei, voglio risposte alle mie domande! >>
Esclamò subito dopo.

<< Stai delirando. I demoni non sono esseri con cui poter parlare liberamente, e dovresti saperlo perfettamente, specialmente dopo quello che hanno fatto durante la Notte Cremisi. >>
Continuò Vermilion, cercando in tutti i modi di farlo calmare.


In quell'istante, si sentì una forte esplosione provenire dall'esterno del palazzo.
I quattro ragazzi si voltarono di scatto verso la direzione da cui provenne quel boato per poi riprendere a guardarsi l'un l'altro dopo qualche istante.


<< Andiamo, abbiamo perso abbastanza tempo. Sarah potrebbe necessitare del mio supporto, e non voglio rischiare il peggio! >>
Aggiunse subito dopo.

<< Non è venuta qui con l'intenzione di fare del male a nessuno! >>
Controbatté Michael.

Vermilion lo fissò per qualche secondo con uno sguardo incredulo, per poi voltarsi verso gli altri due ragazzi.

<< Quel demone ha usato per caso qualche incantesimo per fargli il lavaggio del cervello? >>
Domandò a loro due, con un tono preoccupato.

<< Non ne ho idea... >>
Le rispose Seryu.

<< Quella donna ha usato degli incantesimi illusori su di me, prima d'ora, ma non vedo nulla di strano intorno a Michael... Non credo sia vittima di qualche incantesimo... >>
Continuò, osservando il suo compagno con quei suoi occhi verdi fluorescenti.

<< Non è un nemico, ne sono certo! >>
Continuò Mike, attirando di nuovo l'attenzione dei suoi compagni.

<< Non puoi dire sul serio... >>
Borbottò Vermilion, incredula, fissando il ragazzo con occhi spalancati.

<< Ti è andato di volta il cervello, per caso? I demoni non sono nostri amici, cosa ti sta succedendo? E' qui per catturarti, non posso lasciarti andare da lei! >>
Controbatté, sicura del fatto che Michael stesse dicendo una idiozia dopo l'altra.

<< L'hai visto con Abraxas, come puoi fare finta di niente? Ho bisogno di risposte, e lei è l'unica che può darmele, al momento! >>
Vermilion non riuscì a credere che quel ragazzino stesse dicendo sul serio: era convinta che avesse ormai perso la testa, non c'era nessun'altra spiegazione.

<< Abraxas era pronto a scatenarsi da un momento all'altro: se non fosse stato per il fatto che era in svantaggio numerico, non si sarebbe fatto problemi a scontrarsi contro di noi. Credi davvero si sia ritirato perché non voleva farci del male?! Sei davvero così ingenuo?! >>
Gli rispose subito dopo.

<< Lei non ha le risposte che cerchi, ti porterà semplicemente dal suo comandante non appena ti avrà messo le mani addosso! Stai dicendo assurdità!>>
Concluse.

<< Era nella mia stanza mentre ero privo di conoscenza! >>
Esclamò il ragazzo.

<< E? Dimostri semplicemente che ho ragione: si è intrufolata all'interno del palazzo reale, senza venir scoperta, con l'intenzione di rapirti. Perché dovresti darle fiducia?! >>
Gli domandò Vermilion, non riuscendo a capire perché quel ragazzo stesse dando così tanta fiducia a qualcuno che neanche conosceva.

<< Ti sbagli... >>
Sospirò Michael.
Quelle parole colsero Vermilion alla sprovvista.

<< Pensaci meglio... Non ero cosciente: quando mi sono svegliato, lei era già li, all'interno della mia stanza. Se avesse voluto davvero catturarmi, lo avrebbe fatto prima che mi fossi svegliato. >>
Non appena disse quelle parole, uno sguardo sorpreso apparve nel volto di Vermilion.

Abbassò lo sguardo, incredula, pensando alle parole che quel ragazzo le aveva appena detto.

<< Se il suo compito fosse davvero stato quello di catturarmi, che motivo avrebbe avuto di stare li per tutto quel tempo, invece di catturarmi facilmente? >>
Le domandò subito dopo.


<< Magari era appena entrata all'interno della stanza, quando ti sei svegliato. Non possiamo saperlo per certo! Perché dovresti rischiare, Michael? >>
Gli domandò Seryu.

<< Vi prego, fidatevi di me... >>
Sentendo quelle parole, Vermilion posò di nuovo il suo sguardo su di lui.

<< Come dovrei fidarmi di te, se ti conosco a malapena? >>
Gli domandò.

<< Io credo... Che i demoni siano esattamente come noi. >>
Quelle parole colsero tutti e tre alla sprovvista.

Fino a quel momento, nessuno prima di lui disse mai una cosa del genere: sarebbe stato impensabile.

<< Ci sono persone che fanno del male per il gusto di farlo, altre che rubano perché non possono fare altrimenti, altre invece danno la loro vita per proteggere gli altri... Quindi... Perché i demoni non possono farlo? Fin'ora abbiamo visto il male che possono fare, ma ci siamo mai chiesti se possono fare anche del bene? Forse hanno le loro ragioni... Forse, se parlassimo con loro, potremmo riuscire a trovare delle soluzioni. >>
Continuò, lasciando i suoi compagni senza parole.

Quella fu la prima volta in tutta la loro vita che sentirono qualcuno pronunciare quel genere di parole. Una cosa del genere non passò mai neanche una volta per la loro testa, come non passò mai per la testa di nessuno.

"Parlare con i demoni"? Che idiozia era mai, quella?
Nessuno sarebbe stato così stupido da parlare con qualcuno che era conosciuto per aver massacrato mezzo milione di soldati, durante la Notte Cremisi, distrutto dei villaggi, o fatto del male ai propri cari, conoscenti, o chiunque.


<< Michael, non puoi davvero dire sul serio. I demoni non sono esseri con cui puoi discutere, a loro non importa cosa pensi o cosa vuoi dire. >>
Gli disse Vermilion, ancora incredula davanti a quelle parole.

<< Qualcuno ha mai provato a parlare con qualcuno di loro, prima d'ora? >>
Le domandò il ragazzo.

<< Mike, nessuno proverebbe anche solo ad avvicinarsi a un demone... Sono esseri crudeli e spietati: nessuno metterebbe a rischio la sua vita per provare a parlare con loro... >>
Disse Jessica.

<< Ma se non proviamo non potremo mai saperlo! >>
Le rispose Michael.

<< Nessuno proverà mai, Michael. I demoni non vogliono discutere con noi, è da millenni che nei libri di storia si parla delle atrocità e violenze che hanno commesso nei nostri confronti. >>
Aggiunse Seryu.

<< E se fossimo stati noi, tempo addietro, ad aver fatto loro un torto? Ci sono sempre due facce di ogni moneta, noi conosciamo solalmente la nostra storia. >>
Controbatté Michael.

<< Stai dando i numeri, Michael. Questa tua crisi d'identità ti sta facendo dire idiozie una dopo l'altra, cerca di tornare con i piedi per terra, maledizione! >>
Ringhiò Vermilion.

<< I demoni sono tutti violenti! Non vogliono avere nulla a che fare con noi: vogliono spazzarci via come cenere al vento, come hanno sempre fatto, e così sarà per sempre! Sono sempre stati loro ad attaccare, e siamo stati noi a perdere le persone che ci circondavano per mano loro! >>
Continuò.

<< A loro non interessa cosa pensiamo, cosa proviamo! Spazzano via tutto e tutti senza fare discriminazioni e non troveremo mai dei punti in comune! Tutti i demoni sono mostri, non c'è altro di cui discutere! >>
Non appena pronunciò quelle parole, Michael la fissò con uno sguardo scioccato, incredulo, e infastidito.

Strinse i pugni con forza, senza distogliere lo sguardo da quella ragazza.


Sapeva non avesse torto, eppure... Sapeva anche che non avesse ragione.
Era una sensazione strana che neanche lui riuscì a spiegarsi in quell'istante, ma le parole di quella ragazza gli fecero male nel profondo.


<< Non è vero! >>
Urlò, cogliendo i suoi compagni alla sprovvista.
Quella fu la prima volta in vita sua che Jessica lo vide in quello stato.

Michael era sempre stata una persona calma, gentile e rilassata. Vederlo con quegli occhi rabbiosi, con le sopracciglia aggrottate e i pugni chiusi... Non era una vista alla quale era abituata, le fu difficile crederci.

<< Forse sto sbagliando io, hai ragione... Ma quando dici che "tutti i demoni" sono mostri, non posso accettarlo! >>
Esclamò.

<< Michael, non fare l'idiota: sai perfettamente che non sto parlando di te. >>
Gli disse Vermilion, cercando, inutilmente, di farlo calmare.

<< Non sei un mostro, Mike, non parlava di te... >>
Gli disse Jessica.

<< Sono un mezzo demone, il figlio di Azael! Sono un umano? Un mostro? Chi sono, io, allora?! Sono entrambe le cose? Nessuna delle due? >>
Nessuno di loro rispose a quelle sue domande.

<< Quindi non lo sapete neanche voi...? >>
Abbassò lo sguardo, mostrando loro una espressione scoraggiata.


<< Sei te stesso. >>
Rispose improvvisamente una voce maschile, proveniente dalle sue spalle.

In quell'istante tutti i presenti si voltarono verso quella persona, riconoscendola all'istante.
Era un uomo in veste militare, con una cicatrice sull'occhio destro, e camminava aiutato da un bastone in legno chiaro.

<< Non sei nessuna delle due cose. Sei nel mezzo. >>
Continuò.

<< Generale?! Da quanto tempo era li? >>
Domandò Vermilion a Xernes, riconoscendolo.

<< Abbastanza per assistere alla crisi d'identità del piccolo bastardo. >>
Sentendo la risposta dell'uomo, Michael evitò il suo sguardo.

A Xernes non piacque quella reazione: colpì con forza il terreno con il suo bastone, richiamando rapidamente l'attenzione del ragazzino.

<< Non ho mai sentito prima d'ora, in vita mia, di qualcuno che volesse discutere con un demone. Mi chiedo se tu sia semplicemente fuori di testa. >>
Disse, non appena Michael posò il suo sguardo su di lui.

<< Cosa sta succedendo, esattamente, Vermilion? >>
Domandò alla sua sottoposta, posando il suo sguardo su di lei.

<< Un demone è apparso all'interno del castello, e Sarah mi ha chiesto di avvertirla, signore. Mi dispiace di aver perso così tanto tempo per questa faccenda... >>
Si scusò la ragazza, facendo un rapido inchino.

Xernes rispose con un semplice verso incuriosito.

<< Si tratta, per caso, di Belzebub? >>
Le domandò.
Quella domanda colse Vermilion alla sprovvista.

<< Uh? N-No... Si tratta di una succube, Iris se non erro. >>
Rispose la ragazza, confusa e incuriosita dal fatto che Xernes sembrasse così calmo.

<< Accompagnatemi da lei, allora. >>
Disse subito dopo.


In quell'istante Michael si avvicinò all'uomo.
Xernes posò il suo sguardo incuriosito e minaccioso su di lui, attendendo impazientemente che il ragazzo aprisse bocca.

<< La prego, signore... Mi permetta di parlare con quella donna. >>
Quelle parole non colsero l'uomo impreparato.

<< Lasciare che un ragazzino parli con un demone che, probabilmente, è stato mandato qui per catturarlo... Concorderai con me che si tratti di qualcosa di ridicolo e sconsiderato, non trovi? >>
Gli domandò l'uomo.

In quell'istante, però, le parole che Lucifer gli disse poco prima gli tornarono in mente.
"questa volta dovrai trovare il "chi" e il "quando" per conto tuo".


<< Suppongo, però, di avere anche io qualche domanda da farle... Sarebbe un peccato se morisse prima che io possa ottenere le mie risposte. >>
Aggiunse subito dopo.
In quell'istante un grosso sorriso apparve spontaneamente nel volto di Michael, non riuscendo a credere che avrebbe potuto finalmente parlare con quella donna.

<< Non fraintendermi, però... >>
Aggiunse subito dopo il Gran Generale Xernes, facendo rapidamente scomparire quel sorriso.

<< Se pensi davvero che darò una chance a quel demone, ti sbagli di grosso. Dovrai fare ben altro per convincermi a non ucciderla, non appena avrò ottenuto le mie risposte. Dopotutto, come potrei mai farmi scappare dalle mani l'opportunità di liberarmi di uno dei membri dei Dodici Generali di Bael? >>
Gli domandò subito dopo.

<< Mi permetta di parlare con lei, la prego! Posso dimostrarle che non è una minaccia! >>
Esclamò il ragazzo, cercando di convincere l'uomo.

Xernes fissò il ragazzino dritto negli occhi con uno sguardo minaccioso e autoritario, con tutta l'intenzione di intimorirlo.

<< Dammi una sola ragione per cui dovrei permetterlo. >>
Gli disse, senza muovere neanche un muscolo, rimanendo immobile davanti a lui, fissandolo con la coda dell'occhio.


Stavolta, nonostante si sentisse sotto pressione, Michael non evitò lo sguardo dell'uomo.


<< Perché sono sicuro delle mie convinzioni. E se tu vuoi ucciderla perché la consideri una minaccia, allora dovrai fare fuori anche me. >>
Xernes fissò il ragazzino in silenzio con occhi freddi e cupi, non riuscendo a credere a quelle parole.
Quel suo sguardo, però, gli piacque.

<< Michael, non puoi parlare con quel tono al generale! >>
Lo rimproverò Vermilion, parlando sotto voce.

Il ragazzo rimase in silenzio a fissare quell'uomo dritto negli occhi, senza nemmeno rispondere alla ragazza.

<< Hai una bella faccia tosta a darmi del "tu", ragazzino insolente. Chi ti pensi di essere? >>
Gli domandò, senza scomporsi più di tanto, con un tono minaccioso e autoritario.

<< E' quello che sto cercando di scoprire anche io, Generale. Vuole impedirmi di scoprirlo? >>
Controbatté Michael.


Dopo qualche secondo di silenzio, Xernes fece un verso annoiato.

<< Sembrerebbe che, quando vuoi, hai del fegato, devo ammetterlo. Ma non prenderlo come un complimento: se ti permetterai di parlarmi ancora una volta con quel tono sarà l'ultima volta che mostrerai quel caratterino a qualcuno, te lo posso assicurare. >>
Aggiunse subito dopo.
Sentendo quelle parole, Michael deglutì senza aggiungere altro.

<< Muoviamoci, quindi: andiamo a ottenere le nostre risposte, figlio di Azael. >>
Gli disse, con tono minaccioso.

<< Fammi cambiare idea. >>
Aggiunse subito dopo.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-6, grazie di avermi seguito e alla prossima con il penultimo capitolo del volume 6!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 49
*** Capitolo 6-7: Parole... ***


Capitolo 6-7: Parole...



Non appena Sarah sentì quelle parole si voltò di scatto nella direzione da cui arrivarono, assumendo ben presto una espressione confusa e sorpresa.

<< Non capisco... Cosa significa questo, padre? >>
Domandò a Xernes, accompagnato dal quartetto di ragazzini che, pochi minuti prima, mandò da lui per avvertirlo di ciò che stava accadendo.
Non riuscì a comprendere per quale motivo suo padre avrebbe dovuto impedirle di eliminare quel demone... Perché avrebbe dovuto farlo?

Dopotutto, quello era il suo compito. Non riuscì a comprendere il motivo nascosto dietro quelle parole.

<< Significa esattamente quello che ho detto, Sarah: abbassa l'arma e indietreggia. >>
Disse l'uomo, colpendo con forza il terreno con il suo bastone di legno, non appena raggiunse sua figlia, reggendolo con entrambe le mani e fissando Sarah con una espressione autoritaria e cupa.

<< Ma... L'ho in pugno, ormai! Per quale motivo dovrei- >>
Suo padre la interruppe ancor prima che potesse finire quella domanda.

<< Mi aspettavo di più da te, Sarah. >>
Quelle parole la colsero completamente alla sprovvista.
La donna rimase in silenzio a fissare il padre con uno sguardo incredulo e confuso, senza muovere neanche un muscolo, occhi spalancati.

<< Guardati intorno. >>
Aggiunse subito dopo.

Il volto della ragazza divenne improvvisamente pallido e le sembrò quasi che il cuore le stesse per esplodere in gola.
Si guardò lentamente intorno, non riuscendo a credere alla sola vista dei danni che aveva inconsciamente causato nei dintorni.

Il muro dell'infermeria che dava all'esterno, dalla quale era sbucata durante lo scontro con il demone, era stato completamente raso al suolo: il terreno era colmo di macerie e in distanza notò un piccolo incendio che stava lentamente divorando una parte della vegetazione che cresceva rigogliosa all'interno dei giardini del palazzo.

Tutto quello era accompagnato da svariati spuntoni di ghiaccio e zone ghiacciate sparse per tutta la zona, che avevano ormai deformato il terreno che si trovava intorno a loro.

<< Se qualcuno mi avesse detto che avresti perso il controllo di te in questo modo, durante uno scontro, all'interno della capitale, non ci avrei creduto. >>
Continuò l'uomo.
Sarah abbassò lo sguardo: non riuscì a guardare suo padre negli occhi.


Il comportamento di quel demone le fece completamente perdere la sua calma e il controllo di se... Come aveva potuto permettere che una cosa del genere accadesse? 
Sapeva di aver fallito, davanti agli occhi di suo padre, e non riuscì ad accettare quel risultato: non poteva lasciar scorrere un tale comportamento sconsiderato.

<< La prego di perdonare il mio comportamento, generale! >>
Esclamò, facendo un profondo inchino davanti a suo padre.

<< Non era assolutamente mia intenzione deludere le sue aspettative...! >>
Continuò subito dopo, senza sollevare lo sguardo.


Nonostante tutto, Xernes sapeva quali fossero i suoi pregi e difetti. 
Sapeva perfettamente che, nonostante ciò che era accaduto, Sarah era un qualcuno di cui poteva fidarsi ciecamente.


Fissò sua figlia per qualche secondo senza proferire parola, per poi farle cenno con una mano di sollevare il capo.
Sarah notò quel gesto, sollevando parzialmente il capo e posando quel suo sguardo preoccupato sul padre.

<< Dovrai fare ben altro per deludermi, Sarah. >>
Le rispose.
In quell'istante un gigantesco sorriso rallegrato apparve nel volto della donna.

<< La ringrazio infinitamente per la fiducia che ripone in me, padre! >>
Esclamò, assumendo ancora una volta una posizione eretta e decisa.

<< Ora va' e rimedia al danno che hai causato. >>
Ordinò l'uomo.

<< Si signore! >>
Rispose Sarah, dando poi le spalle al gruppo dopo aver fatto un saluto militare, dirigendosi verso l'incendio che aveva causato poco prima.


Non appena Sarah si allontanò, Xernes posò il suo sguardo minaccioso su Iris che, fino a quel momento, era ancora immobilizzata nel terreno, rinchiusa in una trappola di ghiaccio come se fosse la stecca di un ghiacciolo.


<< Wow. E' così che ti comporti con tua figlia? >>
Domandò Iris all'uomo, con un tono infastidito.

<< Ciò che faccio con mia figlia non è di tuo interesse, demone. >>
Le rispose Xernes, avvicinandosi lentamente verso di lei.
Iris gli ringhiò contro.

<< Quindi... Tu dovresti essere Iris, suppongo. >>
Aggiunse subito dopo, con un tono cupo.

La donna gli sorrise.

<< Tu, invece, devi essere lo stronzo di cui ho sentito parlare... >>
Rispose.
A Xernes non piacque quel tono: fissò la donna-demone per qualche istante con uno sguardo infastidito, picchiettando la punta del suo bastone nel terreno a intervalli regolari.

<< Sai, se fossi al posto tuo, considerando la tua attuale posizione, sceglierei le mie prossime parole molto attentamente. >>
L'avvertì il generale, con tono minaccioso, afferrando rapidamente l'elsa della spada legata alla sua cinta.

<< Oh-oh, minaccioso... >>
Ridacchiò Iris.

Xernes non perse la sua compostezza. 


<< Signore, mi permetta di parlare con lei, la prego..! >>
Sentì dire dopo pochi istanti da Michael.

Xernes posò il suo sguardo sul ragazzo senza voltarsi, mostrandogli una espressione cupa e minacciosa.

<< Potrai parlarle non appena avrò finito con lei. >>
Gli rispose, posando poi il suo sguardo di nuovo su quella donna.

<< ...Forse. >>
Aggiunse subito dopo.
Michael non rispose nulla.


<< Ho alcune domande che voglio farti, demone. Ti dispiacerebbe rispondermi onestamente? >>
Domandò a Iris, senza smettere di fissarla intensamente con quel suo sguardo cupo e imponente.

<< Sai, sarei incline a dire di si... Ma è un po' difficile darti la mia fiducia quando sono intrappolata in una bara di ghiaccio, non pensi? >>
Rispose la donna, con una domanda retorica.

<< Non vedo come la tua attuale situazione sia un mio problema. >>
Continuò, Xernes.

<< E allora non vedo come le tue domande siano un mio problema. >>
Controbatté Iris, rigirando le parole dell'uomo contro di lui.

<< Non fare la sciocca, demone. Non provare a farmi credere di avere il coltello dalla parte del manico, non sei brava a bluffare. Al momento, le risposte alle mie domande sono l'unica cosa che potrebbero farmi cambiare idea sul farti giustiziare. Inoltre, se pensi che io possa accettare di liberare una potenziale minaccia per i miei cittadini e soldati, allora sei completamente fuori di testa e non necessito delle risposte di una pazza. >>
Continuò Xernes, senza scomporsi neanche per una frazione di secondo.

<< Oh, wow... >>
Esclamò Iris, sorpresa dalle parole dell'uomo.

<< ...Sei davvero lo stronzo di cui ho sentito parlare. >>
Continuò subito dopo, con un tono quasi divertito.

<< Stai cominciando a darmi sui nervi, mostro. >>
Ringhiò Xernes, infastidito dal tono e le parole che Iris stesse usando verso di lui.

<< Oh-oh, non prendertela troppo... Sono una succube, è nel mio istinto provocare voi umani. >>
Ridacchiò il demone, con voce lenta e stranamente provocante.


<< Sei venuta qui con l'intenzione di rapire il figlio di Azael? >>
Le domandò, senza esitare ancora neanche per un secondo di più. Non poteva assolutamente continuare ad ascoltare le sciocchezze e le provocazioni di quella donna, aveva ancora troppe domande di cui necessitava risposte: rimanere ancora all'oscuro dei piani di Lucifer non era più una opzione, doveva prendere la situazione in mano personalmente.

Iris gli rispose con un semplice gesto negativo del capo, sorridendo.

<< Allora perché sei qui? >>
Le domandò.

<< Oh, chissà... ~ >>
Canticchiò, divertita, evitando di guardare l'uomo in volto.

<< Ero in zona, e mi chiedevo se questo sarebbe stato un bel posto per un picnic... >>
Continuò subito dopo.
Sentendo quelle parole, Xernes digrignò i denti.
Si mosse con passo pesante verso di lei, calpestando con forza la lastra di ghiaccio che la intrappolava con un pestone non appena la raggiunse.

