Recensioni di blackwhite_swan

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Wars of the Roses - 26/10/20, ore 10:36
Capitolo 7: Capitolo 6
Volevo recensire ieri sera, ma mi sono persa via studiando, ma fortunatamente ora ho una lezione piuttosto noiosa in corso, quindi posso mettermi all'opera.
Io amo questi capitoli così corposi sappilo, sono fantastici e sono molto contenta che già mercoledì arriverà il prossimo (anche perché con un evento sociale di mezzo sento ci sarà da divertirsi).
Lo dico e lo ripeto, Gwendoline è la regina di questa storia: è una donna forte, scaltra e molto intelligente, sa come dare consigli senza risultare pressante, cercando invece di far ragionare chi ha davanti a sè. Con Riocard è veramente molto dolce: si vede che ci tiene moltissimo al pronipote e penso stia portando egregiamente avanti l'eredità morale lasciatale da George, di vegliare sul ragazzo e scoprire cosa sia accaduto a Rodolphus. Il suo ragionamento non fa una piega ed è esattamente quello che ronza nella mia testa: non è normale che Robert ed Edward abbiano tanta fretta di vendere (in pratica è una vendita) Caroline pur di tenere la casa di Londra, soprattutto quando nel testamento si parlava di anni, prima che quella clausola scadesse, qualcosa sotto c'è per forza. Le parole poi di Penelope contro il marito non fanno che accrescere i miei sospetti, ma a voler essere sincera in questa storia ci sono ben pochi adulti di cui mi fidi per cui non me la sento per ora di puntare il dito con decisione contro i Cavendish: qualcosa nascondono, ma ancora non saprei dire cosa (potrebbe anche solo essere "quella cosa" che ha distrutto i rapporti tra George e Edward), quindi aspetto a lanciare accuse e lascio che la mia testolina macini teorie su teorie.
Riocard come personaggio è davvero magnifico: non è il ragazzo perfetto, il cavaliere senza macchia e senza paura ma un giovane che si è ritrovato catapultato in una situazione complessa e fa del proprio meglio per gestire le faccende, chiedendo consigli a persone che sono decisamente meritevoli della sua fiducia ma ragionando attentamente su tutto quello che gli viene detto, non limitandosi ad eseguire degli ordini.
E' incredibile come, nonostante sia morto, Rodolphus sia sempre presente in ogni parte della storia: nella rabbia di Rodolphus e Theseus, che hanno perso il loro modello e nella tenerezza nel ricordare di Amethyst e di Gwendoline. Le due donne hanno molto in comune a mio modo di vedere, si vede che Amiee è stata cresciuta dalla zia e mi piace davvero molto vederle interagire: dovrebbe essere Theseus ormai il capo della famiglia, ma ho come l'impressione che siano loro due il cuore pulsante dei St Clair.
Rimanendo in tema adulti, io continuo ad adorare Penelope: Robert è invivibile davvero, quindi la furia della moglie nei suoi confronti è totalmente comprensibile, ma è davvero divertente vederla in veste di mamma chioccia per la serie "puoi anche avere cinquant'anni ma se mamma dice vai a letto tu ci vai!". Sono contenta che Ezra e Caroline abbiano lei, almeno un genitore come si deve (ansia a parte che però credo sia un tratto fondamentale della stragrande maggioranza delle madri). Rinnovo poi la mia rivalutazione di Ezra, che inizialmente non mi era piaciuto ma lo sto apprezzando sempre più; stessa cosa per Egan. Morale della favola: tutti i giovai di questa storia mi stanno estremamente simpatici.
L'uscita di Neit e Caroline è stata molto dolce: ha fatto bene a portarla fuori, inteso proprio come fuori da qualunque comfort zone, per farla un po' svagare, concedendole per qualche ora di non pensare al casino in cui è stata coinvolta. Neit è davvero una persona stupenda e sono certa che non passerà molto prima che l'amore entri nella sua vita, anche perchè secondo me è già entrato, solo che i diretti interessati non se ne rendono conto.
