Film > Peter Pan
Ricorda la storia  |      
Autore: Drown_    02/01/2021    0 recensioni
In lontananza il dolce suono del Flauto di Pan...
Genere: Introspettivo, Romantico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna | Personaggi: Peter Pan
Note: Missing Moments | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

CURIOSITA':
Queste poche righe sono uscite praticamente di getto ascoltando "Flying", una delle musiche orchestrali contenute nel film di Peter Pan del 2003.
Quindi vi consiglio, sebbene sia una traccia indubbiamente più lunga della mia narrazione, di cercarla su Youtube e ascoltarla in cuffia mentre leggete lentamente.

 
Cosa c'è di più bello che sognare?
Solo chi sogna può volare.

 

Sento il vento accarezzarmi i capelli, riesco quasi a vederlo con la sua mano che mi sfiora il viso senza età.
I piccoli fiocchi di neve mi trafiggono le braccia nude; fa freddo ma io non lo percepisco sulla pelle sebbene il mio corpo sia coperto solo di miseri pantaloni cuciti assieme con muschio ed edera.
I miei occhi verdi riflettono la luce dorata sprigionata dalla fata che mi ha cresciuto, io e Campanellino siamo una cosa sola.
Cavalchiamo la brezza liberi come foglie da ogni pensiero, saltiamo da una stella all'altra danzando fra la polvere d'argento, e corriamo fra le nuvole dal sapore di zucchero filato.
La città sembra così piccola ed insignificante vista da quassù, non posso fare a meno di sorridere a quelle piccole formiche che, nella loro routine, percorrono quel sentiero con un'unica fine. 
Eppure è così strano. 
C'è una voce candida, la sento in qualsiasi fibra del mio corpo, l'ascolterei per ore seduto su quel davanzale innevato di ferro battuto. Ha una nota calda che accende qualcosa dentro me di sconosciuto.
Una finestra spalancata sull'avventura più grande, la vita.
Sarà la mia curiosità di bambino che forse sta mutando incondizionatamente in quella di ragazzo, un ragazzo intrappolato in un involucro destinato per l'eternità a non crescere; ma "eternità" è un tempo molto lungo da trascorrere, se ci rifletto.
Forse ha più valore questa piccola manciata di secondi, come il battito delle ali di una fata, passata a desiderare quei capelli d'oro poggiati delicatamente sul cuscino, quegli occhi cristallini come il mare e quelle labbra rosee come il fiore più profumato. 
Forse è questo il mio desiderio più grande, il mio pensiero felice.
Insieme fra le onde, dove si celano le sirene.
Insieme sul vascello, a combattere i pirati.
Insieme sulle montagne, a danzare con gli indiani.
Vorrei sfiorare quella piccola mano, stringerla nella mia e condurla nel regno che non esiste più per chi ha dimenticato cosa sia l'ingenuità.
E' forse questo che significa amare?
Io non lo so ma, se è così, voglio diventare adulto.
 
 


Ed ora, mio lettore, torna per un attimo quel bambino che riusciva ad immaginare un mondo con la sua sola fantasia e goditi il resto della traccia chiudendo gli occhi.
 
In lontananza il dolce suono del Flauto di Pan...

 
   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Film > Peter Pan / Vai alla pagina dell'autore: Drown_