<< Non ho tempo per stare dietro alle tue provocazioni, meretrice! Rispondi solamente alle mie domande, o ti farò giustiziare all'istante. Troverò le mie risposte altrove, se necessario. >>
Minacciò l'uomo, con un tono frustrato e innervosito.




<< Non ha cattive intenzioni! >>
Esclamò Michael, intromettendosi nel discorso tra i due.
Xernes si voltò lentamente verso il ragazzo, notando come Jessica e Vermilion stessero cercando di fermarlo.

Fece cenno con una mano alle due ragazze di lasciare andare il loro compagno, le quali ben presto mollarono la presa su di lui.


<< Quale sarebbe il motivo di queste tue parole? Cosa te lo farebbe pensare? >>
Domandò Xernes al ragazzo.

<< Si trovava nella mia stanza quando ero privo di conoscenza. Se avesse voluto davvero farmi del male, o rapirmi, avrebbe potuto farlo in qualunque momento... Eppure non l'ha fatto... >>
Non appena disse quelle parole, Michael posò il suo sguardo su Iris, la quale ricambiò con una espressione sorpresa.

<< ... Non credo sia una nostra nemica, o una cattiva persona; voglio fidarmi di lei... Sento di potermi fidare! >>
Aggiunse subito dopo, voltandosi di nuovo verso Xernes, il quale ricambiò con uno sguardo incredulo e confuso.

<< "Persona"? Ragazzino, non stai parlando di una "persona". Non hai idea di cosa possano fare i demoni, e non ho intenzione di lasciare una decisione che potrebbe rivelarsi incredibilmente pericolosa nelle mani di un bambino che a malapena conosce in quale direzione gira il mondo intorno a se. >>
Gli rispose l'uomo, con un tono infastidito e minaccioso.


Aveva già sentito una volta parole simili... Anche Neptune gli disse qualcosa di quel tipo.

"I demoni sono crudeli"
"I demoni sono minacce"
E lui era, ormai, uno di loro...

... In parte, per lo meno.

Non sapeva se tutti i demoni fossero crudeli e pericolosi come tutti pensavano... Ma sapeva che lui fosse diverso.
Sapeva che Neptune, nonostante ogni tanto sembrasse strano, non fosse un criminale.

Infatti, capì in quell'istante che avesse già le prove di cui aveva bisogno.
Invece d'indietreggiare, Michael fece quindi un passo in avanti verso l'uomo, mostrando a quell'uomo uno sguardo deciso.

<< Io so di non essere come loro! Ci sono persone che fanno del male al prossimo, e persone che li aiutano... Quindi perché non può essere lo stesso con i demoni? >>
Esclamò, davanti a lui.
Quella reazione non colse il generale alla sprovvista.

<< Stai dando i numeri. Non paragonare i demoni a noi esseri umani. Sono loro i mostri, non noi. >>
Ringhiò Xernes.

<< Io non sono un mostro, e neanche Neptune lo è! >>
Continuò Mike, senza esitare neanche per un istante.


Quelle parole colsero alla sprovvista sia Jessica che Seryu, i quali si guardarono con sguardi confusi.

<< Maledizione, Michael... >>
Borbottò Vermilion, con fare allarmato.

<< Neptune? Cosa c'entra Neptune? >>
Domandò Jessica alla compagna, senza ricevere alcuna risposta.

<< Non vorrai dire che...? >>
Le domandò Seryu.

In quell'istante Vermilion si voltò di scatto verso di loro, facendo cenno di far silenzio.

<< Ne parliamo dopo... >>
Disse.



<< Siete dei bastardi. Ai miei occhi, siete metà persona. >>
La risposta dell'uomo fece congelare il sangue nelle vene di Michael.
Rimase paralizzato a fissarlo per qualche istante, incredulo, quasi come se fosse stato pietrificato, prima di tornare in se.

<< E' davvero necessario dire che sono un "bastardo" ogni volta? >>
Gli domandò subito dopo, infastidito da quel termine.

<< Inoltre, cosa significa "metà persona"? Non può dire sul serio...! >>
Aggiunse subito dopo.


<< Fammi un favore, ragazzino: che ne dici di rimanere al tuo posto, in silenzio, e lasciarmi fare il mio lavoro? Dovresti considerarti fortunato che io non ti abbia già messo dietro le sbarre: i mezzo-demoni non registrati alla nascita, come te, sono delle potenziali minacce, e per te abbiamo già chiuso non uno, ma due occhi. >>
Disse Xernes, mostrando a Michael uno sguardo minaccioso.

<< Quindi indietreggia, stai al tuo posto, fai silenzio e lasciami svolgere il mio lavoro. Quando avrò finito, se lo riterrò opportuno, potrai parlare con quel demone. Chiaro? >>
Gli domandò subito dopo, nonostante quella domanda suonasse più come un ordine.

Michael evitò lo sguardo dell'uomo, posandolo poi su Iris, la quale ricambiò con degli occhi colmi di amarezza, senza dire nulla.



<< Muoviamoci. Sto cominciando a perdere la pazienza. >>
Disse subito dopo Xernes, a Iris.

<< Diciamo che io creda al fatto che tu non sia qui per rapire quel ragazzino. Quale sarebbe il tuo scopo, allora, e per quale motivo volevi incontrarlo? >>
Le domandò subito dopo.

Per qualche secondo, Iris esitò a rispondergli.
Non aveva idea se dare o meno le risposte a quell'uomo fosse la scelta giusta. Era sicura che avrebbe potuto rompere il ghiaccio che la teneva imprigionata, ma poi cosa sarebbe successo?
Sarah Ravier si trovava ancora nei paraggi e, a qualche metro di distanza da loro, notò un tipo con una lunga katana in mano, il quale non aveva mai levato il suo sguardo da lei. 
Era tenuta sotto tiro, inoltre, da alcuni soldati non molto lontani, e le sue ali erano ancora doloranti...

Anche se si fosse liberata, non avrebbe comunque potuto prendere il volo.
Affrontarli... Avrebbe preferito evitarlo.

Sono una stupida! >
Pensò.
In quell'istante notò Michael intento a farle qualche cenno.
Posò rapidamente il suo sguardo su di lui, notando che stesse cercando di dirle qualcosa.

Fu in grado di leggere il suo labiale...

"Per favore"
I suoi occhi erano imploranti e tristi.


<< Azael mi salvò la vita, tanto tempo fa. Giurai che avrei ripagato quel suo gesto, ma è deceduto prima che potessi farlo. Giurai che avrei servito la sua famiglia fino alla fine, quindi quando venni a conoscenza del fatto che avesse un figlio, capii che avrei potuto finalmente tenere fede a quel giuramento. >>
Disse, dopo qualche secondo di silenzio, voltandosi di nuovo verso Xernes e sospirando, quasi come in segno di sconfitta.

L'uomo rimase a fissare il demone con una espressione quasi disgustata per qualche secondo, non riuscendo in alcun modo a credere a quelle sue parole.

<< Onore? Fedeltà? Giuramenti? >>
Domandò l'uomo, con un tono disgustato.

<< Che idiozia è mai questa? Ti aspetti che io creda a queste menzogne? >>
Continuò.
Iris fissò l'uomo con uno sguardo infastidito, senza rispondergli assolutamente nulla, per qualche assordante silenzio.

<< Pensi che noi demoni siamo qualche genere di "animale", che non possediamo alcun genere d'intelletto o capacità sociali... Lasciamelo dire, Xernes: ti sbagli di grosso. >>
Disse la donna, ringhiando verso di lui.

<< Non siamo tutti uguali. Alcuni di noi si sono nascosti, altri hanno provato a vivere in pace ma sono stati attaccati da voi umani. Non siete meglio di noi, solamente perché credete di esserlo. Se non fosse stato per le vostre azioni, in passato, alcuni di noi non avrebbero mai preso certe strade...! >>
Aggiunse subito dopo.


<< Quindi ora è colpa nostra? Non farmi ridere. Stai cercando di farmi credere che voi demoni siete innocenti? E' questo che vuoi dire? Quindi siamo noi i cattivi, adesso. Divertente. Dimmi, allora... Tutti quei villaggi, tutte quelle persone che Azael ha massacrato... Tutti quegli innocenti... Il tuo "signore" era davvero giustificato? >>
Le domandò Xernes, frustrato davanti a quel racconto che mai in vita sua avrebbe potuto accettare.

<< Non sto cercando di giustificare le loro azioni, sto solamente cercando di farti capire che non siamo tutti uguali. Non tutti vogliamo fare del male agli umani, anzi. Alcuni di noi provarono a cercare di convivere con voi, ma foste proprio voi a cacciarci e ucciderci per primi! Solamente perché eravamo diversi! >>
Continuò Iris.


In quell'istante Xernes digrignò i denti.

<< Ne ho avuto abbastanza di questo battibecco senza senso. >>
Ringhiò l'uomo, con tono infastidito, dando le spalle a Iris.

In quell'istante fece un cenno ad Andromeda, che, fino a quel momento, aveva semplicemente continuato ad assistere a quella scena in silenzio, senza intervenire, tenendo quella donna sotto stretta sorveglianza con la sua katana sguainata.

<< Portala nelle segrete e interrogala. Ti farò sapere quali domande dovrai farle: usa pure i metodi cattivi, se necessario. >>
Ordinò al suo subordinato, il quale rispose con un semplice cenno positivo del capo.

<< Aspetti- Credevo mi avrebbe permesso di parlare con lei! >>
Esclamò Michael, frustrato dalle parole di Xernes.

Xernes si voltò verso di lui, mostrandogli uno sguardo minaccioso.

<< Abbiamo altro di cui parlare, noi. Non preoccuparti, comunque: Andromeda non la ucciderà, a meno che non sia strettamente necessario. Se collaborerà, non ci saranno problemi. >>
Gli rispose l'uomo.
Michael non fu in grado di rispondergli nulla.
Fissò con uno sguardo incredulo e preoccupato Iris, la quale ricambiò con un occhiolino e un sorriso divertito.


In quell'istante un rumore riempì l'aria, quasi come se qualcosa si stesse rompendo.
Quello scricchiolio si fece sempre più intenso, fino a quando non si sentì lo stesso rumore di vetri che andavano in frantumi.

Xernes si voltò di scatto verso la donna-demone, impallidendo davanti a quella scena.
La fissò in silenzio con occhi increduli, spalancati, senza muovere neanche un muscolo.

Iris era in piedi, con la sua lunga falce in mano, con la punta della lama conficcata nel terreno. Il suo sguardo sembrava infastidito, ali ripiegate dietro la schiena, ancora sanguinanti, e piccoli frammenti di ghiaccio ancora sparsi nel suo corpo.

< Si è... Liberata dal Permafrost...?! >
Pensò Xernes, incredulo.

<< Non posso volare, ma non importa... Ti darò un'altra chance per ascoltarmi, Xernes Ravier. Voglio solo che tu mi ascolti, nient'altro. >>
Xernes non rispose a quelle parole.

<< Vuoi sapere la verità? Ti dirò la verità. Vi dirò tutto quello che volete sapere. In cambio, voglio solo che voi vi fidiate della mia parola, e mi permettiate di stare insieme al ragazzino. Non mi interessa di nessuno di voi, ma mi importa di lui. Finché insieme a voi lui è al sicuro, allora possiamo considerarci anche alleati. Non dobbiamo essere amici. Ma, per lo meno, ascoltatemi. >>
Continuò, subito dopo, Iris.

Nonostante fosse ancora incredulo e scettico, Xernes fece un cenno ad Andromeda con una mano, abbassandola lentamente.
Il soldato fissò il suo comandante per una frazione di secondo, riconoscendo rapidamente il gesto.
Andromeda fissò Iris per qualche istante con una espressione confusa, per poi rinfoderare la sua arma.

<< Molto bene, allora. Sto ascoltando. >>
Le rispose, con un tono cupo e senza abbassare la guardia, portando una mano sull'elsa della sua spada.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-7, grazie di avermi seguito e alla prossima con la fine del volume 6!


 

Ritorna all'indice


Capitolo 50
*** Capitolo 6-8: ...E Sentimenti ***


Capitolo 6-8: ...E sentimenti



Fin dal momento in cui venni al mondo, furono le persone intorno a me a decidere quale sarebbe stata la strada che avrei dovuto percorrere.

"Andrew Medals", figlio unico della casata militare dei Medals, soldati che avevano giurato fedeltà alla famiglia reale dei Pendragon fin dall'antichità.
Per decenni continuarono a ripetermi sempre quelle parole... Le stesse parole che, alla fine, cominciai a detestare, ma che dovetti per forza di cose ingoiare come una medicina amara.

"Dovrai diventare un soldato"
"Combatterai i demoni"
"Devi essere un esempio per tutti"

Non ebbi mai la mia libertà.
Scuole private, interazioni con persone della mia età limitate o del tutto assenti. Cresciuto tra le quattro mura di un piccolo castello all'interno di Magnus con l'unico scopo di trasformarmi nell'arma definitiva nello scontro contro i demoni.

Quando raggiunsi i quattordici anni, dopo otto anni di lezioni private, mi permisero finalmente di uscire dalle quattro mura che avevo ormai cominciato anche io a detestare.
Non potei mostrare il mio disappunto o la mia rabbia a nessuno. Fui obbligato a tenermi tutto dentro.

Avevo, dopotutto, una immagine da conservare.
Non avevo idea del perché tutte le persone mi guardassero. Salutavano i miei genitori, sorridevano, ci facevano strada permettendoci di passare.

Eravamo quasi come delle celebrità, eppure tutte quelle attenzioni a me non fecero altro che farmi venire il voltastomaco.
Un istituto militare, ecco quale fu la mia nuova casa.

Per altri dieci anni avrei dovuto vivere li dentro, insieme a ragazzi e ragazze della mia età che, alla fine, sarebbero diventati soldati al servizio dell'Impero.


Da una prigione... All'altra.


Esattamente come per le strade, tutti cominciarono ben presto a riempirmi di attenzioni, altri invece mostrarono chiari segni d'invidia.
Non mi importava.
L'unica cosa che volevo era finire con quella farsa per poter finalmente lasciare quel posto che non faceva altro che impedirmi di respirare.


Più o meno verso la metà del mio corso in quell'istituto, il mio nome aveva già cominciato a essere sulla bocca di tutti.
"Andrew Medals, l'Asso dell'Impero!"

Ecco come mi chiamavano.
Lo studente più abile di tutto l'istituto, pupillo di Arthur Pendragon.


Perché continuavano a darmi così tante attenzioni? Cosa avevo di così diverso, da loro?
L'unica cosa che facevo era applicare ciò che mi veniva insegnato... Come avevo sempre fatto, d'altronde.

Una macchina senza sentimenti il cui unico compito era diventato quello di inglobare qualsiasi nozione che le capitava a tiro.
Ai miei occhi tutti gli altri cominciarono ben presto a sembrarmi moscerini senza valore. 


Ci furono solamente un paio di eccezioni:
Sarah Ravier, Nikolà Heiner e Viviane.

Loro erano i membri del mio gruppo, dopotutto. Le uniche persone che, per qualche motivo, non mi fecero annoiare come tutte le altre.



Quando finalmente lasciai quella prigione, venni rapidamente scelto come uno dei membri delle Quattro Galassie, quindi mi chiesero come volevo essere chiamato.

Non volevo più sentire quel nome... Aveva cominciato a disgustarmi.
Ciononostante, però, non potevo lasciare che la mia famiglia facesse una brutta figura.

"Andromeda" fu lo pseudonimo che scelsi.
Decisi di unire il mio nome "Andr(ew)" con il mio cognome "Meda(ls)". In questo modo avrei evitato di sentire ancora una volta quel nome, senza distaccarmi troppo dalla mia famiglia.


Volevo semplicemente riuscire a trovare me stesso, ma continuai comunque a comportarmi come quella macchina che la mia famiglia e quell'istituto crearono in quei ventiquattro anni.

I miei comandanti mi davano un ordine, io lo eseguivo. Non aveva importanza quale fosse:
"I soldati seguono semplicemente gli ordini".


Un cane dell'esercito, ecco in cosa mi trasformarono. Nonostante tutto, i modi ferrei in cui mi crebbero mi impedirono di liberarmi da ciò che mi avevano inculcato, nonostante volessi farlo.


Mi mandarono una infinità di volte, durante quel primo anno di servizio militare che non dimenticherò mai, a sterminare i demoni che apparivano intorno ai villaggi e alle cittadine.

Per tutta la mia vita continuarono a ripetermi che "i demoni sono creature crudeli e meschine", di quanto i demoni fossero "pericolosi". Con il tempo, assorbii anche quelle nozioni. 
Ai miei occhi i demoni non divennero altro che nemici che dovevo abbattere, esseri che dovevo odiare indiscriminatamente. 

Tutte le persone che conobbi continuarono a ripetermi che dovevo "obbedire ai miei superiori" senza fare domande... Che "ogni cosa che dicono è giusta"...
Non mi feci mai, quindi, domande. 
Non mi chiesi mai, quindi, se stessi facendo o meno una cosa sbagliata.

Ai miei occhi i demoni non sembrarono più neanche esseri viventi. A volte li guardai come sacchi di sabbia, tagliandoli uno a uno con la mia lama, senza neanche fare caso ai loro lamenti di dolore o urla.


Ero...
Annoiato.


Tutto intorno a me sembrava ripetersi ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni alla settimana, mese dopo mese, all'infinito.
Mi davano ordini, io obbedivo.
Mi dicevano qualcosa, io assimilavo.

Una macchina.

Volevo liberarmi da quella sensazione di vuoto, ma non avevo la benché minima idea di come fare.
Tutti intorno a me cominciarono ben presto a vedermi come qualcuno che detestava i demoni, come un "soldato perfetto".


Quello...
Non era quello il mio obbiettivo?

Avevo quindi raggiunto il mio scopo? Che altro dovevo fare?


Le persone intorno mi rispettavano, mi temevano, mi ammiravano... Eppure io mi sentivo qualcun altro.
Non mi sentivo me stesso, mi sentivo uno stupido.


Cosa è che dovevo fare? Per quale motivo ero nato?
Ero li solamente per seguire gli ordini di qualcun altro? Per diventare ciò che gli altri volevano io diventassi? Era veramente così importante mantenere quella facciata, senza riuscire a capire chi fossi io veramente?


Quelle domande... Non le ho mai fatte a nessuno. Le mantenni per me, senza mai trovare alcuna risposta soddisfacente.



O... Per lo meno...
... Fino a quel giorno.



Durante il mio quinto mese di servizio, Xernes mi mandò in ricognizione intorno a un piccolo villaggio che si trovava nei pressi della capitale.
Era ormai distrutto, raso al suolo anni prima dal demone di nome Ifrit.

A quanto pare, un demone di alto livello era stato avvistato nei paraggi, quindi mi diedero l'ordine d'ispezionare la zona e confermare o meno l'avvistamento.

Mi precipitai rapidamente sul posto, armato della mia fidata lama, deciso a seguire anche quella volta gli ordini.


Fu li che la incontrai.
Un demone dai lunghi capelli bianchi come la neve, occhi grigi come le nuvole prima di una tempesta  e annoiati.
Non aveva alcuna espressione in volto.

Mi guardò dal tetto di una casa che a malapena era ancora in piedi.
La sua pelle era molto pallida, quasi bianca, e sembrava stesse fischiettando una melodia delicata ma, allo stesso tempo, malinconica.

Aveva due paia di ali simili a quelle delle farfalle con gli stessi colori accesi del tramonto.
I suoi vestiti, se così si potevano chiamare, erano neri come il carbone: a malapena le coprivano il delicato seno, l'inguine e parte delle spalle.
La gran parte del suo corpo era scoperto.


Non appena sguainai la mia lama, il demone smise improvvisamente di fischiettare.
Saltò dall'altra parte dell'edificio, provando sicuramente ad allontanarsi da me, ma la rincorsi all'istante.

"Non posso lasciarla scappare"
Mi dissi.

Dopotutto, il mio compito era quello di uccidere qualunque demone avessi trovato.
Non appena voltai l'angolo, la vidi sulla strada davanti a me e rapidamente le corsi incontro con la mia katana sguainata, preparandomi a colpirla con un fendente.

Rimasi sorpreso dalla facilità con cui quel demone deviò il mio attacco.
Le bastò un delicato e rapido movimento di uno dei suoi arti... Ma la cosa che mi stupì di più fu il notare che dai polsi sporgevano mezzelune affilate quanto, se non più, la mia lama, che prima non avevo assolutamente notato...

...Anzi, fino a pochi istanti prima quelle lame gemelle non erano li.


Prima che potessi caricarla di nuovo, quel demone spiegò le sue ali colorate, librandosi in volo con un salto e fissandomi in silenzio, sospesa in aria.
Improvvisamente riprese a fischiare quella stessa melodia, per poi volare via dal campo di battaglia, lasciandomi per la prima volta in vita mia con l'amaro in bocca.


Per la prima volta non ero riuscito nel mio intento.
Per la prima volta dovetti mentire ai miei superiori, per evitare di macchiare la mia reputazione.

Un demone mi era scappato.
Un demone era riuscito a bloccare con facilità il mio attacco.

Chi era, quella donna? 
Non riuscii a pensare ad altro.

Quella figura... Continuai a ripensare a ogni singolo dettaglio inerente quell'incontro, giorno dopo giorno.
Come avevo potuto permettere che scappasse? Se si fosse venuto a sapere, la mia immagine ne sarebbe rimasta per sempre macchiata.


Passarono settimane durante le quali non feci altro che chiedere informazioni inerenti quel demone, riuscendo però a non dare nell'occhio.
Fui in grado di scoprire chi fosse, alla fine.

Lilith, uno dei membri dei Dodici Generali Demoniaci di Bael.

Quel demone fu il primo dei Dodici che incontrai in vita mia... Nonostante quella scoperta, però, continuai a provare quella strana sensazione.
Mi sentii come se ci fosse qualcosa che mancasse, qualcosa che continuò a premere sul mio petto e sulla mia testa giorno dopo giorno...

Doveva essere la rabbia per non essere stato in grado di svolgere il mio compito.
Si, doveva essere per forza quello.


Alla fine, riuscii a convincermi con quelle mie stesse parole.


Passò un mese prima che la incontrai di nuovo.
Fu nello stesso posto, ancora una volta ci fu l'avvistamento di un demone alato in quella zona.
Il compito fu dato a un altro gruppo di Ammazza-Demoni, ma mi misi in mezzo per svolgere la missione io stesso.

Riuscii a convincere Xernes ad affidarmi quella missione, nonostante quella mia mossa lo colse sicuramente alla sprovvista...
...Anzi, a essere onesto, colse perfino me di sorpresa.

Dopotutto, quella fu la prima volta che presi una decisione per conto mio, senza aspettare che fosse uno dei miei superiori a darmi il permesso.


Quando finalmente raggiunsi la mia destinazione, la ritrovai nello stesso punto dell'ultima volta, intenta a fischiettare quella stessa melodia.

Anche stavolta sguainai la mia lama, e non appena lo feci notai che Lilith alzò gli occhi al cielo, smettendo di fischiettare.


<< Stavolta non ti lascerò scappare! >>
Esclamai, puntandole la mia lama contro.

