Recensioni di Mary Black

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Vaganti - 17/09/20, ore 23:45
Capitolo 1: Vaganti
Recensione premio

Ciao, cara!
Eccomi qui a rilasciare la seconda e ultima delle recensioni premio che ti spettano, per aver vinto nell'All Together Contest 2.0 - VII edizione!
Avevo già letto questa storia su tuo suggerimento, e avevo già deciso di recensirla, perché l'ho amata profondamente. Io adoro James Sirius e Rose come coppia, è sicuramente tra le mie preferite della Nuova Generazione, come ben sai, e tu la rendi in un modo che mi piace davvero molto.
Di questa storia ho apprezzato a primo impatto la struttura e lo stile. Tu scrivi sempre benissimo, ma io amo la simmetria che c'è sempre nelle tue storie: la parte iniziale che riprende quella finale in un anello perfetto mi piace da morire, ancora di più perché in corsivo, laterale, sena punteggiatura né maiuscole - dà proprio l'idea di un amore che frana su se stesso, che distrugge tutto ciò che invade (non che tocca!), senza regole e senza freni. Il tuo stile qua esplode, estremamente emotivo (lo so che sono loro due a tirartelo fuori, ammettilo!), scorrevole eppure intricato, ogni parola scelta con cura che va a braccetto con un'altra. E' uno stile sicuramente non immediato (inteso come complimento) e non per tutti, ma a me fa impazzire: d'altronde, chi vorrebbe essere per tutti?!
La caratterizzazione, poi. Rose mi piace, così indecisa e vittima delle sue stesse paure, dei pregiudizi, di ciò che pensa essere giusto o sbagliato, ma stavolta non è la mia preferita. Sì, è scioccante anche per me, ma stavolta James Sirius ha tutta la mia attenzione. Lo hai reso in un modo, Ros, che fa sparire le forze di ogni povera donna che legge: chi non vorrebbe essere amato in questa maniera? James non accetta un no, James non si tira indietro, James prende e distrugge e fa a pezzi ogni cosa - ogni cosa tranne lei - e soltanto per loro due. James lotta per entrambi, con quegli occhi che spariscono al buio e le suppliche di lei che gli muoiono sulle labbra, James è abbastanza forte per entrambi, James porta pazienza e alla fine vince. Viva tutti i James del mondo.
Ok, ho scritto una recensione credo molto sconclusionata, piena di amore passione violenza come i protagonisti di questa storia, ma cosa ti devo dire? Li adoro, e tu li rendi benissimo!
A presto!

Un bacio,
Mary
Recensione alla storia Vissuta in guerra - 17/09/20, ore 23:31
Capitolo 1: Vissuta in guerra
Recensione premio

Ciao, cara!
Eccomi qui a rilasciare la prima delle recensioni premio che ti spettano, avendo vinto nell'All Together Contest 2.0 - VII edizione!
Devo dire che sono contentissima di aver scoperto questa flash, che non avevo ancora letto. Come ben sai, adoro Dorcas e leggere di questo momento, scritto da te, non può che deliziarmi, nonostante il racconto sia triste da impazzire.
Per prima cosa, una considerazione sullo stile. Ho trovato il testo molto lucido, nonostante quello che racconta: Dorcas è in fuga, braccata, in trappola, si rende conto di essere in punto di morte, eppure riesce a rimanere presente a se stessa, fredda, letale fino alla fine. E' un aspetto di lei che ho trovato molto ben caratterizzato, e anche molto "suo": nonostante non ci sia un canon per lei, io e te - come si deduce da tutte le altre tue storie che la vedono protagonista - la immaginiamo implacabile, decisa, impossibile da fermare, e questo aspetto di lei risalta davvero molto in queste righe. Per questo, ritengo non sia un testo strettamente emotivo, ma crudo, veritiero, mi ha ricordato certe cronache della Seconda Guerra Mondiale scritte da sopravvisuti.
Poi, che dire della caratterizzazione? Questa idea di metterla in classe con Tom è geniale. Io ci immagino il nostro Evan in classe col Signore Oscuro, ma metterci lei... che idea! Mi è piaciuto davvero molto, come ho adorato il modo in cui lei gli si rivolge e il dialogo finale tra i due: lui mi è sembrato molto Voldemort, completamente IC fino all'ultima sillaba insinuante e avvelenata (collera finale inclusa), e lei così sprezzante eppure "serafica", per certi versi, saggia, mi è piaciuta da morire. Anche se devo ammettere che il dialogo che ho preferito è stato quello con Silente: "«Per avere la pace i sacrifici sono necessari.»/«I sacrifici sono una sconfitta, Silente.»", ci ho completamente ritrovato il Silente alquanto controverso che apprezzo così tanto.
In sintesi, una storia davvero incisiva e d'impatto, che ho amato leggere. Grazie di averla scritta.
A presto!

