Recensioni per
Ambasciatore non porta pena
di _Niente_Paura_

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
26/02/21, ore 13:12

Valutazione del contest "Tra il Dove e il Quando - Flashfic Original Contest"
5^ CLASSIFICATA

Ambasciatore non porta pena
di _Niente_Paura_/Anatra.Valeria

- Stile: 8.5/10

Per quanto riguarda lo stile l'ho trovato piacevole, pulito, ordinato e anche particolarmente evocativo. In generale ho apprezzato molto l'atmosfera che sei riuscita a creare. Tutta la flash ha questo tono quasi sognante e risulta molto fiabesca. Anche il lessico in parte riprende questo tentativo di creare un mondo un po’ onirico attraverso l’uso di un tono medio alto che in generale non mi è dispiaciuto, anzi! mi ha permesso di entrare in sintonia con questa ambientazione Fantasy e vagamente medievaleggiante.
Una cosa che però non mi ha convinta è la punteggiatura, legata strettamente al ritmo della narrazione. Fai spesso uso di frasi lunghe ricche di incisi e di virgole. Personalmente, in diverse parti, le avrei sostituite con delle frasi più brevi, magari utilizzando i due punti, il punto fermo o anche il punto e a capo. Così facendo, secondo me, avresti dato più incisività e un ritmo un pochino più serrato in alcuni passaggi e ti avrebbe permesso di mettere in evidenza alcuni concetti ed alcune immagini che invece si perdono un pochino in tutto resto.
In alcune frasi poi ho notato che ci sono delle ripetizioni, ma sinceramente non ho ben capito se queste ripetizioni sono volute o no.
In particolare qui: “Credevo d'esser arrivata in tempo, ma il tempo può essere ingannevole e questo gli altri lo sapevano bene. // Oh mio re! Non son riuscita a far in tempo e la gente colorata ora è costretta a pagar per i nostri guai.” Se nella prima frase la ripetizione della parola “tempo” poteva essere una ripetizione voluta (anche se io personalmente invece che la virgola prima del ma avrei messo un punto, così da dare un ritmo più d'effetto alla frase) il fatto che venga ripetuta anche nella frase subito dopo non mi è piaciuto molto e ho trovato che stridesse un pochino.
Oppure anche qui: “[...]tronchi il cui legno è duro come la pietra, mentre il pavimento pietroso è[..]” dove pietra/pietroso suona un po’ ripetitivo.
E penso che ci siano un altro paio di casi anche per altre parole all'interno della Flash, forse nella prima parte. Credo che un pochino di limatura in più sull’accentuare le ripetizioni quando sono volute e invece toglierle quando non lo sono avrebbe giocato a migliorare la resa del testo.
Comunque, in generale, trovo che lo stile sia molto fluido e pulito. Mi piace anche il fatto che la storia dia molto spazio alle descrizioni per immagini, soprattutto questa nebbia che è descritta in più punti e viene ripresa ad interagire anche con la protagonista, trovo sia molto bello. Inoltre ho apprezzato anche il mescolarsi tra riflessione della protagonista (perché comunque tutto il testo si avvicina molto ad un flusso di coscienza) al momento che la protagonista sta vivendo. È molto evocativo.

- Trama e Personaggi: 7/10

Per quanto riguarda invece la trama e la caratterizzazione dei personaggi (in questo caso della protagonista) devo fare un discorso delicato. Mi dispiace un sacco, ma mi sento di dire che, purtroppo, ho trovato della confusione.
La storia è molto vaga e mi sono rimaste oscure molte parti.
Questa atmosfera molto sognante, molto Fantasy è molto vaga e (se da una parte si lega molto bene con il tema della Flash e con il prompt che è la nebbia) da un punto di vista di chiarezza di quello che accade e di delinealizzazione della protagonista non funziona benissimo.
In verità le informazioni ci sono anche, ma per come è impostato il racconto, ho un faticato a metterle insieme.
Se dovessi andare ad analizzare quello che accade abbiamo: la prima parte in cui la protagonista si trova in questo mare di nebbia e sta tentando di tornare a casa, suppongo, o comunque ritornare nella tua città prima che i draghi la rendano cenere.
Si sente la sua ansia e il suo bisogno correre, di andare a salvare il suo regno. Riesci a farci percepire la stanchezza e la sua paura di non farcela molto bene.
Poi, nella parte successiva, vi è un salto temporale e ci troviamo a quando lei è arrivata, ma è stata messa in prigione, in una cella di fortuna, e assistiamo nel finale al compiersi del suo triste destino.
Ok, però, mi dispiace davvero un sacco dirlo, molte cose rimangono scure. Chi è la protagonista? un ambasciatrice, suppongo visto il titolo, ma un ambasciatrice di cosa? da chi è stata mandata? Chi sono i draghi? Cosa sta accadendo a Sukkrage? abbiamo pochissime informazione su questo.
Anche nella parte finale mi sono sorte molte domande a cui non sono riuscita a darmi risposta. Leggendo mi è parso di capire che si sia una sorta di conflitto interno. Quando lei dice “dannato tu sia per sempre Juann! ” e poi “ sono arrabbiati per la morte della Regina Rossa ” , sono informazioni fugaci che mi danno quasi l'idea di una rivolta o comunque di una presa di potere da parte di un cattivo, ma tutto rimane veramente forse troppo vago. Manca qualcosa che mi facesse afferrare un minimo quale fosse il background della protagonista e del mondo in cui ci troviamo.
Ci tengo a dire che io sono la prima che odia trovare spiegazioni nei testi narrativi, non si fa: le spiegazioni sono il male. Ma forse si potevano dosare le informazioni in maniera diversa così da farle arrivare meglio e in modo più chiaro al lettore.
Ho visto che la storia fa parte di una serie e, sicuramente, per chi conosce già la serie molte cose risulteranno ovvie e banali, ma io che non ho mai letto nulla di questa serie mi sono trovata un po' brancolare nella nebbia.