<< Perché non mi lasci da sola? >>
La sua voce sembrava stanca.

<< Sto solo cercando un po' di pace per me stessa, non sto facendo del male a nessuno. >>
Continuò subito dopo.

Non mi interessò assolutamente cosa avesse da dirmi.

<< Silenzio! >>
Esclamai, afferrando con forza l'elsa della mia katana con entrambe le mani.

<< Sei un demone! E come tale devo sbarazzarmi di te! >>
Aggiunsi.

Quella donna mi fissò con uno sguardo annoiato per qualche istante, senza rispondermi nulla, per poi sospirare.

<< E' un ragionamento piuttosto debole, non pensi? >>
Non feci neanche caso alla sua domanda.

<< Sto facendo il mio lavoro. Ora scendi e affrontami! >>
Le ringhiai contro.

Lilith sospirò di nuovo, per poi spiegare ancora una volta quelle sue ali.

<< Non penso proprio. >>
La sentii sussurrare.


Prima che potesse scappare di nuovo, toccai con due dita la lama della mia katana, che venne ben presto avvolta da della energia azzurro chiaro.

<< Non ti lascerò scappare di nuovo! >>
Esclamai, scagliando un fendente di energia scaturito dalla mia lama, verso di lei.

In quell'istante notai come quelle lame a forma di mezzaluna uscirono in un battito di ciglia dai suoi polsi e di come, con una di quelle due lame, mandò in frantumi il mio attacco come se fosse del vetro colpito da un masso.


Lilith continuò a fissarmi in silenzio, senza proferire parola.

<< Affrontami! >>
Esclamai di nuovo.


Per motivi che tutt'ora non so, lei scese nel terreno davanti a me.
Piegò di nuovo le ali alle sue spalle, preparandosi a uno scontro corpo a corpo contro di me.

La mia katana contro le sue lunghe mezzelune.


All'inizio attaccai con tutta l'intenzione di ucciderla, ma ben presto tutto cominciò per qualche motivo a cambiare.

Per la prima volta in vita mia, trovai qualcuno che non si piegò in un secondo sotto i miei fendenti.
Qualcuno che non solo fu in grado di evitare i miei attacchi, ma riuscì perfino a ferirmi come risposta.

Non so per quanto tempo andammo avanti a far scontrare le nostre lame, ma ben presto per la prima volta mi dimenticai di quale fosse il mio compito...


Per la prima volta sentii l'adrenalina e l'eccitazione di uno vero scontro scorrermi dentro le vene, per la prima volta fui in grado di sentirmi libero come mai mi sentii prima d'allora.
Per qualche minuto smisi di pensare a quale fosse il mio compito, alla mia famiglia, al titolo che dovevo proteggere e alla facciata che mostrai a tutti fino a quel momento.


Il desiderio di ucciderla ben presto scomparve completamente dalle mie priorità: volevo solamente scontrarmi con lei.
Qualcuno al mio livello, qualcuno che neanche sapeva chi fossi, qualcuno che mi guardava con gli stessi occhi con i quali io guardavo le altre persone intorno a me.

Le nostre lame continuarono a scontrarsi per non so quanto tempo, dando vita a una danza rumorosa e metallica che vide la sua fine solamente quando, finalmente, entrambi non fummo più in grado di continuare.


Quando finalmente caddi al suolo, esausto, non feci neanche caso a dove quella donna fosse.
Per qualche motivo potei continuare a sentire l'adrenalina ancora scorrermi dentro il corpo, quasi come una droga. Volevo rialzarmi e continuare, ma il mio corpo non ce l'avrebbe fatta a reggere un secondo round.

Ansimante, mi voltai verso di lei, seduta nel terreno, anche lei sudata e ansimante, appoggiata con la schiena a un muro mezzo diroccato.


<< Chi sei? >>
Le domandai.

Nonostante sapessi il suo nome, non riuscii a trattenermi da farle quella domanda.
Lilith mi fissò con uno sguardo infastidito, mentre le lame a forma di mezzaluna scomparvero di nuovo sotto la sua pelle, quasi come se venissero assorbite dal suo stesso corpo.

<< E' tuo solito attaccare le persone senza neanche sapere di chi si tratti? >>
Mi rispose, con un tono innervosito.

Istintivamente, ridacchiai.

<< Di solito ciò che attacco non sopravvive abbastanza a lungo da rispondere alle mie domande... >>
Le risposi, ansimando, riprendendo a guardare il cielo rossastro.


Lilith mi disse quale fosse il suo nome, e io le risposi divertito che sapevo già chi fosse. 
Quelle mie parole sembrarono darle fastidio.


<< Puoi chiamarmi Andromeda... >>
Le risposi.

<< So chi sei. >>
Le sue parole mi colsero alla sprovvista.

Mi voltai verso di lei confuso dal fatto che mi conoscesse, aspettando di venire a conoscenza del motivo.

<< Ci siamo già incontrati qualche mese fa, dopotutto. Ho anche sentito parlare di te dagli altri generali... Il "soldato perfetto", è così che ti chiamano, giusto? >>
Mi rispose.

Quel titolo mi fece innervosire.

<< Più o meno. >>
Le risposi, infastidito.

<< Quindi... Vieni qui spesso? >>
Le domandai, subito dopo, cambiando argomento.

<< Mi piace questo posto, è silenzioso... O, per lo meno, lo era prima che tu venissi a rovinarlo. >>
Mi rispose.
Adorai quel suo tono infastidito, per qualche motivo.

<< Beh... Mi dispiace. >>
Ridacchiai.


<< Ti... Dispiace se vengo qui più spesso? >>
Quella mia domanda la colse alla sprovvista.

<< Perché dovresti? >>
Fu la sua risposta.

<< Non lo so... Voglio solamente continuare a scontrarmi con te, è una strana sensazione. Fin'ora ogni duello è stato così noioso, alcuni erano perfino decisi fin dall'inizio. Non mi sono mai divertito così tanto in vita mia. >>
La mia risposta non sembrò convincerla.

<< Perché dovrei darti altre chance per uccidermi? >>
Continuò, non credendo alle mie parole che, probabilmente, non avevano alcun senso... E ne ero perfettamente cosciente.

<< Non voglio più farlo. E' strano... E' una sensazione che non ho mai provato prima in vita mia, ma per la prima volta in vita mia mi sono sentito come se fossi finalmente libero... Non so come spiegarlo. E' solo che... >>
Le risposi, sollevando una mano verso il cielo, quasi come se mi aspettassi di riuscire ad afferrarlo.

<< ... Mi sentivo me stesso. Non c'era più niente a cui pensavo, finalmente ero libero da tutte le mie preoccupazioni. Non ne capisco il perché, o il come... So solo che mi sento così. >>
Continuai.


Lilith non mi rispose subito.
Dopo qualche secondo di silenzio sentii un forte colpo di vento, quindi mi voltai rapidamente verso di lei.
Si era alzata da terra, spiegando le sue ali.

<< Non ti serve il mio permesso. >>
Mi rispose, librandosi poi in volo.


In quei secondi, non fui in grado di levare il mio sguardo da lei, mentre si allontanò.



Quando tornai al campo, tutto stranamente ai miei occhi sembrò più colorato.
Xernes mi domandò se avessi svolto la missione, e io ovviamente gli mentii.

"Nessun demone in vista".


Perché avevo mentito?
Quella notte andai a dormire con quella strana sensazione... 

Volevo incontrarla di nuovo.
E così fu.

Giorno dopo giorno cominciai quella strana routine.
Fino a quel momento ogni mattina era grigia, uguale a quella precedente. Da quel giorno tutto cambiò.

Ciò che vedevo, non appena mi svegliavo, era il suo viso.
Ero eccitato alla sola idea di incontrarla di nuovo, di scontrarmi con lei in quella danza ancora una volta. 
E ogni giorno, da quel momento, fu così.

Giorno dopo giorno, dopo aver svolto le faccende militari, mi diressi in quel luogo per incontrarmi con lei, per sfidarmi con lei.
Era una sensazione fantastica, qualcosa che mai avevo provato prima d'allora.

Con il tempo anche Lilith sembrò cominciare a prenderci gusto. All'inizio non riuscii a comprendere perché avesse accettato quella mia strana offerta, quindi, finalmente, decisi di chiederglielo, appena pochi mesi dopo.


<< In tutta onestà, non lo so... >>
Mi rispose.

<< Ogni giorno sembrava uguale... Lucifer e Bael che non fanno altro che litigare sul da farsi, Belzebub che sembra quasi voler prendere il posto di Lucifer... Tutti gli altri demoni sembrano non avere neanche mezzo ideale in comune, non so più dove andremo a finire... >>
Sospirò.

<< Volevo semplicemente provare qualcosa di nuovo, ma anche il silenzio di questo posto non sembrava farmi provare nulla. Forse... Forse è per questo che ho deciso di provare questa cosa. Era diversa... Forse è proprio per quel motivo che ha attirato la mia attenzione. >>
Continuò.

Non riuscii a crederci... Quelle parole... Erano le stesse che dissi a me stesso.
Quei sentimenti erano i miei... C'era qualcosa che ci accomunava, e non fui in grado di non notarlo.

<< Per tutta la mia vita continuarono a ripetermi che il mio compito fosse quello di "uccidere i demoni", di quanto voi foste "crudeli" e "violenti", eppure è da un po' di tempo che comincio a chiedermi quanto di tutto quello fosse vero, sinceramente... >>
Le risposi, toccando il fuoco, che avevo acceso pochi minuti prima, con un pezzo di legno.

<< Fidati... Se sei fortunato, sai a malapena la metà della storia. >>
Quelle parole attirarono la mia attenzione.

<< E allora raccontami la metà che non conosco, Lilith. >>
La mia curiosità non sarebbe mai stata soddisfatta.

<< Forse un giorno, quando potrò fidarmi veramente di te, Andromeda. >> 
Ridacchiò.


Per la prima volta, fu quel soprannome a darmi fastidio.


<< Chiamami Andrew. >>
Le mie parole sembrarono prenderla alla sprovvista.

<< Credevo avessi detto di chiamarti Andromeda. >>
Mi rispose, con un tono confuso.

<< Quello... E' solamente il mio titolo. >>
Continuai.

<< Strano... >>
Fu l'unica cosa che mi rispose.
In quell'istante si sedette davanti al fuoco, davanti a me.

Eravamo separati solamente da quelle fiamme, intorno a noi c'era l'oscurità più totale in quel posto dimenticato da qualunque divinità esistesse.
Per qualche motivo, sentii il cuore battere all'impazzata nel mio petto ogni volta che incrociavo il suo sguardo.

Eppure non riuscivo a smettere di fissarla.
Quei suoi occhi... Maledizione, quanto mi mancano.


Non so se fosse solamente desiderio, o se provassi veramente qualcosa per lei... L'unica cosa che sapevo per certo, però, era che non volevo separarmi più da lei.
Ogni mattino ero solito svegliarmi con lei tra i miei pensieri, e ogni notte andavo a dormire attendendo con ansia d'incontrarla di nuovo.
A quel punto, capii perfettamente che non si trattasse più solamente di rivalità.

Ogni giorno, per quei mesi successivi da quando la incontrai per la seconda volta, lo trascorsi con lei.
Parlammo di non so più quante cose, e se dovessi elencarle probabilmente non smetterei più di raccontare.

Eppure lei non scese mai nei dettagli che avvolgevano il suo passato. Rimase sempre così vaga, o cambiava direttamente argomento.
Ciononostante non mi interessava.

Volevo conoscerla meglio... Volevo stare con lei.

Quando le dissi questi miei pensieri, notai come mi guardò.
Stupore, ma sembrò felice.


Forse... Forse sono stato solo fortunato.
Le notti che spesi con lei, i giorni trascorsi a scontrarci... Non li dimenticherò mai in vita mia.
Ogni singola sua parola, ogni suo singolo sguardo, ogni suo singolo gemito....

Cominciai ad adorare ogni singola cosa.
Non mi importò più che lei fosse un demone... Non mi importò più di quale fosse il mio compito.


Andromeda, l'Asso dell'Impero, si innamorò di Lilith, un membro dei Dodici Generali.
Se quella notizia fosse diventata di pubblico dominio, probabilmente mi avrebbero giustiziato all'istante... Il nome della mia famiglia sarebbe stato macchiato per sempre, eppure non mi importava.

Ogni singolo secondo che trascorsi con lei si rivelava sempre più bello del precedente, e non riuscii a farne a meno. Era quasi come una droga.


Purtroppo per me, però, quel mio sogno non durò a lungo.
Arrivò quel giorno... Quel maledetto giorno.

Il pomeriggio prima della Notte Cremisi.

Era stata ormai dichiarata guerra: un gruppo di circa cinquecento mila soldati era stato scelto per marciare verso un avamposto di Azael, con tutta l'intenzione di raderlo al suolo.
Io ero il comandante di quell'armata, e mi era stato imposto di guidarli sul campo di battaglia.


Quel pomeriggio, prima della battaglia, incontrai Lilith ancora una volta.
Anche lei vi avrebbe preso parte: i demoni sapevano che avremmo attaccato. 

Infatti, entrambe le fazioni sapevano che sarebbe nato uno scontro e che non c'era alcun modo di evitarlo.
In quel momento, per la prima volta provai il terrore.

Non volevo separarmi da lei. Le corsi incontro e l'abbracciai con tutte le forze che avevo in corpo, lasciando cadere al suolo la mia fidata e inseparabile katana.

<< Va tutto bene, tranquillo... >>
Mi disse, divertita.

Non fui in grado di risponderle.
Sapevo benissimo che, se ci fossimo incontrati sul campo di battaglia, non avrei potuto tirarmi indietro.

Saremmo tornati nemici, come quella prima volta... Stavolta, però, non avremmo potuto evitare uno scontro e io non potevo accettarlo.

<< Potremo scappare via... >>
Le dissi.

<< ... Conosco un luogo, sulle montagne, dove potremo nasconderci. Possiamo cambiare nome, vivere insieme e non avere più nulla a che fare con questo schifo! >>
Esclamai subito dopo.


Non so cosa mi prese, in quel momento, ma la sola idea di potermi separare per sempre da lei fu la paura più grande che provai in vita mia. Non volevo affrontare quella possibilità.


Avrei preferito ripudiare il mio nome, disertare, piuttosto che separarmi da lei. E tutt'ora non riesco a credere che quei pensieri mi siano anche solo passati per la testa...


Lilith mi sorrise.
Afferrò delicatamente le mie spalle, facendomi allontanare lentamente da lei.
Mi rispose con un semplice cenno negativo del capo.

In quell'istante si allontanò da me, per poi spiegare le ali alle sue spalle.

<< Domani ti dirò finalmente tutto quello che volevi sapere sul mio passato. Stesso posto, stessa ora. Non mancare, Andrew. >>
Credo lo sapesse già, in qualche modo, come sarebbe andata a finire....


Quella fu l'ultima volta che la vidi. Sono passati ormai diciassette anni da quel giorno, ormai ho perso completamente le speranze.

Durante la Notte Cremisi non ci incontrammo... Pensai che quello fosse un segno. 
Ero convinto che fosse ancora viva... Per lo meno, fino al giorno seguente.


Continuai a visitare quel posto per un anno intero, prima di smettere... Ogni giorno, dopo aver aperto gli occhi, continuai a ripetermi "stavolta arriverà".


Lilith non tornò mai.
Non fu neanche più avvistata da nessuna parte... Ci misi un anno, durante il quale continuai a fingere di non sapere cosa fosse accaduto, prima di arrendermi.
Più volte pensai di farla finita... Senza di lei, non avevo più nulla che mi interessasse.

Ma non lo feci. 
Continuai a fare il mio lavoro per i diciassette anni seguenti e ora eccomi qui. Ancora una volta il cane dell'Impero.
Ancora una volta, il soldato perfetto.
Ancora una volta, ammirato e rispettato da tutti.

Andromeda, membro delle Quattro Galassie di Avalon.
Andromeda, l'Asso dell'Impero.
Andromeda, colui che odia i demoni.


Sai perché io odio i demoni?
No, non lo so nemmeno io. Decisi di nascondere il mio dolore dietro quella facciata, sperando che funzionasse.


Non funzionò: peggiorò, infatti, semplicemente le cose.
Non posso cambiare il passato, ma rimpiango molte delle mie scelte. 

Se non fossi stato così ingenuo e stupido, quando incontrai Lilith, forse sarei riuscito a cambiare qualcosa.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 6-8, grazie di avermi seguito e alla prossima con l'inizio del volume 7!




 

Ritorna all'indice


Capitolo 51
*** Capitolo 7-1: Risposte ***


Capitolo 7-1: Risposte

 

Nonostante Xernes non riuscisse a fidarsi delle parole di quel demone dalle fattezze femminili, sapeva perfettamente che c'erano pesci più gradi lei di cui doveva preoccuparsi, nel futuro prossimo.

Se le parole di Lucifer si fossero rivelate veritiere, allora la capitale sarebbe potuta cadere vittima di un assalto da un momento all'altro... Non poteva rischiare di venir colto impreparato da un tale avvenimento.
Ciononostante non poteva comunque fare quella domanda a Iris, senza attirare l'attenzione dei suoi sottoposti.

Dopotutto, a parte pochi, nessuno era a conoscenza del fatto che Lucifer stesse dando loro informazioni... Che quelle informazioni fossero vere o false, però, era ancora un dibattito aperto.

Doveva obbligatoriamente ottenere le risposte che cercava.


<< Ti dirò ogni cosa che tu voglia sapere. L'unica cosa che chiedo in cambio è che voi mi crediate: niente di più, niente di meno. >>
Disse Iris.
Xernes ricambiò lo sguardo cupo del demone con uno altrettanto minaccioso e attento, cercando di scrutare anche solo il minimo segno negli occhi della donna che potesse fargli intuire che stesse mentendo.

Durante tutti i suoi decenni come soldato e alto generale, Xernes imparò a conoscere gli sguardi delle persone con cui parlava. Detestava quando qualcuno evitava di guardarlo negli occhi: gli faceva capire che fossero deboli, spaventati, o che stessero nascondendo qualcosa.

Era difficile prenderlo per i fondelli, ed era altrettanto difficile riuscire a mentirgli senza che lui riuscisse ad accorgersene. Questa era una delle doti uniche di Xernes, dopotutto: neanche Sarah era così brava a leggere gli sguardi e i volti dei suoi interlocutori.


<< Perché sei qui? >>
Le domandò, ancora una volta, l'uomo.

<< Sto tenendo fede al mio giuramento. Non intendo fare del male a nessuno, quantomeno causare alcun genere di problema. >>
Rispose Iris, senza abbassare la sua falce, rapidamente.

<< Cosa vuoi? >>
Continuò, senza esitare.

<< Voglio che il ragazzino rimanga in vita. Alcuni dei Generali lo vogliono morto, non posso permettere accada. Fino a quando mi potrai assicurare la sua incolumità, non ho intenzione di causarvi alcun problema. >>
Rispose la donna, ancora una volta senza alcuna esitazione.
Le sue risposte erano rapide, secche, e non evitava mai di ricambiare il suo sguardo. Questo a Xernes andò a genio.

<< Per quale motivo dovrei crederti? >>
Le domandò, ancora una volta.

<< Non ho niente da darti, come prova, eccetto la mia parola. Sei libero di credermi, o meno: ma se deciderete di attaccarmi ancora una volta, stavolta non ho più intenzione di non rispondere al fuoco. Siete stati avvisati. >>
Gli disse la donna demone.

<< Cosa ne otterresti dall'aiutare noi e tradire i tuoi compagni? >>
Nonostante avesse fatto a quella donna quella domanda nella speranza di trovare qualcosa che potesse fargli capire che stesse mentendo, il motivo che si nascondeva dietro quelle precise parole era un altro.

Sperava, forse, che la risposta di Iris avesse potuto dargli qualche indicazione precisa sul motivo per cui Lucifer gli stesse dando informazioni all'insaputa dei suoi compagni.

<< Ti sbagli, Xernes Ravier. Non sto ne aiutando voi, ne tradendo i miei vecchi compagni. Non ho intenzione di aiutare nessuna delle due fazioni e, finché il ragazzino sarà al sicuro, non avrò motivo per fare nulla che possa interferire con i vostri piani, o modi di fare. >>
Gli rispose, ancora una volta, senza la benché minima esitazione.

<< Mi vorresti dire che, quindi, non hai intenzione di essere una nostra nemica? >>
Domandò Xernes.

Iris rispose con un cenno negativo del capo.

<< A meno che non vogliate farmi diventare tale. >>
Aggiunse subito dopo.


Xernes rimase in silenzio a fissare la donna con uno sguardo dubbioso, senza muovere neanche un muscolo.
Dietro di lei notò sua figlia, Sarah, di ritorno dopo aver spento l'incendio che appiccò qualche minuto prima, durante il suo "scontro" con Iris.

Non appena la vide le fece un cenno con la mano, impedendole di attaccare il demone alle spalle.
Sarah, notando il gesto del padre, ricambiò con uno sguardo confuso, per poi abbassare il suo stocco senza fare alcuna domanda.


<< Ti ringrazio. >>
Fu l'unica cosa che Iris disse a Xernes, notando quel suo gesto.

<< Mettiamo le cose in chiaro: non mi fido di te, demone. >>
Disse Xernes, incamminandosi lentamente verso di lei.

<< Sei una bestia, e io non mi fido degli animali. >>
Continuò, fermandosi a pochi centimetri di distanza da lei, con la mano poggiata sull'elsa della sua spada, pronto ad attaccare se necessario.

<< Il sentimento è mutuale. >>
Controbatté Iris.

<< Ciononostante... >>
Continuò l'uomo.

<<  ...Sono piuttosto bravo a capire quando qualcuno sta mentendo. >>
Non appena disse quelle parole, Andromeda ringhiò.

<< È uno scherzo?! Si tratta un demone, non vorrà davvero- >>
Il soldato non fece neanche in tempo a finire quella frase: Xernes posò il suo sguardo minaccioso su di lui, bloccandolo all'istante.
Andromeda abbassò lo sguardo, ingoiando le parole che il suo Generale gli impedì di dire, digrignando i denti.


<< È la prima volta che "parliamo" con un demone come te. >>
Riprese, Xernes, voltandosi di nuovo verso la donna.

<< Nonostante io non sia davvero così incline a lasciarti camminare indisturbata all'interno del mio palazzo, preferirei evitare altri danni indesiderati. Quindi, che ne dici di questo compromesso? Terrò quel ragazzino in custodia per le prossime ore, mentre tu rimarrai rinchiusa all'interno di una cella. >>
Quelle parole non andarono a genio a Iris, la quale mostrò all'uomo una espressione infastidita e di disappunto.

<< Per quale motivo dovrei accettare questo genere di richiesta? Non vedo come dovrebbe giocare a mio vantaggio. >>
Rispose la donna, sicura del fatto che l'uomo stesse cercando di usare quell'occasione per colpirla alla sprovvista.

<< Questo sarà il modo di dimostrarmi realmente quanto siano veritiere le tue intenzioni. >>
Le spiegò il generale.

<< Come faccio a sapere non mi attaccherete di sorpresa? >>
Domandò, ancora una volta, rivelandogli quale fosse la sua preoccupazione.

