Recensioni di ShioriF

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia PICCOLA STELLA SENZA CIELO - 20/10/20, ore 21:33
Capitolo 53: 53 CAPITOLO
Eccomi carissima! Ho fatto un caos con la recensione, scusa se ti arriveranno parecchie segnalazioni di modifica.
Mi sa che ho sottovalutato il numero di Auror corrotti, quello che è avvenuto per anni e sta tutt'ora accadendo ad Azkaban non si può realizzare con solo un paio di persone coinvolte. Te l'ho detto nello scorso capitolo e lo ribadisco: Narcissa è semplicemente perfetta, basta questo per commentare le sue parti. Capisco che Draco si senta in colpa per non aver creduto al padre, però Lucius non è esattamente innocente: ha pensato esclusivamente a se stesso, come sempre; se avesse imparato dai suoi innumerevoli errori denunciando subito ciò che stava vedendo la guerra probabilmente non sarebbe neanche esistita o al massimo avrebbe avuto vita brevissima. Ovviamente non credo che si sia suicidato, non ne aveva assolutamente motivo anzi probabilmente la sua vita avrebbe avuto una svolta in meglio adesso che Narcissa è tornata allo scoperto.
Io mi chiedo: ma tu non hai una figlia piccola, non ti dovrebbe venire l'angoscia solo ad immagirarle le torture ai ragazzini indifesi? Mai mia speranza fu vana quanto quella di vedere Harry e Sarah in pericolo sì, ma illesi: non so se sia messo peggio lui che sta soffrendo terribilmente o lei che non può fare niente per salvarlo e a cui è stata fatta una proposta impossibile da realizzare. Che Stephen non fosse una cima c'era d'aspettarselo, ma non pensavo fosse così stupido da proporre ad una ragazzina con all'attivo poche settimane di scuola di portargli Ella che è gravemente ferita e continuamente sorvegliata.
La vendetta di Lily comincia a diventare concreta, il piano suo e di Nott però mi sembra troppo avventato e se non lo organizzeranno bene potrebbe essere molto difficile uscirne vivi, specialmente lei.
Sean disperato e desideroso di spaccare il mondo per recuperare Simone è stato la gioia del capitolo, una scena immensamente tenera e divertente immezzo a tutta quell'agitazione; non che in questo caso non fosse presente, ma la comicità ha aiutato a stemperare un po' la situazione. Urca, sta per tornare Molly, davanti a mezza famiglia che la credeva morta: se il clan non collasserà a breve sarà un miracolo.
(Recensione modificata il 20/10/2020 - 09:55 pm)
Recensione alla storia Wars of the Roses - 20/10/20, ore 20:21
Capitolo 6: Capitolo 5
Finalmente ci sono anch'ioooo (immagina questo mio esordio pronunciato con l'enfasi della parte finale della canzone di Pezzali)!
Dunque, iniziamo col botto: ci sono rimasta parecchio male per la fine che hanno fatto le rose che Gwendoline ha curato con tanto amore e dedizione, e approvo il suo essere furiosa con il responsabile, non sono però così tranquilla come si è mostrata lei al riguardo: comprendo che abbia voluto rassicurare figlio e nipote la cui ansia è alle stelle, ma non mi sento neanche di sottovalutare la minaccia ricevuta e fare come se non fosse successo nulla; fossi in lei un paio di precauzioni le prenderei, magari non una scorta di Auror come le è stato proposto, ma manterrei la guardia alta. Il gesto mi ha messo in crisi, al momento non riesco a immaginare nessuno che possa aver voluto lanciare un avvertimento simile, neanche quelli che per ora sono i sospettati più quotati, non vedo quale possa essere il loro movente. Oltre ai numerosi motivi per desiderare ardentemente il seguito si va ad aggiungere la volontà di capire se questo sia un atto isolato oppure se ne seguiranno altri.
