Recensioni per
Antipodi
di Rosmary

Questa storia ha ottenuto 7 recensioni.
Positive : 7
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
27/04/22, ore 12:27
Cap. 1:

Valutazione per il contest "Platonic relationship contest" indetto sul forum "Writing games – Ferisce più la penna"
Seconda classificata 


Grammatica e stile: 5/5 + 4.5/5
Niente da segnalarti da un punto di vista grammaticale. Punteggio pieno!
Per quanto riguarda lo stile, l’ho trovato molto ben equilibrato. Ho apprezzato la gestione grafica del testo, gli espedienti narrativi usati e l’effetto quasi a specchio che si viene in questo modo a creare: le strutture interne si richiamano tra loro (come i parallelismi introdotti dal trattino indipendente riguardo alla presenza ricorrente dell’azione del bere, e i dialoghi che puntualmente di due battute che puntualmente tornano, con allineamento diverso, a spezzare ed esplicitare i differenti momenti catturati). Ottimo anche l’uso delle singole parole “Ma / Se / No” che hanno un simile effetto separatore.
Insomma, il modo in cui hai padroneggiato lo spazio del testo e l’articolazione interna delle frasi, grazie anche a un uso corretto e pertinente della punteggiatura, è magistrale. L’appunto che posso farti riguarda la lunghezza eccessiva di alcuni periodi. Di per sé non crea problemi, proprio per via dell’orchestrazione di punteggiatura e struttura generale che crei, ma in un caso risulta davvero pesante nella lettura (e quindi di effetto molto depotenziato):
C’erano stati giorni, nel passato condiviso, in cui era stato pressante il desiderio di abbandonarsi alla tensione che li induceva a cercarsi a oltranza e alle fantasie che squarciavano gli incubi e all’agitazione che metteva a nudo ogni singola negazione. -> Ecco, in questo caso avrei lavorato di accetta, oppure inserito virgole necessarie.

Titolo: 1.5/2
A livello soggettivo, non sono una fan titoli di una sola parola e questo non per una semplice presa di posizione, bensì perché da un lato penso sia difficile che un’unica parola possa racchiudere il senso di una storia, dall’altro anche che una singola parola possa attirare a sufficienza e risultare originale. La parola “Antipodi” da te scelta non è una parola comune e certamente può descrivere la natura del rapporto tra Effie e Haymitch; tuttavia, nella storia è presente una sola volta, in una posizione davvero molto periferica, senza essere risaltata in alcun modo. Sembra un titolo frutto di una riflessione a posteriori, più che un titolo che sgorghi direttamente dalla storia. Ecco perché ho scelto di penalizzarti di un mezzo punto.

IC/ caratterizzazione: 10/10
È la prima volta che scrivi sul fandom, come dici tu stessa nelle note, ma sicuramente hai fatto davvero un ottimo lavoro: i personaggi sono precisamente loro, non solo negli atteggiamenti che evochi singolari che evochi, ma anche nel rapporto reciproco, ossia in come ciascuno di loro guardi e giudichi l’altro. Il fatto, poi, che un’occasione per legare sia l’alcol è un’altra occasione per rivelare l’IC, in quanto il modo in cui si abbandonano a quel vizio (e fino a che punto) è un’altra differenza che rivela le reciproche personalità. Un altro appunto molto positivo è per l’uso dei dialoghi, ho sentito le loro voci leggendo, quindi sei stata molto brava a ricreare non solo i caratteri ma anche il tone of voice.

Trama: 10/10
La trama è l’evoluzione stessa del rapporto tra Effie e Haymitch nel tempo, di come pian piano si avvicinino nonostante siano agli antipodi, riuscendo a sottolineare i momenti chiave vissuti insieme nelle vicende generali di Hunger Games, senza tralasciare nulla di significativo. Il finale è un finale netto: si arriva dopo gli eventi canonici, con uno sguardo a ciò che succederà entrambi nelle strade separate che percorreranno, ma allo stesso a una dichiarazione effettiva di cosa sarebbe potuto succedere tra loro.