<< Come faccio a sapere che non sia tu a volerci attaccare di sorpresa? >>
Xernes le rivoltò la domanda contro, in un istante.
Iris non gli rispose.

<< Nelle prossime ore, mio figlio tornerà nella capitale accompagnato sia da Ehra che da Arthur Pendragon. A quel punto non avrò più alcun problema a lasciarti incustodita. Dopotutto, con Ehra e Arthur nelle vicinanze, non ti considero più neanche lontanamente una minaccia. >>
Sentendo quelle parole, Iris rispose con un tono infastidito.

<< Mi stai sottovalutando. >>
Gli disse.

<< E tu ti stai sopravvalutando. >>
Controbatté Xernes.

<< Ho un'ultima domanda da farti, demone, per ora. >>
Aggiunse, subito dopo, dopo qualche secondo di silenzio.

<< Ho un nome, lo sai? >>
Ringhiò Iris, infastidita dal tono dell'uomo.
Xernes sembrò ignorare le sue parole.

<< Ho sentito dire che Belzebub potrebbe attaccare la capitale, nel futuro prossimo. Cosa potresti dirmi a riguardo? >>
Non appena le fece quella domanda, Iris impallidì di colpo.
Rimase immobile a fissare l'uomo davanti a sé con uno sguardo incredulo, occhi spalancati.

<< Come... Come sei venuto a saperlo? >>
Gli domandò, non riuscendo a credere al fatto che Xernes sapesse del piano di Belzebub.
Perfino tutti i presenti, Andromeda e Vermilion inclusi, rimasero sconcertati da ciò che l'uomo aveva appena detto, ma nessuno si intromise in quel suo "interrogatorio".

<< "Un uccellino". >>
Fu l'unica risposta che Xernes le diede.

<< Non ho idea di come tu sia venuto a conoscenza di questa informazione ma... Si. Lucifer e Belzebub hanno avuto una discussione, non molto tempo fa, durante la quale Lucifer accettò di lasciare il compito a Belzebub, se Abraxas avesse fallito. >>
Quella conferma non mise Xernes a suo agio.
L'uomo digrignò i denti, ma provò in tutti i modi a nascondere la preoccupazione che cominciò a crescere incessantemente dentro di se.


Per qualche motivo, a lui ignoto, Lucifer non stava mentendo.
Belzebub avrebbe potuto attaccare la capitale da un momento all'altro, e lui non era assolutamente pronto a rispondere a un assalto da parte sua: alcuni dei suoi soldati migliori erano fuori da Avalon... Quella situazione era fin troppo pericolosa.

In quell'istante fece un rapido cenno a Sarah.

<< Contatta immediatamente Merlin, voglio sapere esattamente quanto ci metteranno a tornare e in quanti sono. In più vorrei anche Ark Weiss venga informato del pericolo: Savia ci deve un favore, quindi sarebbe apprezzato se potessero inviare qualcuno a darci una mano. >>
Non appena Xernes disse quelle parole, Sarah rispose con un rapido saluto militare, per poi allontanarsi con passo rapido e deciso dalla zona.

In quei secondi, il Gran Generale posò il suo sguardo cupo su Iris, senza proferire parola.
Stava studiando il suo sguardo e i suoi movimenti.

Quella donna era indubbiamente sorpresa e scossa dal fatto che lui sapesse dell'attacco... Non c'era dubbio a riguardo.
Era ormai palese per Xernes che Lucifer si stesse muovendo per conto suo nell'oscurità, che stesse comunicando con loro all'insaputa dei suoi sottoposti...

... O Iris stava fingendo di non sapere.
Finché non avesse saputo quale delle due opzioni fosse, non poteva assolutamente chiederle se sapesse quale fosse il piano di Lucifer. Non poteva permettersi di giocare male le sue carte e rischiare di far saltare in aria la sua copertura: dopotutto, se Lucifer stava davvero complottando alle spalle dei suoi sottoposti, rivelare quella situazione avrebbe potuto significare metterli in guardia e, come risultato, avrebbero potuto agire all'insaputa del loro comandante, impedendogli di ricevere informazioni in anticipo.
Quale fosse, o meno, il motivo per cui Lucifer stesse agendo in quel modo, in quel momento non era importante.



<< Hai idea del "chi" e del "quando", per caso? >>
Le domandò dopo qualche secondo di silenzio.

Iris rispose con un cenno negativo del capo.

<< Non so molto riguardo al piano di Belzebub. L'unica cosa che posso dirvi è di non abbassare la guardia: Belzebub non correrà neanche il minimo rischio, quindi vi conviene prepararvi a un assalto gigantesco. Lui era a favore di eliminare il figlio di Azael, e questo è l'esatto motivo per cui non ho problemi a dirvi tutto questo. Se dovesse attaccare, non si farebbe scrupoli a ucciderlo, e non posso permetterlo. >>
Aggiunse subito dopo.




In quell'istante il Generale si voltò verso Andromeda, facendogli un segno con la mano. 
Il soldato si avvicinò al suo comandante, per poi posare il suo sguardo rabbioso sul demone davanti a lui, mostrandole una espressione infastidita dalla sua semplice presenza.

Per qualche motivo, Iris sembrò divertita da quella scena, piuttosto che impaurita.


Xernes diede, quindi, l'ordine al suo sottoposto di portare la donna nelle segrete al di sotto del palazzo e di tenerla costantemente sotto controllo.

"Se dovesse muovere anche solo un muscolo, senza permesso, sei libero di ucciderla all'istante."
Fu l'ordine che il Generale gli diede.

Andromeda obbedì senza fare alcuna domanda, e portò via Iris, accompagnato anche da Sarah.
Xernes, nel mentre, si fece seguire dal gruppo di ragazzini, con l'intenzione di parlare con loro di qualcos altro.



______________________________________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-1, grazie di avermi seguito e alla prossima!





 

Ritorna all'indice


Capitolo 52
*** Capitolo 7-2: Ti conosco... [1-2] ***


Capitolo 7-2: Ti conosco... [1-2]



Andromeda fece strada a quella donna, con la sua lama sguainata, per quei corridoi, ringhiando fra se e se, incredulo del fatto che Xernes avesse potuto permettere a una figura come lei di camminare all'interno del palazzo.

Nonostante gli fosse stato ordinato di tenerla sotto stretta sorveglianza, Andromeda riuscì a stento ad accettare gli ordini del suo superiore.


Quella donna... Gli sembrò quasi che lo stesse sfottendo. Ogni volta che lui ringhiò dalla rabbia, Iris rispose con una risatina provocante, facendo vibrare quelle sue ali da pipistrello.
Più volte Andromeda pensò di strappare quelle sue ali con la forza, ma non poteva andare contro gli ordini di Xernes, quantomeno voleva far partire un secondo scontro, specialmente all'interno di Camelot.


<< Giuro su Dio, continua a fare quei maledetti versi e ti taglio la lingua con le mie stesse mani. >>
Ringhiò Andromeda, dopo qualche minuto, avendone abbastanza delle risatine della donna.

Iris sembrò divertita da quelle parole, più che preoccupata.

<< Oh, non prendertela così tanto, mio caro... >>
Ridacchiò, senza voltarsi verso di lui, continuando a camminare con passo rapido per la strada che Andromeda le indicò poco prima.


In quell'istante la mano di Andromeda cominciò a tremare, trattenendosi a stendo dal colpire quella donna con un fendente.
Voleva fare a pezzi quel demone, lo voleva fare con tutto se stesso.


<< Continua a parlare, fai pure... Ma ti consiglio di tenere bene a mente che più mi provochi, più sarà difficile per me seguire gli ordini che Xernes mi ha dato. >>
Ringhiò il soldato.
Iris non gli rispose nulla.

Dopo qualche minuto di silenzio, che Andromeda gradì più di quanto si aspettasse, le due figure raggiunsero finalmente la loro destinazione.
Varcarono una porta in ferro, simile a quella di una cella, per poi scendere delle scale a chiocciola e arrivando finalmente al di sotto del palazzo, in una specie di bunker sotterraneo.

I muri, soffitto e pavimento erano fatti interamente di mattoni marrone chiaro, ammuffiti, ed emanavano una strana energia magica che Iris notò nel preciso istante in cui mise piede all'interno di quel posto cupo.

<< Quando è stato costruito questo posto? >>
Domandò rapidamente al soldato, guardandosi intorno alla ricerca della fonte di quella strana, ma familiare, energia.

Andromeda non le rispose assolutamente nulla. Al contrario le fece cenno con la punta della sua lama di proseguire avanti per un lungo corridoio nel quale ogni loro passo echeggiava all'infinito, con tono spettrale, come la voce tra le montagne.


<< Vedo che non ti va neanche di chiacchierare un pochino, eh? E io che volevo fare un po' di conoscenza... >>
Sospirò la donna, ma non con fare deluso, bensì divertito.


Pochi istanti dopo, Iris posò istintivamente il suo sguardo sul pavimento, senza però fermarsi. 
Quel luogo lugubre era illuminato a malapena da alcune lanterne appese sui muri che sembravano funzionare a olio, ma sembravano così vecchie che, a quel punto, l'olio al loro interno si sarebbe dovuto consumare già da un bel po' di tempo.
Iris capì in quel preciso istante che ogni singolo mattone, ogni singola lanterna all'interno di quel posto era inebriata di un qualche genere di magia arcana.


< C'è qualcosa, sotto di noi... Sento dell'energia pulsare come un cuore che batte... Strano, perché fino a pochi minuti fa, quando ero in superficie, non la sentivo... È simile all'energia presente al di sotto del Palazzo di Bael, ma... E' leggermente diversa... >
Pensò, incuriosita da quella strana energia magica che permeava da quelle quattro pareti.

<< C'è qualcosa sotto di noi? >>
Domandò al soldato, subito dopo, senza smettere di camminare per quel lungo corridoio, sperando che potesse darle una risposta soddisfacente.

Andromeda la fissò con uno sguardo confuso, come se non sapesse neanche di cosa stesse parlando.

<< C'è il terreno, sotto di noi. Cos'altro dovrebbe esserci? >>
Rispose il soldato.

<< Non la senti? Questa... Energia pulsante che proviene da sotto di noi. >>
Gli fece notare, subito dopo.

<< Non ho la benché minima idea di cosa tu stia parlando. Se stai cercando di farmi abbassare la guardia, allora puoi anche arrenderti: non ho intenzione di toglierti gli occhi di dosso neanche per un istante. >>
Rispose il soldato, ringhiando.

<< Oh-oh... >>
Ridacchiò Iris, divertita da quella risposta.

<< Non sapevo ti piacessi così tanto... >>
Aggiunse subito dopo.

Andromeda non le rispose nulla: ricambiò lo sguardo divertito di Iris con una smorfia disgustata e rabbiosa.

< Suppongo che questo soldato non abbia le risposte che cerco... Dovrò chiedere ai piani alti. >
Pensò Iris, decidendo di abbandonare le sue curiosità...
... Per un po'.


Pochi istanti dopo, il soldato fece cenno alla donna-demone di fermarsi.

"Abbiamo raggiunto la nostra destinazione." 
Le disse, indicando una cella umida e ammuffita davanti a se.
Iris fissò quelle sbarre arrugginite per qualche secondo con una espressione disgustata stampata in volto.

<< Seriamente? E' così che trattate gli ospiti? Una donna dovrebbe essere trattata con riguardo, sai? >>
Andromeda non le rispose: aprì rapidamente la porta della cella con la chiave che teneva in tasca, per poi fare cenno al demone di entrare al suo interno.
Il tutto senza mai rinfoderare la sua amata katana.

Iris sollevò le spalle, quasi con fare annoiato, seguendo però le indicazioni del soldato.
Non appena entrò all'interno della cella, Andromeda la chiuse al suo interno, appoggiandosi successivamente di schiena al muro che si trovava davanti a essa, tenendo la donna costantemente sotto controllo con le braccia conserte, senza proferire parola o muovere neanche un muscolo.


Iris si guardò intorno, rimanendo ben presto disgustata dallo stato terribile della cella in cui era stata rinchiusa.
Muffa e ragnatele in ogni angolo, senza alcuna finestra da cui potessero entrare dei raggi di luce.

Il letto, se così ormai si poteva ancora chiamare, era talmente unto, sporco e pieno di polvere che le sarebbe probabilmente bastato sedersi per qualche istante per prendere qualche malattia mortale.

Non vi era altro, all'interno di quella cella, se non un lavabo, arrugginito e ammuffito, e una latrina a cui a malapena fu possibile avvicinarsi a causa dell'insopportabile tanfo.


<< Avresti... Una sedia su cui io possa sedermi, per caso? >>
Domandò la donna ad Andromeda, avvicinandosi alle sbarre in ferro.

<< Puoi sederti nel pavimento, se preferisci. >>
Ringhiò l'uomo.

<< Perché non mi dai semplicemente il beneficio del dubbio, eh? Sappiamo entrambi che potrei evadere da questa cella quando più mi aggrada: se sto accettando questo stupido trattamento è solamente perché sto cercando di farvi capire che non sono una vostra nemica. >>
Domandò Iris, cominciando per la prima volta a mostrare un atteggiamento infastidito.

<< Parli fin troppo. Perché non stai zitta e rendi il mio lavoro più facile, eh? >>
Le domandò Andromeda, infastidito dal continuo e incessante blaterare da parte della donna.

<< Non sono Xernes, quindi smetti di provare a convincermi. Non m'interessa neanche lontanamente sapere cosa hai da dire, o cosa pensi. >>
Aggiunse subito dopo.


Sentendo quelle sue parole, Iris tirò un profondo sospiro di delusione, evitando lo sguardo del soldato, attirando la sua attenzione.
Tutte le aspettative che si era fatta su di lui sfumarono nel giro di quei pochi minuti...

Iris sapeva perfettamente chi fosse quell'uomo: dopotutto, Lilith era una delle sue due sorelle. 
Lilith era solita parlarle dei suoi incontri con "un essere umano diverso dagli altri", qualcuno che, a quanto pare, "era riuscito a capirla".

Quando Venus venne rinchiusa per tradimento, il comportamento di Lilith cambiò radicalmente.
Si avvicinò molto di più a lei, e le due sorelle riuscirono ben presto a legare molto più di quanto non fecero in passato, a causa dell'influenza negativa della sorella maggiore.

Fu proprio grazie a Iris se Lilith abbandonò la strada che Venus le fece intraprendere, e l'uomo di cui lei si innamorò fu l'unica figura, a parte la sorella, che sembrò essere in grado di capirla.


Tutti quei racconti e le parole di Lilith svanirono come un muro di fumo davanti alle parole e al comportamento di Andromeda.

Per un istante, Iris si domandò se quella persona fosse veramente l'umano di cui la sorella si era innamorata, ma ben presto notò qualcosa, in lui, che attirò la sua attenzione.
Nonostante la sua espressione fosse cupa e minacciosa, i suoi occhi nascondevano una profonda ferita ancora aperta.
Iris lo sapeva, non le serviva fare alcuna domanda...

Era, dopotutto, in grado di leggere gli umani come se fossero libri aperti: li conosceva meglio lei di quanto loro conoscessero loro stessi.
Percepire i sentimenti e le emozioni umane era diventato per lei un gioco da ragazzi, ormai... E ciò che notò in quell'istante le fece capire qualcosa.


Istintivamente sorrise maliziosamente, capendo perfettamente che avrebbe potuto sfruttare la debolezza di quell'uomo a suo vantaggio.
Nonostante mostrasse una facciata dura e impenetrabile... Era l'umano più fragile all'interno di quel palazzo.


<< Cosa c'è di divertente? >>
Ringhiò Andromeda, infastidito dalla risatina della donna.

<< Oh, niente di particolare... >>
Ridacchiò Iris, avvicinandosi alle sbarre della cella.

<< Sono solo un po' delusa... Sai, credevo tu fossi diverso. >>
Continuò.

Il soldato sembrò andare su tutte le furie.
Afferrò rapidamente con un veloce gesto frustrato l'elsa della sua lama, muovendosi con passo rapido e pesante verso la donna, puntando la lama della sua spada sulla sua gola.

<< Mi stai provocando, cagna?! Non ho intenzione di ascoltare le tue cazzate neanche per un secondo ancora, intesi?! Pensi di conoscermi, per caso?! >>
Urlò, con una rabbia che non sentiva scorrergli dentro da parecchi anni.

<< Oh... Ma io so molto sul tuo conto, Andrew Medals... >>
Sussurrò.


Non appena Andromeda sentì quella donna pronunciare il suo nome, la fissò per alcuni interminabili secondi con uno sguardo confuso, senza proferire parola o muovere alcun muscolo.

Quella donna... Conosceva il suo nome? 
Era stato Xernes a pronunciarlo, a sua insaputa? O Sarah?

Aveva abbassato la guardia e si era lasciato scappare il suo vero nome?

No... Non era possibile.

Perché quel demone sapeva chi fosse? Sul campo di battaglia nessuno l'aveva mai chiamato "Andrew", quindi era impossibile che i demoni fossero venuti a conoscenza del suo nome... Che motivo ne avrebbero tratto? Era una informazione inutile.

Eppure... Proprio perché era una informazione così inutile e priva di senso, Andromeda non riuscì a capacitarsi di come quella donna ne fosse entrata in possesso.
Provò a farle quella domanda, ma per qualche motivo le parole non uscirono dalla sua bocca.



Iris sapeva perfettamente di aver attirato l'attenzione di quell'uomo, e aveva le carte perfette per manovrarlo come un burattino.
Se le parole e i racconti di sua sorella erano veri, allora le sarebbe bastato pronunciare il suo nome per mandare in frantumi quella maschera.


<< Sorpreso, eh? >>
Gli domandò, ridacchiando.
Nel mentre, Andromeda non aveva ancora neanche abbassato la sua arma.
Nonostante, però, fosse confuso, non aveva ancora abbassato la guardia.


<< Come fai a conoscere il mio nome? >>
Il soldato riuscì finalmente a farle quella domanda, ringhiando verso di lei.


<< Lilith era mia sorella. >>
Non appena la donna pronunciò quelle parole, Andromeda si bloccò all'istante, quasi come pietrificato.
Rimase immobile a fissarla con occhi spalancati, immobili.

A Iris sarebbe bastata una mano per strappare via la spada dalle mani del soldato, e probabilmente lui non se ne sarebbe neanche reso conto.

< Povero piccolo uomo. >
Pensò, quasi divertita davanti a quella vista.

Sapeva perfettamente di aver centrato il bersaglio.
La maschera da soldato era ormai andata in frantumi: l'unica cosa che rimaneva, ormai, era un uomo a pezzi che a malapena era in grado di reggersi in piedi.


Nonostante Iris non fosse un demone dall'indole crudele, le risultava fin troppo facile far leva sulle debolezze e le paure degli esseri umani, talmente tanto che spesso si sorprese lei stessa di quella sua capacità.
La razza di Iris era solita nutrirsi dei sentimenti degli esseri umani... L'unica differenza, tra membro e membro, era, però, quale fosse il sentimento scelto.

Venus era solita nutrirsi del dolore, della sofferenza delle sue vittime.
Iris, invece, preferiva tenere i suoi bersagli in vita per nutrirsi della loro essenza vitale "durante uno stato di estasi".

Le Succubi, e gli Incubi, possono nutrirsi di qualsiasi sentimento umano: dall'estasi alla tormento, dalla felicità alla rabbia, dal piacere al dolore. Ognuno di loro, però, aveva i propri gusti personali che preferiva soddisfare.


Poteva vedere chiaramente il dolore nascosto che quel soldato continuò a tenersi dentro e, nonostante non fosse nel suo stile, sapeva perfettamente che avrebbe dovuto fare pressione su quella ferita ancora aperta, se avesse voluto veramente raggiungerlo con quelle sue parole.


<< Lilith mi ha raccontato molte storie su di te... Di quanto quel soldato fosse "gentile" con lei, del fatto che sembrasse essere l'unico "in grado di capirla", di quanto fosse "diverso da tutti gli altri soldati". So anche che le hai raccontato molto di te, e che lei non ha mai ricambiato quella tua parlantina. Che ne dici, quindi, di un accordo? Puoi farmi qualsiasi domanda, e io, per quanto possibile, ti darò le risposte che cerchi. Non saranno bugie, te lo assicuro. L'unica cosa che ti chiedo in cambio, però, è la tua fiducia. >>
Non appena Iris pronunciò quelle parole, Andromeda non fu neanche in grado di risponderle.



Seguire gli ordini, gli insegnamenti, che gli vennero inculcati fin da ragazzo... O avere finalmente le risposte alle domande che, per più di diciassette anni, aveva inutilmente cercato, e poi abbandonato?

La risposta, per Andrew, fu facile, e non tardò assolutamente ad arrivare.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-2, grazie di avermi seguito e alla prossima!

Ritorna all'indice


Capitolo 53
*** Capitolo 7-3: ...Lilith [2-2] ***


Capitolo 7-3: ...Lilith [2-2]

 


Andromeda non aspettò neanche per un istante in più.
Attese troppo a lungo, dopotutto, quelle risposte... Le bramava con tutto se stesso, e quello era forse l'unico modo che aveva per provare a ottenerle.

Sarah non era li, con loro: si diresse, infatti, pochi minuti prima, alla sala comunicazioni per mettersi in contatto con Ark Weiss, a Savia.
Era solo con Iris... Poteva parlare a cuore aperto, senza che nessuno potesse venire a conoscenza di quale fosse il contenuto di quella discussione.


<< Chi era Lilith, veramente? Cosa puoi dirmi di lei? >>
Fu la sua prima domanda.

Iris sorrise nel sentire quelle parole uscire dalla bocca del soldato senza alcuna esitazione.

<< Lilith era mia sorella, e molto tempo fa occupava il posto numero sei tra i Dodici Generali. >>
Non appena Iris disse quelle parole, Andrew la fissò con uno sguardo sorpreso.

<< Mi vorresti dire che, in passato, l'ordine di voi demoni era differente da quello di ora? >>
Le domandò.
Iris rispose con un semplice cenno positivo del capo.

<< Originariamente i ranghi tra noi erano quasi completamente alterati. >>
Rispose.

 << Altri, invece, neanche erano parte dei primi Dodici Generali... Come me o Asteroth, che all'inizio eravamo dei semplici subalterni. >>
Continuò subito dopo.

Andromeda rimase in silenzio ad ascoltare le parole della donna, incuriosito da quel suo racconto.


<< A quel tempo, come ora, Lucifer era il comandante, secondo solamente a suo fratello Bael.
Amon anche allora occupava il secondo posto, e Azael il terzo...

E, da qui, l'ordine è diverso da quello che conoscete.

Nostra sorella, Venus, occupava il quarto posto, mentre Belzebub era il quinto. Lilith si trovava al sesto posto, ma era solita scontrarsi con Siegmund che, più volte, fu in grado di sottrarle il titolo. Solitamente, però, lui occupava il settimo posto. All'ottavo c'era una donna, Minerva. Era incredibilmente abile, ma non le interessava quell'assurda "farsa", come la chiamava lei, dei ranghi tra i Dodici. Quindi, esattamente come accaduto ad Abraxas, partì da una posizione molto alta e, con il tempo, decadde in uno degli ultimi posti. Al nono posto c'era Mephist, fratello di Bael e Lucifer. Non era molto abile nei combattimenti, ma le sue capacità tattiche e la sua intelligenza al pari, se non superiore, a quella di Belzebub gli permisero di rimanere tra i Dodici. Gli ultimi tre posti, invece, erano occupati dai tre fratelli di Amon che, a quel tempo, ancora non si erano trasformati in quelle bestie. >>

Continuò la donna.

