Recensioni di merrow_star

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Vaiolo di Drago - 12/05/20, ore 18:35
Capitolo 103: Chi non soffre non ama
Si è sentito, alla lettura, che c'era qualcosa di diverso nelle loro parole, nel modo in cui hai messo giù il capitolo, è stato un trovarsi davanti alla pura e semplice fragilità sia di Ian, sia di Louis, e anche tua.
Capisco la sensazione di Ian nel vedere Theo andarsene dalla sua quotidianità, per poi tornare solo dopo essersi costruito un'altra famiglia, a dir poco perfetta, e quasi pretendere di iniziare ad essere un buon padre anche per lui - lo so, l'ho provato sulla mia pelle; nessuno è perfetto e tutti commettiamo errori, forse è solo questione di capire che l'altro sa di aver sbagliato ma cerca di non pensarci troppo per evitare di restarne impantanato. Ian ha paura di essere abbandonato, perché se in primis è stato abbandonato dai suoi stessi genitori, come può fidarsi ciecamente di qualcun altro? L'unico che c'è stato per lui è stato suo nonno, unico punto fermo, che non importava cosa gli combinasse in quella villa, era il suo nipotino e pertanto non poteva non volergli bene, non esserne fiero. Di quelli che Ian non voleva si allontanassero nessuno è rimasto accanto a lui, l'unico da cui voleva allontanarsi per cercare gli altri era anche l'unico che non l'ha lasciato per una propria scelta ma è venuta la Morte a portarselo via. Ian è stato cresciuto dal nonno, ed è cresciuto così, lui è così, ma non se ne rende più conto perché non ha più il nonno, non può più pensare "oggi cosa aggiungio alla mia personalità per farlo ammattire?", si sente perso e senza una guida, in un mare in burrasca. Un senso di spaesamento che lo lascia vuoto in balìa di se stesso e delle proprie paure.
Louis c'è, certo, e Ian sa che c'è, e lo vuole vicino, ma quando si è persi in se stessi non si ha ben chiaro cosa questo voglia dire, come si debba agire perchè la tempesta non arrivi più. Louis è un'ancora per Ian, una forte ancora, ma se nel mare dovesse imbattersi in una roccia più forte e spezzarsi? Credo che Ian sia terrorizzato anche da questo. Accetta di accompagnare l'altro da uno Psicomago per amore, perché vuole che la sua barca esca indenne dalla tempesta, ma il mare aperto è sempre fonte di nuovi e inattesi pericoli. Un'onda alla volta, una tempesta alla volta, alla fine il sereno torna sempre. :)
Grazie per aver condiviso un pezzo di te, a presto cara, un abbraccio
Recensione alla storia Vaiolo di Drago - 12/05/20, ore 17:43
Capitolo 102: All’inferno il diavolo è un eroe positivo
Wow cara, davvero. E non solo per il capitolo, che commento tra poco, ma proprio per la tua nota. In un certo senso, penso di capire cosa provi, anch'io non sto scrivendo da anni e il fantasma della paura che ha colpito anche te è lì che vaga nel labirinto della mia mente, ma sono felice che tu abbia ritrovato la forza e la voglia di scrivere, di continuare a regalarci questa storia. Le ff sono state un tassello molto importante della mia vita ed era un mondo che avevo praticamente abbandonato, rientrare e vedere il tuo aggiornamento ha risvegliato l'assopita fangirl che c'è in me. Quindi sono io che ringrazio te, e ti faccio seppur in ritardo tanti cari auguri di buon compleanno :)
Mi era mancato il tuo modo di scrivere, la tua introspezione dei pg, il disseminare indizi per poi arrivare alla scoperta finale. Albus e Loki sono sempre tanta roba, adoro come interagiscono finalmente consapevoli l'uno dell'altro. Al è stato un enigma per Loki, lo è ancora, e lo sarà finché Riddle non deciderà di dargli ulteriori indizi tramite le rivelazioni del giovane Potter, che ha sì ancora una propria identità ma che sta pian piano spegnendosi, come il verde dei suoi occhi. Loki è curioso, vuole aiutare Albus perché in lui ha visto un degno avversario del suo stesso livello, un mago straordinario, come d'altronde lo era Voldemort. Al è in un limbo di transizione, un limbo che non solo è stato visto da suo padre Harry (la stazione di King's Cross, l'ultimo dialogo con Silente, l'ultimo incontro con quella parte debole e moribonda di anima Voldemort che viveva in lui) ma anche da sua madre Ginny, quando nella camera dei segreti è quasi stata prosciugata della vita dal ricordo di Riddle. Ora lui è un riflesso nel bianco, un volto in un sogno, ma il meccanismo è lo stesso.. una visione distopica del detto "buon sangue non mente".