Gestione del rapporto amoroso: 9/10
Il rapporto tra Haymitch e Effie è molto sentito nella sua evoluzione e nell’attrazione reciproca che provano l’uno per l’altra. Non si concretizza mai, quindi resta sicuramente platonica. Per quanto riguarda il suo aspetto di esplicità, ci pensa poi a scanso di equivoci il dialogo finale. Hanno provato qualcosa l’uno per l’altra, in fondo sapevano che era reciproco e se lo sono, alla fine, anche detti.
In questo caso però sono un po’ indecisa per quel che riguarda la questione dell’ostacolo. Il modo in cui lo hai posto tu è una questione di differenza “ontologica”: sono due persone diverse, “nati agli antipodi” e dunque, nonostante i numerosi momenti di vicinanza non si sono mai spinti oltre quei pensieri subito zittiti dall’altro (punto emblematico è questo: «Domani sera, perché non...» «Sta’ zitto, Haymitch.». Nel finale, quando le differenze sono rimosse, scelgono di restare ancorati alle loro radici e dunque sono impossibilitati a stare insieme. Tuttavia – ed è questo il motivo del mio dubbio – ciò che tutto questo spiega è perché non sia una relazione destinata a durare, perché non possono stare insieme davvero… ma non perché non possano avere un rapporto non platonico. Insomma, la differenza di appartenenza di mondi (forse specialmente alla luce del finale) non spiega da sola perché resti sempre qualcosa di platonico. Certamente ciò potrebbe dipendere da una mia visione; in ogni caso è una sottigliezza che non pesa in maniera significativa nel punteggio.

Totale: 40/42
 

Recensore Master
11/11/21, ore 19:11
Cap. 1:

Ciao, tesoro!
Appena ho visto che avevi pubblicato questa fic mi sono detta: "Devo passare il prima possibile", perchè in realtà io amo vederti sperimentare storie su nuovi fandom, lo sai XD
Effie e Haymitch sono la coppia che più ho amato di Hunger Games, forse perchè sono appunto una storia in sospeso, in qualcosa di mai nato ma che, come hai scritto tu, erano stati niente ma avrebbero potuto essere tutto, eccome (lo pensiamo in parecchi!)
Per quanto la storia sia una flashfic, cavoli, Rosmary! Li hai caratterizzato con centodieci e lode, in poche righe hai estrapolato ciò che sono, la loro affinità, i loro caratteri, la tensione, il modo in cui si avvicinano e si allontanano, si punzecchiano e sanno che non saranno niente ma il loro amore sarebbe stato tutto!
Amo la struttura delle tue flashfic, perchè ogni frase che lasci è una perla, intrisa di sentimenti, ricca, colorata, che dà vita ai personaggi. Insomma, sai incastrare le parole in un modo che rende ogni cosa intensa!
Persino il loro battibeccare sui giochi, il loro zittirsi, è pieno di altro non detto, è pieno di sentimenti. Pieno di parole in sospeso, di silenzi secchi, ma in cui avrebbero potuto dire molto altro e forse a modo loro lo fanno e lo capiscono.
Credo che il titolo di questa flashfic e il senso del loro essere agli antipodi sia davvero perfetto per loro in quanto personaggi e il loro vissuto. 
Davvero, cara, ogni volta che ti leggo mi lasci senza parole e vorrei leggere di più sui tuoi personaggi e su come li sai trattare.
Complimentissimi ancora una volta.
Un abbraccio!

Recensore Master
10/11/21, ore 10:37
Cap. 1:

Cara, ciao! ♥

devo ancora passare a lasciarti il mio commento sull'ultimo post di DA ahahahah (sono una persecuzione, lo so) ma intanto vedo di lasciare due righe qui, prima che passi troppo tempo :)
Sono felicissima di poterti leggere in questo fandom e su questa coppia, anche se una parte di me si deprime perché siamo avversarie nel contest e ovviamente la tua storia è bellissima ahahah.
Come ti avevo forse scritto nel commento al post, adoro la Haeffie! Mi è partita fortissimo la ship se non dal primo film, sicuramente dal secondo, e quando hanno inserito quel piccolo bacio di commiato alla fine della saga mi ricordo che al cinema ho tipo urlato (col mio migliore amico di fianco che faceva finta di non conoscermi deheeh.) 
Dato che poi non esistono (ancora) dei sequel, a me piace immaginare che a poco a poco entrambi siano guariti dalle ferite emotive della guerra e si siano riavvicinati, formando un'unica famiglia con Katniss e Peeta (la squadra del 12, aaw ♥)
Tuttavia anche questa tua versione che, traccia comandando, deve rimanere platonica, mi è piaciuta da morire, e sono arrivata a fine lettura con il cuoricino comunque in subbuglio.
E' una flash, ma nonostante il limite di parole, è densissima di emozioni e ci restituisce una caratterizzazione dei personaggi assolutamente perfetta. Ti invidio davvero per come hai saputo mostrare l'evoluzione del loro rapporto in così poco spazio. Se all'inizio c'era il mondo a dividerli, piano piano l'arrivo di Katniss e Peeta a contribuito ad avvicinarli, a renderli appunto quasi una famiglia. Ma ci sono a volte differenze troppo grandi da poter essere ignorate (meravigliosi gli accenni al passato di lui, che rischiava la vita mentre lei era al sicuro a Capitol, a vivere nello sfarzo, e alla situazione poi capovolta durante la Ribellione.) e quindi la felicità che avrebbe potuto esserci rimane un sogno possibile solamente in un'altra vita </3