<< Mi suona così assurdo anche solo pensare che, a quel tempo, le Tre Bestie erano i più deboli dei dodici... Cosa è successo per alterare così tanto l'ordine? >>
Le domandò il soldato.

Iris sbuffò.

<< Per farla breve... Tante cose insieme. Mephist e Minerva cominciarono a dubitare del piano di Bael, quindi lasciarono il loro posto e se ne andarono a Mistral... Da quel momento, perdemmo le loro tracce. A quel punto io e un altro demone, Asmodeus, fummo introdotti come sostituti. 
Poco tempo dopo, però, Asmodeus e Venus attuarono una ribellione contro Bael. 

Non so bene i loro motivi, ma alla fine Asmodeus venne sconfitto da Azael ed esiliato, mentre Venus venne sigillata da Lucifer stesso per aver attentato alla vita di Bael.
A quel punto, il gruppo cominciò a spezzarsi sempre di più, lentamente. 

I tre fratelli di Amon cominciarono uno ad uno a perdere il controllo di se stessi, a causa della loro implacabile rabbia, trasformandosi in quelle bestie che anche voi avete avuto il -dis-piacere d'incontrare.
Siegmund smise di svolgere i suoi compiti per qualche centinaio di anni, fino a quando non scomparve anche lui. Poi fu il turno di Azael e di Lilith.

Il resto, lo conosci anche tu. >>

Raccontò la donna.

<< Non mi hai detto tutto, vero? >>
Chiese il soldato, incuriosito da quel racconto, capendo che Iris non gli avesse detto tutti i dettagli.

Iris sbuffò ancora una volta.

<< E' troppo da raccontare in così pochi minuti. Se vuoi la versione lunga, allora dovrai chiedermela in un secondo momento. Pensavo volessi sapere qualcosa riguardo Lilith, non sulla vecchia composizione dei Dodici Generali. >>
Rispose la donna, con un tono che sembrò quasi infastidito.

<< Sono un soldato: ogni cosa che posso scoprire riguardo voi demoni, è qualcosa d'importante. >>
Controbatté Andromeda, attirando lo sguardo annoiato di Iris.

<< Ti è difficile non indossare quella maschera, eh? >>
Sospirò.

<< Comunque... Cosa vuoi sapere riguardo Lilith, di preciso? >>
Aggiunse subito dopo.

<< Vorrei sapere chi fosse, in realtà. Non mi ha mai raccontato nulla del suo passato, mi piacerebbe sapere qualcosa di più. >>
Rispose il soldato, rapidamente.

<< Non c'è molto da dire... Ma penso che potrebbe lasciarti con l'amaro in bocca. Vuoi saperlo comunque? >>
Andromeda non sembrò preoccupato da quelle parole. Fece cenno con il capo alla donna, facendole capire che potesse parlare senza alcun rimorso.

<< Molto bene, allora... >>
Aggiunse subito dopo, Iris.

<< Lilith è... Era più vecchia di me, anche se appena di qualche millennio. Trascorse la gran parte della sua vita insieme a nostra sorella Venus, e per quel motivo venne fortemente influenzata da lei. 

Venus è... Il mio esatto opposto. >>

Non appena Iris cominciò a parlare della sorella, la sua voce cominciò a tremare.

<< Violenta... Sadica.

Era solita attirare le sue vittime con una falsa sensazione di sicurezza... Per poi attaccarle violentemente e con ferocia.

Venus adorava prendere di mira gli umani, specialmente gli uomini. "Sono così facili da manipolare", "Quando pensano di potermi avere... E' esattamente in quell'istante che mando in frantumi la loro sicurezza", "Le loro grida mi mandano in estasi" sono solamente alcune delle frasi che era solita ripetere...

Noi Succubi possiamo nutrirci delle sensazioni umane per diventare più forti: lei scelse di nutrirsi del dolore e del terrore delle sue vittime. Era solita attaccarli e ferirli con ferocia, evitando però di colpire i loro organi vitali per assicurarsi che non morissero troppo rapidamente. 

"Voglio vederli soffrire e nutrirmi del loro dolore."
Venus era completamente fuori di testa... E riuscì a influenzare anche Lilith.

Per almeno un millennio, infatti, emulò il comportamento di nostra sorella, con l'unica differenza che Lilith decise di nutrirsi del dolore dei suoi avversari sul campo di battaglia.
Duelli uno contro uno, o contro più persone... Non le importava. 

Fino a quando affrontava avversari formidabili, a lei bastava quello. Una guerrafondaia che spesso finì immersa in bagni di sangue.

Persi il conto delle vittime  che mietette sul campo di battaglia quando raggiunsero le quattro cifre...
Lilith cominciò a nutrirsi del loro dolore e del loro terrore per diventare sempre più forte, seguendo le orme Venus sempre di più... E ci riuscì.

Grazie all'influenza di nostra sorella, e ai metodi che copiò da lei, Lilith assorbì così tanta energia da scalare rapidamente i ranghi dei Dodici Generali. 
Una volta sentii persino Belzebub dire che "Di questo passo, Lilith potrebbe riuscire a superare perfino Azael nel giro di poche centinaia di anni".


Quando nostra sorella venne imprigionata, però, fui finalmente in grado di avvicinarmi a lei... Una cosa che, fino a quel momento, Venus m'impedì di fare.
Fu difficile, e frustrante, ma finalmente le mie parole raggiunsero Lilith. Non fui in grado di convincerla del tutto, ma riuscii per lo meno a farla dubitare.

Con il passare dei secoli, il comportamento di Lilith cominciò a cambiare: aveva ormai divorato così tanta energia che poteva tranquillamente restare "a digiuno" per almeno qualche centinaio di anni senza avere alcun problema...
Quello era esattamente ciò che faceva Venus, dopotutto.

Noi Succubi ci nutriamo dei sentimenti umani quando abbiamo fame, esattamente come voi umani mangiate un piatto di pasta, o una bistecca, quando sentite il vostro stomaco chiamare. E' semplicemente la nostra natura...

... Altri, invece, continuano a nutrirsi anche quando non necessitano di farlo. Venus assorbì così tanta energia in eccesso che, anche se per appena qualche minuto, fu persino in grado di reggere un testa a testa con Lucifer.

Un giorno Lilith smise di attaccare gli umani. Notai che il suo sguardo cambiò: un tempo feroce, da guerriera, divenne improvvisamente passivo, pacifico e annoiato.
A malapena prese parte nelle missioni che Lucifer le assegnò. >>

Non appena Iris finì quel racconto, posò il suo sguardo su Andromeda.
Notò rapidamente la sua espressione sorpresa, ma il soldato non sembrò scosso dalle sue parole.

Ben presto assunse di nuovo una espressione composta, riprendendo a parlarle dopo appena qualche secondo di silenzio.

<< Quindi è quello il motivo per cui non rispose ai miei attacchi, quel giorno. >>
Mormorò Andromeda.
Iris annuì.

<< Credo fosse quello il motivo, si. Causò così tanto dolore, in passato, che credo preferì evitare qualsiasi forma di scontro per non causarne altro. >>
Gli rispose poco dopo.

In quel preciso istante Andrew strinse i pugni con forza, attirando persino l'attenzione di Iris, che posò il suo sguardo silenzioso su quei pugni pieni di frustrazione e rimpianto, tremanti.

<< Va tutto bene? >>
Domandò al soldato.

Andromeda annuì, prendendo un profondo respiro e bloccando con la forza di volontà le sue stesse mani.

<< Si... >>
Borbottò, fissando il terreno.

<< ... Sono solo infastidito dal fatto che non mi abbia mai voluto parlare dei suoi errori, anche quando io le parlai dei miei. >>
Aggiunse subito dopo, sollevando il suo sguardo verso la donna-demone.

<< Non prenderla sul personale. >>
Gli disse Iris.

<< Lilith a malapena decise di aprirsi con me. Non posso dirti cosa le sia passato per la testa, in questi ultimi trecento anni, ma posso assicurarti che, se non si era aperta con te nonostante la fiducia e il rispetto che provava nei tuoi confronti, allora aveva i suoi buoni motivi. O, forse, semplicemente aveva paura che tu non l'avresti accettata, dopo aver saputo quali crimini avesse commesso. >>
Continuò.

Andrew sbuffò, evitando di rispondere a quelle parole, e girando lo sguardo.



Il tempo era agli sgoccioli, ormai: Sarah sarebbe potuta tornare da un momento all'altro, e Andromeda lo sapeva perfettamente.
Posò il suo sguardo cupo su Iris, trattenendo tutte le altre domande che, fino a quel momento, si era tenuto dentro, per farle solamente quella più importante.


<< Come è morta? >>
Una domanda semplice, corta, alla quale però Iris non fu in grado di rispondere.
Evitò rapidamente lo sguardo del soldato, assumendo una espressione dispiaciuta e piena di rammarico, mentre anche le sue ali cominciarono a ondulare con fare pietoso.

<< Io... Non posso risponderti... >>
Gli rispose, con voce dolorante.

Sentendo quelle parole, Andromeda sembrò infiammarsi.
Si lanciò verso le sbarre in ferro, colpendole con forza, digrignando i denti davanti a quella figura.

<< Cosa vorresti dire con questo?! >>
Ruggì, furioso.

<< Rilassati! >>
Esclamò Iris, portando le mani avanti.

<< Non posso risponderti perché neanche io so come sia scomparsa... >>
Aggiunse subito dopo, abbassando di nuovo lo sguardo.


Andromeda rimase in silenzio a fissare la donna con occhi spalancati e increduli per qualche istante.

... Neanche lei sapeva? Come era possibile? 
Non c'era nessun altro, oltre ai demoni, che poteva dargli quella risposta! Dovevano sapere, per forza!


<< Cosa vuoi dire che "non lo sai neanche tu"? Qualcuno deve sapere cosa le è successo! Non può essere semplicemente scomparsa da un giorno all'altro senza lasciare traccia! >>
Esclamò il soldato, furioso, non accettando la risposta del demone, credendo che gli stesse mentendo.

<< Non ti sto mentendo, nessuno sa cosa le sia successo quel giorno. Anzi, fino a ora credevamo foste stati voi a ucciderla. >>
Quelle parole colpirono Andrew come un fulmine a ciel sereno.


Era impossibile che qualcuno l'avesse uccisa: dopotutto, lui era stato scelto come capitano di quell'esercito... Conosceva tutti i soldati che, quella notte, presero parte a quel massacro.

Nessuno, tranne lui, sarebbe stato in grado anche solo di dare difficoltà a Lilith, quella notte.
Quindi come...? 

Se non furono gli umani a uccidere Lilith... Che fine aveva fatto?

<< Prese parte alla battaglia, quella notte? >>
Le domandò subito dopo.

Iris sembrò confusa da quella domanda.

<< Ovvio che vi prese parte... Fu Bael stesso a ordinarlo. Cosa vorresti dire? Non siete stati voi a uccidere mia sorella? >>
Rispose la donna, confusa dalla confusione del soldato.

<< No! >>
Urlò Andromeda, incredulo.

<< Nessuno dei presenti tranne me, quella notte, sarebbe riuscito anche solo a toccare Lilith con un dito, senza che lei venisse a saperlo! Mi scontrai con lei giorno dopo giorno, sono sicuro di questa cosa! Nessuno di quei soldati avrebbe potuto ucciderla... In nessun modo. L'unico ero io... Ed ero impegnato con Azael. >>
Aggiunse subito dopo.

Iris non riuscì a credere a quelle parole: abbassò lo sguardo, incredula, con occhi e bocca spalancati.


Qualcosa, in quella storia, non tornava.
Lilith non avrebbe mai abbandonato il campo di battaglia... E nessuno di quei soldati sarebbe stato in grado di ucciderla in uno scontro, nemmeno se l'avessero colta di sorpresa e con un vantaggio numerico: Andromeda era sicuro di questo.

Quindi... Cosa accadde quella notte, veramente?
Andrew capì perfettamente che accadde qualcosa, a sua insaputa, durante la Notte Cremisi che vide Lilith coinvolta in prima persona...

... Qualcosa che ne causò anche la fine.


Eppure non risultava nulla: qualsiasi informazione inerente la Notte Cremisi era frammentaria, confusa o del tutto inutilizzabile...

Sembrava quasi come se qualcuno volesse che gli eventi accaduti quella notte non potessero trapelare in alcun modo.

Né Xernes, né i sopravvissuti di quel massacro sembravano possedere le risposte che Andew andava cercando.
Se neppure i demoni le possedevano... Chi poteva averle?

Qualcuno doveva sapere come Lilith fosse morta... O, per lo meno, cosa accadde esattamente quella notte.
Qualcuno doveva esistere per forza, con quelle risposte.


Prima che Andrew potesse continuare la sua discussione con Iris, sentì una porta aprirsi in distanza.
Il tempo a sua disposizione era scaduto.



____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-3, grazie di avermi seguito e alla prossima!



 

Ritorna all'indice


Capitolo 54
*** Capitolo 7-4: Aiuto ***


Capitolo 7-4: Aiuto



Non appena raggiunse la sala comunicazioni, Sarah la trovò completamente vuota: a parte lei, non vide alcun membro del personale.
La cosa non la sorprese: equella era un'area relativamente nuova, all'interno di Camelot, e i membri del personale, a parte per la pulizia e il controllo attento e periodico degli strumenti, avevano parecchio tempo libero, non ricevendo mai alcun genere di chiamata.
Dopotutto, fino a quel momento gli strumenti di comunicazione non erano mai stati usati.

Eppure quel silenzio e l'assenza di personale le diedero fastidio.
Quelle persone erano pagate per svolgere quel lavoro, non per andarsene a spasso nel palazzo o nelle mense.

In quel momento, però, non poté soffermarsi più di tanto su quella problematica: avrebbe fatto una bella ramanzina a chi di dovere in un secondo momento.
Sarah si diresse con passo lento e deciso verso il tavolo su cui vi era riposto un grosso microfono, collegato con un cavo nero a un macchinario rettangolare e metallico appeso sulla parete destra della stanza.

Era un macchinario molto grande, sembrava quasi una radio o un computer.

Non appena premette un pulsante, quel macchinario prese vita: il rumore di alcune ventole cominciò lentamente a riempire la stanza, diventando lentamente sempre più silenziose fino a quando quel rumore sembrò scomparire nel nulla.

"Avrebbero potuto accenderlo ogni tanto, almeno..."
Pensò la donna, infastidita da quel rumore.
Ark le aveva consigliato di accendere la radio almeno una volta al giorno, per evitare che la polvere rimanesse intasata all'interno.

"A quanto pare non l'avevano ancora accesa da quando l'abbiamo portata qui..."
Continuò, premendo poi un pulsante rosso, per poi muovere lentamente la manovella alla ricerca della frequenza giusta, indossando, nel mentre, un paio di cuffie nere.


<< Dovrebbe essere questa. >>
Non appena disse quelle parole, un intenso rumore statico cominciò a provenire dalle cuffie, rumore che lentamente cominciò a diminuire d'intensità nel corso dei secondi seguenti, fino a quando non scomparve del tutto, facendole capire che fosse finalmente riuscita a instaurare una comunicazione.



<< Qui Sarah Ravier, da Avalon. Passo. >>
Disse.

Passò qualche secondo di silenzio durante la quale la donna fissò quello strumento con uno sguardo impaziente.

<< Risponde il centro di Telecomunicazioni di Savia N°12. Come posso esserle utile, Sarah Ravier? Passo. >>
Rispose una voce femminile, finalmente.
Aveva uno strano accetto: quella non era sicuramente la lingua con cui era solita parlare.

<< Mi metta subito in contatto con Ark Weiss. Passo. >>
Ordinò Sarah.
Ci fu ancora una volta qualche secondo di silenzio.

<< Sono spiacente, ma al momento il Signor. Ark Weiss non è reperibile. Se non le dispiace può riferire a me il suo messaggio e provvederò personalmente, non appena possibile, a riferir- >>
La donna non fece nemmeno in tempo a finire la frase che venne rapidamente interrotta da Sarah, infastidita da quella risposta.

<< Ho paura di non aver il tempo necessario per aspettare un passaparola. Siamo in una situazione precaria e necessito di parlare con Ark immediatamente. Passo. >>
Trascorsero almeno una decina di secondi di silenzio, passati i quali la donna rispose di nuovo.

<< C-Come desidera, ma'am. La metterò in contatto con il Signor Weiss il prima possibile, la invito a non lasciare il canale. >>
Rispose la donna, con un tono preoccupato.


Per alcuni minuti Sarah rimase in silenzio a fissare impazientemente quel microfono, attendendo che qualcuno rispondesse, fino a quando una voce maschile che Sarah conosceva fin troppo bene chiamò il suo nome.

<< You know, Sarah*, spero sia importante perché sono leggermente impegnato, al momento. Come posso aiutarti? >>
Disse quella voce condiscendente.

<< Siamo in una situazione precaria, qui ad Avalon. >>
Gli rispose Sarah, senza farselo ripetere neanche una volta in più.

<< Nei prossimi giorni potremmo venir attaccati da un gruppo di due o più membri dei Dodici Generali Demoniaci, e, al momento siamo a corto di personale. Arthur dovrebbe essere di ritorno nelle prossime ore, mentre Merlin e il suo gruppo dovrebbero ancora trovarsi ad Asgard. Ci servirebbe del supporto, e mi chiedevo se avessi qualcuno che potesse fare a caso nostro. >>
Continuò.

<< Ricorda che mi devi ancora un favore, Ark. Non abbandonarmi proprio ora. >>
Aggiunse subito dopo, facendo pressione su quell'evento.


Ark non le rispose subito.
Trascorsero alcuni secondi di silenzio, durante i quali anche Sarah attese impazientemente la risposta dal suo vecchio compagno d'armi.
Si conoscevano entrambi fin troppo bene, molto più di quanto le persone intorno a loro pensassero.
Presero parte a parecchie missioni, insieme, durante i due anni che Sarah trascorse a Savia...
... Durante una di quelle missioni, Sarah gli salvò la vita.

<< Vedo con piacere che sei ancora la stessa "Ice Queen" che eri un paio di anni fa... >>
Sospirò il suo vecchio compagno.



Era passato molto tempo dall'ultima volta che Sarah ripensò a quella notte di cinque anni fa.
Una missione in una foresta sperduta nel mezzo del nulla, una spedizione per fare il controllo del perimetro intorno al loro accampamento accompagnata da Ark Weiss.

Un soldato poco più giovane di lei, molto abile nelle arti magiche, ben più di lei, che strinse molto tempo addietro un contratto con uno dei tre Spiriti più potenti: Metatron.

Non appena la loro pattuglia si concluse, un demone, un Classe S, uscì dalla foresta, cogliendoli entrambi di sorpresa.
Botis, un potente demone di Classe S che più volte attaccò gli umani per provare a ottenere il rispetto dei suoi comandanti.

Una creatura umanoide che poteva assumere l'aspetto di una gigantesca e terrificante vipera con due grosse corna e lunghi denti affilati come lame, capaci di secernere un pericolosissimo veleno.
Lo scontro non durò a lungo: i due soltati sconfissero il loro avversario, e fu Sarah stessa a dargli il colpo di grazia.

Purtroppo, però, Ark venne infettato dal veleno del demone, che riuscì a ferirlo durante quel terribile e violento scontro.
Non c'era altra soluzione: l'unico modo per impedire che Ark potesse cadere vittima di quel veleno fu amputargli il braccio infetto che, ormai, stava già andando in putrefazione.

Quindi lo fece: un singolo fendente, un taglio netto.
Ricordava ancora perfettamente le urla del compagno, il sangue.
Ma anche Ark sapeva che quella fosse l'unica scelta, e per questo le fu grato.

La mattina seguente Ark Weiss venne imbarcato per Savia: da quel giorno, Sarah perse tutti i contatti con lui.



<< Vorrei davvero poterti aiutare, Sarah, ma non posso farlo. Poche ore fa c'è stata una sommossa nel carcere di massima sicurezza, e due pericolosi criminali sono riusciti a evadere da CrownForth** come risultante del caos generale.

Siamo convinti che almeno uno dei due sia diretto ad Avalon, quindi abbiamo ordinato che tutte le navi rimangano attraccate ai porti per assicurarci che non possa lasciare Savia.
Ho la gran parte dei miei uomini impegnati nella loro ricerca, e i pochi che non sono stati chiamati stanno semplicemente attendendo ulteriori ordini. 
Mi dispiace. >>
Non appena Ark disse quelle parole, Sarah si portò una mano davanti al volto, senza dire nulla.

Cominciò a massaggiarsi la fronte lentamente.


"Non riesco a crederci..."
Pensò, infastidita e amareggiata.


<< Se ti va bene, non appena avremo catturato i due criminali potrò inviare qualcuno. >>
Aggiunse Ark, non ricevendo risposta alcuna.

<< Potrebbe essere troppo tardi... >>
Fu l'unica risposta della donna.

<< Cosa è successo di preciso? Who did you piss off, Amon? >>
                                                        
[Chi avete infastidito, Amon?]
Domandò il soldato, incuriosito da quella situazione.

<< C'è un ragazzino, un mezzo demone, figlio di Azael. A quanto pare Lucifer sembra volerlo vivo, ma non tutti i demoni sembrano condividere questa sua decisione. Secondo i nostri informatori, infatti, Belzebub starebbe pianificando un attacco massiccio nei prossimi giorni, accompagnato da più Generali. >>
Gli rispose Sarah, facendogli un rapido riassunto della situazione.

<< That's... Vorrei davvero poterti aiutare Sarah, ma non posso davvero rischiare che quei due criminali lascino Savia. >>
Ripeté Ark.

<< Perdonami, ma devo mettere la sicurezza dei miei cittadini al primo posto. Non appena li avremo catturati, invierò subito qualcuno ad Avalon come supporto, te lo assicuro. >>
Aggiunse subito dopo.

Sarah sospirò.

<< Non hai idea neanche tu di quanto tempo possa trascorrere prima di catturarli, e potrebbe essere troppo tardi quando quel qualcuno metterà piede ad Avalon. 
Ti ringrazio per la tua offerta ma, a meno che tu non possa inviare qualcuno entro le prossime ore, allora puoi anche evitare preoccuparti. >>
Rispose Sarah, frustrata ma capendo perfettamente le ragioni di Weiss.

Dopotutto fu una cosa che fece suo padre, anni addietro, quando fu Asgard a chiedere loro supporto.


<< Hai provato a metterti in contatto con la famiglia reale degli Heiner? >>
Chiese Ark alla compagna, subito dopo.

Una risata sarcastica fu l'unica risposta che Ark sentì dalla sua interlocutrice.


<< Gli Heiner? Dopo ciò che mio padre ha fatto dodici anni fa, dubito che Jacob Heiner accetterà di aiutarci. >>
Rispose Sarah.