Ezra non ha un carattere semplice, ma con Caroline è meraviglioso. Ha fatto benissimo a dirle ciò che aveva origliato: Robert ha agito in fretta e una notizia di quel calibro ci mette pochissimo a diffondersi, sarebbe stato orrendo se fosse stata l'ultima a saperlo. Filo conduttore di tutto il capitolo è stata la ricaduta che il pessimo rapporto tra Robert e Penelope ha avuto sui figli, presente tanto nella disperazione di Caroline, che ha avuto anche l'esempio di Mary, quanto nelle "paroline gentili" che Ezra si è premurato di rivolgere preventivamente a Riocard; se pur profondamente diversi caratterialmente, i fratelli ne portano i segni indelebili ed è palpabilissimo in ogni loro comportamento. Per Caroline si prospetta un periodo difficilissimo, ma è confortante sapere che, oltre al fratello, anche i cugini si preoccupano di lei: dolcissimi sia la scena al pub in cui Clio ed Egan si interrogavano su quanto la stessero prendendo male lei ed Ezra, che quelle in cui Neit si precipita a casa della cugina per consolarla e vi trova lei in uno stato pietoso e Clio che la supporta. Non serve che ti dica che ho ennesimamente adorato i momenti tra Caroline e Neit, anche se il livello di struggimento è sempre più alto e il non detto tra di loro mi ucciderà a breve di dolore se continuano così.
Alexis è sempre più insopportabile: ce la stai proprio mettendo tutta per rendercela antipatica, eh? è abituata a primeggiare in tutto fin da quando era bambina, ma ho idea che con Penelope non sarà così facile uscirne vincitrice, mamma Cavendish è parecchio agguerrita e da quanto ha ribadito ad Estelle non lascerà perdere tanto facilmente. Sai, avevo pensato che Edward e Rodulphus avessero rotto la loro amicizia nello stesso periodo in cui il primo ha commesso il misterioso errore che gli è costato la fiducia del padre, invece qui scopriamo che quest'ultimo risale a molti anni prima, il che mi fa riflettere perché se i cugini hanno continuato a frequentarsi vuol dire che forse non era coinvolta direttamente la faida tra le due famiglie, così come mi impensierisce che Edward non voglia confidarsi con la moglie: che invece sia qualcosa che riguarda lei molto più da vicino? E perché anche Robert è così reticente a parlarne: volontà di non immischiarsi o c'è altro dietro?
Non avrei mai pensato che Egan gestisse un pub, è un lavoro insolito per uno del suo rango, non ce li vedo i nobili di quel tempo alle prese con certa gente che frequenta questo tipo di luoghi (anche se ovviamente ci sono tantissime persone per bene). Capisco lo sbigottimento di Elizabeth, e mi hanno fatta morire le, inutili per fortuna, paure degli altri Saint-Clair sriguardo al contenuto delle bibite che Egan serve loro. Le frasi pungenti sono quasi sempre caratteristica fondamentale nei tuoi OC, e direi proprio che anche Elizabeth ne fa ampio uso: ha messo a tacere eventuali scocciatori in un paio di frasi, formidabile! A Colleen invece non stava per finire altrettanto bene, ma per fortuna Thomas si è fatto valere e ha scacciato gli energumeni con classe notevole. Cassy maschio mancato garba parecchio, divertentissimi lei e Ambrose che fanno a gara per stabilire chi debba "vendicare" la sorella, peccato che come ha fatto notare Elizabeth non ce ne sia già più bisogno, forse se avessero litigato meno sarebbero stati utili. Carini comunque anche i Saint-Clair che s'interrogano sul destino di Riocard, specialmente Colleen che sfida la sorte per partecipare alla riunione.
Da parte sua Riocard è giustamente confuso, di certo non si aspettava che Theseus prendesse in considerazione l'idea che sposasse Caroline e, come è risultato evidente dal confronto con Ambrose, gli elementi da valutare sono diversi, e non tutti totalmente negativi. Comunque, la battuta iniziale di Theseus a Robert è stata mitica, diciamo pure che nessuno lo censurerebbe se gli venisse voglia di esprimere ad alta voce ciò che pensa di lui.
Come Clara anch'io ho vissuto fuori casa per anni, massima empatia con lei e quoto tutto: gli abbracci e il conforto che solo la mamma riesce a dare in quel modo sono ciò che manca maggiormente.