Sempre sul sangue è la frase con cui Loki si congeda, "se ti vedesse tuo padre", e penso che non parli solo di Harry Potter (poi chiaro, sapere che suo figlio è stato maledetto da Voldemort e si trova ora ad un passo dall'abisso non sarebbe proprio la sua tazza di te ^^"), ma di Tom Riddle Senior. Babbano, aveva sposato Merope Gaunt, Purosangue e discendente diretta di Salazar Serpeverde, e l'aveva messa incinta, il tutto sotto l'effetto di un filtro d'amore; cessato il suo effetto, aveva osato abbandonarla, l'aveva distrutta, portatata alla disperazione e infine alla morte, dopo aver dato alla luce il piccolo Tom, che sempre avrebbe odiato suo padre, sempre. E ora Tom sta cercando di tornare, di nuovo, servendosi di quelle parti di anima che prendeva ad Albus durante i sogni, Albus che è il figlio del Prescelto che aveva distrutto tutti gli Horcrux compreso se stesso; si sta servendo del seme di colui che l'ha ucciso, un mago cresciuto tra i Babbani, un mago che contro i Babbani non ha nulla, che ironia.. eh sì, se lo vedesse suo padre, Tom Marvolo Riddle morirebbe dalla vergogna di essere dovuto ricorrere ad un simile anatema. Quindi sì, Al ha ferito Loki parlando di Lukas, ma anche Loki ha saputo tenergli testa in modo impeccabile.
Sempre tanti complimenti a te, brava. Baci :*
Recensione alla storia Vaiolo di Drago - 12/05/20, ore 15:59
Capitolo 101: Il regalo più bello
Leggendo questo capitolo non sotto Natale bensì agli inizi della fase 2 della lotta al covid me lo fa vedere sotto una luce ancora più particolare.
Essere felici della propria vita non è banale, purtroppo per alcuni non è nemmeno normale, ed essere felici nella propria semplicità è qualcosa di ancora più prezioso da trovare al giorno d'oggi, bombardati come siamo dagli utopici obiettivi che la nostra società ci mette davanti. Amare ciò che si è e ciò che si fa, credo che il segreto sia questo, e Scorpius lo sta vivendo appieno, ed è davvero piacevole da leggere. Nella vita accadono cose, è inevitabile, possono essere belle o brutte ma accadono, sta ad ognuno di noi affrontarle e trarne fuori il meglio per il futuro.
Anche se in ritardo di due anni e mezzo, grazie per questo regalo. Mi aggrada molto che Sam e Scorpius, migliori amici, abbiano avuto un figlio che è sì l'erede dei Malfoy, ma soprattutto è un raggio di sole nella loro quotidianità; e mi diverte un mondo immaginare il cenone di famiglia marchiato Potter-Malfoy-Baston-Flint xD
Baci
Recensione alla storia Perché ho scelto te - 30/03/18, ore 16:56
Capitolo 18: Brutti ricordi
Ah ma allora c'era un motivo dietro al comportamento di Harry dello scorso capitolo, infatti mi era parso strano quando ha detto che aveva divorziato già da tempo, non avevo ancora messo in conto queste settimane di lontananza dovute alla litigata ^^" comunque, Draco non ha resistito con Keys e ha sbagliato, anche se è stato 'solo sesso', ha ceduto al piacere con un altro uomo, e capisco che a Harry questo abbia fatto molto male: già erano in crisi, in più scopre che l'amore della sua vita si è fatto prendere da un altro (con cui oltretutto era già stato a letto) solo perché era in un momento di debolezza. Voglio dire, chi avrebbe detto di no all'opportunità di andarsene in Australia? Chi non avrebbe sentito le sue speranze vacillare?
Inutile dire che spero tanto che Draco si svegli e che vada a fermare Harry, a dirgli che lo ama e che non ha più paura di lottare per quello che vuole, per loro due!
Attendo con ansia gli sviluppi, intanto auguri di buona Pasqua :*
Recensione alla storia Perché ho scelto te - 30/03/18, ore 16:37
Capitolo 17: Notizie
Ci sono rimasta malissimo, non credevo che Harry decidesse davvero di partire per l'Australia, soprattutto non pensavo che lo avrebbe detto così a Draco, anche se pensandoci bene è stato il modo giusto. Draco aveva bisogno di una "svegliata": finora ha sempre lasciato che fossero gli altri a decidere per lui (Astoria ha deciso di andarsene, Harry ha deciso di divorziare e di accettare il lavoro in Australia, e lui ne è stato solo spettatore inerme) e si è fatto trascinare dagli eventi. Mi dispiace molto per lui, ma qualcosa doveva pur succedere per smuovere le cose, e visto che lui non si decideva a chiamare Harry è stato Harry a decidere per entrambi... Però dargli la mazzata dopo quel bacio, è stato un po' crudele, ma d'altronde, lo è stato anche Draco con lui per tutto questo tempo di attesa per decidere tra lui e Astoria... Me triste TT
Corro a leggere il prossimo capitolo, baci