Bello bello bello!
complimenti e anche se non ti serve, in bocca al lupo :)

Bennina

Recensore Master
08/11/21, ore 22:08
Cap. 1:

Ciao cara!
Passo un po' di volata a commentare questa tua flashfic, che ho letto a ora di pranzo ma che non potevo commentare appena letta: non avrei trovato parole, né francamente sarei riuscita a organizzare un pensiero (non che ora sia questo carnevale di Rio, se posso abbandonare un attimo le arie che mi do in favore di quest'espressione). Quindi, eccomi qui.
Faccio due osservazioni preliminari:

1) Grazie per l'esempio: partecipo anche io al contest e finora tutte le mie idee erano chiaramente fuori traccia, quindi mi hai dato un po' l'esempio di qualità cui devo ambire.

2) Con le flashfic sei una garanzia. Adoro come riesci a condensare così tanto in così poco: io, che sono naturalmente logorroica, faccio immensamente fatica e invidio sempre chi è in grado di scrivere una buona flashfic.

Detto ciò, davvero, sarò brevissima (ecco, l'ho detto, mo arriva il poema di 9000 parole): questa fanfiction mi ha fatta ritornare ai miei sedici anni, quando frequentavo assiduamente questo fandom - tornarci, è un tuffo nel passato che non mi aspettavo di dover fare, ma che è meraviglioso poter permettermi di fare.
E questa storia è un po' il lasciapassare per i miei sedici anni e, per questo, ti ringrazio per averla scritta: inizio col dirti che il concetto che muove questa flashfic, quello di antipodi, è assolutamente meravigliosamente calzante con i personaggi che hai scelto di far parlare. La vedo come un'interpretazione plausibile, assolutamente calzante con l'IC, e di una poeticità unica.
Mi piace come hai alternato frasi più descritive a dialoghi sferzanti, ancora una volta penso che ci voglia una discreta abilità per farlo e farlo bene.
Il finale è amaro, amarissimo, ma mi ha colpita moltissimo, tanto da farmi inserire questa storia tra le mie ricordate.
A volte penso di leggerti troppo poco ma, quando trovo il tempo di farlo, è sempre una riscoperta.
Grazie per questa storia, ti mando un abbraccio,
Gaia

Recensore Veterano
08/11/21, ore 15:34
Cap. 1:

Rosmary! ♥
Ma quanto sono belli Haymitch e Effie sotto la tua penna? Li hai tratteggiati con precisione già dalle primissime righe e basterebbero anche solo quelle per amare questa fic ma, quando si prosegue, ogni parola è riconducibile a loro più di quella che la precede e quindi tutte insieme rendono questa fic perfetta!  

Hai saputo rendere benissimo l’evoluzione di questo rapporto, mostrando il disgusto che provano l’uno verso l’altra in un primo momento. Haymitch che guarda Effie e non vede niente di autentico e anche la repulsione di lei nei confronti di quell’uomo sempre trascurato e sempre sbronzo.
E mentre la lettura scorre e questo rapporto cambia, il desiderio è quello di vederlo concretizzarsi! Vedere tocchi più profondi che non siano solo uno sfiorarsi in superficie, e parole più solide piuttosto che un rimandare e tacere. Invece, all’esterno, tutto resta più leggero mentre dentro questi personaggi stanno crollando tutte le sicurezze e tutti i principi che li avevano mossi fino a quel momento.  
Eppure quelle convinzioni e il mondo stesso in cui vivono hanno radici così profonde dentro loro che nonostante vedano e sentano le crepe dell’altro, non osano oltrepassare quel limite. Direi, quindi, che scrivere di una relazione platonica ti è riuscito piuttosto bene, Rosmary! Sono stata travolta da sentimenti intensi che appaiono però assurdi e irrealizzabili agli occhi dei protagonisti stessi.
Ho amato il titolo, che identifica meravigliosamente queste due persone agli antipodi e anche questo stesso rapporto, il modo in cui nasce e poi si conclude.
E quelle battute finali in cui ancora una volta si riconoscono proprio loro (la sincerità audace di Haymitch e quella saggezza ritrovata di Effie) ma in toni opposti rispetto all’inizio della flash, più morbidi.