Il parallelo tra Estelle e Elizabeth a cavallo mi ha fatto ridere: incredibile come queste due probabilmente si lancerebbero occhiate di fuoco se si incontrassero, quando in realtà potrebbero avere molti argomenti di conversazione in comune.
Altra cavallerizza è Clio, che è forse più tranquillina, ma che mi sta simpatica per la questione dello pseudonimo come scrittrice.
Arriviamo ora alla banda di cugine St Clair: io adoro quando si ritrovano tutte e quattro a chiacchierare, sono stupende, è bello vedere che siano così unite! Sono tutte molto diverse, ma formano un gruppo eterogeneo che si amalgama veramente bene e il paragone con i personaggi femminili della Austen mi ha fatta piegare in due per le risate, soprattutto a discapito della povera Cassiopea.
Colleen e Thomas scalano prepotentemente la classifica delle mie coppie preferite, ti avviso: sarebbero davvero perfetti insieme! Lei è tenerissima e dolce, lui è molto discreto, premuroso e gentile...a me pare una accoppiata perfetta! Sembra tra l'altro che anche la mia Clara approvi...Thomas caro, mi sa che tra tua sorella e tua cugina hai trovato due ottime alleate!
Concludo con Ambrose e Clara: è bello vedere fratello e sorella così uniti, mi piace leggere le loro interazioni, anche perchè Clara con lui si lascia completamente andare e mi fa piacere vedere entrambi così spontanei e rilassati. In effetti quando avevo letto il nome del Crup di Ambrose mi era venuto da ridere pensando al legame con Clara. Carino il riferimento all'ex fidanzato di Clara in Germania, ho decisamente apprezzato :)

A presto e complimenti ancora per il capitolo molto bello!
Em
Recensione alla storia Wars of the Roses - 16/10/20, ore 14:09
Capitolo 6: Capitolo 5
Conteggio ship al capitolo 5: Neit e Carol, Clio e Riocard. Sì io questi due li shippo dal secondo capitolo e anche se non hanno più avuto occasione di interagire non ho intenzione e di smettere di farlo.
*Irene prende a testate il PC chiedendosi perché mai abbia accettato il mio personaggio*
Passando invece alle cose serie, anche in questo capitolo c'è moltissimo da dire! Rinnovo la mia totale approvazione per i capitoli lunghi e corposi, anche se mi dispiace che tu debba sopportare le mie recensioni chilometriche.
Parto un po' a caso da Theseus perché è quello di cui ancora non ho parlato e che conosco meno: nel complesso credo mi piaccia anche se mi dà una strana sensazione di precarietà, non so come spiegartelo. Cerca di mantenere il posto con fermezza, perché in pratica è lui ora il ministro ma allo stesso tempo mi sembra consapevole che questa carica sia temporanea. Per quanto disprezzi la situazione di Caroline e Robert per avercela messa dentro, un po' capisco anche Theseus che da buon politico deve valutare attentamente ogni sua possibilità. La vedo nera come la pece comunque: Penelope finirà per trasfigura il marito in un posacenere e lanciarlo in un armadio svanitore con destinazione Karachi, tra Neit e Caroline mi sembra che I rapporti si stiano intensificando e quindi lei sarà sempre meno propensa a sposarsi e forse lui darà battaglia e Riocard con tutte le grane da lui non richieste di cui deve occuparsi penso non abbia minimamente intenzione di sposarsi con Carol.
Onestamente l'unica che la prende con filosofia è la nostra vedova allegra Alexis. Quando Penelope ha fatto intendere che lei avrebbe una lunga serie di epiteti da dedicare alla St Clair ti giuro che avrei voluto battere il cinque. Adoro Penelope alla follia e mi spiace immensamente che sia stata incastrata in un matrimonio infelice per di più con quel viscido di Robert. È una vera mamma orsa combattiva e io so che riuscirà a salvare la sua bambina, non ne ho dubbi. Come dice Ambrose le mamme sono sempre le mamme e Penelope non si arrenderà facilmente.