Dodici anni prima, infatti, Amon lasciò Avalon per dirigersi ad Asgard per motivi tutt'ora sconosciuti.
Durante i due mesi che rimase li, gli Heiner dovettero contrastare costantemente i suoi assalti, fino a quando Jacob, padre di Tesla e Nikola Heiner, non contattò Xernes Ravier di persona, chiedendogli supporto per risolvere quella situazione.

"Da quando Amon ha messo piede ad Asgard, non è più un problema nostro. Cavatevela da soli, esattamente come abbiamo fatto anche noi fin'ora."
Tra gli Heiner e i Ravier non scorse mai buon sangue... Xernes preferì lasciare Asgard a se stessa, piuttosto che dar loro supporto, perché stava diventando sempre più potente e temeva che potesse scontrarsi con Avalon per il controllo di alcune zone limitrofe tra le due nazioni, che avevano grossi depositi di minerali e petrolio.

Due nazioni militari in lotta per diventare le più potenti di Gaia.
Era solamente questione di tempo prima che ne fosse nata una guerra.
Le differenze e i conflitti tra Asgard e Avalon nacquero secoli addietro, e il comportamento degli attuali Gran Generali non faceva altro che peggiorare la situazione.


<< Hai ragione... Forse sarebbe meglio evitare di mettersi in contatto con Jacob, ora che ci penso. >>
Aggiunse Ark, dopo qualche secondo di silenzio, riconoscendo che quella non fosse la migliore delle opzioni.

<< Ci inventeremo qualcosa, non preoccuparti... >>
Sospirò Sarah, capendo che non ci fosse alcun modo per ricevere assistenza da Ark.

<< Che mi dici di Mistral? Non siete in buoni rapporti con loro? >>
Le chiese subito dopo.

<< Si, ma... Sono troppo lontani da noi. Prima che possano inviare qualcuno, passerebbero giorni... Ce ne vogliono tre per raggiungere Mistral in nave. E' troppo tempo, e potremmo non averlo... >>
Rispose la donna, sospirando.

<< Vorrei davvero poterti aiutare, ma la situazione non me lo permette, Sarah. Proverò a risolverla il prima possibile, e a mandare qualcuno per darvi supporto. >>
Continuò Ark, senza però ricevere alcuna risposta dalla sua vecchia compagna d'armi.

<< Anyway... Ho ricevuto una chiamata, un paio di ore fa, da Gwen e Vivi. Sembrerebbe che Nikola sia con loro. >>
   [Comunque...]
Non appena Ark disse quelle parole, uno sguardo confuso e incuriosito apparve nel volto di Sarah.

"Nikola? Cosa ci fa con Gwenevre e Viviane?"
Si domandò.

<< E? Per quale motivo dovrei interessarmi della sua presenza? >>
Domandò Sarah, con un tono infastidito.

<< So che è passato un bel po' di tempo dall'ultima volta che vi siete incontrati... E, considerando in che situazione vi trovate, forse chiedere aiuto a lui non sarebbe una opzione da scartare così rapidamente. Rimane comunque un membro dei Fifteen Rounds***, al quarto posto se non erro, proprio dopo di me. >>
Ark rimase in silenzio per qualche istante, attendendo una risposta che mai arrivò da Sarah.

<< So che ci sono stati dei... Problemi tra voi due... >>
Continuò subito dopo, evitando di scendere in dettagli di cui sapeva ben poco.

<< ...Ma forse, considerando la vostra situazione, dovresti davvero pensare a mettere da parte i tuoi sentimenti. >>
Aggiunse subito dopo.


In quell'istante sentì Sarah borbottare qualcosa sottovoce, ma non riuscì a capire bene cosa.
Gli sembrò che avesse detto qualcosa come "Li ho sempre messi da parte."


<< Vedrò cosa posso fare. >>
Rispose, finalmente, la donna, rompendo quell'assordante silenzio.

<< Grazie mille del tempo che mi hai dedicato, Ark. Spero tu riesca a catturare quel criminali. Perdonami, ma devo tornare da Andromeda... L'ho lasciato da solo con un prigioniero, e devo assicurarmi non sia successo nulla di problematico. >>
Aggiunse subito dopo.

<< Buona fortuna a voi. Ti prego, contattami di nuovo il prima possibile per farmi avere buone notizie. >>
Le rispose Ark.

<< Lo farò, non appena ci saremo sbarazzati delle minacce. Passo e chiudo. >>
Non appena disse quelle parole, Sarah premette un pulsante rosso davanti a lei, interrompendo la comunicazione.


____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-4, grazie di avermi seguito e alla prossima!



*[NB: Ark Weiss vive nella capitale di Savia, una nazione paragonabile alla nostra America.]
**[NB: CrownForth, isola carceraria da cui due pericolosi criminali sono riusciti a evadere, paragonabile ad Alcatraz.]
***[NB: Fifteen Rounds, un gruppo formato dai Quindici maghi e soldati più abili di tutta Gaia. Ark occupa attualmente il terzo posto, Nikola il quarto. Il primo posto è, attualmente, occupato da Arthur Pendragon, mentre il secondo da Ehra. Anche Vermilion e Andromeda ne fanno parte.]


 

Ritorna all'indice


Capitolo 55
*** Capitolo 7-5: Fiducia ***


Capitolo 7-5: Fiducia



Quando Sarah tornò dal suo compagno, lo trovò stranamente pallido in volto. 
La sua espressione sembrava preoccupata, eppure notò quasi come se ci fosse della rabbia nascosta nel profondo, sotto quella preoccupazione.

Istintivamente, Sarah si guardò intorno alla ricerca di qualsiasi segno di colluttazione, o di tentata fuga da parte di Iris.
Nulla: la donna-demone si trovava ancora all'interno della sua cella, ricambiando lo sguardo di Sarah con uno divertito.

Nonostante gli ordini del padre, e il comportamento apparentemente calmo e pacifico d'Iris, Sarah non riuscì comunque ad accettare il fatto che un demone così pericoloso si trovasse all'interno di Camelot.

Quindi, convinta del fatto che fosse accaduto qualcosa durante la sua assenza, si rivolse al suo compagno, chiedendogli cosa fosse accaduto nel mentre che lei si era messa in contatto con Savia.


"Nulla"
La risposta di Andromeda non la convinse.
All'inizio la colse alla sprovvista, ma ben presto intuì ci fosse qualcosa di sbagliato negli occhi di Andromeda.
Non aveva più lo sguardo deciso e freddo che continuò a vedere per anni nel volto di quel soldato... Stavolta vide occhi preoccupati, confusi e...

...Spaventati?


Prima che potesse, però, fargli alcuna domanda, Andromeda afferrò la sua fidata arma, allontanandosi ben presto da quel luogo.

"Ho cose ben più importanti da fare che tenere sotto controllo qualcuno che non vuole causare problemi."
Quelle parole la stupirono.

Come poteva Andromeda essere così sicuro del fatto che Iris non fosse una minaccia?

Afferrò, quindi, il braccio del suo compagno con una mano, bloccandolo sul posto e impedendogli di lasciare la stanza.


"Cosa è successo mentre ero via?"
Gli domandò ancora una volta.
Sarah conosceva Andromeda fin troppo bene: sapeva ci fosse qualcosa di diverso in lui, poteva sentirlo perfettamente.


<< Ti ho detto che non è successo nulla. >>
Ringhiò il soldato.

Era raro vedere Andromeda con quello sguardo furioso. 
Quegli occhi... Non riuscì a ricordare l'ultima volta che quello sguardo fu in grado di farle congelare il sangue nelle vene: nemmeno suo padre la guardò mai con occhi così colmi di rabbia e frustrazione.

<< Ora lasciami andare. Ho bisogno di qualche minuto per conto mio, devo pensare ad alcune cose. >>
Aggiunse subito dopo, Andromeda, liberandosi dalla presa di Sarah con uno strattone.


La donna guardò in silenzio il suo compagno abbandonare le segrete, lasciandola da sola, confusa e preoccupata in compagnia di quella donna-demone.
Istintivamente si voltò verso di lei, mostrandole uno sguardo minaccioso, incolpandola per ciò che fosse appena successo.

Il demone la prese sul ridere, ricambiando con una risatina perversa.

<< Cosa hai fatto, demone?! >>
Ringhiò Sarah, sguainando con un movimento fulmineo il suo stocco, rivolgendolo verso la sua interlocutrice.

<< Io? Non ho fatto nulla... Lui mi ha semplicemente fatto delle domande, e io ho risposto... >>
Rispose Iris.

<< Se non mi credi, seguilo pure e chiediglielo di persona... >>
Continuò.

<< Lasciandoti sola, sapendo tu sia capace di fuggire dalla tua cella? Mi credi davvero così ingenua, demone?! >>
Ruggì la donna.
Iris ridacchiò.



Improvvisamente, però, Iris divenne seria.

<< Quanto... Pensi di conoscere su noi demoni, Sarah Ravier? >>
Quella domanda la colse alla sprovvista: per un istante rimase a fissarla con occhi spalancati, confusi, prima di tornare in se.

<< Che genere di domanda sarebbe? Ho visto abbastanza per sapere quanto siete pericolosi e meschini, sgualdrina da quattro soldi. >>
Controbatté Sarah.
Iris continuò a ridacchiare silenziosamente, attirando sempre più la rabbia di Sarah, la quale ruggì ben presto verso di lei, frustrata da quel comportamento.

<< Stai mettendo a dura prova la mia pazienza, demone! >>
Sentendo quelle parole, Iris smise improvvisamente di ridacchiare.

Posò il suo sguardo freddo su Sarah, cogliendola alla sprovvista.

<< So che non credesti mai alle mie parole... Quindi che ne dici se facessimo una scommessa? >>
Le propose, giocherellando con i suoi capelli con una mano.

<< Che genere di scommessa? >>
Domandò Sarah, confusa da quella domanda, senza però abbassare la guardia.
 
<< Io ti mostrerò qualcosa, poi starà a te decidere se credermi o meno... >>
Continuò Iris, attirando l'attenzione di Sarah, la quale però non abbassò l'arma neanche per un istante, tenendo sempre sotto tiro il demone immobile davanti a lei.


Nonostante fosse scettica e ancora sull'attenti, la curiosità prese il sopravvento.


<< Cosa sarebbe questa cosa che vorresti mostrarmi? >>
Non appena fece quella domanda, Sarah notò con la coda dell'occhio una strana foschia nera provenire dalle sue spalle.
Sorpresa, ma riconoscendo gli effetti della magia nera, si voltò con un rapido scatto, colpendo qualunque cosa fosse alle sue spalle con un rapido fendente da sinistra verso destra.

La sua lama, però, non sembrò colpire nulla.

Sarah rimase scioccata non appena notò cosa ci fosse alle sue spalle: il suo attacco tagliò a metà una grossa e fitta nube di fumo nero che, lentamente, cominciò ad avvolgere tutta la stanza intorno a lei.

<< Cosa diavolo sta succede- >>
Prima che potesse anche solo finire quella frase, sentì una sottile e femminile voce sussurrarle alle orecchie.

<< Che lo show abbia inizio. >>
Sarah non fece in tempo a voltarsi: tutto intorno a lei divenne nero in una frazione di secondo.


La donna, insieme a Iris, scomparve dalle segrete per le successive due ore, lasciando alle sue spalle solamente il suo fidato stocco, nel pavimento, ai piedi della cella.



Quando riaprì gli occhi, Sarah si ritrovò sospesa nel vuoto, nell'oscurità più fitta. Ben presto provò ad afferrare il suo stocco, ma rimase sorpresa quando non lo trovò nel suo fodero.

<< Maledizione! >>
Urlò, facendo riecheggiare la sua voce in quella oscurità.
Sembrava quasi stesse galleggiando in aria, come una bottiglia dispersa nell'oceano.

<< Dove sei, demone!? >>
Ruggì subito dopo, guardandosi intorno.
Nonostante quella oscurità fosse fitta, non le fu difficile vedere il suo corpo.

<< Rilassati, tutto questo non è altro che una illusione. >>
Sentì dire Sarah, dalla voce di Iris.
Si guardò intorno, alla ricerca di quel demone, senza però vederla da nessuna parte.

<< Non appena potrò metterti le mani addosso ti staccherò la testa dal collo, maledetta-! >>
Sarah non fece in tempo a finire quella frase, che venne interrotta dalla donna-demone, la quale le parlò con un tono annoiato.

<< Rilassati, non ho intenzione di farti nulla di male... Voglio solo mostrarti qualcosa. >>
Le disse.

Sarah ringhiò.

<< So che le mie parole non potrebbero mai raggiungerti, quindi ho semplicemente deciso di fartelo vedere... >>
Continuò subito dopo, attirando l'attenzione della donna.

<< "Farmi vedere" cosa, di preciso? Di cosa diavolo stai parlando?! >>
Esclamò Sarah, continuando a guardarsi istericamente intorno, alla ricerca di qualsiasi via d'uscita da quello strano vuoto.

<< Come è iniziato tutto. >>
Quelle parole la colsero del tutto impreparata.

"Come è iniziato tutto"? Cosa voleva dire? 


<< Ora rilassati, mettiti comoda... E goditi lo spettacolo. >>
Continuò Iris.
In quel preciso istante ci fu un potente lampo di luce in distanza, talmente intenso che Sarah fu obbligata a portarsi le mani davanti agli occhi per non venirne accecata.

Quando fu di nuovo in grado di vedere, si ritrovò nel mezzo di uno strano e gigantesco giardino che sembrò disperdersi a vista d'occhio.
Gli alberi avevano forme indescrivibili che mai vide prima in vita sua, dai quali pendevano degli strani frutti che sembravano lontanamente ricordare la forma delle mele.

Sarah provò ad afferrare uno di quei frutti rotondi, ma la sua mano passò attraverso quell'alieno frutto, quasi come se non fosse realmente li.
In quell'istante le parole di Iris le tornarono in mente.

"E' una illusione".

La donna abbassò lo sguardo, notando una strana erba bianca ai suoi piedi, poco più lunga del normale... Sembravano quasi delle piccole alghe.
Non c'erano fiori, perfino le foglie di quegli alberi erano bianche.

Istintivamente, qualcosa nel cielo attirò la sua attenzione...

...Impallidì davanti a quella scena.

Ciò che fino a pochi istanti prima le sembrò essere una montagna in distanza, si rivelò essere una gigantesca figura umanoide, con quattro paia di ali bianche da rondine, inginocchiata nel terreno e con il capo rivolto verso il basso.
Indossava una strana armatura talmente brillante che per Sarah fu difficile anche solo fissare quelle creatura.


<< Abbaddon. Uno degli Angeli che ci cacciò, tanti millenni or sono, dal Giardino. Non ricordo i dettagli precisi... La mia memoria è stata danneggiata quando siamo stati cacciati su Gaia. >>
Disse Iris.
Sarah capì perfettamente che stesse parlando di quella gigantesca figura umanoide.

<< Un... Angelo? Mi stai prendendo per i fondelli? >>
Domandò Sarah, incredula, impallidendo davanti a quella vista.

<< Gli Angeli... Creature perfette, immortali e onniscienti che abitavano l'Eden. Non ricordo quale fosse il loro compito, né per quale motivo nacque la ribellione... Ma ricordo perfettamente cosa accadde quel giorno. >>

Ad un certo punto delle nuove figure sembrarono comparire dal nulla, e ben presto il cielo venne ricoperto da una miriade di creature alate, tutte diverse le une dalle altre: alcune possedevano molte braccia, altre molte ali. 

Alcune erano più grandi, altre più piccole.
Certe usavano delle spade fiammeggianti, altre delle lance ghiacciate.

Nonostante ce ne fossero così tante, Sarah non fu in grado di vedere i volti di nessuno di loro. Sembrava come se la luce provenisse dai volti di quelle creature umanoidi.

<< Una battaglia prese luogo, a quel tempo, tra due fazioni: una, guidata dagli Arcangeli, e la seconda, guidata da Satan, padre di Bael e Lucifer. Lo scontro fu intenso, ma alla fine Satan venne sconfitto e incatenato all'Albero della Vita da Abbaddon, come segno di vittoria. >>
A ogni sua parola seguirono delle immagini, quasi come se fossero fotografie di quegli eventi.

Sarah vide una grossa e imponente figura alta almeno più di dieci metri incatenata a un gigantesco albero candido come la neve, ancora più alto di quella creatura a cui Iris diede il nome di "Abbaddon", con delle catene d'oro.
Quell'essere aveva due paia di ali da pipistrello, candide. Il suo volto era oscurato, quasi come se non avesse alcun tratto riconoscibile.


<< Satan divenne un esempio, i suoi seguaci invece furono puniti per le sue azioni. Quasi tutti vennero privati della loro immortalità e banditi dall'Eden... Cademmo, quindi, nel regno dei mortali.

Ogni seguace di Satan, da quel momento in poi conosciuto con il dispregiativo di "Demone", venne punito con una maledizione i cui effetti variarono da demone a demone, in base a quali fossero le loro ambizioni, i loro desideri e i motivi che li spinsero a prendere parte a quella ribellione.


La maledizione di Lucifer, ad esempio, ha due effetti: il primo, che potrebbe sembrare a prima vista positivo, gli permise di mantenere la sua immortalità. 
Il secondo lo privò di ogni dote rigenerativa: così facendo, ogni ferita sul suo corpo sarebbe rimasta per sempre aperta, senza mai potersi richiudere.

Quello fu uno dei motivi per cui Lucifer decise di evitare di prendere parte personalmente a qualsiasi genere di missione, a meno che non fosse strettamente necessario. >>

Alle parole di Iris seguì una immagine di Lucifer, con indosso degli stracci, intento a dare le spalle a una seconda figura con il volto oscurato, con una espressione innervosita in volto.

<< Quando arrivammo qui, tutti furono confusi. Chi in un modo, chi in un altro, provò a tornare nel Giardino, senza successo.

I nostri aspetti cambiarono radicalmente, quando cademmo dal Giardino. La maggior parte di noi acquistò delle forme simili a quelle degli esseri umani... Altri, invece, furono puniti con delle forme mostruose. Altri ancora, invece, acquisirono la capacità di mutare la loro forma, passando da una umanoide a una mostruosa, o viceversa.

Alcuni di noi non riuscirono a sopportare quelle nuove forme... Non passò molto tempo prima che scoppiasse il caos... Alcuni si tolsero la vita, con la speranza di venir riammessi nel Giardino, altri invece si scontrarono semplicemente per idee contrastanti...  A causa della rabbia, della disperazione. Ma ben presto... Tutto si calmò. La rabbia e la disperazione fecero posto alla paura: non sapevamo cosa ci aspettasse dopo la morte, dopotutto. 

Saremmo stati riaccolti nel Giardino? O, a causa della maledizione che ci venne inflitta dagli Angeli, avremmo cessato per sempre di esistere? Ben presto la paura prese il sopravvento, e il caos cessò.

Ci radunammo tutti insieme per vivere nascosti tra le foreste, lontani dagli esseri umani....

... Ma la nostra solitudine non durò a lungo.
Passarono appena un paio di centinaio di anni, prima che gli umani ci scoprirono.

All'inizio furono spaventati da noi, ma con il tempo le nostre razze cominciarono ad avvicinarsi sempre di più.

Non diventammo "amici"... Ma, sicuramente, non ci fu odio tra noi.
Dopotutto, le ostilità non erano ancora iniziate, e nessuno di noi Demoni provò mai odio verso gli umani...



... Non ancora, per lo meno.



Ben presto cominciammo a comunicare con loro.
Gli umani erano intelligenti: notarono rapidamente le nostre capacità fuori dalla loro "normalità", e ne rimasero affascinati. A quel tempo, la magia non esisteva ancora su Gaia, dopotutto: quella, per loro, fu una fantasia che divenne realtà.

Loro avevano la conoscenza di quel mondo, noi avevamo le capacità di manipolare la realtà a nostro piacimento.
Nonostante non fossimo "amici", umani e Demoni divennero "alleati": noi mettemmo a disposizione le nostre capacità, gli umani ci insegnarono ogni cosa inerente al loro mondo, le loro lingue, le loro culture, le loro tecnologie.

Noi, stupidamente, insegnammo loro la magia...
... Ciò a cui gli umani ambirono fin dal primo momento.



Nonostante le nostre differenze, umani e demoni furono in grado di collaborare per creare qualcosa di fantastico... Per qualche millennio, vivemmo insieme a loro, senza alcun problema... Alcuni riuscirono anche a dare vita a degli ibridi tra le due razze...

... Ma fu proprio quello che diede inizio alle ostilità.


Quei piccoli finirono lentamente emarginati, considerati come degli abomini dagli umani.
Un clima d'odio cominciò lentamente a spargersi intorno a noi, diventando sempre più comune ed espandendosi a macchia d'olio.


L'odio continuò a crescere sempre di più fino a quando, un giorno, un piccolo mezzo-demone incontrò la sua fine per mano di un gruppo di umani.

Non riuscimmo a capirne il motivo... Dopotutto, non avevamo fatto nulla per attirare verso di noi il loro odio, la loro paura.
Provammo a risolvere quella situazione parlando, ma fu del tutto inutile. >>

In quell'istante, una nuova immagine apparì davanti al volto di Sarah, che la fece impallidire in una frazione di secondo.


L'immagine di una città in fiamme, con il fumo nero che saliva fino al cielo... Un gruppo di figure osservava quella scena con espressione piene di rabbia in volto.
Riconobbe alcune di quelle dodici figure, ma non tutte.

<< Una notte, l'odio raggiunse finalmente il suo apice. Un gruppo di umani sparse un liquido infiammabile per le strade, mentre tutti dormivano, in un quartiere della città nella quale vivevano famiglie di demoni e umani. L'incendio che ne scaturì fu terrificante... Furono centinaia le vittime di quella futile e orribile violenza... Famiglie che non avevano sicuramente fatto del male a nessuno. Amici... Compagni... Conoscenti. Umani, demoni e mezzo-demoni perirono quella notte. E, come ciliegina sulla torta, gli umani incolparono noi per quell'incendio.

Presero le loro armi, i loro forconi e usarono la stessa magia che insegnammo loro contro di noi per cacciarci.
Ogni demone e mezzo-demone fu obbligato a fuggire da quella città per salvare loro stessi e le proprie famiglie... 


In quel preciso giorno, il clima d'odio cominciò finalmente a spargersi anche tra i Demoni: alcuni di noi persero familiari, quella notte, altri, conoscenti... Altri ancora, amici.

La gran parte di noi non riuscì ad accettare quella crudeltà irragionevole. >>

Non appena Iris disse quelle parole, varie immagine di alcuni membri dei Dodici Generali apparvero davanti agli occhi di Sarah.

Una di quelle fu l'immagine di Belzebub, intento a fissare il fuoco in distanza con occhi spalancati, rossi dalla rabbia, ringhiando.

<< Alcuni, increduli e colmi di rancore davanti alla crudeltà degli esseri umani, giurarono vendetta: li avrebbero ripagati con la loro stessa moneta. >>
Continuò Iris.