- Uso del Dove: 10/10

Tra la nebbia.
Il terzo parametro è l’utilizzo dell’ambientazione che nel tuo caso è stata integrata nel testo in un modo molto buono! Mi è piaciuto proprio tanto che la nebbia sia la prima cosa in cui come lettrice sono entrata in contatto aprendo questa storia. Ho trovato particolarmente suggestivo come l'hai descritta, quasi personificandola. La nebbia è una delle caratteristiche fondamentali della storia: prende un posto centrale della descrizione dell’ambiente in cui si ci muoviamo. Essa è infatti una caratteristica fondamentale delle terre di Sukkrage, ed ho apprezzato anche come tu abbia integrato sia le riflessioni della protagonista su quest’elemento sia come la nebbia interagisca nel presente narrativo con lei.
Ho trovato quasi catartico il richiamo del prompt nel finale tragico del racconto: quando la protagonista sta per essere giustiziata cerca di visualizzare la nebbia, di aggrapparsi al ricordo del un luogo che le richiama sicurezza e benessere.
Inoltre la storia si chiude (e si apre) in modo circolare proprio con la parola “nebbia” e trovo questa scelta molto ad effetto.
La nebbia viene richiamata in ogni istante e la protagonista vi si muove all’interno, sia letteralmente sia in maniera più metaforica e attraverso i suoi pensieri anche i lettori sono trascinati in quest’ambiente opaco e fumoso.

Tot.: 25,5/30

Recensore Junior
26/01/21, ore 10:19

Ciao Valeria!

Ho visto una nuova consegna sul forum, poi ho visto che si trattava di te e mi sono detto "dai che vedo un po' cosa ha combinato!"

Rispetto ad altre tue storie che ho letto, noto un deciso miglioramento nello stile, che qui sei riuscita a esprimere in modo convincente, senza errori particolari.
Questo breve racconto mi è piaciuto e l'ambientazione è decisamente bella.
Ecco, forse è un po' troppo esagerato quel che accade dentro la nebbia... e, visto che la protagonista non si è trovata a cavalcare a mezz'aria, ritengo che si tratti solo di un'illusione.
Di fatto, l'unico effetto concreto che il cavaliere subisce è di perdere tempo.
Conclusione davvero Dark, ma molto d'effetto... dispiace davvero per la tragica fine dell'ambasciatrice e della "gente colorata" (Eh, chi sono?)
Ah, l'effetto della nebbia mi ha ricordato molto un racconto de "Le città invisibili", di Calvino, dove le navi salpano dalle torri e nulla è dove ci si aspetterebbe che sia. Mi domando ti sei un po' ispirata a questo.

Nelle tue note, penso dovresti spendere due righe per spiegare cosa siano gli arcialberi e chi sia la gente colarata. Dei primi mi sono fatto un'idea cercando sul web, dei secondi, invece, non me la sono sentita di cercare... 😄

Ti riporto quel che ho notato. In alcuni casi si tratta di refusi che non hanno tolto nulla alla lettura, altre volte mi hanno fatto rileggere le frasi precedenti con maggior attenzione e maggior piacere.  


> Osservo il mio amato destriero, ormai anch'esso ha perduto il suo spirito, le sue scaglie scintillanti ormai stanno perdendo la loro lucentezza.

piccola ripetizione


> Alzo lo sguardo, lo alzo fino a quando avrò forza nei muscoli, fino a quando non morirò.

credo sarebbe stato più corretto "lo alzerò" o "lo terrò alzato"


> ... nella nebbia nulla è normale, ogni cosa segue il suo verso : L'orologio va all'incontrario ed i pesci volano mentre gli uccelli volano, ...

Immagino che gli uccelli nuotino dentro la nebbia.
C'è uno spazio di troppo prima dei ":" e poi la "L" di "L'orologio" doveva essere in minuscolo.


> Attraverso la nebbia, la quale ormai dissipata viene rimpiazzata da scottanti fasci di luce.

Questa la trovo un po' complicata... cosa avviene "Attraverso la nebbia"?
Credo che così sarebbe stata più semplice e chiara:

"La nebbia si dissipa; scottanti fasci di luce la rimpiazzano."

O anche: "Scottanti fasci di luce dissipano la nebbia."


> Copro gli occhi e velocemente m'infilo il mantello ed avanzo verso Stadibrant a gran velocità.

Però, sino ad un attimo prima, era sfinito e procedeva stancamente... "con rinnovato vigore" mi sarebbe piaciuto di più.


> Quando si è fuori dalla nebbia tutto diventa così strano, osservo il sole dalle sbarre della mia cella, mentre l'odore del bruciato da fuori arriva fin qui.

Molto personale, ma dopo "strano" ci vedrei meglio un punto.

In bocca al lupo per il contest! Temo che la concorrenza sia agguerrita, ma credo che anche la tua storia saprà farsi valere. Alla prossima!