Recensione alla storia Big Damn Table - 100 Shades of Harry Potter - 15/10/20, ore 22:47
Capitolo 37: 041. Forme
Questa raccolta mi ero promessa di recensirla una volta finita, ma devo per forza fare un'eccezione per questa flash che è meravigliosa! Una delle cose di cui soffro tantissimo la mancanza nella saga è la presenza più significativa di Andromeda, che adoro ma purtroppo si vede pochissimo. Il rapporto con Tonks nei libri è solo accennato, ma secondo me è stupendo proprio come l'hai descritto tu: mi hai emozionata perché ho trovato la perfetta sintesi dei loro caratteri, quindi leggere le riflessioni di Andromeda è stato ancora più d'impatto, brava veramente!
Recensione alla storia Wars of the Roses - 11/10/20, ore 20:51
Capitolo 5: Capitolo 4
Buonasera, Irene!
In più punti di questo capitolo ho avuto gli occhi lucidi, mi hai fatto commuovere tantissimo. Ho iniziato già col flashback iniziale che vede protagonisti una piccola Clara incredibilmente determinata e Rod che si è dimostrato essere uno zio meraviglioso, anche grazie al ruolo che Gwendoline ha avuto nell’infanzia dei fratelli Saint-Clair. Ho trovato perfettamente realistico che abbia incoraggiato la nipote a coltivare la sua intelligenza, facendole contemporaneamente capire con delicatezza che purtroppo probabilmente essendo una donna non avrebbe potuto raggiungere quello a cui aspirava. Chi non ha invece avuto affatto tatto è stato John, che inizialmente mi aveva fatto una buona impressione, ma dopo questa sua uscita spiacevolissima sto cominciando a rivalutare in negativo, attenderò prossime scene con lui per farmi un’idea più precisa. Poteva proprio evitarsi di riferirsi a Rodulphus a proposito di una questione già così dolorosa per la figlia, ha gettato nello sconforto in un colpo solo sia lei che la madre, entrambe molto legate all’uomo. Mi fa piacere che Cassy abbia risposto a tono al padre, così come mi sono gasata tantissimo quando ha tenuto testa a Ezra evitando che importunasse ancora una volta la povera Colleen. Il suo ricordo di Hogwarts ha fatto veramente male: è molto difficile provare simpatia per Ezra dopo aver scoperto quanto è stato meschino. Menomale che c’è stata Clio a tirare su il morale a Colleen, è stata splendida!
Temo che quella che sto per scrivere sarà una frase presente in ogni recensione che ti lascerò, ma mi sto rendendo conto di non poter esprimermi in maniera differente: io amo Riocard, mi fa impazzire che possieda in egual misura fragilità e tanta tanta determinazione. Penso abbia raggiunto la sua massima presa di coscienza e compiuto una svolta notevole e fondamentale per la sua vita, mi auguro vivamente che adesso per lui la strada sarà più in discesa. Toccante il confronto con quel padre assente fisicamente, ma sempre presente nel pensiero di chi gli ha voluto bene quando si tratta di prendere decisioni importanti.
Caroline e Neit sono meravigliosi assieme, hanno superato le mie più rosee aspettative. Mi hai fatto un regalo magnifico mostrando il loro legame a partire da quando erano piccoli e univano le forze per non rimanere soli, visto che per motivi diversi non potevano giocare con gli altri. Mi sono sciolta quando lui le ha detto che anche se non lo faceva notare apprezzava che lei volesse passare il tempo con lui e che ha scelto di andare a Corvonero e non a Serpeverde perché c'era lei, e dalle rassicurazioni sull’avere una famiglia che non è riuscito a farle traggo la conclusione che probabilmente non è l’unica cosa che non ha mai avuto il coraggio di dirle. Cominciamo a conoscere meglio anche Neit e confermo che è proprio il ragazzo a modo che avevo immaginato: nonostante anche lui non veda di buon occhio i Saint-Clair non li attacca al solo vederli e quando ne discute con gli altri dà una spiegazione razionale delle sue convinzioni; nello spiegare a Clio cosa pensasse del comportamento di George nei loro confronti è stato tanto ragionevole quanto diretto, non gli si può proprio dare torto.