Seguì una immagine di Amon, con una espressione cupa in volto, anche lui intento a fissare quelle fiamme, con tre figure umanoidi che Sarah non riuscì a riconoscere alle sue spalle.
Ipotizzò che fossero i suoi tre fratelli, Ifrit, Behemot e Levyathan, prima che si trasformassero in quelle tre Bestie.

<< Altri, invece, rimasero in silenzio ad ammirare quella scena con il cuore pieno di rabbia.
Avevano insegnato la magia agli umani con la sola intenzione di rafforzare i rapporti con loro, e il modo in cui gli umani ripagarono la loro gentilezza fu con l'odio e la violenza.

Probabilmente, l'unico motivo per cui gli umani si avvicinarono a noi Demoni fu proprio per riuscire a maneggiare la magia loro stessi.


A causa di quei pensieri, il cuore di uno dei fratelli di Amon venne pervaso dall'odio e dalla rabbia, trasformandolo definitivamente in una gigantesca creatura dall'aspetto terrificante e serpentino, priva di qualsiasi forma di autocontrollo.

Amon sapeva che sia lui che i suoi fratelli soffrivano della stessa maledizione: doveva assicurarsi che nessun altro potesse fare la stessa fine di Behemot... 

Eppure, nonostante quella sua promessa, Amon e i suoi fratelli non riuscirono a sopportare la vista dei loro compagni cadere per mano degli umani, specialmente per mano dei cosiddetti "Ammazzademoni".

Esattamente come Belzebub, quindi, decisero di ripagarli con la loro stessa moneta.
Amon, ad esempio, capì che il modo migliore per ferire gli umani era quello di spezzare i loro figli, esattamente come gli umani fecero con i loro quella notte.

Altri, più semplicemente, decisero di ricambiare la violenza con la violenza... Chi in un modo, chi in un altro.
Mia sorella Venus faceva parte di questo gruppo, come anche Azael, qualche millennio dopo. >>



Non appena Iris finì di parlare, ci fu un secondo lampo di luce che per poco non accecò Sarah per l'ennesima volta.
Quando riaprì gli occhi, si ritrovò di nuovo all'interno delle segrete, con il suo fidato stocco ai suoi piedi.

Per un istante rimase incredula a guardarsi intorno, chiedendosi se quello che avesse visto fosse vero o meno.
Successivamente posò il suo sguardo confuso su Iris, notando che stesse ansimando.

Era, inoltre, parecchio sudata e sembrava incredibilmente provata.

<< Mi dispiace non averti potuto mostrare tutto... >>
Si scusò, trattenendo a malapena quel fiatone.

Sarah non le rispose: s'inginocchiò lentamente a raccogliere il suo stocco, rinfoderando lentamente la sua arma senza levare lo sguardo dalla donna-demone.

<< A causa della maledizione, la mia memoria è ancora offuscata... E, dopo millenni, alcuni dettagli scompaiono per sempre. Ciò che ho deciso di mostrarti altro non è che il semplice scheletro di ciò che avvenne realmente. Sei la prima persona su cui uso questa magia, ma non credo vorrò farlo ancora una volta... Consuma fin troppe energie, e fa riaffiorare brutti ricordi che io stessa ho disperatamente cercato di cancellare... >>
Continuò, senza ricevere neanche stavolta alcuna risposta dalla donna soldato.

Iris ridacchiò debolmente, quasi per nascondere la sua stessa tristezza, riaffiorata a causa di quelle memorie.

<< Ciò che ti ho mostrato è la verità... Che tu voglia crederci o meno, sta a te deciderlo. Se vuoi sapere di più, puoi venire a farmi domande quando vuoi. Non voglio essere una vostra nemica, io ero piuttosto legata agli umani... >>
In quell'istante Iris sollevò il suo sguardo, posandolo su Sarah, la quale non riuscì a credere con quali occhi la stesse fissando.

Gli occhi della donna erano lucidi, tremavano quasi come se stessero cercando disperatamente di tenere dentro delle lacrime che, prima o poi, si sarebbero comunque fatto strada sul suo volto.

<< Trovo ancora difficile fidarmi degli umani, ma... Dovrò comunque cominciare di nuovo da qualche parte... >>
In quell'istante, Sarah capì qualcosa che le fece congelare il sangue.


<< Cosa hai perso quella notte? >>
Non appena fece quella domanda, Iris spalancò lo sguardo.
Rimase immobile a fissarla per qualche secondo, pietrificata come una statua.

Sarah centrò il bersaglio.
Iris, però, si chiuse in un profondo silenzio, senza rispondere a quella sua domanda ed evitando ben presto il suo sguardo.

Da quel momento in poi, Sarah non avrebbe più ottenuto alcuna risposta da lei.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-5, grazie di avermi seguito e alla prossima!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 56
*** Capitolo 7-6: Il mio nome ***


Capitolo 7-6: Il mio nome

 



Fin da quando ho memoria, a nessuno importò nulla di noi. Ricordo i loro sguardi disgustati e divertiti, le loro parole d'odio. Neanche nostro padre si aspettò nulla da noi.

"Oh? Sarebbe lui il mezzo sangue?"

                                                                                                                                       "Si, mi fa quasi tenerezza."


   "Come ha potuto Milutin mischiare il suo sangue reale con quello di una popolana?!"


                                                         "Non si aspetterà davvero che Milutin li accetti come membri degli Heiner, vero?"


   "Che scherzo di pessimo gusto... Che avrà mai fatto Milutin di male per meritarsi questo?"



Per anni fummo le pecore nere della famiglia, io e mio fratello... "Incapaci buoni a nulla", i "figli di una sgualdrina da quattro soldi", "popolani che dovevano imparare quale fosse il loro posto".


Nostra madre era... Non possedeva nulla, a quel tempo. Era troppo debole per svolgere lavori manuali, e senza alcun titolo di studio le fu impossibile svolgere qualsiasi lavoro normale, ad Asgard.

Per questo dovette trovare metodi meno... Ortodossi, per usare un eufemismo, per portare i soldi a casa. E, in una di quelle notti, incontrò Milutin Heiner che, a quel tempo, era ancora il principe. Un viziato figlio di papà che andava in giro da un locale ad un altro per ubriacarsi, e che non perse l'occasione di divertirsi con una preda che poteva semplicemente pagare.



Non ero ancora nato, a quel tempo, ovviamente... Ma credo ciecamente a ciò che mi raccontò mia madre.
Quando nacqui, Milutin rispose alle sue richieste di aiuto deridendola.

"Quello non è figlio mio. E' il tuo, c'è differenza."


La pagò per lasciare il palazzo, per "stare lontana" da lui. 

"Se le persone sapessero che ho avuto una relazione con una sgualdrina, non mi guarderebbero più in faccia."
Le disse.

La cacciò via... Tutti sapevano chi fosse, cosa fosse accaduto.
Eppure, nessuno diede le colpe a mio padre. Infatti, tutti se la presero con mia madre.

"Ma guarda, scappa di nuovo con i soldi in mano."


Il segreto di Pulcinella. Nessuno ne parlò mai, benché tutti sapessero chi fosse la donna che Milutin cacciò quel giorno.



Amelia, quello è il nome di mia madre. Dovette allontanarsi dalla capitale per evitare di venir derisa e insultata da tutti... Si rifugiò in una casetta nelle campagne, molto piccola e vecchia. Un vecchio pastore gliela lasciò per un prezzo davvero basso, fummo fortunati.

Nikola... Quello fu il nome che mia madre mi diede... Un nome che mio padre non riconobbe mai.
Per lui, io non esistevo. Non ero un Heiner, no... Non ero nessuno.

Ironico... Odiai quell'uomo, eppure crescendo realizzai di essere la sua copia sputata. Posso solo immaginare come poté sentirsi mia madre nel crescere una persona uguale a quella che l'abbandonò.

Presto, i soldi che nostro padre diede a mia madre per lasciare il palazzo cominciarono a scarseggiare. A quel tempo non capii come facessimo ad andare avanti, e ci misi un paio d'anni a capire ciò che si nascondeva dietro le visite degli sconosciuti che mia madre invitava a casa ogni notte.

Quando diventai abbastanza grande da capire cosa stesse accadendo, decisi di affrontare mio padre in persona. Fui fortunato: lo trovai proprio davanti al cancello della sua villa.
Che stupido... Ero appena un ragazzino.

"Oh? Sei suo figlio?"
Mi domandò, con quel suo tono divertito.

"Devi aiutarla! Non può continuare così, sta soffrendo!"
A lui non importarono le mie parole.

"Dovrebbe importarmene? Sparisci, prima che le persone ti vedano! Quella sgualdrina sta facendo ciò che ha fatto per anni, non è un mio problema."
Fu in quel momento che compresi che l'unica cosa che avevo in comune con quell'uomo, era solo l'aspetto fisico.

Quell'uomo... Gli avrei fatto rimangiare quelle parole, in un modo o in un altro.



Un paio di giorni dopo la mia visita, fu mia madre ad andare da lui, da sola.
Quando tornò a casa, portò con se una grossa valigia piena di soldi. Mi disse che fu Milutin a darglieli, e che per un po' di tempo avrebbe finalmente potuto "riposare".

Appena due settimane dopo quella visita, venni a sapere che mia madre aspettasse un figlio... Collegati tutti gli indizi, non ci misi molto a capire il motivo che si nascondeva dietro quella improvvisa "generosità" di Milutin.

Odiai quell'uomo ancora di più, dopo quell'evento. Quel bastardo non fece altro che vedere mia madre come un oggettino da usare per poi lanciare via.
Tutt'ora dubito che mia madre fosse la prima a subire quel genere di trattamento... Chissà quanti figli illegittimi avrà avuto, in tutta la sua vita, quel vecchio ubriacone pervertito.

Non riuscendo ad accettare quella situazione, decisi finalmente di risolvere quella situazione con le mie stesse mani... Trovai un lavoro in una fabbrica: orari assurdi e paga al limite del vivibile, ma accettai.

Grazie a quella fabbrica fui in grado di alleviare le spese di mia madre, che poté dedicare il suo tempo a crescere il nuovo arrivato... E non ai suoi clienti.

Tesla, così lo chiamò.
Che strano nome... Ma credo decise di sapere perché lo chiamò così.


"Il ragazzino è un prodigio"
Ci disse il dottore che l'aiutò nel parto.

"Non appena l'abbiamo tolto dalla sua culla, ha cominciato a piangere e delle scariche elettriche hanno avvolto il suo corpo. "
Suppongo fosse quello il motivo che la spinse a dargli quel nome.


Anni dopo, decisi di lasciare quel lavoro. Avevamo abbastanza soldi da parte, non avevo più paura che mia madre potesse di nuovo percorrere quella strada.
Quando le dissi cosa avessi deciso di fare della mia vita, però, Amelia scoppiò a piangere.

"Perché vorresti arruolarti nell'esercito? Tu e Tesla siete le ultime cose che mi sono rimaste... Non andartene a morire lontano da casa, a lavorare per Milutin... Rimani qui con me, ti prego..."
Non riuscii a guardarla negli occhi. Aveva ragione: se mi fossi arruolato, alla fine dei conti sarei finito a lavorare per mio padre.

Ma il mio scopo era un altro. 
Le parole che mi dissi quel giorno... Non le dimenticai.


Quell'uomo l'avrebbe pagata per come trattò mia madre.


Nonostante le continue lamentele e proteste di mia madre, decisi comunque di partire. Mi imbarcai sulla prima nave diretta ad Avalon, e la salutai in silenzio mentre mi salutò dal porto accompagnata da Tesla, a quel tempo ancora piccolo. 
Anche lui era arrabbiato, ma me ne feci una ragione.

A quel tempo aveva cinque anni... Quando lo incontrai di nuovo, ne aveva appena compiuti dieci.


Arrivai ad Avalon senza sapere assolutamente nulla del posto... Ma non ci misi molto ad ambientarmi. Sicuramente un posto più ospitale e gentile rispetto a quello in cui vissi fino ad allora, nonostante la presenza di Xernes Ravier, il quale mi accettò con riluttanza all'interno dell'istituto Star

Devo dire che quegli anni furono i più belli della mia vita. Incontrai persone fantastiche con cui sono tutt'ora legato.

Viviane, Gwenevre e perfino quella testa calda di Andrew Medals...
Ma tra tutti loro fu una persona in particolare ad attirare la mia attenzione.

Altezzosa, fredda e difficile d'approcciare, ma per qualche motivo non riuscii a togliermela dalla testa fin dal primo momento che la vidi.
Finimmo insieme nella stessa classe, per volere del caso... Anche se tutt'ora penso che ci fosse lo zampino di Ehra, la direttrice.

Conosciuta come la "Regina di Ghiaccio", soprannome che le venne gentilmente dato da uno dei nostri compagni, una donna in grado di distruggere qualcuno con un semplice sguardo.

Eppure, nonostante quel suo carattere freddo e distaccato, non fui in grado di starle lontano. 
Più e più volte provò ad allontanarmi... Certe volte, anche con le cattive maniere.

Ma alla fine... Tornai sempre indietro da lei.
Purtroppo, però, lei non sembrò mai ricambiare i miei sentimenti.



Quando tornai a casa, circa cinque anni dopo, trovai Milutin su tutte le furie. Non riuscì ad accettare il fatto che io mi fossi diplomato come mago in un istituto di Avalon, e non uno di Asgard. Dopotutto, già a quel tempo Asgard e Avalon erano nel mezzo di una guerra fredda.


Fui contento di vederlo così infastidito, ma quello fu solo l'inizio.
Volevo infangare il suo nome, volevo obbligarlo a riconoscermi pubblicamente... Io, il "figlio di una sgualdrina" che lui stesso ignorò e nascose per così tanto tempo.


E, con il tempo, sarei riuscito a ottenere ciò a cui ambivo.


Durante un mio viaggio a Mistral, infatti, incontrai un certo Spirito, nel mezzo di una foresta abbandonata.
Una Tigre Bianca circondata da svariate scariche elettriche azzurre.

I suoi occhi erano luminosi, il suo pelo chiaro con svariate striature nere. 
Era gigantesca e terrificante.

Sentii molte storie legate a quello spirito, di quanto fosse distruttivo e difficile da controllare.
Potei sentire la sua incredibile energia anche a metri di distanza da quella creatura. La sua sola presenza bastò a farmi inginocchiare davanti a lei.
Eppure era una creatura bellissima, tanto possente quanto delicata.

Rimasi stupito, infatti, quando cominciò a parlarmi con una voce femminile.

"Cosa stai cercando qui in Oriente, soldato del Nord?"
Mi domandò, non appena mi vide.


Rimasi sorpreso dal fatto che sapesse da dove venissi.


Non siamo noi umani a scegliere con quale Spirito creare un contratto...
...Sono gli Spiriti a scegliere con chi stipularli.

Per qualche motivo, Byakko scelse me, quel giorno. Qualcosa in me attirò la sua attenzione.

E, quando Amon attaccò Asgard, mi assicurai che mio padre vedesse in prima persona la potenza di Byakko.
Non fui in grado di sconfiggere Amon, ma anche grazie all'aiuto di altri soldati, riuscimmo a scacciarlo.

Quel giorno, finalmente, raggiunsi il mio scopo.
Rimasi in silenzio a fissare mio padre con un ghigno soddisfatto in volto, quando fu obbligato a consegnarmi il titolo di Cavaliere per aver protetto Asgard da quella minaccia.

Quel giorno mio padre fu obbligato a riconoscere il mio nome, un nome che, fino a quel momento, continuò a ignorare.
"Nikola Heiner". Provò in tutti i modi a evitare di dire il mio cognome, quindi fui io stesso a ricordargli quale fosse.

Ricordo ancora perfettamente quel suo sguardo furioso... Non posso descrivere a parole la soddisfazione che provai quando cominciò a digrignare i denti, sentii anche parecchie persone mormorare intorno a me.
Tutti, all'interno del palazzo, erano a conoscenza delle relazioni illecite dell'imperatore... Ma, al di fuori di quelle quattro mura, nessuno ne era a conoscenza.

Quel giorno, mio padre cominciò a odiarmi esattamente come feci io per più di vent'anni... Ma, a differenza mia, lui non poté fare nulla contro di me. Fu obbligato a ringraziarmi per il lavoro svolto, a incoronarmi come uno dei Quattro Cavalieri di Asgard.  Insomma, dopotutto non poteva tirarsi indietro nel mezzo dell'incoronazione.


Quel giorno mandai finalmente in frantumi quella sua immagine, e assaporai a pieno ogni singolo istante di quei minuti.


La notizia si sparse a macchia d'olio su tutti i giornali, ricordo ancora alcuni di quei titoli: "Il figlio illegittimo dell'imperatore Milutin Heiner salva la nazione!" o qualcosa di quel tipo.

Quando tornai a casa, mia madre mi corse in contro solamente per abbracciarmi: non disse nulla. Quando cominciò a piangere la strinsi forte a me, ricordandole che non l'avrei mai abbandonata.


E, per fare ancora un altro dispetto a nostro padre, decisi che avrei allenato anche Tesla.
Era molto più forte di quanto io fossi alla sua età... Chissà dove sarebbe potuto arrivare, se gli avessi insegnato come usare quei suoi poteri.


Milutin avrebbe dovuto riconoscere anche il suo nome.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-6! Grazie di avermi seguito e alla prossima con il penultimo capitolo del volume 7!

 

Ritorna all'indice


Capitolo 57
*** Capitolo 7-7: Cosa aspetta il Futuro [1-2] ***


Capitolo 7-7: Cosa aspetta il Futuro [1-2]




<< Concentrati. >>
Lo rimproverò Vermilion, dopo l'ennesimo tentativo fallito nell'invocare Phoenix, con un tono di voce infastidito e le braccia conserte.
Erano appena trascorse due ore da quando lasciarono l'ufficio di Xernes.

<< Non puoi aspettarti di riuscire a controllare le fiamme di Phoenix, se continui incessantemente a perdere la tua concentrazione, a viaggiare con la testa. >>
Continuò.




Dopo una breve discussione con Xernes il gruppo fu diviso in due: Seryu Alcher e Jessica Rosefield vennero invitati dal Gran Generale a rimanere all'interno del palazzo, in due stanze per gli ospiti, mentre Michael rimase sotto le cure di Vermilion, che decise d'insegnargli come controllare le fiamme di Phoenix.

Dopotutto, non era a conoscenza di quanto tempo avrebbe trascorso all'interno del suo corpo. L'unica cosa che le venne in mente fu di mostrargli come usare quelle fiamme, in caso si fosse ritrovato in una situazione di pericolo.




In quell'istante Michael si sedette nel terreno, ansimando, sollevando poi lo sguardo verso il cielo.
Si trovavano all'esterno del palazzo, controllati da Sarah Ravier, intenta a lavorare per riparare i danni causati qualche ora prima durante la sua piccola scaramuccia insieme a Iris.


<< Mi dispiace... Lo sai che non posso controllare il mio Mana, te l'ho già detto che non riesco a farlo... >>
Le rispose il ragazzo dai capelli rossi, affaticato dall'allenamento.

<< Perché continui a provare a usare il tuo Mana? >>
Ringhiò la ragazza, infastidita sempre di più dalle parole di quel ragazzino.

<< Eppure te l'ho detto almeno tre volte! >>
Continuò.

<< E allora come dovrei farlo? Se non devo attingere al mio Mana, come dovrei usare quelle fiamme? >>
Le domandò Michael, posando ancora una volta il suo sguardo confuso sulla ragazza.

Sentendo quella sua domanda, Vermilion sbuffò con fare infastidito.

<< Te lo spiegherò un'altra volta... >>
Gli disse.

<< Tieni le orecchie aperte, questa volta, e cerca di non distrarti. >>
Aggiunse subito dopo.
Michael le rispose con un cenno positivo del capo, alzandosi rapidamente dal terreno e fissandola con uno sguardo concentrato.


<< Non puoi attingere alle tue riserve di Mana quando invochi uno Spirito. O, per meglio dire, è fattibile ma è sconsigliato anche per i maghi più abili. >>
Spiegò la ragazza, ancora una volta, usando parole ancora più semplici.

<< E allora come dovrei...? >>
Le domandò Michael, non riuscendo a capire come avrebbe dovuto invocare Phoenix.

<< Per farla breve, stai sbagliando approccio. >>
Quelle parole colsero Michael alla sprovvista.

<< Quando invochi uno Spirito, attingi alle sue riserve di Mana, non alle tue. Per questo i contratti con gli Spiriti sono la via più "facile" per poter usare la magia. In questo modo chiunque può usarla, anche se non ha controllo del proprio Mana... Ma non è tutto oro ciò che luccica: ad esempio, l'intensità e il numero delle magie utilizzabili sono legate alle capacità dello Spirito con il quale è stato instaurato un contratto, e anche dal rapporto che si ha con l'entità. Se uno Spirito non ti vede più degno di usare i suoi poteri, allora non riuscirai ad attingere al suo Mana. Ed è questo che sta succedendo. Che siano i tuoi motivi, o i tuoi pensieri... Phoenix non ti vede ancora come un suo degno proprietario, quindi non ti permette di attingere ancora ai suoi poteri. >>
Spiegò la ragazza.

In quell'istante delle fiammelle cominciarono a danzare intorno al suo indice: sembravano quasi delle falene attratte dalla luce.

<< Vedi? Non devi obbligatoriamente invocare lo Spirito per attingere ai suoi poteri. Ovviamente, non è sempre fattibile: per raggiungere questo livello, infatti, serve un grande rapporto di fiducia tra Spirito e Contraente. >>
Subito dopo aver detto quelle parole, quelle fiammelle misteriose scomparvero nel nulla esattamente come apparvero poco prima, lasciando Michael completamente incredulo ed estatico.

<< Quindi... Come dovrei farlo? >>
Le domandò, portandosi una mano al mento, con uno sguardo confuso e pensieroso.

<< Perché sono più che sicuro mi abbia detto che mi avrebbe aiutato quando avessi necessitato del suo aiuto... O qualcosa del genere, non ero esattamente cosciente quando è successo... >>
Continuò subito dopo.

Quelle parole colsero Vermilion alla sprovvista.
Rimase per un istante a fissare il suo nuovo compagno con una espressione sorpresa, prima di tornare in se e fargli quella domanda.


<< Tu... Hai parlato con Phoenix? >>
Gli domandò, incredula.

Michael sembrò sorpreso da quella domanda.

<< Si, dopo aver perso i sensi... Perché? E' strano? >>
Chiese il ragazzo.


Quella rivelazione colpì Vermilion come un fulmine a ciel sereno.


<< Non riesco a crederci... Che io sappia, sono stata la prima persona con cui Phoenix abbia interagito, al di fuori della stipulazione del contratto... >>
Sentendo quelle parole, gli occhi di Michael s'illuminarono come fari nel buio.

<< Significa che sono speciale?! >>
Esultò, incredulo davanti alle sue stesse parole.

<< Potrebbe essere semplicemente legato al tuo status di mezzo-demone, cerchiamo di rimanere con i piedi per terra fino a quando non comprendiamo meglio cosa stia accadendo, per cortesia. >>
Gli disse la ragazza, riportandolo rapidamente con i piedi per terra.
Michael sembrò amareggiato da quella risposta.