Sei stata, come sempre, bravissima! ♥ E’ un esordio bellissimo!
E io, come sempre, felicissima di leggere ogni cosa che ti va di condividere! In bocca al lupo per il contest! ♥

Un abbraccio grande!
gabry
 

Recensore Veterano
08/11/21, ore 15:15
Cap. 1:

Ciao, Rosmary!

Ho visto il link su Facebook e non ho resistito. Ho in sospeso da tanto tempo tue raccolte - che non ho dimenticato - ma la prospettiva di vederti uscire dal fandom di Harry Potter per entrare in quello di Hunger Games è stata troppo invitante e, te lo dico subito, l'aspettativa non è stata delusa.
Mi piace che tu abbia deciso di cimentarti in uno scritto così introspettivo, in particolare con una flash. Questo ti ha permesso di inquadrare i personaggi in modo mirato e diretto, senza poter girare tanto intorno alle caratterizzazioni per far emergere qualcosa di preciso al di sotto delle maschere che indossano per nascondere la sofferenza. Sei andata dritta al punto e hai esplorato con grande acume due dei personaggi secondo me più complessi all'interno dell'opera. Si prestano alla commedia, al riso scaturito dal sarcasmo con cui spesso interagiscono tra loro e con gli altri, ma in realtà questi non sono che mezzi con cui cercano di aggirare il dolore che li scava dall'interno.
Ammiro molto il tuo dono della sintesi. Non è la prima volta che lo penso leggendo un tuo lavoro: riesci davvero a dire tantissimo in poche parole, a scegliere quelle giuste per condensare al meglio un pensiero, fino addirittura ad arrivare a presentare i tratti più caratterizzanti della personalità dei personaggi di cui scrivi. Con pochi periodi ben assestati sei stata capace di mostrare l'evoluzione intera del loro rapporto, dai pregiudizi con cui entrambi si descrivono a vicenda durante la prima fase della loro conoscenza, fino a quando riescono a spiare l'uno nelle crepe dell'altra per rendersi conto di aver commesso degli errori di valutazione.
Ho trovato molto interessante la parte centrale che ha come sfondo continuo l'alcol. Il bere in compagnia, il bere in solitudine, le linee di dialogo secche e brutali, incisive. Mi ha colpito perché di solito l'alcol viene usato come espediente per spronare i personaggi, nel bene e nel male, a fare qualcosa di inaspettato, di desiderato per più o meno tempo ma troppo "irrazionale" perché da sobri si possa sperare che facciano davvero qualcosa per raggiungere il proprio scopo. Tu, invece, hai deciso di darci una visione alternativa: nell'alcol non trovano niente al di fuori della precaria consolazione data dal confondere i ricordi (espressione bellissima, te lo dovevo dire con tutto il cuore) e di sentirsi un po' più vicini tra loro, nei loro guai, nei loro rimpianti, nei loro ambienti, senza mai avvicinarsi del tutto. Rifiutano il confronto e il contatto anche quando hanno la possibilità di lasciarsi andare e di condividere. Il paragrafo finale toglie ogni dubbio sul perché: il loro passato, le loro radici, quello che sono non per scelta ma principalmente per influenze esterne, sono tutti elementi che non possono essere cancellati così, come se non esistessero. Entrambi condividono un pensiero tanto agghiacciante quanto amaramente realistico, e cioè che forse non vale la pena fingere di essere altre persone per un solo istante di felicità, di apertura all'altro, destinato a rimanere comunque sepolto sotto il peso delle loro vite che vanno avanti e che non riescono ad incrociarsi davvero. E' per questo che lo scambio finale fa male e lascia una sensazione di vuoto: è quello che provano loro, quello che c'è dentro di loro, un rimpianto folle di qualcosa che non solo non è mai accaduto, ma che non ha neanche la possibilità di accadere.
Ti voglio anche fare i complimenti per come gestisci questi dialoghi fatti solo di parole virgolettate, senza indicazioni sul modo di essere dei personaggi mentre le pronunciano. Non so cos'è, se la scelta di parole o le frasi che precedono questi dialoghi, ma c'è qualcosa nel modo in cui li scrivi e li presenti che davvero non rende necessaria l'aggiunta di nulla. Sono parole che parlano da sole, che si lasciano ascoltare senza richiedere altro e che arrivano comunque dritte al punto. Posso vedere i personaggi reagire senza aver accesso a una descrizione. Mi sembra una capacità davvero importante che tu sai controllare in modo eccellente!
Che dire in conclusione? Ti faccio di nuovo tantissimi complimenti. Una flash carica di significato e di emozioni, ma anche di scelte stilistiche davvero curate e degne di uno sguardo introspettivo su questi due personaggi.
Ancora bravissima!

