Anime & Manga > L'Attacco dei Giganti
Ricorda la storia  |      
Autore: Ellery    12/02/2019    1 recensioni
Poco dopo, il silenzio del tempio venne spaccato dal suono di una piccola orchestra, situata nelle sagrestie.
La marcia nunziale si diffuse rapidamente, mentre gli occhi dei presenti scivolavano immediatamente all段ngresso. All段nizio della navata, erano comparse due figure. Un uomo alto e dai radi capelli brizzolati porgeva il braccio alla figlia, i cui passi incerti mal si accompagnavano alla musica maestosa ed agli sguardi incuriositi.
Genere: Generale, Sentimentale, Slice of life | Stato: completa
Tipo di coppia: Het | Personaggi: Auruo Bossard, Erwin Smith, Hanji Zoe, Levi Ackerman, Petra Ral
Note: What if? | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Le spose arrivano sempre in ritardo

Note: La fanfiction partecipa a:

* Cowt9, indetto da Lande di Fandom
* Week 1, Missione 3 (Missione All Stars)
* Prompt: Cerimonia
* Parole: 1622


***


Infine, il gran giorno era arrivato. Nella caserma della Legione Esplorativa non era rimasto praticamente nessuno. La maggior parte dei soldati si era gi recata al tempio della capitale, vestita di tutto punto con le alte uniformi o completi di buona fattura.

Erano rimasti solo loro due, oltre alle sentinelle di turno.

Levi fiss la propria immagine riflessa nello specchio, sistemando nuovamente la cravatta nera attorno al colletto inamidato della camicia.
ォStai benissimo. Smettila di toccarti.サ Hanji gli porse il gilet di velluto nero e, poco dopo, una giacca del medesimo colore.

ォHo notato una piega proprio quiサ rispose, tornando a torturare i bottoni color avorio. Le mani della donna corsero ad afferrare le sue, costringendolo ad abbassarle.

ォSo di non avere alcun senso estetico, n d弾ssere particolarmente ordinata, ma fidati, sei a posto.サ

Osserv nuovamente il proprio riflesso: il completo nero era perfettamente stirato e si intonava alle scarpe lucide, dove l置nico accenno di colore era dettato dal marrone delle stringhe. I capelli scuri erano stati pettinati all段ndietro e ingellati, mentre sulle guance era comparso un leggero rossore che mal si intonava al resto della carnagione pallida. Gli occhi grigi contenevano una rara sfumatura insicura.

Non era l置nico, evidentemente, ad averla notata:

ォNon credo d誕verti mai visto cos nervoso. Nemmeno quando Mike ti ha inseguito con quel barattolo di scarafaggi morti.サ colse il ridacchiare della scienziata e si premur di regalarle un leggero sorriso.

ォDovevi proprio ricordarmelo?サ

ォS, altrimenti che ci sto a fare qui?サ

Evit di risponderle, scoccando una rapida occhiata all弛rologio da taschino abbandonato sul vicino com: era ancora presto. La cerimonia non sarebbe iniziata prima delle cinque e le lancette segnavano a malapena le tre e venti. Aveva tutto il tempo per finire di prepararsi, montare in carrozza e raggiungere la capitale.

ォNon mettermi fretta! Abbiamo un mucchio di tempo.サ ringhi poco dopo, tornando a torturare le morbide linee della giacca e dei pantaloni.


***


Hanji aveva fatto preparare un calesse, attaccandolo all置nico cavallo rimasto nelle scuderie. Il vecchio stallone, un tempo grande riproduttore e ora relegato al ruolo di mascotte del Corpo di Ricerca, era stato trascinato fuori dal box e assicurato al mezzo. In giovent, era stato uno dei destrieri pi rapidi e scattanti; era stato montato da ben cinque comandanti, quattro dei quali erano poi morti tragicamente in battaglia; Erwin, pi per scaramanzia che per necessit, gli aveva concesso un meritato prepensionamento.

Levi si accomod sul sedile, fissando nuovamente l弛rologio a cipolla: le sedici e trenta.