<< In ogni caso... Continuiamo con l'allenamento. Dovresti riuscire per lo meno a usare due o tre incantesimi base: se necessario, dovrai difenderti. E se consideriamo il fatto che non puoi usare magie tue... >>
Continuò, cambiando rapidamente discorso.

< ... E che sarebbe preferibile non avere un mezzo-demone incontrollato in giro per la capitale, se dovesse perdere il controllo... >
Pensò subito dopo, tenendosi quel pensiero per se stessa.

<< ... E' meglio tu conosca almeno un incantesimo offensivo a medio-corto raggio, uno difensivo e, magari, uno di potenziamento fisico-curativo. >>
Concluse subito dopo.

<< Come... Dovrei farlo? >>
Ripeté ancora una volta il ragazzo.

<< Considerando che in qualche modo sei riuscito a metterti in contatto con Phoenix, significa che ti ha accettato, anche se momentaneamente, come Contraente. Quindi non dovresti avere problemi. Se seguirai i miei consigli, riuscirai a invocare Phoenix senza difficoltà. Quando sentirai un intenso calore provenire da dentro di te, allora potrai invocarla al tuo fianco. Sei pronto? >>
Gli domandò Vermilion, ricevendo una rapida risposta positiva da Michael, con un cenno del capo.



<< Bene, rilassati. Chiudi gli occhi, concentrati. Libera la mente da ogni pensiero. Non devi pensare, non devi muovere neanche un muscolo. >>
Mentre Vermilion disse quelle parole, Michael seguì passo per passo la sua guida.

Rimase immobile in mezzo a quello spiazzale di mattoni bianchi: gli unici rumori che fu in grado di sentire furono il suo respiro, il dolce soffiare del vento e le parole della ragazza.


Ma, ad un certo punto, alcuni pensieri più oscuri cominciarono a riecheggiare nella sua testa.
In qualche modo, fu in grado di nascondere le sue preoccupazioni alla sua insegnante.


<< Ottimo, così dovrebbe andare bene. Senti un intenso calore provenire dall'interno del tuo corpo? >>
Gli domandò Vermilion.

<< N... Non proprio... >>
Sussurrò il ragazzo.

Vermilion sbuffò.

<< Ok, fermati un secondo. >>
Non appena disse quelle parole, Michael sollevò il suo sguardo incuriosito, posandolo sulla ragazza.

<< Hai liberato la mente come ti ho detto? >>
Gli domandò, con un tono infastidito, incrociando le braccia davanti al petto.

<< Forse... >>
Sussurrò Michael.


Vermilion sembrò innervosita da quella risposta.


<< "Forse"? Ti ho detto di non pensare a nulla. Perché stai ignorando le mie indicazioni? >>
Gli domandò la ragazza.

<< Non li sto ignorando, è solo che... >>
Non appena disse quelle parole, una espressione preoccupata e triste apparve nel volto di Michael. 
Abbassò lo sguardo lentamente verso il terreno, attirando la curiosità e la compassione di Vermilion.

<< Non riesco a smettere di pensarci... >>
Continuò subito dopo, senza specificare a cosa si stesse riferendo.


< Ah... Quindi è così. >
Pensò Vermilion, capendo rapidamente quale fosse il problema alle spalle dei continui fallimenti durante quell'allenamento.


<< Io credevo che fosse un problema di connessione tra Phoenix e te, e invece... E' tutt'altro. >>
Disse la ragazza, attirando l'attenzione di Michael, che a malapena sollevò lo sguardo verso di lei.

<< Non sei concentrato. Sei distratto, perso nelle tue preoccupazioni. E ho una vaga idea di quali possano essere... >>
Mentre Vermilion disse quelle parole, Michael continuò a fissarla con uno sguardo incredulo, occhi tremanti, lucidi, quasi spaventati ma, allo stesso tempo, incantati.


"Paura"
Quello era ciò che bloccò Michael, in quei momenti, ciò che gli impedì di richiamare Phoenix al suo fianco.
La paura di "perdere il controllo ancora una volta", di "mettere in pericolo i suoi amici", di come "l'avrebbero guardato le altre persone, quando sarebbero venute a conoscenza di quale fosse la sua vera identità".

Il suo scopo iniziale, quello di seguire le orme del grande Merlin, diventare un soldato che avrebbe combattuto per proteggere gli altri, ben presto cominciò a vacillare.
Chi avrebbe mai avuto fiducia del figlio di uno dei peggiori macellai assetati di sangue che Gaia aveva mai visto fino a quel momento?
Chi avrebbe mai chiesto aiuto a lui, il figlio di un mostro?
Come avrebbe dovuto comportarsi quando, invece di essere rallegrate, le persone avrebbero gridato aiuto alla sua sola vista?


La paura di diventare un mostro al pari di suo padre, anche senza aver commesso alcun crimine, impedì al giovane ragazzo di riuscire a proseguire per la strada che si impose anni prima.
Nonostante provò a seguire i consigli di Neptune, Abraxas centrò a pieno il segno.

Michael finse di essere riuscito a vincere quelle sue paure per non far preoccupare le persone intorno a lui... Ma il suo cuore era tutt'altro che calmo, sincero.
Era terrorizzato, piangeva in silenzio senza farsi scoprire, per poi fingere di sorridere quando le altre persone incrociavano il suo sguardo.


Nonostante i suoi tentativi, Michael non fu in grado di nascondere i suoi veri sentimenti a Vermilion...
...Dopotutto, le furono fin troppo familiari per non riconoscerli.



<< Tu sei tu. Tuo padre era tuo padre. Siete due persone completamente differenti: solamente perché lui era un criminale terribile non significa che debba esserlo anche tu. Il tuo futuro è nelle tue mani, non in quelle delle altre persone. Se sparlano di te... Lasciale sparlare. Ma non abbandonare mai la tua strada. Continua dritto senza mai guardarti alle spalle e dimostra a quelle persone quanto si sbagliavano. E' questa l'unica cosa a cui devi pensare... >>
Gli disse.

<< Hai paura di perdere il controllo? Allora non perderlo. Hai paura di ferire le altre persone? Allora non farlo. Quei poteri sono tuoi e nessun altro può usarli se non tu. I modi in cui le altre persone pensano che tu li usi, non ha importanza. Domina quei poteri, falli tuoi e mostrali a chi ti circonda con un gigantesco sorriso sulle labbra. >>
Continuò.


Michael rimase in silenzio a fissare quella ragazza senza muovere neanche un muscolo, con occhi lucenti e colmi d'ammirazione quasi come se avesse assistito all'apparizione di un angelo.


<< Se le persone vogliono chiamarti come "Figlio di Azael", allora che lo facciano pure, permettiglielo. Fino a quando non vedrai la faccia di quel mostro al posto della tua, quando ti guarderai allo specchio, allora non avrai nulla da temere. >>
Aggiunse subito dopo, porgendogli una mano con un gigantesco e delicato sorriso in volto.


<< "Non rimanere legata alle tue paure, al tuo passato, altrimenti rimarrai impantanata... E, a quel punto, o proverai a liberarti, o ti ritroverai a mentire a te stessa nel tentativo di sentirti meglio. E, come soldato, mentire non è una opzione." >>
Gli disse.

<< Una persona che conosco mi disse queste parole, quando il mio maestro perse la vita. E devo molto a quelle sue parole, per quanto semplici possano sembrare. >>
Aggiunse, quando Michael afferrò la sua mano, senza mai smettere di contemplare quei suoi occhi.

<< Ora andiamo, proviamo di nuovo. Questa volta, però, cerca davvero di liberare la tua mente. >>
Concluse subito dopo.

Improvvisamente una espressione determinata e sicura apparve nel volto del ragazzo.

<< Si signora! >>
Esclamò, 
stringendo un pugno davanti al suo volto come se volesse mostrarle quando fosse forte la sua determinazione.

In quel preciso istante qualcosa d'inusuale e inaspettato attirò l'attenzione della ragazza.
Per una frazione di secondo le sembrò quasi come se una piccola e debole fiammella azzurra si fosse materializzata intorno al suo pugno.


< Cosa è stato? >
Si domandò, notando quella fiammella scomparire in un battito di palpebre, senza esternare il suo stupore e confusione.

< Me lo sono immaginata? >
Aggiunse subito dopo, senza distogliere lo sguardo dal pugno del ragazzino davanti a se.


Prima che potesse farsi qualsiasi altra domanda, un applauso proveniente dalle sue spalle attirò la sua attenzione.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-7, grazie di avermi seguito e alla prossima con la fine del volume 7!





 

Ritorna all'indice


Capitolo 58
*** Capitolo 7-8: Cosa aspetta il Futuro [2-2] ***


Capitolo 7-8: Cosa aspetta il Futuro [2-2]

 


Vermilion rimase in silenzio con lo sguardo fisso su quella persona, non riuscendo a credere ai suoi stessi occhi.
Si domandò come fosse possibile che si trovasse li, davanti a loro: dopotutto, partì qualche mese prima accompagnato da Merlin e il suo gruppo, per Asgard.


Era un uomo alto, vicino ai cinquant'anni e pieno di forze. Stava li, immobile, ad applaudire gentilmente con un sorriso genuino in volto.

<< A... Arthur?! >>
Esclamò Vermilion, non riuscendo a credere ai suoi occhi. 
Non appena sentì quel nome, Michael impallidì. Fissò l'uomo in silenzio, immobile come una statua e con lo sguardo spalancato.

<< Cosa ci fa qui, comandante? Non si trovava ad Asgard? Dove si trova Lord Merlin? >>
Gli domandò.


I capelli di Arthur erano lunghi e di colore biondo chiaro, legati a coda di cavallo dietro la sua armatura argentata, talmente scintillante da riflettere i raggi del sole come uno specchio. I suoi occhi erano celesti.
Legato alle spalle indossava un mantello rosso nella parte interna e nero in quella esterna. Legata dietro la schiena, e coperta dal mantello, vi era un grosso spadone a due mani, lungo e pesante. 

Sull'elsa nera di quella grossa lama vi era incisa una scritta in oro: "Clarent"
Sulla sua cinta nera, invece, vi era una seconda lama, più corta e sottile rispetto alla prima oltre a essere più leggera e facilmente maneggiabile.

Anche sull'elsa argentata della seconda lama vi era inciso un nome, ma stavolta di colore nero. 
"Excalibur".


<< Mi sono separato dai miei compagni quando mettemmo piede in Asgard, Vermilion. Merlin voleva fare degli allenamenti, io avevo altri piani. Mentre loro rimasero li, io continuai il viaggio per conto mio. Quando ricevetti la chiamata di Xernes, mi trovavo già nei paraggi di Avalon, quindi sono arrivato appena ho potuto. >>
Spiegò l'uomo alla ragazza, con un tono di voce gentile ma, allo stesso tempo, imponente.

<< Sono felice di sentirvelo dire, comandante. >>
Gli rispose Vermilion, portandosi una mano al petto e facendo un sospiro di sollievo.

<< Con lei vicino, non mi sento più così preoccupata. >>
Continuò, sorridendogli.

Arthur ricambiò il sorriso della sua subordinata.

<< Non abbassare comunque la guardia, Vermilion. >>
Le disse l'uomo.

<< Non possiamo sapere cosa ci aspetti il futuro, dopotutto. >>
Continuò.
Non appena Arthur disse quelle parole, Michael sentì una sincera e delicata risatina provenire da Vermilion.

<< Conoscendola, signore, sembra quasi una battuta. >>
Disse, la ragazza.


Un sorriso sincero ma, allo stesso tempo, malinconico apparve nel volto di Arthur, in quell'istante.


<< Sono felice di averti sentito pronunciare le parole che ti dissi anni fa, Vermilion. E' un bene che tu sia finalmente riuscita a sconfiggere le tue paure. >>
Rispose Arthur, cambiando discordo, muovendosi con un passo lento ma deciso verso la ragazza.

<< Ho ancora tanto da affrontare, signore. >>
Continuò Vermilion.
In quell'istante il soldato appoggiò delicatamente la sua mano sui capelli della ragazza, stropicciandole gentilmente i capelli senza smettere di sorridere.

<< Oh, lo so perfettamente. Non devi essere così formale con me, quando siamo soli. Te l'ho già detto. Xanders era come un padre, per te, e il mio migliore amico. Sono felice di aver potuto finire ciò che lui non è riuscito a fare. >>
Continuò l'uomo, guardando quella ragazza con gli stessi occhi di un padre.
Vermilion singhiozzò per un attimo, e i suoi occhi si illuminarono di tristezza e ammirazione.

<< Mi dispiace... >>
Si scusò Vermilion, abbassando lo sguardo, imbarazzata.

<< .. E' solo che non sono abituata... >>
Continuò.

In quell'istante Arthur ridacchiò, facendo un passo all'indietro e sollevando la mano dal capo della ragazza.

<< Hai uno spirito molto forte, Luciana. Non perderlo mai: sono certo che ci sia un futuro brillante, davanti a te. >>
Non appena disse quelle parole, Arthur posò il suo sguardo su Michael.


Per una frazione di secondo lo sguardo calmo e gentile del soldato si tramutò in uno preoccupato.


<< Oh, tu devi essere il figlio di Azael di cui Xernes parlava. >>
Quelle parole ferirono Michael come se fossero delle lame.

Il suo cuore saltò un battito, e strinse inconsciamente i pugni non appena Arthur disse quelle parole.

<< S...Si. Sono io... >>
Mormorò, abbassando lo sguardo.


In quell'istante quella preoccupazione cominciò a riecheggiare nella sua mente come l'eco nelle montagne...

Tutti sembravano conoscerlo come "il figlio di Azael", quasi come se non avesse una propria identità.


Arthur notò lo sguardo del ragazzo, e ben presto fece un passo indietro.

<< Perdonami, ragazzo. >>
Gli disse, attirando la sua attenzione, cogliendolo alla sprovvista.

<< E' stato irrispettoso chiamarti in quel modo, permettimi di provare una seconda volta. >>
Continuò, dopo aver fatto un breve inchino.

<< Il mio nome è Arthur IX Pendragon. E' un onore per me fare la tua conoscenza, Michael Jeremy Rider. >>
Gli disse, portandosi una mano davanti al petto.

<< Ho visto molto, di te. >>
Aggiunse subito dopo.


Quelle parole lasciarono Michael incuriosito e confuso.

<< Hai... "Visto"? >>
Ripeté, con uno sguardo smarrito.

In quel preciso istante Arthur sorrise, per poi fare un breve inchino ai due ragazzi.

<< Perdonatemi, ma ho paura di non avere altro tempo da dedicarvi. >>
Disse.

<< Devo dirigermi dal Gran Generale Xernes per discutere ciò che accadrà nei prossimi giorni, è meglio essere preparati a ogni eventualità. >>
Continuò, posando poi il suo sguardo su Vermilion.

<< Non si sa mai cosa potrebbe accadere. >>
Aggiunse subito dopo, dando poi le spalle ai due ragazzi, allontanandosi con passo rapido in direzione dell'entrata di Camelot.

<< Continuate pure con il vostro allenamento e perdonate la mia intrusione. >>
Concluse, salutando la coppia con la mano.


Michael continuò a fissare intensamente il soldato fino a quando non scomparve dalla sua vista, ancora incredulo di aver incontrato qualcuno di così importante.

<< Se mi avessero detto che un giorno avrei incontrato Arthur Pendragon... Non ci avrei creduto. >>
Borbottò tra se e se.

<< E' così figo... >>
Aggiunse subito dopo.

<< Smetti di fare il fan sfegatato, e riprendiamo l'allenamento. >>
Lo rimproverò Vermilion, facendo tornare Michael in se.

<< Sei in buoni rapporti con Arthur? >>
Le domandò Michael.

<< Si. Quando il mio maestro perse la vita, fu Arthur a prendermi sotto la sua ala. Mi aiutò nei momenti più difficili, e se ora sono qui lo devo anche a lui. >>
Sospirò Vermilion.

<< Come è accaduto? >>
Le domandò Michael.

Per un attimo, Vermilion non gli rispose.
Abbassò lo sguardo, incrociando le braccia davanti al petto e singhiozzando in silenzio.


<< Fu Amon a ucciderlo. >>
Quella risposta colse il ragazzo alla sprovvista: non riuscì a risponderle nulla.

<< Quel giorno andammo ad allenarci insieme a Xanders e... Amon decise di farci una visita. >>
Continuò, cominciando a tremare.

<< Quando riaprii gli occhi, era ormai troppo tardi. Per qualche motivo, in qualche modo, fui l'unica superstite. >>
Concluse subito dopo.

<< Mi dispiace, non avevo alcuna intenzione di... >>
Le rispose il ragazzo, riconoscendo l'errore che aveva commesso.

<< No, non preoccuparti. >>
Lo interruppe Vermilion, smettendo di singhiozzare.

<< E' tutto apposto. Non è un segreto, in ogni caso... Non ho motivo per non raccontarlo, se mi viene chiesto. >>
Continuò, asciugandosi gli occhi lucidi con un braccio.

<< Continuiamo con l'allenamento, abbiamo già sprecato troppo tempo. >>
Concluse subito dopo.

<< Posso chiederti un'ultima cosa? >>
Domandò Michael alla compagna, attirando la sua curiosità.

<< Fai pure. >>
Gli rispose.

<< Cosa intendeva con... "Ho visto molto, di te"? Intendeva dire di aver "sentito" parlare di me? >>
Le chiese, ancora confuso dalle parole di Arthur.

Vermilion non gli rispose subito.
Fissò il ragazzino con uno sguardo confuso, quasi come se fosse stupita da quella sua domanda.

<< Non conosci l'abilità di Arthur? >>
Gli domandò, incredula.

Michael le rispose con un cenno negativo del capo.

<< Non può controllare quando farlo, ma Arthur può vedere il futuro. >>
Gli rispose.



<< Potresti ripetere? >>
Domandò Xernes al suo subordinato, incredulo e scioccato da quella rivelazione.

<< Cinquantadue ore, signore. E' il tempo che ci resta prima dell'attacco. >>
Non appena Arthur ripeté quelle parole, Xernes colpì violentemente con un pugno la scrivania davanti a cui era seduto.

<< Non può essere! >>
Esclamò, furioso.

<< Generale, con tutto il rispetto, non può lasciarsi prendere dalla frustrazione, non in questo momento. Dobbiamo agire con calma e compostezza, altrimenti non riusciremo a risolvere nulla. >>
Non appena Arthur disse quelle parole, Xernes si portò una mano davanti al volto, massaggiando delicatamente la sua fronte per qualche secondo.

<< Cinquantadue ore non sono abbastanza per permettere a Merlin e il suo gruppo di tornare ad Avalon... >>
Mormorò il generale, con un tono fragile e disperato.

Subito dopo aver detto quelle parole, Xernes prese un profondo respiro.
Si appoggiò delicatamente alla sua scrivania con i gomiti, posando il suo sguardo preoccupato, ma calmo, sul suo compagno.

<< Che altro puoi dirmi, Arthur? >>
Gli domandò, con un tono angosciato.

Arthur indicò un punto in una mappa di Magnus riposta sulla scrivania.

<< Saremo attaccati nel Distretto Sud, quindi è meglio evacuarlo il prima possibile. Nelle mie visioni, ho visto la città in fiamme, cadere a pezzi. Se siamo fortunati, ciò che ho visto era solamente il risultato dello scontro nel Distretto Sud e non ciò che rimaneva della Capitale. >>
Spiegò il soldato, con un tono cupo.

Xernes ringhiò, guardando la cartina sul tavolo.

<< Provvederò a far evacuare l'intero Distretto Sud e le zone limitrofe degli altri due distretti entro le prossime dodici ore. >>
Disse, sollevando di nuovo lo sguardo sul suo soldato.

<< Chi ci attaccherà? >>
Gli domandò, subito dopo.

<< Nelle mie visioni ho visto i volti di Asteroth, Belzebub Ifrit. >>
Rispose Arthur.
Sentendo quelle parole, Xernes cominciò a digrignare i denti dalla rabbia.

<< Ben tre Generali...?! >>
Ringhiò.

<< Signore, con tutto il rispetto... Quelli sono solo i tre che ho visto. >>
Non appena Arthur disse quelle parole, Xernes posò il suo sguardo inferocito su di lui.

<< Per quanto ne sappiamo, potrebbero essercene altri. Non possiamo abbassare la guardia. >>
Continuò Arthur, poco dopo.


Xernes cominciò a digrignare i denti dalla rabbia, ringhiando come un cane inferocito davanti a un intruso.

<< Sarà un massacro... Dobbiamo riuscire a risolvere questa situazione altrimenti non sarà solo Magnus a cadere, ma l'intera Avalon...! >>
Ruggì, posando ancora una volta lo sguardo sul suo uomo.

<< Hai altro da dirmi? >>
Gli domandò, ancora una volta, alla ricerca di altri dettagli utili.

<< I ragazzi. >>
Quelle parole colsero il generale alla sprovvista.
Fissò il suo subordinato con uno sguardo confuso per un istante, prima di rispondergli.

<< Che hanno a che fare quei ragazzini con le tue visioni? >>
Gli domandò l'uomo, confuso dal fatto che Arthur li avesse nominati.

<< Saranno sul campo di battaglia. Credo sia opportuno, quindi, rivelare loro i dettagli di cui siamo a conoscenza. >>
Quella rivelazione sembrò non andare a genio a Xernes.

<< Assolutamente no. Non lascerò che dei ragazzini inesperti che hanno appena lasciato il nido- >>
Controbatté il generale, infastidito da quelle parole.

<< Con tutto il dovuto rispetto, signore. >>
Lo interruppe Arthur.

<< Quando mio padre mi mandò sul campo di battaglia, ero più piccolo di loro. >>
Gli disse.
Xernes abbassò lo sguardo, sospirando.

<< Non si può cambiare il futuro... Provammo ad avvertire suo padre che sarebbe perito per mano di Amon, e non servì a nulla. >>
Sentendo quelle parole, Xernes riprese a ringhiare.

<< Se quei ragazzini si ritroveranno coinvolti nello scontro, e accadrà, allora ci conviene rivelare loro ciò di cui siamo a conoscenza. Se per qualche motivo dovesse accaderci qualcosa, non possiamo permetterci di portare questi segreti insieme a noi nella tomba. >>
Non appena Arthur disse quelle parole, qualcosa attirò l'attenzione di Xernes.

Unì le mani davanti al suo volto, fissando il suo subordinato con uno sguardo cupo e incuriosito, quasi come se avesse capito che gli stesse nascondendo qualcosa.


<< Arthur... Che altro hai visto? >>
Gli domandò.

Il soldato non gli rispose.

<< Per quale motivo stai provando a convincermi di mandare al suicidio un gruppo di ragazzini inesperti, tra cui mio figlio, nel mezzo di uno scontro con i membri dei Dodici Generali Demoniaci? >>
Gli domandò.
Arthur non rispose neanche dopo questa domanda.

<< Rispondimi! >>
Ordinò l'uomo, alzandosi di scatto dalla sua sedia.

<< Cosa hai visto che mi stai tenendo nascosto?! >>
Esigette ancora una volta dal suo subordinato.


<< Ho visto la mia morte, signore. >>
Gli rispose.

____________________________________________________________________________________________________________

Fine del capitolo 7-8 e, con esso, del volume 7! Alla prossima con l'in