Recensioni per
Autodifesa di Eros
di Gella

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Veterano
01/10/20, ore 11:40

AUTODIFESA DI EROS (5° POSTO)

TITOLO (4,5/5)
Devo dire che la tua fanfic mi ha colpita molto – in positivo – e proprio per la modalità con la quale è scritta avrei forse scelto qualcosa di appena più “morbido” e poetico, che descrivesse appena di più il contenuto pieno e profondo della storia. Ovviamente ho pensato anche al fatto che, per lo stesso motivo, tu abbia scelto di proposito un titolo più “distaccato”, ma sono puramente gusti personali.

GRAMMATICA E STILE (5/5 5/5)
Grammatica perfetta, non ho notato nessun errore – neanche di battitura. Il testo è molto curato e sicuramente lo stile è particolare: penso che tu sia fuori dal comune per la bravura nell’utilizzare uno stile del genere e non cadere nel prevedibile o nella noia, pur mantenendo un tono aulico, possiamo dire.
Ho apprezzato la scelta della premessa iniziale per poi proseguire con il dialogo puro attraverso cui possiamo comprendere l’introspezione dei due protagonisti.
Non posso che darti il massimo.

CARATTERIZZAZIONE PERSONAGGIO (9,5/10)
Attraverso appunto il dialogo riusciamo a capire il personaggio di Martina: ho visto una ragazza che non sa se è innamorata dell’uomo – o giovane uomo – che frequenta e che è impegnato con un’altra donna; è insicura ma, allo stesso tempo, viene attratta da quella stessa persona che la confonde e che non è disposta a rinunciare a lei, nonostante entrambi temano le conseguenze di ciò che non riescono a evitare di fare.
Di Martina ho intravisto la profonda speranza di essere vista come l’unica – l’amore – senza ostacoli e senza pretese, ma sa anche che non si avvererà mai.
Avrei voluto sapere un po’ di più di lei, comprendere meglio il suo carattere e se qualcosa è cambiato nella sua vita o se sia successo qualcosa che l’ha portata dove si trova, questo sì: vedere una personalità più delineata e approfondita per capire al meglio il motivo dei suoi pensieri e delle sue emozioni.

INTROSPEZIONE (14/15)
La storia si svolge quasi interamente attraverso il dialogo e questo è di certo un punto a tuo favore in fatto di originalità: così facendo anche hai corso il rischio di “stringere” troppo togliendo appunto molto. Invece hai avuto un ottimo risultato, perché nonostante mi sarebbe piaciuto leggere qualcosa in più riguardo Martina per quanto riguarda la sua caratterizzazione, l’introspezione è riuscita molto bene nonostante rimanga la curiosità dei motivi che l’hanno spinta a ragionare in tal modo, tuttavia mi ha trasmesso molto in fatto di sentimenti.
Ho visto la spensieratezza unita alla voglia di crescere e di avere sicurezze, il confine tra amore platonico e carnale, il desiderio di un altro tipo di amore che sa che non potrà avere perché esiste un’altra donna, la paura delle conseguenze che verranno poi. Ho compreso il “qui e ora” necessari per comprendere la storia, perché i due innamorati stanno vivendo il momento ed entrambi non riescono a fare a meno dell’altro. Dalla premessa “ho rovinato un uomo a causa della mia vanità” si esprime molto bene il senso di colpa della protagonista, come un qualcosa che non ha potuto e non riesce a cambiare.
Mi hai emozionata e coinvolta, l’introspezione esiste ed è palpabile, fa anche male perché lascia l’amaro in bocca – Martina deve accontentarsi di ciò che lui le può dare, nient’altro.
Proprio per questo motivo avrei voluto sapere altro di lei, tuttavia mi è piaciuta molto in ogni caso. Hai fatto un lavoro molto bello!


TOT. 38/40

Recensore Master
25/05/20, ore 07:20

Buongiorno.
Te sei ancora giovane ma scrivi testi che vanno ben oltre a tutto... fossi stato io bravo quanto te...
L'amore è qualcosa che non è sempre lecito. L'amore sa ciò che fa male ma allo stesso tempo fa bene all'animo.
L'amore è la cosa più complicata, più bella e dolorosa che esista, perché è un miscuglio di tantissime sensazioni, emozioni, a volte conmtrastanti.
L'amore non l'ho mai conosciuto, né lo farò, ma ti auguro di viverne uno sereno.