ォSiamo in ritardo!ュサ ringhi, mentre la sua voce veniva coperta da un pronto rimprovero:

ォNon lo saremmo, se tu non avessi voluto stirare la giacca per la quindicesima volta.サ

ォEra tutta stropicciata!サ

ォIl tuo cervello stropicciato. Ora siediti e stai calmo. Saremo l in un batter d弛cchio.サ


***


Normalmente, il percorso non sarebbe stato cos lungo da affrontare, non fosse per le condizioni di traffico intenso, scarsa visibilit e greggi di pecore intenti ad attraversare la carreggiata. Sfortuna volle che incontrarono tutti e tre.

Levi si accasci sconfortato, scuotendo il capo dopo un ulteriore controllo dell弛rologio:
ォArriveremo in ritardo.サ ripet, tornando a massacrare la povera cravatta nera.

ォNon ti preoccupare. Ce la faremo.サ Hanji gli rivolse un sorrisetto distratto ォE poi le spose arrivano sempre per ultime, non lo sai?サ

Rote gli occhi, riprendendo a spiare oltre il bordo del calesse. Un montone si era appena strusciato per bene contro la portiera, tingendola di un inquietante marroncino che profumava di sterco fresco.

ォCi ha scambiati per la sua carta igienica! Non possiamo presentarci cos al matrimonio dovremo fermarci a lavare il calesse.サ sibil, squadrando lo scorrere delle lancette ォTe l誕vevo detto di prendere l誕ltra strada! In pi c定 nebbia e traffico! C定 un sacco di traffico!サ

ォNon ho scelto io di sposarmi alle cinque del pomeriggio, quando tutti escono dal lavoro.サ

ォMa hai scelto che strada prendere!サ

ォHo detto che arriveremo in orario ti fidi o vuoi farla a piedi?サ

Torn ad accucciarsi sul sedile, incrociando le braccia al petto. Quella zuccona occhialuta! Non poteva dargli retta, almeno per una volta? Tagliare per le strade di campagna era stata davvero una pessima idea. Tanto pi che tre quarti degli abitanti del distretto sembravano aver scelto quello stesso tragitto.

ォPerch non siamo passati per il centro?サ sbott nuovamente, ricevendo in cambio una gomitata.

ォNon li leggi i cartelli, tu? ネ chiuso per lavori in corso. La deviazione consigliata era solo questa. Rilassati Levi! Ce la faremo.サ

ォVorrei avere il tuo ottimismo.サ ringhi, tornando a squadrare la scienziata poco dopo ォUn vestito pi sobrio non lo avevi, vero?サ

Hanji aveva optato per un abito a balze, di un accecante giallo. Si era infilata un vistoso fiocco tra i capelli cisposi, rifiutando perfino di truccarsi; aveva, infine, optato per delle inquietanti scarpe col tacco, comprate sicuramente in offerta alla bancarella di un ambulante.

ォScherzi? Sto benissimo.サ

ォS, per un banana party! Ti ricordo che un matrimonio e che sei la testimone della sposa!サ

ォLo so! Non mettermi ansiaサ

ォOh, quello temo sia impossibile.サ


***


Giunsero al tempio nell弾satto istante in cui la torre campanaria suonava le diciassette e trenta.

Il gregge ci aveva impiegato venti minuti per transitare, durante i quali Levi aveva completato quasi tutti i giochi de 鏑a enigmistica di Isla Paradise rinvenuta sotto al sedile. Naturalmente, l誕iuto di Hanji era stato prezioso in qualsiasi cruciverba in cui si era cimentato.

ォHanno gi cominciato?サ sussurr Levi, affrettandosi verso il corridoio centrale.

ォNon direi! Stai calmo e non correre.サ Hanji lo costrinse a rallentare il passo, prendendolo per una mano ォTe l檀o detto! Le spose arrivano sempre in ritardo.サ

Annu nuovamente, guardandosi attorno. La pianta del tempio era rettangolare: le panche, disposte nelle due navate, erano gremite di fedeli, curiosi, parenti ed amici; qualcuno era rimasto in piedi, appoggiato a delle eleganti colonne di marmo. Lungo le pareti erano appesi quadri ed arazzi, raffiguranti scene di vita sacra. L誕ltare non era altro che un massiccio cubo di marmo chiaro, dove alcuni bassorilievi ricordavano la costruzione delle mura e manifestavano la volont di Dio nel proteggere l置manit dai giganti. Poco oltre erano sistemate due sedie morbide, foderate con del raso bianco e dei nastri; lo stesso tessuto ricopriva anche i relativi inginocchiatoi.