La situazione di Elizabeth è parecchio spinosa: anche se involontariamente a quanto dice, è palese che Astrid sia molto più accomodante con Thomas che con lei, anzi diciamo pure che con lei è una vera bacchettona. È normale che ne soffra, e che Thomas sia meraviglioso e lei gli voglia un gran bene è ancora peggio perché l’ha portata ad essere convinta che non sia alla sua altezza, ma non è affatto così e lo sanno sia lui che Amethyst, che è proprio vero che “affettuosa” è la parola perfetta per descrivere. Astrid comunque sembra voler fare qualcosa per dimostrare alla figlia che le vuole bene tanto quanto ne vuole al fratello, speriamo che trovi il modo di mantenere questo proposito: di certo se continua ad essere così rigida non ci metterà molto ad allontanare definitivamente Elizabeth. Alexis è insopportabile, al momento l’unica qualità positiva che trovo in lei è che è una buona madre e supporta al meglio il figlio. Sono convinta però che ciò a cui si riferiva la cugina non riguardasse direttamente la morte del marito, piuttosto qualcosa che potrebbe avere a che fare con un passato non proprio da santarellina della vedova, ma potrei ovviamente sbagliarmi.
Decisamente Elizabeth e Riocard hanno scelto il momento sbagliato di far visita a Gwendoline, che bara pure a carte, che donna! Non hanno torto però, hanno tutto il diritto di farle visita, anche perché è giusto che Riocard si confronti meglio con lei sulla bomba lanciata da George nel testamento. Non mi aspettavo che Clio fosse così insicura di sé e che in famiglia venisse sottostimata; non se lo merita e non ha alcun motivo di sentirsi inferiore a Caroline: non è sempre aggraziata e magari ogni tanto è un po’ goffa, non imbranata, e allora, che male c’è? Edward è stato molto rassicurante con lei sulle sue intenzioni per il futuro, lo ha evitato per un po’ ma fortunatamente non aveva nulla da temere. Avevo invece purtroppo ragione nel pensare che Robert avrebbe acconsentito a far sposare Caroline, era palese da come lui ed Edward confabulavano che uno che avrebbero sacrificato una delle ragazze. Penelope però è parecchio determinata a non lasciarglielo fare: confesso che mi ha sconvolto, non mi aspettavo tirasse fuori degli artigli così affilati per difendere i suoi figli e dopotutto lo sa anche lei che il matrimonio a quell’epoca era nella maggior parte dei casi un contratto d’affari. Qui sì che credo che ciò che Penelope sa potrebbe portare alla scoperta dell’assassino di Rod: quasi sicuramente sbaglio anche questa volta visto quanto facilmente cado nelle trappole degli scrittori Mistery sui sospettati messi lì per sviare il lettore, però ce lo vedo bene Robert nel ruolo dell’assassino o comunque del complice.
(Recensione modificata il 11/10/2020 - 09:03 pm)
Recensione alla storia Hereditary - 11/10/20, ore 18:39
Capitolo 1: Prologo
Ciao, la tua storia mi piace già molto e spero proprio che avrà le possibilità per continuare; l'idea non è originalissima ma sempre molto interessante. I fratelli Gaunt mi sembrano andare molto d'accordo, si vede che sono uniti. Devono essere proprio due tipi tosti, visti gli animali da compagnia che si sono scelti. Sono entusiasta del fatto che tu abbia deciso di portare sugli schermi dei Gaunt, esplorando così anche il loro rapporto con la rettilofonia e la loro discendenza importante, ma quasi sul lastrico, rendendoli però allo stesso tempo umani e non totalmente fuori di testa come quelli che abbiamo conosciuto nella saga. L'abbinamento Fiona-Cillian è particolare, i due hanno caratteri totalmente diversi e non vedo l'ora di conoscere meglio la loro storia: da fiera Tassorosso approvo completamente che una rappresentante di questa Casa abbia le capacità per temperare una personalità come quella del marito.
Vorrei provare a partecipare con tre OC: una Abbott di ventidue anni ex Tassorosso, un Lumacorno e una Shacklebolt di ventiquattro, ex Corvonero. Ho due domande, la prima fondamentale, la seconda che invece se ha risposta negativa non mi crea nessun problema: potresti pensare tu eventualmente ai prestavolto? Va bene se due OC sono tra loro fidanzati?