Un bacio,
Mary
Recensione alla storia Di attimi perduti, mai avuti - 17/09/20, ore 23:17
Capitolo 7: Culla, stanotte, la mia malinconia
Recensione premio

Ciao, cara!
Eccomi qui a rilasciare la recensione premio che hai vinto nell'All Together Contest 2.0 - VII edizione!
Questa storia - che avevo già letto ai tempi del contest di Rosmary - mi è sempre piaciuta, la trovo davvero piacevole (seppure racconti sentimenti per certi versi sgradevoli) e incisiva, rimane impressa. 
Quello che ho apprezzato di più è il modo in cui hai deciso di mostrare Petunia, che per quanto mi riguarda è estremamente originale: in piedi nel cuore della notte a cullare Harry che piange. Dai libri non diresti mai che abbia fatto una cosa del genere, così materna, eppure deve averlo fatto per forza (se non per amore, anche solo per esasperazione!): mi ha molto colpito questo scenario, e non ho trovato fuori luogo i pensieri cupi che Petunia ha mentre stringe tra le braccia quel figlio "che figlio suo non è". Penso che tu ci abbia azzeccato quando la descrivi tormentata dai ricordi, che gli occhi di Harry sicuramente non aiutano, e dai rimpianti, fors'anche dai sensi di colpa. Ci hai mostrato una Petunia debole, molto umana, che amava la sorella ma la detestava anche, perché ne era profondamente gelosa; una Petunia infelice, ligia al suo dovere, ma frustrata e insopportabilmente incapace di affezionarsi a un bambino la cui unica colpa è poi quella di ricordarle quanto abbia sbagliato nel voltare le spalle alla sorella e quanto non sia stata capace di perdonare, non in tempo. Un'introspezione che ho trovato davvero sublime, complimenti.
A presto!


Un bacio,
Mary
Recensione alla storia A un centimetro dal cuore - 17/09/20, ore 23:10
Capitolo 21: Profumo di rose
Recensione premio

Ciao, cara!
Eccomi qui a rilasciare la recensione premio che hai vinto nell'All Together Contest 2.0 - VII edizione!
Parto subito col dirti che questa storia - che avevo già letto in passato - mi ha emozionata davvero tantissimo: è incredibile come in così poche righe tu sia riuscita a trasmettere tutti questi sentimenti contrastanti, laceranti, che coinvolgono il lettore e gli fanno male. Quindi ti faccio i complimenti innanzitutto per questo.
Poi, cosa dire? Questa è una coppia inusuale che mi piace, anche se non ne vado matta, ma tu hai saputo contestualizzarla nel canon in una maniera che mi ha fatto impazzire! Regulus che si innamora di lei e riconosce che è stato destino incontrarla, perché è "per salvarla" che morirà (che è disposto a morire), quel "Lo aveva amato con odio - fino in fondo, fino all'anima" che spezza le ossa, il peccato di desiderarsi e sbagliare, contro tutti (un matrimonio, una vita felice, una guerra, bene e male, e va tutto oltre, per l'amore), il coraggio mancato per viversi davvero. Mi hai straziata, non ci sono dubbi.
Una nota di merito anche per lo stile: l'ho trovato molto riuscito e coinvolgente, davvero molto, molto incisivo. L'ho amato, e ho amato questa storia.
A presto!

Un bacio,
Mary
Recensione alla storia Le occasioni - 17/09/20, ore 23:03
Capitolo 10: Te la ricordi la notte che non faceva paura?
Recensione premio

Ciao, cara!
Eccomi qui a rilasciare la recensione premio che hai vinto nell'All Together Contest 2.0 - VII edizione!
Ad attirarmi verso questa storia è stata senza dubbio la coppia: la Wolfstar mi affascina, ma penso anche sia una delle coppie più insidiose del fandom. A mio parere, è facilissimo scadere nel melenso o rendere OOC i personaggi, difetti che non ho trovato nella tua storia. Non posso parlare strettamente di IC perché questa drabble rappresenta un flusso di coscienza molto emotivo, da cui non si intravede molto del carattere dei personaggi (non è una critica, capisco che sia una scelta voluta, e anche molto riuscita a mio parere). Tuttavia, ciò che si percepisce è meravigliosamente canon: l'affetto che li lega, l'essere quasi inseparabili, questo legame doloroso, e un'atmosfera angosciante che ricorda la loro triste fine, che ricorda che persino l'amore da solo non basta. Adoro le storie triste e questa, cavolo, questa sì che lo è.
Tuttavia, ciò che mi ha colpito di più di questa storia è stato senza dubbio lo stile: mi è sembrato di leggere una poesia, nonostante tu l'abbia scritta in prosa. Eppure la musicalità e certe espressioni estremamente armoniche non sarebbero stonate in un racconto in versi. Anche l'suo misurato ma incisivo di figure retoriche ha reso al meglio in questo testo così breve. Mi è davvero piaciuta molto in tal senso.
Leggerò presto altro di tuo. Ho sempre pensato fossi molto interessante come autrice, e ogni tua opera che leggo mi conferma che sono nel giusto.
A presto!

Un bacio,
Mary