Il Pastore li accolse con un sorriso accondiscendente, quasi volesse perdonare il loro ritardo. Li invit ad accomodarsi con un cenno; poco dopo, il silenzio del tempio venne spaccato dal suono di una piccola orchestra, situata nelle sagrestie.

La marcia nunziale si diffuse rapidamente, mentre gli occhi dei presenti scivolavano immediatamente all段ngresso. All段nizio della navata, erano comparse due figure. Un uomo alto e dai radi capelli brizzolati porgeva il braccio alla figlia, i cui passi incerti mal si accompagnavano alla musica maestosa ed agli sguardi incuriositi.

Levi la fiss ammaliato, mentre un nodo gli serrava la gola. Petra era magnifica nel vaporoso abito bianco. Un corpetto di pizzo e perline le cingeva i fianchi ed il petto, aprendosi in una morbida scollatura a cuore. La gonna a balze era contornata da un orlo dorato, intonato alle pietruzze gialle che adornavano la punta delle scarpe. Il velo era fissato da una elegante tiara di argento e cristalli e ricadeva sul viso a nascondere i dolci occhi nocciola e le guance morbide, dove un tenue sorriso aveva fatto nascere le fossette. I capelli erano intrecciati con nastri e fiori freschi, che richiamavano le essenze presenti nel bouquet, stretto tra le dita sottili e tremanti.

Era bellissima. La impaurita e timida ragazza che aveva conosciuto anni prima si era completamente dissolta; al suo posto, era sorta una donna forte, sicura di s, pronta a prendere in mano il proprio destino ed a guidarlo nel cammino che si era costruita. Prov un moto di orgoglio nel vederla cos determinata e raggiante. Lasci che un sorriso si aprisse sulle proprie labbra sottili; batt le palpebre, cercando di scacciare quella sensazione pungente alle cornee.

ォLasciati andare. Non c定 niente di male, sai?サ una voce rassicurante scese al suo orecchio, mentre la mano robusta del comandante Smith arrivava a stringere piano le sue dita.

ォIo non piango mai, Erwin.サ rispose, la voce pericolosamente incrinata ォDovresti saperlo cheサ

ォC定 sempre una prima volta; e, bench tu non lo creda, non ti giudicher nessuno.サ

ォMa Sono il soldato pi forte dell置manit!サ

ォE con questo?サ

ォPiangere da deboliサ

ォNo, affatto. ネ da deboli negare le proprie emozioni e nascondere i sentimenti per paura di essere criticati.サ una pausa e poi di nuovo quel tono caldo e rinfrancante ォSei felice per lei?サ

Mosse il capo in un cenno d誕ssenso:
ォS.サ

ォE per lui?サ

Lo sguardo grigio torn immediatamente all誕ltare, dove Auruo attendeva con le mani annodate dietro la schiena e un sorriso dipinto sul volto; le guance scavate erano solcate da abbondanti lacrime, cadute ormai sul colletto della camicia e sul bavero della giacca gessata. Recava un garofano bianco all弛cchiello, fermato da una elegante spilla argentata. Accanto a lui, un bambino dai corti capelli ramati reggeva una coppia di fedi su un morbido cuscino.

ォMolto.サ sussurr, osservando la sposa raggiungere futuro marito e sollevare delicatamente il velo leggero ォAuruo un bravo ragazzo e la ama davvero; e lei si merita qualcuno che possa renderla felice. Sapranno prendersi cura l置no dell誕ltra, ne sono certo.サ

Colse la stretta farsi un poco pi solida e il pollice scorrere lungo le proprie nocche, in una carezza leggera e discreta. Dopo un istante di silenzio incerto, la voce morbida del comandante torn a bisbigliare:
ォS, cos come io mi prender cura di te.サ

Levi sollev le iridi a quelle parole, ma Erwin non lo stava pi guardando. Teneva l誕ttenzione rivolta agli sposi, intenti a scambiarsi le promesse di matrimonio. Le labbra tuttavia, atteggiate in un morbido sorriso, recavano ancora i segni della promessa appena sussurrata.
  
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Anime & Manga > L'Attacco dei Giganti / Vai alla pagina dell'autore: Ellery