Già che siamo in tema mamme come non citare Amethyst e Clara. Io solitamente sono una "statemi tutti lontani, due metri di distanza minimo ora dodici perché c'è il covid" ma, vuoi anche perché mia madre è praticamente l'essere umano più dolce del pianeta, un suo abbraccio non lo rifiuto mai anzi, quindi questa scena mi ha intenerito un sacco.
È stato poi molto bello quello che le ha detto: autostima a parte fa sempre sapere che qualcuno è o è stato fiero di te ed è bene sentirselo ricordare di tanto in tanto.
Ambrose e Cassiopea che litigano su chi debba fare la pelle a coloro che hanno importunato Colleen è stato magnifico. Se non fosse intervenuto Thomas, con la sua fermezza e calma, sono certa che Cassy avrebbe finito per immobilizzare il fratello e partire alla carica.
Egan ed Ezra basiti di fronte a Elizabeth che fluttua con eleganza nel pub mi hanno fatta rotolare dalle risate. Lizzy mi piace, è una di quelle acque chete che in realtà nascondono un'anima tosta e decisa.
Molto bello il dettaglio della birra alla Clio, i tre fratelli Cavendish sono estremamente diversi tra loro (un gruppo più eterogeneo non avrei saputo pensarlo) ma si vede che si vogliono molto bene. Clio con il blocco dello scrittore ha tutta la mia solidarietà.
Sto rivalutando un sacco Ezra: credo di averlo giudicato come un tipo brusco e irascibile un po' troppo in fretta, e mi sta piacendo sempre di più in questi capitoli.
Concludo con Neit e Carol di cui ho già parlato qui e là a spizzichi e bocconi, ma penso meritino una parte solo per loro. Hanno una sintonia che si è visto va ben oltre le parole e sono uniti in modo viscerale. Dopo questo capitolo ho stampato le bandierine con le loro facce ma urge trovare il nome ship: a me era venuto in mente Caroleit, ma sentiamo il tuo parere e quello popolare.

Ora giuro che ho finito
A presto cara e complimenti ancora,
Em
Recensione alla storia Hereditary - 12/10/20, ore 19:48
Capitolo 1: Prologo
Ehilà, benvenuta sul forum e complimenti per aver avuto il coraggio di buttarti subito in un’interattiva!
Io sono Em (il nick chilometrico non lo cambio principalmente per pigrizia e parzialmente per una questione d’affetto) e bazzico spesso su questi lidi, quando non sono occupata ad annegare nei libri.
Sono una grande patita di Harry Potter e in particolare adoro quando gli autori riutilizzano i dettagli della saga per creare trame molto diverse dalla saga originale, specie quando le ambientano nel passato, proprio come hai fatto tu con Hereditary. Probabilmente è colpa dei rewatch di Downton Abbey (che ormai non conto nemmeno più perché me ne vergogno) o di tutti i romanzi costellati di famiglie più o meno disfunzionali che leggo, ma quando ci sono di mezzo eredità, trame famigliari dense di faide e intrighi io vado letteralmente in brodo di giuggiole!
E ad essere proprio sincera anche i prestavolto fanno la loro parte ahahahahahahahahahah: come ci sì può tirare indietro da una sfida proposta da Charles Dance-Percival Peverell, sarebbe terribilmente disdicevole e maleducato.
Bando alle ciance, vorrei proporti due personaggi:
-Una ragazza Carrow di 23 anni, penso ex serpeverde (sono ancora un po’ indecisa se farla corvonero o serpeverde sinceramente e se non è un problema vorrei prima vedere come “prende vita” per smistarla definitivamente)
-Un ragazzo Flint di 20 anni, sicuramente ex corvonero (in questo caso non ho dubbi sullo smistamento😉)
Ti darebbe fastidio se i due fossero cugini?
Attendo il tuo via libera; se dovesse esserci qualche problema per le famiglie scelte non farti scrupoli a dirmelo.