Menade Danzante

P.S.
Caspita, me ne accorgo solo ora, ma ho dimenticato una cosa importante: in bocca al lupo per il contest! ;)
(Recensione modificata il 08/11/2021 - 03:48 pm)

Recensore Master
08/11/21, ore 13:34
Cap. 1:

ROSMARYYYYYYYY! Sì, sto urlando! Urlo tantissimo! Cioè, una fic su HG! Ma come posso non urlare? E poi è su una ship stupenda! E l'introduzione già mi piace :,)
No, ancora non ho nemmeno cominciato a leggere e già fangirlo! xD
Di norma ho sempre letto storie su di lui che finivano nel comico (anche io ne ho scritte e finivano nel comico) perché Effie è... Effie! Che si può dire? Lei è lei ed è inimitabile. Ed è la comicità fatta a persona.
Ma questa flash, invece, trasuda da tutti i pori un sacco di sensazioni agrodolci e l'ho amata.
Per quanto sia soltanto una flash penso che tu sia riuscita a delineare bene i loro caratteri, Effie è un po' più in ombra rispetto a Haymitch, ma hai trattato proprio nel momento del cambiamento della nostra cara Effie, quando ha tolto il prosciutto dagli occhi - grazie alla vincita di Katniss e Peeta - quando ha cominciato a provare affetto per le persone della sua squadra, quando ha avuto paura per ciò che avrebbero dovuto ripetere.
E ha vissuto, poi, un sequestro. Alla fine del terzo libro, Katniss la vede di nuovo e la descrive con occhi vitrei, senza quella luminosità che aveva prima, quel guizzo di ingenuità dovuto al posto dov'era cresciuta, tra gli aggi e i soldi. Effie, per quanto nei libri sia poco sviluppato (ed è per questo che nei film cambiano le carte in tavolo perché tutti i fan amano Effie!), è uno di quei personaggi che ha avuto un percorso grandissimo e tu, con questa breve flash, sei riuscita a caratterizzarlo benissimo. È cambiata, è diventata più simile - vivendo ciò che ha vissuto, avendo paura di perdere i suoi vincitori, sentendo verso tutti loro affetto vero - ai vicitori stessi, si è avvicinata ai Distretti e penso che, in tempi di pace, il suo cuore sarà sempre al 12. (Chissà perché!)
Haymitch è Haymitch, anche lui, e lo vediamo anche nei libri (e dai film) comincia provare affetto verso quella donna pazza di Capitol, diventono una famiglia che si supportano a vicenda e non è per niente illogico il loro bere insieme. Il loro cercarsi. Il loro sentire, ma non andare oltre.
Io ho sempre la speranza che, prima o poi, Effie torni nel 12 e pianti le radici in modo molesto in casa di Haymitch, urlando quanto sia disordinata :,)
Tu scrivi benissimo, ma che te lo dico a fare? Ormai è una cosa appurata, per cui... ^^'
Come ti ho detto, la storia ti lascia con una sensazione agrodolce in bocca, un voler leggere di più, un voler vederli felici e sorridenti, senza parlare di se e ma. Si spera in un lietofine, in un cercarsi di braccia al fine di stringersi in un abbraccio. Invece ci lasci con l'amaro in bocca (Kattivah) ed un saluto, un addio, con un bacio mai dato. *Se fossi al cell metterei un cuore spezzato*
E niente, ora oltre a ammorbarti la vita di tanto in tanto chiedendoti se per favore scrivi ancora in Kodocha, mi toccherà fare lo stesso con questo fandom! Accidenti :P
Davvero complimenti per il tuo esordio in Hunger Games! Ed in bocca al lupo per il contest ^^
Baci
Deb