Anime & Manga > Sailor Moon
Ricorda la storia  |      
Autore: eugeal    14/11/2006    2 recensioni
Eudial morta, ma non la sua anima. Ascoltatela. P.S.Questa ff l'avevo scritta in inglese molti anni fa ed stata tradotta in italiano solo in seguito.
Genere: Introspettivo | Stato: completa
Tipo di coppia: non specificato
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Mi chiamo Eudial. Non trovate che sia un nome fuori dal comune?
Sapete, viene dall'eudialite, un minerale rosso.
Rosso come il colore dei miei capelli e dei miei occhi.
Io sono una strega.
E sono morta.

Sissignori, io sono morta, ma non piangete per me, era cio' che meritavo.
In fondo la morte non e' cattiva, l'unico rimpianto e' che, adesso, posso osservare come abbia gettato la mia vita.
Non ho mai dato all'amore la sua importanza, mai, quando ero in vita... adesso e' troppo tardi.
Sono sola, come castigo per essere stata perfida mentre ero in vita: mi struggo in cerca d'amore ed d'esser amata, ma, eccetto me, non c'e' nessuno.
Beh, non precisamente "ci sono"... Sono rimasta sulla terra, e posso vedere cosa accade li', ma la gente, non puo' vedermi. Un velo inesistente s'interpone tra me ed i vivi.
Ma non riesco a vedere nessun morto, nessun fantasma.
Sono sola.

Quando ero tra i vivi, lavoravo per una malefica organizzazione che si faceva chiamare L'esercito del silenzio. Avevano uno scopo: Conquistare il mondo, ed il mio ruolo era di trovare i tre talismani che avrebbero evocato il Sacro Graal, la fonte del potere senza limiti.
Nei cuori di tre persone, li' erano nascosti i talismani. Ma io non mi preoccupai mai delle loro vite.
Solo ora so che cio' era male, ma allora il mio desiderio era stringere tra le mani il potere, ancora piu' potere, lasciandomi abbagliare dalla mia stessa ambizione.
Un gruppo compatto di ragazze impavide, le Guerriere Sailor, combatterono contro di me, per difendere il loro adorato pianeta.
Adesso contrastano con tutte le loro forze la mia organizzazione, ma, vi confido col cuore in mano, io spero con tutte le mie energie nel loro trionfo.
Sono state valorose avversarie, e solo adesso mi rendo conto di cio'.
No, non sono in collera con loro. Loro mi hanno sempre sconfitta, ma non uccisa.
E' stata l'ambizione della mia collega Mimet ad uccidermi.
Anelava a prendere il mio posto, e firmo' la mia condanna tranciando il condotto dei freni della mia automobile.
Quell'incidente fu terrificante: Mi ricordo impotente al volante, incapace d'arrestare la corsa verso la morte, terrorizzata ed annichilita.
Credo d'aver urlato, disperata, quando la vettura e' volata via dalla scogliera, ma non ricordo.
Il tempo sembro' rallentare: lo schianto dell'infrangersi del guard rail colpito dal muso della macchina, vidi il mare avvicinarsi, ed avvicinarsi ancora, scrutare le rocce sommerse sotto la sua superfice, il dolore, pochi attimi di straziante, tremendo, orribile dolore, e poi il nulla...
Ero gia' morta.

Ma, ciononostante, io non odio Mimet.
Adesso so che sta commettendo i miei stessi errori, e li scontera', cosi' come e' accaduto per me.
Desidero solo metterla in guardia, ma a che servirebbe?
Anche se la mia voce potesse risuonare, lei non mi crederebbe.
Lei odia me. Io la odio. Sicuramente crederebbe ch'io sia tornata solo per infestare la sua vita.
Mimet, povera Mimet. Chi versera' lacrime per te? Le stesse persone che lo hanno fatto per me.
Nessuno.
Le nostre vite prive d'amore non sono vere vite e, forse, per la stessa ragione, anche la mia morte non e' vera morte.
La mia condanna e' d'aleggiare sulla terra come un fantasma.
Non ho mai voluto amare nessuno, ed adesso, ora che sono sola, non ho il conforto di momenti felici da ricordare...
Non voglio essere compiatita, non mi autocommisero, ma, vorrei avere una seconda possibilita'.
Se solo qualcuno m'avesse mostrato il potere dell'amore...
Sapete, forse gli avrei riso in faccia...o forse no...
Dopo questo, voglio tentare d'avvertire Mimet... E le mie colleghe...
E tutte le persone che vivono senza conoscere l'amore...
Se solo sentissero il suono della mia voce, potrei salvarle...
E, se solo potessi salvarne una, mi renderei conto che, in fondo, la mia vita non e' stata inutile. E non mi sentirei mai piu' sola...
Quindi, ti prego, se stai ascoltando il suono della mia voce, guarda li', dentro il tuo cuore, dove e' piu' profondo, e se non e' puro, non sgomentarti, non abbatterti: Ricordati, puoi cambiare.
Ascolta le mie parole.
Essere soli e' una tristezza immensa.
   
 
Leggi le 2 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Anime & Manga > Sailor Moon / Vai alla pagina dell'autore: eugeal