Storie originali > Introspettivo
Segui la storia  |       
Autore: ClostridiumDiff2020    15/04/2021    0 recensioni
Questa Storia Partecipa alla 365 Writing Days Challenge 2021
365 finestre...
365 storie, una raccolta di racconti, una raccolta di vite.
Ogni giorno, partendo da una parola, si aprirà una porta verso qualcosa, verso qualcuno...
Genere: Angst, Hurt/Comfort, Introspettivo | Stato: in corso
Tipo di coppia: Slash
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<    >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
105 - punto debole
 
 


 
“Perché è qua?”
Hans alzò gli occhi al cielo. “Ti prego non dirmi che gli hai detto di sì per quei due occhioni a calamita… Andiamo…”
Micaela sorrise colpevole. Non voleva dirgli di sì ma dire di no sarebbe stata una bugia immensa e lei aveva il malaugurato vizio di mostrare ogni sua emozione stampata in viso.
“Micky mi ha detto che cercavate qualcuno che potesse dar mano per i turni di notte e le ho detto che ero interessato, credo di aver le qualifiche necessarie”
Hans sollevò lo sguardo su William quando sentì la sua voce. Appoggiato alla parete a braccia conserte il corpo rilassato. Era davvero così sicuro di sé?
Hans annuì e gli chiese di sedersi nel suo ufficio.
Micaela si accorse solo quando William si chiuse le porte alle spalle dopo averle fatto un occhiolino divertito, che lei si accorse di aver trattenuto il respiro.
Micky… Era dal saluto con Cristina che non sentiva quel nomignolo. Le faceva strano… Associare Cristina a William… Le lasciava un amaro sapore in bocca. Come se potesse preannunciare un altro addio. Alla fine, Cristina se n’era andata… Non l’aveva ancora chiamata. E di sicuro anche William presto avrebbe fatto lo stesso, di certo non sarebbe rimasto si disse Micaela.
Sollevò lo sguardo e lo intravide seduto attraverso la parete a vetri dell’ufficio di Hans.
Lo intravedeva seduto rilassato, sicuro di se, lo sguardo di chi sa bene di avere molte moltissime frecce al suo arco. Cristina lo avrebbe definito un vero sbruffone, ma lo avrebbe anche adorato perché William era in grado di incantare chiunque, e non solo perché aveva grandi occhi da cucciolo. Era veramente competente, faceva parte del suo essere ormai.
Dopo un tempo che a Micaela parve interminabile William uscì con un sorriso sornione e soddisfatto facendole segno ok con la mano prima di seguire le indicazioni di Hans e allontanarsi verso gli spogliatoi.
Hans si strinse nelle sue ampie spalle e inarcò un sopracciglio, Micaela riconobbe l’espressione.
“Te l’avevo detto che era adatto”
Hans l’osservò con i suoi occhi di ghiaccio. “Non lo nego ma… Sappiamo entrambe che è qui per quei due occhioni da cucciolo… Non negarlo, sono il tuo punto debole anche con quel personaggio della tv che adori tanto… anzi… Sai che me lo ricorda non poco?”
Micaela fece spallucce e abbassò lo sguardo, ringraziando Pixie e i suoi miracoli nel rendere reale William così tanto da aver fatto apparire come per magia anche il suo fittizio passato.
Però se ripensava a quando William aveva intravisto il messaggio di Hans e le aveva chiesto di proporlo come sostituto come guardia al suo ospedale, Micaela non poteva negare a se stessa di aver esitato davanti a quei grandi occhi scuri.
“Beh spero che ci sia altro dietro quegli occhioni da gatto con gli stivali…” sbuffò Hans dandole un colpetto alla schiena.
“Non dubitarne” rispose lei senza esitare.
 
 
 
 
Day 105 - Prompt - proposta (15 aprile 2021)

 
   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Introspettivo / Vai alla pagina dell'autore: ClostridiumDiff2020