A presto,
Em
Recensione alla storia Wars of the Roses - 09/10/20, ore 22:20
Capitolo 5: Capitolo 4
La fiera del matrimonio disfunzionale direi. Dopo le ultime uscite di John, su cui tornerò a breve ovviamente, mi sa che l'unica coppia di adulti di questa storia che si merita totale approvazione sono Edward ed Estelle, I soli che hanno dimostrato essere legati da un sentimento d'amore profondo e sincero e di essere davvero affiatati. C'è poi da dire che anche se in questa faida io sono giocoforza dalla parte St Clair, Edward come personaggio mi ispira un sacco e tutto sommato credo che non sia così meschino come George diceva (meschino mi sembra solo Robert) ma sono qui c'è friggo perché non vedo l'ora di capire cosa sia veramente successo tra Edward e Rod, I due ex migliori amici.
Sì, oggi parto dagli adulti perché su di loro c'è molto da dire, molti spunti interessanti da toccare e molto su cui riflettere ai fini delle indagini che credo ognuno di noi stia seguendo perché un mistero è sempre affascinante e improvvisarsi detective viene quasi spontaneo.
Robert mi irrita in un modo inenarrabile e questa cosa mi fa ridere un sacco perché io adoro il suo prestavolto, quindi mi ritrovo in una sorta di ethical pickle; se penso al personaggio Colin Firth in quel capolavoro della cinematografia per ragazzine delle medie che è "una ragazza e il suo sogno" (che io riguardo comunque religiosamente almeno una volta l'anno) che si scopriva un padre amorevole e premuroso e lo paragono a Robert...comprendo la voglia di Penelope di frantumargli il servizio di piatti addosso sinceramente, lo farei anche io. Tra l'altro le parole di Penelope mi danno molto a cui pensare e mi sono già costruita un lungo film mentale che comprende una serie di teorie (in realtà principalmente tre legate tra loro) anche e soprattutto alla luce di ciò che hai scritto in questo capitolo. Nulla, la Miss Marple che c'è in me è in brodo di giuggiole.
Il confronto tra Astrid e Alexis è stato particolare e curioso: si vedeva che tra le due non ci fosse proprio dell'affetto sconfinato ma mi sembra sia emerso un discreto astio. Perdona il poco tatto ma mi sembra che la vedovanza ad Alexis si addica un sacco, sa di certo come fare la signorona e tutto sommato vederla gelare di fronte alle parole della cugina un po' mi ha dato soddisfazione, anche se wow il discorso sui fratelli St Clair era tosto, poveracci. E anche in questo frangente ci sono molti spunti interessanti più o meno fantasiosi che si possono trarre.
Non vedo l'ora di leggere i prossimi capitoli, mi sto esaltando un sacco per questa storia!!!!
Passiamo ai Bouchard St Clair. La parte di Clara è Rod mi ha semplicemente commosso: era perfetta, proprio come me l'ero immaginata e ti ringrazio davvero con tutto il cuore per aver reso così bene la mia oc. Clara è perfetta, l'hai dipinta meravigliosamente, testarda e ambiziosa già da piccola e cocciuta, arrabbiata e desiderosa di fare da grande. Per quanto mi aspettassi un atteggiamento simile da parte John fa veramente male leggere certe cose: questo vuol dire che mi sono immedesimata un sacco nella vicenda, quindi brava davvero. Grande Cassiopea che si lancia a spalleggiare la sorellina (per la serie "con Clara posso discutere solo io, sta' al tuo posto papà") con delle parole studiate ma che sanno colpire.
La scena con Riocard ed Elizabeth era molto carina, sembrano davvero avere un bel rapporto e mi credo che su molte cose siano estremamente simili.
Gwen bara sicuramente a carte, non fatico affatto a crederlo ahahah, è esattamente il tipo di persona che può beffare elegantemente chiunque ma per questioni di etichetta non è carino farlo notare: lei domina incontrastata e va bene così. Adoro come riesca in modo imperioso ma allo stesso tempo pacato a rimettere in riga i nipoti ed evitare che si scannino e tu hai descritto quella scena in modo fantastico: non è semplice dipingere così verosimilmente un dialogo e il gioco di sguardi di numerosi personaggi.
Le scene con Neit e Caroline sono state davvero stupende e incredibilmente dolci: è innegabile che Neit non recupererà mai l'infanzia spensierata, ma almeno ha avuto la cugina vicina anche in quel periodo duro (avevo degli occhi a cuoricino allucinanti per la scena delle fiabe) e per fortuna ora sta meglio.
Parlando di fratelli invece Ezra che gela sul posto dopo aver sentito della possibilità di dare Caroline in sposa a Riocard è stato brutto: non so se è una cosa solo mia ma vedere i personaggi un po' spacconi che crollano ha sempre un forte impatto su di me.
Con la parte di Riocard al cimitero hai rasentato il crudele, sappilo ahahahah, scherzi a parte io adoro questi magnifici capitoli corposi, sono un vero piacere da leggere e rileggere anche se le recensioni diventano automaticamente più lunghe e confuse. Riguardo quest'ultimo punto mi spiace per te ahahahah

Alla settimana prossima,
Em
Recensione alla storia Wars of the Roses - 03/10/20, ore 23:49
Capitolo 4: Capitolo 3
Mini-Clara infuriata che trasforma la sala giochi del fratello e del cugino in un gracidante abbozzo di palude è semplicemente perfetto, me la vedo senza problemi mentre attua infuriata la sua terribile vendetta ahahahah.
Sono in ritardo ma finalmente ce l'ho fatta a prendermi un attimo e leggere tutto come si deve, ma chiedo già venia in anticipo perché temo potrei finire per addormentarmi a metà recensione o partire per la tangente e dire boiate.
Comunque, che Rodolphus ed Edward fossero amici trovo sia un'idea sensata: insomma probabilmente se la sarebbe presa a prescindere nel vedersi soffiare la carica che poteva essere ereditaria da qualcuno altro, ma era chiaro che ci fossero delle ragioni molto più profonde dietro l'astio di Edward. Indubbiamente vedere il proprio padre che preferisce il migliore amico del figlio a suo figlio stesso deve essere un colpo mica da ridere e spero davvero ci dirai qualcosa in più su quel periodo e sulle ragioni che hanno portato alla scelta di George.
CI sono solo due famiglie e non ho problemi con gli alberi genealogici (non ho mai fatto fatica con le parentele, sarà l'indole da impicciona che ho ahahahah), ma nonostante non siano coinvolte così tante persone gli intrighi sembrano non volersi esaurire in tempi brevi. E ciò mi rende immensamente felice, perché ho voglia di rimanere un po' sulle spine.
Ho anche cercato di prendere appunti durante la lettura del capitolo, ma il mio cervello mi ha insultato pesantemente quindi salterò da un argomento all'altro come sempre, temo.
CLio e Caroline sembrano adorabili ed è bello vedere che vadano molto d'accordo tra di loro, a differenza delle due sorellee più grandi Bouchard-St Clair che sembrano avere due caratteri estremamente simili destinati a cozzare tra loro, anche se spero ci saranno per loro occasioni future di riappacificarsi.
Clara è perfetta: testarda, determinata, malata di studio/lavoro e secca e tutto sommato mi fa piacere che sua sorella le somigli in parte ma allo stesso appaiano così irrimediabilmente diverse e separate. Anche qui ci sono possibili sviluppi nel loro rapporto che non vedo l'ora di scoprire.
La madre di Elizabeth-Rose e Thomas è piuttosto pesantina e trovo che si comporti davvero molto rigidamente con la figlia che di certo non si merita un trattamento del genere.
Il pezzo su Riocard era davvero molto bello: è un personaggio che mi intriga molto, che si è ritrovato con in mano una grande quantità di responsabilità, ce contemporaneamente a dover metabolizzare i recenti tragici accadimenti. Il suo rapporto con George era molto bello, mi ha quasi commosso e posso solo immaginare quanto per Rio sia stato difficile metabolizzare questi ultimi accadimenti.

Ora passo e chiudo perchè sento che sto per incominciare a sparare idiozie e vorrei evitarlo ahahahah
A pretso,
Em